La responsabilità solidale delle case di cura private nei confronti dei pazienti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La responsabilità solidale delle case di cura private nei confronti dei pazienti"

Transcript

1 La responsabilità solidale delle case di cura private nei confronti dei pazienti Con questa breve relazione si intende richiamare l attenzione sulla normativa e sulla giurisprudenza riguardante la disciplina della responsabilità civile delle case di cura con particolare attenzione per ciò che concerne, nei casi di richiesta di risarcimento danni per responsabilità professionale medica, sia il rapporto con i pazienti, sia il rapporto con i sanitari che vi operano e la connessa rilevanza di tale materia per gli enti ecclesiastici, spesse volte proprietari di tali attività sanitarie. Premessa Come è noto la caratteristica peculiare degli enti ecclesiastici è che essi vengono costituiti nell ambito di un ordinamento, quello canonico, diverso da quello dello Stato italiano ed acquisiscono la personalità giuridica agli effetti civili in base al riconoscimento che viene ad essi accordato dallo Stato italiano secondo gli accordi intercorsi tra quest ultimo e la Santa Sede, senza per questo perdere la loro specifica caratteristica canonica. Con riferimento, in particolare, alla normativa dettata in materia di responsabilità civile medica appare quindi evidente, per le considerazioni sopra esposte, la difficoltà di equiparare puramente e semplicemente un ente ecclesiastico a qualsiasi altro ente, commerciale o non, che invece nasce ed opera secondo norme dettate dalla legge italiana. La struttura e l organizzazione di un ente ecclesiastico non sono perciò inquadrabili nelle categorie previste dalla normativa adottata dal legislatore italiano per regolamentare la responsabilità civile medica. Tale disciplina, invero, è stata formulata principalmente nell ottica della tutela del diritto alla salute del paziente e comunque nei confronti di enti che nascono nell ambito 1

2 dell ordinamento italiano. La legge italiana non tiene conto, pertanto, che gli enti ecclesiastici operano innanzitutto con finalità pastorali e sono ispirati da tali finalità nell attuazione dell opera che essi svolgono nei vari ambiti della società. Questa tipicità degli enti ecclesiastici non può perciò essere tenuta in sufficiente e debito conto per ciò che concerne il particolare caso dell esercizio di attività sanitarie quali la gestione di case di cura. Per questo motivo le case di cura gestite da enti ecclesiastici, dal punto di vista civilistico, sono in tutto e per tutto equiparate alle case di cura private nate nell ordinamento italiano. Tale equiparazione ha come conseguenza che le norme sulla responsabilità civile a tutela dei pazienti danneggiati non consentono un trattamento favorevole agli enti ecclesiastici, perché, tale diverso trattamento, risulterebbe difforme a seconda del tipo di ente gestore della casa di cura privata, e ciò in spregio ai principi costituzionali che garantiscono la parità di trattamento e il diritto alla salute. Secondo l ordinamento italiano, invero, nella responsabilità medica il principale interesse tutelato è quello della salute e quello della parte considerata più debole ovvero il paziente. La responsabilità civile medico-sanitaria La responsabilità legata all esercizio della professione medica rientra nella più vasta categoria della responsabilità civile. La dottrina e la giurisprudenza più recenti nell ultimo decennio hanno riscritto le regole della responsabilità civile medico-sanitaria. Non vi è più differenza, per ciò che concerne la responsabilità professionale, tra ospedali pubblici e case di cura private. E stato affermato invero dalla Suprema Corte di Cassazione che: per quanto concerne la responsabilità della struttura sanitaria nei confronti del paziente è irrilevante che si tratti di una casa di cura privata o di un ospedale pubblico in quanto sostanzialmente equivalenti sono, a livello normativo, gli obblighi dei due tipi di strutture verso il fruitore dei servizi, ed anche nella giurisprudenza si riscontra una equiparazione completa della struttura privata a quella pubblica quanto al regime della 2

3 responsabilità civile anche in considerazione del fatto che si tratta di violazioni che incidono sul bene della salute, tutelato quale diritto fondamentale dalla Costituzione, senza possibilità di limitazioni di responsabilità o differenze risarcitorie a seconda della diversa natura, pubblica o privata, della struttura sanitaria (Cass. Sez. Un., 11 gennaio 2008 n. 577). Altro elemento da sottolineare riguarda il fatto che non vi è più distinzione, dal punto di vista di chi è tenuto a risarcire il danno, tra responsabilità civile del medico che ha curato il paziente e responsabilità civile della struttura ove il paziente si è recato per le medesime cure. E stato rilevato difatti che nel caso di errore medico nell'esecuzione di un intervento chirurgico o nella diagnosi, la struttura sanitaria privata dove il paziente è stato ricoverato risponde dei danni in solido col medico. La Corte di Cassazione ha affermato invero che: Quando un medesimo danno è provocato da più soggetti, per inadempimenti di contratti diversi, intercorsi rispettivamente tra ciascuno di essi e il danneggiato, tali soggetti debbono essere considerati corresponsabili in solido, non tanto sulla base dell'estensione alla responsabilità contrattuale della norma dell'art c.c., dettata per la responsabilità extracontrattuale, quanto perché, sia in tema di responsabilità contrattuale che di responsabilità extracontrattuale, se un unico evento dannoso è imputabile a più persone, al fine di ritenere la responsabilità di tutte nell'obbligo risarcitorio, è sufficiente, in base ai principi che regolano il nesso di causalità ed il concorso di più cause efficienti nella produzione dell'evento (dei quali, del resto, l'art costituisce un'esplicitazione), che le azioni od omissioni di ciascuno abbiano concorso in modo efficiente a produrlo (Cass. Sez. III, 9 novembre 2006, n ). Il codice civile chiarisce la nozione della solidarietà con l art che recita: L'obbligazione è in solido quando più debitori sono obbligati tutti per la medesima prestazione, in modo che ciascuno può essere costretto all'adempimento per la totalità e 3

4 l'adempimento da parte di uno libera gli altri; oppure quando tra più creditori ciascuno ha diritto di chiedere l'adempimento dell'intera obbligazione e l'adempimento conseguito da uno di essi libera il debitore verso tutti i creditori. Da ciò ne deriva, nel caso di responsabilità medica, che, qualora venga riconosciuta la colpa per malpractice sanitaria, il danneggiato può chiedere l adempimento di tutto quanto dovuto sia alla casa di cura, sia al medico, con la conseguenza che il pagamento di una di queste due parti libera dal debito l altra. Quindi se l obbligazione viene adempiuta dalla casa di cura il medico non sarà tenuto a pagare più nulla al paziente danneggiato. Il medico e la casa di cura risponderanno dunque in solido in caso di insuccesso dell'intervento per il quale si chiede il risarcimento, rimanendo indifferente per il paziente titolare della posizione creditoria, in caso di inadempimento della obbligazione soggettivamente complessa, su quale dei soggetti debba gravare, nei rapporti interni, il peso economico del risarcimento del danno. Occorre tener presente poi che non ha alcuna rilevanza il fatto che il sanitario non sia un lavoratore dipendente della casa di cura privata. Per di più, quand'anche sia il medico che la struttura sanitaria abbiano stipulato col paziente un contratto distinto ed autonomo, poiché la prestazione della casa di cura e quella del medico sono collegate così strettamente da configurare una obbligazione soggettivamente complessa con prestazione indivisibile ad attuazione congiunta, con la conseguenza che l'inadempimento di uno soltanto dei coobbligati obbliga anche l'altro al risarcimento. Autorevole dottrina (dr Marco Rossetti Magistrato di Tribunale applicato all'ufficio Massimario della Corte di Cassazione) ha constatato in proposito che: il contratto avente ad oggetto prestazioni di ricovero per assistenza terapeutica costituisce un negozio atipico, nel quale l'interesse del paziente (che è quello di farsi curare) non rimane appagato con l'apprestamento dei locali, la erogazione dei servizi alberghieri e di 4

5 assistenza, la messa a disposizione degli strumenti e delle apparecchiature sanitarie, ma riceve integrale soddisfazione soltanto con la contestuale esecuzione della prestazione professionale del medico. Diversamente dalla normale ipotesi in cui l'organizzazione e la predisposizione dei mezzi necessari all'adempimento dell'obbligazione grava interamente sul debitore, nell'ipotesi in questione è il paziente (creditore) che deve attivarsi provvedendo a rifornire il professionista, al quale si è rivolto, dei mezzi necessari alla esecuzione della prestazione (nella specie l'intervento chirurgico), in difetto non potendo trovare attuazione il rapporto d'opera professionale. Si tratta, allora, di verificare se nella ipotesi in esame si sia in presenza di un collegamento funzionale tra negozi che conservano la loro rispettiva autonomia in quanto fonti di distinti rapporti obbligatori, ovvero, come sembra più corretto, si sia in presenza di una obbligazione plurisoggettiva a latere debitoris, inquadrabile nella categoria delle "obbligazioni soggettivamente complesse con prestazione indivisibile ad attuazione congiunta" (in quanto una esecuzione parziaria o non simultanea sarebbe inutiliter data, non essendo in grado di realizzare l'interesse del creditore). Nel caso di specie, l'ipotesi preferibile è senz'altro la seconda. Infatti, se è vero che la unitarietà del risultato finale non è sufficiente a dimostrare l'esistenza di un unitario rapporto obbligatorio, potendo sempre il creditore realizzare il suo interesse anche mediante rapporti negoziali non collegati e non interdipendenti, tale ipotesi non sembra ricorrere nel caso di contratto di ricovero, in quanto: (a) da un lato, l'obbligazione del professionista si estende anche all'attività preliminare di verifica della idoneità della struttura sanitaria in cui deve operare (funzionalità degli apparecchi, alle dotazioni di emergenza, alla adeguata sterilizzazione dei locali); 5

6 (b) dall'altro, la casa di cura accetta il paziente esclusivamente in relazione al tipo di trattamento terapeutico che questi deve ricevere (valutandolo compatibile con l'organizzazione e le strutture aziendali) ed in relazione alla capacità professionale del medico curante (e dunque secondo il personale gradimento espresso dalla casa di cura), a disposizione del quale dovranno essere messe le strutture tecniche e le risorse umane (infermieri, addetti alla assistenza in sala operatoria, addetti alla assistenza nel decorso post-operatorio) della azienda. Il concreto atteggiarsi dei rapporti di questo tipo dimostra pertanto che il professionista si determina ad eseguire la prestazione in favore del paziente solo se può avvalersi della struttura organizzativa di una casa di cura da lui scelta, mentre, normalmente, la casa di cura si determina a concludere il contratto di ricovero per assistenza terapeutica soltanto se l'intervento viene eseguito nella propria struttura da un professionista gradito. Il rapporto avente ad oggetto il ricovero in funzione di assistenza sanitaria può quindi configurarsi come obbligazione unitaria a carico di una pluralità di parti (il medico e la casa di cura) che, nella esecuzione della prestazione, si articola in una serie di attività distinte (che non si identificano pertanto in altrettanti rapporti obbligatori) che si caratterizzano per il fatto della "indivisibilità temporale", non potendo essere attuata la prestazione se non congiuntamente, mediante il simultaneo svolgimento di tali attività, ed il coordinamento delle quali costituisce l'indispensabile momento organizzativo della esecuzione della prestazione dovuta in favore del paziente-creditore. Né è ostativa a tale schema la riferibilità delle singole attività a ciascuno dei soggetti della parte complessa (il medico esegue materialmente l'intervento, la Casa di cura predispone e somministra i servizi), in quanto la contitolarità di una unica obbligazione non esclude che l'esecuzione di essa renda necessarie attività materiali 6

7 diverse, eseguite da soggetti diversi. Se dunque l'obbligazione della casa di cura e quella del medico costituiscono una unica obbligazione soggettivamente complessa, ad attuazione congiunta, la responsabilità per inadempimento deve essere ricavata in via analogica, secondo l'opinione di autorevolissima dottrina qui condivisa, da quella dettata in materia di obbligazioni gravanti sui partecipanti alla comunione (in quanto fenomeno assimilabile alla contitolarità dei diritti/debiti) che prevede la responsabilità solidale per le obbligazioni assunte a favore della comunione (art c.c.). Il medico e la casa di cura risponderanno dunque in solido in caso di insuccesso dell'intervento, rimanendo indifferente per il paziente titolare della posizione creditoria, in caso di inadempimento della obbligazione soggettivamente complessa, su quale dei soggetti debba gravare, nei rapporti interni, il peso economico del risarcimento del danno. Il secondo motivo per il quale la casa di cura privata convenuta è tenuta a rispondere dell'eventuale colpa del personale medico, ancorché non dipendente, è che la Corte di cassazione, la quale sinora non risulta mai essere stata investita della questione relativa alla configurabilità di una obbligazione ad attuazione congiunta della casa di cura privata e del medico che non sia dipendente di quest'ultima, è comunque pervenuta a conclusioni analoghe, ritenendo sussistere un "collegamento negoziale" tra la prestazione del medico e quella della clinica privata. Da ciò, il giudice di legittimità ha tratto la conclusione che la responsabilità della casa di cura può conseguire, ai sensi dell'art c.c., sia all'inadempimento delle obbligazioni direttamente a suo carico, sia, ex art c.c. all'inadempimento della prestazione svolta direttamente dal sanitario quale suo ausiliario necessario, pur in assenza di un rapporto di lavoro subordinato, né rilevando in contrario al riguardo la circostanza che il sanitario risulti essere anche "di fiducia" dello stesso paziente, o comunque dal medesimo scelto (esattamente in questo senso Cass. 7

8 n. 6945, inedita; Cass n. 1698, inedita; Cass. civ., sez. III, , n , inedita) (in questi esatti termini dr Marco Rossetti ESE Roma - dispense della Giornata di Studio responsabilità del medico e della struttura sanitaria 10 gennaio 2008 in proposito si veda anche Tribunale Roma sez. XII 25 gennaio 2004). Oggettivazione della responsabilità delle case di cura Secondo quanto si è sopra osservato si deduce che le strutture sanitarie private, quando perviene una richiesta di risarcimento danni per responsabilità medica, sono costrette a rispondere anche di un danno non direttamente commesso dalla struttura stessa. Invero nell intento di tutelare il diritto alla salute sancito dalla Costituzione, dottrina e giurisprudenza hanno stabilito l obbligo delle case di cura di pagare le colpe commesse nella struttura indipendentemente dal fatto che siano state commesse dai sanitari che hanno avuto in cura il paziente o da carenze della struttura stessa. In questa maniera, è stata svincolata la responsabilità della struttura sanitaria dall'esistenza di una condotta colposa del personale medico sul presupposto di una responsabilità dell'ente in quanto tale. La responsabilità della casa di cura invero viene presunta. E evidente la facilitazione che l ordinamento intende concedere alla vittima attraverso le presunzione di responsabilità: infatti, in certe fattispecie di danni ricorrenti, l ordinamento imputa il danno ad un soggetto predeterminato, ritenuto, in base ai dati di comune esperienza, di norma responsabile del fatto dannoso. In linea generale, peraltro, l ordinamento ritiene giusto concedere al presunto responsabile la possibilità di dimostrare la propria innocenza, ora con la prova di assenza di colpa, ossia della regolarità della propria condotta, ora con la prova molto più difficile e rara del caso fortuito e della forza maggiore quale esclusiva causa di danno. (in questo senso si veda Marco Comporti Fatti illeciti: le responsabilità presunte Codice Civile Commentario Giuffrè ed. pag. 101). Tuttavia nel caso di responsabilità delle strutture ospedaliere la prova liberatoria avrà 8

9 effetto solo nei rapporti interni tra coobbligati solidali. Invero la casa di cura se dimostra di non avere alcuna responsabilità diretta nella causazione del danno sarà comunque tenuta al risarcimento nei confronti del danneggiato in solido con il medico, ma potrà chiedere a sua volta al medico di rifondere alla struttura quanto questa ha dovuto pagare al paziente per il danno arrecato dal medico stesso. È stato constatato da autorevole dottrina che "La struttura ospedaliera, pubblica o privata, è ormai considerata alla stregua di una vera e propria impresa, e non importa se profit o non profit, governata dalle regole della economicità e della imprenditorialità, che opera sul mercato dal lato della offerta di servizi (di natura medico sanitaria) per venire incontro alla domanda degli utenti che di essi hanno bisogno. È naturale, perciò, in questa prospettiva, che il rischio di impresa debba essere sopportato, nella sua interezza, da chi la esercita, cioè dall'imprenditore, ancorché si tratti di impresa sanitaria, e che dunque non venga addossato, senza ragioni formali, a terzi e tanto meno riversato sulle spalle dei consumatori (utenti)" (Iudica, Danno alla persona per inefficienza della struttura sanitaria, in questa Rivista, 2001, 3 ss., 11). Sembrano, dunque, aprirsi nuovi orizzonti, nei quali si privilegia una lettura dell'istituto della responsabilità civile dell'ente ospedaliero (pubblico o privato) per i danni arrecati ai pazienti il più possibile incline ad assicurare una loro effettiva tutela. (in questi termini si veda Ezio Guerinoni soggetti e responsabilità nell'esercizio privato di attività sanitarie Resp. civ. e prev. 2003,03,921). L azione di regresso nei confronti del soggetto responsabile. La natura e le finalità dell'obbligazione solidale passiva tendono a rafforzare il vincolo obbligatorio ed a garantire in maniera più efficace le ragioni del creditore, nel nostro caso il paziente danneggiato, consentendogli di ottenere l'adempimento dell'intera obbligazione da uno qualsiasi dei condebitori, mentre la solidarietà passiva non ha alcuna 9

10 influenza nei rapporti interni tra condebitori solidali (Cass n. 5802). Pertanto, come si è detto, se da un lato il creditore può agire a sua discrezione nei confronti dell'uno piuttosto che dell'altro dei condebitori per ottenere l'intero soddisfacimento del suo credito, dall'altro lato, ciascuno dei debitori solidali può attivarsi per l'adempimento dell'intera obbligazione esercitando poi il diritto di regresso ai sensi dell'art c.c., comma 1, che, in tema di regresso tra condebitori, recita: Il debitore in solido che ha pagato l'intero debito può ripetere dai condebitori soltanto la parte di ciascuno di essi. Il codice civile, inoltre, chiarisce anche la nozione della responsabilità solidale e con l art recita: Se il fatto dannoso è imputabile a più persone, tutte sono obbligate in solido [1292] al risarcimento del danno [1872 c.p.]. Colui che ha risarcito il danno ha regresso contro ciascuno degli altri, nella misura determinata dalla gravità della rispettiva colpa e dalla entità delle conseguenze che ne sono derivate [1299]. Nel dubbio, le singole colpe si presumono uguali. Perciò, in base al disposto dell'art c.c., essendo il fatto dannoso imputabile a più persone (cioè Casa di Cura e medico), ciascuna di esse è responsabile solidalmente del danno cagionato nei rapporti esterni, fatta salva la possibilità di regresso da parte di chi ha pagato e tenuto conto che nei rapporti interni le singole colpe si presumono uguali. Nelle obbligazioni da fatto illecito, fermo restando il vincolo della solidarietà per tutti coloro che abbiano concorso a cagionare il danno, la diversità del grado di responsabilità di ciascuno rileva esclusivamente ai fini della ripartizione del debito; il giudice sarà tenuto a disporre tale ripartizione solo se uno dei condebitori abbia esercitato azione di regresso o se il danneggiato abbia rinunziato alla solidarietà in favore di un coautore dell'illecito. Una recente sentenza di legittimità ha affermato che: In tema di solidarietà passiva 10

11 nelle obbligazioni, ai sensi dell'art c.c., la questione relativa alla quota di obbligazione gravante a carico del condebitore nei rapporti interni si pone soltanto qualora, abbia pagato l'intero debito giacché, solo in tale ipotesi, quest'ultimo potrà agire in via di regresso verso gli altri debitori solidali per ottenere le parti dell'intero debito di loro rispettiva spettanza, le quali, se non risulta diversamente, si presumono uguali (Cassazione civile sez. II, 12 ottobre 2007, n , Nencini C. Nencini, Giust. civ. Mass. 2007, 10). Nel caso di colpa medica quindi ai sensi dell'art. 2055, comma 2, c.c., il coobbligato solidale che ha risarcito il danno ha regresso contro ciascuno degli altri, "nella misura determinata dalla gravità della rispettiva colpa e dall'entità delle conseguenze che ne sono derivate". Alla luce di tale criterio, spesso e volentieri per ciò che concerne la responsabilità diretta della struttura sanitaria deve escludersi un qualsivoglia grado di colpa concorrente a carico della Casa di Cura stessa. Quest'ultima infatti, che nei confronti del terzo danneggiato risponde ex artt e 2055, comma 1, c.c., nel profilo interno dell'obbligazione risarcitoria non può ritenersi avere arrecato alcuna cooperazione colposa alla produzione dell'evento, perché dall'istruzione compiuta non è emerso alcun elemento in grado di dimostrare che il danno patito dall'attore sia ascrivibile (anche) a carenze organizzative o strutturali della clinica. Ricorre dunque una ipotesi di solidarietà imperfetta o "ad interesse unisoggettivo", per effetto della quale sotto il profilo interno l'obbligazione solidale grava su uno soltanto dei coobbligati (Trib. Roma , C. c. F., inedita; Trib. Roma , M. c. C., inedita) (in questi termini Tribunale di Roma in ). Esame di un caso concreto Nella pratica giudiziaria si presenta il problema di difendere le case di cura di proprietà degli enti ecclesiastici dalle richieste di risarcimento avanzate dai pazienti che lamentano di aver subito un danno per presunto errore medico-sanitario. Spesso tale danno 11

12 tuttavia non è stato causato da carenze organizzative della struttura, o commesso da personale dipendente della casa di cura, o dovuto a cattivo funzionamento delle attrezzature messe a disposizione per l esercizio dell attività sanitaria. Accade invero di sovente che, per le difficoltà intrinseche che si presentano nell esercizio della professione medica, il danno venga commesso da errore professionale dell operatore sanitario. A questo punto oltre alla difesa dell operato del sanitario stesso, affinché vengano giustamente ripartite le rispettive responsabilità, non resta, al patrocinatore, il quale deve comunque badare alla miglior difesa della struttura sanitaria, che chiedere l accertamento della responsabilità del medico stesso e la conseguente sua condanna a rifondere alla casa di cura, in via di regresso, quanto questa struttura dovesse pagare al danneggiato nel caso che questi chieda l adempimento dell intera obbligazione solidale nei confronti della sola struttura. Alleghiamo pertanto una recente pronuncia di merito ottenuta presso il Tribunale di Roma che ha accolto la difesa da noi espletata a favore di una casa di cura di proprietà di un ente ecclesiastico la quale rispecchia quindi quanto sopra esposto. Di seguito si riporta in copia la sentenza per esteso in copia conforme all originale al quale sono stati omessi, per ovvi motivi di privacy, i nomi delle parti sostituiti per maggiore comprensione del testo da nomi comuni di persona come casa di cura, paziente, 1 medico, aiuto ed assistente. 12

13 Sentenza n 12129/2007 depositata il 12 giugno 2007 dal Tribunale di Roma Tredicesima sezione Civile nella composizione monoscratica del dott. Filippo Paone 13

14 I.fu,*"r(?'l ul,t Úvu,^) kslalst f ruo- %qo(ou 4es i,' 1-..K5, iul'rio\ EPIGRAFE RepriuUlica ltaliana IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ' Tredicesima Sezione Civile nella composizione monocratica del doft. Filippo Paone ''','l ì-,... '' Lr.Qiìn...t.rl7e '.;'"'* -'-',. aisensi degli articoli 2El quater,2sl quinqaies primo comma del codice di procedura +41Ì10{${?Éff{ civile vigente ha pronunciato la seguente."7 I.lì1 SEFITENZA (a seguito di trattazione scritta) "" "".;'i T; - ^,^.. trp..[a causa civile di primo grado iscritta al numero del R.G.A.C.C., posta in....t*{ B del 14 matzo f.{.b.jtr}:fir:il,l ;;Htra 2a07, pubblicata come da certificazione in calce.'1-ll.t r.t*..."-.-...son generalità, i,0,, -u,'.l.w.iaal I Parti P*?*t:,,.'l;; - - (attore) residenza, codici fiscali come da allegata certificazione di cancelleria e in Roma presso avv. Filippo Andreoli che rappresenta e difende ;,o;.,do";;i:iltl;. i I " f"t Dtc o (convenuto) con goneralità, residenza, codici fiscali come da allegata certificazione di cancelleria e con domicilio eletto in Roma presso avv. Raffaele Bonfiglio che rappresenta e difende giusta delega in atti 4 ruîò----.-^ (convenuto) con generalità, residenza, codici fiscali come da allegata certificazione di cancelleria e con domicilio eletto in Roma presso avv. Raffiaele Bonfiglioche rappresenta e difende giusta delega in atti.4.í,,.\.-r r., -., (convenuto) con generalità, residenza, codici fiscali come da allegata certificazione di canc lleria e con domicilio eletto in Roma presso avv. Gerardo Vesci e avy. Andrea Marziale rappresentano e difendno giusta delega in atti DN r--l \ 'declsione e motivazione: Filippo Paone. Pag. l 114 \\'t

15 04ó9880 I i).doc "Casa di Cura (convenuto) con generalità, residenza, codici fiscali come da allegata certíficazione di cancelleria e con domicilio eletto in Roma presso avv. Massimo Merlini e ayv. Alessandra Boecklin che rappresenta e difende giusta delega in atti ASSITALIA Le Assicurazioni d'itatia SpA (chiamato da r f o,n! n-t;,') con generalità, residenza, codici fiscali corne da aliegata certificazione di cancelleria e con domicilio eletto in Roma presso avy. Lavinia Ferdinandi che rappresenta e difende giusta delega in atti ASSITALTA Le Assicurazioni d'italia SpA (chiamato da "Casa di Cura con generalità, residenza, codici fiscali come da allegata certificazione di cancelleria e con domicilio eletto in Roma presso avv. Matteo Mungari che rappresenta e difende _ giusta delega in atti \" BERNESE ASSICURAZIOM SPA (chiamato da Le domande introduttive Con citazione del settembre 2004 È4ar,:1r1r: conveniva in giudizio la CASA Di CIJ.F.A composta da ' ;,, l'equipe medica r chiedendone la condanna al pagamento di uro , con spese, quale risarcimento del danno a lei procurato con due interventi chirurgici per conezione di alluce valgo effettuati il da Villani, Persiani e Chiozzi e il da Villani e Persiani nella predetta clinica; gli interventi non erano riusciti e ne erano derivate conseguenze pemanenti, con necessità di altre cure e spese mediche, Si costituiva 4e l-t:,'.l;::.-* chiedendo il rigetto della domanda, con spese, assumendo la correttezza e il buon esito dell'intervento; chiamava in causa il suo assicuratore ASSITALIA. Si costituiva) /+ t. ), con il medesimo difensore di ", e contestandq la domanda,, di chiedeva il rigetto cn spese, con gli stessi argomenti di' ; cnlamavl in causa il suo assicuratore BERNESE ASSICURAZIONI. t : Si costituivr.rs:.i \-r_,':-. r, chiedendo il rigetto della domanda, con spesl assumendo di non aver partecipato all'operazione essendosilimitata a reggere divaricatori,,/ I ( { Ir pr.l f.i a sl.il.li.i; asl ric.as ecc con r A.ss desr decisione e motivazione: Fílîppo Paone. / nls zr\

16 t.doc Si costituiva la CASA DI CURA, come in epigrafe, chiedendo il rigetto della domanda con spese; assurneva di esser estraneal rappofto tra i rnedici e Ia paziente, di non aver partecipato all'intervenlo essendosi essa limitata a fornire servizi; in caso di sua responsabilità, chiedeva che fosse determinata misura non superiore al2o%; chiedeva - comunque che t lvir.. t\ t;, I fossero tenuti a rimborsare quanto essa avesse dovuto pagare per intero; chiamava in causa il suo assicuratore ASSITALIA. lo izio la nedica ndone ro alei.23-6' predetta nanentr' surnendo, ;icuratore rntestandc' ; chia$av'1 Si costituiva ASSITALIA, quale assicuratore della CASA DI CURA, chiedendo il rigetto della domanda con spese; eccepiva prescrizione del diritto del suo assicurato; chiedeva il rigetto della domanda di parte attrice perché infondata avendo i medici agito correttamsnte; di limitare Ia condanna della Casa di Cura in proporzione al grado di responsabilità; dichiarare la sua surrogazione nei diritti di regresso della Casa di Cura verso t l/t{ù,r ' r..,íi'';:=; Si costituiva'assitrlia, con diverso difensore, quale assicuratore di VILLANI; chiedeva il rigetto della domanda con spese; eccepiva prescrizione del diritto di eccepiva I'infondatezza della domanda svolta da parte attrice per avere i medici agito correttamente; eccepiva che sul medesimo rischio esisteva anche Ia garanzia di BERNESE ASSICURAZIONI, che chiamava in causa, in quanto essa garantiva Pgrsiani e che quindi il rischio andava suddiviso tra i due assicuratori; Si costituiva infine BERNESE, assicuratore di lt t v:-il- [, contestando tutte le domande svolte nei suoi confronti di cui chiedeva il rigetto con spese; chiedeva il rigetto della domanda attrice perché infondata avendo i medici operato correttamente; chiedeva che la Casa'di Cura fosse tenuta a garantire.',t'i-t,. e tenerlo indenne; chiedeva di graduare le responsabilità, in proporzione del contributo di Persiani come semplice aiuto; assumeva che [a polizzaassitalia della Casa di Cura copriva anche i danni cagionati da,t:.:?: i; chiedeva infine il regresso nei confronti di ASSITALIA, degli altri assicuratori. Precisazione delle domande In sede di precisazione delle domande ai sensi dell'allora vigente disciplina le parti così precisavano le loro domande.. L'attrice r insistendo nelle sue richieste e ritenendo in conferenti Ie eccezioni svolte tra gli assicuratori,. I convenuto i Lt, t,,,: 'replicava all'eccezione di prescrizione di ASSITALIA assumendo di aver avuto notizia del sinistro solo con lettera det e di aver subito informato il suo assicuratore.. Il convenuto nulla replicava con memoria;. l-a convenuta si riportava, argomentando, alle conclusioni già svolte;. [.a convenuta Casa di Cura replicava alla eccezione di prescrizione di ASSITALIA, assumendo che solo con lettera del 9/10/2002 gli interessati erano stati informati delle richieste di risarcimento di cui avevano subito dato notizia agli assicuratori;. Assitalia, quale assicuratore della Casa di Cura, replicava alle richieste di Bernese eccependo che la sua polizza non copriva la responsabilità civile di lr t,.,' r ' considerando che costui non agíva nello svolgimento di mansioni per la casa di cura;.a.ssitalia, quale assicuratore di i'l'-,,-,.,,, insisteva nell'eccezione di prescrizione, desumibile dal riferimento ad una lettera del L2-4-2O01. contenuta nella richiesta di decisione e motivazione: Fílippo Paone. Pa I \ \

17 i 04-ó9880 / doc risarcimento del 9l\Ol?:ffiZ; ihsisteva nla eccezione di comunanza di rischio con Bernese; i. Bernese nulla replicava in quelfa sede; i tr,"uttoria i ta data indicata in citazione deltl4l12l2004 veniva più volte differita per consentire le varie chiamate di causa e la prima udienza si teneva quindi il l7l5l2005; I'istruttoria iniziava 1117ll/2006 con la nomina del consulente, unica attività istruttoria espletata oltre alla produzione documentale. Conclusioni delle parti Nell'udienza del 14 mano 20fJ7 le parti concludevano riportandosi ai propri scritti difensivi. Il giudice tratteneva la causa in decisione e assegnavalle parti termini per memoric c repliche come da verbale. MOTIVI DELL,A. DECISIONE Valutazione della responsabilità Il fatto dannoso Dalla lettura dei documenti e dei certificati medici effettuata con l'ausilio del consulente tecnico di ufficio MARIO Dt MARTINO e del suo collaboratore autorizzato SANDRO,., LUZIATELLI, emerge quanto segue.,4 i! F^'.'i-.r" t,all'epocadi62anni,eraaffettadaallucedestrovalgo e2" dito1fu*v''h\ {ù piede a martello; per coreggere questa affezione, il 23/ fu sottoposté'fa'd,f.,intervento chirurgico dal dott. ri, coadiuvato dall'aiuto ' ',r,1 e da,sug]f 'Casa di Cura r; fu utilizzata la tecnica di Chevronfdff ;,í'i I /.1, 'osteotomia a cuneo e sintesi con vrte. Da controllo radiogafico del settembre 2mgl emerse un frammento osseo diastasato e, considerando anche la permanenza dei sintomf dolorosi, in data fu effettuato dal dott.' i, coadiuvato dal dott. l,.ir,'', -i, e sempre nella predetta casa di cura, un secondo intervento con il quale veniva rimossa Ia vite, si cfefttuarono regolazioni e fu applicato un filo al 2" dito per mantenere la correzione. Ebbene, nel caso, il primo intervento si è rilevato non congruo perché I'osteoporosi non garantiva la presa della vite, cosa che infatti accadde, provocando diastasi dei segmenti ossei, necrosi della testa della articolazione metatarso-falangea. Di conseguenza la paziente, invece di ottenere un vantaggio, ha subito un aggravamento delle sue condizioni, con un danno permanente. Questo danno, considerando che la perdita completa dell'alluce, secondo noti barem. (ad esempio Guida orient;ativa per la valutazione del danno biologico, Bargagna e alffi edizione 2W1)., è valutata 'al 67o può essere determinata nel 37a, aderendo alli considerazioni e argomentazioni espresse in proposito dal CTU. : Si aggiungano 20 giorni di invalidità assoluta e altri 20 giorni di invalidità parziali cagionate dalla necessità di sottoporsi a ulteriori cure. j Principi sulla responsabilità del medico! Da tempo la giurisprudenza ha chiarito che Ia responsabilità del medico ha natuf contrattuale ed è regolata dagli articoli 1176e2236 del codice civile, A tal proposif una recente sentenza della Corte di Cassazione n. 239L8 det 9 novembre 20( (estensore Segreto) ha espresso in maniera chiara e convincente le argomentazioni cf sorreggono tale orientamento (a cui questo tribunale aderisce con convinzione) a' decisione e motivazione: Filippo Paone.

18 ie ia rta ritti per sintornl 'ersiani,i rimossat enere la )rosi non! segmenti penza la' delle suc rt barem:, lna e altri iendo allt,tà Parzia} I I c ha natu{ al ProPosil cmbre 2ff :ntazioni cl inzione) ct riferimento alla natura del contratto, alla nozione di diligenza nell'adempimento, al riparto dell'onere della prova. In merito alla natura del contratto così si esprime la citata decisione: La rcsponsabilità sia del msdico che dell'ente ospedaliero per inesatto adcmpimento della prestazione ha, inlatti, natura contrattual ed è quella tipica del prol'essionista, con la conseguenza che trovano applicazione il regime proprio di qucsto tipo di responsabilità quanto alla ripartizione dell'onere della prova e i principi delle obbligazioni da contratto dbpera intellettuale prolbssionale relativamente alla diligenza e al grado della colpa (Cass. 22 gennzio 1999, n. 589, in motiv.; Cass. 11 maízl 2002, n.3492; 14luglio 2003, n ; 21 luglio 2003, n , in motiv.), Sulla diligenza del debitore si argomenta come segue: Trattandosi di obblígazioni inerenti all'esercizio di attività prof'essionali, la diligcnza nell'adempimento dcve valutarsi, a nonna dell'art c,c,., comma 2, con riguardo alla natura dell'attività esercitata. Dispone poi I'art c.c. che se la prestazione implica la soluzione di problcmi di speciale difficoltà, il prestatore dbpera non risponde dei danni, se non in caso di dolo e colpa grave' Gli artt. "1.176 e 2236 c,c. esprimono dunque I'unitario concetto secondo cui il grado di diligenza dev'essere valutato con riguardo alla difficoltà dellaprestazione resa. La colpa è inosservanza della diligenza richiesta. Lbbbligazione assunta dal prof'essionista consiste in un'obbli gazione di mezzi, cioè in un'attività indirizzata ad un risultato. Il mancato raggiungimento del risultato non determina inadempimento (v. Cass. 26 liebbraio 2m3 n. 2836). L'inadempimento (o I'inssatto adempimento) consiste nell'aver tenuto un comportamento non contbrme alla diligenza richiesta, mentre il mancato raggiungimento del risultato può costituire danno consequenziale alla non diligente prcstazione o alla colpevole omissione dell'attivita sanitaria. Circa I'onere della prova così prosegue: Quanto al riparto dellbnere della prova le Sezioni Unite ( ffi1, n ), nel risolvere un contrasto di giurisprudenzatra le sezioni semplici, hanno enunciato il principio - condiviso dal Collegio - secondo cui il creditore che agisce per Ia risoluzione contrattualc, per il risarcimento del danno, ovvero per I'adempimento deve dare la prova della tbnte negoziale o le.gale del suo diritto, limitandosi aìla mcra allegazione della circostanza dell'inadempimento della controparte, mentre il dchitore convenuto è gravato dcll'onere della prova del fatto estintivo, costituito dall'alryenuto adempimento. Analogo principio è stato cnunciato con riguardo all'inesatto adempimento, rilevando che al creditore istante è sufficiente la mera allegazione delllnesattezza dcll'adempimento (per violazione di doveri accessori, come quello di informazionc, ovvcro per mancata osservanza dell'obbligo di diligenza, o per difîormita quantitative o qualitativc dei beni), gravando ancora una volta sul debitore lbnere di dimostrare I'avvenuto, esatto adcmpimento. Applicando questo principio all'onere della prova nelle cause di responsabilita prof'essionale del medico deve affermarsi che il paziente che agisce in giudizio deduccndo llncsatto adempimento dell'obbligazione sanitaria deve provare il contratto e allegare I'inadempimento del sanitario restando a carico del debitore lbncrc di provare I'esatto adempimcnto. La distinzione tra prestazione di facile esecuzione e prestazione implicante la soluzionc di problcmi tecnici di particolare difficolta non rileva dunque più quale criterio di tlislribuzione dellbnere della prova, ma dowà essere appre2zata per la valutazione del grado di diligcnza e del corrispondente grado di colpa, restando comunque a carico del sanitario la prova che Ia prestazione era di particolare dìllicoltà. Infine si richiama il noto principio della c.d. "vicinanza delln prova": decisione e motivazione: Filippo Paone. Pag.

19 04-ó9880 ( Porre a carico del sanitario o dell'entc ospedaliero la prova dell'esatto adempimento dclta prestazionc medica soddisla in pieno quella linea evolutiva della giurisprudcnza in tcma di onere della prova che va accentuando il principio della vicinanza dclla prova, inl.eso come apprczzamento dcil'effèttiva possibilìtà per I'una o per I'altra parle di offrirla. Intatti, nellbbbligazione di mezzi ii mancato o inesatto risultato della prestazione non consiste nell'inadempimento, ma cosl.ituisce il danno consequenziale alla non diligente csecuzionc dclla prestazionc, In queste obbligazioni in cui I'oggetto è I'attività, l'inadcmpimento coincide con il dil'erto di diligenza nell'esecuzione dclla prcstazionc, cosicché non vi è dubbio che la prova sia "vicina" a chi ha eseguito la prcstazione; lanlo più chc tratlandosi di obbligazione professionale il difetto di diligenza consiste ncll'inosservanza delle regole tecniche che governano il tipo di attività al quale il debitore è tcnuto. Principi sulla responsabilità delb equipe Nel caso di equipes chirurgiche, ogni sanitario, oltre che al rispetto dei canoni di diligenza e di prudenza connessi alle specifiche mansioni svolte, è tenuto ad osserv,ge ' gli obblighi ad ognuno derivanti dalla conveîgeîza di tutte le attività verso il fine comune. Ne consegue che ogni sanitario non può esimersi dal conoscere e valutare 1 \ I'attività precedente contestuale svolta da altro collega, sia pure specialista in altra/,,.,1 disciplina, e dal controllarne la correttezza, ponendo rirnedio o facendo in modo che sin.;.1 ponga \,f opportunamente rimedio a errori altrui, purché siano evidenti (e non settoriali), ei quindi rilevabili ed emendabili con I'ausilio delle comuni conoscenze scientifiche'ffi r' prof'essi onista medio (Cass OU n.40 13). Questo orientamento è una applicazione della c.d. teoria dell'affidameuto secondo cui ciascun membro dell'equipe può fare affidamento sul fatto che ognuno degli altri; cseguirà in modo córretto i propri compiti, sicché di, consegusnza, ognuno risponderà,f di norma, del proprio operato ma non di quello degli altri. Peraltro l'affidamento di cui si è detto incontra dei limiti. Il primo limite si incontra quando l'apporto del singolo è proprio quello di controllare I'operato degli altri apparlenenti alla struttura, il che va esaminato caso per caso, secottdo la struttura,l'organizzazione della struttura, gli scopi e gli obiettivi della attività di gruppo. Ovviamente, all'interno dell'equipe riveste un ruolo di primaria importanza il capo dell'equipe operatoria, titolare di un'ampia posizione di garanzia nel confronti del paziente che si estende fino alla fase dell'assistenza postoperatoria, che il chirurgo ha il dovere di conttollare e seguire direttamente, anche attraverso interposti persona Ulteriore timite si incontra quando si verifichino circostanze che rendano manifesta lr possibilità di un adempimento non corretto da parte di un membro della equipe, comi nel caso di lo sttao fisco non ottimale di un membro, una scarsa adanabilità di uf componente alla attività fluente e di rapida sinergia tra gli operatori, crisi di panicf errori evidenti. Nel caso di mancata rimozione dalle sedi dell'operazione chirurgica di pinze, garze, la giurisprudenza, facendo riferimento a linee guida e prassi consolidate, ulteriormente specificato che il controllo della rimozione spetta all'intera operatoria, cioè ai medici, che hanno la responsabilità del buon esito della ope anche con riferimento a tutti gli adempimenti connessi, e non può essere delegata al personale paramedico, avendo gli infermieri funzione di assistenza, ma non di veri (Cass rn4 n ). decisione e motivazíone: Filippo Paone.

20 r rinze, fe olidate, Íera equi. r opefazto egata al sj rn di ventt Principi sulla responsabilità della casa di cura ln merito alla natura del rapporto tra casa di Cura Privata, medico e paziente valgono certamente le pregnanti argomentazioni sviluppate dalla giurisprudenza e che questo tribunale condivide così come da ultimo lucidamente esposte da Cass. 1698/2006 secondo cui "... il complesso ed atipico rapporto che si instaura tra la casa di cura e il paziente... anche nell'ipotesi in cui quest'ultimo scelga al di fuori della struttura sanitaria il medico curante, non si esaurisce nella mera fornitura di prestazioni di natura alberghiera (somrninistrazione di vitto e alloggio), ma consiste nella messa a disposizione del personale medico ausiliario e di quello paramedico, nonché nell'apprestamento dei medicinali e di tutte le atúezzature necessarie, anche in vista di eventuali complicanze (Cass. sez. un. 1 luglio 2AO2 n.9556). * Nc consegue che "... il rapporto che si instaura tra paziente e casa di cura privata (o ente ospedaliero) ha fonte in un atipico contratto a prestazioni corrispettive con effetti protettivi nei confronti del terzo, da cui, a fronte dellbbbligazione al pagamento del corrispettivo (che ben può essere adempiuta dal paziente, dall'assicuratore, dal servizio sanitario nazionale o da altro ente), insorgono a carico della casa di cura (o dell'ente), accanto a quelli di tipo lato sensu alberghieri, obblighi di messa a disposizione del personale medico ausiliario, del personale pararnedico e dell'apprestamento di tutte le attrezzature necessarie, anche in vista di eventuali complicazioni od emergenze. " Pertanto, prosegue la sentenza "... la responsabilità della casa di cura (o dell'ente) nei confronti del paziente ha natura contrattuale, e può conseguire, ai sensi dellhrt c.c., all'inadempimento delle obbligazioni direttamente a suo carico, nonché, ai sensi dell'art. L228 c.c., all'inadempimento della prestazione medico-professionale svolta direttamente dal sanitario, quale suo ausiliario necessario, pur in assenza di un rapporto 'i di lavoro subordinato, comunque sussistendo un collegamento tra la prestazione da \.,costui effettuata e la sua organizzazione aziendale, non rilevando in contrario al iiguardo la circostanza che il sanitario risulti essere anche "di fiducia" dello stesso :,,fiaziente, o comunque dal medesimo scelto (Cass. 14 luglio 2004 n ; già in senso Cass. 8 gennaio L999 n. 103)"..;'analogo Responsabilità dei medici I principi sopra indicati rendono agevole concludere nel senso che unico responsabile tra i componenti della equipe che effettuò I'intervento è da considerare i' t,,7.,' - ;4 ampiamente provato, infatti, che l'inadempimento derivante dall'obbligazione di cura avvenne non nella fase di esecuzione, ma nella fase di scelta del trattamento; l'inadempienza, infatti, consistette nell'aver scelto di utilizzare una vite di sintesi che le indagini radiografiche invece sconsigliavano; se ne desume che r ii quale intervenne come aiuto solo durante I'operazione, e "-' ' che intervenne solo per reggeîe i divaricatori, non parteciparono alla fase di scelta del trattamento, né avevano la possibiliè durante I'intervento di correggere un errore che non era evidente perché essi non avevano a disposizione in quella fase gli strumenti diagnostici per indicare al chirurgo un diverso trattamento. A tal proposito si può replicare alle argomentazioni del consulente di parte che, anche ammettendo che gli inconvenienti riscontrati rientrassero nel rischio consueto di tale tipo di operazione (il che non è essendo praticabili trattamenti alternativi) di questo rischio la paziente non fu informata; il documento da lei sottoscritto è un generico e burocratico modulo dove appena si fa oenno alla deformita e ala sua correzione ma non vi è menzione alcuna sul rischio di fratture delle parti interessate o di insuccesso, né, tantomeno, delle varie tecniche praticabili. E si può facilments prosumere che la paziente, se adeguatamente informata dei rischi a cui andava incontro, luale addftittura ---""':'-'----- /'L - -;;;;','* / i^1,',,,)t,*';t,;;;;;;;. ;"{;i;;\' (.-. \

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

L INFORMAZIONE GIURIDICA

L INFORMAZIONE GIURIDICA L INFORMAZIONE GIURIDICA note di giurisprudenze sulla responsabilità professionale medica nota II/2009 a cura di Alessandro Riccioni e Nicola Mazzera, avvocati in Roma LA CLINICA (DI REGOLA) RISPONDE DELL

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

4. LE OBBLIGAZIONI 1

4. LE OBBLIGAZIONI 1 4. LE OBBLIGAZIONI 1 OBBLIGAZIONI Ad esse è dedicato il Libro IV Codice Civile artt. 1171-1320 cod. civ. strumento tecnicamente adottato al fine di semplificare la disciplina e dettare una disciplina unitaria

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 1 Num. 22580 Anno 2014 Presidente: SALVAGO SALVATORE Relatore: GENOVESE FRANCESCO ANTONIO Data pubblicazione: 23/10/2014 Cron.225;20 SENTENZA Rep. 39(4 sul ricorso 24811-2007 proposto

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO).

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CASS. CIV., SEZ. II, 8 NOVEMBRE 2010, N. 22653. Le parti che firmano un contratto preliminare possono stabilire che entro il termine fissato dallo stesso il promittente

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

COMUNE DI OLMEDO. Provincia di Sassari REGOLAMENTO

COMUNE DI OLMEDO. Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNE DI OLMEDO Provincia di Sassari REGOLAMENTO APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE ALLE VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI COMUNALI ED ALLE ORDINANZE SINDACALI (Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Il contratto di assicurazione contro i rischi di malattia non prevede alcun indennizzo per l evento morte

Il contratto di assicurazione contro i rischi di malattia non prevede alcun indennizzo per l evento morte «Il contratto di assicurazione contro i rischi di malattia non prevede alcun indennizzo per l evento morte» (Cassazione civile, Sez. III - Sentenza 17 Marzo 2015, n.5197) Invalidità permanente responsabilità

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico?

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? Accertamento sintetico Art. 38, dpr 29/9/73, n. 600; artt. 2727 e 2729 cc; artt. 4 e 5, D.Lgs. 10/3/00, n. 74 Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? di Alessandro Traversi* L'accertamento

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10 Roma, 8 gennaio 2004 Alle Direzioni Regionali del Lavoro - LORO SEDI Alle

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

RESPONSABILITÀ CIVILE - PADRONI E COMMITTENTI IN GENERE.

RESPONSABILITÀ CIVILE - PADRONI E COMMITTENTI IN GENERE. RESPONSABILITÀ CIVILE - PADRONI E COMMITTENTI IN GENERE. CASS. CIV., SEZ. III, 13 LUGLIO 2011, N. 15394. Gli enti sportivi sono tenuti a tutelare la salute degli atleti anche attraverso la prevenzione

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente CONTRATTO / INADEMPIMENTO La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente Le azioni poste a tutela della parte adempiente nel caso di inadempimento della

Dettagli