PIANO DELLA PERFORMANCE 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DELLA PERFORMANCE 2014"

Transcript

1 dei Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI DI GIUSTIZIA PIANO DELLA PERFORMANCE

2 Sommario Cosa facciamo : dalla missione agli obiettivi strutturali... 3 DAG e gli altri Dipartimenti... 6 DAG: dalle priorità politiche agli obiettivi strategici... 7 DAG: dagli obiettivi strategici agli obiettivi operativi....7 DAG: in dati ALLEGATI Gli obiettivi operativi declinati in azioni per ciascun Ufficio 2

3 Cosa facciamo: dalla missione agli obiettivi strutturali la riorganizzazione del Ministero della Giustizia formalizzata con il D.P.R. 55/01 ha visto il Dicastero ripensarsi in Dipartimenti ognuno focalizzato su specifiche competenze. In DPR rifinisce lo scheletro organizzativo già tracciato dal D.lgs. 300/99, art. 16 c.3 lettera a, esplicitando le compet enze assegnate in aree funzionali ed at tribuendo la competenza come di seguito esposto: Uffici del Capo Dipartimento funzioni con nesse alla f ormazione del bi lancio di prev isione, della legge f inanziaria e della legge di assestamento di bilancio, alla direzione della Biblioteca centrale giuridica e della Biblioteca del Ministero pubblicazione delle leggi e de gli al tri provvedi menti norm ativi e non normati vi nell a Gazzetta Uf ficiale del la Repu bblica it aliana ed al l'inserzione n ella Raccolt a u fficiale degli atti normativi della Repubblica, vigilanza sull' amministrazione degl i arch ivi n otarili ch e, ai sen si del l'articolo 1 d ella legge 17 maggio 1952, n. 629, ha ordinamento e gestione finanziaria separati. Direzione generale della giustizia civile acquisizione ed elaborazione di materiale nel settore civile questioni con cernenti l' applicazione delle leggi e de i re golamenti in mat eria civ ile e relative alla cittadinanza relazioni internazionali in materia civile e in particolare attività preparatori a all'elaborazione di convenzioni internazionali adempimenti relativi alla esecuzione delle convenzioni di collaborazione giudiziaria internazionale gratuito patrocinio, notificazioni e rogatorie civili da e per l'estero proroga dei termini in caso di irregolare funzionamento degli uffici giudiziari vigilanza e controllo sul recupero delle pene pecuniarie e delle spese di giustizia e sulla gestione dei depositi giudiziari, vigilanza e controllo sui corpi di reato servizi di cancelleria e relativi quesiti vigilanza ed indirizzo amministrativo sui servizi relativi alla giustizia civile, esame delle istanze e dei ricorsi e rapporti con l'ispettorato generale del Ministero spese di giustizia straordinarie servizio elettorale procedimenti per il recupero di somme dovute da funzionari dell'ordine giudiziario libri tavolari proventi di cancelleria, tasse di bollo e registri riconoscimento ed esec uzione di s entenze straniere ed altri atti formati all'estero in materia civile vigilanza sull'istituto internazionale di studi giuridici, vigilanza sugli ordini professionali segreteria del Consiglio nazionale forense e degli altri Consigli nazionali vigilanza sui notai, sui Consigli notarili, sulla Cassa nazionale del notariato e sulla relativa commissione amministratrice 3

4 questioni con cernenti l' applicazione del le leggi e de i r egolamenti su l n otariato, sull'avvocatura e sugli altri ordini professionali, ivi compresi i concorsi e gli esami vigilanza e con trollo su lle con servatorie de i r egistri immobiliari, su l P ubblico regist ro automobilistico e sugli istituti vendite giudiziarie Direzione generale della giustizia penale acquisizione ed elaborazione di materiale nel settore penale e criminologico vigilanza sui serv izi re lativi a lla g iustizia pen ale, esame del le ist anze e dei r icorsi e rapporti con l'ispettorato generale del Min istero, prepar azione di r apporti e r elazioni per incontri nazionali ed internazionali nel settore penale attività di cooperazione internazionale attiva e passiva in materia penale istruzione delle pratiche concernenti i prov vedimenti in materia penale di competenza del M inistro; relaz ioni internazionali in ma teria pen ale e in pa rticolare st udio preparatorio ed elaborazione delle convenzioni internazionali rapporti con l'unione europea e con l'organizzazione delle Nazioni Unite e le altre sedi internazionali per la prevenzione ed il controllo del delitto procedura istruttoria delle domande di grazia; gestione, organizzazione generale, coordinamento, vigilanza e control lo sul funzionamento del casel lario centrale e de i casellari giudiziali; produzione di cer tificati del Casellario giudiziale competenza ad esam inare i cod ici di co mportamento redatti dall e associazi oni rappresentative degli enti, ai sensi del D. Lgs. 231/01 rilevazioni s tatistiche al f ine di v alutare l' impatto socio- giuridico di alcune legg i e la consistenza di alcuni fenomeni di rilevanza penale. Direzione generale del contenzioso e dei diritti umani contenzioso nel quale è interessato il Ministero, salvo quello riguardante le mat erie di specifica competenza di altri dipartimenti contenzioso relativo ai diritti umani in materia civile e penale ricorsi individuali proposti contro lo Stato avanti la Corte europea dei diritti dell'uomo procedure relat ive al l'osservanza di obblig hi in ternazionali av enti ad ogget to la protezione dei diritti dell'uomo adeguamento del diritto interno alle previsioni degli strumenti internazionali in materia di diritti umani contenzioso in materia di responsabilità civile dei magistrati traduzione di leggi e atti stranieri Come processo a cascata il DM 23 ottobre 2001, integrato dalle successive modifiche, ha ulteriormente affinato il disegno organizzativo del Dipartimento stabilendo, nell ambito di ciascu na dell e D irezioni Gen erali, le com petenze degli Uf fici d irigenziali d i secon da fascia. La struttura risulta pertanto essere quella esposta nell organigramma che segue. Inoltre, nell ottica dell impegno ad assu mere un modello direzionale per obiet tivi come richiamato dal D.lgs. 286/1999 e D.lgs. 1 50/2009, i n tale rappresentazione sono evidenziati anche i punti di snodo conoscitivo posti a livello di Capo Dipartimento centro di responsabilità amministrativa -, dei Direttori Generali centri di costo e dei direttor i degli uffici. 4

5 Organigramma Dipartimento Affari di giustizia Vice Capo Capo Dipartimento Affari di Giustizia Centro responsabilità Ufficio 1 Ufficio 2 Ufficio 3 Snodo informativo Direzione Generale Giustizia Civile Direzione Generale Contenzioso e Diritti Umani Direzione Generale Giustizia Penale Ufficio 1 Ufficio 1 Ufficio 2 Ufficio 1 Ufficio 2 Ufficio 2 Centro costo 1 livello Ufficio 3 Ufficio 3 Casellario 5

6 DAG e gli altri Dipartimenti L interazione t ra i l D ag e gl i alt ri D ipartimenti appare n ella con nessione t ra aree d i intervento, DAG -> DG M e DAG-> DAP, ed a ssume i connotati di direttive e/o segnalazioni sulla base delle det erminazioni della Corte Europea dei d iritti dell Uomo o di Organismi Internazionali operanti in tale settore. DAG DGM DAP I rapport i t ra D AG e DOG, in part icolare con gli Uf fici giu diziari t erritoriali, son o più pregnanti. Il DAG infatti fornisce indicazioni, emana circolari e soprattutto assegna i fondi necessari affinchè gli Uffici giudiziari siano in grado di fare fronte ad alcuni esborsi originati da: contenzioso per responsabilità civile magistrati; spese per la legge Pinto relativa all indennizzo nell ipotesi di eccessiva durata del processo; spese per intercettazioni; spese di giustizia; rete giudiziaria europea, dove i rappresentanti nazionali fanno da collegamento in materia civile e penale, tra autorità straniere ed uffici giudiziari; cooperazione internazionale, in particolare in materia penale ( estradizioni, rogatorie, trasferimento di persone condannate, ecc.) sono maggiori i contatti con gli Uffici periferici; Casellario centrale, la cui banca dati viene alimentata delle annotazioni effettuate dagli Uffici periferici. DAG DOG La questione assume particolar e rilevanza ai fine dell esame degli stanziament i assegnati al DAG e r isulterà evidente nel paragrafo dedicato all analisi de lle r isorse economico finanziarie. 6

7 DAG: dalle priorità politiche agli obiettivi strategici Alla missione del D ipartimento, ossia la sfera di competenze che contraddistinguono l operato in termi ni di atti vità-servizi-prodotti, si affian cano altre sfide rappr esentate dalle priorità politiche individuate di anno in anno dal M inistro che, in particolare per i l DAG, per l anno 2014, sono: 2- cooperazione internazionale 3-Valorizzazione delle r isorse umane: ricognizio ne, v alutazione e rimodu lazione dei carich i di lavoro di ciascuna unità organizzativa. Benessere organizzativo. 7- Promozione di iniziative tese alla semplificazione del funzionamento 8- Attuazione del programma di definizione degli standard di qualità dei servizi 9 Applicazione puntuale delle disposizioni in materia di trasparenza 10-Semplificazione de gli st rumenti di acc esso dei cittadini e de lle a ltre P ubbliche Amministrazioni ai servizi resi dagli uffici 11-Perseguimento di mi gliori livelli di effi cienza, efficacia ed economicità dell az ione amministrativa, 12-Tempestiva utilizzazione de lle risorse finanziarie disponibili per ridurre il debito e riduzione dei tempi di pagamento dell amministrazione nei confronti dei pr ivati, nonché la ridu zione dei tempi di pagamento; DAG: dagli obiettivi strategici agli obiettivi operativi Gli obiettivi strategici del Ministro, sopra evidenziati, sono stati poi tradotti in obiettivi operativi per gli Uffici del Capo Dipartimento e per quelli delle Direzioni Generali Uffici del Capo Dipartimento - obiettivi strategico 2: cooperazione internazionale - obiettivi operativi : predisposizione di una agenda di incontri preparatori e di coordinamento in vista dell attività del semestre europeo di presidenza italiana; - obiettivi strategico 3: valorizzazione delle risorse umane - obiettivi operativi : individuazione ed av vio su u ffici campion e di idonee procedure di monitoraggio del benessere organizzativo; - obiettivi strategico 8 e 9: att uazione del programma di definizione degl i standard di qualità dei servizi e applicazione delle disposizioni in materia di trasparenza - obiettivi operativi : sviluppo dell attività intrapresa nel 2013 per il monitoraggio de lla soddisfazione dell utenza della B iblioteca C entrale Giuridica ( BCG) ed in dividuazione di u lteriori serv izi d el Dipartimento da poter usare co me campio ne per il monitoraggio dei bisogni e della soddisfazione dell utenza; predisposizione di un programma di audit per la puntuale appl icazione della normativa sulla trasparenza; 7

8 -obiettivi strategi co 11: perseguimento di mi gliori li velli di effi cienza, efficacia ed economicità - obiettivi operativi : prosecuzione del proget to X leges, in accordo con la Presidenza del C onsigli dei M inistri, Senato e Camera, per l inoltro telematico degli atti normativi; prosecuzione del progetto con il Poligrafico dello Stato finalizzato ad anticipare ulteriormente - rispetto al primo pomeriggio - l immissione on-line della Gazzetta Ufficiale; elaborazione di protocolli d intesa con Enti ed Amministrazioni che dialogano con l ufficio 3 Gazzetta Ufficiale - per il contenimento delle comunicazioni in formato cartaceo; implementazione e sperim entazione della piatta forma informatica, già in uso presso la Scuola Superiore della PA, a supporto del controllo di gestione; attivazione programma informatico istanze personale via web. Completamento del nuovo minisito web della Biblioteca (BCG) e valorizzazione dei servizi online ; Prosecuzione di Corsi di formazione rivolti agli utenti della Biblioteca; Incremento dell attività di fornitura documenti per l utenza istituzionale della BCG, via posta elettronica; Programma di protocollo che preveda l interoperabilità. Direzione Generale Giustizia Civile - obiettivi strategico 2: cooperazione internazionale - obiettivi operativi : A fini di conoscenza, di coordinamento ed u niformità di orientamenti da adottar e i n vista del prossimo periodo di Presidenza italiana, or ganizzazione di riunioni del Comitato di diritto civile del Consiglio della U.E. Intensificazione dei rapporti con la Rete giudiziaria europea, con particolare riguard o all attività di formazio ne relativa al progetto GAIUS, anche in vista dell incremento della doman da di f ormazione, paralle la all aumento degli st rumenti di cooperazione giudiziaria. - obiettivi strategico 7: Promozione di iniziative tese alla semplificazione del funzionamento - obiettivi operativi : Costituzione di un uf ficio studi che abbi a come area di intervento le spese di giustizia occupandosi delle prob lematiche connesse c he vanno dallo st udi dei quesiti, alle risposte, alla predisp osizione di spazi de dicati sul sito, al monitoraggio ed allo studio di eventuali modifiche normative. - obiettivi strategico 10 Semplificazione degli strumenti di accesso dei cittadini e delle altre Pubbliche Amministrazioni ai servizi resi dagli uffici obiettivi op erativi : in dividuazione ed adoz ione di solu zioni organ izzative, in particolare legate a ll informatica, per la sem plificazione nella gest ione dell attività con nessa al set tore notarile, a l ricon oscimento t itoli prof essionali ed al se ttore media zione. In part icolare i n questo ambito di attività la progettazione di soluzioni informatiche sarebbe a v antaggio non solo dell utenza ma anche di altre Amministrazioni. Direzione Generale Contenzioso e Diritti Umani - obiet tivi strategico 10 e 12: sempl ificazione degli s trumenti di accesso dei c ittadini e tempestività nell utilizzo delle risorse - obiettivi operativi : per il set tore relativo alla Legge Pinto n. 89/09 si rende utile uno studio di fattibilità per un programma informatico per carica re in modo uniforme i dati delle so mme da c orrispondere in relaz ione ai t itoli di con danna, in oltre i l sist ema in con divisione con l Amministrazione 8

9 Centrale, pu ò essere disegnato af finché le in formazioni gìà inserite su gli i mporti da corrispondere possano interagi re con SICOGE così da ve locizzare le pro cedure di pagamento. Per la parte relativa alle sentenze di ottemperanza TAR, al fine di ridurre il rischio di duplicazioni n ei pagamen ti, è n ecessaria la creazione di un progra mma che realizzi una banca dati fruibile a livello centrale e periferico. Un progetto quest ultimo che prevede il coinvolgimento del ME F-Ragioneria Gen erale dello Stato e della Banca d Italia e che pertanto nella fase iniziale sarà contraddistinto da incontri conoscitivi e preparatori. Direzione Generale Giustizia Penale -obiettivi strategico 2: cooperazione internazionale - obiettivi operativi: mantenimento degli standard qu alitativi e qu antitativi n ella rappresentanza e difesa degl i interessi It aliani a l ivello in ternazionale an che in v ista del semest re it aliano di P residenza UE; predisposizione di accordi in materia di cooperazione giudiziaria. - obiettivi strategico 10: semplificazione degli strumenti di accesso dei cittadini - obiettivi operativi: consultazione diretta del sistema informativo del Casellario da parte delle PPAA e dei gestori di servizi pubblici. Procedura automatizzata di comunicazione diretta, dei nominativi dei soggetti deceduti, da parte dei Comuni al sistema informativo del Casellario; realizzazione di un portale di servizi al cittadino, che co nsenta di richiedere ed ottenere i certificati on line; DAG: in dati Gli uffici 2 Uffici di livello dirigenziale di vertice 3 Uffici di livello dirigenziale generale 11 Uffici di livello dirigenziale di seconda fascia Le risorse umane al 31/12/ dirigenti di prima fascia 9 dirigenti di seconda fascia 288 unità di personale non dirigenziale Tassi medi di presenza ( dati anno 2013) Ufficio 1 Ufficio2 Ufficio 3 CD 71, ,8 DGGC 75,4 70,3 74,7 DGGP 75 71,2 78 DGCDU 66,2 76,9 Non esiste 9

10 Le risorse economico finanziarie La nota integrativa a l bilancio d el M inistero della Giustizia 2014/2016, nella sezione relativa ai fondi destinati al Centro di responsabilità Dipartimento degli Affari di Giustizia, stanzia fo ndi che per mettono di perseguire obiettivi portati a compi mento in vi a non esclusiva d al D ipartimento. P ertanto la st ruttura sost iene dei cost i diret ti per la propri a operatività che sono quelli indicati a budget, poi per raggi ungere gli obiettivi si avvale di quanto st anziato che u tilizzerà in parte in modo diret to ed in parte, girando i fondi necessari agli Uffici giudiziari. 10

11 Obiettivi nota integrativa al bilancio priorità politiche anno 2014 Voci di spesa del bilancio di previsione Valorizzazione delle risorse umane; 7- Promozione di iniziative tese alla semplificazione del funzionamento; 8-Attuazione del programma di definizione degli standard di qualità dei servizi resi al cittadino; 9-Applicazione puntuale delle disposizioni in materia di trasparenza; spese giustizia indennità giud pace, onorari, ecc spese intercettazioni costi personale FUNZIONAMENTO - NI OBIETTIVO Semplificazione degli strumenti di accesso dei cittadini e delle altre Pubbliche Amministrazioni ai servizi resi dagli uffici ; 11-Perseguimento di migliori livelli di efficienza, efficacia ed economicità dell azione amministrativa;. 12-Tempestiva utilizzazione delle risorse finanziarie disponibili per ridurre il debito dell amministrazione nei confronti dei privati, nonché la riduzione dei tempi di pagamento; costi manutenzione BCG spese informatiche spese per beni e servizi TOTALE

12 missioni COOPERAZIONE INTERNAZIONALE - NI OBIETTIVO CONTENZIOSO - NI OBIETTIVO Cooperazione internazionale; 12-Tempestiva utilizzazione delle risorse finanziarie disponibili per ridurre il debito dell amministrazione nei confronti dei privati, nonché la riduzione dei tempi di pagamento; oneri ratifiche convenzioni quota parte spese giustizia TOTALE spese per liti ed arbitraggi equa riparazione TOTALE

13 DAG - BILANCIO 2014 ripartizione costi per destinazione spese giustizia 45% spese per indennità giudici di pace ed onorari 17% spese per intercettazioni 21% spese per il personale 2% spese per il contenzioso 6% altri oneri di gestione 9% TOTALE DAG bilancio 2014 ripartizione costi per destinazione 21% 2% 6% 9% 17% 45% spese giustizia 45% spese per indennità giudici di pace ed onorari 17% spese per intercettazioni 21% spese per il personale 2% spese per il contenzioso 6% 13

14 ALLEGATI: OBIETTIVI OPERATIVI Uffici del Capo Dipartimento Ufficio 1 PRIORITA' POLITICA n. 2 - cooperazione internazionale DESCRIZIONE DEL PROGETTO: promozione degli incontri endodipartimentali ed adozione di nuovi modu li organ izzativi per la migl iore p rogrammazione ed ef ficacia del la partecipazione italiana alle attività in ambito UE e per il semestre italiano di Presidenza. OBIETTIVO: 8 incontri. PRIORITA' POLITICA n. 9 - disposizioni in materia di trasparenza DESCRIZIONE DEL PROGETTO: predisposizione di un programm a di audit per la puntuale applicazione della normativa sulla trasparenza OBIETTIVO: predisposizione di uno scadenzario e di procedure di monitoraggio che verifichino la pu ntuale pu bblicazione del le informazioni re lative al Di partimento che sono soggette ad obbligo di pubblicazione sul sito ufficiale. PRIORITA' POLITICA: n. 3 valorizzazione risorse umane ;n. 7- Promozione di iniziative tese al la s emplificazione del f unzionamento ; n. 10- Sempl ificazione degl i strumenti di accesso dei cittadini e delle altre Pubbliche Amministrazioni ai servizi resi dagli uffici ; n.11- Perseguimento di mi gliori li velli di effi cienza, efficacia ed economicità dell azion e amministrativa. DESCRIZIONE DEL PROGETTO: implem entazione e sperimentazione della piattaform a informatica, già in uso presso la Scuola Superiore della PA, a supporto del controllo di gestione OBIETTIVO: avvio del programma entro giugno DESCRIZIONE DEL PROGETTO: Programma di prot ocollo a i fini dell interoperabilità. La nuova appli cazione prev ede l acquisizione e l a prot ocollazione in man iera au tomatizzata d i tutto quan to ri cevuto per posta el ettronica certi ficata, o vviando così a ll attuale prassi, della stampa dei documenti pervenuti con tale mezzo. I l sistema renderebbe più rapid a l acquisizione degl i at ti perv enuti v ia pos ta elet tronica cert ificata da alt re P ubbliche Amministrazioni, da En ti priv ati e da sin goli cittadini, e agevolerebbe l interoperabilità con le altre articolazioni del Ministero evitando duplicazioni nella protocollazione. L adozione del nuovo software andrebbe anche a fa cilitare la reali zzazione degli obi ettivi delle Direzioni Generali della Giustizia Civile e de l Contenzioso e D iritti Umani riducendo i t empi di lavorazione e semplificando l iter procedurale attualmente seguito. La funzione di certificazione dell invio e/o della ricezione di un documento da parte del Dipartimento, compito principale del Registro di Protocollo, verrebbe notevolmente accresciuta dalla po ssibilità di ricerca di testo libero cons entite dalla nuova procedura che semp lificherà, anche nei co nfronti dei ci ttadini e delle altre amministrazioni, l accesso alle informazioni c ontenute nel corpo docu mento, e n on soltanto nei campi predef initi come accade oggi. Sarebbe opportuno avviare il nuovo soft ware con u n dat a-base vuot o, e conti nuare ad uti lizzare l attuale procedura esclusivamente per le ricerche, in maniera tale da evitare operazioni di migrazione dei dati che, alla luce di analoghe esperienze, oltre ad e ssere di spendiose dal punto di vista ec onomico, comportano un alto grado di ris chio ed u n notevole allungamento dei t empi per l effettivo utilizzo del programma. Al contrario, partendo con una base dat i v uota, l installazione del software potrebbe essere immediata ed il personale sarebbe in grado di operare sulla procedura dopo un rapido corso di aggiornamento. OBIETTIVO: riduzione dei tempi di protocollazione di oltre il 40%. Ufficio 2 PRIORITA' POLITICA n. 8 - Attuaz ione del programma di definizione degli standard di qualità dei servizi res i al cit tadino,(..) r ilevazione dei b isogni della generalità degli utenti e del grado di soddisfazione dei servizi resi dall amministrazione 14

15 FINALITA : rilevazione del grad o di sodd isfazione de i servi zi resi dal la Bi blioteca Centr ale Giuridica. DESCRIZIONE DEL PROGET TO: Predisposizione, secondo qua nto previsto dalla Carta dei Servizi, di un so ndaggio vol to a verificare il gr ado di s oddisfazione de ll utenza per i ser vizi erogati da lla Bib lioteca. L obiettivo sarà perse guito con il supporto dell Università degli Studi Roma3 con la quale è stata sottoscritta ne l corso del 2013 una Convenzione finalizzata a rapporti di stage con gli studenti dell Ateneo. OBIETTIVO: acquisizione dati statistici ed eventuale relazione finale. PRIORITA' POLITICA 11: perseguimento di mig economicità liori liv elli d i efficienza, ef ficacia e d FINALITA : gestione delle istanze del personale DAG via web. DESCRIZIONE DEL PROGET TO: si intende avviare la sperimentazione del progetto su una copia della base dati del person ale D AG. Si r ichiederà, al res ponsabile ministeriale de l programma WTime, di mettere a disposizione, del gruppo di lavoro del progetto istanze web presso la DGSIA, u na rep lica d ei dat i de l person ale D AG. Si r ichiederà n el con tempo l a creazione di un server virtuale ( presso il C ED Baldu ina ) per la sperimen tazione dell inserimento delle istanze del personale s u tale database, fa cendo riserva di comunicare i nominativi del personale che parteciperà alla sperimentazione OBIETTIVO: avvio sperimentazione entro il FINALITA : minisito web della Biblioteca (BCG) DESCRIZIONE DEL PROGETTO: la revisione r ealizzata nel 2013 prevede la pubb licazione della nuova release nel Si provvederà al co stante aggiornamento dei contenuti, de lla manutenzione e de i s ervizi offerti. In part icolare si in tende pot enziare il ser vizio chiedi a l ibliotecario ed il serv izio di alert ing v ia garan tito all utenza ist ituzionale sull e pubblicazioni recenti. OBIETTIVO: pubblicazione nuova versione minisito web. FINALITA : Corsi di formazione rivolti agli utenti della Biblioteca (BCG). DESCRIZIONE DEL PROGETTO: i corsi sono finalizzati ad approfondire la conoscenza e l uso degli st rumenti per la ricerca in a mbito giu ridico e s i a rticoleranno n ei modu li: 1) Ricerch e bibliografiche, studi e a pprofondimenti in biblioteca e sul web e 2) Ricerche di leg islazione e giurisprudenza. L a ttività formati va ol tre a pr oseguire p revede un incremento delle ore di lezione fino ad un total e di n. 60, ol tre all aumento del numero massimo de i partecipanti per ciascun modulo. Si potrebbe conseguire un ulteriore miglioramento della organizzazione e della logistica del Corso se si riuscisse ad acquisire una strumentazione di supporto più adeguata. OBIETTIVO: incremento ore lezione e partecipanti. FINALITA : Incremento dell attività di fornitura documenti per l utenza istituzionale della BCG, via posta elettronica DESCRIZIONE DEL PROGETTO: Il serv izio di f ornitura di indici per posta elettronica agli utenti iscritti della Biblioteca (circa 70 riviste giurid iche, 406 spedizioni effettuate e sempre nel documenti spediti) ha riscosso un discreto successo e ciò induce a prevedere un incremento nel Perta nto sarà nece ssario effettuare un co stante monitoraggio dell andamento della d omanda per verif icare se necessario sostenere l attività con altro personale, a garanzia del mantenimento dell alto standard di servizio già perseguito. OBIETTIVO: veri fica dell incremento della domanda e del man tenimento dell a qu alità del servizio. OBIETTIVI DI FUNZIONAMENTO FINALITA : Incremento del data base dei termini giuridici del Nuovo Soggettario della BCG; DESCRIZIONE DEL PROGETTO: L attività, che si avvale di una Convenzione con la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, proseguirà in col laborazione c on il gru ppo di lavoro 15

16 interministeriale. P er ciascu n t ermine nu ovo viene sv olto un lav oro di st udio su diz ionari e repertori s pecialistici; con testualmente è man utenuto ed implem entato l archivio loca le de i soggetti ed è svol ta attività di assistenza ai cat alogatori del Polo giuridico attraverso incontri, produzione di linee guida, formazione a distanza. OBIETTIVO: mantenere lo standard di lavoro regi strato nel 2013, 35 term ini proposti su Thesaurus accessibili on line e circa nuovi termini inseriti nell archivio locale. FINALITA : Incremento dell Archivio digitale dei discorsi inaugurali degli anni giudiziari(bcg). DESCRIZIONE DEL PROGETTO: l attività, intrapresa nel biennio , ed accessibile open access sul sito web della Corte Suprema di Ca ssazione, prevede di incrementare la documentazione dispon ibile at traverso la d igitalizzazione del le Re lazioni inaugurali degl i an ni giudiziari pr odotte dall e C orti reg ionali d i C assazione di T orino, F irenze, N apoli e P alermo, a partire da ll Unità d Italia fino al (data dell a loro a bolizione). Per il 2014 si prevede la predisposizione di quanto necess ario al rec upero di t ale document azione. L a prima f ase consisterà n ell allestimento di u n cat alogo contenente i dat i b ibliografici del le Re lazioni, corredato dalle rispettive localizzazioni sul territorio. Terminata l a ricogn izione in iziale, saranno at tivati i con tatti con le bi blioteche, per proceder e all effettivo recupero dei docu menti non posseduti, da acquis ire in f ormato dig itale, che verranno s uccessivamente trasfer iti al CED della Cassazi one pe r la messa a disposiz ione in rete. OBIETTIVO: acquisizione di un patrimonio stimabile in 150/250 pubblicazioni. Ufficio 3 - Gazzetta ufficiale PRIORITA' POLITICA n. 11: perseguimento di migliori livelli di effici enza, effi cacia ed economicità FINALITA E DES CRIZIONE DEL PROGETTO: il proget to X leges consiste la t rasmissione telematica degli at ti n ormativi. L attività, che prev ede i l coin volgimento della Presidenza del Consiglio d ei M inistri, del Sen ato e del la C amera dei Deputati, cercherà di superare alcune criticità emerse n el qu adro dell a pien a at tuazione dell e procedu re di t rasmissione t elematica, secondo le raccomandazioni formulate dal Governo in materia di e-governament. OBIETTIVO: stesura di un protocollo ed avvio della fase sperimentale. FINALITA E DESCRIZIONE DEL PROGETTO: L ufficio si propone di accentuare l efficienza e la qu alità del serv izi sotto i div ersi prof ili d ella t empestività e del la con formità del t esto pubblicato. Pertanto, aff inando gli accordi con il P oligrafico dello St ato, si in tende ant icipare l immissione on line della Gazzetta Ufficiale rispetto alle attuali 17/18 p.m. Per la conformità, ci si prefigge di ridurre ulteriormente gli errata corrige. OBIETTIVO: anticipare la pubblicazione della G.U. on li ne i n modo da renderl a conoscibi le prima degli attuali tempi. Riduzione del margine di errore, nelle pubblicaz ioni, r ispetto al 2013 e r ispetto alla serie storica. FINALITA E DESCRIZIONE DEL PROGETTO: pot enziamento dell efficienza e del la semplificazione delle procedure attraverso la creazion e di una rete oltre che con le amministrazioni pubbliche, anche con i cittadini, implementando l uso dei presidi tecnologici nei sistemi di comunicazione. I risultati attesi consistono in una diminuzione degli accessi telefonici ed altre forme di comunicazione che comportano interruzione dell attività interna dell ufficio. Sensibilizzazione degli en ti in teressati, af finché sia esclu sa la pu bblicazione i ntegrale sull a Gazzetta Uf ficiale degli at ti già pu bblicati su i sit i ist ituzionali, pot endosi addiv enire alla pubblicazione su lla Gaz zetta di un semplice ed un ico comu nicato con tenente il r iferimento puntuale della data dell avvenut a pubblicazione dei medesimi sul sito dell Amministrazione emanante. In questo modo si darebbe attuazione del dettato normativo del D.Lgs. 69/09. OBIETTIVO: riduzione delle doppie pubblicazioni stimata intorno al 30%. 16

17 Direzione Generale Contenzioso e Diritti Umani PRIORITA' POLITICA n.10 e 12 semplificazione degli strumenti di accesso dei cittadini e tempestività nell utilizzo delle risorse DEFINIZIONE OBIETTIVO: semplificazione delle procedure con programmazione di opportuni software DESCRIZIONE DEL PROGETTO: per il settore relativo alla Legge Pinto n. 89/09 si rende utile uno st udio di fatti bilità per un programma info rmatico per caricar e in modo uniforme i dati delle som me da cor rispondere in re lazione ai t itoli di condanna, i noltre il si stema i n condivisione con l Amministrazione Centrale, può essere disegn ato affinché le in formazioni gìà inserite sugli importi d a corrisp ondere possano interagire con SI COGE così da velocizzare le procedure di pagamento. Per la parte relativa alle sentenze di ottemperanza TAR e per i pignoramenti, al fine di ridurre il rischio di d uplicazioni nei pagamenti, è necessario uno studio di f attibilità per un programma che rappresenti una banca dati fruibile a livello centrale e periferico. Questo progetto prevede il coinvolgimento de l M EF-Ragioneria Generale de llo St ato e del la Banca d Italia, con una fase iniziale sarà contraddistinta da incontri conoscitivi e preparatori. 17

18 Direzione Generale Giustizia Penale Ufficio 1 PRIORITA' POLITICA n. 2 - cooperazione internazionale DESCRIZIONE DEL PROGETTO: analisi delle attività svolte dagli organismi sovranazionali ed internazionali operan ti in mat eria pen ale; selez ione deg li argo menti di maggi or ri lievo e priorità per gli in teressi n azionali, predisposiz ione di una agenda di in terventi i n grado di massimizzare i risultati a risors e decrescenti, anche in cons iderazione d el se mestre d i Presidenza italiana che vedrà l ufficio coinvolto come P residente o Capo delegazione in diversi gruppi di lavoro in materia penale. Predisposizione degli interventi necessari a riferire in mer ito al Rapporto di valut azione OCSE 2011 in materia di corruzione internazionale. OBIETTIVO: mantenimento dei livelli di partecipazione qualificata ad incontri internazionali di rilevanza nazionale. Ufficio 2 PRIORITA' POLITICA n. 2 - cooperazione internazionale DESCRIZIONE DEL PROGETTO: part ecipazione in rappresen tanza dell Italia all o st udio ed esame de lle problema tiche giurid iche ed a lla redazion e di norme pattizie multilaterali e bilaterali, a nche n elle sedi istituzionali in ternazionali, qu ali Un ione E uropea, C onsiglio d Europa, ONU, OCSE; studio e predisposiz ione di accord i bilaterali di cooperazione giudiziaria penale. OBIETTIVO: incontri con il Ministero degli Affari Esteri, le rappresentanze diplomatiche; predisposizione di bozze di accordi. Ratifica degli accordi con la Serbia e la Bosnia. Ufficio 3 Casellario PRIORITA' POLITICA n semplificazione degli strumenti di accesso dei cittadini e delle pubbliche amministrazioni ai servizi resi dagli uffici. DEFINIZIONE OBIE TTIVO: co nsultazione di retta del sistema in formativo del casellario da parte delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi. FINALITA': scopo del progetto è garantire alle pubb liche ammin istrazioni ed ai gest ori d i pubblici servizi la poss ibilità di effettuare le v erifiche ed i controlli necessari nell'espletamento delle propr ie at tività, acceden do alle informazioni di cui necessitano tramite un collegamento diretto a lla banca dat i del case llario. F inora l' accesso al le in formazioni è garan tito at traverso apposite richieste di certificati agli uffici del casellario presso le Procure. DESCRIZIONE DEL PROGET TO: il prog etto da' at tuazione al l'art. 39 del T.U. del casel lario giudiziale, prevedendo la creazion e di un sistema di acces so alla banca dati del c asellario (cd. sistema CERPA), al fine di consenti re al le ammi nistrazioni pubbliche ed ai gestori di pubblici servizi l acquisizione diretta dei cert ificati del casellario giudiziale e de ll anagrafe delle sanzioni amministrative dipendenti da re ato, nel rispetto della ris ervatezza d ei dati e garantendo al contempo massimi livelli di sicurezza. Nel corso d el 2013 s i è provveduto a stipulare la prima convenzione con l'autorità di vig ilanza sui lav ori pu bblici ed a sperimen tare la procedu ra con il M inistero del l'interno- D ipartimento per le libertà civili relativamente alla procedura di concessione della cittadinanza. TEMPI: la consultazione diretta della banca dati del casellario da parte delle amministrazioni si attuerà gradualmente, tramite un sistema di co nvenzioni con le am ministrazioni in teressate. Nel corso del 2014 verrà stipulata la convenzion e con l'associazione Nazionale dei Comuni Italiani, per tutte le esigenze certificative dei comuni italiani ; OBIETTIVO: percentuale dei certificati richiesti tramite CERPA sul totale dei certificati richiesti dalle pubbliche amministrazioni stimato nella misura del 15%. DEFINIZIONE OBIETTIVO: prenotazione e rilascio del certificato del casellario on line FINALITA': il progetto si propone di dare la possi bilità ai priv ati di pren otare on lin e il certificato del casellario, quello dei carichi pendenti, e le v isure, provvedendo poi al r itiro degli stessi presso lo sport ello de ll'ufficio del casel lario compet ente. L o svilu ppo del progetto sarà 18

19 tuttavia i l rilascio on line degl i st essi cert ificati, ma i tempi d i ques ta seconda fase non sono programmabili a causa della necessità di un i ntervento norma tivo che r egolamenti il pagamento on line dei bolli e diritt i di certif icato ( finora la re golamentazione rigu arda esclusivamente il processo civile telematico). DESCRIZIONE DEL PROGET TO: verrà creato sul sito del Min istero della Giu stizia un lin k ai servizi on line del casel lario, attraverso cui il cittadino potrà inserire i propri dat i personali ed inoltrare la prenotazione del certificato all'ufficio del casellario presso cui andrà a ritirarlo. TEMPI: il progetto era st ato in serito n el pia no del 201 3, dif ficoltà t ecniche ed organ izzative verificatesi, permettera nno la sperim entazione dell applicativo n el corso del mese di m arzo 2014 con il casellario di Roma, e successivamente sarà messo in esercizio a livello nazionale per la parte relativa alla prenotazione OBIETTIVO: percentuale dei certificati prenotati on line sul totale dei certificati richiesti dai privati stimato nella misura del 20%. DEFINIZIONE OBIE TTIVO: pr ocedura automati zzata di co municazione di retta dei soggetti deceduti dai Comuni al sistema informativo del casellario centrale (SIC). FINALITA': scopo del proget to è di elim inare le comu nicazioni car tacee relat ive ai sogget ti deceduti, effettuate dai Comuni agli uffici locali competenti per data di nasci ta, consentendo ai Comuni di in oltrare dir ettamente le in formazioni al sist ema in formativo del casel lario, ai f ini dell aggiornamento della banca dati. DESCRIZIONE DEL PROGETTO: l' art. 20 del T.U. del case llario prev ede l a creaz ione di un'apposita procedura informatizzata, per la gestione delle comunicazioni dei soggetti deceduti dai C omuni al SIC, all' esito del la quale v engono elim inate automatica mente da lla banca d ati del casellario le iscrizioni relative ai soggetti deceduti. Nel corso del la procedura è stata positivamente sperimentata con il Comune di Milano, e si è provveduto ad acquisire i pareri del Garante per la protezione dei dati personali e dell'agenzia per l'italia dig itale sul decret o dirigenziale previsto dall'art. 20 del T.U. del casellario. TEMPI: a marzo verr à pubblicato il decreto dirigenziale e successivamente il progetto andrà a regime con una attivazione graduale, sulla base delle richieste provenienti dai comuni. OBIETTIVO: percentuale delle comunicazioni automatizzate dei soggetti deceduti da parte dei Comuni sul totale delle comunicazioni stimato nel 30%. 19

20 Direzione Generale Giustizia Civile Ufficio 1 PRIORITA' POLITICA n. 7 - p romozione di iniziative t ese al la semp lificazione del funzionamento di al cuni settori parti colarmente delica ti (specie in materia di spese di giustizia DESCRIZIONE DEL PROGETTO FINALITA : in dividuazione del più con sono model lo organizzativo finalizzato alla costituzione di un ufficio stud i inteso come, un area comune, un team working permanente all interno del qu ale le numerose e comp lesse problematiche poste dagli uffici giudiziari vengono affrontate tramite confronto continuo tra il personale addetto al servizio. T ale r iorganizzazione port erebbe, in oltre, a lla t endenziale po lifunzionalità d el personale stesso e quindi alla capacità di sovraintendere qualsiasi materia superando le settorializzazioni di competenze e conoscenze. Si programma di collaborare con il responsabile del si to istituzionale al fi ne di progettare un apposito spazio ove pu bblicare le circolari e le risposte ai questi pi ù freque nti i n modo da pu bblicizzare l e det erminazioni assu nte dall amministrazione su particolari problematiche relative alle spese di giustizia ed ai servizi di cancelleria. L atti vità dell ufficio sarà snellit a con l adozione del s istema d i protocollo che prevede l interoperabilità. Si conta di i ndividuare, con una cooperazi one tra il personale responsabile delle spese di giustizia ed il person ale informatico, dei repor t sui dati di spesa (fa bbisogni, consuntivi, ecc.) che oggi v engono acqu isiti pr esso i f unzionari de legati per l e spe se di g iustizia in man iera cartacea. Tale so luzione permet terebbe l acquisizione in formatica dei dat i con un a ridu zione, semplificazione ed acce lerazione degli adempiment i al m omento condotti compilando report in forma cartacea. Il monitoraggio de lle spese di giustizia svolto in questo modo renderebbe più agevole rispondere alla previs ione normativ a che prevede che l Ammin istrazione della giustizia, entro i l 30 giugno di ogni anno, presen ti alle camere, una relazione sullo stato delle spese di giustizia che comprend e anche un mo nitoraggio delle s pese relat ive al semes tre precedente. Oltre agli interventi s opra descritti, l ufficio pr oseguirà l attività di st udio f inalizzata al la predisposizione di proposte di modifiche legislative volte sia all armonizzazione del le disposizioni n ormative e rego lamentari di c ui al T esto Un ico del le spese di giu stizia, sia all elaborazione, nell a mbito de l processo di spending-review, di proposte di modifiche normative dirette alla razionalizzazione ed al contenimento delle spese di giustizia. Proseguirà inoltre l attività volta a rendere pi enamente operativa la Convenzione stipulata con Equitalia S.p.A. per il recupero de lle spese pr ocessuali e delle pene pecuniarie di cui al D.P.R. 115/02. OBIETTIVO: creazione ed alimentazione di una pagina web sul sito istituzionale contenente le domande formulate con maggior frequenza (FAQ) sulle spese di giustizia. Informatizzazione della reportistica sulle spese di giustizia. Proposte di modifiche legislative per razionalizzare e contenere le spese di giustizia. ufficio 2 PRIORITA' POLITICA n. 2 - cooperazione internazionale DESCRIZIONE DEL PROGETTO: Programmazione ed organi zzazione del le ri unioni del Comitato di di ritto ci vile del Co nsiglio de lla U.E. In part icolare, an che in v ista del prossi mo periodo di Presidenza italiana, col laborazione con le alt re art icolazioni di qu esto M inistero (Ufficio Legislat ivo, UCAI, Ga binetto, D.O.G.) per assi curare un p ieno coordinamento dei diversi gruppi di lavoro e dei delegat i ai tavo li tecnic i, attravers o un costa nte scambi o d i informazioni e docum entazione, nonché ag giornamento - a nche trami te riuni oni - d ella posizione italiana nei negoziati in corso. Intensificazione dell a collaborazione con le au torità giu diziarie nazionali p er mon itorare l effettiva applicazione degli st rumenti comunitari esistenti, anche tramite l attività dei pu nti di contatto italiani della R ete gi udiziaria europea nonché att raverso pi ù frequenti rapporti con i formatori europei, una rete di esperti nata con il progetto GAIUS. 20

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA

Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale -

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

ATTI DEL SEMINARIO Semplicità, innovazione e risparmio nella gestione dell assistenza domiciliare: il caso Domiphone (a cura di Accor Services)

ATTI DEL SEMINARIO Semplicità, innovazione e risparmio nella gestione dell assistenza domiciliare: il caso Domiphone (a cura di Accor Services) Sala Toscanini Palazzo delle Stelline Milano 19 aprile ore 10.00 13.00 ATTI DEL SEMINARIO Semplicità, innovazione e risparmio nella gestione dell assistenza domiciliare: il caso Domiphone (a cura di Accor

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

C O M U N E.Di FO R M TA

C O M U N E.Di FO R M TA C O M U N E.Di FO R M TA P r o v in c ia di L a t in a SETTO RE : POLIZIA LOCALE E SERVIZI SOCIALI SERVIZIO : UFFICIO SCUOLA e d i r i t t o a l l o s t u d i o 1 2 FEB. 2015 N. 3 o D e t e r m in a z

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 352*(77$=,21(','$77,&$ 3UHVHQWD]LRQH: Consolidiamo la conoscenza dei numeri naturali, decimali e interi relativi, dei procedimenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov. Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.it Proposta n. 3560 del 03/08/2015 RIFERIMENTI CONTABILI Anno bilancio

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

PROGRAMMA. ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014

PROGRAMMA. ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014 PROGRAMMA ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014 Avv. Renato Botrugno - Avvocato in Roma La normativa prevista dalla legge

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PO 7. 3 G estione del progetto Formativo C o p i a n C o n s e g n a t a / u p lo a d A : C N C q

PROCEDURA OPERATIVA PO 7. 3 G estione del progetto Formativo C o p i a n C o n s e g n a t a / u p lo a d A : C N C q Pag. 1/7 Indice 1.Scopo e campo di applicazione... 2 2.Responsabilità... 2 3. Modalità operative... 2 3.1 Pianificazione della progettazione e dello sviluppo... 2 3.2 Elementi in ingresso alla progettazione

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la vigente normativa in materia, applicabile all'imposta Comunale sugli Immobili e richiamata nel presente atto, AVVISA il contribuente, Coce Fiscale, residente in - (

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Direzione Regionale delle Marche Ufficio Gestione Tributi Ancona, 22 marzo 2013 Ai Comuni della Regione Marche LORO SEDI e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Reg. Uff. n. 7446 - All. n. 1 OGGETTO: Codice

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

GLI SPECIALISTI NELLA PROTEZIONE CONTRO FULMINI E SOVRATENSIONI I PIONIERI NELLA PROTEZIONE UN AMPIA GAMMA DI SOLUZIONI SOLUZIONI INTEGRALI

GLI SPECIALISTI NELLA PROTEZIONE CONTRO FULMINI E SOVRATENSIONI I PIONIERI NELLA PROTEZIONE UN AMPIA GAMMA DI SOLUZIONI SOLUZIONI INTEGRALI PROTEZIONE CONTRO I FULMINI E LE Cirprotec PROTEZIONE ESTERNA Gli specialisti nella Protezione contro Fulmini e Sovratensioni Gamma completa di sis temi per la pr otezione esterna contro i fulmini: Parafulmini

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese.

Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 245 del 19 ottobre 2012 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA Si rende noto che è indetta una procedura selettiva per individuare un soggetto idoneo a ricoprire la posizione di Informatore/trice

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE IL DIRETTORE CENTRALE Visto l articolo 47 comma 1, del decreto legge 24 aprile 2014, n.

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli