BILANCIO DELL ESERCIZIO 2014 / UNIQA LIFE SPA. Life

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO DELL ESERCIZIO 2014 / UNIQA LIFE SPA. Life"

Transcript

1 BILANCIO DELL ESERCIZIO 2014 / UNIQA LIFE SPA Life

2

3 ORGANI STATUTARI E DIRETTIVI Consiglio di Gestione alla data del 25 marzo 2015 Presidente Consigliere Consigliere Consigliere Michele MENEGHETTI Silvano CEREA Sergio IMBERTI Riccardo RAUCCI Consiglio di Sorveglianza alla data del 22 marzo 2013 Presidente Vice-Presidente Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Wolfgang KINDL Luciano PATELLI Hannes BOGNER Peter Michael EICHLER Johannes PORAK Giovanni Maria RUZZU Sede Legale e Direzione Generale: Via Carnia Milano - Capitale sociale Euro ,00 i.v. C.F / P.I. / Registro imprese Milano n R.E.A. n Autorizzazione Provv. ISVAP n.2760 del 22/12/ Albo delle imprese di Assicurazione n Gruppo UNIQA Italia (Albo gruppi n.007) Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di UNIQA Assicurazioni S.p.A.

4

5 = INDICE Convocazione del Consiglio di Sorveglianza Convocazione dell Assemblea RELAZIONE SULLA GESTIONE BILANCIO D ESERCIZIO Prospetti contabili Stato Patrimoniale (allegato I) Conto economico (allegato II) Nota integrativa Premessa Sezione A Criteri di valutazione Sezione B Informazioni sullo stato patrimoniale e sul conto economico Sezione C Altre informazioni Allegati alla nota integrativa Rendiconto finanziario Prospetto dimostrativo del margine di solvibilità Rami vita Prospetto sull utilizzo dell eccedenza del margine di solvibilità disponibile Prospetto annuale delle attività assegnate alla copertura delle riserve tecniche ex art.36 e 41 D.Lgs n.209/05 Prospetto annuale delle attività assegnate alla copertura delle riserve tecniche ex art.41, commi 1 e 2, D.Lgs n.209/05 Relazione attuariale sulle riserve tecniche Relazione della Società di revisione Relazione del Consiglio di Sorveglianza Verbale del Consiglio di Sorveglianza Verbale dell Assemblea degli Azionisti Prospetto assegnazione quota utile investimenti rami vita =

6

7

8

9

10 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE SULL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2014 L'economia nazionale ed internazionale = L'anno 2014 in esame ha registrato una lieve ripresa dell attività economica a livello mondiale. Gli Stati Uniti, in particolare, hanno rilevato una netta crescita superando le aspettative mentre, in contro tendenza rispetto all anno precedente, le economie emergenti hanno subito un rallentamento importante. La forte flessione del prezzo del petrolio, si è intensificata a fine periodo, complice l aumento dell offerta da parte degli Stati Uniti e la debolezza dei consumi mondiali. Le prospettive a breve e medio termine restano incerte a causa della persistente debolezza dell area Euro, oltre che dal prolungarsi del rallentamento da parte della Cina e della brusca frenata della Russia che si trova ad affrontare una difficile situazione economico-finanziaria dovuta prevalentemente alla caduta del prezzo del petrolio ed al crollo del rublo. La forte flessione dei corsi petroliferi, che si è intensificata a fine anno, può contribuire a sostenere una lieve crescita ma al contempo potrebbe aumentare i rischi di instabilità finanziaria da parte dei paesi esportatori. Per contrastare questi rischi e ricondurre le aspettative verso una stabilità dei prezzi, il Consiglio direttivo della BCE ha espresso l intenzione di ampliare la dimensione del bilancio dell Euro zona e riportarlo ai livelli del Il ricorso al finanziamento a lungo termine combinato ad una riduzione dei tassi d interesse sui titoli di Stato potrebbe rappresentare il primo passo verso la ripresa. In Italia nella seconda parte dell anno abbiamo assistito ad una lieve ripresa economica, supportata da un aumento dei consumi ma inficiata però dalla diminuzione degli investimenti. Al contempo, nonostante il declassamento del rating del debito italiano, deciso nel corso del mese di dicembre da parte di Standard & Poors a causa delle incerte prospettive di crescita del paese, i rendimenti sui titoli si sono mantenuti pressoché stabili. I mercati finanziari non hanno particolarmente risentito della situazione politica della Grecia pur comportando una maggior volatilità dei titoli azionari. Nel corso dell anno le condizioni di offerta di credito sono gradualmente migliorate soprattutto per quanto riguarda le imprese di dimensioni considerevoli. Le imprese di piccole dimensioni continuano ad avere difficoltà nell accesso al credito; la contrazione dei prestiti è dovuta sia ad un incertezza da parte degli istituti di credito sulla solvibilità del debitore che da un debolezza negli investimenti. Nonostante si sia registrato un lieve aumento del numero degli occupati, nel 2014 il tasso di disoccupazione è salito per effetto dell innalzamento del tasso di attività. La ripresa dell occupazione rimane debole e non subirà inversioni di tendenza nemmeno nei primi mesi del Le proiezioni prospettano un graduale ritorno alla crescita nel nostro paese che risulterà lieve nel corso del 2015 mentre sarà più deciso nel corso del L attività economica verrebbe sostenuta dalla tendenza espansiva della politica monetaria e dalle misure disposte dalla legge di Stabilità che dovrebbe ridurre la pressione fiscale. Tale fenomeno potrebbe influire positivamente anche sulla ripresa delle esportazioni anche grazie al deprezzamento del cambio dell Euro. Tale ripresa potrebbe tuttavia essere attutita da un andamento ancora debole degli investimenti. Nel complesso, le stime ufficiali del mercato italiano attestano che nel corso del 2014 il PIL nazionale ha subito una riduzione dello 0,4%. L attività dovrebbe ripartire gradualmente nei primi mesi del 2015 portandosi a crescere nel corso del 2015 fino a raggiungere un +0,4% nel 2015 ed un incremento dell 1,2% nel = = =

