COMMEMORAZIONE DEL SINDACO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMMEMORAZIONE DEL SINDACO"

Transcript

1 COMMEMORAZIONE DEL SINDACO Oggi celebriamo la Festa delle Forze Armate e onoriamo il ricordo dei caduti di tutte le guerre; quest anno corrono cent anni dalla grande guerra, grande per l estensione del conflitto, che ha sconvolto il mondo. L aver posto ai piedi dei monumenti del nostro territorio le corone d alloro, rende onore ai nostri Concittadini, che nel pieno della loro gioventù sacrificarono la vita per difendere la nostra Patria. Patria, letteralmente terra dei Padri, dei nostri padri, che col loro sacrificio ce l hanno consegnata libera, democratica e indipendente, e questi valori devono essere per noi e per le generazioni future custoditi e difesi gelosamente, perché nulla vada disperso e nessuno sia più sopraffatto. Dobbiamo essere fedeli a questi ideali, a questi valori, ed è la fedeltà, valore universale, che unisce uomini e donne, che rafforza le società e le rende libere e partecipate; e per essere fedeli ai propri principi civili o religiosi, molti uomini e donne sono giunti anche al sacrificio estremo. Laddove c è fedeltà c è la società, c è unità d intenti, di strategie e di obiettivi, c è rispetto e attenzione per il prossimo: fedeltà nella famiglia, fulcro e radice della nostra società, senza fedeltà la famiglia si sgretola, e non ci si riconosce più nella comunità

2 fedeltà nel lavoro: la globalizzazione con i suoi nuovi modelli contrattuali, ha incenerito il senso di appartenenza che c era tra lavoratore e datore di lavoro, indipendentemente dal ruolo di ciascuno, e che si trattasse di pubblico o privato. fedeltà alle istituzioni, troppo spesso si prevaricano i diritti altrui, rivendicando una libertà che tale non è, e lo vediamo purtroppo anche nella nostra bella comunità con atti di bullismo, danneggiamenti della cosa pubblica, mancanza di rispetto per gli adulti, e insofferenza ai richiami. fedeltà negli ideali, per i quali generazioni di popoli e di giovani hanno gioito, sofferto e lottato fedeltà alla nostra religione, al nostro credo, che troppo spesso trascuriamo, timorosi di offendere coloro che hanno credo diverso In molti abbiamo giurato fedeltà alla Patria, chi per adempiere all obbligo del servizio militare, chi per incarico amministrativo ricevuto dalla propria comunità, e chi per scelta di vita ha deciso di mettersi al servizio del prossimo quale presidio per il rispetto della legge e della libertà. E allora il nostro pensiero va ai caduti di Nassiria, militari, carabinieri e civili, fedeli ai principi per i quali hanno giurato sul tricolore, caduti il 12 novembre 2003 per difendere il popolo irakeno.

3 Ai due marò Massimiliano La Torre e Salvatore Girone, fedeli agli ordini ricevuti, sono ancor oggi privati della loro libertà e dimenticati dallo Stato Italiano. Alle forze dell ordine tutte, e ai Carabinieri in particolare perché SEMPER FIDELIS, e giorno dopo giorno, con alto senso del dovere ed encomiabile fedeltà sono in prima linea per assicurare a tutti noi possibili giorni sereni. Oggi però è un giorno di dolore, abbiamo le bandiere e il gonfalone listati a lutto, vogliono esprimere la nostra solidarietà al popolo Francese; dolore e rabbia, per l incapacità nel ricercare una ragione, qualora ve ne potrà essere, per i fatti di Parigi, per il sangue di tanti innocenti vigliaccamente assassinati, da coloro che come un cancro, subdolamente si sono insinuati e si insinuano nella società occidentale, per cercare di colpirla al cuore, nel nome di un Dio che non posso credere voglia morte, disperazione e dolore. La nostra società si erge su due pilastri: la famiglia, quella vera, tra uomo e donna, capace di comporre quel tessuto sociale, fatto di relazioni, sussidio e solidarietà, che fortunatamente esiste ancora nei nostri paesi di periferia e di campagna

4 e la nostra cultura e tradizione cattolica che va oltre l essere praticante o meno, ma nella quale ci si riconosce, e per la quale i nostri padri hanno combattuto e difeso i confini nazionali. Di fronte a tanto orrore, di fronte ad una guerra che non è più combattuta al fronte, o con armi cosiddette convenzionali, ma che è strisciante e invisibile fino al manifestarsi con tutta la sua crudeltà e bestialità, non possiamo restare inermi, non possiamo chinare il capo, ma anzi dobbiamo tenere alto lo sguardo affinché il nostro passo sia sicuro. E allora non possiamo tollerare e non dobbiamo giustificare che si proibisca ad una scolaresca la visita ad una mostra perché si tratta di arte sacra; che si proibisca di tener esposto nelle scuole e negli edifici pubblici il crocefisso, o peggio non si faccia più il presepe o le recite di Natale a scuola. Tutto ciò culturalmente fa parte di noi, è il nostro patrimonio di uomini e donne liberi, evitiamo che venga disperso. Lo dobbiamo ai nostri caduti, a noi stessi e a chi verrà dopo di noi. E oggi ancor più forte deve alzarsi la nostra voce al grido: VIVA I NOSTRI CADUTI VIVA LA LIBERTA VIVA L ITALIA.

5

6

Par. 1 PROGRAMMA CERIMONIE Festività civili e religiose

Par. 1 PROGRAMMA CERIMONIE Festività civili e religiose 1 Par. 1 PROGRAMMA CERIMONIE Festività civili e religiose 27 Gennaio Giornata della Memoria 10 febbraio Giornata del ricordo 8 Marzo Festa della Donna - Manifesto 25 Aprile Anniversario Liberazione 1.

Dettagli

Autorità civili, militari e religiose; associazioni d Arma e dei combattenti e reduci, cari concittadini,

Autorità civili, militari e religiose; associazioni d Arma e dei combattenti e reduci, cari concittadini, Autorità civili, militari e religiose; associazioni d Arma e dei combattenti e reduci, cari concittadini, in occasione dell anniversario della fine delle ostilità della prima guerra mondiale sul territorio

Dettagli

Intervento del Gen. C.A. Leonardo Gallitelli Roma, 23 luglio Signor Presidente del Consiglio dei Ministri,

Intervento del Gen. C.A. Leonardo Gallitelli Roma, 23 luglio Signor Presidente del Consiglio dei Ministri, CERIMONIA DI AVVICENDAMENTO DEL COMANDANTE GENERALE DELL ARMA Roma, 23 luglio 2009 Signor Presidente del Consiglio dei Ministri, Signor Ministro della Difesa, Signor Ministro dell Interno, Signori Presidenti

Dettagli

FOCUS DIFESA file-di-lavoro_id-5/2016.indd 5 19/12/16 12:48

FOCUS DIFESA file-di-lavoro_id-5/2016.indd 5 19/12/16 12:48 file-di-lavoro_id-5/2016.indd 4 19/12/16 12:48 FOCUS DIFESA file-di-lavoro_id-5/2016.indd 5 19/12/16 12:48 Il 4 novembre è la data dell entrata in vigore dell armistizio di Villa Giusti, che pose fine

Dettagli

Presidente del Consiglio

Presidente del Consiglio Presidente del Consiglio Consiglio provinciale 31 maggio 2007 Costituzione Italiana 1947-2007 Cari ospiti e cari colleghi, per questo Consiglio monotematico sulla Costituzione Italiana, credo sia opportuno

Dettagli

LA FESTA DEL 4 NOVEMBRE. (classe I sez. A Scuola Media Appignano)

LA FESTA DEL 4 NOVEMBRE. (classe I sez. A Scuola Media Appignano) LA FESTA DEL 4 NOVEMBRE (classe I sez. A Scuola Media Appignano) La festa del 4 Novembre commemora il giorno in cui, nel 1918, avvenne la firma dell armistizio con l Austria e in pratica la fine della

Dettagli

Quel Dio in cui non credo

Quel Dio in cui non credo Quel Dio in cui non credo Lettera aperta al Ministro Ignazio La Russa 12 novembre 2009 Signor Ministro Ignazio La Russa, ho avuto modo di ascoltare in questi giorni il suo intervento dello scorso 4 novembre,

Dettagli

CELEBRAZIONE DELLA FESTA DELL UNITA NAZIONALE GIORNATA DELLE FORZE ARMATE 97 ANNIVERSARIO DELLA VITTORIA Domenica 8 Novembre 2015

CELEBRAZIONE DELLA FESTA DELL UNITA NAZIONALE GIORNATA DELLE FORZE ARMATE 97 ANNIVERSARIO DELLA VITTORIA Domenica 8 Novembre 2015 CELEBRAZIONE DELLA FESTA DELL UNITA NAZIONALE GIORNATA DELLE FORZE ARMATE 97 ANNIVERSARIO DELLA VITTORIA Domenica 8 Novembre 2015 P R O G R A M M A ore 10.00 Ritrovo per formazione corteo presso il Cimitero

Dettagli

DI DISPORRE per l occasione l acquisto di: - n. 1 corona di alloro (per commemorare i caduti di tutte le guerre); - n. 1 corona di fiori (da deporre

DI DISPORRE per l occasione l acquisto di: - n. 1 corona di alloro (per commemorare i caduti di tutte le guerre); - n. 1 corona di fiori (da deporre LA GIUNTA PREMESSO che nei giorni 2 e 4 novembre pp.vv. ricorrono la Commemorazione dei defunti e la Giornata delle Forze Armate ; CONSIDERATO che: - in occasione del 2 novembre una corona di fiori verrà

Dettagli

Costituzione e sovranità del popolo

Costituzione e sovranità del popolo Costituzione e sovranità del popolo Comune di Ferrara, Sala del Consiglio - 15 settembre 2017 Chiara Bergonzini - Università di Ferrara chiara.bergonzini@unife.it sovranità? Primo: ripulire il linguaggio

Dettagli

Omelia Messa Capodanno 2016

Omelia Messa Capodanno 2016 Omelia Messa Capodanno 2016 1. Buon Anno! Carissimi figli, celebriamo un mistero grande: Dio ha scelto di assumere un corpo, di entrare nella storia umana, prendendo la nostra carne. Si è fatto piccolo

Dettagli

Chi vive il mare, come lo vive l Ammiraglio De Giorgi, sa che l incarico che l attende, insieme a tante soddisfazioni, nasconde anche tante insidie. M

Chi vive il mare, come lo vive l Ammiraglio De Giorgi, sa che l incarico che l attende, insieme a tante soddisfazioni, nasconde anche tante insidie. M INTERVENTO DEL MINISTRO DELLA DIFESA GIAMPAOLO DI PAOLA IN OCCASIONE DELL AVVICENDAMENTO DEL CAPO DI STATO MAGGIORE DELLA MARINA (Roma, 28 gennaio 2013) Onorevoli membri del Parlamento, rappresentanti

Dettagli

(From the left in the photo) H.E. Msgr. Gianfranco Ravasi and Msgr. Renzo Giuliano, Rector of the Basilica. (Da sinistra nella foto) S.E. Rev.

(From the left in the photo) H.E. Msgr. Gianfranco Ravasi and Msgr. Renzo Giuliano, Rector of the Basilica. (Da sinistra nella foto) S.E. Rev. 198 (From the left in the photo) H.E. Msgr. Gianfranco Ravasi and Msgr. Renzo Giuliano, Rector of the Basilica. (Da sinistra nella foto) S.E. Rev.ma Mons. Gianfranco Ravasi e Mons. Renzo Giuliano, Rettore

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 1492 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore MANFREDI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 17 OTTOBRE 1996 Riconoscimento

Dettagli

Egregio Presidente di Proloco Magenta,

Egregio Presidente di Proloco Magenta, 1 CONSULAT GENERAL DE FRANCE A MILAN Commemorazione della battaglia di Magenta Domenica 5 giugno 2016 Egregio Sindaco, Autorità civili e militari, Egregio Presidente di Proloco Magenta, Cari amici di Magenta,

Dettagli

INTERVENTO PER IL 98 ANNIVERSARIO DELLA FINE DEL PRIMO CONFLITTO MONDIALE FESTA DELLE FORZE ARMATE 04/06 NOVEMBRE 2016.

INTERVENTO PER IL 98 ANNIVERSARIO DELLA FINE DEL PRIMO CONFLITTO MONDIALE FESTA DELLE FORZE ARMATE 04/06 NOVEMBRE 2016. INTERVENTO PER IL 98 ANNIVERSARIO DELLA FINE DEL PRIMO CONFLITTO MONDIALE FESTA DELLE FORZE ARMATE 04/06 NOVEMBRE 2016. Carissimi concittadini, autorità civili, militari e di polizia. Rappresentanti delle

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO

CONVENZIONE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO CONVENZIONE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO I nostri diritti, le nostre libertà 15 articoli chiave illustrati su delle T-shirt I nostri Diritti, le nostre Libertà I diritti umani appartengono a tutti: uomini,

Dettagli

COMUNE DI BORGOLAVEZZARO Provincia di Novara REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLE BANDIERE ED INSEGNE DISTINTIVE

COMUNE DI BORGOLAVEZZARO Provincia di Novara REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLE BANDIERE ED INSEGNE DISTINTIVE COMUNE DI BORGOLAVEZZARO Provincia di Novara REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLE BANDIERE ED INSEGNE DISTINTIVE - Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 4 del 06.04.2011, esecutiva

Dettagli

INTERVENTO DEL MINISTRO DELLA DIFESA ON. MARIO MAURO IN OCCASIONE DELLA CONSEGNA DELLE DECORAZIONI DELL ORDINE MILITARE D ITALIA

INTERVENTO DEL MINISTRO DELLA DIFESA ON. MARIO MAURO IN OCCASIONE DELLA CONSEGNA DELLE DECORAZIONI DELL ORDINE MILITARE D ITALIA INTERVENTO DEL MINISTRO DELLA DIFESA ON. MARIO MAURO IN OCCASIONE DELLA CONSEGNA DELLE DECORAZIONI DELL ORDINE MILITARE D ITALIA (Roma, 4 novembre 2013) Signor Presidente della Repubblica, desidero porgerle

Dettagli

Il periodo di preparazione per il Secondo Avvento del Messia fu il periodo di 400 anni che va dalla Riforma Protestante nel 1517 alla fine della

Il periodo di preparazione per il Secondo Avvento del Messia fu il periodo di 400 anni che va dalla Riforma Protestante nel 1517 alla fine della Il periodo di preparazione per il Secondo Avvento del Messia fu il periodo di 400 anni che va dalla Riforma Protestante nel 1517 alla fine della prima guerra mondiale nel 1918. Dal punto di vista della

Dettagli

COMUNE DI SANT ANTONIO ABATE PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI SANT ANTONIO ABATE PROVINCIA DI NAPOLI COMUNE DI SANT ANTONIO ABATE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO PER LA RAPPRESENTANZA DEL COMUNE CON GONFALONE CIVICO ED ESPOSIZIONE BANDIERA EUROPEA, NAZIONALE E COMUNALE Arti Contenuto del regolamento Il

Dettagli

Movimento Cristiano Lavoratori. Lavorare di domenica migliora la vita?

Movimento Cristiano Lavoratori. Lavorare di domenica migliora la vita? Movimento Cristiano Lavoratori Lavorare di domenica migliora la vita? Il fatto Oggi, sempre più spesso ai lavoratori vengono richieste prestazioni lavorative in giorno domenicale, anche se ciò non è dovuto

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1526 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore MARINI Giulio COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 24 APRILE 2007 Riconoscimento in favore dei partecipanti alla seconda

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola dell'infanzia

Programmazione Didattica Scuola dell'infanzia Programmazione Didattica Scuola dell'infanzia Istitituti Comprensivi 15 e 17 di Bologna a.s. 2015-2016 Ins. Cice Maria Rosa Le attività in ordine all insegnamento della Religione Cattolica, per coloro

Dettagli

Incontro tra i ragazzi della Scuola Media n.3 di Malbork e i ragazzi della città gemellata di Offagna

Incontro tra i ragazzi della Scuola Media n.3 di Malbork e i ragazzi della città gemellata di Offagna Incontro tra i ragazzi della Scuola Media n.3 di Malbork e i ragazzi della città gemellata di Offagna Dopo aver firmato nel 2014 l'accordo di parternariato tra Offagna e Malbork, i ragazzi dalla Scuola

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELL USO DELLE BANDIERE, DEL GONFALONE E DELLO STEMMA DEL COMUNE DI LARCIANO

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELL USO DELLE BANDIERE, DEL GONFALONE E DELLO STEMMA DEL COMUNE DI LARCIANO REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELL USO DELLE BANDIERE, DEL GONFALONE E DELLO STEMMA DEL COMUNE DI LARCIANO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 18/12/2015 1/7 Art.1 Oggetto del Regolamento.

Dettagli

I DIRITTI FONDAMENTALI

I DIRITTI FONDAMENTALI I DIRITTI FONDAMENTALI Le libertà fondamentali nello stato moderno Soggetti di diritto e situazioni giuridiche soggettive Cittadinanza e condizione giuridica dello straniero Diritti inviolabili e doveri

Dettagli

24 marzo 2010 Il ricordo dei martiri delle Fosse Ardeatine

24 marzo 2010 Il ricordo dei martiri delle Fosse Ardeatine 800 studenti delle scuole romane con il capo dello Stato alla celebrazione delle 66esimo anniversario dell'eccidio nazista che costò la vita a 335 persone. 24 marzo 2010 Il ricordo dei martiri delle Fosse

Dettagli

COMUNE DI LODI. comportamenti quotidiani rispettosi delle regole che garantiscono i diritti di ognuno e improntati alla solidarietà reciproca.

COMUNE DI LODI. comportamenti quotidiani rispettosi delle regole che garantiscono i diritti di ognuno e improntati alla solidarietà reciproca. Autorità civili, militari e religiose; associazioni d Arma e dei combattenti e reduci; cari concittadini; ragazzi e ragazze delle scuole di Lodi, oggi celebriamo l Unità d Italia, ricordando i caduti che

Dettagli

CHIESA del SACRARIO DI REDIPUGLIA. 3 settembre Dedicazione alla REGINA DELLA PACE

CHIESA del SACRARIO DI REDIPUGLIA. 3 settembre Dedicazione alla REGINA DELLA PACE CHIESA del SACRARIO DI REDIPUGLIA 3 settembre 2014 Dedicazione alla REGINA DELLA PACE Intervento del Consiglio Pastorale Sono la dirigente di un istituto scolastico superiore della provincia di

Dettagli

IL SACRIFICIO DELLE REGIONI ITALIANE DURANTE LA PRIMA GUERRA MONDIALE

IL SACRIFICIO DELLE REGIONI ITALIANE DURANTE LA PRIMA GUERRA MONDIALE I.I.S. G.MALAFARINA -Soverato Anno Scolastico 2014-2015 IL SACRIFICIO DELLE REGIONI ITALIANE DURANTE LA PRIMA GUERRA MONDIALE Progetto Club Lions Squillace -Cassiodoro Classe V sez. C Alunno : Mandarino

Dettagli

NAPOLI, 21 NOVEMBRE 2015: GIURANO GLI ALLIEVI DEL 228 CORSO DELLA SCUOLA MILITARE 2NUNZIATELLA. Testo e foto Raffaele Fusilli

NAPOLI, 21 NOVEMBRE 2015: GIURANO GLI ALLIEVI DEL 228 CORSO DELLA SCUOLA MILITARE 2NUNZIATELLA. Testo e foto Raffaele Fusilli NAPOLI, 21 NOVEMBRE 2015: GIURANO GLI ALLIEVI DEL 228 CORSO DELLA SCUOLA MILITARE 2NUNZIATELLA Testo e foto Raffaele Fusilli Sabato 21 u.s., in Piazza del Plebiscito ed ai piedi della collina di Pizzofalcone

Dettagli

La Dichiarazione di Ventotene

La Dichiarazione di Ventotene La Dichiarazione di Ventotene 1 INTRODUZIONE Siamo studenti francesi, tedeschi e italiani. Questa è la nostra voce. Una voce per esprimere la nostra opinione riguardo all Unione della quale siamo parte.

Dettagli

REGOLAMENTO. Comune di Follonica. per l uso dello stemma, del gonfalone, della fascia tricolore e delle bandiere

REGOLAMENTO. Comune di Follonica. per l uso dello stemma, del gonfalone, della fascia tricolore e delle bandiere Comune di Follonica per l uso dello stemma, del gonfalone, della fascia tricolore e delle bandiere Delibera Consiglio Comunale n. 100 del 22 dicembre 2006 REGOLAMENTO SOMMARIO SOMMARIO CAPO I - SCOPO DEL

Dettagli

Prefazione... 5 Introduzione... 9 CAPITOLO PRIMO LO STATO E LA RELIGIONE... 19

Prefazione... 5 Introduzione... 9 CAPITOLO PRIMO LO STATO E LA RELIGIONE... 19 La liberta religiosa_la liberta religiosa 25/05/10 12.33 Pagina 331 331 Sommario Prefazione.................................. 5 Introduzione................................ 9 CAPITOLO PRIMO LO STATO E

Dettagli

Omelia S. Messa Epifania 2016

Omelia S. Messa Epifania 2016 Omelia S. Messa Epifania 2016 1 Carissimi fratelli e sorelle, oggi noi celebriamo la decisione del Padre di chiamare ogni uomo a conoscere Cristo Gesù. L opera della divina misericordia che celebriamo

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA BOZZA N. 1307 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore CREMA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 APRILE 2002 Istituzione dell Ordine del Tricolore TIPOGRAFIA DEL SENATO

Dettagli

03 giugno giugno 2013 TERZO CENTENARIO DELLA MORTE DELL AVV. FRANCESCO MIULLI, FONDATORE DELL OSPEDALE DI ACQUAVIVA d.f.

03 giugno giugno 2013 TERZO CENTENARIO DELLA MORTE DELL AVV. FRANCESCO MIULLI, FONDATORE DELL OSPEDALE DI ACQUAVIVA d.f. Cittadino Comitato 03 giugno 1713-03 giugno 2013 TERZO CENTENARIO DELLA MORTE DELL AVV. FRANCESCO MIULLI, FONDATORE DELL OSPEDALE DI ACQUAVIVA d.f. 1 / 5 Il 03 giugno prossimo, lunedì, cade il terzo centenario

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA (I R C)

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA (I R C) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA (I R C) ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di RELIGIONE CATTOLICA (IRC) A.S. 2012/2013 L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RAPPRESENTANZA DEL COMUNE CON GONFALONE CIVICO

REGOLAMENTO PER LA RAPPRESENTANZA DEL COMUNE CON GONFALONE CIVICO 24 REGOLAMENTO PER LA RAPPRESENTANZA DEL COMUNE CON GONFALONE CIVICO ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 2/27348 P.G. NELLA SEDUTA DEL 27/01/1989 24 Art. 1 Contenuto del regolamento Il

Dettagli

30 NOVEMBRE 2011 IN PREPARAZIONE AL SANTO NATALE

30 NOVEMBRE 2011 IN PREPARAZIONE AL SANTO NATALE Il 7 agosto 2012, in occasione della visita di commiato al Comando Compagnia Carabinieri di Termini Imerese il Colonnello Pietro SALSANO ha incontrato una rappresentanza di Soci di questa Sezione. Il Colonnello

Dettagli

9 novembre 2014 Cristo Re Giornata Caritas ambrosiana

9 novembre 2014 Cristo Re Giornata Caritas ambrosiana 9 novembre 2014 Cristo Re Giornata Caritas ambrosiana 18.00 10.00 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare) Chiamati anche oggi da Gesù per celebrare il suo

Dettagli

Autorità civili, militari e religiose, rappresentanti delle associazioni combattentistiche e d arma, cari concittadini,

Autorità civili, militari e religiose, rappresentanti delle associazioni combattentistiche e d arma, cari concittadini, DISCORSO DEL SINDACO DI LODI IN OCCASIONE DEL IV NOVEMBRE 2015: COMMEMORAZIONE DEI CADUTI IN GUERRA E CELEBRAZIONE DELL UNITA NAZIONALE E DELLE FORZE ARMATE Autorità civili, militari e religiose, rappresentanti

Dettagli

I diritti umani e la democrazia. Principi planetari

I diritti umani e la democrazia. Principi planetari I diritti umani e la democrazia Principi planetari Relazione tra diritti umani e democrazia La democrazia viene influenzata da due dimensioni: a) i diritti umani b) i processi di globalizzazione. La relazione

Dettagli

COMUNE DI FARA GERA D'ADDA REGOLAMENTO

COMUNE DI FARA GERA D'ADDA REGOLAMENTO COMUNE DI FARA GERA D'ADDA REGOLAMENTO per l uso dello stemma, del gonfalone, della fascia tricolore e delle bandiere Approvato con deliberazione C.C. 32 del 24/07/2012 SOMMARIO CAPO I SCOPO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

1 di 5 13/07/ :10. Taurasi: una città dallo spirito marinaresco. Articoli recenti» Alta irpinia» Taurasi: una città dallo spirito marinaresco

1 di 5 13/07/ :10. Taurasi: una città dallo spirito marinaresco. Articoli recenti» Alta irpinia» Taurasi: una città dallo spirito marinaresco 1 di 5 13/07/2016 17:10 Home POLITICA CRONACA ATTUALITA SPORT 100 DI QUESTI GIORNI WebTv ricerca Articoli recenti» Alta irpinia» Taurasi: una città dallo spirito marinaresco Taurasi: una città dallo spirito

Dettagli

DISCIPLINA: Religione Cattolica

DISCIPLINA: Religione Cattolica CLASSE PRIMA DISCIPLINA: Religione Cattolica SCUOLA PRIMARIA COMPETENZE INDICAZIONI SINTETICA DI TEMI (CONTENUTI) O ARGOMENTI TRATTATI 1. Individuare ed esplicitare le domande di senso comuni agli uomini.

Dettagli

Evangelium vitae III Non uccidere (la legge santa di Dio) AMCI Sezione di Torino 2006

Evangelium vitae III Non uccidere (la legge santa di Dio) AMCI Sezione di Torino 2006 Evangelium vitae III Non uccidere (la legge santa di Dio) AMCI Sezione di Torino 2006 Comandamento di Dio Comandamento = mezzo per entrare nella Vita (quella vera quella eterna) => Costruire il Regno di

Dettagli

COMITATO GMT GLT DISTRETTO 108 Ia3 COORDINATORE GMT: ANTONIO ROVERE COORDINATORE GLT: VINCENZA GANCI

COMITATO GMT GLT DISTRETTO 108 Ia3 COORDINATORE GMT: ANTONIO ROVERE COORDINATORE GLT: VINCENZA GANCI COMITATO GMT GLT DISTRETTO 108 Ia3 COORDINATORE GMT: ANTONIO ROVERE COORDINATORE GLT: VINCENZA GANCI 2 IL CERIMONIALE Savona 28 Maggio 2016 Gian Costa Nino Rovere 3 Cosa è il CERIMONIALE: è il compendio

Dettagli

I simboli principali dell Unione Europea sono la bandiera, l inno e la festa.

I simboli principali dell Unione Europea sono la bandiera, l inno e la festa. I simboli principali dell Unione Europea sono la bandiera, l inno e la festa. L'inno ufficiale dell'unione europea, adottato nel 1972, è costituito da un brano del movimento finale della Nona sinfonia

Dettagli

LEGALITÀ. (Esperienza: Brainstorming) Modulo 1. La Cultura della Legalità

LEGALITÀ. (Esperienza: Brainstorming) Modulo 1. La Cultura della Legalità COSTRUIRE LEGALITÀ LEGALITÀ (Esperienza: Brainstorming) Modulo 1. La Cultura della Legalità LEGALITÀ è - Il rispetto delle leggi - Comportarsi secondo diritto Perché dobbiamo costruire la Legalità (Esperienza:

Dettagli

LETTERATURA ITALIANA:LO SCENARIO

LETTERATURA ITALIANA:LO SCENARIO LETTERATURA ITALIANA:LO SCENARIO IL CONTESTO SOCIALE CHIERICO: la figura dell intellettuale dell Alto Medioevo si identificava con quella del religioso. Infatti fino all XI sec. la cultura è nelle mani

Dettagli

Signor Presidente della Repubblica,

Signor Presidente della Repubblica, SALUTO DEL MINISTRO DELLA DIFESA ON. PROF. ANTONIO MARTINO IN OCCASIONE DEL RIENTRO DELLA BRIGATA SASSARI DALLA MISSIONE IN IRAQ Sassari, 5 febbraio 2004 Signor Presidente della Repubblica, è uno speciale

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA BAMBINI ANNI

SCUOLA DELL INFANZIA BAMBINI ANNI ISTITUTO COMPRENSIVO CASALE PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA BAMBINI 3-4 - 5 ANNI a.s. 2016 2017 INSEGNANTI: Bonea Maria Antonietta Dellomonaco Raffaela Lamendola Annarita 2 Titolo

Dettagli

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola Unità dal volto antico Le radici archeologiche dell immagine dell Italia Dialogo con il mondo della scuola Archeologia, dignità della donna e 150 anniversario dell unità d Italia: un legame antico di Filippo

Dettagli

PERCHE NEL PRESEPIO C E SEMPRE UN OCA?

PERCHE NEL PRESEPIO C E SEMPRE UN OCA? PERCHE NEL PRESEPIO C E SEMPRE UN OCA? SECONDO PERCORSO DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA «SAN GIOVANNI BOSCO» ANNO SCOLASTICO 2015/2016 MOTIVAZIONE I momenti di festa si susseguono durante tutto

Dettagli

Segreteria: ANC Palermo, Piazza degli Aragonesi, 19/A tel. fax e - mail: nuovo indirizzo mail ISPETTORATO

Segreteria: ANC Palermo, Piazza degli Aragonesi, 19/A tel. fax e - mail: nuovo indirizzo mail ISPETTORATO Segreteria: ANC Palermo, Piazza degli Aragonesi, 19/A tel. fax 091 333522 e - mail: ancispettoratosicilia@virgilio.it nuovo indirizzo mail ISPETTORATO NORME USO UNIFORME SOCIALE ANC VAI AD ANGOLO PELLEGRINO

Dettagli

CREDO IN CREDO LA PROFESSO ASPETTO DIO PADRE UN SOLO CREATORE GESU CRISTO SIGNORE SALVATORE SPIRITO SANTO VIVIFICANTE PARLATORE CHIESA

CREDO IN CREDO LA PROFESSO ASPETTO DIO PADRE UN SOLO CREATORE GESU CRISTO SIGNORE SALVATORE SPIRITO SANTO VIVIFICANTE PARLATORE CHIESA DIO PADRE UN SOLO CREATORE CREDO IN GESU CRISTO SIGNORE SALVATORE SPIRITO SANTO VIVIFICANTE PARLATORE CREDO LA CHIESA UNA CATTOLICA SANTA APOSTOLICA PROFESSO UN SOLO BATTESIMO LA RISURREZIONE DEI MORTI

Dettagli

Chiediamo ancora una volta la sua liberazione così come chiediamo quella di tutti gli Italiani rapiti e ancora oggi tenuti prigionieri.

Chiediamo ancora una volta la sua liberazione così come chiediamo quella di tutti gli Italiani rapiti e ancora oggi tenuti prigionieri. Carissimi figli di reduci e dispersi in guerra, Autorità e associazioni tutte, cari concittadine e concittadini, carissimi ragazzi e insegnanti, anche quest anno celebriamo la ''Festa dell'unità Nazionale

Dettagli

VERDE Il colore delle nostre pianure BIANCO La neve delle nostre cime ROSSO Il sangue dei caduti

VERDE Il colore delle nostre pianure BIANCO La neve delle nostre cime ROSSO Il sangue dei caduti Con la parola STATO si intende la comunità di uomini e donne che vive in un determinato territorio. Con la stessa parola si indica anche l insieme degli organi che hanno la responsabilità di stabilire

Dettagli

CONOSCO LA GUERRA IMPARO LA PACE. Borbiago di Mira VENEZIA

CONOSCO LA GUERRA IMPARO LA PACE. Borbiago di Mira VENEZIA CONOSCO LA GUERRA IMPARO LA PACE Borbiago di Mira VENEZIA EDUCARE ALLA PACE È RESPONSABILITÀ DI TUTTI LA SCUOLA HA UNA RESPONSABILITÀ SPECIALE MOTIVAZIONE L associazione reduci e combattenti di Borbiago

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESPOSIZIONE DELLE BANDIERE E PER L UTILIZZO DEL GONFALONE

REGOLAMENTO PER L ESPOSIZIONE DELLE BANDIERE E PER L UTILIZZO DEL GONFALONE REGOLAMENTO PER L ESPOSIZIONE DELLE BANDIERE E PER L UTILIZZO DEL GONFALONE Approvato con deliberazione di C.C. n. 6 del 30.03.2007 SOMMARIO PARTE I ESPOSIZIONE DELLE BANDIERE ALL ESTERNO E ALL INTERNO

Dettagli

Il senso del mistero. Gabriella A. Ferrari

Il senso del mistero. Gabriella A. Ferrari Il senso del mistero L esperienza più bella che possiamo avere è il senso del mistero. E l emozione fondamentale che accompagna la nascita dell arte autentica e della vera scienza. Colui che non la conosce,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE per l esposizione delle Bandiere e per l uso dello Stemma, del Gonfalone e della Fascia tricolore.

REGOLAMENTO COMUNALE per l esposizione delle Bandiere e per l uso dello Stemma, del Gonfalone e della Fascia tricolore. COMUNE DI BREBBIA (Provincia di Varese) REGOLAMENTO COMUNALE per l esposizione delle Bandiere e per l uso dello Stemma, del Gonfalone e della Fascia tricolore. SOMMARIO Art. DESCRIZIONE 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA PORRANEO Via Porraneo, Cardano al Campo Varese. Progettazione annuale Di Educazione religiosa

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA PORRANEO Via Porraneo, Cardano al Campo Varese. Progettazione annuale Di Educazione religiosa SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA PORRANEO Via Porraneo, 5 21010 Cardano al Campo Varese Progettazione annuale Di Educazione religiosa - Anno scolastico 2016/2017 1 TITOLO DELLA PROGETTAZIONE ANNUALE 2016/2017

Dettagli

LA COSTITUZIONE. è la legge fondamentale di uno Stato. stabilisce i PRINCIPI che devono regolare le sue attività e tutte le sue leggi.

LA COSTITUZIONE. è la legge fondamentale di uno Stato. stabilisce i PRINCIPI che devono regolare le sue attività e tutte le sue leggi. 26/04/13 1 LA COSTITUZIONE è la legge fondamentale di uno Stato stabilisce i PRINCIPI che devono regolare le sue attività e tutte le sue leggi. 26/04/13 2 E nella Costituzione di un paese che si trova

Dettagli

IL LIBRO DELL APOCALISSE LA CROCE DI CRISTO COME TRIONFO

IL LIBRO DELL APOCALISSE LA CROCE DI CRISTO COME TRIONFO IL LIBRO DELL APOCALISSE Nonostante non sia di facile comprensione ha fatto riflettere tutti noi sulla morte e risurrezione del Signore. Siamo invitati a volgere il nostro sguardo al Trono del Dio, là,

Dettagli

Sociologia. Corso di Sociologia generale

Sociologia. Corso di Sociologia generale Corso di Sociologia Gli sviluppi del positivismo in Francia: Émile Durkheim (1858 1917) Émile Durkheim (1858-1917) Alcune parole chiave: solidarietà; coscienza collettiva; volume e densità; fatto sociale;

Dettagli

COMUNE DI TERZO DI AQUILEIA Provincia di Udine

COMUNE DI TERZO DI AQUILEIA Provincia di Udine COMUNE DI TERZO DI AQUILEIA Provincia di Udine Cod. Fisc. 81001610302 Part. IVA 00524150307 tel. 0431 371127 fax 0431 379284 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA ANNO 2014 N. 23 del Reg.

Dettagli

Le regole della scuola sono molto simili alle regole della società, che sono state scritte non per dispetto ma per il nostro bene.

Le regole della scuola sono molto simili alle regole della società, che sono state scritte non per dispetto ma per il nostro bene. Le regole della scuola sono molto simili alle regole della società, che sono state scritte non per dispetto ma per il nostro bene. Se riuscissimo a rispettare tutte le regole sia in una piccola comunità

Dettagli

Egregi Colleghi, il ricordo della SHOAH, come tragedia collettiva dell Europa, ha toccato negli ultimi anni livelli sempre più alti di consapevole

Egregi Colleghi, il ricordo della SHOAH, come tragedia collettiva dell Europa, ha toccato negli ultimi anni livelli sempre più alti di consapevole Egregi Colleghi, il ricordo della SHOAH, come tragedia collettiva dell Europa, ha toccato negli ultimi anni livelli sempre più alti di consapevole partecipazione nelle Comunità nazionali che costituiscono

Dettagli

Non omnis moriar. Classi quinte Scuola primaria di Spirano a.s.2015/2016

Non omnis moriar. Classi quinte Scuola primaria di Spirano a.s.2015/2016 Non omnis moriar Classi quinte Scuola primaria di Spirano a.s.2015/2016 Il titolo che abbiamo scelto per questa mostra è Non omnis moriar, cioè Non morirò interamente, un verso scritto dal poeta latino

Dettagli

Oggetto: 1^ Concorso IL 4 NOVEMBRE DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI APPROVAZIONE.

Oggetto: 1^ Concorso IL 4 NOVEMBRE DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI APPROVAZIONE. C o m u n e d i M a r t i g n a n o P r o v i n c i a d i L e c c e ------------------------------------------ Copia di deliberazione della Giunta Comunale n. 68 del 21/10/2016 Oggetto: 1^ Concorso IL

Dettagli

Convento-Parrocchia Santa Maria delle Grazie - Squinzano-

Convento-Parrocchia Santa Maria delle Grazie - Squinzano- Convento-Parrocchia Santa Maria delle Grazie - Squinzano- . IL COMANDAMENTO DELL AMORE Ama il Signore Dio tuo con tutto il cuore, con tutta la mente, con tutta la forza. Ama il prossimo tuo come te stesso.

Dettagli

Nelson Mandela AVANZAMENTO MANUALE

Nelson Mandela AVANZAMENTO MANUALE Nelson Mandela AVANZAMENTO MANUALE Nelson Rolihlahla Mandela nato il 18 luglio 1918 è un politico sudafricano, primo presidente a essere eletto dopo la fine dell'apartheid nel suo Paese e premio Nobel

Dettagli

Docente: Prof./ssa Enrica Canaccini

Docente: Prof./ssa Enrica Canaccini ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERI PROGRAMMA di Religione Cattolica MODULO N. TITOLO : La libertà responsabile e la ricerca di Dio nelle religioni Docente: Prof./ssa Enrica Canaccini A.S. 05/06 - Classe

Dettagli

U.d.A. RELIGIONE CATTOLICA

U.d.A. RELIGIONE CATTOLICA U.d.A. 1, 2, 3, 4, 5, CLASSE PRIMARIA "G. Calò" - "Marinaio d'italia" A. sc. 2016/2017 Le insegnanti: Blasi Giovanna Rebecca Cagnazzo Luigina Lamendola Anna Rita AMICO MONDO CLASSI PRIMA PRIMARIA Ottobre

Dettagli

ROSARIO DEI RAGAZZI MISSIONARI

ROSARIO DEI RAGAZZI MISSIONARI ROSARIO DEI RAGAZZI MISSIONARI CANTO: SANTA MARIA DEL CAMMINO PREGHIERA INIZIALE: Come Maria percorriamo le strade del mondo. Come Maria portiamo Gesù che è il pane di vita; Con la fede di Maria affidiamo

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

PROVINCIA DI CAGLIARI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE PROVINCIA DI CAGLIARI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 2 0 0 Del 22 ottobre 2014 OGGETTO Celebrazione della ricorrenza del 4 Novembre 2014 - Approvazione programma. L'anno 2014 ( Duemilaquattordici)

Dettagli

AZIENDE E DIPENDENTI STRANIERI: IL QUADRO NORMATIVO E LA PIU RECENTE GIURISPRUDENZA Sergio Barozzi e Alessandra Rovescalli

AZIENDE E DIPENDENTI STRANIERI: IL QUADRO NORMATIVO E LA PIU RECENTE GIURISPRUDENZA Sergio Barozzi e Alessandra Rovescalli AZIENDE E DIPENDENTI STRANIERI: IL QUADRO NORMATIVO E LA PIU RECENTE GIURISPRUDENZA Sergio Barozzi e Alessandra Rovescalli GLI STRANIERI IN ITALIA: ALCUNI DATI STATISTICI Gli stranieri residenti in Italia

Dettagli

MODULO III CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO III CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO III La Costituzione Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

Credere (aver fede) in un Dio o in più dei, (da cui politeismo/monoteismo), e in un sistema articolato di verità, denominato DOTTRINA

Credere (aver fede) in un Dio o in più dei, (da cui politeismo/monoteismo), e in un sistema articolato di verità, denominato DOTTRINA Religione è Credere (aver fede) in un Dio o in più dei, (da cui politeismo/monoteismo), e in un sistema articolato di verità, denominato DOTTRINA Insieme di ATTI di CULTO (preghiere, riti, celebrazioni,

Dettagli

CERIMONIA DI AVVICENDAMENTO NELLA CARICA DI CAPO DI STATO MAGGIORE DELLA MARINA. Intervento del. Generale Biagio ABRATE

CERIMONIA DI AVVICENDAMENTO NELLA CARICA DI CAPO DI STATO MAGGIORE DELLA MARINA. Intervento del. Generale Biagio ABRATE CERIMONIA DI AVVICENDAMENTO NELLA CARICA DI CAPO DI STATO MAGGIORE DELLA MARINA Intervento del Generale Biagio ABRATE Capo di Stato Maggiore della Difesa Roma Palazzo Marina, 28 gennaio 2013 1 Signor Ministro

Dettagli

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO PER L ESPOSIZIONE DELLE BANDIERE E DEL GONFALONE COMUNALE

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO PER L ESPOSIZIONE DELLE BANDIERE E DEL GONFALONE COMUNALE REGOLAMENTO PER L ESPOSIZIONE DELLE BANDIERE E DEL GONFALONE COMUNALE Dicembre 2005 Indice TITOLO I BANDIERA DELLA REPUBBLICA, DELL UNIONE EUROPEA, DELLA REGIONE PIEMONTE E DEL COMUNE...3 ART.1 ESPOSIZIONE

Dettagli

pieno sviluppo della persona umana e la costruzione del bene comune solo dobbiamo essere tutti noi. anzi corresponsabilità

pieno sviluppo della persona umana e la costruzione del bene comune solo dobbiamo essere tutti noi. anzi corresponsabilità Oltre il DNA «Legalità è il rispetto e la pratica delle leggi. È un'esigenza fondamentale della vita sociale per promuovere il pieno sviluppo della persona umana e la costruzione del bene comune». Sono

Dettagli

Corso di Sociologia Politica e Relazioni Internazionali. La cultura. Stefania Fragapane A.A

Corso di Sociologia Politica e Relazioni Internazionali. La cultura. Stefania Fragapane A.A Corso di Sociologia Politica e Relazioni Internazionali La cultura Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Definizione Insieme di valori, definizioni della realtà e codici di comportamento condivisi L acquisizione

Dettagli

L integrazione attraverso la conoscenza

L integrazione attraverso la conoscenza LA COSTITUZIONE I principi fondamentali TESTO I primi 12 articoli contengono i principi fondamentali su cui si basa la Costituzione Italiana. Vediamone alcuni. Art. 2 - La Repubblica riconosce e garantisce

Dettagli

L'Unione Europea tra interessi e valori

L'Unione Europea tra interessi e valori L'Unione Europea tra interessi e valori Intervento di Giorgio Tonini, presidente della Commissione Bilancio del Senato, alla Scuola di politica «Connessioni», promossa da «La Civiltà Cattolica» Roma, Senato

Dettagli

Omelia S. Messa nel 24 anniversario della morte di Salvatore Aversa e della moglie Lucia Precenzano Cattedrale di Lamezia Terme, 4 gennaio 2016

Omelia S. Messa nel 24 anniversario della morte di Salvatore Aversa e della moglie Lucia Precenzano Cattedrale di Lamezia Terme, 4 gennaio 2016 Omelia S. Messa nel 24 anniversario della morte di Salvatore Aversa e della moglie Lucia Precenzano Cattedrale di Lamezia Terme, 4 gennaio 2016 1. «Il popolo che camminava nelle tenebre vide una grande

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA COMUNALE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLA BANDIERA DELLA REPUBBLICA ITALIANA.

REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA COMUNALE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLA BANDIERA DELLA REPUBBLICA ITALIANA. COMUNE DI OZZANO DELL'EMILIA Città Metropolitana di Bologna REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA COMUNALE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLA BANDIERA DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Approvato con

Dettagli

Diario albanese Oltre le vendette. Verso il futuro

Diario albanese Oltre le vendette. Verso il futuro Diario albanese Oltre le vendette. Verso il futuro Diario albanese premessa L' albania è un paese in grande trasformazione. è come se Al suo interno coesistessero diverse Forze che tendono a contrapporsi

Dettagli

COMUNE DI VILLASPECIOSA PROVINCIA DI CAGLIARI del Prot 8703

COMUNE DI VILLASPECIOSA PROVINCIA DI CAGLIARI del Prot 8703 Prot 8703 COMUNE DI VILLASPECIOSA del 9-11-2010 Autorità civili, militari e religiose Dott. Angelo Carta, Assessore Regionale ai Trasporti della RAS, anche in rappresentanza del Presidente della Regione

Dettagli

C O M U N E D I S A N T A L U C E P R O V I N C I A D I P I S A PIAZZA RIMEMBRANZA, SANTA LUCE

C O M U N E D I S A N T A L U C E P R O V I N C I A D I P I S A PIAZZA RIMEMBRANZA, SANTA LUCE C O M U N E D I S A N T A L U C E P R O V I N C I A D I P I S A PIAZZA RIMEMBRANZA, 19-56040 SANTA LUCE Regolamento Uso della bandiera della Repubblica Italiana e di quelle dell Unione Europea, della Regione,

Dettagli

"Con le loro vite nella nostra vita".

Con le loro vite nella nostra vita. "Con le loro vite nella nostra vita". In questa frase riportata su ogni lapide, c'è il senso pieno della iniziativa che ieri pomeriggio ha avuto luogo presso il cimitero di Cassano, nel giorno del ricordo

Dettagli

2 GIUGNO 1946 REFERENDUM POPOLARE SUFFRAGIO UNIVERSALE FORMA REPUBBLICANA COSTITUZIONE REPUBBLICA ITALIANA 1 GENNAIO 1948 ASSEMBLEA COSTITUENTE

2 GIUGNO 1946 REFERENDUM POPOLARE SUFFRAGIO UNIVERSALE FORMA REPUBBLICANA COSTITUZIONE REPUBBLICA ITALIANA 1 GENNAIO 1948 ASSEMBLEA COSTITUENTE 1 2 GIUGNO 1946 REFERENDUM POPOLARE SUFFRAGIO UNIVERSALE FORMA REPUBBLICANA COSTITUZIONE REPUBBLICA ITALIANA 1 GENNAIO 1948 ASSEMBLEA COSTITUENTE 2 POPOLO COSTITUZIONE POPOLO REPUBBLICA DEMOCRAZIA 3 ART.

Dettagli

La resa a Passo Halfaya 17 gennaio 1942

La resa a Passo Halfaya 17 gennaio 1942 La resa a Passo Halfaya 17 gennaio 1942 Il 17 gennaio 1942, alle ore 9.00, il presidio dell Asse di Passo Halfaya si arrese agli Alleati, poco prima del possibile attacco finale che avrebbe dovuto a catturare

Dettagli

CERIMONIA IN ONORE DELLA DIVISIONE ACQUI

CERIMONIA IN ONORE DELLA DIVISIONE ACQUI CERIMONIA IN ONORE DELLA DIVISIONE ACQUI Venerdì 23 Settembre 2016, io, la mia classe e la 3 G abbiamo partecipato ad un'importante commemorazione sulla Divisione Acqui, organizzata dall'associazione Nazionale.

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CONOSCENZE (I SAPERI) ABILITA' (SAPER FARE) DIO E L'UOMO DI COMPETENZA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CONOSCENZE (I SAPERI) ABILITA' (SAPER FARE) DIO E L'UOMO DI COMPETENZA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Rflette su Dio Creatore e Padre. Conosce Gesù di Nazaret, L'Emmanuele "Dio con noi". Coglie l'importanza della propria crescita e del vivere insieme nell'accoglienza e

Dettagli

Il Supporto tra pari negli operatori del Soccorso. Relazione di aiuto tra colleghi

Il Supporto tra pari negli operatori del Soccorso. Relazione di aiuto tra colleghi Il Supporto tra pari negli operatori del Soccorso Relazione di aiuto tra colleghi Le esperienze formano la nostra sensibilità? (Credo proprio di si e non solo le esperienze) Il mio vissuto. Le mie esigenze.

Dettagli