COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno)"

Transcript

1 COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno) PARTE I INDIRIZZI GENERALI - Questo secondo bilancio che dovrà essere approvato dall Amministrazione Comunale si pone in un segno di netta continuità rispetto agli obiettivi già raggiunti, proiettato alla realizzazione del programma elettorale. Siamo, purtroppo, alle prese con gli ennesimi tagli del Governo Centrale agli Enti Locali, per cui anche nella redazione del bilancio annuale per il 2011 e pluriennale dovrà porsi molta attenzione alle spese ed alle restrizioni a cui, ad ogni modo, la legge ci obbliga, assicurando comunque la realizzazione del programma di mandato. Analisi dei bisogni Attuazione di riforme istituzionali: attività di regolamentazione Incompletezza del quadro normativo di riferimento - A tale scopo, sarà continuata la già intrapresa analisi conoscitiva dei problemi organizzativi e di gestione, con particolare attenzione allo stato di attuazione delle opere già in corso, all organizzazione dei vari servizi e all effettiva possibilità dei cittadini di fruirne, traendone indispensabili elementi per una corretta programmazione, anche attraverso l analisi di quesiti posti ai cittadini che possono essere messi in condizioni di segnalare le loro necessità (raccolta di feed back). - Certamente il momento storico che stiamo vivendo a livello nazionale, con la crisi economica e sociale da una parte e le c.d. riforme istituzionali dall altra (ci si riferisce al federalismo fiscale, alle nuove norme sulla tracciabilità dei flussi finanziari, al nuovo regolamento sui servizi pubblici, al nuovo regolamento sui contratti pubblici, alla c.d. riforma Brunetta, al nuovo codice dell amministrazione digitale, alla riforma del pubblico impiego) non consentono una programmazione del tutto serena e scevra da dubbi e preoccupazioni, dovendosi dare attuazione a provvedimenti complessi e articolati per i quali sarà preliminarmente necessario studiarne le implicazioni a livello locale e dare corso all elaborazione dei regolamenti locali attuativi, tenendo conto delle esigenze locali. In tale attività di studio, analisi e regolamentazione sarà essenziale avvalersi del Segretario comunale al quale, ai sensi dell art. 97, lett. d) del TUEL verrà attribuita tale funzione. Bisognerà anche, di conseguenza, dare corso alla predisposizione delle necessarie riforme statutarie. Occorre procedere a fissare le linee guida dell azione amministrativa con la specificazione che saranno possibili modifiche di programma in corso, anche in base a contingenze ad oggi non prevedibili, e sul presupposto che è stata approvata dal Parlamento la legge sul federalismo fiscale, per la cui esecuzione si attendono una serie di periodici decreti attuativi, destinati a riscrivere il funzionamento della macchina fiscale sul territorio, i quali verranno emanati secondo una tempistica variegata e per i cui effetti si dovrà attendere il In particolare il D.Lgs. n. 68 del si limita a fornire le linee guida per l attuazione della compartecipazione degli enti locali all IRPEF, all IRAP ed all IVA, rivedendo i meccanismi delle addizionali e regolando i principi entro i quali potranno essere istituite le nuove tasse di scopo. Nel contempo, occorre tenere conto dei limiti imposti dal patto di stabilità, il quale, per il si presenta impegnativo per le amministrazioni locali, ingessando fortemente la gestione, attraverso la compressione degli investimenti. Le reazioni da parte del mondo delle autonomie locali sono state tali che il Governo sta

2 predisponendo un decreto contenente le misure correttive al patto di stabilità, peraltro anticipate dalla circolare 11/2011 della Ragioneria Generale dello Stato, ma non ancora emanato. Questo ritardo sta creando un grosso disagio a tutti i Comuni, i quali non sono in grado di decidere con cognizione di causa su quali risorse si possa contare per realizzare gli interventi necessari per la propria comunità. Utilizzo razionale delle risorse Impiego di fonti di energia rinnovabile Migliorare la qualità dell ambiente Ridurre i rifiuti Analisi società partecipate e soluzioni organizzative alternative - In tale quadro generale di riferimento, va precisato, anzitutto, che grande attenzione pone l Amministrazione Comunale alla salvaguardia degli equilibri di bilancio puntando ad un utilizzo razionale delle risorse, tagliando ovvero riducendo, laddove possibile, le spese ed eventuali sprechi. A tal proposito, giova evidenziare che anche i c.d. costi della politica nel Comune di Albanella sono di modesta rilevanza se confrontati con realtà limitrofe, per cui si è già in linea con i principi dettati dalle leggi finanziarie, che si sono succedute negli ultimi anni. - Con riferimento ai costi di gestione dei vari servizi comunali, si prevede in prospettiva di ridurli, pur garantendo un miglioramento della qualità dei servizi resi, attraverso la razionalizzazione dell organizzazione degli stessi, attraverso una rivisitazione dei capitolati ed attraverso l utilizzo, laddove possibile, di fonti di energia rinnovabile. - A quest ultimo proposito, ci si propone di rendere l isola ecologica autosufficiente dal punto di vista energetico, installando un micro impianto eolico. Allo stesso modo, si prevede di ottenere considerevoli risparmi alimentando il sistema energetico degli edifici pubblici e lo stesso funzionamento dei depuratori, con fonti di energia di tal genere. - In tal modo, oltre a ridurre i costi, si perseguirà l obiettivo di migliorare la qualità dell ambiente, riducendo, altresì, le immissioni di CO2 in atmosfera. - A tal proposito, ci si propone di definire nel corso del triennio un progetto di sviluppo della cultura ambientale che dovrà essere articolato secondo il seguente schema di massima: da una parte saranno assunte tutte le iniziative per ridurre drasticamente la produzione dei rifiuti (ci si riferisce in particolare all attuazione dei progetti già approvati dall amministrazione delle eco-feste, eco-pannolini lavabili ed eco-shoppers, attraverso l approvazione dei regolamenti e l acquisto del materiale) e dall altra parte ci si occuperà della stesura e dello studio di un piano energetico comunale destinato ad individuare le fonti di energia alternativa realizzabili sul territorio (eolico, microeolico, biogas, fotovoltaico, idroelettrico etc). Attraverso questi due obiettivi sarà possibile sviluppare una idonea cultura ambientale necessaria per ottenere anche la certificazione ambientale di qualità. - Anche le forme associative, ovvero la partecipazione del Comune a società esterne in house o partecipate, nell ottica della riduzione dei costi e dell impiego ottimale delle risorse, trovano forti limitazioni; in particolare dal , sono soppressi gli A.T.O. per la gestione del servizio idrico integrato e per la gestione integrata dei rifiuti, che avrebbero dovuto assorbire tutti i costi di gestione dei rispettivi servizi, in particolare sgravando il Comune dagli oneri che tuttora sostiene per il pagamento delle rate di ammortamento mutui per opere acquedottistiche e fognarie, di rilevante entità, e delle spese di gestione del servizio idrico pure notevoli ma necessarie per assicurare la manutenzione soprattutto ordinaria del servizio idrico. Inoltre, occorrerà procedere all aggiornamento della ricognizione delle partecipazioni societarie detenute dal Comune, dismettendo le partecipazioni che non rispondono ai requisiti di legge ovvero sono relative a società i cui scopi non sono compatibili con i fini istituzionali dell Ente (art. 14 co. 32 d.l. 78/2010 conv. in l. 122/2010 e s.m.i.). In particolare l art 2 comma 3 del d.l. 225/2010, conv. in l.. 10/11 prevede che i Comuni con popolazione inferiore a abitanti, entro il , devono 2

3 mettere in liquidazione o cedere la partecipazione delle società costituite con esclusione di quelle che hanno chiuso i bilanci in utile negli ultimi 3 esercizi. L ufficio finanziario dovrà concentrarsi soprattutto sull analisi dei dati al fine di individuare le migliori forme di gestione dei vari servizi comunali. Partenariati Ridurre prelievo fiscale Viceversa, occorre valutare con favore la costituzione di partenariati, soprattutto per promuovere progetti utili all ambiente e allo sviluppo sostenibile su vasta area. In particolare si intende aderire al P.A.S. con i comuni di Battipaglia, Eboli, Serre, Altavilla Silentina, Capaccio, Trentinara, Giungano e Acropoli, ovvero della Valle del Sele, per proporre progetti da candidare a finanziamenti europei, destinati a promuovere l area, il territorio sulla quale geograficamente si trova anche Albanella. In tale ottica il Comune di Albanella si propone, in prospettiva, di allestire un Ufficio Europa - n carenza di risorse è necessario superare la logica di gestione delle emergenze, introducendo soluzioni organizzative per il medio-lungo periodo al fine di mantenere e, se possibile, migliorare l attuale livello dei servizi offerti alla cittadinanza, senza gravare con l imposizione di ulteriori tasse o aumenti di quelle esistenti, ma anzi con l obiettivo di diminuirle, dove possibile. In particolare, con riferimento alla TARSU, l obiettivo della riduzione della stessa, viene assicurato da una parte dall implementazione del nuovo sistema della raccolta differenziata, che ha comportato una diminuzione dei costi di smaltimento dei rifiuti indifferenziati, e dall altra dal completamento dell attività di recupero delle sacche di evasione. A proposito, punto essenziale del programma amministrativo, anche nel triennio, è il potenziamento dell utilizzo dell isola ecologica che permetterà alla popolazione una sua fruizione sempre più protesa all implementazione della raccolta differenziata, attraverso meccanismi di premialità e campagne di sensibilizzazione, anche con l attivazione del servizio di eco-volontariato. Collaborazione cittadini Codice di amministrazione digitale Sportello unico Semplificazione - Tuttavia, è determinante la collaborazione dei cittadini, non solo nel corretto conferimento dei rifiuti ma anche nell espletamento di altri servizi, quale ad esempio quello del trasporto scolastico. Infatti, al fine di razionalizzare la spesa, sarà importante rivedere l organizzazione del servizio trasporto scolastico, prevedendo dei punti di raccolta degli studenti che consentano un minore costo nella gestione del servizio. - Nell ottica del risparmio dei costi si inserisce anche l obiettivo della riduzione dei tempi procedimentali e della semplificazione passando attraverso gli adempimenti connessi al nuovo codice dell amministrazione digitale approvato con d.lgs. 235 del , la cui attuazione richiederà tempi medio-lunghi, al fine di realizzare effettivamente la semplificazione delle relazioni tra il cittadino e la p.a. - In particolare, sono previste novità sia nell organizzazione interna, soprattutto introducendo nuove tecnologie nella gestione dei procedimenti amministrativi ( si pensi all obbligo di protocollare la posta certificata e di creare il fascicolo elettronico del procedimento), che nei rapporti tra cittadini e imprese con la p.a., consentendo pagamenti informatici ed istanze in via telematica (si pensi allo sportello unico di cui al DPR 160/2010). - Inoltre, occorre programmare tutti gli interventi necessari per dare attuazione all obbligo della pubblicità legale di atti e documenti dal attraverso la costituzione e gestione dell albo pretorio on-line, previa l adozione di apposito regolamento. Si darà attuazione, altresì, all obbligo introdotto dal c.d. decreto sviluppo, di pubblicare sul sito comunale l elenco degli atti e documenti necessari per ottenere 3

4 provvedimenti amministrativi, facendo presente che non potrà essere richiesta ulteriore documentazione diversa da quella pubblicata. Valorizzare le risorse umane Piano delle performance Esternalizzazione principali servizi Accordo di programma per - E importante monitorare costantemente la macchina comunale, con un attenta riflessione all impiego ottimale delle risorse umane disponibili, in rapporto alle attività da porre in campo ed eseguire nel periodo di riferimento , anche con riguardo alle funzioni e compiti di ciascun settore. In tale ottica si rivedono la collocazione dei servizi all interno dei settori, prevedendo che la gestione del personale, limitatamente alla gestione giuridica del salario accessorio e dunque alla presidenza della delegazione trattante, e adempimenti connessi, vengano trasferiti dal settore finanziario a quello amministrativo, così come il servizio Informagiovani. In tale analisi, evidentemente, vengono valutate tutte le possibilità operative che l attuale sistema amministrativo e gestionale pone a disposizione degli Enti Locali, nel senso che, se le limitazioni imposte dai vincoli nazionali ed europei (in merito alle assunzioni, alla spesa ecc.) impediscono certi percorsi (assunzioni di adeguato personale ecc.) per il raggiungimento degli obiettivi che l Amministrazione si prefigge, occorre puntare sulla razionalizzazione dei procedimenti, la qualificazione e aggiornamento professionale dei dipendenti, la valutazione del merito e dell efficienza. - A questo proposito, si provvederà, attraverso l adozione del PEG, a dare attuazione alla c.d. riforma Brunetta (d.lgs 150/09), adottando il c.d. piano delle performance: esso, su proposta del Nucleo di valutazione, dovrà essere approvato dalla G.C. ed andrà a declinare gli adempimenti necessari per il raggiungimento degli obiettivi strategici previsti nel presente documento, indicando la tempistica ed i criteri di misurazione per assicurare performance individuali nonché la performance organizzativa che possa migliorare l efficienza della macchina amministrativa nel triennio, senza costi aggiuntivi e da sottoporre alla Civit. A tal fine, in forza della deliberazione Civit n. 121 del , si assegnano al nucleo di valutazione i nuovi compiti demandati dalla legge all O.I.V. e, sulla base degli indirizzi stabiliti dal Consiglio Comunale, si prevede una competenza mista del nucleo di valutazione, attraverso la partecipazione del segretario comunale, pur nel rispetto dei requisiti professionali richiesti dalla legge per gli altri componenti. Allo stesso tempo, sempre nell ottica del risparmio delle spese, avvalendosi del disposto dell art. 97, lett. d) del TUEL, si prevedono compiti aggiuntivi a quelli istituzionali da affidare al Segretario comunale, quale quello di patrocinare le controversie legali davanti al giudice di pace, per i casi nei quali non sia necessaria l assistenza tecnica di un procuratore legale, nonché quello di procedere ai rogiti relativi ai procedimenti espropriativi ovvero a tutti quelli che riguardino beni immobili, oltre a quelli di studiare e sottoporre alla Giunta comunale le proposte di regolamenti di attuazione delle riforme istituzionali da approvarsi successivamente dal Consiglio comunale. - In tale contesto, si giustifica anche la scelta di confermare la esternalizzazione dei principali servizi e le convenzioni con altri soggetti pubblici per la gestione degli stessi. In particolare, oltre alla gestione del servizio rifiuti per il tramite del Consorzio di Bacino Sa 2, oltre alla gestione esterna del servizio trasporto scolastico, della mensa scolastica, della gestione e manutenzione della rete idrica e fognaria, si prevede l attivazione del centro di sterilizzazione e rifugio per cani, la cui struttura è stata acquisita al Comune, a seguito di risoluzione della convenzione stipulata con l Associazione Azzurri Animalisti. - Il Comune si farà promotore di un accordo di programma da predisporsi a cura del Segretario comunale avvalendosi della possibilità offerta dall art. 97 lett. d) di affidare 4

5 rifugio per cani compiti aggiuntivi a quelli istituzionali, da stipularsi con l ASL e la Provincia di Salerno, al fine di acquisire i fondi necessari per realizzare i lavori necessari ad attuare il nulla osta sanitario e per acquisire la disponibilità del personale dell ASL per le operazioni di sterilizzazione. Successivamente alla stipula del predetto accordo, il Comune attiverà le procedure di evidenza pubblica per la gestione della struttura da parte di società o associazioni OnLus che assicurino l attività in questione. Nel contempo, il Comune provvederà anche a proporre a finanziamento regionale progetti per il potenziamento e ampliamento della struttura. Le scelte saranno, innanzitutto, improntate sulla necessità di assicurare la piena vivibilità dell intero habitat comunale e saranno calibrate sulle reali necessità della popolazione, non escludendo quei possibili ingressi di iniziative economiche da parte di operatori e di investitori esterni. Valorizzazione Oasi di Bosco Camerine In tale ottica si inserisce anche il progetto di utilizzo dell oasi di Bosco Camerine in termini ambientali e turistici sotto l egida e la sorveglianza del WWF. - Si prevede altresì la esternalizzazione del servizio tributi e dei servizi cimiteriali, attraverso l istituto della concessione a terzi, in conseguenza della grave carenza di personale ovvero di risorse umane necessarie a garantire adeguati standard di gestione dei rispettivi servizi. Allo stesso modo si prevede, ancora, di affidare a terzi il servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle strade comunali, anche al fine di risparmiare sugli esosi costi di assicurazione per responsabilità civile. Anzi, nell immediato, a tal proposito, si programma di impiegare i fondi normalmente utilizzati per stipulare la polizza di assicurazione, per riparare invece le buche sul territorio, causa delle tante richieste di risarcimento danni da parte degli utenti. A questo proposito, l amministrazione ha intenzione di avviare un progetto, da svilupparsi nel corso del triennio , finalizzato ad assicurare e ottimizzare il controllo del territorio sotto il profilo ambientale e sotto il profilo della sicurezza stradale. Vigili stagionali - Inoltre, per assicurare un maggior controllo del territorio, sia per quanto riguarda la circolazione che per la sicurezza e la tutela ambientale, si prevede di potenziare l ufficio di polizia Municipale attraverso assunzioni di vigili stagionali, da finanziarsi in parte con il gettito derivante dalla sanzioni amministrative per violazioni al codice della strada e in parte con risparmi dovuti a pensionamento del personale. La graduatoria varrà per il triennio. Si utilizzeranno anche gli eco volontari che dovranno supportare l azione di sensibilizzazione e di controllo del territorio, garantendo risultati sempre migliori negli anni. Videosorveglianza del territorio - Si prevedono, altresì, azioni di supporto tecnologico, attraverso l utilizzo di strumenti avanzati, quali sistemi di videosorveglianza presso l isola ecologica e itineranti presso le aree notoriamente più critiche del territorio. - Inoltre, si programma nell arco del triennio, di attivare un più efficiente sistema di misurazione della velocità dei veicoli, anche per scongiurare il verificarsi di incidenti stradali., in particolar modo all interno dei centri urbani, nel rispetto delle norme del codice della strada e della segnaletica esistente, sensibilizzando l ufficio di PM ed incentivando la presenza sul territorio degli agenti di PM. Al progetto parteciperanno la maggior parte dei dipendenti comunali in quanto, oltre alla vigilanza, sarà necessario implementare la segnaletica, sia orizzontale che verticale, nonché assicurare la manutenzione delle strade sempre nell ottica di garantire la sicurezza degli utenti, riducendo, nel contempo, le numerose richieste di 5

6 risarcimento danni pervenute al Comune. Lavoratori in mobilità per servizi socialmente utili Usi civici Pianificazione urbanistica Sviluppo economico Manifestazioni E intitolazione strada - Si provvederà, altresì, a richiedere al competente Ufficio territoriale lavoratori in mobilità, a costo zero per il Comune, al fine di impiegarli in servizi socialmente utili a tutela dell ambiente e del territorio e non solo. Infatti, è intenzione dell Amministrazione Comunale di avvalersi delle disposizioni del nuovo codice della strada (artt. 186 e 187 c.d.s. così come modificati dalla l. 120/2010), stipulando apposite convenzioni con l Autorità Giudiziaria al fine di impiegare gli autisti che siano incorsi in sanzioni penali (ad es. guida in stato di ebrezza) in attività gratuite a favore del Comune, per evitare ai menzionati trasgressori, a determinate condizioni, la confisca del veicolo e la menzione della condanna nel certificato del casellario giudiziale. - Particolare attenzione sarà posta alla questione usi civici, in quanto occorre procedere alla riscossione dei canoni enfiteutici nonché all affrancazione dei terreni ad uso civico, previo censimento di tutte le situazioni in essere, attraverso il conferimento di apposito incarico professionale da finanziare con i ricavi degli accertamenti stessi. Sarà verificata l opportunità di conferire incarico ad idonea società professionale per il recupero IVA e IRAP eventualmente versata in eccesso, anche alla luce di recenti orientamenti giurisprudenziali (Corte dei Conti Lombardia deliberazione 27/2011), sull interpretazione dell art 6 co. 7 d.l. 78/2010 relativo alle consulenze esterne. - Il triennio 2011/2013 è importante per il Comune di Albanella perché in questo periodo sono previsti appuntamenti decisivi con realizzazioni di opere e strutture e l adozione di provvedimenti amministrativi determinanti per lo sviluppo economico e la crescita civile, culturale e sociale della popolazione Albanellese Di particolare importanza, infatti, sarà la conclusione dei procedimenti in corso per l adozione di alcuni strumenti di pianificazione urbanistica quali il PUC, il PIP, l ERP. Tali strumenti dovranno essere il volano per il rilancio del territorio in termini urbanistici, economici e residenziali. - Parallelamente oltre allo sviluppo degli insediamenti produttivi in area Pip, si incentiveranno le attività artigianali e commerciali soprattutto nel centro storico, favorendo le aperture di nuove attività mediante vari strumenti; in particolare accanto alla riqualificazione del centro storico e degli altri centri urbani con importanti interventi strutturali per i quali si rinvia al programma delle opere pubbliche, si prevedono aiuti di carattere economico, da corrispondere a seguito di accordi con altri enti pubblici e/o economici, quali gli istituti bancari. Inoltre, per le nuove iniziative economiche che si insedieranno nel centro storico, si programmano agevolazioni e/o riduzioni sulle imposte comunali. Tutto questo è finalizzato anche al rilancio del turismo nel nostro territorio. - Per il turismo e per il sociale, poi, sarà curata l organizzazione di varie manifestazioni, tra le quali la Festa delle Bontà di Bufala, la Festa dell Olio d Oliva, i Memorial Ludovico Lamberti, Savio Vairo e Cammarano, l Estate Albanellese, le festività Natalizie, oltre alle varie manifestazioni culturali tra le quali le celebrazioni del 150 anniversario dell Unità di Italia, con l intitolazione di un apposita piazza, nel rispetto dei limiti e prescrizioni derivanti dall imposto divieto di sponsorizzazione. Attenzione speciale, poi sarà rivolta alle famiglie bisognose e a tutte quelle situazioni di difficoltà che impediscono una serena esistenza, attraverso fondi trasferiti dei Piani di zona. Risulta di tutta evidenza che in queste attività saranno coinvolti le Associazioni e le Organizzazioni delle varie categorie produttive. 6

7 Cultura Cinque per mille Anche l incentivazione della cultura sarà oggetto di specifico impegno in quanto attraverso la realizzazione della costituenda Fondazione Nicola Vernieri si prevede di attuare una serie di iniziative destinate ad incidere profondamente sul territorio quali manifestazioni teatrali, iniziative per l educazione civica e per la discussione nonché per l organizzazione di manifestazioni su argomenti culturali di vari natura, senza dimenticare poi la promozione e la costituzione di gemellaggi. - Premesso, poi, che anche per l anno 2011 vi è la possibilità per i cittadini di devolvere il 5 per mille della propria dichiarazione dei redditi al Comune al fine di sviluppare progetti e attività nel sociale, si provvederà a rendere nota tale opportunità, anche al fine del maggior coinvolgimento dei cittadini stessi nelle attività pubbliche. 7

8 3.6 PROGRAMMA N. 1 FUNZIONI GENERALI DI AMMINISTRAZIONE Settore Finanziario Premessa Generale Preliminarmente, è necessario evidenziare che il raggiungimento degli obiettivi del Settore Finanziario Tributi, unitamente all espletamento dei sempre più numerosi adempimenti che la normativa impone, è reso oltremodo complesso dalla carenza delle risorse umane a disposizione dell Ufficio. A riguardo, si rileva che il Settore si avvale solo della collaborazione di n. 2 unità, una di categoria C e l altra di categoria B, che risultano evidentemente insufficienti, rispetto ai carichi di lavoro con compiti definiti e stabiliti dal Responsabile del Servizio. Da tanto si desume chiaramente la conseguenza che non possono essere assicurate in ogni momento - livelli ottimali di efficienza ed efficacia dei vari servizi. Alla luce di quanto brevemente considerato, si ritiene opportuno ricorrere all esternalizzazione di alcuni dei servizi affidati al Settore quali: quello concernente la redazione del modello 770 IVA, quello per lo svolgimento del servizio di digitalizzazione e postalizzazione finalizzato alla riscossione diretta della TARSU, quello per il completamento della procedura per il minimo impegnato per il servizio idrico. Tanto sempre nel rispetto della normativa legislativa e regolamentare vigente. In questo modo, si ritiene possibile ridurre e risolvere lo stato di emergenza continuo nel quale l Ufficio è costretto a prestare la propria attività di lavoro, costringendo spesso il personale a trattenersi oltre l orario di lavoro ordinario. A riguardo, si richiama quanto già evidenziato dal Responsabile con la propria proposta di programmazione triennale del personale redatta nell anno Già in quella occasione si evidenziava come l organico del Comune di Albanella risulta ben al di sotto dei minimi previsti con il D.M per il quale: il rapporto medio nel Comune di Albanella tra dipendenti in servizio, pari a n. 20 unità e la popolazione residente pari a unità al , risulta essere determinato nella misura di un dipendente ogni 325 abitanti (in base al D.M , il rapporto è fissato in 172 abitanti per ogni dipendente); la carenza di organico nel Comune di Albanella è evidente se solo si considera che il personale attualmente dipendente presente è di n. 19 unità (di cui n. 4 operai e n. 2 i vigili), di cui ben n. 7 unità affidate al Settore Amministrativo Demografico, n. 3 (di cui uno part time per 12 ore settimanali) affidate al Settore Tecnico e Servizi al Territorio, n. 3 affidate al Settore Finanziario Tributi Personale. Per un miglioramento del funzionamento dei servizi sarebbe auspicabile una più equa distribuzione del personale dipendente, da rapportare necessariamente alla complessità dei servizi affidati ai diversi Settori. Tale non più rinviabile esigenza di razionalizzazione e di riorganizzazione del personale attualmente impiegato, nei termini sopra sinteticamente esposti, si rende oltremodo urgente in prossimità dei numerosi cambiamenti procedimentali che interesseranno l Ente; ad esempio, il c.d. federalismo municipale comporterà nel prossimo futuro la necessità per gli uffici di dover affrontare tematiche nuove e complesse che necessiteranno di personale adeguatamente formato ed istruito; ed ancora, la necessità per l ente di affrontare le problematiche connesse al prossimo passaggio dalla TARSU alla TIA e, quindi, l esigenza di procedere alla redazione di un nuovo regolamento comunale in materia, basato su studi statistici ed istruttorie particolarmente complesse DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA : 8

9 L attività del programma è quella di garantire ai settori ed ai servizi dell ente il necessario coordinamento di programmazione finanziaria, di verifica costante nel corso dell esercizio di competenza e di rendiconto di tutti gli aspetti economico finanziari. Le continue modifiche legislative e normative richiedono una costante verifica ed una realistica programmazione dell attività dell ente, rivolta prioritariamente al recupero di nuove risorse ed alla ottimizzazione di quelle esistenti, il tutto nell ambito di una doverosa sinergia tra i settori. Ogni scelta riguardante gli assetti gestionali ed organizzativi dei servizi offerti dall ente ed ogni scelta di investimento e di correlato finanziamento deve essere valutata con la massima attenzione anche in relazione ai riflessi sugli equilibri economico finanziari della gestione, attuale e prospettica dell ente. Nell ambito di questo programma si ricomprendono servizi di fondamentale importanza nella programmazione interattiva e gestionale dell Ente, Servizi Finanziari - Economato, Tributi, Gestione economica del Personale e Servizi Fiscali, Finanziamenti regionali, nazionali, rapporti con la Cassa DD. e PP. I Servizi Finanziari ed Economato comprendono l insieme delle attività di gestione economico patrimoniale in senso generico e che possono essere in maniera non esaustiva elencate come di seguito: 1. monitoraggio del mantenimento degli equilibri di bilancio attraverso il controllo dello stato di accertamento delle entrate e di impegno delle spese, nonché attraverso una attenta analisi dei residui attivi e passivi, come previsto dall art. 193 TUEL secondo il quale si procede alla verifica periodica della conservazione degli equilibri complessivi di bilancio; 2. interventi atti a favorire la capacità di spesa rispetto agli stanziamenti di bilancio disponibili; 3. azioni rivolte all interazione tra Consiglio ed organo esecutivo in fase di discussione del bilancio e delle relative variazioni, mediante il miglioramento delle tecniche di presentazione delle politiche e delle connesse risorse finanziarie; 4. controllo dei flussi di cassa ai fini di una corretta ed economica gestione delle disponibilità finanziarie ed il rispetto degli obiettivi del patto di stabilità; 5. procedure di controllo del patto di stabilità interno, verificando e pianificando le attività contabili, in modo che vi sia un costante rispetto dei parametri consentiti dalla legge e segnalando al Revisore Unico dei Conti e al Sindaco ed agli Assessori al ramo eventuali mutamenti dei parametri in modo da consentire, di apportare eventuali manovre correttive e/o di stabilizzazione del tetto di spesa e/o di disavanzo finanziario previsti dal patto. 6. predisposizione degli atti necessari per l approvazione del bilancio e relazione previsionale e programmatica, del conto consuntivo, per la salvaguardia degli equilibri di gestione, per l assestamento di bilancio per le variazioni di bilancio nonché per i prelevamenti di fondi di riserva. 7. gestione dei mandati di pagamento e delle reversali di incasso; 8. predisposizione delibera di impignorabilità dei fondi tenuti dal tesoriere comunale. 9. attività di supporto per le eventuali valutazioni di convenienza economica riguardo all esternalizzazione di servizi di competenza dell ente; 10. programmazione degli acquisti come fattore di economicità, di risultato e di efficienza; 11. modifica del regolamento comunale di contabilità; 12. redazione dichiarazione annuale IVA sui contratti dei servizi non commerciali; 13. trasmissione telematica Modello F 24 EP; 14. compilazione e trasmissione F 24; 15. rilascio certificati IRPEF; 16. rendicontazione spese consultazioni elettorali; 17. rendicontazione diverse per enti pubblici e non al fine dell ottenimento dei contributi; 18. razionalizzazione forniture cancellerie e stampati ai diversi uffici; 19. adempimenti di natura fiscale; 9

10 20. trasmissione dati al Revisore Unico dei Conti e al nucleo di valutazione periodicamente e a fine esercizio necessari all espletamento dell adempimento di cui all art. 196 T.U.E.L.; 21. conto annuale e relazione. 22. assistenza al Collegio dei Revisori dei conti/ Revisore unico; 23. introito proventi concessioni edilizie, condono edilizio e contabilità delle relative spese; 24. anticipazioni di Tesoreria; 25. riscossione delle entrate tributarie, extratributarie e dei trasferimenti correnti da Stato, Regione ed altri Enti o privati; 26. accertamenti di entrata; 27. reversali di incasso di parte corrente; 28. emissione dei mandati di pagamento di parte corrente; 29. registrazione e smistamento delle fatture in arrivo; 30. controllo e liquidazione dei rendiconti dell economo; 31. adempimenti presso la Commissione Tributaria ed altri organi Giurisdizionali, in ragione della complessità del procedimento salvo possibilità di affidamento esterno dell incarico; 32. adempimenti scaturenti dalla circolare ministeriale n. 5 del 2011 (PERLA P.A.) e dalla delibera di G.C. n. 32 del di nomina del Responsabile del Settore Finanziario quale referente dell Amministrazione per l espletamento degli adempimenti previsti. La Gestione dei Tributi parte dalla definizione del concetto di entrata a quello di individuazione del contribuente ed alla successiva riscossione ed accertamento degli stessi; La gestione dei tributi, per l importanza che assume ai fini del bilancio comunale, deve necessariamente tenere conto non solo delle tematiche classiche ma anche degli sviluppi giurisprudenziali in materia, nonché dei recentissimi interventi normativi come è accaduto in tema di ICI e di fabbricato rurale. Pertanto, occorre essere adeguatamente informati, disporre di nozioni utili e funzionali ed è indispensabile aggiornarsi e documentarsi per rendere operativo l ufficio. Quindi, in tale ottica si intende, in carenza di personale, esternalizzare il servizio attraverso l istituto della concessione a terzi. La Gestione del Personale comporta l attuazione di tutti gli adempimenti di Legge connessi all elaborazione e al pagamento degli stipendi sia con riferimento al salario cosiddetto fondamentale che accessorio con particolare riguardo gli obblighi di determinazione del fondo per l efficienza dei servizi da effettuarsi con apposito atto entro inizio esercizio finanziario, mentre la convocazione della delegazione trattante e la stipula dell accordo decentrato per la ripartizione dello stesso, viene trasferita al Settore Amministrativo. 1. determinazione del fondo di efficienza del salario accessorio; 2. attivazione delle procedure del DL 112/2008 convertito in L. 133/2008 sulle verifiche delle malattie e trattenuta sullo stipendio; 3. comunicazioni on line per assunzioni, cessazioni e variazioni; 4. nell ambito dei servizi accessori forniti al personale comunale, provvede agli adempimenti connessi con le concessioni di prestiti da parte di terzi al personale trattenendo e le relative quote mensili; 5. riscatti e ricongiunzione; 6. determinazione della retribuzione al personale; 7. determinazione e liquidazione dei compensi amministratori comunali; 8. determinazione e liquidazione dei compensi al nucleo di valutazione ed al Revisore unico dei conti; 9. determinazione e liquidazione missioni amministratori e dipendenti; 10

11 10. versamenti mensili e periodici della contribuzione obbligatoria e delle ritenute erariali; 11. rapporti con enti previdenziali assistenziali; 12. denunce mensili (EMENS DMA DM10); 13. contabilizzazione IRAP INAIL; 14. compilazione Modelli CUD; 15. aspetti fiscali connessi alla predisposizione del Modello CUD; 16. liquidazione indennità varie (turnazione, reperibilità, maneggio valori, produttività, lavoro straordinario e di quanto altro previsto dai vigenti CCNL); 17. gestione stipendi; 18. applicazioni economiche dei contratti collettivi per quanto di competenza; 19. determinazione del fondo di efficienza dei servizi - salario accessorio; 20. predisposizione atti per pensionamenti e cessazioni dal servizio; 21. certificati di servizio; 22. predisposizione modello PA04 ex dipendenti o dipendenti da collocare a riposo; 23. predisposizione modello 750/P per il riconoscimento della liquidazione di fine servizio; 24. predisposizione modello 350/P per il riconoscimento del TFR. Inoltre per lo svolgimento della normale attività di funzionamento del Settore il programma include: 25. l istruttoria delle delibere e determine di competenza del settore; 26. la gestione del contenzioso relativamente al settore di interesse; 27. l attuazione degli indirizzi individuati dall Amministrazione FINALITÀ DA CONSEGUIRE: Ferme restando le indicazioni sopra formulate con riguardo all esigenza di meglio razionalizzare ed organizzare il personale attualmente dipendente in raffronto alla complessità dei servizi resi dai diversi Settori, il programma mira al raggiungimento degli obiettivi di efficienza e di efficacia nell erogazione dei servizi amministrativi di competenza istituzionale propria dell Ente Comune, attraverso un organizzazione interna e attraverso l adozione di misure idonee a migliorare la qualità dei servizi resi. In particolare, si dovrà assicurare: - un costante monitoraggio delle disponibilità finanziarie, economiche ed umane; - un costante sistema di comunicazione con l utenza attraverso: 1) la semplificazione e snellezza procedurale, trasparenza e rispetto dei principi di legalità; 2) la garanzia dei diritti di informazione, di accesso e di partecipazione, di utilizzazione dei servizi offerti in termini di precisione e di celerità, mediante l utilizzo di idonea modulistica aggiornata dei procedimenti propri del settore; 3) l erogazione dei servizi con celerità ed efficienza, riducendo i tempi di attesa, rispettando le scadenze. - una maggiore chiarezza e trasparenza dell azione amministrativa; - una maggiore tempestività nell assicurare gli adempimenti procedurali di competenza attraverso un più razionale utilizzo della risorsa tempo sia avvalendosi di idonei strumenti di informatizzazione dei processi che di una diversa articolazione degli orari di servizio al pubblico; - l ottimizzazione delle risorse disponibili anzitutto individuando nuove entrate ed assicurando la riduzione delle spese. L ufficio dovrà incentivare l utilizzo dei mezzi informatici al fine di ridurre il volume di documenti cartacei prodotti. In particolare si dovrà incentivare l utilizzo di scanner e programmi software che consentano di realizzare dei veri fascicoli informatici. Lo sforzo dell incentivazione degli strumenti informatici persegue il duplice obbiettivo di snellire le procedure amministrative e di ridurre le spese generali di funzionamento dell ufficio. Allo stesso modo, l amministrazione incentiva l attivazione di procedure di riduzione delle spese di gestione relativamente al materiale di consumo. 11

12 Risorse umane da impiegare: Responsabile: Dipendente Maurizio Cammarano Tel. 0828/ Fax. 0828/ Componenti: Dipendente Bellizio Vincenzo Tel. 0828/ Fax. 0828/ Dipendente Pitta Giovanni Tel. 0828/ Fax. 0828/ cat. D1 pos. ec. D2 cat. C1 pos. ec. C2 cat. B5 pos. ec. B Risorse strumentali da utilizzare: n 03 Personal Computer; n 01 scanner; n 01 programma gestione contabilità; n 01 programma gestione paghe; n 01 programma gestione tributi; n 01 programma gestione acquedotto; Attrezzature in dotazione a tutti gli uffici a seconda delle necessità: n 01 autovettura Fiat Punto in comune con gli altr i settori; n 01 fax; n 02 fotocopiatrici; Investimento: Fondi comunali e trasferimenti da altri enti pubblici Coerenza con il piano regionale di settore: Il piano risulta coerente con quello Regionale. 12

13 3.6 PROGRAMMA N. 1 FUNZIONI GENERALI DI AMMINISTRAZIONE Settore Amministrativo - Demografico Premessa - Assicurare gli adempimenti obbligatori di legge specie in considerazione dei cambiamenti e delle innovazioni tecnologiche che stanno interessando la Pubblica amministrazione relativamente all informatizzazione di tutti i procedimenti amministrativi e trasmissioni online (sia verso altri enti che nell ambito dell ente stesso tra ciascun ufficio) pubblicazione e gestione dei siti web, richiede un rilevante impegno sia in termini di qualificazione e aggiornamento professionale, che di riorganizzazione dei servizi interni e del lavoro da svolgere. - Il settore è stato interessato da una significativa revisione dell assetto dell ufficio segreteria in particolare e dell ufficio anagrafe (mobilità interna del personale) che ha richiesto e richiede, pertanto un assestamento delle modalità operative conseguenti alle mutate situazioni organizzative; - L ufficio segreteria in particolare è stato interessato di un importante innovazione inerente l istituzione dell Albo Pretorio on line che viene gestito in convenzione con il CST il quale si occupa di creare e mantenere il portale del sito internet che include l Albo Pretorio on line. Per i prossimi mesi, oltre all entrata in funzione dell Albo pretorio on line, l ufficio protocollo utilizzerà un nuovo software di gestione, sempre fornito dal CST. Obiettivo fondamentale e prioritario per il prossimo triennio sarà quello di implementare la comunicazione interna (tra gli uffici) ed esterna ( con la cittadinanza) tesa sia ad assicurare i servizi al cittadino che a migliorare il grado di soddisfazione dell utenza, attraverso l utilizzo di modalità telematiche. Il miglioramento della capacità di comunicazione sarà orientato in una duplice direzione: 1. Predisposizione di una modulistica uniforme dei procedimenti che afferiscono a tutti gli uffici comunali; 2. Predisposizione di test da sottoporre ai cittadini al fine di verificare il grado di soddisfazione in merito ai servizi offerti, almeno limitatamente, per il settore di competenza, al rilascio delle certificazioni anagrafiche e delle carte di identità. L obiettivo si pone anche nell ottica di: - uniformare la modellistica dei procedimenti comunali al fine di agevolare il cittadino nella presentazione di istanze e nella fruizione dei vari servizi comunali; - assicurare la fungibilità di funzioni tra gli addetti agli uffici per raggiungere l obiettivo di migliorare la funzionalità del servizio; - migliorare la comunicazione istituzionale attraverso: la tenuta del sito internet, amministrato dal CST, che per il prossimo triennio sarà oggetto di interventi di miglioramento della comunicazione e dell informazione; la pubblicazione del periodico Albanella News il cui obiettivo è la comunicazione e l informazione degli eventi che attengono all attività istituzionale ordinaria e straordinaria dell ente, nell ambito del più generale obiettivo di trasparenza delle funzioni svolte dall ente e delle varie attività di governo; di un maggiore coinvolgimento dei cittadini nella vita amministrativa 13

14 del Comune; di una partecipazione più sentita nella valutazione delle scelte di governo e della conseguente programmazione; gestione della posta certificata e utilizzo della firma digitale Descrizione del programma funzioni generali di amministrazione: Il programma comprende tutte le attività generali, di supporto ed organizzazione necessarie a garantire il corretto funzionamento degli organi oltre a tutte quelle attività riconducibili alle funzioni generali di amministrazione, di gestione e controllo che non trovano specifica riferibilità ad altri programmi. Nell ambito di questo programma si ricomprendono i servizi fondamentali quali quelli di segreteria generale, e anagrafe e stato civile: - In particolare l ufficio segreteria cura l attività istituzionale di supporto agli Organi dell Ente Consiglio (compreso Presidente, Conferenza dei capigruppo e Commissioni consiliari), Giunta, Sindaco nel rispetto del principio di legalità, è finalizzata a consentire l espressione e la realizzazione dell azione di governo in termini di correttezza, efficienza e tempestività a cui conseguono altrettante caratteristiche dell azione amministrativa e la regolare erogazione dei servizi istituzionali (intesi quali strumento di pratica attuazione della volontà espressa dagli organi politici). Essa consiste nell attività preparatoria per la convocazione delle sessioni deliberative, nell attività di segreteria, nella procedura di esecuzione amministrativa delle sessioni stese, ed inoltre nella fase di consulenza normativa e organizzativa di raccolta documentale e di assistenza agli amministratori nel rilascio di tutti gli atti e documenti di cui per legge possono disporre, privilegiando per maggiori economie di spesa, la trasmissione di informazioni e atti conseguenti tramite l uso della posta elettronica qualora in dotazione agli interessati. - Per l anno 2011 al Settore Amministrativo viene affidata la gestione giuridica del personale, intendendo quali adempimenti assegnati al settore quelli legati alla contrattazione decentrata, con esclusione della determinazione del fondo salario accessorio che resta nella competenza del Settore finanziario in quanto strettamente legata al trattamento economico del personale. I servizi generali di segreteria comprendono l insieme delle seguenti attività tese ad assicurare il supporto tecnico amministrativo agli organi del Comune attraverso: 1. L istruttoria degli atti di competenza della Giunta; 2. L istruttoria degli atti di competenza del Consiglio comunale; 3. Istruttoria delle determine di competenza; 4. Redazione, fascicolazione ed archiviazione / informatizzazione degli atti deliberativi della Giunta, del Consiglio e delle determinazioni; 5. Pubblicazioni all Albo pretorio on line; 6. Gestione delle caselle di posta elettronica del settore e del protocollo; 7. Centralino; 8. Protocollazione della posta in arrivo e in partenza e sua scannerizzazione; 9. Archiviazione atti; 10. Smistamento della posta in arrivo ed in partenza anche tramite Pec; 11. Rilascio copie atti e documenti; 12. Abbonamenti a riviste; 13. Repertorio dei contratti: per la stretta connessione con l attività del Segretario comunale, viene mantenuta in capo al Settore la competenza della tenuta e compilazione del Repertorio dei contratti stipulati dall ente in forma pubblica amministrativa e sotto forma di scrittura privata, come pure della registrazione presso l Agenzia delle entrate di Eboli. Tale attività sarà svolta nei tempi previsti dalla normativa di riferimento; 14. Registrazione e tenuta del Repertorio; 14

15 15. Tenuta dei regolamenti comunali; 16. Gestione del contenzioso di competenza del settore, e raccolta dei contenziosi dell Ente; 17. Predisposizione di eventuali ordinanze di competenza che si renderanno necessarie; 18. Ripartizione e liquidazione dei diritti di rogito; 19. Assicurare il coordinamento di attività che interessano più uffici; 20. Assicurare la cura dei rapporti / nomina con il Difensore Civico; 21. Assicurare il supporto operativo al Nucleo di Valutazione. 22. Commissione Pari Opportunità e Consigli di Biblioteca; I servizi generali di anagrafe e stato civile comprendono l insieme delle seguenti attività: Stato Civile e Anagrafe 1. Adempimenti connessi alla registrazione degli eventi di Stato civile e cittadinanza (formazione atti di nascita morte matrimonio pubblicazioni e celebrazioni di matrimonio civile, trascrizioni atti pervenuti da altri comuni e/o consolati); 2. Rilascio certificazioni di stato civile; 3. Vidimazione, chiusura e trasmissione dei registri; 4. Aggiornamento e tenuta anagrafe italiani residenti all estero (trascrizione atti pratiche anagrafiche ricerche storiche); 5. Aggiornamento e tenuta anagrafe della popolazione residente (iscrizioni cancellazioni variazioni di indirizzo) 6. Aggiornamento degli archivi cartacei ed informatici; 7. Comunicazioni per variazioni patenti e libretti di circolazione; 8. Istruttoria pratiche per il rilascio /rinnovo del passaporto; 9. Rilascio certificazioni anagrafiche; 10. Rilascio dichiarazioni sostitutive atto di notorietà; 11. Rilascio carte di identità; 12. Statistiche anagrafiche ISTAT mensili ed annuali; 13. Aggiornamento continuo del servizio INA SAIA: con riferimento all indice Nazionale delle Anagrafi si ricorda che su di esso confluiscono tutti i dati anagrafici della popolazione residente in Italia, allo scopo di monitorare i dati stessi e la loro gestione da parte dei singoli Comuni; la finalità è quella di favorire lo scambio di informazioni tra questi ultimi, e tra loro e altre Pubbliche Amministrazioni attraverso un sistema informatico innovativo che agevola la trasmissione e l aggiornamento dei dati; 14. Autentica sottoscrizione atti compravendita veicoli; 15. Per quanto attiene la Carta di identità elettronica, strumento di cui si parla da circa sette anni, non si è ancora giunti a risultati concreti nonostante, in forza dell art. 7 vicies ter della Legge n.43/2005, ne fosse stata prevista l introduzione dal 1 gennaio 2006: il Comune di Albanella ha disposto la preventiva adozione di tutti gli atti e le azioni previste dalla legge stessa, quale ad esempio il Piano di Sicurezza comunale per la gestione della postazione di emissione della carta di identità. Non appena le disposizioni ministeriali in concreto consentiranno l emissione della C.I.E. l Ente potrà erogare tale servizio. Il termine è stato differito al con il Legge 10/2011. Elettorale 1. Revisioni dinamiche e semestrali; 2. Revisioni straordinarie; 3. Aggiornamento e stampa liste elettorali; 15

16 4. Revisione annuale degli albi degli scrutatori e dei presidenti di seggio. 5. Formazione dei verbali di cancellazione e di iscrizione dalle liste elettorali; 6. Statistiche elettorali e della popolazione residente; Sono previsti per il 2011 gli appuntamenti elettorali relativi ai referendum popolari del 12 e 13 giugno p.v. Leva militare Le competenze in materia di leva militare, per effetto della sospensione dell obbligo con decorrenza dal 01/01/2005, restano in via residuale contenute, ai soli fini ricognitivi, nell aggiornamento dei ruoli matricolari e nella compilazione delle liste di leva. Censimento della popolazione Con riferimento alle attività statistiche avrà luogo nel 2011 il 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni, i cui adempimenti daranno svolti secondo le scadenze previste dalla normativa di riferimento e dalle direttive che l ISTAT emanerà di volta in volta. E intenzione dell Amministrazione, in occasione del 15 censimen to generale delle abitazioni procedere alla revisione e rifacimento della numerazione civica comunale esterna Finalità da conseguire : Il programma mira ad assicurare l erogazione dei servizi amministrativi di competenza istituzionale propria dell Ente Comune, attraverso un organizzazione interna e attraverso l adozione di misure idonee a migliorare la qualità degli stessi. In particolare l organizzazione dei servizi di competenza dovrà ricercare i mezzi e gli strumenti idonei a produrre un miglioramento dei servizi resi all utenza mediante: Un costante sistema di comunicazione all interno dei vari settori; Una maggiore chiarezza e trasparenza dell azione amministrativa garantendo diritti di informazione, di accesso e di partecipazione nonché precisione e celerità attraverso l utilizzo di idonea modulistica aggiornata dei procedimenti propri del settore. Una maggiore tempestività nell assicurare gli adempimenti procedurali di competenza attraverso un più razionale utilizzo della risorsa tempo sia avvalendosi di idonei strumenti di informatizzazione dei processi che di una diversa articolazione degli orari di servizio al pubblico. L ufficio dovrà incentivare l utilizzo dei mezzi informatici al fine di ridurre il volume di documenti cartacei prodotti. In particolare si dovrà incentivare l utilizzo di scanner e programmi software che consentano di realizzare dei veri fascicoli informatici. Lo sforzo dell incentivazione degli strumenti informatici persegue il duplice obbiettivo di snellire le procedure amministrative e di ridurre le spese generali di funzionamento dell ufficio. Allo stesso modo, l amministrazione incentiva l attivazione di procedure di riduzione delle spese di gestione relativamente al materiale di consumo Risorse umane da impiegare: Le risorse umane sono quelle previste dalla dotazione organica tenuto conto che per l ufficio elettorale in occasione dei referendum del 12 e 13 giugno nonché in occasione del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni vengono costituiti un apposito Ufficio statistica e di censimento provvisori attingendo risorse di personale da altri settori. Il Settore Amministrativo Demografico dispone della seguente dotazione strutturale Responsabile: 16

17 Dipendente Marianna Alfano cat. D1 pos. ec. D3 Tel. 0828/ Fax. 0828/ it Componenti: Dipendente Antonio Capozzoli cat. B3 pos. Ec. B6 Tel. 0828/ Fax. 0828/ it Dipendente Piercarlo Carrano cat. B3 pos. ec. B4 Tel. 0828/ Fax. 0828/ it Dipendente Silvana Conforti cat. D1 pos. ec. D4 Tel. 0828/ Fax. 0828/ it Dipendente Fernando Mazza cat. C1 pos. ec. C3 Tel. 0828/ Fax. 0828/ it Dipendente Giuseppe Quaglia cat. B1 pos. ec. B4 Tel. 0828/ Fax. 0828/ Dipendente Antonio Monaco cat. B1 pos. ec. B4 Tel. 0828/ Fax. 0828/ Risorse strumentali da utilizzare: n 06 Personal Computer; n 1 programma per la gestione del Protocollo infor matico; n 1 programma per la gestione del programma delle delibere e determine; n 1 programma per la gestione anagrafe/stato civil e/elettorale; n 1 programma per la gestione delle prestazioni so ciali agevolate; Attrezzature in dotazione a tutti gli uffici a seconda delle necessità: n 01 autovettura Fiat Punto in comune con gli altr i settori n 01 Fax n 02 Fotocopiatrici n 02 Scanner Investimento: Fondi comunali e trasferimenti da altri enti pubblici Coerenza con il piano regionale di settore: Il piano risulta coerente con quello Regionale. 17

18 3.6 PROGRAMMA N. 1 FUNZIONI GENERALI DI AMMINISTRAZIONE Settore Tecnico e Sviluppo e Servi al Territorio Premessa : Premessa la grave carenza strutturale dell ufficio, ed in particolare delle risorse umane e strumentali disponibili è necessario ricorrere ove possibile all esternalizzazione dei servizi affidati al Settore, stante comunque la necessità di dover provvedere ad assicurare gli adempimenti di legge Descrizione del programma: Il programma comprende tutte le attività generali necessarie a garantire il corretto funzionamento del Settore Tecnico e Sviluppo e Servizi al Territorio con particolare riferimento alle mansioni ordinarie e straordinarie svolte quotidianamente dal responsabile nei rapporti con i cittadini. Nell ambito di questo programma si ricomprendono i servizi fondamentali quali quelli relativi ai lavori pubblici, urbanistica, edilizia, polizia municipale Manutenzione patrimonio comunale, Suap; Datore di lavoro D. Lgs. 626/1994 e s.m.i.. I servizi relativi ai lavori pubblici comprendono le seguenti attività: 1. Progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva; 2. Direzione lavori; 3. Espropriazioni; 4. Stati di avanzamento lavori; 5. Perizie di varianti; 6. Collaudi; 7. Istruttoria delibere e determine del settore di competenza; 8. Varianti al PRG; 9. Coadiuvare con proprio personale l ufficio gare e appalti; 10. Gestione del contenzioso; 11. Predisposizione delle ordinanze di competenza che si renderanno necessarie; 12. Stipula dei contratti di competenza del settore; 13. L attuazione degli indirizzi individuati dall Amministrazione; 14. Rendicontazioni agli enti Esterni, inerenti diversi LL.PP. (Regione, Provincia, Comunità Montana, Autorità di Vigilanza). I servizi relativi all urbanistica ed edilizia comprendono le seguenti attività: 1. Gestione dei procedimenti per la stesura del Piano Urbanistico Comunale, in particolare la verifica sulla coerenza delle fase di Analisi e di Redazione del Piano progettuale alle linee di indirizzo che dovranno essere approvate dal Consiglio Comunale; 2. Gestione dei procedimenti per l approvazione dei PUA delle aree: PIP, ERP e comparti del Vigente Piano Regolatore Generale; 3. Varianti al PRG ai sensi dell art. 5 del Decreto Legislativo 447/98 e 440/2000; 4. Rilascio certificati di destinazione urbanistica; 18

19 5. Rilascio certificati di agibilità; 6. Rilascio Permessi di Costruire; 7. Verifiche D.I.A. e S.C.I.A; 8. Condoni edilizi; 9. Oneri concessori; I servizi relativi alla Polizia municipale e SUAP comprendono le seguenti attività: 1. Adempimenti relativi al Piano di sicurezza stradale; 2. Gestione dell ufficio commercio ed attività produttive; 3. Adempimenti di polizia giudiziaria; 4. Vigilanza sul territorio; 5. Igiene e sanità; 6. Sanzioni amministrative; 7. Agricoltura, artigianato fiere e mercati; 8. Autorizzazioni di P.S.; 9. Viabilità e segnaletica; 10. Sopralluoghi per controlli edilizi; I servizi al territorio e manutenzioni comprendono le seguenti attività: 1. Gestione del servizio RSU; 2. Gestione acquedotto comunale; 3. Adempimenti legati alla manutenzione della rete fognaria e degli impianti di depurazione; 4. Manutenzione ordinario del patrimonio comunale; 5. Manutenzione dei plessi scolastici; 6. Derattizzazione e disinfestazione; 7. Manutenzione del verde pubblico; 8. Gestione degli automezzi comunali; 9. Cimitero comunale; 10. Progetti di Pubblica utilità; Nel dettaglio il programma generale dei servizi che afferiscono al settore prevedono: - l attivazione dei procedimenti per l approvazione del PUC e degli strumenti attuativi al Piano Regolatore Generale vigente. In particolare occorre sviluppare tutti gli atti propedeutici alla realizzazione dei piani attuativi e ove necessario, redigendo regolamenti di attuazione (es. regolamento per le aree PIP, area ERP, ecc.). - le linee programmatiche per l anno 2011 relativamente al Settore Lavori Pubblici si identificano sostanzialmente con gli obiettivi previsti nel programma delle opere pubbliche 2011 adottato con deliberazione di G.C. n. 131 del L attivazione dei procedimenti necessari alla realizzazione del programma delle Opere Pubbliche è disposta nel rispetto delle procedure previste dal Codice degli Appalti (DPR 163/2006 e s.m.i.) al fine di aumentare l efficienza e l efficacia dell azione amministrativa senza penalizzare il più ampio accesso delle imprese al settore degli Appalti. Particolare attenzione va rivolta agli interventi programmati e finanziati la cui ultimazione comporta per l ente una immediata riduzione dei canoni di locazione. In particolare si ci riferisce alla casa comunale; - procedere alla gestione del procedimento amministrativo dello Sportello Unico Attività produttive e le interazioni con la Camera di Commercio di Salerno; - la razionalizzazione dei procedimenti edilizi volti alla riduzione dei tempi per il rilascio dei Permessi di Costruire e per l esame delle Denuncie di Inizio Attività e S.C.I.A.. In 19

20 particolare si ritiene opportuno assicurare la massima sinergia tra il Responsabile del Settore ed il Responsabile del Procedimento. A tale scopo oltre all organizzazione di orari concordati di ricevimento al pubblico, si richiede di programmare un incontro settimanale tra i dipendenti dell U.T.C, per l esame delle istanze, e l aggiornamento e la semplificazione della modulistica completa per la presentazione delle istanze da fornire all utenza; - per quanto concerne i lavori pubblici è intenzione dell amministrazione di attivare tutte le procedure inerenti i lavori contenuti nel programma triennale delle Opere Pubbliche e nel piano annuale. Di programmare interventi attinenti le urbanizzazioni primarie e secondarie fondamentali per la gestione ordinaria. In particolare l amministrazione vuole orientare tutte le risorse al fine di acquisire finanziamenti riguardanti gli edifici scolastici, la rete idrica e fognaria e gli impianti di depurazione, pertanto promuoverà azioni di monitoraggio dei fondi strutturali per la nuova programmazione ; - L amministrazione si pone l obbiettivo di definire i procedimenti inerenti le domande di condono giacenti in ufficio e pervenire all emanazione del provvedimento finale. In particolare occorre procedere a monitorare lo stato complessivo dei procedimenti al fine di emettere, per ogni istanza, il relativo provvedimento finale. Pertanto l Ufficio dovrà provvedere a formulare idonea proposta di lavoro precisando i tempi e il probabile numero delle istanze per cui è possibile adottare il citato provvedimento finale. - La regolamentazione dei beni e dei terreni assoggettati agli Usi Civici, in particolare la realizzazione della mappatura digitale, riportando su mappa catastale i terreni sottoposti al particolare vincolo. L ufficio dovrà predisporre la bozza di regolamento per la definizione delle procedere di sdemanializzazione di tali beni assoggettati agli Usi Civici. - La conclusione delle pratiche espropriative giacenti presso l ufficio tecnico comunale; - La definizione dei residui di mutui utilizzabili per opere pubbliche programmate e/o da programmare; Inoltre per lo svolgimento della normale attività di funzionamento del Settore dovranno essere assicurati gli adempimenti istituzionali di rito ed in particolare: - l istruttoria delle delibere e determine di competenza; - gestione dell ufficio gare e appalti inclusi gli adempimenti riguardanti i rapporti con l Autorità di Vigilanza; - predisposizione delle ordinanze di competenza che si renderanno necessarie; - stipula dei contratti di competenza del settore; - l attuazione degli indirizzi individuati dall Amministrazione; - le rendicontazioni agli enti esterni, inerenti diversi LL.PP. (Regione, Provincia, Comunità Montana, Autorità di vigilanza). - Accesso agli atti di competenza; Finalità da conseguire : Il programma mira al raggiungimento degli obiettivi di efficienza e di efficacia nell erogazione dei servizi amministrativi di competenza istituzionale propria dell Ente Comune, attraverso un organizzazione interna e attraverso l adozione di misure idonee a migliorare la qualità dei servizi resi. In particolare l organizzazione dei servizi di competenza dovrà ricercare i mezzi e gli strumenti idonei a produrre un miglioramento dei servizi resi all utenza mediante: Una maggiore chiarezza e trasparenza dell azione amministrativa, garantendo diritti di informazione, di accesso e di partecipazione, ed utilizzando idonea modulistica aggiornata dei procedimenti propri del settore. 20

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

responsabile procedimento respons abile

responsabile procedimento respons abile Elaborazione indennità mensili amministratori Cedolino mensile per Sindaco e Assessori mensile - no entro il 27 di ogni mese Predisposizione F24EP (per versamento oneri previdenziali e ritenute operate

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

L anno duemila il giorno del mese di TRA

L anno duemila il giorno del mese di TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLE FUNZIONI CATASTALI DI CUI ALL ART. 3, COMMA 2, lett. A), D.P.C.M. 14 GIUGNO 2007 (OPZIONE DI 1 LIVELLO). L anno duemila il giorno del mese di TRA 1.

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli