DVR SEZIONE 4 Aggiornato al: Pag. 1 di 32

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DVR SEZIONE 4 Aggiornato al: 24.04.2013 Pag. 1 di 32"

Transcript

1 Pag. 1 di ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI Nell ambito della struttura scolastica operano, oltre alle varie mansioni già individuate nella Sezione 2 del presente documento, ulteriori figure specifiche con le mansioni di seguito riportate e la valutazione dei rischi specifica relativa anche all ambiente di lavoro dove queste operano: AREA MANSIONE CODICE MANSIONE AUSILIARIA ADDETTI PICCOLA MANUTENZIONE MA NOTE ADDETTI PICCOLA MANTENZIONE MANSIONI: interventi di manutenzione di vario tipo ATTREZZATURA UTILIZZATA: Attrezzi manuali Trapani, avvitatori Scala portatile MA DESCRIZIONE P D R MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE - DPI RES. Inciampi, cadute, urti, tagli, punture, Formazione e informazione degli addetti in particolare abrasioni, bruciature sull'uso delle attrezzature Attrezzature Conformità e manutenzione delle attrezzature utilizzate DDL Elettrocuzione Addestramento sul corretto utilizzo delle attrezzature eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

2 Pag. 2 di STRESS LAVORO CORRELATO ESITO SPECIFICO DELLA VALUTAZIONE E INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI I risultati ottenuti utilizzando le modalità di valutazione esposte nella Sezione 3 del presente documento, sono: Valutazione del Griglia C.List A C.List B C.List C1 C.List C2 C.List C3 C.List C4 TOTALE MAGGIO BASSO Il risultato finale della rilevazione indica un livello di stress basso: è sufficiente ripetere l indagine dopo 2 aa.ss. La specifica rilevazione indica inoltre un livello di stress basso per le tre tipologie di attività lavorativa considerate ovvero docenti, collaboratori scolastici e personale amministrativo. eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

3 Pag. 3 di UNITA OPERATIVA 1 Scuola primaria e secondaria di 1 grado Franco Marro - SEDE ENTE PROPRIETARIO: Comune di Villar Perosa DESCRIZIONE DELL UNITA OPERATIVA DESTINAZIONE D USO: Istituto di istruzione di I e II grado Scuola primaria e secondaria di I grado CLASSIFICAZIONE DI ANTINCENDIO (D.M ): TIPO 3 (da 501 a 1000 persone) VALUTAZIONE DEL INCENDIO (D.M All. IX): Rischio d Incendio MEDIO ANNO DI COSTRUZIONE: precedente al 1975 DOCUMENTAZIONE: Certificato collaudo statico del 1966 e 1973 Certificato Prevenzione Incendi o SCIA Certificato agibilità del 1993 Autorizzazione igienico-sanitaria del 1992 Dichiarazione conformità impianti elettrici (L. 37/08 o L. 46/90) del 2006 Copia denuncia/verifica impianto di messa a terra Certificazione in merito all assenza di amianto del 2001 Verifica sismica negativa del 2005 PRESENTE NON PRESENTE DA RINNOVARE eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

4 Pag. 4 di 32 PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Il piano di emergenza e evacuazione viene redatto dalla scuola, aggiornato e verificato con puntualità. Accanto alle tavole sono sistemate le indicazioni sulle norme di comportamento da seguire in caso di emergenza e l indicazione dei nominativi degli addetti per la classe interessata. Ogni anno viene verificato e aggiornato l organigramma degli addetti oltre all organizzazione interna delle singole classi (aprifila, chiudifila etc.). SPAZI COLLETTIVI AD USO LAVORATIVO - DIMENSIONE E COMFORT Aule Uffici altezza: altezza: ubicazione: ubicazione: salubrità e ricambio d aria: corretto salubrità e ricambio d aria: corretto arredi: sufficienti illuminazione: sufficiente illuminazione: sufficiente abbagliamento: controllato abbagliamento: controllato pavimentazione: pavimentazione: superficie minima per lavoratore: rispettata superficie minima per alunno: volume minimo per lavoratore: rispettato VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DELL UNITA OPERATIVA Integrazione dell impianto elettrico esistente laddove necessario per collegare alla rete elettrica in maniera adeguata gli apparecchi presenti senza l uso di prolunghe, ciabatte e spine multiple: Si vedano per esempio le aule con LIM o computer. Elettrocuzione EP Eliminare il blocco forno e piano cottura privo di marchio CE posizionato nell auletta scienze del piano seminterrato, verificare l opportunità di utilizzo di piastre elettriche e controllare che un eventuale nuovo apparecchio risponda alle vigenti norme di sicurezza e sia posizionato sotto la cappa aspirante esistente. Spostare la fotocopiatrice dall attuale posizione (nel locale archivio della scuola elementare) in posizione idonea Elettrocuzione DDL Verifica ed integrazione della segnaletica antincendio spesso deteriorata o apparentemente provvisoria Individuare opportuno sistema per la copertura a riparo da intemperie dei pianerottoli esterni antistanti le uscite di sicurezza. Installare idonei mancorrenti lungo le scale nel cortile interno Compartimentare il locale deposito n 78 al piano primo o individuare luogo idoneo ad uso deposito Dotare di idoneo sistema di aerazione il locale archivio del piano primo eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

5 Pag. 5 di 32 La biblioteca non è compartimentata Incendio, adeguamento alle norme Barriere architettoniche Manutenzione, messa a norma EP Eliminare le piante ed ogni altro oggetto dai davanzali che impediscono l apertura totale delle finestre. All interno del deposito n 78 occorre ridurre il carico d incendio Esposizione delle tavole del piano di evacuazione nelle parti comuni e nelle aule laddove mancanti Evitare l eccessivo deposito cartaceo negli spogliatoi antiaula Incendio, adeguamento alle norme Barriere architettoniche Manutenzione, messa a norma DDL Individuare o attrezzare spazi adeguati che consentano il trasferimento dell aula di lezione oggi collocata a piano seminterrato. Rifacimento dei blocchi wc obsoleti ai vari piani, con pavimentazioni discontinue, rivestimenti in fase di distacco, in particolare al piano seminterrato che risultano spesso anche maleodoranti Ripristino della porta assente in uno dei blocchi wc al piano seminterrato Ripristino della funzionalità delle veneziane rotte, si veda per esempio nell aula scienze che affaccia sul cortile interno. Ripristino della funzionalità delle tapparelle rotte e del movimento delle loro guide di scorrimento laddove necessario Sostituzione dei sanitari della scuola dell infanzia con elementi per adulti nel blocco wc adiacente all aula 5 A Rimozione (e ripristino) della coibentazione sfrangiata e pendente dei tubi orizzontali di scarico lungo il soffitto degli spogliatoi e corridoio al piano seminterrato Valutare lo spostamento del server in locale diverso dalla Vicepresidenza in quanto limita il confort del locale medesimo Comfort insufficiente Manutenzione EP Verificare che i vetri presenti ad altezza inferiore al metro siano rispondenti alla normativa vigente e in caso negativo sostituirli: si veda per esempio all interno di alcune aule. Individuare opportuno sistema di protezione dei radiatori e dei tubi di distribuzione dell impianto termico in particolare nelle parti comuni Ripristino dove mancante e messa in sicurezza del rivestimento ceramico in fase di distacco nell auletta scienze al piano seminterrato Fissare a muro tutti gli arredi e le scaffalature scalabili e a rischio di ribaltamento (si vedano per esempio gli armadietti nella sala professori o gli armadietti al piano primo nel corridoio dell uscita di sicurezza L). eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

6 Pag. 6 di 32 La rampa mobile in legno posta all uscita di sicurezza che affaccia sul vicolo di collegamento al cortile interno rappresenta una possibile fonte di inciampi: la sua lunghezza è pari a solo la metà della larghezza dell uscita di sicurezza intera Rimozione delle due scale a pioli in legno di proprietà comunale depositate sul pianerottolo esterno del piano primo accanto alla scala di emergenza metallica Sostituzione degli attuali sportellini di protezione delle manichette antincendio con protezioni safe crash a norma. Individuare la causa di condensa che si crea tra la struttura del tetto e la controsoffittatura che sgocciolando sul pavimento lo rende scivoloso Verifica della stabilità dei grandi attrezzi presenti nella palestra o in alternativa rimozione Manutenzione delle porte interne: alcune hanno il foglio di finitura rotto (si veda per esempio la porta della segreteria e quella dell e mensa). Regolarizzare la pavimentazione discontinua del cortile interno Manutenzione/sostituzione delle strutture canestro nel cortile interno Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, bruciature Manutenzione EP Spostare il portaombrelli mobile posto al di fuori dell ingresso principale tra le porte con maniglioni antipanico e la porta dell ascensore in modo tale da non essere d intralcio sulla via di fuga e consentire la completa apertura delle porte Eliminare il materiale in eccesso sulla mensola dello spogliatoio n 82 antiaula 5 A e limitare il carico Rimozione del materiale depositato (arredi, scatole in cartone,..) nei corridoi degli spogliatoi della palestra Divieto di utilizzo dei grandi attrezzi della palestra in attesa della verifica da parte dell Ente proprietario Eliminare il listello in legno (con chiodi affioranti per appendere comunicazioni cartacee o altro) ad altezza pericolosa per i bambini, posta nell ingresso principale Manutenzione degli armadietti/scarpiere posizionati nel deposito libri e deposito artistica che hanno cerniere rotte e mal funzionanti e parti sbrecciate e spigolose Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, bruciature Manutenzione DDL Verifica e controllo periodico delle crepe verticali nei pressi dell uscita di sicurezza L presumibilmente in corrispondenza di un giunto di costruzione Cedimento strutturale Chiusura permanente dei depositi di materiale per le pulizie Manutenzione, verifica strutturale EP Intossicazione Procedure interne DDL eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

7 DVR SEZIONE Pag. 7 di 32 Condurre opportuni accertamenti o fornire indicazioni scritte in merito alla presenza / assenza di amianto nella struttura Amianto EP Installare opportuno sistema di allarme e/o controllo all uscita di sicurezza L del piano primo e a quella corrispondente al piano inferiore per impedire l uscita incontrollata su un area non scolastica Accesso / uscita scarsamente controllati Procedure di controllo e di intervento attuate dai collaboratori scolatici EP PRIORITA INDIVIDUATE Integrazione dell impianto elettrico esistente laddove necessario per collegare alla rete elettrica in maniera adeguata gli apparecchi presenti senza l uso di prolunghe, ciabatte e spine multiple: Si vedano per esempio le aule con LIM o computer. Verifica ed integrazione della segnaletica antincendio spesso deteriorata o apparentemente provvisoria Esposizione delle tavole del piano di evacuazione nelle parti comuni e nelle aule laddove mancanti Individuare o attrezzare spazi adeguati che consentano il trasferimento dell aula di lezione oggi collocata a piano seminterrato. Verificare che i vetri presenti ad altezza inferiore al metro siano rispondenti alla normativa vigente e in caso negativo sostituirli: si veda per esempio all interno di alcune aule. Verifica della stabilità dei grandi attrezzi presenti nella palestra o in alternativa rimozione Condurre opportuni accertamenti o fornire indicazioni scritte in merito alla presenza / assenza di amianto nella struttura Installare opportuno sistema di allarme e/o controllo all uscita di sicurezza L del piano primo e a quella corrispondente al piano inferiore per impedire l uscita incontrollata su un area non scolastica eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

8 Pag. 8 di UNITA OPERATIVA 2 Scuola dell infanzia Edoardo Agnelli - SUCCURSALE ENTE PROPRIETARIO: Comune di Villar Perosa DESCRIZIONE DELL UNITA OPERATIVA DESTINAZIONE D USO: Istituto di istruzione di I grado Scuola dell infanzia CLASSIFICAZIONE DI ANTINCENDIO (D.M ): TIPO 1 (da 101 a 300 persone) VALUTAZIONE DEL INCENDIO (D.M All. IX): Rischio d Incendio MEDIO ANNO DI COSTRUZIONE: 2003 DOCUMENTAZIONE: Certificato collaudo statico del 2003 Certificato Prevenzione Incendi o SCIA Certificato agibilità del 2003 Autorizzazione igienico-sanitaria Dichiarazione conformità impianti elettrici (L. 37/08 o L. 46/90) del 2003 Copia denuncia/verifica impianto di messa a terra Certificazione in merito alla presenza/assenza di amianto Verifica sismica del 2003 PRESENTE NON PRESENTE DA RINNOVARE eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

9 Pag. 9 di 32 PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Il piano di emergenza e evacuazione viene redatto dalla scuola, aggiornato e verificato con puntualità. Accanto alle tavole sono sistemate le indicazioni sulle norme di comportamento da seguire in caso di emergenza e l indicazione dei nominativi degli addetti per la classe interessata. Ogni anno viene verificato e aggiornato l organigramma degli addetti oltre all organizzazione interna delle singole classi (aprifila, chiudifila etc.). SPAZI COLLETTIVI AD USO LAVORATIVO - DIMENSIONE E COMFORT Aule altezza: ubicazione: salubrità e ricambio d aria: arredi: illuminazione: abbagliamento: pavimentazione: superficie minima per alunno: corretto sufficienti sufficiente controllato VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DELL UNITA OPERATIVA Integrazione dell impianto elettrico esistente per collegare alla rete elettrica in maniera adeguata gli apparecchi presenti senza l uso di prolunghe, ciabatte e spine multiple: Si veda per esempio l area computer nell atrio. Verifica dell impianto elettrico del dormitorio dove saltuariamente le ventole di aerazione si attivano autonomamente anche senza programmazione. Elettrocuzione EP Verificare il corretto funzionamento del sistema di aerazione: nel caso in cui quest ultimo fosse disattivato non sarebbero rispettate le norme igienico sanitarie dei servizi igienici e di tutti i locali privi di aerazione naturale Inversione del senso di apertura delle porte sul cortile centrale che aprono in senso contrario alla via di fuga in caso di evacuazione Incendio, adeguamento alle norme Barriere architettoniche Manutenzione, messa a norma EP Rendere sempre disponibile all uso il wc disabili Ripristinare lo zoccolino mancante nei pressi dell infermeria e del dormitorio Installare un lavandino/lavamani nell infermeria Il bambù sul lato della sezione D e dell ingresso principale sta invadendo spazi non destinati a verde, proiettando le cime più lunghe a ridosso dei serramenti e rimanendovi impigliate in fase di apertura e chiusura eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

10 Pag. 10 di 32 Ripristino della continuità del soffitto del dormitorio che presenta una botola di ispezione chiusa provvisoriamente Ripristinare/riparare le tende frangisole rotte Comfort insufficiente Manutenzione EP Messa in sicurezza dello spazio esterno recintato: sebbene si disponga di un ampio spazio in cui si potrebbero far giocare i bimbi, questo è inutilizzabile per la presenza di dislivelli, sassi, terra e piante infestanti Ripristino della continuità nella pavimentazione anti shock perimetrale adiacente l edificio che è slittata verso il terreno incolto Fissare a muro tutti gli arredi e le scaffalature scalabili e a rischio ribaltamento: si vedano per esempio le panchette-appendiabito dei bimbi nei corridoi Individuare opportuno sistema di fissaggio per rendere stabile l armadio posto a bandiera tra l atrio centrale e l area attività di gruppo Installare idonee protezioni lungo gli spigoli vivi degli specchi al muro ad uso dei bambini Ripristinare la continuità della pavimentazione esterna all uscita verso il cortile centrale dalla sezione D Sostituzione del vetro rotto a soffitto di un corridoio perimetrale esterno Messa in sicurezza dei giochi in legno (il castello) nel cortile centrale che necessitano di manutenzione immediata e programmata a lungo termine: attualmente presenta viti affioranti, parti sverniciate che producono schegge e pannellature vistosamente oscillanti che necessitano di serraggi. Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, bruciature Manutenzione EP Interdizione all uso dei giochi in legno (il castello) nel cortile centrale, in attesa della manutenzione per la messa in sicurezza Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, bruciature Manutenzione DDL Verifica e controllo periodico delle crepe verticali presumibilmente in corrispondenza di giunti di costruzione Cedimento strutturale Chiusura permanente dei depositi di materiale per le pulizie Manutenzione, verifica strutturale EP Intossicazione Procedure interne DDL eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

11 Pag. 11 di 32 L anno di costruzione dell edificio esclude la presenza di amianto Amianto EP Installare allarme per apertura accidentale alla porta d ingresso principale, dotata di maniglione antipanico in quanto via di fuga, che affaccia direttamente sulla strada pubblica senza una zona filtro recintata. Accesso / uscita scarsamente controllati Procedure di controllo e di intervento attuate dai collaboratori scolatici EP PRIORITA INDIVIDUATE Verificare il corretto funzionamento del sistema di aerazione: nel caso in cui quest ultimo fosse disattivato non sarebbero rispettate le norme igienico sanitarie dei servizi igienici e di tutti i locali privi di aerazione naturale Inversione del senso di apertura delle porte sul cortile centrale che aprono in senso contrario alla via di fuga in caso di evacuazione Messa in sicurezza dei giochi in legno (il castello) nel cortile centrale che necessitano di manutenzione immediata e programmata a lungo termine: attualmente presenta viti affioranti, parti sverniciate che producono schegge e pannellature vistosamente oscillanti che necessitano di serraggi. Interdizione all uso dei giochi in legno (il castello) nel cortile centrale, in attesa della manutenzione per la messa in sicurezza Installare allarme per apertura accidentale alla porta d ingresso principale, dotata di maniglione antipanico in quanto via di fuga, che affaccia direttamente sulla strada pubblica senza una zona filtro recintata. eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

12 Pag. 12 di UNITA OPERATIVA 3 Scuola dell infanzia CIPI - SUCCURSALE ENTE PROPRIETARIO: Comune di Pinasca DESTINAZIONE D USO: Scuola dell infanzia DESCRIZIONE DELL UNITA OPERATIVA CLASSIFICAZIONE DI ANTINCENDIO (D.M ): TIPO 0 (fino a 100 persone) VALUTAZIONE DEL INCENDIO (D.M All. IX): Rischio d Incendio BASSO ANNO DI COSTRUZIONE: successiva al 1975 DOCUMENTAZIONE: Certificato collaudo statico del 2004 Certificato agibilità Piano di miglioramento antisismico con agibilità parziale del 2004 Autorizzazione igienico-sanitaria del 2004 Dichiarazione conformità impianti elettrici (L. 37/08 o L. 46/90) del 04 PRESENTE NON PRESENTE DA RINNOVARE Copia denuncia/verifica impianto di messa a terra del 2010 Certificazione in merito all assenza di amianto del 2012 eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

13 Pag. 13 di 32 PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Il piano di emergenza e evacuazione viene redatto dalla scuola, aggiornato e verificato con puntualità. Accanto alle tavole sono sistemate le indicazioni sulle norme di comportamento da seguire in caso di emergenza e l indicazione dei nominativi degli addetti per la classe interessata. Ogni anno viene verificato e aggiornato l organigramma degli addetti oltre all organizzazione interna delle singole classi (aprifila, chiudifila etc.). SPAZI COLLETTIVI AD USO LAVORATIVO - DIMENSIONE E COMFORT Aule altezza: ubicazione: salubrità e ricambio d aria: arredi: illuminazione: abbagliamento: pavimentazione: superficie minima per alunno: corretto sufficienti sufficiente controllato VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DELL UNITA OPERATIVA Integrazione dell impianto elettrico esistente laddove necessario per collegare alla rete elettrica in maniera adeguata gli apparecchi presenti senza l uso di prolunghe, ciabatte e spine multiple. Elettrocuzione EP I ripostigli sono privi di aerazione Verificare l efficienza dei rilevatori di fumo nei ripostigli (per esempio quello a piano terra vicino all ingresso privo della mascherina di protezione) Verifica del quantitativo e distribuzione di estintori presenti nell edificio: attualmente non risulta un estintore per piano. Incendio, adeguamento alle norme Barriere architettoniche Manutenzione, messa a norma EP Riordino e dismissione del materiale in disuso e/o in eccesso nel ripostiglio sottoscala Incendio, adeguamento alle norme Barriere architettoniche Manutenzione, messa a norma DDL eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

14 Pag. 14 di 32 Fissare a muro gli arredi e le scaffalature scalabili e/o a rischio di ribaltamento (si vedano per esempio gli armadietti dei bambini o l armadio nella saletta computer) Individuare opportuno sistema di protezione della finestra lungo le scale interne che ha il davanzale facilmente scalabile Manutenzione periodica dei giochi esterni in legno atti ad evitare scagliette di legno Fissare con nuovi tasselli il canestro esterno attualmente mobile e instabile Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, bruciature Manutenzione EP Manutenzione periodica della sabbiera esterna e predisposizione di idoneo sistema di chiusura per impedire il deposito di escrementi animali Intossicazione Procedure interne EP Chiusura permanente dei depositi di materiale per le pulizie. Intossicazione Procedure interne DDL PRIORITA INDIVIDUATE Verificare l efficienza dei rilevatori di fumo nei ripostigli (per esempio quello a piano terra vicino all ingresso privo della mascherina di protezione) Verifica del quantitativo e distribuzione di estintori presenti nell edificio: attualmente non risulta un estintore per piano. eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

15 Pag. 15 di UNITA OPERATIVA 4 Scuola primaria Hurbinek - SUCCURSALE ENTE PROPRIETARIO: Comune di Pinasca DESCRIZIONE DELL UNITA OPERATIVA DESTINAZIONE D USO: Istituto di istruzione di I grado Scuola primaria CLASSIFICAZIONE DI ANTINCENDIO (D.M ): TIPO 1 (da 101 a 300 persone) VALUTAZIONE DEL INCENDIO (D.M All. IX): Rischio d Incendio MEDIO ANNO DI COSTRUZIONE: precedente al 1975 DOCUMENTAZIONE: Certificato collaudo statico del 1963 Certificato collaudo statico dell ampliamento del 2011 Piano di miglioramento antisismico con agibilità parziale del 2011 Certificato Prevenzione Incendi Esame progetto approvato nel 2005 Certificato agibilità Autorizzazione igienico-sanitaria del 1992 Dichiarazione conformità impianti elettrici (L. 37/08 o L. 46/90) del 11 Copia denuncia/verifica impianto di messa a terra del 2010 Certificazione in merito all assenza di amianto del 2012 PRESENTE NON PRESENTE DA RINNOVARE eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

16 Pag. 16 di 32 PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Il piano di emergenza e evacuazione viene redatto dalla scuola, aggiornato e verificato con puntualità. Accanto alle tavole sono sistemate le indicazioni sulle norme di comportamento da seguire in caso di emergenza e l indicazione dei nominativi degli addetti per la classe interessata. Ogni anno viene verificato e aggiornato l organigramma degli addetti oltre all organizzazione interna delle singole classi (aprifila, chiudifila etc.). SPAZI COLLETTIVI AD USO LAVORATIVO - DIMENSIONE E COMFORT Aule altezza: ubicazione: salubrità e ricambio d aria: arredi: illuminazione: abbagliamento: pavimentazione: superficie minima per alunno: corretto sufficienti sufficiente controllato VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DELL UNITA OPERATIVA Infittire il parapetto lungo il camminamento di ingresso nel cortile Installare il mancorrente lungo i tre scalini esterni che dall atrio portano al cortile Individuare opportuno sistema di aerazione del ripostiglio aula pittura Sostituire il pannello safe crash rotto nell idrante dell atrio Verificare la compartimentazione e chiarire il carico di incendio del magazzino comunale al piano seminterrato dell edificio scolastico Incendio, adeguamento alle norme Barriere architettoniche Manutenzione, messa a norma EP Generale riordino e dismissione del materiale in eccesso e/o in disuso nell aula pittura e nel relativo ripostiglio Divieto di deposito di qualsiasi genere nelle bussole della mensa Eliminare qualunque materiale o piante in vaso dai davanzali che impediscono la completa apertura delle finestre Incendio, adeguamento alle norme Barriere architettoniche Manutenzione, messa a norma DDL eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

17 Pag. 17 di 32 Individuare ed eliminare la causa di infiltrazione dall alto nella bussola d ingresso Comfort insufficiente Manutenzione EP Fissare a muro la lavagna nell aula polifunzionale Messa in sicurezza dello scaffale nel ripostiglio dell aula pittura che nonostante sia fissato nella parte alta, a causa delle sue dimensioni risulta malfermo nella parte bassa Protezione degli spigoli vivi in particolare delle aree comuni: si veda per esempio il copritermosifone metallico malfermo nell atrio Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, bruciature Manutenzione EP Segnalare in maniera efficace i dislivelli all accesso della mensa Impedire la sosta dello scuolabus nello spazio tra la mensa e la scuola Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, bruciature Manutenzione DDL Manutenzione periodica della sabbiera esterna e predisposizione di idoneo sistema di chiusura per impedire il deposito di escrementi animali Intossicazione Procedure interne EP Chiusura permanente dei depositi di materiale per le pulizie. Intossicazione Procedure interne DDL Installare opportuno sistema di controllo sull uscita di sicurezza della classe 3 che apre direttamente su spazio pubblico Accesso / uscita scarsamente controllati Procedure di controllo e di intervento attuate dai collaboratori scolatici EP eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

18 Pag. 18 di 32 PRIORITA INDIVIDUATE Infittire il parapetto lungo il camminamento di ingresso nel cortile Verificare la compartimentazione e chiarire il carico di incendio del magazzino comunale al piano seminterrato dell edificio scolastico Impedire la sosta dello scuolabus nello spazio tra la mensa e la scuola Installare opportuno sistema di controllo sull uscita di sicurezza della classe 3 che apre direttamente su spazio pubblico eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

19 Pag. 19 di UNITA OPERATIVA 5 Scuola primaria di Inverso Pinasca- SUCCURSALE ENTE PROPRIETARIO: Comune di Inverso Pinasca DESCRIZIONE DELL UNITA OPERATIVA DESTINAZIONE D USO: Istituto di istruzione di I grado Scuola primaria CLASSIFICAZIONE DI ANTINCENDIO (D.M ): TIPO 0 (fino a 100 persone) VALUTAZIONE DEL INCENDIO (D.M All. IX): Rischio d Incendio BASSO ANNO DI COSTRUZIONE: precedente al 1975 DOCUMENTAZIONE: Certificato collaudo statico del 1970 Verifica sismica negativa del 2010 Certificato agibilità Autorizzazione igienico-sanitaria Dichiarazione conformità impianti elettrici (L. 37/08 o L. 46/90) Copia denuncia/verifica impianto di messa a terra del 2012 Certificazione in merito all assenza di amianto del 2000 PRESENTE NON PRESENTE DA RINNOVARE eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

20 Pag. 20 di 32 PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Il piano di emergenza e evacuazione viene redatto dalla scuola, aggiornato e verificato con puntualità. Accanto alle tavole sono sistemate le indicazioni sulle norme di comportamento da seguire in caso di emergenza e l indicazione dei nominativi degli addetti per la classe interessata. Ogni anno viene verificato e aggiornato l organigramma degli addetti oltre all organizzazione interna delle singole classi (aprifila, chiudifila etc.). SPAZI COLLETTIVI AD USO LAVORATIVO - DIMENSIONE E COMFORT Aule altezza: ubicazione: salubrità e ricambio d aria: arredi: illuminazione: abbagliamento: pavimentazione: superficie minima per alunno: corretto sufficienti sufficiente controllato VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DELL UNITA OPERATIVA Integrazione dell impianto elettrico esistente laddove necessario per collegare alla rete elettrica in maniera adeguata gli apparecchi presenti senza l uso di prolunghe, ciabatte e spine multiple. Elettrocuzione EP Installare un mancorrente aggiuntivo sulla scala esterna di accesso Incendio, adeguamento alle norme Barriere architettoniche Manutenzione, messa a norma EP Generale riordino e dismissione del materiale in eccesso e/o in disuso nei ripostigli Incendio, adeguamento alle norme Barriere architettoniche Manutenzione, messa a norma DDL Tracciare con pavimentazione il percorso attualmente su prato che parte dalla scala di emergenza esterna: in caso di pioggia si trasforma in breve in pantano eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

21 Pag. 21 di 32 Individuare ed eliminare le cause di infiltrazioni d acqua dal tetto e sostituire in seguito le formelle di controsoffitto ammalorate Comfort insufficiente Manutenzione EP Installare idonea protezione/parapetto lungo il dislivello su prato antistante la scala di emergenza esterna Il pavimento risulta discontinuo tra la bussola d ingresso e l atrio e sul pianerottolo delle scale interne al piano intermedio Fissare adeguatamente il mancorrente centrale delle scale interne che agli estremi oscilla vistosamente Innalzamento a protezione contro la scalabilità del davanzale della finestra nel bagno dei maschi. Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, bruciature Manutenzione EP Verifica e monitoraggio delle crepe esterne in facciata Cedimento strutturale Chiusura permanente dei depositi di materiale per le pulizie Manutenzione, verifica strutturale EP Intossicazione Procedure interne DDL Installare chiusura elettrificata e impianto citofonico sul cancelletto esterno Accesso / uscita scarsamente controllati Procedure di controllo e di intervento attuate dai collaboratori scolatici EP PRIORITA INDIVIDUATE Tracciare con pavimentazione il percorso attualmente su prato che parte dalla scala di emergenza esterna: in caso di pioggia si trasforma in breve in pantano Installare idonea protezione/parapetto lungo il dislivello su prato antistante la scala di emergenza esterna Innalzamento a protezione contro la scalabilità del davanzale della finestra nel bagno dei maschi. Installare chiusura elettrificata e impianto citofonico sul cancelletto esterno eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

SEZIONE 4 IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DI CIASCUNA UNITA OPERATIVA

SEZIONE 4 IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DI CIASCUNA UNITA OPERATIVA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DI CIASCUNA UNITA OPERATIVA Pag. 2 di 15 4.1 UNITA OPERATIVA 1 - PRIMARIA, XXV APRILE - SEDE DESCRIZIONE DELL UNITA

Dettagli

4.1 ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI

4.1 ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI Pag. 1 di 15 4.1 ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI Nell ambito della struttura scolastica operano, oltre alle varie mansioni già individuate

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Azienda: I. I. S. A. GENTILESCHI Di CARRARA via: Sarteschi n. 1 città: Carrara

Dettagli

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO Pagina 1 di 5 ALLEGATO H Il Datore di Lavoro Il R.S.P.P: visto l R.L.S. Prof.ssa Margherita Ventura Geom. Gabriele Sbaragli Ins. Nadia Capezzali Pagina 2 di 5 In via generale per tutti i plessi scolastici.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NEVIANO DEGLI ARDUINI E LESIGNANO DE BAGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO NEVIANO DEGLI ARDUINI E LESIGNANO DE BAGNI Committente: ISTITUTO COMPRENSIVO NEVIANO DEGLI ARDUINI E LESIGNANO DE BAGNI Ubicazione/riferimento: Scuola dell Infanzia di Lesignano Dè Bagni Scuola Primaria di Lesignano Dè Bagni Scuola Secondaria di

Dettagli

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO LINEA GUIDA REDATTA DAI TECNICI DI NORSAQ PER LE SCUOLE DEL COMUNE DI MODENA Pagina 1 di 8 PRIMA DEL TERREMOTO: cosa fare in prevenzione? L EDIFICIO SCOLASTICO: Fondamentale,

Dettagli

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO LINEA GUIDA REDATTA DAI TECNICI DI NORSAQ PER LE SCUOLE DEL COMUNE DI MODENA Pagina 1 di 9 PRIMA DEL TERREMOTO: cosa fare in prevenzione? L EDIFICIO SCOLASTICO: Fondamentale,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SCAURI

ISTITUTO COMPRENSIVO SCAURI MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO SCAURI Via Appia 212, 04028 Scauri (LT) ( 0771614545 - fax 0771614808 - * LTIC855001@istruzione.it ---------------------------------------------------------

Dettagli

Relazione tecnica descrittiva

Relazione tecnica descrittiva Relazione tecnica descrittiva La presente relazione è stata redatta al fine di descrivere le verifiche affrontate e gli interventi che dovranno essere realizzati per la messa in sicurezza della Scuola

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO Progetto: PROGETTO PER LAVORI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE, ANTINCENDIO E DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DELLA SCUOLA ELEMENTARE RODARI IN VIA

Dettagli

RELAZIONE RELATIVA AI SOPRALLUOGHI ESEGUITI SULLE SCUOLE PER LA VERIFICA DELLE CONDIZIONI DI SICUREZZA

RELAZIONE RELATIVA AI SOPRALLUOGHI ESEGUITI SULLE SCUOLE PER LA VERIFICA DELLE CONDIZIONI DI SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI PREGANZIOL SCUOLA DELL INFANZIA, SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO VIA A. MANZONI, 1 PREGANZIOL (TV) RELAZIONE RELATIVA AI SOPRALLUOGHI ESEGUITI SULLE SCUOLE PER LA

Dettagli

TavBa. Provincia Regionale di Ragusa. Aggiornato ai sensi dei disposti del comma A dell'art.10 della L.R. 12.07.2011 n.12

TavBa. Provincia Regionale di Ragusa. Aggiornato ai sensi dei disposti del comma A dell'art.10 della L.R. 12.07.2011 n.12 Provincia Regionale di Ragusa Lavori di "Adeguamento alle norme di sicurezza e prevenzione incendi immobili scolastici nella zona di Ragusa, Comiso e Vittoria. Completamento 2.000.000" - Progetto Esecutivo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI di S. Giovanni in Fiore (Cs)

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI di S. Giovanni in Fiore (Cs) DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (ART.28 DLgs 81/2008) S C H E D A N. 2 ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI di S. Giovanni in Fiore (Cs) EDIFICIO SCOLASTICO Dante Alighieri ( SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA

Dettagli

SRAFFA VIA COMBONI - BRESCIA. 21/05/2012 SCARINZI Roberto. 1 di 63

SRAFFA VIA COMBONI - BRESCIA. 21/05/2012 SCARINZI Roberto. 1 di 63 ADEMPIMENTI A CARICO DELLA PROVINCIA PER LA MESSA A NORMA ED IN SICUREZZA DELLA SEDE CENTRALE DELL ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE SERVIZI COMMERCIALI E TURISMO SRAFFA VIA COMBONI - BRESCIA 21/05/2012 SCARINZI

Dettagli

(ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI)

(ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI) (ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI) Tabella A - Quantificazione aree su cui effettuare il servizio Tipologia

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS Circ. n. 10 Ai docenti Al personale ATA Albo Sito web Prot. N.3657/S2 Oggetto: disposizioni in materia di sicurezza e prevenzione rischi (D. Lgs. 81/08 ex legge 626/94). Per opportuna conoscenza e per

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida.

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida. 3 L EDIFICIO SCOLASTICO 3.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Il Liceo Scientifico Giovanni da Procida è ubicato in via De Falco, traversa di via Manganario, con succursale nell ex Seminario Regionale,

Dettagli

La scuola sicura ORIZZONTI SCUOLA. Premessa:

La scuola sicura ORIZZONTI SCUOLA. Premessa: Premessa: La scuola sicura In che modo salvaguardare la sicurezza nelle scuole? Quali sono i principali rischi per docenti e studenti? Cosa fare in caso di situazioni di emergenza? Come proteggersi da

Dettagli

PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195

PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195 PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195 UFFICIO TECNICO SETTORE DELL EDILIZIA Via Bella Rocca, 7-26100 CREMONA - tel. 4061 - fax n 0372/406474 e-mail: edilizia@provincia.cremona.it ITIS G. GALILEI CREMA.

Dettagli

DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO

DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO ALLEATO 2 lotto 1 Modugno (BA) DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OETTO DELL APPALTO Tabella A - Quantificazione aree su cui effettuare il servizio PIANO TERRA Tipologia di aree Descrizione

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO N.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO N. DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO N. BERTHER Piazza Marconi, 2 25010 SAN ZENO (BS) 27/05/2013 SCARINZI Alessandra

Dettagli

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA Allegato 02 REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico )

LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico ) LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico ) Requisiti generali - dotati del Certificato di Conformità Edilizia rilasciato dal Comune sulla base della verifica di conformità alla vigente

Dettagli

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SOMMARIVA PERNO

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SOMMARIVA PERNO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SOMMARIVA PERNO PROGETTO DEFINITIVO / ESECUTIVO DI RISTRUTTURAZIONE DEL COMPLESSO SCOLASTICO DI VIA SAN GIOVANNI COMMITTENTE: COMUNE DI SOMMARIVA PERNO P.za

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( D. Lgs. n. 626 del 19/09/94 )

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( D. Lgs. n. 626 del 19/09/94 ) Allegato 03 REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI AGGIORNAMENTO DEL DOCUMENTO SULLA SICUREZZA D. Lgs. 81/08 e s.m.i. PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( D. Lgs. n. 626 del 19/09/94 ) PROCEDURE

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola Opuscolo informativo per gli studenti Strumento d informazione ai sensi del D. Lgs. 81/2008. L utente è tenuto a conoscerne

Dettagli

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA COMUNE DI MONTIGLIO MONFERRATO Provincia di ASTI- OGGETTO : Progetto per la manutenzione straordinaria di edificio scolastico con interventi di adeguamento a normative vigenti PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCOLASTICI ED EDIFICIO MUNICIPALE DI TORCHIARA RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCOLASTICI ED EDIFICIO MUNICIPALE DI TORCHIARA RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCOLASTICI ED EDIFICIO MUNICIPALE DI TORCHIARA RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA Il sottoscritto è stato incaricato dall Amministrazione Comunale di

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE CONVEGNO SICUREZZA: QUALI EQUILIBRI tra SCUOLA ed ENTI LOCALI? LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE ASTI, 16 aprile 2012 Ing. Francesco ORRU Normativa Classificazione Scelta dell area Ubicazione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA ELEMENTARE STATALE ALDO MORO SACRO CUORE

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA ELEMENTARE STATALE ALDO MORO SACRO CUORE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA ELEMENTARE STATALE ALDO MORO SACRO CUORE VIA OMBONI PALAZZOLO S/O 04/11/2013 SCARINZI Roberto Data sopralluogo

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA

VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA Per i dipendenti della scuola, identificati in base al profilo omogeneo di attività, sono riassunti ed identificati i rischi specifici tipici e quanto previsto

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA MAMELI. Via DELLA CHIESA, 73 - BRESCIA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA MAMELI. Via DELLA CHIESA, 73 - BRESCIA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA MAMELI Via DELLA CHIESA, 73 - BRESCIA 11/11/2014 SCARINZI Roberto Data Sopralluogo Elaboratore \\Server-hp\dati\-

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV)

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) PIANO DI EMERGENZA (Linee guida) SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) Anno scolastico 2014/2015 file:pem_primaria_trevignano.doc 1 di 21 PREMESSA Il piano di emergenza è uno

Dettagli

Per opportuna conoscenza si invia la circolare in oggetto, affinché tutto il personale segua le disposizioni in essa contenute.

Per opportuna conoscenza si invia la circolare in oggetto, affinché tutto il personale segua le disposizioni in essa contenute. ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ANTONIO ZANELLI Sezione Tecnica Agraria (Produzioni e trasformazioni Gestione ambiente e territorio) Sezione Tecnica Chimica, materiali e biotecnologie sanitarie Sezione

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO

PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ELVIRA E AMALIA PICCOLI DI CIVIDALE DEL FRIULI (UD) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO RILIEVO FOTOGRAFICO Oggetto Committente RUP Intervento di miglioramento e messa in sicurezza,

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA SPAZIO GIOCO

COMUNE DI PERUGIA SPAZIO GIOCO COMUNE DI PERUGIA SPAZIO GIOCO Caratteristiche: E un servizio con caratteristiche ludiche che prevede modalità di frequenza secondo criteri di massima flessibilità e per una fruizione saltuaria di massimo

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA MAN - Pag. 1 di 12 MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA AI SEN SI DELL AR T. 30 D.Lg Lgs. 81/20 08 MAN - Pag. 2 di 12 Attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

Istituto Statale d Istruzione Superiore P. Artusi

Istituto Statale d Istruzione Superiore P. Artusi Istituto Statale d Istruzione Superiore P. Artusi Viale Matteotti, 54 47034 Forlimpopoli (FC) Valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori e relative misure di prevenzione e protezione

Dettagli

INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO

INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO CAPITOLATO D APPALTO E DESCRIZIONE LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE PARTI COMUNI I render grafici hanno scopo puramente indicativo

Dettagli

STIMA PER LE OPERE DI ADEGUAMENTO 45.000,00

STIMA PER LE OPERE DI ADEGUAMENTO 45.000,00 SP1-2/1 Abb. barriere architettoniche installazione montascale 5.000,00 realizzazione bagni disabili al p. terra e p. primo 10.000,00 Altro trasformazione e attrezzatura di palestra per le attività 20.000,00

Dettagli

LE SCUOLE PRIMARIE. SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432

LE SCUOLE PRIMARIE. SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432 LE SCUOLE PRIMARIE SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432 La scuola primaria B. Ferrari è ospitata in un edificio storico di pregio la cui costruzione risale all anno 1927

Dettagli

Piano di Sicurezza, Emergenza ed Evacuazione (D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 - Decreto del Ministro dell Interno del 10 marzo 1998)

Piano di Sicurezza, Emergenza ed Evacuazione (D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 - Decreto del Ministro dell Interno del 10 marzo 1998) ISTITUTO AUTONOMO COMPRENSIVO P. M. ROCCA PIAZZA LIBERT À N. 1 91011 ALCA MO (TP) - C.F. 80004290815 TEL. 0924/24345 E- MAIL: TPI C81200G@IST RU ZIO NE.IT Piano di Sicurezza, Emergenza ed Evacuazione (D.

Dettagli

Direzione Generale Organizzazione, risorse umane e tecniche

Direzione Generale Organizzazione, risorse umane e tecniche ALLEGATO A CARATTERISTICHE TECNICHE DEI LOCALI DA ADIBIRE AD ARCHIVIO DI DEPOSITO Sommario 1. Caratteristiche generali... 2 2. Ubicazione... 2 3. Strutture esterne e dimensioni... 2 4. Diapositivi di sicurezza...

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE INNOVAZIONE E RICERCA EDUCATIVA Palazzo Gerini Via Michelangelo Buonarroti n 10 Firenze

ISTITUTO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE INNOVAZIONE E RICERCA EDUCATIVA Palazzo Gerini Via Michelangelo Buonarroti n 10 Firenze ISTITUTO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE INNOVAZIONE E RICERCA EDUCATIVA Palazzo Gerini Via Michelangelo Buonarroti n 10 Firenze Progetto Definitivo Esecutivo Sistemazione degli uffici ex IRRE Campania in

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALL ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE PIER FORTUNATO CALVI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALL ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE PIER FORTUNATO CALVI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALL ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE PIER FORTUNATO CALVI VIA C. MARCHESI, 73 32100 BELLUNO 24/04/2014 SCARINZI Roberto

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO DIREZIONE MANUTENZIONE DEL PATRIMONIO, EDILIZIA SCOLASTICA, TURISTICO-SPORTIVA E PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI LUIGI

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs.81/08 Tiitolo II Capo I art. 62 67 Allegato IV Linee Guida Regione Piemonte per la notifica relativa alla costruzione ampliamento o adattamento di locali e ambienti di lavoro.

Dettagli

PROBLEMATICHE SEGNALATE DALLE SCUOLE

PROBLEMATICHE SEGNALATE DALLE SCUOLE Provveditorato agli studi di Potenza A.S. 1997/98 PROBLEMATICHE SEGNALATE DALLE SCUOLE A cura di Pasquale Francesco Costante MONITORAGGIO ATTIVITA' DI 1 PREVENZIONE INCENDI Suole prive del C.P.I. ( Certificato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ E DEGLI SPAZI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI SEDE DI STRUTTURE DIPARTIMENTALI (ESTRATTO)

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ E DEGLI SPAZI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI SEDE DI STRUTTURE DIPARTIMENTALI (ESTRATTO) LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ E DEGLI SPAZI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI SEDE DI STRUTTURE DIPARTIMENTALI (ESTRATTO) INDICAZIONI GENERALI 1. Modifiche strutturali, modifiche e/o manutenzione

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corsi di specializzazione per ASPP macro settore di attività 8 Modulo B Valutazione Rischi Istituto ISIS Ponti piazza Giovine Italia n. 3 - Gallarate Lezione del 10.01.2012

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6. Guida all Emergenza. per il personale della scuola

LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6. Guida all Emergenza. per il personale della scuola LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6 Guida all Emergenza per il personale della scuola Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole 1 Definizione

Dettagli

VADEMECUM DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA NELLE SCUOLE A.S. 2014-2015

VADEMECUM DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA NELLE SCUOLE A.S. 2014-2015 VADEMECUM DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA NELLE SCUOLE A.S. 2014-2015 Di seguito vengono riportati i principali adempimenti da assolvere, in base alla tipologia di istituto scolastico, mansioni

Dettagli

Piano di Sicurezza, Emergenza ed Evacuazione (D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 - Decreto del Ministro dell Interno del 10 marzo 1998)

Piano di Sicurezza, Emergenza ed Evacuazione (D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 - Decreto del Ministro dell Interno del 10 marzo 1998) ISTITUTO AUTONOMO COMPRENSIVO P. M. ROCCA PIAZZA LIBERT À N. 1 91011 ALCA MO (TP) - C.F. 80004290815 TEL. 0924/24345 E- MAIL: TPI C81200G@IST RU ZIO NE.IT Piano di Sicurezza, Emergenza ed Evacuazione (D.

Dettagli

Guida all Emergenza Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole

Guida all Emergenza Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole Guida all Emergenza Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole Redatto il 05. 10. 2011 dal Servizio di Prevenzione e Protezione della Scuola Definizione

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Comune di Tradate Verbale di deliberazione della Giunta Comunale N. 316 Registro Deliberazioni. OGGETTO: PRESA ATTO INTERVENTI EFFETTUATI DA PARTE DEL COMUNE DI TRADATE PER LA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI

Dettagli

DOCUMENTO di VALUTAZIONE DEI RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (D. L.gvo n. 81/2008 e D.Lgs.106/2009) ISIS Carducci -Dante SEDE DI VIA

DOCUMENTO di VALUTAZIONE DEI RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (D. L.gvo n. 81/2008 e D.Lgs.106/2009) ISIS Carducci -Dante SEDE DI VIA Prot. n. 840/A20i DOCUMENTO di VALUTAZIONE DEI RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (D. L.gvo n. 81/2008 e D.Lgs.106/2009) ISIS Carducci -Dante SEDE DI VIA VIA CORSI, 1- R.S.P.P. prof. Federico

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Il comportamento corretto e prudente di ognuno è il miglior modo di prevenzione contro ogni genere di infortunio - Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc. - Non

Dettagli

Guida all Emergenza. ( per tutto il personale interno alla scuola)

Guida all Emergenza. ( per tutto il personale interno alla scuola) Guida all Emergenza ( per tutto il personale interno alla scuola) Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole (Agg. Novembre 2012) A cura dello

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Sede Decentrata n.4 via f.lli Antoni

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE MONTIRONE (BS)

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE MONTIRONE (BS) DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE MONTIRONE (BS) 27/05/2013 SCARINZI Alessandra Data sopralluogo Elaboratore File:Primaria_Montirone_giugno_2013

Dettagli

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E.

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RIFERIMENTO: Richiesta di integrazione P.G. n 119428 del 29/09/2009 OGGETTO: Piano Attuativo

Dettagli

Il pericolo corre tra i banchi: aule degradate e sovraffollate, edifici senza certificazioni e manutenzione.

Il pericolo corre tra i banchi: aule degradate e sovraffollate, edifici senza certificazioni e manutenzione. Il pericolo corre tra i banchi: aule degradate e sovraffollate, edifici senza certificazioni e manutenzione. Presentato il IX Rapporto di Cittadinanzattiva su Sicurezza, qualità e comfort degli edifici

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Comune di Caneva Provincia di Pordenone

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Comune di Caneva Provincia di Pordenone REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Comune di Caneva Provincia di Pordenone LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PALESTRA CENTRO STUDI DI VIA MARCONI PROGETTO ESECUTIVO ALL. E: RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE DON BOSCO VIA LOMBARDI; 16 BAGOLINO (BS)

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE DON BOSCO VIA LOMBARDI; 16 BAGOLINO (BS) DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE DON BOSCO VIA LOMBARDI; 16 BAGOLINO (BS) 06/10/2014 ALBERTI Carlo Data sopralluogo Elaboratore

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

Rilievo condizioni di pulizia

Rilievo condizioni di pulizia SCHEDA DI VALUTAZIONE AULA DIDATTICA DATA:... UNITA :... banchi sedie arredi vari lavagna armadi scaffalature tende........ UFFICIO UNITA :... banchi sedie arredi vari lavagna armadi scaffalature tende

Dettagli

Il Rappresentante dei Lavoratori (Prof. Giuseppe Costa)

Il Rappresentante dei Lavoratori (Prof. Giuseppe Costa) PIANO DI EVACUAZIONE D.M. 26 agosto 1992 Il Dirigente Scolastico (Dott. Anna Maria Vatteroni) Il R.S.P.P. (Arch. Massimiliano Boschi) Il Rappresentante dei Lavoratori (Prof. Giuseppe Costa) 1 Istituto

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 13 Sezione 2.1 Scheda di reparto Locali interni Descrizione RISCHI PER LA SICUREZZA RISCHI PER LA SALUTE INSERIRE FOTO DESCRIZIONE SEDE PRINCIPALE (viale E. Maraini 54 - Rieti - ) L edificio

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

LABORATORIO DELL ACQUA A CAMUGNANO

LABORATORIO DELL ACQUA A CAMUGNANO Parco Laghi di Suviana e Brasimone INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ MUSEO DEL BOSCO DI PORANCETO Il Museo è situato in località Poranceto nel comune di Cumugnano ed è ospitato all interno di un unico edificio

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida.

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida. 3 L EDIFICIO SCOLASTICO 3.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO 3.1.1.IMPIANTO TERMICO CENTRALE -E presente all interno dell edificio nel piano seminterrato il locale caldaie. Ciascuna delle due caldaie

Dettagli

A. STANDARD ORGANIZZATIVI PER SERVIZI GIA FUNZIONANTI E DI NUOVA APERTURA

A. STANDARD ORGANIZZATIVI PER SERVIZI GIA FUNZIONANTI E DI NUOVA APERTURA COMUNE DI PERUGIA CENTRO PER BAMBINE/BAMBINI E FAMIGLIE Caratteristiche: E un servizio con caratteristiche educative, ludiche, culturali e di aggregazione sociale; prevede la presenza contemporanea di

Dettagli

COMUNICAZIONE N. 67. Ferrara, 15 novembre 2013

COMUNICAZIONE N. 67. Ferrara, 15 novembre 2013 Istituto Tecnico Commerciale e per Periti Aziendali e Corrispondenti in Lingue Estere V. Bachelet Via Mons. Ruggero Bovelli, 7/13-44121 FERRARA Tel. 0532.20.9.346 20.32.66; Fax:0532.20.23.65; Via Azzo

Dettagli

Registro antincendio e dei controlli periodici

Registro antincendio e dei controlli periodici Registro antincendio e dei controlli periodici Art. 12 del D. M. 26 agosto 1992 Art. 4. D.M 10 marzo 1998 D.Lgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151 www.sicurezzainnanzitutto.it

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI COMUNALI PERIODO MESI VENTIQUATTRO

SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI COMUNALI PERIODO MESI VENTIQUATTRO SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI COMUNALI PERIODO MESI VENTIQUATTRO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO (DUVRI) E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i.)

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

STUDIO TECNICO PAGLIARONE ing. DARIO VERBALE DI ESODO

STUDIO TECNICO PAGLIARONE ing. DARIO VERBALE DI ESODO VERBALE DI ESODO In data il sottoscritto ing. Dario Pagliarone in qualità di R.S.P.P. dell Istituto Comprensivo Pablo Neruda a seguito delle prove di evacuazione svolte fino alla data odierna ha evidenziato

Dettagli

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITÀ e della RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. OLIVELLI Via Roma 9/11 25069 Villa Carcina (BS) 030/881023 - FAX 030/8982701 - C.F. 92008620178 - C.M. BSIC82600D

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA BARACCA SUD. Via GARIBALDI GHEDI (BS)

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA BARACCA SUD. Via GARIBALDI GHEDI (BS) DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA BARACCA SUD Via GARIBALDI GHEDI (BS) 14/05/2015 SCARINZI Roberto Data Sopralluogo Elaboratore File:Primaria_Baraccasud_Ghedi_maggio_2015

Dettagli

LOCALI DI PUBBLICO D.M. 19.08.1996

LOCALI DI PUBBLICO D.M. 19.08.1996 LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO D.M. 19.08.1996 CAMPO APPLICAZIONE a) Teatri (sia al chiuso che all aperto); b) Cinematografi (anche drive-in); c) cinema-teatri; d) auditori e sale convegni; e) locali di

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI. Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno. Documento aggiornato al 27/10/2014

PIANO DI EMERGENZA. (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI. Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno. Documento aggiornato al 27/10/2014 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno Documento aggiornato al 27/10/2014 IL DATORE DI LAVORO Prof.ssa Lucia Castellana Mod Sic 01/0

Dettagli

Città di Manfredonia

Città di Manfredonia Città di anfredonia (Provincia di Foggia) SETTORE 6 OO.PP. E ANUTENZIONE ALLEGATO 2 Appalto servizi di pulizia ed igiene ambientale immobili comunali ed aree urbane nonché: gestione bagni pubblici, Lavori

Dettagli

DISPOSIZIONI DIRIGENZIALI SUI COMPORTAMENTI DA TENERE PER LA SICUREZZA ALL INTERNO DELLA SCUOLA

DISPOSIZIONI DIRIGENZIALI SUI COMPORTAMENTI DA TENERE PER LA SICUREZZA ALL INTERNO DELLA SCUOLA MINISTERO DELL ISTRUZIONE. DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO STATALE GIULIO CESARE 00198 ROMA CORSO TRIESTE, 48 Fax 06/85355339 Tel. 06/121124445

Dettagli

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI IN TUTTI I LOCALI SCOLASTICI E obbligo per tutto il personale: attenersi e far attenere gli alunni alle disposizioni ai fini della prevenzione e protezione individuale

Dettagli

Fabbricati per stabilimenti

Fabbricati per stabilimenti Impostazioni progettuali dello stabilimento Fabbricati per stabilimenti industriali Classificazione dei fabbricati e sistemi costruttivi Elementi principali dei fabbricati industriali Strutture varie Piano

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA CENNI SOCIO-CULTURALI Il paese di Sorico è costituito da un centro e da numerose frazioni diffuse su uno dei territori più vasti della provincia di Como, che si intersecano

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

AREE AD INTERVENTO GARE NAZIONALI

AREE AD INTERVENTO GARE NAZIONALI Allegato F Gara tipo B Monza, agosto 2014 Gare Nazionali di medio livello AREE AD INTERVENTO GARE NAZIONALI ELENCO ZONE DI INTERVENTO gara tipo B 1. TRIBUNA D ONORE 2. CENTRO MEDICO 3. TENDA VERIFICHE

Dettagli