11 UNIQA Life S.p.A. Relazione del Consiglio di Gestione Il mercato assicurativo italiano vita Nell esercizio 2014 il volume premi è stato pari a 110,8 miliardi, in aumento del 30,2% rispetto a quello osservato nell anno precedente; si tratta dell importo più elevato mai registrato in questo settore ed è il risultato di una raccolta premi trimestrale pressoché costante e pari a oltre 27,5 miliardi (importi ben superiori ai premi trimestrali contabilizzati negli anni precedenti). I premi raccolti nel 2014 risultano costituiti per l 84% da premi unici, in aumento del 34,3% rispetto all anno precedente, e per il restante 16% da premi periodici (in aumento del 12,1%). Nel 2014, i prodotti di ramo I - Vita umana hanno contabilizzato oltre 82 miliardi di premi, il miglior risultato di sempre in questo ramo, con un aumento del 27%. In crescita anche la raccolta premi di tutti gli altri rami. Nel dettaglio sono cresciuti del 41% i premi delle polizze di Ramo III Polizze Linked, per un volume di quasi 22 miliardi, rappresentando circa il 20% dei premi totali. Stessa percentuale di crescita si è registrata per le polizze di ramo V Capitalizzazione i cui premi sono stati pari a 4,6 miliardi (4,2% del totale). Il ramo VI Fondi Pensione ha raccolto premi per 1,4 miliardi in crescita del 9% mentre le polizze di Ramo IV Malattia (con appena 67 milioni di raccolta premi) sono cresciute del 29%. La nuova produzione di polizze vita individuali raccolta in Italia dalle imprese italiane e dalle rappresentanze di imprese extra-u.e, comprensiva dei premi unici aggiuntivi, ha raggiunto 90,7 miliardi, in crescita del 47,4% rispetto all analogo periodo dell anno precedente. Nel 2014, l ammontare complessivo delle uscite è stato pari a 64,4 miliardi, il 3,5% in meno rispetto a tutto il La quota prevalente delle uscite è stata rappresentata dai riscatti e dagli altri rimborsi, pari al 58% dei pagamenti complessivi e in diminuzione del 6,0% rispetto all anno precedente; le scadenze e le rendite maturate, comprensive della variazione per somme da pagare, sono ammontate al 32% delle uscite totali (-3,9% rispetto all anno precedente), mentre il restante 10% è costituito dagli importi dei sinistri per decesso e altri eventi attinenti alla vita umana coperti dalle polizze vita, che hanno registrato un aumento del 16,2% rispetto all anno precedente. La Compagnia La Compagnia chiude l esercizio realizzando un risultato lordo positivo pari a migliaia di Euro contro un utile al lordo delle imposte conseguito alla chiusura dell esercizio precedente pari a migliaia di Euro. L utile netto ammonta a migliaia di Euro, in crescita di migliaia di Euro rispetto a migliaia di Euro registrato al In sintesi la situazione economica può essere così riassunta: Valori in migliaia di euro Esercizio 2014 Esercizio 2013 Delta CONTO TECNICO RAMI VITA Premi lordi Premi ceduti Premi netti Proventi netti da investimenti Liquidazioni Variazione riserve tecniche Spese di gestione Altri proventi e oneri tecnici Proventi e plusvalenze nette non realizzate classe D Quota dell'utile degli investimenti trasferita al conto non tecnico Saldo tecnico netto vita CONTO NON TECNICO Quota dell'utile degli investimenti trasferita dal conto tecnico Altre componenti ordinarie Risultato corrente Altre componenti straordinarie Risultato prima delle imposte Imposte Risultato netto

12 UNIQA Life S.p.A. Relazione del Consiglio di Gestione L utile dell esercizio è fortemente influenzato dal risultato finanziario: i proventi netti da investimenti registrano infatti una crescita pari a migliaia di Euro (+33,2%) rispetto alla chiusura dell esercizio precedente, passando da migliaia di Euro al a migliaia di Euro al : da un lato, la Compagnia ha conseguito maggiori proventi principalmente per effetto dell aumento degli Interessi su obbligazioni e altri titoli a reddito fisso : la voce cresce di migliaia di Euro sostanzialmente come conseguenza dell incremento degli attivi investiti; dall altro lato, la Compagnia ha rilevato riprese di rettifiche di valore per migliaia di Euro interamente attribuibili al comparto delle obbligazioni e altri titoli a reddito fisso, un comparto che nel corso dell esercizio è riuscito a recuperare le svalutazioni subite al , beneficiando del calo dello spread BTP-BUND e, in generale, del calo dei rendimenti dei titoli di Stato. Si riporta di seguito la ripartizione degli investimenti per tipologia ed il raffronto con la composizione dell esercizio precedente: Valori in migliaia di euro Investimenti Esercizio 2014 Esercizio 2013 Variazione Importo % Importo % Quote di fondi comuni di investimento ,2% ,6% Obbligazioni e altri titoli a reddito fisso ,7% ,1% Finanziamenti 14 0,0% 0,0% 14 Investimenti finanziari diversi 262 0,0% 159 0,0% 103 Investimenti di Classe D ,1% ,3% TOTALE ,0% ,0% La raccolta premi si è sviluppata positivamente: i premi lordi contabilizzati nell esercizio, pari a migliaia di Euro, si presentano in crescita del 9,3%. Per quanto riguarda il mix di prodotto si segnala una minore raccolta sui prodotti Unit linked ed una raccolta pari a zero sui prodotti Index linked, comunque più che compensata dalla maggiore produzione sui prodotti tradizionali. Si riporta di seguito la spaccatura dei premi dell esercizio per tipologia di premio e per ramo di bilancio ed il raffronto con la composizione dell esercizio precedente: Valori in migliaia di euro Premi lordi Prima annualità Premi unici Annualità successive TOTALE contabilizzati Variazione Variazione Variazione Variazione Ramo I Ramo III TOTALE La raccolta premi realizzata nell esercizio ha risentito dell impegno profuso dal Gruppo Veneto Banca nell esecuzione del proprio piano di rafforzamento patrimonìale, messo in atto al fine di assicurare al gruppo un adeguata dotazione di mezzi propri, in linea con i requisiti previsti dalle regole di vigilanza prudenziale note come Basilea III. Nell esercizio sono state realizzate, in particolare, le seguenti operazioni previste dal Piano sopra indicato: un aumento di capitale sociale a pagamento, per Euro, e le cessioni di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni (BIM) e della maggioranza del capitale sociale di Banca IPIBI Financial Advisory. Si segnala che l evoluzione dell assetto societario del Gruppo Veneto Banca non ha comunque compromesso il processo di crescita di UNIQA Life S.p.A.: nonostante il leggero rallentamento verificatosi nell esercizio 2014, il volume di premi realizzato dalla Compagnia nel triennio è aumentato del 57,7%, passando da migliaia di Euro a migliaia di Euro, a fronte di un tasso di crescita del mercato vita nello stesso periodo pari al 49,9%. Le liquidazioni registrano un aumento pari a migliaia di Euro rispetto all esercizio precedente, principalmente a causa dell incremento subito dai riscatti, equamente distribuiti sui prodotti di tipo tradizionale e su quelli del comparto c.d. di Classe D. Si segnala che la Compagnia effettua pagamenti agli assicurati principalmente per riscatti, in linea con quanto accade nel mercato vita nel nostro paese. Si riporta di seguito la ripartizione delle somme pagate, del lavoro diretto e del lavoro ceduto, per tipologia di pagamento ed il raffronto con la composizione dell esercizio precedente: 3

13 UNIQA Life S.p.A. Relazione del Consiglio di Gestione Valori in migliaia di euro Esercizio 2014 Esercizio 2013 Lavoro conservato Somme pagate Lavoro Lavoro Lavoro Lavoro Lavoro Lavoro Variazione nette Variazione diretto ceduto conservato diretto ceduto conservato % Riscatti % Scadenze % Rendite % Sinistri % Costi amministrativi % TOTALE % Le spese di gestione risultano in crescita di 759 migliaia di Euro rispetto alla chiusura dell esercizio precedente sostanzialmente a causa dell incremento delle spese generali che si attestano a migliaia di Euro, in aumento di migliaia di Euro rispetto al Tale andamento è attribuibile principalmente alle spese per lavoro subordinato, che salgono di migliaia di Euro a seguito delle nuove assunzioni e del trasferimento di personale dalle altre società del gruppo alla Compagnia. In dettaglio, si tratta di: n.3 dipendenti trasferiti da UNIQA Assicurazioni S.p.A.; n.16 dipendenti trasferiti da UNIQA Previdenza S.p.A. A fronte di tali trasferimenti, si segnala la contestuale diminuzione dei costi riaddebitati alla Compagnia dalle altre società del Gruppo: le persone trasferite, infatti, già svolgevano le attività di UNIQA Life S.p.A., ma erano inquadrate in altre compagnie, generando così riaddebiti di costi. Il cost ratio, calcolato come incidenza delle spese generali sulle riserve tecniche si presenta in miglioramento, calando di 0,1 punti percentuali rispetto alla chiusura dell esercizio precedente. Si riporta di seguito il prospetto di sintesi del calcolo effettuato: Valori in migliaia di euro Esercizio 2014 Esercizio 2013 Variazione COST RATIO Spese generali Riserve tecniche di Classe C Riserve tecniche di Classe D Totale Riserve tecniche Incidenza Spese generali su Riserve tecniche 0,6% 0,7% -0,1% Formazione Si premette che la distribuzione dei prodotti assicurativi della Compagnia avviene esclusivamente attraverso la partnership con il Gruppo Veneto Banca; i mandati attivi di UNIQA Life S.p.A. al sono due: uno con Veneto Banca e uno con BancApulia, società del Gruppo Veneto Banca. A seguito di accordi operativi tra la Compagnia e questi soggetti, gli Istituti Bancari hanno gestito autonomamente tutti gli aspetti formativi riguardanti la rete distributiva, benchè i piani di formazione ed i relativi contenuti siano stati concordati e controllati. Il Piano di Formazione 2014 è parte integrante del Piano Commerciale e Marketing, approvato dal Consiglio di Gestione di UNIQA Life S.p.A. in data La formazione relativa alla rete distributiva di UNIQA Life S.p.A. è stata programmata partendo dal Piano di Formazione, tenendo conto degli obiettivi commerciali, dei vincoli regolamentari in materia e della tipologia di prodotti intermediati. La formazione di tipo E-learning è sta gestita utilizzando il supporto informatico fornito dalla piattaforma intranet del Gruppo Veneto Banca. Tale supporto è stato impiegato anche per l attività relativa ai test di verifica dell apprendimento nonché per le certificazioni: la centralizzazione delle suddette attività ha consentito alla Compagnia un controllo puntuale e costante. Prodotti Nel corso dell esercizio, la Compagnia ha rafforzato il comparto dei prodotti tradizionali a discapito di quello dei prodotti c.d. di Classe D. 4

14 UNIQA Life S.p.A. Relazione del Consiglio di Gestione Si riporta di seguito la spaccatura dei premi dell esercizio per tipologia di business ed il raffronto con la composizione dell esercizio precedente: Valori in migliaia di euro Premi lordi contabilizzati Esercizio 2014 Esercizio 2013 Importo % Importo % Variazione Prodotti tradizionali ,8% ,1% Prodotti Unit e Index linked ,2% ,9% TOTALE ,0% ,0% Nell ambito del business dei prodotti tradizionali, la Compagnia si è concentrata sul collocamento dei due prodotti chiave del comparto: Progetto Investimento : contratto di assicurazione sulla vita in caso di morte, a vita intera, a premio unico e capitale rivalutabile annualmente; Progetto Key Man : contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili; le cui raccolte premi rappresentano rispettivamente l 82% e l 8% della produzione complessiva del comparto. In particolare, il 37% circa della produzione tradizionale è stato realizzato dalla versione Special della Linea Progetto Investimento, collocata nei primi due mesi dell anno nell ambito della campagna commerciale per il sostegno alla vendita dei PUR (Premi Unici Ricorrenti) da parte di Veneto Banca. Per quanto riguarda l emissione di nuovi prodotti, si segnala Progetto Pensione Sicura, Piano Pensionistico Individuale (PIP) collegato alla Gestione Separata Prefin Life Futuro, creata ad hoc dalla Compagnia, il cui collocamento sul mercato ha avuto inizio nel mese di Settembre Il business dei prodotti c.d. di Classe D si presenta in calo sostanzialmente a causa della mancata emissione di nuovi prodotti Index linked, a differenza di quanto accaduto nello scorso esercizio quando la Compagnia aveva collocato due nuove Index linked Planet Index Alhena e Planet Index Electra. Si segnala che le sottoscrizioni di polizze collegate a fondi Unit linked sono rimaste sostanzialmente invariate, registrando però una differente distribuzione dei premi tra le diverse linee di investimento rispetto all esercizio precedente. Gestione assicurativa I premi lordi contabilizzati ammontano a migliaia di Euro ( migliaia di Euro al ), in crescita di migliaia di Euro rispetto alla chiusura dell esercizio precedente. Si riporta di seguito la spaccatura dei premi dell esercizio per ramo di bilancio e per tipologia di premio ed il raffronto con la composizione dell esercizio precedente: Valori in migliaia di euro Premi lordi contabilizzati Esercizio 2014 Esercizio 2013 Importo % Importo % Variazione Ramo I ,8% ,1% Ramo III ,2% ,9% TOTALE ,0% ,0% Valori in migliaia di euro Premi lordi contabilizzati Esercizio 2014 Esercizio 2013 Importo % Importo % Variazione Prima annualità ,6% ,5% Premi unici ,1% ,4% Annualità successive ,3% ,0% TOTALE ,0% ,0% La Compagnia continua a collocare prevalentemente polizze di Ramo I. L incidenza di queste ultime sul portafoglio complessivo è leggermente aumentata rispetto all esercizio precedente (78,8% al contro 65,1% al ), da un lato a causa di una maggiore raccolta di premi unici di Ramo I, dall altro lato per le minori sottoscrizioni sul Ramo III. Nel corso dell esercizio 2014, come accaduto nell anno precedente, la Compagnia non ha emesso alcuna polizza di Ramo V. Si segnala che la modalità di versamento a premio unico ha rappresentato la scelta maggiormente utilizzata dai contraenti, per una quota pari all 87,1% del totale. 5

15 UNIQA Life S.p.A. Relazione del Consiglio di Gestione Per ulteriori dettagli si rinvia al paragrafo II 1 - PREMI DELL ESERCIZIO, AL NETTO DELLE CESSIONI IN RIASSICURAZIONE della Nota Integrativa. Si evidenzia di seguito il contributo dato dal new business alla produzione dell esercizio ed il raffronto con la situazione riferita dall esercizio precedente: Valori in migliaia di euro Premi lordi contabilizzati Importo % Importo % Variazione Nuova produzione Ramo I ,7% ,0% Ramo III ,3% ,0% TOTALE NUOVA PRODUZIONE ,7% ,0% Quietanzamenti di premi annui Ramo I ,0% ,0% Ramo III 0,0% 0,0% 0 TOTALE QUIETANZAMENTI DI PREMI ANNUI ,3% ,0% TOTALE ,0% ,0% I premi di nuova produzione, costituiti dalle prime annualità e dai premi unici, rappresentano il 90,7% dell intera raccolta premi (92% al ) e si presentano in crescita del 7,73% rispetto all esercizio precedente. La nuova produzione è concentrata sui prodotti di tipo tradizionale che rappresentano il 76,7% dell intero new business, a discapito dei prodotti c.d. di Classe D che pesano per il 23,3%. La spaccatura della nuova produzione per tipologia di business è in linea con il mercato vita nel nostro paese: nel corso dell esercizio 2014, le nuove polizze di Ramo I hanno rappresento i tre quarti circa dell intera nuova produzione emessa in Italia; la restante quota della nuova produzione vita è costituita dai nuovi premi di Ramo III, quasi esclusivamente di tipo unit-linked. I quietanzamenti di premi annui, costituiti dalle c.d. annualità successive, segnano un incremento del 27,2%, continuando tuttavia a rappresentare una minima parte del portafoglio (9,3%). Gestioni separate La principale gestione separata di UNIQA Life S.p.A., il fondo Prefin Life, ha conseguito un rendimento del 3,55%, in linea con la media di mercato della bancassicurazione ed inferiore a quello raggiunto nello scorso esercizio, in conseguenza del forte calo dei tassi di interesse. Nel corso del 2014 è stata alimentata la gestione separata Prefin Life Futuro, per la quale è stata ottenuta l autorizzazione nel 2013, grazie all inizio della distribuzione dei prodotti PIP e, stante le limitate dimensioni raggiunte, il rendimento conseguito è risultato elevato (4,50%). Sinistri e pagamenti agli assicurati Le somme pagate nell esercizio, al netto della quota a carico dei riassicuratori, ammontano a migliaia di Euro ( migliaia di Euro al ), in aumento di migliaia di Euro rispetto alla chiusura dell esercizio precedente. Valori in migliaia di euro Somma pagate nette Esercizio 2014 Esercizio 2013 Variazione Lavoro diretto Lavoro ceduto Totale Con riferimento al lavoro diretto, si riporta di seguito la spaccatura dei pagamenti per ramo di bilancio e per tipologia di pagamento ed il raffronto con la composizione dell esercizio precedente: 6

16 UNIQA Life S.p.A. Relazione del Consiglio di Gestione Valori in migliaia di euro Somme pagate lavoro diretto Esercizio 2014 Esercizio 2013 Importo % Importo % Variazione Ramo I ,2% ,2% Ramo III ,0% ,2% Ramo V ,8% ,6% -316 TOTALE ,0% ,0% Valori in migliaia di euro Somme pagate lavoro diretto Esercizio 2014 Esercizio 2013 Importo % Importo % Variazione Riscatti ,1% ,3% Scadenze 87 0,1% 93 0,1% -6 Rendite 22 0,0% 11 0,0% 11 Sinistri ,8% ,6% TOTALE ,0% ,0% La Compagnia effettua pagamenti agli assicurati principalmente per riscatti: l incidenza di questi ultimi sul complesso delle somme pagate risulta in leggero aumento rispetto allo stesso periodo dell esercizio precedente, passando dall 86,3% al all 88,1% al , a discapito dei sinistri il cui peso sulle liquidazioni scende leggermente, passando dal 13,6% al all 11,8% al Dal punto di vista della distribuzione delle somme pagate tra i diversi rami di bilancio, i pagamenti risultano equamente distribuiti sui prodotti di tipo tradizionale e su quelli del comparto c.d. di Classe D. Si ricorda che le somme pagate di Ramo V si riferiscono quasi totalmente a prodotti Index linked. In base al disposto dell art.9 del Regolamento ISVAP n. 29 del 16 marzo 2009, i contratti Index linked sono classificati nel ramo V quando risultano privi di rischio demografico (i.e. le condizioni contrattuali sono tali da rendere indipendente l erogazione delle singole prestazioni da eventi attinenti la vita umana) ed è prevista una garanzia di rendimento minimo sulle somme versate. Per ulteriori dettagli si rinvia al paragrafo II 5.a - Somme pagate della Nota Integrativa. Si riporta di seguito l incidenza delle somme pagate sulle riserve matematiche per ramo di bilancio ed il raffronto con la composizione dell esercizio precedente: Valori in migliaia di euro Somme pagate lavoro diretto Somme pagate lavoro diretto Esercizio 2014 Esercizio 2013 Incidenza su Riserve Somme Riserve Riserve matematiche pagate lavoro matematiche matematiche lavoro diretto diretto lavoro diretto lavoro diretto Incidenza su Riserve matematiche lavoro diretto Ramo I ,6% ,4% Ramo III ,5% ,7% Ramo V ,5% ,6% TOTALE ,3% ,2% Riassicurazione Le politiche di copertura del rischio sono state attuate nel pieno rispetto di quanto stabilito dal programma di attività definito in sede di richiesta all ISVAP dell autorizzazione all attività assicurativa. In particolare, la Compagnia ha stipulato trattati a premi di rischio con primari riassicuratori, la maggior parte dei quali a copertura del rischio credito sui mutui e del rischio credito sui prestiti personali. Si riporta di seguito il prospetto riepilogativo dei trattati in essere alla chiusura dell esercizio: 7

17 UNIQA Life S.p.A. Relazione del Consiglio di Gestione Trattato Rischio Credito (polizza caso morte e invalidità a premio unico per la copertura del debito residuo di un finanziamento) Rischio Credito (polizza caso morte e invalidità a premio unico per la copertura del debito residuo dei mutui ipotecari) Tipologia di cessione Eccedente Eccedente Hannover Rueck Hannover Rueck Riassicuratore "Progetto Conto Protetto" (assicurazione per il caso morte a copertura fidi) Obbligatorio - Rischio (tutte le polizze individuali con capitale caso morte, per la garanzia principale e le complementari) "Special Acceptance" (copertura caso morte abbinata a polizza Unit linked a fondi esterni) Eccedente Eccedente Eccedente Hannover Rueck Muenchener Rueck 45% Uniqa Re 45% Reinsurance Group of America 10% Reinsurance Group of America Gestione Finanziaria Il 2014 si è chiuso in positivo complessivamente per i mercati finanziari globali, supportati dalle politiche monetarie delle Banche Centrali, mentre i dati macroeconomici hanno denotato situazioni contrastanti, con gli Stati Uniti che hanno mostrato una ripresa solida di fronte ad un Europa alle prese con l economia che stenta a ripartire. Le tensioni militari in Ucraina e quelle politiche in Grecia, hanno causato un aumento della volatilità sul finire dell esercizio che comunque ha comportato conseguenze negative limitate al solo ambito locale. E stato un anno molto buono per gli investimenti azionari, con quasi tutti i mercati che hanno conseguito rendimenti positivi ed in molti casi a doppia cifra, se si escludono i mercati emergenti dell Europa dell Est e dell America Latina. Sul mercato obbligazionario, nell'area Euro gli spread tra i titoli dei Paesi c.d. periferici e Bund si sono ulteriormente ristretti nell arco dell anno (eccezion fatta per la Grecia), in un ambiente di tassi di interesse caratterizzato da ripetuti minimi storici, con il segmento del credito, in particolare il settore finanziario, che ha beneficiato delle misure espansive attuate dalla Banca Centrale Europea. Sul mercato valutario, il Dollaro si è nettamente apprezzato nei confronti dell'euro nella seconda parte dell anno, in seguito alle prese di posizione della BCE ed alla ripresa dell'economia USA. La politica di investimento degli attivi a copertura delle riserve è rimasta improntata alla prudenza, con un attenzione particolare agli impatti prospettici sul fabbisogno di capitale in ottica Solvency II. Sono state privilegiate le obbligazioni sovranazionali e governative dell area core dell Europa, nonché le obbligazioni corporate con buono standing creditizio; in tale processo di de-risking degli investimenti, è stato inoltre diminuito significativamente il peso degli OICR azionari ed obbligazionari high yield e paesi emergenti. Tutto questo si è inserito nell ambito della revisione del portafoglio della principale gestione separata (fondo Prefin Life) mirata a riequilibrare il profilo dei cash-flows netti attivi-passivi in una prospettiva di ALM. Rischi e incertezze La Compagnia è esposta a rischi tra cui quelli connessi ai movimenti dei mercati finanziari, agli sviluppi sfavorevoli dei rischi assicurativi e, in generale, a tutti quei rischi a cui è esposta per sua natura ogni attività imprenditoriale. Tali rischi possono essere raggruppati in diverse categorie tra cui, per omogeneità dei fattori scatenanti e per una migliore trattazione, le principali sono il rischio di mercato, il rischio di credito e il rischio liquidità. a) - Rischio di mercato Nella sfera della gestione patrimoniale e finanziaria delle risorse afferenti le riserve tecniche ed impiegate in conseguenza dell attività assicurativa, la Compagnia gestisce e controlla diverse variabili di rischio, con l obiettivo principale di amministrare le masse finanziarie dando loro un idoneo e sicuro investimento ed un congruo rendimento nel tempo. In tal senso, la Compagnia, è costantemente attenta al portafoglio ottimale ed alle attività poste a copertura delle riserve tecniche, tenendo conto della dinamica del mercato e del prevedibile andamento dei tassi di interesse. Infatti, variazioni non previste dei prezzi dei titoli azionari, degli immobili, delle valute e dei tassi di interesse 8

18 UNIQA Life S.p.A. Relazione del Consiglio di Gestione possono influenzare negativamente il valore degli investimenti detenuti dalla Compagnia. Questi attivi sono investiti per assicurare, da un lato una congrua remunerazione del capitale sottoscritto dagli azionisti, dall altra per fronteggiare gli obblighi contrattuali nei confronti degli assicurati (di capitale e di rendimento garantito); pertanto, eventuali variazioni avverse dei valori di mercato degli attivi possono influenzare il valore attuale delle passività assicurative. Al fine di monitorare gli andamenti di mercato con l obiettivo di controllare l esposizione della Compagnia nei confronti dei mercati finanziari, vengono effettuati periodici Comitati Investimenti nel corso dei quali la funzione Investimenti di Gruppo propone aggiornamenti eventuali dell allocazione tattica degli attivi e variazioni sull assunzione del rischio di credito degli emittenti, considerando gli andamenti dei mercati finanziari e l esposizione della Compagnia ai suddetti rischi. A completamento di tale monitoraggio la Compagnia effettua periodicamente valutazioni sulla massima perdita potenziale connessa al portafoglio finanziario, determinandone il VaR con un intervallo di confidenza del 99,5% su un orizzonte temporale di 1 mese. a).1 - Rischio tassi di interesse Il rischio di andamenti non favorevoli dei tassi di interesse è costantemente monitorato dalla funzione Investimenti che informa l Alta Direzione, nel corso dei Comitati Investimenti tenuti con cadenza trimestrale a livello di Gruppo, sull impatto derivante da movimenti paralleli della curva dei tassi sul valore degli investimenti. A questo proposito vengono elaborate periodiche sensitivity analysis (trimestrali) e stress test (almeno una volta all anno) sul portafoglio, con la finalità di valutare e misurare il livello di vulnerabilità della Compagnia nel caso di eventi e scenari sfavorevoli, anche se legati ad una bassa probabilità di accadimento. In particolare, la Compagnia quantifica gli effetti sul valore di mercato delle obbligazioni derivanti da spostamenti (shifts) paralleli ed istantanei della curva dei tassi d interesse. La sensitivity analysis sul totale del portafoglio obbligazionario di UNIQA Life S.p.A. (oltre il 90% degli investimenti) viene effettuata quantificando l'effetto sul valore di mercato delle obbligazioni derivante da shifts paralleli (istantanei) della curva dei tassi di interesse pari a 0,5%, 1% e 1,5%. In un ottica di asset-liabilities management ed in aggiunta a quanto già previsto dalle disposizioni di vigilanza, la Compagnia effettua un analisi mensile del cash flow matching dell attivo e del passivo, sia per la gestione separata che per il portafoglio totale, al fine di monitorare il rischio di possibili disequilibri finanziari negli esercizi futuri, sulla base di simulazioni. In tal senso la Compagnia, in ossequio al disposto del Regolamento ISVAP n. 21/2008, verifica la sostenibilità dei rendimenti minimi garantiti sulla base della redditività prospettica degli attivi presenti nella gestione separata; le valutazioni determinano un eventuale riserva matematica aggiuntiva, considerando il valore attuale dei fabbisogni mensili di integrazione al minimo, come differenza tra la riserva matematica necessaria per far fronte agli impegni contrattuali e la riserva matematica calcolata in base ai rendimenti annui realizzabili in base alle proiezioni future. a). 2 - Rischio azionario, degli strumenti derivati e di cambio Il rischio azionario misura l esposizione della Compagnia ai mercati azionari, calcolando gli impatti sul portafoglio azionario della Compagnia, connessi ad andamenti sfavorevoli della volatilità dei corsi azionari. La riduzione dei rischi legati a variazioni dei corsi azionari è attuata mediante una strategia mirata alla diversificazione del portafoglio in diversi settori e aree geografiche. Come per il portafoglio obbligazionario, il portafoglio azionario è costituito da titoli che rispondono a politiche di contenimento dei rischi attuate dalla Compagnia in accordo con le linee guida deliberate in termini di asset allocation strategica dal Consiglio di Gestione, opportunamente integrate da valutazioni sul contenimento dei rischi di breve periodo, volte a modificare l asset allocation in chiave tattica, secondo le direttive e gli indirizzi ratificati dal Comitato Investimenti ed a seconda dei trend di mercato, per cogliere le migliori opportunità presenti, pur garantendo un adeguata gestione dell esposizione al rischio entro limiti accettabili. Con riferimento al rischio in oggetto la Compagnia effettua valutazioni sulla massima perdita potenziale 9

19 UNIQA Life S.p.A. Relazione del Consiglio di Gestione connessa al portafoglio, determinando il VaR del portafoglio azionario, con un intervallo di confidenza del 99,5% su un orizzonte temporale di 1 mese. L eventuale utilizzo di strumenti finanziari derivati risponde essenzialmente ad esigenze di copertura dei rischi ed è effettuato in accordo con le linee guida in materia di utilizzo degli strumenti derivati, approvate con delibera del Consiglio di Gestione; il controllo di secondo livello sull utilizzo di tali strumenti è attribuito alla funzione di Risk Management che, in modo indipendente rispetto alla funzione Investimenti, verifica le consistenze e le caratteristiche degli investimenti in strumenti derivati sul totale del portafoglio. La Compagnia al 31/12/2014 non risulta esposta ai rischi di cambio per investimenti denominati in valute differenti dall Euro. b) - Rischio di credito La Compagnia, in accordo con le linee guida deliberate dal Consiglio di Gestione nell asset allocation strategica, si è data delle regole specifiche per il contenimento del rischio di credito degli investimenti, privilegiando l investimento in titoli e strumenti ad elevato merito creditizio, con l obiettivo di diversificare e disperdere il rischio di credito. In particolare, con riferimento alla selezione dei titoli che implicano un rischio di credito, il parametro di riferimento nelle valutazioni di investimento non è il solo rating fornito dalle principali Agencies preposte, ma è prevista una procedura di selezione che tiene in considerazione anche altri parametri. La Compagnia dispone di procedure informatizzate in grado di raccogliere ed aggregare in modo omogeneo, tempestivo e completo le informazioni quali/quantitative sui rischi finanziari. La Direzione Investimenti di Gruppo attua un costante monitoraggio sul merito di credito (osservazione del rating e del livello dei CDS di riferimento) mediante supporti elettronici aggiornati in tempo reale, sia per le singole componenti che per la totalità del portafoglio obbligazionario. In tal senso, il Direttore Investimenti riferisce, quando ciò sia richiesto da particolari situazioni a rischio, al Presidente del Consiglio di Gestione ed al Comitato Investimenti, sulle posizioni che presentano un esposizione elevata ovvero evidenziano potenziali minusvalenze su negoziazione titoli ed un rischio di perdite di valore superiori al 30% del valore nominale ed a 500 mila Euro in valore assoluto. In linea generale il portafoglio a reddito fisso della Compagnia è caratterizzato da un approccio conservativo, con oltre il 75% rappresentato da emissioni governative o assimilabili, con una distribuzione in termini di classi di rating che evidenzia un incidenza delle classi ad alto merito creditizio con un rating medio attuale pari a A1 di Moody s, A+ S&P e A+ di Fitch. Con riferimento al rischio in oggetto, la Compagnia effettua valutazioni sulle probabilità di default degli emittenti il portafoglio obbligazionario nei 12 mesi successivi, basandosi sulle tavole di default aggiornate annualmente ed elaborate da Moody s. c) - Rischio liquidità Il rischio di non poter adempiere alle obbligazioni verso gli assicurati o verso gli altri debitori della Compagnia, a causa delle difficoltà di trasformazione degli investimenti in liquidità senza subire perdite, è gestito dalla Compagnia con riferimento principalmente al business assicurativo ed ai fenomeni di liquidazione delle prestazioni assicurate, dove è maggiore l alea in termini di fabbisogno di liquidità e dove vengono effettuate le analisi più accurate. La Compagnia detiene un ammontare contenuto di mezzi finanziari liquidi atti a far fronte alle esigenze primarie di liquidità. Al fine di minimizzare il rischio in questione la Compagnia si è dotata di un sistema di tesoreria per la stima dei flussi che si avvale di informazioni richieste agli uffici che, a vario titolo, determinano il maggior fabbisogno di mezzi liquidi e che permettono alla tesoreria di svolgere adeguate analisi dei flussi di cassa anche in via prospettica. Il rischio non è comunque ritenuto rilevante, per la presenza tra gli attivi in portafoglio di investimenti in grado di essere trasformati in liquidità senza subire perdite rilevanti. Si segnala, infine, che il Consiglio di Gestione ha la ragionevole aspettativa che la società non presenti problemi di continuità aziendale e pertanto in base a tale assunzione ha predisposto il presente bilancio di esercizio. 10

20 UNIQA Life S.p.A. Relazione del Consiglio di Gestione Rapporti con altre imprese del gruppo La Compagnia è partecipata al 90% da UNIQA Previdenza S.p.A. che detiene azioni ordinarie per un importo nominale pari a migliaia di Euro. Nel corso dell esercizio, la Compagnia ha effettuato operazioni con tutte le società del gruppo UNIQA Italia in base a contratti intercompany. Si rimanda alla Nota integrativa per ulteriori informazioni sulla natura dei rapporti istaurati, sulla tipologia delle operazioni e sull ammontare delle stesse per tutte le Società del Gruppo. Si precisa che tali rapporti sono stati effettuati a normali condizioni di mercato. La Compagnia è sottoposta ad attività di direzione e coordinamento da parte di UNIQA Assicurazioni S.p.A. capogruppo del Gruppo UNIQA Italia, i cui dati relativi all ultima situazione contabile disponibile (ultimo bilancio approvato relativo all esercizio 2013) sono stati riportati in nota integrativa nella sezione Parte C Altre informazioni. Si segnala che nel corso dell esercizio è avvenuta la fusione per incorporazione della società UNIQA Protezione S.p.A. (società incorporata) in UNIQA Assicurazioni S.p.A. (società incorporante), capogruppo del Gruppo UNIQA Italia. Risorse umane Come enunciato dal Codice Etico del Gruppo UNIQA Italia, adottato dal Consiglio di Gestione di UNIQA Assicurazioni S.p.A. con delibera del , la Compagnia tutela e valorizza le risorse umane di cui si avvale, rispettando la dignità morale e professionale delle persone. Questi obiettivi sono perseguiti mediante: l attuazione di un adeguato livello di professionalità dei propri dipendenti, mettendo loro a disposizione idonei strumenti di formazione e di aggiornamento professionale. In particolare per coloro che rivestono ruoli fondamentali nel processo di creazione del valore vengono pianificati interventi formativi e di addestramento; la sicurezza e l integrità fisica e morale di tutti coloro che operano per raggiungere gli obiettivi aziendali; lo sviluppo di forme di mobilità nell organizzazione del lavoro attraverso la nuova iniziativa del Job Posting strumento che permette ai dipendenti di candidarsi direttamente per le posizioni lavorative vacanti interne al Gruppo UNIQA Italia, consentendo a tutte le risorse umane di cogliere nuove opportunità di sviluppo coerentemente con le proprie competenze e aspirazioni; la prevenzione di ogni forma di discriminazione; l adozione di un sistema premiante che prevede l assegnazione di obiettivi personali attraverso un processo organico e strutturato, attraverso il quale un responsabile di unità organizzativa giunge ad esprimere un giudizio sul contributo fornito da ciascuno dei suoi collaboratori, in base a criteri predefiniti ed esplicitati. Altre Informazioni Normativa in tema di redazione del bilancio civilistico Nell ambito della normativa di carattere generale, si segnala che, in data 5 agosto 2014, con la pubblicazione dell ultimo set di principi contabili approvati in via definitiva dagli Organi dell OIC (Organismo Italiano di Contabilità), si è concluso il progetto finalizzato alla revisione ed aggiornamento dei vigenti principi contabili nazionali. Tali Principi si applicano ai bilanci chiusi a partire dal 31 dicembre Per quanto riguarda la normativa specificamente applicabile alle imprese di assicurazione, si segnala che, nel corso del 2014, l IVASS ha emanato tre Regolamenti: Regolamento n.5 del , concernente disposizioni attuative circa le modalità di adempimento degli obblighi di adeguata verifica della clientela e di registrazione da parte delle imprese di assicurazione e degli intermediari assicurativi, ai sensi dell'articolo 7, comma 2, del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231; Regolamento n.6 del , concernente la disciplina dei requisiti professionali degli intermediari assicurativi e riassicurativi in attuazione dell'art. 22, comma 9, del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179 convertito nella legge 17 dicembre 2012, n. 221; 11

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013 Relazionii e Bilancio di Esercizio 2013 Sede Legale: Via Calamandrei, 2555 52100 AREZZO Sede Amministrativa: Via Francesco De Sanctis, 11 00195 ROMA C.F. e P.IVA 01652770510 Capitale Sociale: euro 51.080.900

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%)

Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%) 14/03/2013 COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 dicembre 2012 1 Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%) Si rafforza il capitale con crescita patrimonio

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

La polizza Capital 5 con Bonus

La polizza Capital 5 con Bonus Risparmio & Sicurezza La polizza Capital 5 con Bonus Codice F001001 - Edizione dicembre 2014 Contratto di assicurazione sulla vita a capitale differito, con premio annuo costante e capitale rivalutabile

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 15 aprile 2014 Prot. n. All.ti n. 1 51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Alle Imprese capogruppo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Profilo Rendimento Garantito

Profilo Rendimento Garantito Profilo Rendimento Garantito Contratto di Assicurazione sulla vita in caso di morte a vita intera a premio unico e capitale rivalutabile annualmente Tariffa IUP498 Il presente Fascicolo Informativo, contenente:

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Mod. T915 Ed. 07/2014 BNL Risparmio Prodotto EVPH Il presente

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto Roma, 26 giugno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione.

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione. INA ASSITALIA S.p.A. Impresa autorizzata all esercizio delle Assicurazioni e della Riassicurazione nei rami Vita, Capitalizzazione e Danni con decreto del Ministero dell Industria del Commercio e dell

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli