Gestione degli aspetti ambientali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione degli aspetti ambientali"

Transcript

1 Dichiarazione Ambientale Assessorato Agricoltura e Ambiente Assessorato Attività Produttive Capitolo 6 Gestione degli aspetti ambientali Le attività che il Comune svolge per la corretta gestione del territorio sono portate avanti sia direttamente dal personale comunale che affidate a ditte specializzate. Nei paragrafi seguenti, verrà trattata la gestione dei diversi aspetti ambientali delle attività degli Assessorati Agricoltura-Ambiente e Attività Produttive, specificando se le attività sono condotte internamente o affidate all esterno, evidenziando gli aspetti ambientali significativi, fornendo dati per descrivere il loro andamento e notizie sulle azioni di miglioramento che il comune ha intrapreso. Le tabelle degli aspetti ambientali significativi riportano, oltre alla descrizione dell aspetto, anche l influenza del Comune in merito (colonna gestione ) ed eventuali obiettivi di miglioramento che l Amministrazione ha intrapreso Gestione edifici, parco auto, strutture e attrezzature comunali Il Comune è proprietario di molti immobili, alcuni utilizzati per le attività svolte negli uffici comunali, altri destinati a scuole o affidati in gestione a terzi ed altri ancora non utilizzati. Gli edifici di interesse per lo svolgimento delle Attività dei due Assessorati sono riportati nella tabella seguente. Edificio Sede Comunale Ufficio Tecnico Cimitero Storico Cimitero Nuovo Cimitero San Pietro Capofiume Cimitero San Martino in Argine Cimitero Marmorta Cimitero Selva Malvezzi Gestione Comune Comune Comune Comune Comune Comune Comune Comune Tabella 29 - Elenco edifici di proprietà comunale con aspetti ambientali significativi. L utilizzo di questi immobili da parte dei diversi settori comunali genera, inevitabilmente, degli impatti sull ambiente come, ad esempio, consumo di risorse energetiche (corrente elettrica, combustibili per riscaldamento, ecc.), produzione di rifiuti (carta, cartucce per stampanti, toner per fotocopiatrici, monitor, computer ecc.) e utilizzo di sostanze pericolose (oli, diserbanti, sostanze infiammabili, ecc.), così come specificato nella tabella che segue: 55

2 Città di FASE GESTIONE ASPETTO AMBIENTALE IMPATTO AMBIENTALE 56 ATTIVITà DI UFFICIO ed EDIFICI ATTIVITA TECNICO- MANUTENTIVA SU EDIFICI COMUNALI PARCO AUTO SPAZZATRICE STRADALE ATTIVITA TECNICO- MANUTENTIVA SU PARCO AUTO Diretta Indiretta (a terzi) Diretta Diretta Indiretta (a terzi) Utilizzo di carta, toner Utilizzo di energia elettrica (illuminazione, apparecchiature elettroniche, condizionamento, etc.) Riscaldamento ambienti (caldaie) Apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso, tubi al neon, carta, toner e cartucce, pile, Utilizzo di acqua igienicosanitaria Corto circuito, caldaie per riscaldamento Presenza amianto sede comunale e ufficio tecnico Manutenzione impianti termici Impianti di condizionamento Automezzi a combustibili fossili Rumorosità del mezzo Utilizzo di componentistica (es. gomme) Sversamento di sostanze chimiche (oli, benzina, gasolio, etc.) Materiale aspirato Lavaggio spazzatrice Oli esausti, filtri, componenti sostituiti nelle manutenzioni Consumo risorse naturali Consumi di risorse energetiche Consumi di risorse energetiche produzioni rifiuti pericolosi e non Consumi di acqua Rischio incendio Inquinamento atmosferico fibre contenenti amianto Consumi di risorse energetiche Inquinamento atmosferico Emissioni sostanze lesive ozono stratosferico Consumo di risorse energetiche Inquinamento atmosferico Inquinamento acustico Consumo di risorse naturali Inquinamento delle acque e del suolo Produzione di rifiuti Scarichi idrici Produzione rifiuti Tabella 30 - Elenco principali aspetti ambientali associati alla gestione degli edifici, al parco auto, alle strutture e alle attrezzature comunali.

3 Dichiarazione Ambientale Assessorato Agricoltura e Ambiente Assessorato Attività Produttive Il Comune di, attento alle problematiche dell inquinamento, vuole essere d esempio alla propria cittadinanza limitando il rischio d inquinamento da parte delle strutture comunali e dei propri mezzi Consumi L approvvigionamento idrico delle strutture esaminate avviene esclusivamente dall acquedotto cittadino. All interno delle strutture comunali i principali consumi idrici sono associati all uso igienico-sanitario. Si tratta di un impatto poco significativo che ad oggi viene monitorato tramite la conservazione e archiviazione delle fatture dei consumi. Un quadro dei consumi idrici da rete pubblica è riportato nella tabella seguente. UTENZE (descrizione fornitura) INDIRIZZO CONTATORE 2005 (m 3 ) 2006 (m 3 ) 2007 (m 3 ) SEDE COMUNALE UFFICIO TECNICO CIMITERO STORICO MOLINELLA CIMITERO NUOVO MOLINELLA CIMITERO SAN PIETRO CAPOFIUME CIMITERO SAN MARTINO IN ARGINE Via C. Battisti, 1 () Via Martiri della Liberazione, 2 () Via Provinciale Inferiore, 6 () Via Provinciale Inferiore, 21 () Via Bassa, 13 (S.Pietro Capofiume) Via Stradello cimitero, 2 (S.Martino in Argine) CIMITERO MARMORTA Via Fiume Vecchio, 288 (Marmorta) CIMITERO SELVA MALVEZZI Via Selva, 91 (Selva Malvezzi) Tabella 31 - Consumi idrici da acquedotto dei siti comunali oggetto del SGA, riportati per utenza. Fonte dei dati: HERA SpA. L anomalo consumo idrico rilevato presso il cimitero nuovo di è da imputare ad una rottura sulla linea dell acquedotto avvenuta in una posizione non visibile ed al fatto che le bollette sono state emesse sulla base dei consumi stimati e non di quelli effettivi. Lo scarico delle acque nere del Municipio e dell Ufficio Tecnico avviene in fognatura. Gli scarichi dei servizi dei cimiteri non sono collegati alla fognatura, ma recapitano in fosse Imhoff che scaricano a loro volta in acque superficiali (fossi di campagna). L approvvigionamento energetico degli edifici comunali di interesse avviene attraverso: - energia elettrica; - gas metano (per il riscaldamento). 57

4 Città di I valori relativi ai consumi energetici degli anni 2005, 2006 e 2007 per gli immobili inseriti nel SGA sono riportati nella tabella sottostante. Immobile Gas Metano En. elettrica acquistata (Nmc) (KWh) Municipio Ufficio tecnico Stazione Ecologica 75 (2/12) Cimitero nuovo Cimitero vecchio Cimitero Marmorta Cimitero Selva Malvezzi Cimitero San Martino in Argine Cimitero San Pietro Capofiume (da ottobre) 575 (da ottobre) (da ottobre) 843 (da ottobre) (da ottobre) (da ottobre) Tabella 32 - Consumi energetici. Anni 2005, 2006, Fonte dei dati: HERA SpA (Gas metano), ENEL (Energia elettrica) Il comune ha affidato ad una ditta esterna (Manutencoop) le attività di gestione e manutenzione degli impianti termici come previsto dal DPR 412/93 (e successive modificazioni). Gli impianti sono dotati dell apposito libretto di centrale (se la Potenza Nominale della stessa è 35 Kw) o libretto di Impianto (se la Potenza Nominale della stessa è <35 Kw) su cui vengono registrate le attività di manutenzione preventiva e le verifiche sui fumi e sui rendimenti termici. Edificio Potenzialità Centrale Termica Periodicità dei controlli previsti dal DPR 412/93 Conformità normativa Sede Comunale 289,9 kw 1volta/ anno C Ufficio Tecnico 96,2 kw 1 volta/anno C Tabella 33 - Elenco caldaie negli edifici comunali gestiti dal Comune. L amministrazione comunale ritiene importante nella gestione degli edifici comunali attuare misure legate al risparmio di acqua ed energia mediante azioni di sensibilizzazione del personale, l installazione di riduttori di flusso nei lavandini, la sostituzione delle 58

5 Dichiarazione Ambientale Assessorato Agricoltura e Ambiente Assessorato Attività Produttive lampade ad incandescenza con quelle a basso consumo e l acquisto di apparecchiature elettriche ed elettroniche ad alta efficienza. Queste azioni sono oggetto di specifici obiettivi ambientali (ob ). Per l alimentazione degli automezzi, viene utilizzato principalmente gasolio, oltre a benzina, miscela e metano. Anno Gasolio (l) Benzina (l) , , , ,63 Metano (Kg) , ,38 570,73 Tabella 34 - Consumo generale carburanti. Anni 2005, 2006, Le emissioni sono minimizzate tramite la periodica manutenzione e l osservanza della normativa sulle revisioni (DM 408/98 e Codice della Strada). Gli ultimi acquisti sono stati orientati verso automezzi alimentati a gas metano. Il Parco automezzi è costituito da quanto elencato qui sotto e altri mezzi per i quali l obbligo di revisione non si applica ( macchine operatrici, etc.): Automezzo Targa Cilindrata Alimentazione Panda VAN U.T. Data di Immatricolazione Data ultima revisione Validità AE455TJ 999 BENZINA Fiat 80 BO GASOLIO Fiat Daily BOG GASOLIO Ape BM MISCELA Ape BM MISCELA Buker DL 863 SV 4249 GASOLIO Fiat Daily CH 996 WD 2800 GASOLIO Fiat Panda BK 973 YB 29 BENZINA Rossi Lindo snc ELETTRICO Tabella 35 - Automezzi e macchinari degli assessorati. 59

6 Città di Gestione rifiuti I rifiuti prodotti presso le strutture comunali sono: per la maggior parte assimilabili agli urbani e come tali conferiti al servizio pubblico di raccolta; rifiuti pericolosi, quali apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso; rifiuti speciali, quali cartucce e toner per stampanti e fotocopiatrici. Il Comune effettua la gestione dei rifiuti in conformità al D.Lgs. 152/06, mediante compilazione del Formulario e annotazione sul Registro di Carico e Scarico, qualora si tratti di rifiuti pericolosi. I rifiuti prodotti dalle strutture comunali sono raccolti in maniera differenziata a cura di tutti i dipendenti proprio per essere da esempio per la propria cittadinanza. Sono stati predisposti, infatti, contenitori appositi per la carta, le pile e i tappi di plastica, che vengono raccolti dal personale comunale e conferiti alla Stazione Ecologica Attrezzata, mentre i toner esausti vengono ritirati direttamente dalla cooperativa L Ulivo che provvede alla loro rigenerazione. Tale sistema permette all Amministrazione di contribuire al raggiungimento dell obiettivo di incrementare la percentuale di raccolta differenziata. Con l implementazione del sistema di gestione ambientale, l Amministrazione si è dotata di una istruzione operativa per la gestione dei rifiuti prodotti dalla strutture comunali, in particolare per le attività svolte negli uffici e nel magazzino (compresa la manutenzione) Forniture ecologiche L Amministrazione è coinvolta nel processo di Green Public Procurement (GPP), che serve a rendere verdi gli acquisti pubblici adottando criteri ambientali nelle procedure d acquisto degli enti locali e della Pubblica Amministrazione. Il comune di si impegna a privilegiare, ove possibile sotto il profilo economico, i prodotti ecocompatibili ed i materiali caratterizzati da un minore impatto ambientale durante le fasi di utilizzo e smaltimento e ad incrementare l acquisto di manufatti e beni realizzati con materiale riciclato come previsto dal DM 203/2003. Sono state previste forniture di carta riciclata, di cancelleria con marchi di qualità o eccellenza verdi e di toner rigenerati. E in corso di estensione la pratica del GPP a tutti i prodotti disponibili, attraverso un test parziale su molti di essi. Grazie all implementazione di un Sistema di Gestione Ambientale, il Comune di ha una procedura che identifica le modalità di definizione dei requisiti dei fornitori di beni e/o servizi, compresi i lavori eseguiti in appalto, che possono avere influenza sull ambiente sulla base di criteri ecologici. L amministrazione ha stabilito uno specifico obiettivo su questo aspetto ( ) Emergenze Le principali situazioni di emergenza delle strutture comunali si riferiscono a tutte le situazioni che comportano un rischio incendio. Di seguito riportiamo un elenco degli edifici comunali che necessitano di Certificato di Prevenzione Incendi perché rientrano in una delle attività previste del DM 16/02/1982 (che elenchiamo accanto): 60

7 Dichiarazione Ambientale Assessorato Agricoltura e Ambiente Assessorato Attività Produttive Edificio Sede Comunale - Uffici vari Sede Comunale - Archivio Attività soggette a Certificato di Prevenzione Incendi (DM 16/02/82) 91. Impianti per la produzione del calore alimentati a combustibile solido, liquido o gassoso con potenzialità superiore a Kcal/h 90. Edifici pregevoli per arte o storia e quelli destinati a contenere biblioteche, archivi, musei, gallerie, collezioni o comunque oggetti di interesse culturale sottoposti a vigilanza dello Stato di cui al Regio Decreto 7 novembre 1942, n Tabella 36 - Edifici soggetti a Prevenzione Incendi. Stato di avanzamento CPI rilasciato il 05/02/2004 scade il 05/02/2010 Ottenuto il Parere Favorevole dai VVF in data 11/01/2008, prot. n. 4976/2007 Tramite un apposito registro del Sistema di Gestione Ambientale, il Comune tiene sotto controllo la validità dei certificati prevenzione incendi. Su diverse strutture del patrimonio comunale sono presenti coperture in Amianto. A tale proposito, il Comune ha incaricato una società specializzata di effettuare una perizia sullo stato di conservazione dei manufatti sopra citati. I risultati dei controlli effettuati in data 30 e 31 gennaio 2007, sono sintetizzati nella seguente tabella. Struttura Sede Municipale Ufficio Tecnico Cimitero nuovo capoluogo Cimitero San Pietro Capofiume Scuola materna Selva Malvezzi Superficie totale in amianto (mq) Manufatto interessato Lotto (vedi perizia del 30 e 31/01/2007) Stato di conservazione Azioni da intraprendere 460 circa Coperto A Discreto Controllo annuale - - B Discreto Controllo annuale 400 circa Coperto A Discreto Controllo annuale - - B Discreto Controllo annuale 200 circa Coperto 1 Scadente Controllo annuale (1971) e rimozione entro 3 anni dalla perizia Scadente Controllo annuale e rimozione entro 3 anni dalla perizia Discreto Controllo triennale 60 circa Coperto 1, 2, 3 Discreto Controllo triennale 4 Discreto Controllo triennale 145 circa Pavimento in linoleum Da verificare assieme alle misurazioni indoor Controllo e/o rimozione Tabella 37 - Presenza di manufatti in amianto e loro stato di conservazione. 61

8 Città di Nella relazione tecnica, si evidenzia come sia necessario provvedere al monitoraggio delle coperture della sede municipale e dell ufficio tecnico (stato discreto) e alla rimozione della copertura del cimitero nuovo di che si trova in uno stato di conservazione scadente. L intervento verrà inserito nel Piano triennale delle opere pubbliche Il Comune ha definito un obiettivo ambientale (ob ) specifico per la gestione di questo aspetto Programma di Miglioramento L Amministrazione comunale di concretizza il suo impegno per l ambiente pianificando e realizzando alcuni specifici interventi, su un arco di tempo annuale o pluriennale. La ripartizione percentuale del traguardo è puramente indicativa e stimata sulla base delle singole azioni che, invece, vengono dettagliate dal Sistema di Gestione Ambientale prevedendo delle scadenze puntuali. Quanto pianificato è riportato di seguito: 2008_01 Indicatore: - % CARTA RICICLATA SUL TOTALE (kg carta ric./kg carta ric. + kg carta bianca) - % TONER RIGENERATO SUL TOTALE (kg toner rigen/kg toner rigen + kg toner vergine) - % PNEUMATICI RICOSTRUITI SUL TOTALE (n. Pneumatici ric/ pneumetici ric. + n. pneumatici vergini) Stato di avanzamento (%) Obiettivo: Aumentare l utilizzo di carta e toner riciclati fino a raggiungere il 30% e di pneumatici ricostruiti fino a raggiungere il 20% Traguardo: 30% di carta e toner riciclati entro il 2008 sostituzione progressiva dei pneumatici usurati fino al raggiungimento del 20% % Per il raggiungimento di questo obiettivo, sono state previste le seguenti azioni: Sensibilizzazione del personale comunale riguardo all utilizzo di carta riciclata per documenti interni. Fornitura campione di toner rigenerato e test di efficacia rispetto toner tradizionale. Acquisto quantità più consistenti di carta e toner riciclati e monitoraggio dei quantitativi. Acquisto pneumatici ricostruiti per i mezzi dei servizi cimiteriali e dell ambiente. 62

9 Dichiarazione Ambientale Assessorato Agricoltura e Ambiente Assessorato Attività Produttive 2008_02 Indicatore: - (Energia elettrica consumata nel 2007 Energia elettrica consumata nel 2008) / Energia elettrica consumata nel 2007 x (Gas metano consumato nel 2007 Gas metano consumato nel 2008) / Gas metano consumato nel 2007 x (Acqua sanitaria consumata nel 2007 Acqua sanitaria consumata nel 2008) / Acqua sanitaria consumata nel 2007 x 100 Stato di avanzamento (%) Obiettivo: Ridurre i consumi energetici e di acqua dell Ente del 10% Traguardo: Riduzione dei consumi di energia elettrica e metano nel 2008 del 10% rispetto al 2007 Riduzione dei consumi di acqua sanitaria nel 2008 del 10% rispetto al % Per il raggiungimento di questo obiettivo, sono state previste le seguenti azioni: Sensibilizzazione del personale comunale riguardo al corretto utilizzo delle apparecchiature elettriche ed elettroniche e alla gestione di luce, riscaldamento e condizionatori, e delle norme per il risparmio idrico negli usi sanitari. Sostituzione progressiva di tutte le lampade ad incandescenza con lampade a basso consumo. Inserimento nella gare d appalto per la fornitura di apparecchiature elettriche ed elettroniche (stampanti, fax, computer, monitor ecc.) specifici requisiti di efficienza energetica. Installazione progressiva di riduttori di flusso nei lavandini e degli scarichi a doppia mandata negli edifici comunali (comprese le scuole). Monitorare annualmente i consumi di energia e di metano e acqua degli uffici comunali. 2008_11 Indicatore: (1) mq coperture monitorate /mq totali (2) mq coperture rimosse/mq totali Stato di avanzamento (%) Obiettivo: Provvedere alla gestione delle coperture in Amianto secondo il DM 06/09/1994 Traguardo: Predisporre un programma per lo smaltimento e/o il controllo e la manutenzione dell amianto sulle coperture dell Ufficio tecnico, della sede e dei cimiteri % (1) 100% (1) 80% (1) 20% (2) Per il raggiungimento di questo obiettivo, sono state previste le seguenti azioni: Perizia sulle coperture per stabilire lo stato di conservazione; 63

10 Città di definizione di un programma per lo smaltimento progressivo delle coperture, a partire da quelle più compromesse (3000 mq circa: cimitero di ); bonifica del Cimitero di ; controllo delle restanti coperture Gestione aree a verde pubblico e cimiteri, difesa fitosanitaria, lotta agli insetti, disinfestazione, derattizzazione Le attività di gestione del verde e dei cimiteri sono in piccola parte gestiti direttamente dal Comune in parte affidate all esterno. Di seguito si riportano i principali aspetti ambientali: 64 FASE GESTIONE DEL VERDE URBANO e DIFESA FITOSANITARIA CIMITERI LOTTA AGLI INSETTI, DISINFESTAZIONI, DERATTIZZAZIONE GESTIONE Diretta e Indiretta Indiretta Indiretta ASPETTO AMBIENTALE Scarti da taglio del verde Rumorosità strumenti di lavoro (decespugliatori, falciatrici, ecc..) Utilizzo di acqua per irrigazione Utilizzo di antiparassitari Rifiuti da attività di ordinaria manutenzione (fiori, corone, lumini, verde, ecc..) Rifiuti da attività di tumulazione ed estumulazione Utilizzo di acqua per irrigazione Utilizzo energia elettrica per lampade votive Utilizzo metano per riscaldamento ufficio Utilizzo di sostanze dannose per uomo e ambiente IMPATTO AMBIENTALE Produzione di rifiuti Inquinamento acustico Consumo di risorsa idrica Sostanze pericolose Produzione di rifiuti Produzione di rifiuti Consumo di risorsa idrica Consumo di energia Consumo di metano Sostanze pericolose Tabella 38 Principali aspetti ambientali associati alla gestione del verde pubblico, dei cimiteri, della lotta agli insetti, disinfestazione e derattizzazione.

11 Dichiarazione Ambientale Assessorato Agricoltura e Ambiente Assessorato Attività Produttive Verde urbano Le aree verdi presenti nel territorio del Comune di coprono una superficie totale di mq. il Comune si occupa della manutenzione e irrigazione delle aree verdi pubbliche (attività di sfalcio, ecc.), della raccolta dei residui della manutenzione (scarti derivanti da potature e sfalci del verde Queste attività sono affidate a terzi tramite ATI tra Manutencoop e Coop Facchini e Servizi, e in piccola parte gestite direttamente dal personale comunale o tramite alcune associazioni sportive. I rifiuti derivanti dalle lavorazioni nelle aree verdi (sfalci, ramaglie, foglie secche e residui di potatura, ecc ) sono conferiti presso il centro di recupero ZetaElle situato nella frazione di Miravalle. La gestione del verde pubblico e privato è regolamentato mediante il Regolamento del verde. Per il funzionamento delle fontane e l irrigazione delle aree verdi vengono utilizzate diverse fonti di approvvigionamento che portano ad un consumo medio annuale stimato di circa mc di acqua. Fonte di approvvigionamento Consumi medi annuali Fonte dei dati (mc) Acquedotto Hera S.p.A. Pozzo 900 Stima (portata irrigatori x durata irrigazione) Corpo idrico superficiale 400 Stima (capacità autobotte x numero interventi) Tabella 39 - Consumi medi annuali di acqua per fontane e irrigazione. Il Comune intende monitorare e diminuire i propri consumi idrici per l irrigazione, come definito in uno specifico obiettivo di miglioramento ( ). La ATI che ha in carico la manutenzione del verde si occupa anche della difesa fitosanitaria. Nel contratto di affidamento del servizio sono presenti indicazioni specifiche per il basso impatto ambientale dei prodotti fitosanitari e dei diserbanti utilizzati. Cimiteri Nel territorio comunale sono presenti 6 strutture cimiteriali: cimitero storico del capoluogo; cimitero nuovo del capoluogo; cimitero di San Pietro Capofiume; cimitero di San Martino in Argine; cimitero di Marmorta; cimitero di Selva Malvezzi. La gestione dei cimiteri è effettuata sia tramite ditte esterne che in economia diretta. Le operazioni di inumazione, esumazione, tumulazione, estumulazione, assistenza muraria, oltre al servizio delle luci votive, sono state affidate alla ditta SECIF di Argenta, a partire dal 1 aprile Il noleggio degli appositi contenitori e il trasporto dei rifiuti cimiteriali all inceneritore 65

12 Città di F.E.A. di Hera S.p.A., è affidato alla ditta C.U.T.I. di Imola. Lo sgombero neve all interno del perimetro cimiteriale è affidato, in base alle necessità e di volta in volta, a contoterzisti/agricoltori operanti nel Comune di. La manutenzione dei prati, delle siepi e delle alberature presenti all interno e sul perimetro esterno dei cimiteri, viene realizzata nell ambito dell appalto per la manutenzione del verde pubblico e gestita dall A.T.I. - Manutencoop/Coop Facchini e Servizi. Lotta agli insetti, disinfestazione e derattizzazione Il Comune si occupa, tramite la ditta Florlidi di Comacchio, della lotta alle zanzare sia adulticida che larvicida, in fossi, caditoie stradali e presso pozzetti e caditoie di grandi condomini e stabilimenti industriali. Per quanto riguarda le aree private, il Comune mette gratuitamente a disposizione il prodotto biologico (a base di Bacillus thuringiensis var. Israelensis) necessario alla disinfestazione e distribuisce in maniera capillare le informazioni per una corretta esecuzione dei trattamenti. Per la derattizzazione, vengono rilasciate ai privati, gratuitamente, delle bustine di ratticida, registrando le persone alle quali sono state rilasciate e fornendo indicazioni sulla corretta modalità di utilizzo e sulle precauzioni per la tutela della salute e dell ambiente. Le attività di disinfestazione e derattizzazione, presso gli edifici e le strutture comunali, sono affidate alla ditta SIREB di Modena. Di seguito si riportano le principali sostanze utilizzate e il grado di pericolosità: Attività Principio attivo Pericolosità del preparato Bromadiolone Non classificato pericoloso Derattizzazione Clorophacinone Non classificato pericoloso Difenacoum Non classificato pericoloso Lotta alle mosche Trappole atossiche Azamethiphos Irritante - Pericoloso per l ambiente Trappole a feromoni Idrametilnon Tossico - Pericoloso per l ambiente Fipronil Tossico - Pericoloso per l ambiente Lotta a blatte e Piretro Pericoloso per l ambiente insetti occasionali Piperonil Butossido Pericoloso per l ambiente 2-butossietanolo Pericoloso per l ambiente Deltametrina Non classificato pericoloso Disinfezione Cloruro di benzalconio Corrosivo Paraformaldeide Corrosivo - Manipolare con prudenza Bacillus thuringiensis Non classificato pericoloso Lotta alle zanzare Israelensis Permetrina Non classificato pericoloso Diflubenzuron Non classificato pericoloso Tabella 40 - Elenco dei prodotti utilizzati e classe di pericolosità. 66

13 Dichiarazione Ambientale Assessorato Agricoltura e Ambiente Assessorato Attività Produttive Programma di Miglioramento L Amministrazione comunale di concretizza il suo impegno per l ambiente pianificando e realizzando alcuni specifici interventi sul risparmio idrico per l irrigazione, su un arco di tempo annuale o pluriennale. 2008_07 Indicatore: - mc acqua / mq verde Stato di avanzamento (%) Obiettivo: Diminuire i consumi di acqua per irrigazione Traguardo: Diminuire del 10% i consumi di acqua per irrigazione per mq di verde nel 2009 rispetto al 2008 Monitorare i consumi relativi alle acque prelevate da pozzo e alle acque prelevate da acquedotto per le irrigazioni con autobotte % Le azioni previste per la realizzazione dell obiettivo sono: Installazione di contatori idrici o conta ore pompe su ogni pozzo per il monitoraggio dei consumi di acqua sotterranea. Creazione di registro delle aree verdi pubbliche irrigate con impianto a goccia e con autobotte. Sperimentazione per la progettazione di aree verdi a bassa manutenzione, valutandone i risparmi idrici /mq di verde. 2008_08 Indicatore: - (kg rifiuti in plastica agricoli raccolti kg rifiuti in plastica agricoli raccolti 2008) x 100 Stato di avanzamento (%) Obiettivo: Diminuire i rifiuti costituiti da teli agricoli per la pacciamatura, sostituendoli con teli in Mater-Bi, completamente biodegradabili Traguardo: Diminuire del 50% i rifiuti in plastica prodotti nel 2010 rispetto al % 50% 100% Le azioni previste per la realizzazione dell obiettivo sono: Valutazione della possibilità di utilizzo di teli per la pacciamatura in Mater-Bi. In caso positivo, convenzione del Comune con il distributore dei teli in Mater-Bi. Contributo per gli agricoltori per l acquisto di teli in Mater-Bi. 67

14 Città di Gestione della rete idrica di approvvigionamento e della rete fognaria Il Comune di fa parte dell Agenzia di ambito per i servizi pubblici di Bologna (ATO 5), costituita il 14 gennaio 2002 dalla Provincia di Bologna e dai suoi 60 Comuni per occuparsi, secondo quanto prevedono le leggi nazionali e regionali, di indirizzo, monitoraggio e controllo di gestione nei settori delle risorse idriche (Servizio Idrico Integrato) e dei rifiuti solidi urbani. Dal momento della sua costituzione, ATO 5 è subentrata ai Comuni nelle competenze e funzioni relative ai due servizi. In particolare, ATO 5 predispone il programma degli interventi, definisce gli standard per la qualità dei servizi, affida i servizi ai gestori tramite un apposita Convenzione, ne controlla l operato e determina le tariffe di ambito. Il Servizio Idrico Integrato (SII) comprende i servizi di acquedotto, fognatura e depurazione. E esclusa dal SII la gestione delle reti per acque meteoriche (acque bianche). ATO 5 predispone il Piano di ambito, nel quale vanno definiti: a) il modello gestionale e organizzativo prescelto; b) il piano finanziario degli investimenti; c) il programma degli interventi necessari e i relativi tempi di attuazione; d) gli obiettivi e gli standard di qualità del servizio idrico integrato, eventualmente articolati per zone territoriali; e) la tariffa e la relativa articolazione. Il Piano di Ambito di prima attivazione è stato approvato il 20 dicembre Il gestore del Servizio Idrico Integrato per è Hera S.p.A. Il Comune mantiene la proprietà della rete di distribuzione dell acqua potabile e di quella fognaria e propone annualmente gli interventi da effettuare su di esse. Annualmente il Gestore individua, in collaborazione con il Servizio Lavori Pubblici del Comune, gli interventi relativi al SII e li segnala ad ATO5. 68

15 Dichiarazione Ambientale Assessorato Agricoltura e Ambiente Assessorato Attività Produttive FASE GESTIONE ASPETTO AMBIENTALE IMPATTO AMBIENTALE Gestione e manutenzione della rete acquedottistica Gestione e manutenzione della rete fognaria Indiretta Indiretta Distribuzione di risorsa idrica Perdite per rottura rete Consumo di energia elettrica per impianti di potabilizzazione e rete di distribuzione Rifiuti da attività manutentive Scarichi idrici dal depuratore Perdite per rottura rete Consumo di energia elettrica per rete e impianto di depurazione Produzione di rifiuti da impianto di depurazione Rifiuti da attività manutentive Odori dal depuratore Consumo di risorse idriche Consumo di risorse idriche Consumo di energia Produzione di rifiuti Inquinamento idrico Consumo di risorse idriche Consumo di energia Produzione di rifiuti Produzione di rifiuti Emissioni in atmosfera Tabella 41 Elenco aspetti ambientali significativi associati alla gestione della rete acquedottistica e fognaria. La rete di distribuzione dell acqua potabile è pari 166 km e distribuisce circa metri cubi di acqua all anno. Per quanto riguarda le fonti di approvvigionamento presenti nel territorio provinciale, il loro utilizzo è così ripartito: Corpi Idrici % Acque superficiali 45% Acque sotterranee 55% Tabella 42 - Distribuzione in percentuale dei prelievi d acqua. Fonte: Hera Bologna. Sul territorio Comunale non è presente nessun pozzo ad uso potabile, utilizzato da Hera per l approvvigionamento idrico. 69

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura.

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura. Spett.le Consulta d Ambito per il servizio idrico integrato A.T.O. Orientale Goriziano Via A. Diaz n. 5 (Palazzo Alvarez) 34170 Gorizia Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO) Comunità Montana Triangolo Lariano Gestione Associata dei Servizi di Igiene Urbana, Raccolta Differenziata e Smaltimento RSU REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO

Dettagli

Esempi di applicazione della certificazione ambientale. La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure

Esempi di applicazione della certificazione ambientale. La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure Esempi di applicazione della certificazione ambientale La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure 1 I riconoscimenti ottenuti 2 La dichiarazione ambientale 3 La dichiarazione

Dettagli

PRESENTA DOMANDA PER LA VERIFICA DI COMPATIBILITA AMBIENTALE

PRESENTA DOMANDA PER LA VERIFICA DI COMPATIBILITA AMBIENTALE Modello per Sportello Unico DPR 447/98 Spett.le Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Piemonte Dipartimento di Cuneo OGGETTO: Richiesta verifica di compatibilità AMBIENTALE, con esclusione

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE Ordinanza n. 755 del 12 novembre 2013 Oggetto: DIVIETO DI ABBANDONO RIFIUTI E MATERIALI IL SINDACO VISTO D.Lgs 03/04/06 n. 152 e s.m.i. Norme in materia ambientale ed in particolare: - l articolo 178 ove

Dettagli

COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA Testo emendato ed approvato con deliberazione C.C. n.8 del 27.03.2012 INDICE TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI ART.

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

SOMMARIO. .a questo ed altro risponde lo. 1. LA NOZIONE DI RIFIUTO E LA SUA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL D.LGS. n 22/97. 2. LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI.

SOMMARIO. .a questo ed altro risponde lo. 1. LA NOZIONE DI RIFIUTO E LA SUA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL D.LGS. n 22/97. 2. LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI. Alberto Casarotti Orari Martedì dalle ore 9,00 alle ore 13,00 Giovedì dalle ore 9,00 alle ore 16,00 Su appuntamento in orari diversi da quelli indicati sopra tel. 0532 299540 fax 0532 299525 rispondiamo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni EcoCentro Lombardia Scheda Tecnica di Approfondimento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI Nozioni Il Decreto legislativo n. 152/2006, Norme in materia

Dettagli

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU DEFINIZIONE DI RIFIUTO D.Lgs.. 152/2006 (Testo Unico) Parte quarta, Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

Analisi Ambientale (AA)

Analisi Ambientale (AA) Sistema di Gestione Ambientale Analisi Ambientale (AA) Revisione: 02 Data: 27/02/2013 Redatto da: P. Novello Verificato da: P. Novello Approvato da: A. Marini INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. PREMESSA

Dettagli

CADF SpA Ciclo integrato Acquedotto Depurazione Fognatura

CADF SpA Ciclo integrato Acquedotto Depurazione Fognatura CADF SpA Ciclo integrato Acquedotto Depurazione Fognatura Regolamento del servizio di fognatura e depurazione TABELLE E SCHEMI TECNICI (Approvati con Delibera c.d.a. n. 30/7 del 14/01/2004) Aggiornamento

Dettagli

ALLEGATO 2. Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012.

ALLEGATO 2. Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012. ALLEGATO 2 Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012. Rinnovo convenzione con ATO 5 per la parte economica per l anno 2012 La assemblea di ATO5 del 22/12/2011

Dettagli

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg TABELLA A Allegato A Prog. TIPOLOGIA RIFIUTO CODICE CER DESCRIZIONE CER Limit. CDR : limitazione della tipologia di rifiuti conferibili al Centro di Raccolta rispetto alla tipologia descritta dal Codice

Dettagli

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO Parametro Concentrazione Unità ammissibile ph 3 9,5 Solidi sospesi 50000 mg/l COD 60000 mg/l BOD5 50000 mg/l Azoto ammoniacale 800

Dettagli

COMUNE DI MASSA MARITTIMA Prov. di Grosseto

COMUNE DI MASSA MARITTIMA Prov. di Grosseto REGOLAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE SOMMARIO Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 GESTIONE DEL CENTRO Art. 3 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 4 ACCESSO SOGGETTI AUTORIZZATI (UTENTI) - MODALITÀ Art.

Dettagli

Comune di Tradate. Bilancio di previsione 2015 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE CENTRO DI COSTO UFFICIO TECNICO

Comune di Tradate. Bilancio di previsione 2015 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE CENTRO DI COSTO UFFICIO TECNICO Comune di Tradate Bilancio di previsione 2015 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE CENTRO DI COSTO UFFICIO TECNICO Riferimenti Peg Centro di costo n. 901 Ufficio Tecnico Responsabile Centro di costo Geom. Cristina

Dettagli

Provincia di Perugia Assessorato all Ambiente. Roberta Burzigotti. Dirigente di Staff Certificazione Ambientale Provincia verde

Provincia di Perugia Assessorato all Ambiente. Roberta Burzigotti. Dirigente di Staff Certificazione Ambientale Provincia verde Provincia di Perugia Assessorato all Ambiente Roberta Dirigente di Staff Certificazione Ambientale Provincia verde PROGETTO GREEN PUBLIC PROCUREMENT E CONSUMO RESPONSABILE DELLA PROVINCIA DI PERUGIA WORKSHOP

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario

SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario SPECIFICA TECNICA SERVIZIO S1: Raccolta domiciliare e trasporto

Dettagli

COMUNE DI CASORATE PRIMO

COMUNE DI CASORATE PRIMO COMUNE DI CASORATE PRIMO Provincia di Pavia ************************************ PIATTAFORMA ECOLOGICA DI VIA MARCO BIAGI ************************************ REGOLAMENTO Approvato con Deliberazione di

Dettagli

Bilancio Sociale 2004-2008

Bilancio Sociale 2004-2008 Bilancio Sociale 2004-2008 Ecologia ed Ambiente Rifiuti prodotti Andamento raccolta differenziata L acqua Agenda 21 Risorse sociali presenti sul territorio Ecologia ed Ambiente L attenzione rivolta dall

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA 1 Normativa di riferimento Legge nazionale di riferimento: Testo Unico in materia ambientale D.Lgs. 152/06 In Lombardia vige la L.R. 26/03 Disciplina dei servizi locali

Dettagli

ALLEGATO A BANDO DI GARA

ALLEGATO A BANDO DI GARA ALLEGATO A BANDO DI GARA SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO E CONTROLLO ANALITICO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE, DEPURAZIONE, NONCHÉ TRATTAMENTO E SMALTIMENTO RSU/RSA DI PROPRIETÀ DEL CONSORZIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI. Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA E SUA FINALITA Il Centro di Raccolta è un area presidiata

Dettagli

Non più rifiuti ma risorse.

Non più rifiuti ma risorse. Non più rifiuti ma risorse. La raccolta differenziata porta a porta nel Comune di Bibbiano. GUIDA PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI, PRODUTTIVE E PER GLI UFFICI. Comune di Bibbiano Opuscolo PAP UND Bibbiano.indd

Dettagli

OFFERTA IL SOTTOSCRITTO: NATO A: IL NELLA SUA QUALITA DI: DEL/LA: (denominazione e ragione sociale) SEDE LEGALE: Via n. C.A.P. CITTA PROV.

OFFERTA IL SOTTOSCRITTO: NATO A: IL NELLA SUA QUALITA DI: DEL/LA: (denominazione e ragione sociale) SEDE LEGALE: Via n. C.A.P. CITTA PROV. Applicare MARCA DA BOLLO DA 16,00 Mod. MOE OFFERTA PROCEDURA APERTA, SOPRA SOGLIA COMUNITARIA, PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI IGIENE AMBIENTALE NEI COMUNI DI VIGGIÙ SALTRIO CLIVIO AI SENSI DELL ART.

Dettagli

A) Costo per la raccolta/trasporto : 45,00 per impegno fino ad un ora. utilizzando Fiat Daily o simili, oltre l ora si conteggiano frazioni a 45,00 /

A) Costo per la raccolta/trasporto : 45,00 per impegno fino ad un ora. utilizzando Fiat Daily o simili, oltre l ora si conteggiano frazioni a 45,00 / TARIFFARIO GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI E URBANI ASSIMILATI E ALTRE PRESTAZIONI DEL SERVIZIO IGIENE URBANA ( delibera CdA n. 68 del 27/06/2013) ALLEGATO 1. : TARIFFARIO PER RACCOLTA/TRASPORTO/ SMALTIMENTO/RECUPERO

Dettagli

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Art. n.1 Definizione e Campo di Applicazione. Le piazzole ecologiche o ecopiazzole sono aree attrezzate destinate

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

ALZANO LOMBARDO - Abitanti al 31.12.2014: 13632

ALZANO LOMBARDO - Abitanti al 31.12.2014: 13632 ALZANO LOMBARDO - Abitanti al 31.12.2014: 13632 Tabella B1/a Servizi a base di gara - Raccolte domiciliari e igiene urbana Costo unitario Unità di misura Quantità Unità di misura Costo totale annuo Costo

Dettagli

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO Approvato con atto C.C. n. 28/2000 - Modificato con atto C.C. n. 23 del

Dettagli

Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli

Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli SEMINARIO: Sistema depurativo delle acque di rifiuto Impianto di Milano Nosedo 16 giugno 2014 1 Lo scopo delle attività di gestione e controllo

Dettagli

SITO DI PASTORANO 1. Consumi energetici Energia elettrica

SITO DI PASTORANO 1. Consumi energetici Energia elettrica La Geos Environment, nell ambito del proprio Sistema di Gestione Ambientale secondo la norma UNI EN ISO 14001/2004, ha valutato la significatività dei propri aspetti ambientali e tiene sotto controllo

Dettagli

ALLEGATO A TASSA RIFIUTI TARI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO

ALLEGATO A TASSA RIFIUTI TARI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO ALLEGATO A TASSA RIFIUTI TARI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO 2015 1 Premessa La Legge n. 147/2013 recante Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato

Dettagli

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia 1. Premessa Al fine di consentire una contabilizzazione uniforme della

Dettagli

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta DISTRIBUZIONE: N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta 01 02 03 04 13 15/09/14 6 Gestione nuovo rifiuto punto 6.17 12 22/05/13 3 Caratterizzazione del rifiuto 11 22/04/13 tutte Nuove modalità operative

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo COMUNE DI MORENGO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Compiti del Comune Art. 3 Compiti del gestore Art. 4 Compiti degli

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE ECOLOGIA Tutela del Suolo e Rifiuti

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE ECOLOGIA Tutela del Suolo e Rifiuti REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA Tutela del Suolo e Rifiuti Proposta nr. 37 del 08/04/2011 - Determinazione nr. 832 del 08/04/2011 OGGETTO: Comune di CASARSA DELLA DELIZIA. Autorizzazione

Dettagli

Acque minerali. Acque potabili

Acque minerali. Acque potabili Acque minerali La classe di appartenenza di un'acqua minerale, dipende dalla quantità residuale di sali in essa contenuti, definita residuo fisso, determinata facendo bollire a 180 un litro d'acqua sino

Dettagli

LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA

LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA CONSORZIO INTERCOMUNALE AUTORITA DI BACINO TV 2 LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA Giugno 2008 Il Consorzio Intercomunale Priula nasce nel 1987 per volontà di 5 Comuni

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Art. 5, D.Lgs 59/2005

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Art. 5, D.Lgs 59/2005 AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Art. 5, D.Lgs 59/2005 SISTEMA INFORMATIVO AMBIENTALE ANNO 2014 1 Zincatura Nazionale srl Stabilimento di Vigonovo (VE) Via Toniolo 32 Febbraio 2015 1 Premessa La "Zincatura

Dettagli

Comune di Adrano (Provincia di Catania) IV A.F. / 3 servizio - Ambiente e verde

Comune di Adrano (Provincia di Catania) IV A.F. / 3 servizio - Ambiente e verde Comune di Adrano (Provincia di Catania) IV A.F. / 3 servizio - Ambiente e verde COPIA Determina 4 a A.F. /3 Serv. n. 6 del 31/03/2010 Registro Generale n. 320 del 31/03/2010 Oggetto: Centro di Raccolta

Dettagli

Ambito Territoriale Ottimale per la gestione dei rifiuti (Art. 8 L.R. 11 del 13 maggio 2009)

Ambito Territoriale Ottimale per la gestione dei rifiuti (Art. 8 L.R. 11 del 13 maggio 2009) Ambito Territoriale Ottimale per la gestione dei rifiuti (Art. 8 L.R. 11 del 13 maggio 2009) PIANO D AMBITO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI (LINEE GUIDA D.G.R.n. 1229 DEL 7 settembre 2009

Dettagli

PIANO D AMBITO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI

PIANO D AMBITO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI Regione dell Umbria Provincia di Perugia PIANO D AMBITO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI (Legge regionale 13 maggio 2009, n. 11

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA

PROVINCIA DI GORIZIA Esente dall imposta di bollo ai sensi dell art. 16 Tab. all. B D.P.R. 30. 12. 1982, n. 955 PROVINCIA DI GORIZIA 34170 Gorizia - Corso Italia, 55 - tel. 0481/385277 - FAX 0481/385251 - cod. Fisc e P.IVA

Dettagli

l agenzia delle aziende

l agenzia delle aziende l agenzia un nuovo servizio di ETRA dedicato alle imprese del territorio l agenzia Futuro sostenibile l agenzia Nasce un nuovo servizio per rispondere rapidamente alle aziende. Un numero diretto per dialogare

Dettagli

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA RAPPORTO AMBIENTALE E DATI SULLA GESTIONE DELL IMPIANTO ANNO 2012 1 INTRODUZIONE La realizzazione del presente Rapporto Ambientale nasce come strumento aziendale per promuovere e diffondere all esterno

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA E SUA FINALITA Il Centro di Raccolta

Dettagli

La Carta dei Servizi

La Carta dei Servizi La Carta dei Servizi - Allegato B - DETTAGLIO SULLE STRUTTURE E I SERVIZI FORNITI Le principali attività garantite da ACEA sono: la raccolta stradale per eco-punti; le raccolte domiciliari; il lavaggio

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005)

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005) AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005) SINTESI NON TECNICA OSSIDAZIONE ANODICA S.N.C. Sede Legale e Stabilimento: via Pordenone, 31 S.QUIRINO (PN) 1. INQUADRAMENTO

Dettagli

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI Marco Buzzichelli A.R.R.R. Spa Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 Delibera del Consiglio Regionale della Toscana n. 385 del 21 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO Regione dell'umbria Piano d Ambito per la gestione integrata dei Rifiuti Urbani dell A.T.O. N.2 ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA Perugia, Dicembre 2007 AMBITO

Dettagli

Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Sondrio N dei comuni 78 N delle schede da compilare 75 N delle schede compilate 75 % di copertura 1,% Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che

Dettagli

33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308

33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308 COMUNE DI CASSACCO Comun di Cjassà 33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308 Regolamento per la gestione dei centri di raccolta

Dettagli

SCHEDA 3.1 INFRASTRUTTURE PER L URBANIZZAZIONE DEL TERRITORIO E RETI TECNOLOGICHE DELL AMBITO PRODUTTIVO S. CARLO

SCHEDA 3.1 INFRASTRUTTURE PER L URBANIZZAZIONE DEL TERRITORIO E RETI TECNOLOGICHE DELL AMBITO PRODUTTIVO S. CARLO SCHEDA 3.1 INFRASTRUTTURE PER L URBANIZZAZIONE DEL TERRITORIO E RETI TECNOLOGICHE DELL AMBITO PRODUTTIVO S. CARLO INFORMAZIONI INFRASTRUTTURALI AMBITO N 36 dotazioni di infrastutture rete gas metano si

Dettagli

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 100,0% Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei

Dettagli

Comune di VIGNATE Piano Esecutivo di Gestione - Attività ANNO 2009 CENTRO DI RESPONSABILITA: UNITA' ORGANIZZATIVA ELEMENTARE Ecologia e Ambiente

Comune di VIGNATE Piano Esecutivo di Gestione - Attività ANNO 2009 CENTRO DI RESPONSABILITA: UNITA' ORGANIZZATIVA ELEMENTARE Ecologia e Ambiente Comune di Piano Esecutivo di Gestione - Attività ANNO 2009 OPERATIVA / GESTIONALE DIRETTA OPERATIVA / GESTIONALE DI SUPPORTO 28 2 35-1 - Attività relative alla gestione di Igiene Ambientale/Ecologia (SCHEDA

Dettagli

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO FOGNARIO DI DEPURAZIONE E DEGLI SCARICHI MAGGIO 2001. TITOLO I...4 FINALITA DEL REGOLAMENTO...4 ART.1 Oggetto del regolamento...4 ART. 2 Ambito

Dettagli

In particolare, sono stati sottoposti a misurazione e controllo i seguenti fattori:

In particolare, sono stati sottoposti a misurazione e controllo i seguenti fattori: \ La presente Relazione Tecnica, nel primo capitolo, descrive i risultati dei controlli e delle verifiche effettuate nel corso dell anno 2012 sui parametri e con le tempistiche previsti dal Piano di Monitoraggio

Dettagli

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro Carta dei servizi Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana Comune di Nembro Comune di Ranica Comune di Pradalunga Comune di Alzano Lombardo che cos è la carta dei servizi La Carta dei Servizi

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI Appalto servizi di igiene urbana ELENCO PREZZI UNITARI COMUNE DI TRIUGGIO Appendice A al capitolato A) MANO D OPERA Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Operaio specializzato 4 Liv. Autista Operaio

Dettagli

COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna

COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna SCHEDA TECNICA ILLUSTRATIVA PER SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E ASSIMILATE / METEORICHE D. Lgs. maggio 999, n 52 Sezione A. IDENTIFICAZIONE DELL'AZIENDA.a) Identificazione

Dettagli

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA Allegato A) alla deliberazione di C.C. n.11 del 25.05.2015 REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEL CAPOLUOGO ART. 1 FINALITA Il Comune di Santo Stino

Dettagli

24/09/2013. (Dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 445/2000).

24/09/2013. (Dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 445/2000). Marca da bollo da 16,00 (ai sensi del D.P.R. 642/1972) (Spazio riservato al Protocollo dell Autorità di Ambito) Prot. n del (Spazio riservato al Protocollo del Comune o Gestore) Prot. n del Mod. 01/Ass.

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

a) si ottiene dalla decomposizione di materiali organici b) sono smaltite dalle officine o nelle Isole Ecologica e Centri di Raccolta AMA

a) si ottiene dalla decomposizione di materiali organici b) sono smaltite dalle officine o nelle Isole Ecologica e Centri di Raccolta AMA DOMANDA Il COMPOST Le batterie auto al piombo Dividere correttamente i rifiuti è importante Lo smaltimento ideale degli olii vegetali per cottura di alimenti avviene tramite Indumenti usati e accessori

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE SITO NEL COMUNE DI PONTEDERA ZONA INDUSTRIALE LA BIANCA VIA DON MEI Art. 1 Definizione centro raccolta

Dettagli

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Evoluzione della normativa sulle acque in Italia RIFERIMENTO NORMATIVO APPROCCIO ALLA TUTELA L. 319/76 Limiti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13.03.2003 con deliberazione n 9 2 CAPITOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI. AMBIENTE E SALUTE 23 giugno 2008

IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI. AMBIENTE E SALUTE 23 giugno 2008 IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI AMBIENTE E SALUTE 23 giugno 2008 I 5 Principi della Gestione Integrata dei Rifiuti 1. Prevenzione nella formazione dei rifiuti 2. Riduzione della loro pericolosità 3. Riciclaggio

Dettagli

D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE

D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE D.1 LE RETI IDRICHE E GLI SPANDIMENTI SUL SUOLO AGRICOLO D.1.1 IL SISTEMA ACQUEDOTTISTICO Introduzione ed inquadramento generale

Dettagli

REGOLAMENTO Ecocentro Comune di Marcon INDICE

REGOLAMENTO Ecocentro Comune di Marcon INDICE Re Regolamento Ecocentro Marcon Via Praello INDICE 1 Premessa 3 2 Scopo 3 3 Campo di Applicazione 3 4 Responsabilità 3 5 Rifiuti conferibili da utenze domestiche 4 6 Orario di apertura 8 7 Accesso all

Dettagli

Un azienda al servizio delle aziende

Un azienda al servizio delle aziende Un azienda al servizio delle aziende q ua l i tà s i c u r e z z a e f f i c i e n z a c e r t i f i c a z i o n e Amiat: esperienza, tecnologia, professionalità al servizio delle aziende Grazie all esperienza

Dettagli

(VHPSLGLLQGLFDWRULFKLDYHDSSOLFDELOLDL&RPXQLDLVHQVLGHOSXQWR/HWW&$//,9 'DWLSUHOLPLQDULSHUODFRVWUX]LRQHGHOO LQGLFDWRUHHGDULSRUWDUHLQ'$

(VHPSLGLLQGLFDWRULFKLDYHDSSOLFDELOLDL&RPXQLDLVHQVLGHOSXQWR/HWW&$//,9 'DWLSUHOLPLQDULSHUODFRVWUX]LRQHGHOO LQGLFDWRUHHGDULSRUWDUHLQ'$ LINEA GUIDA CERTIQUALITY SULL APPLICAZIONE DI INDICATORI CHIAVE E ALTRI INDICATORI DI PRESTAZIONE AMBIENTALE PER I COMUNI (SETTORE PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - NACE 84.11), AI SENSI DELL ALLEGATO IV, LETTERA

Dettagli

Comune di VIGNATE Piano Esecutivo di Gestione - Attività ANNO 2008 CENTRO DI RESPONSABILITA: UNITA' ORGANIZZATIVA ELEMENTARE Ecologia e Ambiente

Comune di VIGNATE Piano Esecutivo di Gestione - Attività ANNO 2008 CENTRO DI RESPONSABILITA: UNITA' ORGANIZZATIVA ELEMENTARE Ecologia e Ambiente Comune di Piano Esecutivo di Gestione - Attività ANNO 2008 OPERATIVA / GESTIONALE DIRETTA OPERATIVA / GESTIONALE DI SUPPORTO 26 2 35-1 - Attività relative alla gestione di Igiene Ambientale/Ecologia (SCHEDA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI MOTTA VISCONTI PROVINCIA DI MILANO Piazza San Rocco 9/a 20186 MOTTA VISCONTI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI (PIATTAFORMA

Dettagli

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana 1di6 CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana OGGETTO : Relazione Tecnica Descrittiva ex art. 279 Lettera a) D.P.R. n. 207/2010 Regolare Esecuzione CCP

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo

PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo 1 1. Premessa Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario relativo alle attività inerenti

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI GE.S.IDR.A. S.p.A. Gestione Servizi Idrici Ambientali Via Lazio sn 24055 Cologno al Serio (Bg) Tel. 035 4872331 - Fax 035 4819691 e-mail: protocollo@gesidra.it SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

Dettagli

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2 ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2.1 PREMESSA... 3 2.2 SMALTIMENTO RIFIUTI URBANI NON DIFFERENZIATI... 3 2.3 RACCOLTA, SELEZIONE E RECUPERO MULTIMATERIALE... 4 2.4 RACCOLTA,

Dettagli

L ACQUA DEL RUBINETTO

L ACQUA DEL RUBINETTO L ACQUA DEL RUBINETTO Felino, 9 maggio 2013 Dott.ssa Nadia Fontani Comuni serviti da Iren Iren eroga il servizio idrico a 18 Comuni mediante 2 895 Km di rete acquedottistica Felino Centro Zona di Langhirano

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

Raccolta domiciliare porta a porta

Raccolta domiciliare porta a porta Città di Sasso Marconi Raccolta domiciliare porta a porta Sasso Marconi, novembre 2007 Il continuo aumento della quantità di rifiuti prodotti ci sta ponendo urgenti problemi di gestione e di smaltimento

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI Premessa Allegato a) Come noto, in base alla disciplina di settore, i rifiuti vengono classificati urbani se prodotti dalle utenze domestiche

Dettagli

COMUNE DI VAJONT PIANO FINANZIARIO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI. Anno 2015

COMUNE DI VAJONT PIANO FINANZIARIO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI. Anno 2015 1 COMUNE DI VAJONT PIANO FINANZIARIO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Anno 2015 Ex art. 8 D.P.R. 27 aprile 1999, n.158 Art.1 comma 639 Legge 27 dicembre 2013 n. 147 2 INDICE PREMESSA NORMATIVA E

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI COMUNE DI CALCI PROVINCIA DI PISA SETTORE 5 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI Approvato con Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA ATTREZZATO E SUA FINALITA Il centro

Dettagli

COMUNI DI FARA OLIVANA CON SOLA ed ISSO

COMUNI DI FARA OLIVANA CON SOLA ed ISSO Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n.16 del 26 Giugno 2008 IL SEGRETARIO COMUNALE DIRETTORE GENERALE Brando dr. Giuseppe COMUNI DI FARA OLIVANA CON SOLA ed ISSO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E PIANO FINANZIARIO TARI ANNO 2014: ALLEGATO A1) ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 22 dd. 20.05.2014 COMUNE DI ALA PROVINCIA DI TRENTO PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L.

Dettagli

COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE Piazza Indipendenza n. 2 - C.A.P. 33040 Tel. 0431-99092 Fax 0431-973707 e-mail: tecnico@com-campolongo-tapogliano.regione.fvg.it - Cod.Fisc. - P.IVA 02551830306

Dettagli

Essere il fornitore di riferimento per soluzioni di comunicazione dati e VoIP nei mercati SOHO/SMB (Small Office Home Office Small Medium Business).

Essere il fornitore di riferimento per soluzioni di comunicazione dati e VoIP nei mercati SOHO/SMB (Small Office Home Office Small Medium Business). 1/8 1. PRESENTAZIONE A TLC S.r.l. sviluppa, produce e commercializza apparati per le telecomunicazioni, tra cui: terminazioni di rete ISDN; dispositivi di accesso alle reti xdsl; strumenti di misura per

Dettagli

ECOMASTER: I rifiuti se li conosci, li usi

ECOMASTER: I rifiuti se li conosci, li usi ECOMASTER: I rifiuti se li conosci, li usi Asti 7 marzo 2013 Gestione biomasse e sottoprodotti Dr. Franco Parola agronomo Responsabile Servizio Ambiente e Territorio Coldiretti Piemonte Le conseguenze

Dettagli

Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento. Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento

Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento. Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento Brescia, 30 aprile 2015 Legislazione italiana ed europea

Dettagli

Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi

Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi Scopo del regolamento Scopo del presente Regolamento è di fornire, al personale strutturato e non strutturato del Dipartimento, tutte le informazioni

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli