Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile"

Transcript

1 Il processo di protezione e inclusione sociale a livello comunitario Risultati degli studi sulle politiche 10 Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile ISSN Nell Unione europea (UE), il 19 % dei bambini è a rischio di povertà. In alcuni paesi, più di un bambino su quattro è sottoposto a privazioni e situazioni di povertà, e in quasi tutti i paesi il loro rischio di povertà è superiore a quello del resto della popolazione. I bambini che crescono in condizioni di povertà ed esclusione sociale hanno minori probabilità, rispetto agli altri bambini, di ottenere buoni risultati scolastici, godere di buona salute o trovare, successivamente, un buon lavoro. Possono entrare nel circolo vizioso dell esclusione sociale che, alla fine, tramanda il problema da una generazione all altra. È per questi motivi che l UE e i suoi Stati membri stanno mettendo fra le massime priorità la lotta contro la povertà infantile. Ai primi del 2006, il Consiglio europeo di primavera si è impegnato ad «adottare le misure necessarie per ridurre in modo rapido e significativo la povertà infantile, offrendo a tutti i bambini pari opportunità a prescindere dal loro ambiente sociale». Nel 2008, il comitato per la protezione sociale ( 1 ) ha pubblicato una relazione ( 2 ) sulla povertà infantile nella quale ha fornito una diagnosi delle cause principali della povertà infantile in ciascun paese. La relazione indica altresì 15 raccomandazioni per migliorare il monitoraggio e la valutazione delle situazioni di povertà e benessere dei bambini. Perché abbiamo la povertà infantile Tendenza nella povertà infantile Quasi il 25 % dei 78 milioni di cittadini UE che vivono al di sotto della soglia di povertà sono bambini. Al 2005, il 19 % della popolazione fra gli 0 e i 17 anni era a rischio di povertà in 27 Stati membri dell UE, a fronte di un 16 % relativo alla popolazione complessiva. In quasi tutti i paesi UE, i bambini corrono pertanto un rischio di povertà maggiore rispetto alle altre fasce di popolazione. Nel periodo dal 1996 al 2001, la povertà infantile è rimasta stabile sul % (dati relativi all UE-15) mentre si registrava una diminuzione per la popolazione complessiva (dal 17 % al 15 %). Da una relazione dell OCSE emerge che, dal 1995 al 2005, la povertà infantile è stata ridotta solamente in Austria, Regno Unito, Spagna e Ungheria ( 3 ). ( 1 ) Il comitato per la protezione sociale è formato da un gruppo di funzionari di alto livello istituito nel 2000 come strumento per agevolare la cooperazione fra la Commissione europea e gli Stati membri in merito alla modernizzazione e al miglioramento dei sistemi di protezione sociale. ( 2 ) «Child Poverty and Well-being in the EU: Current Status and Way Forward», Lussemburgo, Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee, ( 3 ) «What works best in reducing child poverty?», OCSE, Commissione europea

2 Come si misura la povertà L UE adotta la seguente definizione relativa di povertà: «la parte di persone con un reddito disponibile inferiore al 60 % della media nazionale». La povertà infantile è minore in Danimarca e Finlandia (entrambe con un 10 % di bambini a rischio di povertà). In quasi la metà dei paesi UE, tuttavia, i dati per i bambini a rischio di povertà sono superiori al 20 %, e raggiungono il 25 % in Romania, il 27 % in Lettonia e il 29 % in Polonia. Solamente pochi paesi possono vantare tassi di povertà infantile equivalenti o inferiori a quelli della povertà in generale: Belgio, Danimarca, Germania, Cipro, Slovenia e Finlandia. Nell UE, gli standard di vita dei bambini «poveri» variano sensibilmente. In 11 dei 15 «vecchi» Stati membri, il reddito mensile al di sotto del quale si ritiene che una famiglia con 2 adulti e 2 bambini sia a rischio di povertà va da a euro, mentre è inferiore a 500 euro in 9 dei 12 «nuovi» Stati membri. La differenza rimane sostanziale persino se adeguata alla disparità di condizioni di vita: in Lussemburgo la soglia di reddito è di euro, dodici volte più alta dei 250 euro della Romania, ossia il paese con la soglia di reddito più bassa. Percentuali a rischio di povertà di bambini (0-17) e popolazione complessiva, % della popolazione interessata Bambini (0-17) Totale 0 EU-25 DK FI CY DE SI FR NL BE AT SE BG CZ SK MT EE LU PT IE EL ES UK IT LT RO HU LV PL Fonte: EU-SILC (2006); anno di reddito 2005; tranne Regno Unito (UK) (anno di reddito 2006) e Irlanda (IE) (periodo di riferimento mobile del reddito 2005/2006); Bulgaria (BG): indagine nazionale 2006 sui bilanci di famiglia. 2 Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile

3 I principali fattori determinanti della povertà infantile: caratteristiche della famiglia, situazione dei genitori sul mercato del lavoro, efficacia degli interventi del governo Caratteristiche della famiglia: sono principalmente a rischio i bambini che vivono in famiglie numerose o monoparentali. Le dimensioni, la composizione e le caratteristiche (età, livello d istruzione dei genitori) della famiglia in cui cresce un bambino influiscono sulla situazione economica del bambino. I bambini in famiglie monoparentali o numerose tendono a correre maggiori rischi di povertà. Nell UE, il 22 % dei bambini poveri vive in famiglie con un solo genitore, e il 25 % in famiglie numerose. Il 13 % dei bambini dell UE vive con un solo genitore, e di questi 1 su 3 è a rischio di povertà. Nel 90 % dei casi, il genitore è la madre, ma le cause principali che determinano questa situazione (nascita al di fuori del vincolo matrimoniale, separazione) variano da paese a paese. Oltre il 20 % dei bambini vive in famiglie di tre figli o più, e corre mediamente il rischio di povertà nel 25 % dei casi. Le famiglie numerose sono meno comuni nei paesi meridionali e in alcuni paesi orientali, come Grecia, Spagna e Slovenia, ma in questi paesi tende a essere maggiore (circa il 30 %) il rischio di povertà per i bambini che vivono in questa tipologia di famiglie. Nel Benelux e nei paesi nordici si ha un opposta tendenza: le famiglie numerose sono più comuni (26-33 % del totale) ma il rischio di povertà è inferiore. Anche i bambini che crescono in famiglie di migranti o minoranze incontrano più difficoltà degli altri bambini, e lo stesso succede se uno o entrambi i genitori sono portatori di un inabilità o fanno abuso di narcotici. Età e istruzione: I bambini con genitori di età inferiore a 30 anni corrono un rischio di povertà molto più alto di quelli che vivono con genitori più anziani: il 27 % quando la madre ha meno di 30 anni, a fronte del 19 % se l età della madre è compresa fra 30 e 39 e del 16 % se ha anni. Il motivo è che i genitori giovani tendono a guadagnare di meno: il reddito da lavoro aumenta notevolmente con il progredire dell età, fino ai 55 anni circa. Inoltre, i giovani subiscono più frequentemente situazioni di disoccupazione. Anche il livello di istruzione dei genitori determina il rischio, poiché incide sulla situazione dei genitori sul mercato del lavoro, sul loro reddito e sulle possibilità dei bambini di riuscire a scuola. Nessuno dei genitori del 30 % dei bambini poveri ha raggiunto un livello di istruzione secondaria (a fronte del 16 % relativo a tutti i bambini). La percentuale di bambini con genitori scarsamente qualificati va da poco meno del 10 % in quasi la metà degli Stati membri fino al 65 % di Malta e Portogallo. Da ultimo, e questo vale per tutte le famiglie, la capacità di vivere in maniera indipendente dipende dall accesso al mercato del lavoro (e cioè di guadagnare dal proprio lavoro), dall accessibilità degli alloggi, dai trasferimenti sociali e da servizi quali la custodia dei bambini. Situazione occupazionale: Il reddito da lavoro è di norma la principale fonte di entrate per le famiglie. Pertanto, la situazione occupazionale dei genitori è un importante fattore determinante della povertà. La disoccupazione rappresenta il principale rischio di povertà (62 %) per le famiglie con figli, quando uno o entrambi i genitori sono senza lavoro. Quasi il 10 % di tutti i bambini nell UE-25 vive in famiglie nelle quali nessun adulto ha un lavoro. Questa situazione non è migliorata quasi per nulla, dal 2000, nonostante un generale miglioramento dei mercati del lavoro europei. La disoccupazione colpisce maggiormente i nuclei monoparentali a causa delle maggiori difficoltà a conciliare il lavoro con la vita familiare. Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile 3

4 Il rischio di povertà, però, non risparmia nemmeno i bambini i cui genitori lavorano. Il 13 % dei bambini vive in famiglie con genitori che hanno un lavoro eppure non riescono a guadagnare a sufficienza per rimanere al di sopra della soglia di povertà. Questa percentuale di povertà «pur lavorando», supera addirittura il 20 % in Spagna, Polonia e Portogallo. La capacità dei genitori di ricavare un reddito adeguato dal lavoro dipende dal livello dei guadagni e dal tempo dedicato al lavoro: lavoro per uno o entrambi i genitori, tempo pieno o parziale, continuità durante l anno o interruzioni lavorative. La povertà nell occupazione deriva da lacune del mercato del lavoro come i posti di lavoro precari, basse remunerazioni e lavoro part-time involontario, nonché da particolari strutture familiari (per esempio, numero insufficiente di adulti che lavorano in relazione al numero delle persone a carico). Nelle famiglie in cui lavorano entrambi i genitori, il rischio di povertà scende al 7 % (media UE). Le famiglie in cui guadagna una sola persona (che siano monoparentali o con entrambi i genitori) sono più esposte al rischio di povertà. Il modello con due persone che guadagnano è prevalente per i due terzi dei bambini nell UE. In media, nell UE, un genitore che lavora part-time non aumenta il rischio di povertà dei bambini che vivono con entrambi i genitori. L impatto del lavoro part-time sul reddito familiare dipende dal livello delle qualifiche, dal numero di ore lavorate e dall accessibilità a servizi di custodia dei bambini e di altri servizi di sostegno per i genitori. Nei paesi che spendono di più per le prestazioni sociali (ad esclusione delle pensioni) si ha una tendenza a percentuali inferiori di povertà infantile (con l eccezione di Cipro e Slovenia) e viceversa. Mediamente, nell UE, i trasferimenti sociali attenuano del 44 % la povertà infantile. Le prestazioni mirate specificamente ai bambini hanno il massimo impatto sulla povertà infantile. In Germania, Cipro, Austria e Finlandia, i benefici per le famiglie riducono di un terzo, o più, il rischio di povertà dei bambini. Le differenze nei risultati finali di povertà infantile, tuttavia, derivano in parte dai livelli estremamente diversi di rischio di povertà legata al reddito di mercato e, di conseguenza, dipendono dall incidenza della disoccupazione e della povertà nell occupazione in tali paesi. La fornitura di servizi affidabili per la custodia dei bambini è importantissima per migliorare la situazione occupazionale delle famiglie. Anche in questo caso la situazione differisce sensibilmente all interno dell UE, soprattutto per i bambini di età inferiore a 2 anni. Per chi percepisce redditi bassi, i costi dell assistenza all infanzia sono un onere notevole, sia per il secondo percettore di reddito sia per un genitore single che inizia a lavorare. Prestazioni degli Stati membri Gli Stati membri dell UE sono stati sottoposti a valutazione in base alle performance nella lotta contro la povertà infantile nell insieme e riguardo ai suoi tre principali fattori: vita in famiglie con adulti disoccupati, vita in famiglie a rischio di povertà nell occupazione, impatto dei trasferimenti sociali sulla povertà infantile. Intervento dei governi Il sostegno dei governi ha una funzione importante per contrastare la povertà infantile. Un ampia gamma di provvedimenti governativi influisce sul tenore di vita delle famiglie con figli. I sistemi fiscali e di benefici sostengono direttamente il reddito delle famiglie, per esempio garantendo un reddito minimo a quelle prive di occupazione retribuita (indennità di disoccupazione, assistenza sociale, assegni per assistenza a disabili) o integrando il reddito di tutte le famiglie con figli, a prescindere dalla situazione occupazionale. Sono importanti anche le politiche in materia di istruzione (istruzione scolastica gratuita in età precoce, lunghezza della giornata scolastica), salute (accesso a servizi gratuiti per i bambini), alloggio e servizi di custodia dei bambini. 4 Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile

5 Tabella 1 : Risultati relativi dei paesi in merito al rischio di povertà infantile e ai principali fattori determinanti di tale rischio Risultati del rischio di povertà infantile Disoccupazione: bambini che vivono in famiglie con adulti senza lavoro Povertà nell occupazione: bambini che vivono in famiglie nelle quali vi sono lavoratori poveri Impatto dei trasferimenti sociali (prestazioni monetarie escluse pensioni) sulla povertà infantile AT CY GRUPPO A DK FI NL SE + ( ++) SI BE CZ GRUPPO B DE EE FR IE SK GRUPPO C HU MT UK EL ES IT GRUPPO D LT LU LV PL PT Fonte: Relazione del CPS su povertà e benessere dei bambini; dati aggiornati al 2006 (LU escluso dall analisi). I paesi sono stati raggruppati in funzione delle principali difficoltà che si trovano ad affrontare (riguardo alle quali presentano il punteggio «-» più elevato). Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile 5

6 Come ottenere i migliori risultati nella lotta contro la povertà infantile La povertà infantile è il risultato di complesse interazioni fra disoccupazione, povertà nell occupazione e impatto dei trasferimenti. I paesi che ottengono i migliori risultati sono quelli che hanno le migliori prestazioni su tutti i fronti, grazie a una combinazione di strategie tese a facilitare l accesso all occupazione e a servizi abilitanti ( per esempio, assistenza all infanzia) con sostegno al reddito. Gruppo A: comprende Austria, Cipro, Danimarca, Finlandia, Slovenia, Paesi Bassi e Svezia. Questi paesi hanno basse percentuali di povertà infantile grazie a una combinazione di buone prestazioni sul mercato del lavoro da parte dei genitori e di efficaci strategie per i trasferimenti sociali. I paesi nordici hanno ottenuto questi risultati nonostante un elevata percentuale di famiglie monoparentali: in questo caso sono stati fondamentali i servizi di custodia dei bambini. A Cipro, i trasferimenti sociali sono scarsi, ma l effetto negativo è attenuato da forti strutture familiari. Gruppo B: Belgio, Repubblica ceca, Germania, Estonia, Francia, Irlanda e Repubblica slovacca, che compongono questo gruppo, hanno ottenuto risultati abbastanza buoni, al di sotto della media del rischio di povertà. La preoccupazione principale, in questi paesi, è l elevato numero di bambini che vivono in famiglie con adulti disoccupati, situazione che interessa almeno l 8 % dei bambini. Per contro, le famiglie con adulti che lavorano presentano livelli di povertà infe riori a quelli degli altri paesi UE. Germania e Francia sono riuscite a limitare il rischio di povertà infantile grazie a trasferimenti sociali efficaci e relativamente elevati, ma tutti i paesi del gruppo B devono migliorare l accesso all occupazione. Gruppo C: i paesi di questo gruppo, Malta, Regno Unito e Ungheria, hanno ottenuto risultati nella media, o appena al di sotto, dovuti a elevati livelli di disoccupazione o di povertà nell occupazione presso i genitori. Nel Regno Unito, la disoccupazione riguarda essenzialmente i genitori single, mentre negli altri paesi colpisce soprattutto le coppie con figli. I problemi principali sono la scarsa intensità del lavoro (per esempio, lavoro part-time) e le basse retribuzioni. Nel Regno Unito e in Ungheria si cerca di attenuare parte del rischio mediante benefici sociali, mentre a Malta sono le forti strutture familiari a tutelare i bambini. Gruppo D: Grecia, Italia, Lituania, Lettonia, Lussemburgo, Polonia, Portogallo e Spagna registrano livelli relativamente alti di povertà infantile. Un numero basso di bambini vive in famiglie con adulti disoccupati, ma vi sono altissime percentuali di lavoratori poveri nelle famiglie. I principali fattori di questa povertà nell occupazione, in questi paesi, sono la scarsa intensità del lavoro e la bassa retribuzione. Anche il livello e l efficienza della spesa sociale sono scarsi, fra i più bassi nell UE. Le strutture familiari e la solidarietà intergenerazionale svolgono un ruolo essenziale nell attenuare questi effetti negativi. L approccio di maggior successo La povertà infantile e i provvedimenti per attenuarla è il risultato di complesse interazioni fra strutture dei nuclei familiari, condizioni del mercato del lavoro, sostegno del governo e altri fattori ancora. Le politiche di maggiore successo, di conseguenza, sono quelle che riescono ad affrontare la povertà infantile su più fronti. In più, i paesi che ottengono i risultati migliori sono quelli che sono riusciti a combinare in modo efficace un approccio universale (per esempio, sostegno al reddito di famiglie con figli) con misure mirate ai gruppi più vulnerabili (per esempio, servizi di custodia dei bambini nelle aree degradate). Questi paesi, inoltre, affrontano la povertà infantile su tutti i fronti, combinando segnatamente politiche che agevolano l accesso al mercato del lavoro e a vari servizi (istruzione, sanità) con il sostegno al reddito. 6 Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile

7 Politiche per prevenire e affrontare la povertà infantile La povertà infantile è un elemento particolare delle politiche di eliminazione della povertà ed esclusione sociale per due ragioni: 1) i bambini sono uno dei gruppi più vulnerabili della società; 2) affrontare la povertà infantile significa spezzare il ciclo che tramanda la povertà da una generazione alla successiva, e di conseguenza contribuire a ridurre la povertà generale. Gli Stati membri hanno adottato varie politiche, e tra queste le più efficaci sono quelle che uniscono il sostegno universale a tutti i bambini a politiche mirate ai più vulnerabili. Garantire risorse sufficienti alle famiglie Sostegno al reddito delle famiglie Tutti i paesi UE concedono, in qualche misura, un sostegno al reddito delle famiglie con figli. I sistemi fiscali e di benefici ridistribuiscono le entrate alle famiglie in vari modi, per esempio meccanismi che tengono conto della composizione familiare (agevolazioni fiscali, separazione dei redditi ecc.), prestazioni in denaro (assegni familiari, indennità di disoccupazione ecc.) e in natura (accesso a servizi gratuiti ecc.). Quasi tutti i paesi uniscono prestazioni universali e mirate. Le prestazioni universali sono ripartite fra tutte le famiglie con figli e spesso sono determinate in funzione delle dimensioni della famiglia. Vantaggi principali di questi meccanismi: aiutano a creare un ambiente favorevole nelle famiglie con figli, non sono discriminatori e non sono soppressi se i genitori trovano lavoro. Le prestazioni mirate sostengono le famiglie più vulnerabili (famiglie con basso reddito, monoparentali, numerose, con figli disabili ecc.). Hanno lo scopo di ridistribuire i trasferimenti sociali ai gruppi più bisognosi. Nel caso di famiglie con basso reddito, tuttavia, possono però rappresentare un disincentivo a trovare lavoro o a lavorare di più. Alcuni provvedimenti specifici possono ovviare a questi «effetti trappola» per i genitori. Anche altre prestazioni sociali sostengono il reddito familiare e i loro livelli possono dipendere talvolta dal numero di figli nel nucleo familiare: indennità di disoccupazione, alloggi di edilizia popolare, reddito di base garantito, salari minimi ecc. Le prestazioni familiari, mediamente, rappresentano circa la metà delle prestazioni complessive in denaro distribuite alle famiglie con figli, e comprendono sostegno al reddito durante il congedo per maternità e assegni familiari tesi a compensare parzialmente i costi derivanti dai figli ( 4 ). ( 4 ) Documento di accompagnamento alla «Relazione congiunta sulla protezione sociale e l inclusione sociale 2008», Bruxelles Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile 7

8 % di tutti i bambini Rischio di povertà infantile prima e dopo i trasferimenti sociali Prima dei trasferimenti sociali (tranne le pensioni) Dopo i trasferimenti sociali 0 EU-25 BE BG CZ DK DE EE IE EL ES FR IT CY LV LT LU HU MT NL AT PL PT SI SK FI SE UK Fonte: EU-SILC (2006); anno di reddito 2005; tranne Regno Unito (UK) (anno di reddito 2006) e Irlanda (IE) (periodo di riferimento mobile del reddito 2005/2006); Bulgaria (BG): indagine nazionale 2006 sui bilanci di famiglia Fornitura di prestazioni in natura Molti Stati membri sostengono le famiglie tramite servizi gratuiti o a costo ridotto. Questi servizi sono universali o mirati alle famiglie più bisognose. Alcuni servizi sono mirati direttamente ai bambini (per esempio, mediante assistenza sanitaria preventiva nelle scuole, mensa scolastica o attività ricreative), altri sono diretti alle famiglie (per esempio, attraverso gli alloggi dell edilizia popolare). I più efficaci sono in genere i servizi integrati. Migliore integrazione dei genitori nel mercato del lavoro Quasi tutti gli Stati membri promuovono meccanismi per migliorare la partecipazione dei genitori al mercato del lavoro, integrando il sostegno al reddito familiare. Fra i provvedimenti adottati abbiamo misure compensative del reddito (riduzioni fiscali o prestazioni in denaro per i lavoratori che percepiscono salari bassi) e accesso gratuito o sovvenzionato alle strutture di custodia dei bambini (per garantire ai genitori il tempo di svolgere un lavoro retribuito, cercare lavoro o seguire corsi di formazione). Anche i programmi di formazione e qualificazione aiutano i genitori a entrare nel mercato del lavoro, o a rientrarvi dopo un interruzione. Questi provvedimenti possono riguardare specifiche categorie di genitori, quali genitori single, disoccupati, in famiglie con adulti disoccupati, in famiglie dove rappresentano la seconda fonte di reddito. Tutti i paesi evidenziano l importanza del giusto equilibrio fra lavoro e vita familiare. È fondamentale rendere accessibili le strutture di custodia dei bambini. Alcuni paesi sottolineano la necessità di sviluppare adeguate strutture di custodia dei bambini, sia per quelli in età prescolastica che in generale per le ore successive all uscita da scuola. Gli Stati membri hanno adottato misure quali l incremento dei servizi di queste strutture, a livello quantitativo (per esempio, maggiore disponibilità di assistenza istituzionale ambulatoriale) e qualitativo (per esempio, personale più numeroso e più qualificato, promozione di standard di qualità). Alcuni paesi assicurano ai genitori una migliore scelta, sostenendo una più ampia gamma di meccanismi di assistenza. Altri paesi concedono 8 Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile

9 sostegno a meccanismi flessibili e on-demand di custodia dei bambini (per esempio, assistenza all infanzia 24 ore su 24, 7 giorni su 7) per affrontare la questione degli orari di lavoro atipici e le specifiche esigenze di chi è in cerca di lavoro. In Finlandia, ogni bambino gode del diritto individuale all assistenza ambulatoriale municipale prima dell età scolastica (-7) a prescindere dal reddito dei genitori e dalla loro situazione occupazionale. L assistenza è gratuita per le famiglie a basso reddito. Importantissima anche l estensione di accordi lavorativi favorevoli alla vita familiare. Per esempio, i genitori possono essere scoraggiati dall accettare un lavoro che comporti un orario di lavoro atipico. Gli orari di lavoro flessibili e gli accordi in materia di congedi facilitano ai genitori il compito di trovare un equilibrio fra vita professionale e vita familiare. L efficacia del congedo parentale dipende da due fattori: durata ottimale e retribuzione o no del congedo. Un congedo troppo breve non consente facilmente di riconciliare vita professionale e vita privata, mentre un interruzione troppo lunga può avere conseguenze negative sulle prospettive del genitore di rientrare nel mercato del lavoro o sulle condizioni in base alle quali potrà trovare un nuovo lavoro. Numerosi paesi prevedono misure che coinvolgono i datori di lavoro (in collaborazione con i sindacati) nella fornitura di strutture aziendali/convenzionate per la custodia dei figli e nella definizione di orari di lavoro flessibili. Sostegno allo sviluppo dei bambini Al fine di ridurre il rischio di povertà infantile, è essenziale fare in modo che un bambino cresca con il massimo delle opportunità durante il periodo dell infanzia e della gioventù. Gli Stati membri hanno definito politiche tese a sostenere e tutelare i bambini nel loro sviluppo. Interventi precoci: I fatti indicano che l istruzione prescolastica può essere molto importante e compensare gli svantaggi socioeconomici delle famiglie, aprendo così la strada a un futuro sviluppo proficuo del bambino. Alcuni paesi stanno aumentando gli stanziamenti dedicati all istruzione prescolastica (IE, UK, IT) al fine di aumentare la fornitura di servizi educativi nelle aree urbane o rurali degradate. Altri hanno fissato obiettivi per incrementare il numero di posti disponibili e il numero di insegnanti nell istruzione prescolastica. L aumento del numero di posti e gli interventi precoci sono strumenti che servono a garantire pari opportunità nel resto della futura carriera scolastica di un bambino. L attenzione sul periodo prescolastico è inoltre strettamente correlata con la capacità dei genitori di lavorare: aumentando la disponibilità e l accesso alle strutture di custodia dei bambini, i genitori godono di una maggiore libertà di entrare nel mercato del lavoro. Prevenzione dell abbandono scolastico precoce: I giovani che abbandonano precocemente la scuola vanno incontro a un alto rischio di esclusione dal mercato del lavoro, di precarietà e di occupazione scarsamente qualificata. L abbandono scolastico precoce è un problema sociale molto diffuso, non solo presso bambini e giovani svantaggiati, ma anche fra i ragazzi di più alta estrazione sociale. Il difficile passaggio alla scuola secondaria e l incapacità delle famiglie di prendersi correttamente cura dei propri figli sono due delle cause che spingono bambini e giovani a lasciare la scuola. Le iniziative rivolte a questa categoria di ragazzi dovrebbero incentrarsi sulla qualità dei servizi didattici offerti, e sulla loro capacità di adeguarsi alle sfide della società moderna. Occorre una stretta interazione fra le diverse parti coinvolte (insegnanti, assistenti sociali, medici specialisti e famiglie) nonché un approccio su misura per le situazioni e le esigenze individuali. Alcune delle misure attuate riguardano il sostegno didattico agli studenti in difficoltà, l integrazione di sistemi lavorativi e scolastici, strutture educative al di fuori della scuola e cooperazione fra famiglie. Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile 9

10 Consulenza ai genitori Al fine di creare un buon ambiente per i bambini, è necessario sostenere le famiglie nel loro ruolo di genitori. Molti paesi, di conseguenza, sostengono anche servizi di consulenza genitoriale, la cui finalità è di promuovere un ambiente sicuro nel quale i bambini possono crescere e svilupparsi. Assistenza sanitaria: I bambini nati da famiglie a basso reddito hanno maggiori probabilità di avere successivamente cattive condizioni di salute, poiché non accedono regolarmente ai servizi medico-sanitari. Le politiche, pertanto, sono mirate a garantire pari opportunità di accesso all assistenza sanitaria per i bambini, i giovani e le loro famiglie. Numerosi Stati membri hanno varato iniziative innovative, comprendenti assistenza preventiva (per esempio, regolari controlli per i bambini), reparti maternità e pediatrici gratuiti, nonché consulenti sanitari nelle scuole per eseguire vaccinazioni, assicurare cure dentistiche, fornire consigli di natura psicologica, fornire informazioni sull abuso di so stanze stupefacenti, contribuire alla salute e all educazione sessuale e promuovere buone abitudini alimentari. Per garantire il successo di queste iniziative, però, occorre superare gli ostacoli finanziari e molti paesi stanno elaborando metodi per sormontare quelli non coperti dall assicurazione sanitaria. I servizi medico-sanitari incontrano però anche ostacoli di tipo non finanziario, quali per esempio la mancanza di informazione sui servizi disponibili, le barriere culturali o la disparità di competenza professionale fra le regioni. Persino laddove i servizi sono universali, occorrono sempre strategie per promuovere un accesso efficace, poiché spesso le persone vulnerabili, se non sono guidate e ben informate, non ricorrono ai servizi a disposizione. Alloggio: Sono sempre più le famiglie con problemi di alloggio, e questo ovviamente si ripercuote negativamente sulla salute, il benessere e lo sviluppo dei figli. Molti bambini vivono in abitazioni inadeguate o addirittura insalubri. Pertanto, sono necessarie strategie per ovviare alla carenza di alloggi e agli aumenti dei prezzi delle abitazioni in affitto e in vendita. Eliminare le baraccopoli, sovvenzionare maggiormente gli alloggi dell edilizia popolare e utilizzare il territorio con maggiore efficacia sono priorità chiave di numerosi paesi. Sono in corso di elaborazione strategie per evitare che i bambini siano allontanati dalle proprie abitazioni (Svezia) o per ridurre il numero di famiglie che vivono in alloggi provvisori (Regno Unito). Alcuni degli obiettivi prioritari: garantire un rifugio non condizionato ai ragazzi di strada o alle famiglie con figli prive di alloggio, sviluppare l edilizia popolare laddove la domanda è superiore alla fornitura, promuovere la diversità sociale per evitare la formazione di aree di esclusione, agevolare la fluidità del mercato degli affitti. Interventi mirati per i bambini e le famiglie più vulnerabili Ragazzi in affidamento e bambini disabili È sempre più accettato il fatto che l affidamento sia preferibile alla sistemazione in istituto, in quanto i ragazzi possono fruire di un ambiente più stabile, stimolante e simile a quello di una famiglia. Occorre pertanto reclutare più genitori affidatari e garantire la qualità del loro servizio, in modo che i ragazzi non debbano cambiare periodicamente casa e famiglia. Vengono altresì adottate politiche incentrate sull after-care, per preparare i ragazzi a una vita indipendente, a entrare nel mondo del lavoro o dell istruzione continua una volta diventati adulti. Quasi tutti gli Stati membri assicurano sostegno e assistenza finanziaria alle famiglie con bambini disabili, anche mediante strutture specialistiche per la riabilitazione e l educazione. È tuttavia posto l accento anche sulla necessità di consentire ai ragazzi con disabilità di fruire delle strutture generali, segnatamente facendo in modo che le strutture destinate all assistenza ai ragazzi «normali» siano aperte anche ai ragazzi con esigenze speciali. 10 Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile

11 I bambini e le famiglie in aree degradate (per esempio, periferie urbane in degrado e zone rurali spopolate) sono a più alto rischio di povertà. L istruzione e la rivitalizzazione urbana o rurale vengono pertanto adottate come importanti strategie a lungo termine. Le famiglie di immigranti o appartenenti a minoranze etniche hanno diritto alle stesse misure adottate per ogni altra famiglia. Nondimeno, talvolta è necessario un approccio maggiormente mirato per garantire l inclusione sociale: per esempio, per i rom in Repubblica slovacca, i bambini turchi e rom in Bulgaria, i migranti in Irlanda e i bambini dei richiedenti asilo. Spesso, i provvedimenti specifici a sostegno delle famiglie di immigranti sono incentrati sul miglioramento dell integrazione (anche tramite l apprendimento della lingua). Altri bambini e famiglie in situazioni particolarmente vulnerabili Questa categoria comprende bambini a rischio di abusi o violenze, ragazzi di strada, giovani delinquenti, tossicodipendenti, famiglie che vivono in alloggi provvisori o decisamente inadeguati, famiglie dichiarate incapaci di provvedere ai propri figli. In queste situazioni, gli Stati membri tendono a ricercare misure preventive tese a minimizzare i rischi (quali abbandono dei figli o loro allontanamento dalla casa). Per questi gruppi è fondamentale che i servizi sociali siano perfettamente all altezza; tali servizi operano con maggiore efficacia se possono fruire di adeguati finanziamenti e se adottano un approccio integrato. Rafforzamento della governance per un maggiore impatto sulla povertà infantile Le politiche devono rispecchiare la natura pluridimensionale della povertà e dell esclusione, e devono garantire i servizi esattamente dove servono, cioè sul campo. Per conseguire tale scopo è importante adottare un approccio integrato e coordinato per l attuazione delle politiche di inclusione sociale. La convenzione delle Nazioni Unite per i diritti dell infanzia ha contribuito ad aumentare la sensibilizzazione sull importanza dei diritti dei bambini. In effetti, diversi Stati membri ora tutelano i diritti dei bambini mediante normative o decisioni amministrative. In quasi tutti i paesi, tuttavia, è necessario catalizzare ancor più sinergie fra le strategie di lotta alla povertà e le politiche dei diritti dei bambini. I diritti ai servizi e a un livello qualitativo minimo devono ancora essere messi a punto in numerosi Stati membri. Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile 11

12 KE IT-N Per ulteriori informazioni Nel sito web della Commissione europea dedicato alla protezione e all integrazione sociale è possibile trovare il testo integrale della relazione: Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione. Comunità europee, 2008 Riproduzione autorizzata con citazione della fonte. DOI /46007

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave MEMO/08/XXX Bruxelles, 16 ottobre 2008 La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave La Commissione europea pubblica oggi il resoconto annuale delle tendenze sociali negli Stati

Dettagli

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso,

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso, Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 213 Presentazione di J.M. Barroso, Presidente della Commissione europea, al Consiglio europeo del 14-1 marzo 213 La ripresa economica

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI ALLEGATO B Compilare l atto di candidatura, stamparlo, firmarlo ed inviarlo all Agenzia Nazionale LLP Italia per posta, o a mezzo fax nelle modalità specificate nell Invito a presentare candidature ESPERTI

Dettagli

ATTO DI CANDIDATURA. Posizione professionale attuale

ATTO DI CANDIDATURA. Posizione professionale attuale LOGO MLPS/MIUR ALLEGATO B N di Protocollo ATTO DI CANDIDATURA ESPERTI INDIPENDENTI NEL QUADRO DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME: NOME(I): DATA DI NASCITA (GG/MM/AAAA): / /

Dettagli

Sondaggio d'opinione paneuropeo sulla salute e la sicurezza sul lavoro

Sondaggio d'opinione paneuropeo sulla salute e la sicurezza sul lavoro Sondaggio d'opinione paneuropeo sulla salute e la sicurezza sul lavoro Risultati in Europa e Italia - Maggio 2013 Risultati rappresentativi in 31 Paesi europei partecipanti per l'agenzia europea per la

Dettagli

Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE

Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE L'obiettivo di questa ricerca speciale sugli atteggiamenti degli europei nei confronti della donazione e della trasfusione di sangue

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 27.1.2009 COM(2009) 9 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Monitoraggio delle emissioni di CO2 delle automobili

Dettagli

COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE?

COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE? COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE? 2/09/2008-22/10/2008 329 risposte PARTECIPAZIONE Paese DE - Germania 55 (16.7%) PL - Polonia 41 (12.5%) DK - Danimarca 20 (6.1%) NL - Paesi Bassi

Dettagli

Agenzia Nazionale LLP Italia Sistema di Gestione Qualità Certificato UNI EN ISO 9001:2000 - CSICERT N SQ062274

Agenzia Nazionale LLP Italia Sistema di Gestione Qualità Certificato UNI EN ISO 9001:2000 - CSICERT N SQ062274 Programma di Apprendimento Permanente Allegato all Invito Generale a presentare proposte 2007 Disposizioni finanziarie e importi dei contributi comunitari definiti dall Agenzia LLP Italia 1. Comenius Partenariati

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Le politiche per l occupazione giovanile in Spagna

Le politiche per l occupazione giovanile in Spagna Le politiche per l occupazione giovanile in Spagna Jordi García a Viña Pepa Burriel Rodríguez Universitat de Barcelona INDICE Situazione Economica Riferimenti storici Situazione attuale Soluzioni concrete

Dettagli

Commissione europea PROGRAMMA SOCRATES. Modulo di candidatura per PROPOSTE PRELIMINARI

Commissione europea PROGRAMMA SOCRATES. Modulo di candidatura per PROPOSTE PRELIMINARI Riservato alla Commissione Numero Data del timbro postale Commissione europea PROGRAMMA SOCRATES Modulo di candidatura per PROPOSTE PRELIMINARI Barrare la casella corrispondente all Azione cui si riferisce

Dettagli

Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia 17 marzo 2014 Bollettino Flash

Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia 17 marzo 2014 Bollettino Flash Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia Bollettino Flash 17 marzo 2014 Confagricoltura ha espresso più volte la propria preoccupazione

Dettagli

Salute: Preparativi per le vacanze viaggiate sempre con la vostra tessera europea di assicurazione malattia (TEAM)?

Salute: Preparativi per le vacanze viaggiate sempre con la vostra tessera europea di assicurazione malattia (TEAM)? MEMO/11/406 Bruxelles, 16 giugno 2011 Salute: Preparativi per le vacanze viaggiate sempre con la vostra tessera europea di assicurazione malattia (TEAM)? Non si sa mai. Pensate di recarvi in un paese dell'ue,

Dettagli

INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 -

INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 - INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 - Premessa A far data dal 1 maggio 2010 sono entrati

Dettagli

Istruzione e formazione. Istruzione e formazione degli adulti in Europa. Ampliare l accesso alle opportunità di apprendimento.

Istruzione e formazione. Istruzione e formazione degli adulti in Europa. Ampliare l accesso alle opportunità di apprendimento. Istruzione e formazione degli adulti in Europa Ampliare l accesso alle opportunità di apprendimento Rapporto Eurydice Istruzione e formazione Istruzione e formazione degli adulti in Europa: ampliare l'accesso

Dettagli

Ho chiesto asilo nell UE Quale paese gestirà. la mia domanda?

Ho chiesto asilo nell UE Quale paese gestirà. la mia domanda? IT Ho chiesto asilo nell UE Quale paese gestirà la mia domanda? A Informazioni sul regolamento Dublino per i richiedenti protezione internazionale, a norma dell articolo 4 del Regolamento (UE) n. 604/2013

Dettagli

IL FONDO SOCIALE EUROPEO E LA PROMOZIONE DELLE PARI OPPORTUNITÀ

IL FONDO SOCIALE EUROPEO E LA PROMOZIONE DELLE PARI OPPORTUNITÀ IL FONDO SOCIALE EUROPEO E LA PROMOZIONE DELLE PARI OPPORTUNITÀ SCHEDA RIASSUNTIVA Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 giugno 2015 Aprile 2015 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di aprile 2015 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali aumenta dello 0,5% rispetto al mese precedente

Dettagli

PROGRAMMI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NEL SETTORE DELL ISTRUZIONE

PROGRAMMI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NEL SETTORE DELL ISTRUZIONE PROGRAMMI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NEL SETTORE DELL ISTRUZIONE Pubblicato il Bando per la presentazione di proposte relativo al Programma Socrates a sostegno del settore dell'istruzione Obiettivi

Dettagli

Note esplicative sul modulo di opposizione

Note esplicative sul modulo di opposizione UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (UAMI) (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) Note esplicative sul modulo di opposizione 1. Osservazioni generali 1.1 Uso del modulo Si può ottenere questo modulo

Dettagli

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c.

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c. CIRCOLARE N 2/2007 Tivoli, 29/01/2007 Oggetto: NOVITA MODELLI INTRASTAT. Spett.le Clientela, dal 1 gennaio 2007 la ROMANIA e la BULGARIA sono entrate a far parte dell Unione Europea, pertanto le merci

Dettagli

Le principali sfide per combattere lo svantaggio in Italia

Le principali sfide per combattere lo svantaggio in Italia Le principali sfide per combattere lo svantaggio in Italia Filippo Strati (Studio Ricerche Sociali), membro dello European Network of Independent Experts on Social Inclusion Aumento dei rischi sociali

Dettagli

IL SOSTEGNO IN ETA PRESCOLARE MESSAGGI POLITICI

IL SOSTEGNO IN ETA PRESCOLARE MESSAGGI POLITICI IL SOSTEGNO IN ETA PRESCOLARE MESSAGGI POLITICI Introduzione Questo documento propone una panoramica delle principali conclusioni e raccomandazioni indicate dall Agenzia Europea per lo Sviluppo dell Istruzione

Dettagli

RELAZIONE CONGIUNTA PER IL 2009 SULLA PROTEZIONE E SULL INCLUSIONE SOCIALE SOMMARIO

RELAZIONE CONGIUNTA PER IL 2009 SULLA PROTEZIONE E SULL INCLUSIONE SOCIALE SOMMARIO RELAZIONE CONGIUNTA PER IL 2009 SULLA PROTEZIONE E SULL INCLUSIONE SOCIALE SOMMARIO Inclusione sociale, pensioni, sanità e assistenza a lungo termine Commissione europea 1 Questa pubblicazione è sostenuta

Dettagli

Sondaggio paneuropeo d'opinione sulla salute e la sicurezza sul lavoro

Sondaggio paneuropeo d'opinione sulla salute e la sicurezza sul lavoro Sondaggio paneuropeo d'opinione sulla salute e la sicurezza sul lavoro Risultati rappresentativi nei 2 Stati membri dell'unione europea Blocco comprensivo dei risultati per l'eu2 e per l'italia Struttura

Dettagli

Il differenziale retributivo in Europa

Il differenziale retributivo in Europa Il differenziale retributivo in Europa Il differenziale retributivo di genere gender pay gap, misura la differenza relativa alle retribuzioni delle donne e degli uomini, ovvero il risultato delle discriminazioni

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 febbraio 2015 Dicembre 2014 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di dicembre 2014 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali diminuisce dell 1,8% rispetto al

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni 2004R0911 IT 01.01.2007 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 911/2004 DELLA COMMISSIONE del 29 aprile

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 24 febbraio 2014 Dicembre 2013 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI A partire dal mese corrente, l Istat avvia la diffusione mensile degli indici dei prezzi all importazione dei prodotti industriali.

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

I sistemi pensionistici

I sistemi pensionistici I sistemi pensionistici nei Paesi membri Comitato Esecutivo FERPA Bruxelles, 24/02/2012 Enrico Limardo Paesi coinvolti nella ricerca Austria Francia Italia UK Spagna Portogallo Germania Romania Belgio

Dettagli

1. Da quanto tempo conduce ispezioni nel campo della certificazione biologica?

1. Da quanto tempo conduce ispezioni nel campo della certificazione biologica? Spettabile bio ispettore, Grazie dell'interesse mostrato nei confronti del nostro progetto e di aver preso parte al nostro questionario on line. Il suo contributo ci darà preziose indicazioni per il nostro

Dettagli

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE AUSTRIA BELGIO CIPRO DANIMARCA ESTONIA FINLANDIA FRANCIA La pensione ordinaria è erogata al compimento del 60 anno di età

Dettagli

IL FONDO SOCIALE EUROPEO E DISABILI

IL FONDO SOCIALE EUROPEO E DISABILI IL FONDO SOCIALE EUROPEO E DISABILI SCHEDA RIASSUNTIVA Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere

Dettagli

II OSSERVATORIO EUROPEO DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI

II OSSERVATORIO EUROPEO DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI II OSSERVATORIO EUROPEO DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI Un confronto tra Italia e resto d Europa alla luce dei cambiamenti del modello di distribuzione Milano, 29 giugno 2015 Contenuti Osservatorio 2015

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO IT IT IT COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 11.3.2011 COM(2011) 116 definitivo RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO Qualità della benzina e del combustibile diesel utilizzati per

Dettagli

ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE

ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE

Dettagli

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Premessa La crisi economica è ancora argomento d attualità. Lungi dal perdersi nell analisi approfondita di indici economici e nella ricerca di una verità nei

Dettagli

IL CONCETTO DI SCAMBIO INTERCULTURALE: UNA GRANDE RISORSA.

IL CONCETTO DI SCAMBIO INTERCULTURALE: UNA GRANDE RISORSA. IL CONCETTO DI SCAMBIO INTERCULTURALE: UNA GRANDE RISORSA. COME STUDIARE ALL ESTERO Per studiare all estero, le università italiane, in accordo con i progetti europei e con i trattati internazionali, rendono

Dettagli

Cifre chiave sull insegnamento delle lingue a scuola in Europa 2012

Cifre chiave sull insegnamento delle lingue a scuola in Europa 2012 Cifre chiave sull insegnamento delle lingue a scuola in Europa 2012 Lo studio Cifre chiave sull insegnamento delle lingue a suola in Europa 2012 offre un quadro completo dei sistema di insegnamento delle

Dettagli

IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO. Intervento a Urbanpromo 2012 di. Mario Breglia. (Presidente di Scenari Immobiliari)

IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO. Intervento a Urbanpromo 2012 di. Mario Breglia. (Presidente di Scenari Immobiliari) IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO Intervento a Urbanpromo 2012 di Mario Breglia (Presidente di Scenari Immobiliari) OTTOBRE 2012 1 1. Introduzione Il termine social housing è difficile

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

Internet@Italia. La popolazione italiana e l uso di Internet. Viale del Policlinico, 147 00161 Roma tel +39 06 5480 1 fax +39 06 5480 4400 www.fub.

Internet@Italia. La popolazione italiana e l uso di Internet. Viale del Policlinico, 147 00161 Roma tel +39 06 5480 1 fax +39 06 5480 4400 www.fub. fub_istat_copertina_01_copertina 13/11/14 11.06 Pagina 1 Internet@Italia 2013 Internet@Italia 2013 La popolazione italiana e l uso di Internet Viale del Policlinico, 147 00161 Roma tel +39 06 5480 1 fax

Dettagli

In caso di inabilità determinata da responsabilità altrui, allegare: copia digitalizzata del mod. AS1.

In caso di inabilità determinata da responsabilità altrui, allegare: copia digitalizzata del mod. AS1. Per l'accesso al servizio è necessario che il richiedente sia in possesso di PIN di tipo dispositivo. Per la richiesta della conversione del PIN da semplice a dispositivo occorre compilare e sottoscrivere

Dettagli

Libera circolazione delle persone e regimi di sicurezza sociale nell ambito dell UE con particolare riguardo ai rapporti di lavoro

Libera circolazione delle persone e regimi di sicurezza sociale nell ambito dell UE con particolare riguardo ai rapporti di lavoro Libera circolazione delle persone e regimi di sicurezza sociale nell ambito dell UE con particolare riguardo ai rapporti di lavoro di Tiziano Argazzi [*] 1. Premessa Quali sono i miei diritti pensionistici

Dettagli

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE L 318/20 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.12.2011 DECISIONI DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 25 novembre 2011 relativa ad una partecipazione finanziaria aggiuntiva ai programmi di

Dettagli

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Un analisi fondata su coorti e tempo Età nell anno t: Anno Nascita 2004 2011 2020 1950 54 61 70 1955

Dettagli

Migliori pratiche nei servizi sanitari per gli immigrati in Europa Analisi delle leggi e le politiche nei paesi europei partecipanti

Migliori pratiche nei servizi sanitari per gli immigrati in Europa Analisi delle leggi e le politiche nei paesi europei partecipanti Migliori pratiche nei servizi sanitari per gli immigrati in Europa L'obiettivo generale di EUGATE (Best Practice in Health Services for Inmigrants in Europe) è stato quello di individuare le buone pratiche

Dettagli

Nota metodologica. Definizioni: Imposte ambientali

Nota metodologica. Definizioni: Imposte ambientali Nota metodologica Definizioni: Imposte ambientali La Commissione Europea fornisce una definizione di imposte ambientali nel volume "Environmental taxes a statistical guideline" (2001), come una imposta

Dettagli

Special EUROBAROMETER 243 EUROPEANS AND THEIR LANGUAGES INTRODUZIONE

Special EUROBAROMETER 243 EUROPEANS AND THEIR LANGUAGES INTRODUZIONE INTRODUZIONE Nell Unione Europea vivono oggi 450 milioni di persone circa con retroterra etnici, culturali e linguistici assai diversi. L assetto linguistico dei paesi europei sono il complesso risultato

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ATTENZIONE: LA PRESENTE SCHEDA RIGUARDA LA SCUOLA PRIMARIA E LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SI PREGA DI LEGGERE LE SEGUENTI ISTRUZIONI CON LA MASSIMA ATTENZIONE Anche per il 0 è prevista la raccolta

Dettagli

EFFETTI DELLA RIDUZIONE DELL IVA NEI

EFFETTI DELLA RIDUZIONE DELL IVA NEI Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro Direttore responsabile: Edi Sommariva Numero 35-09 EFFETTI DELLA RIDUZIONE DELL IVA NEI PUBBLICI ESERCIZI A cura di L. Sbraga e G. Erba Il processo

Dettagli

IL COORDINAMENTO EUROPEO NELLE POLITICHE DI PROTEZIONE SOCIALE

IL COORDINAMENTO EUROPEO NELLE POLITICHE DI PROTEZIONE SOCIALE IL COORDINAMENTO EUROPEO NELLE POLITICHE DI PROTEZIONE SOCIALE Gianni Geroldi Università di Parma (13 maggio 2003) Con il Trattato di Amsterdam 1997 i Paesi della Unione Europea hanno deciso concordemente

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

Schengen, l open space d Europa

Schengen, l open space d Europa Schengen, l open space d Europa La storia, gli sviluppi normativi, l organizzazione e le prospettive della Convenzione che dal 1995 ha abbattuto progressivamente le frontiere degli Stati europei, dando

Dettagli

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano SISTEMI SANITARI EUROPEI MODELLI A CONFRONTO Il sistema sanitario italiano Domenico Iscaro Presidente Nazionale Anaao-Assomed Firenze, 13 febbraio 2015 IN ITALIA PRIMA DEL 1978 Sistema mutualistico (modello

Dettagli

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA Sulle retribuzioni più basse meno tasse fino a 1.700 euro all anno ================================================= Il cuneo fiscale in Italia è in discesa.

Dettagli

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane di Francesca Fazio Uno stage presso la Commissione europea? È il sogno di molti ragazzi italiani

Dettagli

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition Summary in Italian Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Riassunto in italiano L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco

Dettagli

Doing Better for Children. Fare meglio per l infanzia. Summary in Italian. Sintesi in italiano

Doing Better for Children. Fare meglio per l infanzia. Summary in Italian. Sintesi in italiano Doing Better for Children Summary in Italian Fare meglio per l infanzia Sintesi in italiano Attingendo a un ampia gamma di fonti informative, la presente pubblicazione definisce e analizza diversi indicatori

Dettagli

CHE COSA RENDE UN INSEGNANTE UN BUON INSEGNANTE?

CHE COSA RENDE UN INSEGNANTE UN BUON INSEGNANTE? CHE COSA RENDE UN INSEGNANTE UN BUON INSEGNANTE? Simona Baggiani La scuola sono i professori, nel bene e nel male, questo è un dato incontrovertibile. In altre parole: serve un buon insegnante per fare

Dettagli

Valutazione degli alunni e certificazione nel panorama europeo

Valutazione degli alunni e certificazione nel panorama europeo Valutazione degli alunni e certificazione nel panorama europeo di Alessandra Mochi, Unità italiana di Eurydice INDIRE La valutazione degli alunni è un aspetto fondamentale dell insegnamento e dell apprendimento

Dettagli

European Payment Index 2010. In Europa la perdita su crediti ha raggiunto 300 miliardi di Euro, l equivalente del debito nazionale della Grecia.

European Payment Index 2010. In Europa la perdita su crediti ha raggiunto 300 miliardi di Euro, l equivalente del debito nazionale della Grecia. European Payment Index 2010 In Europa la perdita su crediti ha raggiunto 300 miliardi di Euro, l equivalente del debito nazionale della Grecia. Intrum Justitia Unica multinazionale quotata in borsa leader

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope LIFELONG LEARNING PROGRAMME (LLP) ERASMUS - A.A. 2012/2013 BANDO DI MOBILITA PER ATTIVITA DIDATTICA

Università degli Studi di Napoli Parthenope LIFELONG LEARNING PROGRAMME (LLP) ERASMUS - A.A. 2012/2013 BANDO DI MOBILITA PER ATTIVITA DIDATTICA Art. 1- Indizione della selezione 1. Con il presente Bando l Università degli Studi di Napoli Parthenope indice una procedura di selezione per assegnare n. 2 borse di Mobilità per attività didattica (Mobilità

Dettagli

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA L OSSERVATORIO 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA LAUREATI, DISOCCUPATI E SCORAGGIATI 14 Aprile 2014 Nella prima metà degli anni Cinquanta, per le strade circolavano poco più di 400mila

Dettagli

OFFERTA DI COMPETENZE

OFFERTA DI COMPETENZE IT LA FUTURA OFFERTA DI COMPETENZE IN EUROPA PREVISIONI A MEDIO TERMINE FINO AL RISULTATI CHIAVE Oltre Lisbona: verso una societá basata sulla conoscenza L evoluzione della struttura delle qualifiche Le

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 21.5.2012 COM(2012) 226 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI Strategie

Dettagli

Speciale Eurobarometro del Parlamento europeo 75.2. Lavoro volontario

Speciale Eurobarometro del Parlamento europeo 75.2. Lavoro volontario Direzione generale Comunicazione Direzione delle Relazioni con i cittadini Unità per il seguito dell'opinione pubblica Speciale Eurobarometro del Parlamento europeo Lavoro volontario Bruxelles, 27 giugno

Dettagli

IP/10/1602. Bruxelles, 25 novembre 2010

IP/10/1602. Bruxelles, 25 novembre 2010 IP/10/1602 Bruxelles, 25 novembre 2010 Nel luglio 2010 circa un terzo delle linee europee a banda larga viaggiava a velocità superiori a 10 Mbps (15% nel luglio 2009). Velocità maggiori di trasmissione

Dettagli

Modernised EU Social Security Coordination

Modernised EU Social Security Coordination Modernised EU Social Security Coordination La nuova regolamentazione comunitaria PARTE GENERALE DISPOSIZIONI COMUNI 1 Campo di applicazione soggettivo o ratione personae I nuovi regolamenti si applicano

Dettagli

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L Italia è 136esima a livello mondiale e ultima in Europa: dal 2011 siamo retrocessi di 13 posizioni. Continuano a pesare la conflittualità tra

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.7.2012 COM(2012) 385 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI sull attuazione

Dettagli

Obiettivi. Priorità permanenti. Priorità annuali 2011

Obiettivi. Priorità permanenti. Priorità annuali 2011 Gioventù in Azione 2007-20132013 INIZIATIVE GIOVANI Agenzia Nazionale per i Giovani Priorità ed obiettivi del programma Obiettivi Cittadinanza attiva Solidarietà e tolleranza tra i giovani Comprensione

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

L assicurazione di qualità nella formazione degli insegnanti in Europa

L assicurazione di qualità nella formazione degli insegnanti in Europa Direzione Generale Istruzione e Cultura L assicurazione di qualità nella formazione degli insegnanti in Europa Commissione europea L assicurazione di qualità nella formazione degli insegnanti in Europa

Dettagli

LIFELONG LEARNING PROGRAMME

LIFELONG LEARNING PROGRAMME Sapienza Università di Roma Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione Aree Sociologiche, servizio sociale e Relazioni Economiche Internazionali LIFELONG LEARNING PROGRAMME ERASMUS STUDENT

Dettagli

Statistiche matrimonio e divorzio Da Eurostat - Statistics Explained http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php. Dati di maggio 2014.

Statistiche matrimonio e divorzio Da Eurostat - Statistics Explained http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php. Dati di maggio 2014. Statistiche matrimonio e divorzio Da Eurostat - Statistics Explained http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php Dati di maggio 2014. Questo articolo presenta gli sviluppi che hanno avuto

Dettagli

I trasferimenti monetari alle famiglie. Sociologia della famiglia - Corso di laurea in Educatori di nido e comunità infantili

I trasferimenti monetari alle famiglie. Sociologia della famiglia - Corso di laurea in Educatori di nido e comunità infantili I trasferimenti monetari alle famiglie Trasferimenti economici alle famiglie Trasferimenti monetari diretti indiretti Assegni per il nucleo familiare Assegno di maternità A3F Detrazioni fiscali Storia

Dettagli

1.1 Negli ultimi 60 anni la percentuale di ragazze fino a 14 anni si è quasi dimezzata e quella delle donne anziane è aumentata più del doppio

1.1 Negli ultimi 60 anni la percentuale di ragazze fino a 14 anni si è quasi dimezzata e quella delle donne anziane è aumentata più del doppio La popolazione 1.1 Negli ultimi 60 anni la percentuale di ragazze fino a 14 anni si è quasi dimezzata e quella delle donne anziane è aumentata più del doppio In poco meno di 60 anni, la componente della

Dettagli

Prime stime dei costi del lavoro in Svizzera

Prime stime dei costi del lavoro in Svizzera Office fédéral de la statistique Bundesamt für Statistik Ufficio federale di statistica Uffizi federal da statistica Swiss Federal Statistical Office COMMUNIQUÉ DE PRESSE MEDIENMITTEILUNG COMUNICATO STAMPA

Dettagli

La situazione sociale dei giovani in Europa

La situazione sociale dei giovani in Europa è Foundation Findings La situazione sociale dei giovani in Europa 3 Documento programmatico relativo alla Terza indagine europea sulla qualità della vita (EQLS) Fondazione europea per il miglioramento

Dettagli

NOI E L UNIONE EUROPEA

NOI E L UNIONE EUROPEA VOLUME 1 PAGG. IX-XV MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE NOI E L UNIONE EUROPEA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: paese... stato... governo...

Dettagli

Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali

Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE PER I RAPPORTI CON L'UNIONE EUROPEA E PER I RAPPORTI INTERNAZIONALI UFFICIO

Dettagli

LA DIMENSIONE SOCIALE DELLA STRATEGIA EUROPA 2020 RELAZIONE DEL COMITATO PER LA PROTEZIONE SOCIALE (2011) SINTESI ISSN 1977-2106

LA DIMENSIONE SOCIALE DELLA STRATEGIA EUROPA 2020 RELAZIONE DEL COMITATO PER LA PROTEZIONE SOCIALE (2011) SINTESI ISSN 1977-2106 LA DIMENSIONE SOCIALE DELLA STRATEGIA EUROPA 2020 RELAZIONE DEL COMITATO PER LA PROTEZIONE SOCIALE (2011) SINTESI ISSN 1977-2106 Questa pubblicazione è sostenuta dal programma dell Unione europea per l

Dettagli

Approfondimento su Schengen

Approfondimento su Schengen Approfondimento su Schengen INFORMAZIONI SUL DIRITTO COMUNITARIO INTRODUZIONE Le disposizioni dell accordo di Schengen prevedono l abolizione dei controlli alle frontiere interne degli Stati membri facenti

Dettagli

La Carta sociale in breve

La Carta sociale in breve La Carta sociale in breve La Carta sociale europea Un trattato del Consiglio d Europa che protegge i diritti dell uomo 5 La Carta sociale europea (qui di seguito denominata «la Carta») sancisce dei diritti

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 20... - 20...

ANNO SCOLASTICO 20... - 20... Please add your file reference number here:... Please return all documents, signed and completed, to: Acerta Kinderbijslagfonds vzw, Groenenborgerlaan 16, B-2610 Wilrijk COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER

Dettagli

GUIDA TEMATICA I MODELLI INTRASTAT

GUIDA TEMATICA I MODELLI INTRASTAT GUIDA TEMATICA I MODELLI INTRASTAT La gestione fiscale Iva del Mercato Unico Europeo sta ancora vivendo una fase transitoria, durante la quale la tassazione delle operazioni avviene (di regola) nel paese

Dettagli

Cosa è il Volontariato?

Cosa è il Volontariato? VOLONTARIATO Cosa è il Volontariato? Attività all'interno di una organizzazione strutturata Aree di intervento: ambiente, arte, cultura, conservazione del patrimonio culturale, disabilità, disagio sociale,

Dettagli

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE DI CITTADINI COMUNITARI ED EXTRACOMUNITARI

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE DI CITTADINI COMUNITARI ED EXTRACOMUNITARI Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA Viale F. Rodolfi n. 37 36100 VICENZA COD. REGIONE 050 COD. U.L.SS. 006 COD.FISC. E P.IVA 02441500242 ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista REGIME DELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE E MODELLI INTRASTAT

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista REGIME DELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE E MODELLI INTRASTAT 1/8 OGGETTO CLASSIFICAZIONE REGIME DELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE E MODELLI INTRASTAT DT IVA ESPORTAZIONI RIFERIMENTI NORMATIVI Artt. da 7 ter a 7 septies, D.P.R 26.10 1972 N. 633;Artt. da 38 a 60,

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNÀ EUROPEE Bruxelles, 21/VIII/2007 C(2007) 3926 def. DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 21/VIII/2007 recante applicazione della decisione 2007/435/CE del Consiglio per quanto riguarda

Dettagli

«Specchio delle mie brame» com è la transizione dalla scuola al lavoro in Italia?

«Specchio delle mie brame» com è la transizione dalla scuola al lavoro in Italia? «Specchio delle mie brame» com è la transizione dalla scuola al lavoro in Italia? Relazione presentata in occasione del Seminario Internazionale di Formazione «I percorsi della scuola secondaria: il dilemma

Dettagli

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Dott.ssa Serenella Martini Dipartimento per le Pari Opportunità Presidenza del Consiglio

Dettagli

La C arta sociale in breve

La C arta sociale in breve LaCarta in breve sociale La Carta sociale europea Diritti umani, insieme, tutti i giorni La Carta sociale europea (qui di seguito denominata «la Carta») è un trattato del Consiglio d Europa che enuncia

Dettagli