Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 FORO ROMANO Il Foro Romano (Forum Romanum, sebbene i Romani si riferissero ad esso più spesso come Forum Magnum o semplicemente Forum) era situato nella valle compresa tra il Palatino ed il Campidoglio e costituì il centro commerciale, religioso e politico della città di Roma. Origini (dalla monarchia alla repubblica) La valle del Foro, paludosa e inospitale, venne utilizzata tra X e VII secolo a.c. come necropoli dei primi villaggi stanziati sulle colline circostanti. Nell area del Foro, vicino al Tempio di Antonino e Faustina furono trovate le tombe appartenenti a un sepolcreto arcaico dell'età del Ferro (X-VIII secolo a.c.). E' probabile che questa necropoli facesse parte di un villaggio situato alle pendici del Palatino e del Campidoglio. L'area non venne più utilizzata per la sepoltura verso la metà dell'viii secolo a.c., più o meno con la nascita della città; continuò ad essere utilizzata per la sepoltura di bambini fino al VII secolo a.c. quando venne definitivamente abbandonata. Le tombe rimaste sono una quarantina, le più antiche ad incinerazione e a pozzetto circolare, le più recenti a fossa rettangolare e a inumazione. I corredi delle tombe, ovviamente non più presenti sul luogo, sono visibili presso l'antiquarium Forense. Tito Livio ed altri autori antichi raccontano che, poco dopo la fondazione di Roma, fu combattuta nell'area del futuro foro romano una grande battaglia tra Romani e Sabini: la Battaglia del lago Curzio. Causa dello scontro fu il tradimento della vergine vestale, Tarpeia, figlia del comandante della vicina rocca romana Spurio Tarpeio, la quale, corrotta con dell'oro da Tito Tazio, fece entrare nella cittadella fortificata sul Campidoglio un drappello di armati con l'inganno. Solamente verso il 600 a.c., ad opera del re etrusco Tarquinio Prisco, la valle venne drenata con la costruzione della Cloaca Massima e ricevette una pavimentazione; la piazza di forma rettangolare nacque come luogo di mercato oltre che per lo svolgimento della vita politica e giudiziaria, in un punto centrale della città verso cui convergevano molte importanti strade, la più importante delle quali era la Via Sacra, che correva dalle pendici del Campidoglio fino all'arco di Tito.

2 Regia La Règia è una delle più antiche costruzioni del Foro Romano.Situato di fronte al Tempio di Antonino e Faustina, vi sono i resti di quella che è stata riconosciuta come la Regia, parte del complesso di epoca monarchica che si estendeva fino al Tempio di Romolo. Con l'avvento della repubblica l'edificio venne utilizzato dal rex sacrorum e dal pontifex maximus per i riti religiosi (dopo la cacciata dei re, a queste due figure vennero assegnate le pratiche religiose). L'attuale forma (o meglio dire quel poco che rimane della Regia a causa delle spoliazioni avvenute nel Rinascimento) è da collegare al restauro compiuto nel 36 a.c. da Domizio Calvino, che andò a riprendere una più antica sistemazione databile intorno al 525 a.c., circa negli ultimi anni della monarchia etrusca. Questa sistemazione a sua volta era stata preceduta da altri interventi; di sicuro all'inizio nell'area erano sistemate delle capanne. Secondo la tradizione qui Numa Pompilio aveva un'abitazione propria o almeno un quartier generale.partendo dal lato rivolto verso il retro del Tempio di Antonino e Faustina, si può vedere situato quasi al centro un piccolo ambiente di forma quadrata delimitato da muri in tufo; un'iscrizione sopra al muro meridionale indica che tale ambiente veniva utilizzato dagli araldi dei pontefici e dei flamini. Guardando dalla balaustra sul lato sud (dove si trovano molti frammenti della decorazione marmorea risalenti circa alla fine della repubblica), si possono vedere tre ambienti di grandezza differente l'uno dall'altro che sono stati riconosciuti (partendo da sinistra) come: il sacrario di Marte, provvisto di un grande altare circolare, dove venivano conservate le lance di Marte e gli scudi fatti sistemare da Numa Pompilio; una stanza centrale con funzione di disimpegno e il sacrario di Ops, dea romana dell'abbondanza. Questi tre ambienti si aprivano su un cortile trapezoidale oggi difficilmente riconoscibile. Nella Regia venivano conservati o esposti anche alcuni tra I più importanti documenti religiosi e politici di Roma (qui erano situati gli archivi pubblici, gli annali - dove venivano riportati gli avvenimenti - e il calendario che serviva a regolare la vita religiosa). Tempio di Vesta e la casa delle vestali Il tempio di Vesta è probabilmente tra i più antichi di Roma, risalente forse all'epoca in cui la città era ancora limitata al Palatino e costituita da un'aggregazione di villaggi e quindi prima della realizzazione del Foro. La conservazione del fuoco (risorsa e bene di straordinaria importanza) era un problema che comportava delle notevoli difficoltà; sia Virgilio che Ovidio riferiscono che all'epoca si otteneva col primitivo e laboriosissimo sistema dello sfregamento delle selci. Da qui la necessità di realizzare una struttura pubblica che fosse finalizzata alla conservazione, con personale addetto, di una risorsa sempre disponibile per i bisogni dell'intera comunità. Per la mentalità antica era quasi una logica conseguenza che la struttura divenisse tempio ed il personale assumesse il ruolo di sacerdote (nello specifico, sacerdotesse). Il tempio diventava così simbolo di aggregazione della comunità e dispensario di un bene primario. Quando, da Servio Tullio in poi, il processo di aggregazione urbana coinvolse anche le genti stanziate sui colli vicini, il simbolo stesso dell'aggregazione assunse una forte connotazione politica. Non essendo pertanto più possibile mantenerlo limitato al nucleo Palatino, venne trasferito nell'area che sarebbe poi diventata il Foro e che stava assumendo la caratteristica di luogo d'incontro e di scambio commerciale tra le genti circonvicine, sul tipo dell'agorà greca. Il significato del tempio era anche quello di rappresentare il focolare domestico più importante, connesso alla vicina casa del re, che rappresentava tutti i focolari dello Stato. Le prime sacerdotesse incaricate di sorvegliare il sacro fuoco erano le figlie del re. Le Vestali divennero poi l'unico sacerdozio femminile a Roma. Esse erano sei, con vari compiti, e provenivano tutte da famiglie del patriziato. Restavano vestali per trent'anni, a partire dai 6 o 10 anni, e dovevano rispettare un severo voto di verginità, pena la morte per seppellimento essendo sacrilego versare il sangue di una vestale. Il posto dove venivono seppellite vive era una grotta nell agger serviano sul Quirinale, chiamato Campus Sceleratus. Le vestali ricevevano prestigio, tributi pecuniari e onorifici, oltre a una numerosa serie di privilegi. Gli autori antichi riportano concordemente l'origine del tempio di Vesta nell'età regia, ma, a causa probabilmente della costante presenza del fuoco, il tempio, nella sua sistemazione all'interno del Foro, subì numerose distruzioni per incendio e fu più volte ricostruito, mantenendo sempre l'identica pianta, ma aumentando in altezza. La sua forma circolare venne ricondotta sia dalle fonti antiche, sia nei primi studi archeologici, alla forma delle originarie capanne della Roma dell'viii e VII secolo a.c., a causa anche della antichissima istituzione del culto di Vesta nella

3 religione romana. ll tempio fu interessato dagli incendi del 241 a.c. e del 210 a.c. (in seguito al quale si ebbe un esteso rimaneggiamento anche della casa delle Vestali). Nel tempio l'area più sacra, interdetta all'accesso di chiunque tranne che delle Vestali, era il Penus Vestae, un sancta sanctorum dove erano conservati una serie di oggetti dall'altissimo valore simbolico, risalenti alle fondazioni mitologiche della città. Tra questi il più importante era il Palladio, il simulacro arcaico di Pallade Atena e che Enea aveva portato da Troia. Forse il penus è identificabile con una cavità di forma trapezoidale che si apre sul podio e che è accessibile solo dalla cella; misura 2,40 x 2,40 metri. La Casa delle Vestali era la sede del collegio sacerdotale delle Vestali della Roma antica, presso il Foro Romano. Era collocato alle spalle della Regia e componeva un unicum con il Tempio di Vesta, in un complesso chiamato Atrium Vestae. Il nome antico di Atrium Vestae si riferiva in origine ad un'area aperta situata presso il tempio di Vesta, sede del culto della dea, circondata da costruzioni. La residenza delle Vestali ne fece parte solo a partire dal II secolo a.c., occupando l'area compresa tra la Regia, la Domus Publica (la residenza del pontefice massimo) e le pendici del Palatino. In quest'epoca l'edificio era molto più piccolo e presentava lo stesso orientamento della Regia secondo i punti cardinali. Sotto questi resti sono state a più riprese messe in luce fasi di costruzioni precedenti, in stretto legame con le ricostruzioni della Regia, risalenti fino al VI secolo a.c. Nei recenti scavi di Andrea Carandini si sono inoltre rinvenuti i resti di una capanna dell'viii secolo a.c., interpretata come la casa delle Vestali di età regia. Il tempio era già circondato da un recinto unito alla casa e non si conosce se fosse già a pianta circolare. In ogni caso l'ingresso guardava a est, come mantenne nelle ricostruzioni successive. La fonte di Giuturna. La fonte di Giuturna è una sorgente collocata nel Foro Romano, tra il tempio dei Càstori e la casa delle Vestali. La fonte era tra le più antiche e importanti della città e sgorgava ai piedi del Palatino. Giuturna era una ninfa sorella di re Turno, che era la divinizzazione della fonte stessa, come spesso accadde nel mondo antico. La sorgente era stata decorata monumentalmente in epoca repubblicana e venne scavata nel Il bacino è approssimativamente quadrato, rivestito di marmo e con al centro un piedistallo rettangolare. A circa un metro di profondità, sulla pavimentazione di epoca augustea, si trova il bacino inferiore di epoca repubblicana, costruito in opera quasi reticolata, tipica del periodo a cavallo tra la fine del II e l'inizio del I secolo a.c. La datazione più accettata è quella connessa al restauro del vicino tempio dei Càstori a opera di Lucio Cecilio Metello Dalmatico nel 117 a.c. Vi si notano dei restauri più tardi, probabilmente dell'inizio della fase imperiale, in tufo diverso, databile al restauro in epoca tiberiana del tempio. Nel bacino furono rinvenute le statue dei Diòscuri fatte a pezzi, originariamente poste, quasi certamente, sul piedistallo centrale e oggi conservate nell'antiquarium del Foro. Raffiguravano i Dioscuri nell'atto di abbeverare i loro cavalli alla fonte, come nella loro leggendaria apparizione nel Foro prima della vittoriosa battaglia del lago Regillo. Si tratta di opere in stile arcaico, tipiche della tarda età ellenistica coeva alla fine del II secolo a.c. Furono probabilmente danneggiate nell'incendio del 12 a.c., come dimostrano i restauri in marmo diverso (di Carrara invece che pentelico) e le tracce di fuoco. Il rilievo che si vede oggi vicino al bordo della fonte è una copia (l'originale è nell'antiquarium) di un rilievo traianeo con i Dioscuri, i loro genitori Giove e Leda e Giuturna. Il pozzo marmoreo antistante ha una doppia iscrizione col nome di Marco Barbazio Pollione, edile curule, vissuto in epoca cesariano-augustea. L'ara invece risale all'epoca di Settimio Severo e presenta una raffigurazione di Giuturna e Turno. Tempio di Castori. Su un alto podio si ergono le tre colonne corinzie superstiti del tempio dei Dioscuri, ovvero dei due gemelli divini Castore e Polluce. La leggenda narra che, nel corso della battaglia presso il lago Regillo, nel 499 a.c., dei Romani contro i Latini alleati di Tarquinio il Superbo nel tentativo di riconquistare Roma, apparvero due misteriosi cavalieri, che guidarono i Romani alla vittoria. Subito dopo, gli stessi cavalieri furono visti abbeverare i cavalli alla Fonte di Giuturna e annunciarono in città la vittoria, per scomparire subito dopo. Il popolo riconobbe in essi i Dioscuri: il dittatore Aulo Postumio Albino fece voto di erigere un tempio in loro onore, che fu dedicato da suo figlio nel 484 a.c.. Il tempio fu restaurato da L.Cecilio Metello Dalmatico nel 117 a.c. e poi ancora da Verre. Un ultimo restauro si ebbe dopo l'incendio del 12 a.c. ad opera di Tiberio: il nuovo edificio, al quale

4 appartengono i resti monumentali ancora visibili, fu dedicato nel 6 d.c. Il podio, di cui resta soltanto la parte in opera cementizia, è in gran parte quello del 117 a.c. con alcuni resti della fase precedente. Un gigantesco blocco marmoreo del tempio fu asportato ed utilizzato come base della statua equestre di Marco Aurelio. La parte anteriore del podio, al quale si accedeva da due scalette laterali, era probabilmente decorata con rostri e costituiva, insieme ai Rostri Imperiali e a quelli posti sul podio del Tempio di Cesare, una delle tre tribune presenti nel Foro Romano. Nel tempio dei Dioscuri si riunì varie volte il Senato. Sul podio del tempio, usato come tribuna, Cesare perorò la sua legge agraria. Il podio era inoltre utilizzato anche come tribuna presidenziale dei comizi legislativi che si svolgevano nella piazza antistante. Nel tempio aveva sede l'ufficio dei pesi e delle misure e vi alloggiavano botteghe di banchieri, probabilmente nelle stanzette che si aprono sul podio, tra colonna e colonna. Il Comizio. Il Comitium, primo luogo di riunione della gente patrizia romana, per discutere sulle decisioni di Roma, fu costruito nel primo Foro, il Foro Romano, in epoca monarchica, sotto i Re di Roma. Era il centro politico dell'urbe, e poichè vi si discuteva di politica, è rimasto oggi come termine per indicare discorsi politici rivolti a tutti i cittadini. Il Comizio accoglieva le più antiche assemblee dei cittadini: detti Comizi Curiati. Oggi ne sono visibili solo pochi resti, dopo le trasformazioni dell'epoca cesariana e augustea che lo fecero sparire. Anticamente occupava l'angolo nord-est del Foro, tra la basilica Emilia, l'arco di Settimio Severo e il Foro di Cesare. Fu Cesare che la demolì in larga parte per edificarvi la nuova Curia Iulia. DESCRIZIONE Il Comitium era uno spazio aperto circolare e consacrato dagli auguri, orientato secondo i punti cardinali, di cui si conservano i pozzi rituali, il Lapis niger e i Rostra vetera. Terminava a sud coi Rostra, con accanto il Lapis Niger. Il Comizio aveva una superficie di circa un ettaro, coi lati lunghi di circa 90 m. Tre volte nell' anno, il 24 febbraio, 24 marzo, 24 maggio, il re, o dopo la caduta dei Tarquinii, il repubblicano Rex sacrorum, compiva sul Comizio alcune cerimonie, il cui vero significato era oscuro già per i contemporanei di Cicerone, come il fatto che il rex, finita la cerimonia, si allontanava in fretta come un fuggiasco, dal Comizio. La piazza del Comitium comprendeva la Curia Hostilia a nord; più a ovest la basilica Porcia, oltre la quale era collocato il Carcere Mamertino e più a sud la Colonna Menia. Il Senaculum (1), luogo di riunione dei senatori, doveva trovarsi sul lato ovest del comizio, mentre la parte sud era chiusa dalla Grecostasi, una piattaforma sopraelevata dove gli ambasciatori stranieri potevano assistere alle riunioni del Senato, cosiddetto forse perchè la maggior parte degli strnieri all'epoca erano greci. A sud-est, si trovavano i Rostra, la tribuna degli oratori, così chiamata da quando, nel 338 a.c., vi furono affissi i rostri delle navi catturate nella battaglia di Anzio. Plinio il Vecchio narra che prima dell'introduzione del più antico orologio solare nel 263 a.c., durante la I guerra punica, le ore principali venivano annunciate da un araldo sui grandini della Curia Hostilia, annunciando il passaggio del sole tra i Rostra e la Grecostasi per il mezzogiorno e il passaggio tra la Colonna Menia e il carcere per il tramonto. Ciò ha permesso di collocare i Rostra repubblicani e il carcere Mamertino, la Curia a nord del Comizio, mentre Rostra e Grecostasi erano a sud. I MONUMENTI DEL COMIZIO La Cappella della Concordia, in bronzo, nella Grecostasi, eretta nel 304 a.c. dall'edile Gneo Flavio; La statua dell'augure Atto Navio, fatta erigere da Tarquinio Prisco; Le statue di Alcibiade e di Pitagora, fine IV sec. a.c.; Le statue delle tre Sibille, sui Rostri; La statua di Camillo, sui Rostri; Le statue di ambasciatori morti durante le missioni, in particolare quelli morti a Fidene dalla Regina Teuta, sui Rostri; Purtroppo scomparsi i monumenti dell'epoca, tra cui anche il puteale e il fico sacro, a memoria del celebre augure Atto Navio, che secondo la leggenda, avrebbe prodigiosamente trasferito qui il fico ruminale dal Lupercale; una statua del medesimo augure trovavasi sui gradini dinanzi la Curia. Presso i Rostri si vedevano le statue in onore dei cittadini morti per la patria, e incisi in bronzo i

5 documenti ufficiali importanti, come i trattati conclusi con popoli stranieri. La prima legge romana scritta, del 450 a.c., le XII tavole, dette di Romolo, furono affisse alla tribuna degli oratori. Lapis Niger. Il Lapis Niger, la Pietra Nera, è un sito del Foro Romano, un'area quadrata in marmo nero circondato da lastre di marmo che la distingueva dal resto della pavimentazione augustea in travertino, posta sul luogo dei Comizi a poca distanza dalla Curia Iulia. LA TOMBA Fu scoperto il 10 gennaio 1899 da Giacomo Boni e il ritrovamento fu riferito a un passo mutilo dello scrittore Sesto Pompeo Festo, che accennava ad una "pietra nera nel Comizio" (lapis niger in Comitio) indicante un luogo funesto, la tomba di Romolo o almeno il luogo dove venne ucciso. Lo scavo al di sotto del pavimento in marmo nero portò alla luce un complesso monumentale molto arcaico, accessibile al di sotto con una scaletta, costituito da: una piattaforma con un altare a tre ante e a forma di U, con un basamento e un piccolo cippo fra le ante, nonchè due basamenti minori su cui sono sovrapposti un cippo a tronco di cono, forse il basamento per una statua, e un cippo piramidale, quest'ultimo con la famosa iscrizione bustrofedica (scrittura da destra sinistra e viceversa nel rigo successivo). L'altare ha la classica forma del basamento a doppio cuscino sovrapposto, della quale si conserva però solo lo scalino inferiore. Il tutto era situato all'aperto, come dimostrano le ossa dei sacrifici e gli ex-voto ceramici e bronzei rinvenuti sotto e attorno ai basamenti. La Curia Hostilia. La Curia Hostilia era il più antico luogo di riunione del Senato romano, costruito nel Comizio (nell'area del Foro) secondo la leggenda dal terzo re di Roma, Tullo Ostilio. Essendo un'area sacra agli auguri, era orientata sui punti cardinali, con un'aula rettangolare con il lato maggiore sull'asse nord-sud. Un primo ingrandimento risale all'epoca di Silla (80 a.c.), quando il numero dei membri del Senato venne portato da 300 a 600. Sempre nell'area del Comizio i senatori avevano a disposizione fin dalla prima età repubblicana anche la zona detta Senaculum. Manio Valerio Massimo Corvino Messalla vi fece dipingere un affresco che raffigurava la vittoria da lui conseguita ad Imera, in seguito alla quale gli era stato concesso il trionfo. L'edificio della Curia venne in seguito distrutto da un incendio nel 52 a.c., durante il funerale di Publio Clodio Pulcro e venne ricostruito dal figli di Silla. All'epoca della costruzione del Foro di Cesare venne definitivamente demolita e al suo posto venne costruita una struttura più imponente, la Curia Iulia, che nella forma della ristrutturazioni successive è sopravvissuta fino ad oggi. La Curia Hostilia oggi invece si trova sotto la chiesa dei Santi Luca e Martina. Volcanale. Il Volcanale (in latino Volcanal) era un antichissimo santuario dedicato al dio Vulcano collocato nel Foro Romano, sopra il Comitium, nell'area Volcani, un'area all'aperto ai piedi del Campidoglio situata nell'angolo nord-occidentale del Foro Romano. Nel santuario si trovavano un'ara dedicata al dio ed un fuoco perenne. Secondo la tradizione romana, esso era stato dedicato da Romolo, il quale vi aveva anche posto una quadriga di bronzo dedicata al dio, preda di guerra dopo la sconfitta dei Fidenati (ma secondo Plutarco la guerra in questione fu quella contro Cameria, sedici anni dopo la fondazione di Roma), e una propria statua con un'iscrizione contenente la lista dei suoi successi redatta in caratteri greci; secondo Plutarco Romolo era rappresentato incoronato dalla Vittoria. Inoltre il re avrebbe piantato nel santuario un albero di loto sacro, che esisteva ancora ai tempi di Plinio il vecchio e che si riteneva tanto antico quanto la città stessa. Si è ipotizzato che il santuario risalisse all'epoca in cui il Foro era ancora fuori della città. Il Volcanal è menzionato due volte da Tito Livio in merito al prodigium di una pioggia di sangue avvenuto nel 183 a.c. e nel 181 a.c.. L'area Volcani, probabilmente un locus substructus, era circa 5 metri più alta rispetto al Comitium e da essa i re e i magistrati della prima repubblica, prima che fossero costruiti i rostra, si rivolgevano al popolo. Sul Volcanal c'era anche una statua in bronzo di Orazio Coclite che era stata qui spostata dal Comizio, un locus inferior, dopo essere stata colpita da un fulmine. Aulo Gellio racconta che furono chiamati alcuni aruspici per espiare il prodigio, ma questi mossi dal malanimo fecero spostare la statua in un luogo più basso dove non batteva mai il sole. L'inganno fu però scoperto e gli aruspici giustiziati; in seguito si scoprì che la statua doveva essere

6 posta in un luogo più alto e così fu fatto sistemandola nell'area Volcani Già nel 304 a.c. nell'area Volcani fu costruito un tempio alla Concordia dedicato dall'edile curule Gneo Flavio Secondo Samuel Ball Platner nel corso del tempo il Volcanale sarebbe stato sempre più ristretto dagli edifici circostanti fino ad essere ricoperto del tutto. Il culto era comunque vivo ancora nella prima metà età imperiale, come testimonia il ritrovamento di una dedica di Augusto nell'anno 9 a.c. Ara Saturni. Situata a fianco del pilone meridionale dell'arco di Settimio Severo, si può notare a fianco dell'umbilicus Urbis una tettoia moderna che copre un'area per il culto intagliata in parte nella roccia viva e completata con blocchi di tufo romano. Questo luogo è stato identificato con l'ara di Saturno, databile intorno al VI secolo a.c., costruzione che ha anticipato lo stesso tempio dedicato alla divinità. Umbilicus Urbis. L'umbilicus urbis Romae, l'ombelico della città di Roma, era il centro ideale della città di Roma, posto nel Foro Romano, nei pressi dell'arco di Settimio Severo e del Tempio della Concordia. Si trattava dell'equivalente romano degli omphalos greci. Era costituito da un cono di mattoni, parzialmente conservatosi, ricoperto di marmi bianchi e colorati. Sulla cima doveva ergersi una colonna o una statua. Miliarium Aureum. Il Miliario aureo (Miliarium aureum o pietra miliare aurea) era una colonna marmorea rivestita di bronzo, considerata il punto di partenza di tutte le antiche strade. Tutte le distanze nell'impero romano venivano misurate rispetto a questo punto. La colonna recava incise sulla superficie cilindrica, a lettere dorate, le distanze tra Roma e le principali città dell'impero. Era collocato simmetricamente all'umbilicus urbis rispetto all'arco dei Rostra. Lacus Curtius. Il Lacus Curtius è un antichissimo sito del Foro Romano che si trova nei pressi della Curia, sede del Senato di Roma. Il luogo deve il suo nome alla gens Curtia, secondo quanto riportato in tre diverse versioni dagli storici romani Tito Livio e Marco Terenzio Varrone. Secondo una prima versione di Tito Livio, il sabino Mevio Curzio (Mettius Curtius), dopo aver ucciso in duello il romano Osto Ostilio, essendo inseguito da Romolo desideroso di vendetta, trovò scampo nella palude (lacus Curtius) ove in seguito sarebbe sorto il Foro Romano. Plutarco aggiunge che pochi giorni prima era straripato il fiume che scorreva nel foro, lasciando depositare una melma densa nei punti pianeggianti, fango difficilmente evitabile e visibile, altresì pericolosa e insidiosa. Curzio infatti non se ne accorse e perse il proprio cavallo inghiottito dalla melma, e per poco la vita. Per una seconda versione, di Terenzio Varrone, invece si tratterebbe di un luogo dichiarato sacro, secondo l'usanza romana, perché colpito da un fulmine, e la cui consacrazione avvenne nel 445 a.c. sotto il consolato di Gaio Curzio Filone. Secondo una terza versione di Tito Livio, il luogo ricorderebbe una profonda voragine apertasi al centro del Foro. Vennero fatti diversi tentativi con sporte di terra, ma invano. Secondo gli auguri, la voragine si sarebbe colmata soltanto gettandovi la cosa più preziosa del popolo romano. Allora il giovane cavaliere Marco Curzio, ritenendo che la cosa più preziosa del popolo romano fosse il coraggio dei suoi soldati, armatosi di tutto punto montò a cavallo e si consacrò agli dei Mani gettandosi nella spaventosa voragine, "e una folla di uomini e donne gli lanciò dietro frutti e offerte votive". A memoria del fatto resta un bassorilievo marmoreo rinvenuto nel 1553 nei pressi della Colonna di Foca, rappresentante il cavaliere Marco Curzio mentre si getta nella voragine. Claoca Maxima. La Cloaca Massima dell'antica Roma è una delle più antiche condotte fognarie. Il nome, Cloaca Maxima in latino, significa letteralmente "la fogna più grande". Fu costruita alla fine del VI secolo a.c. al tempo degli ultimi re di Roma, anche se il re che ne ufficializzò la costruzione fu Tarquinio Prisco. La Cloaca Massima usufruiva dell'esperienza sviluppata dall'ingegneria etrusca, con

7 l'utilizzo dell'arco a volta che la rendeva più stabile e duratura nel tempo. Fu una delle prime grandi opere di urbanizzazione. Sebbene Tito Livio la descrivesse come scavata nel sottosuolo della città, scrivendo tuttavia molto tempo dopo la sua costruzione, dalle notizie di altre fonti antiche e dal percorso seguito si ritiene che in origine si trattasse per lo più di un canale a cielo aperto, che raccoglieva le acque dei corsi d'acqua naturali che scendevano dalle colline, drenando la pianura del Foro Romano e il Velabro, allora acquitrinosi, per riversarle poi nel fiume Tevere. Questo canale, comunque scavato al di sotto del livello del suolo, sarebbe stato progressivamente coperto per le esigenze di spazio del centro cittadino. La Cloaca Massima fu accuratamente mantenuta in buono stato per tutta l'età imperiale. Si ha ad esempio notizia di un'ispezione e di lavori di drenaggio e spurgo ad opera di Agrippa nel 33 a.c. Le indagini archeologiche rivelano tracce di interventi di epoche diverse, con diversi materiali e tecniche costruttive. Si hanno notizie certe del suo funzionamento anche molto tempo dopo la data tradizionale della caduta dell'impero romano nel V secolo d.c. Il condotto era sotto la protezione della dea Cloacina: a "Venere Cloacina" era dedicato un piccolo sacello circolare, sorto nel punto in cui il condotto entrava nel Foro Romano, davanti alla Basilica Emilia. I racconti degli storici riportano casi in cui i corpi di alcuni personaggi furono gettati nelle fogne invece di ricevere adeguata sepoltura: fu questo il caso dell'imperatore Eliogabalo e di San Sebastiano.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni.

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni. SEGESTA La città Situata nella parte nord-occidentale della Sicilia, Segesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo lo storico greco Tucidide,

Dettagli

Scuola Primaria GIOVANNI XXIII CLASSI 5^A/B Anno Scol.2009/2010. Alla scoperta di Roma antica. Attività didattiche svolte in classe in relazione alla

Scuola Primaria GIOVANNI XXIII CLASSI 5^A/B Anno Scol.2009/2010. Alla scoperta di Roma antica. Attività didattiche svolte in classe in relazione alla Scuola Primaria GIOVANNI XXIII CLASSI 5^A/B Anno Scol.2009/2010 Alla scoperta di Roma antica Attività didattiche svolte in classe in relazione alla Gita scolastica del 12 aprile 2010 Programma della giornata:

Dettagli

Esame di Alfabetizzazione Informatica. L'Impero Romano 1

Esame di Alfabetizzazione Informatica. L'Impero Romano 1 Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Lingue e Letterature Moderne Esame di Alfabetizzazione Informatica L'Impero Romano 1 A.A 2010/2011 Prof. Francesco FONTANELLA 1 Questo documento è stato

Dettagli

4 BALNEA Complesso di piccole terme che sorgono a ridosso del Tempio di Eliogabalo e della Vigna Barberini, accanto alla Via Sacra.

4 BALNEA Complesso di piccole terme che sorgono a ridosso del Tempio di Eliogabalo e della Vigna Barberini, accanto alla Via Sacra. 1 ARCO DI TITO Fu fatto innalzare sulle pendici del Palatino nell'81 d.c. dall'imperatore Domiziano in memoria del fratello Tito per celebrarne le vittorie contro i Giudei. Rivestito in marmo greco, il

Dettagli

BRESCIA ROMANA. Ricostruzione di piazza del Foro.

BRESCIA ROMANA. Ricostruzione di piazza del Foro. BRESCIA ROMANA La città romana Se si pensa alle città romane, costruite su modello dell Urbe, non si può non pensare agli edifici che le accomunano tutte: il foro, la basilica, il capitolium, il teatro

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

Urbanistica etrusca. Urbanistica etrusca

Urbanistica etrusca. Urbanistica etrusca Urbanistica etrusca Cittàdi Misa (presso attuale Marzabotto BO) e di Spina (presso Comacchio) Misa Misa Urbanistica etrusca Cittàdi Misa (presso attuale Marzabotto BO) e di Spina (presso Comacchio) Misasedime

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

Sepolcro di Cartilio Poplicola

Sepolcro di Cartilio Poplicola Sepolcro di Cartilio Poplicola Il sepolcro di Cartilio Poplicola fu eretto tra il 25-20 a.c. Esso poggia su un basamento quadrato rivestito di travertino, una roccia calcarea particolarmente usata a Roma,

Dettagli

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Marinaccio Il Colombario Costantiniano è situato nel

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

TEMPLI E TEATRI. Campania illustrata. 1632-1845

TEMPLI E TEATRI. Campania illustrata. 1632-1845 Campania illustrata. 1632-1845 TEMPLI E TEATRI L area interessata dalla presenza dei templi è ovviamente quella del foro, quindi è giusto partire dall edificio consacrato a Giove, occupante il lato nord

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

1)Sepolcro di Annia Regilla/Tempio del Dio Redicolo e Casale ex-mulino

1)Sepolcro di Annia Regilla/Tempio del Dio Redicolo e Casale ex-mulino ITINERARIO 4 La Valle della Caffarella Situata a ridosso delle Mura Aureliane, compresa fra la via Appia e la via Latina, la valle deve il suo nome alla famiglia Caffarelli che ne divenne proprietaria

Dettagli

età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c.

età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c. L et età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c. Appunti per la preparazione all incontro con Antonello Pellegrino, autore del romanzo Bronzo Cagliari 1 Fasi del Nuragico I fase: 1800-1500 (bronzo antico Cultura

Dettagli

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA IL CASTELLO DI NEBULANO Sorge a 563 metri sul colle omonimo che domina Montecorvino ad occidente ed il nome deriva probabilmente dalla frazione Nuvola posta ai suoi piedi. I ruderi che si vedono oggi sono

Dettagli

Livia SORDINI. La villa di Livia Drusilla a Prima Porta, nell Agro Veiente

Livia SORDINI. La villa di Livia Drusilla a Prima Porta, nell Agro Veiente La villa di Livia Drusilla a Prima Porta, nell Agro Veiente CULTURA Introduzione A Prima Porta, località distante pochi chilometri dalla Scuola, a pochi passi dalla piazza Saxa Rubra, su Via della Villa

Dettagli

La Grecia classica. DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta. Storia dell arte - prof.

La Grecia classica. DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta. Storia dell arte - prof. Dettaglio del Partenone, Atene La Grecia classica Storia dell arte - prof.ssa Tolosano DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta 480 a. C. I Greci sono sconfitti

Dettagli

I SETTE RE DI ROMA. Uno dei sensi possibili della storia è ricostruire un rapporto umano con il passato

I SETTE RE DI ROMA. Uno dei sensi possibili della storia è ricostruire un rapporto umano con il passato I SETTE RE DI ROMA Uno dei sensi possibili della storia è ricostruire un rapporto umano con il passato La storia è una disciplina, anzi un corpo di discipline, perché è ricerca, è narrazione, è studio

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE ARCO DI TITO SINAGOGA PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO PANTHEON STATUA DEL MOSE COLOSSEO S. GIOVANNI IN LATERANO PALAZZO DEL QUIRINALE STATUA DI

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

L arte paleocristiana

L arte paleocristiana Storia dell Arte docente : Prof.ssa Addolorata RICCO L arte paleocristiana Il nuovo nella continuità della civiltà romana Panorama cronologico dei primi 6 secoli di cristianesimo Date importanti per il

Dettagli

ITINERARIO 5 1) Sepolcro a dado

ITINERARIO 5  1) Sepolcro a dado ITINERARIO 5 L ingresso all area archeologica è sul lato destro di via dell Arco di Travertino, a poca distanza dalla via Appia Nuova; nel parco è visibile un tratto di ca 450 metri dell antica via Latina,

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13 Capitale del territorio falisco, Falerii Veteres sorgeva nel luogo dell odierna Civita Castellana, su un altopiano tufaceo delimitato dal Rio Maggiore a nord, dal Rio Filetto a sud e dal fiume Treja ad

Dettagli

Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il --

Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il -- IT Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il -- Realizzato da Catacombe di San Sebastiano tutti i diritti riservati www.catacombe.org - twitter @catacombsrome Seguimi alla

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

Fontane e piazze di Roma

Fontane e piazze di Roma Fontane e piazze di Roma Fontana di Trevi Piazza di Spagna Piazza Montecitorio Piazza della rotonda e Pantheon Piazza Navona 1 FONTANA DI TREVI La fontana è stata disegnata nel 1732 dall architetto Nicolò

Dettagli

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi Gli scavi successivi condotti dallo stesso Evans a Cnosso e da altri archeologi a Festo, Haghià Triada, Mallia, Gurnià, Zacros

Dettagli

1 giorno. 3 Giorno. 4 Giorno

1 giorno. 3 Giorno. 4 Giorno Roma ed ASsisi Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com - info@tasteandslowitaly.com

Dettagli

Eventuale sede per i Corsi di Formazione organizzati dall Ordine degli Architetti di Roma e Provincia

Eventuale sede per i Corsi di Formazione organizzati dall Ordine degli Architetti di Roma e Provincia Eventuale sede per i Corsi di Formazione organizzati dall Ordine degli Architetti di Roma e Provincia Villa De Sanctis Architetto Francesco Anzuini Architetto Antonella Marazza Localizzazione Localizzazione

Dettagli

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro. ! La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.... solo a partire da uno sguardo a ritroso che sa di non poter mai cogliere il passato così com era, può nascere un nuovo

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA

STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA L'antica Grecia era divisa in tante piccole città-stato (poleis) che avevano tutte più o meno lo stesso assetto. La parte alta della città, l'acropoli, era il luogo sacro

Dettagli

LE ISTITUZIONI A ROMA. Magistrature e assemblee. I Le istituzioni dell età monarchica (753-509 a.c)

LE ISTITUZIONI A ROMA. Magistrature e assemblee. I Le istituzioni dell età monarchica (753-509 a.c) LE ISTITUZIONI A ROMA Magistrature e assemblee I Le istituzioni dell età monarchica (753-509 a.c) Re: nominato a vita dal senato con ratifica dei comizi curiati (lex curiata de imperio), accentrava in

Dettagli

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra 1 Dalle prime forme di vita alle prime civiltà 1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra º 1. Dalle origini della Terra alle origini della vita 4 º 2. L origine delle specie 6 º 3. La nascita

Dettagli

TEMPIO DI VENERE GENETRICE! Da una lettera di Cicerone all'amico Attico, siamo informati che già nel 54 a.c. egli era stato incaricato da Cesare di

TEMPIO DI VENERE GENETRICE! Da una lettera di Cicerone all'amico Attico, siamo informati che già nel 54 a.c. egli era stato incaricato da Cesare di CESARE E AUGUSTO! TEMPIO DI VENERE GENETRICE! Da una lettera di Cicerone all'amico Attico, siamo informati che già nel 54 a.c. egli era stato incaricato da Cesare di acquistare terreni in un'area adiacente

Dettagli

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria I resti dell insediamento etrusco di Marzabotto giacciono sepolti sulla terrazza di Pian di Misano, protesa nella valle

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

º 1. Perché sono necessari il sistema di riferimento

º 1. Perché sono necessari il sistema di riferimento Gli uomini e la storia º 1. Che cos è la storia 1 º 2. Le coordinate della storia: il tempo e lo spazio 2 º 3. Le molte domande della storia 4 º 4. Il documento 5 º 5. Il mestiere dello storico 6 º 6.

Dettagli

Lo sport nell'antica Roma

Lo sport nell'antica Roma Lo sport nell'antica Roma A Roma gli spettacoli sportivi più praticati erano le corse dei cavalli,che si tenevano al Circo Massimo,che sorgeva nell avvallamento tra il colle Palatino e l Aventino. Si diceva

Dettagli

La visita inizia dallo spazio antistante l ingresso al Lager di Dachau, oggi parcheggio a pagamento.

La visita inizia dallo spazio antistante l ingresso al Lager di Dachau, oggi parcheggio a pagamento. Percorso di visita autoguidata al Lager di Dachau Capire e rispettare Ti appresti a visitare ciò che resta del Lager nazista di Dachau cercando di leggere quei pochi segni originari ancora presenti in

Dettagli

Il colombario di Pomponio Hylas

Il colombario di Pomponio Hylas Il colombario di Pomponio Hylas I monumenti funerari nel mondo romano: brevi cenni Nel mondo romano, dall età repubblicana fino a tutto il periodo imperiale, i tipi di architettura funeraria adottati sono

Dettagli

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame 2.5 Pontestura PATRIMONI INDIVIDUATI 1: PALAZZO MUNICIPALE, ARCHIVIO STORICO E DEPOSITO MUSEALE ENRICO COLOMBOTTO ROSSO Il Palazzo, edificato a fine 800, è stato donato al Comune dopo la metà degli anni

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

ARTE DELL'ANTICA ROMA

ARTE DELL'ANTICA ROMA ARTE DELL'ANTICA ROMA NELL IMPERO ROMANO TROVIAMO 2 CATEGORIE DI ABITANTI: I CITTADINI LIBERI GLI SCHIAVI TRA I CITTADINI ROMANI, COLORO CHE DETENGONO IL POTERE, SONO SOPRATTUTTO I MILITARI E I POLITICI.

Dettagli

SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO

SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO CASETTE RURALI Case rurali costruite nel 1936 in epoca fascista interno semplice composto da: bagno-cucina-camera da letto e un salottino (tutto di

Dettagli

Celtic Ogham Reiki CHI ERANO I CELTI?

Celtic Ogham Reiki CHI ERANO I CELTI? CHI ERANO I CELTI? Dare una risposta precisa su una popolazione che ha coperto un area geografica tanto ampia da estendersi dall Irlanda alla Turchia e, che ha avuto una presenza storica estremamente forte

Dettagli

Tour dell umbria. Dal 6 all 8 GIUGNO 2014 PROGRAMMA. Veduta aerea di Gubbio: a sinistra della piazza si riconosce il medievale Palazzo dei Consoli

Tour dell umbria. Dal 6 all 8 GIUGNO 2014 PROGRAMMA. Veduta aerea di Gubbio: a sinistra della piazza si riconosce il medievale Palazzo dei Consoli ASSOCIAZIONE CULTURALE ITINERARI Venerdì 6 giugno TELGATE Organizza un Tour dell umbria Dal 6 all 8 GIUGNO 2014 PROGRAMMA Ore 6.30: Partenza dal Piazzale del mercato di Telgate alla volta di Gubbio (PG).

Dettagli

Esempi di restauro architettonico. Francesco Morante

Esempi di restauro architettonico. Francesco Morante Esempi di restauro architettonico Francesco Morante L Arco di Tito L Arco di Tito è uno dei primi e più famosi restauri archeologici effettuati in Italia nel XIX secolo. L arco era stato costruito nel

Dettagli

Dal documentario di Piero e Alberto Angela

Dal documentario di Piero e Alberto Angela Dal documentario di Piero e Alberto Angela Elaborato di Mattia C, Margherita e Marco. 1B Pompei e le altre città Pompei fu fondata intorno all VIII secolo a.c. dagli Oschi che si insediarono, distinti

Dettagli

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO mura, porte, torri e giardini quel che resta di visibile oggi La nostra passeggiata lungo il tracciato delle mura di Como ha inizio dove sorgeva la Porta Sala, allo sbocco

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Manuale. sua mappa concettuale. Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian. per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A

Manuale. sua mappa concettuale. Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian. per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A Manuale per costruire e la il riassucco di un testo sua mappa concettuale Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A della Scuola Primaria

Dettagli

GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO. Acura di Marco Mengoli

GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO. Acura di Marco Mengoli GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO TIPOLOGIE DEIMONUMENTI FUNERARI DI ROMA ANTICA Acura di Marco Mengoli presente si tenterà didescrivere in breve alcune tipologie classiche dei monumentifunerari romani per quanto

Dettagli

Roma: La Leggenda delle Origini

Roma: La Leggenda delle Origini Roma: La Leggenda delle Origini Dopo la distruzione di Troia un principe troiano, Enea, fu costretto dalla madre, Venere, a fuggire dalla città in fiamme con il padre Anchise e il figlio Ascanio, essendo

Dettagli

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Gli affreschi La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Affreschi dell abside maggiore Entro una mandorla,

Dettagli

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi.

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi. Il 15 marzo prossimo si inaugura a Milano (Palazzo Reale) 110ro. Il mistero dei Sarmati e degli Scitil1, una mostra di eccezionale interesse dedicata a un fenomeno particolare dell'arte antica, il cosiddetto

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica GLI ACQUEDOTTI NELL ANTICA ROMA

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica GLI ACQUEDOTTI NELL ANTICA ROMA Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica GLI ACQUEDOTTI NELL ANTICA ROMA Come si può leggere nell introduzione del trattato sugli acquedotti di Frontino, il noto curator aquarum (magistrato preposto

Dettagli

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola Unità dal volto antico Le radici archeologiche dell immagine dell Italia Dialogo con il mondo della scuola Un nome, una terra Italia: casa comune fin dall antichità di Luca Mercuri Archeologo della Soprintendenza

Dettagli

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica GLI EDIFICI FUNERARI DI ETA ROMANA L antica legge romana delle Dodici Tavole la prima legislazione scritta della Roma antica, risalente al 450 a.c. probabilmente

Dettagli

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo La città di Pedro da Toledo Con la linea arancio sono indicate le mura che delimitano l ampliamento aragonese. Con la linea verde la murazione antica, con la linea gialla il fronte a mare realizzato dagli

Dettagli

Il teatro a Roma e nel mondo romano

Il teatro a Roma e nel mondo romano Il teatro a Roma e nel mondo romano Il Mediterraneo Romano nel II secolo d. C. e la diffusione dei teatri nelle province romane Per quanto riguarda gli edifici teatrali romani, è necessario fare alcune

Dettagli

GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757.

GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757. GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757. SI RITROVANO NEI DIPINTI I GRANDI TEMI DELL EPOCA: IL GUSTO PER LA VEDUTA, PER LA DECORAZIONE, PER LA COLLEZIONE DI FRAMMENTI ANTICHI. POSSIAMO IDENTIFICARE

Dettagli

Basilica di San Pietro

Basilica di San Pietro INDICE 1. Basilica di San Pietro 2. Roma del Caravaggio 3. MAXXI Museo 4. Castel Romano Designer Outlet 5. Roma sotterranea 6. Roma Imperiale 7. Musei Vaticani& Cappella Sistina 8. Ostia Antica 9. Palazzo

Dettagli

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM 28-11-2011 0:18 Pagina 125 Parte seconda Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM

Dettagli

incertum e l opus reticulatum (opera incerta e reticolata)

incertum e l opus reticulatum (opera incerta e reticolata) L opus incertum e l opus reticulatum (opera incerta e reticolata) L opus incertum: una definizione Possono essere definite come opera incerta tutte le murature cementizie a struttura tripartita, con paramenti

Dettagli

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com -

Dettagli

Descrizione dettagliata del Programma delle Visite Guidate. Maggio-Giugno 2013

Descrizione dettagliata del Programma delle Visite Guidate. Maggio-Giugno 2013 dettagliata del Programma delle Visite Guidate Maggio-Giugno 2013 12-5-13: La necropoli Etrusca di Cerveteri La necropoli etrusca di Cerveteri è sicuramente una delle antiche necropoli più estese al mondo.

Dettagli

Le Vie Francigene del Sud

Le Vie Francigene del Sud Tappa VFS01 - prima parte Da Piazza San Pietro all'appia Antica Le Vie Francigene del Sud Partenza: Roma, Piazza San Pietro Arrivo: Via Appia Antica - Quarto Miglio Lunghezza Totale (km): 11.5 Percorribilità:

Dettagli

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33 LE CIVILTÀ ITALICHE La civiltà greca si è sviluppata sulle coste del Mar Mediterraneo; nello stesso periodo nella penisola italica (cioè dell Italia) vivevano altre popolazioni, popoli, che avevano usi

Dettagli

CLASSI QUINTE SCUOLA PRIMARIA DI SAN FLORIANO ANNO SCOL. 2011-2012 INS. MANCINI - PECCOLO

CLASSI QUINTE SCUOLA PRIMARIA DI SAN FLORIANO ANNO SCOL. 2011-2012 INS. MANCINI - PECCOLO CLASSI QUINTE SCUOLA PRIMARIA DI SAN FLORIANO ANNO SCOL. 2011-2012 INS. MANCINI - PECCOLO Come è nata Verona? Com'era Verona all'epoca dei romani? Dove è sorto il primo insediamento romano? Che cosa ci

Dettagli

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Ingresso: 2,00, 1,50 per gruppi 1,00 scuole Partendo da Piazza Baldini, già, è possibile visitare il Museo della Cattedrale, inaugurato nel 1984,

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA Vol I, pp. 176-217 ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA II sec. 476 d.c. Decadenza dell impero romano Dal II sec. al 476 è il periodo della decadenza dell impero romano L esercito era incapace di

Dettagli

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto ndice del volume 1 le prime civiltà TEST ONLNE 1.1 La preistoria 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 3 Le Grotte di Lascaux 4 1.1.3 L arte del Neolitico 7 Le tecniche

Dettagli

FOTO DEL LAZIO. "Colosseo", in origine conosciuto col nome di "Anfiteatro Flavio" (foto miste).

FOTO DEL LAZIO. Colosseo, in origine conosciuto col nome di Anfiteatro Flavio (foto miste). FOTO DEL LAZIO Roma: come allora, ancora "caput mundi"... (parte I delle foto) Pini alla fermata della metropolitana "Anagnina" (nella prima foto) / "Piazza della Repubblica" (nella seconda foto) / "Teatro

Dettagli

Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni

Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni LA CATTEDRALE 1. CATTEDRALE Tempio greco nel VI sec. a.c., moschea nel IX sec.d.c., chiesa medievale nei secoli seguenti, presenta la facciata barocca aggiunta

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica Scultura greca Scultura dedalica e arcaica Scultura geometrica (VIII secolo a.c.) Piccole statuette in bronzo e avoriofigure umane, divine e cavalli Scultura dedalica (VII secolo a.c.) La grande statuaria

Dettagli

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15)

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) Taranto fu fondata nel 706 a.c. dai coloni spartani, rendendo schiave le popolazioni indigene locali. Si estendeva dalla penisola del borgo antico fino alle

Dettagli

La città di Veio: un antica civiltà parte prima

La città di Veio: un antica civiltà parte prima Vittorio CREA e Vincenzo ROSSI La città di Veio: un antica civiltà parte prima Veio e il suo territorio. Le guerre di Veio. I culti di Veio. La visita di Veio. CULTURA VEIO E IL SUO TERRITORIO Sull etimologia

Dettagli

Prova cantonale di storia

Prova cantonale di storia Ufficio dell insegnamento medio 26 maggio 2014 Prova cantonale di storia Nome Cognome Classe Punti Nota Scuola media di. 1 Cara allieva, caro allievo, oggi svolgerai la prova cantonale di storia che prevede

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA FALCONE E BORSELLINO CLASSE QUINTA B a.s.2011/12

SCUOLA PRIMARIA FALCONE E BORSELLINO CLASSE QUINTA B a.s.2011/12 SCUOLA PRIMARIA FALCONE E BORSELLINO CLASSE QUINTA B a.s.2011/12 Le origini Secondo una leggenda la città di Perugia avrebbe avuto origine da Euliste, un nobile guerriero che, tornando dalla guerra di

Dettagli

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA,

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, SILVANO PIROTTA RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, ROMANA E LONGOBARDA LUNGO I CANTIERI AUTOSTRADALI E DELL ALTA VELOCITÀ 2012 I RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI NEL TERRITORIO DELLA MARTESANA I

Dettagli

FORUM MAGNUM IL CENTRO DI ROMA!

FORUM MAGNUM IL CENTRO DI ROMA! FORUM MAGNUM IL CENTRO DI ROMA! Secondo le fonti storiche, se si escludono le mura (o meglio dire un semplice terrapieno) che la leggenda vuole fatte costruire da Romolo a difesa del Palatino, la prima

Dettagli

Il Partenone di Atene Le sculture delle metope e del fregio

Il Partenone di Atene Le sculture delle metope e del fregio Il Partenone di Atene Le sculture delle metope e del fregio Veduta di Atene nell antichit antichità Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine 12/03/2013 Storia E un tempio greco di ordine dorico dedicato

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

TRACCE DEL RISORGIMENTO NEL TERRITORIO BRESCIANO IL MONUMENTO A GARIBALDI

TRACCE DEL RISORGIMENTO NEL TERRITORIO BRESCIANO IL MONUMENTO A GARIBALDI TRACCE DEL RISORGIMENTO NEL TERRITORIO BRESCIANO IL MONUMENTO A GARIBALDI Il 13 giugno 1859 Garibaldi entrava trionfalmente a Brescia passando da Porta San Giovanni. Il popolo lo accoglieva con applausi

Dettagli

Gaetano Arricobene Architetto

Gaetano Arricobene Architetto INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIAPERTURA DELLA CRIPTA SACRO MONTE DI VARESE Varese, 29 settembre 2014 Committente: Parrocchia di Santa Maria del Monte via Assunzione, 21-21100 Varese Finanziatori: IL PROGETTO

Dettagli

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico Indagini topografiche

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli