Torni la primavera... La missione, vera anima della chiesa p. GABRIELE FERRARI, sx

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Torni la primavera... La missione, vera anima della chiesa p. GABRIELE FERRARI, sx"

Transcript

1 Notizie testimonianze proposte per gli amici dei missionari Burundi Camerun CIAD Congo R. D. Mozambico Sierra Leone Bangladesh Filippine Giappone Indonesia Taiwan amazzonia BRASILE COLOMBIA MESSICO CSAM Centro Saveriano Animazione Missionaria Via Piamarta, Brescia Tel Fax Direttore: Marcello Storgato Redazione: Diego Piovani Direttore responsabile: Marcello Storgato Regist. Trib. di PR n. 400 Fruisce di contributi statali (legge 270/1990) In caso di mancato recapito rinviare all ufficio P. T. Brescia C.M.P., detentore conto per la restituzione al mittente, che si impegna a pagare la relativa tariffa Stampa: Tipografia Camuna S.p.A. - Brescia Contributo annuo 10,00 - Contiene I. R. Poste Italiane. Sped. A.P. D.L (conv. L.27/02/04 n 46) art. 2, comma 2, DCB Brescia. Envoi par Abonnement Postal - Taxe Perçue 2012 MARZO n. 3 i trovo da oltre un mese in Burundi. Ho incontrato tanti preti e molti laici mentre, nello stesso tempo, sono impegnato nell insegnamento nel seminario teologico nazionale. Ho ritrovato qui quel piacere di essere chiesa che caratterizza le nuove comunità cristiane dove la Parola di Dio sembra più viva che altrove, dove la A M ll inizio del corrente anno i redattori del mensile Missionari Saveriani, provenienti dalle varie comunità saveriane d Italia, si sono riuniti a Brescia per fare il punto della situazione. È stato un incontro utile e costruttivo, perché il pensiero e il contributo di ognuno è utile e necessario per cercare di fare sempre meglio. L occasione è stata propizia anche per rivedere vecchi amici e scambiare qualche sana battuta, in un clima di serena fraternità. I temi all ordine del giorno erano tanti, e abbiamo continuato anche nel pomeriggio, nonostante l annuncio climatico di tormente di neve in vista! Abbiamo affrontato importanti questioni, che riguardano i tempi duri che anche il nostro mensile è costretto ad affrontare: i postini ritardano le consegne a domicilio; il numero dei sostenitori fa fatica ad allargarsi, anche perché non tutte le famiglie più giovani pensano a mantenere viva la tradizione dei genitori e dei nonni... Tanti amici e amiche ci sostengono dal cielo - ne siamo sicuri e lo crediamo fermamente -, ma loro ormai hanno altri modi per Torni la primavera... La missione, vera anima della chiesa p. GABRIELE FERRARI, sx gioia di essere cristiani traspare dalla gente che viene alla Messa domenicale e dove la chiesa mostra quel volto giovane che non nasconde anche qualche sbaglio, ma dove si vede che essa è la sposa senza macchia e senza ruga, come l ha voluta il suo fondatore Gesù Cristo. Cinquant anni fa, la primavera Qui non mi è difficile sentire e riconoscere ancora quel vento di primavera che ha soffiato sulla chiesa cinquant anni fa, l 11 ottobre 1962, quando papa Giovanni XXIII ha aperto il concilio Vaticano II. Non tutto è riuscito. Ma qui si vede una chiesa che cresce e si rinnova. L annuncio che il Papa buono aveva fatto il 25 gennaio 1959 nella basilica di San Paolo fuori le Mura, a Roma, era MESSAGGERI DELLA SPERANZA San Guido Conforti ci teneva tantissimo! leggere Missionari Saveriani in via diretta; del resto, le Poste non hanno ancora un servizio esteso fino al... paradiso! In tutti noi è chiaramente emerso l affetto per una rivista che ancora riesce a collegare nel mondo i saveriani e tanta gente appassionata della missione. L impegno a rendere questo strumento di informazione e di animazione missionaria sempre più efficace è sentito come un dovere e un piacere da parte di tutti noi. Ci teneva moltissimo ai mezzi di comunicazione mons. Guido Conforti, tanto da chiedere ai suoi giovani missionari di impegnarsi a fondo nella cultura, nel cinema, nella fotografia e nella stampa. Lui stesso aveva iniziato a pubblicare Fede e Civiltà nel 1900, diventata poi una rivista mensile dal 1903, per far conoscere l attività missionaria dei saveriani in Cina, e poi in tante altre nazioni del mondo. Dal 1979, la rivista ha preso il nome di Missione Oggi : ha già 110 anni di vita! Missionari Saveriani è iniziato più tardi. Il primo numero è del 1 dicembre 1947 e celebra ora il suo 65 anno di stata una sorpresa per gli apparati della curia romana; e i documenti che questa aveva preparato per i lavori in concilio erano stati immediatamente accantonati dai padri conciliari, per essere liberi di ascoltare quello che lo Spirito Santo voleva dire alle chiese. Sentivano infatti, che l ora conciliare era come un nuovo inizio, anche se, nello stesso tempo, era il ritorno di una primavera sbocciata duemila anni prima. Per chi ha avuto la fortuna di vivere quella stagione, il ricordo e la nostalgia sono ancora forti e anche struggenti. Giovanni XXIII l aveva chiamata profeticamente nuova Pentecoste e primavera della chiesa. p. MARCELLO STORGATO, sx Il gelo sugli alberi in fiore Gli avvenimenti che seguirono vita: è un mensile ancora... giovane, molto richiesto e diffuso con oltre 70mila copie in tutta Italia. La sua caratteristica è di aver avuto - fin dall inizio - una pagina propria per ogni comunità saveriana, in modo da farsi conoscere sul territorio e creare legami di familiarità e amicizia con la gente del luogo. San Guido Conforti raccomandava a tutti - sacerdoti e genitori, catechiste e laici impegnati: Lavoriamo a diffondere largamente la stampa missionaria, mezzo sovrano di propaganda. Diffondiamo questa stampa specialmente tra la gioventù, e l ideale missionario non tarderà a rifulgere alle menti e ai cuori, suscitando ammirazione e solidarietà. Non ho dubbi che anche oggi egli ci inviterebbe a fare lo stesso per Missionari Saveriani ; e non esiterebbe a fare il miglior uso dei nuovi mezzi di comunicazione: facebook, blog, mailing list, twitter, youtube e quant altro la tecnica ci mette a disposizione. Non certo per mettersi in mostra, ma perché sia da tutti conosciuto e amato nostro Signore Gesù Cristo! quella stagione l hanno purtroppo trasformata, a volte, in una specie di inverno, come ebbe a dire il famoso teologo Karl Rahner, venticinque anni dopo il concilio. Nel clima del 6, le aperture promosse dal concilio spaventarono molti e alla stagione della speranza seguì quella della paura e del ritorno dei profeti di sventura. La primavera precipitò in un inverno, come quando il gelo viene a bruciare gli alberi da frutto già in fiore. Ma non è stata la fine, perché la vita non si spegne mai del tutto e lo Spirito Santo è in grado di far fiorire di nuovo la pianta della chiesa. L albero della chiesa è ancora vivo ed è legittimo attenderci che esso produca ancora i frutti, annunciati 50 anni fa, che la chiesa può offrire di nuovo al mondo. I documenti del concilio Vaticano II sono ancora buoni e veri; rispondono alle attese e alimentano la speranza della chiesa e del mondo, proprio in questo tempo in cui l una e l altro stanno passando una crisi che può essere un provvidenziale richiamo al rinnovamento. I frutti delle giovani chiese Anche Missionari Saveriani vuole partecipare alla celebrazione del cinquantesimo dell apertura del concilio, non tanto tessendone le lodi - questo è spesso un modo elegante per archiviare un avvenimento e spegnerne la forza trasformatrice - ma richiamandone lo spirito e rileggendone i documenti. Lo farà in questi prossimi mesi raccontando come il concilio è stato ed è vissuto nelle giovani chiese in cui noi missionari lavoriamo. In realtà, è lì che si può vedere come il concilio Vaticano II è stato forza di rinnovamento e di crescita e ha permesso un nuovo modo di essere chiesa. Possiamo capire la fatica che alcuni fanno nelle chiese di antica fondazione, anche se ciò non ne giustifica le resistenze e le regressioni. Vedi, per esempio, il ritorno della Messa in latino, il recupero di forme autoritarie e di clericalismo, il rifiuto del dialogo eccetera. Nelle giovani chiese, invece, si può vedere che la liturgia rinnovata stimola quella partecipazione attiva che costruisce la chiesa, che i laici hanno ritrovato la loro vocazione specifica e che la chiesa è forza di trasformazione del mondo. Un augurio... missionario Ci rendiamo conto, nello stesso tempo, che la missione rivela la verità della chiesa, il luogo in cui essa fiorisce e mostra la sua bellezza e la sua forza spirituale. Perché la missione è la vera anima della chiesa, l energia che la tiene viva e la sospinge sulle strade del mondo. Il nostro augurio, allora, è che passi presto l inverno e torni la primavera, come dice quel bel canto della Messa dei bambini: Viene la primavera, l inverno se ne va.... Vedete tutti gli alberi, quando già rimetton le foglie, voi conoscete da voi stessi, solo a guardarli, che s appressa l estate. (Papa Giovanni) 3 ANNO marzo n. I giovani italiani di oggi sono... Un occasione per capire cos è vera missione Ci aspettano in Thailandia Giovinezza, un dono da custodire Essere Messaggeri di speranza La missione di comunicare, da comunicare Agire bene e in fretta Dal campo nomadi a San Remo 2 3 4/5 6

2 2 missione FAMIGLIA 2012 MARZO Alcuni giorni con i missionari Un occasione per capire cos è vera missione ALE & ALE ANDREOLI A Laranjeiras, in questo angolo del Paraná dove siamo capitati, a volte non pare di essere in Brasile. Vediamo tanti occhi azzurri e capelli biondi, più qui che nelle Marche! Gran parte della popolazione locale, infatti, discende da immigrati italiani (veneti) o polacchi o tedeschi... Quando diciamo che siamo italiani (a volte ci scambiano per argentini ), spesso la gente inizia a dire qualche frase imparata da bambini, ed è sempre in dialetto veneto. I figli fanno bene anche ai... padri Alessandro - Continuiamo il racconto di questa nostra vita brasiliana, con un esperienza particolare che abbiamo vissuto, partecipando all assemblea annuale dei saveriani che lavorano nel Brasile meridionale. È stata la prima volta che una famiglia di laici partecipava a un incontro di questo tipo, e spero MISSIONE BAMBINI MADRE CELESTINA BOTTEGO Anche lei, esploratrice del mondo E che l esperienza si ripeta ancora. Per noi è stato un bel momento di comunione. Abbiamo avuto l occasione di conoscere molti altri missionari che vivono in Brasile. Con molti siamo riusciti a parlare e tanti si sono mostrati curiosi di conoscerci e di sapere cosa facciamo qui. Noi ci siamo sentiti accolti e in famiglia. Penso che anche la presenza dei nostri bambini sia stata piacevole. Francesco è diventato presto una piccola mascotte: ogni sera dopo cena (si mangiava alle 1.30) non mancava di coinvolgere qualcuno per giocare a calcio con lui nel parco interno alla casa. Anche Miriam si è fatta notare... soprattutto a tavola, quando non manca di dare spettacolo per il suo appetito: è stato facile per i missionari conquistarsela allungando qualche leccornia... Alessandra - Una sera i missionari ci hanno chiesto di parla- POF, sx ra il 20 dicembre del 195, quando nacque Celestina. Aveva un cognome importante: Bottego. Suo zio era il grande esploratore dell Africa e lei, per via diverse, è diventata una grande esploratrice del mondo con le sue missionarie. Celestina era nata negli Stati Uniti, come la sorella Maria, due anni più grande di lei. Il papà scrive alla mamma Mary: Spero che esse cresceranno bene, così da poter trovare felicità nella vita. La loro felicità sicuramente dipende da ciò che la loro mamma ha insegnato loro prima di nascere. Sii serena e contenta. Le parole di papà Gianbattista risuonano più tardi in una testimonianza di Celestina: Ho sempre considerato una grazia aver vissuto vicino alla mamma. Era un carattere forte e dolce insieme; aveva un grande cuore e un profondo senso dell umorismo. Con me parlava anche di cose molto serie, leggevamo libri in inglese e mi insegnava a memoria le poesie che le piacevano di più. Nel 1910 la famiglia di Celestina arriva in Italia e si stabilisce a San Lazzaro, alla periferia di Parma. Si mette a studiare e - cosa strana per quel tempo! - gioca a pallone con il fratello Vittorio. Purtroppo la mamma muore, e lei s impegna in tante cose: studia, fa dei corsi con la Croce Rossa Nel 1936 Celestina va in India a trovare la sorella Maria, che si è fatta suora e lavora laggiù. Scrive le sue impressioni sul lavoro delle missionarie, la miseria, i villaggi... Di fronte ai bambini si commuove, Celestina Bottego ( ), fondatrice delle missionarie di Maria - Saveriane li sente figli suoi. Il mondo è entrato nel suo cuore. Aveva conosciuto il vescovo Guido Conforti e ne era rimasta affascinata. Finché un giorno, nel 1944, ispirata dal saveriano p. Giacomo Spagnolo, capisce che deve iniziare una nuova famiglia missionaria: le missionarie di Maria, le saveriane. Pian piano le manda in tutto il mondo e le va a visitare. Attraverso loro, si sente vicina a tutti i popoli del mondo: sono la sua nuova famiglia! Amava e seguiva le sue missionarie, come una vera mamma. In una lettera alle saveriane del maggio 1969 scrive: Ho qui molte vostre lettere che mi tengono in stretta unione con ciascuna di voi e mi tengono aggiornata su tutte le attività A Maggio c è la festa della mamma. Io festeggerò tutte le vostre mamme chiedendo per loro le consolazioni che ogni mamma desidera, cioè che i propri figli riescano ad affermarsi nella vita, secondo la loro vocazione, che sappiano portare un poco di luce, gioia e verità, onorando la propria famiglia ovunque sono chiamati a vivere. Le piaceva molto comunicare con le sue missionarie; con loro si sentiva missionaria. Camminava con loro, con loro accarezzava i bambini, rideva con gli anziani, incoraggiava i giovani e soprattutto faceva conoscere a tutti quel Gesù a cui aveva dato tutto della sua vita. re di noi, della nostra vita a Laranjeiras, e raccontare un po del laicato saveriano: cos è, come è nato, cosa fa Avevamo preparato una piccola relazione in lingua portoghese e l abbiamo letta. La cosa bella sono state le domande che sono seguite. Molti missionari ci hanno chiesto varie cose e abbiamo percepito che c era interesse da parte loro. Ci siamo sentiti incoraggiati, sia dai saveriani più giovani ma anche e soprattutto da quelli con più anni di missione. L ultimo giorno non abbiamo partecipato, perché i saveriani dovevano parlare di argomenti interni. Qualcuno poi ci ha confessato che si è sentita la nostra mancanza. Un complimento che ci ha fatto piacere e ha confermato la bontà della nostra scelta e della nostra presenza discreta qui in Brasile. Molti ci hanno invitato a passare nelle zone dove lavorano e chissà che prima di tornare in Italia non riusciamo a farlo. missione GIOVANI oglio sottoporre alla vostra lettura il pensiero di un missionario sulla situazione dei giovani italiani. È rientrato in Italia dopo molti anni di servizio missionario e, sullo sfondo, sembra evidente un raffronto con i giovani conosciuti in missione. In una sorta di botta e risposta, ho diviso la riflessione in tre punti. La fede e la religiosità dei giovani sono superficiali, infantili; si ricordano poco di Gesù, poco conoscono la bibbia; sembra che la chiesa non li entusiasmi, non la sentono giovane, perché non dà loro spazio, non si rinnova, non è allegra. Mi sembra un giudizio duro, soprattutto perché non è accompagnato da una riflessione parallela sul mondo degli adulti. Infatti, religiosità e fede sono doni che si possono conoscere e apprezzare in famiglia. Se in casa non si parla un po di Dio, se non c è invito alla preghiera, i figli come possono conoscere Gesù e il suo vangelo? Molti genitori dicono che i figli da grandi saranno liberi di compiere le scelte che credono. Ma come potranno apprezzare qualcosa che non conoscono? La società, l ambiente in cui viviamo, i mezzi di comunicazione non aiutano, e non si può pensare che bastino le ore di catechismo per imparare Faccio un esempio: se in famiglia papà e mamma sono appassionati di sport è più probabile che i loro figli seguano le orme dei missione e spirito La missione vera è oltre l efficienza e il successo Alessandro - Vogliamo lasciarvi alcuni spunti di quanto è stato detto durante gli incontri di formazione ai quali abbiamo partecipato (alternandoci, per seguire anche i nostri bambini). Sono parole rivolte soprattutto ai missionari religiosi, ma vanno bene per tutte le persone che cercano di impegnarsi per il regno di Dio. Il nostro lavoro - pastorale, caritativo e qualsiasi altro - non è tanto importante quanto la ricerca di Dio. Il primo segnale di qualcosa che non va, è quando il lavoro - qualunque esso sia - diventa più importante della propria ricerca di Dio e di ciò che essa esige da noi qui e ora. Senza una vita spirituale forte, assorbita nel pensiero di Dio e fondata sul vangelo, il miglior lavoro del mondo sarà soltanto un lavoro sociale. Alessandra - Ci chiediamo: ci importa davvero che il nostro non sia solo un lavoro sociale? Io mi accontenterei anche; l importante è che non sia un lavoro inutile... Eppure, ci viene chiesto di andare oltre, di perdere tempo nella ricerca di Dio, senza soccombere I giovani italiani di oggi sono... V genitori; almeno saranno incuriositi e proveranno prima di decidere se praticarlo o no. La passione per quello che sentiamo - anche per la fede - possiamo respirarla iniziando dalle mura di casa. È vero, la chiesa in qualche modo è percepita come una istituzione limitante, che non asseconda la vivacità dei giovani. Però, il volto giovane e allegro della chiesa esiste; forse non starà in certi palazzi, ma è evidente in altri ambienti: negli oratori, nelle iniziative in favore delle missioni, nelle realtà di volontariato. Credo vada cercato qui il vero rinnovamento, perché anche questa è vera chiesa. I giovani non sono molto sensibili ai poveri, agli stranieri; non capiscono molto di giustizia, mondialità, missione e pace; forse perché nel loro quotidiano non sono messi in evidenza le vere informazioni e testimonianze. Voglio essere provocatorio. Ci sono giovani che a questi valori ci tengono e li vivono. Altri sono insensibili: per comodità e disinteresse, forse anche per scelta. Cosa possiamo proporre loro? INTENZIONE MISSIONARIA E PREGHIERA DEL MESE Lo Spirito Santo conceda perseveranza a quanti sono perseguitati a causa del nome di Cristo. Sia riconosciuto in tutto il mondo il contributo delle donne allo sviluppo della società. Uccelli: La continua fedeltà a Cristo è come il martirio. Alessandro, Francesco e Miriam con alcuni dei saveriani che hanno partecipato all assemblea di Curitiba; Alessandra ha scattato la foto alla tentazione di trasporre nell azione apostolica i criteri dell efficacia e dei risultati misurabili. Ecco allora che il modo di vivere e di realizzare la missione è importante quanto il risultato della stessa. Per questo, lo stile di vita - personale e comunitario - è parte integrante della missione. Ma ancora di più, è pienamente missione. Quest ultimo pensiero ci ha dato coraggio e ci ha confermato sulla ragione della nostra presenza qui a Laranjeiras, che è prima di tutto rinnovare uno stile di vita personale e comunitario. Vi salutiamo con un grande abbraccio! Ci risentiamo tra un mese, se Deus quiser. DIEGO PIOVANI - Un altra informazione, un altro punto di vista, altre testimonianze possono bastare a sovvertire questa tendenza? Forse sì, forse no. Ma credo sia doveroso, anzi obbligatorio provarci, per mostrare che un altro mondo è possibile, che un altro mondo pensa e agisce diversamente da loro; che anche noi giovani nel nostro piccolo quotidiano possiamo fare qualcosa di importante. Missione e pace, solidarietà e mondialità sono i valori di ogni giorno. Sono scelte di vita che possiamo verificare in ogni momento. Nei giovani c è la preoccupazione di garantirsi una buona occupazione per sopravvivere; lo studio sembra solo un mezzo Intanto ci pensano i genitori a mantenerli!. Anche qui, sembra che il missionario usi... più bastone che carota. È chiaro che un giovane aspiri a trovare un occupazione buona, se non tanto remunerativa, almeno sicura! Poter sfruttare i propri talenti con onestà non è una richiesta illegittima. Inoltre, oggi sono davvero tanti i lavori che bastano sì e no per... sopravvivere. Spesso i figli - viziati o trascurati - in casa di mamma e papà rimangono perché non hanno alternativa. E se c è, forse non è sostenibile. Come formare una famiglia con il rischio di andare allo sbaraglio? E voi cosa ne pensate? Fateci sapere le vostre esperienze e opinioni.

3 Ci aspettano in Thailandia Una nuova missione saveriana in Asia p. LUIGI MENEGAZZO, sx I l desiderio di aprire una nuova missione era presente in congregazione già da tanti anni. Solo quest anno esso si è concretizzato. Perché è stato necessario tanto tempo? Non certo per mancanza di posti di lavoro : le richieste di missionari, infatti, sono continue. Ma il nostro desiderio era che la nuova missione fosse aperta in Asia, continente nel quale non è facile ricevere i visti di entrata come missionari. Ricerca della nuova missione La ricerca si è concentrata sulla Thailandia, dove già lavorano, tra gli altri, le missionarie saveriane e i missionari del Pime. Ci siamo indirizzati alla diocesi di Nakhon Sawan, e il vescovo mons. Pibul ci ha accolto con molta speranza. La sua diocesi è la più estesa della Thailandia, ma è poco fornita di missionari e la popolazione cattolica è minima: un ambiente che risponde alle caratteristiche del nostro carisma saveriano. Lo scorso marzo, assieme a un missionario del Pime e a una sorella saveriana, guidati da un sacerdote thailandese, ci siamo recati in una tipica zona missionaria di quella diocesi, ai confini con il Myanmar. La zona è vasta, le comunità cristiane sono molto piccole e le lingue parlate sono più di una. La gente è accogliente. È importante avere possibilità di stare con loro, seguire i catecumeni che ci sono, cercarne di nuovi e continuare a formare i cristiani allo spirito missionario, affrontare vari e gravi problemi sociali, quali l immigrazione, la formazione dei giovani, le povertà spirituali e materiali. Abbiamo incontrato due congregazioni femminili impegnate nel recupero dei ragazzi di strada, nella lotta all aids e nella sanità. La scelta coraggiosa Il consiglio generale, dopo aver sentito la relazione della mia visita e aver incontrato a Roma il vescovo mons. Pibul il 24 maggio scorso, ha deciso di aprire la missione in Thailandia. Non nascondiamo che abbiamo LAICATO SAVERIANO Giovinezza: un dono da custodire ancora qualche apprensione, legata non alla missione in sé, ma alla difficoltà di ricevere il visto come missionari. Il vescovo, però, ci aspetta: confidiamo che tutto vada bene. Il nunzio apostolico in Thailandia, mons. Giovanni D Aniello (ora nominato nunzio per il Brasile), che conosce molto bene i saveriani e il loro zelo apostolico, ha dichiarato la sua grande gioia per questa nostra decisione. Un ringraziamento speciale va ai missionari del Pime e alle sorelle saveriane, che ci hanno seguito e ci stanno seguendo, in questi primi passi, con autentico amore fraterno. I confratelli assegnati a questa nuova missione sono già quattro: due italiani, un camerunese e un brasiliano. È necessario conoscere la lingua inglese e imparare la lingua thailandese e anche un altra lingua locale. Perciò p. Alex Brai e p. Thiago Rodrigues stanno intanto studiando l inglese. I primi due saveriani thai Il 20 gennaio 2012, ho accompagnato fino a Bangkok i primi due saveriani: il vicentino p. Giovanni Matteazzi, che è già stato missionario in Bangladesh, e il VITA SAVERIANA La saveriana Angela Bertelli omaggia i pionieri saveriani in Thailandia: p. Thierry Kengne e p. Giovanni Matteazzi, a cui auguriamo buona missione! camerunense p. Thierry Kengne, ordinato sacerdote l anno scorso. Il 1 febbraio hanno iniziato il corso di lingua thailandese, che durerà almeno due anni. Sono ospiti dei missionari del Pime, ai quali sono riconoscenti per la fraterna e qualificata collaborazione. La loro lunga esperienza in Thailandia permette ai nostri confratelli un sereno inserimento e la capacità di discernere i luoghi e i campi adatti al nostro carisma per il futuro lavoro missionario. La Thailandia e la sua necessità del primo annuncio di Gesù Cristo sarà per la nostra congregazione non solo un nuovo campo di attività, ma anche un occasione per favorire una missione più discreta, umile, solidale, propositiva, fondata più sull «essere» che sul «fare», come richiedono i nostri documenti capitolari (XV, 46). Li accompagniamo pregando Il 23 ottobre è stato canonizzato il nostro fondatore mons. Guido Conforti: la fedeltà al carisma da lui ricevuto e il suo esempio di uomo coraggioso e autenticamente missionario, ci hanno spinto a iniziare questa nuova missione. Lui ci protegga, ci guidi, ci illumini. E a tutti chiedo una preghiera speciale per le vocazioni missionarie nella nostra congregazione, affinché in ogni parte del mondo possa essere sempre annunciato il vangelo del Signore. NUCCIA e CARMINE Il Tabor è un percorso per giovani in ricerca della propria vocazione personale e che vogliono approfondire la spiritualità saveriana, nelle sue cinque caratteristiche: volto umano del missionario, centralità di Cristo, spirito di famiglia, consacrazione e missione. Vi raccontiamo qualcosa dell ultima esperienza vissuta ad Ancona con i giovani. Stare con i giovani, ti fa rimanere giovane, era una delle convinzioni di papa Wojtyla. Penso si riferisse a tutto ciò che la giovinezza ha di più bello e prezioso: slancio, speranza, audacia... Valori che, se riusciamo a mantenere andando avanti nell età, sono ottimi ingredienti da mescolare con l esperienza e il disincanto che, da soli, rischiano di paralizzarci. Dobbiamo molto ai giovani che hanno attraversato e stanno attraversando la nostra vita! Ci aiutano a rimanere in contatto con la parte più vera e più bella di noi. Sono soprattutto loro che la tirano fuori con la loro sete di autenticità, con la loro ricerca, con lo stupore gioioso che leggiamo nei loro occhi quando riescono a cogliere la bellezza di ciò che cerchiamo di trasmettere... Da due anni Carmine e io facciamo parte dell équipe che prepara e porta avanti l esperienza del Tabor - In questo tempo, abbiamo accumulato un debito di gratitudine che non riusciamo a estinguere, perché nel momento in cui ci impegniamo a donare qualcosa, ci viene restituito in sovrabbondanza: freschezza, slancio, speranza, audacia... sono il dono che noi riceviamo dai giovani. All ultima convivenza Tabor hanno partecipato anche tre giovani di Salerno: Andrea, Francesca e Francesco. Uno di loro ha espresso, attraverso una poesia, la gioiosa scoperta della presenza di Dio accanto a sé, nelle cose umili e quotidiane. Eccola: Ti ho cercato nel caos di luci serali... e Tu eri lì nel raggio di sole che riscalda una tranquilla giornata invernale! Ti ho cercato tra i tanti, passati a farmi visita a casa... e Tu eri lì seduto per strada! Ti ho cercato in tutte le canzoni scritte dall uomo... e Tu eri lì nella voce di un uccello che canta le stagioni! Ti ho cercato nel rosso calore di un piatto abbondante... e Tu eri lì negli avanzi mangiati da uno straniero povero errante! Ti ho cercato, seduto su uno scoglio, nella brezza leggera che cavalca silenziosa la spuma di mare... e Tu eri lì seduto accanto a me a guardare l infinito creato!. PADRE MARTINI IN CIELO Padre Luigi Martini: Padova Parma Il pomeriggio del 14 febbraio, all età di 9 anni e dopo lunga malattia, è passato alla vita eterna p. Luigi Martini, originario di Carbonara di Rovolon (Padova). Era entrato tra i saveriani a 23 anni ed era diventato sacerdote a 27 anni. Dopo aver lavorato per 12 anni come missionario in varie parrocchie del Brasile meridionale, p. Luigi era stato richiamato in Italia. Dal 1966 ha insegnato in varie scuole apostoliche saveriane a Brescia, Ancona, Salerno e Desio; ha anche lavorato per molti anni come segretario della direzione generale a Roma, rallegrando confratelli e ospiti con le sue filastrocche e poesie, prendendo spesso a prestito dal mordace poeta Trilussa. Dal 2001 era a Vicenza e infine nella casa madre a Parma, dove ha passato i giorni nel silenzio della preghiera e della malattia. SAN GUIDO CONFORTI TORNA TRA LA SUA GENTE Da vescovo aveva un punto fisso: visitare la gente là dove vive e lavora, nei loro quartieri e paesi, per conoscere le famiglie con le loro gioie e sofferenze, per consolare e incoraggiare, e far conoscere a tutti il vangelo di Cristo. Il santo vescovo continua la sua visita pastorale anche dalla beatitudine celeste e continua ad attirare tante anime a Cristo. A Parma don Francesco ha voluto l urna con le reliquie del santo nella parrocchia San Paolo. I giovani l hanno accolto con una gioiosa fiaccolata. Per tre giorni i fedeli hanno rivisto il loro pastore e hanno accolto il suo invito a pregare, a riconciliarsi, a fare comunione. È stato bello avere un santo in casa nostra!, ha concluso don Francesco. Ora si sta mobilitando tutta la diocesi di Ravenna, la prima sede del vescovo Conforti. Dal- la nostra casa di San Pietro in Vincoli, l urna del santo visiterà tutti i vicariati della diocesi: una vera visita pastorale, per richiamare bambini e giovani, adulti e anziani a rinnovare la loro fede. Animatore di questi santi eventi è l instancabile saveriano p. Guglielmo Camera. È giusto che il santo missionario vada in giro, perché sia da tutti conosciuto e amato nostro Signore Gesù Cristo. TEOLOGI SAVERIANI Quest anno, tirando le somme degli studenti di teologia nelle quattro comunità saveriane internazionali, i giovani teologi sono 61, così distribuiti: 13 a Città del Messico, guidati dal rettore bresciano p. Mario Gallia; 13 a Manila (Filippine), guidati dal rettore bergamasco p. Eugenio Pulcini; 17 a Parma, guidati dal rettore bergamasco p. Ulisse Zanoletti; 1 a Yaoundé (Camerun), guidati dal vicentino p. Paolo Tovo. L urna di san Guido Conforti in visita alle comunità di Parma e Ravenna 3 Nuccia e Carmine (ai lati) con alcuni rappresentanti del gruppo Tabor, ad Ancona

4 GLI INGREDIENTI 2012 MARZO COME LAVORIAMO... Una bella équipe di collaboratori I l nostro mensile Missionari Saveriani arriva ogni mese in oltre 70mila case, dove vivono famiglie amiche che ci accolgono, leggono e seguono con affetto. Solo a pensarci, è davvero emozionante! Non è una rivista pesante, ma solo otto pagine tipo giornale, che cerchiamo di rendere il più possibile... appetitose per tutti: adulti e giovani; ma anche i bambini, quando le mamme e i papà leggono loro qualche racconto o testimonianza dei missionari. Dietro a quelle poche pagine, con parole e foto, c è un bel lavoro di tante persone che lavorano insieme, fino al prodotto finale. è come sedersi a tavola per il solito pasto quotidiano: si fa presto a servirsi e gustare i cibi preparati per noi. Ma se pensiamo a quante persone ci hanno messo mano, dall inizio alla fine, c è da sbalordirsi: quante mani, quanti volti, quante anime in quel bel pane, in quel bicchiere di vino, in quel buon caffè macchiato di latte? Una filiera di volti che non conosciamo e che mai incontreremo, ma che hanno lavorato per noi. I testimoni in prima linea nelle missioni E nella nostra filiera? Altrettanto. Prima di tutti ci sono i nostri missionari sparsi in venti nazioni di quattro continenti, e i loro popoli di adozione in Africa, America latina e Asia. Sono loro in prima fila, che portano il dolce peso della fatica di incontrare le genti, testimoniare la solidarietà e annunciare il vangelo. Sono partiti dalle loro terre, inviati dalle loro chiese: sono gli operai della messe, sempre pronti a dissodare il terreno, a spargere il seme, a irrigare e coltivare con l aiuto dello Spirito Santo che li guida e accompagna. I REDATTORI DELLA PAGINA ZONALE Ogni comunità ha anche un suo redattore o corrispondente, incaricato di raccogliere le fotografie e scrivere i racconti delle attività e iniziative missionarie, svolte sia dai saveriani sia dalle chiese locali. E invia tutto all ufficio di Brescia, in via Piamarta 9. Una volta si spediva per posta, e occorrevano vari giorni; oggi - grazie ai nuovi mezzi di comunicazione - con e internet occorrono pochi secondi. Tutto questo materiale va a finire sull ultima pagina del mensile: a pagina, riservata appunto alle comunità saveriane in Italia. In questo modo Missionari Saveriani ha la caratteristica di presentare ogni mese ai lettori amici - per così dire - sette pagine internazionali e una pagina locale, nelle sue 19 edizioni zonali. Tra Brescia, i saveriani nelle missioni e gli incaricati delle comunità in Italia c è un viavai continuo di scambi e informazioni. È facile immaginare la copiosa corrispondenza che si verifica ogni giorno: un lavoro di... smistamento che ci tiene impegnati dal mattino a notte fonda. A questo si aggiunge il gradevole compito di gestire la corrispondenza con i numerosi messaggi che ci arrivano dai lettori e lettrici da tutta Italia e dal mondo, attraverso la posta normale (in diminuzione), la posta elettronica (in aumento) e anche attraverso il nostro sito web (www.saveriani.bs.it). Insomma, è un piccolo formicaio al suo lavoro giornaliero. Qui sotto, in una bella strisciata, potete vedere i volti e i nomi dei redattori zonali: oltre che a lavorare nell animazione missionaria, si preoccupano anche di fotografare e scrivere, per raccontare la missione a tutti voi. Simpatici, no? PER ESSERE MESSAGGERI DELLA SPERANZA Padre Marcello con Diego alla postazione grafica della redazione: una finestra aperta sul mondo Questi missionari scrivono i loro diari e li inviano alle famiglie e alle chiese di origine; ogni tanto tornano e raccontano le difficoltà e le soddisfazioni incontrate nelle città e nei villaggi: come insegnava a fare Gesù con i suoi discepoli. I loro racconti e le loro riflessioni sono gli ingredienti principali del nostro mensile: le fonti delle nostre notizie sono i testimoni sul campo. Le comunità saveriane e gli amici in Italia Altri testimoni vivono in mezzo a noi, nella nostra Italia, radunati in 19 comunità: missionari con età e ruoli diversi, che vivono, pregano e lavorano insieme. Alcuni si dedicano soprattutto ai giovani, per aiutarli a crescere aperti e sensibili ai problemi del mondo. Altri si recano nei gruppi missionari e nelle parrocchie per fare animazione missionaria con incontri di preghiera, conferenze, ritiri spirituali e confessioni. Altri ancora si dedicano soprattutto alla preghiera e offrono a Dio la sofferenza e l inattività, sempre per il bene dell umanità. In ogni comunità, almeno un saveriano è incaricato di mantenere i contatti con le famiglie dei missionari, con i benefattori e gli amici della zona, come ha voluto il nostro santo fondatore Guido Conforti: siamo tutti spiritualmente legati nell unica grande famiglia che si dedica alla missione. E tutti sappiamo quanto i rapporti di famiglia siano importanti! Ognuna delle 19 comunità saveriane in Italia mantiene un elenco degli amici e benefattori, ai quali viene inviato il mensile di collegamento Missionari Saveriani. Aggiorna gli indirizzi: li completa in modo che rispondano ai criteri delle Poste; aggiunge i nuovi; sospende quelli che non ci sono più. A questo lavoro spesso collaborano anche laici volontari, dedicando parte del loro tempo. Incontro dei redattori di Missionari Saveriani, Brescia il 31 gennaio 2012 LA RICETTA LA RETE DELL INFORMAZIONE Missione di comunicare, da comunicare N LA STAMPA è ANCORA UN MODO IMPORTANTE PER COMUNICARE O ggi i mezzi di comunicazione si sono sviluppati enormemente; sono una delle più importanti nuove frontiere del mondo moderno: luoghi dove avviene l incontro con milioni di persone che altrimenti non potremmo avvicinare; spazi preziosi per un rinnovato annuncio del vangelo. Siamo perciò convinti che il servizio della comunicazione rientri in modo appropriato e forte tra le finalità della nostra famiglia saveriana, e cerchiamo di svolgerlo nella gioia, come piena espressione della nostra vocazione missionaria. Poniamo questo nostro impegno sotto il segno della speranza. In un mondo dove sembra prevalere la logica del elle nostre pubblicazioni ci rivolgiamo a tutti e senza esclusioni. Possiamo definire le nostre caratteristiche editoriali in questo modo: fedeltà all umanità e fedeltà al vangelo. I contenuti: ciò a cui teniamo di più M a n t e n i a m o perciò lo sguardo aperto sulle situazioni umane e spirituali, personali e sociali del mondo, denunciando le situazioni ingiuste, ma facendo conoscere anche i fermenti di bene, segnalando anche modi concreti con cui ciascuno può collaborare al benessere condiviso, specialmente dei poveri e bisognosi. Nostro desiderio è suscitare e alimentare lo spirito universale in ogni individuo e comunità, nella consapevolezza che tutti siamo chiamati a prenderci a cuore il bene degli altri e ad andare sempre oltre le proprie frontiere, iniziando dal proprio ambiente. In questo hanno un ruolo privilegiato le testimonianze di vita concreta. Presentiamo anche il carisma saveriano per farci conoscere dalla gente con cui entriamo in contatto e per invitarla a condi- p. MARCELLO STORGATO, sx potere e della violenza, la nostra fede ci chiede la capacità di offrire ragioni e cammini di speranza, collaborando con quanti s impegnano per un mondo più giusto e fraterno. Come messaggeri della speranza vogliamo comunicarla a chi non la vede, dare voce alle ragioni dei disperati, proporre a tutti un modello di vita capace di solidarietà universale e denunciare quanto vi si oppone. Per una volta, abbiamo pensato di parlarvi di questo nostro modesto strumento per comunicare speranza : il mensile Missionari Saveriani : da come nasce a come arriva nelle vostre case! foto archivio MS / D. Piovani videre la nostra stessa missione. In realtà, ogni racconto della missione contiene anche una chiamata, un appello a vivere con lo stesso spirito e a dedicare agli altri il meglio di noi stessi; e così contribuire a fare del mondo una sola famiglia. I nostri atteggiamenti costanti Tutto questo vogliamo trasmetterlo con alcuni atteggiamenti particolarmente importanti per noi saveriani e per il momento storico che stiamo vivendo. Ci impegniamo a raccontare una missione vissuta con gioia, simpatia e rispetto. Vogliamo comunicare la gioia che nasce dall incontro con Dio, con i popoli e con le culture, svelando la bellezza della vita missionaria. Così l ascolto diventa simpatia e rispetto per le persone e per le realtà che veniamo a conoscere, ammirazione per la ricca umanità dei popoli e per la vita di fede delle giovani chiese. Riteniamo importante presentare la missione con umiltà e semplicità, sentendoci in cammino con tutti e presentando, assieme alle gioie della missione, anche le nostre fatiche e i nostri limiti. Senza però rinunciare al coraggio di denunciare quanto si oppone alla dignità delle persone e dei popoli. Cerchiamo di promuovere un immagine della missione libera dai soliti stereotipi, per privilegiare il primo ed essenziale compito del missionario: l annuncio del vangelo attraverso la testimonianza, la parola, il servizio e la solidarietà. NEL PIATTO PRONTO, SI STAMPI! Come in una catena di montaggio T utto il materiale che arriva dalle missioni e dalle comunità in Italia, qui nell ufficio di Brescia, noi lo raccogliamo in una cartella, mese per mese, e iniziamo l esame dei materiali, prestando attenzione alla qualità dei contenuti e delle fotografie. Sistemiamo i testi e le foto, adeguandoli agli spazi delle pagine; verifichiamo che il linguaggio sia semplice e comprensibile; inseriamo i titoli e i sottotitoli per facilitare la comprensione; prepariamo le didascalie per le foto... Insomma, facciamo quello che si chiama lavoro redazionale. Lavoriamo in tandem A questo siamo impegnati noi due: Diego e p. Marcello. Siamo su due tavoli nello stesso ufficio, davanti ai nostri computer sempre collegati: lui vicino alla finestra che dà sul cortile e sui tetti della città; io verso la porta che dà sul chiostro interno. Mentre il direttore rivede ed esamina gli ultimi dettagli definitivi, Diego si impegna nella grafica, collocando i vari pezzi sulla pagina: ogni cosa a suo posto. Terminato il lavoro di collocamento, rivediamo tutto, pagina per pagina: colori, luci e ombre, allineamenti e veduta d insieme... In totale, 26 pagine ogni mese. Poi stampiamo la prima copia, leggiamo e correggiamo le bozze. Quando tutto è ok, Diego trasferisce tutto in un dvd e si dirige verso la tipografia Camuna, a cinque minuti di strada, in centro città. Il procedimento tipografico Da sinistra: Guglielmo e Samuel nell ufficio grafico della Tipografia Camuna S.p.A. di Brescia Il primo passaggio è al computer di Guglielmo o di Samuel, che prendono visione dell impianto grafico e fanno un ultimo controllo, dando un aggiustatina dove serve, per avere un bel prodotto finale. Poi tutto viene mandato, per via elettronica, alla stampa cianografica (Flexoteam): ne viene fuori una stampata di tutte le 26 pagine come saranno nella realtà. È ancora Diego che si occupa di controllare le copie cianografiche, verificare che non ci siano errori e che tutto corrisponda al prodotto desiderato. A questo punto, si mette la firma, per dare l ok e avviare il processo di stampa. Il lavoro passa quindi in mano ai tecnici che impostano il computer della macchina offset a castelli (un castello per colore) per la stampa a foglio. Così viene fuori il prodotto finito e completo. Il processo viene interrotto 19 volte, per il cambio richiesto dall edizione zonale del mensile. Complessivamente, per la stampa delle oltre 70mila copie di Missionari Saveriani, occorrono quaranta ore di lavoro in macchina, che i nostri tecnici smaltiscono in doppio turno. Finalmente si passa alla spedizione Le copie stampate vengono poi portate all ufficio di assemblaggio, piegatura e spedizione presso La Scuola Editrice, che inserisce gli indirizzi con i conti correnti postali, mette il cel MARZO lophane e porta alle Poste, in due colli distinti, per l invio a tutti voi, destinatari del nostro mensile. Alcune copie vengono portate al nostro centro per essere spedite direttamente da noi: sono le copie destinate ai nostri confratelli nelle missioni e le copie omaggio che noi inviamo specialmente ai famigliari dei missionari che hanno mandato le loro testimonianze. Servono a ravvivare il legame con i testimoni in prima linea e anche per far conoscere ad altre persone e famiglie il nostro impegno missionario, con la speranza di avere nuovi amici e benefattori. A queste spedizioni provvede Giovanni, nostro magazziniere. È noto a tutti che i pagamenti alle Poste vengono fatti puntualmente e prima ancora della spedizione. Non sempre puntuale è invece la consegna a domicilio. Le lamentele sono tante e tutte ragionevoli e motivate. Ma nella situazione attuale non si sa più a chi rivolgersi per risolvere i problemi: c è uno scaricabarile noioso e imbarazzante. Noi continuiamo a sperare che il senso di responsabilità riprenda servizio, anche nel settore delle Poste. Giovanni Bettelli spedisce le copie di Missionari Saveriani ai missionari nel mondo IL NOSTRO IMPEGNO INTERNAZIONALE L impegno dei saveriani con la stampa, evidentemente, non si limita all Italia e al pubblico italiano, né al solo mensile Missionari Saveriani. Dal centro di Brescia, pubblichiamo altre due riviste mensili: Missione Oggi (già Fede e Civiltà ), rivista di approfondimento delle tematiche più importanti e attuali della missione, che esce ininterrottamente dal 1903 (10 numeri di 4 pagine, abbonamento annuale 30 euro). Cem Mondialità, rivista per diffondere i valori della mondialità nella scuola e nella società, che esce dal 1967 (10 numeri di 4 pagine, abbonamento annuale 30 euro). Ma il nostro impegno si allarga in molte altre nazioni del mondo, dove siamo impegnati nella missione e nell animazione missionaria e vocazionale. Così pubblichiamo altre sei testate, simili a Missionari Saveriani, nelle lingue nazionali in Spagna, negli Stati Uniti, in Messico, in Colombia, in Brasile, in Indonesia. Anche le Saveriane Missionarie di Maria hanno la loro bella pubblicazione, per far conoscere lo spirito e lo zelo delle sorelle che vivono e lavorano in dieci nazioni del mondo, annunciando il vangelo e testimoniando la solidarietà secondo il carisma di madre Celestina Bottego e p. Giacomo Spagnolo, e l ispirazione di san Guido Conforti. Sono pubblicazioni periodiche molto apprezzate, con una tiratura complessiva che supera le 250mila copie. C è una bella collaborazione tra i direttori delle varie testate: ci scambiamo i testi e le fotografie e ci aiutiamo a vicenda, come si deve fare in ogni... buona famiglia! ALZANO L. (BG) Mario Giavarini SARDEGNA Dino Marconi DESIO (MB) Stefano Della Pietra MARCHE Serge Tchatché PUGLIA Angelo Berton ROMA Filippo Rota Martir SALERNO Oliviero Ferro VICENZA Luciano Bicego 4 BRESCIA Fiorenzo Raffaini CREMONA Sandro Parmiggiani FRIULI Carmelo Boesso PARMA Francisco Moraes REGGIO CALABRIA Ercole Marcelli ROMAGNA Lino Sgarbossa TAVERNERIO (CO) Lino Maggioni ZELARINO (VE) Franco Lizzit 5

5 6 SUD/NORD NOTIZIE Venti di guerra Siria: ipocrisia e timori. Tavola della pace, di fronte alla drammatica situazione in Siria, ha diramato un comunicato: Ancora una volta siamo costretti ad assistere a un massacro. Quello che sta accadendo da quasi un anno è insopportabile. Ma ancora più insopportabile è dover prendere atto dell ipocrisia delle democrazie occidentali. Niente di quello che si doveva fare per prevenire questo bagno di sangue è stato fatto. E non solo in Siria, ma anche in Yemen, Bahrein, Palestina, Somalia, Sudan, Libia, Kosovo, Cecenia.... In quest assurdo conflitto i cristiani non c entrano, ma sono proprio loro che un domani, in qualità di minoranza, potrebbero esser chiamati a pagare il prezzo più alto. Lo dice un religioso che spiega come da Homs la maggior parte dei cristiani sia già andata via. Sudan: patti veri? I governi di Juba e Khartoum avrebbero raggiunto un accordo sul trasferimento di oltre 300mila cittadini sud-sudanesi e firmato un patto di non aggressione. L intesa prevede il rispetto della rispettiva sovranità e dovrebbe porre fine alle accuse di soste- MISSIONI NOTIZIE Numeri e bambini Sudafrica: bambini non nati. Sono passati quindici anni da quando l aborto è stato legalizzato in Sudafrica. Da allora si stima che a oltre un milione di bambini sia stato negato il diritto alla vita. La legge era nata per combattere gli aborti clandestini, ma i vescovi denunciano che su quasi ogni palo della luce ci sono manifesti che reclamizzano aborti sicuri e indolori. Tutti noi, genitori, insegnanti, membri della chiesa, dobbiamo capire quello che una ragazza attraversa quando si rende conto di essere incinta. Ha bisogno del nostro amore, del nostro sostegno, della nostra comprensione e, talvolta, del nostro perdono. Indonesia: bambini islamizzati. Un migliaio di bambini cattolici di Timor Est, sottratti alle loro famiglie oltre dieci anni fa, sono trattenuti con la forza in Indonesia, convertiti all islam e istruiti in collegi islamici nell area di Giava occidentale. Sono in mano a educatori musulmani che si rifiutano di riconsegnarli alle loro famiglie. Casi come questo mostrano come i rapporti fra politica e religione abbiano un serio impatto sulla libertà dei cittadini, soprattutto delle minoranze. L area di Giava occidentale ne è un esempio: gruppi musulmani vogliono 2012 MARZO Agire bene e in fretta! gno a gruppi ribelli attivi lungo le frontiere. Quanto durerà? Oleodotti in Africa. Etiopia, Sud Sudan e Gibuti hanno sottoscritto un accordo per la costruzione di un oleodotto che dovrebbe collegare i tre paesi, permettendo a Juba di esportare il suo petrolio senza utilizzare i condotti di Khartoum. Allo stesso modo, Sud Sudan e Kenya hanno trovato l accordo per la costruzione di un oleodotto che consentirebbe al petrolio di raggiungere i mercati internazionali senza passare per la capitale del Nord Sudan. Non è democrazia Congo RD: marcia repressa. Mentre il risultato delle elezioni è ancora incerto, il movimento Nuova società civile congolese (NSCC) ha denunciato la repressione della marcia dei cristiani, tenutasi il 16 febbraio a Kinshasa. Scesi in strada per esprimere il malcontento in maniera pacifica e per segnalare come i risultati delle elezioni fossero in contrasto con la giustizia e la verità delle urne, i manifestanti hanno trovato la reazione violenta della polizia: sono stati arrestati preti, imporre regole ispirate alla sharia (la legge islamica). Novità e iniziative Sierra Leone: compleanno speciale. È stato celebrato il 50 di fondazione della diocesi di Makeni, in Sierra Leone. I quattro pionieri saveriani (Azzolini, Calza, Olivani e Stefani), giunti in Sierra Leone l luglio 1950, si diedero subito da fare e, in due anni, la zona loro assegnata divenne una Prefettura apostolica. A guidarla fu chiamato proprio p. Azzolini. Il 24 febbraio 1962, la prefettura fu elevata a diocesi. Mons. Azzolini resse e guidò questa giovane chiesa missionaria fino al 17 novembre 196, dando un forte impulso all alfabetizzazione e all assistenza sanitaria. Gli successe mons. Giorgio Biguzzi, che ha da poco concluso il suo incarico. Invitiamo i lettori, dotati di computer e internet, a consultare la MISNA (Agenzia missionaria di informazione) per allargare la mente al mondo intero: Visitate anche il nostro sito per leggere tutte le notizie, le testimonianze e le proposte del nostro mensile, comprese le edizioni locali e la versione in formato pdf. Infine, segnaliamo il rinnovato sito della Direzione generale dei saveriani: pagina a cura di DIEGO PIOVANI suore, attivisti dei diritti umani e sono state chiuse tre stazioni radio. Questa grave violazione della libertà di manifestazione e parola mette in pericolo il processo democratico in Congo. Ciad: armi e non sviluppo. L ong Terre solidarie in un rapporto denuncia il forte aumento del trasferimento di armi nel Paese africano dal 2004 al 2010, in violazione dello spirito della legge del 1999 che stabiliva che una parte consistente delle risorse petrolifere del Paese dovessero essere impiegate a fini sociali. Questa legge non è stata mai applicata. La proliferazione delle armi, soprattutto di quelle leggere, ha inoltre accresciuto la violenza tra le comunità locali, mentre permane il grave problema di mine e ordigni inesplosi. Maldive: paradiso e inferno! Gli abitanti delle Maldive dovrebbero ispirarsi ai movimenti della primavera araba e orientarsi verso un sistema laico, che tuteli i diritti umani e la libertà religiosa. Lo afferma John Dayal, intellettuale cattolico, difensore dei cristiani nel subcontinente indiano. Il rischio è che Alcuni saveriani con una scolaresca di studenti indonesiani: il dialogo è possibile Italia: nuovo direttore Caritas. È mons. Francesco Soddu, della diocesi di Sassari, il nuovo direttore di Caritas Italiana. Con spirito di fiducia inizio questa nuova avventura sentendomi, come Abramo, sradicato dalla mia amata terra per continuare il servizio in altro posto, ma sempre nell unica amata chiesa di Cristo. Mons. Soddu, 52 anni, dal 2005 era direttore della Caritas di Sassari. Succede a mons. Vittorio Nozza, che ha diretto la Caritas Italiana per undici anni. Grazie a chi lascia e buon lavoro a chi arriva. Non chiudete quelle sedi! Anche i saveriani hanno aderito alla campagna di Tavola della pace per chiedere alla Rai di non chiudere le sedi di corrispondenza a Nairobi, Beirut, Istanbul, Nuova Delhi, Buenos Aires, Mosca e il canale Rai Med. Chiudere è contrario agli interessi dell Italia e degli italiani che devono essere messi nelle condizioni di affrontare da protagonisti le grandi sfide del nostro tempo. Le sedi di corrispondenza Rai non sono il mondo in casa nell arcipe- lago si insedi un nuovo potere non democratico. Questo potrebbe portare a un peggioramento nel campo dei diritti umani e delle libertà individuali, già molto limitate. Le Maldive sono uno stato islamico che vieta le chiese, il culto cristiano e le Bibbie. Un paradiso per i turisti, un inferno per i cristiani. MESSAGGIO ALLE CHIESE LA BIBBIA MEGLIO DELL ODISSEA mons. BRUNO MAGGIONI Il biblista mons. Bruno Maggioni ha compiuto 0 anni e ha fatto il bilancio del suo percorso di studioso. Il vangelo è il vangelo, predicarlo di questi tempi significa tirare fuori qualcosa che ha senso oggi. Il vangelo non parla di internet, ma dell uomo, della sua speranza, delle sue paure e angosce, della sua capacità di amare o di fare soldi. La gente va in chiesa la domenica, ma deve sentire una predicazione che possa interessare durante la settimana, non semplicemente mentre si ascolta la Messa; uno deve uscire dicendo: Ho ascoltato delle cose e le tengo buone per vivere, per giudicare e per fare delle scelte. Questo è il vangelo! Il mondo ha tanti problemi, ma osservandolo alla luce del vangelo quelli decisivi sono sempre gli stessi: che senso ha l uomo? Perché esiste? Cosa vuol dire vivere o morire? Cosa vuol dire educare alla solidarietà? Lì dobbiamo puntare l attenzione, solo così possiamo essere ascoltati. A volte immaginiamo i comandamenti come quelli di un padrone che ti fa lavorare a vantaggio suo e tu soffri. Non è così. Sono contento di avere una proposta di vita sana e umana; non inventiamo cose inutili. Ci sono preti che non delegano ai laici perché devono agire, pensare solo loro È importante, invece, sentire cosa dicono gli altri, magari mettendo in discussione le proprie certezze. Un povero prete fa una miriade di cose, ma non ha più tempo per parlare con le persone. Se un prete o un vescovo va sempre in macchina e non cammina per le strade come fa a incontrare la gente? Vorrei che i laici mi aiutassero a incontrare Dio nella vita e nel mondo, nella quotidianità dei rapporti. La loro storia possa servire ad approfondire il vangelo per testimoniarlo a tutti. Mi sarebbe piaciuto insegnare la Bibbia nelle scuole, come si fa con l Iliade e l Odissea. Nella scuola italiana, europea, si studia il greco perché è nelle nostre radici, ma lo è anche il pensiero giudeo-cristiano. Per insegnare la Bibbia bisogna farlo molto bene e sono sicuro che piacerebbe agli studenti almeno quanto i grandi classici. Molti pensano che sia un libro per preti e monaci, invece è un testo di alta letteratura. uno spreco, ma un investimento strategico. Non vanno chiuse ma sostenute da nuovi spazi nei palinsesti quotidiani, capaci di portare in primo piano la vita delle persone e dei popoli. Per aderire: Una storia speciale Dal campo nomadi a San Remo. Eduard, Ciprian e Luigi sono adolescenti che hanno imparato a suonare il violino per strada. Il cantautore Eugenio Finardi li ha voluti accanto a sé sul palco del Festival di San Remo. Fanno parte del Piccolo Ensemble Futuro, del Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano. Grazie alla collaborazione fra l istituto e la Casa della carità di don Colmegna, 23 ragazzi rom stanno vivendo da un anno e mezzo un progetto di integrazione attraverso la musica. Eduard Ion, 15 anni, dice: Il Festival è un sogno, come quello di dare un futuro migliore alla mia famiglia grazie alla musica. Come lui la pensa anche Luigi Nicolae, 17 anni: Mio nonno mi ha insegna- In Siria si combatte ancora, si muore ancora e i cristiani si sentono in pericolo; invitiamo tutti alla preghiera, nel mese in cui si celebra la Giornata dei missionari martiri (24 marzo) Eugenio Finardi ha portato a San Remo tre violinisti rom to a suonare il violino e ora che frequento il Conservatorio piange dalla felicità. Ciprian Badeano, 22 anni e già tre figli, racconta: Sono stato notato mentre suonavo in metro Io, comunque, lavoro per mantenermi. Don Colmegna spiega: È un lavoro concreto di integrazione attraverso la cultura. Finardi ha fatto da trascinatore. Per vedere il video dell esibizione: ated

6 lettere al direttore p. Marcello Storgato MISSIONARI SAVERIANI Via Piamarta Brescia Pagina web: saveriani.bs.it/missionari_giornale LE DONNE DI MISSIONARI SAVERIANI Care lettrici, cari lettori, questa volta devo proprio lasciare un po di spazio alle tante donne, affezionate a noi missionari, che ci... pedinano dovunque con il loro affetto e ci accompagnano con la loro preghiera e generosità. Accolgono il nostro mensile a casa, lo leggono e ne fanno buona propaganda. Mi sembra di vedere le tante donne che accompagnavano nostro Signore per le strade della Palestina, prendendosi cura di lui e dei suoi discepoli. A nome dei missionari, ho solo una parola: Grazie! Voi siete le nostre madri e sorelle. p. Marcello, sx Caro direttore, siete ogni giorno presenti nel lieto ricordo e soprattutto nella preghiera per tutta la vostra comunità. Tramite Missionari Saveriani partecipo con gioia a tutte le cose belle che state facendo per il bene di tutto il popolo di Dio. Il Signore, anche per l intercessione del vostro santo fondatore, vi accompagni con ogni grazia e benedizione, perché il vostro apostolato missionario sia fecondo e sempre amato da tutti. Colgo l occasione per dire grazie a te e a quanti collaborano per il contenuto del mensile, molto atteso e gradito da tutti. Il mondo ha bisogno della Parola di Dio, di verità e giustizia. Grazie! M. Lucis, figlia di San Paolo - Trento Oggi ho ricevuto il giornale Missionari Saveriani : grazie, grazie! È davvero interessante e appetitoso avere tra le mani una panoramica sulla testimonianza dei missionari nelle varie parti del mondo. Tra i tanti articoli, mi incuriosisce sempre la rubrica Lettere al direttore ; condivido le sue risposte. Chiedo scusa per non aver ringraziato per il prezioso dono del Calendario. Il pensiero riportato ogni giorno aiuta a vivere la santità quotidiana insieme a san Guido Conforti. Più volte ne ho fatto l esperienza: leggendo il pensiero, l ho interpretato come risposta alla situazione che stavo vivendo. Sono briciole di cielo che appagano le varie circostanze della vita quotidiana, e ve ne ringrazio. Sento un po la mancanza della storia narrata a fumetti, che era affascinante. Chiedo la benedizione e una preghiera, Ernesta, Cormons - Gorizia Nostra madre Maria, ora in paradiso, ha sempre trovato tempo da dedicare al Signore, agli altri e ai missionari. Per lei la preghiera aveva grande importanza; e altrettanto importante era il lavoro: un giorno cuciva pantaloncini per i bambini poveri, un altro preparava i pacchi, un altro ancora scriveva a qualche missionario Così raggiungeva terre lontane. Anche dal paradiso continuerà a vegliare sui missionari. E noi, suoi figlie e figli, continueremo a leggere il vostro giornale, ricco di interessanti notizie dal mondo e gli articoli del direttore, mai convenzionali e sempre ricchi di stimoli e approfondimenti. Le missioni hanno sempre fatto parte della vita di nostra madre e continueranno ad avere un posto importante nella nostra. Con i migliori saluti, vi ringraziamo, Grazia, Sarnico - Bergamo STRUMENTI D'ANIMAZIONE PER I PAPà di oggi, ieri e domani La meraviglia di un sorriso. Il mio primo anno da papà, di Roberto Allegri (ed. Paoline, pp.175, 14,50). È un diario dell esperienza più sconvolgente che si possa immaginare. Si dice - scrive l autore - che avere un bambino cambia la vita. Non è vero, non la cambia. La stravolge, la rivolta, la trasforma, l abbatte completamente per riedificarla. Roberto Allegri racconta la sua esperienza da cronista, senza ideologie né insegnamenti: solo emozioni, riflessioni, pensieri di 365 giorni totalmente nuovi. Un bel regalo per la festa del papà : i papà novelli, ma anche i papà di ieri (ormai quasi nonni) chiamati a un confronto generazionale. E anche le donne, leggendo, potranno capire sensazioni e pensieri dell altra metà, davanti al frutto del loro amore. Richiedere a: Libreria dei popoli, Brescia Tel int. 2; Fax ; solidarietà DIALOGO E SOLIDARIETÀ I MISSIONARI SCRIVONO Anche in Bangladesh il fascino della Bibbia Padre Enzo Valoti durante la presentazione della mostra sulla Bibbia nel 2009 BURUNDI: FORMARE I GIOVANI ALLA PACE Ecco una proposta dal Burundi, paese tra i più poveri dell Africa. Non chiedo aiuti per costruzioni, ma per i campi di lavoro e formazione dell estate 2012, organizzati dal Centro Giovani Kamenge (CJK), per ripristinare pace e riconciliazione tra i giovani burundesi. Lavoriamo con i giovani per imparare a vivere insieme. Da 12 anni durante l estate, mettiamo insieme cinque campi di lavoro e formazione con giovani: quattro ore di lavoro per costruire mattoni e due ore di formazione su temi importanti. È un esperienza di inserimento nei quartieri, di vita insieme, di contatto con giovani di altre culture. Alla fine, diamo a ognuno dei partecipanti un pacco di materiale scolastico, utile per l anno seguente, a scuola. Ci occorrono 3 euro al giorno per giovane: per procurare il materiale di lavoro, un pasto giornaliero, le sessioni di formazione e il materiale scolastico. Noi ci impegniamo a raccogliere dai giovani almeno una parte dei costi; ma abbiamo bisogno di aiuto per circa euro. È un lavoro molto impegnativo e importante, della durata complessiva di tre mesi, che prepara donne e uomini nuovi per l Africa. A nome di tutti i giovani, grazie! p. Claudio Marano, sx - CG Kamenge, Bujumbura Anche quest anno abbiamo allestito la Bible mela - l esposizione della bibbia nella nostra missione di Satkhira, in Bangladesh. L ho inaugurata dopo la Messa di mezzanotte a Natale. Il numero delle bibbie esposte in lingue diverse ormai supera la cinquantina... Ma è una buona occasione per far conoscere e far acquistare la bibbia in bengalese, in tutte le edizioni disponibili. C è anche un Nuovo Testamento in bengalese e inglese, che attira l attenzione soprattutto dei giovani delle scuole. Sono esposti anche i libri scritti e pubblicati dai saveriani (ad esempio, p. Silvano Garello e p. Marino Rigon), i mappamondi gonfiabili e cartine geografiche del mondo. Un banchetto è dedicato anche agli oggetti religiosi: corone del rosario, crocifissi, medaglie e immagini, che piacciono alla nostra gente. Per attirare il pubblico, abbiamo organizzato un programma con musiche e canti popolari, con gruppi composti da cristiani, hindu e musulmani. Così la gente (tanta!) viene per sentire i canti e insieme trova a portata di mano anche la bibbia. Sarebbe bello presentare temi specifici della Bibbia con cartelloni e scritte, per renderla ancora più eloquente per i visitatori. Ma per ora non riesco a farlo, e mi accontento di dare alla gente l idea dell universalità della bibbia e del suo messaggio per tutti: in tutto il mondo milioni di persone la leggono e la prendono come base per la loro fede. Di fatto anche vari musulmani la comprano, magari avvolta in un giornale per non farsi vedere dagli altri... p. Enzo Valoti, sx - Satkhira, Bangladesh Amazzonia: la fatica di fare fagotto a ottant anni Cari amici, ancora una volta ho dovuto... fare fagotto. E non è semplice a ottant anni: mettersi a fare le valigie è una pena. Ma devo accettare la volontà di Dio; non posso tirarmi indietro adesso che sono vecchio. Non sarebbe la migliore preparazione per la vita eterna. Il nostro superiore p. Pino Leoni mi vuole con sé come rettore ed economo della casa saveriana, nel quartiere vecchio della città di Belém, in modo che lui possa essere più libero per visitare i confratelli, distanti anche mille chilometri, per stare più vicino a loro, che sono i più coraggiosi e i più esposti a pericoli. Padre Raffaele Bartoletti mi ha dato le chiavi della casa ed è partito per la parrocchia di Concordia, per servire la gente insieme a p. Meo Elia. Sono qui dall febbraio. Domenica i confratelli di Belém sono venuti a farmi festa: una cosa simpatica e fraterna, incoraggiante per il giovane rettore, che è qui solo per obbedienza. Ad ogni modo, mi sono già ambientato e sono contento perché i missionari mi vogliono bene e sono disposti ad aiutarmi quando ne ho bisogno per i vari servizi. Per esempio, è arrivato il santo padre Dante Mainini, sordo come una campana, per farsi regolare l auricolare. Ho chiamato p. Matteo, che è andato con lui e p. Dante è rimasto contento. Cercherò di essere accogliente e fraterno con tutti coloro che vengono nella nostra casa per riposarsi e respirare un po di aria saveriana. Ce la farò? Lo Spirito Santo e la Madonna di Guadalupe mi faranno compagnia. Se venite anche voi, vi farò festa. Pregate per me; vi abbraccio fraternamente, p. Marcello Zurlo, d Amazzonia Festa di benvenuto a Belém per p. Marcello Zyurlo, nuovo rettore della casa saveriana piccoli progetti 3/ BURUNDI Centro giovani Kamenge I giovani sono sempre importanti, per l oggi e per il futuro della missione. In Burundi, il Centro Giovani Kamenge è un modello e un gioiello di formazione giovanile. Ogni estate organizza cinque campi di lavoro e formazione. è gradito l aiuto per circa euro. Responsabile del progetto è il saveriano friulano p. Claudio Marano. 2/ RD CONGO Sale polivalenti a Luvungi Nella grande missione congolese di Luvungi, 5 comunità ecclesiali di base hanno bisogno di una sala polivalente decente e duratura per favorire la preghiera, la scuola e la vita sociale. Ogni sala richiede circa euro, oltre al contributo della gente. Possiamo contribuire. Responsabili del progetto sono i saveriani p. Sanfelice e fratel Gregato. Chi desidera partecipare alla realizzazione di questi progetti, può utilizzare l accluso Conto corrente postale, oppure può inviare l offerta direttamente al C/c.p , intestato a: Procura delle Missioni Saveriane, Viale S. Martino PARMA oppure bonifico bancario su C/c CARIPR&PC - Ag. 6, via Farini 71, Parma IBAN IT6 P Si prega di specificare l intenzione e il numero di Progetto sul C/c.p. Grazie.

7 ALZANO ALZANO L. BG - Via A. Ponchielli, 4 Tel Fax C/c. postale Al saveriano p. Luigi Arnoldi Il premio Giovanni XXIII alla memoria S abato 10 dicembre a Bergamo, nella chiesa di S. Alessandro in Colonna, è stato eseguito l annuale concerto di Natale Tradizione dal mondo, con la consegna del premio Beato Giovanni XXIII. L importante riconoscimento è stato consegnato a tre bergamaschi che si sono distinti per la loro testimonianza di vita missionaria nel mondo. Uno dei tre premi è stato assegnato alla memoria del saveriano p. Luigi Arnoldi, nativo di Brembate, morto in un incidente stradale il 13 agosto Padre Luigi era in Italia per le vacanze e sarebbe tornato in Burundi all inizio di settembre. Gli altri premiati sono sr. Vittoria Magni, orsolina missionaria in Bolivia, e mons. Mario Maffi, fidei donum in Bolivia e a Cuba. Il ritorno al primo amore Padre Luigi era entrato nell istituto saveriano quando già aveva 19 anni. Era un missionario convinto. Alla vigilia della professione perpetua ai superiori scriveva così: Sono pronto a rispondere in modo totale alla chiamata di Dio, ad amarlo sopra ogni cosa e a dare il mio contributo affinché in Per una cittadinanza condivisa Il vescovo firma documento delle Acli D omenica 15 gennaio il vescovo mons. Francesco Beschi ha parlato sul tema Migrazioni e nuova evangelizzazione, nella chiesa parrocchiale di Seriate, durante la celebrazione Eucaristica diocesana per la giornata mondiale del migrante e del rifugiato. Le letture e i canti sono stati eseguiti in sette lingue diverse. Le parole del vescovo sono state molto chiare. Amore e giustizia contro la crisi In questo momento in cui alcuni beni che sembravano sicuri e garantiti vengono meno, ci accorgiamo che non bastano i beni materiali. Questo lo dico agli italiani e alle persone provenienti da Paesi diversi dal nostro. La crisi attuale è morale e spirituale. Per troppo tempo si è pensato solo ai valori di incremento economico, sottovalutando i beni non misurabili, come quelli spirituali e morali che garantiscono anche i beni materiali. C è bisogno di amore, giustizia, riconoscimento di diritti e doveri, cittadinanza condivisa: condivisione non soltanto di lingue e culture, L indimenticato p. Luigi Arnoldi ma di ciò che ci rende più umani. Soltanto così si farà fronte alla crisi e si darà un futuro ai nostri figli. Tanti bergamaschi soffrono per la crisi del lavoro, ma invito a non dimenticare le persone e le famiglie di altre nazioni. Testimoniare la fede Riprendendo questo tema, scelto da papa Benedetto XVI, mons. Beschi ha sottolineato che le grandi migrazioni mondiali sono una provocazione per i nostri Paesi di antica tradizione Mons. Francesco Beschi aderisce alla raccolta firme delle Acli che chiedono la cittadinanza per i figli degli immigrati nati in Italia (foto di Frau K13) p. MARIO GIAVARINI, sx mezzo agli uomini, specialmente i più poveri, cresca il suo Regno di giustizia e di pace. Dopo la sua ordinazione, fu destinato alla missione in Burundi dove rimase fino al 193, quando fu espulso dal Paese assieme ad altri saveriani. Fu un esperienza bruciante per lui. Ma non per questo abbandonò l amata Africa. Nel 194 partì per il Congo, dove lavorò per cinque anni. Imparò la lingua swahili e studiò la cultura lega. Nel 1990 i superiori lo richiamarono in Italia, per essere rettore della comunità di Alzano e poi animatore missionario a Udine. Nel 1997 tornò di nuovo in Burundi, dove fu impegnato come docente in seminario, come superiore dei saveriani della regione e infine come formatore dei giovani saveriani del Burundi. Rimanere nel suo amore in ogni momento La vita di p. Luigi può essere cristiana. La presenza di tante persone di diverse nazioni ci provoca a rinnovare la nostra fede, a testimoniarla e a proporla - senza imporla - a chi non è cristiano. Questo è un compito dei credenti italiani, ma anche dei cristiani provenienti da nazioni diverse. Infine, ha rivolto un appello alle persone straniere: Custodite la vostra fede anche qui da noi. Non fatevi imbrogliare dal materialismo diffuso nella nostra società. Lo dico soprattutto ai più giovani, che sono anche quelli più esposti a lasciarsi affascinare da questo aspetto della nostra società. L Italia sono anch io Prima della Messa, il vescovo ha firmato l iniziativa delle Acli L Italia sono anch io, destinata a sostenere due proposte di legge di iniziativa popolare, per riconoscere la cittadinanza italiana a chi nasce in Italia e il diritto di voto ai cittadini immigrati che risiedano in Italia. Per aderire vedi il sito: Il premio Giovanni XXIII per p. Luigi Arnoldi è consegnato dal vescovo alla nipote Gabriella; la somma sarà devoluta all orfanotrofio di Kajoga, per continuare l opera iniziata dal compianto missionario in Burundi riassunta molto bene da una lettera che egli scrisse al superiore generale nel So per esperienza che amare veramente le persone non è cosa facile. Sento tutta la mia incapacità e povertà. Non possiedo in proprio ciò di cui voglio disporre per donarlo agli altri. Allora, non mi rimane che tenere sempre davanti agli occhi e mettere in pratica l invito di Gesù: «Rimanete nel mio amore». Non c è altra soluzione se voglio veramente amare come lui ama e come l amore esige. «Rimanere nel suo amore» è amare lui prima di tutto come valore assoluto, cosicché amare Gesù è fondamentale se voglio amare i fratelli... Non si può, infatti, amare concretamente Gesù che nel suo corpo, che sono i fratelli. Così si ama Cristo, punto di partenza e di arrivo di ogni altro amore, e non si corre il rischio di amare i fratelli in modo disordinato e, quindi, di non amarli per nulla. Ciò sembra un puro ragionamento, ma per me è una specie di sintesi che mi fa fare un passo avanti verso l unità tra l amore di Dio e del prossimo, in un unico gesto. Sento che questo passo avanti nella riflessione mi dà serenità e, quindi, è un passo verso la verità dell amore, così difficile da vivere in modo vero. Rimane, tuttavia, la parte più difficile: quella del quotidiano, in cui mi è data la possibilità di amare Cristo e il fratello in modo concreto e unitario. Bisogna che mi dia da fare, dunque, in tutte quelle occasioni d incontro che la giornata mi offre, magari anche cercando delle opportunità, andando incontro al fratello nelle sue necessità, prestando attenzione a chi mi è accanto o a chi mi passa accanto. QUALCUNO LASSù CI AMA Cadere dalla moto e svegliarsi sulla sedia RENZO VALOTI Mercoledì 25 gennaio, come di consueto, lo zio si stava recando in moto al villaggio di Rogonnathpur, a 30 chilometri dalla missione di Satkhira, in Bangladesh, per celebrare la Messa. Era mattino presto: nebbia fitta e strade viscide. A poca distanza dal villaggio un dosso (non segnalato) gli ha causato una brutta caduta. Padre Enzo ha perso momentaneamente conoscenza, tanto che al risveglio si è trovato seduto su una sedia, sulla soglia di una casetta abitata da musulmani che per primi l avevano soccorso. Nel frattempo, viene avvisato p. Gabriele Spiga che da Bagachara, con la sua vecchia jeep, lo ha portato fino all ospedale di Khulna (due ore di viaggio). Qui lavorano alcuni medici italiani che hanno Padre Enzo Valoti non ha perso riscontrato fratture alle coste e alla spalla il sorriso, nonostante destra. Ma ciò che più preoccupava era un l incidente in motocicletta ematoma alla testa, per cui hanno deciso di trasportarlo, tramite elicottero, fino a Dhaka, allo Square Hospital, una struttura all avanguardia. Le prime notizie erano poco tranquillizzanti, ma per grazia di Dio la situazione, se pur lentamente, è migliorata. Il 29 gennaio ho potuto sentire di nuovo la sua voce e il suo solito: Sto benone!. È stato per tutti un grande sollievo. Sottoposto a nuovi esami e controlli, ora sta osservando un periodo di riposo e di recupero nella casa dei saveriani a Dhaka. Queste notizie me le ha date lui stesso, via cellulare, dopo essere stato dimesso dall ospedale. Anche questa volta Qualcuno ha guardato da lassù, malgrado la nebbia. Grazie a Dio, a chi si è preso cura di p. Enzo e a coloro che ci hanno tenuto informati sulle sue condizioni.

8 BRESCIA BRESCIA BS - Via Piamarta, 9 Tel Fax C/c. postale I migranti del vangelo La storia dei missionari Camuni in un libro S intitola Migranti del vangelo. Dalla Valcamonica al mondo. È il nuovo volume dei Quaderni di Brixia Sacra (stampato a ottobre 2011), edito insieme da Associazione Gente camuna, Associazione per la storia della chiesa bresciana e Fondazione Civiltà Bresciana. Uno studio completo Nella presentazione si legge: Quando nell ottobre del 2004 venne organizzato il convegno di studio dedicato all emigrazione in Vallecamonica, non si mancò di sottolineare la necessità di riflettere anche su quel fenomeno migratorio, ponendo attenzione a quegli aspetti che chiamano in evidenza la fede cristiana, la sua proclamazione, la sua diffusione. I migranti del vangelo, a partire da metà ottocento in poi, hanno trovato spazio così in un inedita e stimolante ricerca, curata da Simona Negruzzo e Sergio Re. Proprio quest ultimo, un paio d anni fa, era venuto nella nostra redazione per illustrarci il bel progetto, in cui sarebbero stati presentati anche i saveriani Camuni, vivi e defunti. È nata così una bella collaborazione, che ci ha arricchito reciprocamente e i cui frutti si possono trovare da pagina 200 a pagina 226 di un libro importante, tanto da contare più di 400 pagine e circa trenta congregazioni: uno studio completo e aggiornato. Iniziativa di solidarietà 2012 Un occasione di bene che vale il doppio A l ideale missionario. La buona stampa, infatti, ha bisogno di sostegno, perché è uno strumento fondamentale e insostituibile, specialmente ai nostri tempi. A volte, invece, viene considerata da alcuni come un di più superfluo, rispetto al vero lavoro dei missionari. Noi ci crediamo e per questo lavoriamo tutto l anno, insieme ai nostri collaboratori, facendo uscire ben tre riviste mensili: Missionari Saveriani, Missione Oggi e Cem Mondialità. Mettiamo a disposizione del pubblico anche gli strumenti audiovisivi e tanti libri e volumi, per approfondire i temi importanti del mondo attuale. Riteniamo importante diffondere e far circolare il più possibile le nostre riviste e i nostri prodotti culturali, perché si crei un opinione convinta e si rafforzi l ideale missionario; perché il pubblico possa leggere notizie e testimonianze che purtroppo non si leggono nei quotidiani, non si racconvrete certamente notato che, insieme al numero di febbraio di Missionari Saveriani, è arrivata una busta con il piccolo foglio che illustra l iniziativa di solidarietà del 2012 e i biglietti per l estrazione a premi. È stato scelto ancora il periodo quaresimale per lanciare questa proposta, giunta alla sua terza edizione e che ha come titolo: Costruiamo insieme la città dell uomo. La buona stampa è importante I saveriani di Brescia desiderano sensibilizzare lettrici e lettori, amici e conoscenti sull importanza dell informazione per DIEGO PIOVANI Sei saveriani e una saveriana Dopo una breve presentazione di mons. Conforti e un po di storia della congregazione, si raccontano le vicende di sei saveriani e di una saveriana. Sono il compianto p. Pietro Grappoli e suo fratello p. Francesco (Esine), rispettivamente missionari in Indonesia e negli Stati Uniti; p. Battista Pedrotti (Cortenedeolo), attualmente in Congo RD; p. Mario Tognali (Esine), missionario in Brasile; p. Giacomo Rigali (Borno), ora nelle Filippine; fratel Bruno Menici (Temù e Castegnatese d adozione), impegnato in Sierra Leone. C è anche la saveriana Ines Frizza (Garda di Sonico), Camuna doc e attualmente superiora generale della congregazione. p. MARIO MENIN, sx tano nei tg, e nemmeno nei programmi delle infinite emittenti del digitale terrestre. Un gesto di convinta amicizia Di solito, in un periodo di crisi, i primi tagli si abbattono sulle numerose pubblicazioni che arrivano nelle nostre case, con il rischio di fare di tutta l erba un fascio. Non nascondiamo che il vostro sostegno è vitale: è ossigeno, anche per il nostro... morale. Sapere che siamo letti e apprezzati, o che qualche articolo è fonte di discussione e di critica, ci indica che siamo sulla strada giusta, perché l indifferenza è peggiore di qualsiasi giudizio. Ecco perché vi chiediamo di partecipare alla nostra iniziativa Costruiamo insieme la città dell uomo. In che modo? Nella busta di febbraio trovate cinque biglietti per voi e per gli amici: compilateli con nome, indirizzo e recapito telefonico; tenete la parte da conservare, e mandate al nostro indirizzo la parte da spedire, entro il 25 maggio. Se desiderate altri biglietti da diffondere, telefonate a p. Marco ( ). Vi invitiamo anche alla festa finale del 10 giugno, alle ore 16, per partecipare alla Messa in memoria di p. Pietro Marchesi e degli altri amici defunti, a cui seguirà l estrazione dei premi. Annotatelo subito sul vostro calendario: la vostra presenza è per noi di grande valore! Il volume è impreziosito dal saluto del cardinal Re, un figlio della Valcamonica (Borno), che scrive: Il motivo ispiratore che ha animato le splendide figure di religiosi missionari e missionarie o di laici volontari era innanzitutto di ordine religioso, cioè portare a tutti il messaggio di Cristo e dare testimonianza di amore cristiano, seminando il bene, ma sempre accompagnato da un serio impegno di promozione umana e sociale. La fotografia in copertina La Valcamonica, terra dispensatrice non solo di braccia e di intelligenze, ma anche di missionari e di carità, ha trasformato l evangelizzazione in un cammino di umanità per l umanità. Oltre duecento tra uomini e donne hanno portato con sé un patrimonio fatto di tenacia, coraggio e operosità, trasferendo molte delle virtù della terra di origine nei luoghi di missione, ha affermato Giuseppe Camadini, presidente della fondazione Camunitas. Mentre Giovanni Donni, presidente dell associazione per la storia della chiesa bresciana afferma che in queste pagine non c è solo la memoria di un positivo passato, ma si colgono pure lampi di luce su un futuro altrettanto ricco di positive La copertina del libro sui missionari Camuni che comprende anche la storia umana e religiosa di sei saveriani e una saveriana promesse e situazioni. Per la copertina è stata scelta un immagine dell archivio fotografico dei saveriani: alcuni missionari della prima ora a Henan in Cina, sulla linea ferroviaria tra Chegchow e Luoyang, negli anni venti. I saveriani di Brescia sono grati a Sergio Re per l opera realizzata e sono orgogliosi che alcuni di loro abbiano contribuito a ingrossare le fila della chiesa bresciana che conta numerosi servi fedeli del vangelo nel mondo. Il volume può essere richiesto all Associazione per la storia della chiesa bresciana, in via Gasparo da Salò (tel ). BRESCIA, CHIESA MISSIONARIA In cammino verso il sinodo diocesano p. MARCELLO STORGATO, sx A pieno ritmo sta andando avanti il lavoro di preparazione al prossimo sinodo della diocesi di Brescia, che si concentrerà sulle cosiddette unità pastorali : un modo per rendere più attiva ed efficace la collaborazione ecclesiale a tutti i livelli. Sono stati diffusi i sussidi per la riflessione e la consultazione: Comunità in cammino, le schede per la catechesi, i moduli da riempire individualmente o in gruppo. Tutto è reperibile sul sito della diocesi: All inizio di ogni scheda c è un monito: Nella consultazione non viene chiesto che cosa ciascuno preferisca, ma che cosa ciascuno - ponendosi sotto lo sguardo di Dio - ritenga più giusto per la chiesa bresciana. La consultazione ecclesiale è un momento molto importante: un opportunità per partecipare in modo attivo e responsabile alla vita della chiesa locale e al suo rinnovamento. È superfluo l invito alle amiche e agli amici di Missionari Saveriani ad approfittare di questa opportunità e a parteciparvi pienamente. Personalmente, sotto lo sguardo di Dio, ritengo giusto e necessario che la chiesa bresciana rinnovi il suo slancio missionario, dentro e oltre i confini del proprio territorio, e - come giustamente è scritto in una scheda - si apra a una vera pastorale di missione, senza limitarsi a una pastorale di conservazione. La domanda è: Come far sì che ciò avvenga?. Saremo felici di accogliere le proposte dei nostri lettori e lettrici. Scriveteci! I delegati missionari dell unità pastorale di Gussago riflettono sull impegno missionario coordinato nella chiesa locale

9 CAGLIARI 0015 MACOMER NU - Via Toscana, 9 Tel C/c. postale La generazione di padre Mirto Quelle letture spirituali e formative I l 1 gennaio abbiamo partecipato al funerale di Modesta, sorella di padre Virgilio Mirto, e nel pomeriggio a quello di Gesualda, cognata di p. Walter Giua, nel santuario dell Assunta di Guasila. Questi commiati indicano la fine della generazione di p. Mirto, educata allo spirito dell amore servizievole missionario, allo spirito di fede provata. Santa Teresina di Lisieux Lo testimoniano anche i suoi libri, conservati in una scatola della biblioteca. Le letture di p. Virgilio erano profonde ed educative; davvero erano letture spirituali, perché hanno guidato la sua vita e hanno guidato sulla via dell altruismo i giovani di Guasila, Nuoro, Tortolì. Nel mio curiosare, ho trovato Pioggia di rose e Strenna del 1929 sulla devozione di santa Teresa del Bambin Gesù, una delle sante più amate del secolo scorso. In una pagina del libretto, ho notato la foto del primo vescovo giapponese, mons. Gennaro Hayasaka, in visita al monastero di Lisieux, l anno successivo alla proclamazione di Teresina a patrona dei missionari nel La santa mistica delle missioni ha allargato gli orizzonti del giovane Virgilio per il mondo missionario. L esempio del beato Frassati Su una colonna del santuario dell Assunta a Guasila abbiamo potuto vedere una foto del beato Pier Giorgio Frassati con la sua firma sotto la scritta verso l alto. Le testimonianze su Pier Giorgio Frassati del 1929, raccolte da don Cojazzi con interessanti foto della sua giovinezza, raccontano la spiritualità che ha ispirato la vita di carità, di fede e di amicizia del giovane Pier Giorgio. Il libro finisce con questo dialogo. Educare e vivere la pace La marcia di fine anno a Villacidro D on Angelo Pittau ha organizzato a Villacidro una manifestazione di tre giorni per educare i giovani alla giustizia e alla pace, tema della giornata mondiale della pace. Gli appuntamenti erano tre: la veglia di preghiera, la marcia e la giornata per i giovani. Tutto è iniziato nella sala del Consorzio industriale del Medio Campidano, dove sono stati presentati i dati sulle povertà sociali in Sardegna. Parole di speranza La XXV marcia della pace a Villacidro è partita dalla chiesetta di Sant Ignazio con una preghiera per i giovani, perché non si avviliscano per le avversità della vita. Il corteo era aperto dagli sbandieratori e dagli striscioni di vari gruppi e associazioni, tra cui si notavano Sardegna solidale, Fuori la chiave per aprire il futuro, Rossella Libera (riferimento alla cooperante rapita in Algeria). Il serpentone ha fatto sosta davanti allo stabilimento della Keller Elettromeccanica, emblema delle industrie in cassa integrazione del territorio, dove i relatori hanno ricordato la vita difficile dei cassaintegrati. Sulle note della banda musicale, la marcia si è conclusa nel piazzale tra le ciminiere spente degli stabilimenti chiusi della zona industriale di Villacidro. L arcivescovo Giovanni Angelo Becciu ha illustrato il tema della giornata mondiale della pace, facendo risuonare parole di Alla marcia della pace 2011 a Villacidro sono stati affrontati i temi della nuova emigrazione dalla Sardegna e della forte disoccupazione giovanile che affligge l isola p. DINO MARCONI, sx Mentre tutti tornavano ai loro paesi, un sacerdote mi chiese: «Crede, don Cojazzi, che Pier Giorgio salirà all onore degli altari?». «Questo è il segreto di Dio», risposi. Ma quello che non è più un segreto è che il suo esempio trascina le anime. Egli credette davvero in Cristo e su di lui è la promessa di Cristo, anche per questa vita: benché morto vive. È proprio vero ciò che udii ripetere da molti e leggo scritto da quasi tutti: «Averlo conosciuto o averne udito parlare significa amarlo, e amarlo significa seguirlo». La vita della beata suor Nicoli L altro libro del 1929 su cui mi sono soffermato è la vita di suor Giuseppina Nicoli, dichiarata beata il 3 febbraio 200 a Cagliari. Il libro è scritto da p. Bartolomeo Bechis, che era stato a Cagliari a predicare alle dame della Carità, dove era presente anche p. DINO MARCONI, sx speranza. Nello scenario di crisi globale, è stato ricordato anche il ritorno del fenomeno migratorio dalla Sardegna e la presenza di emigrati arrivati dalla Libia e richiedenti asilo. Per battere la crisi Il ghelu della sera ci ha invitati a rifugiarci nel vecchio capannone del magazzino Lisa, dove il gruppo musicale Gen Rosso ha scaldato i giovani con i loro ritmi. Le strofe dei canti hanno ripercorso i temi della marcia, da vivere anche nella nostra vita quotidiana. La marcia della pace ha portato per le strade le parrocchie della diocesi di Ales - Terralba e sacerdoti di altre diocesi, associazioni di volontariato, gruppi ecclesiali e rappresentanti del mondo del lavoro, per superare la povertà che causa l esclusione sociale e per educare i giovani alla pace in una situazione di crisi mondiale. I saveriani erano presenti con i giovanissimi del ritiro spirituale. La crisi economica mondiale sta rendendo la situazione dei giovani della Sardegna sempre più difficile e piena di ostacoli. Il 30 dicembre, sempre a Villacidro, nella zona industriale è stata organizzata una giornata di riflessione e di impegno per i giovani sardi. Anche la loro giornata si è conclusa con l esibizione del complesso Gen rosso, che ha augurato pace e gioia a tutti. suor Nicoli. L autore fa iniziare la biografia della suora, mistica della carità, con alcune frasi, prese dalle lettere di suor Nicoli. Fanno capire che il sospiro della santità fa trionfare sulla morte. Siamo angeli di carità Siamo angeli di vigilanza per le anime a noi affidate. Facciamoci sante, grandi sante, presto sante... Oh quanta gloria i santi danno a Dio! Quanto bene i loro esempi fanno alle anime! I santi non muoiono: la loro benefica missione continua oltre la tomba.... La signora Gesualda (a sinistra), cognata di p. Giua, e la signora Modesta, sorella di p. Virgilio Mirto, decedute a gennaio 2012: una generazione di animatrici missionarie della Sardegna, che ci sostengono dal cielo Il romanzo Quo vadis Non ci sorprende che fra le letture spirituali di p. Virgilio Mirto troviamo le biografie di due testimoni che sono stati dichiarati beati. Ma c è anche il romanzo storico dei tempi di Nerone Quo vadis (dello scrittore polacco Enrico Sienkiewicz). Non è un libro di evasione, ma una lettura mistica della storia cristiana durante la persecuzione. L apostolo Pietro vive la paura di andare a morire dove un altro lo voleva condurre. La copia del romanzo, conservata e arrivata a noi, s interrompe a pagina 450, con la domanda che Pietro - mentre scappa dalla persecuzione di Roma - rivolge all uomo raggiante che gli veniva incontro: Domine, quo vadis? - Signore, dove vai?. Le ultime pagine si sono scollate e perse. Dai libri delle letture di p. Virgilio Mirto possiamo avere alcune icone letterarie ed esistenziali dei santi mistici contemporanei che hanno illuminato la sua vita, quella della sua generazione e - ci auguriamo - anche della nostra vita. Padre Marzarotto non è in Siberia, ma sul monte Sant Antonio, imbiancato dopo la bella nevicata di febbraio LE NOZZE D ORO DI FRANCESCO E PAOLA Nozze d oro dei coniugi Francesco Incostante e Paola Rilla: li vediamo felici, attorniati dai giovanissimi della famiglia. Per l occasione, i figli e i nipoti hanno scritto questo biglietto augurale: Nozze d oro significa, oltre a stare bene insieme, fare anche tanti sacrifici, vivere pene, ansie e gioie, ma soprattutto avere nervi eccezionali! L oro è un metallo prezioso, così come voi lo siete per noi Auguri per il diamante. Anche noi facciamo agli sposini gli auguri, accompagnandoli con la preghiera al Signore, perché in famiglia si rafforzi l amore reciproco.

10 CREMONA CREMONA CR - Via Bonomelli, 1 Tel Fax C/c. postale L ecumenismo può risorgere Veglia di preghiera nella chiesa di S. Abbondio diocesidicremona.it C N egli anni passati abbiamo organizzato diverse iniziative quaresimali per dare da mangiare agli affamati, come suggeriscono le famose opere di misericordia, ricordando che la fame nel mondo miete ogni anno milioni di vittime e affligge quasi un miliardo di poveri. Ma non possiamo dimenticare un problema altrettanto grave come quello delle sete, riflettendo su quanto affermano gli esperti dell acqua nel mondo, sulle deforestazione e sulla crescita preoccupante delle zone desertiche, che hanno già raggiunto la terza parte del globo abitato. Così, viene a scarseggiare l acqua potabile che è necessaria per attolici, metodisti-valdesi, avventisti e ortodossi si sono ritrovati lunedì 23 gennaio nella chiesa cittadina di S. Abbondio nella veglia di preghiera per l unità dei cristiani. All incontro erano presenti il vescovo di Cremona mons. Lafranconi, il pastore Rostagno, il pope Fuciu e il pastore Pispisa. Accolti dal parroco don Andrea Foglia, i rappresentanti delle varie confessioni hanno pregato insieme ai numerosi fedeli, seguendo i testi preparati per l occasione. sette miliardi di uomini, donne e bambini. Serve l aiuto di tutti In Italia si è arrivati a votare un referendum popolare, se privatizzare o no la distribuzione e il vendita delle acque potabili. Sappiamo che l acqua è un bene assolutamente necessario per tutti gli esseri viventi. Ma scavare pozzi abbastanza profondi per evitare inquinamenti, costruire acquedotti, piazzare pompe idrauliche e tubature che portino l acqua nei centri abitati e nelle singole famiglie, esige contributi da parte di tutti secondo le proprie possibilità e i propri bisogni. Gesti e segni di unità Ci sono gesti che, spesso, valgono più delle parole e atteggiamenti che costruiscono più delle dichiarazioni di principio. In una fredda sera di gennaio, cristiani di diverse confessioni hanno manifestato, in maniera Il vescovo, il pastore evangelico, il pope ortodosso, il pastore avventista alla veglia ecumenica del 23 gennaio a Cremona; le offerte sono andate per una scuola di villaggio (saveriani del Camerun) e per le chiese perseguitate (Porte aperte, Verona) Dare da bere agli assetati Campagna di solidarietà dei saveriani Senza acqua non c è vita!, è lo slogan dell iniziativa di solidarietà lanciata dei saveriani di Cremona per il 2012, dalla quaresima fino alla festa conclusiva del 4 novembre p. SANDRO PARMIGGIANI, sx Anche in queste opere, i missionari saveriani si sono dati da fare con tutte le loro forze, in varie nazioni del mondo: in Congo e Burundi, in Ciad e Mozambico, in Bangladesh e Indonesia. Come molti avranno letto anche su queste pagine, tali opere sono state possibili anche grazie agli aiuti ricevuti dall Italia. Iniziativa lunga nove mesi Le passate iniziative di solidarietà duravano pochi mesi, il tempo tra la quaresima e la Pasqua: il tempo del digiuno, della penitenza e dell elemosina, come segno della conversione del cuore e in preparazione alla festa della resurrezione. Quest anno l iniziativa vuole durare quanto la gestazione di una vita umana: nove mesi, dalla quaresima all avvento, precisamente fino alla festa dei santi, che è la vocazione e il traguardo di ogni cristiano, immagine e somiglianza di colui che l ha creato. Noi saveriani invitiamo già da ora tutti i nostri amici e benefattori, domenica 4 novembre alle ore 15, per celebrare insieme la santa Messa in onore del nostro san Guido Conforti (proclamato santo il 23 ottobre 2011) e in suffragio di tutti i nostri cari defunti. Seguirà, come ogni anno, una speciale estrazione a premi e si terminerà con un fraterno rinfresco. A tutti auguriamo pace e gioia nel cuore, che sono i frutti migliori dell amore fraterno. forte, il desiderio di conoscersi, stimarsi, lavorare per raggiungere quell indispensabile unità affinché il mondo creda. Il primo gesto è stato il canto: il coro Sicardo, diretto dal maestro Fulvio Rampi, ha proposto alcune corali, cioè canti nati in ambiente protestante, che poi sono stati adottati anche in ambito cattolico. All ecumenismo musicale ha fatto seguito l ecumenismo delle traduzioni della sacra Scrittura: la prima lettura dal libro di Baruc, è stata letta nella traduzione protestante; la seconda, dalla prima lettera ai Corinzi, è stata letta nella traduzione della Cei; per il vangelo di Giovanni è stata utilizzata la traduzione inter confessionale. Una fatica mai vana Lo spunto di riflessione è venuto dal pastore Bruno Rostagno che si è soffermato in modo particolare sulla potenza della risurrezione di Cristo, che non è sempre facile da comprendere. Perfino gli apostoli, infatti, non credono subito: essi hanno bisogno di un incontro prolungato con il Cristo risorto. Ciò sta a dire - ha spiegato il pastore - che l esperienza della risurrezione è un inizio che apre a delle attese grandi: la nuova creazione di Dio. L attesa dell intervento celeste non deve però distogliere dall impegno presente dei cristiani, che devono vivere nel quotidiano la loro fede nel Risorto. Rostagno ha rimarcato come in questi ultimi tempi il dialogo tra le chiese abbia subito una battuta di arresto. Anche l ecumenismo - ha concluso il predicatore - può risorgere e probabilmente percorrerà vie nuove: noi dobbiamo avere fiducia che la nostra fatica non è vana. Il Credo e il pane scambiato Per esprimere questo rinnovato desiderio di unità è stato recitato insieme il Credo ed è stato scambiato un pezzo di pane, come gesto simbolico di pace. In Polonia - la nazione che ha curato i testi per la settimana dell unità di quest anno - è in uso augurare pace scambiandosi un pezzo di pane azzimo. È una tradizione così radicata nella cultura di quel paese che anche i non credenti compiono volentieri questo gesto. Un grande pane, offerto dalla comunità rumena, è stato quindi fatto a pezzi e distribuito ai presenti che, dopo averselo scambiato, lo hanno mangiato. Due gesti di solidarietà L ultimo gesto significativo è stata la raccolta di denaro a favore di due iniziative di solidarietà. La prima, curata dai missionari saveriani, mira a costruire una scuola in tutti i villaggi della grande missione di Bafoussam in Camerun; la seconda, promossa dall associazione Porte aperte di Verona, ha come obiettivo il sostegno delle chiese cristiane perseguitate attraverso la diffusione della Bibbia. La veglia di preghiera è stata un occasione importante per tutti. Ringraziamo il segretariato per le attività ecumeniche di Cremona e la commissione diocesana per l ecumenismo, diretta da don Mario Aldighieri. RICORDANDO MONS. GIOVANNI VOLTA È morto a Mantova sabato 4 febbraio mons. Giovanni Volta, vescovo emerito di Pavia, dov era stato guida pastorale dal 196 al Aveva 3 anni ed era originario di Gazoldo degli Ippoliti (MN). Nel 2006 era stato proprio lui a ordinare sacerdote p. Daniele Sarzi Sartori, di Montanara, attualmente missionario in Giappone. Mons. Volta, tra l altro, era cugino di un altro saveriano famoso: p. Silvestro Volta, scrittore, medico e psicologo. Dopo una prima fase della malattia, dalle pagine del settimanale diocesano Il Ticino aveva ringraziato i fedeli pavesi: Vorrei essere io vicino a voi, ma sono in un letto e faccio fatica a muovere tutto, tranne che la lingua. Posso dirvi che se c è una cosa che raggiunge ovunque è l affetto della gente; questo dà tanto coraggio. Gli anni pavesi di mons. Volta sono stati caratterizzati da grandi segni ecclesiali: il sinodo, le due visite pastorali, le settimane teologiche, gli incontri per i giovani in cattedrale, le lettere alle famiglie in occasione della Pasqua, e soprattutto la Casa della carità per ospitare i famigliari delle persone ricoverate in ospedale. Mons. Giudici, attuale vescovo di Pavia, ha ricordato gli aspetti che hanno contraddistinto maggiormente mons. Volta: La centralità della Parola di Dio, la cura dei poveri e delle persone fragili, l attenzione alla famiglia. Il tutto condotto con uno stile da vero maestro di teologia; lo fu alla Cattolica di Milano e anche nel nostro seminario. Il Signore conceda la gioia eterna a questo suo Mons. Giovanni Volta servo fedele.

11 DESIO DESIO MB - Via Don Milani, 2 Tel Fax C/c. postale La missione che viene a noi Uomini e donne verso il battesimo L a missione ad gentes - cioè, la missione verso i non cristiani - è arrivata tra noi ed è sempre maggiore la domanda di conoscere il cristianesimo e di ricevere il battesimo da parte di varie persone. Sono uomini e donne in ricerca, sensibili al problema religioso: italiani adulti non battezzati, mediamente tra i 20 e i 35 anni, e immigrati di altra religione, venuti da tanti paesi diversi. Crescere e maturare insieme Questi nostri fratelli e sorelle hanno bisogno di essere accompagnati e aiutati nel discernimento, durante il cammino verso una scelta così impegnativa, non priva di difficoltà e prove da superare. L incontro con Gesù Cristo e il suo vangelo, infatti, comporta un ripensamento radicale del senso della vita. Sono guidati da persone cristiane laiche, indicate dai parroci: passo dopo passo, condividono la loro ricerca e gradualmente li introducono nella catechesi e nella vita cristiana. Con la saveriana Lidia e la signora Eugenia - entrambe con una lunga esperienza di accompagnamento nel catecumenato -, a nome della diocesi ambrosiana, formiamo l equipe di riferimento per i ritiri e gli incontri formativi, ospitati nella nostra casa di Desio. Il percorso catecumenale di due anni è un tempo di gestazione, di crescita e di maturazione nel discepolato, verso una progressiva scelta di fede e di appartenenza al popolo di Dio. È bello generare alla fede! Siamo testimoni di un esperienza coinvolgente, che incide sull essere profondo delle persone che progressivamente diventano discepoli di Cristo. È sorprendente vedere come nel servizio di accompagnamento dei futuri cristiani riscopriamo insieme il nucleo essenziale della nostra fede cristiana. Possiamo affermare che siamo più testimoni che maestri; più trasmettitori di un esperienza che di una dottrina. Vivendo questo cammino di fede percepiamo che il catecumenato non è un esperienza Il gruppo Nuova Amicizia p. ROSARIO GIANNATTASIO, sx marginale né eccezionale, ma un momento che dovrebbe essere esemplare nelle comunità cristiane, e pertanto carico di futuro per la chiesa che è in Italia. La comunità cristiana ha bisogno di toccare con mano la bellezza di generare alla fede nuovi figli e figlie, aprendosi agli altri e diventando sempre più autentica, vitale e credibile. Trenta catecumeni e la mia speranza Siamo felici di sperimentare anche in Italia il nostro carisma missionario, tipico dei confratelli che hanno la fortuna di viverlo nei paesi non cristiani. Allo stesso tempo, speriamo di aiutare la zona pastorale di Monza, di cui facciamo parte, a passare da una pastorale di mantenimento a una pastorale missionaria, che riqualifica l esperienza e la tradizione della chiesa. In questo momento i catecumeni sono una trentina, di varia nazionalità: italiani, albanesi, thailandesi, egiziani, nigeriani, camerunesi, cinesi Si tratta di una piccola realtà, ma rappresenta certamente la logica evangelica del seme che germoglia e del lievito che fermenta. È una grande opportunità e una ricchezza per le comunità cristiane brianzole, per stimolarle al dinamismo Il cammino del catecumenato rappresenta un opportunità preziosa anche per le comunità cristiane brianzole, perché s impegnino nell annuncio del vangelo, nella missione che viene a noi. della fede. Voglio sognare e sperare che questa sfida pressante riesca a coinvolgere anche i gruppi missionari (che spesso vivono nella stanchezza) nell impegno dell annuncio, nella missione che viene a noi. Con il catecumenato la chiesa genera nuovi figli e figlie nella fede cristiana. Un rapporto che si rinsalda ogni volta a cura di p. STEFANO DELLA PIETRA, sx V i presentiamo un gruppo speciale che viene regolarmente ospitato nella nostra comunità saveriana di Desio, e che ringraziamo per la loro presenza. Accoglierli e celebrare la Messa con loro è per noi una soddisfazione. Vediamo che Dio continua a operare anche attraverso persone che hanno alcune difficoltà e ci viene da affermare come l apostolo Pietro: In verità, sto rendendomi conto che Dio non fa preferenza di persone (Atti 10,34). Ci auguriamo, quindi, di continuare insieme il nostro cammino. Abbiamo chiesto a Pierantonio Galimberti di presentarci brevemente i nostri ospiti. Sigillo del nostro impegno cristiano Il Gruppo Nuova Amicizia - GNA - è un associazione di volontariato fondata nel Si occupa di persone diversamente abili e di tempo libero. All inizio era un gruppo parrocchiale, ma poi, dalla metà degli an- Il Gruppo Nuova Amicizia sulla gradinata d ingresso della casa saveriana di Desio ni 0, avendo acquisito la caratteristica di associazione che riuniva volontari e utenti da Desio e dai comuni limitrofi, abbiamo chiesto e ottenuto ospitalità a padre Natalio Fornasier presso la casa dei missionari saveriani di Desio. In questi trent anni, i missionari ci hanno sempre sostenuto e accompagnato, anche solo per la celebrazione della Messa in occasione del nostro incontro mensile. Ricordo in particolare p. Rinaldo, p. Rino, p. Franco, p. Claudio e tanti altri. La loro presenza ha dato un sigillo all impegno cristiano dell associazione. Un grande grazie a tutti i saveriani e agli amici. La nostra attività nella casa di Desio si articola in due modi: ogni quindici giorni facciamo il nostro incontro per programmare i nostri impegni; nell incontro mensile di tutti gli associati, partecipiamo alla santa Messa e poi passiamo il pomeriggio scambiandoci esperienze e condividendo momenti d allegria, che si concludono con la cena. Anche la festa dei popoli, organizzata ogni anno dai saveriani, è un altra bella occasione di aggregazione tra i volontari e i ragazzi speciali della nostra associazione e gli altri gruppi. (per Gruppo Nuova Amicizia, Pierantonio Galimberti) Due appuntamenti di marzo Esercizi spirituali - Da giovedì a domenica 11 marzo, presso i missionari saveriani di Desio (via don Milani 2), i laici saveriani organizzano gli esercizi spirituali per laici. Il tema sarà: La terra di Dio. I nostri martiri - Il 24 marzo si celebra la giornata di preghiera per i missionari martiri. Preghiamo per i missionari e le missionarie che soffrono per l annuncio del vangelo all umanità; la testimonianza di Cristo vinca ogni incertezza e paura. LA PREGHIERA è SOVRUMANA ENERGIA san GUIDO CONFORTI La preghiera rende l uomo più grande di sé, lo trasfigura, lo sublima, lo divinizza. Solo le anime superficiali e volgari possono disprezzare la preghiera e coloro che soddisfano a questo dovere, a questo bisogno del cuore. No, la preghiera non avvilisce l uomo. È senza dubbio la funzione più nobile e più gloriosa che egli possa esercitare in questo mondo, e gli conferisce una grandezza veramente sovrana. Non solo essa ci mette in intimo rapporto con tutto ciò che vi è di vero, di bello, di santo in cielo e sulla terra, ma ci rende anche partecipi dell amicizia di Dio, delle sue più tenere effusioni, delle sue più intime confidenze. Ed è appunto da questa comunicazione, da questo contatto con la Divinità che l uomo attinge sovrumana energia. Se virtuosi, pregate per mantenervi tali; se peccatori, pregate per risorgere dal vostro stato lacrimevole; pregate gli uni per gli altri, perché sta scritto che molto può l assidua preghiera del giusto. Pregate con umiltà, con fiducia, con perseveranza. Pregate fra le pareti domestiche e nel tempio. Pregate specialmente con quella preghiera santa e sublime che Gesù Cristo stesso insegnò agli uomini. La preghiera è un dovere e un bisogno. Un dovere che abbiamo come creature ragionevoli e tanto più per essere cristiani... Ma è anche un bisogno del cuore: bisogno che hanno sentito e sentono tutti i popoli della terra, dai più civili ai più barbari. Nel momento della tentazione, del dubbio, della prova e della tribolazione, preghiamo e dalla preghiera ci verrà la luce, la forza, il conforto per renderci a tutto superiori e rimanere fedeli ai nostri propositi di bene.

12 FRIULI UDINE UD - Via Monte S. Michele, 70 Tel C/c. postale Il vescovo umile e sorridente Ricordo riconoscente di mons. Alfredo Battisti p. CARMELO BOESSO, sx I n queste poche righe non ho la pretesa di presentare in modo esauriente e completo la personalità di mons. Alfredo Battisti, già arcivescovo di Udine, salito al cielo il 1 gennaio Desidero solamente ricordarlo con sentimento di riconoscenza per il suo sostegno cordiale al nostro istituto missionario e in particolare alla comunità saveriana di Udine. Il buon samaritano del Friuli Don Lionello Remor, prete degli indifesi I l 12 gennaio è morto don Lionello Remor, in seguito a una caduta nel Piccolo Cottolengo di S. Maria La Longa. Commenti e giornali lo hanno definito il prete degli ultimi e degli indifesi. Originario di Nimis, dove era nato il 2 gennaio 1925, era stato ordinato sacerdote nel 194 a Udine. Era stato cooperatore della parrocchia di San Giorgio e poi di Madonna di Buja e Magredis, dove era rimasto anche come parroco fino al 192. Dal 190 al 1990 era stato cappellano all ospedale civile di Udine e dal 1991 aveva svolto il suo ministero a Leonacco (Trigesimo) e alla casa di cura Città di Udine. Sensibile e rispettoso L arcivescovo di Udine, mons. Mazzocato, l ha ricordato così: La vera sorgente che ha nutrito il suo sacerdozio e la sua carità è stata una profonda spiritualità, che ha forgiato anche la sua personalità e il suo carattere delicato e sensibile, schivo e rispettoso delle persone Al Piccolo Cottolengo egli ha compiuto il suo ultimo atto sacerdotale. Riconosceva Gesù nei suoi fratelli Una collaborazione costante In occasione di una visita alla nostra comunità nel lontano 1974, incaricò il nostro istituto di fondare il centro missionario diocesano, come espressione di tutte le realtà missionarie presenti. La ragione dell incarico la esprimeva così: Siete l unica comunità esclusivamente missionaria presente in diocesi. Da quel momento, pur più deboli e indifesi, fossero i malati dell ospedale, i disabili o i bambini vittime della guerra balcanica e degli orfanotrofi della Romania o gli immigrati che arrivavano bisognosi di tutto. Il suo cuore era aperto all aiuto generoso a quanti erano nel bisogno; tutti ricevevano da lui sostegno e consolazione, sicuri che avrebbe fatto il possibile per aiutarli. Il suo sguardo buono e sorridente e la sua parola accogliente accompagnavano sempre la sua generosità. Così il dono non era sentito come un umiliazione. Al ringraziamento rispondeva con un grazie!, per avergli permesso di nell evolversi della realtà e delle situazioni, la collaborazione non è mai venuta meno e si è espressa nell animazione missionaria di gruppi e parrocchie, nell appoggio concreto ai missionari e alle necessità delle missioni, nei viaggi in terra di missione per manifestare vicinanza e sostegno. In alcuni di questi viaggi missionari ha partecipato lui stesso. Tutta questa attività era Mons. Battisti presiede la Messa in onore di san Francesco Saverio; a destra, p. Gianpaolo Codutti, a sinistra, il vicario generale mons. Gherbezza e il diacono Bertoli, ex allievo saveriano e nostro amico Don Lionello trainato da p. Lorenzo Mattiussi, in versione asinello ; questa allegra fotografia è stata scattata il 13 novembre 2011, domenica del Ringraziamento e festa di San Martino p. CARMELO BOESSO, sx aiutare e fare del bene. Un amico a cui dire grazie Anche noi missionari abbiamo verso di lui un motivo speciale di riconoscenza, perché siamo sempre stati accolti da lui a cuore aperto e con generosità, che si traduceva anche in un aiuto concreto fatto di offerte e raccolta di alimenti. Quando era parroco di Magredis, don Lionello non mancava mai di invitarci alla giornata missionaria, che vedeva i saveriani con i loro studenti portare un ondata di gioia e di missionarietà. Anche a Leonacco ha continuato ad aiutarci, orientando la domenica del Ringraziamento, come una benedizione di Dio in favore dei missionari. Ovviamente era ospite fisso dei nostri momenti di festa, a cui partecipava sempre molto volentieri. Nonostante la sua riservatezza, portava sempre una nota di gioia con il suo sguardo sorridente, con la sua parola buona e accogliente. Anche noi missionari ringraziamo il Signore per avercelo donato, con la certezza che don Lionello è stato accolto nel suo Regno, preparato per coloro che lo hanno visto e aiutato nei fratelli più piccoli. cordialmente aperta ai missionari friulani non solo diocesani, ma anche religiosi, religiose e laici volontari. Benemerito della congregazione! Con cadenza periodica visitava la nostra comunità, rimanendo con noi per un intero pomeriggio, scandito dall incontro con i nostri ragazzi apostolini e con la comunità dei saveriani, dalla celebrazione dell Eucaristia e dalla cena; tutto in un clima di semplicità e familiarità, che facilitava il dialogo e l apertura. Tutto questo ha avuto un riconoscimento anche ufficiale, quando mons. Alfredo - il 7 dicembre è stato riconosciuto e dichiarato dal nostro superiore generale Benemerito dell istituto missionario saveriano e quindi partecipe dei suoi beni spirituali. L novembre 2011 ci ha onorato con la sua presenza in occasione della celebrazione per la canonizzazione del nostro fondatore; lo consideriamo un po il suo ultimo saluto e messaggio. Il vescovo della risurrezione Aggiungo un pensiero che mi sembra il centro della spiritualità e dell azione pastorale di mons. Battisti. Il tema della risurrezione era uno dei suoi argomenti preferiti per la predicazione di esercizi e ritiri spirituali. Gia la sua prima lettera pastorale del 1976 porta il titolo programmatico: Compio ciò che manca alla risurrezione di Cristo. Ho letto e meditato sulla verità storica della risurrezione di Cristo, profezia e pegno della mia risurrezione. Questo instancabile bisogno del cuore lo ritengo un dono singolare dello Spirito di Cristo risorto Vorrei che la speranza pasquale restasse il messaggio fondamentale, offerto in ricordo, per incoraggiare la rinascita morale, culturale e spirituale dell amato Friuli. Quanto desidero che il Signore crocifisso e risorto affascini il cuore di tutti, sacerdoti, persone consacrate e fedeli laici friulani, al di là di quanto le mie parole hanno saputo dire e dare!. L ultimo suo libro (ed. Paoline, 2009) ha il titolo, Sulle tracce del Risorto. Alla ricerca di segni di speranza. Scrive: La risurrezione di Cristo è l annuncio che ha cambiato tutto nella storia dell uomo e del mondo. È un fatto unico. Noi incontriamo il Risorto ogni volta che lo cerchiamo con fede sulle tracce della sua presenza nei sacramenti. Un messaggio di risurrezione e di vita che si rifletteva nel suo volto sereno e sempre sorridente, nella sua parola amabile, accogliente e riconoscente, nel suo comportamento discreto e umile. Mons. Battisti, sorridente, a tavola nella festa di san Francesco Saverio con p. Gianpaolo Codutti LA PREGHIERA è SOVRUMANA ENERGIA san GUIDO CONFORTI La preghiera rende l uomo più grande di sé, lo trasfigura, lo sublima, lo divinizza. Solo le anime superficiali e volgari possono disprezzare la preghiera e coloro che soddisfano a questo dovere, a questo bisogno del cuore. No, la preghiera non avvilisce l uomo. È senza dubbio la funzione più nobile e più gloriosa che egli possa esercitare in questo mondo, e gli conferisce una grandezza veramente sovrana. Non solo essa ci mette in intimo rapporto con tutto ciò che vi è di vero, di bello, di santo in cielo e sulla terra, ma ci rende anche partecipi dell amicizia di Dio, delle sue più tenere effusioni, delle sue più intime confidenze. Ed è appunto da questa comunicazione, da questo contatto con la Divinità che l uomo attinge sovrumana energia. Se virtuosi, pregate per mantenervi tali; se peccatori, pregate per risorgere dal vostro stato lacrimevole; pregate gli uni per gli altri, perché sta scritto che molto può l assidua preghiera del giusto. Pregate con umiltà, con fiducia, con perseveranza. Pregate fra le pareti domestiche e nel tempio. Pregate specialmente con quella preghiera santa e sublime che Gesù Cristo stesso insegnò agli uomini. La preghiera è un dovere e un bisogno. Un dovere che abbiamo come creature ragionevoli e tanto più per essere cristiani... Ma è anche un bisogno del cuore: bisogno che hanno sentito e sentono tutti i popoli della terra, dai più civili ai più barbari. Nel momento della tentazione, del dubbio, della prova e della tribolazione, preghiamo e dalla preghiera ci verrà la luce, la forza, il conforto per renderci a tutto superiori e rimanere fedeli ai nostri propositi di bene.

13 MACOMER 0015 MACOMER NU - Via Toscana, 9 Tel Fax C/c. postale La generazione di padre Mirto Quelle letture spirituali e formative I l 1 gennaio abbiamo partecipato al funerale di Modesta, sorella di padre Virgilio Mirto, e nel pomeriggio a quello di Gesualda, cognata di p. Walter Giua, nel santuario dell Assunta di Guasila; il 23 gennaio a Milis, abbiamo dato l estremo saluto alla delegata saveriana Salvatorica. Questi commiati indicano la fine della generazione di p. Mirto, educata allo spirito dell amore servizievole missionario, allo spirito di fede provata. Santa Teresina di Lisieux Lo testimoniano anche i suoi libri, conservati in una scatola della biblioteca. Le letture di p. Virgilio erano profonde ed educative; davvero erano letture spirituali, perché hanno guidato la sua vita e hanno guidato sulla via dell altruismo i giovani di Guasila, Nuoro, Tortolì. Nel mio curiosare, ho trova- to Pioggia di rose e Strenna del 1929 sulla devozione di santa Teresa del Bambin Gesù, una delle sante più amate del secolo scorso. In una pagina del libretto, ho notato la foto del primo vescovo giapponese, mons. Gennaro Hayasaka, in visita al monastero di Lisieux, l anno successivo alla proclamazione di Teresina a patrona dei missionari nel La santa mistica delle missioni ha allargato gli orizzonti del giovane Virgilio per il mondo missionario. L esempio del beato Frassati Su una colonna del santuario dell Assunta a Guasila abbiamo potuto vedere una foto del beato Pier Giorgio Frassati con la sua firma sotto la scritta verso l alto. Le testimonianze su Pier Giorgio Frassati del 1929, raccolte da don Cojazzi con interessanti foto della sua giovinezza, raccontano la spiritualità Educare e vivere la pace La marcia di fine anno a Villacidro D on Angelo Pittau ha organizzato a Villacidro una manifestazione di tre giorni per educare i giovani alla giustizia e alla pace, tema della giornata mondiale della pace. Gli appuntamenti erano tre: la veglia di preghiera, la marcia e la giornata per i giovani. Tutto è iniziato nella sala del Consorzio industriale del Medio Campidano, dove sono stati presentati i dati sulle povertà sociali in Sardegna. Parole di speranza La XXV marcia della pace a Villacidro è partita dalla chiesetta di Sant Ignazio con una preghiera per i giovani, perché non si avviliscano per le avversità della vita. Il corteo era aperto dagli sbandieratori e dagli striscioni di vari gruppi e associazioni, tra cui si notavano Sardegna solidale, Fuori la chiave per aprire il futuro, Rossella Libera (riferimento alla cooperante rapita in Algeria). Il serpentone ha fatto sosta davanti allo stabilimento della Keller Elettromeccanica, emblema delle industrie in cassa integrazione del territorio, dove i relatori hanno ricordato la vita difficile dei cassaintegrati. Sulle note della banda musicale, la marcia si è conclusa nel piazzale tra le ciminiere spente degli stabilimenti chiusi della zona industriale di Villacidro. L arcivescovo Giovanni Angelo Becciu ha illustrato il tema della giornata mondiale della pace, facendo risuonare parole di Alla marcia della pace 2011 a Villacidro sono stati affrontati i temi della nuova emigrazione dalla Sardegna e della forte disoccupazione giovanile che affligge l isola p. DINO MARCONI, sx che ha ispirato la vita di carità, di fede e di amicizia del giovane Pier Giorgio. Il libro finisce con questo dialogo. Mentre tutti tornavano ai loro paesi, un sacerdote mi chiese: «Crede, don Cojazzi, che Pier Giorgio salirà all onore degli altari?». «Questo è il segreto di Dio», risposi. Ma quello che non è più un segreto è che il suo esempio trascina le anime. Egli credette davvero in Cristo e su di lui è la promessa di Cristo, anche per questa vita: benché morto vive. È proprio vero ciò che udii ripetere da molti e leggo scritto da quasi tutti: «Averlo conosciuto o averne udito parlare significa amarlo, e amarlo significa seguirlo». La vita della beata suor Nicoli L altro libro del 1929 su cui mi sono soffermato è la vita di suor Giuseppina Nicoli, dichiarata beata il 3 febbraio 200 a p. DINO MARCONI, sx speranza. Nello scenario di crisi globale, è stato ricordato anche il ritorno del fenomeno migratorio dalla Sardegna e la presenza di emigrati arrivati dalla Libia e richiedenti asilo. Per battere la crisi Il ghelu della sera ci ha invitati a rifugiarci nel vecchio capannone del magazzino Lisa, dove il gruppo musicale Gen Rosso ha scaldato i giovani con i loro ritmi. Le strofe dei canti hanno ripercorso i temi della marcia, da vivere anche nella nostra vita quotidiana. La marcia della pace ha portato per le strade le parrocchie della diocesi di Ales - Terralba e sacerdoti di altre diocesi, associazioni di volontariato, gruppi ecclesiali e rappresentanti del mondo del lavoro, per superare la povertà che causa l esclusione sociale e per educare i giovani alla pace in una situazione di crisi mondiale. I saveriani erano presenti con i giovanissimi del ritiro spirituale. La crisi economica mondiale sta rendendo la situazione dei giovani della Sardegna sempre più difficile e piena di ostacoli. Il 30 dicembre, sempre a Villacidro, nella zona industriale è stata organizzata una giornata di riflessione e di impegno per i giovani sardi. Anche la loro giornata si è conclusa con l esibizione del complesso Gen rosso, che ha augurato pace e gioia a tutti. In una fotografia storica il grande missionario sardo p. Virgilio Mirto con alcuni giovani a Tortolì Cagliari. Il libro è scritto da p. Bartolomeo Bechis, che era stato a Cagliari a predicare alle dame della Carità, dove era presente anche suor Nicoli. L autore fa iniziare la biografia della suora, mistica della carità, con alcune frasi, prese dalle lettere di suor Nicoli. Fanno capire che il sospiro della santità fa trionfare sulla morte. Siamo angeli di carità Siamo angeli di vigilanza per le anime a noi affidate. Facciamoci sante, grandi sante, presto sante... Oh quanta gloria i santi danno a Dio! Quanto bene i loro esempi fanno alle anime! I santi non muoiono: la loro benefica missione continua oltre la tomba.... Il romanzo Quo vadis Non ci sorprende che fra le letture spirituali di p. Virgilio Mirto troviamo le biografie di due testimoni che sono stati dichiarati beati. Ma c è anche il romanzo storico dei tempi di Nerone Quo vadis (dello scrittore polacco Enrico Sienkiewicz). Non è un libro di evasione, ma una lettura mistica della storia cristiana durante la persecuzione. L apostolo Pietro vive la paura di andare a morire dove un altro lo voleva condurre. La copia del romanzo, conservata e arrivata a noi, s interrompe a pagina 450, con la domanda che Pietro - mentre scappa dalla persecuzione di Roma - rivolge all uomo raggiante che gli veniva incontro: Domine, quo vadis? - Signore, dove vai?. Le ultime pagine si sono scollate e perse. Dai libri delle letture di p. Virgilio Mirto possiamo avere alcune icone letterarie ed esistenziali dei santi mistici contemporanei che hanno illuminato la sua vita, quella della sua generazione e - ci auguriamo - anche della nostra vita. SALVATORICA, SULLA VIA DEL CIELO p. D. MARCONI, sx Il 23 gennaio a Milis (OR), abbiamo partecipato ai funerali della delegata missionaria saveriana Salvatorica Perra (nella foto). Erano presenti moltissimi suoi compaesani. Salvatorica è stata una piccola donna sostenuta da una grande fede che l ha portata ben oltre gli orizzonti e i confini del suo paese. È stata un esempio di fede indomabile per tutti: famigliari, amici e conoscenti. Allo stesso modo di Modesta e Gesualda di Guasila e di tante altre donne generose, apparteneva alla generazione delle delegate missionarie che - come ricordava p. Morandi - il primo saveriano sardo p. Angelo Lampis, ricercava: delegate brave, giovani e belle. Lei che aveva difficoltà a camminare, con la sua fede ha saputo camminare sulla strade della bellezza, della bravura e della bontà per tutte le vie del suo paese, a servizio delle missioni. Cara Salvatorica, anche se i tuoi passi non ti portavano molto lontano, tu sei andata con i piedi dei missionari fin sulle lontane strade del mondo. Come Teresina di Lisieux, protettrice delle missioni, sei riuscita a salire la montagna che si perde nel cielo, perché sei stata presa dalle braccia di Gesù e portata da lui fin sulla vetta. Diversamente viva, accompagna ora tutte le nostre delegate missionarie. Il tuo bell esempio incoraggi tante altre donne brave, giovani e belle a dedicarsi all animazione missionaria della Sardegna.

14 MARCHE ANCONA AN - Via del Castellano, 40 Tel Fax C/c. postale Quale Gesù in Europa? Missionari e missionarie si interrogano D al 5 all gennaio 2012 abbiamo avuto una settimana di approfondimento culturale, teologico e missionario su Quale Gesù oggi in Europa?. Nella casa saveriana di Tavernerio (Como), eravamo una sessantina di missionari e missionarie, che lavoriamo in Italia e in Spagna. È stata un esperienza interessante, con tante relazioni, tavole rotonde, lavori di gruppo, preghiera... La settimana ha offerto risposte e stimoli all evangelizzazione attuale nel nostro continente che, a detta di tutti, è in una fase di grossa difficoltà di intesa tra la società e il cristianesimo, le chiese e le religioni, a partire dalla comprensione della Persona umana e divina di Gesù. Capire il cambiamento Ci accorgiamo tutti che le cose e le generazioni sono cambiate. Una certa religiosità pur bella, ereditata dalla tradizione secolare, oggi è vista con indifferenza soprattutto dai giovani, molti dei quali sono assenti, increduli, critici della chiesa. Lo vediamo nelle nostre stesse famiglie. Ben dieci relatori ci hanno parlato con competenza su aspetti diversi della stessa problematica: un filosofo, un esperto in ebraismo e un altro in buddhismo, un relatore sull America latina, un pastore evangelico e uno pentecostale, un biblista e un parroco, una missionaria e un missionario. Sarà quel che Dio vuole! Neve e calore a Poggio San Marcello C DIARIO DELLA COMUNITà SAVERIANI MARCHE nizzazione di san Conforti, scattate da me e dal poggiano Serafino Mercanti. Puoi farne l uso che preferisci, dopo averle selezionate: alcune sono veramente carine. Ricordiamoci nella preghiera, Stefania Cara Stefania, grazie per il messaggio e per il cd con le foto dei Poggiani a Roma. Sono davvero belle: complimenti ai fotografi! E complimenti ancora di più a don Mariano e a tutti i pellegrini di Poggio, per aver mostrato tanto affetto al santo vescovo e missionario Guido Conforti. È stato un bel gesto di cristiana cortesia: ricambiare le visite che san Guido - nel lontano settembre 1925 e mag- Poggio San Marcello sommerso dalla neve p. ALBERTO PANICHELLA, sx Per una vita di qualità Ci siamo riuniti anche in gruppi per i laboratori, con l obiettivo di fare alcune proposte concrete per la missione oggi in Italia e in Europa. Per esempio si è detto di accogliere i senza-tetto nei nostri spazi; di denunciare gli abusi del capitalismo sfrenato nell economia di mercato e nella speculazione finanziaria; di fare attenzione alla retrocessione dello stato sociale e alla negazione dei diritti umani. Ma si è parlato anche di temi ecclesiali: il dialogo ecumenico e interreligioso; la pari importanza delle donne negli ambiti pastorali, sociali, culturali e politici; l animazione della chiesa locale, per aiutarla a diventare più accessibile alla gente e a coloro che sono in difficoltà. Occorrerebbe alleggerire le aro direttore, ti scrivo mentre fuori ha ripreso a nevicare alla grande. Oramai c è più di un metro di neve qui a Poggio San Marcello; abbiamo avuto anche una vera tempesta, e le previsioni continuano a prevedere altra neve per tutta la settimana! I nonni dicono: Sarà quel che Dio vuole!. I problemi per gli spostamenti e per andare al lavoro sono tanti con la neve così alta, ma è pur vero che è un grande e bellissimo spettacolo che ci permette, per fortuna, di fermarci un po di più a sorprenderci e a stare in compagnia di altre persone! Ho ricevuto le copie del giornale Missionari Saveriani, numero di dicembre 2011, dove è pubblicato l articolo del nostro pellegrinaggio a Roma per san Guido Conforti. Le ho portate in parrocchia perché ogni pellegrino, compreso il nostro parroco, possa prenderle. Ho aggiunto a ogni copia anche il tagliando per richiedere il giornale a domicilio. Grazie mille, perché ho visto molte persone contente della foto e dell articolo! Ti ho spedito il cd con le foto della canogio aveva fatto alla vostra generosa cittadina e alla scuola apostolica saveriana, dono di mons. Costantino Bramati. Grazie anche per la distribuzione in parrocchia delle copie inviate. Sono contento che abbiano gradito l articolo e la foto. Meritereste molto di più, per il vostro bell entusiasmo e devozione. Spero che qualche buona famiglia desideri ricevere a domicilio il nostro mensile Missionari Saveriani : lo spediremo ben volentieri. Fa sempre bene mantenere i contatti con i nostri santi e missionari. Per quanto riguarda la neve, dici bene: è bella quando cade; crea inconvenienti alla mobilità e al lavoro quando è troppa e resta a lungo; spero solo che piante e animali non abbiano subito danni troppo gravi, da compromettere il futuro delle famiglie. Ma la neve, dopo tutto, favorisce i nostri rapporti in famiglia e con le persone amiche, avendo più tempo a disposizione, specialmente la sera (e magari anche per qualche preghiera in più!). Anche questo fa parte di quel che Dio vuole!. Saluti fraterni a te, ai pellegrini romani e a tutti i Poggiani, p. Marcello, sx Lavori di gruppo durante la settimana di approfondimento culturale a Tavernerio; di spalle p. Serge, anche lui come p. Panichella tra i partecipanti strutture, intensificare le relazioni umane; mescolarci di più con gli immigrati e valorizzare le diversità; rilanciare l evangelizzazione con il primo annuncio del vangelo (kerigma); non porre eccessiva enfasi sui numeri, ma sulla qualità della nostra vita e testimonianza cristiana. Domande a cui rispondere Il saveriano p. Gabriele Ferrari, nella sua ricca relazione, ha messo in luce gli interrogativi sulla missione oggi in Europa, a partire dalla missione stessa di Gesù, che stava con i poveri e i malati, i peccatori e gli emarginati. E la chiesa? E noi? Ci accostiamo alle altre religioni, presenti tra noi negli immigrati? Non dobbiamo giudicare né avere preconcetti; ma capire, aiutare, perdonare... Siamo chiamati a realizzare una vita evangelica, a essere testimoni del Regno. La vita religiosa è una scel- ta che tocca il fondo della nostra persona ed è percepibile da coloro che ci circondano e incontriamo; una vita che è libera dalle tentazioni del potere religioso, economico, politico. Occorre evangelizzare. Occorre una chiesa più viva, più giovane e con giovani leader, con più spazio alle donne, più laica, accogliente e dinamica, anche nelle celebrazioni... La chiesa deve essere più universale, aperta alla missione, alle ricchezze religiose, ai drammi degli altri popoli vittime dell ingiusta povertà. Dobbiamo impegnarci per la giustizia, per i diritti dei poveri, per l ecologia, per una politica sana e responsabile... Insomma, la settimana è stata molto utile e stimolante per noi missionari e ci ha indicato piste nuove per l evangelizzazione a partire dalla riscoperta di Gesù di Nazareth, povero e rivoluzionario dell amore. L ELOGIO DELLA NEVE p. SERGE TCHATCHé Erano anni che non si vedeva una nevicata così da questi parti - ho sentito spesso ripetere queste parole nei giorni freddi di febbraio. Spesso si è parlato della neve in riferimento ai disagi che ha creato, che sono stati tanti e gravi. È solo colpa della neve? Madre natura fa quel che ha sempre fatto. Tocca a noi prendere le misure necessarie e affrontare le situazioni senza rischiare troppo. Dobbiamo guadare in faccia questa madre e inchinarci di fronte a lei, come hanno fatto le tettoie delle nostre case in quei giorni di neve pesante. Comunque, vorrei fare un elogio alla neve. Ho sentito, infatti, varie persone rallegrarsi per la calma che porta la neve. Quando nevica, è difficile muoversi e soprattutto muoversi in fretta; si è obbligati a guardare in faccia chi ci viene di fronte e riconosciamo volti che non vedevamo da mesi, o piuttosto che vedevamo senza più incontrare. La signora bianca costringe a vivere il tempo con più tranquillità, a gustare il silenzio che non è assenza di persone, ma presenza a se stessi e agli altri. Finalmente ho scoperto perché è magico il Natale sotto la neve: perché tutti ritroviamo il tempo dei bambini, che è tempo di pazienza e meraviglia, di gioco e soprattutto dello stare insieme. I telegiornali ci hanno fatto vedere una bella immagine: gli abitanti di un paesino hanno messo insieme le cose che avevano - chi il sale, chi la farina, chi il lievito - e hanno dato tutto all unico fornaio del paese per fare il pane, che si sono divisi. Il giornalista lo definiva un baratto ; per me era un bell atto di convivenza solidale, un miracolo di quelli che rende davvero Cristo presente e fa capire cosa sia condividere il pane Eucaristico. Ma chi si ricorda che è anche merito... della neve? Ancona, via del Castellano: ecco un bell esemplare di missionario immacolato!

15 PARMA PARMA PR - Viale S. Martino, Tel Fax C/c. postale Ci ha visitato il santo vescovo L urna di san Guido nella parrocchia San Paolo don FRANCESCO ROSSOLINI H o partecipato alla canonizzazione di san Guido Conforti lo scorso 23 ottobre a Roma, con un gruppo di parrocchiani che sono stati molto contenti del pellegrinaggio. In quell occasione ho visto crescere la stima e la devozione per il nostro santo vescovo. Tornato a casa, ho promosso la visita al santuario di san Guido presso la casa madre dei missionari saveriani, con i giovani e con gli adulti della parrocchia. Anche in quell occasione ho constatato il bene che i partecipanti ricavavano dall accostarsi alla figura del santo vescovo. Il santo pellegrino Parlando con il postulatore p. Guglielmo Camera, ho saputo che era possibile avere le sacre reliquie del santo in parrocchia. Ho subito chiesto di avere a San Un esperienza straordinaria Andi-rivieni di fedeli devoti di ogni età L urna di san Guido Conforti ha sostato presso la parrocchia San Paolo. Ho avuto la gioia di essere sempre presente, tutti e tre i giorni dal 22 al 25 gennaio. L impressione che ne ho riportato è stata straordinaria. L urna è stata accolta da una folla di giovani! Nei tre giorni è stato un continuo andi-rivieni di fedeli. Nonostante la vicinanza al Natale, c è stata una grande partecipazione ai sacramenti della riconciliazione e dell Eucaristia. Sono stato testimone in particolare di cammini di perdono e di pace. Un giorno è stato riservato anche agli ammalati con la celebrazione dell Eucaristia e dell unzione degli infermi. Una vera visita pastorale In sintesi, mi sembra di poter affermare che si sia trattato di Paolo il corpo del santo, e padre Camera ha accolto la domanda con entusiasmo. Ottenuto il permesso del vescovo di Parma mons. Enrico Solmi e del prefetto, abbiamo concordato le date. Il periodo migliore è parso quello della festa patronale della nostra parrocchia: il 25 gennaio, conversione di san Paolo. Così san Guido è stato accolto tre giorni prima della nostra festa patronale, domenica 22 gennaio. un autentica visita pastorale del santo a una parrocchia della sua Parma. Si sono pienamente avverati gli obiettivi che il Conforti si prefiggeva nelle sue visite pastorali alle comunità cristiane, come leggiamo nella lettera di indizione della sua prima visita pastorale da vescovo: Inviterò tutti a sollevare la mente e il cuore all Autore e Consumatore della nostra fede, al vero Modello dei predestinati. Additerò a tutti il vangelo di Cristo come il supremo codice di tutte le leggi e il compendio di tutti i doveri Verrò per dispensarvi il Pane di vita. Qual consolazione sarà mai per me il vedervi numerosi intorno all altare del Dio vivente per unirvi intimamente a Colui che solo può riempire le immense brame del vostro cuore. Rifiorisca in ogni angolo Giornate ricche di grazia Sono state giornate ricche di grazia, caratterizzate dalla preghiera e dalla partecipazione ai sacramenti dell Eucaristia e della confessione. Il programma prevedeva le lodi alle del mattino e il rosario alle 11,30. Nel pomeriggio dalle 15,30 alle 17,30 padre Camera era disponibile per le confessioni: sempre, tutto il tempo, è stato impegnato per tre giorni! Alle 17,45 la recita guidata del rosario missionario e alle 1,30 la santa Messa. Dopo cena il 23 gennaio, ci siamo riuniti per l adorazione Eucaristica e il 24 per la celebrazione penitenziale. Assai significativa è stata l adorazione che si è prolungata, a turni, per tutta la notte fra il 24 e il 25 gennaio, con gente a tutte le ore della notte davanti all Eucaristia. Il 25, festa della nostra parrocchia, è stata molto bella la santa Messa del mattino per i malati, con una sorprendente partecipazione: diversi di loro hanno ricevuto l unzione degli infermi. La nostalgia della santità La Messa solenne del 25 gennaio alle 1,30 ha chiuso le giornate dedicate a san Guido nella p. GUGLIELMO CAMERA, sx della mia diocesi la frequenza all Eucaristica Mensa, poiché nessun altra pratica è di questa più vantaggiosa ai fedeli. In essa infatti è il tesoro dei tesori, il cumulo di tutte le delizie, il paradiso trasfuso in terra, la fonte delle più elette grazie. Ciò però, che più mi starà a cuore, sarà richiamare all ovile le pecorelle smarrite che lontano se ne vanno per pascoli avvelenati. Me lo comanda il Pastore Divino, perciò io, a quanti sono figli dell anima mia apro le braccia per dar loro in nome di Dio l amplesso della riconciliazione. Reputerò tra i giorni più belli della mia vita quelli in cui potrò mescolare le mie lacrime con le lacrime di qualche figlio che, toccato dalla grazia divina, verrà a cercare nella penitenza l amicizia celeste e la pace perduta (16 nov. 1903). L urna con le reliquie di san Guido Conforti davanti all altare della chiesa di San Paolo, a Parma nostra parrocchia. È stato bello vedere la partecipazione dei giovani, che hanno manifestato vivo interesse per san Guido, affascinati dalla sua santità vissuta nella vita quotidiana. Preziosissimo dono alla nostra comunità, a ricordo della visita (la prima dopo la canonizzazione!), abbiamo ricevuto due reliquie di san Guido: il suo zucchetto da vescovo e una reliquia del suo corpo. Presto le esporremo in chiesa. Sono state davvero giornate di grazia. La sensazione è di un vescovo santo che fa ancora una volta la sua visita pastorale alla sua gente per donare Cristo a tutti. Grazie ai missionari saveriani, in particolare a p. Guglielmo Camera per la preziosissima animazione pastorale. È stata una vera ricchezza avere un santo in casa nostra! L auspicio è che questo accenda in tutti i parrocchiani la nostalgia della santità. Due testimonianze dirette Ricordo di aver partecipato ai funerali di san Guido nel lontano C era tantissima gente e tutti erano assai addolorati per la scomparsa del vescovo. Tutti lo stimavamo moltissimo perché era molto buono. Pensandoci ora, posso dire che avevamo già la sensazione della sua santità. Sono molto contenta che sia ora venuto, da santo, nella nostra parrocchia (Italina Cozzani, anni 9). Ho ricevuto la cresima dal vescovo santo. Ricordo che molti erano preoccupati della sua salute: era appena tornato dal viaggio nella missione della Cina e non stava bene. Ora che è venuto nella nostra parrocchia mi sono sentita in dovere di venirlo a trovare per pregarlo (Bruna Belicchi, anni 90). PREMIO SANT ILARIO A P. SILVIO p. RENZO LARCHER, sx In occasione della festa cittadina di Sant Ilario, lo scorso 13 gennaio, padre Silvioha ricevuto dal commissario del comune di Parma, Mario Ciclosi, un attestato di civica benemerenza, con la seguente motivazione: A padre Silvio Turazzi, missionario in Africa per tanti anni, esemplare figura di dedizione e di amore disinteressato verso il prossimo, di dono gratuito di sé che, con la sua testimonianza personale, costituisce uno straordinario modello ispirato ai valori universali del vangelo, oltre che una significativa espressione della solidarietà parmigiana. Padre Silvio ha poi formulato il suo grazie in questi termini: Faccio parte della famiglia dei missionari saveriani, legata a Guido Conforti, cittadino e vescovo di Parma oggi santo, impegnata a vivere sulle orme di Gesù i valori del vangelo in vari paesi del mondo. Ho accettato il premio Sant Ilario perché ho sentito l amicizia di tante persone che mi hanno aiutato e accompagnato in questi anni; ma soprattutto perché nell attenzione ai più deboli, a cui appartengo per il mio handicap, la città di Parma manifesta la sua dignità. Ripartire dagli ultimi, da chi più soffre e meno ha, è segno di civiltà... Ringrazio la comunità di Vicomero e la fraternità Muungano con cui condivido l ideale di un mondo fraterno. Un grande applauso ha accolto la testimonianza di p. Silvio, accompagnato da uno studente africano. La celebrazione si è poi spostata in cattedrale, dove il vescovo Enrico Solmi ha mandato un messaggio alla città. Complimenti p. Silvio, per il premio e per la tua testimonianza di vita! Nella chiesa di San Paolo a Parma (dal 22 al 25 gennaio 2012), il santo vescovo Conforti, presente con l urna delle reliquie, ha portato tanti fedeli all incontro con Cristo Padre Silvio Turazzi ha ricevuto il premio Sant Ilario, in occasione della festa del santo patrono

16 PIACENZA BRESCIA BS - Via Piamarta, 9 Tel Fax C/c. postale Quale Gesù in Europa? Missionari e missionarie si interrogano D al 5 all gennaio 2012 abbiamo avuto una settimana di approfondimento culturale, teologico e missionario su Quale Gesù oggi in Europa?. Nella casa saveriana di Tavernerio (Como), eravamo una sessantina di missionari e missionarie, che lavoriamo in Italia e in Spagna. È stata un esperienza interessante, con tante relazioni, tavole rotonde, lavori di gruppo, preghiera... La settimana ha offerto risposte e stimoli all evangelizzazione attuale nel nostro continente che, a detta di tutti, è in una fase di grossa difficoltà di intesa tra la società e il cristianesimo, le chiese e le religioni, a partire dalla comprensione della Persona umana e divina di Gesù. Capire il cambiamento Ci accorgiamo tutti che le cose e le generazioni sono cambiate. Una certa religiosità pur bella, ereditata dalla tradizione secolare, oggi è vista con indifferenza soprattutto dai giovani, molti dei quali sono assenti, increduli, critici della chiesa. Lo vediamo nelle nostre stesse famiglie. Ben dieci relatori ci hanno parlato con competenza su aspetti diversi della stessa problematica: un filosofo, un esperto in ebraismo e un altro in buddhismo, un relatore sull America latina, un pastore evangelico e uno pentecostale, un biblista e un parroco, una missionaria e un missionario. p. ALBERTO PANICHELLA, sx Per una vita di qualità Ci siamo riuniti anche in gruppi per i laboratori, con l obiettivo di fare alcune proposte concrete per la missione oggi in Italia e in Europa. Per esempio si è detto di accogliere i senza-tetto nei nostri spazi; di denunciare gli abusi del capitalismo sfrenato nell economia di mercato e nella speculazione finanziaria; di fare attenzione alla retrocessione dello stato sociale e alla negazione dei diritti umani. Ma si è parlato anche di temi ecclesiali: il dialogo ecumenico e interreligioso; la pari importanza delle donne negli ambiti pastorali, sociali, culturali e politici; l animazione della chiesa locale, per aiutarla a diventare più accessibile alla gente e a coloro che sono in difficoltà. Occorrerebbe alleggerire le Iniziativa di solidarietà 2012 Un occasione di bene che vale il doppio A l ideale missionario. La buona stampa, infatti, ha bisogno di sostegno, perché è uno strumento fondamentale e insostituibile, specialmente ai nostri tempi. A volte, invece, viene considerata da alcuni come un di più superfluo, rispetto al vero lavoro dei missionari. Noi ci crediamo e per questo lavoriamo tutto l anno, insieme ai nostri collaboratori, facendo uscire ben tre riviste mensili: Missionari Saveriani, Missione Oggi e Cem Mondialità. Mettiamo a disposizione del pubblico anche gli strumenti audiovisivi e tanti libri e volumi, per approfondire i temi importanti del mondo attuale. Riteniamo importante diffondere e far circolare il più possibile le nostre riviste e i nostri prodotti culturali, perché si crei un opinione convinta e si rafforzi l ideale missionario; perché il pubblico possa leggere notizie e testimonianze che purtroppo non si leggono nei quotidiani, non si racconvrete certamente notato che, insieme al numero di febbraio di Missionari Saveriani, è arrivata una busta con il piccolo foglio che illustra l iniziativa di solidarietà del 2012 e i biglietti per l estrazione a premi. È stato scelto ancora il periodo quaresimale per lanciare questa proposta, giunta alla sua terza edizione e che ha come titolo: Costruiamo insieme la città dell uomo. La buona stampa è importante I saveriani di Brescia desiderano sensibilizzare lettrici e lettori, amici e conoscenti sull importanza dell informazione per p. MARIO MENIN, sx tano nei tg, e nemmeno nei programmi delle infinite emittenti del digitale terrestre. Un gesto di convinta amicizia Di solito, in un periodo di crisi, i primi tagli si abbattono sulle numerose pubblicazioni che arrivano nelle nostre case, con il rischio di fare di tutta l erba un fascio. Non nascondiamo che il vostro sostegno è vitale: è ossigeno, anche per il nostro... morale. Sapere che siamo letti e apprezzati, o che qualche articolo è fonte di discussione e di critica, ci indica che siamo sulla strada giusta, perché l indifferenza è peggiore di qualsiasi giudizio. Ecco perché vi chiediamo di partecipare alla nostra iniziativa Costruiamo insieme la città dell uomo. In che modo? Nella busta di febbraio trovate cinque biglietti per voi e per gli amici: compilateli con nome, indirizzo e recapito telefonico; tenete la parte da conservare, e mandate al nostro indirizzo la parte da spedire, entro il 25 maggio. Se desiderate altri biglietti da diffondere, telefonate a p. Marco ( ). Vi invitiamo anche alla festa finale del 10 giugno, alle ore 16, per partecipare alla Messa in memoria di p. Pietro Marchesi e degli altri amici defunti, a cui seguirà l estrazione dei premi. Annotatelo subito sul vostro calendario: la vostra presenza è per noi di grande valore! Lavori di gruppo durante la settimana di approfondimento culturale a Tavernerio; di spalle p. Serge, anche lui come p. Panichella tra i partecipanti strutture, intensificare le relazioni umane; mescolarci di più con gli immigrati e valorizzare le diversità; rilanciare l evangelizzazione con il primo annuncio del vangelo (kerigma); non porre eccessiva enfasi sui numeri, ma sulla qualità della nostra vita e testimonianza cristiana. Domande a cui rispondere Il saveriano p. Gabriele Ferrari, nella sua ricca relazione, ha messo in luce gli interrogativi sulla missione oggi in Europa, a partire dalla missione stessa di Gesù, che stava con i poveri e i malati, i peccatori e gli emarginati. E la chiesa? E noi? Ci accostiamo alle altre religioni, presenti tra noi negli immigrati? Non dobbiamo giudicare né avere preconcetti; ma capire, aiutare, perdonare... Siamo chiamati a realizzare una vita evangelica, a essere testimoni del Regno. La vita religiosa è una scel- ta che tocca il fondo della nostra persona ed è percepibile da coloro che ci circondano e incontriamo; una vita che è libera dalle tentazioni del potere religioso, economico, politico. Occorre evangelizzare. Occorre una chiesa più viva, più giovane e con giovani leader, con più spazio alle donne, più laica, accogliente e dinamica, anche nelle celebrazioni... La chiesa deve essere più universale, aperta alla missione, alle ricchezze religiose, ai drammi degli altri popoli vittime dell ingiusta povertà. Dobbiamo impegnarci per la giustizia, per i diritti dei poveri, per l ecologia, per una politica sana e responsabile... Insomma, la settimana è stata molto utile e stimolante per noi missionari e ci ha indicato piste nuove per l evangelizzazione a partire dalla riscoperta di Gesù di Nazareth, povero e rivoluzionario dell amore. RICORDANDO MONS. GIOVANNI VOLTA È morto a Mantova sabato 4 febbraio mons. Giovanni Volta, vescovo emerito di Pavia, dov era stato guida pastorale dal 196 al Aveva 3 anni ed era originario di Gazoldo degli Ippoliti (MN). Nel 2006 era stato proprio lui a ordinare sacerdote p. Daniele Sarzi Sartori, di Montanara, attualmente missionario in Giappone. Mons. Volta, tra l altro, era cugino di un altro saveriano famoso: p. Silvestro Volta, scrittore, medico e psicologo. Dopo una prima fase della malattia, dalle pagine del settimanale diocesano Il Ticino aveva ringraziato i fedeli pavesi: Vorrei essere io vicino a voi, ma sono in un letto e faccio fatica a muovere tutto, tranne che la lingua. Posso dirvi che se c è una cosa che raggiunge ovunque è l affetto della gente; questo dà tanto coraggio. Gli anni pavesi di mons. Volta sono stati caratterizzati da grandi segni ecclesiali: il sinodo, le due visite pastorali, le settimane teologiche, gli incontri per i giovani in cattedrale, le lettere alle famiglie in occasione della Pasqua, e soprattutto la Casa della carità per ospitare i famigliari delle persone ricoverate in ospedale. Mons. Giudici, attuale vescovo di Pavia, ha ricordato gli aspetti che hanno contraddistinto maggiormente mons. Volta: La centralità della Parola di Dio, la cura dei poveri e delle persone fragili, l attenzione alla famiglia. Il tutto condotto con uno stile da vero maestro di teologia; lo fu alla Cattolica di Milano e anche nel nostro seminario. Il Signore conceda la gioia eterna a questo suo Mons. Giovanni Volta servo fedele.

17 PIEMONTE e liguria DESIO MI - Via Don Milani, 2 Tel Fax C/c. postale Una lunga vita da campione Padre Angelo Berton ha compiuto 0 anni N on è facile sintetizzare la vita di padre Angelo fino alla tappa significativa degli 0 anni. È stata ed è una vita spesa senza risparmi, al servizio della missione in Africa e in Italia, in un ministero fruttuoso e nelle attività di sviluppo sociale. Possiamo cercare di coglierne almeno alcuni dettagli. In Congo con la guerra civile Padre Angelo ha lavorato in Africa per 22 anni. Il primo approdo è stato in agosto del Raggiunge Bukavu, capoluogo della regione congolese del Kivu, per studiare la lingua swahili, strumento indispensabile per mettersi a servizio della gente e farsi capire. Intanto assiste i ragazzi abbandonati. Durante la guerra civile, verso la fine del 1965, insieme al confratello p. Aldo Vagni, tenta di raggiungere Uvira, una cittadina a 0 chilometri a sud di Bukavu, in riva al lago Tanganika, dove sorgeva il centro della giovane diocesi affidata ai missionari saveriani. Ma trovano la strada sbarrata dai ribelli mulelisti, che seminano terrore e distruzione in tutto il sud del Kivu: un palo di legno poggiato su due mucchi di teschi umani. Un orrore! Ci voleva molto coraggio per avanzare, sapendo che nel novembre dell anno precedente erano stati uccisi a Baraka e a Fizi, a sud di Uvira, tre saveriani e un sacerdote congolese. Ma l umile implorazione di p. Aldo e p. Angelo è riuscita a farsi aprire un varco per andare a verificare ciò che restava del centro diocesano: tante rovine in un mare di sporcizia e di erbacce. Quanta fatica per renderlo nuovamente accogliente! La meccanica nel sangue Da Uvira, insieme a p. Giuseppe Arrigoni, p. Angelo passa p. MICHELE D ERCHIE, sx a Kitutu, a circa 20 chilometri di distanza, per abitare in una capanna indigena e iniziare il lavoro di costruzione di una nuova missione, compreso un campo di atterraggio per il piccolo aereo della diocesi, dove p. Angelo pensava pure lui di atterrare. Aveva infatti conseguito il brevetto da pilota nella sede dell aviazione civile di Torino. Ma quando non si poteva volare, le strade della vasta zona erano da incubo! Per fortuna, p. Angelo ha la meccanica nel sangue e riesce a cavarsela anche su strade impossibili, prive di qualsiasi distributore e di mezzi di soccorso. Partiva sempre fornito di filo di ferro, elastici, corde di vario spessore, con una cassetta di attrezzi e gasolio abbondante, pronto per ogni evenienza. Nel 1992 a Bukavu affluivano i profughi ruandesi in fuga dalla sanguinosa guerra tribale. Un caos difficile da gestire, in cui ha Il 26 febbraio a Taranto abbiamo celebrato gli 0 anni di vita di p. Angelo Berton: un bel traguardo, raggiunto attraverso un cammino lungo e vario, trascorso nel servizio di Dio e degli altri, in Italia e nel cuore dell Africa. Chi racconta di lui è un amico e coetaneo. trovato la morte anche il coraggioso arcivescovo mons. Munzihirwa. Poco prima che il vescovo venisse assassinato, p. Angelo si trovava insieme a lui per preparare un comunicato da spedire in Italia e negli Stati Uniti. Lo apprezzano tutti Verso la fine del 1994 a p. Angelo - vittima dell obbedienza - viene chiesto di rientrare in Italia, per lavorare nelle comunità saveriane di Genova - Pegli e poi di Taranto, come economo e superiore. Ho conosciuto p. Angelo sia in Africa che in Italia. Posso affermare che si tratta di un uomo dalla fede solida e con un tatto squisito nel trattare le persone. In Africa era molto amato dagli africani; in Italia è cercato da molte persone come guida spirituale. Credo sia uno dei doni più belli di cui la natura e la grazia lo hanno arricchito: la paziente e serena capacità di ascoltare e di infondere ottimismo e coraggio, per superare le difficoltà della vita. (continua nel riquadro) Quaresima: carità e opere buone Prestiamo attenzione gli uni agli altri M. ANNA MARIA CàNOPI, osb E MISSIONE E PREGHIERA / 23 ccoci a vivere una nuova quaresima per prepararci a ricevere la grazia di una nuova Pasqua. In questo tempo forte dell anno ci è chiesto un serio impegno di conversione, corrispondente alle esigenze dell attuale momento storico. Una chiara indicazione ci è offerta dal messaggio di Benedetto XVI: Prestiamo attenzione gli uni agli altri per stimolarci a vicenda nella carità e nelle opere buone (Eb10,24). Ecco, dunque, l itinerario da percorrere: uscire da noi stessi per essere attenti agli altri; vivere nell umiltà, consapevoli di essere noi stessi bisognosi di sostegno e correzione; rinunciare a una mentalità egoistica e rivestirci dell amore di Cristo che è dono di sé, capacità di accoglienza e stima, compassione e perdono. Questo itinerario ascetico ha come esito un modo evangelico di concepire la vita: non più come una lotta per emergere a scapito degli altri, ma come un santo pellegrinaggio compiuto insieme, sostenendoci a vicenda, verso la patria del cielo. La giusta medicina Il cammino di conversione dall «io» al «noi» è la medicina indispensabile per il nostro tempo, che è malato di mancanza di fraternità, come dice il Papa, perché ci dimentichiamo di essere corpo di Cristo, membra gli uni degli altri, gli uni necessari e cari agli altri. Si tratta di una medicina senza contro-indicazioni, di cui tutti abbiamo bisogno. Per farci comprendere la straordinaria efficacia di tale medicina, il Papa ne mostra le componenti essenziali: la fede, che dà occhi per vedere in tutti il volto di Gesù e in ogni evento, anche doloroso, la misteriosa presenza di Dio; la speranza, che dona l impeto vitale capace di farci perseverare nelle difficoltà; l amore, che con la sua compassione e dedizione è il vincolo indistruttibile della pace. I suoi effetti benefici si manife- Carità e opere buone: medicina efficace e senza contro indicazioni! (disegno di U. Gamba) stano nella vita di relazione, nel sentirci ciascuno responsabile verso gli altri; quindi nell essere attenti a svolgere i compiti che a ognuno vengono assegnati a servizio del bene comune. Coltivare la fraternità Mentre i popoli sono in conflitto tra loro, mentre all interno delle stesse nazioni ci sono lotte per la corsa al potere, mentre le famiglie si sfasciano per carenza di vero amore, è estremamente importante che i cristiani sappiano coltivare la fraternità, mettendo in atto tutte quelle virtù che possono favorire l unione e la comprensione reciproca. Non è cosa facile: può richiedere uno sforzo eroico di superamento delle proprie inclinazioni, per vivere Cristo e, in Lui, preferire gli altri a se stessi. È il passaggio attraverso la porta stretta che introduce il cuore nell immenso spazio dell Amore. Vissuta così la quaresima si rivela un percorso di crescita spirituale, segnato dalla preghiera e dalla condivisione, dal silenzio (dell io per ascoltare Dio) e dal digiuno (specialmente delle passioni), in attesa di vivere la gioia pasquale. Padre Angelo Berton non si scoraggia mai; riesce a risolvere anche le situazioni più intricate; nella foto, attraversa un ponte malmesso in Congo IL MISSIONARIO DEI CIELI p. MICHELE D ERCHIE, sx Anni fa a Genova - Pegli, p. Angelo mi regalò un suo manoscritto dal titolo: I quattro punti cardinali, più il mio punto di vista. È un vero libro sapienziale, ricco di belle parabole, anche umoristiche e divertenti, che la vita movimentata ha suggerito alla sua intelligente fantasia. Tra le tante, ne scelgo una che ben si adatta al suo 0 compleanno. Il missionario paragona la vita a un volo aereo, dal decollo fino all atterraggio. Quando il pilota parte con l aereo a 45 gradi di inclinazione verso l alto, vedendosi immerso nel cielo azzurro, ha l impressione di entrare in uno spazio libero e senza limiti. Ma quando l aereo sta per arrivare a destinazione, inclinato a 45 gradi verso il basso, il pilota si rende conto che la prospettiva di tempo e spazio è improvvisamente cambiata davanti ai suoi occhi. L orizzonte senza limiti che lo faceva sognare, ora diventa uno spazio ben definito con obblighi ineludibili. A 0 anni senza rammarico, anch io come il pilota intravedo davanti a me, simbolicamente, il mio punto di arrivo. So bene che gli anni che mi restano sono tanti quanti la decina di minuti che occorrono all aereo per scendere sulla pista di atterraggio. E dopo quei dieci minuti, so che devo scendere a terra. So anche che, volente o nolente, come tutti coloro che sono arrivati prima di me, finito il viaggio devo prendere posto nel parcheggio speciale, al lato della pista dove, in lista d attesa, ognuno attende di ripartire per il nuovo viaggio di risurrezione!. Caro padre Angelo, rimani in volo ancora a lungo, e continua a sognare in spazi senza limiti, perché la giovinezza dello spirito non invecchia mai. P. Angelo Berton (a destra) con il superiore dei saveriani p. Carlo Pozzobon

18 PUGLIA LAMA TA - Via Tre Fontane, 15 Tel Fax C/c. postale Una lunga vita da campione Padre Angelo Berton ha compiuto 0 anni N on è facile sintetizzare la vita di padre Angelo fino alla tappa significativa degli 0 anni. È stata ed è una vita spesa senza risparmi, al servizio della missione in Africa e in Italia, in un ministero fruttuoso e nelle attività di sviluppo sociale. Ma possiamo cercare di coglierne almeno alcuni dettagli. In Congo con la guerra civile Padre Angelo ha lavorato in Africa per 22 anni. Il primo approdo è stato in agosto del 1965 in Burundi, per riattivare la lingua francese sotto la guida di un professore belga. Dopo pochi mesi raggiunge Bukavu, capoluogo della regione congolese del Kivu, per studiare la lingua africana più diffusa nell Africa centrale: il swahili, strumento indispensabile per mettersi a servizio della gente e farsi capire. Rimane a Bukavu in attesa di essere destinato a una missione; intanto assiste i ragazzi abbandonati. Durante la guerra civile, verso la fine del 1965, insieme al confratello p. Aldo Vagni, tenta di raggiungere Uvira, una cittadina a 0 chilometri a sud di Bukavu, in riva al lago Tanganika, dove sorgeva il centro della giovane diocesi affidata ai missionari saveriani. Ma trovano la strada sbarrata dai ribelli mulelisti, che seminano terrore e distruzione in tutto il sud del Kivu: un palo di legno poggiato su due mucchi di teschi umani. Un orrore! Ci voleva molto coraggio per avanzare, sapendo che nel novembre dell anno precedente erano stati uccisi a Baraka e a Fizi, a sud di Uvira, tre saveriani e un sacerdote congolese. Ma l umile implorazione di p. Aldo e p. Angelo è riuscita a farsi aprire un varco per andare a verificare La soluzione per ogni problema Gli 0 anni di padre Angelo Berton / 2 C ontinuando la lunga storia missionaria di p. Angelo, nel 191 egli viene richiamato in Italia ed è destinato alla casa saveriana di Cagliari. Qui lavora per nove anni come economo e come rettore della comunità. Italia - Congo e ritorno Dopo questa pausa in patria, alla fine del 1990 torna in Africa, prima a Kitutu e poi a Bukavu dove, nel 1992, affluivano i rifugiati ruandesi in fuga dalla sanguinosa guerra tribale che ha avuto il suo culmine nel Era un caos difficile da gestire, in cui ha trovato la morte anche il coraggioso arcivescovo congolese di Bukavu, mons. Munzihirwa. Poco prima che il vescovo venisse assassinato, p. Angelo si trovava insieme a lui per preparare un comunicato di informazioni da spedire in Italia e negli Stati Uniti. È verso la fine del 1994 che a p. Angelo, vittima dell obbedienza, viene chiesto di rientrare nuovamente in Italia, per lavorare nelle comunità saveriane di Genova-Pegli e di Taranto, sempre con la stessa dinamica: prima economo e poi superiore. Padre Angelo Berton non si scoraggia mai; riesce a risolvere anche le situazioni più intricate; nella foto, attraversa un ponte malmesso in Congo p. MICHELE D ERCHIE, sx ciò che restava del centro diocesano: tante rovine in un mare di sporcizia e di erbacce. Quanta fatica per renderlo nuovamente accogliente! La meccanica nel sangue Da Uvira, insieme a p. Giuseppe Arrigoni, p. Angelo passa a Kitutu, a circa 20 chilometri di distanza, per abitare in una capanna indigena e iniziare il lavoro di costruzione di una nuova missione, compreso un campo di atterraggio per il piccolo aereo della diocesi, dove p. Angelo pensava pure lui di atterrare. Aveva infatti conseguito il brevetto da pilota nella sede dell aviazione civile di Torino. Ma quando non si poteva volare, la strada da Kitutu a Uvira era da incubo! Anch io l ho percorsa più volte in cinque anni. Nel 1971 p. Angelo torna a Uvira per aiutare l economo dio- p. M. D ERCHIE, sx Fede solida, ascolto e ottimismo Ho conosciuto p. Angelo sia in Africa che in Italia. Posso affermare che si tratta di un uomo dalla fede solida e con un tatto squisito nel trattare le persone, senza alcun tipo di discriminazione. In Africa era amato dagli africani, e bastava la sua presenza per risolvere casi complicati, soprattutto quando gli africani erano quasi compiaciuti nel creare difficoltà ai bianchi, missionari compresi. Era una specie di velata rivalsa sulle umiliazioni subite durante il triste periodo coloniale. Si potrebbero raccontare tanti episodi poco divertenti, in cui io stesso mi sono trovato implicato insieme ad altri confratelli. Ma l arrivo di p. Angelo - amico di tutti, doganieri compresi - risolveva i vari problemi con il sollievo di tutti. Qui a Taranto, p. Angelo è cercato da molte persone come guida spirituale. Credo sia uno dei doni più belli di cui la natura e la grazia lo hanno arricchito. Questo dono si esprime con una paziente e serena capacità di ascolto insieme a una incisiva infusione di ottimismo e di coraggio, per superare le difficoltà della vita. Il tutto, solidamente fondato nella fede in Gesù Cristo. E sono tanti quelli che parlano bene di p. Angelo (continua nel riquadro) Abbiamo celebrato da poco i 50 anni di ordinazione sacerdotale di p. Angelo Berton ed ecco arrivare un altra data significativa: gli 0 anni di vita compiuti il 26 febbraio Senza dubbio è un bel traguardo, raggiunto attraverso un cammino lungo e vario, trascorso nel servizio di Dio e degli altri, in Italia e nel cuore dell Africa. Ecco cosa ci racconta di lui p. Michele D Erchie, quasi coetaneo di p. Angelo e con tanti anni di lavoro missionario insieme. cesano, soprattutto per il rifornimento dei viveri e del materiale necessario alle diverse missioni della diocesi, disseminate su un territorio vasto più o meno come la nostra Sicilia. Per fortuna, p. Angelo ha la meccanica nel sangue e riesce a cavarsela anche su strade impossibili, prive di qualsiasi distributore e di mezzi di soccorso. Partiva sempre fornito di filo di ferro, elastici, corde di vario spessore, con una cassetta di attrezzi e gasolio abbondante, pronto per ogni evenienza. A Uvira p. Angelo aiuta non solo l economo ma anche il vescovo, durante le sue complicate visite pastorali. Da Uvira il missionario si sposta poi a Kavimvira, per completare la costruzione del centro di formazione dei catechisti della diocesi. (continua a lato) I saveriani in Congo nel 1965: in piedi da sinistra, p. Angelo Berton, p. Bragagna, p. De Cilia, mons. Martin (vescovo belga che accolse i primi saveriani in Burundi nel 1964), p. Mogliani; in basso, p. G. Nardo, p. Tomè, p. Piazzoli, p. Martini IL MISSIONARIO DEI CIELI p. MICHELE D ERCHIE, sx Anni fa a Pegli, p. Angelo mi regalò un suo manoscritto dal titolo: I quattro punti cardinali, più il mio punto di vista. È un vero libro sapienziale, ricco di belle parabole, anche umoristiche e divertenti, che la vita movimentata ha suggerito alla sua intelligente fantasia. Tra le tante, ne scelgo una che ben si adatta al suo 0 compleanno. Il missionario paragona la vita a un volo aereo, dal decollo fino all atterraggio. Quando il pilota parte con l aereo a 45 gradi di inclinazione verso l alto, vedendosi immerso nel cielo azzurro, ha l impressione di entrare in uno spazio libero e senza limiti. Ma quando l aereo sta per arrivare a destinazione, inclinato a 45 gradi verso il basso, il pilota si rende conto che la prospettiva di tempo e spazio è improvvisamente cambiata davanti ai suoi occhi. L orizzonte senza limiti che lo faceva sognare, ora diventa uno spazio ben definito con obblighi ineludibili. A 0 anni senza rammarico, anch io come il pilota intravedo davanti a me, simbolicamente, il mio punto di arrivo. So bene che gli anni che mi restano sono tanti quanti la decina di minuti che occorrono all aereo per scendere sulla pista di atterraggio. E dopo quei dieci minuti, so che devo scendere a terra. So anche che, volente o nolente, come tutti coloro che sono arrivati prima di me, finito il viaggio devo prendere posto nel parcheggio speciale, al lato della pista dove, in lista d attesa, ognuno attende di ripartire per il nuovo viaggio di risurrezione!. Caro padre Angelo, rimani in volo ancora a lungo, e continua a sognare in spazi senza limiti, perché la giovinezza dello spirito non invecchia mai. P. Angelo Berton (a destra) con il superiore dei saveriani p. Carlo Pozzobon

19 REGGIO CALABRIA 9135 GALLICO SUPERIORE RC - Via Rimembranze Santuario Madonna della Grazia Tel Fax C/c. postale Una proposta interessante La Calabria consacrata al Cuore di Gesù L a Calabria, si sa, ha tanti problemi. La chiesa che è in Calabria lo sa molto bene. Le istituzioni civili se ne rendono conto e tentano tanti rimedi. Spesso però nel cuore della gente si diffonde il pessimismo, con la sensazione che nulla possa cambiare. Dall alto del monastero di Ortì Anche le monache di clausura del monastero della Visitazione, si sono fatte carico della situazione. Esse hanno da sempre offerto la loro preghiera e la loro vita per la chiesa e per il mondo. In particolare sentono i problemi del territorio in cui vivono. Il bene spirituale e civile della Calabria ispira la loro preghiera e per questo hanno avuto una grande ispirazione: chiedere ai vescovi della Calabria di consacrare la regione al Sacro Cuore di Gesù. E i vescovi hanno deciso di accettare la proposta. Così, il 6 febbraio hanno avuto la loro riunione nel seminario di Reggio Calabria e nel pomeriggio si sono recati al monastero della Visitazione a San Nicola di Ortì, località posta su un colle che domina la città di Reggio e ben visibile anche da molto distante. Da quel monastero, tutti i vescovi assieme a molti sacerdoti e fedeli, alla fine della concelebrazione Eucaristica hanno pronunciato la consacrazione della regione Calabria al Sacro Cuore. In contemporanea, secondo il desiderio dei vescovi, in tutte le chiese della Calabria si è alzata al cielo la stessa preghiera. In ascolto di Gesù come Maria La solenne concelebrazione è stata presieduta dall arcivescovo di Reggio mons. Vittorio Mondello. Nella sua vibrante omelia ha detto: Siamo saliti sul colle per vedere il volto di Dio e consacrare al suo nome non solo noi stessi, ma la Calabria intera, le chiese, i luoghi sacri, le istituzioni, i luoghi di lavoro, gli ospedali, gli uomini e le donne, i giovani e le ragazze, i fanciulli e i bambini, i vecchi e i neonati, Il devoto di san Giuseppe Il santo della Provvidenza ci benedica S an Guido Conforti, battezzato anche con i nomi di Maria Giuseppe, ebbe sempre una sentita devozione per il grande patriarca. Il 9 marzo 179, all età di 14 anni, volle iscriversi alla Pia unione di S. Giuseppe. Per l occasione egli compilò la dichiarazione, controfirmata dal rettore mons. Andrea Ferrari, che inizia così: Io seminarista Conforti Guido, per accrescere il culto e la devozione verso san Giuseppe, padre putativo di Gesù Cristo e sposo purissimo di Maria Vergine Immacolata, mi unisco con gli altri aggregati, a questa Pia unione. Invito anche per i missionari Nei propositi degli esercizi spirituali, quando era ancora studente di teologia (14 e 15), il Conforti rinsalda questa devozione: Tutte le azioni del lunedì le consacrerò alle anime purganti; quelle del martedì all angelo custode; del mercoledì a san Giuseppe; del venerdì al S. Cuore; della domenica alla SS. Trinità per tutti gli eretici e infedeli. Lo stesso proposito lo ripete nel 1, alla vigilia dell ordinazione sacerdotale, con l aggiunta del giovedì a Gesù nel Sacramento. San Guido ha inculcato la devozione a san Giuseppe ai suoi missionari, menzionandola nelle costituzioni dei saveriani e nella lettera testamento. E l ultima lettera circolare scritta ai suoi missionari (1931) finisce così: Per l intercessione della Regina degli apostoli, di san Giuseppe e dell inclito nostro protettore san Francesco Saverio, ci sia Dio sempre largo delle sue grazie, ci confermi nel proposito di servirlo sino all ultimo nella nostra vocazione e ci benedica. i moribondi e le creature che si formano nel grembo delle madri. Tutti! Tutti i calabresi con le loro fatiche e aspirazioni, speranze e delusioni. Tutti con le mani alzate implorano lo sguardo di Dio su di noi. Siamo chiamati a metterci in ascolto di Gesù, come sua Madre Maria. L amore prevale sull ira Poi l arcivescovo, prendendo lo spunto dal capitolo undicesimo del libro del profeta Osea, ha applicato la profezia alla Calabria. C è il panorama dei disastri della Calabria, quelli dovuti alle intemperie naturali e quelli dovuti alle cattiverie degli uomini: il panorama delle cattiverie umane, la lunga storia di soprusi e di delitti della malavita organizzata; lo sconcertante riproporsi lungo il tempo, dentro le stesse pubbliche amministrazioni, di rivoltanti episodi di corruzione suscitano l accendersi dell ira di Dio. Ma l amore prevale sull ira. C è anche la descrizione della tenerezza di Dio nei confronti a cura di p. FRANCO LIZZIT, sx Toni poetici di ammirazione San Guido ha insegnato la devozione a san Giuseppe anche alla sua diocesi. Il 19 marzo 1921 il vescovo tesse un elogio di san Giuseppe con toni poetici di ammirazione e di lode. Egli è il più santo tra i patriarchi; è come un vasto giardino di primavera, come il firmamento, come l oceano le cui acque non hanno misura Giuseppe per tanti anni ebbe dinanzi allo sguardo la Vergine SS.ma Chi, dopo Maria, trattò più familiarmente con Gesù se non Giuseppe? Mi sembra di vedere questo eccelso santo chiamarci tutti a sé, per colmarci delle sue grazie. Rivolgendosi in particolare ai sacerdoti, san Guido afferma: Noi pure, imitando san Giuseppe, dovremo un giorno salvare - in certo qual modo - la vita di Cristo dalle insidie di tanti nemici... In ogni situazione, interponiamolo a nostro intercessore presso Dio, per averlo poi nostro aiuto e conforto nel punto estremo della vita. Anche noi saveriani raccomandiamo all intercessione di san Giuseppe i nostri amici e benefattori, particolarmente in questo mese di marzo. Il monastero di Ortì, da dove mons. Mondello ha consacrato la Calabria al cuore di Gesù, su proposta delle suore della Visitazione, e il Sacro Cuore di Gesù nel mosaico dell artista Rupnik, nella chiesa presso il monastero di Ortì: la totalità dell amore di Cristo risorto, rappresentata dal costato aperto della Calabria: una tenerezza con cui Dio ha consolato la Calabria, incarnandosi dentro la vita e i volti di alcuni suoi figli, che calabresi sono nati o calabresi sono diventati, che lungo le nostre colline e i monti o nelle contrade delle nostre città perennemente si recano nei luoghi della sofferenza. Una profonda emozione Concludendo, l arcivescovo ha detto: Stiamo per vivere questa consacrazione davanti al volto di Cristo e di queste donne che vivono in preghiera. Eleviamo questa preghiera come un dolce sussurro all orecchio del Dio amato; la offriamo immersi nel silenzio. La Madre della misericordia, Colei nel cui grembo si è formato il Cuore di Cristo, ci accompagni con la sua premura di Madre, ci consoli con la sua tenerezza. Le monache, che hanno seguito tutta la celebrazione dal lato della chiesa a loro riservato, hanno fatto sentire la loro voce cantando alcuni inni durante la Messa. Tutti i partecipanti hanno sentito con profonda emozione la loro presenza. QuAranta giorni prima di pasqua p. OLIVIERO FERRO, sx In Africa, nel periodo di quaresima c è tanto da fare. È un momento importante, soprattutto per chi si prepara al battesimo. Si cercano i padrini e le madrine, che accompagneranno i nuovi cristiani per tutta la vita. I catechisti s impegnano molto e il missionario va a visitarli spesso. È un passo decisivo, una scelta carica di conseguenze. Spesso chi si prepara al battesimo non è capito dalla sua famiglia e rischia di essere emarginato. Perciò si chiede alla comunità cristiana di star loro vicino, di incoraggiarli, di farli sentire parte di una nuova famiglia. Nelle ultime tre domeniche di quaresima ci sono gli scrutini : passo dopo passo, il candidato si prepara a entrare nella chiesa. Il momento di grande gioia è la notte di Pasqua: sembra non passi mai, tanta è la gioia in tutto il villaggio. Fin dal pomeriggio, si preparano la chiesa e i dintorni: i fiori, i drappi, la corale che prova i canti, i chierichetti... Poi, al momento del battesimo, una processione di persone arriva al fonte battesimale tra canti di gioia. Al mattino ci sono i battesimi dei bambini piccoli e poi nelle case comincia la festa: tutti sono invitati, anche il missionario. Da quel momento, la comunità si sente più forte, perché i nuovi daranno una mano a quelli che sono già presenti. In Africa sembra sia sempre quaresima, però c è anche la voglia di lottare insieme per risolvere i problemi. La comunità cristiana cerca di fare la sua parte, non solo per dare una speranza, ma perché crede che la speranza sia quel Gesù che ha dato tutta la sua vita per noi.

20 ROMA ROMA RM - Via Aurelia, 27 Tel Fax C/c. postale Mai vista tanta neve così Breve intervista a padre Mondin I l 3 e 4 febbraio scorsi anche a Roma è nevicato molto, tanto da sorprendere tutti. I turisti erano impegnati a scattare fotografie esclamando: Che meraviglia!. Ma i romani, impreparati, erano bloccati sulle strade interne e sul Gran R a c c o r d o Anulare, fermi su file interminabili. Nessuno aveva pensato al rimedio più semplice: spargere il sale... Al Collegio Conforti, vicino alla Madonna del Riposo in via Aurelia, c è il nostro personaggio storico: p. Giovan Battista Mondin, classe 1926, che ci ha regalato i suoi... ricordi. Ha mai visto tanta neve così? È nevicato così tanto circa 40 anni fa. Ma ricordo che allora la neve era andata via subito. Io ero in viaggio: venivo da Pescara e a metà strada ha cominciato a nevicare. Quando sono arrivato a Roma ho visto che gli autobus avevano grossi problemi a fare la salita che da piazza San Pietro viene su verso via Aurelia, lungo le mura Vaticane. Com era la città 40 anni fa? Quarant anni fa questa parte centrale di Roma era tale e quale, come era stata progettata e realizzata ancora ai tempi del Padre Battista Mondin, memoria storica dei saveriani di Roma, con il suo ultimo libro, La Trinità mistero d amore Roma candida... come mai Immagini che entreranno nella storia La casa dei saveriani in via Aurelia dopo la nevicata del 3 febbraio. Padre Filippo: Dalla finestra della mia stanza in via Aurelia vedo il cupolone innevato; è davvero suggestivo! Siamo in piazza San Pietro, ricoperta da un soffice manto nevoso! a cura di p. FILIPPO ROTA MARTIR, sx duce. Grandi novità da allora in questa parte della città non ce ne sono state, a parte la metropolitana e il traffico che è sempre più caotico e rumoroso... La casa saveriana era uguale? Quando sono arrivato io - sono già 40 anni che sono qui a Roma! - questa casa in via Aurelia era proprio in uno stato cadente. Apparteneva a una congregazione di suore, le quali l avevano già lasciata da 5 o 6 anni e nessuno la voleva prendere, perché era in uno stato pietoso. Bisognava distruggere tutto, perché la casa era sgranata, con crepe da tutte le parti. C è stata poi una trasformazione radicale: è stato buttato giù e ricostruito tutto l impianto interno. Questo è avvenuto una trentina d anni fa. Siamo sulla strada e il traffico è pesante! In effetti, si pensava di abbandonare questa casa e di andare a trovare una collocazione in periferia... A quell epoca, diverse congregazioni religiose avevano cercato una sistemazione a Roma e si erano piazzate intorno al Raccordo anulare, da via della Piasana a via Aurelia fino alla Cassia. Noi saveriani, invece... Anche noi saveriani avevamo già individuato un luogo, ma poi ci si rese conto che era troppo lontano rispetto alle università Romane che i nostri studenti frequentano per le loro specializzazioni. Allora si è deciso di rimanere qui e fare una trasformazione totale della vecchia casa. Per consentire i lavori, noi abbiamo dovuto sfrattare : siamo dovuti andare provvisoriamente in via Nullo, nella zona di Monteverde Vecchio. Ci parli del suo ultimo libro Il mio ultimo libro ha per titolo, La Trinità mistero d amore, ed è stato ristampato per la seconda edizione. Di tutti i libri che ho scritto (più di un centinaio), questo è il più bello e il più originale. Lo considero anche il mio capolavoro. Il mistero della Trinità è un mistero d Amore, il quale si realizza e si esprime nelle Tre Persone Divine: Padre, Figlio e Spirito Santo. Questa è l idea basilare del libro, l idea che mi ha ispirato: l Amore totale; l Amore, nel senso forte del termine, è veramente tutto! Padre Filippo racconta: Ha nevicato una notte intera e guardate il risultato... Dice il nostro anziano p. Mondin che da 40 anni non nevicava così. Adesso è tutto bloccato. Siamo in quarantena... GIACOMO MARTINA: UN PROFESSORE AMICO p. MARCELLO STORGATO, sx Ho appreso della morte del gesuita p. Giacomo Martina, nostro insegnante di storia negli anni del liceo classico al Pontificio collegio Leoniano di Anagni (FR). In preghiera, mi sono unito spiritualmente a tutti coloro che l hanno conosciuto e apprezzato come insegnante e amico. Padre Martina non solo insegnava bene, perché amava la storia e la chiesa, ma ci introduceva nella visione ecclesiale dei popoli, delle situazioni umane e sociali, delle culture delle diverse epoche storiche. Per questo, integrava spesso i testi scolastici con sue sintesi del tutto originali. Era sua profonda convinzione - e ce la insegnava - che la storia non è fatta solo di date e luoghi, di personaggi potenti e di memorabili vicende, ma anche dalla gente del popolo, che in ogni modo viene coinvolta nel bene e nel male, e che spesso è motore di rinnovamento. Da questa visione, credo, ho ricevuto un apporto importante anche per la vocazione missionaria, che mi ha portato alla scelta di entrare nella famiglia dei saveriani, nel 1963 (assieme a Mario Celli, Adolfo Codini, Angelo Trinca). Padre Giacomo Martina, morto a Roma il 6 febbraio 2012 all età di anni, è stato il massimo studioso di papa Pio IX e grande conoscitore della storia della chiesa. In un intervista rilasciata nel 1999, affermava la sua profonda convinzione: La storia c insegna a non essere troppo pessimisti, a non illuderci di ottenere cambiamenti sensazionali, ma ad avere fiducia. Come abbiamo superato tante difficoltà nel passato, così le supereremo anche nel futuro. Con pazienza, con gradualità, con una visione aperta ai tempi lunghi. Un cambiamento non si verifica mai dall oggi al domani. Padre Giacomo Martina, gesuita, nato a Tripoli nel 1924 e morto a Roma il 6 febbraio 2012

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Anzitutto voglio dare il mio saluto cordiale ed affettuoso a questa cara comunità di Gorle che già mi accoglie da diversi anni, quindi esprimo la mia riconoscenza

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

IL BENE DEGLI ANZIANI Card. Jorge Mario Bergoglio, s.j. Arcivescovo di Buenos Aires

IL BENE DEGLI ANZIANI Card. Jorge Mario Bergoglio, s.j. Arcivescovo di Buenos Aires IL BENE DEGLI ANZIANI Card. Jorge Mario Bergoglio, s.j. Arcivescovo di Buenos Aires Il pensiero e le parole espresse che presentano i punti del Documento di Aparecida sugli anziani, è molto confortante:

Dettagli

Parrocchia di San Paolo

Parrocchia di San Paolo Parrocchia di San Paolo Consiglio pastorale 27 Novembre 2011 Questa speciale edizione del Consiglio Pastorale prende vita in una soleggiata domenica novembrina: presenti 45 persone che, dopo aver celebrato

Dettagli

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16 Paternità di Dio Provvidenza San Giovanni Calabria, prendendo alla lettera il vangelo, ha vissuto e ci ha trasmesso uno

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

COMUNITA MISSIONARIE LAICHE Diocesi di Milano. Contributo al Convegno Missionario di Sacrofano

COMUNITA MISSIONARIE LAICHE Diocesi di Milano. Contributo al Convegno Missionario di Sacrofano COMUNITA MISSIONARIE LAICHE Diocesi di Milano Contributo al Convegno Missionario di Sacrofano La Comunità Missionarie Laiche ( CML), risiede attualmente a Legnano, nella Diocesi di Milano, ed è presente

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI Giornata di preghiera per il Bicentenario della Diocesi 1816-2016 Giubileo della Misericordia Domenica 25 ottobre 2015 PREMESSA In vista dell apertura del Bicentenario della

Dettagli

L adulto destinatario e soggetto di formazione

L adulto destinatario e soggetto di formazione Diocesi di Treviso Anno pastorale 2012-2013 Formare cristiani adulti in una Chiesa adulta Anno secondo L adulto destinatario e soggetto di formazione Orientamenti pastorali per l anno 2012-2013 A cura

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO 1. Inaugurazione ufficiale del nuovo anno di catechismo: Biccari 12 Ottobre ore 10,00. Riportiamo il testo della celebrazione. INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO Inizio: Si esce dalla sagrestia con

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

Istituto Maria Consolatrice

Istituto Maria Consolatrice ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:direzioneprimaria@ismc.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PLESSO: PANTANO CLASSI: 1ª 2ª 4ª 5ª PLESSO: ORSOMARSO CLASSI: 1ª 2ª 5ª DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella.

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella. Non è mai troppo tardi per formare un gruppo di Cantori della Stella. Se desiderate formare un gruppo e volete una mano non esitate a chiamarci. Abbiamo fatto tesoro dei consigli e dell esperienza dei

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989 La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I Domenica, 17 dicembre 1989 Alla popolazione del quartiere Una visita ad un quartiere difficile quella che compie

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti #Ondemand: cosa desideriamo come oratorio? A partire da una riflessione sulla pastorale giovanile a Scandiano, iniziata

Dettagli

Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014

Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014 Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014 GENNAIO 2014 Perché venga promosso un autentico sviluppo economico, rispettoso della dignità di tutti gli uomini e di tutti i popoli. Perché i cristiani

Dettagli

SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12

SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12 SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12 Da discepoli a testimoni. La Parabola di Pietro. Il tema vuole mettere in luce quel discernimento che ha visto divenire Pietro da un semplice discepolo ad un testimone

Dettagli

principale del gruppo è

principale del gruppo è Ufficio Diocesano di Pastorale Familiare e Vita I GRUPPI FAMIGLIA PARROCCHIALI luogo di crescita nella fede e nella spiritualità propria dello stato coniugale; momento di apertura alla vita parrocchiale

Dettagli

e r i v a c l I www.madremisericordia.it/finestre/3stelle.asp

e r i v a c l I www.madremisericordia.it/finestre/3stelle.asp a c l I s l te lo dei tuoi an n i v e r d i ARCHIVIO www.madremisericordia.it/finestre/3stelle.asp 1 Stai per addentrarti in un affascinante viaggio alla scoperta di 3 Stelle. Come in ogni favola non può

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

31 gennaio 2014. Foto di Renzo Bussio, Dario Prodan, Mario Notario, Giuseppe Verde

31 gennaio 2014. Foto di Renzo Bussio, Dario Prodan, Mario Notario, Giuseppe Verde Festa di Don Bosco 31 gennaio 2014 Foto di Renzo Bussio, Dario Prodan, Mario Notario, Giuseppe Verde Sognate in grande e seguite il vostro sogno Messaggio ai giovani del MGS 2014 Amatissimi giovani, non

Dettagli

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità:

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità: Tutti i gruppi delle parrocchie di S.Agnese e S.Andrea sono invitati a confrontarsi sulla seguente bozza di progetto educativo e a dare il proprio contributo nel corso dell incontro di venerdì 28 marzo

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

1. Una comunità con la gioia di crescere e di operare con entusiasmo a vantaggio di tutti

1. Una comunità con la gioia di crescere e di operare con entusiasmo a vantaggio di tutti Il Vescovo di Crema Alla Comunità Cristiana che è in Casaletto Vaprio, al parroco, don Achille Viviani, ai membri del consiglio pastorale, alle catechiste, ai diversi gruppi impegnati. Sono passate alcune

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE Parrocchia S. Biagio in Ravenna Anni: 2014-2015 e 2015-2016 PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE RITI DI INTRODUZIONE DELLA CHIESA STAZIONALE 1. Quando il popolo si è riunito nella Chiesa stazionale il Vescovo saluta la comunità: Nel nome del Padre e del

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015)

La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015) La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015) INCONTRO CON IL CLERO, I RELIGIOSI, LE RELIGIOSE ED I SEMINARISTI DISCORSO

Dettagli

LA NOSTRA TESTIMONIANZA DI LAVORO E DI FESTA IN AMBIENTE MUSULMANO P. José Vega

LA NOSTRA TESTIMONIANZA DI LAVORO E DI FESTA IN AMBIENTE MUSULMANO P. José Vega LA NOSTRA TESTIMONIANZA DI LAVORO E DI FESTA IN AMBIENTE MUSULMANO P. José Vega I.- LA CHIESA IN MAROCCO: 1- Breve rassegna storica: Per poter presentare il testimonio di una Scuola cattolica in Marocco

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono con voi» Mt 28,16-20 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Matteo (28,16-20) In quel tempo, gli undici

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Opere di misericordia 1

Opere di misericordia 1 Percorso di riscoperta delle Opere di misericordia 1 DAR DA MANGIARE AGLI AFFAMATI INSEGNARE AGLI IGNORANTI Spunti di riflessione per un dibattito sull Opera di misericordia corporale Dar da mangiare agli

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli