FILE: tipo operazione Istruì. prototipo esempi lettura di un carattere fgetc Int fgetc(file *flusso) Vedi sotto

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FILE: tipo operazione Istruì. prototipo esempi lettura di un carattere fgetc Int fgetc(file *flusso) Vedi sotto"

Transcript

1 FILE: tipo operazione Istruì. prototipo esempi lettura di un carattere fgetc Int fgetc(file *flusso) Vedi sotto alla volta Scrittura di un fputc Int fputc(int ch, FILE *flusso); carattere alla volta Lettura di una linea alla volta fgets Char fgets(char *str, int num, FILE *flusso); fgets(str,sizeof(),fp) vedi sotto Scrittura di una linea fputs Int fputs(const char *str, FILE *flusso); vedere dopo alla volta Lettura di un record (lunghezza fissa) fread Size_t fread(void *buffer, size_t num_byte, size_t contatore, FILE *fp) Scrittura di un record(ll fissa) fwrite Size_t fwrite(void *buffer, size_t num_byte, size_t contatore, FILE *fp) Lettura non strutturata (campo a fscanf Int fscanf(file *fp, const char * stringa di controllo, ) campo) Scrittura non fprintf Int fprintf(file *fp, const char * stringa di strutturata controllo, ) Accesso diretto allo i- fseek Int fseek(file *fp, long num_byte, int origine); esimo record Origine : SEEK_SET oppure 0 SEEK_CURR oppure 1 SEEK_END oppure 2 Apertura del file fopen FILE *fopen(const char*fname, const char fp = fopen(argv[1], a+ ) *mode); Chiusura del file fclose Int fclose(file *flusso) Cancellazione del file remove Int remove(char *nomefile) remove(argv[1]) Condizione di fine file feof Int feof(file *fp) While (!feof(fp)) 1) Lettura di un file un carattere alla volta a).. FILE *fpin; int c; /* dichiarato di tipo int per poter testare EOF */. while ((c=fgetc(fpin)!= EOF) Il valore EOF viene restituito anche nel caso in cui fgetc( ) incontri un errore. Se lavorate con file binari dovete usare la funzione ferror( ) per controllare un'eventuale condizione di errore nell'accesso al file.. Questo programma legge e mostra sullo schermo il contenuto di un file di tipo testo: main(int argc, char *argv[l) char ch; if((fp=fopen(argv[1], r"))==null printf'( il file non può essere aperto\n"); while((ch=fgetc(fp))!=eof)

2 printf"%c",ch); b) char ch; ch=fgetc(fp); while(ch!=eof) putchar(ch); ch = fgetc(fp); c) do ch = fgetc(fp); while (ch!= EOF); 1b) scrittura di un carattere alla volta. int fputc(int ch, FILE *flusso); La funzione fputc() scrive nel flusso specificato il carattere ch alla posizione corrente del file e poi incrementa l indicatore di posizione. Sebbene ch sia dichiarato come intero, la funzione fputc( ) lo converte in un unsìgned char. Poiché tutti gli argomenti di tipo carattere sono convertiti in interi alla chiamata della funzione, generalmente vengono usate come argomenti le variabili di tipo carattere. Se viene usalo un intero, viene scartato il byte più significativo. Il valore restituito da fputc( ) è quello del carattere scritto. Se si verifica un errore, la funzione restituisce EOF. Per i file dì tipo binario, il carattere EOF può essere considerato valido e bisogna quindi utilizzare la funzione ferror( ) per determinare un'eventuale condizione di errore. 2) Lettura di un file una linea alla volta char *fgets(char *buffer, int n,file *fpin); #define MAXSTR 81.. char buff[maxstr +1]; while (fgets(buff, MAXSTR,fpin)!= NULL). La funzione fgets() legge una stringa dal flusso specificato fino alla lettura di un new line o di lung 1 caratteri. Eventuali caratteri new line vengono memorizzati nella stringa ( a differenza di gets()) e la stringa risultante viene terminata da un carattere nullo. La funzione restituisce un puntatore a str o un puntatore nullo nel case di errore. La funzione fgets legge una linea ( con un massimo di caratteri pari a n meno 1) dal file e pone la linea in buffer. La linea viene terminata da un \n o da EOF. Alla linea o agli n caratteri contenuti in buffer viene aggiunto un terminatore di stringa

3 Questo programma usa la funzione fgets( ) per mostrare sullo schermo il contenuto di un file di tipo testo specificato nella riga di comando. void mainint argc, char *argv[]) char str[128]; if(fp=fopen(argv[1],"r ))==NULL) printf("il file non può essere aperto\n"); while((!feof(fp)) il (fgets(str,126,fp)) printf"%s.str); 2b) scrittura di una linea alla volta «include "stdio.h" int fputs(const char *str, FILE *flusso); La funzione fputs( ) scrive il contenuto della stringa puntata da str nel flusso specificato. Il terminatore NULL non viene scritto. La funzione fputs( ) restituisce 0 se la chiamata ha successo, altrimenti il valore EOF. Se il flusso è aperto con modalità di tipo testo, la funzione può effettuare alcune conversioni di caratteri. Ciò significa che può non esserci una corrispondenza uno a uno tra la stringa e il file. Viceversa, se il file viene aperto in modalità binaria. non si verifica alcuna traduzione di caratteri e c'è una corrispondenza uno a uno tra la stringa e il file. Questa istruzione scrive la stringa Questa è una prova sul flusso a cui punta fp: fputs("questa è una prova",fp); 3) Lettura di un file in parti di dimensioni fissate size_t fread(void *buffer,size_t num_byte,size_ contatore, FILE *fp); il valore restituito da fread e il numero di elementi letti. Il valore di ritorno sara minore o uguale a numero in caso di errore o se viene letto il carattere di fine file 4) La funzione FEOF() prototipo int feof(file *fp) La funzione feof() consente di verificare la condizione di fine file per una lettura di file binari e di testo La funzione restituisce il valore vero alla fine del file e zero altrimenti while(!feof(fp)) fgets(str,79,fp); printf(str); 5) la funzione fscanf() e fprintf() Nel sistema di I/O bufferizzato sono comprese anche fprintf() e fscanf( ), che si comportano esattamente come le funzioni printf( ) e scanf( ), con l'eccezione che lavorano su file su disco. Il loro prototipo generale è: ìnt fprintf(file *fp, const char *stringa_di_controtlo,...); ìnt fscanf(file *fp, const char *stringa_di_contrltlo,...); in cui, come sempre, fp è il puntatore restituito dall'apertura con fopen( ). fprìntf( ) e fscanf( ) dirigono le loro operazioni di I/O sul file a cui punta fp.

4 int fscanf(file *flusso, const char *format,...); La funzione fscanf( ) opera esattamente come scanf( ) ma legge l'informazione dal flusso specificato da flusso invece che da stdin. La funzione fscanf( ) restituisce il numero di argomenti ai quali è stato effettivamente assegnalo un valore e questo numero non comprende i campi saltali. Il valore EOF implica una condizione di errore precedente alla prima assegnazione. Le seguenti istruzioni leggono una stringa e un numero float dal flusso fp: char str[80]; float f; fscanf(fp, "%s%f",str, &f); int fprintf(file *flusso, const char *format,...); La funzione fprintf () stampa sul flusso specificato i valori degli argomenti compresi nell'elenco degli argomenti come richiesto nella stringa format. Il valore restituito è il numero di caratteri stampati realmente; se si verifica un errore, viene restituito un valore negativo. Le operazioni di stringa di controllo del formato e i comandi sono uguali a quelli delle funzioni printf( ) Questo programma crea un file chiamato testo e scrive nel file la stringa Questa è una prova , usando la funzione fprintf( ): void main(void) if((fp=fopen("testo","wb"))==null printf("ll file non può essere aperto\n"); fprintf(fp, "Questa è una prova %d %f, 10, 20.01); \ L'uso e l'utilità delle due funzioni è mostrato dal seguente esempio, che legge da tastiera una stringa e un intero, li scrìve in un file su disco, poi li legge dal file e li visualizza sullo schermo. / fscanf - fprintf: esempio */. # include "stdio.h" # include "io.h" void mainvoid) char s[80]; int t; if((fp=fopen("test", "w")) == NULL) printf("errore nell'apertura del file\n"); printf("inserisci una stringa e un numero: "); fscanf(stdin, "%s%d", s, &t); /* legge dalla tastiera */ fprintf(fp, "%s %d", s, t); /* scrive nel file */ if((fp=fopen( test","r")) == NULL) printf("errore nell'apertura del file ); fscanf(fp, "%s%d", s, &t); /* legge dal (ile */ fprintf(stdout, "%s %d", s. t); /* visualizza sullo schermo */

5 NOTA BENE: questo esempio scrive e legge un solo record OVVIAMENTE invece di usare fscanf per standard input si poteva usare scanf e invece di fprintf su standard output si poteva usare printf NOTA bene!!!!!!!! Fprintf e fscanf permettono di scrivere e leggere facilmente su file dati disomogenei ma non sono le istruzioni più efficienti. Infatti i dati sono in formato ASCII e non binari. Qualora siano richieste particolari esigente di velocità ed efficienza meglio ricorrere a fread() e ferite() GLI ARGOMENTI PRESENTI SULLA LINEA DI COMANDO UNIX>nome_eseguibile nome_file_1 nome_file_2 (sulle linea comandi in questo esempio sono stati digitati tre parametri) nel programmma C: void main(int argc, char *argv[ ]) argc contiene il numero di parametri presenti sulla linea di comando (3 nel nostro caso) argv[ ] e chiamato vettore degli argomenti ed e un array di puntatori a char esempio di utilizzo FILE *fpin, *fpout; void apri_file(int arcg, char *argv[ ]); void main (int argc, char *argv[ ]) apri_file(argc,argv); void apri_file(int argc, char *argv[ ]) if (argc!=3) printf( errore nel numero di parametri\n ; exit(exit_failure); if (fpin=fopen(argv[1], r ))==NULL) printf( errore nell apertura di %s \n, argv[1]; exit(exit_failure)

6

Input/output da file I/O ANSI e I/O UNIX FLUSSI E FILE FLUSSI FLUSSI di TESTO FLUSSI BINARI FILE

Input/output da file I/O ANSI e I/O UNIX FLUSSI E FILE FLUSSI FLUSSI di TESTO FLUSSI BINARI FILE Input/output da file Il linguaggio C non contiene istruzioni di I/O, in quanto tali operazioni vengono eseguite tramite funzioni di libreria standard. Questo approccio rende estremamente flessibile e potente

Dettagli

Operazioni su file di caratteri

Operazioni su file di caratteri Operazioni su file di caratteri Apertura fopen Chiusura fclose Scrittura fprintf Lettura fscanf Controllo fine file feof Prof. E. Occhiuto INFORMATICA 242AA a.a. 2010/11 pag. 1 Apertura di un file: Si

Dettagli

GESTIONE DEI FILE IN C. Docente: Giorgio Giacinto AA 2008/2009

GESTIONE DEI FILE IN C. Docente: Giorgio Giacinto AA 2008/2009 Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile - Strutture FONDAMENTI DI INFORMATICA 2

Dettagli

L accesso ai dispositivi esterni (tastiera, monitor, file,...) viene gestito mediante canali di comunicazione.

L accesso ai dispositivi esterni (tastiera, monitor, file,...) viene gestito mediante canali di comunicazione. I file L accesso ai dispositivi esterni (tastiera, monitor, file,...) viene gestito mediante canali di comunicazione. I canali, sono delle strutture dati che contengono informazioni sul dispositivo fisico,

Dettagli

La gestione dei file in C

La gestione dei file in C Gestione dei file La gestione dei file in C Il file è un astrazione molto ampia nella descrizione di un sistema informatico nastro di I/O supporto di comunicazione macchina/ambiente di ogni tipo (sensori,

Dettagli

Linguaggio C Gestione File

Linguaggio C Gestione File Gestione File: Il file è l'unità logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa, che consente una memorizzazione persistente dei dati non limitata dalle dimensioni della memoria centrale. Nel linguaggio

Dettagli

I files in C. A cura del prof. Ghezzi

I files in C. A cura del prof. Ghezzi I files in C A cura del prof. Ghezzi 1 Perchè i files? Realizzano la persistenza dei dati dati che sopravvivono all esecuzione del programma Sono delle strutture di dati sequenziali 2 Files e S.O. I files

Dettagli

Gestione dei file. Linguaggio ANSI C Input/Output - 13

Gestione dei file. Linguaggio ANSI C Input/Output - 13 Gestione dei file Necessità di persistenza dei file archiviare i file su memoria di massa. Un file è una astrazione fornita dal sistema operativo, il cui scopo è consentire la memorizzazione di informazioni

Dettagli

Linguaggio C: i file

Linguaggio C: i file Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica A - GES Prof. Plebani A.A. 2006/2007 Linguaggio C: i file La presente dispensa e da utilizzarsi ai soli fini didattici previa

Dettagli

Esercizi. I File ed il C

Esercizi. I File ed il C Politecnico di Milano Esercizi File di testo,, file binari I File ed il C Insieme omogeneo di dati, memorizzato su disco e caratterizzato da un nome La lunghezza di un file non è fissata a priori Astrazione

Dettagli

Gestione dei file. Stefano Ferrari. Università degli Studi di Milano Programmazione. anno accademico

Gestione dei file. Stefano Ferrari. Università degli Studi di Milano Programmazione. anno accademico Gestione dei file Stefano Ferrari Università degli Studi di Milano stefano.ferrari@unimi.it Programmazione anno accademico 2016 2017 Gli stream Si dice stream qualsiasi sorgente di dati in ingresso e qualsiasi

Dettagli

Gestione dei File C. Generalità

Gestione dei File C. Generalità Gestione dei File C 1 Generalità Il linguaggio C non contiene alcuna istruzione di Input/Output. Tali operazioni vengono svolte mediante chiamate a funzioni definite nella libreria standard contenute nel

Dettagli

Introduzione al C. Stream e disk file

Introduzione al C. Stream e disk file Introduzione al C Stream e disk file Stream Un canale è una sequenza di byte di dati Sorgente o destinazione di dati che possono essere associati ad un disco o ad altre periferiche Due tipi di stream:

Dettagli

I File. Il file e` l'unita` logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa.

I File. Il file e` l'unita` logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa. I File Il file e` l'unita` logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa. Consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centrale. Generalmente un

Dettagli

Introduzione al C. Unità 9 File. D. Bloisi, S. Peluso, A. Pennisi, S. Salza

Introduzione al C. Unità 9 File. D. Bloisi, S. Peluso, A. Pennisi, S. Salza Corso di Fondamenti di Informatica Ingegneria delle Comunicazioni BCOR Ingegneria Elettronica BELR Introduzione al C Unità 9 File D. Bloisi, S. Peluso, A. Pennisi, S. Salza Sommario Input/Output Stream

Dettagli

Gestione dei File. dischi nastri cd

Gestione dei File. dischi nastri cd Gestione dei File Per mantenere disponibili i dati tra le diverse esecuzioni di un programma, questi si devono archiviare in file su memoria di massa (dati persistenti): dischi nastri cd Un file è un astrazione

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Operativi primavera 2009

Laboratorio di Sistemi Operativi primavera 2009 primavera 2009 Libreria standard di I/O Libreria standard di I/O rientra nello standard ANSI C perché è stata implementata su molti sistemi operativi oltre che su UNIX le sue funzioni individuano il file

Dettagli

Programmazione C Massimo Callisto De Donato

Programmazione C Massimo Callisto De Donato Università degli studi di Camerino Scuola di scienze e tecnologia - Sezione Informatica Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto LEZIONE

Dettagli

Capitolo 5 -- Stevens

Capitolo 5 -- Stevens Libreria standard di I/O Capitolo 5 -- Stevens Libreria standard di I/O rientra nello standard ANSI C perché è stata implementata su molti sistemi operativi oltre che su UNIX le sue funzioni individuano

Dettagli

DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA E INFORMAZIONE. File. Marco D. Santambrogio Ver. aggiornata al 15 Maggio 2013

DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA E INFORMAZIONE. File. Marco D. Santambrogio Ver. aggiornata al 15 Maggio 2013 File Marco D. Santambrogio marco.santambrogio@polimi.it Ver. aggiornata al 15 Maggio 2013 Obiettivi Alcuni problemi aperti Il main() Allocazione dinamica della memoria Il salvataggio dei dati File File

Dettagli

Gestione dei File in C

Gestione dei File in C Gestione dei File in C Maurizio Palesi DIIT Università di Catania Viale Andrea Doria 6, 95125 Catania mpalesi@diit.unict.it http://www.diit.unict.it/users/mpalesi Sommario In questo documento saranno introdotte

Dettagli

Suggerimenti, note utili ed errori comuni. Fondamenti di informatica T

Suggerimenti, note utili ed errori comuni. Fondamenti di informatica T Suggerimenti, note utili ed errori comuni Fondamenti di informatica T printf, scanf e stringhe di formato La lettura e scrittura di variabili in formato testo sono realizzate tramite printf e scanf sfruttando

Dettagli

I file Laboratorio di Linguaggi di Programmazione a.a. 2001/2002

I file Laboratorio di Linguaggi di Programmazione a.a. 2001/2002 I file Laboratorio di Linguaggi di Programmazione a.a. 2001/2002 dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Sommario Generalità sui file in C I file ad accesso sequenziale I file di testo Riferimenti

Dettagli

file fisico file logico

file fisico file logico I files Un file è una struttura di dati residente su una memoria di massa (file fisico) Un programma vede un file come una sequenza di bytes (file logico) Generalizzando, un file può comprendere qualsiasi

Dettagli

DOTT. ING. LEONARDO RIGUTINI DIPARTIMENTO INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE UNIVERSITÀ DI SIENA VIA ROMA 56 53100 SIENA UFF. 0577234850-7102 RIGUTINI@DII

DOTT. ING. LEONARDO RIGUTINI DIPARTIMENTO INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE UNIVERSITÀ DI SIENA VIA ROMA 56 53100 SIENA UFF. 0577234850-7102 RIGUTINI@DII Gestione dei files DOTT. ING. LEONARDO RIGUTINI DIPARTIMENTO INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE UNIVERSITÀ DI SIENA VIA ROMA 56 53100 SIENA UFF. 0577234850-7102 RIGUTINI@DII.UNISI.IT HTTP://WWW.DII.UNISI.IT/~RIGUTINI/

Dettagli

I file. un file è una sorgente/destinazione di dati per diversi attori

I file. un file è una sorgente/destinazione di dati per diversi attori I file Il file è un astrazione molto ampia nella descrizione di un sistema informatico: Il concetto di file è uno snodo fondamentale di flussi di informazione anche tra applicazioni diverse un file è una

Dettagli

File binari e file di testo

File binari e file di testo I file File binari e file di testo distinzione tra file binari file di testo si possono usare funzioni diverse per la gestione di tipi di file diversi Programmazione Gestione dei file 2 File binari e file

Dettagli

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 13/03/07 Nota Questi lucidi sono tratti

Dettagli

Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 30/11/2011

Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 30/11/2011 Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 30/11/2011 Raffaele Nicolussi FUB - Fondazione Ugo Bordoni Via del Policlinico, 147 00161 Roma I/O in C Il sistema di I/O del C è una interfaccia uniforme

Dettagli

Gestione dei File. Indice. Il file system in C. Principali operazioni sui file (dalla Standard Library) Esempi. Corso di Informatica A.

Gestione dei File. Indice. Il file system in C. Principali operazioni sui file (dalla Standard Library) Esempi. Corso di Informatica A. Gestione dei File Corso di Informatica A Vito Perrone 1 Il file system in C Indice Principali operazioni sui file (dalla Standard Library) Esempi 2 Il file system in C Flusso di comunicazione: binario

Dettagli

I File. Consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centarle.

I File. Consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centarle. I File Il file e l unita logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa. Consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centarle. Generalmente un file

Dettagli

Le strutture. Una struttura C è una collezione di variabili di uno o più tipi, raggruppate sotto un nome comune.

Le strutture. Una struttura C è una collezione di variabili di uno o più tipi, raggruppate sotto un nome comune. Le strutture Una struttura C è una collezione di variabili di uno o più tipi, raggruppate sotto un nome comune. Dichiarazione di una struttura: struct point { int x; int y; }; La dichiarazione di una struttura

Dettagli

Librerie C. Corso di Linguaggi e Traduttori 1 AA Corso di Linguaggi e Traduttori 1 AA stdio.h

Librerie C. Corso di Linguaggi e Traduttori 1 AA Corso di Linguaggi e Traduttori 1 AA stdio.h Corso di Linguaggi e Traduttori 1 AA 2004-05 1 Corso di Linguaggi e Traduttori 1 AA 2004-05 stdio.h 2 Funzioni comuni di I/O? Le piu' comuni funzioni che permettono I/O sono getchar() e putchar():? int

Dettagli

I file possono essere manipolati (aperti, letti, scritti ) all interno di programmi C. dischi nastri cd

I file possono essere manipolati (aperti, letti, scritti ) all interno di programmi C. dischi nastri cd Per poter mantenere disponibili i dati tra le diverse esecuzioni di un programma (persistenza dei dati) è necessario poterli archiviare su memoria di massa. dischi nastri cd GESTIONE DEI FILE I file possono

Dettagli

Scrittura formattata - printf

Scrittura formattata - printf Esercizi su Input/Output con formato FormattedIO 1 Scrittura formattata - printf Funzione printf int printf ( , ) La funzione restituisce un valore intero uguale ai caratteri

Dettagli

Indice. La gestione dei file in C e gli stream. Apertura e chiusura di un file. Operazioni sui file. Accesso sequenziale e non sequenziale

Indice. La gestione dei file in C e gli stream. Apertura e chiusura di un file. Operazioni sui file. Accesso sequenziale e non sequenziale File in C Indice La gestione dei file in C e gli stream Apertura e chiusura di un file Operazioni sui file Accesso sequenziale e non sequenziale Gestione dei file in C In C all interno della standard library

Dettagli

Sulla libreria standard, III. Manipolare file con stdio.h

Sulla libreria standard, III. Manipolare file con stdio.h Sulla libreria standard, III Manipolare file con stdio.h 1 Libreria per input/output Con libreria si intende una collezione di sottoprogrammi che vengono utilizzati per lo sviluppo di software non eseguibili,

Dettagli

Librerie C. Corso di Linguaggi e Traduttori 1 AA

Librerie C. Corso di Linguaggi e Traduttori 1 AA Corso di Linguaggi e Traduttori 1 AA 2004-05 1 Corso di Linguaggi e Traduttori 1 AA 2004-05 stdio.h 2 Funzioni comunidi I/O? Le piu' comuni funzioni che permettono I/O sono getchar() e putchar():? int

Dettagli

Introduzione. L elaborazione dei files in C. Elaborazione dei files (1) Elaborazione dei files (2) D.D. cap. 11+ pp K.P. pp.

Introduzione. L elaborazione dei files in C. Elaborazione dei files (1) Elaborazione dei files (2) D.D. cap. 11+ pp K.P. pp. Introduzione L elaborazione dei files in C D.D. cap. 11+ pp. 569-572 K.P. pp. 581-583 La memorizzazione dei dati nelle variabili e nei vettori è temporanea: tutti quei dati andranno persi quando il programma

Dettagli

C: panoramica. Violetta Lonati

C: panoramica. Violetta Lonati C: panoramica Violetta Lonati Università degli studi di Milano Dipartimento di Scienze dell Informazione Laboratorio di algoritmi e strutture dati Corso di laurea in Informatica AA 2009/2010 Violetta Lonati

Dettagli

GESTIONE DEI FILE IN C

GESTIONE DEI FILE IN C GESTIONE DEI FILE IN C Il concetto di file.. è una parte logicamente contigua del contenuto di un dispositivo! Deve essere capace di memorizzare grandi quantità di dati! I dati memorizzati devono sopravvivere

Dettagli

SOMMARIO SU LETTURA E SCRITTURA (I/O) DEGLI STANDARD FILES

SOMMARIO SU LETTURA E SCRITTURA (I/O) DEGLI STANDARD FILES SOMMARIO SU LETTURA E SCRITTURA (I/O) DEGLI STANDARD FILES Con conversione di formato: int scanf (const char *format,... ) /* ritorna il numero di argomenti assegnati con successo altrimenti EOF se fine

Dettagli

Matrici, stringhe e I/O da file

Matrici, stringhe e I/O da file Memory Leakage (I) Se si perde il valore di un puntatore di una zona di memoria allocata, quella memoria non e piu utilizzabile dal processo e non e piu liberabile : rimane quindi proprieta del processo

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica A-K. Fondamenti di Informatica A. A Gestione dei File. A.Pinto

Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica A-K. Fondamenti di Informatica A. A Gestione dei File. A.Pinto Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica A-K Fondamenti di Informatica A. A. 2011-2012 1 Memorizzazione dei dati su dispositivi di memoria esterna Dispositivi di memorizzazione secondaria sono: dischi,

Dettagli

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File Linguaggio C: File I File Il file e` l'unita` logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa, che consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centrale.

Dettagli

Sono file di caratteri, organizzati in linee. Ogni linea è terminata da un marcatore di fine linea (newline, carattere \n ).

Sono file di caratteri, organizzati in linee. Ogni linea è terminata da un marcatore di fine linea (newline, carattere \n ). I file Il file è l unità logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa. Consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centrale. Generalmente un file

Dettagli

per leggere caratteri: getchar(void); Laboratorio di linguaggi

per leggere caratteri: getchar(void); Laboratorio di linguaggi Lettura e scrittura di caratteri per leggere caratteri: getchar(void); Laboratorio di linguaggi per scrivere caratteri: putchar(int); Le molte volte l input viene bufferizzato fino al tasto ENTER 1 2 Lettura

Dettagli

Gestione dei file. File di testo e binari

Gestione dei file. File di testo e binari Gestione dei file Un file e definito come un oggetto, presente nel file system, costituito da una sequenza continua di bytes Un file, per poter essere utilizzato, deve essere aperto Successivamente e possibile

Dettagli

Esercizi File Corso di Fondamenti di Informatica Ingegneria delle Comunicazioni BCOR Ingegneria Elettronica BELR

Esercizi File Corso di Fondamenti di Informatica Ingegneria delle Comunicazioni BCOR Ingegneria Elettronica BELR Corso di Fondamenti di Informatica Ingegneria delle Comunicazioni BCOR Ingegneria Elettronica BELR Domenico Daniele Bloisi Si ringrazia Raffaele Nicolussi Docenti Parte I prof. Silvio Salza salza@dis.uniroma1.it

Dettagli

Sommario FONDAMENTI DI INFORMATICA 1. Il tipo FILE. Passaggio da standard I/O. LINGUAGGIO C Gestione dei file

Sommario FONDAMENTI DI INFORMATICA 1. Il tipo FILE. Passaggio da standard I/O. LINGUAGGIO C Gestione dei file Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica (Industriale), Chimica, Meccanica, Elettrica FONDAMENTI DI INFORMATICA 1 http://www.diee.unica.it/~marcialis/fi1 A.A. 2010/2011

Dettagli

caratteri, immagini, suoni, ecc.

caratteri, immagini, suoni, ecc. Il linguaggio C Input e output I flussi di I/O L uso di buffer Apertura e chiusura di file Lettura e scrittura di dati La selezione di un metodo di I/O I/O non bufferizzato L accesso diretto a file Input

Dettagli

Input/Output. Lettura e scrittura Caratteri e Stringhe: Terminale e file. Input/output. caratteri stringhe formattato ascii binari

Input/Output. Lettura e scrittura Caratteri e Stringhe: Terminale e file. Input/output. caratteri stringhe formattato ascii binari Input/Output Lettura e scrittura Caratteri e Stringhe: Terminale e file Input/output console file caratteri stringhe formattato ascii binari Linguaggio ANSI C Input/Output - 1 La libreria standard del

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Cosa sono i file? Un file è un archivio di dati che puo essere registrato su un supporto di massa (testo, lettera, programma, archivio di dati, ecc.) Fondamenti di Informatica 12. Linguaggio C - Gestione

Dettagli

puntatori Lab. Calc. AA 2007/08 1

puntatori Lab. Calc. AA 2007/08 1 puntatori Lab. Calc. AA 2007/08 1 parametri delle funzioni (dalla lezione scorsa) gli argomenti in C vengono passati by value dalla funzione chiamante alla funzione chiamata la lista degli argomenti viene

Dettagli

Linguaggio C La libreria standard

Linguaggio C La libreria standard FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Ing. DAVIDE PIERATTONI Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Linguaggio C La libreria standard 2001 Pier Luca Montessoro - Davide Pierattoni

Dettagli

Capitolo 11 Elaborazione di file

Capitolo 11 Elaborazione di file 1 Capitolo 11 Elaborazione di file 11.1 Introduzione 2 I file Possono essere creati, modificati, ed elaborati da programmi scritti in C Sono utilizzati per la memorizzazione permanente dei dati La memorizzazione

Dettagli

Scope (visibilità) Scope di un identificatore

Scope (visibilità) Scope di un identificatore Scope (visibilità) Scope di un identificatore Lo scope (visibilità) di un identificatore è la porzione di codice in cui quell identificatore è definito e ha senso Se l identificatore si riferisce a una

Dettagli

int ninv; /* numero di inventario */

int ninv; /* numero di inventario */ 1) Scrivere il programma C che legga da un file di testo ("dati.dat") i record con dati relativi ad un archivio di dischi (utilizzando la struttura data) e scriva il file dati1.dat con i nomi degli artisti

Dettagli

Sono file di caratteri, organizzati in linee. Ogni linea e` terminata da una marca di fine linea (newline, cara ttere '\n').

Sono file di caratteri, organizzati in linee. Ogni linea e` terminata da una marca di fine linea (newline, cara ttere '\n'). I File Il file e` l'unita` logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa. Consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centrale. Generalmente un

Dettagli

LP1 Lezione 13: i File in C. Maurizio Tucci

LP1 Lezione 13: i File in C. Maurizio Tucci LP1 Lezione 13: i File in C Maurizio Tucci mtucci@unisa.it 1 Il File: Dichiarazione Memorizzare dati in maniera non volatile In C (libreria ) è definito un tipo FILE che astrae il concetto di sequenza

Dettagli

Il linguaggio C I file. mylib.h contribuenti.txt. #include #define N 25 Paolucci,Enrico, 24000,23.0. fornitori.dat

Il linguaggio C I file. mylib.h contribuenti.txt. #include <stdio.h> #define N 25 Paolucci,Enrico, 24000,23.0. fornitori.dat Il linguaggio C I file mylib.c #include mylib.h int leggi(int a[], int dim) { int i=0; while( scanf("%d", a+i) ) { i++; if( i>=dim ) break; return i; void scambia(int *a, int *b) { int t; t = *a; *a =

Dettagli

I File. File. File di testo. Esempi di file di testo. Gestione di file in C. Gestione di file in C

I File. File. File di testo. Esempi di file di testo. Gestione di file in C. Gestione di file in C mylib.obj mylib.c #include mylib.h int leggi(int a[], int dim) { int i=0; while( scanf("%d", a+i) ) { i++; if( i>=dim ) break; return i; void scambia(int *a, int *b) { int t; t = *a; *a = *b; *b = t; mylib.h

Dettagli

GESTIONE DEI FILE. I file possono essere manipolati (aperti, letti, scritti ) all interno di programmi C. dischi nastri cd

GESTIONE DEI FILE. I file possono essere manipolati (aperti, letti, scritti ) all interno di programmi C. dischi nastri cd Per poter mantenere disponibili i dati tra le diverse esecuzioni di un programma (persistenza dei dati) è necessario poterli archiviare su memoria di massa. dischi nastri cd GESTIONE DEI FILE I file possono

Dettagli

Sono file di caratteri, organizzati in linee. Ogni linea è terminata da un marcatore di fine linea (newline, carattere '\n').

Sono file di caratteri, organizzati in linee. Ogni linea è terminata da un marcatore di fine linea (newline, carattere '\n'). I file Il file è l unità logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa. Consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centrale. Generalmente un file

Dettagli

Le strutture. Una struttura C è una collezione di variabili di uno o più tipi, raggruppate sotto un nome comune.

Le strutture. Una struttura C è una collezione di variabili di uno o più tipi, raggruppate sotto un nome comune. Le strutture Una struttura C è una collezione di variabili di uno o più tipi, raggruppate sotto un nome comune. Dichiarazione di una struttura: struct point { int x; int y; }; La dichiarazione di una struttura

Dettagli

Relativamente agli esempi sopra riportati, al termine dell esecuzione della funzione il file di uscita dovrà contenere quanto riportato a lato.

Relativamente agli esempi sopra riportati, al termine dell esecuzione della funzione il file di uscita dovrà contenere quanto riportato a lato. Corsi di laurea in Ingegnera Elettronica e Ingegneria Gestionale Fondamenti di Programmazione / Fondamenti di Informatica I Prova scritta del 2 febbraio 2016 Esercizio 1 (16 punti) Un file di testo contiene

Dettagli

Esercizio 1 (15 punti)

Esercizio 1 (15 punti) Esercizio 1 (15 punti) Corsi di laurea in Ingegnera Elettronica e Ingegneria Gestionale Fondamenti di Programmazione / Fondamenti di Informatica I Prova scritta del 16 giugno 2017 Il noto gioco MasterMind

Dettagli

FILE BINARI FILE BINARI

FILE BINARI FILE BINARI FILE BINARI Un file binario è una pura sequenza di byte, senza alcuna strutturazione particolare È un'astrazione di memorizzazione assolutamente generale, usabile per memorizzare su file informazioni di

Dettagli

Unità Didattica 5 Linguaggio C. Stringhe. Accesso a file ASCII. Strutture.

Unità Didattica 5 Linguaggio C. Stringhe. Accesso a file ASCII. Strutture. Unità Didattica 5 Linguaggio C Stringhe. Accesso a file ASCII. Strutture. 1 Stringhe Una stringa è una sequenza di caratteri (es: ciao, sd!n29dnqa ); In C non esiste una variabile di tipo stringa; Una

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Tecniche di input/output per l'accesso ai file

Fondamenti di Informatica. Tecniche di input/output per l'accesso ai file Corso di per il corso di Laurea di Ingegneria Meccanica Tecniche di input/output per l'accesso ai file Università degli Studi di Udine - A.A. 2010-2011 Docente Ing. Sandro Di Giusto Ph.D. 1 L'importanza

Dettagli

Input robusto. I/O Avanzato e File. Lettura da file. Input robusto. Esempio. Errori di formato

Input robusto. I/O Avanzato e File. Lettura da file. Input robusto. Esempio. Errori di formato Problemi nella lettura da file Soluzione basata su fgetc Funzione sscanf Soluzione basata su fgets I/O Avanzato e File 2 Lettura da file I file di testo contengono dati secondo un certo formato È semplice

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Struttura dati FILE. Motivazioni: memorie a confronto

Struttura dati FILE. Motivazioni: memorie a confronto Struttura dati FILE Motivazioni: memorie a confronto La memoria centrale (RAM) è tecnologia elettronica basata su Le memorie secondarie sono basate su tecnologie magnetiche (HD) o ottiche (CD, DVD) Conseguenze

Dettagli

Esercizio 1 (15 punti)

Esercizio 1 (15 punti) Esercizio 1 (15 punti) Corsi di laurea in Ingegnera Elettronica e Ingegneria Gestionale Fondamenti di Programmazione / Fondamenti di Informatica I Prova scritta del 30 giugno 2017 In un lontano paese da

Dettagli

Caratteri e stringhe

Caratteri e stringhe Caratteri e stringhe Caratteri Dato che un computer può memorizzare esclusivamente sequenze di bit, per memorizzare un carattere (e quindi testi) è necessario stabilire una convenzione che associa a un

Dettagli

Una stringa di caratteri in C è un array di caratteri terminato dal carattere '\0' a p e \0

Una stringa di caratteri in C è un array di caratteri terminato dal carattere '\0' a p e \0 STRINGHE: ARRAY DI CARATTERI Una stringa di caratteri in C è un array di caratteri terminato dal carattere '\0' s a p e \0 0 1 2 3 Un vettore di N caratteri può dunque ospitare stringhe lunghe al più N-1

Dettagli

Input/output in C e in C++

Input/output in C e in C++ FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Ing. DAVIDE PIERATTONI Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Input/output in C e in C++ 2001 Pier Luca Montessoro - Davide Pierattoni

Dettagli

File e puntatori a file

File e puntatori a file File e puntatori a file Vitoantonio Bevilacqua vitoantonio.bevilacqua@poliba.it La libreria stdio.h mette a disposizione delle funzioni che hanno la peculiarità di trattare con questa nuova tipologia di

Dettagli

Un file è un astrazione di memorizzazione di dimensione potenzialmente illimitata (ma non infinita), ad accesso sequenziale.

Un file è un astrazione di memorizzazione di dimensione potenzialmente illimitata (ma non infinita), ad accesso sequenziale. IL CONCETTO DI FILE Un file è una astrazione fornita dal sistema operativo, il cui scopo è consentire la memorizzazione di informazioni su memoria di massa. Concettualmente, un file è una sequenza di registrazioni

Dettagli

Struttura dati FILE. Concetto di FILE

Struttura dati FILE. Concetto di FILE Struttura dati FILE Concetto di FILE Per poter mantenere disponibili dei dati tra diverse esecuzioni di un programma (PERSISTENZA dei dati), è necessario poterli archiviare su memoria di massa. Un file

Dettagli

Fondamenti di Informatica 2

Fondamenti di Informatica 2 Fondamenti di Informatica 2 della prova scritta del 28 Febbraio 2006 Esercizio 1 (4 punti) Date le seguenti variabili int A[] = 2,3,7,-2,5,8,-4; int N = 7; int min = 3; int i; Scrivere la porzione di codice

Dettagli

I/O in linguaggio C. I/O di caratteri e stringhe

I/O in linguaggio C. I/O di caratteri e stringhe I/O in linguaggio C Funzioni di I/O p. 1 I/O di caratteri e stringhe Tutti i caratteri stampabili sono rappresentabili dal tipo char. Le costanti di tipo char possono essere specificate da un valore numerico

Dettagli

APPELLO SCRITTO DI PROGRAMMAZIONE 1 CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO 2013 2014 20.VI.2014

APPELLO SCRITTO DI PROGRAMMAZIONE 1 CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO 2013 2014 20.VI.2014 APPELLO SCRITTO DI PROGRAMMAZIONE 1 CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO 2013 2014 20.VI.2014 VINCENZO MARRA Indice Esercizio 1 1 Leggere stringhe e caratteri 1 Esercizio 2 2

Dettagli

Fondamenti di Programmazione

Fondamenti di Programmazione Fondamenti di Programmazione Ingegneria dell Automazione Industriale Ingegneria Elettronica e delle Comunicazioni Alessandro Saetti Marco Sechi e Andrea Bonisoli (email: alessandro.saetti,marco.sechi,andrea.bonisoli@unibs.it)

Dettagli

Introduzione al C. Unità 8 Stringhe

Introduzione al C. Unità 8 Stringhe Corso di Fondamenti di Informatica Ingegneria delle Comunicazioni BCOR Ingegneria Elettronica BELR Introduzione al C Unità 8 Stringhe D. Bloisi, A. Pennisi, S. Peluso, S. Salza Sommario Unità 8 Array di

Dettagli

Sommario. Manipolazione sequenziale di file in C Funzioni di base per I/O di file

Sommario. Manipolazione sequenziale di file in C Funzioni di base per I/O di file File Input/Output 1 Sommario Manipolazione sequenziale di file in C Funzioni di base per I/O di file 2 Manipolazione di file I file devono essere aperti prima dell uso Associa un puntatore a file a ogni

Dettagli

GESTIONE DEI FILE persistenza archiviare file astrazione fornita dal sistema operativo dimensione potenzialmente illimitata ad accesso sequenziale

GESTIONE DEI FILE persistenza archiviare file astrazione fornita dal sistema operativo dimensione potenzialmente illimitata ad accesso sequenziale GESTIONE DEI FILE Per poter mantenere disponibili i dati tra le diverse esecuzioni di un programma (persistenza dei dati) è necessario poterli archiviare su memoria di massa Un file è una astrazione fornita

Dettagli

Gestione dinamica della memoria Stringhe File

Gestione dinamica della memoria Stringhe File Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Gestione dinamica della memoria Stringhe File Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica

Dettagli

Precedenza e associatività. Complementi sul C - 2. Esempi. Esempi

Precedenza e associatività. Complementi sul C - 2. Esempi. Esempi Complementi sul C - 2 Ver. 2.4 2010 - Claudio Fornaro - Corso di programmazione in C Precedenza e associatività () [] ->. S D! ~ ++ + * & (cast ) sizeof S D * / % S D + - (somma e sottrazione) S D >

Dettagli

Gestione dei file in PHP

Gestione dei file in PHP Gestione di File Gestione dei file in PHP Per aprire un file è sufficiente utilizzare la funzione resource fopen(string filename, string mode) filename rappresenta il file da aprire mode rappresenta la

Dettagli

GESTIONE DEI FILE IL CONCETTO DI FILE APERTURA E CHIUSURA DI UN FILE OPERARE SUI FILE

GESTIONE DEI FILE IL CONCETTO DI FILE APERTURA E CHIUSURA DI UN FILE OPERARE SUI FILE GESTIONE DEI FILE Per poter mantenere disponibili i dati tra le diverse esecuzioni di un programma (persistenza dei dati) è necessario poterli archiviare su memoria di massa Un file è una astrazione fornita

Dettagli

Introduzione al Linguaggio C

Introduzione al Linguaggio C Introduzione al Linguaggio C File I/O Daniele Pighin April 2009 Daniele Pighin Introduzione al Linguaggio C 1/15 Outline File e dati Accesso ai file File I/O Daniele Pighin Introduzione al Linguaggio C

Dettagli

FILE BINARI FILE BINARI FILE BINARI. OUTPUT BINARIO: fwrite()

FILE BINARI FILE BINARI FILE BINARI. OUTPUT BINARIO: fwrite() FILE BINARI Un file binario è una pura sequenza di byte, senza alcuna strutturazione particolare È un'astrazione di memorizzazione assolutamente generale, usabile per memorizzare su file informazioni di

Dettagli

! I file di testo non sono indispensabili: sono semplicemente comodi 1. Sintassi:

! I file di testo non sono indispensabili: sono semplicemente comodi 1. Sintassi: Un file binario è una pura sequenza di byte, senza alcuna strutturazione particolare! È un'astrazione di memorizzazione assolu -tamente generale, usabile per memorizza -re su file informazioni di qualsiasi

Dettagli

Puntatori. Un puntatore contiene un numero che indica la locazione di memoria dove è presente la variabile puntata

Puntatori. Un puntatore contiene un numero che indica la locazione di memoria dove è presente la variabile puntata Puntatori int i = 10; int * pi = &i; pi i = 10 116 int * pi = pi contiene un informazione che mi permette di accedere ( puntare ) ad una variabile intera Un puntatore contiene un numero che indica la locazione

Dettagli

I File. Il file e l unita logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa.

I File. Il file e l unita logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa. I File Il file e l unita logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa. Consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centrale. Generalmente un file

Dettagli

DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA, INFORMAZIONE E BIOINGEGNERIA. INFORMATICA B Ingegneria Elettrica. I file in Matlab

DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA, INFORMAZIONE E BIOINGEGNERIA. INFORMATICA B Ingegneria Elettrica. I file in Matlab INFORMATICA B Ingegneria Elettrica I file in Matlab I file I file sono contenitori di informazione: sequenze di byte associate ad un nome Sono memorizzati su memoria di massa (non- volatile) Possono continuare

Dettagli

I puntatori. Un puntatore è una variabile che contiene l indirizzo di un altra variabile. puntatore

I puntatori. Un puntatore è una variabile che contiene l indirizzo di un altra variabile. puntatore I puntatori Un puntatore è una variabile che contiene l indirizzo di un altra variabile. puntatore...... L operatore & fornisce l indirizzo di un oggetto: p = &c; assegna a p l indirizzo di c, i.e., p

Dettagli

Politecnico di Torino

Politecnico di Torino Politecnico di Torino INFORMATICA II Esame del 19 Luglio 2008 1. Realizzare un programma in linguaggio C per evidenziare le variazioni percentuali di un insieme di azioni quotate in borsa. In un file di

Dettagli