Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile"

Transcript

1 Il processo di protezione e inclusione sociale a livello comunitario Risultati degli studi sulle politiche 10 Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile ISSN Nell Unione europea (UE), il 19 % dei bambini è a rischio di povertà. In alcuni paesi, più di un bambino su quattro è sottoposto a privazioni e situazioni di povertà, e in quasi tutti i paesi il loro rischio di povertà è superiore a quello del resto della popolazione. I bambini che crescono in condizioni di povertà ed esclusione sociale hanno minori probabilità, rispetto agli altri bambini, di ottenere buoni risultati scolastici, godere di buona salute o trovare, successivamente, un buon lavoro. Possono entrare nel circolo vizioso dell esclusione sociale che, alla fine, tramanda il problema da una generazione all altra. È per questi motivi che l UE e i suoi Stati membri stanno mettendo fra le massime priorità la lotta contro la povertà infantile. Ai primi del 2006, il Consiglio europeo di primavera si è impegnato ad «adottare le misure necessarie per ridurre in modo rapido e significativo la povertà infantile, offrendo a tutti i bambini pari opportunità a prescindere dal loro ambiente sociale». Nel 2008, il comitato per la protezione sociale ( 1 ) ha pubblicato una relazione ( 2 ) sulla povertà infantile nella quale ha fornito una diagnosi delle cause principali della povertà infantile in ciascun paese. La relazione indica altresì 15 raccomandazioni per migliorare il monitoraggio e la valutazione delle situazioni di povertà e benessere dei bambini. Perché abbiamo la povertà infantile Tendenza nella povertà infantile Quasi il 25 % dei 78 milioni di cittadini UE che vivono al di sotto della soglia di povertà sono bambini. Al 2005, il 19 % della popolazione fra gli 0 e i 17 anni era a rischio di povertà in 27 Stati membri dell UE, a fronte di un 16 % relativo alla popolazione complessiva. In quasi tutti i paesi UE, i bambini corrono pertanto un rischio di povertà maggiore rispetto alle altre fasce di popolazione. Nel periodo dal 1996 al 2001, la povertà infantile è rimasta stabile sul % (dati relativi all UE-15) mentre si registrava una diminuzione per la popolazione complessiva (dal 17 % al 15 %). Da una relazione dell OCSE emerge che, dal 1995 al 2005, la povertà infantile è stata ridotta solamente in Austria, Regno Unito, Spagna e Ungheria ( 3 ). ( 1 ) Il comitato per la protezione sociale è formato da un gruppo di funzionari di alto livello istituito nel 2000 come strumento per agevolare la cooperazione fra la Commissione europea e gli Stati membri in merito alla modernizzazione e al miglioramento dei sistemi di protezione sociale. ( 2 ) «Child Poverty and Well-being in the EU: Current Status and Way Forward», Lussemburgo, Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee, ( 3 ) «What works best in reducing child poverty?», OCSE, Commissione europea

2 Come si misura la povertà L UE adotta la seguente definizione relativa di povertà: «la parte di persone con un reddito disponibile inferiore al 60 % della media nazionale». La povertà infantile è minore in Danimarca e Finlandia (entrambe con un 10 % di bambini a rischio di povertà). In quasi la metà dei paesi UE, tuttavia, i dati per i bambini a rischio di povertà sono superiori al 20 %, e raggiungono il 25 % in Romania, il 27 % in Lettonia e il 29 % in Polonia. Solamente pochi paesi possono vantare tassi di povertà infantile equivalenti o inferiori a quelli della povertà in generale: Belgio, Danimarca, Germania, Cipro, Slovenia e Finlandia. Nell UE, gli standard di vita dei bambini «poveri» variano sensibilmente. In 11 dei 15 «vecchi» Stati membri, il reddito mensile al di sotto del quale si ritiene che una famiglia con 2 adulti e 2 bambini sia a rischio di povertà va da a euro, mentre è inferiore a 500 euro in 9 dei 12 «nuovi» Stati membri. La differenza rimane sostanziale persino se adeguata alla disparità di condizioni di vita: in Lussemburgo la soglia di reddito è di euro, dodici volte più alta dei 250 euro della Romania, ossia il paese con la soglia di reddito più bassa. Percentuali a rischio di povertà di bambini (0-17) e popolazione complessiva, % della popolazione interessata Bambini (0-17) Totale 0 EU-25 DK FI CY DE SI FR NL BE AT SE BG CZ SK MT EE LU PT IE EL ES UK IT LT RO HU LV PL Fonte: EU-SILC (2006); anno di reddito 2005; tranne Regno Unito (UK) (anno di reddito 2006) e Irlanda (IE) (periodo di riferimento mobile del reddito 2005/2006); Bulgaria (BG): indagine nazionale 2006 sui bilanci di famiglia. 2 Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile

3 I principali fattori determinanti della povertà infantile: caratteristiche della famiglia, situazione dei genitori sul mercato del lavoro, efficacia degli interventi del governo Caratteristiche della famiglia: sono principalmente a rischio i bambini che vivono in famiglie numerose o monoparentali. Le dimensioni, la composizione e le caratteristiche (età, livello d istruzione dei genitori) della famiglia in cui cresce un bambino influiscono sulla situazione economica del bambino. I bambini in famiglie monoparentali o numerose tendono a correre maggiori rischi di povertà. Nell UE, il 22 % dei bambini poveri vive in famiglie con un solo genitore, e il 25 % in famiglie numerose. Il 13 % dei bambini dell UE vive con un solo genitore, e di questi 1 su 3 è a rischio di povertà. Nel 90 % dei casi, il genitore è la madre, ma le cause principali che determinano questa situazione (nascita al di fuori del vincolo matrimoniale, separazione) variano da paese a paese. Oltre il 20 % dei bambini vive in famiglie di tre figli o più, e corre mediamente il rischio di povertà nel 25 % dei casi. Le famiglie numerose sono meno comuni nei paesi meridionali e in alcuni paesi orientali, come Grecia, Spagna e Slovenia, ma in questi paesi tende a essere maggiore (circa il 30 %) il rischio di povertà per i bambini che vivono in questa tipologia di famiglie. Nel Benelux e nei paesi nordici si ha un opposta tendenza: le famiglie numerose sono più comuni (26-33 % del totale) ma il rischio di povertà è inferiore. Anche i bambini che crescono in famiglie di migranti o minoranze incontrano più difficoltà degli altri bambini, e lo stesso succede se uno o entrambi i genitori sono portatori di un inabilità o fanno abuso di narcotici. Età e istruzione: I bambini con genitori di età inferiore a 30 anni corrono un rischio di povertà molto più alto di quelli che vivono con genitori più anziani: il 27 % quando la madre ha meno di 30 anni, a fronte del 19 % se l età della madre è compresa fra 30 e 39 e del 16 % se ha anni. Il motivo è che i genitori giovani tendono a guadagnare di meno: il reddito da lavoro aumenta notevolmente con il progredire dell età, fino ai 55 anni circa. Inoltre, i giovani subiscono più frequentemente situazioni di disoccupazione. Anche il livello di istruzione dei genitori determina il rischio, poiché incide sulla situazione dei genitori sul mercato del lavoro, sul loro reddito e sulle possibilità dei bambini di riuscire a scuola. Nessuno dei genitori del 30 % dei bambini poveri ha raggiunto un livello di istruzione secondaria (a fronte del 16 % relativo a tutti i bambini). La percentuale di bambini con genitori scarsamente qualificati va da poco meno del 10 % in quasi la metà degli Stati membri fino al 65 % di Malta e Portogallo. Da ultimo, e questo vale per tutte le famiglie, la capacità di vivere in maniera indipendente dipende dall accesso al mercato del lavoro (e cioè di guadagnare dal proprio lavoro), dall accessibilità degli alloggi, dai trasferimenti sociali e da servizi quali la custodia dei bambini. Situazione occupazionale: Il reddito da lavoro è di norma la principale fonte di entrate per le famiglie. Pertanto, la situazione occupazionale dei genitori è un importante fattore determinante della povertà. La disoccupazione rappresenta il principale rischio di povertà (62 %) per le famiglie con figli, quando uno o entrambi i genitori sono senza lavoro. Quasi il 10 % di tutti i bambini nell UE-25 vive in famiglie nelle quali nessun adulto ha un lavoro. Questa situazione non è migliorata quasi per nulla, dal 2000, nonostante un generale miglioramento dei mercati del lavoro europei. La disoccupazione colpisce maggiormente i nuclei monoparentali a causa delle maggiori difficoltà a conciliare il lavoro con la vita familiare. Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile 3

4 Il rischio di povertà, però, non risparmia nemmeno i bambini i cui genitori lavorano. Il 13 % dei bambini vive in famiglie con genitori che hanno un lavoro eppure non riescono a guadagnare a sufficienza per rimanere al di sopra della soglia di povertà. Questa percentuale di povertà «pur lavorando», supera addirittura il 20 % in Spagna, Polonia e Portogallo. La capacità dei genitori di ricavare un reddito adeguato dal lavoro dipende dal livello dei guadagni e dal tempo dedicato al lavoro: lavoro per uno o entrambi i genitori, tempo pieno o parziale, continuità durante l anno o interruzioni lavorative. La povertà nell occupazione deriva da lacune del mercato del lavoro come i posti di lavoro precari, basse remunerazioni e lavoro part-time involontario, nonché da particolari strutture familiari (per esempio, numero insufficiente di adulti che lavorano in relazione al numero delle persone a carico). Nelle famiglie in cui lavorano entrambi i genitori, il rischio di povertà scende al 7 % (media UE). Le famiglie in cui guadagna una sola persona (che siano monoparentali o con entrambi i genitori) sono più esposte al rischio di povertà. Il modello con due persone che guadagnano è prevalente per i due terzi dei bambini nell UE. In media, nell UE, un genitore che lavora part-time non aumenta il rischio di povertà dei bambini che vivono con entrambi i genitori. L impatto del lavoro part-time sul reddito familiare dipende dal livello delle qualifiche, dal numero di ore lavorate e dall accessibilità a servizi di custodia dei bambini e di altri servizi di sostegno per i genitori. Nei paesi che spendono di più per le prestazioni sociali (ad esclusione delle pensioni) si ha una tendenza a percentuali inferiori di povertà infantile (con l eccezione di Cipro e Slovenia) e viceversa. Mediamente, nell UE, i trasferimenti sociali attenuano del 44 % la povertà infantile. Le prestazioni mirate specificamente ai bambini hanno il massimo impatto sulla povertà infantile. In Germania, Cipro, Austria e Finlandia, i benefici per le famiglie riducono di un terzo, o più, il rischio di povertà dei bambini. Le differenze nei risultati finali di povertà infantile, tuttavia, derivano in parte dai livelli estremamente diversi di rischio di povertà legata al reddito di mercato e, di conseguenza, dipendono dall incidenza della disoccupazione e della povertà nell occupazione in tali paesi. La fornitura di servizi affidabili per la custodia dei bambini è importantissima per migliorare la situazione occupazionale delle famiglie. Anche in questo caso la situazione differisce sensibilmente all interno dell UE, soprattutto per i bambini di età inferiore a 2 anni. Per chi percepisce redditi bassi, i costi dell assistenza all infanzia sono un onere notevole, sia per il secondo percettore di reddito sia per un genitore single che inizia a lavorare. Prestazioni degli Stati membri Gli Stati membri dell UE sono stati sottoposti a valutazione in base alle performance nella lotta contro la povertà infantile nell insieme e riguardo ai suoi tre principali fattori: vita in famiglie con adulti disoccupati, vita in famiglie a rischio di povertà nell occupazione, impatto dei trasferimenti sociali sulla povertà infantile. Intervento dei governi Il sostegno dei governi ha una funzione importante per contrastare la povertà infantile. Un ampia gamma di provvedimenti governativi influisce sul tenore di vita delle famiglie con figli. I sistemi fiscali e di benefici sostengono direttamente il reddito delle famiglie, per esempio garantendo un reddito minimo a quelle prive di occupazione retribuita (indennità di disoccupazione, assistenza sociale, assegni per assistenza a disabili) o integrando il reddito di tutte le famiglie con figli, a prescindere dalla situazione occupazionale. Sono importanti anche le politiche in materia di istruzione (istruzione scolastica gratuita in età precoce, lunghezza della giornata scolastica), salute (accesso a servizi gratuiti per i bambini), alloggio e servizi di custodia dei bambini. 4 Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile

5 Tabella 1 : Risultati relativi dei paesi in merito al rischio di povertà infantile e ai principali fattori determinanti di tale rischio Risultati del rischio di povertà infantile Disoccupazione: bambini che vivono in famiglie con adulti senza lavoro Povertà nell occupazione: bambini che vivono in famiglie nelle quali vi sono lavoratori poveri Impatto dei trasferimenti sociali (prestazioni monetarie escluse pensioni) sulla povertà infantile AT CY GRUPPO A DK FI NL SE + ( ++) SI BE CZ GRUPPO B DE EE FR IE SK GRUPPO C HU MT UK EL ES IT GRUPPO D LT LU LV PL PT Fonte: Relazione del CPS su povertà e benessere dei bambini; dati aggiornati al 2006 (LU escluso dall analisi). I paesi sono stati raggruppati in funzione delle principali difficoltà che si trovano ad affrontare (riguardo alle quali presentano il punteggio «-» più elevato). Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile 5

6 Come ottenere i migliori risultati nella lotta contro la povertà infantile La povertà infantile è il risultato di complesse interazioni fra disoccupazione, povertà nell occupazione e impatto dei trasferimenti. I paesi che ottengono i migliori risultati sono quelli che hanno le migliori prestazioni su tutti i fronti, grazie a una combinazione di strategie tese a facilitare l accesso all occupazione e a servizi abilitanti ( per esempio, assistenza all infanzia) con sostegno al reddito. Gruppo A: comprende Austria, Cipro, Danimarca, Finlandia, Slovenia, Paesi Bassi e Svezia. Questi paesi hanno basse percentuali di povertà infantile grazie a una combinazione di buone prestazioni sul mercato del lavoro da parte dei genitori e di efficaci strategie per i trasferimenti sociali. I paesi nordici hanno ottenuto questi risultati nonostante un elevata percentuale di famiglie monoparentali: in questo caso sono stati fondamentali i servizi di custodia dei bambini. A Cipro, i trasferimenti sociali sono scarsi, ma l effetto negativo è attenuato da forti strutture familiari. Gruppo B: Belgio, Repubblica ceca, Germania, Estonia, Francia, Irlanda e Repubblica slovacca, che compongono questo gruppo, hanno ottenuto risultati abbastanza buoni, al di sotto della media del rischio di povertà. La preoccupazione principale, in questi paesi, è l elevato numero di bambini che vivono in famiglie con adulti disoccupati, situazione che interessa almeno l 8 % dei bambini. Per contro, le famiglie con adulti che lavorano presentano livelli di povertà infe riori a quelli degli altri paesi UE. Germania e Francia sono riuscite a limitare il rischio di povertà infantile grazie a trasferimenti sociali efficaci e relativamente elevati, ma tutti i paesi del gruppo B devono migliorare l accesso all occupazione. Gruppo C: i paesi di questo gruppo, Malta, Regno Unito e Ungheria, hanno ottenuto risultati nella media, o appena al di sotto, dovuti a elevati livelli di disoccupazione o di povertà nell occupazione presso i genitori. Nel Regno Unito, la disoccupazione riguarda essenzialmente i genitori single, mentre negli altri paesi colpisce soprattutto le coppie con figli. I problemi principali sono la scarsa intensità del lavoro (per esempio, lavoro part-time) e le basse retribuzioni. Nel Regno Unito e in Ungheria si cerca di attenuare parte del rischio mediante benefici sociali, mentre a Malta sono le forti strutture familiari a tutelare i bambini. Gruppo D: Grecia, Italia, Lituania, Lettonia, Lussemburgo, Polonia, Portogallo e Spagna registrano livelli relativamente alti di povertà infantile. Un numero basso di bambini vive in famiglie con adulti disoccupati, ma vi sono altissime percentuali di lavoratori poveri nelle famiglie. I principali fattori di questa povertà nell occupazione, in questi paesi, sono la scarsa intensità del lavoro e la bassa retribuzione. Anche il livello e l efficienza della spesa sociale sono scarsi, fra i più bassi nell UE. Le strutture familiari e la solidarietà intergenerazionale svolgono un ruolo essenziale nell attenuare questi effetti negativi. L approccio di maggior successo La povertà infantile e i provvedimenti per attenuarla è il risultato di complesse interazioni fra strutture dei nuclei familiari, condizioni del mercato del lavoro, sostegno del governo e altri fattori ancora. Le politiche di maggiore successo, di conseguenza, sono quelle che riescono ad affrontare la povertà infantile su più fronti. In più, i paesi che ottengono i risultati migliori sono quelli che sono riusciti a combinare in modo efficace un approccio universale (per esempio, sostegno al reddito di famiglie con figli) con misure mirate ai gruppi più vulnerabili (per esempio, servizi di custodia dei bambini nelle aree degradate). Questi paesi, inoltre, affrontano la povertà infantile su tutti i fronti, combinando segnatamente politiche che agevolano l accesso al mercato del lavoro e a vari servizi (istruzione, sanità) con il sostegno al reddito. 6 Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile

7 Politiche per prevenire e affrontare la povertà infantile La povertà infantile è un elemento particolare delle politiche di eliminazione della povertà ed esclusione sociale per due ragioni: 1) i bambini sono uno dei gruppi più vulnerabili della società; 2) affrontare la povertà infantile significa spezzare il ciclo che tramanda la povertà da una generazione alla successiva, e di conseguenza contribuire a ridurre la povertà generale. Gli Stati membri hanno adottato varie politiche, e tra queste le più efficaci sono quelle che uniscono il sostegno universale a tutti i bambini a politiche mirate ai più vulnerabili. Garantire risorse sufficienti alle famiglie Sostegno al reddito delle famiglie Tutti i paesi UE concedono, in qualche misura, un sostegno al reddito delle famiglie con figli. I sistemi fiscali e di benefici ridistribuiscono le entrate alle famiglie in vari modi, per esempio meccanismi che tengono conto della composizione familiare (agevolazioni fiscali, separazione dei redditi ecc.), prestazioni in denaro (assegni familiari, indennità di disoccupazione ecc.) e in natura (accesso a servizi gratuiti ecc.). Quasi tutti i paesi uniscono prestazioni universali e mirate. Le prestazioni universali sono ripartite fra tutte le famiglie con figli e spesso sono determinate in funzione delle dimensioni della famiglia. Vantaggi principali di questi meccanismi: aiutano a creare un ambiente favorevole nelle famiglie con figli, non sono discriminatori e non sono soppressi se i genitori trovano lavoro. Le prestazioni mirate sostengono le famiglie più vulnerabili (famiglie con basso reddito, monoparentali, numerose, con figli disabili ecc.). Hanno lo scopo di ridistribuire i trasferimenti sociali ai gruppi più bisognosi. Nel caso di famiglie con basso reddito, tuttavia, possono però rappresentare un disincentivo a trovare lavoro o a lavorare di più. Alcuni provvedimenti specifici possono ovviare a questi «effetti trappola» per i genitori. Anche altre prestazioni sociali sostengono il reddito familiare e i loro livelli possono dipendere talvolta dal numero di figli nel nucleo familiare: indennità di disoccupazione, alloggi di edilizia popolare, reddito di base garantito, salari minimi ecc. Le prestazioni familiari, mediamente, rappresentano circa la metà delle prestazioni complessive in denaro distribuite alle famiglie con figli, e comprendono sostegno al reddito durante il congedo per maternità e assegni familiari tesi a compensare parzialmente i costi derivanti dai figli ( 4 ). ( 4 ) Documento di accompagnamento alla «Relazione congiunta sulla protezione sociale e l inclusione sociale 2008», Bruxelles Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile 7

8 % di tutti i bambini Rischio di povertà infantile prima e dopo i trasferimenti sociali Prima dei trasferimenti sociali (tranne le pensioni) Dopo i trasferimenti sociali 0 EU-25 BE BG CZ DK DE EE IE EL ES FR IT CY LV LT LU HU MT NL AT PL PT SI SK FI SE UK Fonte: EU-SILC (2006); anno di reddito 2005; tranne Regno Unito (UK) (anno di reddito 2006) e Irlanda (IE) (periodo di riferimento mobile del reddito 2005/2006); Bulgaria (BG): indagine nazionale 2006 sui bilanci di famiglia Fornitura di prestazioni in natura Molti Stati membri sostengono le famiglie tramite servizi gratuiti o a costo ridotto. Questi servizi sono universali o mirati alle famiglie più bisognose. Alcuni servizi sono mirati direttamente ai bambini (per esempio, mediante assistenza sanitaria preventiva nelle scuole, mensa scolastica o attività ricreative), altri sono diretti alle famiglie (per esempio, attraverso gli alloggi dell edilizia popolare). I più efficaci sono in genere i servizi integrati. Migliore integrazione dei genitori nel mercato del lavoro Quasi tutti gli Stati membri promuovono meccanismi per migliorare la partecipazione dei genitori al mercato del lavoro, integrando il sostegno al reddito familiare. Fra i provvedimenti adottati abbiamo misure compensative del reddito (riduzioni fiscali o prestazioni in denaro per i lavoratori che percepiscono salari bassi) e accesso gratuito o sovvenzionato alle strutture di custodia dei bambini (per garantire ai genitori il tempo di svolgere un lavoro retribuito, cercare lavoro o seguire corsi di formazione). Anche i programmi di formazione e qualificazione aiutano i genitori a entrare nel mercato del lavoro, o a rientrarvi dopo un interruzione. Questi provvedimenti possono riguardare specifiche categorie di genitori, quali genitori single, disoccupati, in famiglie con adulti disoccupati, in famiglie dove rappresentano la seconda fonte di reddito. Tutti i paesi evidenziano l importanza del giusto equilibrio fra lavoro e vita familiare. È fondamentale rendere accessibili le strutture di custodia dei bambini. Alcuni paesi sottolineano la necessità di sviluppare adeguate strutture di custodia dei bambini, sia per quelli in età prescolastica che in generale per le ore successive all uscita da scuola. Gli Stati membri hanno adottato misure quali l incremento dei servizi di queste strutture, a livello quantitativo (per esempio, maggiore disponibilità di assistenza istituzionale ambulatoriale) e qualitativo (per esempio, personale più numeroso e più qualificato, promozione di standard di qualità). Alcuni paesi assicurano ai genitori una migliore scelta, sostenendo una più ampia gamma di meccanismi di assistenza. Altri paesi concedono 8 Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile

9 sostegno a meccanismi flessibili e on-demand di custodia dei bambini (per esempio, assistenza all infanzia 24 ore su 24, 7 giorni su 7) per affrontare la questione degli orari di lavoro atipici e le specifiche esigenze di chi è in cerca di lavoro. In Finlandia, ogni bambino gode del diritto individuale all assistenza ambulatoriale municipale prima dell età scolastica (-7) a prescindere dal reddito dei genitori e dalla loro situazione occupazionale. L assistenza è gratuita per le famiglie a basso reddito. Importantissima anche l estensione di accordi lavorativi favorevoli alla vita familiare. Per esempio, i genitori possono essere scoraggiati dall accettare un lavoro che comporti un orario di lavoro atipico. Gli orari di lavoro flessibili e gli accordi in materia di congedi facilitano ai genitori il compito di trovare un equilibrio fra vita professionale e vita familiare. L efficacia del congedo parentale dipende da due fattori: durata ottimale e retribuzione o no del congedo. Un congedo troppo breve non consente facilmente di riconciliare vita professionale e vita privata, mentre un interruzione troppo lunga può avere conseguenze negative sulle prospettive del genitore di rientrare nel mercato del lavoro o sulle condizioni in base alle quali potrà trovare un nuovo lavoro. Numerosi paesi prevedono misure che coinvolgono i datori di lavoro (in collaborazione con i sindacati) nella fornitura di strutture aziendali/convenzionate per la custodia dei figli e nella definizione di orari di lavoro flessibili. Sostegno allo sviluppo dei bambini Al fine di ridurre il rischio di povertà infantile, è essenziale fare in modo che un bambino cresca con il massimo delle opportunità durante il periodo dell infanzia e della gioventù. Gli Stati membri hanno definito politiche tese a sostenere e tutelare i bambini nel loro sviluppo. Interventi precoci: I fatti indicano che l istruzione prescolastica può essere molto importante e compensare gli svantaggi socioeconomici delle famiglie, aprendo così la strada a un futuro sviluppo proficuo del bambino. Alcuni paesi stanno aumentando gli stanziamenti dedicati all istruzione prescolastica (IE, UK, IT) al fine di aumentare la fornitura di servizi educativi nelle aree urbane o rurali degradate. Altri hanno fissato obiettivi per incrementare il numero di posti disponibili e il numero di insegnanti nell istruzione prescolastica. L aumento del numero di posti e gli interventi precoci sono strumenti che servono a garantire pari opportunità nel resto della futura carriera scolastica di un bambino. L attenzione sul periodo prescolastico è inoltre strettamente correlata con la capacità dei genitori di lavorare: aumentando la disponibilità e l accesso alle strutture di custodia dei bambini, i genitori godono di una maggiore libertà di entrare nel mercato del lavoro. Prevenzione dell abbandono scolastico precoce: I giovani che abbandonano precocemente la scuola vanno incontro a un alto rischio di esclusione dal mercato del lavoro, di precarietà e di occupazione scarsamente qualificata. L abbandono scolastico precoce è un problema sociale molto diffuso, non solo presso bambini e giovani svantaggiati, ma anche fra i ragazzi di più alta estrazione sociale. Il difficile passaggio alla scuola secondaria e l incapacità delle famiglie di prendersi correttamente cura dei propri figli sono due delle cause che spingono bambini e giovani a lasciare la scuola. Le iniziative rivolte a questa categoria di ragazzi dovrebbero incentrarsi sulla qualità dei servizi didattici offerti, e sulla loro capacità di adeguarsi alle sfide della società moderna. Occorre una stretta interazione fra le diverse parti coinvolte (insegnanti, assistenti sociali, medici specialisti e famiglie) nonché un approccio su misura per le situazioni e le esigenze individuali. Alcune delle misure attuate riguardano il sostegno didattico agli studenti in difficoltà, l integrazione di sistemi lavorativi e scolastici, strutture educative al di fuori della scuola e cooperazione fra famiglie. Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile 9

10 Consulenza ai genitori Al fine di creare un buon ambiente per i bambini, è necessario sostenere le famiglie nel loro ruolo di genitori. Molti paesi, di conseguenza, sostengono anche servizi di consulenza genitoriale, la cui finalità è di promuovere un ambiente sicuro nel quale i bambini possono crescere e svilupparsi. Assistenza sanitaria: I bambini nati da famiglie a basso reddito hanno maggiori probabilità di avere successivamente cattive condizioni di salute, poiché non accedono regolarmente ai servizi medico-sanitari. Le politiche, pertanto, sono mirate a garantire pari opportunità di accesso all assistenza sanitaria per i bambini, i giovani e le loro famiglie. Numerosi Stati membri hanno varato iniziative innovative, comprendenti assistenza preventiva (per esempio, regolari controlli per i bambini), reparti maternità e pediatrici gratuiti, nonché consulenti sanitari nelle scuole per eseguire vaccinazioni, assicurare cure dentistiche, fornire consigli di natura psicologica, fornire informazioni sull abuso di so stanze stupefacenti, contribuire alla salute e all educazione sessuale e promuovere buone abitudini alimentari. Per garantire il successo di queste iniziative, però, occorre superare gli ostacoli finanziari e molti paesi stanno elaborando metodi per sormontare quelli non coperti dall assicurazione sanitaria. I servizi medico-sanitari incontrano però anche ostacoli di tipo non finanziario, quali per esempio la mancanza di informazione sui servizi disponibili, le barriere culturali o la disparità di competenza professionale fra le regioni. Persino laddove i servizi sono universali, occorrono sempre strategie per promuovere un accesso efficace, poiché spesso le persone vulnerabili, se non sono guidate e ben informate, non ricorrono ai servizi a disposizione. Alloggio: Sono sempre più le famiglie con problemi di alloggio, e questo ovviamente si ripercuote negativamente sulla salute, il benessere e lo sviluppo dei figli. Molti bambini vivono in abitazioni inadeguate o addirittura insalubri. Pertanto, sono necessarie strategie per ovviare alla carenza di alloggi e agli aumenti dei prezzi delle abitazioni in affitto e in vendita. Eliminare le baraccopoli, sovvenzionare maggiormente gli alloggi dell edilizia popolare e utilizzare il territorio con maggiore efficacia sono priorità chiave di numerosi paesi. Sono in corso di elaborazione strategie per evitare che i bambini siano allontanati dalle proprie abitazioni (Svezia) o per ridurre il numero di famiglie che vivono in alloggi provvisori (Regno Unito). Alcuni degli obiettivi prioritari: garantire un rifugio non condizionato ai ragazzi di strada o alle famiglie con figli prive di alloggio, sviluppare l edilizia popolare laddove la domanda è superiore alla fornitura, promuovere la diversità sociale per evitare la formazione di aree di esclusione, agevolare la fluidità del mercato degli affitti. Interventi mirati per i bambini e le famiglie più vulnerabili Ragazzi in affidamento e bambini disabili È sempre più accettato il fatto che l affidamento sia preferibile alla sistemazione in istituto, in quanto i ragazzi possono fruire di un ambiente più stabile, stimolante e simile a quello di una famiglia. Occorre pertanto reclutare più genitori affidatari e garantire la qualità del loro servizio, in modo che i ragazzi non debbano cambiare periodicamente casa e famiglia. Vengono altresì adottate politiche incentrate sull after-care, per preparare i ragazzi a una vita indipendente, a entrare nel mondo del lavoro o dell istruzione continua una volta diventati adulti. Quasi tutti gli Stati membri assicurano sostegno e assistenza finanziaria alle famiglie con bambini disabili, anche mediante strutture specialistiche per la riabilitazione e l educazione. È tuttavia posto l accento anche sulla necessità di consentire ai ragazzi con disabilità di fruire delle strutture generali, segnatamente facendo in modo che le strutture destinate all assistenza ai ragazzi «normali» siano aperte anche ai ragazzi con esigenze speciali. 10 Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile

11 I bambini e le famiglie in aree degradate (per esempio, periferie urbane in degrado e zone rurali spopolate) sono a più alto rischio di povertà. L istruzione e la rivitalizzazione urbana o rurale vengono pertanto adottate come importanti strategie a lungo termine. Le famiglie di immigranti o appartenenti a minoranze etniche hanno diritto alle stesse misure adottate per ogni altra famiglia. Nondimeno, talvolta è necessario un approccio maggiormente mirato per garantire l inclusione sociale: per esempio, per i rom in Repubblica slovacca, i bambini turchi e rom in Bulgaria, i migranti in Irlanda e i bambini dei richiedenti asilo. Spesso, i provvedimenti specifici a sostegno delle famiglie di immigranti sono incentrati sul miglioramento dell integrazione (anche tramite l apprendimento della lingua). Altri bambini e famiglie in situazioni particolarmente vulnerabili Questa categoria comprende bambini a rischio di abusi o violenze, ragazzi di strada, giovani delinquenti, tossicodipendenti, famiglie che vivono in alloggi provvisori o decisamente inadeguati, famiglie dichiarate incapaci di provvedere ai propri figli. In queste situazioni, gli Stati membri tendono a ricercare misure preventive tese a minimizzare i rischi (quali abbandono dei figli o loro allontanamento dalla casa). Per questi gruppi è fondamentale che i servizi sociali siano perfettamente all altezza; tali servizi operano con maggiore efficacia se possono fruire di adeguati finanziamenti e se adottano un approccio integrato. Rafforzamento della governance per un maggiore impatto sulla povertà infantile Le politiche devono rispecchiare la natura pluridimensionale della povertà e dell esclusione, e devono garantire i servizi esattamente dove servono, cioè sul campo. Per conseguire tale scopo è importante adottare un approccio integrato e coordinato per l attuazione delle politiche di inclusione sociale. La convenzione delle Nazioni Unite per i diritti dell infanzia ha contribuito ad aumentare la sensibilizzazione sull importanza dei diritti dei bambini. In effetti, diversi Stati membri ora tutelano i diritti dei bambini mediante normative o decisioni amministrative. In quasi tutti i paesi, tuttavia, è necessario catalizzare ancor più sinergie fra le strategie di lotta alla povertà e le politiche dei diritti dei bambini. I diritti ai servizi e a un livello qualitativo minimo devono ancora essere messi a punto in numerosi Stati membri. Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile 11

12 KE IT-N Per ulteriori informazioni Nel sito web della Commissione europea dedicato alla protezione e all integrazione sociale è possibile trovare il testo integrale della relazione: Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione. Comunità europee, 2008 Riproduzione autorizzata con citazione della fonte. DOI /46007

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici

Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici Libro verde Occupazione affari sociali Commissione europea Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA

LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA la mobilità nella formazione dei docenti in europa LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA MIUR Direzione Generale per gli Affari Internazionali Eurydice Direzione Generale per gli Affari Internazionali

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.3.2015 COM(2015) 145 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO Relazione sull'applicazione del regolamento (UE) n. 211/2011 riguardante l'iniziativa

Dettagli

Investire nell infanzia. EU Network of Independent Experts on Social Inclusion. spezzare il circolo vizioso dello svantaggio sociale

Investire nell infanzia. EU Network of Independent Experts on Social Inclusion. spezzare il circolo vizioso dello svantaggio sociale EU Network of Independent Experts on Social Inclusion Investire nell infanzia spezzare il circolo vizioso dello svantaggio sociale Uno Studio sulle Politiche Nazionali Questa pubblicazione è stata elaborata

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE COMUNE SULL'OCCUPAZIONE DELLA COMMISSIONE E DEL CONSIGLIO

PROGETTO DI RELAZIONE COMUNE SULL'OCCUPAZIONE DELLA COMMISSIONE E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28.11.2014 COM(2014) 906 final PROGETTO DI RELAZIONE COMUNE SULL'OCCUPAZIONE DELLA COMMISSIONE E DEL CONSIGLIO che accompagna la comunicazione della Commissione sull'analisi

Dettagli

LE CONDIZIONI DI POVERTÀ TRA LE MADRI IN ITALIA

LE CONDIZIONI DI POVERTÀ TRA LE MADRI IN ITALIA Save the Children è la più grande organizzazione internazionale indipendente che lavora per migliorare concretamente la vita dei bambini in Italia e nel mondo. Esiste dal 1919 e opera in oltre 120 paesi

Dettagli

Doing Better for Families. Un maggiore supporto alle famiglie. Summary in Italian. Sintesi in italiano

Doing Better for Families. Un maggiore supporto alle famiglie. Summary in Italian. Sintesi in italiano Doing Better for Families Summary in Italian Un maggiore supporto alle famiglie Sintesi in italiano Tutti i governi dell'ocse desiderano creare maggiori possibilità di scelta per i genitori, tanto in ambito

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO n n u u m e r r o m o n o g r a nf i u c m o e r o m Sistemi scolastici europei Sistemi 2012 Sistemi di valutazione scolastici europei Sistemi sc dellõ istruzione in Europa2012 ALCUNI PAESI A CONFRONTO

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28.11.214 COM(214) 94 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO Relazione

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Bambini e adolescenti ai margini

Bambini e adolescenti ai margini UNICEF Centro di Ricerca Innocenti Report Card 9 Bambini e adolescenti ai margini Un quadro comparativo sulla disuguaglianza nel benessere dei bambini nei paesi ricchi uniti per i bambini La Innocenti

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Assistenza agli anziani in Europa - Sfide per i lavoratori

Assistenza agli anziani in Europa - Sfide per i lavoratori Febbraio 2011 Assistenza agli anziani in Europa - Sfide per i lavoratori Sintesi e Raccomandazioni Per il testo integrale del rapporto si rimanda a: www.epsu.org/a/7431 A cura di Jane Lethbridge, PSIRU

Dettagli

Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno

Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno Chiara Saraceno Università di Torino Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo 1. Modelli

Dettagli

Nuove tecnologie per l inclusione

Nuove tecnologie per l inclusione Nuove tecnologie per l inclusione Sviluppi e opportunità per i paesi europei EUROPEAN AGENCY for S p e c ia l N e e d s a n d I n c lus i ve Ed u cati o n NUOVE TECNOLOGIE PER L INCLUSIONE Sviluppi e

Dettagli

Negli ultimi trent anni, la disuguaglianza è aumentata in molti

Negli ultimi trent anni, la disuguaglianza è aumentata in molti 4 CAPITOLO 4 DISUGUAGLIANZE, EQUITÀ E SERVIZI AI CITTADINI Negli ultimi trent anni, la disuguaglianza è aumentata in molti paesi avanzati, ivi compresa l Italia. Peraltro, per i 27 membri dell Unione Europea

Dettagli

Figli della recessione

Figli della recessione UNICEF Innocenti Report Card 12 La condizione dell'infanzia nei paesi ricchi Figli della recessione L'impatto della crisi economica sul benessere dei bambini nei paesi ricchi La Innocenti Report Card 12

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d informazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel mondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Guida per la formazione nelle PMI

Guida per la formazione nelle PMI Guida per la formazione nelle PMI Commissione europea Questa pubblicazione è sostenuta dal programma dell Unione europea (UE) per l occupazione e la solidarietà sociale, Progress (2007-2013). Si tratta

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE. Un quadro di qualità per i tirocini. che accompagna il documento

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE. Un quadro di qualità per i tirocini. che accompagna il documento COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.4.2012 SWD(2012) 99 final DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE Un quadro di qualità per i tirocini che accompagna il documento Comunicazione della Commissione

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere 12.11.2014 2014/0000(INI) PROGETTO DI RELAZIONE sulla parità tra donne e uomini nell'unione europea nel 2013

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Scheda sintetica del progetto arvore da vida

Scheda sintetica del progetto arvore da vida Scheda sintetica del progetto arvore da vida Contesto AVSI collabora con FIAT Brasile dal 2004, con il progetto di responsabilità sociale Arvore da Vida, nelle aree prossime allo stabilimento di Belo Horizonte,

Dettagli

Evola. Evolution in Logistics.

Evola. Evolution in Logistics. Evola. Evolution in Logistics. Viaggiamo nel tempo per farvi arrivare bene. Siamo a vostra disposizione ed operiamo per voi dal 1993, inizialmente specializzati nel mercato italiano e successivamente come

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Disposizioni UE sulla sicurezza sociale

Disposizioni UE sulla sicurezza sociale Aggiornamento 2010 Disposizioni UE sulla sicurezza sociale I diritti di coloro che si spostano nell Unione europea ANNI di coordinamento UE in materia di sicurezza sociale Commissione europea Disposizioni

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI 1. I bambini non sono mini persone, con mini diritti I bambini godono di diritti. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell infanzia

Dettagli

La disciplina dello sciopero nell Europa a 27 ed in altri paesi non UE

La disciplina dello sciopero nell Europa a 27 ed in altri paesi non UE La disciplina dello sciopero nell Europa a 27 ed in altri paesi non UE Sintesi comparativa Rapporto 103 ETUI-REHS RESEARCH Department La disciplina dello sciopero nell Europa a 27 ed in altri paesi non

Dettagli

I diritti dei minori visti dai minori

I diritti dei minori visti dai minori I diritti dei minori visti dai minori Il presente sondaggio è stato condotto per conto della direzione generale della Giustizia con il coordinamento dalla direzione generale della Comunicazione. Il presente

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni

I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni Premessa Il senso comune suggerisce che i figli non hanno prezzo ma l esperienza insegna che per farli diventare grandi e sperabilmente autonomi,

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità Questa pubblicazione è stata realizzata con il contributo della Commissione europea, in occasione del 2007 - Anno europeo delle

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

Aggiornamento 2010. Assumere in Europa. una guida per i datori di lavoro. eures.europa.eu. Commissione europea

Aggiornamento 2010. Assumere in Europa. una guida per i datori di lavoro. eures.europa.eu. Commissione europea Aggiornamento 2010 Assumere in Europa una guida per i datori di lavoro eures.europa.eu Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO

I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO SCHEDA INFORMATIVA I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO 01

Dettagli

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 4 4. Tendenze demografiche e trasformazioni sociali: nuove sfide per il sistema di welfare QUADRO D INSIEME

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS.

Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25 casella

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE GUIDA PER L UTENTE Direttiva 2005/36/CE Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE Il presente documento è stato elaborato a fini informativi.

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012. Uno sguardo sull'istruzione 2012. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012. Uno sguardo sull'istruzione 2012. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012 Summary in Italian Read the full book on: 10.1787/eag-2012-en Uno sguardo sull'istruzione 2012 Sintesi in italiano Lo studio intitolato Uno sguardo

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa www.unil.ch/share Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa Cosa accadrà in futuro? Il passo successivo dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa sarà completare la base dati già

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW)

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Adottata dall Assemblea generale delle NU il 18.12.1979, in vigore internazionale dal 3.9.1981.

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Misurare la povertà tra i bambini e gli adolescenti

Misurare la povertà tra i bambini e gli adolescenti UNICEF Centro di Ricerca Innocenti Report Card 10 Misurare la povertà tra i bambini e gli adolescenti Un nuovo quadro comparativo della povertà infantile in alcuni paesi a reddito medio-alto La Innocenti

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli