SICUREZZA NEGLI EDIFICI SCOLASTICI Progetti, soluzioni, prospettive

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SICUREZZA NEGLI EDIFICI SCOLASTICI Progetti, soluzioni, prospettive"

Transcript

1 SICUREZZA NEGLI EDIFICI SCOLASTICI Progetti, soluzioni, prospettive Venerdi 27 Febbraio 2015 Ore Cascina Medici del Vascello La Venaria Reale

2 AiFOS Certificazioni AiFOS è un associazione senza scopo di lucro costituita da formatori, docenti, professionisti, consulenti, aziende e da quanti operano nel campo della formazione della sicurezza sul lavoro. L associazione, basata su principi solidaristici e di aggregazione sociale, si propone di svolgere attività di studio, ricerca e realizzazione di iniziative al fine di favorire gli scopi sociali, ponendo i risultati ottenuti a disposizione dei soci, nonché di enti pubblici e privati che operano nel settore. Ente Nazionale di formazione per i corsi sulla Sicurezza sul Lavoro Operante ope legis art. 32 D. Lgs. n. 81/2008 Agenzia Europea per la salute e la sicurezza sul lavoro (OSHA) Partner della campagna europea Regione Lombardia Albo Regionale operatori Lombardia Eccellente Decreto n /2009 Albo operatori accreditati per la formazione n. 164 ADAPT Associazione per gli Studi Internazionali e Comparati sul Diritto del lavoro e sulle Relazioni industriali Ministero dell Università e della Ricerca Anagrafe Nazionale Ricerche, prot. n. 109/496 codice 57811NYF CIIP Consulta Italiana Interassociativa per la Prevenzione Certificato Sistema di Qualità RINA Azienda Certificata ISO 9001:2008 Certificato n /08/S Socio UNI

3 Andrea Castagneri RSPP settore enti locali Corrado Guarrasi RSPP settore scuole I documenti indispensabili per la sicurezza scolastica

4 0. LA SICUREZZA SCOLASTICA: Indice 1. Le coppie di termini 2. I due organigrammi 3. I contenuti del DVR 4. I rapporti D.S. e Ente proprietario 5. Il problema della manutenzione 6. Il problema dei locali tecnici 7. Le scuole belle e sicure Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 4

5 1. LA SICUREZZA SCOLASTICA Le coppie di termini Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 5

6 LINEA DIRETTIVA DELLA SICUREZZA LINEA CONSULTIVA DELLA SICUREZZA 2. LA SICUREZZA SCOLASTICA I due organigrammi I due organigrammi della sicurezza LINEA GERARCHICA DELLA SICUREZZA soggetti destinatari di obblighi Datore di lavoro LINEA COLLABORATIVA DELLA SICUREZZA soggetti esperti che consigliano o che vengono consultati RSPP e ASPP Dirigente Medico competente Addetti emergenze (PS e Antincendio) PREPOSTO RLS Lavoratore Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 6

7 2. LA SICUREZZA SCOLASTICA I due organigrammi Organigramma Collaborativo/Consultivo I due consulenti di riferimento del D. di L. Art.29 co.1 R.S.P.P. Art sempre obbligatorio 2. è utilizzato dal D.di L. (art.33 co.3) 3. Il D.di L. fornisce info sicurezza (art.18 co.2) Addetto S.P.P. Art.31 Squadra Emergenze Art.19 Interno: - Datore di Lavoro - dipendente Esterno: - di rete - di società Nel caso delle scuole con RSPP esterno Art.32 co.10 COACH (C.S.I.) 1. Attività preventiva e protettiva 2. Intervento primo o pronto 3. Verifica di sorveglianza o di controllo - Lib. Professionista Nomina Addetti SPP Medico Competente Art non sempre obbligatorio 2. collabora al DVR con D.di L. e SPP Addetti SPP in numero adeguato e sempre presenti del D.V.R. (rintracciabilità, aggiornamento, distribuzione) Della squadra degli Addetti Emergenze Addetti S.P.P. Antincendio Evacuazione Primo Soccorso RLS Art.47 (art.25 co.1a) Art Sempre consultato da D.L. 2. Punto di riferimento per i Lavv. 3. Segnala i rischi rilevati al SPP 4. Riceve copia del DVR Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 7

8 2. LA SICUREZZA SCOLASTICA I due organigrammi Organigramma Gestionale/Gerarchico Datore di lavoro Art.18 di azienda privata di azienda pubblica presente in azienda non presente in azienda presente in azienda Dirigente Art.18 de facto con delega Art.16 culpa in eligendo culpa in vigilando spesso individuato in modo dubbio Individuazione poco chiara Deleghe poco chiare Preposto Art.19 de facto Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 8

9 2. LA SICUREZZA SCOLASTICA I due organigrammi Organigramma Collaborativo/Consultivo Organigramma Gestionale/Gerarchico Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 9

10 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR I contenuti del DVR Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 10

11 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR I contenuti del DVR Completano i contenuti del DVR: le valutazioni effettuate dal medico competente, con particolare riferimento alla sorveglianza sanitaria, qualora prevista, ed alle misure preventive e protettive ed ai relativi protocolli utilizzati Il programma di miglioramento Il piano di controllo e monitoraggio [tratto da: Documento di indirizzo per la sicurezza negli Istituti scolastici del Piemonte] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 11

12 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR Esempio di DOCUMENTI allegati al DVR A1 Verbale di consegna dell'edificio A2 Certificato di idoneità statica A3 Certificato di agibilità/usabilità A4 Planimetria edificio con indicazione di destinazione d'uso e capienza di ogni locale A5 Relazione su abbattimento delle barriere architettoniche B1 Progetto dell impianto elettrico e di terra con relative planimetrie B2 Dichiarazioni di conformità degli impianti elettrici B3 Denunce impianto di messa a terra e di protezione dalle scariche atmosferiche B4 Verifiche periodiche dei dispositivi contro le scariche atmosferiche B5 Verbali delle verifiche periodiche dell impianto di terra B6 Verbali delle verifiche periodiche dell impianto elettrico C1 Dichiarazioni di conformità degli impianti termo-idraulici C2 Verifiche periodiche ascensore/i e/o montacarichi C3 Caratteristiche degli impianti di ventilazione generale, loca-lizzata e di condizionamento D1 Elenco e planimetria della distribuzione dei presidi antincendio D2 Esame progetto antincendio approvato dai VV.F. D3 Certificato Prevenzione Incendi edificio scolastico D4 Certificato Prevenzione Incendi Centrale Termica D5 Verbali delle verifiche periodiche (controllo) dei dispositivi antincendio D6 Registro delle verifiche periodiche (sorveglianza) ai fini della prevenzione incendi E1 Elenco delle Ditte che lavorano in appalto E2 Documento Unico di Valutazione del Rischio da Interferenze F1 Registro infortuni Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 12

13 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR I fascicoli allegati al DVR: [oggetto di variazione e aggiornamenti, quelli contenenti uno o più dei seguenti documenti] Le deleghe al Datore di lavoro, ai dirigenti e ai preposti Le nomine del RSPP Le nomine del Medico competente Le designazioni addetti al SPP, all antincendio, all evacuazione e al primo soccorso Il verbale di elezione del/i RLS I verbali di riunione periodica I progetti o i disegni dei luoghi di lavoro Le descrizioni dei singoli processi lavorativi L organico della scuola con nominativi dei lavoratori e relative mansioni L elenco delle macchine e delle attrezzature [tratto da: Documento di indirizzo per la sicurezza negli Istituti scolastici del Piemonte] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 13

14 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR Le liste di controllo per la Valutazione dei rischi Le singole relazioni sulla Valutazione dei rischi per i diversi titoli e allegati al D.lgs.81/08 I questionari di consultazione e partecipazione dei lavoratori Il piano programmatico delle misure di sicurezza da attuare Il piano di controllo e monitoraggio della sicurezza Il piano delle attività di formazione e informazione I protocolli per le procedure specifiche Il piano di emergenza e/o di evacuazione Gli opuscoli divulgativi dell informazione ai lavoratori Il fascicolo delle informazioni sui rischi per le ditte appaltatrici [tratto da: Documento di indirizzo per la sicurezza negli Istituti scolastici del Piemonte] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 14

15 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR Gli attestati di partecipazione ai corsi di formazione Le schede di sicurezza dei prodotti utilizzati I manuali d uso e manutenzione delle attrezzature e delle macchine Le licenze di esercizio degli ascensori Le certificazioni, i verbali e pareri rilasciati dagli organi competenti (VVF, ASL,Comune, INAIL/ISPESL, Laboratori,) Le dichiarazioni di conformità delle ditte produttrici e/o installatrici Il piano di manutenzione dell involucro edilizio e degli impianti Il Registro degli infortuni Il registro antincendio Il verbale di consegna dei DPI (Dispositivi di Protezione Individuali) [tratto da: Documento di indirizzo per la sicurezza negli Istituti scolastici del Piemonte] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 15

16 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR Il manuale d uso e manutenzione dei DPI Le schede di intervento e di manutenzione Le schede di verifica periodica delle macchine e delle attrezzature Il protocollo del SGSL (Sistema Gestione della Sicurezza del Lavoro) ove implementato Le schede di Audit interno ove attuato e le eventuali non conformità rilevate. [tratto da: Documento di indirizzo per la sicurezza negli Istituti scolastici del Piemonte] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 16

17 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR Planimetria dell Istituto Scolastico Individuazione del Responsabile e degli Addetti al Servizio di Protezione (R-ASPP) Nomina del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Vi è riportata la destinazione d uso dell edificio e il lay-out dei locali adibiti ad attività di laboratorio, officina, uffici, aula magna, palestra, biblioteca, ecc. La designazione di queste figure viene fatta dal Datore di lavoro (Dirigente Scolastico). Presso la sede della Scuola/Istituto deve essere presente la comunicazione dell avvenuta nomina del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione. I lavoratori hanno facoltà di designare o eleggere il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza. Il verbale di elezione del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza deve essere tenuto presso la sede della Scuola/Istituto. Comunicazione a INAIL del nominativo del RLS [tratto da: Documento di indirizzo per la sicurezza negli Istituti scolastici del Piemonte] Se designato o eletto, il Dirigente scolastico deve comunicare a INAIL, via telematica, il nominativo dell RLS. L obbligo della comunicazione ricorre ad ogni nuova nomina. Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) - Intervento: Ing. PIERI Paolo Torino 17

18 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR Nomina dei Lavoratori designati alla gestione delle emergenze e del primo soccorso Nomina del Medico Competente Concessione edilizia e certificato di abitabilità dell edificio scolastico Il Datore di lavoro (Dirigente Scolastico) deve designare gli addetti alla gestione delle emergenze e del primo soccorso. Il verbale di assegnazione di tale incarico va tenuto presso la sede della Scuola/Istituto. Viene designato dal Datore di lavoro della Scuola/Istituto soltanto se previsto dalla normativa vigente (Vedi D.lgs.81/08 e smi). La comunicazione della nomina del medico competente deve essere conservata presso la sede della Scuola/Istituto. Sono documenti di pertinenza dell Ente proprietario dell edificio e sono reperibili richiedendoli all Ente stesso o al Comune in cui ha sede la Scuola/Istituto. Verificare il Certificato di abitabilità per l immobile, con particolare riferimento alla sua destinazione di utilizzo (Edificio scolastico). [tratto da: Documento di indirizzo per la sicurezza negli Istituti scolastici del Piemonte] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 18

19 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR Verbali delle riunioni Periodiche Il verbale delle riunioni periodiche che il Dirigente Scolastico, direttamente o tramite il SPP, indice almeno una volta all anno va conservato presso la sede della Scuola/Istituto. Alla riunione partecipano: il Datore di lavoro o suo rappresentante, il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, il Medico Competente (se nominato), il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza. Verbali di sopralluogo [tratto da: Documento di indirizzo per la sicurezza negli Istituti scolastici del Piemonte] Dove prevista la nomina del Medico Competente, egli ha l obbligo di visitare gli ambienti di lavoro almeno una volta all anno alla presenza del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione e del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza. Il verbale di avvenuto sopralluogo deve essere conservato presso la sede della Scuola/Istituto. Nel caso in cui in cui non ci sia l obbligo di nominare il Medico Competente, è opportuno che i sopralluoghi effettuati dal Servizio di Prevenzione e Protezione vengano formalizzati mediante relazione scritta. Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 19

20 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR Documentazione dell avvenuta attività formativa informativa Valutazione del rumore o autocertificazione Va previsto dal Datore di lavoro un programma di informazione e formazione specifico ed incentrato sui rischi relativi alla mansione ricoperta dalle figure presenti nella Scuola/Istituto; periodicamente andranno effettuati gli aggiornamenti tenendo conto anche dell introduzione di nuove macchine, attrezzature, sostanze, procedure di lavoro. Il Datore di lavoro deve anche documentare l avvenuta formazione, informazione, addestramento del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza, degli Addetti alle emergenze e al pronto soccorso e dei lavoratori. E un documento di pertinenza della Scuola/Istituto e va custodito presso la sede Certificato Prevenzione Incendi o Nulla Osta Provvisorio [tratto da: Documento di indirizzo per la sicurezza negli Istituti scolastici del Piemonte] E di pertinenza dell Ente proprietario dell edificio. Si precisa che anche nel caso di documenti di pertinenza dell Ente proprietario rimane in carico ai Dirigenti Scolastici il dovere di accertarsi della esistenza della documenta-zione e della loro acquisizione. Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 20

21 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR Piano di emergenza Registro delle verifiche dei presidi antincendio Registro Infortuni Il Piano di Emergenza è un documento di pertinenza della Scuola/Istituto e va custodito presso ciascun plesso scolastico per il quale è stato predisposto; deve contenere le procedure per la prevenzione e la lotta antincendio, per il pronto soccorso medico e per l evacuazione. Il contenuto del piano deve essere adeguato alle necessità ed alla tipologia della struttura, noto ai lavoratori e periodicamente verificato. Almeno due volte nel corso dell anno scolastico si consiglia di organizzare le prove pratiche di simulazione dell emergenza. Oltre a riportare la tipologia dei presidi antincendio e la loro ubicazione, vi si annotano anche le verifiche periodiche effettuate. Il registro va vidimato presso l ufficio SPreSAL competente per territorio e va tenuto presso la sede della Scuola/Istituto. Dichiarazione di conformità dell impianti Tecnologici [tratto da: Documento di indirizzo per la sicurezza negli Istituti scolastici del Piemonte] E un documento di pertinenza dell Ente proprieta-rio dell edificio scolastico. Si precisa che anche nel caso di documenti di pertinenza dell Ente proprie-tario rimane in carico ai Dirigenti Scolastici il dovere di accertarsi della esistenza della documentazione e della loro acquisizione. Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 21

22 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR Denuncia impianto messa a terra e denuncia di protezione dalle scariche atmosferiche Libretto di centrale termica Schede di sicurezza di sostanze e preparati Pericolosi Consegna dei Dispositivi di Protezione Individuali (DPI) Libretto/i ascensore/i o Montacarichi Sono documenti di pertinenza dell Ente proprietario dell edificio scolastico. Si precisa che anche nel caso di documenti di pertinenza dell Ente proprietario rimane in carico ai Dirigenti Scolastici il dovere di accertarsi della esistenza della documentazione e della loro acquisizione. E un documento di pertinenza dell Ente proprietario dell edificio scolastico. La normativa prevede che ogni Fornitore consegni la scheda di sicurezza dei prodotti venduti. Tale scheda deve essere compilata in lingua italiana e vanno tenute presso la sede della scuola/istituto. L eventuale consegna dei dispositivi di protezione individuali deve essere documentata. Di pertinenza dell Ente proprietario dell edificio scola-stico. Si precisa che anche nel caso di documenti di pertinenza dell Ente proprietario rimane in carico ai Dirigenti Scolastici il dovere di accertarsi della esistenza della documentazione e della loro acquisizione. [tratto da: Documento di indirizzo per la sicurezza negli Istituti scolastici del Piemonte] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 22

23 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR Dichiarazione di Conformità dei macchinari e manuale di istruzione, uso e manutenzione Libretti di apparecchiature soggette ad omologazione Le macchine acquistate dopo il 21/09/96 devono essere dotate di marcatura CE e della Dichiarazione di Conformità secondo quanto stabilito dal D.lgs. 459/96 e dal D.lgs. 17/10; devono essere inoltre disponibili le Istruzioni per l uso fornite a corredo della macchina stessa. Di pertinenza del proprietario delle apparecchiature stesse. Si precisa che anche nel caso di documenti di pertinenza dell Ente proprietario rimane in carico ai Dirigenti Scolastici il dovere di accertarsi della esistenza della documentazione e della loro acquisizione. [tratto da: Documento di indirizzo per la sicurezza negli Istituti scolastici del Piemonte] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 23

24 4. LA SICUREZZA SCOLASTICA I rapporti D.S. e Ente proprietario Eppure il dirigente scolastico è ben consapevole di aver dedicato molto tempo alla sicurezza: ha nominato un Responsabile del Servizio di Prevenzione e di Protezione, ha individuato gli addetti alle emergenze, ha predisposto insieme ai suoi collaboratori il piano di emergenza e la valutazione dei rischi; tutto questo senza dimenticarsi di richiedere all ente proprietario l invio in copia dei documenti relativi all edificio scolastico e, a sua volta, inviando le segnalazioni di non conformità risultanti dalla valutazione del rischio o dalle prove di esodo effettuate. Ma poi arriva un ispettore dell ASL e il dirigente scolastico si trova a fare i conti con una realtà pericolosa: la sicurezza dimezzata. Ammesso e concesso che siano presenti un documento di valutazione dei rischi ed un piano di emergenza di gradimento dell ispettore, cioè la mezza sicurezza a capo del datore di lavoro/dirigente scolastico, manca, o meglio è carente, l altra metà: la sicurezza di carta che deve essere prodotta e gestita dall ente proprietario. [tratto da: DIRIGERE LA SCUOLA n 11/2009 Articolo: La sicurezza dimezzata - Autore: Ing. Paolo Pieri - Torino] [tratto da: DIRIGERE LA SCUOLA n 11/2009 Articolo: La sicurezza dimezzata - Autore: Ing. Paolo Pieri - Torino] [tratto da: DIRIGERE LA SCUOLA n 11/2009 Articolo: La sicurezza dimezzata - Autore: Ing. Paolo Pieri - Torino] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 24

25 4. LA SICUREZZA SCOLASTICA I rapporti D.S. e Ente proprietario La questione non è di poco conto, in quanto la presenza di tale documentazione deve testimoniare l avvio ed il completamento da parte dell ente proprietario di un iter procedurale che partendo da autorizzazioni preventive si sviluppa attraverso l omologazione e/o collaudo degli impianti e la puntuale programmazione delle successive verifiche periodiche, fino a giungere alla consegna di un edificio certificato e sicuro. La partita della sicurezza il dirigente scolastico non deve quindi giocarsela con l ispettore dell ASL, ma con l ente pubblico. E cioè non con l arbitro che controlla il rispetto delle regole e distribuisce le sanzioni tra i partecipanti al gioco, ma bensì con il proprietario dell edificio scolastico, ovvero con l Ente che ha commissionato la costruzione dell edificio scolastico e ha il compito di gestirne la manutenzione nel tempo. [tratto da: DIRIGERE LA SCUOLA n 11/2009 Articolo: La sicurezza dimezzata - Autore: Ing. Paolo Pieri - Torino] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 25

26 4. LA SICUREZZA SCOLASTICA I rapporti D.S. e Ente proprietario Quella metà di sicurezza generalmente e diffusamente mancante alla maggior parte dei dirigenti scolastici, potrebbe essere quindi in buona parte risolta con l accesso all Anagrafe nazionale dell edilizia scolastica. Ma la sicurezza continuerà ad essere ancora dimezzata fintanto che i dirigenti scolastici ed i loro R.S.P.P. non riusciranno a creare con l Ente proprietario un rapporto di comunicazione fattiva, coronato dallo scambio reciproco di dati e informazioni relativi all edificio scolastico ed alla sicurezza relativa. [tratto da: DIRIGERE LA SCUOLA n 11/2009 Articolo: La sicurezza dimezzata - Autore: Ing. Paolo Pieri - Torino] D.Lgs.81/08, art.18, comma 3: Gli obblighi relativi agli interventi strutturali e di manutenzione necessari per assicurare, ai sensi del presente decreto legislativo, la sicurezza dei locali e degli edifici assegnati in uso a pubbliche amministrazioni o a pubblici uffici, ivi comprese le istituzioni scolastiche ed educative, restano a carico dell amministrazione tenuta, per effetto di norme o convenzioni, alla loro fornitura e manutenzione. In tale caso gli obblighi previsti dal presente decreto legislativo, relativamente ai predetti interventi, si intendono assolti, da parte dei dirigenti o funzionari preposti agli uffici interessati, con la richiesta del loro adempimento all amministrazione competente o al soggetto che ne ha l obbligo giuridico. Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 26

27 5. LA SICUREZZA SCOLASTICA Il problema della manutenzione Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 27

28 5. LA SICUREZZA SCOLASTICA Il problema della manutenzione Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 28

29 5. LA SICUREZZA SCOLASTICA Il problema della manutenzione Si possono distinguere due tipi fondamentali di manutenzione : MANUTENZIONE PREVENTIVA MANUTENZIONE CORRETTIVA La 'manutenzione preventiva' basata sulle ispezioni, intendendo per ispezione l insieme delle azioni volte a determinare e a valutare il corretto funzionamento di una entità, è realizzata quando l'edificio/gli impianti/le apparecchiature sono in esercizio, e ha come fine quello di verificare il loro regolare funzionamento (verifiche di funzionamento) sia nel loro stato ed ambiente di esercizio e sia nelle condizioni prescritte dal costruttore. La 'manutenzione correttiva' è chiamata anche 'a guasto': è la manutenzione eseguita a seguito della rilevazione di un avaria ed è volta a riportare un entità nello stato in cui essa possa eseguire una funzione richiesta. [tratto da: Dirigere la scuola n 3/14 - Valutazione dei rischi strutturali in locali non direttamente accessibili alla normale ispezione o sopralluogo di Antonietta DI MARTINO] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 29

30 6. LA SICUREZZA SCOLASTICA Il problema dei locali tecnici Nelle scuole esistono però alcuni locali, zone e aree che risultano essere non direttamente accessibili al Dirigente Scolastico e ai suoi lavoratori e che quindi non sono luoghi di lavoro: Aree\zone\locali soggetti permanentemente alla responsabilità di un altro datore di lavoro Aree\zone\locali soggetti temporaneamente alla responsabilità di un altro datore di lavoro Aree\zone\locali non utilizzati come luogo di lavoro dalla scuola e quindi non accessibili ai dipendenti, ma solo all Ente Proprietario per motivi di controllo e manutenzione [tratto da: Dirigere la scuola n 3/14 - Valutazione dei rischi strutturali in locali non direttamente accessibili alla normale ispezione o sopralluogo di Antonietta DI MARTINO] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 30

31 6. LA SICUREZZA SCOLASTICA Il problema dei locali tecnici Aree\zone\locali soggetti permanentemente alla responsabilità di un altro datore di lavoro [tratto da: Dirigere la scuola n 3/14 - Valutazione dei rischi strutturali in locali non direttamente accessibili alla normale ispezione o sopralluogo di Antonietta DI MARTINO] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 31

32 6. LA SICUREZZA SCOLASTICA Il problema dei locali tecnici Aree\zone\locali soggetti temporaneamente alla responsabilità di un altro datore di lavoro [tratto da: Dirigere la scuola n 3/14 - Valutazione dei rischi strutturali in locali non direttamente accessibili alla normale ispezione o sopralluogo di Antonietta DI MARTINO] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 32

33 6. LA SICUREZZA SCOLASTICA Il problema dei locali tecnici Aree\zone\locali non utilizzati come luogo di lavoro dalla scuola e quindi non accessibili ai dipendenti, ma solo all Ente Proprietario per motivi di controllo e manutenzione [tratto da: Dirigere la scuola n 3/14 - Valutazione dei rischi strutturali in locali non direttamente accessibili alla normale ispezione o sopralluogo di Antonietta DI MARTINO] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 33

34 6. LA SICUREZZA SCOLASTICA Il problema dei locali tecnici A seguito delle ultime sentenze della Cassazione, nelle scuole si aprono due scenari ai quali il Legislatore dovrà dare una risposta: I sopralluoghi e i controlli nei locali non direttamente accessibili (locali tecnici, intercapedini) sono compito dell Ente proprietario. Spetta al Dirigente Scolastico/Datore di Lavoro, tenuto alla valutazione del rischio, ispezionare e controllare anche i locali non direttamente accessibili, In molte occasioni le scuole e gli Uffici Scolastici Regionali hanno chiesto che il Regolamento di attuazione nelle scuole del Testo Unico sulla tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (D.Lgs 81/08), non ancora emanato, contenesse chiarimenti e approfondimenti sulle rispettive competenze e responsabilità dei due soggetti sopra richiamati. [tratto da: Dirigere la scuola n 3/14 - Valutazione dei rischi strutturali in locali non direttamente accessibili alla normale ispezione o sopralluogo di Antonietta DI MARTINO] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 34

35 7. LA SICUREZZA SCOLASTICA Le scuole belle e sicure Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 35

36 7. LA SICUREZZA SCOLASTICA Le scuole belle e sicure Sono partite le attività relative al piano governativo delle scuole belle sicure - nuove I Dirigenti Scolastici e i loro Servizi di Prevenzione e Protezione dovranno affrontare anche questo scenario con molta attenzione, in quanto il loro 'lavoro quotidiano' sarà presto turbato dal problema della eliminazione o del contenimento dei rischi interferenziali generati dalla presenza dei cantieri nelle loro scuole. Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 36

37 7. LA SICUREZZA SCOLASTICA Le scuole belle e sicure Dulcis in fundo : Cosa dice Accordo di rete per la realizzazione dell iniziativa #scuolebelle? Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 37

38 7. LA SICUREZZA SCOLASTICA Le scuole belle e sicure E ancora: Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 38

39 7. LA SICUREZZA SCOLASTICA Le scuole belle e sicure Un consiglio da RSPP di esperienza: Chiedere che il configuratore dei costi venga integrato con i costi degli oneri per la sicurezza Chiedere alla Ditta che farà l intervento un Piano Operativo di Sicurezza contestualizzato con la realtà del vs. edificio scolastico Ricordarsi che i rischi interferenziali non vanno solo individuati, ma anche valutati Ricordarsi che alle misure preventive e protettive individuate per eliminare o contenere i rischi interferenziali deve essere legato uno specifico Computo Metrico Estimativo degli oneri per la sicurezza (che non sono soggetti a ribasso) Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 39

40 7. LA SICUREZZA SCOLASTICA Le scuole belle e sicure D.S. ed RSPP, qualcuno vi ha dato un altra patata bollente da gestire : Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 40

41

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente sulla sicurezza nei cantieri Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente GLI ENTI BILATERALI DELLA PROVINCIA DI L AQUILA CASSA EDILE località san Vittorino - s.s. 80 km 9 n 61 l aquila tel.

Dettagli

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I CORSO FORMAZIONE FORMATORI Una metafora per iniziare. Quando fai piani per un anno, semina grano. Se fai piani per un decennio, pianta alberi. Se fai piani per la vita, forma ed educa le persone. Proverbio

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi 1_ Che cosa si intende per SICUREZZA in un qualsiasi luogo di lavoro? Lavorare in un ambiente in cui la probabilità che si verifichino danni (a persone o cose) sia molto bassa, se non nulla. L'obbligo

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

MODULO DI DOMANDA ANNO SCHEDA INFORMATIVA GENERALE. Denominazione o ragione sociale: N P.A.T. 1 : Matricola INPS

MODULO DI DOMANDA ANNO SCHEDA INFORMATIVA GENERALE. Denominazione o ragione sociale: N P.A.T. 1 : Matricola INPS MODULO DI DOMANDA per la riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione delle Tariffe dei premi (d.m. 12/12/2000 e s.m.i.) dopo il primo biennio di attività ANNO

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO Delibera n. 1036/10 Consiglio Direttivo 08/02/2010 GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO in APPLICAZIONE DI Codice Civile

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE Domanda per la riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione delle Tariffe dei premi (d.m. 12/12/2000 e s.m.i.) dopo il primo biennio

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I ruoli individuati dal T.U. n. 81/2008 e la delega di funzioni Sicurezza delle Costruzioni Direzione Legislazione Opere Pubbliche INDICE PARTE PRIMA

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Testo integrale commentato

Testo integrale commentato MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva De Biasio S. Croce 1299 30135 Venezia Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Presentazione Formazione Professionale

Presentazione Formazione Professionale Presentazione Formazione Professionale Adecco Training Adecco Training è la società del gruppo Adecco che si occupa di pianificare, organizzare e realizzare progetti formativi che possono coinvolgere lavoratori

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli