DVR SEZIONE 4 Aggiornato al: Pag. 1 di 32

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DVR SEZIONE 4 Aggiornato al: 24.04.2013 Pag. 1 di 32"

Transcript

1 Pag. 1 di ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI Nell ambito della struttura scolastica operano, oltre alle varie mansioni già individuate nella Sezione 2 del presente documento, ulteriori figure specifiche con le mansioni di seguito riportate e la valutazione dei rischi specifica relativa anche all ambiente di lavoro dove queste operano: AREA MANSIONE CODICE MANSIONE AUSILIARIA ADDETTI PICCOLA MANUTENZIONE MA NOTE ADDETTI PICCOLA MANTENZIONE MANSIONI: interventi di manutenzione di vario tipo ATTREZZATURA UTILIZZATA: Attrezzi manuali Trapani, avvitatori Scala portatile MA DESCRIZIONE P D R MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE - DPI RES. Inciampi, cadute, urti, tagli, punture, Formazione e informazione degli addetti in particolare abrasioni, bruciature sull'uso delle attrezzature Attrezzature Conformità e manutenzione delle attrezzature utilizzate DDL Elettrocuzione Addestramento sul corretto utilizzo delle attrezzature eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

2 Pag. 2 di STRESS LAVORO CORRELATO ESITO SPECIFICO DELLA VALUTAZIONE E INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI I risultati ottenuti utilizzando le modalità di valutazione esposte nella Sezione 3 del presente documento, sono: Valutazione del Griglia C.List A C.List B C.List C1 C.List C2 C.List C3 C.List C4 TOTALE MAGGIO BASSO Il risultato finale della rilevazione indica un livello di stress basso: è sufficiente ripetere l indagine dopo 2 aa.ss. La specifica rilevazione indica inoltre un livello di stress basso per le tre tipologie di attività lavorativa considerate ovvero docenti, collaboratori scolastici e personale amministrativo. eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

3 Pag. 3 di UNITA OPERATIVA 1 Scuola primaria e secondaria di 1 grado Franco Marro - SEDE ENTE PROPRIETARIO: Comune di Villar Perosa DESCRIZIONE DELL UNITA OPERATIVA DESTINAZIONE D USO: Istituto di istruzione di I e II grado Scuola primaria e secondaria di I grado CLASSIFICAZIONE DI ANTINCENDIO (D.M ): TIPO 3 (da 501 a 1000 persone) VALUTAZIONE DEL INCENDIO (D.M All. IX): Rischio d Incendio MEDIO ANNO DI COSTRUZIONE: precedente al 1975 DOCUMENTAZIONE: Certificato collaudo statico del 1966 e 1973 Certificato Prevenzione Incendi o SCIA Certificato agibilità del 1993 Autorizzazione igienico-sanitaria del 1992 Dichiarazione conformità impianti elettrici (L. 37/08 o L. 46/90) del 2006 Copia denuncia/verifica impianto di messa a terra Certificazione in merito all assenza di amianto del 2001 Verifica sismica negativa del 2005 PRESENTE NON PRESENTE DA RINNOVARE eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

4 Pag. 4 di 32 PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Il piano di emergenza e evacuazione viene redatto dalla scuola, aggiornato e verificato con puntualità. Accanto alle tavole sono sistemate le indicazioni sulle norme di comportamento da seguire in caso di emergenza e l indicazione dei nominativi degli addetti per la classe interessata. Ogni anno viene verificato e aggiornato l organigramma degli addetti oltre all organizzazione interna delle singole classi (aprifila, chiudifila etc.). SPAZI COLLETTIVI AD USO LAVORATIVO - DIMENSIONE E COMFORT Aule Uffici altezza: altezza: ubicazione: ubicazione: salubrità e ricambio d aria: corretto salubrità e ricambio d aria: corretto arredi: sufficienti illuminazione: sufficiente illuminazione: sufficiente abbagliamento: controllato abbagliamento: controllato pavimentazione: pavimentazione: superficie minima per lavoratore: rispettata superficie minima per alunno: volume minimo per lavoratore: rispettato VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DELL UNITA OPERATIVA Integrazione dell impianto elettrico esistente laddove necessario per collegare alla rete elettrica in maniera adeguata gli apparecchi presenti senza l uso di prolunghe, ciabatte e spine multiple: Si vedano per esempio le aule con LIM o computer. Elettrocuzione EP Eliminare il blocco forno e piano cottura privo di marchio CE posizionato nell auletta scienze del piano seminterrato, verificare l opportunità di utilizzo di piastre elettriche e controllare che un eventuale nuovo apparecchio risponda alle vigenti norme di sicurezza e sia posizionato sotto la cappa aspirante esistente. Spostare la fotocopiatrice dall attuale posizione (nel locale archivio della scuola elementare) in posizione idonea Elettrocuzione DDL Verifica ed integrazione della segnaletica antincendio spesso deteriorata o apparentemente provvisoria Individuare opportuno sistema per la copertura a riparo da intemperie dei pianerottoli esterni antistanti le uscite di sicurezza. Installare idonei mancorrenti lungo le scale nel cortile interno Compartimentare il locale deposito n 78 al piano primo o individuare luogo idoneo ad uso deposito Dotare di idoneo sistema di aerazione il locale archivio del piano primo eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

5 Pag. 5 di 32 La biblioteca non è compartimentata Incendio, adeguamento alle norme Barriere architettoniche Manutenzione, messa a norma EP Eliminare le piante ed ogni altro oggetto dai davanzali che impediscono l apertura totale delle finestre. All interno del deposito n 78 occorre ridurre il carico d incendio Esposizione delle tavole del piano di evacuazione nelle parti comuni e nelle aule laddove mancanti Evitare l eccessivo deposito cartaceo negli spogliatoi antiaula Incendio, adeguamento alle norme Barriere architettoniche Manutenzione, messa a norma DDL Individuare o attrezzare spazi adeguati che consentano il trasferimento dell aula di lezione oggi collocata a piano seminterrato. Rifacimento dei blocchi wc obsoleti ai vari piani, con pavimentazioni discontinue, rivestimenti in fase di distacco, in particolare al piano seminterrato che risultano spesso anche maleodoranti Ripristino della porta assente in uno dei blocchi wc al piano seminterrato Ripristino della funzionalità delle veneziane rotte, si veda per esempio nell aula scienze che affaccia sul cortile interno. Ripristino della funzionalità delle tapparelle rotte e del movimento delle loro guide di scorrimento laddove necessario Sostituzione dei sanitari della scuola dell infanzia con elementi per adulti nel blocco wc adiacente all aula 5 A Rimozione (e ripristino) della coibentazione sfrangiata e pendente dei tubi orizzontali di scarico lungo il soffitto degli spogliatoi e corridoio al piano seminterrato Valutare lo spostamento del server in locale diverso dalla Vicepresidenza in quanto limita il confort del locale medesimo Comfort insufficiente Manutenzione EP Verificare che i vetri presenti ad altezza inferiore al metro siano rispondenti alla normativa vigente e in caso negativo sostituirli: si veda per esempio all interno di alcune aule. Individuare opportuno sistema di protezione dei radiatori e dei tubi di distribuzione dell impianto termico in particolare nelle parti comuni Ripristino dove mancante e messa in sicurezza del rivestimento ceramico in fase di distacco nell auletta scienze al piano seminterrato Fissare a muro tutti gli arredi e le scaffalature scalabili e a rischio di ribaltamento (si vedano per esempio gli armadietti nella sala professori o gli armadietti al piano primo nel corridoio dell uscita di sicurezza L). eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

6 Pag. 6 di 32 La rampa mobile in legno posta all uscita di sicurezza che affaccia sul vicolo di collegamento al cortile interno rappresenta una possibile fonte di inciampi: la sua lunghezza è pari a solo la metà della larghezza dell uscita di sicurezza intera Rimozione delle due scale a pioli in legno di proprietà comunale depositate sul pianerottolo esterno del piano primo accanto alla scala di emergenza metallica Sostituzione degli attuali sportellini di protezione delle manichette antincendio con protezioni safe crash a norma. Individuare la causa di condensa che si crea tra la struttura del tetto e la controsoffittatura che sgocciolando sul pavimento lo rende scivoloso Verifica della stabilità dei grandi attrezzi presenti nella palestra o in alternativa rimozione Manutenzione delle porte interne: alcune hanno il foglio di finitura rotto (si veda per esempio la porta della segreteria e quella dell e mensa). Regolarizzare la pavimentazione discontinua del cortile interno Manutenzione/sostituzione delle strutture canestro nel cortile interno Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, bruciature Manutenzione EP Spostare il portaombrelli mobile posto al di fuori dell ingresso principale tra le porte con maniglioni antipanico e la porta dell ascensore in modo tale da non essere d intralcio sulla via di fuga e consentire la completa apertura delle porte Eliminare il materiale in eccesso sulla mensola dello spogliatoio n 82 antiaula 5 A e limitare il carico Rimozione del materiale depositato (arredi, scatole in cartone,..) nei corridoi degli spogliatoi della palestra Divieto di utilizzo dei grandi attrezzi della palestra in attesa della verifica da parte dell Ente proprietario Eliminare il listello in legno (con chiodi affioranti per appendere comunicazioni cartacee o altro) ad altezza pericolosa per i bambini, posta nell ingresso principale Manutenzione degli armadietti/scarpiere posizionati nel deposito libri e deposito artistica che hanno cerniere rotte e mal funzionanti e parti sbrecciate e spigolose Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, bruciature Manutenzione DDL Verifica e controllo periodico delle crepe verticali nei pressi dell uscita di sicurezza L presumibilmente in corrispondenza di un giunto di costruzione Cedimento strutturale Chiusura permanente dei depositi di materiale per le pulizie Manutenzione, verifica strutturale EP Intossicazione Procedure interne DDL eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

7 DVR SEZIONE Pag. 7 di 32 Condurre opportuni accertamenti o fornire indicazioni scritte in merito alla presenza / assenza di amianto nella struttura Amianto EP Installare opportuno sistema di allarme e/o controllo all uscita di sicurezza L del piano primo e a quella corrispondente al piano inferiore per impedire l uscita incontrollata su un area non scolastica Accesso / uscita scarsamente controllati Procedure di controllo e di intervento attuate dai collaboratori scolatici EP PRIORITA INDIVIDUATE Integrazione dell impianto elettrico esistente laddove necessario per collegare alla rete elettrica in maniera adeguata gli apparecchi presenti senza l uso di prolunghe, ciabatte e spine multiple: Si vedano per esempio le aule con LIM o computer. Verifica ed integrazione della segnaletica antincendio spesso deteriorata o apparentemente provvisoria Esposizione delle tavole del piano di evacuazione nelle parti comuni e nelle aule laddove mancanti Individuare o attrezzare spazi adeguati che consentano il trasferimento dell aula di lezione oggi collocata a piano seminterrato. Verificare che i vetri presenti ad altezza inferiore al metro siano rispondenti alla normativa vigente e in caso negativo sostituirli: si veda per esempio all interno di alcune aule. Verifica della stabilità dei grandi attrezzi presenti nella palestra o in alternativa rimozione Condurre opportuni accertamenti o fornire indicazioni scritte in merito alla presenza / assenza di amianto nella struttura Installare opportuno sistema di allarme e/o controllo all uscita di sicurezza L del piano primo e a quella corrispondente al piano inferiore per impedire l uscita incontrollata su un area non scolastica eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

8 Pag. 8 di UNITA OPERATIVA 2 Scuola dell infanzia Edoardo Agnelli - SUCCURSALE ENTE PROPRIETARIO: Comune di Villar Perosa DESCRIZIONE DELL UNITA OPERATIVA DESTINAZIONE D USO: Istituto di istruzione di I grado Scuola dell infanzia CLASSIFICAZIONE DI ANTINCENDIO (D.M ): TIPO 1 (da 101 a 300 persone) VALUTAZIONE DEL INCENDIO (D.M All. IX): Rischio d Incendio MEDIO ANNO DI COSTRUZIONE: 2003 DOCUMENTAZIONE: Certificato collaudo statico del 2003 Certificato Prevenzione Incendi o SCIA Certificato agibilità del 2003 Autorizzazione igienico-sanitaria Dichiarazione conformità impianti elettrici (L. 37/08 o L. 46/90) del 2003 Copia denuncia/verifica impianto di messa a terra Certificazione in merito alla presenza/assenza di amianto Verifica sismica del 2003 PRESENTE NON PRESENTE DA RINNOVARE eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

9 Pag. 9 di 32 PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Il piano di emergenza e evacuazione viene redatto dalla scuola, aggiornato e verificato con puntualità. Accanto alle tavole sono sistemate le indicazioni sulle norme di comportamento da seguire in caso di emergenza e l indicazione dei nominativi degli addetti per la classe interessata. Ogni anno viene verificato e aggiornato l organigramma degli addetti oltre all organizzazione interna delle singole classi (aprifila, chiudifila etc.). SPAZI COLLETTIVI AD USO LAVORATIVO - DIMENSIONE E COMFORT Aule altezza: ubicazione: salubrità e ricambio d aria: arredi: illuminazione: abbagliamento: pavimentazione: superficie minima per alunno: corretto sufficienti sufficiente controllato VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DELL UNITA OPERATIVA Integrazione dell impianto elettrico esistente per collegare alla rete elettrica in maniera adeguata gli apparecchi presenti senza l uso di prolunghe, ciabatte e spine multiple: Si veda per esempio l area computer nell atrio. Verifica dell impianto elettrico del dormitorio dove saltuariamente le ventole di aerazione si attivano autonomamente anche senza programmazione. Elettrocuzione EP Verificare il corretto funzionamento del sistema di aerazione: nel caso in cui quest ultimo fosse disattivato non sarebbero rispettate le norme igienico sanitarie dei servizi igienici e di tutti i locali privi di aerazione naturale Inversione del senso di apertura delle porte sul cortile centrale che aprono in senso contrario alla via di fuga in caso di evacuazione Incendio, adeguamento alle norme Barriere architettoniche Manutenzione, messa a norma EP Rendere sempre disponibile all uso il wc disabili Ripristinare lo zoccolino mancante nei pressi dell infermeria e del dormitorio Installare un lavandino/lavamani nell infermeria Il bambù sul lato della sezione D e dell ingresso principale sta invadendo spazi non destinati a verde, proiettando le cime più lunghe a ridosso dei serramenti e rimanendovi impigliate in fase di apertura e chiusura eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

10 Pag. 10 di 32 Ripristino della continuità del soffitto del dormitorio che presenta una botola di ispezione chiusa provvisoriamente Ripristinare/riparare le tende frangisole rotte Comfort insufficiente Manutenzione EP Messa in sicurezza dello spazio esterno recintato: sebbene si disponga di un ampio spazio in cui si potrebbero far giocare i bimbi, questo è inutilizzabile per la presenza di dislivelli, sassi, terra e piante infestanti Ripristino della continuità nella pavimentazione anti shock perimetrale adiacente l edificio che è slittata verso il terreno incolto Fissare a muro tutti gli arredi e le scaffalature scalabili e a rischio ribaltamento: si vedano per esempio le panchette-appendiabito dei bimbi nei corridoi Individuare opportuno sistema di fissaggio per rendere stabile l armadio posto a bandiera tra l atrio centrale e l area attività di gruppo Installare idonee protezioni lungo gli spigoli vivi degli specchi al muro ad uso dei bambini Ripristinare la continuità della pavimentazione esterna all uscita verso il cortile centrale dalla sezione D Sostituzione del vetro rotto a soffitto di un corridoio perimetrale esterno Messa in sicurezza dei giochi in legno (il castello) nel cortile centrale che necessitano di manutenzione immediata e programmata a lungo termine: attualmente presenta viti affioranti, parti sverniciate che producono schegge e pannellature vistosamente oscillanti che necessitano di serraggi. Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, bruciature Manutenzione EP Interdizione all uso dei giochi in legno (il castello) nel cortile centrale, in attesa della manutenzione per la messa in sicurezza Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, bruciature Manutenzione DDL Verifica e controllo periodico delle crepe verticali presumibilmente in corrispondenza di giunti di costruzione Cedimento strutturale Chiusura permanente dei depositi di materiale per le pulizie Manutenzione, verifica strutturale EP Intossicazione Procedure interne DDL eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

11 Pag. 11 di 32 L anno di costruzione dell edificio esclude la presenza di amianto Amianto EP Installare allarme per apertura accidentale alla porta d ingresso principale, dotata di maniglione antipanico in quanto via di fuga, che affaccia direttamente sulla strada pubblica senza una zona filtro recintata. Accesso / uscita scarsamente controllati Procedure di controllo e di intervento attuate dai collaboratori scolatici EP PRIORITA INDIVIDUATE Verificare il corretto funzionamento del sistema di aerazione: nel caso in cui quest ultimo fosse disattivato non sarebbero rispettate le norme igienico sanitarie dei servizi igienici e di tutti i locali privi di aerazione naturale Inversione del senso di apertura delle porte sul cortile centrale che aprono in senso contrario alla via di fuga in caso di evacuazione Messa in sicurezza dei giochi in legno (il castello) nel cortile centrale che necessitano di manutenzione immediata e programmata a lungo termine: attualmente presenta viti affioranti, parti sverniciate che producono schegge e pannellature vistosamente oscillanti che necessitano di serraggi. Interdizione all uso dei giochi in legno (il castello) nel cortile centrale, in attesa della manutenzione per la messa in sicurezza Installare allarme per apertura accidentale alla porta d ingresso principale, dotata di maniglione antipanico in quanto via di fuga, che affaccia direttamente sulla strada pubblica senza una zona filtro recintata. eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

12 Pag. 12 di UNITA OPERATIVA 3 Scuola dell infanzia CIPI - SUCCURSALE ENTE PROPRIETARIO: Comune di Pinasca DESTINAZIONE D USO: Scuola dell infanzia DESCRIZIONE DELL UNITA OPERATIVA CLASSIFICAZIONE DI ANTINCENDIO (D.M ): TIPO 0 (fino a 100 persone) VALUTAZIONE DEL INCENDIO (D.M All. IX): Rischio d Incendio BASSO ANNO DI COSTRUZIONE: successiva al 1975 DOCUMENTAZIONE: Certificato collaudo statico del 2004 Certificato agibilità Piano di miglioramento antisismico con agibilità parziale del 2004 Autorizzazione igienico-sanitaria del 2004 Dichiarazione conformità impianti elettrici (L. 37/08 o L. 46/90) del 04 PRESENTE NON PRESENTE DA RINNOVARE Copia denuncia/verifica impianto di messa a terra del 2010 Certificazione in merito all assenza di amianto del 2012 eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

13 Pag. 13 di 32 PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Il piano di emergenza e evacuazione viene redatto dalla scuola, aggiornato e verificato con puntualità. Accanto alle tavole sono sistemate le indicazioni sulle norme di comportamento da seguire in caso di emergenza e l indicazione dei nominativi degli addetti per la classe interessata. Ogni anno viene verificato e aggiornato l organigramma degli addetti oltre all organizzazione interna delle singole classi (aprifila, chiudifila etc.). SPAZI COLLETTIVI AD USO LAVORATIVO - DIMENSIONE E COMFORT Aule altezza: ubicazione: salubrità e ricambio d aria: arredi: illuminazione: abbagliamento: pavimentazione: superficie minima per alunno: corretto sufficienti sufficiente controllato VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DELL UNITA OPERATIVA Integrazione dell impianto elettrico esistente laddove necessario per collegare alla rete elettrica in maniera adeguata gli apparecchi presenti senza l uso di prolunghe, ciabatte e spine multiple. Elettrocuzione EP I ripostigli sono privi di aerazione Verificare l efficienza dei rilevatori di fumo nei ripostigli (per esempio quello a piano terra vicino all ingresso privo della mascherina di protezione) Verifica del quantitativo e distribuzione di estintori presenti nell edificio: attualmente non risulta un estintore per piano. Incendio, adeguamento alle norme Barriere architettoniche Manutenzione, messa a norma EP Riordino e dismissione del materiale in disuso e/o in eccesso nel ripostiglio sottoscala Incendio, adeguamento alle norme Barriere architettoniche Manutenzione, messa a norma DDL eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

14 Pag. 14 di 32 Fissare a muro gli arredi e le scaffalature scalabili e/o a rischio di ribaltamento (si vedano per esempio gli armadietti dei bambini o l armadio nella saletta computer) Individuare opportuno sistema di protezione della finestra lungo le scale interne che ha il davanzale facilmente scalabile Manutenzione periodica dei giochi esterni in legno atti ad evitare scagliette di legno Fissare con nuovi tasselli il canestro esterno attualmente mobile e instabile Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, bruciature Manutenzione EP Manutenzione periodica della sabbiera esterna e predisposizione di idoneo sistema di chiusura per impedire il deposito di escrementi animali Intossicazione Procedure interne EP Chiusura permanente dei depositi di materiale per le pulizie. Intossicazione Procedure interne DDL PRIORITA INDIVIDUATE Verificare l efficienza dei rilevatori di fumo nei ripostigli (per esempio quello a piano terra vicino all ingresso privo della mascherina di protezione) Verifica del quantitativo e distribuzione di estintori presenti nell edificio: attualmente non risulta un estintore per piano. eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

15 Pag. 15 di UNITA OPERATIVA 4 Scuola primaria Hurbinek - SUCCURSALE ENTE PROPRIETARIO: Comune di Pinasca DESCRIZIONE DELL UNITA OPERATIVA DESTINAZIONE D USO: Istituto di istruzione di I grado Scuola primaria CLASSIFICAZIONE DI ANTINCENDIO (D.M ): TIPO 1 (da 101 a 300 persone) VALUTAZIONE DEL INCENDIO (D.M All. IX): Rischio d Incendio MEDIO ANNO DI COSTRUZIONE: precedente al 1975 DOCUMENTAZIONE: Certificato collaudo statico del 1963 Certificato collaudo statico dell ampliamento del 2011 Piano di miglioramento antisismico con agibilità parziale del 2011 Certificato Prevenzione Incendi Esame progetto approvato nel 2005 Certificato agibilità Autorizzazione igienico-sanitaria del 1992 Dichiarazione conformità impianti elettrici (L. 37/08 o L. 46/90) del 11 Copia denuncia/verifica impianto di messa a terra del 2010 Certificazione in merito all assenza di amianto del 2012 PRESENTE NON PRESENTE DA RINNOVARE eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

16 Pag. 16 di 32 PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Il piano di emergenza e evacuazione viene redatto dalla scuola, aggiornato e verificato con puntualità. Accanto alle tavole sono sistemate le indicazioni sulle norme di comportamento da seguire in caso di emergenza e l indicazione dei nominativi degli addetti per la classe interessata. Ogni anno viene verificato e aggiornato l organigramma degli addetti oltre all organizzazione interna delle singole classi (aprifila, chiudifila etc.). SPAZI COLLETTIVI AD USO LAVORATIVO - DIMENSIONE E COMFORT Aule altezza: ubicazione: salubrità e ricambio d aria: arredi: illuminazione: abbagliamento: pavimentazione: superficie minima per alunno: corretto sufficienti sufficiente controllato VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DELL UNITA OPERATIVA Infittire il parapetto lungo il camminamento di ingresso nel cortile Installare il mancorrente lungo i tre scalini esterni che dall atrio portano al cortile Individuare opportuno sistema di aerazione del ripostiglio aula pittura Sostituire il pannello safe crash rotto nell idrante dell atrio Verificare la compartimentazione e chiarire il carico di incendio del magazzino comunale al piano seminterrato dell edificio scolastico Incendio, adeguamento alle norme Barriere architettoniche Manutenzione, messa a norma EP Generale riordino e dismissione del materiale in eccesso e/o in disuso nell aula pittura e nel relativo ripostiglio Divieto di deposito di qualsiasi genere nelle bussole della mensa Eliminare qualunque materiale o piante in vaso dai davanzali che impediscono la completa apertura delle finestre Incendio, adeguamento alle norme Barriere architettoniche Manutenzione, messa a norma DDL eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

17 Pag. 17 di 32 Individuare ed eliminare la causa di infiltrazione dall alto nella bussola d ingresso Comfort insufficiente Manutenzione EP Fissare a muro la lavagna nell aula polifunzionale Messa in sicurezza dello scaffale nel ripostiglio dell aula pittura che nonostante sia fissato nella parte alta, a causa delle sue dimensioni risulta malfermo nella parte bassa Protezione degli spigoli vivi in particolare delle aree comuni: si veda per esempio il copritermosifone metallico malfermo nell atrio Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, bruciature Manutenzione EP Segnalare in maniera efficace i dislivelli all accesso della mensa Impedire la sosta dello scuolabus nello spazio tra la mensa e la scuola Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, bruciature Manutenzione DDL Manutenzione periodica della sabbiera esterna e predisposizione di idoneo sistema di chiusura per impedire il deposito di escrementi animali Intossicazione Procedure interne EP Chiusura permanente dei depositi di materiale per le pulizie. Intossicazione Procedure interne DDL Installare opportuno sistema di controllo sull uscita di sicurezza della classe 3 che apre direttamente su spazio pubblico Accesso / uscita scarsamente controllati Procedure di controllo e di intervento attuate dai collaboratori scolatici EP eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

18 Pag. 18 di 32 PRIORITA INDIVIDUATE Infittire il parapetto lungo il camminamento di ingresso nel cortile Verificare la compartimentazione e chiarire il carico di incendio del magazzino comunale al piano seminterrato dell edificio scolastico Impedire la sosta dello scuolabus nello spazio tra la mensa e la scuola Installare opportuno sistema di controllo sull uscita di sicurezza della classe 3 che apre direttamente su spazio pubblico eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

19 Pag. 19 di UNITA OPERATIVA 5 Scuola primaria di Inverso Pinasca- SUCCURSALE ENTE PROPRIETARIO: Comune di Inverso Pinasca DESCRIZIONE DELL UNITA OPERATIVA DESTINAZIONE D USO: Istituto di istruzione di I grado Scuola primaria CLASSIFICAZIONE DI ANTINCENDIO (D.M ): TIPO 0 (fino a 100 persone) VALUTAZIONE DEL INCENDIO (D.M All. IX): Rischio d Incendio BASSO ANNO DI COSTRUZIONE: precedente al 1975 DOCUMENTAZIONE: Certificato collaudo statico del 1970 Verifica sismica negativa del 2010 Certificato agibilità Autorizzazione igienico-sanitaria Dichiarazione conformità impianti elettrici (L. 37/08 o L. 46/90) Copia denuncia/verifica impianto di messa a terra del 2012 Certificazione in merito all assenza di amianto del 2000 PRESENTE NON PRESENTE DA RINNOVARE eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

20 Pag. 20 di 32 PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Il piano di emergenza e evacuazione viene redatto dalla scuola, aggiornato e verificato con puntualità. Accanto alle tavole sono sistemate le indicazioni sulle norme di comportamento da seguire in caso di emergenza e l indicazione dei nominativi degli addetti per la classe interessata. Ogni anno viene verificato e aggiornato l organigramma degli addetti oltre all organizzazione interna delle singole classi (aprifila, chiudifila etc.). SPAZI COLLETTIVI AD USO LAVORATIVO - DIMENSIONE E COMFORT Aule altezza: ubicazione: salubrità e ricambio d aria: arredi: illuminazione: abbagliamento: pavimentazione: superficie minima per alunno: corretto sufficienti sufficiente controllato VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DELL UNITA OPERATIVA Integrazione dell impianto elettrico esistente laddove necessario per collegare alla rete elettrica in maniera adeguata gli apparecchi presenti senza l uso di prolunghe, ciabatte e spine multiple. Elettrocuzione EP Installare un mancorrente aggiuntivo sulla scala esterna di accesso Incendio, adeguamento alle norme Barriere architettoniche Manutenzione, messa a norma EP Generale riordino e dismissione del materiale in eccesso e/o in disuso nei ripostigli Incendio, adeguamento alle norme Barriere architettoniche Manutenzione, messa a norma DDL Tracciare con pavimentazione il percorso attualmente su prato che parte dalla scala di emergenza esterna: in caso di pioggia si trasforma in breve in pantano eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

21 Pag. 21 di 32 Individuare ed eliminare le cause di infiltrazioni d acqua dal tetto e sostituire in seguito le formelle di controsoffitto ammalorate Comfort insufficiente Manutenzione EP Installare idonea protezione/parapetto lungo il dislivello su prato antistante la scala di emergenza esterna Il pavimento risulta discontinuo tra la bussola d ingresso e l atrio e sul pianerottolo delle scale interne al piano intermedio Fissare adeguatamente il mancorrente centrale delle scale interne che agli estremi oscilla vistosamente Innalzamento a protezione contro la scalabilità del davanzale della finestra nel bagno dei maschi. Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, bruciature Manutenzione EP Verifica e monitoraggio delle crepe esterne in facciata Cedimento strutturale Chiusura permanente dei depositi di materiale per le pulizie Manutenzione, verifica strutturale EP Intossicazione Procedure interne DDL Installare chiusura elettrificata e impianto citofonico sul cancelletto esterno Accesso / uscita scarsamente controllati Procedure di controllo e di intervento attuate dai collaboratori scolatici EP PRIORITA INDIVIDUATE Tracciare con pavimentazione il percorso attualmente su prato che parte dalla scala di emergenza esterna: in caso di pioggia si trasforma in breve in pantano Installare idonea protezione/parapetto lungo il dislivello su prato antistante la scala di emergenza esterna Innalzamento a protezione contro la scalabilità del davanzale della finestra nel bagno dei maschi. Installare chiusura elettrificata e impianto citofonico sul cancelletto esterno eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 1 2 3 Ossido carbonio 4 Normale Ordinamento Codice civile Codice Penale Leggi speciali Legge 1083/71 D.P.R. 412/93 -> D.Lgs. 192/05 DM 37/08 5 Premessa: L incontro ha lo scopo di illustrare le principali

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Il vetro nell architettura

Il vetro nell architettura Opuscolo tecnico Il vetro nell architettura upi Ufficio prevenzione infortuni Uso sicuro del vetro nell edilizia Nell architettura moderna il vetro non è utilizzato soltanto per le finestre, bensì come

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00

REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00 REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE Sede di- BASSANO DEL GRAPPA (VI) Via Cereria, 15 tel. 0424 885500 - fax

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

Premessa. Gli scopi del presente documento sono:

Premessa. Gli scopi del presente documento sono: Premessa La società EUR Congressi Roma S.r.l. (di seguito Committente) in un ottica di Global Service ha affidato alla Marcopolo S.p.a., mediante contratto di servizio, la gestione dei servizi di Facility

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DEL COMUNE DI CERIANO LAGHETTO E SERVIZI AUSILIARI - PERIODO 01/01/2011 31/12/2013 (CIG 058147692A) ART. 1 - OGGETTO

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 STRUTTURE PULIZIA AMBIENTI 12 10 8 6 4 2 servizio di pulizia efficiente 10 0,0 AMBIENTI ADEGUATI ALLA FUNZIONE 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 AMBIENTI

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

Magnifici focolari. Il tutto, ovviamente, contrassegnato dal marchio Svanen, per una scelta consapevole a favore dell ambiente.

Magnifici focolari. Il tutto, ovviamente, contrassegnato dal marchio Svanen, per una scelta consapevole a favore dell ambiente. Handöl 26 Magnifici focolari Handöl 26T e Handöl 26K sono le prime stufe di grandi dimensioni della serie Handöl 20. Un magnifico focolare di produzione svedese per tutti coloro che sono alla ricerca di

Dettagli

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti PROCEDURA DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA, IGIENE AMBIENTALE E FACCHINAGGIO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI UFFICI DELL

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Enrico Bernardi e Michele Cannata www.anticaduta.com* Le necessità di manutenzione oppure di accesso a vario titolo ad una coperutra determinano importanti problemi

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003

Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003 Cadute dall alto Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003 ATTUA la direttiva 2001/45/CE relativa ai requisiti minimi di sicurezza e di salute per l'uso delle attrezzature di

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli