Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze"

Transcript

1 ALLEGATO 4 Oggetto: GR 03/16 gara a procedura ristretta ai sensi dell'art. 61 del d.lgs. 50/2016 per l'affidamento degli interventi di ristrutturazione del traghetto ro/ro Tonale appartenente alla flotta della Navigazione Lago di Garda CIG A7 CUP D78F Committente Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione..,li., li Pagina 1 di 27

2 Premessa Definizioni: Nell ambito del presente documento si intende per: a) Committente: la Gestione Governativa dei Servizi Pubblici di Navigazione sui Laghi Maggiore di Garda e di Como; b) Appaltatore: la Società, il raggruppamento temporaneo di imprese o Consorzio che è risultato aggiudicatario dell appalto; c) D.U.V.R.I.: dei Rischi Interferenti, da allegare al contratto d appalto, che indica le misure adottate per eliminare o ridurre i rischi da interferenze, di cui all art.26 c.3 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.. Il presente (D.U.V.R.I.) è stato redatto in applicazione all art. 26 comma 3 del D.Lgs. n.81/2008 e s.m.i., e costituisce parte integrante del contratto d appalto prot. del. relativo alla ristrutturazione del traghetto ro/ro Tonale appartenente alla flotta della Navigazione Lago di Garda. Il presente documento riguarda esclusivamente i rischi residui dovuti alle interferenze, determinati dagli ambienti di lavoro in cui devono essere svolte le prestazioni in argomento, ovvero dalle circostanze in cui si verifica un contatto rischioso tra il personale del Committente, il personale dell Appaltatore e il personale delle eventuali ulteriori imprese che operano presso gli stessi siti. Pertanto le prescrizioni previste nel presente Documento non si estendono ai rischi specifici cui è soggetto l Appaltatore e dipendenti dall esecuzione delle prestazioni contrattuali per i quali dovrà conformarsi alla normativa vigente. Il Documento di valutazione dei rischi interferenti contiene tutte le informazioni riguardanti: i dati identificativi della Committente; l oggetto dell appalto; i dati identificativi dell Appaltatore; Pagina 2 di 27

3 i criteri adottati per la valutazione dei rischi interferenti; le fonti di pericolo individuate; i rischi associati; i risultati della valutazione dei rischi; le misure preventive e protettive da adottare per eliminare o ridurre le interferenze con i relativi costi non soggetti a ribasso. Pagina 3 di 27

4 1. DATI ED INFORMAZIONI GENERALI DEL COMMITTENTE E DEL DATORE DI LAVORO OVE DEVONO ESSERE ESEGUITE LE PRESTAZIONI CONTRATTUALI DATI DEL COMMITTENTE Denominazione sociale MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI GESTIONE GOVERNATIVA NAVIGAZIONE LAGHI MAGGIORE DI GARDA E DI COMO P.IVA Sede Direzione Generale Indirizzo Via Ariosto 21 CAP / Località MILANO DATI DEL DATORE DI LAVORO OVE DEVONO ESSERE ESEGUITE LE PRESTAZIONI CONTRATTUALI (da completare a cura del Datore di Lavoro) Sede Direzione di Esercizio Navigazione Lago di Garda Indirizzo P.zza Matteotti n.1 CAP/Località DESENZANO D/G (BS) Datore di lavoro Nato a / il Residente a Delegato in materia di sicurezza Dott. Ing. Davide Mandini Responsabile del servizio di prevenzione e protezione Sede Telefono Ufficio Fax Cellulare Pagina 4 di 27

5 Medico competente Sede / Domicilio Dott.ssa Fancesca Solari Telefono / Fax Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza Sede / Domicilio Telefono Ufficio Fax 2. OGGETTO DELL APPALTO 2.1 Descrizione L'appalto ha per oggetto l affidamento delle prestazioni relative alla ristrutturazione del traghetto Tonale. Tali prestazioni consistono principalmente in: - rifacimento impianto di condizionamento; - rifacimento dei rivestimenti, degli arredi delle sale e delle pavimentazioni; - rifacimento impianto di illuminazione; - sostituzione montavivande; - modifiche dell ascensore; - ristrutturazione dei locali igiene; - interventi su impianto elettrico. Contratto di appalto Prot.. del Durata dell appalto... giorni solari consecutivi dalla data del verbale di inizio lavori. 2.2 Aree interessate ai lavori Area lavori Sede: Cantiere Navale Peschiera del Garda (VR) Via: Via Marina 1 Città: Peschiera del Garda 2.3 Affidamento lavori Affidamento lavori A) Lavoratore autonomo SI NO Pagina 5 di 27

6 B) Unica impresa SI NO C) Impresa Main Contractor C1) Sub appalti D) Frazionamento opera su più imprese con coordinamento lavori committente D1) Sub appalti SI SI SI SI NO NO NO NO Pagina 6 di 27

7 B) Unica impresa ID Nominativo Appaltatore Attività svolta N. Scheda anagrafica Nel corso delle lavorazioni saranno presenti subappaltatori SI NO Pagina 7 di 27

8 3. INFORMAZIONI GENERALI APPALTATORE 3.A. INFORMAZIONI DELL APPALTATORE Unica impresa Main Contractor 3.A.1 Dati identificativi dell Azienda Ragione / Denominazione sociale Datore di lavoro Inizio attività P. IVA CF REA Oggetto sociale Sede legale/operativa Indirizzo CAP / Località Sede operativa Indirizzo CAP/Località Pagina 8 di 27

9 3.A.2 Organigramma Aziendale Datore/i di lavoro dell Appaltatore [soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, il soggetto che, secondo il tipo e l'organizzazione dell'impresa, ha la responsabilità della stessa in quanto titolare dei poteri decisionali e di spesa.] Sig. nato a il prov. (*) Persona (eventualmente) delegata in materia di prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro nato il a prov. (... ) Responsabile dei lavori Sig. nato a il prov. Firma Responsabile dei lavori: figura incaricata della gestione economica della commessa. Il Responsabile dei lavori si relaziona con il Committente per: risolvere problemi di natura operativa; garantire la presenza di personale concordata come da accordo di servizio; risolvere situazioni particolari. Il Responsabile dei lavori non è necessariamente presente in sede. La figura del Responsabile dei lavori può coincidere con quella del Caposquadra. Capo squadra Pagina 9 di 27

10 Sig nato a prov. (... ) il... Firma Caposquadra: figura incaricata della gestione operativa, compresi gli aspetti di salute e sicurezza, degli addetti presenti durante le ore di servizio. Il Caposquadra può impartire ordini, istruzioni e direttive e quindi configurarsi quale preposto ai sensi della normativa in materia di salute e sicurezza.il Caposquadra si relaziona con il Referente del Committente per tutti gli aspetti di tipo operativo che derivano dall attuazione del contratto di appalto, esso è sempre presente durante lo svolgimento del servizio. Pagina 10 di 27

11 3.A.3 Il Servizio di Prevenzione e Protezione Datore di lavoro Nato a / il Residente a Delegato in materia di sicurezza Responsabile esterno del servizio di prevenzione e protezione Sede Telefono Ufficio Fax Cellulare Medico competente Sede / Domicilio Telefono / Fax Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza Sede / Domicilio Telefono Ufficio Fax Addetti al primo soccorso Addetti alla lotta antincendio e gestione emergenze Pagina 11 di 27

12 4. VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE 4.1 Criteri Considerato che, nel caso di specie, il Committente non coincide con il Datore di Lavoro ove devono essere eseguite le prestazioni contrattuali, si è proceduto, ai sensi dell art.26 comma 3-ter del D.Lgs 81/2008 e s.m.i., ad effettuare una valutazione ricognitiva dei rischi standard relativi alla tipologia della prestazione che potrebbero potenzialmente derivare dall esecuzione del contratto. Pertanto il Datore di Lavoro presso il quale deve essere eseguita la prestazione contrattuale, prima dell inizio dell esecuzione, integra il presente documento riferendolo ai rischi specifici da interferenza presenti nei luoghi in cui verrà espletato l appalto; l integrazione, sottoscritta per accettazione dall Appaltatore, integra gli atti contrattuali. Il lavoro svolto è stato finalizzato, in prima analisi, alla descrizione delle attività appaltate, con l individuazione delle fasi di lavorazione. Successivamente sono stati individuati gli ambienti di lavoro, gli impianti ed attrezzature di uso comune, le relative situazioni di rischio ed i pericoli correlati. Una volta identificati i rischi da interferenza sono state indicate le misure di sicurezza necessarie per l eliminazione o la riduzione degli stessi con l indicazione del relativo costo. Pagina 12 di 27

13 4.2 Descrizione del Cantiere Navale di Peschiera del Garda Gli interventi in questione devono essere eseguiti all interno del cantiere navale di Peschiera del Garda, al quale si accede attraverso l ingresso carraio sito in Via Marina 1. All interno dello stesso cantiere è presente, così come meglio rappresentato nella planimetria che sarà allegata (all.1), un fabbricato adibito a servizi vari (portineria, sala riunioni, archivio), n 2 prefabbricati adibiti a deposito carte d archivio, alcuni fabbricati contenenti il magazzino materiali, l officina elettricisti, l officina falegnami, gli spogliatoi e depositi vari, un fabbricato contenente il bacino di carenaggio, l officina macchine utensili, l officina meccanici motoristi, l officina fabbri, gli uffici e l infermeria, nonché, nella parte opposta all ingresso carraio il deposito carburanti e lubrificanti. Il cantiere in questione è altresì dotato di una darsena grande,di una darsena piccola e di un molo. All Appaltatore, così come evidenziato nella suddetta planimetria, sarà messa a disposizione un area adeguata del suddetto cantiere, gli spogliatoi ed i servizi igienici, nonché un apposita area per il deposito e lo stoccaggio delle attrezzature e materiali di sua proprietà. Nella ulteriore planimetria che sarà allegata (all.2) sono specificate le posizioni dei dispositivi antincendio (estintori, idranti, interruttore generale, sgancio energia elettrica, etc.). A tal proposito occorre evidenziare che nel contratto d appalto l art. 8 prevede espressamente che: La Committente mette a disposizione, compatibilmente con le esigenze del citato cantiere, gli impianti elettrici, di aria compressa e d acqua con relative forniture, così come previsto nella Specifica Tecnica. L'uso che l Appaltatore fa degli impianti elettrici, d'aria compressa e d'acqua che, nei limiti della disponibilità, la Committente mette gratuitamente a disposizione, si intende effettuato con piena ed esclusiva responsabilità verso terzi e nei confronti degli Organi tutori nel pieno e scrupoloso rispetto delle leggi da parte dell Appaltatore medesimo Pagina 13 di 27

14 Sulla base di quanto sopra esposto vengono decritti qui di seguito gli impianti e le attrezzature di uso comune presenti nel suddetto cantiere, nonché i pericoli ad essi correlati e l entità dei relativi rischi. IMPIANTO/ATTR EZZATURA Idrico E servizi igienci Elettrico di illuminazione di terra Contro le scariche atmosferi-che Di aspirazione Linee gas DESCRIZIONE E presente la linea di adduzione dell acqua potabile ed industriale all interno del cantiere navale, ed acqua calda sanitaria e potabile negli spogliatoi. Con presenza dei servizi igienico sanitari (lavabi, WC, ecc..). L impianto elettrico è derivabile da una serie di colonnine disposte in vari punti del cantiere navale. L impianto è realizzato rispettando i criteri di buona tecnica. Sono presenti corpi illuminanti del tipo a fluorescente nei locali ad uso comune. E presente una illuminazione di carattere generale del cantiere. Per le aree nave l Appaltatore dovrà stendere linee di illuminazione provvisorie proprie. L impianto elettrico è dotato di una linea di terra adeguatamente collegata a sistemi di scarico a terra (dispersori) opportunamente dimensionati e verificati. E presente l impianto di protezione da scariche atmosferiche conforme alla normativa vigente. Su tale impianto vengono effettuate verifiche periodiche biennali. E presente un sistema di aspirazione relativo alle aree di saldatura in officina e di estrazione per le macchine lavorazione legno. Per le aree di bordo sarà a carico appaltatore realizzare sistemi di estrazione diffusa o a captazione localizzata PERICOLI Idrocuzione, con elevate temperature o bassissime temperature Il pericolo di elettrocuzione è riconducibile alla linea di distribuzione ed alle prese presenti ed è caratterizzato dalla particolare situazione derivante dalla presenza di grandi masse metalliche e di ambienti umidi, comunque limitato in quanto sono presenti interruttori differenziali ed impianto di terra. Pericolo di elettrocuzione nel caso si intervenga in maniera non adeguata. Nel caso di interventi in area scarsamente illuminata o in emergenza dotarsi di luce portatile. Utilizzo di illuminazione provvisoria a tensione di sicurezza(<50 V.) La dislocazione ed il dimensionamento dei dispersori consente di scaricare le correnti in sicurezza. Elettrocuzione; Incendio. Pericolo di elettrocuzione e potenziale rischio chimico per scarsa efficienza impianti. All interno delle officine è presente Esplosione depositi e miscele. Pagina 14 di 27

15 IMPIANTO/ATTR EZZATURA Tecnologici Rete distribuzione aria compressa DESCRIZIONE una rete di distribuzione dei gas tecnici (acetilene ed ossigeno) realizzata a norma. Per l impiego a bordo sarà cura dell appaltatore l individuazione ed il governo dei rischi specifici. All interno del cantiere sarà costruita, a cura appaltatore, un area di stoccaggio coperta e rispondente alle specifiche normative per i gas tecnici Nel cantiere Navale è presente una rete di distribuzione aria compressa a 6 bar di pressione PERICOLI Ritorni di fiamma sulle linee di trasporto gas. Esplosione canne distribuzione e proiezioni di materiale Situazione Transito automezzi in cantiere Parti sporgenti/ Taglienti Incendio- parti ustionanti Parti sotto tensione Emissione sostanze pericolose Emissioni di Polveri Piano di camminamento e aree scalo Rumore Rischi di natura ambientale e logistici PERICOLI Investimento personale o urto con strutture, urto fra mezzi in movimento Le attrezzature/macchine possono presentare parti taglienti, inoltre i banchi da lavoro e le aree d officina possono contenere oggetti o strutture in lavorazione caratterizzati dalla presenza di spigoli taglienti o comunque non arrotondati. Nelle aree comuni possono essere praticate attività a caldo od a fiamma libera con pericolo di ustioni incendio per il personale Tutte le attrezzature/macchine, alimentate ad EE, essendo protette dall impianto di messa a terra e da protezione differenziale, non presentano particolari pericoli se correttamente maneggiate ed utilizzate. Durante le attività in parti comuni possono essere utilizzati prodotti per saldatura, prodotti anticorrosivi, prodotti per pitturazione o chimici in genere che possono risultare tossici, nocivi, irritanti od allergenizzanti. Diverse lavorazioni condotte in aree comuni possono generare di polveri o particolato non filtrato che può risultare inalabile, irritante per contatto, allergenizzante. All interno delle aree praticate vi sono strutture e piani che per propria natura tecnica presentano ostacoli ed impedimenti al normale passaggio pedonale con rischio di caduta o di distorsione articolare. In relazione al uso di attrezzature e macchinari, in relazione alle attività svolte a bordo delle navi in condizioni di alaggio si possono occasionalmente produrre livelli sonori rilevanti anche superiori ai 90 dba.si prevede una esposizione equivalente giornaliera < 80 db(a) Da valutarsi quotidianamente l utilizzo per tutto il personale di DPI otoprotettori. Pagina 15 di 27

16 PIANO DI LAVORO GIORNALIERO Località Giorni PESCHIERA PESCHIERA L V L - D Orari nei quali opera quotidianamente il personale dell Appaltatore all interno del Cantiere Navale Orari nei quali opera quotidianamente il personale del Committente all interno del cantiere Navale Nota: nel caso in cui l Appaltatore intenda lavorare nei giorni di sabato e domenica e oltre gli orari di lavoro del Personale di Cantiere del Committente, non sono garantite le squadre di emergenza. 5. INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI E DI INTERFERENZA Si parla di interferenza nella circostanza in cui si verifica un contatto rischioso tra il personale della Committente e quello dell Appaltatore o tra il personale di imprese diverse che operano nella stessa sede aziendale con contratti differenti. In linea di principio, occorre mettere in relazione i rischi presenti nei luoghi in cui verrà espletata l attività dell Appaltatore con i rischi derivanti dall esecuzione del contratto. 5.1 Valutazione di dettaglio Gli interventi sulla motonave in questione devono essere eseguiti all interno del Cantiere Navale di Peschiera del Garda della Navigazione Lago di Garda. In relazione a quanto sopra vengono messi a disposizione dell Appaltatore, compatibilmente con la disponibilità e con le esigenze di servizio e di ricezione del citato cantiere navale gli impianti elettrici, di aria compressa e d acqua con relative forniture. Pagina 16 di 27

17 Nell ambito del suddetto Cantiere sono presenti, quotidianamente, le maestranze della Committente. E altresì da considerare l eventuale presenza del personale di imprese terze alle quali la Committente affida di volta in volta l esecuzione di prestazioni varie. A fronte di tale circostanza ed al fine di ridurre al minimo un eventuale contatto rischioso tra il personale dei suddetti soggetti, si rende necessario regolamentare le procedure di accesso e transito all interno del cantiere navale, delimitare e segregare le aree nelle quali deve operare l Appaltatore, ovvero, qualora ciò non fosse possibile, coordinare di volta in volta la concomitanza delle attività svolte dai diversi soggetti. Le principali fasi nelle quali si può verificare un contatto rischioso sono le seguenti: l ingresso ed il transito nel cantiere navale dei mezzi e del personale dell appaltatore; le lavorazioni necessarie per la realizzazione dei ponteggi; l utilizzo da parte dell Appaltatore dei mezzi di sollevamento esistenti nel Cantiere navale; l utilizzo da parte dell Appaltatore degli impianti presenti in cantiere (energia elettrica, acqua, aria compressa); l introduzione e l utilizzo nel cantiere navale delle attrezzature e dei prodotti di proprietà dell Appaltatore; le lavorazioni di pitturazione. Le situazioni di rischio sono pertanto le seguenti: SITUAZIONI DI RISCHIO N Fattori di rischio 1 Esecuzione all interno del luogo di lavoro SI NO 2 Allestimento di un area delimitata SI NO 3 Esecuzione delle attività in presenza del personale del Committente SI NO 4 Previsto lavoro notturno SI NO 5 Prevista chiusura di percorsi o di parti della nave SI NO 6 Previsto utilizzo di attrezzature/macchinari propri dell Appaltatore SI NO 7 Prevista utilizzo/installazione di ponteggi SI NO Pagina 17 di 27

18 8 Previsto utilizzo di fiamme libere SI NO 9 Previsto utilizzo sostanze chimiche SI NO 10 Previsto utilizzo materiali biologici SI NO 11 Prevista produzione di polveri SI NO 12 Prevista movimentazione manuale dei carichi SI NO 13 Prevista movimentazione dei carichi con ausilio di macchinari SI NO 14 Prevista produzione di Rumore SI NO Elettrica SI NO 15 Previste interruzioni nella fornitura Acqua SI NO Gas SI NO 16 Prevista temporanea disattivazione di sistemi antincendio Rete dati SI NO Linea Telefonica SI NO Rilevazione fumi SI NO Allarme Incendio SI NO Idranti SI NO Naspi SI NO Sistemi di spegnimento SI NO 17 Presente rischio di caduta dall alto SI NO 18 Presente rischio di caduta di materiali dall alto SI NO 19 Presente rischio di caduta in acqua SI NO 20 Movimento mezzi SI NO 21 Previsto utilizzo e/o trasporto di liquidi infiammabili/combustibili SI NO 22 I lavoratori dell Appaltatore utilizzeranno i servizi igienici del luogo di lavoro SI NO 23 I lavoratori dell Appaltatore avranno a loro disposizione spazi quali spogliatoi SI NO 24 Esistono percorsi dedicati per il trasporto di materiali atti allo svolgimento dell appalto SI NO 25 Esistono spazi dedicati al carico/scarico dei materiali necessari allo svolgimento dell appalto SI NO 26 E previsto l utilizzo, da parte dell Appaltatore, degli impianti presenti nel Cantiere Navale SI NO 27 Sono previste attività a rischio esplosione incendio SI NO 6. MISURE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE E RELATIVI COSTI Pagina 18 di 27

19 Norme comportamentali di carattere generale: rispettare il contenuto della segnaletica e cartellonistica installata in tutte le aree di cantiere; è vietato correre all interno delle aree di lavoro, a meno che non si verifichi una situazione di emergenza; è vietato fumare ed utilizzare fiamme libere e fonti di calore e di innesco di qualsiasi genere nelle aree interne alle officine ed in tutte le zone a rischio come indicato dalla cartellonistica e comunque nelle schede dei reparti; è vietato consumare cibi o bevande in aree di lavoro non propriamente attrezzate; divieto di accesso in locali od aree per le quali non si è autorizzati; non effettuare movimenti bruschi e pericolosi che possono creare disattenzione di altri lavoratori; è vietato effettuare lavorazioni a caldo che potrebbero produrre scintille ecc. in zone ove sono presenti sostanze infiammabili e comunque combustibili, come individuati da apposita segnaletica e cartellonistica; non oltrepassare la parti transennate; è obbligatorio restare nella zona assegnata dove si sta operando; non bere alcol, non fare uso di stupefacenti, o medicinali che creano uno stato confusionale con conseguente diminuzione dell attenzione sul lavoro; è vietato eseguire all interno del Cantiere Navale delle lavorazioni che non rientrano nell oggetto dell appalto; segnalare tempestivamente alla Committente l eventuale malfunzionamento di impianti od attrezzature presenti in cantiere; l uso di altre attrezzature/macchinari della Committente è consentito solo a seguito di una preventiva e specifica autorizzazione firmata dal rappresentante della Committente stessa; formare ed informare i lavoratori sui rischi specifici presenti negli ambienti di lavoro; indossare abiti idonei al lavoro da svolgere ed atti a tutelare la sicurezza in relazione alle specifiche attività; indossare, se necessario o segnalato, i mezzi di protezione individuale (DPI) in relazione ai rischi residui; Pagina 19 di 27

20 utilizzare solo attrezzi portatili alimentati a 220 V derivati da trasformatore di sicurezza e a 48 Volt in luoghi bagnati e umidi od in area conduttore ristretto; applicare le procedure aziendali di emergenza e di evacuazione in caso di incendio; riferire di ogni situazione di rischio, infortunio ecc.. al responsabile della Committente; utilizzare i corridoi o i percorsi indicati per muoversi all interno della struttura; utilizzare esclusivamente attrezzature sicure e conformi alle norme di legge vigenti: in ogni caso la Committente può ispezionare gli attrezzi usati e contestare quelli difettosi e/o insicuri, anche in relazione al rischio residuo presente sull impianto; ogni dipendente dell Appaltatore deve essere adeguatamente formato per quanto concerne la sicurezza e la tutela della salute dei lavoratori; le zone di lavoro devono sempre essere mantenute pulite, eliminando i rifiuti periodicamente; parcheggiare i veicoli nell apposita zona individuata nell area (parcheggi); non intervenire mai sulle attrezzature elettriche. Solo il personale qualificato è autorizzato ad effettuare interventi sugli impianti, come ad esempio rimuovere fusibili, riparare spine, cavi, motori elettrici e quant altro. ogni elemento elettrico difettoso e/o obsoleto deve essere rimosso immediatamente; l attività di costruzione smontaggio o modifica dei ponteggi è riservata al personale qualificato da apposito corso di istruzione che opererà solo sotto controllo di un preposto e nel rispetto di apposito documento PIMUS. Pagina 20 di 27

21 FATTORI DI RISCHIO Ingresso e transito dei mezzi dell Appaltatore Ingresso e transito del personale dell Appaltatore Attività di carico e scarico carpenteria metallica, macchinari, attrezzature e materiali dell Appaltatore Utilizzo degli impianti di uso comune Utilizzo macchine ed attrezzature di lavoro dell appaltatore. ATTREZZATURE, IMPIANTI, MACCHINARI E PRODOTTI Camion, furgoni, autovetture, etc. Carroponte da 5 tonnellate Impianto di adduzione acqua potabile ed industriale, colonnine elettriche, impianto aria compressa. RISCHI INTERFERENTI Investimento, collisione. Urto con automezzi, intromissione in aree non autorizzate, evacuazione in caso di emergenza. Schiacciamento, ribaltamento, urto con parti metalliche, compressione, collisione. Idrocuzione, elettrocuzione, esplosione canne da distribuzione e proiezioni di materiali, contatto con parti metalliche, taglio Tranciatura, contatto con materiale metallico tagliente, MISURE PER ELIMINARE O RIDURRE LE INTERFERENZE L ingresso ed il transito dei mezzi dell Appaltatore deve avvenire attraverso il percorso stabilito con il Committente e ad una velocità non superiore ai 5 km/orari e nel rispetto delle disposizioni impartite sul luogo di volta in volta dalla Committente medesima. L Appaltatore deve trasmettere alla Committente l elenco nominativo del personale che intende impiegare specificandone i dati anagrafici, il numero di iscrizione agli Istituti di previdenza e assistenza, le qualifiche e le mansioni. Analoga comunicazione deve essere effettuata anche nel caso di variazione del personale. Il personale dell Appaltatore, munito di apposita divisa e di una tessera di riconoscimento, deve transitare ed accedere esclusivamente nelle aree assegnate dalla Committente secondo i percorsi stabiliti nella planimetria allegata. In caso di incendio il personale dell Appaltatore è tenuto a seguire quanto indicato nel Piano di evacuazione. L Appaltatore è tenuto a rispettare le indicazioni impartite in loco dal personale tecnico della Committente. Le operazioni di carico e scarico devono avvenire esclusivamente nell ambito delle aree che la Committente metterà a disposizione dell Appaltatore. Tali aree devono essere opportunamente delimitate e segnalate da apposita cartellonistica. L utilizzo degli impianti presenti in cantiere da parte dell Appaltatore deve essere di volta in volta concordato ed autorizzato dalla Committente e limitato al solo personale opportunamente formato e certificato singolarmente dall Appaltatore medesimo in fase di reciproca informazione. L Appaltatore è tenuto a rispettare le indicazioni impartite in loco dal personale tecnico della Committente. Tutte le macchine ed attrezzature utilizzate dall Appaltatore devono essere funzionanti ed in buono stato nonchè conformi alla normativa di sicurezza vigente (Direttiva 2006/42/CE, D.Lgs 81/2008 etc.). ultimo aggiornamento Documento ad uso interno Vers.0 Rev Vers.0 Rev.0 Pagina 21 di 27

22 Montaggio, modifica e smontaggio dei ponteggi Utilizzo di sostanze e/o preparati chimici Saldatrici, mole, trapani, seghe circolari, cesoie etc. Utensili vari, mezzi di sollevamento meccanici Prodotti per pitturazione, pulizia, grassaggio proiezioni di materiale, inciampo, sovraccarico alimentazione, disturbo acustico, irritazione agli occhi, ed alle vie respiratorie. Urto con parti metalliche, caduta operatori dall alto, lesioni da sforzo, contatti con parti metalliche, operazioni in condizioni climatiche sfavorevoli Inalazione vapori e solventi. Prima dell'inizio dei lavori l Appaltatore deve pertanto fornire copia del certificato di conformità e scheda tecnica dettagliata delle macchine ed attrezzature medesime. In caso di utilizzo delle suddette attrezzature in presenza del personale della Committente e/o di altre Imprese devono essere adottate delle protezioni atte ad eliminare i relativi rischi. Qualora ciò non fosse possibile si deve procedere alla sospensione delle lavorazioni nelle immediate vicinanze. Le macchine utensili dell Appaltatore devono essere allacciate alle utenze che saranno indicate in loco dal personale della Committente. Delimitare le aree di manovra e segnalarle mediante apposita cartellonistica. Effettuare le operazioni secondo le indicazioni del PIMUS. Utilizzare esclusivamente personale formato ed in possesso di regolare attestato e certificato singolarmente dall Appaltatore in fase di reciproca informazione. Sospendere le lavorazioni in caso di condizioni climatiche sfavorevoli. Comunicare alla Committente l introduzione in Cantiere di ogni prodotto utilizzato, fornendo altresì le relative schede tossicologiche. I contenitori devono riportare le etichette identificative con le prescritte nozioni di avvertimento, pericolo e consigli di prudenza. Non è ammesso l uso di recipienti privi di regolare identificazione. Non utilizzare contenitori di fortuna/occasionali per contenere i prodotti. I prodotti in questione devono essere stoccati nelle apposite aree messe a disposizione dalla Committente. ultimo aggiornamento Documento ad uso interno Vers.0 Rev Vers.0 Rev.0 Pagina 22 di 27

23 COSTI DESCRIZIONE IMPORTO Noleggio mezzi di sollevamento e/o ponteggi, completi di PIMUS Assemblaggio. Smontaggio, cartellonistica ecc Acquisto di salvagenti per lavorazioni in banchina 500 Acquisto di cartellonistica per avvisi di sicurezza 500 Studio e realizzazione Piani di Sicurezza Cantiere 500 Formazione del Personale dell Appaltatore sui rischi e le caratteristiche del Cantiere del Committente 500 IMPORTO TOTALE COSTI PER LA SICUREZZA DA INTERFERENZE (OLTRE IVA) Costo totale oneri per la sicurezza derivanti dalle interferenze EURO ,00

24 Pagina 24 di 27 Vers.1

25 CARTELLI DI AVVERTIMENTO E DIVIETO Sostanze nocive irritanti Caduta con dislivello Pericolo di inciampo Radiazioni non ionizzanti Tensione elettrica pericolosa Sostanze velenose Pericolo generico Rischio biologico Carrelli di movimentazione Carichi sospesi Pagina 25 di 27 Vers.1

26 Pagina 26 di 27 Vers.1

27 7. ADEMPIMENTI Il presente è stato redatto dalla Committente, fermo restando che lo stesso potrà essere aggiornato dalla Committente medesima anche su proposta dell Appaltatore, in caso di modifiche di carattere tecnico, logistico o organizzativo incidenti sulle modalità realizzative; tale documento potrà, inoltre, essere integrato su proposta dell Appaltatore da formularsi entro 30 giorni dall aggiudicazione ed a seguito della valutazione della Committente. L Appaltatore prima dell inizio delle attività dovrà produrre il proprio Documento di Valutazione dei Rischi connessi alle attività specifiche, che dovrà essere Coordinato con il Documento Unico Valutazione Rischi Interferenze () definitivo. Il presente documento viene allegato al contratto di appalto. Il Datore di Lavoro della Committente Il Datore di Lavoro dell Appaltatore li. Pagina 27 di 27 Vers.1

Comune di Gabicce Mare DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

Comune di Gabicce Mare DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Comune di Gabicce Mare ALLEGATO 3 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO (art. 26 comma 1 lett. b D.Lgs 81/08) e MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE

Dettagli

INFN - SEZIONE DI GENOVA GARA CONDIZIONAMENTO CLEAN ROOM ATLAS/CMS

INFN - SEZIONE DI GENOVA GARA CONDIZIONAMENTO CLEAN ROOM ATLAS/CMS Istituto Nazionale Di Fisica Nucleare INFN - SEZIONE DI GENOVA GARA CONDIZIONAMENTO CLEAN ROOM ATLAS/CMS DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE ai sensi

Dettagli

CITTA DI ALBIGNASEGO PROVINCIA DI PADOVA

CITTA DI ALBIGNASEGO PROVINCIA DI PADOVA PROT. N. 38230 DEL 25/11/2016 CITTA DI ALBIGNASEGO PROVINCIA DI PADOVA Settore 3 - Sviluppo infrastrutturale Via Milano, 7 35020 Albignasego (PD) OGGETTO: SERVIZIO ANNUALE DI GESTIONE OPERATIVA DELL IMPIANTO

Dettagli

LA SICUREZZA DEL PATRIMONIO CULTURALE IN PRESENZA DI CANTIERI DI RESTAURO. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali

LA SICUREZZA DEL PATRIMONIO CULTURALE IN PRESENZA DI CANTIERI DI RESTAURO. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali LA SICUREZZA DEL PATRIMONIO CULTURALE IN PRESENZA DI CANTIERI DI RESTAURO ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali 1 Specificità dei cantieri di restauro occasione di studio (disponibilità

Dettagli

MODALITA DI ACCESSO ALL IMPIANTO

MODALITA DI ACCESSO ALL IMPIANTO Pagina 1 di 5 MODALITA DI ACCESSO ALL IMPIANTO Criteri generali di sicurezza per il trasporto dei materiali e/o rifiuti presso l impianto di via Remesina Esterna 27/a in località Fossoli di Carpi (MO)

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO Piano di sicurezza e coordinamento Pagina 1 Opere di.. PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO Revisione numero Data emissione od ultima modifica Approvata da (Responsabile del Procedimento) Emessa da (CSP)

Dettagli

APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI COMUNALI

APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI COMUNALI COMUNE DI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) (ART 26 DEL Decreto Legislativo 81/08) APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI COMUNALI C.I.G (ALLEGATO ALLA DETERMINA

Dettagli

Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti. (D.U.V.R.I. Specifico)

Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti. (D.U.V.R.I. Specifico) Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti (D.U.V.R.I. Specifico) I N D I C E 1. PREMESSE 2. DEFINIZIONI 3. OGGETTO DELL'APPALTO 4. DESCRIZIONE DELL ATTIVITA OGGETTO DELL APPALTO 5. ANAGRAFICA

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA CANTIERE DEI LAVORI DI MIRANO (VE) PRESSO I.P.A.B. LUIGI MARIUTTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA ai sensi dell art. 26 del Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 come modificato

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA DUVRI Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza Rif. Art. 26, comma 3, D.Lgs. 81/2008

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA DUVRI Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza Rif. Art. 26, comma 3, D.Lgs. 81/2008 Data:23/12/2009 Premessa L affidamento di lavori a fornitori esterni all azienda attraverso contratti d appalto e/o d opera comporta l obbligo per il datore di lavoro, qualora vi siano interferenze, di

Dettagli

COMUNE DI BAREGGIO PROVINCIA DI MILANO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) (ART 26 DEL Decreto Legislativo 81/08)

COMUNE DI BAREGGIO PROVINCIA DI MILANO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) (ART 26 DEL Decreto Legislativo 81/08) COMUNE DI BAREGGIO PROVINCIA DI MILANO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) (ART 26 DEL Decreto Legislativo 81/08) APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI COMUNALI

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTEFERENTI (D.U.V.R.I.)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTEFERENTI (D.U.V.R.I.) Allegato 2 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTEFERENTI (D.U.V.R.I.) GARA: SERVIZI DI PULIZIA E DI LAVANDERIA DELLA RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CODICE C.I.G. 40202639F8 1. OGGETTO DELLA

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) Allegato 6 (PARTE 5 ) Direzione Regionale del Lazio Settore Gestione Risorse Ufficio Risorse Materiali DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) (AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL

Dettagli

ART. 26 D.LGS 81/2008 OBBLIGHI CONNESSI ALLA SICUREZZA NEI CONTRATTI D APPALTO / D OPERA DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DI INTERFERENZA (DUVRI)

ART. 26 D.LGS 81/2008 OBBLIGHI CONNESSI ALLA SICUREZZA NEI CONTRATTI D APPALTO / D OPERA DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DI INTERFERENZA (DUVRI) Spett.le c.a. Mantova, 1 luglio 2010 Oggetto: ART. 26 D.LGS 81/2008 OBBLIGHI CONNESSI ALLA SICUREZZA NEI CONTRATTI D APPALTO / D OPERA DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DI INTERFERENZA (DUVRI) Egr.

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza (DUVRI) DUVRI. Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza

Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza (DUVRI) DUVRI. Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza 1 di 5 DUVRI Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza Ai sensi dell Art.26; comma 2 lettera b, comma 3 del D.Lgs.81/08 Committente Ditta appaltatrice Istituto Superiore di Sanità Oggetto

Dettagli

LA SICUREZZA NEI CANTIERI DI RESTAURO

LA SICUREZZA NEI CANTIERI DI RESTAURO LA SICUREZZA NEI CANTIERI DI RESTAURO 15 dicembre 2008 ing. Claudio BALDANI - Ministero per i Beni e le Attività Culturali 1 I riferimenti normativi (norme prescrittive) D.P.R. 27.04.1955 n. 547 Norme

Dettagli

D. Lgs. 81/08 Titolo IV Capo I PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO. Contenuti minimi All.XV

D. Lgs. 81/08 Titolo IV Capo I PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO. Contenuti minimi All.XV D. Lgs. 81/08 Titolo IV Capo I PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO Contenuti minimi All.XV Dott. Arch Dott. Arch. Lucia Niccacci Allegato XV contenuti minimi del PSC 1.DISPOSIZIONI GENERALI 1.1 definizioni

Dettagli

VERBALE RIUNIONE DI COOPERAZIONE E COORDINAMENTO (Modello M05)

VERBALE RIUNIONE DI COOPERAZIONE E COORDINAMENTO (Modello M05) VERBALE RIUNIONE DI COOPERAZIONE E COORDINAMENTO (Modello M05) ORGANIZZAZIONE DEI LAVORI, PRESENZA DI RISCHI PARTICOLARI PRESENTI NELL AREA DEI LAVORI E VALUTAZIONE DELLA PRESENZA DI ULTERIORI RISCHI INTERFERENZIALI

Dettagli

D.U.V.R.I. ex art. 26 comma 3 ter D.lgs. 81/2008 e s.m.i.

D.U.V.R.I. ex art. 26 comma 3 ter D.lgs. 81/2008 e s.m.i. COMUNE DI OLGIATE MOLGORA Provincia di Lecco SOSTITUZIONE FAN COIL SCUOLA PRIMARIA A. MANZONI D.U.V.R.I. ex art. 26 comma 3 ter D.lgs. 81/2008 e s.m.i. Agosto 2016 PREMESSA: Il presente documento è redatto

Dettagli

INPDAP GESTIONE EX ENAM SEDE LEGALE Via S. Croce in Gerusalemme 55 Roma ROMA SEDE OPERATIVA

INPDAP GESTIONE EX ENAM SEDE LEGALE Via S. Croce in Gerusalemme 55 Roma ROMA SEDE OPERATIVA INPDAP GESTIONE EX ENAM SEDE LEGALE Via S. Croce in Gerusalemme 55 Roma ROMA SEDE OPERATIVA - DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE - (art. 26, comma 3, D.Lgs. n. 81/2008, come modificato

Dettagli

COMUNE PERANO. (Provincia di Chieti) GESTIONE INTEGRATA IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE PERANO. (Provincia di Chieti) GESTIONE INTEGRATA IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE PERANO (Provincia di Chieti) Committente: Amministrazione Comunale di Perano Oggetto: GESTIONE INTEGRATA IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE SUL TERRITORIO COMUNALE PRIME INDICAZIONI E MISURE FINALIZZATE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Allegato 1e DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE A) ANAGRAFICA DELL APPALTO CONTRATTO REP. N.... PER SERVIZIO DI MENSA PRESSO LE STRUTTURE DELLA POLIZIA DI STATO DELL ITALIA DATORE

Dettagli

CONSORZIO DI VALORIZZAZIONE CULTURALE VERBALE DI SOPRALLUOGO PRELIMINARE CONGIUNTO E DI COORDINAMENTO

CONSORZIO DI VALORIZZAZIONE CULTURALE VERBALE DI SOPRALLUOGO PRELIMINARE CONGIUNTO E DI COORDINAMENTO CONSORZIO DI VALORIZZAZIONE CULTURALE VERBALE DI SOPRALLUOGO PRELIMINARE CONGIUNTO E DI COORDINAMENTO REGGIA DI VENARIA REALE Piazza della Repubblica, 4-10078 Venaria Reale (TO) ********************* Lavori

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI Comune di Chianciano Terme DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI PARTE III VALUTAZIONE ED ELIMINAZIONE/RIDUZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI NELLE LAVORAZIONI (art. 26 comma 3 e 3-ter D.Lgs.

Dettagli

--- PROGETTO DEFINITIVO/ESECUTIVO

--- PROGETTO DEFINITIVO/ESECUTIVO Città di Castellanza Allegato C alla delibera di G.C. n. 117 del 11.09.2014 MANUTENZIONE STRAORDINARIA COPERTURE/FIORIERE CIMITERO DI CASTELLANZA --- PROGETTO DEFINITIVO/ESECUTIVO VALUTAZIONE DELLE INTERFERENZE

Dettagli

COMUNE DI CASALGRANDE

COMUNE DI CASALGRANDE Tabella 5 - Pericoli, misure di prevenzione e protezione per eliminare o, ove cio' non sia possibile, ridurre al minimo i rischi da interferenza e valutazione dei rischi da interferenza Attivita' Pericoli

Dettagli

DATA: DITTA (ragione sociale): SEDE LEGALE E AMMINISTRATIVA: SEDE OPERATIVA (se presente): SETTORE:

DATA: DITTA (ragione sociale): SEDE LEGALE E AMMINISTRATIVA: SEDE OPERATIVA (se presente): SETTORE: DATA: DITTA (ragione sociale): SEDE LEGALE E AMMINISTRATIVA: SEDE OPERATIVA (se presente): SETTORE: (industria, commercio, edilizia, artigianato, servizi etc.) CODICE ATECO PRINCIPALE: CODICE FISCALE/P.IVA:

Dettagli

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA (Art. 26 D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81)

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA (Art. 26 D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) COMUNE DI SAN VITTORE OLONA D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA (Art. 26 D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN AGGIUDICAZIONE

Dettagli

Comune di Livorno. Servizio di Prevenzione e Protezione. Azienda Committente: Comune di Livorno Azienda Appaltatrice

Comune di Livorno. Servizio di Prevenzione e Protezione. Azienda Committente: Comune di Livorno Azienda Appaltatrice .. Comune di Livorno Servizio di Prevenzione e Protezione Documento Unico di Valutazione dei rischi Ai sensi dell Art. 26 del D.Lgs. n. 81 del 2008 e successivi aggiornamenti Azienda Committente: Comune

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI PARTE III VALUTAZIONE ED ELIMINAZIONE/RIDUZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI NELLE LAVORAZIONI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Committente Comune di Modugno

Dettagli

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE ai sensi dell art. 26 comma 3 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE ai sensi dell art. 26 comma 3 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. PAGINA 1 di 10 ALLEGATO G.1 Sistema di Gestione della Sicurezza sul Lavoro Azienda Committente Sede Legale Sede Operativa FTSA Piazza Cavour 2, Poggibonsi (SI) Via Piave 40, Poggibonsi (SI) D.U.V.R.I.

Dettagli

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella LAVORARE SICURI! Formazione e informazione dei lavoratori per l igiene e la sicurezza sul

Dettagli

La gestione degli appalti di forniture di beni e servizi Il DUVRI. M.G. Marchesiello Firenze

La gestione degli appalti di forniture di beni e servizi Il DUVRI. M.G. Marchesiello Firenze La gestione degli appalti di forniture di beni e servizi Il DUVRI M.G. Marchesiello Firenze 20.01.2010 Evoluzione normativa D.Lgs. 626/94, art. 7 contratto d appalto o d opera Vengono introdotti gli obblighi

Dettagli

valutata interferenziale protezione intervento non autorizzato all interno di detta area o nelle immediate casa via rosello

valutata interferenziale protezione intervento non autorizzato all interno di detta area o nelle immediate casa via rosello Rischio da interferenze Soggetti Attività oggetto di Ubicazione Tipologia Soggetti Presenza di rischio Valutazione Misure di Tempistica coinvolti analisi di rischio esposti interferenziale del rischio

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Dipartimento Struttura Servizi Generali Facoltà di Agraria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Dipartimento Struttura Servizi Generali Facoltà di Agraria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Dipartimento Struttura Servizi Generali Facoltà di Agraria DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs. 9/04/2008 n. 81 INDIVIDUAZIONE

Dettagli

Riqualificazione degli Spazi Pubblici della Borgata Mirafiori

Riqualificazione degli Spazi Pubblici della Borgata Mirafiori Divisione Infrastrutture e Mobilità Settore Urbanizzazioni Riqualificazione degli Spazi Pubblici della Borgata Mirafiori PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO - Allegato B SEGNALETICA E CARTELLONISTICA

Dettagli

REGIONE SICILIA COMUNE DI MONREALE

REGIONE SICILIA COMUNE DI MONREALE REGIONE SICILIA COMUNE DI MONREALE Provincia di Palermo LAVORI DI Manutenzione straordinaria Immobili Comunali: Scuola Elementare di Grisì (Fraz. di Monreale). PROGETTO PRELIMINARE PRIME INDICAZIONI SULLA

Dettagli

VERBALE DI VISITA IN CANTIERE

VERBALE DI VISITA IN CANTIERE Responsabile dei lavori Arch. Direttore dei lavori Ing.. CSE Ing. Massimo CAROLI VERBALE DI VISITA IN CANTIERE L anno, il mese di, il giorno, alle ore, il sottoscritto Ing. Massimo CAROLI, Coordinatore

Dettagli

DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA

DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA Pagina 1 di 9 DUVRI COMMITTENTE II.RR.BB. Casa di Riposo A. Rossi Via Metastasio 5, 06081 Assisi (PG) SOGGETTO APPALTATORE Descrizione generale del lavoro in appalto considerato Gestione del servizio di

Dettagli

QUESTIONARIO di AUTOVALUTAZIONE SULLA SALUTE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

QUESTIONARIO di AUTOVALUTAZIONE SULLA SALUTE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO QUESTIONARIO di AUTOVALUTAZIONE SULLA SALUTE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Ufficio Sicurezza ed Ambiente Ottobre 2008-1 - Domanda 1: E stato nominato il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione

Dettagli

ALLEGATO G DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I.

ALLEGATO G DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. ALLEGATO G DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. Art. 26 del D. Lgs. 81/08 Data: Aprile 2014 Il Documento è composto di n 8 pagine pag. 1 di pagine 8 1. Premessa Il presente

Dettagli

Comune di Ceglie Messapica Provincia di Brindisi

Comune di Ceglie Messapica Provincia di Brindisi Comune di Ceglie Messapica Provincia di Brindisi D.U.V.R.I. Global Service Integrato di Servizi Comunali Committente: COMUNE DI CEGLIE MESSAPICA Via E. De Nicola, 2 - CAP 72013 - P.Iva 00215080748 C.F.

Dettagli

COMUNE DI GROTTAMMARE Via G. Marconi, Grottammare (AP) - * P.IVA

COMUNE DI GROTTAMMARE Via G. Marconi, Grottammare (AP) - * P.IVA Via G. Marconi,50 63066 Grottammare (AP) - * P.IVA 00403440449 Provincia A S C O L I P I C E N O 1^ Area Amministrativa Allegato "C - Det n. 064/SOC del 03.08.2012 Documento Unico di Valutazione Dei Rischi

Dettagli

D.U.V.R.I. Documento Unico Valutazione Rischi Interferenza

D.U.V.R.I. Documento Unico Valutazione Rischi Interferenza D.U.V.R.I. Documento Unico Valutazione Rischi Interferenza Il D.lgs 81/08 all art.26 relativo agli obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione stabilisce che il Datore di Lavoro,

Dettagli

ALLEGATO 14. A. Allegato D.U.V.R.I.

ALLEGATO 14. A. Allegato D.U.V.R.I. Pag. 1 di 9 RACCOLTA E GESTIONE DEI RIFIUTI E SERVIZI DI IGIENE URBANA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Maggio 2009 ALLEGATO 14. A. Allegato D.U.V.R.I. 1 Pag. 2 di 9 APPALTATORE SUBAPPALTATORE (CROCETTARE

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 626/94. Il Datore di Lavoro, nell'ambito degli Adempimenti previsti dal Decreto in oggetto e successive modifiche ( 242 / 96 )

DECRETO LEGISLATIVO 626/94. Il Datore di Lavoro, nell'ambito degli Adempimenti previsti dal Decreto in oggetto e successive modifiche ( 242 / 96 ) DECRETO LEGISLATIVO 626/94 Il Datore di Lavoro, nell'ambito degli Adempimenti previsti dal Decreto in oggetto e successive modifiche ( 242 / 96 ) non può delegare ( responsabilità diretta ) la 1 ) Nomina

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO

REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SCUOLA COMUNE DI PREMESSA L art. 5 del D.P.R. 37/98 obbliga i responsabili di attività soggette ai controlli di prevenzione incendi a mantenere in stato di efficienza i sistemi,

Dettagli

CONTRATTI D APPALTO / D OPERA - ART. 26 DEL D.LGS N. 81/2008 E S.M.I

CONTRATTI D APPALTO / D OPERA - ART. 26 DEL D.LGS N. 81/2008 E S.M.I CONTRATTI D APPALTO / D OPERA - ART. 26 DEL D.LGS N. 81/2008 E S.M.I OBBLIGHI DEL COMMITTENTE Elenco dei documenti da richiedere all impresa esecutrice o al lavoratore autonomo in caso di contratti d appalto

Dettagli

MODULO GIURIDICO Argomento Ore Relatore

MODULO GIURIDICO Argomento Ore Relatore Corso Coordinatori Sicurezza Cantieri (120 ore) A giorni sarà pubblicato il programma completo con relatori e date date: lunedì e venerdì dal 16/11/2015 MODULO GIURIDICO Introduzione al corso e presentazione

Dettagli

Scheda 1 Committente

Scheda 1 Committente Pagina 1 di 7 Procedura per la valutazione e gestione delle Interferenze Scheda 1 Committente Contratti d'appalto o d'opera o di somministrazione Comparto industriale Data: Ottobre 2011 Versione: Revisione

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE PER L OCCUPAZIONE Sede di Via Luca Della Robbia 4 Pesaro Tel.

PROVINCIA DI PESARO E URBINO SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE PER L OCCUPAZIONE Sede di Via Luca Della Robbia 4 Pesaro Tel. Ente Committente PROVINCIA DI PESARO E URBINO SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE PER L OCCUPAZIONE Sede di Via Luca Della Robbia 4 Pesaro Tel. 0721/3592345 Appaltatore. Ragione sociale Via Luca

Dettagli

MUNICIPALITÀ 9 APPALTO SERVIZIO DI GESTIONE DI NIDO MICRO NIDO

MUNICIPALITÀ 9 APPALTO SERVIZIO DI GESTIONE DI NIDO MICRO NIDO MUNICIPALITÀ 9 APPALTO SERVIZIO DI GESTIONE DI NIDO MICRO NIDO D.U.V.R.I. Documento Unico Valutazione Rischi da Interferenze (Ai sensi dell art. 26 D.lgs. 81/08 s.m.i.) PRELIMINARE OGGETTO: SERVIZIO DI

Dettagli

AMT S.P.A. AZIENDA MOBILITÀ E TRASPORTI SPA VIA L.MONTALDO GENOVA DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE. (art.26, c.3 del D.Lgs.

AMT S.P.A. AZIENDA MOBILITÀ E TRASPORTI SPA VIA L.MONTALDO GENOVA DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE. (art.26, c.3 del D.Lgs. Pagina 1 di 11 AMT S.P.A. AZIENDA MOBILITÀ E TRASPORTI SPA VIA L.MONTALDO 2 16137 GENOVA (art.26, c.3 del D.Lgs. 81/2008) DESCRIZIONE ATTIVITÀ DI APPALTO: PULIZIA VETTURE E STAZIONI METROPOLITANA DI GENOVA

Dettagli

ANALISI DELLE POSSIBILI ATTIVITA INTERFERENTI E STIMA DEL RISCHIO

ANALISI DELLE POSSIBILI ATTIVITA INTERFERENTI E STIMA DEL RISCHIO COORDINAMENTO SICUREZZA APPALTI INTERNI/DUVRI (DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI) DISPOSIZIONI E NOTE INFORMATIVE AI SENSI DELL ART. 26 D.LGS. 81 del 9 aprile 2008 e s.m.i. FONDAZIONE

Dettagli

OGGETTO DELLA CONVENZIONE:

OGGETTO DELLA CONVENZIONE: OGGETTO DELLA CONVENZIONE: FORNITURA ED INSTALLAZIONE DI DIAGNOSTICA RADIOLOGICA DIGITALE PER STRUTTURA COMPLESSA DI RADIOLOGIA DEL PRESIDIO OSPEDALIERO DI SAVIGLIANO DELL A.S.L. CN1 ORGANIZZAZIONE DEI

Dettagli

Sommario PARTE I - T.U. N. 81/2008

Sommario PARTE I - T.U. N. 81/2008 XI Presentazione... Profili Autori... V VII PARTE I - T.U. N. 81/2008 CAPITOLO 1 TITOLO I T.U. - PRINCIPI COMUNI CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 1 Il lavoratore... 6 Il datore di lavoro... 8 Il dirigente...

Dettagli

SUBSISTEMA O COMPONENTE INTERESSATO

SUBSISTEMA O COMPONENTE INTERESSATO a) Lavori di manutenzione ordinaria: -a1. PULIZIA DEGLI ELEMENTI TECNICI Informazioni necessarie da determinarsi affinché siano tutelate la sicurezza e la salute durante l esecuzione della sopraddetta

Dettagli

APPALTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DEL TERRITORIO COMUNALE DUVRI. Art. 26, comma 4, D.Lgs. 81/08

APPALTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DEL TERRITORIO COMUNALE DUVRI. Art. 26, comma 4, D.Lgs. 81/08 COMUNE DI CASTELNUOVO DI PORTO (Provincia di Roma) AREA 1 POLITICHE EDUCATIVE E SOCIO CULTURALI P.zza Vittorio Veneto C.A.P. 00060 Tel.06/901740214 Fax 06/90160015 APPALTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

Dettagli

INDIVIDUZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (Artt. 26 comma 3, 5 D. Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81)

INDIVIDUZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (Artt. 26 comma 3, 5 D. Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81) DUVRI Azienda Committente: Ragione Sociale esempio INDIVIDUZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (Artt. 26 comma 3, 5 D. Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81) COPIA: CONTROLLATA N NON CONTROLLATA

Dettagli

COMUNE DI VIGNATE PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI VIGNATE PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI PROVINCIA DI MILANO CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO LA CORTE SITO IN VIA E. FERMI N. 39 PER IL PERIODO DAL 1/1/2016 AL 31/12/2024

Dettagli

Il DUVRI ed i relativi costi della sicurezza

Il DUVRI ed i relativi costi della sicurezza Il DUVRI ed i relativi costi della sicurezza Gabriele Gentilini Aprile 2008 La redazione del DUVRI Come si ricava dalle prime indicazioni operative delle Linee guida per la stima dei costi della sicurezza

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO MELLA

COMUNE DI BAGNOLO MELLA APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLE STRADE DALLA NEVE, EVENTUALE SGOMBERO DELLA STESSA E SPARGIMENTO SALE O SALACCI DA DISGELO PER LE STAGIONI INVERNALI 2015-2016, 2016-2017, 2017-2018 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE

Dettagli

Parte 1. Rischi meccanici e attrezzature, Rischi elettrici generali, Cadute dall alto, Esplosione

Parte 1. Rischi meccanici e attrezzature, Rischi elettrici generali, Cadute dall alto, Esplosione Parte 1 Rischi meccanici e attrezzature, Rischi elettrici generali, Cadute dall alto, Esplosione 1 XXXXXXXXXX Nella nostra azienda sono presenti le seguenti attrezzature: XXXXXXX XXXXXXXXXX XXXXXXXXXXX

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Istituto Nazionale Previdenza Sociale Coordinamento Area tecnica edilizia DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE - PIANO TERRA ED AMMEZZATO - LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE FUNZIONALE - LOTTO I Fabbricato in Via Volta,

Dettagli

Schema tipo di. PIANO OPERATIVO di SICUREZZA (P.O.S.)

Schema tipo di. PIANO OPERATIVO di SICUREZZA (P.O.S.) Schema tipo di PIANO OPERATIVO di SICUREZZA (P.O.S.) (art. 2 comma 1 lett. f-ter D.Lgs. n. 494/98 e s.m.i.) ANAGRAFICA DELLA DITTA ESECUTRICE Ragione sociale:...... sede legale: Via........... CAP......

Dettagli

Attività:... Via... cap Città.. Tel. /Fax... PROPRIETARIO DELL EDIFICIO Ragione sociale. Via.., n civico.. Cap, Località.

Attività:... Via... cap Città.. Tel. /Fax... PROPRIETARIO DELL EDIFICIO Ragione sociale. Via.., n civico.. Cap, Località. Titolo: DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTI GENERATI MODELLI MODELLO DI REGISTRO DI PREVENZIONE INCENDI Rif. Doc.: MOD.REG.INC Rev.: 0.0 Data: Luglio 2008 Modello n 06 Decreto Legislativo 9 Aprile

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Informazioni relative alla prevenzione, alla lotta antincendio e alla gestione dell emergenza

LA PREVENZIONE INCENDI E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Informazioni relative alla prevenzione, alla lotta antincendio e alla gestione dell emergenza LA PREVENZIONE INCENDI E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Informazioni relative alla prevenzione, alla lotta antincendio e alla gestione dell emergenza Definizione di incendio L incendio è la combustione sufficientemente

Dettagli

Segnaletica Segnaletica di sicurezza e di salute sul luogo di lavoro

Segnaletica Segnaletica di sicurezza e di salute sul luogo di lavoro Segnaletica Segnaletica di sicurezza e di salute sul luogo di lavoro Una segnaletica che, riferita ad un oggetto, ad una attività o ad una situazione determinata, fornisce una indicazione o una prescrizione

Dettagli

D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze ai sensi dell art. n. 26 del D.lgs. n. 81/2008. Premessa

D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze ai sensi dell art. n. 26 del D.lgs. n. 81/2008. Premessa REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI SOCIO-ASSISTENZIALI, INFERMIERISTICI, DI RIABILITAZIONE MOTORIA E DELLE ATTIVITA DI LABORATORIO MUSICALE E TEATRALE PRESSO I CENTRI DIURNI DISABILI COMUNALI DI VIA GALLARANA

Dettagli

(Allegato B ) alla determinazione dirigenziale n 40 del 25 maggio 2016

(Allegato B ) alla determinazione dirigenziale n 40 del 25 maggio 2016 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER SERVIZIO DI CATALOGAZIONE CENTRALIZZATA NELL AMBITO DELLA RETE BIBLIOTECARIA ReDoS (ai sensi dell art. 26, comma 3 del D.lgs 81/2008) Nelle

Dettagli

Ente Scuola Edile Catania

Ente Scuola Edile Catania Corso di formazione per i coordinatori per la progettazione e per l esecuzione dei lavori (D.Lgs. 81/08 Titolo IV e Allegato XIV durata 120 ore) Data di inizio corso: 22/04/2016 Data di fine corso:06/07/16

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. (Art. 26 del D.Lgs. 81/2008 e ss.mm.ii.)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. (Art. 26 del D.Lgs. 81/2008 e ss.mm.ii.) Area 2 - Servizi alla Persona Ufficio Servizi Sociali DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. (Art. 26 del D.Lgs. 81/2008 e ss.mm.ii.) Allegato al Capitolato Speciale d Appalto

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai sensi dell'articolo 26, decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81)

Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai sensi dell'articolo 26, decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81) AZIENDA USL PESCARA Ufficio Prevenzione e Protezione Sicurezza Interna Ufficio Gestione del Patrimonio Via Paolini, 47 65124 PESCARA Versione 1 Redatto per espletamento Gara di appalto Documento unico

Dettagli

DUVRI PRELIMINARE Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza

DUVRI PRELIMINARE Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza DUVRI PRELIMINARE Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza Ai sensi dell Art.26; comma 2 lettera b, comma 3 del D.Lgs.81/08 smi Committente Ditta appaltatrice Istituto Superiore di Sanità

Dettagli

GESTIONE ATTIVITÀ IN APPALTO RAAM SRL

GESTIONE ATTIVITÀ IN APPALTO RAAM SRL GESTIONE ATTIVITÀ IN APPALTO 1 I datori di lavoro che affidano l esecuzione di lavori, servizi e forniture ad un impresa appaltatrice o a lavoratori autonomi all interno della propria azienda sono tenuti

Dettagli

LAZIODISU Ente pubblico dipendente per il Diritto agli Studi Universitari nel Lazio Via C. De Lollis 24b ROMA CF.

LAZIODISU Ente pubblico dipendente per il Diritto agli Studi Universitari nel Lazio Via C. De Lollis 24b ROMA CF. LAZIODISU Ente pubblico dipendente per il Diritto agli studi universitari nel Laziodisu SERVIZIO DI PULIZIA, SUDDIVISO IN N. 3 LOTTI, PRESSO LAZIODISU E ADISU DI ROMA PER IL PERIODO DI TRENTASEI MESI DECORRENTI

Dettagli

D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze Art. 26 del DLgs. n. 81 del 09 aprile 2008 (ex Legge 3 Agosto 2007 n.

D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze Art. 26 del DLgs. n. 81 del 09 aprile 2008 (ex Legge 3 Agosto 2007 n. D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze Art. 26 del DLgs. n. 81 del 09 aprile 2008 (ex Legge 3 Agosto 2007 n. 123): BANDO DI GARA PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DELLE

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI AREZZO CORSO DI AGGIORNAMENTO C.S.E.

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI AREZZO CORSO DI AGGIORNAMENTO C.S.E. ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI AREZZO CORSO DI AGGIORNAMENTO C.S.E. LA LEGISLAZIONE IN TEMA DI SICUREZZA D.U.V.R.I. Dr.ssa STOLZUOLI Stefania Arezzo, 05 maggio 2011 1 Contratto d opera art.

Dettagli

Biblioteca Comunale degli Intronati Istituzione del Comune di Siena

Biblioteca Comunale degli Intronati Istituzione del Comune di Siena Biblioteca Comunale degli Intronati Istituzione del Comune di Siena SERVIZIO DI GESTIONE DI BIBLIOTECA PUBBLICA PRESSO LA BIBLIOTECA COMUNALE DEGLI INTRONATI DI SIENA DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI

Dettagli

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (Art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008)

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (Art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008) D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (Art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008) PER I SERVIZI DI: SOSTEGNO ALUNNI DISABILI PRESSO ASILO NIDO PERIODO: 01.09.2016 31.08.2018 COMMITTENTE

Dettagli

DUVRI. Esempio di Stampa Azienda Committente: Ragione sociale esempio

DUVRI. Esempio di Stampa Azienda Committente: Ragione sociale esempio INDIVIDUZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE Art. 26 comma 3, 3-bis, 3-ter, 5 D. Lgs 9 aprile 2008, n. 81 (modificato dal D. Lgs 3 agosto 2009, n. 106) Azienda Committente:

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza

Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza ALL.B) COMMITTENTE Comune di Borgomanero Provincia di Novara IMPRESA APPALTATRICE FORNITURA DI FRUTTA E VERDURA PER LA MENSA DELL ASILO NIDO Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza Documento

Dettagli

DUVRI Comune di Casazza Scuola Secondaria di primo grado E. Fermi VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI A INTERFERENZE DUVRI. Art. 26 D. Lgs.

DUVRI Comune di Casazza Scuola Secondaria di primo grado E. Fermi VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI A INTERFERENZE DUVRI. Art. 26 D. Lgs. VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI A INTERFERENZE DUVRI Art. 26 D. Lgs. 81/2008 Procedura di Sicurezza per Affidamento di appalti in ambito plesso scolastico di Casazza con rischio interferenze (da redigersi

Dettagli

La valutazione dei rischi nella fase di progettazione, costruzione, manutenzione ed esercizio degli impianti fotovoltaici.

La valutazione dei rischi nella fase di progettazione, costruzione, manutenzione ed esercizio degli impianti fotovoltaici. La valutazione dei rischi nella fase di progettazione, costruzione, manutenzione ed esercizio degli impianti fotovoltaici. Patrizio Nonnato (Esperto in Energia e Sicurezza) 30 ottobre 2009 Ai fini della

Dettagli

INFORMAZIONE FIGURE SENSIBILI

INFORMAZIONE FIGURE SENSIBILI INFORMAZIONE FIGURE SENSIBILI ASPP: gli addetti al servizio di prevenzione e protezione vengono designati dal Dirigente scolastico, sentito il RLS, tenendo conto delle dimensioni della scuola e della struttura

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI COMUNE DI FOLIGNO AREA CULTURA TURISMO SPORT E SERVIZI COLLETTIVI ----------- DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto : SERVIZI TURISTICI DI FRONT

Dettagli

SISTEMI IN SERVICE PER COAGULAZIONE

SISTEMI IN SERVICE PER COAGULAZIONE MODULO DI OFFERTA (da inserire nella Busta n.3) Marca da bollo da Euro 14.62 Al Direttore Generale AZIENDA OSPEDALIERA BOLOGNINI DI SERIATE SERIATE (BG) Il Sottoscritto...... nato a... il...... residente

Dettagli

Avv.Nicola DISANTO. Piano di Sicurezza. Azienda. Piano di sicurezza D.LGS. 81/2008

Avv.Nicola DISANTO. Piano di Sicurezza. Azienda. Piano di sicurezza D.LGS. 81/2008 Piano di Sicurezza DOCUMENTO ELABORATO Al SENSI DEL NUOVO TESTO UNICO IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO D.Lgs.81/2008 ALL' ESITO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI di cui al TITOLO I Capo III, Sezione

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale BR

Azienda Sanitaria Locale BR Allegato DUVRI Azienda Sanitaria Locale BR Via Napoli n. 8 72100 Brindisi Casale - P. IVA 01647800745 Web: http://www.sanita.puglia.it - e-mail: protocollo.asl.brindisi@pec.rupar.puglia.it; patrimonio.asl.brindisi.it@pec.rupar.puglia.it;

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE. Allegato 3)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE. Allegato 3) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (Art. 26, comma 3. D.Lgs. 81/2008) Allegato 3) Specifica tecnica allegata al Capitolato Speciale d Oneri 1 1. PREMESSA Il presente documento è

Dettagli

ENTE DI FORMAZIONE INTERDISCIPLINARE MODENA PROGRAMMA DIDATTICO

ENTE DI FORMAZIONE INTERDISCIPLINARE MODENA PROGRAMMA DIDATTICO PROGRAMMA DIDATTICO CORSO DI FORMAZIONE DI 120 ORE PER COORDINATORI PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI (art. 98 del D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Sede del Corso: c/o Collegio Geometri e Geometri

Dettagli

Fornitura ed installazione di arredi e attrezzature per l allestimento dei locali da destinare ad incubatore d imprese

Fornitura ed installazione di arredi e attrezzature per l allestimento dei locali da destinare ad incubatore d imprese Fornitura ed installazione di arredi e attrezzature per l allestimento dei locali da destinare ad incubatore d imprese DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL

Dettagli

Segnaletica di sicurezza e comunicazioni D emergenza.

Segnaletica di sicurezza e comunicazioni D emergenza. Segnaletica di sicurezza e comunicazioni D emergenza. INTRODUZIONE La segnaletica di sicurezza impiegata nel mondo del lavoro comprende tutti quei pittogrammi informativi per la protezione e la salvaguardia

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 07 DEPOSITO TEMPORANEO RIFIUTI CHIMICI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 07 DEPOSITO TEMPORANEO RIFIUTI CHIMICI ISTRUZIONE OPERATIVA N. 07 DEPOSITO TEMPORANEO RIFIUTI CHIMICI A cura di: Servizio Ambiente e Progettazione per la Sicurezza Premessa L Art.183 del D.Lgs n.152/06 definisce il Deposito Temporaneo come

Dettagli

Istituto Comprensivo Centro Storico. Dispensa informativa per docenti e non docenti. Informazioni di base per la sicurezza nell ambiente scolastico

Istituto Comprensivo Centro Storico. Dispensa informativa per docenti e non docenti. Informazioni di base per la sicurezza nell ambiente scolastico Dispensa informativa per docenti e non docenti PREMESSA Le informazioni contenute nella presente dispensa sono nozioni fondamentali per l organizzazione e la gestione della sicurezza all interno della

Dettagli

Specifiche tecniche del. DOCUMENTO UNICO di VALUTAZIONE dei RISCHI da INTERFERENZE D.U.V.R.I. PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE INTEGRATA

Specifiche tecniche del. DOCUMENTO UNICO di VALUTAZIONE dei RISCHI da INTERFERENZE D.U.V.R.I. PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE INTEGRATA Specifiche tecniche del DOCUMENTO UNICO di VALUTAZIONE dei RISCHI da INTERFERENZE D.U.V.R.I. PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE INTEGRATA DEI SERVIZI EDUCATIVI E AUSILIARI DEGLI ASILI NIDI COMUNALI di via

Dettagli

PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA

PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA D PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA STUDIO DI ARCHITETTURA ARCH. PATRIZIA VISPA Via Manzoni 10 26867 Somaglia (Lo) Tel. / Fax 0377.449166 / Cell. 335.5360402 E-mail

Dettagli

Rischio Chimico. Definizioni

Rischio Chimico. Definizioni Rischio Chimico Definizioni a) agenti chimici: tutti gli elementi o composti chimici, sia da soli sia nei loro miscugli, allo stato naturale o ottenuti, utilizzati o smaltiti, compreso lo smaltimento come

Dettagli

Premessa Dati del Committente Dati dell Appaltatore Rischi specifici e norme generali di comportamento... 5

Premessa Dati del Committente Dati dell Appaltatore Rischi specifici e norme generali di comportamento... 5 Indice Premessa... 2 Dati del Committente... 3 Dati dell Appaltatore... 4 Rischi specifici e norme generali di comportamento... 5 Valutazione dei rischi da interferenza... 7 Costi per la sicurezza... 7

Dettagli

MODULO A PER RSPP/ASPP- MACRO SETTORE DI ATTIVITA : TUTTI

MODULO A PER RSPP/ASPP- MACRO SETTORE DI ATTIVITA : TUTTI MODULO A PER RSPP/ASPP- MACRO SETTORE DI ATTIVITA : TUTTI MODULO ORE ARGOMENTO La filosofia del D.lgs 66/94 in riferimento METODI MATERIALI DIDATTICI DOCENTI L approccio alla prevenzione attraverso il

Dettagli