R E G I O N E P U G L I A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "R E G I O N E P U G L I A"

Transcript

1 Obj100 R E G I O N E P U G L I A Area Politiche per la promozione della salute delle persone e delle pari opportunità Servizio Programmazione Assistenza Territoriale e Prevenzione PROGETTO DEEP IMPACT PUGLIA DEfibrillazione E Prevenzione della morte IMProvvisa con ACcesso Territoriale in Puglia Abstract Viene proposto un progetto per implementare sul territorio della Regione Puglia strategie intese a ridurre l incidenza di morte improvvisa cardiaca attualmente attestata a circa 1 caso ogni 1000 abitanti. Il progetto prevede: - Diffusione delle informazioni per la prevenzione della cardiopatia ischemica, principale causa di morte improvvisa. - Preparazione di personale (anche non sanitario) in grado di effettuare le manovre di rianimazione cardio-polmonare - Diffusione delle stazioni DAE (defibrillatori automatici) - Informatizzazione e centralizzazione del sistema Premesse La morte improvvisa definita come una Morte naturale, preceduta da improvvisa perdita della conoscenza, che si verifica entro 1 ora dall inizio dei sintomi, in soggetti con o senza cardiopatia nota preesistente, ma in cui l epoca e la modalità di morte sono imprevedibili (1) è un evento la cui incidenza nella popolazione generale è tale da rappresentare una delle più comuni cause di decesso. Circa il 50% delle morti da cardiopatia sono, infatti improvvise (2) e dal 13 al 19% delle morti naturali rientrano in questa categoria (3). Dopo la morte per tutti i tipi di cancro messe insieme, la morte improvvisa rappresenta la seconda causa di morte nei paesi occidentali (4). Si stima che nella popolazione italiana vi siano circa nuovi casi per anno (1/1000 abitanti/anno ) ed in Puglia circa casi/anno. L evento che determina la morte improvvisa cardiaca è in oltre il 90% dei casi un aritmia: nella maggior parte dei casi un ritmo defibrillabile (fibrillazione ventricolare, torsione di punta, tachicardia ventricolare), nei restanti casi un ritmo non defibrillabile (asistolia, attività elettrica senza polso PEA) (5) Occorre evidenziare come in circa l 80% dei casi di morte improvvisa cardiaca la cardiopatia sottostante sia una cardiopatia ischemica, nel 15% dei casi una cardiomiopatia e nel restante 5% altre cardiopatie. E utile peraltro segnalare che la morte improvvisa cardiaca si può manifestare in soggetti senza una cardiopatia organica sottostante. Le strategie intese a ridurre l incidenza di questo evento devono essere indirizzate a 1. Ridurre l incidenza della cardiopatia ischemica e delle sue conseguenze:

2 Con approcci indirizzati alla prevenzione primaria Con il trattamento della cardiopatia ischemica (prevenzione secondaria/primaria) Approccio non farmacologico (cambiamento stile di vita, alimentazione, attività fisica, abolizione fumo e altre dipendenze, etc.) Farmacologico Meccanico (rivascolarizzazione) Elettrico (impianto PM o ICD) 2. Identificare i soggetti a rischio (stratificazione rischio aritmico) Identificazione dei pazienti con cardiopatia ischemica a rischio aritmico Identificazione di Cardiopatie acquisite o congenite suscettibili di evoluzione aritmica. Terapie farmacologiche, di rivascolarizzazione meccanica di modifiche dello stile di vita, impianto di ICD hanno documentato efficacia nel prevenire/interrompere le aritmie cardiache nei soggetti in cui il rischio venga identificato. Continuerà però a rimanere una grossa componente della popolazione generale in cui non è possibile identificare al momento la condizione di rischio e su cui l unico intervento possibile per evitare la morte è un intervento precoce con manovre di rianimazione cardiopolmonare e la defibrillazione. Esperienze internazionali hanno dimostrato che l implementazione delle tecniche normalmente usate negli ambienti sanitari e codificate dalle Linee Guida: riconoscimento precoce dell arresto cardiaco, intervento precoce con manovre di rianimazione cardiopolmonare, defibrillazione precoce (BLS-D) anche al di fuori dell ambiente sanitario, mediante addestramento di operatori non sanitari (laici) e la disponibilità estensiva di defibrillatori semiautomatici (DAE) permette di prevenire e ridurre la fatalità di questi eventi. (6) L intervento Istituzionale inteso a prevenire la morte improvvisa dunque non si deve limitare a fornire lo strumento (DAE) ma ad ottimizzare tutta la cosiddetta catena della sopravvivenza che presuppone la presenza di soccorritori (cittadini) in grado di 1. riconoscere l evento, attivare l allarme precoce mediante chiamata al 118, 2. iniziare le manovre di rianimazione cardiopolmonare in attesa del 3. utilizzare il defibrillatore (D) che arriva con l ambulanza o è presente in una localizzazione prossima all evento. 4. Proseguire con gli interventi farmacologici e di assistenza di tipo sanitario (ACLS) 5. Prosecuzione delle procedure di trattamento nel post-arresto I primi 3 punti del percorso sono perseguibili anche da un laico correttamente informato ed addestrato. Il quarto anello è pertinenza del personale sanitario di primo soccorso. L ultimo anello raggiungibile grazie alla diffusione delle reti è perseguibile con un trasporto protetto verso le strutture hub che sono in grado di fornire i presidi terapeutici più avanzati: angiografia coronarica ed eventuale angioplastica primaria; eventuale ipotermia terapeutica. La Puglia ha un buon sistema di intervento per le urgenze: le chiamate al 118 se ben indirizzate permettono l arrivo in tempi brevi di un ambulanza dotata di defibrillatore.

3 Inoltre tutto il personale medico convenzionato, operante sui mezzi di soccorso è stato formato secondo i criteri dell All al D.P.R. 270/2000. Il personale infermieristico addetto al Servizio 118, operante in regime di dipendenza, è stato tutto formato dalle Aziende Sanitarie secondo i canoni BLSD, PBLSD, PTC base delle società scientifiche IRC (Italian Resuscitation Council), ERC (European Resuscitation Council) o AHA (American Heart Association), nel rispetto delle linee guida internazionali ILCOR (International Liason Committee on Resuscitation). Il personale volontario (autisti-soccorritori e soccorritori) messo a disposizione dalle Associazioni di Volontariato in regime di convenzione con la Regione Puglia è stato formato tutto obbligatoriamente nei centri di formazione delle Aziende Sanitarie oltre che alla funzione di soccorritore (secondo le LL.RR. 27/93 e 17/96) anche al BLSD, PBLSD e PTC base ed è certificato IRC. Tutte le Associazioni di Volontariato iscritte al Registro Regionale del Volontariato ed operanti sul territorio regionale non in regime di convenzione per il servizio 118 sono comunque autorizzate alle attività di soccorso secondo le LL.RR. 27/93 e 17/96, che prevedono la formazione da parte delle Aziende Sanitarie di tutto il personale volontario soccorritore secondo programmi deliberati dalla Giunta Regionale; poiché tutti i mezzi di soccorso sono obbligatoriamente dotati di defibrillatore a bordo, dal momento dell emanazione della Legge 120 tutti i volontari hanno frequentato e superato corsi di BLSD e sono autorizzati alla defibrillazione precoce. Gran parte del personale dipendente ASL, sia ospedaliero che dei distretti socio-sanitari, sia della dirigenza che del comparto, è stato formato alla defibrillazione precoce grazie all attività dei numerosi Centri di Formazione riconosciuti IRC e/o AHA, presenti anche in più sedi formative in ciascuna Azienda Sanitaria, che da oltre dieci anni a questa parte hanno effettuato un numero innumerevole di corsi BLSD, validi oltre che ai fini autorizzativi alla defibrillazione precoce, anche ai fini della Educazione Continua in Medicina (ECM). Per quanto rapido sia l intervento di personale qualificato è però necessario che già dai primi secondi ci sia qualcuno dei testimoni dell evento in grado di iniziare una manovra di rianimazione cardio-polmonare (RCP) e l eventuale defibrillazione in presenza di un DAE (Defibrillatore automatrico) Gli anelli che vanno rinforzati sono: A. La diffusione della cultura dell emergenza B. La preparazione del maggior numero possibile di operatori laici, capaci di intervenire in maniera adeguata con le prime manovre di BLS-D. C. La diffusione delle stazioni ove è presente un defibrillatore automatico Su queste specificità si sviluppa il progetto: DEEP IMPACT Puglia: DEfibrillazione E Prevenzione della morte IMProvvisa con ACcesso Territoriale in Puglia Progetto Il progetto della Regione Puglia si articolerà sui punti sopra esposti per rendere efficace e capillare il sistema di assistenza precoce in caso di arresto cardiaco, tenendo presente che dai dati epidemiologici oggi disponibili oltre il 50% delle morti improvvise avvengono in ambiente domestico, spesso in assenza di testimoni ed ove questi siano presenti, frequentemente non sono in grado di avviare le necessarie procedure o per mancanza di un adeguata informazione o per incapacità a svolgere le manovre. Viene in letteratura scientifica descritto un caso emblematico di intervento effettuato su una popolazione ad alto rischio di morte improvvisa (7) che dimostra che più che la

4 disponibilità immediata di un defibrillatore automatico è importante la capacità di intervento urgente con le adeguate procedure e manovre in cui la successiva rapidità di arrivo del DAE diviene il successivo, indispensabile passo. Il progetto si propone, dunque di: A. Effettuare una campagna di informazione mediatica sulla prevenzione delle patologie cardiovascolari ed in particolare sulla prevenzione della morte improvvisa con indicazioni dettagliate su come intervenire, come effettuare la chiamata di emergenza dove sono collocate le postazioni di emergenza e come accedervi. B. Formare operatori laici per il BLS-D. C. Mettere a disposizione un numero di defibrillatori automatici accessibili in caso di emergenza in postazioni predefinite in accordo con i documenti di consenso pubblicati (8) C1: Postazioni mobili - a bordo delle Ambulanze del Sistema Sanitario Regionale, della Croce Rossa Italiana e delle Associazioni del Volontariato (dotazione già presente) - a bordo di auto delle forze dell ordine e dei VVFF (attualmente presente solo in modo parziale) C2: Postazioni fisse a. Nei posti di maggiore frequenza di pubblico: stazioni, aeroporti, porti, stadi, piscine ed altri impianti sportivi, università. b. Presso qualche esercizio commerciale particolarmente frequentato o con orari di apertura estesi in cui si possa accedere in caso di emergenza, per prelevare il defibrillatore (ad es grandi magazzini, librerie nei centri cittadini con orari di apertura prolungati, discoteche). c. aree confinate (navi, treni, etc.) Tutte le postazioni dovranno essere ben segnalate ed accessibili al pubblico e manutenute da personale appositamente preposto che potrà essere individuato all interno dell organizzazione stessa con una supervisione ispettiva periodica di un organo regionale. Saranno privilegiate nella fase iniziale i luoghi e le istituzioni pubbliche. Rispetto a quest ultimo punto, sulla base di precedenti esperienze condotte nella città di Bari si propone una strategia di formazione che riguardi: - le forze dell ordine ed i Vigili del Fuoco che costituiranno un anello fondamentale sia per la loro presenza capillare sul territorio sia per la possibilità di dotare i mezzi delle attrezzature idonee - associazioni di volontariato, già impegnate nella gestione delle urgenze - Istituti scolastici di scuola media superiore - Centri Sportivi, Centri commerciali ecc. in cui possa essere garantita la costante presenza di operatori formati secondo le direttive Nazionali e Regionali. Quest ultimo punto, riteniamo possa avere una serie di ricadute positive come già documentato in un progetto effettuato negli ultimi anni nell ambito delle strategie di incontro della Cardiologia con la popolazione. In particolare ci si propone di effettuare corsi di operatori di BLSD nelle scuole medie superiori. In ogni istituto in base alla popolazione scolastica presente si possono preparare dai 20 ai 40 operatori. Gli operatori saranno scelti su base volontaria fra i ragazzi degli ultimi anni (70%) e fra gli operatori della scuola (30%). Un certo numero di operatori più qualificati (il 10%) seguirà successivamente un corso di istruttore BLS-D affinché a cascata sia estesa ed auto-mantenuta la preparazione.

5 Gli aspetti postivi di un intervento sulla popolazione scolastica sono i seguenti: - Diffusione dei messaggi di prevenzione in una popolazione giovane non ancora a rischio che potrà però modulare il proprio futuro e quello delle proprie famiglie sulla base delle informazioni ricevute. - Trasmissione delle nozioni teorico-pratiche ad una popolazione con grandi capacità di apprendimento ed in condizioni fisiche abitualmente buone e dunque in grado di affrontare anche l impegno di una manovra di BLS prolungata - Preparazione di una fascia di popolazione che gode di grande mobilità, presente in maniere importante in tutti i contesti sia familiari che nelle aree di grande affluenza dove è statisticamente più probabile che si possa verificare un evento. - Grande ricaduta anche in termini di durata nel tempo delle capacità apprese. - Maggiore efficacia della cascata formativa che prevede che alcuni dei ragazzi divengono a loro volta istruttori. Analisi delle Linee Guida Ministeriali In relazione ai seguenti punti presenti nel documento Ministeriale 1. Analisi del contesto con rilevazione del numero e localizzazione dei defibrillatori già presenti sul territorio regionale e individuazione di nuove esigenze quantitative e qualitative individuate sulla base di dati epidemiologici e/o di casistiche raccolte nell ambito territoriale regionale; 2. Individuazione delle sedi e delle strutture nelle quali collocare i DAE, individuati sulla base dei criteri indicati nel Decreto distinguendo i punti fissi e mobili 3. Previsione del numero di defibrillatori da acquistare 4. Elaborazione del piano formativo per la formazione di istruttori, personale sanitario e laico e previsione del numero di persone da formare 5. Definizione delle modalità per il monitoraggio e la verifica delle attività svolte (flussi informativi, rilevazione e analisi dati, indicatori) 6. Individuazione dell ente coordinatore 7. Modalità di informazione per il coinvolgimento della popolazione Si esprimono le seguenti considerazioni: 1. Rilevazione dell esistente: a. DAE presenti sui mezzi delle forze dell ordine, Vigili del Fuoco, 118. b. Esigenza su dati: i. epidemiologici: almeno una stazione fissa, utilizzabile dalla popolazione ogni abitanti ii. densità di popolazione: una stazione fissa nei centri urbani raggiungibile a piedi in tempi adeguati. iii. zone di alto flusso: aeroporti, stazioni (possono coincidere con una delle postazioni dei centri urbani), stadi, iv. aree remote, difficilmente raggiungibili in tempi idonei per una RCP precoce ed una defibrillazione precoce 2. Punti fissi (cfr punto 1). Punti mobili: tutte le auto pattuglie delle forze d ordine, dei VVFF e le ambulanze del 118 (cfr punto C2) 3. Desumibili dai dati 1 e 2 Indicatori di risultato

6 4. Piano formativo proposto: 1 operatore/1000 abitanti; circa 4000 operatori per lapopolazione Pugliese, che comprendono tutti gli operatori sanitari e laici: a. partire da una ricognizione effettuata mediante chiamata diretta alla popolazione o database degli enti e società certificatori. b. formare almeno il 50% degli operatori sanitari c. formare almeno il 50% degli operatori delle forze dell ordine e VVFF d. formare studenti di scuola media superiore (20 ogni istituto da 500 a 1000 studenti) e. formazione per tutti gli studenti di medicina al I anno con retraining ogni 2 anni affidato alle Facoltà di Medicina e Chirurgia 5. Il monitoraggio dei sistemi DAE è affidato ai singoli enti cui verrà assegnata l apparecchiatura secondo le verifiche previste dai produttori. La comunicazione sull avvenuta verifica verrà inviata periodicamente mediante collegamento informatico all ente coordinatore (ARES) che fungerà anche da ente ispettivo per verifiche periodiche a campione. Saranno inviate anche relazioni sintetiche su apposita modulistica informatizzata di tutti gli interventi effettuati e dell esito, eventualmente utilizzando le tecnologie di trasmissione e telemedicina oggi disponibili. In particolare il progetto prevede l individuazione ed il monitoraggio dei seguenti indicatori: A. Indicatori di formazione: a. censimento degli operatori BLS-D e degli istruttori BLS-D esistenti in Puglia all inizio del processo b. formazione e certificazione di 4000 operatori BLS-D nella Regione entro il completamento del progetto fra operatori sanitari e laici (forze dell ordine e protezione civile, studenti ed operatori delle scuole, degli istituti di formazione ed università) B. Indicatori di processo/risultato relativamente all utilizzo dei DAE: a. Numero e modalità degli interventi effettuati (indice efficacia) b. Appropriatezza degli interventi (indice appropriatezza) c. Outcome degli interventi (ROSC, sopravvivenza a breve e alla dimissione dall ospedale, sopravvivenza e reliquati neurologici) d. Numero e appropriatezza delle verifiche effettuate (indice manutenzione) Gli indicatori sopra riportati sono oggi disponibili in maniera incompleta e parziale; il progetto si propone nella fase di partenza l organizzazione e la centralizzazione del sistema per rendere disponibili i dati in maniera omogenea e poter avere una osservazione continua dell andamento del processo. 6. Ente coordinatore è l Assessorato alle Politiche della Salute che si avvale, per la realizzazione del progetto, dell ARES Puglia che costituisce una apposita task force

7 di cui fanno parte esperti dell emergenza dei diversi settori, un nucleo informatico, personale dedicato alle verifiche ed ispezioni, personale dedicato ai corsi BLS-D 7. La popolazione verrà coinvolta mediante opportuna diffusione mediatica; in tal senso è già stato avviato una campagna di prevenzione per le patologie cardiovascolari ed il ritardo evitabile. La diffusione sarà più capillare con il coinvolgimento di una parte attiva della popolazione (studenti di scuola media superiore) 8. Per il quadro economico, al momento, appare possibile destinare il 60% delle risorse disponibili all acquisto dell Hardware ed alla promozione della formazione necessaria, destinando circa il 10% all informazione ed il restante 30% alla manutenzione e gestione del progetto. Bibliografia 1. Myerburg RJ, Castellanos A 1980; Task-force on SD of ESC. Eur Heart J 2001; 22: Gillum FG Am Heart J Kuller L. Medicine National Vital Statistics Report, Vol 49 (11), Oct. 12, State-specific mortality from sudden cardiac death United States MMWR. 2002;51: Kette F, et al Resuscitation 2007;72:52). 6. Hallstrom AP el al. Public access defibrillation and survival after out-of-hospital cardiac arrest. N Engl J Med 2004;351: Bardy GH et al Home use of automated external defibrillators for sudden cardiac arrest. N Engl J Med 358;17: Silvia G. Priori et al., ESC - ERC Recommendations for the use of automated external defibrillators (AEDs) in Europe. European Heart Journal 2004; 25,

NEL CUOREUORE DELLO SPORTPORT FONDAZIONE ANTONIO VALENTINO ONLUS

NEL CUOREUORE DELLO SPORTPORT FONDAZIONE ANTONIO VALENTINO ONLUS NEL CUOREUORE DELLO SPORTPORT FONDAZIONE ANTONIO VALENTINO ONLUS Introduzione La opera dal 2000 nel settore della ricerca scientifica per lo studio delle cardiomiopatie di origine genetica, causa di morte

Dettagli

REGIONE CALABRIA. Definizione e dati statistici della Morte Cardiaca nella Regione Calabria.

REGIONE CALABRIA. Definizione e dati statistici della Morte Cardiaca nella Regione Calabria. Programma della Regione Calabria per la diffusione e l utilizzo dei defibrillatori semiautomatici esterni (DAE) secondo il decreto interministeriale 18 marzo 2011 Definizione e dati statistici della Morte

Dettagli

Progetto Sport Sicuro

Progetto Sport Sicuro Allegato A) Progetto Sport Sicuro Prevenzione dell arresto cardiaco durante l attività sportiva agonistica, non agonistica e ludico-motoria INTRODUZIONE ARRESTO CARDIACO E MORTE IMPROVVISA DURANTE SPORT

Dettagli

Emergenza Urgenza Soccorso

Emergenza Urgenza Soccorso Emergenza Urgenza Soccorso I corsi di formazione...poche ore della tua vita possono salvare una vita... Premessa Una serie di anelli può formare una catena, dove la forza della catena è costituita dalla

Dettagli

PROGETTO BLSD PER I LAICI (Decreto legge 158 13 settembre 2012)

PROGETTO BLSD PER I LAICI (Decreto legge 158 13 settembre 2012) PROGETTO BLSD PER I LAICI (Decreto legge 158 13 settembre 2012) BASIC LIFE SUPPORT AND DEFIBRILLATION (rianimazione cardiopolmonare di base e defibrillazione) PREMESSA L arresto cardiaco improvviso è la

Dettagli

Defibrillazione Precoce

Defibrillazione Precoce Capitolo 3 Defibrillazione Precoce RegioneLombardia 2006 Obiettivi Sapere - Saper Fare - Saper Essere utilizzando il DAE Struttura del Corso Regionale ILCOR 2000-2005 (ERC ed AHA) 5 ore verifica manovre

Dettagli

CORSO di BLS D : Organizzazione: Presidente Csain Padova - Matteo Giardini

CORSO di BLS D : Organizzazione: Presidente Csain Padova - Matteo Giardini CORSO di BLS D : Rianimazione cardio polmonare e uso del defibrillatore semi automatico / con rilascio di certificazione numerata del 118 e Regione Veneto. Organizzazione: Presidente Csain Padova - Matteo

Dettagli

Modello di Accreditamento della Regione Emilia Romagna. Procedura di attivazione del Team Medico d Eemergenza INDICE

Modello di Accreditamento della Regione Emilia Romagna. Procedura di attivazione del Team Medico d Eemergenza INDICE Sez. 8 Pag. 1 di 6 INDICE MODIFICHE... 2 OGGETTO... 2 SCOPO... 2 CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 DEFINIZIONI... 3 CONTENUTO... 3 RESPONSABILITÀ OPERATIVE... 3 CRITERI DI ATTIVAZIONE

Dettagli

APPROVAZIONE LINEE GUIDA REGIONALI SULLA DEFIBRILLAZIONE SEMI-AUTOMATICA

APPROVAZIONE LINEE GUIDA REGIONALI SULLA DEFIBRILLAZIONE SEMI-AUTOMATICA DELIBERAZIONE N. VII/10306 DEL 16 SETTEMBRE 2002 Oggetto: APPROVAZIONE LINEE GUIDA REGIONALI SULLA DEFIBRILLAZIONE SEMI-AUTOMATICA VISTA la legge regionale 11.7.1997, n. 31 Norme per il riordino del Servizio

Dettagli

Linee guida regionali per l accreditamento dei soggetti erogatori dei corsi. BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION (BLSD) a personale non sanitario

Linee guida regionali per l accreditamento dei soggetti erogatori dei corsi. BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION (BLSD) a personale non sanitario ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1014 DEL 30 MAGGIO 2014 PREMESSA Linee guida regionali per l accreditamento dei soggetti erogatori dei corsi BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION (BLSD) a personale non sanitario

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI. Educazione Continua in Medicina (E.C.M.)

REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI. Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE N. CREDITI 8,8 PBLSD-IRC PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation Catena della sopravvivenza Supporto vitale di base-defibrillazione Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation La cosa

Dettagli

LAUREA MEDICINA E CHIRURGIA Sede Università degli Studi di Perugia Voto 110/110 Data 25/10/1983

<Emilia Filicetti> LAUREA MEDICINA E CHIRURGIA Sede Università degli Studi di Perugia Voto 110/110 Data 25/10/1983 INFORMAZIONI PERSONALI Nome FILICETTI EMILIA CF FLC MLE 57B55I896I Indirizzo Via Roma 191/D, 87058 Spezzano Sila- Cosenza Telefono 0984 435940 340 6884568 e-mail emiliafilicetti@tiscali.it Nazionalità

Dettagli

TORINO 18 GIUGNO 2013 CENTRO INCONTRI REGIONE PIEMONTE CONVEGNO : SICUREZZA SUL LAVORO DEFIBRILLATORE COME,QUANDO E PERCHE

TORINO 18 GIUGNO 2013 CENTRO INCONTRI REGIONE PIEMONTE CONVEGNO : SICUREZZA SUL LAVORO DEFIBRILLATORE COME,QUANDO E PERCHE TORINO 18 GIUGNO 2013 CENTRO INCONTRI REGIONE PIEMONTE CONVEGNO : SICUREZZA SUL LAVORO DEFIBRILLATORE COME,QUANDO E PERCHE Relatore dr roberto carlin In Italia, le malattie cardiovascolari sono la causa

Dettagli

La defibrillazione precoce

La defibrillazione precoce L American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è l effetto di un circolo vizioso

Dettagli

BLS (Basic Life support)

BLS (Basic Life support) BLS (Basic Life support) BLS-D (Basic Life support and Defibrillation) Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI SAPERE BLS Basic Life Support OBIETTIVI BLS e BLS-D La catena della sopravvivenza SAPER FARE

Dettagli

REGIONE CAMPANIA CUORE SICURO CAMPANIA. fonte: http://burc.regione.campania.it

REGIONE CAMPANIA CUORE SICURO CAMPANIA. fonte: http://burc.regione.campania.it REGIONE CAMPANIA PROGRAMMA UNICO REGIONALE PER LA DIFFUSIONE DEI DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI DI CUI AL DECRETO INTERMINISTERIALE DEL 18.3.2011 PUBBLICATO SULLA G.U. n 129 del 6.6.2011. CUORE

Dettagli

BLSD e Aspetti giuridici della professione infermieristica

BLSD e Aspetti giuridici della professione infermieristica 2 CONVENTION DELLE UTIC DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA BLSD e Aspetti giuridici della professione infermieristica Laura Pozzo Laura Pozzo ASL TO2 osp. Maria Vittoria Torino La formazione in emergenza di

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Giannoccaro Fabiola Data di nascita 06/07/1964

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Giannoccaro Fabiola Data di nascita 06/07/1964 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Giannoccaro Fabiola Data di nascita 06/07/1964 Qualifica Amministrazione I Fascia ASL DI TARANTO - TA Incarico attuale Dirigente ASL I fascia - Struttura Complessa CO 118 Numero

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation BLS-D Basic Life Support Defibrillation Università degli Studi di Sassari U.O. di Anestesia e Rianimazione Obiettivi e Struttura del corso Obiettivi: Acquisire conoscenze teorico pratiche in tema di Rianimazione

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Italian Resuscitation Council BLS Basic Life Support Rianimazione Cardiopolmonare Precoce Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Corso BLS OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO DEL CORSO È ACQUISIRE Conoscenze teoriche

Dettagli

Le urgenze in età pediatrica. Introduzione al PBLSD

Le urgenze in età pediatrica. Introduzione al PBLSD Le urgenze in età pediatrica Roma - 24 gennaio 2015 Introduzione al PBLSD Fabio Carlucci Pietro Gallegra BLS-D / PBLS-D ILCOR EPILS / EPLS P-ALS PTC / ETC BLS / PBLS AHA ILS PEARS ERC International Liaison

Dettagli

Myerburg RJ, Castellanos A 1980; Task-force on SD of ESC. Eur Heart J 2001; 22: 1374-1450

Myerburg RJ, Castellanos A 1980; Task-force on SD of ESC. Eur Heart J 2001; 22: 1374-1450 Morte naturale, preceduta da improvvisa perdita della conoscenza, che si verifica entro un ora dall inizio dei sintomi, in soggetti con o senza cardiopatia nota preesistente, ma in cui l epoca e la modalità

Dettagli

CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA

CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA DIP.TO DI URGENZA EMEGENZA - U.O.C. DI PRONTO SOCCORSO CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA 1^ ed. 26-27-28 FEBBRAIO 2015 2^ ed. 08-09-10 MAGGIO 2015 Premessa: La lotta alla morte improvvisa cardiaca (MIC) richiede,

Dettagli

Public Access Defibrillation P.A.D.

Public Access Defibrillation P.A.D. DEFIBRILLAZIONE PRECOCE: UNA REALTA! Public Access Defibrillation P.A.D. Pagina 1 di 11 Aeroporto di Chicago: un passeggero in attesa di imbarcarsi improvvisamente perde coscienza e si accascia a terra.

Dettagli

[BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2011]

[BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2011] 2011 ROBBIO NEL CUORE Via Mortara 5 Robbio [BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2011] Robbio Nel Cuore - Via Mortara 5 Robbio C/o Croce Azzurra Robbiese Il presente documento è stato approvato

Dettagli

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato ARRESTO CARDIACO - MORTE IMPROVVISA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA DEFIBRILLATORE. Ogni anno in Italia circa 50.000 persone muoiono improvvisamente. La Morte improvvisa (intesa come morte non preceduta da

Dettagli

Safety to rely on SICUREZZA SUL LAVORO FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO

Safety to rely on SICUREZZA SUL LAVORO FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO Safety to rely on SICUREZZA SUL LAVORO FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO BENVENUTI Siamo lieti di presentarvi la nostra azienda. Con sede a Casalecchio di Reno (BO), Proleven si occupa di consulenza e formazione

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 4282 del 29 dicembre 2009 pag. 1/11

ALLEGATOA alla Dgr n. 4282 del 29 dicembre 2009 pag. 1/11 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 4282 del 29 dicembre 2009 pag. 1/11 Regolamento per la gestione dei Defibrillatori Automatici Esterni in ambito extraospedaliero Indice 0. Glossario

Dettagli

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Corso BLSD per Laici Dott. Claudio Pagliara European Resuscitation Council Corso BLSD per Laici Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione ARRESTO CARDIORESPIRATORIO Negli

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DEI DEFIBRILLATORI AUTOMATICI ESTERNI IN AMBITO EXTRAOSPEDALIERO

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DEI DEFIBRILLATORI AUTOMATICI ESTERNI IN AMBITO EXTRAOSPEDALIERO giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2847 del 29 dicembre 2014 pag. 1/10 DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DEI DEFIBRILLATORI AUTOMATICI ESTERNI IN AMBITO EXTRAOSPEDALIERO

Dettagli

BLSD B ESECUTORE Programma

BLSD B ESECUTORE Programma Studio Infermieri Associati Auxilium Centro di Formazione IRC P.zza Martiri della Libertà, 9 50032 Borgo San Lorenzo Tel 055/8496116 Fax 055/8496023 studio.auxilium@tin.it BLSD B ESECUTORE Programma 8.30

Dettagli

CORSO AVANZATO IN MEDICINA

CORSO AVANZATO IN MEDICINA www.gruppoemergenzecardiologiche.it CORSO AVANZATO IN MEDICINA TRATTAMENTO DELLE EMERGENZE CARDIOLOGICHE E RESPIRATORIE PROMOSSO DALLA SOCIETA SCIENTIFICA GIEC AFFILIATA ALLA FISM (Federazione Italiana

Dettagli

Scopo principale del progetto è coinvolgere su base volontaria il maggior numero di dentisti ANDI, per formarli, insieme allo staff dello studio,

Scopo principale del progetto è coinvolgere su base volontaria il maggior numero di dentisti ANDI, per formarli, insieme allo staff dello studio, Scopo principale del progetto è coinvolgere su base volontaria il maggior numero di dentisti ANDI, per formarli, insieme allo staff dello studio, come operatori certificati di manovre BLS-D, PBLS-D e disostruzione

Dettagli

AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO

AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO SICUREZZA AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO OBIETTIVI Il corso di aggiornamento antincendio rischio basso è destinato agli addetti antincendio che dovranno svolgere tale compito presso aziende

Dettagli

Convenzione FIV - AMI ITALIA Defibrillatori Saver One Series

Convenzione FIV - AMI ITALIA Defibrillatori Saver One Series Convenzione FIV - AMI ITALIA Defibrillatori Saver One Series Convenzione FIV, ai tesserati e alle società sportive affiliate alla FEDERAZIONE ITALIANA VELA, sono riservate particolari condizioni commerciali

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE n 241 del 05.06.2009 OGGETTO: Adozione progetto formativo aziendale - Corso Basic Life Support and Defibrillation tipo B (BLS-D). IL DIRETTORE GENERALE Su proposta del Responsabile del S.

Dettagli

LINEE GUIDA ILCOR 2010 Guida ai cambiamenti. Croce Rossa Italiana Gruppo Nazionale Formatori BLSD CRI

LINEE GUIDA ILCOR 2010 Guida ai cambiamenti. Croce Rossa Italiana Gruppo Nazionale Formatori BLSD CRI LINEE GUIDA ILCOR 2010 Guida ai cambiamenti Croce Rossa Italiana Gruppo Nazionale Formatori BLSD CRI LINEE GUIDA ILCOR 2010 Contenuto della presentazione I principali cambiamenti nei protocolli di BLS

Dettagli

CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.)

CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.) Progetto formativo: CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.) in conformità alla Legge 03 aprile 2001, n. 120 e s.m. HSA ITALIA Handicapped Scuba Association

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE TITOLO DEL CORSO BLS-D PEDIATRICO (PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT AND DEFIBRILLATION)

PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE TITOLO DEL CORSO BLS-D PEDIATRICO (PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT AND DEFIBRILLATION) In collaborazione con Struttura complessa di Pediatria PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE TITOLO DEL CORSO BLS-D PEDIATRICO (PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT AND DEFIBRILLATION) Corso di addestramento 1. TIPOLOGIA

Dettagli

Associazione per la diffusione della cultura al soccorso e aiuto sociale. Progetto cuore

Associazione per la diffusione della cultura al soccorso e aiuto sociale. Progetto cuore Associazione per la diffusione della cultura al soccorso e aiuto sociale Progetto cuore Prefazione Il Progetto è nato dalla collaborazione tra CRI e AVIS Sez. Bardolino per sensibilizzare la cittadinanza

Dettagli

Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005

Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005 Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005 Catena della sopravvivenza AHA 2005 Traduzione da: Circulation: part IV - 13 December, 2005. Daniel Pasquali

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE MOI SONIA

CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE MOI SONIA CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE DI MOI SONIA TITOLI CULTURALI GENERALI Diploma di Maturità Istituto Magistrale di Pinerolo Acquisizione del quinto anno integrativo 1992/1993 TITOLI PROFESSIONALI Diploma

Dettagli

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI Convenzione FIPAV, ai tesserati e alle società sportive affiliate alla FEDERAZIONE ITALIANA DI PALLAVOLO, sono riservate particolari

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS-D Basic Life Support -Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce Secondo le linee guida ERC/IRC 2005 CORSO BLSD OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO

Dettagli

Specialisti nella Formazione Professionale Medico Sanitaria. Professionalità Affidabilità - Competenza. Centro di Formazione Professionale

Specialisti nella Formazione Professionale Medico Sanitaria. Professionalità Affidabilità - Competenza. Centro di Formazione Professionale SA.MO s.r.l. (Sanità Moderna) Viale Petrarca, 42-04100 Latina P.I. 02496780590 e-mail: sa.mo@aruba.it telefono 0773 187 0820 fax 0773 187 0834 Specialisti nella Formazione Professionale Medico Sanitaria

Dettagli

CORSO AVANZATO IN MEDICINA

CORSO AVANZATO IN MEDICINA www.gruppoemergenzecardiologiche.it CORSO AVANZATO IN MEDICINA TRATTAMENTO DELLE EMERGENZE CARDIOLOGICHE E RESPIRATORIE PROMOSSO DALLA SOCIETA SCIENTIFICA GIEC AFFILIATA ALLA FISM (Federazione Italiana

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail FABRIZIO ZORZAN Nazionalità ITALIANA Data di nascita 28/05/1973 ESPERIENZA

Dettagli

COD. PRATICA: 2011-001-1057. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 1140 DEL 10/10/2011

COD. PRATICA: 2011-001-1057. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 1140 DEL 10/10/2011 Regione Umbria Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 1140 DEL 10/10/2011 OGGETTO: D.M.18 marzo 2011-Progetto Umbria diffusione dei defibrillatori semiautomatici esterni (DAE). PRESENZE

Dettagli

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI Convenzione FIPAV, ai tesserati e alle società sportive affiliate alla FEDERAZIONE ITALIANA DI PALLAVOLO, sono riservate particolari

Dettagli

è assurdo che oggi, non vi sia un defibrillatore in ogni casa ma è ancora più assurdo sarebbe averlo e non salvare nessuno perché o non ha funzionato

è assurdo che oggi, non vi sia un defibrillatore in ogni casa ma è ancora più assurdo sarebbe averlo e non salvare nessuno perché o non ha funzionato è assurdo che oggi, non vi sia un defibrillatore in ogni casa ma è ancora più assurdo sarebbe averlo e non salvare nessuno perché o non ha funzionato oppure perché lo si è usato troppo tardi Cos è Arresto

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE PER LA DIFFUSIONE E L UTILIZZO DI DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI (DAE)

PROGRAMMA REGIONALE PER LA DIFFUSIONE E L UTILIZZO DI DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI (DAE) PROGRAMMA REGIONALE PER LA DIFFUSIONE E L UTILIZZO DI DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI (DAE) 1. PREMESSA La morte improvvisa cardiaca, cioè la morte naturale dovuta a cause cardiache entro un ora

Dettagli

Premessa. e con. UOS Formazione Via Portuense 332, 00149 Roma Tel 06.55115456/457/467/468 - Fax 06.55115456 E-mail: accreditamento.blsd@ares118.

Premessa. e con. UOS Formazione Via Portuense 332, 00149 Roma Tel 06.55115456/457/467/468 - Fax 06.55115456 E-mail: accreditamento.blsd@ares118. UOS Formazione Via Portuense 332, 00149 Roma Tel 06.55115456/457/467/468 - Fax 06.55115456 E-mail: accreditamento.blsd@ares118.it REQUISITI PER GLI ENTI FORMATORI EROGATORI DI CORSI BLSD RIVOLTI A SOGGETTI

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce La defibrillazione precoce L'American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è

Dettagli

QUESTI I CASI PIU NOTI MA GLI ALTRI MENO IMPATTANTI DA UN PUNTO DI VISTA MEDIATICO

QUESTI I CASI PIU NOTI MA GLI ALTRI MENO IMPATTANTI DA UN PUNTO DI VISTA MEDIATICO QUESTI I CASI PIU NOTI MA GLI ALTRI MENO IMPATTANTI DA UN PUNTO DI VISTA MEDIATICO IMPIANTO SPORTIVO Piano Sanitario Responsabilità precise Personale professionista (Medici e Infermieri E/U) Soccorritori

Dettagli

PROGETTO CASOLE D ELSA COMUNE CARDIOPROTETTO

PROGETTO CASOLE D ELSA COMUNE CARDIOPROTETTO PROGETTO CASOLE D ELSA COMUNE CARDIOPROTETTO 1. Il razionale del Progetto 2. Progetto di Cardioprotezione sul Territorio 3. I Partners 4. Fasi del Progetto: 4a 4b 4c Formazione dei laici Installazione

Dettagli

BLS (Basic Life Support)

BLS (Basic Life Support) BLS (Basic Life Support) EVENTO MANTENERE LA CALMA AUTOPROTEZIONE: Guardarsi intorno e verificare l esistenza di pericoli; gestire il rischio mettendo l ambiente in sicurezza; mantenere sotto controllo

Dettagli

A.R.E.S. Agenzia di Ricerca e di Educazione Sanitaria. Corso BLSD Esecutore per personale sanitario (LINEE GUIDA A.H.A. 2010)

A.R.E.S. Agenzia di Ricerca e di Educazione Sanitaria. Corso BLSD Esecutore per personale sanitario (LINEE GUIDA A.H.A. 2010) A.R.E.S. Agenzia di Ricerca e di Educazione Sanitaria Corso BLSD Esecutore per personale sanitario (LINEE GUIDA A.H.A. 2010) DEFINIZIONE DI ARRESTO CARDIACO BRUSCA CESSAZIONE DELLA FUNZIONE DI POMPA DEL

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation:

BLS-D Basic Life Support Defibrillation: BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3 dei

Dettagli

L insegnamento del primo soccorso per il personale delle scuole di Roma Capitale. Società Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza Pediatrica

L insegnamento del primo soccorso per il personale delle scuole di Roma Capitale. Società Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza Pediatrica L insegnamento del primo soccorso per il personale delle scuole di Roma Capitale Società Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza Pediatrica Con il nuovo corso PBLS SIMEUP redatto secondo le nuove linee

Dettagli

Centro Sportivo Italiano Comitato Provinciale di Chieti

Centro Sportivo Italiano Comitato Provinciale di Chieti Centro Sportivo Italiano Comitato Provinciale di Chieti e la Medical Assistance Regione Abruzzo in collaborazione con il: Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

[BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015]

[BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015] 2015 ROBBIO NEL CUORE Via Mortara 5 Robbio [BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015] Il presente documento è stato approvato dal consiglio direttivo di Robbio Nel Cuore riunitosi il 03/04/2015.

Dettagli

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation BLS-D Basic Life Support- Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce per Comunità M. & G. for and La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce una persona su 1.000 Molte di

Dettagli

CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.)

CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.) Progetto formativo: CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.) in conformità alla Legge 03 aprile 2001, n. 120 e s.m. HSA ITALIA Handicapped Scuba Association

Dettagli

Sig. Presidente del Consiglio Regionale della Puglia

Sig. Presidente del Consiglio Regionale della Puglia Consiglio Regionale della Puglia VIII Legislatura PROPOSTE E DISEGNI DI LEGGE Atto Consiglio N 243 Data di Arrivo 08/02/2008 N. Prot. Gen 1160 Iniziativa Legislativa Proposta di legge Presentatori Zullo;

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 43/2015 (Atti del Consiglio) Disposizioni per la diffusione dei defibrillatori semiautomatici esterni nell'ambito della pratica fisica e sportiva. ***************

Dettagli

Proposta Orientamento Formativo Principi di Primo Soccorso nella Scuola Primaria e Secondaria

Proposta Orientamento Formativo Principi di Primo Soccorso nella Scuola Primaria e Secondaria Bologna, 28 Giugno 2015 Pagina 1 di 10 Proposta Orientamento Formativo Principi di Primo Soccorso nella Scuola Primaria e Secondaria ddl n. 1934 - Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione

Dettagli

Nome MARTINA MUROLO Indirizzo Via Cesare Malpica 43 NAPOLI Telefono 0815851701 cell. 3317101971 E-mail martynamurolo@libero.

Nome MARTINA MUROLO Indirizzo Via Cesare Malpica 43 NAPOLI Telefono 0815851701 cell. 3317101971 E-mail martynamurolo@libero. INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARTINA MUROLO Indirizzo Via Cesare Malpica 43 NAPOLI Telefono 0815851701 cell. 3317101971 E-mail martynamurolo@libero.it Nazionalità Data di nascita Italiana 10/11/1992 ESPERIENZA

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA PROCEDURE ORGANIZZATIVE PER IL PRIMO SOCCORSO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del

Dettagli

IL DEFIBRILLATORE NEGLI IMPIANTI SPORTIVI? IL PERCHE DI UNA SCELTA OBBLIGATA

IL DEFIBRILLATORE NEGLI IMPIANTI SPORTIVI? IL PERCHE DI UNA SCELTA OBBLIGATA IL DEFIBRILLATORE NEGLI IMPIANTI SPORTIVI? IL PERCHE DI UNA SCELTA OBBLIGATA Furio Zucco Responsabile Sevizio Sanitario Stadio S. Siro Milano Convegno: In campo con il Cuore 17 maggio 2014 Milano UN PROBLEMA

Dettagli

SCHEDA PER LA PROGETTAZIONE ESECUTIVA E DI DETTAGLIO (CORSO) RESPONSABILE SCIENTIFICO DEL PROGETTO FORMATIVO ROSARIO SPINA ANDREA ZIPOLI

SCHEDA PER LA PROGETTAZIONE ESECUTIVA E DI DETTAGLIO (CORSO) RESPONSABILE SCIENTIFICO DEL PROGETTO FORMATIVO ROSARIO SPINA ANDREA ZIPOLI SCHEDA PER LA PROGETTAZIONE ESECUTIVA E DI DETTAGLIO (CORSO) CORSO ACLS ESECUTORE AMERICAN HEART ASSOCIATION 1 RESPONSABILE SCIENTIFICO DEL PROGETTO FORMATIVO ROSARIO SPINA ANDREA ZIPOLI RESPONSABILE DEL

Dettagli

Basic Life Support and Defibrillation

Basic Life Support and Defibrillation Basic Life Support and Defibrillation MANUALE ESECUTORE OPERATORI SANITARI Revisione 2006 Secondo linee guida Irc Erc Ilcor A cura di: Staff Docenti Centro di Formazione 118 Piacenza Soccorso Segreteria

Dettagli

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente La morte cardiaca

Dettagli

GANDIOLI ANTONELLA. antonellagandioli@libero.it

GANDIOLI ANTONELLA. antonellagandioli@libero.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail GANDIOLI ANTONELLA antonellagandioli@libero.it Nazionalità Italiana Data di

Dettagli

IL CORSO Rivolto a coloro che a vario titolo (Professionisti e Amatori) vogliono frequentare l ambiente montano in tutte le sue forme, in sicurezza.

IL CORSO Rivolto a coloro che a vario titolo (Professionisti e Amatori) vogliono frequentare l ambiente montano in tutte le sue forme, in sicurezza. IL CORSO Rivolto a coloro che a vario titolo (Professionisti e Amatori) vogliono frequentare l ambiente montano in tutte le sue forme, in sicurezza. Il corso ha come obiettivo la formazione e l acquisizione

Dettagli

Ospedale San Paolo Via Genova 30, 17100 Savona Tel. 019/810158 Fax 019/814473 e-mail: 118.sv@asl2.liguria.it Sito: www.asl2.liguria.

Ospedale San Paolo Via Genova 30, 17100 Savona Tel. 019/810158 Fax 019/814473 e-mail: 118.sv@asl2.liguria.it Sito: www.asl2.liguria. Dipartimento di Emergenza Levante Direttore: Dott. Paolo Bellotti Direttore: Dott. Salvatore Esposito Savona marzo 2009 Tel. 019/810158 Fax 019/814473 e-mail: 118.sv@asl2.liguria.it Sito: www.asl2.liguria.it

Dettagli

Chi salva un bambino salva il mondo intero

Chi salva un bambino salva il mondo intero Associazione Sportiva Dilettantistica Sede legale: via San Rocco Terravalle 130-03013 - Ferentino (FR) Sede operativa: Roma Frosinone C.F. 92069410600 Email: rewindsalvamento@hotmail.com Telefono: 320-6293588

Dettagli

EMERGENZA CARDIO RESPIRATORIA

EMERGENZA CARDIO RESPIRATORIA EMERGENZA CARDIO RESPIRATORIA Nel 1969 la World Federation of Societies of Anaesthesia, basandosi sui lavori di Safar e collaboratori, diffuse, per la prima volta, una metodologia d'approccio agli stati

Dettagli

D A E = DEFIBRILLATORE AUTOMATICO ESTERNO. informazione. formazione BLS-D. defibrillatore. gestione e assistenza DAE

D A E = DEFIBRILLATORE AUTOMATICO ESTERNO. informazione. formazione BLS-D. defibrillatore. gestione e assistenza DAE i l t ui ol tdue of idber iflil ba rt oi lrlea. ti to r e. i t Cometech, azienda giovane, dinamica e creativa con sede a Jesi (AN), è specializzata nella progettazione e sviluppo di programmi di Cardio-Protezione;

Dettagli

13-19 Ottobre 2014. www.settimanaviva.it

13-19 Ottobre 2014. www.settimanaviva.it 13-19 Ottobre 2014 www.settimanaviva.it info@settimanaviva.it facebook.com/settimanaviva @settimanaviva Un evento promosso da Italian Resuscitation Council e IRC-Comunità in attuazione della dichiarazione

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica Incarico attuale MASSIMO DE STEFANO 03.01.1963, Piombino Data di (LI) nascita 03.01.1963, Piombino (LI) Dirigente Medico

Dettagli

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica.

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica. Croce Rossa Italiana P B L S-D esecutore SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica Sanitari Testi e grafica a cura della commissione Nazionale

Dettagli

Servizio di Ingegneria Clinica

Servizio di Ingegneria Clinica Servizio Ingegneria Clinica Energy Management Tel. 0874/409.550 (Interno 2550) Fax 0874/409.551 (Interno 2551) e-mail: sic@asrem.org Servizio con sistema di gestione certificato ISO 9001 Riferimenti Normativi:

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA DI PRONTO SOCCORSO

STRUTTURA COMPLESSA DI PRONTO SOCCORSO Servizio Qualità e Formazione STRUTTURA COMPLESSA DI PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE TITOLO DEL CORSO Basic Life Support Defibrillation tipo B Retraining a) Corso di addestramento 1. TIPOLOGIA DI CORSO 2.

Dettagli

Che cosa è un Defibrillatore Semiautomatico Esterno (DAE)? Un DAE è una macchina di piccole dimensioni che contiene al suo interno due piastre

Che cosa è un Defibrillatore Semiautomatico Esterno (DAE)? Un DAE è una macchina di piccole dimensioni che contiene al suo interno due piastre Che cosa è un Defibrillatore Semiautomatico Esterno (DAE)? Un DAE è una macchina di piccole dimensioni che contiene al suo interno due piastre adesive in grado di rilevare le alterazioni del'attività elettrica

Dettagli

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551 Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 AREZZO CUORE Obbiettivo del progetto Incrementare la sopravvivenza in caso di arresto

Dettagli

Progetto per la gestione dell evento fibrillazione ventricolare nel territorio di competenza della Centrale Operativa Provinciale 118 Rovigo Emergenza

Progetto per la gestione dell evento fibrillazione ventricolare nel territorio di competenza della Centrale Operativa Provinciale 118 Rovigo Emergenza Servizio Anestesia Rianimazione Suem Centrale Operativa Provinciale 118 Direttore: Dott.ssa Mariangela Palù Progetto per la gestione dell evento fibrillazione ventricolare nel territorio di competenza

Dettagli

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D.

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D. Basic Life Support and early Defibrillation Supporto vitale di base e defibrillazione precoce Prof. M. Scafuro B.L.S.-D. E l insieme delle procedure salvavita necessarie per soccorrere un soggetto che

Dettagli

Curriculum vitae di Marco Squicciarini

Curriculum vitae di Marco Squicciarini Curriculum vitae di Marco Squicciarini Informazioni personali Nome Indirizzo Marco Squicciarini 15, largo Olgiata, isola 53 F/1, 00123 Roma (Italia) Contatti msquicciarini@alice.it, +39 06 8109600, +39

Dettagli

www.defibrillatoriaed-2100.com

www.defibrillatoriaed-2100.com Solo Tre Step per Salvare una Vita CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE ALLA CAPILLARE DIFFUSIONE DEI DEFIBRILLATORI DAE PER IL PIÙ AMPIO ACCESSO PUBBLICO ALLA DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. www.defibrillatoriaed-2100.com

Dettagli

vivo DEFIBRILLATORE SEMIAUTOMATICO rivenditore autorizzato HeartSine Via Renato Hirsch 14 44124 Ferrara (FE) email: defibrillatori@626medica.

vivo DEFIBRILLATORE SEMIAUTOMATICO rivenditore autorizzato HeartSine Via Renato Hirsch 14 44124 Ferrara (FE) email: defibrillatori@626medica. vivo DEFIBRILLATORE SEMIAUTOMATICO rivenditore autorizzato HeartSine Via Renato Hirsch 14 44124 Ferrara (FE) email: defibrillatori@626medica.it Numero Verde 848 580626 HAI SOLO 5 MINUTI! Che cosa succede?

Dettagli

Se si ferma il Cuore...

Se si ferma il Cuore... Giuliano Altamura in collaborazione con Alessandro Totteri e Francesco Lo Bianco Se si ferma il Cuore...... defibrillazione precoce e la vita continua La perdita di coscienza L arresto cardiaco Il dolore

Dettagli

Napoli, 6 Giugno 2008

Napoli, 6 Giugno 2008 Napoli, 6 Giugno 2008 REGOLAMENTO UNIFICATO CORSI DI FORMAZIONE DI BASE 1. Regole generali 1.1. L Italian Resuscitation Council, promuove la diffusione dei corsi BLS-D (Basic Life Support and Defibrillation),

Dettagli

PUBBLICA ASSISTENZA PIANORO REGOLAMENTO SANITARIO

PUBBLICA ASSISTENZA PIANORO REGOLAMENTO SANITARIO PUBBLICA ASSISTENZA PIANORO ASSOCIAZIONE VOLONTARIA REGOLAMENTO SANITARIO Articolo 1 - DIRETTORE SANITARIO Il Direttore Sanitario è l'unico responsabile di fronte alla legge per quanto riguarda i presidi

Dettagli

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 27 FEBBRAIO 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 27 FEBBRAIO 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 27 FEBBRAIO 2003 Repertorio Atti n. 1626 del 27 febbraio 2003 Oggetto:Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano

Dettagli

DEFIBRILLATORE SEMIAUTOMATICO (DAE) Legislazione e diffusione in Italia.

DEFIBRILLATORE SEMIAUTOMATICO (DAE) Legislazione e diffusione in Italia. DEFIBRILLATORE SEMIAUTOMATICO (DAE) Legislazione e diffusione in Italia. Autore: Ivan Cabrini, Infermiere presso l Unità Operativa Pronto Soccorso. Ospedale San Biagio di Clusone (BG), Azienda Ospedaliera

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana 1 LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

Dott.ssa Rita Imeneo 1

Dott.ssa Rita Imeneo 1 Dott.ssa Rita Imeneo 1 INDAGINI 2007 Regione Piemonte Questionario Emergenze Ospedaliere Progetto GCA: indagine delle Direzioni Sanitarie dei Presidi Ospedalieri pemontesi (escluse le aree critiche) Variabile

Dettagli

L ARRESTO CARDIACO IN AMBITO SPORTIVO

L ARRESTO CARDIACO IN AMBITO SPORTIVO L ARRESTO CARDIACO IN AMBITO SPORTIVO PARMA, 6 OTTOBRE 2015 DOTT. VINCENZO CASTELLI UOC DI MEDICINA INTERNA OSPEDALE M.G. VANNINI ROMA FONDAZIONE GIORGIO CASTELLI ONLUS Dimensioni del problema in Italia

Dettagli