A Milano per parlare di sicurezza stradale. Razionalizzare non significa tagliare.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A Milano per parlare di sicurezza stradale. Razionalizzare non significa tagliare. info@consapnazionale.com. www.consapnazionale."

Transcript

1 CONSULTA NAZIONALE POLIZIA STRADALE Periodico ufficiale nazionale della Consap-C.N.P.S. anno XII numero VII ottobre-novembre Foto Dipartimento P.S. - Registrazione Tribunale Civile di Roma n. 542/99 A Milano per parlare di sicurezza stradale Razionalizzare non significa tagliare SINDACATO MAGGIORMENTE RAPPRESENTATIVO DELLA POLIZIA DI STATO

2 CON LA NUVOLA ITALIANA LATUA IMPRESA PRENDE SOLO LATECNOLOGIA CHE SERVE E NON TUTTO IL SERVER. Nasce la Nuvola Italiana. Per lavorare con le imprese pubbliche e private all innovazione digitale del Paese. La Nuvola Italiana è il cloud computing di Telecom Italia creato per le imprese pubbliche e private. Le aziende non dovranno più dotarsi di infrastrutture, piattaforme e applicazioni IT dedicate perché è tutto nella Nuvola. Tutto è più efficiente, semplice e flessibile perché si usa e si paga solo quello che serve. Più veloce e sicuro perché si accede ai servizi in tempo reale con qualità garantita. Con la Nuvola di Telecom Italia il Paese diventa innovativo, efficiente, competitivo e ancora più ricco di opportunità per ognuno di noi. La Nuvola Italiana. Il cloud computing di Telecom Italia.

3 DIRETTORE RESPONSABILE Massimo D Anastasio REDAZIONE Giorgio Innocenzi Mauro Pantano Stefano Spagnoli Pietro Taccogna Gianni Valeri Sergio Scalzo Giuseppe Bennardo Raffaele Tavano Guglielmo Frasca Elisabetta Ricchio DIREZIONE EDITORIALE Consap Segreteria Generale Nazionale Via Nazionale, Roma Tel Fax SUPERVISORE PER LA FOTOGRAFIA Francesco Moretta CONCESSIONARIA ABBONAMENTI Diffusione & Comunicazione Srl Via Palladio, Milano Tel Fax INFORMAZIONE PER ABBONAMENTI Tel Per le quote abbonamenti: Abbonamento ordinario euro Abbonamento sostenitore da euro &nb sp: Abbonamento per appartenenti Forze di Polizia euro Prezzo della rivista 8.00 euro Numero arretrato euro Registrazione Tribunale Civile di Roma n. 542 del 01/11/1999 Si avverte che gli incaricati alla diffusione non possono essere appartenenti alla Polizia di Stato né a Forze dell Ordine. In ragione di ciò vi invitiamo a segnalare alla direzione editoriale anomalie rispetto a quanto sopra. Sommario EDITORIALE Razionalizzare non significa tagliare 5 Scandaloso! Per i poliziotti in autostrada niente... 6 Accordo istituzionale fra Automobile Club e Polizia Stradale 7 Speciale patente a punti 13 Terza età, nuove regole per il rilascio della patente 18 Anomalie nei fermi e sequestri degli autoveicoli 20 Consulta: sulla Pontina auto della Polstrada Sulle strade del Sud la Polizia è.. 23 In Veneto violati gli accordi sindacali 25 Consigli per non rischiare la vita quando l auto ci lascia per strada 26 Rally Costa Smeralda, disagi per l ordine pubblico 27 Migliore è la vista, più sicura è la guida 28 Rischio di infrazione per l Italia dall UE per i tachigrafi 29 Strade secondarie l Europa detta le linee d intervento 30 Convegno a Milano sulla Sicurezza Stradale 31 Polizia Stradale sgomina la banda dei furti ai tir 32 Sciopero regolamentato: dopo i vigili del fuoco, i poliziotti 34 Finalmente il contratto, ritardo per colpa delle altre Riunione dirigenti Consap nord Italia 37 Civili interinali dell immigrazione tutti a casa a fine dicembre 39 Il caso Ruby e la rabbia delle scorte 40 Cosenza: grave e insostenibile carenza automezzi 41 Il questore di Roma Tagliente interviene agli stati generali della Consap 42 Movimento per Roma, tre giorni di dibattiti per il bene della città 44 La Consap su Report e Il Messaggero denuncia Inaccettabile disparità fra i parenti delle vittime del dovere 48 Il libro Divise forate, ci parla di un ricordo da non cancellare 49 Hanno trovato un commissariato da chiudere anche a Napoli 50 Il Governo mette le mani nelle nostre tasche: si salvi chi può 52 Il diritto alla Salute, un parametro di civiltà 54 Quale futuro per i ruoli tecnici se non possono progredire in carriera? 56 Seminario sullo stalking organizzato dalla Un poliziotto giusto tra le nazioni Giovanni Palatucci Ditta Expert dona 2 navigatori al commissariato di P.S. Partinico Lando Fiorini: la voce di Roma Dai Mercati Generali a Broadway 64

4

5 Editoriale Razionalizzare non significa tagliare Consap Magazine Giorgio Innocenzi Segretario Generale Nazionale Consap Investire nella sicurezza per garantire legalità e sviluppo al Paese. La sicurezza è un problema che interessa sempre più tutti, la soluzione è quella di condividerla tra tutte le persone interessate. Le esigenze di sicurezza sono molte cresciute negli ultimi venti anni. Si è passati a sperimentare diversi sistemi di contrasto. Tolleranza zero, polizia comunitaria, poliziotto di quartiere,ecc. ecc. Le sperimentazioni effettuate hanno dato risultati contrastanti. Non esiste un sistema ideale ma ogni sistema deve essere calato nello specifico contesto sociale e culturale. Fusioni e soppressioni di forze di polizia non sempre sono positive, anzi talvolta possono essere pericolose, pertanto devono essere valutate attentamente e soprattutto motivate. L Italia è l unico Paese in cui una forza di polizia di tipo fiscale fa ordine pubblico in piazza con manganelli e scudi. Siamo l unico Paese in cui la Guardia costiera fa controlli al mercato del pesce in una città di montagna. Siamo l unico Paese dove se hai una barca rischi di essere fermato da quattro corpi diversi di polizia. L Italia è l unico paese occidentale in cui pattuglie delle forze Armate pattugliano le strade. La legge 121/81 è ancora considerata una buona legge una purtroppo ha subito tanti sconfinamenti da parte di ogni componente del sistema ed ognuno si è ricavato degli spazi aggiuntivi finendo per creare una situazione dove tutti fanno tutto. Questo ha portato sprechi e duplicazioni notevoli, infatti basti pensare che tutte le Forze di Polizia hanno elicotteri, barche, sommozzatori, cinofili, artificieri ecc, ecc. Cosa si puo fare? Innanzitutto razionalizzare e coordinare meglio le risorse disponibili evitando duplicazioni di compiti e di ambiti. Razionalizzare non significa però dismettere strutture, sopprimere uffici di polizia come sta succedendo ultimamente, mettendo a serio rischio una efficace lotta alla criminalità organizzata e comune. Tagliare sulle risorse destinate alla sicurezza significa compromettere le politiche di contrasto sinora adottate, ma significa soprattutto essere sordi alle istanze dei cittadini ed indifferenti alle legittime richieste di chi ogni giorno per quelle aspettative lavora al limite, ed oltre, al sacrificio personale. Accrescere e rafforzare gli strumenti e le professionalità che sul territorio ogni giorno sono al lavoro per il ripristino ed il rispetto della legalità significa investire in sicurezza e democrazia.

6 6 Consap Magazine 2010 Scandaloso! Per i poliziotti in autostrada niente accertamenti: violano la privacy Chiuso l accesso alla banca dati che dal 92 ad oggi ha consentito l arresto di mafiosi, criminali ed assassini. Sono in pericolo le attività di controllo della Polizia Stradale, l allarme lo lancia la Confederazione Sindacale Autonoma di Polizia rendendo nota una decisione sconcertante della società privata Autostrade per l Italia e contro la quale nulla è stato fatto dal Ministro dell Interno. Il nucleo di Polizia Giudiziaria della Polizia Stradale ubicato all interno degli uffici del VI Tronco di autostrade di Firenze si è visto chiudere l accesso telematico alle banche dati della società Autostrade per l Italia. La notizia è di quelle che lasciano esterrefatti e che dimostrano come tutta l attenzione di questo Governo per la sicurezza sia in realtà una grandissima bufala. Il nucleo Polizia Giudiziaria della Polizia Stradale infatti è una struttura di assoluta importanza, che negli anni ha assunto un ruolo determinante nella lotta alla criminalità in tutto il territorio nazionale. Tale ufficio nacque nella massima riservatezza nel mese di febbraio del 1992 e grazie ai risultati ottenuti, è diventato famoso: da allora, tramite la consultazione delle banche dati in questione, ha supportato gli uffici di Polizia Giudiziaria delle Forze di Polizia di tutta Italia veicolando informazioni che hanno permesso di ottenere grandi risultati, in tutti i settori della lotta la crimine. Si devono alla collaborazione con questo ufficio di polizia, successi investigativi nella lotta al terrorismo, in casi di arresto per omicidi, per la cattura di bande di malviventi dediti alle più disparate forme di criminalità quali rapine furti ed altro, che utilizzavano l autostrada per i loro spostamenti e così facendo spesso incappavano nei controlli della Polizia Stradale. La Confederazione Sindacale Autonoma di Polizia ha dato l incarico ai vertici della Consulta Nazionale Polizia Stradale, di raccogliere informazioni e ha voluto vederci chiaro in merito a questa decisione che appare come un regalo per il crimine nazionale, oltre che danneggiare tutte le attività di Polizia. Siamo venuti a conoscenza del fatto che: l accesso è stato interdetto a seguito di una violazione della privacy per accesso a dati sensibili, che il garante ha contestato ad Autostrade per l Italia, società che però dal canto suo e al contrario del nostro Ministero dell Interno ha saputo tutelare i suoi interessi visto che ha lasciato aperti per gli operatori della Polizia Giudiziaria il flusso dei dati riguardanti l accertamento dei mancati pagamenti al casello ed i transiti degli utenti recidivi. Il nostro Ministro ha il dovere di dedicarsi con più impegno alla sicurezza - dice Giorgio Innocenzi Segretario Generale della Consap - ha detto a più riprese che se dovesse scegliere fra privacy e sicurezza sceglierebbe la seconda, nell interesse dei cittadini e delle istituzioni. Allora cosa aspetta ad ordinare alla Società privata Autostrade per l Italia di ripristinare un servizio di assoluta importanza per il Paese. Su quelle strade, in cui oggi i colleghi non possono più garantire gli accertamenti, potrebbero circolare anche pericolosi terroristi internazionali e allora il prezzo che il servizio pubblico paga agli interessi privati si macchierebbe del sangue di tanti innocenti. Questo, come sindacato e come poliziotti, non possiamo accettarlo!

7 Consap Magazine Accordo istituzionale fra Automobile Club e Polizia Stradale La Consulta della Consap, illustra una convenzione per i corsi di giuda sicura E' stato presentato a Riva del Garda, nell ambito della 66a edizione della Conferenza del Traffico e della Circolazione, l accordo di collaborazione istituzionale tra l Automobile Club d Italia e il Ministero dell Interno - Dipartimento della Pubblica Sicurezza Direzione Centrale per le specialità di Polizia Stradale, Ferroviaria, delle Comunicazioni e per i Reparti Speciali della Polizia di Stato. L intesa prevede la realizzazione di servizi di informazioni in merito alla mobilità regionale e locale, nonché corsi di formazione e attività specialistica nei Centri di guida sicura dell'aci, tutte improntate al tema della sicurezza sulla strada. L accordo è stato sottoscritto dal Segretario Generale dell Automobile Club d Italia, Ascanio Rozera, e dal Direttore Centrale per le Specialità della Polizia di Stato, prefetto Oscar Fioriolli. Per quanto riguarda l'infomobilità, hanno spiegato gli enti interessati con una nota: "saranno implementati i servizi regionali e locali nelle centrali dell'aci. La Polizia Stradale collaborerà inoltre alla definizione di percorsi didattici che saranno proposti nel network di autoscuole Aci Ready2Go. Sarà anche compito del Servizio Polizia Stradale del Dipartimento dare corso ad interventi di formazione, per i formatori, anche presso gli Automobile Club delle diverse province. L'Automobile Club Italia si è anche proposto per la realizzazione, su richiesta dei compenti organi di polizia, di iniziative riservate a donne ed uomini appartenenti alla Polizia Stradale, nei propri centri di guida sicura: l autodromo di Vallelunga a nord di Roma e l autodromo di Franciacorta in Località Bargnana di Castrezzato (BS); opportunità che è stata subito utilizzata dalla nostra Organizzazione Sindacale, che ha avviato contatti per una convezione con l autodromo romano di Vallelunga che potrete visionare nelle pagine seguenti. Il circuito di Franciacorta (BS) L autodromo di Valellunga (Roma)

8 Convenzione Campagnano di Roma, 13 settembre 2010 Spett.le Sindacato di Polizia CONSAP c.a. Dr. Stefano Spagnolo SEDE Oggetto: Convenzione Guida Sicura ACI In riferimento alle attività in oggetto, Vi inviamo le condizioni economiche a voi riservate per la fornitura di corsi di guida sicura da svolgersi sull intero territorio nazionale avvalendosi dei centri di guida sicura ACI ubicati rispettivamente a Roma (Autodromo di Vallelunga), a Brescia (Autodromo di Franciacorta) e dal 2011 a Caserta (Sessa Aurunca). I centri costituiscono la prima struttura sul territorio nazionale che impiega tecnologie sofisticate ed attrezzature specifiche per la formazione alla guida di conducenti di moto, auto, furgoni e mezzi pesanti. Nei centri è possibile riprodurre fedelmente le più frequenti situazioni di guida critiche come ad esempio la guida su fondi bagnati e/o scivolosi sia in pendenza che in piano, la guida in condizioni di scarsa visibilità, la guida notturna e l aquaplaning. Inoltre all interno dell impianto di Vallelunga è sorta di recente una nuova area Fuoristrada, che intende soddisfare le necessità di coloro che utilizzando mezzi Fuoristrada e SUV necessitano di una adeguata formazione all uso dei mezzi. Il tracciato ha una lunghezza totale di circa 2 km e permette la guida su vari tipi di fondo. Su questa pista si possono svolgere molti tipi di esercizi tra i quali il Twist, l attraversamento di un guado, angolo di attacco e di uscita ed altri esercizi con pendenze sino ad un massimo del 38%. I veicoli utilizzati durante tutti i corsi saranno messi a disposizione dal Centro di Guida Sicura. Altresì, al fine di rendere più personale l apprendimento dei comportamenti corretti, gli esercizi pratici potranno essere realizzati con il mezzo privato del cliente. Infatti, grazie agli asfalti resinosi a scarsa aderenza ed all impianto d irrigazione, verrà garantita la non usura dei pneumatici e delle parti meccaniche del veicolo stesso. Al fine di soddisfare le vostre necessità elenchiamo qui di seguito tutti i corsi svolti presso il nostro impianto: Auto MICROCAR MOTO/SCOOTER Furgoni e Veicoli industriali Fuoristrada, pick up, mezzi pesanti e moto (solo su Vallelunga)

9 Convenzione Obiettivi di un corso Preparare un conducente ad affrontare le situazioni di guida critiche Apprendere le principali tecniche di guida per ridurre i consumi sia di carburante che di pneumatici e freni. Apprendere i principali comportamenti corretti di guida ai fini della sicurezza Aggiornare sulle eventuali novità introdotte dal Nuovo CODICE della STRADA Apprendere i principali comportamenti per intervenire in caso di incidente A tal proposito verrà riconosciuto uno sconto sui listini dell anno in corso come di seguito descritto nel presente documento da estendere a tutti i vostri associati. Al momento della prenotazione il beneficiario della convenzione dovrà gentilmente comunicare il numero di associazione. Il listini saranno soggetti a modifica e Vi saranno opportunamente inviati di volta in volta per l anno in corso. L associato sceglierà tra le date programmate sul sito (pagina della guida sicura) e prenoterà il corso telefonando al call center ( ) inviando la scheda di prenotazione. In alternativa sarà possibile concordare delle date specifiche in funzione del numero giornaliero dei partecipanti. La presente convenzione ha validità 12 mesi. Per ogni ulteriore chiarimento e per la prenotazione dei corsi potrete rivolgervi direttamente al n Cordiali saluti. ACI Vallelunga S.p.A. Amministratore Delegato Alfredo Scala ACI Vallelunga S.p.A. Direttore Divisione Guida Sicura Danilo Spizuoco

10 Convenzione Corso Auto Il corso prevede lo svolgimento di un programma di formazione alla guida sicura della durata di 1 giorno, dalle ore 9 alle ore 16. Il corso sarà composto da una sessione teorica ed una sessione pratica. La sessione teorica prevede i seguenti argomenti: - Eventuali novità del Codice della Strada; - Accorgimenti che consentono di viaggiare con un mezzo più efficiente e sicuro; - Posizione di guida ed uso corretto dei comandi; - Informazioni di primo intervento in caso di incidente; - Cenni statistici sulle principali cause di incidente stradale; - Illustrazione degli esercizi che verranno successivamente eseguiti. La sessione pratica prevede lo svolgimento dei seguenti esercizi: - posizione di guida al volante; - slalom tra i birilli posti a distanza differenziata; - frenata di emergenza; - frenata differenziata su fondo bagnato in discesa; - frenata con e senza ABS; - sottosterzo su tornante; - guida in discesa; - frenata di emergenza per evitare un ostacolo; - sbandata controllata. Ogni giornata di corso potrà ospitare un massimo di 5 gruppi, ognuno dei quali effettuerà l addestramento su aree attigue ed indipendenti. Ogni gruppo potrà contenere da un minimo di 8 ad un massimo di 12 partecipanti. Il costo del corso risulta essere pari ad 330,00+IVA a partecipante. Per tutti gli associati, in funzione della convenzione in essere e dell organizzazione dei corsi in gruppi da minimo 8 partecipanti giornalieri, l importo finale, eccezionalmente scontato del 30%, risulta essere pari ad 230+IVA a partecipante. In caso di singole adesioni l importo eccezionalmente scontato del 10% risulta essere pari ad 295+IVA a partecipante.

11 Convenzione Corso Avanzato Auto Il corso prevede lo svolgimento di un programma di formazione alla guida sicura della durata di 1 giorno, dalle ore 9 alle ore 17 e potrà essere svolto dopo aver seguito il corso auto precedentemente descritto. Il corso sarà composto da una sessione teorica ed una sessione pratica. La sessione teorica prevede lo svolgimento del seguente programma utilizzando supporti audiovisivi : - L aquaplaning; - Il pneumatico; - L inserimento in curva e traiettorie sicure; - Il trasferimento di carico e le sue dinamiche. La sessione pratica prevede lo svolgimento dei seguenti esercizi: - Schivata dell alce; - Slalom veloce con beccheggio e rollio; - Slalom pendolo; - Frenata con evitamento di più ostacoli; - Skid car; - Controllo del sovrasterzo e pendolo; - Inserimento in curva con controllo della direzionalità; - Modulazione della frenata; - Aquaplaning (CON ISTRUTTORE AL FIANCO) Ogni gruppo sarà coordinato da 2 istruttori. Gli equipaggi saranno composti da n 2 allievi per autovettura. Ogni giornata di corso potrà ospitare un massimo di 5 gruppi, ognuno dei quali effettuerà l addestramento su aree attigue ed indipendenti. Ogni gruppo potrà contenere da un minimo di 6 ad un massimo di 8 partecipanti. Il costo del corso risulta essere pari ad 450,00+IVA a partecipante. Per tutti gli associati, in funzione della convenzione in essere e dell organizzazione dei corsi in gruppi da minimo 8 partecipanti giornalieri, l importo finale, eccezionalmente scontato del 30%, risulta essere pari ad 315+IVA a partecipante. In caso di singole adesioni l importo eccezionalmente scontato del 10% risulta essere pari ad 405+IVA a partecipante.

12 Convenzione Campagnano di Roma, 13 settembre 2010 Spett.le Sindacato di Polizia CONSAP c.a. Dr. Stefano Spagnolo SEDE Oggetto: Convenzione Guida Sicura ACI In riferimento alle attività in oggetto, Vi inviamo le condizioni economiche a voi riservate per la fornitura di corsi di guida sicura da svolgersi sull intero territorio nazionale avvalendosi dei centri di guida sicura ACI ubicati rispettivamente a Roma (Autodromo di Vallelunga), a Brescia (Autodromo di Franciacorta) e dal 2011 a Caserta (Sessa Aurunca). I centri costituiscono la prima struttura sul territorio nazionale che impiega tecnologie sofisticate ed attrezzature specifiche per la formazione alla guida di conducenti di moto, auto, furgoni e mezzi pesanti. Nei centri è possibile riprodurre fedelmente le più frequenti situazioni di guida critiche come ad esempio la guida su fondi bagnati e/o scivolosi sia in pendenza che in piano, la guida in condizioni di scarsa visibilità, la guida notturna e l aquaplaning. Inoltre all interno dell impianto di Vallelunga è sorta di recente una nuova area Fuoristrada, che intende soddisfare le necessità di coloro che utilizzando mezzi Fuoristrada e SUV necessitano di una adeguata formazione all uso dei mezzi. Il tracciato ha una lunghezza totale di circa 2 km e permette la guida su vari tipi di fondo. Su questa pista si possono svolgere molti tipi di esercizi tra i quali il Twist, l attraversamento di un guado, angolo di attacco e di uscita ed altri esercizi con pendenze sino ad un massimo del 38%. I veicoli utilizzati durante tutti i corsi saranno messi a disposizione dal Centro di Guida Sicura. Altresì, al fine di rendere più personale l apprendimento dei comportamenti corretti, gli esercizi pratici potranno essere realizzati con il mezzo privato del cliente. Infatti, grazie agli asfalti resinosi a scarsa aderenza ed all impianto d irrigazione, verrà garantita la non usura dei pneumatici e delle parti meccaniche del veicolo stesso. Al fine di soddisfare le vostre necessità elenchiamo qui di seguito tutti i corsi svolti presso il nostro impianto: Auto MICROCAR MOTO/SCOOTER Furgoni e Veicoli industriali Fuoristrada, pick up, mezzi pesanti e moto (solo su Vallelunga)

13 SPECIALE PATENTE A PUNTI

14 14 Consap Magazine 2010 ll punteggio di ciascun conducente subisce riduzioni ad ogni comunicazione relativa alle violazioni che prevedono decurtazione di punteggio, come descritti nella tabella. Il punteggio previsto per ciascuna violazione è indicato nel verbale di contestazione. Quando la decurtazione viene annotata nell archivio nazionale degli abilitati alla guida, l utente riceve al proprio domicilio una comunicazione della avvenuta decurtazione. Qualora vengano accertate contemporaneamente più violazioni per le quali è prevista la decurtazione di punteggio e nessuna sanzione accessoria di sospensione o di revoca della patente, dovranno essere detratti al massimo 15 punti. Qualora, dal 13 agosto 2010, venga commessa un infrazione da almeno 5 punti, cui seguano, nell arco di successivi 12 mesi, altre due violazioni da almeno 5 punti ciascuna, è prevista la revisione della patente di guida. Alla perdita totale del punteggio non consegue la sospensione immediata della patente di guida ma la sua revisione. La revisione della patente deve essere effettuata entro 30 giorni dal momento in cui perviene la comunicazione che la dispone. Durante questo periodo il conducente può continuare a circolare. Le tabelle delle penalità Violazioni che comportano la perdita di 10 punti Articolo Guida in stato di alterazione da sostanze stupefacenti - art. 126 bis Superare i limiti di velocità di oltre 60 km/h. - art. 142, comma 9 bis Circolare contromano nelle curve, sui dossi o in condizioni di limitata visibilità o su strada divisa in carreggiate separate - art. 143, comma 12 Sorpasso effettuato in situazioni gravi e pericolose (curve, dossi, incroci etc..). Sorpasso per veicoli pesanti (> 3.5t); sorpasso di veicoli fermi ai semafori, ai passaggi a livello o incolonnati, di tram o filobus fermi; sorpasso di veicolo che sta a sua volta già sorpassando, etc.. - art.148, comma 16 terzo periodo Trasporto di materie pericolose senza autorizzazione o in violazione delle prescrizioni - art. 168, comma 8 Trasporto di materie pericolose senza osservare le prescrizioni ministeriali relative ad idoneità tecnica e dispositivi di equipaggiamento dei veicoli - art. 168, comma 9 Mancato rispetto di oltre il 20% del periodo minimo di riposo giornaliero e del limite giornaliero dei tempi di guida per gli autisti di camion e autobus muniti di tachigrafo - art. 174, comma 6 Fare inversione di marcia in autostrada o sulle strade extraurbane principali o procedervi in contromano - art. 176, comma 19 Effettuare retromarcia in autostrada - art. 176, comma 20 con riferimento al comma 1, lett. b) Circolare in autostrada o sulle strade extraurbane principali sulle corsie di emergenza e d immissione ed uscita fuori dai casi previsti - art. 176, comma 20 con rif. comma 1 lett c) e d) Mancato rispetto di oltre il 20% del periodo minimo di riposo giornaliero e del limite giornaliero dei tempi di guida per gli autisti di camion e autobus non necessitanti di tachigrafo - art. 178, comma 6 Veicolo sprovvisto di cronotachigrafo o limitatore di velocità - art. 179, commi 2 e 2 bis Guidare in stato di ebbrezza - art. 186, comma 2 e 7 Guida in condizioni di alterazione fisica e psichica correlata a sostanze stupefacenti - art. 187, comma 7 e 8 Darsi alla fuga in incidente con gravi danni ai veicoli causato dal proprio comportamento - art. 189, comma 5 secondo periodo Darsi alla fuga in incidente con lesioni a persone causato dal proprio comportamento - art. 189, comma 6 Forzatura del posto di blocco dove il fatto non costituisca reato - art. 192 comma 7 Per le patenti rilasciate successivamente al 1^ ottobre 2003 a soggetti che non siano già titolari di altra patente di categoria B o superiore, i punti riportati nella presente tabella, per ogni singola violazione, sono raddoppiati qualora le violazioni siano commes-

15 Consap Magazine se entro i primi tre anni dal rilascio. Violazioni che comportano la perdita di 8 punti Articolo Mancato rispetto della distanza di sicurezza che abbia causato un incidente con lesioni gravi - art. 149, comma 6 Comportamento irregolare o pericoloso nei passaggi ingombrati e nelle strade di montagna che abbia causato gravi lesioni a persone - art. 150, con riferimento all art. 149 comma 6 Fare inversione di marcia in prossimità o in corrispondenza degli incroci, delle curve o dei dossi - art. 154, comma 7 Violare l obbligo di precedenza ai pedoni - art. 191, comma 1 Violazione dell obbligo di consentire al pedone in stato di invalidità o a bambini e anziani l attraversamento di una strada - art. 191, comma 3 Per le patenti rilasciate successivamente al 1^ ottobre 2003 a soggetti che non siano già titolari di altra patente di categoria B o superiore, i punti riportati nella presente tabella, per ogni singola violazione, sono raddoppiati qualora le violazioni siano commesse entro i primi tre anni dal rilascio. Violazioni che comportano la perdita di 6 punti Articolo Mancata osservanza dello stop - art. 145, comma 5 Passaggio con semaforo rosso o agente del traffico - art. 146, comma 3 Violare gli obblighi di comportamento ai passaggi a livello - art. 147, comma 5 Superare i limiti di velocità di oltre 40 km/h, ma non di oltre 60 km/h - art. 142, comma 9 Per le patenti rilasciate successivamente al 1^ ottobre 2003 a soggetti che non siano già titolari di altra patente di categoria B o superiore, i punti riportati nella presente tabella, per ogni singola violazione, sono raddoppiati qualora le violazioni siano commesse entro i primi tre anni dal rilascio Violazioni che comportano la perdita di 5 punti - Articolo Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la Circolazione - art. 141, comma 8 Violare gli obblighi relativi alla precedenza art. 145, comma 10 Mancato rispetto delle regole di sorpasso - art. 148, comma15 Con rif. al 3 comma Non osservare le distanze di sicurezza con conseguente collisione e gravi danni ai veicoli - art. 149, comma 5, secondo periodo Comportamento irregolare o pericoloso nei passaggi ingombrati e nelle strade di montagna causando gravi danni a veicoli - art. 150, comma 5 con riferimento all art.149 comma 5 Condurre un motociclo o una motocarrozzetta senza casco, con casco irregolare o non allacciato, ovvero trasportare altro passeggero in tali condizioni. - art. 171, comma 2 Mancato allacciamento delle cinture del conducente e/o del trasportato minorenne o mancato uso dei seggiolini per bambini - art. 172 comma 8 Alterare il corretto uso delle cinture. art. 172, comma 9 Usare cuffie o apparecchi radiotelefoni durante la guida e mancato utilizzo delle lenti se prescritte - art. 173, comma 3 Mancato rispetto di oltre il 10% del periodo minimo di riposo giornaliero per gli autisti di camion e autobus muniti di tachigrafo - art. 174, comma 5 per tempi di riposo Mancato rispetto di oltre il 20% del periodo minimo di riposo giornaliero per gli autisti di camion e autobus muniti di tachigrafo - art. 174, comma 7 terzo periodo per tempi di riposo Mancato rispetto di oltre il 10% del periodo minimo di riposo giornaliero per gli autisti di camion e autobus non necessitanti di tachigrafo - art. 178, comma 5 per tempi di riposo Mancato rispetto di oltre il 20% del periodo minimo di riposo giornaliero per gli autisti di camion e autobus non necessitanti di tachigrafo - art. 178, comma 7 terzo periodo per tempi di riposo Circolare con tasso alcolemico accertato superiore a 0 e non superiore a 0,5 gl per conducenti < 21 anni, neo patentati cat. B, per trasporti professionali di persone e di cose, di veicoli > 3,5t, di veicoli con rimorchio con MCPC > 3,5, di autobus, di autoarticolati, di autosnodati - art. 186 bis, comma 2 Per le patenti rilasciate successivamente al 1^ ottobre 2003 a soggetti che non siano già titolari di altra patente di categoria B o superiore, i punti riportati nella presente tabella, per ogni singola violazione, sono raddoppiati qualora le violazioni siano commesse entro i primi tre anni dal rilascio. Violazioni che comportano la perdita di 4 punti - Articolo Circolare contromano (non in curva) - art. 143, comma 11 Omettere di occupare la corsia più libera a destra, sulle strade con carreggiata a due o più corsie - art. 143, comma 13 con riferimento al 5 Caduta o spargimento sulla carreggiata di materie viscide

16 16 Consap Magazine 2010 ed infiammabili o che potrebbero causare pericolo - art. 161, comma 2 Trasportare cose con eccedenza di carico superiore a 3 t., o superiore al 30% della massa complessiva per i veicoli fino a 10 t. - art. 167, commi 2, 3, 5 e 6, lett. d) Trasportare merci pericolose con eccedenza di carico rispetto al limite consentito - art. 168, comma 7 Trasportare persone in sopranumero sui veicoli adibiti abusivamente a taxi o a noleggio - art. 169, comma 8 Circolare in autostrada con veicolo avente carico disordinato, non saldamente assicurato ovvero con carico suscettibile di dispersione perché non coperto adeguatamente - art. 175, comma 13 Non fermarsi in incidente con soli danni a cose causato dal proprio comportamento - art. 189, comma 5 primo periodo Violazione dell obbligo di consentire al pedone attraversamento di una strada sprovvista di strisce pedonali - art. 191, comma 2 Per le patenti rilasciate successivamente al 1^ ottobre 2003 a soggetti che non siano già titolari di altra patente di categoria B o superiore, i punti riportati nella presente tabella, per ogni singola violazione, sono raddoppiati qualora le violazioni siano commesse entro i primi tre anni dal rilascio. Violazioni che comportano la perdita di 3 punti Articolo Superare i limiti di velocità di oltre 10 km/h e di non oltre i 40 km/h - art. 142, comma 8 Mancato accertamento delle condizioni per effettuare il sorpasso - art. 148, comma 15 con riferimento al comma 2 Non osservare le distanze di sicurezza nei confronti di determinate categorie di veicoli, non osservare la distanza di sicurezza con conseguente collisione con soli danni a cose - art. 149, comma 4 Far uso dei fari abbaglianti in condizioni vietate - art. 153, comma 10 Non osservare le prescrizioni di sistemazione e segnalamento di carico sul veicolo e omettere le cautele nel trasporto di carichi sporgenti - art. 164, comma 8 Trasportare cose con eccedenze di carico non superiori a 3 t., o al 30% della massa a pieno carico per veicoli sino a 10 t. - art. 167, commi 2, 3, 5 e 6, lett. c) Circolare con autocarri adibiti a trasporto di veicoli, di animali, di container, macchine agricole o operatrici e balle di paglia e fieno con eccedenze consentite in altezza sulle strade larghe meno di 6,50 mt. ovvero aventi opere di sottovia con franco libero superiore a 20 cm. - art. 167, comma 7 Mancato rispetto di oltre il 10% del periodo minimo di riposo settimanale per gli autisti di camion e autobus muniti di tachigrafo - art. 174, comma 7 secondo periodo Mancato rispetto di oltre il 10% del periodo minimo di riposo settimanale per gli autisti di camion e autobus non necessitanti di tachigrafo - art. 178, comma 7 secondo periodo Mancato rispetto degli obblighi verso funzionari, ufficiali e agenti - art. 192 comma 6 Per le patenti rilasciate successivamente al 1^ ottobre 2003 a soggetti che non siano già titolari di altra patente di categoria B o superiore, i punti riportati nella presente tabella, per ogni singola violazione, sono raddoppiati qualora le violazioni siano commesse entro i primi tre anni dal rilascio. Violazioni che comportano la perdita di 2 punti Articolo Mancato rispetto della segnaletica, ad eccezione dei segnali di divieto di sosta e di fermata - art. 146, comma 2 Sorpasso a sinistra di un tram in fermata in sede stradale non riservata - art. 148, comma 15 con rif. al comma 8 Effettuare cambiamenti di direzione o di corsia per inversione di marcia o svolte senza osservare le prescrizioni imposte - art. 154, comma 8 Sosta nelle corsie riservate al transito degli autobus o veicoli su rotaia; sosta o fermata negli spazi riservati a veicoli per persone invalide o in corrispondenza di rampe, scivoli o corridoi di transito; sosta negli spazi riservati alla fermata degli autobus o dei taxi. - art. 158, comma 2 lettere d), g), h). Omettere di liberare la carreggiata o di segnalare ingombri provocati dal proprio veicolo - art 161, comma 1 e 3 Omettere di segnalare il veicolo fermo sulla carreggiata, fuori dei centri abitati con l apposito segnale di triangolo; non utilizzare i dispositivi di protezione rifrangenti individuali - art. 162, comma 5 Trainare veicoli in avaria senza adeguata segnalazione o violando le altre prescrizioni - art. 165, comma 3 Trasportare cose in eccedenza di peso non superiore a 2 t. o al 20% della massa per veicoli sino a 10 t. - art. 167, commi 2, 3, 5 e 6, lett. b) Trasporto di materie pericolose senza osservare le prescrizioni ministeriali per la tutela dei conducenti o dell equipaggio e la adeguata compilazione dei documenti di trasporto e delle istruzioni di sicurezza - art. 168, comma 9

17 17 Consap Magazine 2010 bis Trasportare persone in sovrannumero sulle autovetture - art. 169, comma 9 Mancato rispetto di oltre il 10% il limite giornaliero massimo dei periodi di guida per gli autisti di camion e autobus muniti di tachigrafo - art. 174, comma 5 per tempi di guida Mancato rispetto di oltre il 20% il limite settimanale massimo dei periodi di guida per gli autisti di camion e autobus muniti di tachigrafo - art. 174, comma 7 per tempi di guida Mancato rispetto delle disposizioni relative alle interruzioni di guida per gli autisti di camion e autobus muniti di tachigrafo - art. 174, comma 8 Trainare veicoli, che non siano rimorchi, sulle carreggiate, sulle rampe, sugli svincoli, sulle aree di parcheggio di servizio e su ogni altra pertinenza delle autostrade - art. 175, comma 14 con riferimento al comma 7, lett. a) Violare le prescrizioni per la circolazione sulle autostrade e sulle superstrade (strade extraurbane principali) Rientrano in questa ipotesi: - lasciare in sosta i veicoli sulle autostrade o sulle aree di servizio o di parcheggio - esercitare attività di soccorso senza autorizzazione, etc. - art. 175, comma 16 Violare le prescrizioni dei comportamenti durante la circolazione in autostrada o sulle superstrade Rientrano in questa ipotesi ad esempio: - non osservare l obbligo di immettersi sulle autostrade e sulle superstrade servendosi delle apposite corsie e dando la precedenza ai veicoli circolanti sulle corsie di scorrimento; - uscire dalle stesse autostrade o superstrade senza servirsi delle apposite corsie di decelerazione - cambiare corsia di marcia senza la preventiva segnalazione - in caso di arresto del traffico su tratti ove la corsia di emergenza manchi o sia occupata, non agevolare il transito di veicoli di polizia o di soccorso omettendo di portarsi il più vicino possibile alla striscia di sinistra della prima corsia - lasciare in sosta di notte il veicolo senza tenere accese le luci di posizione e quelle di emergenza - procedere affiancato ad altro veicolo in autostrada o sulle superstrade - non osservare il corretto incolonnamento per il pagamento del pedaggio - art. 176, comma 21 Ostacolo alla circolazione o accodamento alla marcia dei mezzi adibiti a servizi di polizia, antincendio e autoambulanze - art. 177 comma 5 Mancato rispetto di oltre il 10% il limite giornaliero massimo dei periodi di guida per gli autisti di camion e autobus non necessitanti di tachigrafo - art. 178, comma 5 per tempi di guida Mancato rispetto di oltre il 20% il limite settimanale massimo dei periodi di guida per gli autisti di camion e autobus non necessitanti di tachigrafo - art. 178, comma 7 per tempi di giuda Mancato rispetto delle disposizioni relative alle interruzioni di guida per gli autisti di camion e autobus non necessitanti di tachigrafo - art. 178, comma 8 Non osservare gli obblighi previsti in caso di incidente, come la salvaguardia, la sicurezza della circolazione ed il mantenimento dello stato dei luoghi e delle tracce; in incidente con soli danni a cose evitare intralcio alla circolazione; fornire le proprie generalità; etc.. - art. 189, comma 9 Per le patenti rilasciate successivamente al 1^ ottobre 2003 a soggetti che non siano già titolari di altra patente di categoria B o superiore, i punti riportati nella presente tabella, per ogni singola violazione, sono raddoppiati qualora le violazioni siano commesse entro i primi tre anni dal rilascio. Violazioni che comportano la perdita di 1 punto Articolo Non far uso dei dispositivi di illuminazione o segnalazione visiva quando è prescritto -art. 152, comma 3 Uso improprio dei fari - art. 153, comma 11 Trasportare cose con eccedenza di carico non superiore ad 1 t. o al 10% per veicoli fino a 10 t. - art. 167, commi 2, 3, 5 e 6 lett. a) Non avere ampia libertà di movimento nelle manovre, trasportare persone in soprannumero e trasporto irregolare di persone, animale e oggetti - art. 169, comma 10 Trasportare persone in soprannumero sui veicoli a due ruote, ovvero violare le prescrizioni relative al trasporto di oggetti o trainare o farsi trainare con veicoli a due ruote - art. 170, comma 6 Mancato rispetto di oltre il 20% il limite settimanale massimo dei periodi di guida per gli autisti di camion e autobus muniti di tachigrafo - art. 174, comma 7 primo periodo Mancato rispetto di oltre il 20% il limite settimanale massimo dei periodi di guida per gli autisti di camion e autobus non necessitanti di tachigrafo - art. 178, comma 7 primo periodo Per le patenti rilasciate successivamente al 1^ ottobre 2003 a

18 18 Consap Magazine 2010 Terza età, nuove regole per il rilascio della patente Il ministro delle infrastrutture e dei trasporti visto l art. 16, comma 1, della legge 29 luglio 2010, n. 120, che ha modificato l art. 115 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, recante «Nuovo Codice della Strada» e successive modificazioni ed integrazioni, di seguito denominato decreto legislativo n. 285 del 1992; Vista in particolare la lettera b) del citato art. 16, comma 1, che estende a sessantotto anni il limite di età massimo dei conducenti, qualora titolari di patente di guida di categoria C, per la guida di autotreni ed autoarticolati di massa complessiva a pieno carico superiore alle 20 t e, qualora titolari di patente di guida di categoria D, per la guida di autobus, autocarri, autotreni, autoarticolati ed autosnodati, adibiti al trasporto di persone, a condizione che, in entrambi i casi, sia conseguito, di anno in anno, uno specifico attestato sul possesso dei requisiti fisici e psichici a seguito di visita specialistica annuale; Vista altresì la lettera c) del citato art. 16, comma 1, della summenzionata legge n. 120 del 2010, che, introducendo il comma 2 -bis all art. 115 del decreto legislativo n. 285 del 1992, prescrive che, fatti salvi i limiti di età di cui al comma 2 dello stesso art. 115, il conducente che abbia superato ottanta anni può continuare a condurre ciclomotori e veicoli per i quali è richiesta la patente delle categorie A, B, C ed E, qualora consegua Necessarie verifiche annuali dell idoneità psico-fisica uno specifico attestato rilasciato dalla commissione medica locale di cui al comma 4 dell art. 119 del decreto legislativo n. 285 del 1992, a seguito di visita specialistica biennale, rivolta ad accertare la sussistenza dei requisiti fisici e psichici prescritti; visto il comma 3 dell art. 16 della citata legge n. 120 del 2010, che demanda ad un decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, da adottarsi entro quattro mesi dalla data di entrata in vigore della predetta legge, la disciplina applicativa delle suesposte modifiche all art. 115 del decreto legislativo n. 285 del 1992, facendo riferimento, ai fini dei requisiti fisici e psichici di cui al comma 2 -bis dello stesso art. 115, alle linee guida che, ai sensi dell art. 23, comma 5, della stessa legge n. 120 del 2010 dovranno essere stabilite per assicurare criteri di valutazione uniformi ai quali si dovrà attenere l operato delle commissioni mediche locali su tutto il territorio nazionale; ritenuto che, nelle more della predisposizione delle predette linee guida, sia opportuno comunque dettare disposizioni di prima applicazione delle modifiche normative su esposte, al fine di tutela delle esigenze di sicurezza stradale sottese alla disposizione di cui al comma 1, lett. c) del citato art. 16; ritenuto altresì che meritino immediata tutela le legittime aspettative dei conducenti che, avendo compiuto il sessantacinquesimo anno di

19 19 Consap Magazine 2010 età, si trovino nelle condizioni di poter esercitare il diritto riconosciuto dall art. 16, comma 1, lett. b), della più volte citata legge n. 120 del Decreta quanto segue. Articolo 1. Disposizioni per i titolari di patente di categoria C 1. I conducenti titolari di patente di guida di categoria C in corso di validità, che abbiano compiuto i sessantacinque anni di età, possono continuare a condurre, fino al compimento del sessantottesimo anno di età, autotreni ed autoarticolati la cui massa complessiva a pieno carico sia superiore alle 20 t. previa acquisizione, di anno in anno, presso una commissione medica locale di cui all art. 119, comma 4, del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni ed integrazioni, di una attestazione di sussistenza dei requisiti fisici e psichici prescritti. Tale attestazione, che ha validità annuale, deve essere tenuta a bordo dal conducente unitamente alla patente di guida ed esibita, in caso di richiesta, agli organi accertatori. 2. L attestazione di cui al comma 1 non è richiesta ai conducenti titolari di patente di guida di categoria C che, avendo compiuto i sessantacinque anni di età, non intendono mantenere l abilitazione alla guida di autotreni ed autoarticolati la cui massa complessiva a pieno carico sia superiore alle 20 t. Articolo 2. Disposizioni per i titolari di patente di categoria D 1. Ai conducenti già titolari di patente di guida di categoria D ai quali, per raggiunti limiti di età, la stessa sia stata riclassificata in patente di guida di categoria inferiore da non più di tre anni, può essere rilasciata una nuova patente di guida di categoria D, previa esibizione di una attestazione di sussistenza dei requisiti fisici e psichici prescritti rilasciata da una commissione medica locale di cui all art. 119, comma 4, del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni ed integrazioni. Tale attestazione ha validità annuale e deve essere riconseguita e riprodotta, di anno in anno, al fine del rinnovo della data di validità della patente D ottenuta, che non può essere successiva, comunque, a quella del compimento del sessantottesimo anno di età del titolare. 2. Qualora il provvedimento di riclassificazione di cui al comma 1 sia stato emesso da più di tre anni, l Ufficio della Motorizzazione Civile che provvede, ai sensi dello stesso comma 1 al rilascio della patente di guida di categoria D ed emette contestualmente un provvedimento di revisione sulla patente stessa. Alla revisione si provvede con urgenza e comunque non oltre il termine di trenta giorni dal rilascio della patente. Articolo 3. Disposizioni per il rinnovo di validità del titolo di abilitazione alla guida del ciclomotore ovvero della patente di guida di conducenti che non ancora abbiano compiuto ottanta anni di età 1. I conducenti in possesso di titolo di abilitazione alla guida del ciclomotore ovvero di patente di guida delle categorie A, B, C ed E che, avendo superato settantasette anni ma non ancora ottanta, procedono al rinnovo di validità dei titoli abilitativi suddetti conseguono il rinnovo di validità fino alla data del compimento dell ottantesimo anno di età se esibiscono certificato di idoneità dei requisiti fisici e psichici rilasciato da uno dei medici certificatori monocratici di cui all art. 119 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni ed integrazioni. 2. I conducenti di cui al comma 1 che provvedono a rinnovare la validità del titolo di abilitazione alla guida posseduto previa visita per l accertamento dei requisiti fisici e psichici presso una commissione medica locale di cui all art. 119, comma 4, del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni ed integrazioni, conseguono il rinnovo di validità della patente posseduta fino alla data indicata nella certificazione rilasciata dalla predetta commissione e comunque non oltre l ottantaduesimo anno di età. Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Uffi-

20 20 Consap Magazine 2010 Anomalie nei fermi e sequestri degli autoveicoli Massimo Vannoni Responsabile Italia Centrale Consulta Nazionale Polizia Stradale Custode - acquirente, necessarie direttive per evitare sorprese Sono giunte alla nostra organizzazione sindacale numerose segnalazioni di comportamenti anomali nell applicazione della nuova normativa relativa ai fermi e sequestri amministrativi, in particolare nella parte che riguarda la consegna dei veicoli alla nuova figura del Custode Acquirente. Nello specifico, in mancanza di precise direttive circa l applicazione della norma, si verifica che provincia che vai usanza che trovi, così può succedere che, per la stessa violazione, il veicolo che deve essere tolto dalla materiale disponibilità del conducente e/o proprietario può essere trasportato al deposito mediante l uso del carro attrezzi oppure può essere condotto nell area di custodia da un dipendente della ditta medesima che si pone alla guida o ancora il trasgressore viene accompagnato dalla pattuglia presso la ditta del custode acquirente. A chi è del mestiere appare chiaro che le differenze tra le varie applicazioni sono notevoli, soprattutto in termini economici. Il paradosso si raggiunge quando si ricorre al fermo amministrativo di un convoglio industriale per l applicazione dell art. 207 C.d.S., in questo caso si può verificare che il conducente di un autotreno o autoarticolato immatricolato in uno stato straniero (oppure munito di patente extracomunitaria) non abbia denaro contante per pagare una sanzione amministrativa di poche centinaia di euro e si ritrovi a dover pagare alcune migliaia di euro per il trasporto ed il deposito di pochi giorni del mezzo. Dato che le violazioni vengono contestate da una pattuglia di Polizia, è chiaro che l utente si aspetti che le Forze dell Ordine facciano da garante ed invece si ritrova invischiato in un contenzioso direttamente con il Custode Acquirente in cui, se non provvede al pagamento, si paventa il rischio di perdere il veicolo che verrebbe, guarda caso, acquisito direttamente da quest ultimo. L articolo 207 C.d.S. applicato in questo modo a qualcuno potrebbe sembrare più una forma di ricatto o di estorsione che non una garanzia tesa all adempimento dell onere del pagamento della sanzione amministrativa da parte del trasgressore. Non si vuole puntare il dito sulle violazioni che si potrebbero configurare nelle modalità di trasporto, ne entrare nel merito delle eventuali differenti e precedenti concessioni esclusive, stipulate tra gli enti che gestiscono le varie strade e le ditte di soccorso, si vuole solo porre in evidenza che la materia presenta alcune lacune che vanno colmate quanto prima. Si prega quindi di impartire con urgenza le disposizioni necessarie ad una conforme applicazione della norma, onde evitare che qualche operatore si possa trovare nella spiacevole situazione di dover fornire spiegazioni per avere operato in un modo anziché in un altro. Per tali motivi in qualità di responsabile per la Consulta Nazionale Polizia Stradale del sindacato Consap, ho richiesto un sollecito intervento al Direttore del Servizio Polizia Stradale del Ministero del-

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie.

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie. ENTRA IN VIGORE LA PATENTE UNICA EUROPEA (parte generale) 19 gennaio 2013: entra in vigore la patente dell Unione Europea, unica ed uguale per tutti i cittadini europei, in formato card, con la foto digitale

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali

PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI D OPERA NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA LE DISPOSIZIONI DI LEGGE NAZIONALI

Dettagli

SCHEMI OPERATIVI. Indice: COPIA AGGIORNATA 07.04.2013. Redatti dal Commissario Aggiunto Gianni Sansonne

SCHEMI OPERATIVI. Indice: COPIA AGGIORNATA 07.04.2013. Redatti dal Commissario Aggiunto Gianni Sansonne SCHEMI OPERATIVI COPIA AGGIORNATA 07.04.2013 Redatti dal Commissario Aggiunto Gianni Sansonne Indice:. Pagina 2: Equiparazione delle patenti rilasciate fino al 18.01.13 alle nuove categorie previste dal19.01.13;.

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE PROINCIA DI TARANTO Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE A0001 A0002 A0003 A0004 A0005 A0006 Sono classificati veicoli secondo il CDS 1 le macchine uso bambini 2 i ciclomotori 3 le macchine uso disabili

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI TERMINI E CONDIZIONI GENERALI Leggere attentamente Termini e Condizioni prima di noleggiare una vettura con Atlaschoice. I Termini si applicano a qualsiasi prenotazione effettuata con Atlaschoice tramite

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Convenzione sulla circolazione stradale

Convenzione sulla circolazione stradale Convenzione sulla circolazione stradale Conclusa a Vienna l 8 novembre 1968 Le Parti contraenti, nell intento di facilitare la circolazione stradale internazionale e di accrescere la sicurezza nelle strade

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE MODULARIO TRASPORTI 29OTT010046 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE DOMANDA PER IL RILASCIO DELLA PATENTE DI GUIDA

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Comune di Lavis PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Approvato con deliberazione consiliare n. 57 di data 11/08/2011 1 ARTICOLO 1 OGGETTO

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA ART.1 - DEFINIZIONE DEL SERVIZIO Sono definiti

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime.

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime. 1 2 3 Preso atto, inoltre, che la I Commissione consiliare permanente - Affari Generali e Istituzionali con verbale del 29 settembre 2011, qui allegato, ha espresso parere favorevole, sulla proposta in

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

Proprietario Sì! ma solo sulla carta! Divieto di intestazione fittizia dei veicoli, art. 94-bis C.d.S.

Proprietario Sì! ma solo sulla carta! Divieto di intestazione fittizia dei veicoli, art. 94-bis C.d.S. codice della strada di Raffaele Chianca* e Gianluca Fazzolari** Proprietario Sì! ma solo sulla carta! Divieto di intestazione fittizia dei veicoli, art. 94bis C.d.S. Nel non troppo lontano 2009 il nostro

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 10 luglio 2002 (Pubblicato sulla GU n. 226 del 26-9-2002- Suppl. Straordinario) Disciplinare tecnico relativo agli schemi segnaletici, differenziati

Dettagli

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione.

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione. 1. Per l entrata ed il soggiorno in campeggio è obbligatoria la registrazione di ogni singola persona. All arrivo ogni ospite è tenuto a depositare un documento d identità e controllare l esattezza delle

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

A piedi, in sella o al volante quant è pericoloso il traffico in città?

A piedi, in sella o al volante quant è pericoloso il traffico in città? A piedi, in sella o al volante quant è pericoloso il traffico in città? Giornata dedicata ai media e agli ospiti Giovedì, 1 luglio 2010 Pista dei crash test a Wildhaus 1 Contenuto Benvenuto 4 Programma

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

ORDINANZA N. 324 / 2008 DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE

ORDINANZA N. 324 / 2008 DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE ORDINANZA N. 324 / 2008 Oggetto : DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE Visto l atto deliberativo del Consiglio Comunale n

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

Ministero dei lavori pubblici

Ministero dei lavori pubblici Ministero dei lavori pubblici ISPETTORATO GENERALE PER LA CIRCOLAZIONE E LA SICUREZZA STRADALE Prot. n. 3698 Alle Amministrazioni Comunali Loro Sedi Oggetto: Linee guida per la redazione dei piani urbani

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA')

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') DEFINIZIONI (ai soli fini dell'applicazione degli schemi di ripartizione) CARREGGIATA parte della strada normalmente destinata

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli