CONTRATTO DI PRESTAZIONE DI SERVIZI FINALIZZATI ALL ADOZIONE INTERNAZIONALE IN INDIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTRATTO DI PRESTAZIONE DI SERVIZI FINALIZZATI ALL ADOZIONE INTERNAZIONALE IN INDIA"

Transcript

1 CONTRATTO DI PRESTAZIONE DI SERVIZI FINALIZZATI ALL ADOZIONE INTERNAZIONALE IN INDIA (Art.31 della legge 4 maggio n.184) INTERNATIONAL ADOPTION - Associazione per la Famiglia, con sede legale e operativa in Campoformido (UD), Via Santa Caterina n.208/c, Ente autorizzato dalla Commissione per le Adozioni Internazionali ed iscritto all albo pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.179 del (d ora in poi l Associazione ) e i Signori: nato a il e nata a il Residenti a in via n, in possesso della dichiarazione di idoneità all adozione internazionale rilasciata dal Tribunale per i Minorenni di n del (d ora in poi aspiranti all adozione o aspiranti adottanti ) premesso A. che gli aspiranti adottanti hanno contratto matrimonio in data B. che il Tribunale per i Minorenni di con decreto n. emesso il ha dichiarato che i Signori e sono idonei all adozione di, di nazionalità straniera Pag.1 di 16

2 C. che gli aspiranti adottanti hanno incontrato il Presidente e/o il Direttore dell Associazione, nonchè lo psicologo di fiducia dell Associazione, ed hanno partecipato al corso formativo e preparatorio organizzato dalla stessa; e all esito di questi incontri hanno liberamente deciso di avviare una procedura di adozione internazionale in India; D. che tale procedura è attualmente quella descritta nell apposito documento riassuntivo allegato a questo contratto, del quale fa parte integrante e costitutiva; E. che eventuali modifiche della procedura descritta negli articoli seguenti e nel documento allegato a questo contratto, imposte dal cambiamento della legislazione vigente in Italia o in India o delle norme, anche regolamentari, o delle prassi adottate dalle competenti Autorità Pubbliche dei due Paesi o dagli Istituti indiani, verranno tempestivamente comunicate agli aspiranti all adozione, i quali si impegnano sin d ora ad accettarle e a darvi applicazione; Pag.2 di 16

3 convengono e stipulano 1. - Oggetto del mandato. Gli aspiranti adottanti conferiscono all Associazione l incarico di curare la procedura di adozione internazionale in India ai sensi dell art.31 della legge 4 maggio 1983, n.184, come sostituito dall art.3 della legge 31 dicembre 1998, n Obblighi dell Associazione. L Associazione accetta l incarico e si impegna a curare la procedura adottiva ai sensi della norma sopra citata e in particolare a svolgere o a seguire, direttamente o tramite propri incaricati o collaboratori di fiducia, sia in Italia che in India, tutte le attività e gli adempimenti descritti nel documento riassuntivo allegato a questo contratto Corrispettivo del servizio. Gli aspiranti all adozione si impegnano a pagare all Associazione, a titolo di corrispettivo per le attività da essa svolte e di rimborso delle spese sostenute in adempimento dell incarico di cui al precedente punto 2) di questo contratto, la somma complessiva di Euro = (Euro tredicimilacinquecento/00), di cui Euro 4.600,00= attinenti alle fasi della procedura adottiva che si svolgono in Italia, Euro 1.900,00= per i servizi di accompagnamento pre e post adozione ed Euro 7.000,00= attinenti alle fasi della procedura adottiva che si svolgono in India. Il pagamento dovrà avvenire alle seguenti scadenze: - Euro 3.000,00= alla firma di questo contratto; - Euro 2.500,00= all invio del dossier in India; - Euro 4.000,00= al momento della proposta di incontro (abbinamento); - Euro 4.000,00= al momento dell emissione del NOC da parte dell autorità Indiana. Il suddetto corrispettivo si intende riferito a un solo minore. Nel caso in cui il procedimento adottivo riguardi più fratelli, esso sarà aumentato, di Pag.3 di 16

4 4.600,00 euro per due fratelli (totale ,00 euro), di 6.800,00 euro per tre o più fratelli (totale ,00 euro); tale maggiorazione dovrà essere corrisposta nella terza (50%) e quarta rata (50%). Il corrispettivo precedentemente descritto potrà subire un aumento nel caso in cui l autorità indiana, Central Adoption Resource Agency (d ora in poi CARA), richieda all Associazione importi maggiori o ulteriori rispetto agli standard attuali Dichiarazioni degli aspiranti all adozione. Gli aspiranti all adozione dichiarano: a. - di essere stati messi al corrente, negli incontri preliminari al conferimento dell incarico e nell ambito del modulo formativo, e di essere quindi pienamente coscienti, delle conseguenze che può avere sul minore in stato di abbandono il periodo trascorso in Istituto; b. - di condividere il principio fondamentale che l adozione rappresenta lo strumento per trovare una famiglia a un bambino/a in condizioni di abbandono; e pertanto che il decreto di idoneità, emesso dai Tribunali per i Minorenni sulla base di una dichiarazione di disponibilità all accoglienza di un bambino/a da parte di una coppia di aspiranti genitori adottivi, non rappresenta lo strumento per esercitare un diritto assoluto alla genitorialità; c. - di essere consapevolmente e sinceramente disponibili ad accettare in modo totale e completo la condizione del minore che verrà ad essi proposto, per quanto riguarda la provenienza, l età, il sesso e tutte le altre caratteristiche somatopsichiche; di essere coscienti in particolare che International Adoption ritiene discriminatorio e lesivo dei principi fondamentali dell'ordinamento italiano e internazionale il fatto di vincolare la propria disponibilità all accoglienza al sesso del minore, per cui non accetta mandati da coppie che pongano condizioni a questo riguardo; d. - di essere a conoscenza e di accettare che il completamento della procedura richiederà, in via meramente indicativa e non vincolante, un tempo minimo variabile da uno a tre anni (dalla firma di questo contratto sino all abbinamento con il minore da adottare); e che l Associazione non potrà Pag.4 di 16

5 essere in alcun caso chiamata a rispondere della maggiore durata del procedimento derivante dal fatto di terzi (e in particolare da atti, provvedimenti, sentenze, decisioni, prassi, comportamenti o da omissioni o ritardi posti in essere o comunque imputabili alle Autorità italiane e/o straniere competenti in materia di adozione o all Istituto indiano dove si trova il minore); e. - di essere consapevoli e di accettare che l Associazione trasferirà loro la proposta di incontro (abbinamento) e le informazioni sanitarie o di altro tipo sul minore da adottare così come esse saranno pervenute all Associazione dalla competente Autorità straniera e/o dall Istituto dove si trova il minore; e di essere altresì coscienti che l'associazione - nel rispetto delle linee guida dei paesi con cui opera, della sensibilità e della cultura delle organizzazioni e delle istituzioni con cui si relaziona all estero, delle consuetudini che da questo derivano - non accetta limitazioni nella disponibilità all accoglienza per i bambini/e che non vengano riconosciuti Special Needs Children; f. - di essere consapevoli e di accettare che la proposta di incontro (abbinamento) viene formulata in assoluta autonomia dalla competente Autorità straniera, su cui l Associazione non ha alcun potere o strumento di controllo e/o pressione; e di conseguenza che non è addebitabile all Associazione, che si limita a fungere da tramite, il fatto che il minore proposto possa non corrispondere alle loro aspettative e ai loro desideri personali; g. - di essere consapevoli e di accettare che l Associazione, come qualunque altro Ente operante in Italia, pur impegnandosi ad attivare tutte le proprie risorse, strategie e competenze affinchè il progetto adottivo possa realizzarsi nel migliore dei modi possibili, non può per legge garantire il risultato positivo della procedura adottiva, considerato che ogni potere decisionale compete, all estero, all Autorità prevista dalle leggi vigenti nel Paese straniero e, in Italia, alla Commissione per le Adozioni Internazionali; h. - di essere consapevoli e di accettare che l interesse prevalente del minore, nonchè le norme nazionali e internazionali vigenti, comportano il divieto assoluto per gli aspiranti all adozione di contattare, in qualsiasi modo e forma, Pag.5 di 16

6 e anche tramite terze persone, l Istituto e le Autorità straniere coinvolti a qualunque titolo nella procedura; i. - di essere consapevoli che il loro comportamento in India, sia all interno dell Istituto dove si trova il minore abbinato che altrove, può incidere negativamente sui bambini ospiti dell Istituto stesso e sull immagine e sull operatività dell Associazione e sui suoi rapporti con le Autorità straniere. l. - di essere consapevoli che il rifiuto di partecipare agli incontri di cui al punto 5.4. del documento riassuntivo allegato, di predisporre e inviare all Associazione le relazioni previste dall art.14 comma 1 lettere a), b) e di fornire le informazioni previste dagli artt.14 comma 1 lettera c) e 15 di questo contratto verrà comunicato alla C.A.I. e potrebbe causare gravi danni, morali e materiali, all Associazione, che si riserva di chiederne il risarcimento; m. - di essere consapevoli che il rifiuto di adempiere all impegno assunto nell articolo 15 di questo contratto potrebbe essere segnalato dalla C.A.I. all ufficio giudiziario minorile territorialmente competente per eventuali provvedimenti limitativi della potestà, potendosi nella mancata trasmissione delle notizie richieste ravvisare condotta pregiudizievole verso il figlio; n. - di non aver riportato condanne penali e di non avere procedimenti penali in corso, impegnandosi a produrre idonee certificazioni di tali circostanze; o. - di autorizzare l Associazione a contattare, tramite i propri professionisti, i servizi sociali territorialmente competenti per eventuali trasmissioni e/o richieste di informazioni che dovessero rendersi necessarie al fine di poter operare al meglio nel prioritario interesse del minore e della coppia adottiva Obblighi degli aspiranti all adozione. Gli aspiranti adottanti si impegnano: a. - a partecipare al corso denominato GENITORI IN ATTESA. b. - a partecipare all incontro preparatorio, presso la sede dell Associazione, prima della partenza per lo Stato estero; c. - a comunicare all Associazione l eventuale inizio di una gravidanza; entro e non oltre 7 giorni dal momento in cui ne siano venuti a conoscenza, Pag.6 di 16

7 d. - a non ricercare alcun contatto, anche per mezzo di terze persone, con l Istituto straniero presso il quale è depositata la pratica di adozione e con qualunque Autorità straniera competente, collegata o in qualsiasi modo coinvolta nell iter adottivo; e. - a fare un uso esclusivamente personale e a non diffondere in alcun modo o forma le immagini e le notizie sul minore ad essi fornite dall Associazione ai fini dell abbinamento; f. - a tenere, durante il loro soggiorno in India, e in particolare nel corso delle visite all Istituto dove si trova il minore da adottare, un comportamento corretto e rispettoso delle regole suggerite dal comune buon senso e dalla buona educazione e ad adeguarsi alle consuetudini e agli orari dell Istituto, al fine di non turbare le abitudini dei bambini e il lavoro degli operatori; g. a rispettare il divieto di fotografare o filmare i minori ospiti degli Istituti da loro visitati, e comunque a non utilizzare e/o diffondere, con qualsiasi forma, modo o strumento, le immagini così ottenute se non previa autorizzazione di International Adoption; h. - a trasferire in Italia il minore da adottare a loro cura e spese; i. - a partecipare agli incontri e ai colloqui descritti nei punti 1.1., 3.5., 4.6. e 5.4 e a sottoscrivere e/o richiedere e/o fornire all Associazione i documenti elencati nei punti 1.2., 1.4., 1.5., 1.6., 2.2., 2.4. e 5.4. del documento riassuntivo della procedura adottiva allegato a questo contratto; l. - a procurare i documenti ed a compiere tutti gli altri adempimenti necessari per il completamento della procedura adottiva a seguito delle modifiche procedurali loro comunicate dall Associazione ai sensi della lettera E) delle premesse di questo contratto; m. - a informare, prima della partenza per il paese straniero, lo staff adozioni di ogni elemento che possa favorire o pregiudicare il buon esito del viaggio, in particolare quando questo sia da loro organizzato in via autonoma; in tal caso si impegnano a chiedere e ottenere preventivamente dall'associazione il parere favorevole riguardo agli aspetti essenziali del viaggio, come ad esempio la compagnia aerea, gli orari dei voli, l hotel dove risiederanno e i loro Pag.7 di 16

8 programmi durante il periodo di dimora nel paese straniero, allo scopo di consentire la verifica del rispetto della normativa vigente e delle condizioni di sicurezza Diritto di recesso. Fino al momento dell accettazione della proposta d incontro (abbinamento) gli aspiranti all adozione potranno recedere liberamente dal rapporto, comunicando la loro volontà all Associazione mediante lettera raccomandata a.r.; in questo caso l Associazione tratterrà interamente l importo corrispondente alla prima rata e, se già stato effettuato il pagamento della seconda, una somma pari al 50% di quest ultima a titolo di rimborso delle spese già sostenute e di compenso per le prestazioni già svolte, salva la prova che le spese sono state superiori. Dopo 12 mesi dalla data di conferimento del mandato, non sono previsti rimborsi in caso di recesso Gravidanza. In caso di gravidanza, comunque nota all Associazione, la procedura adottiva sarà automaticamente sospesa e l evento verrà segnalato alla CAI; la procedura potrà riprendere solo dopo che gli aspiranti adottanti avranno avuto almeno un colloquio con il Direttore e lo psicologo di fiducia dell Associazione, finalizzati ad accertare, ai sensi e per gli effetti dell art.31 della legge 184/83, la permanenza delle condizioni indispensabili per procedere all adozione; qualora si riscontri che tali condizioni non sussistono più il contratto si intenderà automaticamente risolto, per fatto imputabile agli aspiranti adottanti, dal momento in cui l Associazione ha avuto notizia, in qualunque forma, dello stato di gravidanza Rifiuto della proposta di incontro (abbinamento). Il rifiuto della proposta di incontro, che sia conforme a quanto previsto dal decreto di idoneità emesso dal Tribunale per i Minorenni, ed ai principi generali specificati nel punto 4) di questo contratto, comporta la risoluzione del contratto ai sensi dell art.1456 del Codice Civile; costituiscono rifiuto, e producono i medesimi effetti, l assenza ingiustificata degli aspiranti adottanti al colloquio fissato per la Pag.8 di 16

9 comunicazione della proposta di incontro e la mancata accettazione espressa nel termine di 24 ore dal suddetto colloquio Risoluzione del contratto per inadempimento degli aspiranti adottanti. La violazione da parte degli aspiranti adottanti dei divieti e degli obblighi previsti dalla lettera E) delle premesse, dall art. 4, dall art.5 lettere da b) fino a g) e dall art.8 di questo contratto costituisce e viene concordemente qualificato dalle parti come grave inadempimento e comporta la risoluzione del contratto stesso ai sensi dell art.1453 del Codice Civile Sospensione della procedura adottiva. Nel caso in cui gli aspiranti all adozione non partecipino agli incontri e ai colloqui previsti dalla procedura oppure non forniscano all Associazione i documenti elencati nell art.5 lettere i) l) o non chiedano il parere previsto dall'art.5 lettera m) o non eseguano i pagamenti alle scadenze previste nell art.3 di questo contratto la procedura adottiva rimarrà temporaneamente sospesa, anche ai sensi dell art.1460 del Codice Civile; l Associazione potrà sollecitare gli aspiranti adottanti a adempiere entro un termine ragionevole, decorso il quale potrà avvalersi della facoltà di risolvere il contratto ai sensi dell art.1454 del Codice Civile, a meno che gli aspiranti adottanti non dimostrino che l omissione è stata provocata da caso fortuito, forza maggiore o altro evento ad essi non imputabile neppure a titolo di colpa. Qualora il rapporto prosegua gli aspiranti adottanti dovranno comunque rimborsare all Associazione le maggiori spese e tutti gli oneri causati dal ritardo Effetti dello scioglimento del contratto. Nel caso di risoluzione del contratto per uno dei motivi previsti dai precedenti articoli 7, 8, 9 e 10 l Associazione potrà trattenere, ai sensi dell art.1458 del Codice Civile, le somme già ricevute e chiedere il pagamento delle rate di corrispettivo scadute fino alla data di scioglimento del rapporto, a titolo di compenso per le prestazioni già eseguite e di rimborso delle spese sostenute per lo svolgimento della procedura adottiva, salvo il diritto al risarcimento del danno eventualmente subito. Pag.9 di 16

10 12 - Clausola penale. Nel caso di risoluzione del contratto per uno dei motivi previsti dai precedenti articoli 8, 9 e 10 l Associazione potrà applicare gli aspiranti adottanti una penale di Euro 5.000,00=, a titolo di risarcimento dei danni da essa subiti (e in particolare delle spese e dei costi necessari per rimediare alle conseguenze negative dell inadempimento degli aspiranti adottanti), salvo il risarcimento del maggior danno e salvi comunque i diritti previsti dall art Impossibilità sopravvenuta. Il contratto si risolverà nel caso in cui il completamento della procedura adottiva divenga impossibile per caso fortuito o forza maggiore (compresi gli eventi politici, sociali e bellici) o a causa di atti, provvedimenti, decisioni, fatti o comportamenti posti in essere o addebitabili (anche a titolo di colpa) a terzi estranei all Associazione, ivi comprese le Autorità pubbliche (italiane o straniere) e gli Istituti coinvolti nella procedura stessa; in questo caso l Associazione avrà diritto a ottenere il rimborso integrale delle spese sostenute e, anche ai sensi dell art.2228 del Codice Civile, un equo compenso per i servizi già resi a favore degli aspiranti all adozione, e quindi a trattenere o richiedere una somma pari all importo della prima rata e almeno al 50% delle rate di corrispettivo successive e già scadute fino allo scioglimento del contratto, salva la prova che le spese sono state superiori Adempimenti successivi al completamento della procedura adottiva. I genitori adottivi si impegnano: a. a partecipare, successivamente al rientro in Italia, agli incontri con gli psicologi previsti (per numero e durata) dalle linee guida dell Autorità indiana, per consentire all associazione di svolgere compiutamente il suo compito di monitoraggio e valutazione sul buon inserimento del bambino nella nuova famiglia, così come previsto dalle normative italiane ed estere; b. o, in alternativa, a partecipare agli incontri con i servizi psicosociali territoriali. In tal caso dovranno assicurarsi che la relazione sull inserimento del bambino Pag.10 di 16

11 (redatta in lingua inglese dai servizi territoriali) venga trasmessa (per numero e durata come previsto dalle linee guida dell Autorità indiana) all Associazione. In caso di mancato ricevimento della relzione alle scadenze previste, l Associazione convocherà la coppia adottiva per l adempimento della procedura post- adozione come previsto dal punto precedente; c. a seguire personalmente e con assiduità la procedura italiana per l emissione da parte del Tribunale per i minorenni del decreto definitivo di adozione; a tenere informata l Associazione sullo stato della procedura e a trasmettere immediatamente all Associazione una copia del provvedimento. L Associazione si impegna: a. ad inviare la relazione predisposta dalla coppia a mezzo corriere al CARA, al Tribunale indiano che ha disposto l affidamento del minore alla coppia, all Ambasciata indiana a Roma e all Istituto indiano da cui il minore proviene e a dare avviso di ciò alla CAI b. a garantire l assistenza e il supporto psicosociale nel corso dei primi due anni e per tutto il tempo necessario al buon inserimento del bambino nella famiglia e nella rete sociale, ad accompagnare la famiglia verso servizi pubblici specialistici qualora questi fossero necessari; c. a inviare una copia del decreto definitivo di adozione al CARA e al Tribunale indiano che ha disposto l affidamento del minore alla coppia. Per i servizi previsti e sopra descritti (colloqui psicosociali e accompagnamento, relazioni, traduzioni, invio alle autorità competenti in Italia e India, corsi postadozione), i genitori adottivi corrisponderanno all Associazione un apposito compenso forfettario, quantificato in complessivi Euro 1.200,00= (per ogni minore), che è compreso nell ultima rata prima della partenza per l India. L importo viene versato anche nel caso di parziale inutilizzo dei servizi offerti e garantiti e non è rimborsabile. Pag.11 di 16

12 15. - Informazioni sul minore. I genitori adottivi si impegnano sin d ora, conformemente a quanto previsto dalle linee guida della CAI, a trasmettere all Associazione tutte le informazioni che verranno loro richieste circa lo sviluppo psico- fisico e la vita di relazione familiare, scolastica e sociale del bambino, al fine dell espletamento delle relazioni post- adozione, per l intero arco di tempo previsto dal paese di origine del loro figlio adottivo. IL PRESENTE CONTRATTO E' REDATTO IN DUE COPIE ENTRAMBE SOTTOSCRITTE DALLE PARTI CONTRAENTI Campoformido (UD), International Adoption Il Presidente o suo delegato Gli aspiranti all adozione Pag.12 di 16

13 Gli aspiranti all'adozione, anche ai sensi e per gli effetti degli articoli n e n C.C. dichiarano di avere letto e di approvare specificatamente i seguenti articoli della presente contratto: art. 3 Corrispettivo del sevizio, art. 4 Dichiarazioni degli aspiranti all'adozione, art. 5 Obblighi degli aspiranti all'adozione, art. 6 diritto di recesso, art. 7 Gravidanza, art. 8 rifiuto della proposta di incontro (abbinamento), art. 9 Risoluzione del contratto per inadempimento degli aspiranti adottanti, art. 10 Sospensione della procedura adottiva, art. 11 Effetti dello scioglimento del contratto, art. 12 Clausola penale, art. 13 Impossibilità sopravvenuto, art. 14 Adempimenti successivi alla procedura adottiva, art. 15 Informazioni sul minore. Campoformido (UD), Gli aspiranti all adozione Pag.13 di 16

14 DOCUMENTO RIASSUNTIVO PROCEDURA INDIA 1. L INIZIO DELLA PROCEDURA ADOTTIVA IN ITALIA 1.1. Gli aspiranti adottanti incontrano il Presidente dell Associazione o un suo delegato (durata dell incontro: circa 1,5 ore) Alla fine di questo incontro gli aspiranti adottanti: a. sottoscrivono il contratto; b. sottoscrivono l application; c. ricevono il fac simile della dichiarazione di conferimento del mandato, che devono sottoscrivere, restituire all Associazione e inviare alla Commissione per le Adozioni Internazionali (d ora in poi CAI), nonchè al Tribunale per i Minorenni e al Servizio socio- assistenziale dell Ente Locale competenti per territorio Lo psicologo di fiducia dell Associazione predispone una relazione integrativa sugli aspiranti adottanti secondo gli standard previsti dal CARA, autenticata dal Notaio Gli aspiranti all adozione richiedono al Tribunale per i Minorenni una copia conforme della relazione del Servizio socio- assistenziale dell Ente Locale e due copie conformi del decreto di idoneità Gli aspiranti adottanti provvedono alla legalizzazione della relazione del Servizio socio- assistenziale e di due copie del decreto di idoneità Gli aspiranti adottanti inviano all Associazione i documenti specificati nel punto precedente La relazione dello psicologo di fiducia dell Associazione (v. punto 1.3.) e il decreto di idoneità (v.punto 1.5) vengono tradotti in inglese a cura dell Associazione, che provvede anche a far asseverare la traduzione e alla successiva legalizzazione L Associazione organizza il corso Genitori in attesa (informazioni, calendario e programma sono disponibili condotto dai suoi psicologi di fiducia. 2. L APERTURA DELLA PRATICA IN INDIA 2.1. L Associazione consegna agli aspiranti adottanti l elenco dei documenti necessari per la costituzione del fascicolo Gli aspiranti adottanti predispongono, a loro spese, i documenti previsti dall elenco ricevuto. NB: l Associazione è sempre disponibile per chiarimenti telefonici sulle modalità di rilascio e preparazione dei documenti, di cui rilascia un fac- simile L Associazione provvede a far tradurre in inglese i documenti prodotti dalla coppia; la traduzione viene asseverata sempre a cura dell Associazione Gli aspiranti adottanti si recano dal Notaio di fiducia dell Associazione per la firma e l autentica dei documenti, predisposti dall Associazione L Associazione predispone le fotocopie di tutti i documenti prodotti dalla coppia, tradotti e asseverati L Associazione invia, a mezzo corriere, l application, la relazione integrativa dello psicologo e i documenti costitutivi del fascicolo in India, al CARA 2.7. L Associazione verifica telefonicamente il buon esito della spedizione. 3. LA PROCEDURA ADOTTIVA IN INDIA 3.1. Il CARA inserisce la coppia in lista d attesa presso un istituto individuato dal CARA stesso o, se possibile, scelto dalla coppia in accordo con l Associazione L Associazione mantiene contatti telefonici continui con l Istituto al fine di verificare lo stato di avanzamento della pratica L Associazione riceve dall Autorità Straniera la proposta di incontro fra gli aspiranti all adozione e il minore da adottare (abbinamento) Gli aspiranti all adozione incontrano il Direttore (o suo delegato) e lo psicologo di fiducia dell Associazione per la presentazione e l esame dell abbinamento (durata dell incontro: circa 2 ore) Entro 24 ore dall incontro di cui al punto 3.5. gli aspiranti adottanti devono comunicare all Associazione, con telegramma o via , l accettazione o meno della proposta di incontro con il minore da adottare Pag.14 di 16

15 (abbinamento) L Associazione comunica al Tribunale per i Minorenni competente per territorio e all Istituto indiano che la proposta di incontro (abbinamento) è stata accettata. NB: La procedura indiana, definita nelle Linee Guida del CARA può subire modifiche e adattamenti a seconda dello Stato indiano in cui si trova l istituto, inoltre le leggi e le regole a cui fa riferimento sono soggette a differenti interpretazioni in tali contesti. Per tali ragioni è impossibile per l Associazione prevedere i tempi necessari per il suo completamento Il CARA rilascia il No Objection Certificate (d ora in poi N.O.C.) La pratica viene presentata al Tribunale indiano competente, che applica la procedura vigente; l Avvocato dell Istituto, il cui onorario è a carico dell Associazione, segue lo svolgimento di tutte le fasi del processo Il Tribunale, dopo una o più udienze, emette il Court Order con cui conferisce agli aspiranti adottanti la qualità di tutori del bambino abbinato Il Court Order viene registrato e legalizzato dai competenti uffici indiani Il competente ufficio indiano emette il passaporto del minore L Associazione invia all Ambasciata (o al Consolato italiano) i documenti, necessari per il rilascio del visto d ingresso in Italia del minore L Associazione riceve dall Istituto indiano i documenti conclusivi L Associazione aggiorna periodicamente la coppia adottiva sullo stato di avanzamento della procedura in India, in particolare garantisce l informazione relativa a: - invio del dossier all Autorità indiana (2.6), - istituto nella cui lista la coppia viene inserita (3.1), - ricevimento dell abbinamento (3.4), - emissione del NOC (3.8), - deposito del fascicolo presso il Tribunale indiano (3.9), - esito delle udienze calendarizzate ed emissione del cout order (3.10), - conclusione della procedura (3.11), - ricevimento dei documenti (3.14) e organizzazione della partenza (prevedibilmente 45 giorni prima), - ogni altra informazione relativa alla procedura o alle condizioni e allo stato di benessere del bambino (non viene garantita la disponibilità di fotografie o aggiornamenti dopo l abbinamento). 4. LA PARTENZA E IL RIENTRO IN ITALIA 4.1. L Associazione preavvisa gli aspiranti all adozione che si sta avvicinando il momento della possibile partenza Gli aspiranti adottanti scelgono se organizzare autonomamente il viaggio o dare incarico all Associazione di provvedere a ciò; il cui costo rimanente interamente a carico degli aspiranti adottanti L associazione provvede a tradurre dall inglese all italiano i documenti inviati dall Istituto indiano e a far asseverare la traduzione L Associazione invia alla CAI, per via informatica, i documenti di cui al punto 4.3. con la richiesta di rilascio dell autorizzazione all ingresso e alla permanenza in Italia del minore L Associazione riceve dalla CAI l autorizzazione all ingresso del minore in Italia Gli aspiranti adottanti incontrano il Direttore dell Associazione o suo delegato per la preparazione del viaggio in India (durata dell incontro: circa 3 ore) Un incaricato dell Associazione consegna agli aspiranti adottanti: - l elenco degli adempimenti che gli stessi devono effettuare in India e al rientro in Italia; - le certificazioni per l INPS e il datore di lavoro; 4.8. Gli aspiranti all adozione partono per l India, ove rimangono per tutto il tempo necessario al completamento della procedura, venendo assistiti, per la parte burocratico- amministrativa, da un incaricato dell Associazione. Note: - il costo dei viaggi da e per l Italia e tutte le spese per il soggiorno in India e per gli adempimenti procedurali che ivi devono essere eseguiti sono integralmente a carico degli aspiranti all adozione; - sia a Mumbai che a Delhi agli aspiranti adottanti è garantita la presenza di un interprete di fiducia Pag.15 di 16

16 dell Associazione per 2 giorni (primo giorno: incontro in istituto e colloqui con i responsabili della struttura; secondo giorno svolgimento delle procedure per l ottenimento del visto sul passaporto del minore). Per i giorni rimanenti è possibile beneficiare della presenza dell interprete sostenendone il relativo costo L Associazione assiste gli aspiranti adottanti durante la loro permanenza in India tramite un suo incaricato che è reperibile al telefono, in Italia, 24 ore su 24; In India gli aspiranti all adozione devono: a. recarsi all Ambasciata italiana a Delhi o al Consolato italiano di Mumbai o Calcutta per ritirare il passaporto del bambino con il visto per l ingresso in Italia; b. confermare il volo di rientro in Italia. 5. IL COMPLETAMENTO DELLA PROCEDURA ADOTTIVA IN ITALIA 5.1. L Associazione comunica al Tribunale per i Minorenni e al Servizio socio- assistenziale competente che gli aspiranti adottanti sono rientrati in Italia assieme al bambino L Associazione consegna agli aspiranti adottanti la certificazione dei costi sostenuti nell anno precedente al rientro, sulla base dei documenti prodotti dagli stessi, e invia alla CAI il consuntivo di tutti gli importi ricevuti dall Associazione Gli aspiranti all adozione richiedono al Tribunale per i Minorenni il decreto di affidamento preadottivo Nel corso dei primi 3 anni, in ogni caso fino al secondo anno dopo l emissione del decreto definitivo di adozione, i genitori adottivi incontrano lo psicologo di fiducia dell Associazione per le verifiche previste dalle leggi indiane e per la stesura delle relazioni (il numero degli incontri è definito dalle linee guida dell Autorità Centrale Indiana) 5.5. Lo psicologo predispone una relazione scritta, che viene inviata ai Servizi Territoriali competenti. La stessa relazione, tradotta in inglese, viene trasmessa all autorità indiana L Associazione provvede a tradurre e far asseverare il decreto definitivo di adozione e ne invia una copia in India. Pag.16 di 16

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

le parti concordano e stipulano quanto segue

le parti concordano e stipulano quanto segue Logo Prefettura Logo Ufficio Scolastico Regionale BOZZA PROTOCOLLO DI INTESA tra Il Prefetto di.. nella persona del dott.. e il Direttore dell Ufficio Scolastico Regionale di.,. nella persona del dott....,

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Mod. A. Domanda di partecipazione alla selezione, per titoli ed esami, per l individuazione di educatori museali

Mod. A. Domanda di partecipazione alla selezione, per titoli ed esami, per l individuazione di educatori museali Mod. A Al Museo Castello del Buonconsiglio monumenti e collezioni provinciali Via B. Clesio, 5 38122 - TRENTO Esente da bollo ai sensi del D.P.R. 642/1972 Punto 11 Tab. All. B Domanda di partecipazione

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI

CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI INDICE 1. Carta dei Servizi per l adozione internazionale: perchè 2. Presentazione della Fondazione AVSI Chi è AVSI Paesi per i quali è autorizzata, accreditata

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Il Numero e la Tessera Social Security

Il Numero e la Tessera Social Security Il Numero e la Tessera Social Security Il Numero e la Tessera Social Security Avere un numero di Social Security è importante perché è richiesto al momento di ottenere un lavoro, percepire sussidi dalla

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale In vigore dal gennaio 0 Camera di Commercio Internazionale (ICC) Corte Internazionale di Arbitrato 8, Cours Albert er, 7008 Paris/Parigi,

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO 1. FONTI LEGISLATIVE La vendita di pacchetti turistici, che abbiano ad oggetto servizi da fornire in territorio sia nazionale che estero, è disciplinata dal D.Lgs. 23/05/2011,

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI A. DISPOSIZIONI GENERALI E DEFINIZIONI Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme a) Le norme uniformi relative agli incassi, revisione 1995, pubbl.

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli