brevetti a suo carico nella lavorazione di processi industriali da biomasse mette a disposizione il suo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "brevetti a suo carico nella lavorazione di processi industriali da biomasse mette a disposizione il suo"

Transcript

1 Presentazione dell azienda Future Green srl L azienda Future Green srl attraverso un esperienza decennale dei soci è attiva nel settore della valorizzazione delle risorse ambientali e nel settore dei rifiuti urbani. Detentrice di brevetti a suo carico nella lavorazione di processi industriali da biomasse mette a disposizione il suo know-how, le sue esperienze professionali, gli esperti di settore, la competenza e l affidabilità, nonché la ricerca e l innovazione di nuovi sistemi di produzione tecnologica e industriale ed offre a tutti coloro che fossero interessati a conoscere il suo progetto industriale di lavorazione delle biomasse e produzione di energia elettrica e termica, con l opportunità per la prima volta in tale settore, di certificare la materia prima di provenienza e di prodotto da biomassa. Si tratta di un reale progetto di Green Economy, in cui l investimento nel settore ambientale e delle energie è assolutamente proporzionale al business e rientra nei parametri di Green Economy pura. Il progetto si concentra su processi industriali che partendo dall innovazione nelle lavorazioni delle biomasse (processi di piro-gassificazione 1 ), al fine di produrre energia, realizzano processi di filiera corta 1 Processo chimico che permette di convertire materiale ricco in carbonio, quale il carbone, il petrolio, o le biomasse, in monossido di carbonio, idrogeno e altri composti gassosi; avviene a temperature elevate. E un metodo per ottenere energia da differenti tipi di materiali organici e trova anche applicazione nel trattamento termico dei rifiuti.

2 attraverso l introduzione di un brevetto di coltivazione arborea: denominata Paulownia in vitro clone 112. E una pianta questa, selezionata geneticamente per propagazione in vitro o micropropagazione 2, dalle caratteristiche eccezionali, date dal rapido accrescimento della pianta in soli quattro anni: la stessa raggiunge diametri pari a circa 30cm e altezze pari a circa 12m. realizzando un vero e proprio bosco in un ettaro di coltivazione, e al taglio una rapida capacità di ripartenza della stessa per almeno tre cicli di produzione in anni. Altrettanto interessanti sono le qualità del suo legno che saranno elencate in seguito; la produzione di tale legno può essere utilizzata in vari settori merceologici ed industriali di riferimento quali: le industrie del mobile, in tutti i settori della bioedilizia, fabbricazione di strumenti musicali, imbarcazioni, tavole da surf, e per ultimo molto pregiato per la costruzione di bare, ecc. Al latere delle centrali a biomassa l azienda sarà in grado di stoccare il proprio legno e realizzare lavorazioni di cippato e pellet. Attori e protagonisti di tale progetto sono gli imprenditori agricoli che investendo nell opportunità di coltivare Paulownia clone in vitro 112 e sorretti da garanzia fideiussoria rilasciata dalla stessa società nel ciclo dei 3 tagli, avranno la possibilità di ottenere un ricavo pari a euro ad ettaro. Anche in questa occasione di business si soddisfa il principio di Green Economy per il mondo agricolo in quanto: a) Il processo di filiera corta 3 prevede il produttore e l utilizzatore della biomassa e del legno in aree geograficamente ristrette e rientranti nei parametri indicati dall ultimo bando nazionale per il finanziamento di impianti da energia rinnovabile; 2 Tecnica di propagazione vegetativa, effettuata in sterilità, che consente di moltiplicare velocemente e in grande quantità le specie vegetali. 3 Filiera produttiva caratterizzata da un numero limitato e circoscritto di passaggi produttivi, e in particolare di intermediazioni commerciali, che possono portare anche al contatto diretto tra il produttore e il consumatore. Lo scopo principale di tale filiera è contenere e ridurre i costi al consumo dei prodotti.

3 b) Si produce energia rinnovabile, rispettando l ecosistema ed altresì le emissioni in atmosfera per il trasporto del materiale; c) Si incrementa il patrimonio forestale nazionale; d) Senza OGM 4 e con foglie larghe che consentono di essere un acceleratore delle fasi di fotosintesi clorofilliana, assorbendo maggiore anidride carbonica e rilasciando maggior ossigenazione in atmosfera; e) Il suo apparato fittonante 5 consente un maggior controllo dei rischi idrogeologici insiti nel nostro territorio nazionale. I campi saranno guidati da esperti, agronomi e forestali, che a spese dell azienda e nei tempi prestabiliti, porteranno la produzione del legno verso standard di lavorazione e commercializzazione elevata. L albero per la metà del suo tronco fino a 6-7 metri di altezza produrrà materia prima di categoria A per le industrie di lavorazione del legno; per la restante parte dell albero l utilizzo è destinato all alimentazione delle centrali della filiera, produzione di cippato e pellet. Da considerarsi l elevato potere calorifico e la bassissima umidità (al di sotto del 30% al taglio) concentrata nel legno, che sin dal taglio consentiranno la lavorazione immediata del legname e la rapida efficienza nella produzione. Per gli imprenditori agricoli e per la grave crisi che attanaglia il settore, la diversificazione delle colture diviene un utile strumento di business attraverso la coltivazione di Paulownia clone in vitro 112. Il prodotto è oltremodo sorretto da garanzia fideiussoria per il ritiro garantito del campo pronto e interamente finanziato dall Istituto Banca di Credito Cooperativo di San Giovanni Rotondo, partner anch essa dell azienda, mentre per tutto il territorio nazionale si sta trasferendo 4 Organismi geneticamente modificati. Anche definiti organismi transgenici. Si tratta di piante che hanno un patrimonio genetico artificiale ottenuto in laboratorio. 5 Si presenta come un grosso corpo cilindrico a carattere legnoso che scende verticalmente dal fusto della pianta, assicurando ancoraggio e stabilità alla pianta, oltre al normale scopo di trasporto delle sostanze nutritive al corpo emerso del vegetale.

4 quanto già realizzato, mettendo a disposizione il prodotto finanziario seguendo man mano lo sviluppo in altre province. Nella seconda fase del Progetto verranno realizzati i Poli del Legno, in collaborazione con imprenditori, Enti Locali, forze ed organizzazioni interessate. Tra i principi e le finalità che hanno dato origine al progetto, in primis, rientrano quelli ambientalistici: realizzando piccoli boschi si fornisce un contributo vero e sostanziale alla lotta contro il disboscamento delle aree parco e forestali del nostro Pianeta. Basti pensare all uso improprio delle riserve, per coltivazioni di piante energetiche o per utilizzo illegittimo del legno. Da oggi si possono controllare con maggiore attenzione i fumi emessi dalle centrali nell atmosfera. Quelle dell azienda sono dotate di sistemi altamente sofisticati e garanti per il controllo degli stessi, di gran lunga al di sotto dei minimi di emissione imposti dalla Normativa Europea, nonché la garanzia che il prodotto di alimentazione della centrale ha rispetto al passato, cioè Paulownia clone in vitro 112 potrà essere qualificato, garantito nelle quantità e certificato come materia prima di alimentazione costante delle centrali. Ciò ad innovazione ed antitesi delle pratiche in uso per l alimentazione delle tradizionali centrali di produzione di energia. Per tali motivazioni uno dei più grandi movimenti ecologistici europei FARE AMBIENTE NAZIONALE 6 ha condiviso il suddetto progetto per le attenzioni rivolte all ambiente. Inoltre il progetto è condiviso da: 6 Movimento Ecologista Europeo nato dall iniziativa di un gruppo di docenti universitari, esperti in politica e gestione dell ambiente, insieme a molti giovani, lavoratori, professionisti, imprenditori, cittadini, che hanno deciso di unirsi per contrastare una metodologia anacronistica per tutelare l ambiente e l ecosistema.

5 Università locali ed europee della Facoltà di Agraria; Confindustria Foggia; Giovani industriali del Mezzogiorno; Istituto bancario BCC di San Giovanni Rotondo; Confederazioni di categoria del settore agricolo; Albo agronomi e forestali;

6 Il Politecnico di Milano; Università Cattolica Sacro Cuore sede di Piacenza e Cremona. Grazie all accreditamento presso il dipartimento di Agraria della Cattolica Sacro Cuore l azienda è stata rappresentata alla Bio Energy 2013, fiera cremonese tra le più prestigiose nel panorama delle rinnovabili. Lo stand è stato visitato anche dal Presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento europeo, On. Paolo de Castro, oltre che dal Dottor Guidi, Presidente nazionale di Confagricoltura. Se la sede legale è a Torremaggiore, quella operativa è a San Paolo di Civitate dove i lavori sulle colture vengono svolti con la collaborazione di Marcello Amoroso, agronomo e vice coordinatore provinciale dell Associazione Fare Ambiente. Paulownia clone in vitro 112 Il clone e le sue potenzialità A partire da Marzo 2013 verranno piantati gli alberi da un clone nato nel 72 nei laboratori di ricerca dell Università di Barcellona; il clone è brevettato in Spagna ma il processo industriale è italiano, con la collaborazione dell Università di Agraria di Foggia, con le sperimentazioni legate al progetto Star*Agroenergy 7, tutte le associazioni di categoria al fine di estenderlo su tutto il territorio nazionale ed internazionale (motivo della mia collaborazione e interesse al progetto) in collaborazione con gli albi degli agronomi ed il ministero, sede in cui il progetto è già stato presentato lo scorso inverno, anche l Argentina è seriamente intenzionata a collaborare con il suddetto. Il presente è un processo industriale che non brucia come le vecchie centrali a biomassa; detenuto dalla stessa Future Green srl con emissioni zero dalla centrale perché viene introdotta 7 Progetto europeo nato con l obiettivo di realizzare una metodologia di riconciliazione fra la produzione energetica, gli ecosistemi ecologici e il patrimonio culturale delle aree rurali più importanti del Sud Europa.

7 materia prima certificata. Questo processo permette, con gli sfridi dell albero, di alimentare la centrale con materia prima certificata abolendo le emissioni. Con la lavorazione dei residui vegetali della pianta si alimentano le centrali a biomassa e si produce energia termica. Tale centrale produce con 1 MW elettrico e 1 MW termico: Energia elettrica in maniera precisa; Cubetti in vetro-cemento per l edilizia perchè tutte le sostanze anzichè carbonizzarle le riutilizza. Per gli industriali, la grande risorsa della Paulownia sta nella certificazione della materia e nell utilizzo del termico. Come utilizza il termico? Attraverso gli sfridi della pianta: Utilizza la materia prima; Aiuta a risolvere il problema del calore attraverso il pellet della Paulownia. In punta a sei metri alla pianta si taglia quando l 80% del campo ha raggiunto, nei primi quattro anni, 28/30 cm di diametro. Paulownia, inoltre, attraverso il potere termico della centrale, può realizzare pellet (rarissimo) oltre a produrre il vetro. Tutto ciò che viene recuperato (cippato, pellet) è destinato al mercato dell energia. Esso è anche un legno che può essere adoperato al posto del Teak 8 ma con un costo molto inferiore e si presta molto bene alla lavorazione essendo un legno polivalente e leggero, è 8 E un genere di albero tropicale a legno duro, contenente una resina oleosa naturale che lo rende estremamente resistente.

8 infatti chiamato Alluminio del legno. Basti pensare alla leggerezza di questo legno, con un peso medio pari a 275 kg/m³, paragonabile al sughero, ma con caratteristiche di resistenza molto elevate. Questo eccellente rapporto resistenza-peso, unito alla facilità di lavorazione, ha dato modo di soprannominare questa essenza come su indicato. Non è una specie invasiva perché i semi sono stati resi sterili, non avendo frutti ma solo boccioli non ha altri effetti, non è un seme. Le origini della Paulownia Paulownia, un albero conosciuto anche con il nome di Albero della Principessa, compare in Europa agli inizi del 1800, importato dalla Compagnia delle Indie Orientali 9. Nel 1972 è cominciato lo studio in laboratorio per migliorarne la qualità, selezionando le varietà al fine di ottenere una tipologia, con elevate rese per la produzione di un materiale ideale per l industria del legno e biomassa. del legno. Il materiale ricavato è conosciuto nell industria del legno e del mobile come Alluminio Per Alluminio del legno si intendono le seguenti principali caratteristiche: 1. Resistenza alla torsione, contrazione ed in genere deformazione; 2. Essenza dura; 3. Leggerezza (30% in media più leggero di qualsiasi altro tipo paragonabile); 4. Mancanza di nodi per oltre il 70% del tronco; 5. Colore chiaro; 9 Grandi compagnie di navigazione privilegiate detentrici, nei confronti dei propri connazionali, dell esclusivo diritto di navigazione e commercio, sulla base di patenti concesse dalle autorità nazionali.

9 6. Potere calorifico: 19520kj/kg; categoria A ; 7. Il tronco si può utilizzare per l industria del mobile, trattandosi di legno di 8. Resistenza all azione del tempo. Con le sue proprietà di granulazione fine è un albero dal legno eccezionale per travi, produzione mobili d arredo, compensato, case prefabbricate, pannelli interni per le costruzioni, legno da cantiere, ecc. La pianta si rigenera dalla radice per minimo altri 2 cicli, raggiungendo la maturità del legname quindi ancora al 6 ed al 9 anno; ottenendo dunque 3 tagli in 9 anni. Alla fine del ciclo viene rimossa dal terreno la parte interrata da cui partono le radici. Miglioramento dell ambiente La Well Forestry Worldwide-Carbon Emission ha riconosciuto la Paulownia clone in vitro 112 come miglior assorbitore di anidride carbonica, restituendo ossigeno all atmosfera, dichiarandola pianta per il futuro dell umanità, grazie alle sue proprietà di sviluppo e rigenerazione. Tutto questo perché nelle richieste di mercato compare un fabbisogno sempre più crescente di legno e biomasse, la Paulownia 112 diventa la soluzione per produrle, senza intaccare l esistente patrimonio forestale. Stime sulla disponibilità di terreni coltivati in maniera residuale in Puglia, consentono di individuare i terreni dove più proficuo sarebbe convertire il piano di coltura a fini energetici. Il segreto? Fare in modo che impianti per la produzione di energia siano di piccola taglia ed autosufficienti, quanto all approvvigionamento di materia da termovalorizzare 10 secondo il principio della cosiddetta filiera corta. 10 Produrre calore attraverso il riciclaggio dei rifiuti.

10 Piano di lavoro La Paulownia 112 può essere messa a dimora in qualsiasi tipo di terreno, anche incolto. Non sono indicati terreni paludosi o con molta acqua. Dopo l impianto (Marzo-Maggio) occorre acqua almeno in zone aride (6-9 mc/settimana/ettaro), e pochissimo concime a base di azoto (150 unità/ettaro). Dopo 6-8 mesi dall impianto si effettua il taglio del primo pollone. Il materiale di risulta dal taglio (polloni di altezza 2,5m e diametro 6cm) è ritirato dalla stessa ditta. In questo periodo, evitiamo che il terreno si riempia di piante infestanti, in zone aride viene somministrata acqua (6-9 mc/settimana/ettaro) nel periodo caldo. Ama una leggera innaffiatura iniziale ed un leggero contributo irriguo durante il suo ciclo vitale (90mc./anno), se alloggia in zone torride. Si consiglia la collocazione della piantina a distanza di 4m, quindi n.600 piante ad ettaro. Un albero viene piantato a 26 settimane di vita. Si raccomanda la posa a dimora nel periodo da Settembre a Maggio. Esso inoltre non necessita di trattamenti fitosanitari 11. Taglio di ripartenza (6-8 mesi) 11 Attenta e scrupolosa osservazione degli esemplari arborei per individuare l eventuale presenza di parassiti; teso alla salvaguardia della salute delle piante.

11 La coltivazione di Paulownia 112 necessita di un primo taglio dalla base dopo 6 mesi di vita, perché questa operazione permette la crescita e lo sviluppo del tronco con poca ramificazione, facendolo crescere perfettamente dritto per minimo 5 metri, favorendo la produzione di legname di tipo A. Il taglio totale può cominciare dopo tre anni con la produttività massima. Misure attese dalla pianta nel ciclo di vita considerato: Nel primo anno di vita della pianta definitiva (6-8 mesi + 1 anno dall impianto), essa cresce già ad un altezza ideale per la produzione di legno per industria, formando un tronco di altezza 4-5m, un diametro 8-10cm, privo di nodi. Nel secondo anno di vita, la pianta definitiva arriva ad un altezza di 6-8 m e un diametro di 16-20cm. Nei periodi caldi, in zone aride, si somministra acqua (6-9mc/settimana/ettaro). Vengono tagliati eventuali rami cresciuti sotto i 6 metri facendo il possibile per evitare che il terreno si riempia di piante infestanti. Nel terzo anno di vita (dopo il taglio tecnico), la pianta definitiva arriva ad un altezza di 10-12cm e un diametro di cm. Al terzo anno, dopo il taglio, la radice riproduce un nuovo pollone che verrà tagliato dopo 3 anni e così fino al 9 anno.

12 Il suo tronco è ideale per l industria, per la ridotta conicità, e comporta, quindi, pochissimo sfrido per la realizzazione di tavolame, travi, manufatti, ecc. A queste condizioni, il prodotto risulta essere pronto per il taglio. La Paulownia può accrescere in concomitanza con altre colture, soprattutto piantagioni basse, meglio se leguminose. Paulownia diventa, quindi, per gli agricoltori una grande occasione di business, un nuovo modo di fare agricoltura. Piano d affare Questo tipo di albero, geneticamente selezionato, è acquistabile esclusivamente da Future Green srl che detiene l esclusiva del marchio registro ed il controllo della produzione. La pianta è fornita con certificato di garanzia di origine e passaporto europeo. La società Future Green srl curerà il taglio ed il ritiro del prodotto pronto ad ogni step. Nel contratto di fornitura delle piantine è prevista la sostituzione delle stesse in caso di moria non dovuta a negligenza dell acquirente. Il prezzo ed il ritiro del materiale sono a totale carico della società Future Green srl.; il materiale ricavato dalla società è costituito da tronchi di legno per uso industriale in Classe A, mentre le ramaglie e gli scarti sono utilizzati come combustibile. mezzi di raccolta. La pianta può piantarsi a 5-6m (interfilare) e consentire agevolmente il passaggio di grossi Le finalità del progetto L obiettivo è di portata industriale; non si confida perciò nella mera vendita di piantine, bensì si punta, almeno, a raggiungere due obiettivi principali:

13 1. Agro-energia; 2. Biomasse; industriale; 3. Costruire una filiera che lavori sulla base di un progetto tecnologico e 4. Creare queste piantagioni al fine di produrre energia elettrica. L azienda si orienta verso due proiezioni: Partenariato; Realizzazione di impianti di Paulownia per il soddisfacimento delle centrali a biomassa. Ma anche l Università di Foggia mobilita gli stati generali con il progetto STAR*AgroECONOMY che prova a far dialogare tutto ciò che ruota attorno alle energie rinnovabili e lo fa con il secondo forum per ufficializzare la costituzione della rete dei soggetti interessati, le voci che possono contribuire a orientare in senso favorevole lo sviluppo del settore delle bioenergie. Coordinati dal prof. Massimo Monteleone di Agraria,

14 coordinatore scientifico del progetto, rappresentanti dell E.N.E.A. 12, dei ministri dello Sviluppo economico e delle Politiche agricole, docenti di altre università, ambientalisti, imprenditori, hanno descritto gli scenari possibili per le agro-energie. Inizia la seconda fase delle rinnovabili dove il convegno: Opportunità di Finanziamento e Nuova Agricoltura per il secondo forum del progetto europeo STAR*AgroEnergy di giovedì 6 Dicembre 2012 vede sala gremita di agricoltori e progettisti fino ad arrivare a chi propone tipologie di colture dedicate alla produzione di energia come ad esempio la Future Green srl, società di Torremaggiore (Fg). La general manager Dott.ssa Simona Rosito era nell auditorium della Biblioteca Provinciale proprio per raccogliere contatti e proporre la coltivazione della Paulownia. La giovane manager esplica l intesa che vede la firma anche della Coldiretti 13, Confagricoltura 14 e CIA e si potrà arrivare a breve anche ad un protocollo d intesa con l Università di Foggia. Occasione, questa, per compiere un investimento produttivo su risorse ambientali anche se può sembrare velleitario e pretenzioso, in questo momento di grave crisi planetaria un proposito così ambizioso, nato in una delle zone più disagiate, ma si possiede la certezza scientifica, i 12 Comitato nazionale per la ricerca e lo sviluppo dell Energia Nucleare e delle Energie Alternative. 13 Confederazione nazionale dei coltivatori diretti. 14 Associazione di categoria che opera per la sicurezza alimentare e la salvaguardia dell ambiente.

15 presupposti economici, la capacità imprenditoriale ed il giusto entusiasmo per ritenere la strada percorribile e gli obiettivi realizzabili. Questo il Progetto in estrema sintesi, avendo però la certezza di aver individuato un vero Sistema di sviluppo economico, realizzabile in tutta Italia e, perché no, esportabile dovunque, con chiari e fermi obiettivi e presupposti di salvaguardia ambientale, di crescita economica all interno di precisi principi ambientalmente sostenibili.

Arundo'Italia'' Offerta'Prodotti'e'Servizi' '''''' Chi'siamo' Main'Partner'Gruppo'Ricicla' Servizi' Arundo'donax' Perché'conviene'l Arundo?

Arundo'Italia'' Offerta'Prodotti'e'Servizi' '''''' Chi'siamo' Main'Partner'Gruppo'Ricicla' Servizi' Arundo'donax' Perché'conviene'l Arundo? Arundo'Italia'' Offerta'Prodotti'e'Servizi' '''''' Chi'siamo' Main'Partner'Gruppo'Ricicla' Servizi' Arundo'donax' Perché'conviene'l Arundo?' o biogas' o biomassa'solida' Comparazione'Arundo'Vs.'altre'colture''

Dettagli

GUALDO 2020 La tua terra, la tua energia

GUALDO 2020 La tua terra, la tua energia GUALDO 2020 La tua terra, la tua energia Centrale eolica e a biomasse CUORE VERDE Azienda agricola e forestale LO.MA. engineering Scenario L'energia prodotta da fonti rinnovabili (eolica, solare, idraulica,

Dettagli

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese? Il Riutilizzo degli Scarti Verdi dei Vivai Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Centro Sperimentale Vivaismo di Pistoia Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Dettagli

ecologia abitativa bio-intelligente

ecologia abitativa bio-intelligente ecologia abitativa bio-intelligente Come nasce il progetto MondoDiPaglia nasce grazie alla sinergia di professionisti esperti quali: Architetti, Manager della Comunicazione, Imprenditori Edili, Esperti

Dettagli

l energia che immagini

l energia che immagini il futuro è rinnovabile l energia che immagini le opportunità di un settore in continua crescita eolico fotovoltaico L'energia eolica è ottenuta dal vento e il suo sfruttamento è attuato tramite macchine

Dettagli

28 settembre 2007. Ing. Filippo Marini

28 settembre 2007. Ing. Filippo Marini 28 settembre 2007 Ing. Filippo Marini Utilizzo del legno forestale Per poter essere utilizzato in un impianto per la produzione di energia il legno deve essere cippato; ridotto cioè in una forma facilmente

Dettagli

Una esperienza sul campo

Una esperienza sul campo Una esperienza sul campo Roberto Sacco CEO AGO Energia Rimini, 3 Novembre 2010 Un passo avanti. Indice Introduzione ad AGO Energia Alcune esperienze significative I benefici dell impiego delle biomasse

Dettagli

INNANZITUTTO VI INVITO A PARTECIPARE

INNANZITUTTO VI INVITO A PARTECIPARE Il progetto FIERA-EXPO ECOAPPENNINO Stefano Semenzato Direttore progetto CISA INNANZITUTTO VI INVITO A PARTECIPARE venerdi-sabato-domenica 28-29-30 settembre 2007 Porretta Terme prima fiera-expò delle

Dettagli

Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009

Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009 Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009 Strumenti legislativi di promozione delle agro energie Giuseppe

Dettagli

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni Data ultimo aggiornamento: 11 ottobre 2010 Progetto di filiera e realtà coinvolte 2 Sommario

Dettagli

Dirigenze e staff tecnico della Puros hanno una quarantennale esperienza nei combustibili tradizionali (nafta, gasolio, gas). Puros nasce nel 2003

Dirigenze e staff tecnico della Puros hanno una quarantennale esperienza nei combustibili tradizionali (nafta, gasolio, gas). Puros nasce nel 2003 Dirigenze e staff tecnico della Puros hanno una quarantennale esperienza nei combustibili tradizionali (nafta, gasolio, gas). Puros nasce nel 2003 con la volontà di realizzare stufe a biomasse per ridurre

Dettagli

TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO

TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO UNI EN ISO 14001:2004 CERTIQUALITY È MEMBRO DELLA FEDERAZIONE CISQ SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE CERTIFICATO produttore di pellet dal 1994 Fondata nel 1969, La TiEsse di Cimadolmo

Dettagli

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Ambienti terrestri Ambienti costruiti = aree urbane, industriali, infrastrutture: aree ristrette, ma ad elevato consumo energetico e produttrici

Dettagli

Agripolis e la Facoltà di Agraria quale polo della ricerca sulle

Agripolis e la Facoltà di Agraria quale polo della ricerca sulle Le bioenergie in Europa, in Italia, nel Veneto. Un obiettivo che diventa realtà 20 giugno 2007 Corte Benedettina, Legnaro PD Agripolis e la Facoltà di Agraria quale polo della ricerca sulle bioenergie

Dettagli

Scenari per lo sviluppo di energie sostenibili a Porto Marghera

Scenari per lo sviluppo di energie sostenibili a Porto Marghera Scenari per lo sviluppo di energie sostenibili a Porto Marghera VEGA Parco Scientifico Tecnologico di Venezia Scarl Scenari per lo sviluppo di energie sostenibili a Porto Marghera Sono attualmente in fase

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE VENETO BANDI DI FINANZIAMENTO APERTI CHE RIGUARDANO IL SETTORE LEGNO ENERGIA

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE VENETO BANDI DI FINANZIAMENTO APERTI CHE RIGUARDANO IL SETTORE LEGNO ENERGIA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE VENETO BANDI DI FINANZIAMENTO APERTI CHE RIGUARDANO IL SETTORE LEGNO ENERGIA ASSE 1 MISURA 121 MISURA 121 M Ammodernamento delle Aziende Agricole in montagna

Dettagli

Un distretto delle energie rinnovabili sull Appennino Bolognese. Stefano Semenzato direttore CISA (Centro innovazione sostenibilità ambientale)

Un distretto delle energie rinnovabili sull Appennino Bolognese. Stefano Semenzato direttore CISA (Centro innovazione sostenibilità ambientale) Un distretto delle energie rinnovabili sull Appennino Bolognese Stefano Semenzato direttore CISA (Centro innovazione sostenibilità ambientale) CISA è una società consortile nata nel 2005. I soci sono:

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

Pensa verd. Pensa verde. Informativa per la centrale a biomasse Castiglione d Orcia

Pensa verd. Pensa verde. Informativa per la centrale a biomasse Castiglione d Orcia Pensa verd verde Pensa verde Informativa per la centrale a biomasse biomasse di di Castiglione d Orcia La provincia pensa verde Pensare verde. Sono queste le parole chiave che negli ultimi anni caratterizzano

Dettagli

Progetto Aniene Green Net. Quadro generale e aggiornamenti

Progetto Aniene Green Net. Quadro generale e aggiornamenti Progetto Aniene Green Net Quadro generale e aggiornamenti Una ricchezza del nostro territorio: I boschi Produzione stimata totale annua: 35 121 tonnellate di massa legnosa (stima dell Università della

Dettagli

Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di energia da fonti rinnovabili

Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di energia da fonti rinnovabili LA MULTIFUNZIONALITÀ DELLE AZIENDE AGRICOLE: LE AZIENDE AGRIENERGETICHE NEI PICCOLI COMUNI Convegno nazionale Rocchetta Sant Antonio 28 maggio 2005 Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di

Dettagli

BUSINESS PLAN IMPIANTO DI PAULOWNIA

BUSINESS PLAN IMPIANTO DI PAULOWNIA BUSINESS PLAN IMPIANTO DI PAULOWNIA BUSINESS PLAN IMPIANTO DI PAULOWNIA clone 112. La coltivazione di paulownia, presenta le seguenti principali caratteristiche: a) Facilità colturale; b) Adattabilità

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 Attività di preparazione Ottobre 2010: La Commissione licenzia il Documento Europa 2020: per una crescita intelligente,

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive

Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive Convegno BioSouth Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive prof. Sanzio Baldini, Presidente ITABIA docente Utilizzazioni forestali Università della Tuscia dott. Chiara Artese,, dottorando

Dettagli

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE Diversificazione in un contesto di grande pregio naturalistico 1 L azienda L azienda agrituristica si trova a Caronia (ME) nell area del Parco dei Nebrodi; è

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

ENERGIA E TERRITORIO SOCIETA CONSORTILE A RL, Sedi in L Aquila ed Avezzano, attuali 9 soci fondatori LA FILIERA DELLE BIOMASSE

ENERGIA E TERRITORIO SOCIETA CONSORTILE A RL, Sedi in L Aquila ed Avezzano, attuali 9 soci fondatori LA FILIERA DELLE BIOMASSE ENERGIA E TERRITORIO SOCIETA CONSORTILE A RL, Sedi in L Aquila ed Avezzano, attuali 9 soci fondatori LA FILIERA DELLE BIOMASSE ENERGIA E TERRITORIO SOCIETA CONSORTILE A RL CHI E ENERGIA E TERRITORIO (ET)

Dettagli

Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola

Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola Silvia Silvestri Centro Sperimentale - Unità Biomasse ed energia rinnovabile FONDAZIONE EDMUND MACH ISTITUTO AGRARIO DI SAN

Dettagli

Le principali tipologie di biomassa utilizzabili per la produzione di energia sono:

Le principali tipologie di biomassa utilizzabili per la produzione di energia sono: PascaleCave e Costruzioni S.r.l. Biomassa -Biogas Biomassa La Biomassa utilizzabile ai fini energetici consiste in tutti quei materiali organici che possono essere utilizzati direttamente come combustibili

Dettagli

BONIFICARE I SITI NUCLEARI E METTERE IN SICUREZZA TUTTI I RIFIUTI RADIOATTIVI: UNA PRIORITÀ PER L ITALIA

BONIFICARE I SITI NUCLEARI E METTERE IN SICUREZZA TUTTI I RIFIUTI RADIOATTIVI: UNA PRIORITÀ PER L ITALIA APPROFONDIMENTI / 75 BONIFICARE I SITI NUCLEARI E METTERE IN SICUREZZA TUTTI I RIFIUTI RADIOATTIVI: UNA PRIORITÀ PER L ITALIA LUCA CITTADINI, Direttore Gruppo Sogin L e applicazioni del nucleare non si

Dettagli

«IL FUTURO DELL ENERGIA PASSA PER I TERRITORI» I Biodistretti di Renovo: Territorio, Energia e Bioeconomia

«IL FUTURO DELL ENERGIA PASSA PER I TERRITORI» I Biodistretti di Renovo: Territorio, Energia e Bioeconomia «IL FUTURO DELL ENERGIA PASSA PER I TERRITORI» I Biodistretti di Renovo: Territorio, Energia e Bioeconomia Dott. STEFANO ARVATI, Presidente Renovo «Le comunità dell energia» Conferenza Internazionale Pesaro,

Dettagli

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Bienergy Expo Usi termici da fonti rinnovabili: Il ruolo della filiera legno-energia Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Vito Pignatelli, Presidente ITABIA ITABIA - Italian Biomass Association

Dettagli

Il supporto della consulenza Agriventure sulle Agroenergie. Cagliari, 10 Ottobre 2012

Il supporto della consulenza Agriventure sulle Agroenergie. Cagliari, 10 Ottobre 2012 Il supporto della consulenza Agriventure sulle Agroenergie Cagliari, 10 Ottobre 2012 1 Perchè Agriventure?... perché lo sviluppo di un impresa passa anche attraverso precise strategie. Agriventure si propone

Dettagli

RES RETE EFFICIENZA SOSTENIBILE

RES RETE EFFICIENZA SOSTENIBILE RES RETE EFFICIENZA SOSTENIBILE "I venti dell'innovazione La sfida per l'energia del futuro" Lunedì 21 maggio Centro Congressi Ville Ponti di Varese PERCHE UNA RETE SULLA EFFICIENZA SOSTENIBILE Nasce dalla

Dettagli

il bluff delle «agroenergie» Roberto Pellegrino biologo ambientalista

il bluff delle «agroenergie» Roberto Pellegrino biologo ambientalista il bluff delle «agroenergie» Roberto Pellegrino biologo ambientalista Impronta ecologica Misura della richiesta umana nei confronti della natura Impronta ecologica umana 2010: 1,78 La Terra non è infinita

Dettagli

Sistemi energetici di piccola taglia, gassificazione e uso di motori Stirling

Sistemi energetici di piccola taglia, gassificazione e uso di motori Stirling Sistemi energetici di piccola taglia, gassificazione e uso di motori Stirling Biomasse: prospettive di uso energetico in Emilia-Romagna e sistemi di calcolo e monitoraggio su GIS Ing. Filippo Marini La

Dettagli

Sicurezza e recupero delle biomasse nel processo di potatura meccanizzata dei noccioleti

Sicurezza e recupero delle biomasse nel processo di potatura meccanizzata dei noccioleti Centro Studi e Ricerche sul Nocciolo e Castagno Sicurezza e recupero delle biomasse nel processo di potatura meccanizzata dei noccioleti Prof. Ing. Danilo Monarca monarca@unitus.it Giornata di Studio INNOVAZIONE

Dettagli

IPOTESI PROGETTUALI PER IL RISCALDAMENTO A BIOMASSE IN AREA MONTANA

IPOTESI PROGETTUALI PER IL RISCALDAMENTO A BIOMASSE IN AREA MONTANA Progetto CISA IPOTESI PROGETTUALI PER IL RISCALDAMENTO A BIOMASSE IN AREA MONTANA Intorduzione CISA Centro per lo Sviluppo dell Appennino Dott. Ing. Filippo Marini Introduzione Utilizzo della biomassa

Dettagli

Il nuovo TOTEM. Il microcogeneratore* che ti permette di produrre calore ed elettricità tagliando fino al 40% i costi di luce e gas.

Il nuovo TOTEM. Il microcogeneratore* che ti permette di produrre calore ed elettricità tagliando fino al 40% i costi di luce e gas. Il nuovo TOTEM Il microcogeneratore* che ti permette di produrre calore ed elettricità tagliando fino al 40% i costi di luce e gas. *da 22 a 50 kw termici / da 10 a 25 kw elettrici MODELLO TOTEM 10 TOTEM

Dettagli

NovaE e Consorzio Agrario

NovaE e Consorzio Agrario NovaE e Consorzio Agrario Insieme per accompagnare le aziende agricole verso un futuro sostenibile è una partnership NovaE aiuta le imprese agricole, scegli un partner affidabile per investire nell ambiente.

Dettagli

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi di Enrico Mazza Il 29 novembre scorso sono stati pubblicati sul BURC (n. 48 parte III) i Decreti che riguardano l approvazione degli Avvisi

Dettagli

Connubio vincente: le biomasse legnose e l energia pulita. Angelo Scaravonati Milano, 17/11/10

Connubio vincente: le biomasse legnose e l energia pulita. Angelo Scaravonati Milano, 17/11/10 Connubio vincente: le biomasse legnose e l energia pulita Angelo Scaravonati Milano, 17/11/10 Modello Approvvigionamento Centrali a Biomasse Dalla coltivazione alla fornitura di cippato a bocca caldaia

Dettagli

ENERGIA DA BIOMASSE IL FUTURO COMINCIA DALLE IMPRESE AGRICOLE

ENERGIA DA BIOMASSE IL FUTURO COMINCIA DALLE IMPRESE AGRICOLE ENERGIA DA BIOMASSE IL FUTURO COMINCIA DALLE IMPRESE AGRICOLE Milano 19 Giugno 26 Relatore: Walter Righini 1 2 Mw Potenza Termica 1,1 Mw Potenza elettrica 28,3 Km Rete di tubazioni 545 Utenze Allacciate

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER L UTILIZZO DELLE BIOMASSE LEGNOSE DI ORIGINE AGRICOLA O FORESTALE A FINI ENERGETICI

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER L UTILIZZO DELLE BIOMASSE LEGNOSE DI ORIGINE AGRICOLA O FORESTALE A FINI ENERGETICI ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER L UTILIZZO DELLE BIOMASSE LEGNOSE DI ORIGINE AGRICOLA O FORESTALE A FINI ENERGETICI Accordo volontario settoriale per l utilizzo delle biomasse legnose di origine agricola

Dettagli

VALUTAZIONI ECONOMICHE DELLE FILIERE BIOMASSE LIGNOCELLULOSICHE-ENERGIA

VALUTAZIONI ECONOMICHE DELLE FILIERE BIOMASSE LIGNOCELLULOSICHE-ENERGIA Vercelli fiere CARESANABLOT (VC) 27-29 settembre 2013 VALUTAZIONI ECONOMICHE DELLE FILIERE BIOMASSE LIGNOCELLULOSICHE-ENERGIA Dott. Domenico Coaloa CRA-PLF Unità di Ricerca per le Produzioni Legnose fuori

Dettagli

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria INFORMA Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria Via Mario Angeloni, 1 06125 Perugia (PG) Tel: 075.5002953 Fax: 075.5002956 e-mail: umbria@cia.it - web: www.ciaumbria.it facebook

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

Nei prossimi anni ingenti capitali saranno destinati al settore della green economy ; solo in Italia già oltre 3 miliardi di Euro nel 2010.

Nei prossimi anni ingenti capitali saranno destinati al settore della green economy ; solo in Italia già oltre 3 miliardi di Euro nel 2010. Note sul Piano di Azione Nazionale per le energie rinnovabili (PAN). Nei prossimi anni ingenti capitali saranno destinati al settore della green economy ; solo in Italia già oltre 3 miliardi di Euro nel

Dettagli

La bancabilità dei progetti a biomasse nel nuovo scenario finanziario: gli strumenti a disposizione dell industria

La bancabilità dei progetti a biomasse nel nuovo scenario finanziario: gli strumenti a disposizione dell industria La bancabilità dei progetti a biomasse nel nuovo scenario finanziario: gli strumenti a disposizione dell industria Giuseppe Dasti - Coordinatore Desk Energy Mediocredito Italiano gruppo Intesa Sanpaolo

Dettagli

1. Trasferimento di conoscenze e azioni d informazione

1. Trasferimento di conoscenze e azioni d informazione 1. Trasferimento di conoscenze e azioni d informazione La misura concorre a promuovere l acquisizione di competenze e conoscenze tecniche e manageriali, la diffusione di innovazioni nei vari ambiti aziendali

Dettagli

Gruppo di lavoro GAST - Gruppo Acquisto Solidale Terreno PROGETTO CAVIN DE CONFIN

Gruppo di lavoro GAST - Gruppo Acquisto Solidale Terreno PROGETTO CAVIN DE CONFIN Gruppo di lavoro GAST - Gruppo Acquisto Solidale Terreno PROGETTO CAVIN DE CONFIN 21/03/2015 Riservato 2 La nostra idea Partendo da un nucleo ridotto di aderenti al Gas, abbiamo pensato di cambiare ruolo:

Dettagli

Energia Benessere - Crescita

Energia Benessere - Crescita Le energie rinnovabili: opportunità da sole, acqua, vento e biomasse Energia Benessere - Crescita Scenari per il futuro prossimo, dopo il protocollo di Kyoto. prof. Mauro REINI docente di sistemi per l

Dettagli

Utilizzo energie rinnovabili per il risparmio energetico in fase di cura

Utilizzo energie rinnovabili per il risparmio energetico in fase di cura Convegno - Sostenibilità della coltura del tabacco in Italia - Utilizzo energie rinnovabili per il risparmio energetico in fase di cura Dott. Pasquale Raiola 20 Aprile 2011 Dip. Scienze Economico-Estimative

Dettagli

La posizione del comparto sementiero nella filiera del frumento

La posizione del comparto sementiero nella filiera del frumento GranItalia Aula Magna della Facoltà di Agraria Università di Bologna, 1 ottobre 2010 La posizione del comparto sementiero nella filiera del frumento Industria sementiera e innovazione varietale. La collaborazione

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI

PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI Il TEAM di Si-Web ha lavorato con impegno e professionalità utilizzando informazioni provenienti da autorevoli fonti sia nazionali che internazionali,

Dettagli

Campus scientifico e didattico del biomedicale

Campus scientifico e didattico del biomedicale Campus scientifico e didattico del biomedicale Premessa Il progetto di campus scientifico è finalizzato ad apprendere competenze metodologiche e tecniche in ambito scientifico, economico ed organizzativo

Dettagli

Passion for timber PELLET & BRICCHETTI DI LEGNO. pfeifergroup.com

Passion for timber PELLET & BRICCHETTI DI LEGNO. pfeifergroup.com Passion for timber PELLET & BRICCHETTI DI LEGNO pfeifergroup.com FILOSOFIA Rispetto per l ambiente e le risorse. I nostri pellet e bricchetti sono lavorati esclusivamente da legno locale proveniente da

Dettagli

PTI NOVARA ASSE 1 INNOVAZIONE E TRANSIZIONE PRODUTTIVA AZIONE RICERCA E SPERIMENTAZIONE INTERVENTO 15.2.2.1 CAMPUS NOVAMONT

PTI NOVARA ASSE 1 INNOVAZIONE E TRANSIZIONE PRODUTTIVA AZIONE RICERCA E SPERIMENTAZIONE INTERVENTO 15.2.2.1 CAMPUS NOVAMONT PTI NOVARA ASSE 1 INNOVAZIONE E TRANSIZIONE PRODUTTIVA AZIONE RICERCA E SPERIMENTAZIONE INTERVENTO 15.2.2.1 CAMPUS NOVAMONT 1. QUADRO CONOSCITIVO 1.1 Soggetto attuatore dell intervento: Novamont S.p.A.

Dettagli

LA NOVITÀ NELL ENERGIA, DA 70 ANNI.

LA NOVITÀ NELL ENERGIA, DA 70 ANNI. LA NOVITÀ NELL ENERGIA, DA 70 ANNI. IL GRUPPO ERG UNA REALTÀ MULTIENERGY DA OLTRE 70 ANNI IL GRUPPO ERG È UN PUNTO DI RIFERIMENTO NEL MERCATO ENERGETICO ITALIANO Il Gruppo, dal 2002, si è articolato in

Dettagli

I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica

I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica Giuseppe D Amore ENAMA Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola giuseppe.damore@enama.it Bastia Umbra 6 Aprile 2013 Punti salienti Livelli di incentivo

Dettagli

Proposta di regolamento generale

Proposta di regolamento generale Analisi delle priorità e degli obiettivi della in relazione alla proposta di regolamento generale dei Fondi del QSC Fondi del Quadro Strategico Comune (QSC) Obiettivi Una crescita intelligente: sviluppare

Dettagli

CENTRO PER L ENERGIA L LEGNO E BIOMASSE RINNOVABILI

CENTRO PER L ENERGIA L LEGNO E BIOMASSE RINNOVABILI CENTRO PER L ENERGIA L DA LEGNO E BIOMASSE RINNOVABILI FILIERA PELLETS IMPIANTI TECNOLOGICI INNOVATIVI AD ALTA EFFICIENZA Per la produzione di ENERGIA RINNOVABILE PRODOTTI RETE ELETTRICA ENEL ENERGIA TERMICA

Dettagli

Progetto STABULUM e le filiere corte agroenergetiche nello sviluppo rurale 2014-2020

Progetto STABULUM e le filiere corte agroenergetiche nello sviluppo rurale 2014-2020 Progetto STABULUM e le filiere corte agroenergetiche nello sviluppo rurale 2014-2020 Obiettivi della Misura 124 (1) La Misura ha sostenuto progetti di cooperazione per lo sviluppo e la sperimentazione

Dettagli

IDENTIKIT delle FATTORIE DIDATTICHE della Regione EMILIA-ROMAGNA

IDENTIKIT delle FATTORIE DIDATTICHE della Regione EMILIA-ROMAGNA IDENTIKIT delle FATTORIE DIDATTICHE della Regione EMILIA-ROMAGNA Ottobre 2009 Sono passati dieci anni dall avvio del progetto regionale Fattorie Didattiche che ha creato nel periodo un apertura di dialogo

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 ASSE IV LEADER. Programma di Sviluppo Locale del GAL Giarolo Leader CRESCERE IN RETE

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 ASSE IV LEADER. Programma di Sviluppo Locale del GAL Giarolo Leader CRESCERE IN RETE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 ASSE IV LEADER Programma di Sviluppo Locale del GAL Giarolo Leader CRESCERE IN RETE MISURA 431 Azione 2.b Informazione sull attività del GAL Attività di animazione

Dettagli

Utilizzo di biomasse nel comparto florovivaistico. Ing. Domenico De Palma Consulente CSR

Utilizzo di biomasse nel comparto florovivaistico. Ing. Domenico De Palma Consulente CSR Utilizzo di biomasse nel comparto florovivaistico I consumi energetici in campo agricolo Florovivaismo Zootecnia Ortocoltura Frutticoltura. Il florovivaismo In Italia: 22.000 aziende floricole Superficie

Dettagli

Wood fuels small scale heating: status quo and outlook to 2020 in Europe and Italy. Strengths and problems. Marino Berton - Aiel

Wood fuels small scale heating: status quo and outlook to 2020 in Europe and Italy. Strengths and problems. Marino Berton - Aiel Wood fuels small scale heating: status quo and outlook to 2020 in Europe and Italy. Strengths and problems Marino Berton - Aiel SOMMARIO: Quali obiettivi per le rinnovabili in Italia? Quali obiettivi per

Dettagli

LA CORRETTA GESTIONE AMBIENTALE: OPPORTUNITÀ E VANTAGGI PER LE PMI

LA CORRETTA GESTIONE AMBIENTALE: OPPORTUNITÀ E VANTAGGI PER LE PMI LA CORRETTA GESTIONE AMBIENTALE: OPPORTUNITÀ E VANTAGGI PER LE PMI TRAPANI 26.09.2012 relatori: GIULIA CIARAMELLI FRANCESCO BARBATO ECOTEC-CONSULTING OBIETTIVI DELL INCONTRO PMI e Ambiente Dare supporto

Dettagli

La filiera Legno-Energia Come valorizzare le risorse di biomassa del nostro territorio Marino Berton Direttore generale AIEL

La filiera Legno-Energia Come valorizzare le risorse di biomassa del nostro territorio Marino Berton Direttore generale AIEL La filiera Legno-Energia Come valorizzare le risorse di biomassa del nostro territorio Direttore generale AIEL Associazione di filiera Associazione di filiera. dal bosco al camino Produzione/distribuzione

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

COMBUSTIBLE ECOLOGICO 100% - NOCCIOLINO NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE PRESENTAZIONE

COMBUSTIBLE ECOLOGICO 100% - NOCCIOLINO NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE PRESENTAZIONE NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE PRESENTAZIONE Il NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE è un prodotto naturale, ottenuto solo ed esclusivamente con procedimenti meccanici durante la lavorazione delle olive. Durante la

Dettagli

tecnologia che migliora il mondo

tecnologia che migliora il mondo tecnologia che migliora il mondo Company profile AURORA energy solution è l unione di due società la AURORA INVEST Srl e ICMEA Srl società di ingegneria dedicata alla progettazione e realizzazione di

Dettagli

Cosa può fare FederlegnoArredo PER LA MIA AZIENDA?

Cosa può fare FederlegnoArredo PER LA MIA AZIENDA? Cosa può fare FederlegnoArredo PER LA MIA AZIENDA? 1 CONOSCERE IL MERCATO ITALIA L Italia ha più opportunità di quello che sembra NOI LE INTERCETTIAMO IN ANTICIPO Conoscere il comparto in cui si opera.

Dettagli

Agricoltura e Agro-energie 1

Agricoltura e Agro-energie 1 Agricoltura e Agro-energie 1 I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento. Agricoltura e Agro-energie 2 L agro-ecosistema è un ecosistema

Dettagli

G.B. Zorzoli ISES ITALIA L USO DI BIOMASSE A FINI ENERGETICI. Porretta Terme, 27.09.2008

G.B. Zorzoli ISES ITALIA L USO DI BIOMASSE A FINI ENERGETICI. Porretta Terme, 27.09.2008 G.B. Zorzoli ISES ITALIA L USO DI BIOMASSE A FINI ENERGETICI Porretta Terme, 27.09.2008 LE PIÙ IMPORTANTI TIPOLOGIE DI BIOMASSA RESIDUI FORESTALI SCARTI DELL INDUSTRIA DI TRASFORMAZIONE DEL LEGNO (TRUCIOLI,

Dettagli

Agricoltori si nasce o si diventa? Valentina Cattivelli Ricercatrice indipendente e docente a contratto Politecnico di Milano

Agricoltori si nasce o si diventa? Valentina Cattivelli Ricercatrice indipendente e docente a contratto Politecnico di Milano Agricoltori si nasce o si diventa? Valentina Cattivelli Ricercatrice indipendente e docente a contratto Politecnico di Milano Indice Le motivazioni del futuro imprenditore agricolo Le difficoltà Opportunità

Dettagli

TECNOPOLO DI PIACENZA Meccanica avanzata ed energia e ambiente Comune di Piacenza Francesco Timpano Vicesindaco di Piacenza

TECNOPOLO DI PIACENZA Meccanica avanzata ed energia e ambiente Comune di Piacenza Francesco Timpano Vicesindaco di Piacenza TECNOPOLO DI PIACENZA Meccanica avanzata ed energia e ambiente Comune di Piacenza Francesco Timpano Vicesindaco di Piacenza Carta d identità territoriale http://www.piacenzatheplace.it Identità di rete

Dettagli

I potenziali energetici. Beatrice Cattini Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali U.O. VIA e Politiche Energetiche

I potenziali energetici. Beatrice Cattini Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali U.O. VIA e Politiche Energetiche I potenziali energetici Beatrice Cattini Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali U.O. VIA e Politiche Energetiche Gli ambiti di azione del Piano Clima 2 ADATTAMENTO Gestione

Dettagli

Energia da Biomasse. Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili

Energia da Biomasse. Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili Energia da Biomasse Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili Accordo di Programma Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Regione Abruzzo Iris Flacco Energy Manager Regione

Dettagli

Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali

Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali Nuove forme di integrazione ambientale in agricoltura Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali Luca Castellazzi Ancona, 25 marzo 2004 Cos è la biomassa Il termine biomassa comprende tutte

Dettagli

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA IL PROJECT LEASING per IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA NUOVE opportunità di sviluppo PER LA TUA IMPRESA nel settore dell Energia 1 GLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE La cogenerazione, CHP (Combined

Dettagli

L argilla espansa..... e lo sviluppo sostenibile

L argilla espansa..... e lo sviluppo sostenibile L argilla espansa...... e lo sviluppo sostenibile SVILUPPO SOSTENIBILE E ISO 14001 Da sempre impegnata nella ricerca delle migliori soluzioni leggere e isolanti per l edilizia, Laterlite fonda la propria

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06)

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) 1. Introduzione I consumi di energia all utilizzatore (domestico, industriale, commerciale, per trasporti, agricolo, amministrativo, ecc) nelle

Dettagli

PER FARE UN TAVOLO CI VUOLE

PER FARE UN TAVOLO CI VUOLE PER FARE UN TAVOLO CI VUOLE La riscoperta dei vecchi mestieri e nuove opportunità imprenditoriali legate al legno Partner DESTINATARI DEL PROGETTO: giovani dai 16 ai 35 anni PROVINCE COINVOLTE: n 2 province

Dettagli

IMPATTO AMBIENTALE ZERO

IMPATTO AMBIENTALE ZERO IMPATTO AMBIENTALE ZERO v scheda tecnica vasi VIPOT TECNICI STANDARD e FESSURATI SOLUZIONE DI ECCELLENZA PER LA VIVAISTICA E LA FLORICULTURA Nuovi orizzonti si aprono nel campo dei materiali ecocompatibili

Dettagli

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION La VER è un azione volontaria che ha lo scopo di ridurre la propria impronta di carbonio (CO2), principale causa dell effetto serra. La VER viene attivata da Aziende sensibili

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

AE BIO SOLAR AE BIO SOLAR IMPIANTO IBRIDO SOLARE/BIOMASSA ADESSO ENERGIA SRL IMPIANTO IBRIDO SOLARE/BIOMASSA L INIZIO DI UNA NUOVA ENERGIA

AE BIO SOLAR AE BIO SOLAR IMPIANTO IBRIDO SOLARE/BIOMASSA ADESSO ENERGIA SRL IMPIANTO IBRIDO SOLARE/BIOMASSA L INIZIO DI UNA NUOVA ENERGIA ADESSO ENERGIA SRL AE BIO SOLAR L INIZIO DI UNA NUOVA ENERGIA Via Notarbartolo n 49 14.05.2014-90141 Palermo Pagina 1 INTRODUZIONE Il Sistema ibrido ingegnerizzato da Adesso Energia srl, denominato AE

Dettagli

EDILIZIA SOSTENIBILE IN LEGNO: PROGETTO ARCA. Trento, 6 luglio 2011

EDILIZIA SOSTENIBILE IN LEGNO: PROGETTO ARCA. Trento, 6 luglio 2011 EDILIZIA SOSTENIBILE IN LEGNO: PROGETTO ARCA Trento, 6 luglio 2011 PROGETTO ARCA. GLI OBIETTIVI. - favorire la creazione di una proposta di mercato distintiva, credibile e competitiva per le aziende trentine

Dettagli

Incentivi alle agroenergie da finanziamenti regionali e comunitari

Incentivi alle agroenergie da finanziamenti regionali e comunitari Incentivi alle agroenergie da finanziamenti regionali e comunitari Maria Luisa Bargossi Servizio Territorio Rurale DG Agricoltura 15 novembre 2010 Bologna Contenuti PSR e agroenergie Dalla politica energetica

Dettagli

MODELLO DI ACCORDO QUADRO

MODELLO DI ACCORDO QUADRO MODELLO DI ACCORDO QUADRO a) Enti Pubblici b) Autorità di Coordinamento regionale del Distretto Bioenergetico c) Fornitori della biomassa - produttori di colture energetiche - produttori di residui agricoli

Dettagli

Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale. 3 Dicembre 2013

Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale. 3 Dicembre 2013 Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale 3 Dicembre 2013 Premessa In un momento di grande difficoltà come quello che stiamo vivendo, pensare alla nostra città ed in particolare alle nostre

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Titolo Asparago - Costituzione e diffusione dell ibrido maschile Italo Risultati della Ricerca Descrizione estesa del risultato Italo è il primo ibrido interamente maschile (le piante maschili sono notoriamente

Dettagli

FARRO DELLA GARFAGNANA

FARRO DELLA GARFAGNANA FARRO DELLA GARFAGNANA Progetto Integrato di Filiera: Regione Toscana Decreto Dirigenziale n. 2359 del 26/05/2015 s.m.i. La Cooperativa Agricola Garfagnana Alta Valle del Serchio si propone come promotore

Dettagli