brevetti a suo carico nella lavorazione di processi industriali da biomasse mette a disposizione il suo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "brevetti a suo carico nella lavorazione di processi industriali da biomasse mette a disposizione il suo"

Transcript

1 Presentazione dell azienda Future Green srl L azienda Future Green srl attraverso un esperienza decennale dei soci è attiva nel settore della valorizzazione delle risorse ambientali e nel settore dei rifiuti urbani. Detentrice di brevetti a suo carico nella lavorazione di processi industriali da biomasse mette a disposizione il suo know-how, le sue esperienze professionali, gli esperti di settore, la competenza e l affidabilità, nonché la ricerca e l innovazione di nuovi sistemi di produzione tecnologica e industriale ed offre a tutti coloro che fossero interessati a conoscere il suo progetto industriale di lavorazione delle biomasse e produzione di energia elettrica e termica, con l opportunità per la prima volta in tale settore, di certificare la materia prima di provenienza e di prodotto da biomassa. Si tratta di un reale progetto di Green Economy, in cui l investimento nel settore ambientale e delle energie è assolutamente proporzionale al business e rientra nei parametri di Green Economy pura. Il progetto si concentra su processi industriali che partendo dall innovazione nelle lavorazioni delle biomasse (processi di piro-gassificazione 1 ), al fine di produrre energia, realizzano processi di filiera corta 1 Processo chimico che permette di convertire materiale ricco in carbonio, quale il carbone, il petrolio, o le biomasse, in monossido di carbonio, idrogeno e altri composti gassosi; avviene a temperature elevate. E un metodo per ottenere energia da differenti tipi di materiali organici e trova anche applicazione nel trattamento termico dei rifiuti.

2 attraverso l introduzione di un brevetto di coltivazione arborea: denominata Paulownia in vitro clone 112. E una pianta questa, selezionata geneticamente per propagazione in vitro o micropropagazione 2, dalle caratteristiche eccezionali, date dal rapido accrescimento della pianta in soli quattro anni: la stessa raggiunge diametri pari a circa 30cm e altezze pari a circa 12m. realizzando un vero e proprio bosco in un ettaro di coltivazione, e al taglio una rapida capacità di ripartenza della stessa per almeno tre cicli di produzione in anni. Altrettanto interessanti sono le qualità del suo legno che saranno elencate in seguito; la produzione di tale legno può essere utilizzata in vari settori merceologici ed industriali di riferimento quali: le industrie del mobile, in tutti i settori della bioedilizia, fabbricazione di strumenti musicali, imbarcazioni, tavole da surf, e per ultimo molto pregiato per la costruzione di bare, ecc. Al latere delle centrali a biomassa l azienda sarà in grado di stoccare il proprio legno e realizzare lavorazioni di cippato e pellet. Attori e protagonisti di tale progetto sono gli imprenditori agricoli che investendo nell opportunità di coltivare Paulownia clone in vitro 112 e sorretti da garanzia fideiussoria rilasciata dalla stessa società nel ciclo dei 3 tagli, avranno la possibilità di ottenere un ricavo pari a euro ad ettaro. Anche in questa occasione di business si soddisfa il principio di Green Economy per il mondo agricolo in quanto: a) Il processo di filiera corta 3 prevede il produttore e l utilizzatore della biomassa e del legno in aree geograficamente ristrette e rientranti nei parametri indicati dall ultimo bando nazionale per il finanziamento di impianti da energia rinnovabile; 2 Tecnica di propagazione vegetativa, effettuata in sterilità, che consente di moltiplicare velocemente e in grande quantità le specie vegetali. 3 Filiera produttiva caratterizzata da un numero limitato e circoscritto di passaggi produttivi, e in particolare di intermediazioni commerciali, che possono portare anche al contatto diretto tra il produttore e il consumatore. Lo scopo principale di tale filiera è contenere e ridurre i costi al consumo dei prodotti.

3 b) Si produce energia rinnovabile, rispettando l ecosistema ed altresì le emissioni in atmosfera per il trasporto del materiale; c) Si incrementa il patrimonio forestale nazionale; d) Senza OGM 4 e con foglie larghe che consentono di essere un acceleratore delle fasi di fotosintesi clorofilliana, assorbendo maggiore anidride carbonica e rilasciando maggior ossigenazione in atmosfera; e) Il suo apparato fittonante 5 consente un maggior controllo dei rischi idrogeologici insiti nel nostro territorio nazionale. I campi saranno guidati da esperti, agronomi e forestali, che a spese dell azienda e nei tempi prestabiliti, porteranno la produzione del legno verso standard di lavorazione e commercializzazione elevata. L albero per la metà del suo tronco fino a 6-7 metri di altezza produrrà materia prima di categoria A per le industrie di lavorazione del legno; per la restante parte dell albero l utilizzo è destinato all alimentazione delle centrali della filiera, produzione di cippato e pellet. Da considerarsi l elevato potere calorifico e la bassissima umidità (al di sotto del 30% al taglio) concentrata nel legno, che sin dal taglio consentiranno la lavorazione immediata del legname e la rapida efficienza nella produzione. Per gli imprenditori agricoli e per la grave crisi che attanaglia il settore, la diversificazione delle colture diviene un utile strumento di business attraverso la coltivazione di Paulownia clone in vitro 112. Il prodotto è oltremodo sorretto da garanzia fideiussoria per il ritiro garantito del campo pronto e interamente finanziato dall Istituto Banca di Credito Cooperativo di San Giovanni Rotondo, partner anch essa dell azienda, mentre per tutto il territorio nazionale si sta trasferendo 4 Organismi geneticamente modificati. Anche definiti organismi transgenici. Si tratta di piante che hanno un patrimonio genetico artificiale ottenuto in laboratorio. 5 Si presenta come un grosso corpo cilindrico a carattere legnoso che scende verticalmente dal fusto della pianta, assicurando ancoraggio e stabilità alla pianta, oltre al normale scopo di trasporto delle sostanze nutritive al corpo emerso del vegetale.

4 quanto già realizzato, mettendo a disposizione il prodotto finanziario seguendo man mano lo sviluppo in altre province. Nella seconda fase del Progetto verranno realizzati i Poli del Legno, in collaborazione con imprenditori, Enti Locali, forze ed organizzazioni interessate. Tra i principi e le finalità che hanno dato origine al progetto, in primis, rientrano quelli ambientalistici: realizzando piccoli boschi si fornisce un contributo vero e sostanziale alla lotta contro il disboscamento delle aree parco e forestali del nostro Pianeta. Basti pensare all uso improprio delle riserve, per coltivazioni di piante energetiche o per utilizzo illegittimo del legno. Da oggi si possono controllare con maggiore attenzione i fumi emessi dalle centrali nell atmosfera. Quelle dell azienda sono dotate di sistemi altamente sofisticati e garanti per il controllo degli stessi, di gran lunga al di sotto dei minimi di emissione imposti dalla Normativa Europea, nonché la garanzia che il prodotto di alimentazione della centrale ha rispetto al passato, cioè Paulownia clone in vitro 112 potrà essere qualificato, garantito nelle quantità e certificato come materia prima di alimentazione costante delle centrali. Ciò ad innovazione ed antitesi delle pratiche in uso per l alimentazione delle tradizionali centrali di produzione di energia. Per tali motivazioni uno dei più grandi movimenti ecologistici europei FARE AMBIENTE NAZIONALE 6 ha condiviso il suddetto progetto per le attenzioni rivolte all ambiente. Inoltre il progetto è condiviso da: 6 Movimento Ecologista Europeo nato dall iniziativa di un gruppo di docenti universitari, esperti in politica e gestione dell ambiente, insieme a molti giovani, lavoratori, professionisti, imprenditori, cittadini, che hanno deciso di unirsi per contrastare una metodologia anacronistica per tutelare l ambiente e l ecosistema.

5 Università locali ed europee della Facoltà di Agraria; Confindustria Foggia; Giovani industriali del Mezzogiorno; Istituto bancario BCC di San Giovanni Rotondo; Confederazioni di categoria del settore agricolo; Albo agronomi e forestali;

6 Il Politecnico di Milano; Università Cattolica Sacro Cuore sede di Piacenza e Cremona. Grazie all accreditamento presso il dipartimento di Agraria della Cattolica Sacro Cuore l azienda è stata rappresentata alla Bio Energy 2013, fiera cremonese tra le più prestigiose nel panorama delle rinnovabili. Lo stand è stato visitato anche dal Presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento europeo, On. Paolo de Castro, oltre che dal Dottor Guidi, Presidente nazionale di Confagricoltura. Se la sede legale è a Torremaggiore, quella operativa è a San Paolo di Civitate dove i lavori sulle colture vengono svolti con la collaborazione di Marcello Amoroso, agronomo e vice coordinatore provinciale dell Associazione Fare Ambiente. Paulownia clone in vitro 112 Il clone e le sue potenzialità A partire da Marzo 2013 verranno piantati gli alberi da un clone nato nel 72 nei laboratori di ricerca dell Università di Barcellona; il clone è brevettato in Spagna ma il processo industriale è italiano, con la collaborazione dell Università di Agraria di Foggia, con le sperimentazioni legate al progetto Star*Agroenergy 7, tutte le associazioni di categoria al fine di estenderlo su tutto il territorio nazionale ed internazionale (motivo della mia collaborazione e interesse al progetto) in collaborazione con gli albi degli agronomi ed il ministero, sede in cui il progetto è già stato presentato lo scorso inverno, anche l Argentina è seriamente intenzionata a collaborare con il suddetto. Il presente è un processo industriale che non brucia come le vecchie centrali a biomassa; detenuto dalla stessa Future Green srl con emissioni zero dalla centrale perché viene introdotta 7 Progetto europeo nato con l obiettivo di realizzare una metodologia di riconciliazione fra la produzione energetica, gli ecosistemi ecologici e il patrimonio culturale delle aree rurali più importanti del Sud Europa.

7 materia prima certificata. Questo processo permette, con gli sfridi dell albero, di alimentare la centrale con materia prima certificata abolendo le emissioni. Con la lavorazione dei residui vegetali della pianta si alimentano le centrali a biomassa e si produce energia termica. Tale centrale produce con 1 MW elettrico e 1 MW termico: Energia elettrica in maniera precisa; Cubetti in vetro-cemento per l edilizia perchè tutte le sostanze anzichè carbonizzarle le riutilizza. Per gli industriali, la grande risorsa della Paulownia sta nella certificazione della materia e nell utilizzo del termico. Come utilizza il termico? Attraverso gli sfridi della pianta: Utilizza la materia prima; Aiuta a risolvere il problema del calore attraverso il pellet della Paulownia. In punta a sei metri alla pianta si taglia quando l 80% del campo ha raggiunto, nei primi quattro anni, 28/30 cm di diametro. Paulownia, inoltre, attraverso il potere termico della centrale, può realizzare pellet (rarissimo) oltre a produrre il vetro. Tutto ciò che viene recuperato (cippato, pellet) è destinato al mercato dell energia. Esso è anche un legno che può essere adoperato al posto del Teak 8 ma con un costo molto inferiore e si presta molto bene alla lavorazione essendo un legno polivalente e leggero, è 8 E un genere di albero tropicale a legno duro, contenente una resina oleosa naturale che lo rende estremamente resistente.

8 infatti chiamato Alluminio del legno. Basti pensare alla leggerezza di questo legno, con un peso medio pari a 275 kg/m³, paragonabile al sughero, ma con caratteristiche di resistenza molto elevate. Questo eccellente rapporto resistenza-peso, unito alla facilità di lavorazione, ha dato modo di soprannominare questa essenza come su indicato. Non è una specie invasiva perché i semi sono stati resi sterili, non avendo frutti ma solo boccioli non ha altri effetti, non è un seme. Le origini della Paulownia Paulownia, un albero conosciuto anche con il nome di Albero della Principessa, compare in Europa agli inizi del 1800, importato dalla Compagnia delle Indie Orientali 9. Nel 1972 è cominciato lo studio in laboratorio per migliorarne la qualità, selezionando le varietà al fine di ottenere una tipologia, con elevate rese per la produzione di un materiale ideale per l industria del legno e biomassa. del legno. Il materiale ricavato è conosciuto nell industria del legno e del mobile come Alluminio Per Alluminio del legno si intendono le seguenti principali caratteristiche: 1. Resistenza alla torsione, contrazione ed in genere deformazione; 2. Essenza dura; 3. Leggerezza (30% in media più leggero di qualsiasi altro tipo paragonabile); 4. Mancanza di nodi per oltre il 70% del tronco; 5. Colore chiaro; 9 Grandi compagnie di navigazione privilegiate detentrici, nei confronti dei propri connazionali, dell esclusivo diritto di navigazione e commercio, sulla base di patenti concesse dalle autorità nazionali.

9 6. Potere calorifico: 19520kj/kg; categoria A ; 7. Il tronco si può utilizzare per l industria del mobile, trattandosi di legno di 8. Resistenza all azione del tempo. Con le sue proprietà di granulazione fine è un albero dal legno eccezionale per travi, produzione mobili d arredo, compensato, case prefabbricate, pannelli interni per le costruzioni, legno da cantiere, ecc. La pianta si rigenera dalla radice per minimo altri 2 cicli, raggiungendo la maturità del legname quindi ancora al 6 ed al 9 anno; ottenendo dunque 3 tagli in 9 anni. Alla fine del ciclo viene rimossa dal terreno la parte interrata da cui partono le radici. Miglioramento dell ambiente La Well Forestry Worldwide-Carbon Emission ha riconosciuto la Paulownia clone in vitro 112 come miglior assorbitore di anidride carbonica, restituendo ossigeno all atmosfera, dichiarandola pianta per il futuro dell umanità, grazie alle sue proprietà di sviluppo e rigenerazione. Tutto questo perché nelle richieste di mercato compare un fabbisogno sempre più crescente di legno e biomasse, la Paulownia 112 diventa la soluzione per produrle, senza intaccare l esistente patrimonio forestale. Stime sulla disponibilità di terreni coltivati in maniera residuale in Puglia, consentono di individuare i terreni dove più proficuo sarebbe convertire il piano di coltura a fini energetici. Il segreto? Fare in modo che impianti per la produzione di energia siano di piccola taglia ed autosufficienti, quanto all approvvigionamento di materia da termovalorizzare 10 secondo il principio della cosiddetta filiera corta. 10 Produrre calore attraverso il riciclaggio dei rifiuti.

10 Piano di lavoro La Paulownia 112 può essere messa a dimora in qualsiasi tipo di terreno, anche incolto. Non sono indicati terreni paludosi o con molta acqua. Dopo l impianto (Marzo-Maggio) occorre acqua almeno in zone aride (6-9 mc/settimana/ettaro), e pochissimo concime a base di azoto (150 unità/ettaro). Dopo 6-8 mesi dall impianto si effettua il taglio del primo pollone. Il materiale di risulta dal taglio (polloni di altezza 2,5m e diametro 6cm) è ritirato dalla stessa ditta. In questo periodo, evitiamo che il terreno si riempia di piante infestanti, in zone aride viene somministrata acqua (6-9 mc/settimana/ettaro) nel periodo caldo. Ama una leggera innaffiatura iniziale ed un leggero contributo irriguo durante il suo ciclo vitale (90mc./anno), se alloggia in zone torride. Si consiglia la collocazione della piantina a distanza di 4m, quindi n.600 piante ad ettaro. Un albero viene piantato a 26 settimane di vita. Si raccomanda la posa a dimora nel periodo da Settembre a Maggio. Esso inoltre non necessita di trattamenti fitosanitari 11. Taglio di ripartenza (6-8 mesi) 11 Attenta e scrupolosa osservazione degli esemplari arborei per individuare l eventuale presenza di parassiti; teso alla salvaguardia della salute delle piante.

11 La coltivazione di Paulownia 112 necessita di un primo taglio dalla base dopo 6 mesi di vita, perché questa operazione permette la crescita e lo sviluppo del tronco con poca ramificazione, facendolo crescere perfettamente dritto per minimo 5 metri, favorendo la produzione di legname di tipo A. Il taglio totale può cominciare dopo tre anni con la produttività massima. Misure attese dalla pianta nel ciclo di vita considerato: Nel primo anno di vita della pianta definitiva (6-8 mesi + 1 anno dall impianto), essa cresce già ad un altezza ideale per la produzione di legno per industria, formando un tronco di altezza 4-5m, un diametro 8-10cm, privo di nodi. Nel secondo anno di vita, la pianta definitiva arriva ad un altezza di 6-8 m e un diametro di 16-20cm. Nei periodi caldi, in zone aride, si somministra acqua (6-9mc/settimana/ettaro). Vengono tagliati eventuali rami cresciuti sotto i 6 metri facendo il possibile per evitare che il terreno si riempia di piante infestanti. Nel terzo anno di vita (dopo il taglio tecnico), la pianta definitiva arriva ad un altezza di 10-12cm e un diametro di cm. Al terzo anno, dopo il taglio, la radice riproduce un nuovo pollone che verrà tagliato dopo 3 anni e così fino al 9 anno.

12 Il suo tronco è ideale per l industria, per la ridotta conicità, e comporta, quindi, pochissimo sfrido per la realizzazione di tavolame, travi, manufatti, ecc. A queste condizioni, il prodotto risulta essere pronto per il taglio. La Paulownia può accrescere in concomitanza con altre colture, soprattutto piantagioni basse, meglio se leguminose. Paulownia diventa, quindi, per gli agricoltori una grande occasione di business, un nuovo modo di fare agricoltura. Piano d affare Questo tipo di albero, geneticamente selezionato, è acquistabile esclusivamente da Future Green srl che detiene l esclusiva del marchio registro ed il controllo della produzione. La pianta è fornita con certificato di garanzia di origine e passaporto europeo. La società Future Green srl curerà il taglio ed il ritiro del prodotto pronto ad ogni step. Nel contratto di fornitura delle piantine è prevista la sostituzione delle stesse in caso di moria non dovuta a negligenza dell acquirente. Il prezzo ed il ritiro del materiale sono a totale carico della società Future Green srl.; il materiale ricavato dalla società è costituito da tronchi di legno per uso industriale in Classe A, mentre le ramaglie e gli scarti sono utilizzati come combustibile. mezzi di raccolta. La pianta può piantarsi a 5-6m (interfilare) e consentire agevolmente il passaggio di grossi Le finalità del progetto L obiettivo è di portata industriale; non si confida perciò nella mera vendita di piantine, bensì si punta, almeno, a raggiungere due obiettivi principali:

13 1. Agro-energia; 2. Biomasse; industriale; 3. Costruire una filiera che lavori sulla base di un progetto tecnologico e 4. Creare queste piantagioni al fine di produrre energia elettrica. L azienda si orienta verso due proiezioni: Partenariato; Realizzazione di impianti di Paulownia per il soddisfacimento delle centrali a biomassa. Ma anche l Università di Foggia mobilita gli stati generali con il progetto STAR*AgroECONOMY che prova a far dialogare tutto ciò che ruota attorno alle energie rinnovabili e lo fa con il secondo forum per ufficializzare la costituzione della rete dei soggetti interessati, le voci che possono contribuire a orientare in senso favorevole lo sviluppo del settore delle bioenergie. Coordinati dal prof. Massimo Monteleone di Agraria,

14 coordinatore scientifico del progetto, rappresentanti dell E.N.E.A. 12, dei ministri dello Sviluppo economico e delle Politiche agricole, docenti di altre università, ambientalisti, imprenditori, hanno descritto gli scenari possibili per le agro-energie. Inizia la seconda fase delle rinnovabili dove il convegno: Opportunità di Finanziamento e Nuova Agricoltura per il secondo forum del progetto europeo STAR*AgroEnergy di giovedì 6 Dicembre 2012 vede sala gremita di agricoltori e progettisti fino ad arrivare a chi propone tipologie di colture dedicate alla produzione di energia come ad esempio la Future Green srl, società di Torremaggiore (Fg). La general manager Dott.ssa Simona Rosito era nell auditorium della Biblioteca Provinciale proprio per raccogliere contatti e proporre la coltivazione della Paulownia. La giovane manager esplica l intesa che vede la firma anche della Coldiretti 13, Confagricoltura 14 e CIA e si potrà arrivare a breve anche ad un protocollo d intesa con l Università di Foggia. Occasione, questa, per compiere un investimento produttivo su risorse ambientali anche se può sembrare velleitario e pretenzioso, in questo momento di grave crisi planetaria un proposito così ambizioso, nato in una delle zone più disagiate, ma si possiede la certezza scientifica, i 12 Comitato nazionale per la ricerca e lo sviluppo dell Energia Nucleare e delle Energie Alternative. 13 Confederazione nazionale dei coltivatori diretti. 14 Associazione di categoria che opera per la sicurezza alimentare e la salvaguardia dell ambiente.

15 presupposti economici, la capacità imprenditoriale ed il giusto entusiasmo per ritenere la strada percorribile e gli obiettivi realizzabili. Questo il Progetto in estrema sintesi, avendo però la certezza di aver individuato un vero Sistema di sviluppo economico, realizzabile in tutta Italia e, perché no, esportabile dovunque, con chiari e fermi obiettivi e presupposti di salvaguardia ambientale, di crescita economica all interno di precisi principi ambientalmente sostenibili.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

ogni giorno in prima linea

ogni giorno in prima linea Servizio itosanitario Emilia-Romagna ogni giorno in prima linea proteggere le coltivazioni, le alberature, i parchi e le aree verdi dell'emilia-romagna da organismi nocivi fornire un supporto specialistico

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Costruire con la canapa in ITALIA

Costruire con la canapa in ITALIA Costruire con la canapa in ITALIA OLVER ZACCANTI anab architetturanaturale officinadelbuoncostruire@yahoo.it Costruire con la canapa in Italia pannelli in fibra di canapa per isolamenti Pareti divisorie

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

V A D E M E C U M Energia dal legno

V A D E M E C U M Energia dal legno V A D E M E C U M Energia dal legno Ordinazioni: Energia legno Svizzera 6670 Avegno Tel. 091 796 36 03 Fax 091 796 36 04 info@energia-legno.ch www.energia-legno.ch Holzenergie Schweiz Neugasse 6, 8005

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un COME FUNZIONA UN ALBERO di Mario Carminati e Massimo Ranghetti La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un albero è che si tratta di un essere vivente, proprio come noi. È un fatto scontato, certo,

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

129-130 Basilicata Regione Notizie

129-130 Basilicata Regione Notizie 129-130 Basilicata Regione Notizie Guardia Perticara, paesaggio (Foto di Leonardo Nella - Archivio Total) 164 Sviluppo agro-energetico Benefici economici e ambientali contro la crisi delle risorse fossili

Dettagli

Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili.

Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili. Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili. I rifiuti: un problema di grande attualità. SCUOLA PRIMARIA VITTORIO VENETO DI CALCI [Calci aprile 2010] Lavoro svolto dalle Classi V A e

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese

Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese PRIMA GIORNATA CIA IN EXPO Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese 5 maggio 2015 AUDITORIUM DI PALAZZO ITALIA PADIGLIONE ITALIA EXPO MILANO 2015 Cia è main partner del parco della biodiversità

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RIFERIMENTI NORMATIVI Produzione e vendita di compost: Legge n. 748/1984 sui fertilizzanti modificata dal D. L. 217 del 29.04.06 e successive modifiche Allegato IIA del Reg. CE 2092/91 (per chi pratica

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Solare Pannelli solari termici

Solare Pannelli solari termici Solare Pannelli solari termici Il Sole: fonte inesauribile... e gratuita Il sole, fonte energetica primaria e origine di tutti gli elementi naturali, fonte indiscussa dell energia pulita, libera, eterna,

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. Questa è la visione di Solcrafte per il futuro. La tendenza in aumento ininterrotto, dei

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli