Rassegna stampa. 19 giugno Responsabile : Claudio Rao (tel. 06/

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna stampa. 19 giugno 2008. Responsabile : Claudio Rao (tel. 06/32.21.805 e-mail:claudio.rao@oua.it)"

Transcript

1 Ufficio stampa Rassegna stampa 19 giugno 2008 Responsabile : Claudio Rao (tel. 06/

2 SOMMARIO Pag. 3 CLASS ACTION: Class action, bisogna rifare tutto (italia oggi) Pag. 5 CLASS ACTION: Class action e ruolo dell'interprete di Giovanni Savigni (Responsabile Ufficio Legislativo Aiga) (mondo professionisti) Pag. 7 SICUREZZA: Alfano: "È una legge sacrosanta le toghe danno cifre sballate" (la repubblica) Pag. 9 SICUREZZA: Giustizia. Alfano:«Sospendere i processi non vuol dire bloccarli» Per il Guardasigilli l'anm da cifre sbagliate (agenzia ami) Pag.10 SICUREZZA: Dominioni: «Rischi? Tutte esagerazioni» (il giornale) Pag.11 PROCESSI: Carbone: procedimenti lenti, la Giustizia perde credibilità (il messaggero) Pag.12 PROCESSI: Stop ai processi sui processi (italia oggi) Pag.13 GOVERNO: Il Governo all attacco su «stalking» e violenza (il sole 24 ore) Pag.14 GOVERNO:I punti chiave della manovra (il sole 24 ore) Pag.16 ORDINAMENTO FORENSE: Anf, cercasi riforma di Bruno Sazzini - Segretario generale dell'anf (italia oggi) Pag.17 SICUREZZA: Il progetto di riforma della previdenza forense di Giovanna Biancofiore* e Paolo Rosa** - *Attuario della Cassa forense e **Presidente della Cassa forense (diritto e giustizia) Pag.21 INIZIATIVA: Nasce Pit Giustizia (italia oggi) Pag.22 STUDI LEGALI: In sintonia con il cliente - di Giovanna Stumpo (italia oggi) Pag.23 CARCERI: Detenuti da 55 mila a 75 mila (italia oggi) Pag.24 CSM: Giustizia, rinforzi militari (italia oggi) Pag.25 SICUREZZA: I giudici chiedono più continuità di Vincenzo Crasto vicepresidente Angdp (italia oggi) 2

3 ITALIA OGGI Agli addetti ai lavori piace l'idea in sé. Ma c'è troppa confusione attorno alla normativa Class action, bisogna rifare tutto L'Avvocatura punta a un restyling totale della disciplina Class action, tutto da rifare. Ridimensionare il ruolo delle associazioni dei consumatori, estendere la disciplina alla tutela dei risparmiatori e del danno alla salute dovuto a ragioni ambientali, prevedere esplicitamente la possibilità di avviare azioni collettive nei confronti dello stato e della pubblica amministrazione, chiarire se la legge è retroattiva, riconoscere alle associazioni di avvocati una posizione paritaria rispetto a quelle dei consumatori. Per l'avvocatura, ottenuto il rinvio di sei mesi dell'entrata in vigore della legge, inserito dal governo nella manovra, è arrivato il momento delle proposte. Che vanno nella direzione di un restyling totale della normativa. Perché l'idea in sé piace, ma così com'è, secondo gli addetti ai lavori, la class action è talmente poco definita e confusa che rischia solo di rallentare ancora di più il sistema processuale e creare dei pasticci giurisprudenziali. Per il Consiglio nazionale forense i punti problematici riguardano il raggio d'azione, se cioè le azioni collettive si possano promuovere solo nelle situazioni disciplinate dal codice del consumo o anche, per esempio, in materia bancaria e assicurativa. Poi, se la legittimazione ad agire spetti solo alle associazioni riconosciute. La preoccupazione deontologica del Cnf, in pratica, è che gli avvocati si arricchiscano in modo indiscriminato. «Ci sono molti problemi interpretativi», ha commentato il presidente Guido Alpa, «a partire dall'ambito di applicazione della disciplina, che non è chiaro se rientri solo nelle situazioni previste dal codice del consumo o meno. Non si capisce, cioè, se la normativa possa essere estesa alla tutela dei risparmiatori o del danno alla salute derivante da ragioni ambientali. Va chiarito, poi, se la legge sia retroattiva o meno e se ci possa essere la contemporaneità di più azioni collettive nei confronti dello stesso soggetto. La normativa, in questo senso, non specifica nulla, quindi sembrerebbe che non ci siano limitazioni». «Il Consiglio nazionale», ha concluso Alpa, «rinnova la proposta di costituire un gruppo di lavoro con i ministeri competenti per colmare le lacune. A nostro parere, la class action va estesa anche ad ambiti che non rientrano nel codice del consumo, come l'ambiente e il risparmio. Poi bisogna garantire che i procedimenti siano condotti da giuristi competenti». L'Organismo unitario dell'avvocatura ha presentato settimana scorsa in audizione alla Commissione giustizia della camera un documento con la richiesta di rinvio della class action. Ed entro breve la giunta approverà un testo con le proposte da mettere sul tavolo dell'esecutivo. «Dobbiamo risolvere i problemi tecnici della normativa e poi possiamo partire in modo rigoroso», ha spiegato Andrea Pasqualin, vicepresidente, «innanzitutto non è chiaro l'effettivo raggio d'azione delle azioni collettive, visto che sono state inserite nel codice del consumo. Quindi la perplessità è se abbiano una valenza più ampia o meno. Poi, bisogna definire se sia retroattiva o meno, e cioè se si tratti di un nuovo diritto o meno. Non è chiaro, infine, in quali tempi del processo possa avvenire l'opt in, e cioè il meccanismo processuale che consente di aderire all'azione collettiva a processo in corso». 3

4 I giovani avvocati dell'aiga, invece, hanno redatto un documento evidenziando i nodi critici della normativa e le modifiche da apportare. «La class action non dev'essere un monopolio delle associazioni dei consumatori», ha detto il presidente Valter Militi, «che tra l'altro prendono contributi statali e possono agire in concorrenza sleale con lo stato. A questo proposito, bisogna prevedere esplicitamente che le azioni collettive possano essere avviate anche nei confronti della pubblica amministrazione. Poi manca il danno punitivo, che renderebbe attiva la class action». Il documento dell'aiga, inoltre, propone di riconoscere alle associazioni di avvocati una posizione paritaria rispetto a quella delle associazioni di consumatori iscritte nel registro ministeriale. Evidenzia la criticità di prevedere «una fase conciliativa solo al termine dell'azione giudiziaria collettiva per l'accertamento dell'illiceità della condotta dell'impresa, e la rimessione del quantum del risarcimento all'accordo delle parti in questa sede, con soggezione del singolo a quello che pare essere un vero e proprio arbitrato obbligatorio, ovvero all'esito di un nuovo e individuale procedimento giudiziario». L'Associazione nazionale forense, infine, propone di introdurre meccanismi che aiutino a definire la classe di individui fin dall'inizio, in modo che il soggetto sotto accusa sappia quante persone ha di fronte. «Il meccanismo dell'opt in è troppo generico», ha detto Palma Balsamo, del direttivo dell'anf, «poi va ridimensionato il ruolo delle associazioni dei consumatori. È importante che agiscano soggetti veramente rappresentativi, bisogna introdurre dei meccanismi di controllo delle associazioni». Gabriele Ventura 4

5 MONDO PROFESSIONISTI Class action e ruolo dell'interprete di Giovanni Savigni (Responsabile Ufficio Legislativo Aiga) Che la qualità della nostra produzione legislativa non sia più quella di una volta è ormai quasi un luogo comune; abbandonati i tradizionali principi che prevedono poche leggi, generali e astratte, tendenzialmente stabili, ormai gli operatori del diritto sono abituati a confrontarsi con una legislazione disordinata, farraginosa e perennemente suscettibile di stravolgimenti ad ogni cambio di maggioranza politica. A ciò si aggiunga che negli ultimi anni il Parlamento ha funzionato male, lasciando spesso giacere in commissione importanti riforme, e varando altre disposizioni con repentini colpi di mano, su cui poi la questione di fiducia impediva interventi più meditati; fino ad arrivare all assalto alla diligenza in occasione della legge finanziaria, diventata una legge omnibus in cui inserire provvedimenti che hanno ben poco a che vedere coi conti dello Stato. Le forze politiche generalmente si giustificano affermando che l intervento non era più rinviabile e riservandosi di operare in prosieguo eventuali correttivi. Posto però che in Italia nulla è più definitivo del provvisorio, lo scioglimento dei nodi gordiani delle norme è generalmente lasciato all interprete, col risultato di creare conflitti dottrinali e giurisprudenziali che si risolvono -se va bene- solo dopo molti anni, allorché le controversie approdano in Cassazione. Tutti questi vizi si sono puntualmente verificati con l introduzione nel nostro ordinamento dell azione collettiva risarcitoria, la c.d. class action, inserita a sorpresa con un sub-emendamento alla Finanziaria, approvato al Senato in circostanze a dir poco rocambolesche. La successiva lettura alla Camera ha consentito di eliminare alcune evidenti storture, lasciando tuttavia in piedi una normativa scarna, spesso imprecisa, suscettibile di mille interpretazioni. L introduzione di un istituto proveniente dal diritto anglosassone avrebbe reso necessaria, se non una ulteriore ed interminabile meditazione, quantomeno un intervento più accurato, posto che siffatti trapianti possono facilmente dar luogo a crisi di rigetto, sicchè il nuovo istituto o risulta gravemente scoordinato col resto del sistema, ovvero perde le proprie connotazioni tipiche, rivelandosi di scarsa utilità pratica (quando non si corrono entrambi i pericoli come nel caso in esame). L interprete, però, deve necessariamente tener conto del diritto positivo, evitando di farsi influenzare dalle proprie propensioni personali o peggio dalla posizione che è chiamato a sostenere; e certo non può pretendere di trovare nella legge quello che non c è. Ecco che l art. 140 bis del codice del consumo pone subito dei problemi rilevanti, atteso che l azione collettiva risarcitoria può essere contrattuale o extracontrattuale (non è chiaro se sia possibile il cumulo come avviene p.es. nei casi di colpa medica); ma in ambito contrattuale riguarda solo i rapporti regolati dall art c.c. (cioè i contratti costituiti con la sottoscrizione di moduli o formulari) il che lascerebbe fuori quelli previsti dall art c.c. (basati su condizioni generali di contratto) restringendo notevolmente l ambito di operatività di una legge che dovrebbe garantire proprio i contraenti più deboli. Qualche studioso simpaticamente liberista vorrebbe che si dichiarasse l incostituzionalità della norma per difetto di ragionevolezza; altri ritengono tale previsione parzialmente giustificata, altri ancora la considerano un residuato della L. 63/2003, che sottrasse all equità del giudice di pace solo i rapporti regolati dall art c.c. (segnatamente i contratti relativi alla RC Auto, su cui piovevano impugnazioni a seguito dell intervento dell antitrust). Tutte opinioni rispettabilissime, ma sta di fatto che ad oggi una class action relativa a contratti ex art c.c. non si può fare. All opposto; il legislatore, dopo aver previsto l ipotesi di adesione alla domanda principale entro la precisazione delle conclusioni in grado di appello (creando così all interno del processo civile una figura del tutto nuova e di difficile inquadramento dogmatico) afferma che è sempre consentito l intervento del singolo consumatore ; ed ecco che alcuni acritici zelatori del testo scritto leggono quel sempre in termini temporali, affermando che l intervento sarebbe possibile anche nei momenti in cui non è più ammessa l adesione. Per fare cosa, non è dato sapere, attese le rigide preclusioni imposte all interveniente; forse il frettoloso legislatore scrivendo sempre intendeva solo dire comunque, nel senso che l istituto dell adesione non esclude la possibilità di un intervento secondo le regole generali. Non mancano poi i cattedratici che affermano che al momento del giudizio di ammissibilità il Tribunale dovrebbe ammettere una, e una sola, delle azioni di classe eventualmente vertenti sul medesimo diritto, così introducendo 5

6 la figura dell attore principale tipica delle class action all americana e bypassando le tradizionali regole in materia di riunione dei procedimenti. E si potrebbe continuare all infinito, specie a proposito degli istituti più innovativi come la camera di conciliazione in cui taluni vedono un inammissibile arbitrato coattivo. E così, da un lato la fretta e la sciatteria del legislatore, dall altro la luciferina cavillosità degli operatori, renderanno le class action un campo di battaglia tra le agguerrite associazioni dei consumatori e le non meno agguerrite law firms chiamate a difendere le grandi imprese, col rischio che un sistema già farraginoso di suo tra giudizio di ammissibilità, causa vera e propria, camera di conciliazione etc., serva solo a differire all infinito il riconoscimento dei diritti di quei consumatori che si vorrebbero tutelare. Di recente un giudice, dopo aver accolto una richiesta di inibitoria ex art. 140 cod. consumo in materia di anatocismo bancario, raccontando in un convegno le autentiche acrobazie che aveva dovuto fare per respingere le eccezioni delle banche, ha affermato che nell interpretazione della norma si era fatto guidare dal principio di effettività, giungendo fin quasi ad inserire la tutela del contraente debole tra i nuovi principi generali del diritto. Impostazione affascinante e di per sé non peregrina, ma c è da chiedersi che fine avrebbe fatto la stessa causa se affidata a un magistrato più attento ai dati formali. Forse, visto come sono scritte certe leggi, più che al principio di effettività bisognerebbe fare riferimento al principio di conservazione. 6

7 LA REPUBBLICA Intervista al ministro della giustizia: "La norma è già stata sperimentata assurdo combatterla solo perché potrebbe riguardare un processo di Berlusconi" Alfano: "È una legge sacrosanta le toghe danno cifre sballate" "Se l'opposizione vorrà darci un contributo migliorativo valuteremo le sue proposte Ognuno il proprio mestiere: chi governa governi, i magistrati facciano i magistrati" ROMA - "Criticano la sospensione solo perché si applica a Berlusconi". "Sospendere i processi non vuol dire bloccarli". Ma la norma, ribadisce a Repubblica il Guardasigilli Angelino Alfano, checché ne dica l'anm, "è sacrosanta", tant'è che "illustri procuratori ne hanno sperimentata, anzi sostanzialmente inventata, una con la stessa filosofia". Per i giudici 100mila processi sono a rischio. "Mi è stato detto che complessivamente i procedimenti pendenti arrivano a tre milioni. Occorre rifare i conti e, rispetto al totale, calcolare quanti se ne sospendono e qual è la percentuale dei sospesi sul numero globale. Ma non si può far credere alla gente che tutti questi processi, e giusto in quest'anno, andrebbero a regolare conclusione perché, proprio per via dell'ingolfamento, non credo proprio che ciò potrebbe accadere. E poi non si può confondere la sospensione col blocco dei processi". E che differenza c'è? "Dirimente. Con la norma Vizzini-Berselli i processi non vengono cancellati, ma solo sospesi per un anno col relativo blocco della prescrizione, per trattare quelli più recenti e di maggiore allarme sociale. La filosofia dell'emendamento si fonda su un presupposto più volte ribadito da tanti autorevoli magistrati autori di apposite circolari (come quella dell'ex procuratore di Torino Maddalena, ndr.): piuttosto che inseguire processi semi abbandonati, è più importante assicurare giustizia per i delitti più gravi e commessi in tempi più recenti". Perché non ha considerato prima l'impatto numerico? "La norma è stata sperimentata in uffici giudiziari dove ha avuto buoni risultati. Ora valuteremo le obiezioni dell'anm". E farete fronte al "caos senza precedenti" che paventano? "Visti i buoni risultati di cui dicevo mi viene spontaneo il dubbio che tante obiezioni vengano fuori perché una norma giusta in sé e, ripeto, ispirata da taluni vertici degli uffici giudiziari, possa essere applicata a un processo del presidente del Consiglio". Una singola vicenda giudiziaria giustifica la morte di centinaia? "Ed è proprio qui l'equivoco, evidente anche nella domanda, perché si tratta esattamente del contrario. Perché una norma che ha dato buoni risultati e che è già stata applicata su iniziativa dei magistrati diventa spregevole sol perché potrebbe riguardare un processo di Berlusconi?". E dove mette il fatto che potrebbero fermarsi processi per fatti gravi rispetto ad altri che lo sono meno? "Studieremo gli esempi dell'anm, ma non creeremo paradossi del sistema. Garantiremo una giustizia più efficiente e più sicurezza per i cittadini". I magistrati chiedono a lei, costituzionalmente responsabile del servizio giustizia, di fermarsi e riflettere. È possibile? Berlusconi accetterebbe anche se si avvicina la sentenza sul caso Mills? "E che c'entra Berlusconi sul fermarmi a riflettere? Il Senato ha approvato l'emendamento e il governo ha già dato un parere favorevole perché ne condivide la finalità". Il vicepresidente del Csm Mancino prevede che la Consulta potrebbe respingere la sospensione dei processi. L'Anm vede violato l'articolo 111 della Costituzione. Questi dubbi non vi hanno neppure sfiorato? "Col principio della ragionevole durata contrasta proprio l'attuale durata dei processi. Altroché. E basta vedere il grande uso della legge Pinto, quella che risarcisce le vittime della 7

8 giustizia lenta, per rendersene conto. E poi francamente non credo che Mancino, persona istituzionalmente molto attenta, volesse anticipare giudizi di costituzionalità su una norma su cui il Parlamento si sta esprimendo liberamente". Napolitano è irritato, non vede l'urgenza della modifica inserita proprio nel dl ed è preoccupato delle conseguenze. Ci passate sopra? "Il capo dello Stato è un riferimento costante. La disposizione è coerente con le finalità del decreto e il Parlamento la ritiene importante e rilevante al punto da inserirla nella legge di conversione di cui non stravolge affatto il contenuto. E poi è normale che, in quella sede, le Camere possano aggiungere o togliere qualcosa". Lei s'era fatto paladino del dialogo con la magistratura. Ma gli attacchi di Berlusconi ai giudici di Milano mettono tutto nel nulla. Ora che farà, il Guardasigilli contro? "Non ero per il dialogo a titolo privato, ma in rappresentanza di un governo che ci crede. Voglio essere il ministro di una giustizia che funziona, ma per esserlo ciascuno deve fare il proprio mestiere. Chi governa deve governare, il legislatore deve legiferare, i magistrati devono fare i magistrati". Lodo Schifani: se l'opposizione accettasse di discutere di un'immunità per le alte cariche ritirereste la sospensione? "Macché. Non possiamo barattare una norma in cui crediamo con una, altrettanto giusta, che sta riscontrando in questi giorni un crescente consenso tra le forze politiche e gli operatori del diritto. Ma se la sinistra alla Camera, invece di uscire dall'aula, vorrà darci un contributo migliorativo, valuteremo le sue proposte". Liana Milella 8

9 AGENZIA AMI Giustizia. Alfano:«Sospendere i processi non vuol dire bloccarli» Per il Guardasigilli l'anm da cifre sbagliate Dopo la Conferenza stampa dell'associazione nazionale magistrati sulla norma "salva premier", e l'allarme lanciato dal presidente Luca Palamara sui 100mila processo a rischio, interviene interviene il ministro della Giustizia, Angelino Alfano. Per il Guardasigilli la sospensione dei processi non significa bloccarli e contesta le cifre fornite dall'anm «Criticano la sospensione solo perché si applica a Berlusconi». Il ministro della Giustizia Angelino Alfano critica la presa di posizione delll'anm, che ieri ha lanciato un allarme sul numero dei processi a rischio se venisse approvata la legge denominata "salva premier". «Sospendere i processi non vuol dire bloccarli» ha ribadito in un'intervista a Repubblica il Guardasigilli, «... checché ne dica l'anm - la legge - è sacrosanta, tant'è che illustri procuratori ne hanno sperimentata, anzi sostanzialmente inventata, una con la stessa filosofia». Il ragionamento di Alfano parte dalla legittimità che assegna agli emendamenti presentati da Vizzini e Berselli secondo i quali «... i processi non vengono cancellati, ma solo sospesi per un anno col relativo blocco della prescrizione, per trattare quelli più recenti e di maggiore allarme sociale». Per Alfano bisogna fare ricorso ad un impianto che definisce filosofico: «... l'emendamento si fonda su un presupposto più volte ribadito da tanti autorevoli magistrati autori di apposite circolari» e quì il riferimento è all'ex procuratore di Torino Maddalena, «... piuttosto che inseguire processi semi abbandonati, è più importante assicurare giustizia per i delitti più gravi e commessi in tempi più recenti». L'allarme dell'anm. Se il cosiddetto emendamento salva premier venisse approvata, sarebbero a rischio più 100mila processi. E' la «stima potenziale» illustrata dall'associazione nazionale magistrati, che denuncia come tale norma metterebbe la giustizia penale «in ginocchio, creando un caos senza precedenti». «A fine 2006 erano 352mila i procedimenti pendenti davanti al giudice monocratico e 21 mila quelli di fronte a un tribunale collegiale», sottolinea il segretario generale del sindacato dei magistrati Giuseppe Cascini, «e secondo le nostre stime oggi ci assestiamo sugli stessi numeri. Inoltre, al momento il 30% dei processi riguarda fatti avvenuti prima del gennaio 2002 e il 95% riguarda reati con pene inferiori ai 10 anni», il tetto edittale stabilito dalla norma. Sarebbero numerosi i reati passibili di sospensione processuale: dal sequestro di persona all'estorsione, dalla rapina allo stupro, dall'omicidio colposo alle molestie «che rappresentano i reati che interessano davvero i cittadini». Ma il provvedimento andrebbe a colpire anche la corruzione, l'abuso d'ufficio e il peculato. «Come si fa a dire ai genitori di una vittima dello stupro che il processo è sospeso perchè non c'è urgenza? Qual è la fretta di introdurre una disposizione che rischia di fare chiudere la giustizia penale per i prossimi anni?», esordisce il presidente dell'anm Luca Palamara, sostenendo che «il tetto previsto di dieci anni e la conseguente sospensione dei processi può avere in questo modo delle conseguenze paradossali». «E' certa l'inutilità di questo provvedimento», critica il vicepresidente dell'associazione Gioacchino Natoli, evidenziando come negativo, oltre al bilancio in termini di efficienza - «l'attività di sospensione e nuova fissazione finirà per sfiancare le nostre cancellerie» -, sia anche il messaggio che la norma trasmette: «Così facendo, il legislatore ha deciso che i reati con meno di 10 anni di pena sono bagatelle». Nessuna intenzione di interferire con la politica, assicura Palamara, ma l'anm non può esimersi dall'avanzare le proprie osservazioni: «Queste sono scelte che spettano alla politica e che noi rispettiamo, ma di fronte alle quali riteniamo di dover fare delle osservazioni proprio perché finalizzate al tema della giustizia. Comunque noi continueremo a far valere le nostre osservazioni in tutte le sedi». L'auspicio è che sussistano gli spazi per il dialogo: «Chiediamo alla politica di non intraprendere la strada dello scontro e degli interventi irrazionali, la giustizia non ha bisogno di questo, ma di un confronto sereno», conclude Cascini. 9

10 IL GIORNALE Dominioni: «Rischi? Tutte esagerazioni» Professor Oreste Dominioni, lei è presidente dei penalisti italiani, come spiega gli esempi forniti dall Anm per dimostrare che, in teoria, le nuove norme del pacchetto sicurezza potrebbero far sospendere processi per reati gravi e proseguire quelli per fatti di poco conto? «Disordine legislativo, disorganicità dei codici, disomogeneità delle leggi speciali. Purtroppo, riferendosi ad un tetto di 10 anni di pena, si possono determinare sperequazioni di questo genere. Le pene determinate per i singoli reati non riflettono in modo preciso la loro gravità. E giocano diversi fattori nel determinare il massimo. Sui codici e sulle leggi speciali spesso pesa il particolare momento in cui il legislatore è intervenuto». E quindi lo stupro compiuto da un clandestino può essere punito meno duramente della cessione gratuita di una dose di hashish da un ragazzo all altro? «Sì, perchè quando si fece la legge sugli stupefacenti si considerava il problema un emergenza da combattere con pene molto elevate. Più che nel codice in queste leggi speciali non c è una visione organica e si stabilisce una pena non correlata a quella di altri reati. Infatti, oggi si dice che un reato dovrebbe essere previsto solo dal codice e non da una legge speciale». Però anche nel codice qualcosa non funziona se un rapimento può essere punito con una pena inferiore al furto in un supermercato di due zingarelle che danno una spinta ad una guardia scappando.«il furto può diventare rapina, con violenza su persona e scattano aggravanti molto rilevanti che concorrono a stabilire il massimo della pena. Tutto risale al Codice Rocco, che a quei tempi voleva essere molto severo nei reati contro il patrimonio e riteneva il furto molto grave. Poi le cose sono cambiate, certi reati non sono più intesi così, ma gli squilibri rimangono presenti nella legge penale». Squilibri da far considerare meno pesante il grave errore di un chirurgo che provoca la morte di un bambino rispetto al furto di un cellulare con minaccia di un temperino?«sì. Il primo è omicidio colposo, sotto i 10 anni e il secondo può essere rapina che con le aggravanti supera il tetto. Mi lasci dire, però, che questi sono casi abnormi, per un esemplificazione un po forzata. L Anm gioca un po tra le pieghe del disordine legislativo, che certo c è». 10

11 IL MESSAGGERO Carbone: procedimenti lenti, la Giustizia perde credibilità La denuncia del primo presidente davanti al Capo dello Stato Per la Banca mondiale l Italia è al 155 posto per la tutela dei diritti ROMA - In Italia «c è un abuso del processo»! La denuncia, «un effetto paradossale», viene dal più eccellente magistrato, Vincenzo Carbone, il primo presidente della Corte di cassazione. Che ha approfittato della cerimonia nella sede della Suprema Corte per i 60 anni della Costituzione alla presenza del capo dello Stato Giorgio Napolitano, del ministro della Giustizia Angelino Alfano, del presidente della Corte costituzionale Franco Bile, per rivendicare la necessità di avere processi «in tempi ragionevoli». L allarme lanciato da Carbone è di quelli che dovrebbero trovare ascolto e risposte rapide nel Parlamento e nella classe dirigente del Paese. Il presidente della Cassazione avverte: «La lentezza insopportabile dei processi e le ricadute mediatiche di questi comportano una forte perdita di credibilità. Non possiamo più sopportare l enorme carico che grava anche in Cassazione». Naturalmente il presidente Carbone ha ricordato dome tino dei problemi più grossi sia l enorme carico di ricorsi e sentenze ancora presenti in Cassazione: «Siamo passati dai ricorsi pendenti in Cassazione degli anni 70 ai del 2007 e per quanto riguarda le sentenze siamo passati dalle degli anni 70 alle 30 mila di oggi». Ci sono soluzioni? Carbone ha indicalo quelle più urgenti da adottare. «Con questo ritmo di cause - ha Carbone - non è più possibile andare avanti senza introdurre un filtro che faccia portare in Cassazione solo le cause più importanti. Questo filtro è presente in tutte le altre corti europee tranne che in Italia». E per tranquillizzare chi pensa sempre non ci siano mai abbastanza fondi per le riforme, Carbone spiega: «Senzà aumenti di costo nè aumenti di bilancio, serve l autonomia contabile della Cassazione per razionalizzare spese e organizzazione. Un autonomia contabile che in Italia è già attribuita a organi come il Consiglio di Stato e il Tar, ed è presente in tutte le altre corti europee». Quanto all effetto paradossale di un Paese in cui si lamenta una grave crisi del sistema giustizia, ma contemporaneamente si assiste a un «abuso del processo», il presidente Carbone ha ribadito l appello già rivolto all inaugurazione dell Anno giudiziario a fare in modo di «intensificare il dialogo tra giudici. In questa direzione - ha detto ancora - va il mio plauso al Csm». Anche il presidente della Corte costituzionale, Franco Bile, parlando dei valori costituzionali volti a garantire il giusto processo, ha sottolineato l esigenza di riforme per tutelare, in questa direzione, i cittadini. Che l immagine della giustizia del nostro Paese sia parecchio appannata anche all estero lo ha certificato anche un recentissimo rapporto della Banca mondiale. In questa indagine l Italia risulta al i 55esi- mo posto su 178 nazioni prese a confronto in quanto a tutela dei diritti. Il problema più grave è quello della giustizia civile, perché gli investimenti stranieri preferiscono paesi dove sia possibile in tempi ragionevoli ottenere dal giudice l esecuzione di un contratto o la riscossione di un credito, in caso di lite. Il rischio alto di perdere i capitali investiti, a causa di un sistema giudiziario inefficiente, danneggia non solo l immagine, ma pure l economia e il lavoro in Italia. Mario Coffaro 11

12 ITALIA OGGI Riforma giustizia civile Stop ai processi sui processi Basta con i processi ai processi. Una delle riforme che la prossima legge finanziaria conterrà sarà quella del processo civile e delle sue lungaggini. Dovute, troppo spesso, ai vizi di forma legati alla notifiche degli atti del processo alle parti. Per risolvere i quali si devono aprire nuovi processi, così da portare alle calende greche la conclusione delle controversie in sede civile. E' stato proprio il premier Silvio Berlusconi, affiancato dal ministro dell'economia, Giulio Tremonti, a sintetizzare, in due parole, le linee portanti della riforma che dovrebbe, secondo le intenzioni, rendere più certi e celeri i rapporti giuridici tra le imprese, sempre esposte all'incertezza dei ricorsi e delle fasi endo-procedimentali dei processi in sede civile. Sarebbero due, secondo le prime anticipazioni, le principali novità che andranno ad integrare e modificare la riforma che era stata varata nel 2005 (legge 263/2005). Entrambe informatiche. La prima riguarderà l'istituzionalizzazione del fascicolo elettronico, per far scomparire la carta dal processo e per assicurare che non vengano dispersi documenti dal faldone processuale. La seconda modifica riguarderà il sistema delle notifiche, che oggi devono essere fatte a mezzo ufficiale giudiziario o posta. Bene, una volta varata la riforma, la notifica degli atti potrà avvenire solo via mail, facendo leva sull'informatizzazione spinta che è già avvenuta nel mondo delle imprese negli ultimi anni, in seguito all'introduzione del registro delle imprese telematico gestito dalle camere di commercio. Roberto Miliacca 12

13 IL SOLE 24 ORE Nuove garanzie. Approvati dal Cdm due Ddl Il Governo all attacco su «stalking» e violenza Linea dura del Governo contro i delitti a sfondo sessuale e le molestie assillanti. Debutta il reato di stalking e viene previsto l arresto obbligatorio in flagranza in caso di violenza sessuale. Il testo messo a punto dal ministro delle Pari Opportunità, Mara Carfagna, con il placet della Giustizia, approvato ieri dal Consiglio dei ministri, contiene norme specifiche contro le attività di stalking e punisce con la reclusione da uno a quattro anni tutti quei comportamenti reiterati e ossessivi che inducono la vittima in un «perdurante stato di ansia, paura o fondato timore per la propria» o altrui incolumità. Perseguitare la propria vittima con telefonate, sms, minacce o molestie tali anche solo da costringerla ad «alterare le proprie abitudini di vita» potrà dunque costare il carcere e, nell ipotesi, che l atto persecutorio sia seguito da omicidio, la pena dell ergastolo. Le sanzioni vengono poi aumentate da un terzo alla metà se il fatto è commesso ai danni di un minore, oppure l autore del reato è il coniuge legalmente separato o divorziato della vittima o più semplicemente una persona con cui la medesima ha avuto una relazione affettiva. Il reato di stalking sarà perseguibile a seguito di denuncia con querela di parte da presentare entro il termine massimo di 6 mesi da quando sono avvenuti i fatti anche se si potrà procedere d ufficio nel caso in cui si tratti di una condotta connessa ad altri illeciti perseguibili in modo autonomo dal pm. Il testo prevede inoltre la possibilità di mettere in mora il persecutore attraverso un esposto all autorità di pubblica sicurezza. Se l istanza risulta fondata gli investigatori possono ammonire verbalmente il molestatore e mettere a verbale le sue generalità. Il nuovo reato di atti persecutori sarà, inoltre, sottratto alla gamma di quelli blindati dal ddl in materia di intercettazioni telefoniche varato dal Governo soltanto la scorsa settimana. Gli inquirenti potranno, quindi, utilizzare tutti gli strumenti di indagine così come proposto per i delitti di mafia, terrorismo o grave allarme sociale. Tra le misure cautelari applicabili figura infine quella di sottoporre lo stalker al divieto di avvicinarsi alla vittima odi frequentarne i parenti. Il ddl contenente le misure contro la violenza sessuale predisposto dagli stessi ministeri punta, invece, a rafforzare i meccanismi di tutela penale contro la violenza sessuale e introduce una serie di aggravanti connesse alle modalità con cui ha agito l autore del delitto. Vengono in particolare previsti un aumento obbligatorio della pena in caso di recidiva e introdotti alcuni meccanismi per accelerare i tempi di giudizio e la certezza della pena. Tra le circostanze aggravanti che comportano la pena della reclusione da 6 a 12 anni figurano l uso di sostanze idonee a ridurre la capacità di reazione della vittima. Lo stesso trattamento viene previsto anche nei confronti di chi appartiene al nucleo familiare della vittima, come l ascendente o il genitore anche adottivo, oppure a chi abbia approfittato del rapporto di dipendenza psicologica per commettere il reato (educatori, vigilanti, maestri) o delle particolari condizioni della vittima (stato di gravidanza). Viene infine introdotto l arresto obbligatorio in caso di flagranza di reato per le violenze singole o di gruppo. Marco Gasperini 13

14 IL SOLE 24 ORE I punti chiave della manovra IMPRESE E FAMIGLIE Lavoro e pensioni saranno cumulabili. Abolizione del divieto di cumulo della pensione e del reddito da lavoro, rilancio dei contratti a termine, ripristino del lavoro intermittente e lotta al sommerso. Il pacchetto Welfare contiene inoltre misure di semplificazione tra cui l'abrogazione dei libri matricola e dei libri paga. Introdotta inoltre una carta anziani per comprare pane con lo sconto Fondi Ue: risorse riallocate sulle priorità strategiche. Saranno ridefiniti i programmi del Quadro strategico nazionale avviati dal governo Prodi: i fondi saranno destinati alle infrastrutture strategiche, concentrandosi su pochi interventi prioritari, ma anche a impianti di energia, tlc, ambiente con particolare riferimento ai rifiuti, i servizi di trasporto. Banca del Mezzogiorno: costituita una nuova Spa, capitale 5 milioni Banche e petrolieri pagheranno più tasse. Per le banche ampliamento della base imponibile: interessi passivi deducibili al 95% e stretta sulle svalutazioni dei crediti. La "tassa" sui petrolieri invece sarà articolata in tre punti. Si agirà sulle scorte di magazzino, sull'entità dei diritti minerari (oggi i produttori pagano una royalty pari al 7%) e con un'addizionale: l'ires per le aziende del settore verrà riportata dal 27 al 33 per cento Liberalizzazioni avanti, stretta sugli appalti in house. Servizi pubblici locali: dal 30 giugno 2009 divieto per le società che hanno acquisito gestioni senza gara di averne altre oltre la principale; il 31 dicembre 2010 cessano gli appalti in house. L'affidamento in house sarà possibile solo in casi eccezionali. Accelerato il processo di liberalizzazione della rete di distribuzione dei carburanti Infrastrutture e piano casa. Abrogata la revoca delle concessioni disposta nel 2007 ai contraenti generali che avevano avuto l'assegnazione senza il ricorso a bando di gara. Scompare la Tav sulla Milano-Genova e Milano-Padova. Più facile l'intervento dei fondi etici sull'housing sociale. Verranno agevolate nell'acquisto della prima casa giovani coppie a basso reddito FISCO, SPESA E PA Sotto controllo la spesa dei ministeri. Metodo Gordon Brown rivisto, Cda più snelli per le aziende pubbliche e aste online per il risparmio energetico. I costi intermedi dei ministeri dovranno scendere del 22%. Vengono tagliati gli enti pubblici minori, quelli con meno di 50 dipendenti e quelli che entro la fine dell'anno non verranno confermati dal ministero vigilante. Tra gli altri verrà soppresso l'ente italiano della montagna Regioni, enti locali e interventi sulla sanità. Dal 2009 al 2011 governatori sindaci e province daranno alla manovra un contributo vicino a 24 miliardi, inclusi i tagli in cantiere alla spesa sanitaria. Per i cittadini sarà invece ripristinato un ticket di 10 per le visite specialistiche. Stanziati i fondi per Roma 14

15 e per l'expo 2015 a Milano. Rinviata l'abolizione delle province il cui capoluogo è città metropolitana e la soppressione delle comunità montane. Semplificazione delle norme e carta d'identità decennale. Norma "taglia leggi": abolizione di norme desuete. Riduzione del 25% degli oneri amministrativi per le imprese entro il Introduzione della class action nella Pa, riduzione del 50% della carta e Gazzetta Ufficiale on-line. Durata decennale della carta d'identità. Impresa in un giorno: semplificazione degli oneri burocratici necessari per l'avvio di un'attività imprenditoriale. Licenziamenti più facili nel pubblico impiego. Stretta sulle consulenze e massima trasparenza sui compensi pagati dalla Pa e dagli enti pubblici. Lotta all'assenteismo: busta paga più leggera per chi presenta falsi certificati medici o timbra il cartellino e poi lascia l'ufficio. Blocco del turn over dei dipendenti pubblici, riduzione del numero di insegnanti. Lotta all'evasione e stock option. Il pacchetto fiscale della manovra, prevede tra l'altro un rafforzamento della lotta all'evasione e l'abolizione dell'attuale regime fiscale per le stock option, con il passaggio alla tassazione progressiva. Vantaggi fiscali, invece, per i capital gain che verranno reinvestiti in azienda. Salta la tracciabilità dei pagamenti oltre i 100 euro ai professionisti 15

16 ITALIA OGGI di Bruno Sazzini - Segretario generale dell'anf L'intervento Anf, cercasi riforma Ritorna sul tavolo la richiesta dell'avvocatura di una seria riforma della professione forense. È necessario verificare, in un confronto tra componenti ordinistiche e associative, la possibilità di un approccio comune così da presentare un progetto funzionale e coerente. Per questo l'associazione nazionale forense ha organizzato il 21 giugno a Bergamo una tavola rotonda dal titolo Avvocati: più libertà o più regole?. Nella scorsa legislatura, i progetti presentati hanno abbandonato l'idea di una legge unica delle professioni, privilegiando la strada di una disciplina autonoma e slegata dal mondo delle altre professioni liberali. Nessuna di queste proposte, però, ha affrontato il problema se vi sia oggi esatta coincidenza tra attività difensiva e attività legale, sovrapponendo, invece, i due aspetti. L'obiettivo ultimo dei progetti è quello di disciplinare ogni più minuzioso aspetto dell'organizzazione professionale, nella palese prospettiva di omogeneizzare a livello nazionale le decisioni dei singoli Consigli degli ordini. In questo contesto assumerebbe ancora maggiore centralità il ruolo del Cnf, il quale, forzando la propria natura, con i suoi comportamenti attuali sembra voler anticipare ciò che potrebbe stabilire la futura riforma. La pretesa di regolamentare centralmente la formazione e l'aggiornamento professionale ha provocato la reazione di molti ordini locali. Una prospettiva diversa si avrebbe potenziando l'opera di raccordo delle unioni regionali dei Consigli degli ordini, il cui spazio vitale sarà legato anche al tasso di federalismo che verrà iniettato nel paese. L'Ordine attuale però, più che di nuove regole, sembra aver bisogno di un alleggerimento di funzioni, con la scissione tra il ruolo di servizio (tenuta albo ecc.) e di rappresentanza istituzionale e le altre funzioni, a cominciare da quella disciplinare. La collocazione esterna dei collegi di disciplina, l'attribuzione del controllo sulla formazione delle associazioni e/o fondazioni possono permettere che vengano stabilite delle regole democratiche di legittimazione della composizione dell'ente, per il necessario controllo del campo elettorale e la necessaria trasparenza nei fini e nei modi della gestione. Rispetto della deontologia, formazione e aggiornamento, legittimazione della rappresentanza sono obiettivi che una professione, che voglia mantenere il riconoscimento di questo status, deve perseguire in maniera efficace. La riforma della professione si gioca su questo campo: non norme o principi inapplicabili, ma percorsi per il recupero di concreta efficienza. 16

17 DIRITTO E GIUSTIZIA Il progetto di riforma della previdenza forense di Giovanna Biancofiore* e Paolo Rosa** - *Attuario della Cassa forense e **Presidente della Cassa forense La prima fase del percorso riformatore della previdenza forense ha trovato espressione in una serie di provvedimenti deliberati dalla Cassa nei primi mesi dell anno 2006 che hanno previsto, dal lato delle entrate, l aumento di due punti percentuali dei contributi soggettivi a carico degli iscritti e di un punto per i pensionati, e dal lato delle uscite l utilizzo del reddito professionale medio dichiarato nell intera vita lavorativa per il calcolo dei trattamenti pensionistici nonché la liquidazione dei supplementi di pensione con il calcolo contributivo. La sua introduzione ha consentito il raggiungimento di un più equo rapporto contributi/pensioni, migliorando di qualche anno gli equilibri finanziari futuri ma, anche a causa di una approvazione ministeriale solo parziale, non ha permesso di assicurare al sistema una situazione di stabilità di lungo periodo. L urgenza di proseguire con la seconda fase di riforma del sistema previdenziale forense appare giustificata anche alla luce degli elementi emersi successivamente all approvazione dei suddetti provvedimenti di modifica alla normativa previdenziale. In primis con la legge 296 del 2006 si è stabilito che gli Enti previdenziali dei liberi professionisti devono assicurare la stabilità finanziaria per un periodo di almeno trenta anni potendo, a tale scopo, introdurre provvedimenti rivolti alla salvaguardia della stabilità di lungo periodo, nel rispetto delle anzianità già maturate e tenendo conto di principi di equità tra le generazioni. Successivamente, nell ambito del decreto ministeriale sui Criteri di Redazione dei Bilanci Tecnici, oltre a ribadire la necessità di osservare una periodo minimo di stabilità gestionale di almeno trenta anni viene introdotta la necessità di prolungare il periodo temporale delle proiezioni di bilancio tecnico per almeno cinquanta anni, al fine di poter esaminare l andamento tendenziale di lungo periodo delle poste di bilancio. Tali disposizioni, pertanto, chiamano gli enti privati di previdenza ad una maggiore responsabilità gestionale prolungando dagli originari quindici anni agli attuali trenta il periodo entro il quale deve essere garantita la stabilità.nelle implicazioni previste da suddette disposizioni si inserisce la situazione economico finanziaria della Cassa Forense, che malgrado il primo passo riformatore fatto nel 2006, non mostra una situazione di stabilità finanziaria di lungo periodo, così come il legislatore ha imposto, facendo emergere la necessità di ulteriori e più incisive modifiche di natura strutturale finalizzate al riequilibrio nel lungo periodo e a una migliore corrispondenza tra contribuzione versata e prestazione erogata. Alla luce delle considerazioni fatte viene portata all approvazione del Comitato dei delegati una delle possibili soluzioni di riforma che, dal punto di vista dei risultati finanziari, conduce a una situazione di stabilità di lungo periodo e al contempo consente di migliorare il rapporto tra contributi versati e prestazioni erogate coinvolgendo tutte le generazioni di iscritti secondo gli orientamenti di politica previdenziale già intrapresi da molti paesi europei. In sintesi, gli interventi di modifica consistono: dal lato delle prestazioni progressivo innalzamento dei requisiti minimi di pensionamento di vecchiaia da 65 a 70 anni di età e da 30 a 35 anni di anzianità; riduzione pro rata dei coefficienti di rendimento per il calcolo della pensione; inasprimento requisiti di accesso alla pensione di anzianità; pensionamento anticipato della pensione di vecchiaia e della pensione di anzianità previa applicazione di coefficienti di riduzione all importo della pensione. dal lato dei contributi aumento del contributo integrativo dal 2 al 4% del volume d affari dichiarato ai fini IVA; contributo soggettivo a carico dei pensionati iscritti agli albi pari al 5% del reddito Irpef entro il tetto; aumento graduale del contributo minimo soggettivo; 17

18 aumento graduale del contributo minimo integrativo; contributo minimo soggettivo ridotto alla metà per i primi cinque anni di iscrizione; abolizione del contributo integrativo minimo per i primi cinque anni di iscrizione; PRESTAZIONI Requisiti di accesso alla pensione di vecchiaia. Il progetto di riforma prevede un graduale aumento dei requisiti minimi per l accesso al pensionamento di vecchiaia dagli attuali sessantacinque anni di età con almeno trenta anni di anzianità, ai settanta anni di età con almeno trentacinque anni di anzianità della situazione a regime. L aumento decorre dall anno 2012 e tiene conto di un aumento dei requisiti, inizialmente, di un anno ogni quattro, e successivamente di un anno ogni due. Cosicché i requisiti minimi di età e di anzianità per accedere alla pensione di vecchiaia si modificheranno secondo la progressione riportata nella tabella che segue ANNO ETA' ANZIANITA' La scelta di adottare quale provvedimento di riforma un graduale aumento dell età pensionabile è dettata dal generalizzato innalzamento della vita media probabile in particolare per alcune categorie quali quelle dei liberi professionisti. Il provvedimento porterà a regime un risparmio derivante dalla mancata erogazione di cinque annualità di pensione dando origine, tuttavia, a trattamenti di pensione di importo iniziale mediamente più elevato a causa di un corrispondente innalzamento dell anzianità media di pensionamento e dell assorbimento, a regime, dei due supplementi di pensione oggi liquidati con il criterio contributivo. Requisiti di accesso alla pensione di anzianità. L accesso alla pensione di anzianità viene consentito, a regime, con un anzianità contributiva di 40 anni e con un età anagrafica non inferiore a 62 anni. Nel periodo transitorio si potrà accedere alla pensione di anzianità secondo i requisiti riportati nella tabelle che segue ANNO ETA' ANZIANITA' 18

19 Il progressivo innalzamento dei requisiti minimi di pensionamento per l acceso alla pensione di anzianità si è reso necessario in conseguenza dell aumento dei requisiti per la pensione di vecchiaia. Pensionamento anticipato di vecchiaia e di anzianità. Si prevede che l iscritto alla Cassa non accederà al pensionamento di vecchiaia obbligatoriamente al raggiungimento dei requisiti minimi di età e anzianità, ma, secondo una logica di flessibilità, potrà scegliere di andarvi in un età compresa tra 65 anni e 70 anni con, ovviamente, importi di pensione differenti a seconda dell età individuata, fermo in ogni caso il requisito minimo di 35 anni di anzianità contributiva. In particolare, se l iscritto decide di anticipare il momento del pensionamento rispetto al 70 anno di età godrà di un importo di pensione calcolato sulla base dell anzianità maturata fino a quel momento ma ridotto dello 0,41% per ogni mese (corrispondente al cinque per cento per ogni anno) di anticipo rispetto ai 70 anni. Tale riduzione fa sì che, al cambiare dell età pensionabile, e quindi dell orizzonte temporale durante il quale verrà corrisposta la pensione, non si penalizzi chi decide di permanere più a lungo nel sistema e non si concedano benefici immeritati a chi invece decide di uscirne precocemente. Con la possibilità di anticipo viene di fatto mantenuto il nuovo è più elevato requisito minimo d età al pensionamento (da 65 a 70 anni) ma al contempo si lascia all individuo la facoltà di scegliere per un età più precoce senza aggravio di oneri a carico della Cassa. Metodologia similare è stata osservata nel caso di anticipo della pensione di anzianità dove la riduzione è espressa in anni (5% per ogni anno di anticipo) e non in mesi visto che il requisito di riferimento è l anzianità di iscrizione e non l età anagrafica. Riduzione pro rata dei coefficienti per il calcolo della pensione. Il progetto di riforma, in un ottica di ulteriore riduzione della spesa previdenziale futura, prevede la modifica dei coefficienti di rendimento utili per il calcolo della pensione dagli attuali quattro (1,75% - 1,50% -1,30% - 1,15%) a due: il primo pari all 1,50% e il secondo pari all 1,20%. Nel rispetto delle anzianità già maturate, suddetti coefficienti sono applicati non sull intero trattamento di pensione ma esclusivamente sulla quota pensione la cui media reddituale viene determinata considerando l intera vita lavorativa. Pertanto, il provvedimento produrrà le prime pensioni di vecchiaia interamente calcolate con i nuovi coefficienti solo a partire dall anno Tuttavia ancora per almeno un decennio si avranno pensioni calcolate in parte con i vecchi coefficienti di rendimento. Tale provvedimento comporta a regime una riduzione delle pensioni di nuova decorrenza così differenziata: Reddito medio pensionabile Riduzione % media della pensione ,3% ,0% ,9% ,3% ,4% CONTRIBUTI 19

20 Aumento contributo integrativo. Nel caso in cui la riforma entri in vigore dall anno 2009, a partire dai compensi relativi a tale anno, l aliquota per la determinazione del contributo integrativo passa dall attuale 2% al 4%. Il maggior gettito contributivo sarà rilevato alla Cassa mediante l incasso dei contributi in autoliquidazione dell anno Dall aumento di tale contributo non si può prescindere qualsiasi sia il tipo di riforma introdotta. Dai maggiori introiti si recuperano le risorse per finanziare il passaggio dal vecchio al nuovo sistema previdenziale forense e limitarne il peso che in caso contrario andrebbe interamente sulle future generazioni di iscritti. Contributo soggettivo a carico dei pensionati. I pensionati della Cassa che restano iscritti sono tenuti al pagamento di un contributo soggettivo pari al 5% del reddito professionale prodotto entro il tetto. Per la parte eccedente il tetto reddituale detto contributo è pari al 3%. Tale intervento si tradurrà presumibilmente in un non trascurabile incremento delle entrate contributive future a causa del progressivo aumento del numero dei pensionati ipotizzato nei prossimi decenni e del sempre più elevato numero di coloro che rimangono iscritti agli albi successivamente al pensionamento, tra l altro con redditi professionali molto elevati. Negli ultimi anni la percentuale di pensionati di vecchiaia che decide di proseguire nella professione si è alzata notevolmente raggiungendo livelli pari al %, e al contempo i redditi da questi prodotti raggiungono livelli di consistente entità. Inoltre, l incremento del contributo a carico dei pensionati iscritti agli albi, oltre agli immediati effetti economici, implica ulteriori conseguenze non di minore importanza. La partecipazione al sistema di coloro che sono già pensionati, attraverso un maggior peso contributivo consente di far rientrare nel ciclo previdenziale, seppur parzialmente, sia i pensionati vigenti che, grazie ad una normativa più favorevole, hanno ottenuto maggiori rendimenti dal sistema previdenziale, sia i pensionandi che, grazie al rispetto del principio del pro rata, ancora nei prossimi anni usufruiranno di migliori condizioni rispetto alle future generazioni di iscritti. Infine un ulteriore effetto derivante da un maggior peso in termini contributivi richiesto ai soggetti già pensionati ma ancora iscritti negli albi professionali potrebbe indurre questi ultimi a interrompere definitivamente l attività generando potenzialmente nuovi spazi per i giovani professionisti. Aumento graduale del contributo minimo soggettivo e integrativo. Per l anno 2010 vengono fissati un contributo minimo soggettivo pari a euro e un contributo minimo integrativo pari a euro 320. Per l anno 2011 vengono fissati un contributo minimo soggettivo pari a euro e un contributo minimo integrativo pari a euro 350. A partire dall anno 2012 il contributo minimo è pari a quello dell anno precedente aumentato dell inflazione. L aumento del contributo minimo è stato previsto per coprire, in parte, gli oneri derivanti dal mantenimento dell istituto della pensione minima. Contributo soggettivo minimo per i giovani iscritti. A causa dell aumento del contributo minimo che graverà sulle fasce di reddito più basse e in particolare sui giovani iscritti si è ritenuto di aumentare, da tre a cinque, il numero di anni di iscrizione alla Cassa, per i quali i giovani iscritti sono tenuti al pagamento del contributo minimo soggettivo pari alla metà. Contributo integrativo minimo per i giovani iscritti. Per lo stesso motivo, il numero di anni di iscrizione alla Cassa per i quali i giovani iscritti non sono tenuti al pagamento del contributo minimo integrativo, passa dai primi tre ai primi cinque anni di iscrizione agli albi. PENSIONE MODULARE La pensione modulare costituisce una quota di pensione aggiuntiva a quella prevista dall attuale normativa previdenziale forense, determinata secondo un criterio di calcolo di tipo contributivo (ex legge 335/ 95 in fase di prima applicazione) e finanziata da una contribuzione aggiuntiva a carico dell iscritto, determinata in percentuale del reddito professionale dichiarato entro il tetto. L'aliquota di contribuzione a finanziamento della pensione modulare sarà dovuta per un 2% in regime obbligatorio, ed in regime volontario in un ulteriore contribuzione dall 1% al 9%.I contributi versati saranno capitalizzati sulla base del 90% del rendimento medio annuo realizzato dalla Cassa dall impiego degli accantonamenti patrimoniali, con un minimo garantito pari all 1,5% annuo. 20

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della giustizia, provvedimento in più punti discutibile ma adottato nella forma più opportuna

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Gli ordini di protezione

Gli ordini di protezione Gli ordini di protezione di Germano Palmieri Ricorrenti fatti di cronaca ripropongono pressoché quotidianamente il problema della violenza fra le pareti domestiche; non passa giorno, infatti, che non si

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani Un commento sugli effetti del decreto legge n. 138 del 2011 in antitesi alle teorie che vorrebbero una vacatio legis nel campo del trasporto dei rifiuti anche pericolosi L ABROGAZIONE DEL SISTRI NON CREA

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA (ANSA) ROMA, 3 SET "Il documento ultimatum che gli Assessori alla Salute hanno inviato al

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli