brevetti a suo carico nella lavorazione di processi industriali da biomasse mette a disposizione il suo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "brevetti a suo carico nella lavorazione di processi industriali da biomasse mette a disposizione il suo"

Transcript

1 Presentazione dell azienda Future Green srl L azienda Future Green srl attraverso un esperienza decennale dei soci è attiva nel settore della valorizzazione delle risorse ambientali e nel settore dei rifiuti urbani. Detentrice di brevetti a suo carico nella lavorazione di processi industriali da biomasse mette a disposizione il suo know-how, le sue esperienze professionali, gli esperti di settore, la competenza e l affidabilità, nonché la ricerca e l innovazione di nuovi sistemi di produzione tecnologica e industriale ed offre a tutti coloro che fossero interessati a conoscere il suo progetto industriale di lavorazione delle biomasse e produzione di energia elettrica e termica, con l opportunità per la prima volta in tale settore, di certificare la materia prima di provenienza e di prodotto da biomassa. Si tratta di un reale progetto di Green Economy, in cui l investimento nel settore ambientale e delle energie è assolutamente proporzionale al business e rientra nei parametri di Green Economy pura. Il progetto si concentra su processi industriali che partendo dall innovazione nelle lavorazioni delle biomasse (processi di piro-gassificazione 1 ), al fine di produrre energia, realizzano processi di filiera corta 1 Processo chimico che permette di convertire materiale ricco in carbonio, quale il carbone, il petrolio, o le biomasse, in monossido di carbonio, idrogeno e altri composti gassosi; avviene a temperature elevate. E un metodo per ottenere energia da differenti tipi di materiali organici e trova anche applicazione nel trattamento termico dei rifiuti.

2 attraverso l introduzione di un brevetto di coltivazione arborea: denominata Paulownia in vitro clone 112. E una pianta questa, selezionata geneticamente per propagazione in vitro o micropropagazione 2, dalle caratteristiche eccezionali, date dal rapido accrescimento della pianta in soli quattro anni: la stessa raggiunge diametri pari a circa 30cm e altezze pari a circa 12m. realizzando un vero e proprio bosco in un ettaro di coltivazione, e al taglio una rapida capacità di ripartenza della stessa per almeno tre cicli di produzione in anni. Altrettanto interessanti sono le qualità del suo legno che saranno elencate in seguito; la produzione di tale legno può essere utilizzata in vari settori merceologici ed industriali di riferimento quali: le industrie del mobile, in tutti i settori della bioedilizia, fabbricazione di strumenti musicali, imbarcazioni, tavole da surf, e per ultimo molto pregiato per la costruzione di bare, ecc. Al latere delle centrali a biomassa l azienda sarà in grado di stoccare il proprio legno e realizzare lavorazioni di cippato e pellet. Attori e protagonisti di tale progetto sono gli imprenditori agricoli che investendo nell opportunità di coltivare Paulownia clone in vitro 112 e sorretti da garanzia fideiussoria rilasciata dalla stessa società nel ciclo dei 3 tagli, avranno la possibilità di ottenere un ricavo pari a euro ad ettaro. Anche in questa occasione di business si soddisfa il principio di Green Economy per il mondo agricolo in quanto: a) Il processo di filiera corta 3 prevede il produttore e l utilizzatore della biomassa e del legno in aree geograficamente ristrette e rientranti nei parametri indicati dall ultimo bando nazionale per il finanziamento di impianti da energia rinnovabile; 2 Tecnica di propagazione vegetativa, effettuata in sterilità, che consente di moltiplicare velocemente e in grande quantità le specie vegetali. 3 Filiera produttiva caratterizzata da un numero limitato e circoscritto di passaggi produttivi, e in particolare di intermediazioni commerciali, che possono portare anche al contatto diretto tra il produttore e il consumatore. Lo scopo principale di tale filiera è contenere e ridurre i costi al consumo dei prodotti.

3 b) Si produce energia rinnovabile, rispettando l ecosistema ed altresì le emissioni in atmosfera per il trasporto del materiale; c) Si incrementa il patrimonio forestale nazionale; d) Senza OGM 4 e con foglie larghe che consentono di essere un acceleratore delle fasi di fotosintesi clorofilliana, assorbendo maggiore anidride carbonica e rilasciando maggior ossigenazione in atmosfera; e) Il suo apparato fittonante 5 consente un maggior controllo dei rischi idrogeologici insiti nel nostro territorio nazionale. I campi saranno guidati da esperti, agronomi e forestali, che a spese dell azienda e nei tempi prestabiliti, porteranno la produzione del legno verso standard di lavorazione e commercializzazione elevata. L albero per la metà del suo tronco fino a 6-7 metri di altezza produrrà materia prima di categoria A per le industrie di lavorazione del legno; per la restante parte dell albero l utilizzo è destinato all alimentazione delle centrali della filiera, produzione di cippato e pellet. Da considerarsi l elevato potere calorifico e la bassissima umidità (al di sotto del 30% al taglio) concentrata nel legno, che sin dal taglio consentiranno la lavorazione immediata del legname e la rapida efficienza nella produzione. Per gli imprenditori agricoli e per la grave crisi che attanaglia il settore, la diversificazione delle colture diviene un utile strumento di business attraverso la coltivazione di Paulownia clone in vitro 112. Il prodotto è oltremodo sorretto da garanzia fideiussoria per il ritiro garantito del campo pronto e interamente finanziato dall Istituto Banca di Credito Cooperativo di San Giovanni Rotondo, partner anch essa dell azienda, mentre per tutto il territorio nazionale si sta trasferendo 4 Organismi geneticamente modificati. Anche definiti organismi transgenici. Si tratta di piante che hanno un patrimonio genetico artificiale ottenuto in laboratorio. 5 Si presenta come un grosso corpo cilindrico a carattere legnoso che scende verticalmente dal fusto della pianta, assicurando ancoraggio e stabilità alla pianta, oltre al normale scopo di trasporto delle sostanze nutritive al corpo emerso del vegetale.

4 quanto già realizzato, mettendo a disposizione il prodotto finanziario seguendo man mano lo sviluppo in altre province. Nella seconda fase del Progetto verranno realizzati i Poli del Legno, in collaborazione con imprenditori, Enti Locali, forze ed organizzazioni interessate. Tra i principi e le finalità che hanno dato origine al progetto, in primis, rientrano quelli ambientalistici: realizzando piccoli boschi si fornisce un contributo vero e sostanziale alla lotta contro il disboscamento delle aree parco e forestali del nostro Pianeta. Basti pensare all uso improprio delle riserve, per coltivazioni di piante energetiche o per utilizzo illegittimo del legno. Da oggi si possono controllare con maggiore attenzione i fumi emessi dalle centrali nell atmosfera. Quelle dell azienda sono dotate di sistemi altamente sofisticati e garanti per il controllo degli stessi, di gran lunga al di sotto dei minimi di emissione imposti dalla Normativa Europea, nonché la garanzia che il prodotto di alimentazione della centrale ha rispetto al passato, cioè Paulownia clone in vitro 112 potrà essere qualificato, garantito nelle quantità e certificato come materia prima di alimentazione costante delle centrali. Ciò ad innovazione ed antitesi delle pratiche in uso per l alimentazione delle tradizionali centrali di produzione di energia. Per tali motivazioni uno dei più grandi movimenti ecologistici europei FARE AMBIENTE NAZIONALE 6 ha condiviso il suddetto progetto per le attenzioni rivolte all ambiente. Inoltre il progetto è condiviso da: 6 Movimento Ecologista Europeo nato dall iniziativa di un gruppo di docenti universitari, esperti in politica e gestione dell ambiente, insieme a molti giovani, lavoratori, professionisti, imprenditori, cittadini, che hanno deciso di unirsi per contrastare una metodologia anacronistica per tutelare l ambiente e l ecosistema.

5 Università locali ed europee della Facoltà di Agraria; Confindustria Foggia; Giovani industriali del Mezzogiorno; Istituto bancario BCC di San Giovanni Rotondo; Confederazioni di categoria del settore agricolo; Albo agronomi e forestali;

6 Il Politecnico di Milano; Università Cattolica Sacro Cuore sede di Piacenza e Cremona. Grazie all accreditamento presso il dipartimento di Agraria della Cattolica Sacro Cuore l azienda è stata rappresentata alla Bio Energy 2013, fiera cremonese tra le più prestigiose nel panorama delle rinnovabili. Lo stand è stato visitato anche dal Presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento europeo, On. Paolo de Castro, oltre che dal Dottor Guidi, Presidente nazionale di Confagricoltura. Se la sede legale è a Torremaggiore, quella operativa è a San Paolo di Civitate dove i lavori sulle colture vengono svolti con la collaborazione di Marcello Amoroso, agronomo e vice coordinatore provinciale dell Associazione Fare Ambiente. Paulownia clone in vitro 112 Il clone e le sue potenzialità A partire da Marzo 2013 verranno piantati gli alberi da un clone nato nel 72 nei laboratori di ricerca dell Università di Barcellona; il clone è brevettato in Spagna ma il processo industriale è italiano, con la collaborazione dell Università di Agraria di Foggia, con le sperimentazioni legate al progetto Star*Agroenergy 7, tutte le associazioni di categoria al fine di estenderlo su tutto il territorio nazionale ed internazionale (motivo della mia collaborazione e interesse al progetto) in collaborazione con gli albi degli agronomi ed il ministero, sede in cui il progetto è già stato presentato lo scorso inverno, anche l Argentina è seriamente intenzionata a collaborare con il suddetto. Il presente è un processo industriale che non brucia come le vecchie centrali a biomassa; detenuto dalla stessa Future Green srl con emissioni zero dalla centrale perché viene introdotta 7 Progetto europeo nato con l obiettivo di realizzare una metodologia di riconciliazione fra la produzione energetica, gli ecosistemi ecologici e il patrimonio culturale delle aree rurali più importanti del Sud Europa.

7 materia prima certificata. Questo processo permette, con gli sfridi dell albero, di alimentare la centrale con materia prima certificata abolendo le emissioni. Con la lavorazione dei residui vegetali della pianta si alimentano le centrali a biomassa e si produce energia termica. Tale centrale produce con 1 MW elettrico e 1 MW termico: Energia elettrica in maniera precisa; Cubetti in vetro-cemento per l edilizia perchè tutte le sostanze anzichè carbonizzarle le riutilizza. Per gli industriali, la grande risorsa della Paulownia sta nella certificazione della materia e nell utilizzo del termico. Come utilizza il termico? Attraverso gli sfridi della pianta: Utilizza la materia prima; Aiuta a risolvere il problema del calore attraverso il pellet della Paulownia. In punta a sei metri alla pianta si taglia quando l 80% del campo ha raggiunto, nei primi quattro anni, 28/30 cm di diametro. Paulownia, inoltre, attraverso il potere termico della centrale, può realizzare pellet (rarissimo) oltre a produrre il vetro. Tutto ciò che viene recuperato (cippato, pellet) è destinato al mercato dell energia. Esso è anche un legno che può essere adoperato al posto del Teak 8 ma con un costo molto inferiore e si presta molto bene alla lavorazione essendo un legno polivalente e leggero, è 8 E un genere di albero tropicale a legno duro, contenente una resina oleosa naturale che lo rende estremamente resistente.

8 infatti chiamato Alluminio del legno. Basti pensare alla leggerezza di questo legno, con un peso medio pari a 275 kg/m³, paragonabile al sughero, ma con caratteristiche di resistenza molto elevate. Questo eccellente rapporto resistenza-peso, unito alla facilità di lavorazione, ha dato modo di soprannominare questa essenza come su indicato. Non è una specie invasiva perché i semi sono stati resi sterili, non avendo frutti ma solo boccioli non ha altri effetti, non è un seme. Le origini della Paulownia Paulownia, un albero conosciuto anche con il nome di Albero della Principessa, compare in Europa agli inizi del 1800, importato dalla Compagnia delle Indie Orientali 9. Nel 1972 è cominciato lo studio in laboratorio per migliorarne la qualità, selezionando le varietà al fine di ottenere una tipologia, con elevate rese per la produzione di un materiale ideale per l industria del legno e biomassa. del legno. Il materiale ricavato è conosciuto nell industria del legno e del mobile come Alluminio Per Alluminio del legno si intendono le seguenti principali caratteristiche: 1. Resistenza alla torsione, contrazione ed in genere deformazione; 2. Essenza dura; 3. Leggerezza (30% in media più leggero di qualsiasi altro tipo paragonabile); 4. Mancanza di nodi per oltre il 70% del tronco; 5. Colore chiaro; 9 Grandi compagnie di navigazione privilegiate detentrici, nei confronti dei propri connazionali, dell esclusivo diritto di navigazione e commercio, sulla base di patenti concesse dalle autorità nazionali.

9 6. Potere calorifico: 19520kj/kg; categoria A ; 7. Il tronco si può utilizzare per l industria del mobile, trattandosi di legno di 8. Resistenza all azione del tempo. Con le sue proprietà di granulazione fine è un albero dal legno eccezionale per travi, produzione mobili d arredo, compensato, case prefabbricate, pannelli interni per le costruzioni, legno da cantiere, ecc. La pianta si rigenera dalla radice per minimo altri 2 cicli, raggiungendo la maturità del legname quindi ancora al 6 ed al 9 anno; ottenendo dunque 3 tagli in 9 anni. Alla fine del ciclo viene rimossa dal terreno la parte interrata da cui partono le radici. Miglioramento dell ambiente La Well Forestry Worldwide-Carbon Emission ha riconosciuto la Paulownia clone in vitro 112 come miglior assorbitore di anidride carbonica, restituendo ossigeno all atmosfera, dichiarandola pianta per il futuro dell umanità, grazie alle sue proprietà di sviluppo e rigenerazione. Tutto questo perché nelle richieste di mercato compare un fabbisogno sempre più crescente di legno e biomasse, la Paulownia 112 diventa la soluzione per produrle, senza intaccare l esistente patrimonio forestale. Stime sulla disponibilità di terreni coltivati in maniera residuale in Puglia, consentono di individuare i terreni dove più proficuo sarebbe convertire il piano di coltura a fini energetici. Il segreto? Fare in modo che impianti per la produzione di energia siano di piccola taglia ed autosufficienti, quanto all approvvigionamento di materia da termovalorizzare 10 secondo il principio della cosiddetta filiera corta. 10 Produrre calore attraverso il riciclaggio dei rifiuti.

10 Piano di lavoro La Paulownia 112 può essere messa a dimora in qualsiasi tipo di terreno, anche incolto. Non sono indicati terreni paludosi o con molta acqua. Dopo l impianto (Marzo-Maggio) occorre acqua almeno in zone aride (6-9 mc/settimana/ettaro), e pochissimo concime a base di azoto (150 unità/ettaro). Dopo 6-8 mesi dall impianto si effettua il taglio del primo pollone. Il materiale di risulta dal taglio (polloni di altezza 2,5m e diametro 6cm) è ritirato dalla stessa ditta. In questo periodo, evitiamo che il terreno si riempia di piante infestanti, in zone aride viene somministrata acqua (6-9 mc/settimana/ettaro) nel periodo caldo. Ama una leggera innaffiatura iniziale ed un leggero contributo irriguo durante il suo ciclo vitale (90mc./anno), se alloggia in zone torride. Si consiglia la collocazione della piantina a distanza di 4m, quindi n.600 piante ad ettaro. Un albero viene piantato a 26 settimane di vita. Si raccomanda la posa a dimora nel periodo da Settembre a Maggio. Esso inoltre non necessita di trattamenti fitosanitari 11. Taglio di ripartenza (6-8 mesi) 11 Attenta e scrupolosa osservazione degli esemplari arborei per individuare l eventuale presenza di parassiti; teso alla salvaguardia della salute delle piante.

11 La coltivazione di Paulownia 112 necessita di un primo taglio dalla base dopo 6 mesi di vita, perché questa operazione permette la crescita e lo sviluppo del tronco con poca ramificazione, facendolo crescere perfettamente dritto per minimo 5 metri, favorendo la produzione di legname di tipo A. Il taglio totale può cominciare dopo tre anni con la produttività massima. Misure attese dalla pianta nel ciclo di vita considerato: Nel primo anno di vita della pianta definitiva (6-8 mesi + 1 anno dall impianto), essa cresce già ad un altezza ideale per la produzione di legno per industria, formando un tronco di altezza 4-5m, un diametro 8-10cm, privo di nodi. Nel secondo anno di vita, la pianta definitiva arriva ad un altezza di 6-8 m e un diametro di 16-20cm. Nei periodi caldi, in zone aride, si somministra acqua (6-9mc/settimana/ettaro). Vengono tagliati eventuali rami cresciuti sotto i 6 metri facendo il possibile per evitare che il terreno si riempia di piante infestanti. Nel terzo anno di vita (dopo il taglio tecnico), la pianta definitiva arriva ad un altezza di 10-12cm e un diametro di cm. Al terzo anno, dopo il taglio, la radice riproduce un nuovo pollone che verrà tagliato dopo 3 anni e così fino al 9 anno.

12 Il suo tronco è ideale per l industria, per la ridotta conicità, e comporta, quindi, pochissimo sfrido per la realizzazione di tavolame, travi, manufatti, ecc. A queste condizioni, il prodotto risulta essere pronto per il taglio. La Paulownia può accrescere in concomitanza con altre colture, soprattutto piantagioni basse, meglio se leguminose. Paulownia diventa, quindi, per gli agricoltori una grande occasione di business, un nuovo modo di fare agricoltura. Piano d affare Questo tipo di albero, geneticamente selezionato, è acquistabile esclusivamente da Future Green srl che detiene l esclusiva del marchio registro ed il controllo della produzione. La pianta è fornita con certificato di garanzia di origine e passaporto europeo. La società Future Green srl curerà il taglio ed il ritiro del prodotto pronto ad ogni step. Nel contratto di fornitura delle piantine è prevista la sostituzione delle stesse in caso di moria non dovuta a negligenza dell acquirente. Il prezzo ed il ritiro del materiale sono a totale carico della società Future Green srl.; il materiale ricavato dalla società è costituito da tronchi di legno per uso industriale in Classe A, mentre le ramaglie e gli scarti sono utilizzati come combustibile. mezzi di raccolta. La pianta può piantarsi a 5-6m (interfilare) e consentire agevolmente il passaggio di grossi Le finalità del progetto L obiettivo è di portata industriale; non si confida perciò nella mera vendita di piantine, bensì si punta, almeno, a raggiungere due obiettivi principali:

13 1. Agro-energia; 2. Biomasse; industriale; 3. Costruire una filiera che lavori sulla base di un progetto tecnologico e 4. Creare queste piantagioni al fine di produrre energia elettrica. L azienda si orienta verso due proiezioni: Partenariato; Realizzazione di impianti di Paulownia per il soddisfacimento delle centrali a biomassa. Ma anche l Università di Foggia mobilita gli stati generali con il progetto STAR*AgroECONOMY che prova a far dialogare tutto ciò che ruota attorno alle energie rinnovabili e lo fa con il secondo forum per ufficializzare la costituzione della rete dei soggetti interessati, le voci che possono contribuire a orientare in senso favorevole lo sviluppo del settore delle bioenergie. Coordinati dal prof. Massimo Monteleone di Agraria,

14 coordinatore scientifico del progetto, rappresentanti dell E.N.E.A. 12, dei ministri dello Sviluppo economico e delle Politiche agricole, docenti di altre università, ambientalisti, imprenditori, hanno descritto gli scenari possibili per le agro-energie. Inizia la seconda fase delle rinnovabili dove il convegno: Opportunità di Finanziamento e Nuova Agricoltura per il secondo forum del progetto europeo STAR*AgroEnergy di giovedì 6 Dicembre 2012 vede sala gremita di agricoltori e progettisti fino ad arrivare a chi propone tipologie di colture dedicate alla produzione di energia come ad esempio la Future Green srl, società di Torremaggiore (Fg). La general manager Dott.ssa Simona Rosito era nell auditorium della Biblioteca Provinciale proprio per raccogliere contatti e proporre la coltivazione della Paulownia. La giovane manager esplica l intesa che vede la firma anche della Coldiretti 13, Confagricoltura 14 e CIA e si potrà arrivare a breve anche ad un protocollo d intesa con l Università di Foggia. Occasione, questa, per compiere un investimento produttivo su risorse ambientali anche se può sembrare velleitario e pretenzioso, in questo momento di grave crisi planetaria un proposito così ambizioso, nato in una delle zone più disagiate, ma si possiede la certezza scientifica, i 12 Comitato nazionale per la ricerca e lo sviluppo dell Energia Nucleare e delle Energie Alternative. 13 Confederazione nazionale dei coltivatori diretti. 14 Associazione di categoria che opera per la sicurezza alimentare e la salvaguardia dell ambiente.

15 presupposti economici, la capacità imprenditoriale ed il giusto entusiasmo per ritenere la strada percorribile e gli obiettivi realizzabili. Questo il Progetto in estrema sintesi, avendo però la certezza di aver individuato un vero Sistema di sviluppo economico, realizzabile in tutta Italia e, perché no, esportabile dovunque, con chiari e fermi obiettivi e presupposti di salvaguardia ambientale, di crescita economica all interno di precisi principi ambientalmente sostenibili.

Arundo'Italia'' Offerta'Prodotti'e'Servizi' '''''' Chi'siamo' Main'Partner'Gruppo'Ricicla' Servizi' Arundo'donax' Perché'conviene'l Arundo?

Arundo'Italia'' Offerta'Prodotti'e'Servizi' '''''' Chi'siamo' Main'Partner'Gruppo'Ricicla' Servizi' Arundo'donax' Perché'conviene'l Arundo? Arundo'Italia'' Offerta'Prodotti'e'Servizi' '''''' Chi'siamo' Main'Partner'Gruppo'Ricicla' Servizi' Arundo'donax' Perché'conviene'l Arundo?' o biogas' o biomassa'solida' Comparazione'Arundo'Vs.'altre'colture''

Dettagli

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio,

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio, PIEMONTE, EMILIA-ROMAGNA E LAZIO Cosa riservano i Psr alle agroenergie Nel tentativo di semplificare e chiarire la grande mole di materiale contenuto nei Psr, vengono qui prese in esame le Misure specifiche

Dettagli

BUSINESS PLAN IMPIANTO DI PAULOWNIA

BUSINESS PLAN IMPIANTO DI PAULOWNIA BUSINESS PLAN IMPIANTO DI PAULOWNIA BUSINESS PLAN IMPIANTO DI PAULOWNIA clone 112. La coltivazione di paulownia, presenta le seguenti principali caratteristiche: a) Facilità colturale; b) Adattabilità

Dettagli

Una esperienza sul campo

Una esperienza sul campo Una esperienza sul campo Roberto Sacco CEO AGO Energia Rimini, 3 Novembre 2010 Un passo avanti. Indice Introduzione ad AGO Energia Alcune esperienze significative I benefici dell impiego delle biomasse

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1 ANNO ANNO SCOLASTICO SCOLASTICO 2012 2013 2012 2013 1 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Energie rinnovabili caratteristiche energia eolica energia idrica energia elettrica energia geotermica biomassa energia solare

Dettagli

tecnologia che migliora il mondo

tecnologia che migliora il mondo tecnologia che migliora il mondo Company profile AURORA energy solution è l unione di due società la AURORA INVEST Srl e ICMEA Srl società di ingegneria dedicata alla progettazione e realizzazione di

Dettagli

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION La VER è un azione volontaria che ha lo scopo di ridurre la propria impronta di carbonio (CO2), principale causa dell effetto serra. La VER viene attivata da Aziende sensibili

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale del tavolo Energia e agricoltura Istituto G. Fauser Novara, 19 aprile

Dettagli

Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive

Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive Convegno BioSouth Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive prof. Sanzio Baldini, Presidente ITABIA docente Utilizzazioni forestali Università della Tuscia dott. Chiara Artese,, dottorando

Dettagli

STRATEGIE E MERCATI CNREUROPE

STRATEGIE E MERCATI CNREUROPE CHI SIAMO CNREUROPE, società del gruppo internazionale One-Eko, nasce dall esperienza pluriennale internazionale dei suoi soci nel settore dell Energia Rinnovabile, dell Ingegneria e del Settore Finanziario.

Dettagli

SETTIMANA DELL ENERGIA ENERGIA DELLA PROVINCIA DI SIENA

SETTIMANA DELL ENERGIA ENERGIA DELLA PROVINCIA DI SIENA SETTIMANA DELL ENERGIA ENERGIA DELLA PROVINCIA DI SIENA POLO SCIENTIFICO, TECNOLOGICO E PRODUTTIVO DELLE ENERGIE RINNOVABILI E DELL EFFICIENZA EFFICIENZA ENERGETICA ANALISI PROPOSTE PERVENUTE AL 20 GENNAIO

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER L UTILIZZO DELLE BIOMASSE LEGNOSE DI ORIGINE AGRICOLA O FORESTALE A FINI ENERGETICI

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER L UTILIZZO DELLE BIOMASSE LEGNOSE DI ORIGINE AGRICOLA O FORESTALE A FINI ENERGETICI ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER L UTILIZZO DELLE BIOMASSE LEGNOSE DI ORIGINE AGRICOLA O FORESTALE A FINI ENERGETICI Accordo volontario settoriale per l utilizzo delle biomasse legnose di origine agricola

Dettagli

Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa

Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa Integrazione fra la produzione della biomassa ed il suo riutilizzo a fini energetici Massarosa, 8 novembre 2013 Ing. Simone Bonari P&I srl 09/11/2013 Comune

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola

Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola Silvia Silvestri Centro Sperimentale - Unità Biomasse ed energia rinnovabile FONDAZIONE EDMUND MACH ISTITUTO AGRARIO DI SAN

Dettagli

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA IL PROJECT LEASING per IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA NUOVE opportunità di sviluppo PER LA TUA IMPRESA nel settore dell Energia 1 GLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE La cogenerazione, CHP (Combined

Dettagli

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni Data ultimo aggiornamento: 11 ottobre 2010 Progetto di filiera e realtà coinvolte 2 Sommario

Dettagli

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura AGRICOLTURA E AMBIENTE BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura Soggetto ATTUATORE Soggetti PROMOTORI il PROGettO BOSCO rende disponibile un ampia e diversificata

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Aeroporti di Puglia S.p.A.

Aeroporti di Puglia S.p.A. Aeroporti di Puglia S.p.A. Interventi di Efficientamento energetico del Sistema Aeroportuale: La Nuova Centrale di trigenerazione a biomassa Forum Internazionale Lo Sviluppo della Smart City nell area

Dettagli

TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO

TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO UNI EN ISO 14001:2004 CERTIQUALITY È MEMBRO DELLA FEDERAZIONE CISQ SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE CERTIFICATO produttore di pellet dal 1994 Fondata nel 1969, La TiEsse di Cimadolmo

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

L agroalimentare di qualità ecologica nelle cinture verdi urbane: verso Expo 2015

L agroalimentare di qualità ecologica nelle cinture verdi urbane: verso Expo 2015 L agroalimentare di qualità ecologica nelle cinture verdi urbane: verso Expo 2015 5 Novembre 2015 Prof. Ing. Franco Cotana Direttore del CIRIAF Centro Interuniversitario di Ricerca sull Inquinamento e

Dettagli

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Giuseppe Fano Corporate Director, External Relations M&G : Alcuni numeri Azienda chimica multinazionale di proprietà della famiglia

Dettagli

Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA

Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA Introduzione Il termine filiera legno-energia indica un insieme organizzato di fattori di produzione, trasformazione, trasporto e utilizzazione del legno

Dettagli

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Dagli incentivi del prossimo P.S.R. al greening della nuova PAC Relatore: Dott. Alessandro Pasini Una nuova agricoltura compatibile con

Dettagli

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Dati aggregati Fiper aggiornati al 31/12/2012 84 impianti di teleriscaldamento a biomassa 22 impianti

Dettagli

MODELLO DI GESTIONE STRATEGICA DELLE BIOMASSE

MODELLO DI GESTIONE STRATEGICA DELLE BIOMASSE MODELLO DI GESTIONE STRATEGICA DELLE BIOMASSE Convegno Fonti rinnovabili: modelli di business e sviluppo territoriale Energy Days - RENDE (CS) 16.10.2008 Relatore Guido Castelluccio Direttore Generale

Dettagli

LEGNO ENERGIA. Per il riscaldamento degli edifici

LEGNO ENERGIA. Per il riscaldamento degli edifici LEGNO ENERGIA Per il riscaldamento degli edifici Next Energy Milano 4 marzo 2004 Marino Berton Presidente dell Associazione Italiana Energia dal Legno Attuale composizione delle fonti energetiche in Europa

Dettagli

La certificazione del cippato e del pellet

La certificazione del cippato e del pellet La certificazione del cippato e del pellet Matteo Righetto Ecomondo 2013, Rimini, 7 novembre 2013 Domanda di legname Crescita dagli anni 70 dei consumi di legname a fini energetici Sviluppo dei consumi

Dettagli

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack 4. LE ENERGIE PULITE La ricerca di alternative possibili al petrolio e al nucleare è la sfida che i paesi industrializzati si devono imporre per il prossimo futuro. PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution

Dettagli

Energia solare BIOMASSA

Energia solare BIOMASSA Energia solare BIOMASSA Leonardo Setti Polo di Rimini Università di Bologna Associazione Luce&Vitaenergia, Medicina (BO) FOTOSINTESI anabolici catabolici MOLECOLE SEMPLICI (H 2 O e CO 2 ) INTERMEDI (glucosio)

Dettagli

La Carta fra Luoghi Comuni e Realtà

La Carta fra Luoghi Comuni e Realtà COpertina Esempio:Layout 1 30-04-2009 13:04 Pagina 1 La Carta fra Luoghi Comuni e Realtà Bastioni di Porta Volta, 7 20121 Milano Tel.: 02/29003018 Fax: 02/29003396 Viale Pasteur, 10 00144 Roma Tel.: 06/5919131

Dettagli

HAPERO BALANCE. Salotto Caldaia-Termostufa a pellet versione da appartamento. Cantina Caldaia a pellet per riscaldamento centrale ENERGIETECHNIK GMBH

HAPERO BALANCE. Salotto Caldaia-Termostufa a pellet versione da appartamento. Cantina Caldaia a pellet per riscaldamento centrale ENERGIETECHNIK GMBH HAPERO ENERGIETECHNIK GMBH BALANCE Salotto Caldaia-Termostufa a pellet versione da appartamento Cantina Caldaia a pellet per riscaldamento centrale VIVI IL FASCINO DEL FUOCO Il fuoco è una sorgente di

Dettagli

CONFERENZA STAMPA DEL 5.3.2009 SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE LIQUAMI DI OLMETO

CONFERENZA STAMPA DEL 5.3.2009 SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE LIQUAMI DI OLMETO CONFERENZA STAMPA DEL 5.3.2009 SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE LIQUAMI DI OLMETO 1. PREMESSA L impianto di Olmeto è entrato in funzione nel 1987 ed è stato uno dei primi esempi in Italia di depurazione dei

Dettagli

MANUALE DIDATTICO LEGNO

MANUALE DIDATTICO LEGNO MANUALE DIDATTICO sui temi della raccolta, del riciclo e del recupero dei rifiuti di imballaggio Anno 2010/2011 Un iniziativa con il patrocinio di Ministero dell Istruzione dell Università e Ricerca Un

Dettagli

NovaE e Consorzio Agrario

NovaE e Consorzio Agrario NovaE e Consorzio Agrario Insieme per accompagnare le aziende agricole verso un futuro sostenibile è una partnership NovaE aiuta le imprese agricole, scegli un partner affidabile per investire nell ambiente.

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

Il legno come combustibile

Il legno come combustibile Approfondimento Il legno come combustibile Le biomasse soddisfano circa il 15% degli usi energetici primari nel mondo; tra esse la più nota è il legno, il più antico combustibile utilizzato dall uomo per

Dettagli

CENTRO PER L ENERGIA L LEGNO E BIOMASSE RINNOVABILI

CENTRO PER L ENERGIA L LEGNO E BIOMASSE RINNOVABILI CENTRO PER L ENERGIA L DA LEGNO E BIOMASSE RINNOVABILI FILIERA PELLETS IMPIANTI TECNOLOGICI INNOVATIVI AD ALTA EFFICIENZA Per la produzione di ENERGIA RINNOVABILE PRODOTTI RETE ELETTRICA ENEL ENERGIA TERMICA

Dettagli

Rassegna stampa. del 16/07/2011

Rassegna stampa. del 16/07/2011 Rassegna stampa del 16/07/2011 I-38068 Rovereto (TN) - Viale dell Industria, 2 - Tel +39 0464 30 30 30 - Fax +39 0464 30 30 31 - www.metalsistem.com - info@metalsistem.com 16/07/2011 Corriere del Trentino

Dettagli

: Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari

: Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari Progetto Società Relatore : Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari INTRODUZIONE Nelle pagine successive verranno velocemente illustrate le caratteristiche

Dettagli

Qualità e sostenibilità ambientale della pioppicoltura in filiere legno-energia

Qualità e sostenibilità ambientale della pioppicoltura in filiere legno-energia Progetto Qualità e sostenibilità ambientale della pioppicoltura in filiere legno-energia Regione Lombardia Iniziativa svolta nell ambito del Programma regionale di ricerca in campo agricolo 2010-2012 con

Dettagli

il calore che arreda Kalorino Termocamino Per Ambienti domestici Riscaldamento a Pellet di legna Legna energie rinnovabili

il calore che arreda Kalorino Termocamino Per Ambienti domestici Riscaldamento a Pellet di legna Legna energie rinnovabili il calore che arreda Kalorino Termocamino Per Ambienti domestici Riscaldamento a Pellet di legna energie rinnovabili L AZIENDA Leader nel settore della termotecnica, il marchio Tatano è sinonimo di tecnologia

Dettagli

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria INFORMA Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria Via Mario Angeloni, 1 06125 Perugia (PG) Tel: 075.5002953 Fax: 075.5002956 e-mail: umbria@cia.it - web: www.ciaumbria.it facebook

Dettagli

IMPIANTI A BIOMASSE GenGas

IMPIANTI A BIOMASSE GenGas TECN.AV. SRL LA TECNOLOGIA INNOVATIVA DELL IMPIANTO A BIOMASSE IMPIANTI A BIOMASSE GenGas La produzione di energia da fonti rinnovabili rappresenta il futuro dell Energia e dello sviluppo sostenibile.

Dettagli

IL LEGNO COME COMBUSTIBILE

IL LEGNO COME COMBUSTIBILE IL LEGNO COME COMBUSTIBILE Il legno è uno dei materiali più preziosi offerti dalla natura. Fin dall'antichità più preistorica è stato utilizzato dall'uomo non solo per riscaldarsi, ma anche per la costruzione

Dettagli

ENERGIA RINNOVABILE - Recupero energetico da potature di vite, olivo e frutteti: un importante opportunità per gli agricoltori

ENERGIA RINNOVABILE - Recupero energetico da potature di vite, olivo e frutteti: un importante opportunità per gli agricoltori Newsletter n.67 Settembre 2009 Approfondimento_4 ENERGIA RINNOVABILE - Recupero energetico da potature di vite, olivo e frutteti: un importante opportunità per gli agricoltori All interno dello scenario

Dettagli

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico R. Gubiani, G.Pergher, D. Dell Antonia, D. Maroncelli Convegno Nazionale

Dettagli

Come nasce MaranoSolar

Come nasce MaranoSolar APPROCCIO ECOSISTEMICO L approccio di MaranoSolar alle tecnologie per le fonti rinnovabili intende offrire ai nostri partner il miglior punto di equilibrio tra salvaguardia dell ambiente e sviluppo economico

Dettagli

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi Franco Licini Direzione opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi IL VALORE DEL BOSCO PER IL PAESAGGIO Giovedì

Dettagli

Biocarburanti: un alternativa sostenibile?

Biocarburanti: un alternativa sostenibile? Biocarburanti: un alternativa sostenibile? Annalisa Zezza Istituto Nazionale di Economia Agraria zezza@inea.it Torvergata Roma 27 NOVEMBRE 2008 Il contesto aumento del prezzo dell energia e della dipendenza

Dettagli

Il Progetto Fiera di Roma

Il Progetto Fiera di Roma Green Utility S.p.A. Via G. Mercalli 80 00197 Roma Phone +39 06 8077668 Fax +39 06 8075225 P. IVA 02886140546 Capitale Sociale: 1.000.000,00 i.v. Il Progetto Fiera di Roma Alcune immagini dell impianto

Dettagli

ecologia abitativa bio-intelligente

ecologia abitativa bio-intelligente ecologia abitativa bio-intelligente Come nasce il progetto MondoDiPaglia nasce grazie alla sinergia di professionisti esperti quali: Architetti, Manager della Comunicazione, Imprenditori Edili, Esperti

Dettagli

DELLE ENERGIE RINNOVABILI A CROTONE

DELLE ENERGIE RINNOVABILI A CROTONE Sezione Energia & Ambiente POLO PER L INNOVAZIONE DELLE ENERGIE RINNOVABILI A CROTONE aggiornamento 03 ottobre 2008 PREMESSE Realizzazione di un Tavolo di Lavoro per concretizzare le proposte formulate

Dettagli

SECI Energia S.p.A. 26 Settembre 2008

SECI Energia S.p.A. 26 Settembre 2008 SECI Energia S.p.A. 26 Settembre 2008 IL GRUPPO MACCAFERRI OPERA IN VARI SETTORI INDUSTRIALI : SECI HOLDING GRUPPO INGEGNERIA AMBIENTALE INGEGNERIA MECCANICA COSTRUZIONI & INGEGNERIA CIVILE REAL ESTATE

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

Prospettive dell efficienza energetica e rinnovabili termiche Roma 7 Febbraio 2013. Gestione forestale e biomasse termiche Vito Pignatelli

Prospettive dell efficienza energetica e rinnovabili termiche Roma 7 Febbraio 2013. Gestione forestale e biomasse termiche Vito Pignatelli Prospettive dell efficienza energetica e rinnovabili termiche Roma 7 Febbraio 2013 Gestione forestale e biomasse termiche Vito Pignatelli Solare 11% Consumi finali di energia da fonti rinnovabili in Italia

Dettagli

Provincia di Mantova

Provincia di Mantova Page 1 of 5 Provincia di Mantova home / per enti e imprese / Mantovagricoltura n. 1 aprile maggio 2012 / La produzione di energia rinnovabile: un'opportunità o una minaccia per l'agricoltura? La produzione

Dettagli

Benefici derivanti dalla pellettizzazione del legno e delle biomasse alternative

Benefici derivanti dalla pellettizzazione del legno e delle biomasse alternative Benefici derivanti dalla pellettizzazione del legno e delle biomasse alternative Giuseppe Toscano Pellet combustibile di legno e di biomasse alternative Una reale opportunità di sviluppo della green economy

Dettagli

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Abteilung 32 - Forstwirtschaft Ripartizione 32 Foreste Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale Il ruolo e funzioni del maso

Dettagli

SOSTENIBILITA DEL COSTRUIRE I CRITERI DELLA BIOEDILIZIA

SOSTENIBILITA DEL COSTRUIRE I CRITERI DELLA BIOEDILIZIA CECINA 11 GENNAIO 2005 SOSTENIBILITA DEL COSTRUIRE I CRITERI DELLA BIOEDILIZIA Arch. Anna Marrocco Arch. Chicca Caracciolo PERCHE EDIFICI ECOSOSTENIBILI 1. DANNO ALL AMBIENTE: - il 45% dell'energia prodotta

Dettagli

INFORMAZIONE GENERALE SULLE FONTI RINNOVABILI

INFORMAZIONE GENERALE SULLE FONTI RINNOVABILI INFORMAZIONE GENERALE SULLE FONTI RINNOVABILI Questo scritto riguarda le fonti di energia rinnovabili dirette e indirette: sono fonti dirette quelle che forniscono energia con l aiuto di una tecnologia

Dettagli

2.4 RELAZIONI SU INVITO: Francesco CARBONE

2.4 RELAZIONI SU INVITO: Francesco CARBONE 2.4 RELAZIONI SU INVITO: Francesco CARBONE Presentazione del Moderatore dottor Grimaldi: La prossima relazione, l ultima, ha come tema Prospettive e criticità per il legno di castagno. La relazione è svolta

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI UN AZIENDA CON MENO INFORTUNI, MENO INQUINAMENTO, PIU RISPARMIO ENERGETICO SOSTENIBILITA' E BUSINESS PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Ing. Augusto Bianchini DIEM - Università degli Studi di Bologna

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Terza parte: piante geneticamente modificate: produzione, legislatura, pubblico dibattito.

Biotecnologie ed OGM. Terza parte: piante geneticamente modificate: produzione, legislatura, pubblico dibattito. Biotecnologie ed OGM Terza parte: piante geneticamente modificate: produzione, legislatura, pubblico dibattito. piante OGM nel mondo. I maggiori produttori di OGM nel mondo sono USA, Argentina, Canada

Dettagli

PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI FOTOVOLTAICO MINIEOLICO BIOMASSE

PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI FOTOVOLTAICO MINIEOLICO BIOMASSE PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI FOTOVOLTAICO MINIEOLICO BIOMASSE 1 In ingegneria energetica con il termine energie rinnovabili si intendono quelle forme di energia generate da fonti di energia che per loro

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

Valorizzazione del cippato con il calore dei biodigestori

Valorizzazione del cippato con il calore dei biodigestori Valorizzazione del cippato con il calore dei biodigestori Prof. Remigio Berruto DISAFA, Università di Torino Ing. Antonio Debenedetti Debenedetti Floricoltura s.s. Convegno nazionale Asproflor 11 Gennaio

Dettagli

LA CORRETTA GESTIONE AMBIENTALE: OPPORTUNITÀ E VANTAGGI PER LE PMI

LA CORRETTA GESTIONE AMBIENTALE: OPPORTUNITÀ E VANTAGGI PER LE PMI LA CORRETTA GESTIONE AMBIENTALE: OPPORTUNITÀ E VANTAGGI PER LE PMI TRAPANI 26.09.2012 relatori: GIULIA CIARAMELLI FRANCESCO BARBATO ECOTEC-CONSULTING OBIETTIVI DELL INCONTRO PMI e Ambiente Dare supporto

Dettagli

Caldaie a biomassa. Per Ambienti domestici Grandi ambienti. Riscaldamento a Pellet di legna Chips di legna Legna. energie rinnovabili

Caldaie a biomassa. Per Ambienti domestici Grandi ambienti. Riscaldamento a Pellet di legna Chips di legna Legna. energie rinnovabili Caldaie a biomassa Per Ambienti domestici Grandi ambienti Riscaldamento a Pellet di legna Chips di legna Legna energie rinnovabili L AZIENDA Leader nel settore della termotecnica, il marchio Tatano è sinonimo

Dettagli

Clima e composizione dell atmosfera:

Clima e composizione dell atmosfera: Clima e composizione dell atmosfera: fatti certi e ipotesi da verificare. Maurizio Persico Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Università di Pisa Cultura e metodo scientifico. La Limonaia, Pisa,

Dettagli

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06)

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) 1. Introduzione I consumi di energia all utilizzatore (domestico, industriale, commerciale, per trasporti, agricolo, amministrativo, ecc) nelle

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE Area Imprese Padova PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2007-2013 Obiettivi, strategie ed interventi 2013 Misura 112 Insediamento di giovani agricoltori e Pacchetto Giovani Il Pacchetto giovani

Dettagli

I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica

I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica Giuseppe D Amore ENAMA Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola giuseppe.damore@enama.it Bastia Umbra 6 Aprile 2013 Punti salienti Livelli di incentivo

Dettagli

Il Riuso come motore economico locale: il caso studio dell Eco-parco di Corviale.

Il Riuso come motore economico locale: il caso studio dell Eco-parco di Corviale. Il Riuso come motore economico locale: il caso studio dell Eco-parco di Corviale. Il cantiere di lavoro e il confronto sulle linee guida per il concorso internazionale di progettazione per la rigenerazione

Dettagli

Una scelta logica: riscaldare con la legna.

Una scelta logica: riscaldare con la legna. Una scelta logica: riscaldare con la legna. Bosco curato. Calore piacevole. Clima sano. Riscaldare con la legna: un ciclo naturale senza spreco di risorse. Sappiamo tutti a cosa deve mirare una politica

Dettagli

IMPIANTO PER PRODURRE PELLET

IMPIANTO PER PRODURRE PELLET IMPIANTO PER PRODURRE PELLET Informazioni sull investimento su un impianto di produzione pellet I primi passi per decidere se e come fare un impianto di produzione pellet. International Baltic Sia 31/01/2010

Dettagli

IL MONDO. dell end user

IL MONDO. dell end user IL MONDO AB ENERGY, GRUPPO AB - LA COGENERAZIONE PER VINAVIL E L ACCORDO CON GE dell end user di Alessandro Bignami In tempi difficili per l economia e l ambiente, gli impianti di cogenerazione si affermano

Dettagli

QUIZ LEZIONE n. 3 LE ENERGIE RINNOVABILI 1

QUIZ LEZIONE n. 3 LE ENERGIE RINNOVABILI 1 QUIZ LEZIONE n. 3 LE ENERGIE RINNOVABILI 1 GIOCO A SQUADRE Si guadagna 1 punto rispondendo correttamente alla propria domanda Si perde 1 punto rispondendo in modo errato alla propria domanda Sono concessi

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO IN AGRICOLTURA

IL FOTOVOLTAICO IN AGRICOLTURA COMMISSIONE DI STUDIO IMPOSTE DIRETTE QUADERNO a cura di Letizia Giovanna Galati IL FOTOVOLTAICO IN AGRICOLTURA FEBBRAIO 2014 1 Con la circolare n.32/e del 2009, l Agenzia delle Entrate ha fornito importanti

Dettagli

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale La plastica: maestra nell arte dell imballaggio In Europa oltre il 50 % delle merci è imballato in materiali plastici, nonostante ciò, in

Dettagli

Utilizzo energie rinnovabili per il risparmio energetico in fase di cura

Utilizzo energie rinnovabili per il risparmio energetico in fase di cura Convegno - Sostenibilità della coltura del tabacco in Italia - Utilizzo energie rinnovabili per il risparmio energetico in fase di cura Dott. Pasquale Raiola 20 Aprile 2011 Dip. Scienze Economico-Estimative

Dettagli

L innovazione tecnologica per l efficienza energetica e lo sviluppo di fonti rinnovabili

L innovazione tecnologica per l efficienza energetica e lo sviluppo di fonti rinnovabili L innovazione tecnologica per l efficienza energetica e lo sviluppo di fonti rinnovabili Riduzione dei consumi energetici (efficienza energetica) Consumi e produzione energetica Aumento della produzione

Dettagli

Istruzione per l immissione dei dati

Istruzione per l immissione dei dati Istruzione per l immissione dei dati I dati da inserire si riferiscono all anno solare scorso. Si prega di inserire i dati in modo corretto e scrupoloso. I dati pervenuti all ufficio verranno inseriti

Dettagli

Intervista del Prof. Ing. Domenico Laforgia,

Intervista del Prof. Ing. Domenico Laforgia, 1. Quale è il ruolo dell ENERGIA nel mondo attuale? L Energia è il motore dello sviluppo e garantisce gli attuali livelli di qualità della vita. Non si può uscire dal sottosviluppo e non si può sostenere

Dettagli

2015-01-30 13:52. Quirinale: Tenuta Castelporziano diventa 3D. Consiglio ricerca agricola, passeggiate virtuali in 5mila ettari ROMA

2015-01-30 13:52. Quirinale: Tenuta Castelporziano diventa 3D. Consiglio ricerca agricola, passeggiate virtuali in 5mila ettari ROMA 2015-01-30 13:52 Quirinale: Tenuta Castelporziano diventa 3D Consiglio ricerca agricola, passeggiate virtuali in 5mila ettari ROMA (ANSA) - ROMA, 30 GEN - Arriva in 3D il patrimonio boschivo della Tenuta

Dettagli

DETTAGLIO DELLE ATTIVITA PROGETTUALI DELL FCS

DETTAGLIO DELLE ATTIVITA PROGETTUALI DELL FCS DETTAGLIO DELLE ATTIVITA PROGETTUALI DELL FCS Nelle seguenti tabelle sono illustrati i dettagli relativi al costo del personale per le attività progettuali condotte dall FCS con l indicazione delle sottofasi.

Dettagli

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA INDICE PREMESSA LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO REQUISITI DA RISPETTARE CARATTERISTICHE DELLA QUALITÀ BIOLOGICA CONVERTIRSI AL BIOLOGICO VENDERE E COMPRARE 2 PREMESSA All interno

Dettagli

Abbiamo un modo più verde di stampare i tuoi documenti.

Abbiamo un modo più verde di stampare i tuoi documenti. Abbiamo un modo più verde di stampare i tuoi documenti. Simitri con Biomasse Simitri HD con Biomasse Il toner Simitri di Konica Minolta compie 10 anni Konica Minolta quest anno celebra un importante ricorrenza:

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010 Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia Grano Italia, Bologna 30 settembre - 1 ottobre 2010 Aula Magna della Facoltà di Agraria Prof. Gabriele Canali SMEA, Alta Scuola

Dettagli

La filiera bosco legno energia: quale sviluppo? OPPORTUNITA E OBIETTIVI PER IL TERRITORIO E PER LE IMPRESE DEL CUNEESE

La filiera bosco legno energia: quale sviluppo? OPPORTUNITA E OBIETTIVI PER IL TERRITORIO E PER LE IMPRESE DEL CUNEESE La filiera bosco legno energia: quale sviluppo? OPPORTUNITA E OBIETTIVI PER IL TERRITORIO E PER LE IMPRESE DEL CUNEESE Marco Bussone Uncem Piemonte I boschi in Italia 68% latifoglie e 41,8% cedui Proprietà

Dettagli

ANALISI DEI COSTI DELL ENERGIA IN FUNZIONE DEL COMBUSTIBILE

ANALISI DEI COSTI DELL ENERGIA IN FUNZIONE DEL COMBUSTIBILE Lunedì 18 settembre 2006 AGROENERGIE PER LO SVILUPPO RURALE: SCENARI A CONFRONTO ANALISI DEI COSTI DELL ENERGIA IN FUNZIONE DEL COMBUSTIBILE Ing. Gaetano Cavalli Ing. Gaetano Cavalli 1 BIOMASSA E CO 2

Dettagli

AREA AMBIENTE E TERRITORIO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A NEI PSR: STATO DELL ARTE E. Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009

AREA AMBIENTE E TERRITORIO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A NEI PSR: STATO DELL ARTE E. Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009 AREA AMBIENTE E TERRITORIO LO SVILUPPO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A BASSO IMPATTO AMBIENTALE NEI PSR: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Euphorbia x lomi e suoi ibridi in vaso Requisiti

Euphorbia x lomi e suoi ibridi in vaso Requisiti NORMA TECNICA ENR 10002 MAGGIO 2008 Euphorbia x lomi e suoi ibridi in vaso Requisiti R. Zizzo e A. Ferraro Ente Nazionale di Ricerca per la certificazione e la standardizzazione ENR - Riproduzione vietata.

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

IL PETROLIO DI CASA NOSTRA

IL PETROLIO DI CASA NOSTRA IL PETROLIO DI CASA NOSTRA Le fonti dienergiadabiomassasono costituite dalle sostanze di origine animale e vegetale, non fossili, che possono essere usate come combustibili per la produzione di energia.

Dettagli

Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia

Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia Intervento di Ferdinando Brachetti Peretti Amministratore Delegato gruppo api

Dettagli