SICUREZZA NEGLI EDIFICI SCOLASTICI Progetti, soluzioni, prospettive

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SICUREZZA NEGLI EDIFICI SCOLASTICI Progetti, soluzioni, prospettive"

Transcript

1 SICUREZZA NEGLI EDIFICI SCOLASTICI Progetti, soluzioni, prospettive Venerdi 27 Febbraio 2015 Ore Cascina Medici del Vascello La Venaria Reale

2 AiFOS Certificazioni AiFOS è un associazione senza scopo di lucro costituita da formatori, docenti, professionisti, consulenti, aziende e da quanti operano nel campo della formazione della sicurezza sul lavoro. L associazione, basata su principi solidaristici e di aggregazione sociale, si propone di svolgere attività di studio, ricerca e realizzazione di iniziative al fine di favorire gli scopi sociali, ponendo i risultati ottenuti a disposizione dei soci, nonché di enti pubblici e privati che operano nel settore. Ente Nazionale di formazione per i corsi sulla Sicurezza sul Lavoro Operante ope legis art. 32 D. Lgs. n. 81/2008 Agenzia Europea per la salute e la sicurezza sul lavoro (OSHA) Partner della campagna europea Regione Lombardia Albo Regionale operatori Lombardia Eccellente Decreto n /2009 Albo operatori accreditati per la formazione n. 164 ADAPT Associazione per gli Studi Internazionali e Comparati sul Diritto del lavoro e sulle Relazioni industriali Ministero dell Università e della Ricerca Anagrafe Nazionale Ricerche, prot. n. 109/496 codice 57811NYF CIIP Consulta Italiana Interassociativa per la Prevenzione Certificato Sistema di Qualità RINA Azienda Certificata ISO 9001:2008 Certificato n /08/S Socio UNI

3 Andrea Castagneri RSPP settore enti locali Corrado Guarrasi RSPP settore scuole I documenti indispensabili per la sicurezza scolastica

4 0. LA SICUREZZA SCOLASTICA: Indice 1. Le coppie di termini 2. I due organigrammi 3. I contenuti del DVR 4. I rapporti D.S. e Ente proprietario 5. Il problema della manutenzione 6. Il problema dei locali tecnici 7. Le scuole belle e sicure Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 4

5 1. LA SICUREZZA SCOLASTICA Le coppie di termini Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 5

6 LINEA DIRETTIVA DELLA SICUREZZA LINEA CONSULTIVA DELLA SICUREZZA 2. LA SICUREZZA SCOLASTICA I due organigrammi I due organigrammi della sicurezza LINEA GERARCHICA DELLA SICUREZZA soggetti destinatari di obblighi Datore di lavoro LINEA COLLABORATIVA DELLA SICUREZZA soggetti esperti che consigliano o che vengono consultati RSPP e ASPP Dirigente Medico competente Addetti emergenze (PS e Antincendio) PREPOSTO RLS Lavoratore Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 6

7 2. LA SICUREZZA SCOLASTICA I due organigrammi Organigramma Collaborativo/Consultivo I due consulenti di riferimento del D. di L. Art.29 co.1 R.S.P.P. Art sempre obbligatorio 2. è utilizzato dal D.di L. (art.33 co.3) 3. Il D.di L. fornisce info sicurezza (art.18 co.2) Addetto S.P.P. Art.31 Squadra Emergenze Art.19 Interno: - Datore di Lavoro - dipendente Esterno: - di rete - di società Nel caso delle scuole con RSPP esterno Art.32 co.10 COACH (C.S.I.) 1. Attività preventiva e protettiva 2. Intervento primo o pronto 3. Verifica di sorveglianza o di controllo - Lib. Professionista Nomina Addetti SPP Medico Competente Art non sempre obbligatorio 2. collabora al DVR con D.di L. e SPP Addetti SPP in numero adeguato e sempre presenti del D.V.R. (rintracciabilità, aggiornamento, distribuzione) Della squadra degli Addetti Emergenze Addetti S.P.P. Antincendio Evacuazione Primo Soccorso RLS Art.47 (art.25 co.1a) Art Sempre consultato da D.L. 2. Punto di riferimento per i Lavv. 3. Segnala i rischi rilevati al SPP 4. Riceve copia del DVR Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 7

8 2. LA SICUREZZA SCOLASTICA I due organigrammi Organigramma Gestionale/Gerarchico Datore di lavoro Art.18 di azienda privata di azienda pubblica presente in azienda non presente in azienda presente in azienda Dirigente Art.18 de facto con delega Art.16 culpa in eligendo culpa in vigilando spesso individuato in modo dubbio Individuazione poco chiara Deleghe poco chiare Preposto Art.19 de facto Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 8

9 2. LA SICUREZZA SCOLASTICA I due organigrammi Organigramma Collaborativo/Consultivo Organigramma Gestionale/Gerarchico Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 9

10 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR I contenuti del DVR Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 10

11 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR I contenuti del DVR Completano i contenuti del DVR: le valutazioni effettuate dal medico competente, con particolare riferimento alla sorveglianza sanitaria, qualora prevista, ed alle misure preventive e protettive ed ai relativi protocolli utilizzati Il programma di miglioramento Il piano di controllo e monitoraggio [tratto da: Documento di indirizzo per la sicurezza negli Istituti scolastici del Piemonte] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 11

12 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR Esempio di DOCUMENTI allegati al DVR A1 Verbale di consegna dell'edificio A2 Certificato di idoneità statica A3 Certificato di agibilità/usabilità A4 Planimetria edificio con indicazione di destinazione d'uso e capienza di ogni locale A5 Relazione su abbattimento delle barriere architettoniche B1 Progetto dell impianto elettrico e di terra con relative planimetrie B2 Dichiarazioni di conformità degli impianti elettrici B3 Denunce impianto di messa a terra e di protezione dalle scariche atmosferiche B4 Verifiche periodiche dei dispositivi contro le scariche atmosferiche B5 Verbali delle verifiche periodiche dell impianto di terra B6 Verbali delle verifiche periodiche dell impianto elettrico C1 Dichiarazioni di conformità degli impianti termo-idraulici C2 Verifiche periodiche ascensore/i e/o montacarichi C3 Caratteristiche degli impianti di ventilazione generale, loca-lizzata e di condizionamento D1 Elenco e planimetria della distribuzione dei presidi antincendio D2 Esame progetto antincendio approvato dai VV.F. D3 Certificato Prevenzione Incendi edificio scolastico D4 Certificato Prevenzione Incendi Centrale Termica D5 Verbali delle verifiche periodiche (controllo) dei dispositivi antincendio D6 Registro delle verifiche periodiche (sorveglianza) ai fini della prevenzione incendi E1 Elenco delle Ditte che lavorano in appalto E2 Documento Unico di Valutazione del Rischio da Interferenze F1 Registro infortuni Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 12

13 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR I fascicoli allegati al DVR: [oggetto di variazione e aggiornamenti, quelli contenenti uno o più dei seguenti documenti] Le deleghe al Datore di lavoro, ai dirigenti e ai preposti Le nomine del RSPP Le nomine del Medico competente Le designazioni addetti al SPP, all antincendio, all evacuazione e al primo soccorso Il verbale di elezione del/i RLS I verbali di riunione periodica I progetti o i disegni dei luoghi di lavoro Le descrizioni dei singoli processi lavorativi L organico della scuola con nominativi dei lavoratori e relative mansioni L elenco delle macchine e delle attrezzature [tratto da: Documento di indirizzo per la sicurezza negli Istituti scolastici del Piemonte] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 13

14 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR Le liste di controllo per la Valutazione dei rischi Le singole relazioni sulla Valutazione dei rischi per i diversi titoli e allegati al D.lgs.81/08 I questionari di consultazione e partecipazione dei lavoratori Il piano programmatico delle misure di sicurezza da attuare Il piano di controllo e monitoraggio della sicurezza Il piano delle attività di formazione e informazione I protocolli per le procedure specifiche Il piano di emergenza e/o di evacuazione Gli opuscoli divulgativi dell informazione ai lavoratori Il fascicolo delle informazioni sui rischi per le ditte appaltatrici [tratto da: Documento di indirizzo per la sicurezza negli Istituti scolastici del Piemonte] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 14

15 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR Gli attestati di partecipazione ai corsi di formazione Le schede di sicurezza dei prodotti utilizzati I manuali d uso e manutenzione delle attrezzature e delle macchine Le licenze di esercizio degli ascensori Le certificazioni, i verbali e pareri rilasciati dagli organi competenti (VVF, ASL,Comune, INAIL/ISPESL, Laboratori,) Le dichiarazioni di conformità delle ditte produttrici e/o installatrici Il piano di manutenzione dell involucro edilizio e degli impianti Il Registro degli infortuni Il registro antincendio Il verbale di consegna dei DPI (Dispositivi di Protezione Individuali) [tratto da: Documento di indirizzo per la sicurezza negli Istituti scolastici del Piemonte] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 15

16 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR Il manuale d uso e manutenzione dei DPI Le schede di intervento e di manutenzione Le schede di verifica periodica delle macchine e delle attrezzature Il protocollo del SGSL (Sistema Gestione della Sicurezza del Lavoro) ove implementato Le schede di Audit interno ove attuato e le eventuali non conformità rilevate. [tratto da: Documento di indirizzo per la sicurezza negli Istituti scolastici del Piemonte] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 16

17 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR Planimetria dell Istituto Scolastico Individuazione del Responsabile e degli Addetti al Servizio di Protezione (R-ASPP) Nomina del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Vi è riportata la destinazione d uso dell edificio e il lay-out dei locali adibiti ad attività di laboratorio, officina, uffici, aula magna, palestra, biblioteca, ecc. La designazione di queste figure viene fatta dal Datore di lavoro (Dirigente Scolastico). Presso la sede della Scuola/Istituto deve essere presente la comunicazione dell avvenuta nomina del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione. I lavoratori hanno facoltà di designare o eleggere il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza. Il verbale di elezione del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza deve essere tenuto presso la sede della Scuola/Istituto. Comunicazione a INAIL del nominativo del RLS [tratto da: Documento di indirizzo per la sicurezza negli Istituti scolastici del Piemonte] Se designato o eletto, il Dirigente scolastico deve comunicare a INAIL, via telematica, il nominativo dell RLS. L obbligo della comunicazione ricorre ad ogni nuova nomina. Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) - Intervento: Ing. PIERI Paolo Torino 17

18 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR Nomina dei Lavoratori designati alla gestione delle emergenze e del primo soccorso Nomina del Medico Competente Concessione edilizia e certificato di abitabilità dell edificio scolastico Il Datore di lavoro (Dirigente Scolastico) deve designare gli addetti alla gestione delle emergenze e del primo soccorso. Il verbale di assegnazione di tale incarico va tenuto presso la sede della Scuola/Istituto. Viene designato dal Datore di lavoro della Scuola/Istituto soltanto se previsto dalla normativa vigente (Vedi D.lgs.81/08 e smi). La comunicazione della nomina del medico competente deve essere conservata presso la sede della Scuola/Istituto. Sono documenti di pertinenza dell Ente proprietario dell edificio e sono reperibili richiedendoli all Ente stesso o al Comune in cui ha sede la Scuola/Istituto. Verificare il Certificato di abitabilità per l immobile, con particolare riferimento alla sua destinazione di utilizzo (Edificio scolastico). [tratto da: Documento di indirizzo per la sicurezza negli Istituti scolastici del Piemonte] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 18

19 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR Verbali delle riunioni Periodiche Il verbale delle riunioni periodiche che il Dirigente Scolastico, direttamente o tramite il SPP, indice almeno una volta all anno va conservato presso la sede della Scuola/Istituto. Alla riunione partecipano: il Datore di lavoro o suo rappresentante, il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, il Medico Competente (se nominato), il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza. Verbali di sopralluogo [tratto da: Documento di indirizzo per la sicurezza negli Istituti scolastici del Piemonte] Dove prevista la nomina del Medico Competente, egli ha l obbligo di visitare gli ambienti di lavoro almeno una volta all anno alla presenza del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione e del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza. Il verbale di avvenuto sopralluogo deve essere conservato presso la sede della Scuola/Istituto. Nel caso in cui in cui non ci sia l obbligo di nominare il Medico Competente, è opportuno che i sopralluoghi effettuati dal Servizio di Prevenzione e Protezione vengano formalizzati mediante relazione scritta. Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 19

20 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR Documentazione dell avvenuta attività formativa informativa Valutazione del rumore o autocertificazione Va previsto dal Datore di lavoro un programma di informazione e formazione specifico ed incentrato sui rischi relativi alla mansione ricoperta dalle figure presenti nella Scuola/Istituto; periodicamente andranno effettuati gli aggiornamenti tenendo conto anche dell introduzione di nuove macchine, attrezzature, sostanze, procedure di lavoro. Il Datore di lavoro deve anche documentare l avvenuta formazione, informazione, addestramento del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza, degli Addetti alle emergenze e al pronto soccorso e dei lavoratori. E un documento di pertinenza della Scuola/Istituto e va custodito presso la sede Certificato Prevenzione Incendi o Nulla Osta Provvisorio [tratto da: Documento di indirizzo per la sicurezza negli Istituti scolastici del Piemonte] E di pertinenza dell Ente proprietario dell edificio. Si precisa che anche nel caso di documenti di pertinenza dell Ente proprietario rimane in carico ai Dirigenti Scolastici il dovere di accertarsi della esistenza della documenta-zione e della loro acquisizione. Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 20

21 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR Piano di emergenza Registro delle verifiche dei presidi antincendio Registro Infortuni Il Piano di Emergenza è un documento di pertinenza della Scuola/Istituto e va custodito presso ciascun plesso scolastico per il quale è stato predisposto; deve contenere le procedure per la prevenzione e la lotta antincendio, per il pronto soccorso medico e per l evacuazione. Il contenuto del piano deve essere adeguato alle necessità ed alla tipologia della struttura, noto ai lavoratori e periodicamente verificato. Almeno due volte nel corso dell anno scolastico si consiglia di organizzare le prove pratiche di simulazione dell emergenza. Oltre a riportare la tipologia dei presidi antincendio e la loro ubicazione, vi si annotano anche le verifiche periodiche effettuate. Il registro va vidimato presso l ufficio SPreSAL competente per territorio e va tenuto presso la sede della Scuola/Istituto. Dichiarazione di conformità dell impianti Tecnologici [tratto da: Documento di indirizzo per la sicurezza negli Istituti scolastici del Piemonte] E un documento di pertinenza dell Ente proprieta-rio dell edificio scolastico. Si precisa che anche nel caso di documenti di pertinenza dell Ente proprie-tario rimane in carico ai Dirigenti Scolastici il dovere di accertarsi della esistenza della documentazione e della loro acquisizione. Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 21

22 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR Denuncia impianto messa a terra e denuncia di protezione dalle scariche atmosferiche Libretto di centrale termica Schede di sicurezza di sostanze e preparati Pericolosi Consegna dei Dispositivi di Protezione Individuali (DPI) Libretto/i ascensore/i o Montacarichi Sono documenti di pertinenza dell Ente proprietario dell edificio scolastico. Si precisa che anche nel caso di documenti di pertinenza dell Ente proprietario rimane in carico ai Dirigenti Scolastici il dovere di accertarsi della esistenza della documentazione e della loro acquisizione. E un documento di pertinenza dell Ente proprietario dell edificio scolastico. La normativa prevede che ogni Fornitore consegni la scheda di sicurezza dei prodotti venduti. Tale scheda deve essere compilata in lingua italiana e vanno tenute presso la sede della scuola/istituto. L eventuale consegna dei dispositivi di protezione individuali deve essere documentata. Di pertinenza dell Ente proprietario dell edificio scola-stico. Si precisa che anche nel caso di documenti di pertinenza dell Ente proprietario rimane in carico ai Dirigenti Scolastici il dovere di accertarsi della esistenza della documentazione e della loro acquisizione. [tratto da: Documento di indirizzo per la sicurezza negli Istituti scolastici del Piemonte] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 22

23 3. LA SICUREZZA SCOLASTICA I contenuti del DVR Dichiarazione di Conformità dei macchinari e manuale di istruzione, uso e manutenzione Libretti di apparecchiature soggette ad omologazione Le macchine acquistate dopo il 21/09/96 devono essere dotate di marcatura CE e della Dichiarazione di Conformità secondo quanto stabilito dal D.lgs. 459/96 e dal D.lgs. 17/10; devono essere inoltre disponibili le Istruzioni per l uso fornite a corredo della macchina stessa. Di pertinenza del proprietario delle apparecchiature stesse. Si precisa che anche nel caso di documenti di pertinenza dell Ente proprietario rimane in carico ai Dirigenti Scolastici il dovere di accertarsi della esistenza della documentazione e della loro acquisizione. [tratto da: Documento di indirizzo per la sicurezza negli Istituti scolastici del Piemonte] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 23

24 4. LA SICUREZZA SCOLASTICA I rapporti D.S. e Ente proprietario Eppure il dirigente scolastico è ben consapevole di aver dedicato molto tempo alla sicurezza: ha nominato un Responsabile del Servizio di Prevenzione e di Protezione, ha individuato gli addetti alle emergenze, ha predisposto insieme ai suoi collaboratori il piano di emergenza e la valutazione dei rischi; tutto questo senza dimenticarsi di richiedere all ente proprietario l invio in copia dei documenti relativi all edificio scolastico e, a sua volta, inviando le segnalazioni di non conformità risultanti dalla valutazione del rischio o dalle prove di esodo effettuate. Ma poi arriva un ispettore dell ASL e il dirigente scolastico si trova a fare i conti con una realtà pericolosa: la sicurezza dimezzata. Ammesso e concesso che siano presenti un documento di valutazione dei rischi ed un piano di emergenza di gradimento dell ispettore, cioè la mezza sicurezza a capo del datore di lavoro/dirigente scolastico, manca, o meglio è carente, l altra metà: la sicurezza di carta che deve essere prodotta e gestita dall ente proprietario. [tratto da: DIRIGERE LA SCUOLA n 11/2009 Articolo: La sicurezza dimezzata - Autore: Ing. Paolo Pieri - Torino] [tratto da: DIRIGERE LA SCUOLA n 11/2009 Articolo: La sicurezza dimezzata - Autore: Ing. Paolo Pieri - Torino] [tratto da: DIRIGERE LA SCUOLA n 11/2009 Articolo: La sicurezza dimezzata - Autore: Ing. Paolo Pieri - Torino] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 24

25 4. LA SICUREZZA SCOLASTICA I rapporti D.S. e Ente proprietario La questione non è di poco conto, in quanto la presenza di tale documentazione deve testimoniare l avvio ed il completamento da parte dell ente proprietario di un iter procedurale che partendo da autorizzazioni preventive si sviluppa attraverso l omologazione e/o collaudo degli impianti e la puntuale programmazione delle successive verifiche periodiche, fino a giungere alla consegna di un edificio certificato e sicuro. La partita della sicurezza il dirigente scolastico non deve quindi giocarsela con l ispettore dell ASL, ma con l ente pubblico. E cioè non con l arbitro che controlla il rispetto delle regole e distribuisce le sanzioni tra i partecipanti al gioco, ma bensì con il proprietario dell edificio scolastico, ovvero con l Ente che ha commissionato la costruzione dell edificio scolastico e ha il compito di gestirne la manutenzione nel tempo. [tratto da: DIRIGERE LA SCUOLA n 11/2009 Articolo: La sicurezza dimezzata - Autore: Ing. Paolo Pieri - Torino] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 25

26 4. LA SICUREZZA SCOLASTICA I rapporti D.S. e Ente proprietario Quella metà di sicurezza generalmente e diffusamente mancante alla maggior parte dei dirigenti scolastici, potrebbe essere quindi in buona parte risolta con l accesso all Anagrafe nazionale dell edilizia scolastica. Ma la sicurezza continuerà ad essere ancora dimezzata fintanto che i dirigenti scolastici ed i loro R.S.P.P. non riusciranno a creare con l Ente proprietario un rapporto di comunicazione fattiva, coronato dallo scambio reciproco di dati e informazioni relativi all edificio scolastico ed alla sicurezza relativa. [tratto da: DIRIGERE LA SCUOLA n 11/2009 Articolo: La sicurezza dimezzata - Autore: Ing. Paolo Pieri - Torino] D.Lgs.81/08, art.18, comma 3: Gli obblighi relativi agli interventi strutturali e di manutenzione necessari per assicurare, ai sensi del presente decreto legislativo, la sicurezza dei locali e degli edifici assegnati in uso a pubbliche amministrazioni o a pubblici uffici, ivi comprese le istituzioni scolastiche ed educative, restano a carico dell amministrazione tenuta, per effetto di norme o convenzioni, alla loro fornitura e manutenzione. In tale caso gli obblighi previsti dal presente decreto legislativo, relativamente ai predetti interventi, si intendono assolti, da parte dei dirigenti o funzionari preposti agli uffici interessati, con la richiesta del loro adempimento all amministrazione competente o al soggetto che ne ha l obbligo giuridico. Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 26

27 5. LA SICUREZZA SCOLASTICA Il problema della manutenzione Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 27

28 5. LA SICUREZZA SCOLASTICA Il problema della manutenzione Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 28

29 5. LA SICUREZZA SCOLASTICA Il problema della manutenzione Si possono distinguere due tipi fondamentali di manutenzione : MANUTENZIONE PREVENTIVA MANUTENZIONE CORRETTIVA La 'manutenzione preventiva' basata sulle ispezioni, intendendo per ispezione l insieme delle azioni volte a determinare e a valutare il corretto funzionamento di una entità, è realizzata quando l'edificio/gli impianti/le apparecchiature sono in esercizio, e ha come fine quello di verificare il loro regolare funzionamento (verifiche di funzionamento) sia nel loro stato ed ambiente di esercizio e sia nelle condizioni prescritte dal costruttore. La 'manutenzione correttiva' è chiamata anche 'a guasto': è la manutenzione eseguita a seguito della rilevazione di un avaria ed è volta a riportare un entità nello stato in cui essa possa eseguire una funzione richiesta. [tratto da: Dirigere la scuola n 3/14 - Valutazione dei rischi strutturali in locali non direttamente accessibili alla normale ispezione o sopralluogo di Antonietta DI MARTINO] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 29

30 6. LA SICUREZZA SCOLASTICA Il problema dei locali tecnici Nelle scuole esistono però alcuni locali, zone e aree che risultano essere non direttamente accessibili al Dirigente Scolastico e ai suoi lavoratori e che quindi non sono luoghi di lavoro: Aree\zone\locali soggetti permanentemente alla responsabilità di un altro datore di lavoro Aree\zone\locali soggetti temporaneamente alla responsabilità di un altro datore di lavoro Aree\zone\locali non utilizzati come luogo di lavoro dalla scuola e quindi non accessibili ai dipendenti, ma solo all Ente Proprietario per motivi di controllo e manutenzione [tratto da: Dirigere la scuola n 3/14 - Valutazione dei rischi strutturali in locali non direttamente accessibili alla normale ispezione o sopralluogo di Antonietta DI MARTINO] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 30

31 6. LA SICUREZZA SCOLASTICA Il problema dei locali tecnici Aree\zone\locali soggetti permanentemente alla responsabilità di un altro datore di lavoro [tratto da: Dirigere la scuola n 3/14 - Valutazione dei rischi strutturali in locali non direttamente accessibili alla normale ispezione o sopralluogo di Antonietta DI MARTINO] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 31

32 6. LA SICUREZZA SCOLASTICA Il problema dei locali tecnici Aree\zone\locali soggetti temporaneamente alla responsabilità di un altro datore di lavoro [tratto da: Dirigere la scuola n 3/14 - Valutazione dei rischi strutturali in locali non direttamente accessibili alla normale ispezione o sopralluogo di Antonietta DI MARTINO] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 32

33 6. LA SICUREZZA SCOLASTICA Il problema dei locali tecnici Aree\zone\locali non utilizzati come luogo di lavoro dalla scuola e quindi non accessibili ai dipendenti, ma solo all Ente Proprietario per motivi di controllo e manutenzione [tratto da: Dirigere la scuola n 3/14 - Valutazione dei rischi strutturali in locali non direttamente accessibili alla normale ispezione o sopralluogo di Antonietta DI MARTINO] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 33

34 6. LA SICUREZZA SCOLASTICA Il problema dei locali tecnici A seguito delle ultime sentenze della Cassazione, nelle scuole si aprono due scenari ai quali il Legislatore dovrà dare una risposta: I sopralluoghi e i controlli nei locali non direttamente accessibili (locali tecnici, intercapedini) sono compito dell Ente proprietario. Spetta al Dirigente Scolastico/Datore di Lavoro, tenuto alla valutazione del rischio, ispezionare e controllare anche i locali non direttamente accessibili, In molte occasioni le scuole e gli Uffici Scolastici Regionali hanno chiesto che il Regolamento di attuazione nelle scuole del Testo Unico sulla tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (D.Lgs 81/08), non ancora emanato, contenesse chiarimenti e approfondimenti sulle rispettive competenze e responsabilità dei due soggetti sopra richiamati. [tratto da: Dirigere la scuola n 3/14 - Valutazione dei rischi strutturali in locali non direttamente accessibili alla normale ispezione o sopralluogo di Antonietta DI MARTINO] Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 34

35 7. LA SICUREZZA SCOLASTICA Le scuole belle e sicure Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 35

36 7. LA SICUREZZA SCOLASTICA Le scuole belle e sicure Sono partite le attività relative al piano governativo delle scuole belle sicure - nuove I Dirigenti Scolastici e i loro Servizi di Prevenzione e Protezione dovranno affrontare anche questo scenario con molta attenzione, in quanto il loro 'lavoro quotidiano' sarà presto turbato dal problema della eliminazione o del contenimento dei rischi interferenziali generati dalla presenza dei cantieri nelle loro scuole. Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 36

37 7. LA SICUREZZA SCOLASTICA Le scuole belle e sicure Dulcis in fundo : Cosa dice Accordo di rete per la realizzazione dell iniziativa #scuolebelle? Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 37

38 7. LA SICUREZZA SCOLASTICA Le scuole belle e sicure E ancora: Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 38

39 7. LA SICUREZZA SCOLASTICA Le scuole belle e sicure Un consiglio da RSPP di esperienza: Chiedere che il configuratore dei costi venga integrato con i costi degli oneri per la sicurezza Chiedere alla Ditta che farà l intervento un Piano Operativo di Sicurezza contestualizzato con la realtà del vs. edificio scolastico Ricordarsi che i rischi interferenziali non vanno solo individuati, ma anche valutati Ricordarsi che alle misure preventive e protettive individuate per eliminare o contenere i rischi interferenziali deve essere legato uno specifico Computo Metrico Estimativo degli oneri per la sicurezza (che non sono soggetti a ribasso) Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 39

40 7. LA SICUREZZA SCOLASTICA Le scuole belle e sicure D.S. ed RSPP, qualcuno vi ha dato un altra patata bollente da gestire : Convegno SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI - 27/02/15 - Venaria Reale (TO) 40

41

ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info

ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info DATORE DI LAVORO LAVORATORI SORVEGLIANZA SANITARIA FORMAZIONE E INFORMAZIONE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE VALUTAZIONE DEI RISCHI MEDICO COMPETENTE DIRIGENTI

Dettagli

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti Q. & S. - Qualità & Sicurezza S.r.l. L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti All inizio di ogni anno il Dirigente di ciascun Istituto Scolastico

Dettagli

ing. Domenico Mannelli ESPERIENZA METODOLOGICA PER GESTIRE LA SICUREZZA NELLA SCUOLA

ing. Domenico Mannelli ESPERIENZA METODOLOGICA PER GESTIRE LA SICUREZZA NELLA SCUOLA ing. Domenico Mannelli ESPERIENZA METODOLOGICA PER GESTIRE LA SICUREZZA NELLA SCUOLA PRINCIPALI ADEMPIMENTI del Dirigente scolastico 1.Organizzativi 2.Tecnici 3.Procedurali 2008 2/45 Adempimenti organizzativi

Dettagli

FAC SIMILE procedura GESTIONE INFORTUNI, INCIDENTI, COMPORTAMENTI PERICOLOSI, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

FAC SIMILE procedura GESTIONE INFORTUNI, INCIDENTI, COMPORTAMENTI PERICOLOSI, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE Pag. 1 di 7 01 Emissione in allegato a procedura verifica GS 4 Maggio 2014 00 Prima emissione Luglio 2013 Revisione Motivo Data FAC SIMILE procedura GESTIONE INFORTUNI, INCIDENTI, COMPORTAMENTI PERICOLOSI,

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA SICUREZZA SCU NELLA SCUOLA Procedure operative per la gestione del corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

Dettagli

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese Il concetto di sicurezza a scuola è quasi sempre associato a situazioni di rischio connesse alla vulnerabilità degli edifici scolastici e alle questioni inerenti la loro sicurezza strutturale, igienica

Dettagli

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO QUESITO RISCONTRO* Documentazione di P N NA riscontro 1. ANALISI INIZIALE Il DVR /autocertificazione e gli allegati

Dettagli

Modulistica per deleghe e nomine e promemoria Adempimenti

Modulistica per deleghe e nomine e promemoria Adempimenti Modulistica per deleghe e nomine e promemoria Adempimenti Da utilizzare per : la nomina del Responsabile del Servizio di prevenzione e protezione, la delega per Dirigenti e preposti : la designazione degli

Dettagli

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 13 01 Emissione in allegato a procedura verifica GS 4 Maggio 2014 00 Prima emissione Luglio 2013 Revisione Motivo Data Nota: Lo sviluppo e l implementazione dell organizzazione e gestione della

Dettagli

Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.)

Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.) Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.) Sezione o Faldone Argomento Documentazione Rif. Legislativo Documento: Emittente / Oggetto

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2 Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 1.2 Obblighi in capo al DS/DL (art. 18 del D.Lgs. 81/08) Si possono così riassumere:

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa)

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole RETE DI SCUOLE E AGENZIE PER LA SICUREZZA della Provincia di Firenze LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA

Dettagli

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili)

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili) SiRVeSS LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA a cura del gruppo di lavoro Gestione della sicurezza del SiRVeSS (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) Il Dirigente

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE ai sensi dell art. 29, comma 5 del D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008 (Aziende che occupano fino a 10 addetti)

AUTOCERTIFICAZIONE ai sensi dell art. 29, comma 5 del D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008 (Aziende che occupano fino a 10 addetti) AUTOCERTIFICAZIONE ai sensi dell art. 29, comma 5 del D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008 (Aziende che occupano fino a 10 addetti) sottoscritt in qualità di (Titolare/Legale Rappresentante) della Ditta con sede

Dettagli

PAIS. L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico: controlli, adempimenti, aggiornamenti. Andrea Bighi - Dirigente Scolastico

PAIS. L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico: controlli, adempimenti, aggiornamenti. Andrea Bighi - Dirigente Scolastico L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico: controlli, adempimenti, aggiornamenti Andrea Bighi - Dirigente Scolastico All inizio di ogni anno scolastico il Dirigente dell Istituto è chiamato

Dettagli

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009 Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro Modena, 30 ottobre 2009 Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. n. 106 "Disposizioni integrative e correttive

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008)

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) Ruoli Identità Funzioni Datore di lavoro (DdL) Dirigente scolastico Cfr. art.18

Dettagli

Il DIRIGENTE SCOLASTICO

Il DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA IV CIRCOLO OLBIA Via Vignola, 54 07026 Olbia - SS - Tel. 0789 51.602 - Fax 0789 57.205 Sito web: http://www.dd4olbia.it e-mail: ssee05200q@istruzione.it Codice Fiscale: 91003170908

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE DEI RISCHI LAVORATIVI

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE DEI RISCHI LAVORATIVI ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE DEI RISCHI LAVORATIVI Premessa Il presente documento contiene l elenco esemplificativo della documentazione aziendale, eventualmente

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2 Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 1.2 D.Lgs. 81/2008 Attuazione dell articolo 1 della Legge 123/2007, in materia

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.V.R. Capitolo 3 D.V.R. Capitolo 3 Programma per il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI CAPITOLO 3 Programma per il miglioramento nel tempo dei livelli

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE 1. autorizzazioni edilizie planimetrie aggiornate (sede dell impresa) certificato di Licenza d Uso o Agibilità (sede dell

Dettagli

DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA

DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA Confederazione italiana agricoltori DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA Elenco non esaustivo, ma esemplificativo delle principali

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA SCUOLA PASCOLI FSE - FESR. Prot. 0002378/C14 Bari, 09/11/2009 AVVISO PUBBLICO

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA SCUOLA PASCOLI FSE - FESR. Prot. 0002378/C14 Bari, 09/11/2009 AVVISO PUBBLICO UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA SCUOLA PASCOLI FSE - FESR SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO G. PASCOLI Via N. Pizzoli n. 58 70123 Bari Tel./Fax 0805214555 Fax 0805721764 e-mail: bamm02700r@istruzione.it

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA MAN - Pag. 1 di 12 MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA AI SEN SI DELL AR T. 30 D.Lg Lgs. 81/20 08 MAN - Pag. 2 di 12 Attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di

Dettagli

!! "" # $! "# " $ %$&

!!  # $! #  $ %$& !!"" #$! "#"$$& $'" $'" ($$&$ ")&& (#$)&*$'"$)"#&'# (+"*" $$& ")&& '&*&,-'#, )&$ #".&$"#" &#".&$'#"$ ")&""$)&$* )/$&+)&," ")/)#"'#0&&$+"#/)+/##" && Riferimenti di legge Reati inclusi nella L. 123/2007

Dettagli

DATORE DI LAVORO DIRIGENTE PREPOSTO L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI RAPPORTI DELLA GERARCHIA AZIENDALE CON I RLS

DATORE DI LAVORO DIRIGENTE PREPOSTO L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI RAPPORTI DELLA GERARCHIA AZIENDALE CON I RLS L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI RAPPORTI DELLA GERARCHIA AZIENDALE CON I RLS Bologna, 15 MAGGIO 2015 Dr. Leopoldo Magelli Perché a volte le criticità nel rapporto tra RLS e

Dettagli

BOZZA a cura della Cisl Scuola

BOZZA a cura della Cisl Scuola BOZZA a cura della Cisl Scuola IPOTESI DI CONTRATTO INTEGRATIVO D'ISTITUTO Attuazione normativa in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro (CCNL art. 6 comma 2 lettera k) Istituto/Circolo - a.s./.. L'anno

Dettagli

COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA

COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA BUSSOLENGO, LEGNAGO, VERONA Azienda Presenti al sopralluogo per l azienda: 1 CHECK LIST GESTIONE AZIENDALE DELLA CUREZZA 1. GESTIONE AZIENDALE DELLA CUREZZA

Dettagli

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi La sicurezza sui luoghi di lavoro Il testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Ing. Luca Magnelli Firenze 19 ottobre 2010 D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.

Dettagli

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81 Decreto Legislativo Attuazione dell art. 1 della L. 123/2007 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro 9 aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 81/2008 ABROGA: D.P.R. 27 aprile 1955,

Dettagli

PROGRAMMA CORSO RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (R.L.S.)

PROGRAMMA CORSO RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (R.L.S.) PROGRAMMA CORSO RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (R.L.S.) (Decreto Legislativo coordinato 81/2008 e 106/2009 art. 37, commi 10,11 e art. 47) Durata del corso Corso di 32 ore da svolgersi

Dettagli

Istituto Tecnico Settore Tecnologico Marie Curie Meccanica, meccatronica ed energia Biotecnologie Ambientali

Istituto Tecnico Settore Tecnologico Marie Curie Meccanica, meccatronica ed energia Biotecnologie Ambientali Napoli, li 23 settembre 2015 Prot. n 5386 Tit. A/11 All Albo scolastico dell Istituto Tecnico Settore Tecnologico Url: http://www.itimariecurie.gov.it/ Avviso pubblico di selezione per conferimento incarico

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA 1) Comunicazione da apporre in bacheca aziendale per informare i lavoratori della possibile figura di RLS 2) Verbale di elezione del RLS 3) Anagrafica RLS 4) Lettera

Dettagli

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O Documenti concernenti gli obblighi a carico del Datore di Lavoro Nomine e attestati di formazione

Dettagli

Campo di applicazione, decorrenza, durata

Campo di applicazione, decorrenza, durata Campo di applicazione, decorrenza, durata Art. 1 1. Il presente contratto è redatto in base all art. 6 lettera k) del CCNL 2007-2010 del comparto Scuola. 2. Gli effetti del presente accordo decorrono dalla

Dettagli

Il nuovo codice della sicurezza nei cantieri

Il nuovo codice della sicurezza nei cantieri Il nuovo codice della sicurezza nei cantieri Indice della modulistica presente nel CD-Rom SICUREZZA 1. Documento di valutazione dei rischi Come calcolare il rischio Valutazione del rischio/figure professionali

Dettagli

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO QUALIFICA RUOLO FUNZIONI E MANSIONI DIRIGENTE SCOLASTICO DATORE DI LAVORO Definisce gli interventi, le priorità, le necessità finanziarie, riguardo

Dettagli

VERBALE DI INFORMAZIONE (ai sensi dell art. 36 D. Lgs. 81/08 come modificato ed integrato dal D. Lgs. 106/09)

VERBALE DI INFORMAZIONE (ai sensi dell art. 36 D. Lgs. 81/08 come modificato ed integrato dal D. Lgs. 106/09) Prot.n. VERBALE DI INFORMAZIONE (ai sensi dell art. 36 D. Lgs. 81/08 come modificato ed integrato dal D. Lgs. 106/09) Il giorno al lavoratore Prof./Prof.ssa : Insegnante Tecnico Pratico (ITP): Ass. amministrativo

Dettagli

Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola

Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola Il dirigente scolastico, nel suo ruolo di Datore di lavoro ai sensi dell art. 17, comma 1, lettera b del D.Lgs. 81/2008, è obbligato (si tratta di

Dettagli

VADEMECUM PER DATORI DI LAVORO. Compendio ragionato in materia di salute e sicurezza sul lavoro Con l esclusione del titolo IV

VADEMECUM PER DATORI DI LAVORO. Compendio ragionato in materia di salute e sicurezza sul lavoro Con l esclusione del titolo IV VADEMECUM PER DATORI DI LAVORO Compendio ragionato in materia di salute e sicurezza sul lavoro Con l esclusione del titolo IV D.Lgs 81/08 e s.m. e integrazioni Il decreto ha lo scopo di riorganizzare la

Dettagli

Prot. n. 2679 - A36 Castellalto, 25/09/2015

Prot. n. 2679 - A36 Castellalto, 25/09/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO Margherita HACK SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI I GRADO Via del Municipio, 1 64020 CASTELLALTO Tel. 0861296713 320100-296790 (Presidenza) Fax 0861320114 Cod. Fiscale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COLLEDARA

ISTITUTO COMPRENSIVO COLLEDARA ISTITUTO COMPRENSIVO COLLEDARA 64042 COLLEDARA (TE) - VIA S. PAOLO - C.F. 92024410679 - C.M. TEIC818004 - Tel. 0861/ 69 88 18 Fax. 0861/699179 - email: teic818004@istruzione.it - teic818004@pec.istruzione.it

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO SILVI G. PASCOLI via Carducci, n 2 64028 Silvi (Te) e mail: teic83700d@istruzione.it posta certificata: teic83700d@pec.istruzione.it Tel. 085 / 9359605 Fax 085 / 9352701 C.F. 90015870679

Dettagli

Baveno 16 novembre 2012 presso API Baveno, S.S. Sempione km 87. Area Ambiente, Salute e Sicurezza API Novara, VCO e Vercelli

Baveno 16 novembre 2012 presso API Baveno, S.S. Sempione km 87. Area Ambiente, Salute e Sicurezza API Novara, VCO e Vercelli Baveno 16 novembre 2012 presso API Baveno, S.S. Sempione km 87 Biagianti Marialivia e Cruciano Francesco tel. 0321 398464 Area Ambiente, Salute e Sicurezza API Novara, VCO e Vercelli DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I.R.P.E.T Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO (in attuazione degli articoli 16 ss. del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81

Dettagli

Prot. n. 4360/C14 A23 Milano, 8 ottobre 2013 AVVISO PUBBLICO

Prot. n. 4360/C14 A23 Milano, 8 ottobre 2013 AVVISO PUBBLICO Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo ILARIA ALPI Via Salerno 1-20142 Milano Tel. 02 88444696 Fax 02 88444704 e-mail uffici: MIIC8DZ008@istruzione.it posta certificata:

Dettagli

Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti

Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti Dr. Sebastiano Papa Principali soggetti

Dettagli

STRUTTURA E DIMENSIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE.

STRUTTURA E DIMENSIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE. PROVINCIA DI POTENZA Settore Patrimonio Costituzione del Servizio di Prevenzione e Protezione nella Provincia di Potenza - SVOLGIMENTO DEI COMPITI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE AI SENSI DEL

Dettagli

Con sedi associate: Liceo Scientifico C/da Rosario snc - I.P.A.A. Via Mazzini 25. Sito: www.iistedaldicastelbuono.it

Con sedi associate: Liceo Scientifico C/da Rosario snc - I.P.A.A. Via Mazzini 25. Sito: www.iistedaldicastelbuono.it I.I.S. LUIGI FAILLA TEDALDI Cod. MIUR PAIS00700R - Cap. 90013 CASTELBUONO C.da Rosario snc tel.: 0921671453 FAX 0921676228 Con sedi associate: Liceo Scientifico C/da Rosario snc - I.P.A.A. Via Mazzini

Dettagli

LAVORARE IN SICUREZZA

LAVORARE IN SICUREZZA STUDIO STUDIO TECNICO TECNICO SICUREZZA SICUREZZA ING ING LEO LEO DE DE SANTIS SANTIS via Matteotti 8/B Giulianova (TE) via Matteotti 8/B Giulianova (TE) tel/fax: 085 8007276 tel/fax: 085 8007276 LAVORARE

Dettagli

Gli attori della sicurezza

Gli attori della sicurezza Gli attori della sicurezza Materiali didattici elaborati CHANGE srl Ente di Formazione Accreditato dalla Regione Emilia Romagna DG n 1182 e 255/08 Certificato UNI EN ISO 9001:2008 n 10270 20/12/05 Organizzare

Dettagli

DESCRIZIONE DELL'UNITÀ PRODUTTIVA

DESCRIZIONE DELL'UNITÀ PRODUTTIVA Schede preliminari identificative dell Istituzione scolastica e degli eventuali plessi, che vanno compilate, per ogni singolo edificio, ed inviate al seguente indirizzo e-mail 81@euservice.it euservice

Dettagli

Note sulla designazione da parte del dirigente scolastico delle figure preposte alla sicurezza

Note sulla designazione da parte del dirigente scolastico delle figure preposte alla sicurezza SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole RETE DI SCUOLE E AGENZIE PER LA SICUREZZA della Provincia di Firenze Note sulla designazione da parte del dirigente scolastico delle

Dettagli

L'adozione del MOG con le Procedure Semplificate descritte dal Decreto Ministeriale 13 febbraio 2014

L'adozione del MOG con le Procedure Semplificate descritte dal Decreto Ministeriale 13 febbraio 2014 IL MIGLIORAMENTO DELLA SICUREZZA DEL LAVORO ATTRAVERSO L ART. 30 DEL D.LGS. 81/08 L'adozione del MOG con le Procedure Semplificate descritte dal Decreto Ministeriale 13 febbraio 2014 Ivo Dagazzini Direttore

Dettagli

Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno

Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno PERICOLO: proprietà intrinseca di un fattore (attrezzature, sostanze, pratiche di lavoro ecc.) di poter causare danni RISCHIO: è la probabilità che si verifichino

Dettagli

Liceo DES AMBROIS. - Oulx - Servizio di Prevenzione e Protezione. della Salute e. Sicurezza sul Lavoro

Liceo DES AMBROIS. - Oulx - Servizio di Prevenzione e Protezione. della Salute e. Sicurezza sul Lavoro Scuola Media Liceo Istituto Professionale ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE DES AMBROIS - Oulx - SPP Servizio di Prevenzione e Protezione S Sistema di Gestione G della Salute e S Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Gestione del rischio incendio nella scuola MODULO B Unità didattica B5-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 Il quadro

Dettagli

Prot. n. 5276/C14 Prata di Pordenone, 17 novembre 2014

Prot. n. 5276/C14 Prata di Pordenone, 17 novembre 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO FEDERICO DA PRATA Prata di Pordenone Scuole Primaria e Secondaria di 1 grado Codice fiscale 80007050935 Direzione: Via Martiri della Libertà 32-33080 PRATA DI PORDENONE N. tel.0434/425211

Dettagli

INCARICATI DI PRIMO SOCCORSO

INCARICATI DI PRIMO SOCCORSO Pag.1 www.ictramonti.org Autonomia Scolastica n. 24 Istituto Comprensivo Statale G. Pascoli Via Orsini - 84010 Polvica - Tramonti (SA)Tel e Fax. 089876220 - C.M. SAIC81100T - C.F. 80025250657 Email :saic81100t@istruzione.it-

Dettagli

Forniamo Alta Formazione utilizzando Docenti Preparati ed Efficaci.

Forniamo Alta Formazione utilizzando Docenti Preparati ed Efficaci. SSL Consulenze nasce nel 2009 ed è formata da un team di specialisti in grado di accompagnare le Imprese nell assolvimento degli adempimenti richiesti dalla normativa sulla Sicurezza sul Lavoro e sull

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 Pagina 1 maggio 2010 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

Gestione della sicurezza: organizzazione aziendale e strumenti Non solo obblighi di legge. ragioni e destinatari

Gestione della sicurezza: organizzazione aziendale e strumenti Non solo obblighi di legge. ragioni e destinatari Corso di Aggiornamento tecnico-normativo Gestione della sicurezza: organizzazione aziendale e strumenti Non solo obblighi di legge ragioni e destinatari Ing. Gianfrate - Ufficio Datore di Lavoro Arch Vitucci

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA L ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE DIRITTI, DOVERI E SANZIONI PER I VARI SOGGETTI AZIENDALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL

Dettagli

DESCRIZIONE DELL'UNITÀ PRODUTTIVA

DESCRIZIONE DELL'UNITÀ PRODUTTIVA Schede preliminari identificative dell Istituzione scolastica e degli eventuali plessi, che vanno compilate, per ogni singolo edificio, ed inviate al seguente indirizzo e-mail 81@euservice.it euservice

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FORMAZIONE INFORMAZIONE PER STUDENTI E SIMILARI AFFERENTI ALLA FACOLTA DI VETERINARIA IN MATERIA DI Sicurezza e Salute dei Lavoratori sul Luogo di Lavoro UNIVERSITA DEGLI

Dettagli

FORMAZIONE SULLA SICUREZZA TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 81/2008

FORMAZIONE SULLA SICUREZZA TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 81/2008 Attività F. e S. D.Lg.81/2008 FORMAZIONE SULLA SICUREZZA TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 81/2008 e D. Lgs. 106/2009 8(orrettivo del D.Lgs. 81/08) IIS Da Vinci Ripamonti Formazione docenti di nuova nomina

Dettagli

Sistema di Gestione SSL - Schema ATTORI-PROCESSO

Sistema di Gestione SSL - Schema ATTORI-PROCESSO Sistema di Gestione SSL - Schema ATTORI-PROCESSO 1 DATORE DI LAVORO (DDL) 1.1 508 554 580 637 621 645 680 1.2 465 1.3 708 709 1.4 518 542 1.5 524 1.7 681 706 1 Firma per responsabilità ed emette il DVR

Dettagli

81@euservice.it oppure al fax: 0623325743

81@euservice.it oppure al fax: 0623325743 Schede preliminari identificative dell Istituzione scolastica e degli eventuali plessi, che vanno compilate, per ogni singolo edificio, ed inviate al seguente indirizzo e-mail 81@euservice.it oppure al

Dettagli

IL RETTORE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA DECRETA IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO

IL RETTORE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA DECRETA IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO U.O.R. : AREA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITA Decreto n. 1007-2004 - Oggetto: Regolamento dell Università degli Studi di Pavia per la sicurezza e salute sul luogo di lavoro Prot. n. 34979 Titolo IX Classe

Dettagli

FILE CD SICUREZZA MILANO 1 DICEMBRE 2014 CARTELLA - 2014 09 01 CARLINI

FILE CD SICUREZZA MILANO 1 DICEMBRE 2014 CARTELLA - 2014 09 01 CARLINI Indice FILE CD SICUREZZA MILANO 1 DICEMBRE 2014 CARTELLA - 2014 09 01 CARLINI sicurezza CD ACC STR COMP DS FLC CARTELLA - SICUREZZA SCUOLA - DATI MIUR EDIFICI SCUOLE 2012 CARTELLA - SICUREZZA SCUOLA -

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Rep. n. 3037 Prot. n. 36210 Data 13 novembre 2013 Titolo I Classe 3 UOR AG POLITECNICO DI MILANO IL RETTORE VISTA la Legge 09.05.1989, n. 168, e successive modificazioni; VISTO l art. 2087 Tutela delle

Dettagli

POLO UNIVERSITARIO DELLA PROVINCIA DI AGRIGENTO

POLO UNIVERSITARIO DELLA PROVINCIA DI AGRIGENTO POLO UNIVERSITARIO DELLA PROVINCIA DI AGRIGENTO CAPITOLATO D ONERI PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DEL SERVIZIO DI «GESTIONE INTEGRALE DELLA SICUREZZA NEI POSTI DI LAVORO- D.LGS. N. 81/2008 NEI LOCALI

Dettagli

Le principali attività per adempiere agli obblighi relativi alla sicurezza e salute negli ambienti di lavoro (Testo Unico 81/2008) sono:

Le principali attività per adempiere agli obblighi relativi alla sicurezza e salute negli ambienti di lavoro (Testo Unico 81/2008) sono: Principali obblighi per i Datori di Lavoro di piccole/medie imprese (settore commercio) in seguito all entrata in vigore del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro D.Lgs 81/2008 Le principali attività

Dettagli

D. D. Lgs. 09 09 aprile 2008 n n 81 81 I SOGGETTI COINVOLTI

D. D. Lgs. 09 09 aprile 2008 n n 81 81 I SOGGETTI COINVOLTI D. D. Lgs. 09 09 aprile 2008 n n 81 81 I SOGGETTI COINVOLTI Salsomaggiore, 29 maggio 2009 D.Lgs. 81/08 I soggetti coinvolti R.L.S. Medico DL - Dirigenti Preposti R.S.P.P. Sistema di gestione permanente

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 La sicurezza nell ambito dell attività Paolo Troncana infermieristica Attività di R.S.P.P. e

Dettagli

Quadro normativo. Obbligo di richiesta del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) per le scuole con più di 100 persone D.M.

Quadro normativo. Obbligo di richiesta del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) per le scuole con più di 100 persone D.M. Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Il Piano antincendio scolastico 6.1a CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI Quadro

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

Organizzazione della sicurezza nell Università degli Studi di Pavia

Organizzazione della sicurezza nell Università degli Studi di Pavia Organizzazione della sicurezza nell Università degli Studi di Pavia MAGNIFICO RETTORE Servizio di Prevenzione e Protezione MC EQ TSL RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE e PROTEZIONE ASPP ASPP ASPP ASPP RESPONSABILE

Dettagli

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08).

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). ALLEGATO 4 al Capitolato DISCIPLINARE SICUREZZA STAMPANTI 1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). Oggetto: attività di noleggio

Dettagli

Requisiti strutturali e tecnologici delle unità d offerta sociosanitarie Normativa di riferimento

Requisiti strutturali e tecnologici delle unità d offerta sociosanitarie Normativa di riferimento Requisiti strutturali e tecnologici delle unità d offerta sociosanitarie Normativa di riferimento Nella tabella sono riportati i principali riferimenti normativi vigenti alla data del 1/7/2014, fatte salve

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI DISTRETTO TRAPANI SOAT DI CASTELVETRANO 91022

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI DISTRETTO TRAPANI SOAT DI CASTELVETRANO 91022 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI DISTRETTO TRAPANI SOAT DI CASTELVETRANO 91022 Castelvetrano Via Bonsignore, 14 Tel. 0924 89322 Fax 0924

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO. Docente/i : Formatori esperti sulla sicurezza sul lavoro in possesso dei requisiti previsti dalla legge. Presentazione del corso

PROGRAMMA DEL CORSO. Docente/i : Formatori esperti sulla sicurezza sul lavoro in possesso dei requisiti previsti dalla legge. Presentazione del corso PROGRAMMA DEL CORSO LA FORMAZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 art. 37 Accordo Stato Regioni del 21/12/2011) Durata del corso 32 ore Segreteria organizzativa

Dettagli

2. SCOPO Gestione dei fornitori di beni e servizi; Gestione delle imprese esterne e degli appaltatori operanti per conto di Alac SpA.

2. SCOPO Gestione dei fornitori di beni e servizi; Gestione delle imprese esterne e degli appaltatori operanti per conto di Alac SpA. Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Acquisto beni - servizi P06 Rev 01 del 16/09/09 1. DISTRIBUZIONE

Dettagli

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE Giovedì 13.12.2012 Mercoledì 19.12.2012 Giovedì 10.01.2013 Giovedì 17.01.2013 venerdì 15.02.2013 Corso: ore14.00 18.00 Verifica degli apprendimenti:

Dettagli

Formazione Generale Lavoratori Accordo Stato Regioni 21/12/11

Formazione Generale Lavoratori Accordo Stato Regioni 21/12/11 Formazione Generale Lavoratori Accordo Stato Regioni 21/12/11 Programma del corso: Modulo 2: Trattazione di: 1. Organizzazione della prevenzione aziendale 2. Diritti, doveri e per i vari soggetti aziendali

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Azienda: I.I.S. A. GENTILESCHI DI CARRARA via: Sarteschi n. 1 città: Carrara

Dettagli

Convegni. La sicurezza sul luogo di lavoro Il DVR Standardizzato

Convegni. La sicurezza sul luogo di lavoro Il DVR Standardizzato Convegni La sicurezza sul luogo di lavoro Il DVR Standardizzato Dott. Emanuele Garavello Avvocatura Curia Arcivescovile della Arcidiocesi di Milano Ottobre 2013 1 INDICE Protagonisti della sicurezza. Adempimenti.

Dettagli

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta A cura dello Studio Commercialista Di Michele di Roma e Milano Quale documentazione occorre per essere in regola con il D.lgs. 81/08? Occorre l organigramma della

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Definizioni -Datore di Lavoro: il titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Ha la responsabilità dell organizzazione o dell unità produttiva in quanto esercita i poteri

Dettagli

GUIDA SICUREZZA IN AZIENDA

GUIDA SICUREZZA IN AZIENDA GUIDA SICUREZZA IN AZIENDA 2011 Ricordiamo che le finalità del D. Lgs. 81/2008 sono quelle di: Tutelare la salute delle lavoratrici e dei lavoratori nei luoghi di lavoro; Certificare i servizi che si erogano

Dettagli

LA SICUREZZA e LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA SICUREZZA e LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO DECRETO LEGISLATIVO N. 81 / 2008 e D.Lgs. 106/2009 LA SICUREZZA e LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO A cura del Geom. Enrico Clarelli - info@geoclarelli.it Programmazione: attività normale e

Dettagli

Confronto Tecnico. tra la L.626/94 e la L.81/08. in tema di Sicurezza

Confronto Tecnico. tra la L.626/94 e la L.81/08. in tema di Sicurezza Confronto Tecnico tra la L.626/94 e la L.81/08 Ing. Roberto Maria Grisi Anni 30 I passaggi storici fondamentali della normativa per la sicurezza Richiami nel codice civile e penale Anni 40 Richiami generici

Dettagli