GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00"

Transcript

1 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto imposto con segnaletica verticale Preavvisi 7 287,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto di sosta permanente imposto con segnaletica verticale Preavvisi 2 82,00 7 Circolava in c.a. nonostante che la segnaletica verticale lo vietas -se Verbali 6 246,00 7 lasciava in sosta il veicolo su area riservata. Preavvisi 2 82,00 7 circolava in area pedonale. Preavvisi 1 121,00 15 Imbrattava la segnaletica stradale Verbali 1 41,00 80 Circolava con il veicolo indicato non presentato alla prescritta revisione Verbali 2 336, Mancata comunicazione degli estremi del trasgressore per violazioni con punti non contestata immediatamente Verbali 3 852, Ometteva di regolare la velocita' del veicolo in modo tale da evitare pericolo per la sicurezza delle persone e delle cose Verbali 3 123, Ometteva di conservare il controllo del veicolo e di essere in condizione di sicurezza per l'arresto tempestivo del veicolo Verbali 1 41, Lasciava il veicolo in sosta vietata da segnaletica orizzontale Preavvisi 2 82, Effettuava la fermata del veicolo arrecando intralcio poichè non riprendeva la marcia: anzi si allontanava dal posto. Preavvisi , Lasciava in sosta il veicolo su strada sprovvista di marciapiede senza aver lasciato uno spazio sufficiente per transito dei pedoni Preavvisi 9 369, Lasciava in sosta il veicolo su strada sprovvista di marciapiede senza aver lasciato uno spazio sufficiente per transito dei pedoni Verbali 1 41, Lasciava il veicolo in zona di sosta collocandolo fuori dagli spazi previsti dalla segnaletica Preavvisi , Lasciava il veicolo in zona ove la sosta e' permessa per un tempo limitato senza segnalare in modo ben visibile orario inizio sostapreavvisi , Lasciava il veicolo in sosta in modo diverso da quello prescritto dalla segnaletica. Preavvisi 4 164, lasciava il veicoloin area a sosta limitata/regolamentata, indicando come orario di inizio sosta le ore Preavvisi , lasciava il veicoloin area a sosta limitata/regolamentata, indicando come orario di inizio sosta le ore Verbali 1 41, Lasciava il veicolo in sosta su attraversamento pedonale. Preavvisi 2 168, Lasciava il veicolo in sosta su passaggio pedonale Preavvisi 1 84, Lasciava il veicolo in sosta sul marciapiede Preavvisi 5 420, Lasciava il veicolo in sosta sull' area destinata ai veicoli per lo scarico delle merci Preavvisi 1 41, Lasciava il veicolo in sosta nello spazio riservato alla sosta dei veicoli per persone invalide Preavvisi 9 756, ,00

2 FEBBRAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale. Verbali 1 41,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto imposto con segnaletica verticale Preavvisi 4 164,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo per 1 ora oltre il limite di tempo consentito Preavvisi 3 75,00 7 Circolava in c.a. nonostante che la segnaletica verticale lo vietas -se Verbali 5 205,00 7 lasciava in sosta il veicolo su area riservata. Preavvisi 8 328,00 7 circolava in area pedonale. Preavvisi 1 121,00 43 Alla guida del veicolo indicato proseguiva la marcia nonostante segnalazione manuale di arresto dell'agente preposto al traffico Verbali 1 162,00 79 per aver circolato alla guida di veicolo avente pneumatici con battistrada usurato oltre i limiti consentiti Verbali 1 84,00 80 Circolava con il veicolo indicato non presentato alla prescritta revisione Verbali 1 168, Ometteva di regolare la velocita' del veicolo in modo tale da evitare pericolo per la sicurezza delle persone e delle cose Verbali 3 123, Lasciava il veicolo in sosta vietata da segnaletica orizzontale Preavvisi 2 82, Ometteva di mantenere rispetto al veic. che precedeva distanza di sicurezza tale da garantire arresto tempestivo del veicolo Verbali 1 41, Effettuava la fermata del veicolo arrecando intralcio alla circolazione, poichè non riprendeva prontamente la marcia. Preavvisi 1 41, Effettuava la fermata del veicolo arrecando intralcio poichè non riprendeva la marcia: anzi si allontanava dal posto. Preavvisi , Fermava il veicolo non in asse rispetto al margine dx della carreggiata Preavvisi 1 41, Lasciava in sosta il veicolo su strada sprovvista di marciapiede senza aver lasciato uno spazio sufficiente per transito dei pedoni Preavvisi , Lasciava il veicolo in zona di sosta collocandolo fuori dagli spazi previsti dalla segnaletica Preavvisi 8 328, Lasciava il veicolo in zona ove la sosta e' permessa per un tempo limitato senza segnalare in modo ben visibile orario inizio sosta Preavvisi , Lasciava il veicolo in zona ove la sosta e' permessa per un tempo limitato senza segnalare in modo ben visibile orario inizio sosta Verbali 1 41, Lasciava il veicolo in sosta in modo diverso da quello prescritto dalla segnaletica. Preavvisi 1 41, lasciava il veicoloin area a sosta limitata/regolamentata, indicando come orario di inizio sosta le ore Preavvisi , Lasciava il veicolo in sosta su attraversamento pedonale. Preavvisi 4 336, Lasciava il veicolo in sosta su passaggio pedonale Preavvisi 3 252, Lasciava il veicolo in sosta su passaggio pedonale Verbali 1 84, Lasciava il veicolo in sosta sul marciapiede Preavvisi , Lasciava il veicolo in sosta allo sbocco di passo carrabile Preavvisi 1 41, Lasciava il veicolo in sosta nello spazio riservato alla sosta dei veicoli per persone invalide Preavvisi 6 504, Quale conducente di veicolo di cat. M1 ometteva di fare uso di cinture di sicurezza Verbali 1 80, Circolava con veicolo a motore senza avere con se' la patente di guida valida per la corrispondente categoria del veicolo Verbali 1 41, ,00

3 MARZO 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto imposto con segnaletica verticale Preavvisi 2 82,00 7 Circolava in c.a. nonostante che la segnaletica verticale lo vietas -se Verbali 2 82,00 7 lasciava in sosta il veicolo su area riservata. Preavvisi 3 123,00 15 Occupava le pertinenze della strada creando situazione di pericolo Verbali 1 41, Alla guida di un veicolo in c.a.provenendo da passaggio privato ometteva di arrestarsi e dare precedenza ai veicoli circol.su stradaverbali 1 162, Lasciava il veicolo in sosta vietata da segnaletica orizzontale Preavvisi 2 82, Ometteva di mantenere rispetto al veic. che precedeva distanza di sicurezza tale da garantire arresto tempestivo del veicolo Verbali 1 41, Non manteneva rispetto al veic. che precedeva distanza di sicurezza tale da evitare una collisione con grave danno ai veicoli Verbali 1 84, Ometteva di segnalare con sufficiente anticipo l'intenzione di effettuare manovra di immissione nel flusso circolatorio Verbali 1 41, Effettuava la fermata del veicolo arrecando intralcio alla circolazione, poichè non riprendeva prontamente la marcia. Preavvisi 1 41, Effettuava la fermata del veicolo arrecando intralcio poichè non riprendeva la marcia: anzi si allontanava dal posto. Preavvisi , Lasciava in sosta il veicolo su strada sprovvista di marciapiede senza aver lasciato uno spazio sufficiente per transito dei pedoni Preavvisi 9 369, Lasciava il veicolo in zona di sosta collocandolo fuori dagli spazi previsti dalla segnaletica Preavvisi 8 328, Lasciava il veicolo in zona ove la sosta e' permessa per un tempo limitato senza segnalare in modo ben visibile orario inizio sosta Preavvisi , Lasciava il veicolo in sosta in modo diverso da quello prescritto dalla segnaletica. Preavvisi 5 205, lasciava il veicoloin area a sosta limitata/regolamentata, indicando come orario di inizio sosta le ore Preavvisi , Lasciava il veicolo in sosta su attraversamento pedonale. Preavvisi 4 336, Lasciava il veicolo in sosta su passaggio pedonale Preavvisi 4 336, Lasciava il veicolo in sosta sul marciapiede Preavvisi 8 672, Lasciava il veicolo in sosta allo sbocco di passo carrabile Preavvisi 3 123, Lasciava il veicolo in sosta in posizione tale da impedire di accedere ad altro veicolo regorlamente in sosta Preavvisi 1 41, Lasciava il veicolo in sosta nello spazio riservato alla sosta dei veicoli per persone invalide Preavvisi 2 168, Lasciava il veicolo in sosta in Zona a Traffico limitato (ZTL) Preavvisi 1 41, Lasciava il veicolo in sosta in posizione tale da impedire lo spostamento di veicoli in sosta. Preavvisi 1 41, Quale conducente di veicolo faceva uso durante la marcia di apparecchio radiotelefonico (comma 2-3bis) Verbali 1 160, per avere circolato alla guida di ciclomotore senza avere con sè il certificato di assicurazione obbiligatoria. Verbali 1 25, Senza giustificato motivo non ottemperava all'invito di presentarsi entro termine stabilito ad uffici di polizia per esibire documenti Verbali 1 419, Non ottemperava all'invito di fermarsi rivoltogli nelle forme di legge Verbali 1 84, ,00

4 APRILE 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale. Verbali 1 41,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto imposto con segnaletica verticale Preavvisi 8 328,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto con zona rimozione imposto dalla segnaletica verticale Preavvisi 3 123,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto di sosta permanente imposto con segnaletica verticale Preavvisi 3 123,00 7 Circolava in c.a. nonostante che la segnaletica verticale lo vietas -se Verbali 4 164,00 7 lasciava in sosta il veicolo su area riservata. Preavvisi 1 41,00 20 Occupava la sede stradale di strada di tipo F senza autorizzazione Verbali 1 168,00 80 Circolava con il veicolo indicato non presentato alla prescritta revisione Verbali 3 504, Mancata comunicazione degli estremi del trasgressore per violazioni con punti non contestata immediatamente Verbali 1 284, Ometteva di regolare la velocita' del veicolo in modo tale da evitare pericolo per la sicurezza delle persone e delle cose Verbali 6 246, Superava di non oltre 10 Km/h i limiti massimi di velocita' stabiliti dalla legge Verbali 1 41, Superava di oltre 10 Km/h e di non oltre 40 Km/h i limiti massimi di velocita' stabiliti dalla legge Verbali 3 504, Approssimandosi ad un'intersezione non osservava la massima prudenza al fine di evitare incidenti Verbali 1 162, Lasciava il veicolo in sosta vietata da segnaletica orizzontale Preavvisi 1 41, Effettuava la fermata del veicolo arrecando intralcio poichè non riprendeva la marcia: anzi si allontanava dal posto. Preavvisi , Lasciava in sosta il veicolo su strada sprovvista di marciapiede senza aver lasciato uno spazio sufficiente per transito dei pedoni Preavvisi 3 123, Lasciava il veicolo in zona di sosta collocandolo fuori dagli spazi previsti dalla segnaletica Preavvisi , Lasciava il veicolo in zona ove la sosta e' permessa per un tempo limitato senza segnalare in modo ben visibile orario inizio sosta Preavvisi , Lasciava il veicolo in sosta in modo diverso da quello prescritto dalla segnaletica. Preavvisi 6 246, lasciava il veicoloin area a sosta limitata/regolamentata, indicando come orario di inizio sosta le ore Preavvisi , Lasciava il veicolo in sosta su attraversamento pedonale. Preavvisi , Lasciava il veicolo in sosta su passaggio pedonale Preavvisi , Lasciava il veicolo in sosta sul marciapiede Preavvisi 3 252, Lasciava il veicolo in sosta allo sbocco di passo carrabile Preavvisi 1 41, Lasciava il veicolo in sosta nello spazio riservato alla sosta dei veicoli per persone invalide Preavvisi 8 672, In zona ove il traffico non e' regolato da agenti o semafori ometteva di dare precedenza ai pedoni transitanti su attravers.pedonale Verbali 1 162, ,00

5 MAGGIO 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo su strada/area soggetta a manutenzione o pulizia Preavvisi 2 82,00 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 1 41,00 7 Circolava in c.a. su corsia riservata ad altri veicoli Verbali 1 41,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto imposto con segnaletica verticale Preavvisi ,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto con zona rimozione imposto dalla segnaletica verticale Preavvisi 1 41,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto di sosta permanente imposto con segnaletica verticale Preavvisi 3 123,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo per 1 ora oltre il limite di tempo consentito Preavvisi 1 25,00 7 Circolava in c.a. nonostante che la segnaletica verticale lo vietas -se Verbali 3 123,00 7 lasciava in sosta il veicolo su area riservata. Preavvisi 4 164,00 7 Circolava abusivamente nella corsia dei mezzi pubblici Verbali 2 160,00 21 Eseguiva opere sulla strada senza la preventiva autorizzazione della competente autorita' Verbali 1 841,00 22 Apriva nuovo accesso dalla strada a proprieta' laterale senza l'autorizzazione dell'ente proprietario della strada Verbali 3 504,00 40 Alla guida del veicolo indicato oltrepassava la striscia longitudinale continua (rif.art.146) Verbali 2 82,00 43 Alla guida del veicolo indicato proseguiva la marcia nonostante segnalazione manuale di arresto dell'agente preposto al traffico Verbali 1 162, Mancata comunicazione degli estremi del trasgressore per violazioni con punti non contestata immediatamente Verbali 1 284, Superava di non oltre 10 Km/h i limiti massimi di velocita' stabiliti dalla legge Verbali , Approssimandosi ad un'intersezione non osservava la massima prudenza al fine di evitare incidenti Verbali 1 162, Quale conducente di veicolo proseguiva la marcia sebbene la segnalazione del semaforo lo vietasse Verbali 1 162, Effettuava il sorpasso di altro veicolo senza che la strada fosse libera per uno spazio tale da consentire la manovra Verbali 1 80, Effettuava la fermata del veicolo arrecando intralcio alla circolazione, poichè non riprendeva prontamente la marcia. Preavvisi 1 41, Effettuava la fermata del veicolo arrecando intralcio poichè non riprendeva la marcia: anzi si allontanava dal posto. Preavvisi 9 369, Lasciava in sosta il veicolo su strada sprovvista di marciapiede senza aver lasciato uno spazio sufficiente per transito dei pedoni Preavvisi 3 123, Lasciava il veicolo in zona di sosta collocandolo fuori dagli spazi previsti dalla segnaletica Preavvisi , Lasciava il veicolo in zona di sosta collocandolo fuori dagli spazi previsti dalla segnaletica Verbali 1 41, Lasciava il veicolo in zona ove la sosta e' permessa per un tempo limitato senza segnalare in modo ben visibile orario inizio sosta Preavvisi , Apriva improvvisamente la porta del veicolo senza assicurarsi che cio' non costituisse pericolo per gli altri utenti Verbali 1 41, Lasciava il veicolo in sosta in modo diverso da quello prescritto dalla segnaletica. Preavvisi 2 82, lasciava il veicoloin area a sosta limitata/regolamentata, indicando come orario di inizio sosta le ore Preavvisi , Lasciava il veicolo in sosta su attraversamento pedonale. Preavvisi 5 420, Lasciava il veicolo in sosta sulla corrispondenza dell' area di intersezione Verbali 2 168, Lasciava il veicolo in sosta su passaggio pedonale Preavvisi , Lasciava il veicolo in sosta sul marciapiede Preavvisi 8 672, Lasciava il veicolo in sosta allo sbocco di passo carrabile Preavvisi 2 82,00

6 158 Lasciava il veicolo in sosta in posizione tale da impedire di accedere ad altro veicolo regorlamente in sosta Preavvisi 2 82, Lasciava il veicolo in sosta nello spazio riservato alla sosta dei veicoli per persone invalide Preavvisi 3 252, Lasciava il veicolo in sosta in Zona a Traffico limitato (ZTL) Preavvisi 1 41, Lasciava il veicolo in sosta in posizione tale da impedire lo spostamento di veicoli in sosta. Preavvisi 1 41, Circolava con veicolo a motore senza avere con se' la patente di guida valida per la corrispondente categoria del veicolo Verbali 1 41, In zona ove il traffico non e' regolato da agenti o semafori ometteva di dare precedenza ai pedoni transitanti su attravers.pedonaleverbali 3 486, ,00

7 GIUGNO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 1 41,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto con zona rimozione imposto dalla segnaletica verticale Preavvisi 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo per 1 ora oltre il limite di tempo consentito Preavvisi 3 75,00 7 Circolava in c.a. nonostante che la segnaletica verticale lo vietas -se Verbali 3 123,00 7 lasciava in sosta il veicolo su area riservata. Preavvisi 2 82,00 80 Circolava con il veicolo indicato non presentato alla prescritta revisione Verbali , Mancata comunicazione degli estremi del trasgressore per violazioni con punti non contestata immediatamente Verbali , Ometteva di regolare la velocita' del veicolo in modo tale da evitare pericolo per la sicurezza delle persone e delle cose Verbali 4 164, Superava di non oltre 10 Km/h i limiti massimi di velocita' stabiliti dalla legge Verbali , Superava di oltre 10 Km/h e di non oltre 40 Km/h i limiti massimi di velocita' stabiliti dalla legge Verbali 4 672, Quale conducente di veicolo proseguiva la marcia sebbene la segnalazione del semaforo lo vietasse Verbali 2 324, Effettuava la fermata del veicolo arrecando intralcio poichè non riprendeva la marcia: anzi si allontanava dal posto. Preavvisi 6 246, Lasciava il veicolo in zona di sosta collocandolo fuori dagli spazi previsti dalla segnaletica Preavvisi 6 246, Lasciava il veicolo in zona ove la sosta e' permessa per un tempo limitato senza segnalare in modo ben visibile orario inizio sosta Preavvisi , Lasciava il veicolo in sosta in modo diverso da quello prescritto dalla segnaletica. Preavvisi 3 123, lasciava il veicoloin area a sosta limitata/regolamentata, indicando come orario di inizio sosta le ore Preavvisi , Lasciava il veicolo in sosta su attraversamento pedonale. Preavvisi 4 336, Lasciava il veicolo in sosta sulla corrispondenza dell' area di intersezione Preavvisi 2 168, Lasciava il veicolo in sosta su passaggio pedonale Preavvisi 8 672, Lasciava il veicolo in sosta su passaggio pedonale Verbali 1 84, Lasciava il veicolo in sosta sul marciapiede Preavvisi 5 420, Lasciava il veicolo in sosta allo sbocco di passo carrabile Preavvisi 3 123, Lasciava il veicolo in sosta nello spazio riservato alla sosta dei veicoli per persone invalide Preavvisi 6 504, Lasciava il veicolo in sosta in Zona a Traffico limitato (ZTL) Preavvisi 1 41, Quale conducente di veicolo di cat. M1 ometteva di fare uso di cinture di sicurezza Verbali 1 80, Quale conducente di veicolo di cat. N1 ometteva di fare uso delle cinture di sicurezza di cui il veicolo era munito Verbali 1 80, Quale conducente di veicolo faceva uso durante la marcia di apparecchio radiotelefonico (comma 2-3bis) Verbali 2 320, Circolava con veicolo a motore senza avere con se' il certificato di assicurazione obbligatoria Verbali 1 41, In zona ove il traffico non e' regolato da agenti o semafori ometteva di dare precedenza ai pedoni transitanti su attravers.pedonale Verbali 4 648, ,00

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA')

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') DEFINIZIONI (ai soli fini dell'applicazione degli schemi di ripartizione) CARREGGIATA parte della strada normalmente destinata

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Convenzione sulla circolazione stradale

Convenzione sulla circolazione stradale Convenzione sulla circolazione stradale Conclusa a Vienna l 8 novembre 1968 Le Parti contraenti, nell intento di facilitare la circolazione stradale internazionale e di accrescere la sicurezza nelle strade

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 10 luglio 2002 (Pubblicato sulla GU n. 226 del 26-9-2002- Suppl. Straordinario) Disciplinare tecnico relativo agli schemi segnaletici, differenziati

Dettagli

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime.

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime. 1 2 3 Preso atto, inoltre, che la I Commissione consiliare permanente - Affari Generali e Istituzionali con verbale del 29 settembre 2011, qui allegato, ha espresso parere favorevole, sulla proposta in

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica del 15 giugno 1959, n. 393

Decreto del Presidente della Repubblica del 15 giugno 1959, n. 393 Decreto del Presidente della Repubblica del 15 giugno 1959, n. 393 Gazzetta Ufficiale del 23 giugno 1959, n. 147 Testo unico delle norme sulla circolazione stradale. Abrogato dall'art. 231, D.Lgs. 30.04.1992,

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI SISTEMI DI REGOLAZIONE DEL TRAFFICO LINEE GUIDA Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione,

Dettagli

Gazzetta Ufficiale n. 301 del 28 dicembre 2000 MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI

Gazzetta Ufficiale n. 301 del 28 dicembre 2000 MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI Gazzetta Ufficiale n. 301 del 28 dicembre 2000 MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI DIRETTIVA 24 ottobre 2000 - Direttiva sulla corretta ed uniforme applicazione delle norme del codice della strada in materia

Dettagli

Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada

Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada (Decreto Presidente della Repubblica 16 Dicembre 1992 nr.495 aggiornato al D.P.R. 6 marzo 2006, n.153) TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note:

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COLLOCAZIONE DI INSEGNE DI ESERCIZIO, CARTELLI, ALTRI MEZZI PUBBLICITARI, SEGNALI TURISTICI E DI TERRITORIO E SEGNALI CHE FORNISCONO INDICAZIONE DI SERVIZI UTILI Approvato:

Dettagli

Manuale operativo per la gestione e la manutenzione delle strade ai fini della tutela della sicurezza dei lavoratori

Manuale operativo per la gestione e la manutenzione delle strade ai fini della tutela della sicurezza dei lavoratori Manuale operativo per la gestione e la manutenzione delle strade ai fini della tutela della sicurezza dei lavoratori PRESENTAZIONE La presente pubblicazione si inserisce nell'ambito delle iniziative

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Impatti. Volu mi. Veloci tà

Impatti. Volu mi. Veloci tà I risultati conseguiti dagli interventi di moderazione del traffico Nella determinazione dei dati sull incidenza sulla velocità vanno tenuti presenti il luogo e il tempo del rilevamento: i conducenti rallentano

Dettagli

ORDINANZA N. 324 / 2008 DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE

ORDINANZA N. 324 / 2008 DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE ORDINANZA N. 324 / 2008 Oggetto : DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE Visto l atto deliberativo del Consiglio Comunale n

Dettagli

A piedi, in sella o al volante quant è pericoloso il traffico in città?

A piedi, in sella o al volante quant è pericoloso il traffico in città? A piedi, in sella o al volante quant è pericoloso il traffico in città? Giornata dedicata ai media e agli ospiti Giovedì, 1 luglio 2010 Pista dei crash test a Wildhaus 1 Contenuto Benvenuto 4 Programma

Dettagli

T.Esposito R.Mauro M.Corradini LE INTERSEZIONI STRADALI E LE NUOVE NORME FUNZIONALI E GEOMETRICHE PER LA COSTRUZIONE DELLE INTERSEZIONI

T.Esposito R.Mauro M.Corradini LE INTERSEZIONI STRADALI E LE NUOVE NORME FUNZIONALI E GEOMETRICHE PER LA COSTRUZIONE DELLE INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI STRADALI E LE NUOVE NORME FUNZIONALI E GEOMETRICHE PER LA COSTRUZIONE DELLE INTERSEZIONI Luglio 2007 La presente monografia costituisce l aggiornamento del Cap.11 del testo T.Esposito,

Dettagli

Ministero dei lavori pubblici

Ministero dei lavori pubblici Ministero dei lavori pubblici ISPETTORATO GENERALE PER LA CIRCOLAZIONE E LA SICUREZZA STRADALE Prot. n. 3698 Alle Amministrazioni Comunali Loro Sedi Oggetto: Linee guida per la redazione dei piani urbani

Dettagli

A 03 - Viaggiando con pneumatici dello stesso asse gonfiati a pressioni diverse:

A 03 - Viaggiando con pneumatici dello stesso asse gonfiati a pressioni diverse: ELENCO DI QUIZ RELATIVI ALLA PROVA SCRITTA DELL'ESAME DI CUI ALL'ART. 6 COMMA 3 DELLA LEGGE 15/1/1992 N 21 ELABORATI SULLA BASE DEL PROGRAMMA DI CUI ALL'ART. 19 DELLA LEGGE REGIONALE N 58 DEL 26/10/1993.

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali Convegno PREVENZIONE E SALUTE UN BINOMIO INSCINDIBILE SANIT Roma, 25 giugno 2009 Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali I Ciaramella SISP - ASL RM B In collaborazione con D D

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 03 del 19 gennaio 2005

Dettagli

INCROCI CON ROTATORIA

INCROCI CON ROTATORIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / INCROCI E ATTRAVERSAMENTI INCROCI CON ROTATORIA Visione d insieme Le rotatorie semplici a una sola corsia costituiscono il tipo di incrocio più sicuro

Dettagli

MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI

MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI DIRETTIVA SULLA CORRETTA ED UNIFORME APPLICAZIONE DELLE NORME DEL CODICE DELLA STRADA IN MATERIA DI SEGNALETICA E CRITERI PER L INSTALLAZIONE E LA MANUTENZIONE (G.U. n. 301

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

e zone sotto la lente

e zone sotto la lente e zone sotto la lente Condizioni Funzioni Effetti Premessa Già oggetto di una gran polemica, chiusa nel 2001 dal rifiuto massiccio del popolo d introdurre nelle località il limite generalizzato di 30 km/h,

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali

PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI D OPERA NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA LE DISPOSIZIONI DI LEGGE NAZIONALI

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

POLITICA AZIENDALE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO... 4 PREMESSA... 6

POLITICA AZIENDALE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO... 4 PREMESSA... 6 LINEE GUIDA PER LA SICUREZZA DELL OPERATORE SU STRADA INDICE POLITICA AZIENDALE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO... 4 PREMESSA... 6 1. NORME DI COMPORTAMENTO GENERALI PER L ESECUZIONE DELLE MANOVRE

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

Sicurezza nei quartieri

Sicurezza nei quartieri Sicurezza nei quartieri Orientamento sulle sistemazioni e sui dispositivi stradali Membri del TCS gratuito (1 copia) Non membri CHF 10. touring club suisse schweiz svizzero Prefazione La prevenzione degli

Dettagli

SCHEMI OPERATIVI. Indice: COPIA AGGIORNATA 07.04.2013. Redatti dal Commissario Aggiunto Gianni Sansonne

SCHEMI OPERATIVI. Indice: COPIA AGGIORNATA 07.04.2013. Redatti dal Commissario Aggiunto Gianni Sansonne SCHEMI OPERATIVI COPIA AGGIORNATA 07.04.2013 Redatti dal Commissario Aggiunto Gianni Sansonne Indice:. Pagina 2: Equiparazione delle patenti rilasciate fino al 18.01.13 alle nuove categorie previste dal19.01.13;.

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

La contravvenzione. Nei casi in cui l'importo della contravvenzione va da un minimo a un

La contravvenzione. Nei casi in cui l'importo della contravvenzione va da un minimo a un La contravvenzione Nei casi in cui l'importo della contravvenzione va da un minimo a un massimo, in base a quale criterio viene fissata la somma da pagare? Si tiene conto della gravità della violazione,

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio

Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio AIPCR - Comitato Tecnico Nazionale C. Infrastrutture Stradali più Sicure 008-0 WORKSHOP La DIRETTIVA 008/96/CE Roma, 9 luglio 009 Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio Davide

Dettagli

Liquidazione dei danni causati ai veicoli privati utilizzati nell ambito dell esercizio del mandato parlamentare

Liquidazione dei danni causati ai veicoli privati utilizzati nell ambito dell esercizio del mandato parlamentare Liquidazione dei danni causati ai veicoli privati utilizzati nell ambito dell esercizio del mandato parlamentare 1. In generale Conformemente all articolo 4 capoverso 2 dell ordinanza dell Assemblea federale

Dettagli

Regolamento di Polizia Urbana

Regolamento di Polizia Urbana CITTA DI SACILE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Regolamento di Polizia Urbana I TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Finalità Oggetto e applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA SEGNALETICO INFORMATIVO E PUBBLICITARIO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA SEGNALETICO INFORMATIVO E PUBBLICITARIO COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA SEGNALETICO INFORMATIVO E PUBBLICITARIO Allegato A alla delibera del C.C. n. 5 del 08.02.2011 1 INDICE CAPO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI MERATE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI MERATE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI MERATE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 29.01.2013 SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE INDICE NORME GENERALI...

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Comune di Lavis PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Approvato con deliberazione consiliare n. 57 di data 11/08/2011 1 ARTICOLO 1 OGGETTO

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 22.4.2002 n. 74/15407 P.G. Modificato con deliberazione del Consiglio comunale in data 23.5.2005

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

PER UNA CITTA' CICLABILE: LE COSE DA NON FARE

PER UNA CITTA' CICLABILE: LE COSE DA NON FARE PER UNA CITTA' CICLABILE: LE COSE DA NON FARE La prima e più importante questione che le azioni per la difesa e diffusione della mobilità ciclistica urbana devono saper affrontare è quella della costruzione

Dettagli

Aggiornato con D.P.R. 16 settembre 1996, n. 610 (G.U. 4 dicembre 1996, n. 284, s.o. n. 212) e successive integrazioni e modifiche.

Aggiornato con D.P.R. 16 settembre 1996, n. 610 (G.U. 4 dicembre 1996, n. 284, s.o. n. 212) e successive integrazioni e modifiche. Decreto del Presidente della Repubblica 16 Dicembre 1992, N. 495 Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada (G.U. 28 dicembre 1992, n. 303, s.o. n. 134) Aggiornato con D.P.R.

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

San Sebastiano. Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema. Polizia Municipale. di RAGUSA 23/10/09

San Sebastiano. Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema. Polizia Municipale. di RAGUSA 23/10/09 San Sebastiano Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Polizia Municipale // di RAGUSA Il Sindaco di Ragusa Nello Dipasquale L occasione della Festa di S. Sebastiano, Patrono dei

Dettagli

copertura all applicazione amministrative,

copertura all applicazione amministrative, La trattazione di questo articolo, divenuto in questi ultimi tempi di crescente attualità, in quanto è in costante aumento il numeroo dei veicoli in circolazione sprovvisti della copertura assicurativa,

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 305 del 29.11.2006 modificato con deliberazioni del C. C. n. 183 del 03.08.2007, n. 270

Dettagli

MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI

MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei piani urbani del traffico. (Art. 36 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285. Nuovo codice della strada). 1 2

Dettagli

Unione di Comuni della Romagna forlivese. Corpo Unico di Polizia Municipale. Unità Operativa Giro d'italia 2015. Martedì 19/05/2015

Unione di Comuni della Romagna forlivese. Corpo Unico di Polizia Municipale. Unità Operativa Giro d'italia 2015. Martedì 19/05/2015 Martedì 9/05/05 (semaforica) Libertà/ Oriani/Marconi Presidi fissi di viabilità: 07.5-.45 07.5-0.45.5-fine Via Oriani 07.5-.45 07.5-.45 Informazioni+viabilità (rimozioni dalle ore 08.00) Via Oriani (parcheggi

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

1 PREMESSA pag. 1 2 CARATTERISTICHE DELL OPERA 2.1 ANAGRAFICA DELL OPERA 2 2.5 DESCRIZIONE DEL CONTESTO DELL AREA DI CANTIERE 6

1 PREMESSA pag. 1 2 CARATTERISTICHE DELL OPERA 2.1 ANAGRAFICA DELL OPERA 2 2.5 DESCRIZIONE DEL CONTESTO DELL AREA DI CANTIERE 6 INDICE 1 PREMESSA pag. 1 2 CARATTERISTICHE DELL OPERA 2.1 ANAGRAFICA DELL OPERA 2 2.2 SOGGETTI COINVOLTI 3 2.3 DATI IMPRESA 4 2.4 DATI SUB-APPALTATORI 5 2.5 DESCRIZIONE DEL CONTESTO DELL AREA DI CANTIERE

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

O R D I N A N Z A TEMPORANEA N. /11

O R D I N A N Z A TEMPORANEA N. /11 Città Patrimonio dell'umanità Dipartimento del Territorio Settore Opere Pubbliche e Mobilità Servizio Infrastrutture Mobilità e Traffico Segreteria e Affari Generali P.G. Sigla RB O R D I N A N Z A TEMPORANEA

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE - SERVIZIO NUCLEI SPECIALI PRONTUARIO AL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE. Riferimento normativo

CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE - SERVIZIO NUCLEI SPECIALI PRONTUARIO AL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE. Riferimento normativo Piazza del Comune n. 2-59100 Prato Telefono (+39) 0574 18361 - www.comune.prato.it Codice Fiscale 84006890481 Partita IVA 00337360978 CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE - SERVIZIO NUCLEI SPECIALI PRONTUARIO AL

Dettagli

Piccoli attuatori elettrici angolari 2SG5

Piccoli attuatori elettrici angolari 2SG5 Piccoli attuatori elettrici angolari 2SG5 Istruzioni per l uso supplementari SIPOS 5 Edizione 05.13 Tutti i diritti riservati! Indice Istruzioni per l uso supplementari SIPOS 5 Indice Indice 1 Informazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI AREA PATRIMONIO AMBIENTE UFFICIO TUTELA DEL PAESAGGIO E SUPPORTO AMMINISTRATIVO ALL AREA SETTORE PATRIMONIO E MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con deliberazione

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 10 gennaio 2013, n. 20. Regolamento recante norme in materia di approvazione nazionale di sistemi ruota, nonché procedure

Dettagli

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974 Ordinanza concernente il trasporto e la sepoltura di cadaveri presentanti pericolo di contagio come anche il trasporto di cadaveri in provenienza dall estero e a destinazione di quest ultimo 818.61 del

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 138 DEL 09-11-1994 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI TESTO IN VIGORE DAL 01/01/2013

DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 138 DEL 09-11-1994 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI TESTO IN VIGORE DAL 01/01/2013 COMUNE di ROVIGO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI PUBBLICITARI ED ALTRI IMPIANTI SIMILI E PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI http://www.comune.rovigo.it

Dettagli

Proprietario Sì! ma solo sulla carta! Divieto di intestazione fittizia dei veicoli, art. 94-bis C.d.S.

Proprietario Sì! ma solo sulla carta! Divieto di intestazione fittizia dei veicoli, art. 94-bis C.d.S. codice della strada di Raffaele Chianca* e Gianluca Fazzolari** Proprietario Sì! ma solo sulla carta! Divieto di intestazione fittizia dei veicoli, art. 94bis C.d.S. Nel non troppo lontano 2009 il nostro

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE CITTÀ DI PALERMO AREA SERVIZI ALLE IMPRESE SETTORE ATTIVITÀ PRODUTTIVE - SPORTELLO UNICO REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE 1 SOMMARIO Parte I. le forme del commercio su aree pubbliche e relative

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL CANONE DI OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL CANONE DI OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE REGOLAMENTO COMUNALE DEL CANONE DI OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE - Approvato con deliberazione consiliare n. 111 del 22.12.1999 - Modificato con deliberazioni consiliari: n. 12 del 31.01.2007 n.

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE. TITOLO I: Norme generali e mercati Articolo 1 Ambito di applicazione Articolo 2 Definizioni Articolo 3 Finalità

Dettagli

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM Ubicazione dell edificio sede del COM: Comune di : RIMINI Località : Padulli Indirizzo : Via Marecchiese n.193/195 Dati Generali Stralcio C.T.R.: 256113 Coordinate (lat. long.):

Dettagli

Accendi le luci. Ora anche di giorno.

Accendi le luci. Ora anche di giorno. Accendi le luci. Ora anche di giorno. Più luce, maggiore sicurezza. I veicoli che circolano con le luci anabbaglianti o di marcia diurna accese vengono riconosciuti prima, riducendo così notevolmente il

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Cambio di marcia completamente automatizzato tutt'altro che un lusso per un autobus di lusso

Cambio di marcia completamente automatizzato tutt'altro che un lusso per un autobus di lusso PRESS info P09X02IT / Per-Erik Nordström 15 ottobre 2009 Cambio di marcia completamente automatizzato tutt'altro che un lusso per un autobus di lusso Il nuovo Scania Opticruise per autobus completamente

Dettagli

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti 10 domande per gli operatori a terra OSDE 1. Sono sempre visibile agli altri? Indosso sempre un indumento ad alta visibilità, anche quando fa

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli