Informambiente. via Vlacovich, Padova. Tel Fax IL PARCO CHE VORREI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informambiente. via Vlacovich, 4 35126 Padova. Tel. 049 8022488. Fax. 049 8022492 IL PARCO CHE VORREI"

Transcript

1 Informambiente via Vlacovich, Padova Tel Fax IL PARCO CHE VORREI progetto di coinvolgimento attivo dei bambini nella riqualificazione del verde urbano SCHEDE DEGLI ALBERI

2 GLI ALBERI Foglie: tipi di foglie Foglie semplici e composte delle latifoglie

3 Le piante latifoglie possono presentare due tipologie principali di foglie: quelle semplici e quelle composte. Le prime sono costituite da un unico lembo, eventualmente lobato, con margini continui o seghettati; le seconde da un numero variabile di foglioline, disposte ai lati di un asse centrale detto rachide (pennate, nell'immagine), o a raggiera intorno all'estremità del picciolo (palmate). Nelle foglie composte, il rachide equivale alla nervatura centrale di quelle semplici e le nervature principali delle foglioline alle loro nervature secondarie. Disposizione delle foglie lungo il fusto Il modo in cui le foglie delle piante crescono lungo il fusto è estremamente vario: il criterio seguito è quello della massima efficienza nella cattura dei raggi solari: la disposizione (fillotassi) risulta sempre tale che le foglie più alte non facciano ombra a quelle sottostanti.

4 Il Fiore Le infiorescenze più comuni Le infiorescenze sono l insieme di più fiori ecco le più comuni: Il racemo, un asse principale che si allunga e forma, lateralmente e a intervalli regolari, fiori peduncolati; l'ombrella, un asse principale ingrossato all'apice, da cui partono a raggio peduncoli uguali chiamati raggi dell'ombrella; il corimbo, un asse principale su cui si inseriscono peduncoli fiorali tanto più lunghi quanto più vicini alla base, in modo che i fiori siano disposti tutti alla stessa altezza; il capolino, fiori sessili che si inseriscono sull'estremità, assai dilatata, dell'asse principale che assume forma conica (il capolino è ad es. l infiorescenza della margherita!); la spiga, simile al racemo, ma con fiori sessili; casi particolari di spiga sono: l'amento, in cui l'asse principale è flessibile e la spadice, in cui l'asse è carnoso e accompagnato a volte da una grande brattea, detta "spata".

5 Acero Campestre - Acer campestre Altezza - non supera i 20 metri di altezza, chioma densa e regolarmente espansa in tutte le direzioni Foglie - foglie decidue, palmate, a 5 lobi arrotondati Fiori - fiori giallognoli portati in corimbi eretti,si sviluppano contemporaneamente allo sviluppo delle foglie Fioritura - i fiori sbocciano da fine aprile a maggio Frutti - il frutto è una samara con ali a 180 L'Acero campestre, originario dell'europa è spontaneo in tutta Italia e lo troviamo presente nei boschi, nelle macchie, in pianura, nelle colline sino ad una altezza di 1000 metri Impieghi e curiosità Specie ornamentale utilizzata nei giardini e nei parchi (tollera bene le potature). Un tempo veniva usato per sostenere i filari di vite e ai bordi dei campi per la realizzazione di siepi. Il nome campestre trae origine proprio da questa particolare diffusione negli ambienti rurali.

6 Albero dei Tulipani - Liriodendron tulipifera Altezza - è un albero che può raggiungere i 35 metri di altezza. Foglie - Le foglie hanno quattro lobi, sono appiattite all apice e provviste di un lungo picciolo Fiori - i fiori sono vistosi, simili a quelli del tulipano; appaiono in giugno e sono molto profumati Frutti Il frutto è unico nel suo genere: viene chiamato samareto. Si tratta di un frutto multiplo costituito da piccoli frutticini alati di colore bruno. Corteccia - la corteccia è liscia ma si increspa con gli anni. Fioritura la comparsa dei fiori dalla caratteristica ed inconfondibile forma di tulipano, avviene nei mesi di maggio e giugno Proviene dall America settentrionale Impieghi Il Liriodendro viene usato come albero ornamentale soprattutto per la bellezza delle sue foglie. Curiosità Gli Indiani d America lo chiamavano il legno da canoa perché appunto utilizzavano i tronchi di quest albero per ricavarne le loro canoe: da un solo tronco dell albero dei tulipani si poteva ottenere una canoa in grado di portare 20 persone. La sua corteccia ha invece proprietà febbrifughe.

7 Alloro - Laurus nobilis Altezza è un piccolo albero sempreverde alto sino a venti metri con chioma densa e piramidale. Può raramente raggiungere anche i 20 m d'altezza Foglie -sono semplici, lanceolate con il margine ondulato, lunghe 5-10 cm di colore verde scuro, aromatiche quando vengono stropicciate Fiori - il fiore è giallastro Frutti - I frutti sono drupe nere di 1-2 cm simili ad olive. Corteccia - La corteccia è bruno-grigiastra, scura e liscia Fioritura - fiorisce tra marzo e aprile. E originario del Mediterraneo Impieghi Il suo legno, dolcemente profumato, è duro e lucidabile e viene usato per intarsio. Le foglie sono utilizzate in culinaria per aromatizzare i cibi. Dalle sue drupe si può produrre un olio (olio di Alloro) che un tempo si usava contro i reumatismi e che viene impiegato in profumeria e nella produzione di saponi. Spesso viene coltivato come ornamento per siepi dato che resiste bene alla potatura. Curiosità e leggende Nell'età classica l'alloro fu simbolo di sapienza e di gloria e i suoi rami intrecciati (la corona di alloro) venivano offerti per incoronare un poeta o un condottiero vittorioso. La corona di alloro si usa anche oggi come segno di raggiungimento di un titolo accademico ("Laurea") o di una vittoria sportiva. Secondo la mitologia romana Apollo, il dio del Sole, si innamorò di una splendida ninfa dei boschi di nome Dafne. La giovane per "sfuggirgli" durante un inseguimento, invocò la dea Diana, dea della caccia, la quale, per aiutarla, la trasformò in un albero. Apollo sconsolato prese alcune foglie e ne fece una corona che portò sempre vicino al cuore. Quell'albero era l'alloro. Nelle campagne veniva utilizzato per trarne previsioni sull'andamento dell'annata agraria. I contadini gettavano alcune foglie nel fuoco e se queste bruciavano senza rumore il raccolto sarebbe stato misero.

8 Bagolaro (Spaccasassi) - Celtis australis Altezza può raggiungere i 25 metri di altezza. La chioma è ampia, globosa, densa ma leggera, di colore verde chiaro Foglie - decidue, alterne ovato-lanceolate, con picciolo; il loro colore è verde intenso nella pagina superiore, verde-grigiastro e in quella inferiore. Le foglie sono caduche Fiori - fiori di entrambi i sessi sulla stessa pianta, giallastri, solitari o in gruppi Frutti - il frutto è una drupa piccola, ovata, dotata di peduncolo. La drupa è di colore giallo e poi, a maturazione, nero. Contiene un nocciolo assai duro. Corteccia - la corteccia è sottile, grigio chiaro e liscia Fioritura - fioritura a maggio Originaria del Bacino del Mediterraneo, è diffusa dalla Spagna meridionale fino al Caucaso e all'asia occidentale. In Italia è abbastanza comune fino ai metri s.l.m. Riesce a vivere anche in terreni sassosi, dove il robusto apparato radicale penetra nelle fessure delle rocce favorendone lo sgretolamento: da ciò deriva un altro nome volgare "spaccasassi". Impieghi e Curiosità Il suo legno bianco-grigiastro è duro e compatto, pesante ed elastico. Dà anche un ottimo legno da ardere e se ne può fare carbone. Per la sua elasticità è usato per la fabbricazione di fruste. La corteccia fornisce una tinta gialla. Il frutto, dalla polpa dolciastra, è commestibile. Molto impiegato nelle alberature dei viali, nei parchi (rapido accrescimento) e nei rimboschimenti in terreni sassosi e difficili.

9 Betulla Betula pendula E poco longeva (vive in media 100 anni circa). Resiste molto al freddo, esige piena luce. Altezza può arrivare ad un altezza dai 5 ai 25 m e il diametro del fusto può raggiungere 70 cm Foglie - caduche, verdi smeraldo, triangolari, con base arrotondata e margine a doppia dentatura. Hanno colore autunnale giallodorato e inserzione alterna; sono lunghe dai 3 ai 7 cm Fiori - maschili: amenti gialli e penduli, in gruppi dai 2 ai 4 elementi, lunghi 3 cm, all estremità dei germogli. I giovani amenti, di colore bruno-violaceo sono visibili per tutto l inverno. Fiori femminili: in grappoli di 6, pendono dai lunghi piccioli al di sotto dei fiori maschili; sono all inizio verdi, a forma di mazza, lunghi 1/ 1,5 cm, scuriscono e poi diventano penduli arrivando a 2/3 cm di lunghezza, lasciando sfuggire i piccoli frutti alati Frutti - le infruttescenze che derivano dall infiorescenza femminile contengono semi (acheni) glabri (senza peli) con due ali Corteccia - La betulla si presenta con un fusto elegante, eretto, con corteccia liscia bianco argentea. I rami giovani sono esili, sottili, incurvati, rosso bruni Fioritura Tra le prime piante a fiorire nella Pianura Padana Originario dell Europa e del Sud est asiatico Impieghi Il suo legno viene utilizzato per la fabbricazione di mobili, sci, timoni, scale a pioli, tavoli, sedie, zoccoli e mollette da bucato. Serve inoltre per produrre assicelle e compensati; costituisce anche un buon combustibile. Dalla corteccia, usata in antichità dai pellirosse per rivestire le canoe e dai lapponi per coprire le capanne, si ricava il catrame di betulla, buon disinfettante e antiparassitario, dal cui distillato si produce un olio ottimo per ingrassare il cuoio. Il carbone, ottenuto dalla combustione del legno e finemente polverizzato, ha un elevato potere assorbente e viene usato nella cura delle affezioni intestinali. Curiosità La betulla è simbolo di bellezza, ma anche di vita, di giovinezza e fecondità per i popoli nord europei. Rappresenta inoltre l'emblema del rinnovarsi della natura e del suo rivivere dopo la lunga morte invernale.

10 Carpino Nero - Ostrya carpinifolia Altezza - albero alto in media metri, con tronco diritto e regolare e chioma raccolta, allungata e leggermente conica Foglie - albero a foglie decidue. Le foglie di forma ovoidale-allungata sono acuminate all'apice doppiamente dentate lungo il margine e un po' incurvate su se stesse nel senso della lunghezza. Colore verde scuro-opaco Fiori - le infiorescenze maschili (amenti), sono pendule e lunghe 4-8 cm e riunite in gruppetti. Specie monoica. Le infiorescenze femminili (amenti) sono più corte e formate da brattee che si inseriscono sull'asse della infiorescenza sono lunghe 2-3 cm (vedi immagine del frutto) Frutti - piccoli acheni lisci e lucidi, racchiusi in una specie di vescichetta bianco-giallognola, membranosa (vedi immagine del frutto), derivante dalle primitive brattee dell'infiorescenza femminile che, dopo la fecondazione, si sono ripiegate fino a saldarsi l'una con l'altra. Corteccia - lronco lievemente costoluto alla base; corteccia bruno-grigia, prima liscia e poi superficialmente fessurata Fioritura - primaverile E' comune soprattutto lungo le pendici delle Alpi, quale componente tipico della vegetazione delle vallate riparate e calde. Vegeta rigoglioso sulle colline brulle o ricoperte da scarsa vegetazione e può scendere anche nelle zone più decisamente pianeggianti Impieghi e curiosità E impiegato soprattutto come pianta ornamentale. Il legno trova impiego soprattutto come combustibile e per la produzione di carbone; si presta anche per al fabbricazione di pezzi di macchine, attrezzi e oggetti di artigianato. E' una specie resistente alla siccità e dotata di ottima adattabilità alle diverse condizioni climatiche

11 Cedro Cedrus sp.pl Altezza - in natura il Cedro cresce tra i 1000 e 3000 metri raggiungendo altezze anche superiori ai quaranta metri Foglie - fogliame ad aghi di lunghezza variabile da 2 a 5 centimetri raccolti in ciuffetti su corti ramuli (brachiblasti) disposti lateralmente al ramo Fiori - tutte le specie di Cedro presentano fiori maschili e femminili, ma solo quelli maschili sono più evidenti specialmente nel periodo primaverile quando diffondono grandi nuvole giallastre di polline Frutti i coni che compaiono sui rami più alti hanno una forma ovoidale e colori dal verdeargento al bruno/viola. Corteccia - La corteccia, che negli esemplari più giovani si presenta liscia di colore grigio argenteo, con gli anni tende a fessurarsi creando piccole scaglie brune e grigio scuro Fioritura fiorisce in autunno E originario del bacino mediterraneo e dell Himalaya. Le tre specie più diffuse di Cedro nel nostro paese, per la velocità di crescita e l'adattabilità ai nostri climi sono il Cedro dell'atlante, il Cedro del Libano e il Cedro dell'himalaya. Impieghi e Curiosità Il Cedro è una della conifere più diffuse nel nostro paese sia per il suo aspetto altamente ornamentale che per la sua adattabilità alle varie condizioni climatiche. Il longevo e imponente cedro ha ispirato in ogni tradizione simboli di immortalità e di eternità; nell Antico Testamento è citato spesso per la sua robustezza ed il profumo intenso del suo legno. Nel passato il suo legno veniva considerato incorruttibile ovvero che non si degradava.

12 Cipresso - Cupressus sempervirens Altezza - l altezza media è di metri. La chioma è generalmente stretta con forma di colonna che termina a punta Foglie - le foglie, di colore verde scuro, sono piccole e simili a squame triangolari, così vicine che il rametto intorno al quale sono risulta completamente ricoperto Coni i coni maschili si trovano sulla punta dei rametti, sono verdastri e ovali, lunghi 3 mm. I coni femminili sono verdarsti e oleosi; dapprima sono di colore rosso bruno scuro, poi grigio pallido. Corteccia - la corteccia è grigio bruna, con fessure Fioritura - tra marzo e aprile E' un albero originario del Mediterraneo orientale; sembra che siano stati i Fenici ad introdurlo in Italia Impieghi Il Cipresso ha un legno duro, compatto, che non si deteriora facilmente, e dotato di un aroma intenso utile per tenere lontane le tarme. Viene utilizzato per mobili e lavori di artigianato. Dai rametti si estrae un olio dalle proprietà balsamiche (oleum cupressi) Curiosità Il Cipresso è sempre stato un albero importante per tutte le civiltà mediterranee. I medici greci prescrivevano ai malati di polmoni un soggiorno a Creta, sotto le chiome dei cipressi selvatici. Ha sempre avuto anche un'importanza rituale nel culto dei morti, una caratteristica questa che si è conservata in qualche modo fino ai giorni nostri.

13 Faggio - Fagus sylvatica cupola protegge uno o due acheni (detti faggiole) di colore bruno lucido. Altezza - è un albero che può raggiungere i 40 metri di altezza Foglie verdi lucide, semplici. Alla perdita delle foglie in autunno, la chioma è di colore giallo-rosso vivo. Fiori sono piccoli gialli (vedi a lato) Frutti - il frutto è a cupola chiusa con quattro valve coriacee ornate da aculei. La Corteccia - il tronco è regolare diritto e cilindrico, con rami grossi e corteccia liscia e grigia, spesso popolata da licheni Fioritura - fiorisce in aprile-maggio. Originario dell'europa e dell'asia occidentale, preferisce posti freschi di montagna, protetti dai venti. Curiosità e Impieghi Può vivere fino a 300 anni. Dal legno si ricava il creosoto, un medicinale per la cura delle malattie bronchiali.

14 Farnia - Quercus Robur Altezza - albero con fogliame deciduo alto fino a 30 metri con chioma da ovale a globosa spesso irregolare, molto ampia, di colore verde scuro, tronco diritto, robusto Foglie - foglie obovate, grandi con incisioni poco profonde Fiori - come in tutte le querce, i fiori maschili sono degli amenti giallastri, penduli, i femminili insignificanti Corteccia - corteccia grigiobrunastra pallida, fessurata in piccole placche, portamento maestoso Fioritura - ciorisce in aprilemaggio Frutti il frutto è un achenio detto ghianda La Farnia è la quercia più diffusa in Europa, con un areale che và dalla Scadinavia a tutto il Mediterraneo, Inghilterra compresa Impieghi e curiosità E specie molto longeva (800 anni) e formava insieme con il Carpino bianco e il Cerro le vaste foreste che ricoprivano una volta la Pianura Padana. Il legno della Farnia, è il più pregiato di tutte le querce, impiegato soprattutto nella costruzione di mobili pregiati

15 Frassino - Fraxinus excelsior Altezza - sino a 30 m Foglie - le foglie sono composte; le foglioline hanno il bordo finemente dentellato. Fiori sono poco appariscenti, privi sia di calice che di corolla e sono riuniti in racemi, i f. maschili di colore porpora, i femminili verdastri. Frutti - i frutti sono delle samare con un ala Corteccia - dapprima liscia di colore grigioverdastro, con l'avanzare dell'età diventa ruvida e finemente screpolata Fioritura - fioritura ad aprile prima della comparsa delle foglie Originario delle regioni temperate del nord, cresce in quasi tutta Europa fino ai 1600 metri di altitudine. Curiosità e Impieghi Usato per realizzare attrezzi sportivi, strumenti agricoli e compensati. Il Frassino produce un legno pregiato usato in ebanisteria. Le sue foglie vengono usate anche come foraggio.

16 Gelso - Morus sp.pl Altezza - è un albero che può raggiungere 8 metri d altezza Foglie - lunghe fino a 10 cm, sono caduche, semplici, alterne, con un picciolo scanalato di circa 2 cm. La lamina è cuoriforme, intera, apice acuto e margine finemente seghettato o dentato. Il colore della pagina superiore è verde scuro, mentre la pagina inferiore è più chiara Fiori - i fiori sono riuniti in infiorescenze che si sviluppano contemporaneamente alle foglie. Gli amenti maschili, di circa 2 cm di lunghezza, sono riuniti in gruppi di 2-4. A maturità sono penduli e misurano 3-4 cm Corteccia - la corteccia è verdastra negli esemplari giovani, bruna negli adulti, dove sono presenti profonde incisioni con la formazione di scaglie irregolari Fioritura all inizio della primavera Frutti i rutti sono false infruttescenze (come il lampone), detti sorosi o più comunemente more, di circa 2 cm di lunghezza di colore bianco-rosato È originario dell Asia Minore e, sin dall antichità, è coltivato nell Europa centromeridionale fino a metri di altitudine Impieghi e curiosità Il frutto maturo è ricco di zuccheri e vitamine e, se mangiato al mattino, ha un effetto Il gelso bianco può vivere fino a 150 anni. Nel passato è stato usato per la coltivazione del baco da seta: le foglie sono un ottima alimentazione per questo insetto. Il legno è duro e pregevole e può essere usato per lavori d intarsio e tornitura. lassativo. Il succo delle more viene anche utilizzato per produrre sciroppi contro il mal di gola e di stomaco

17 Ginkgo biloba Altezza - il Ginkgo è alto in media 23 metri Foglie - le foglie di quest albero, anziché a squama o ad ago, sono a ventaglio, vagamente simili a quelle della felce Fiori non ci sono veri e propri fiori, ma strutture riproduttive maschili e strutture riproduttive femminili Frutti - non esistono coni: al loro posto vi sono semi simili a piccole susine Corteccia - la corteccia è liscia e setosa, di colore sabbia E originario dell Asia orientale Impieghi Dalle foglie si ottiene un concentrato i cui principi attivi sono consigliati per i disturbi della terza età e per il miglioramento dell efficienza e dell'acutezza mentale. Curiosità Il Ginkgo non è né una conifera, né una latifoglia, ma fa parte di un gruppo a sé stante: è uno dei rari esempi di fossile vivente, perché è rimasto quasi immutato per più di 200 milioni di anni.

18 Ippocastano - Aesculus hippocastanum Altezza - alto fino a 40 m, a portamento espanso e chioma ampia Foglie - le foglie sono palmato-composte, con 5-7 foglioline cuneiformi a margine dentato e con lungo picciolo. Fiori - i fiori, riuniti in vistose pannocchie erette, sono irregolari, con corolla a 5 petali bianchi screziati di rosso Frutti - il frutto è una capsula sferica, spinosa, contenente uno o più semi grossi, bruni e lucidi, simili a castagne Corteccia - tronco e rami sono inizialmente ricoperti da una corteccia liscia, che successivamente si fessura longitudinalmente Fioritura - fiorisce in primavera, tra Aprile e Maggio Grecia, Asia occidentale Curiosità I semi sono tossici per l'uomo mentre possono essere consumati senza inconvenienti dagli animali selvatici ed anche da alcuni animali domestici (mucche, pecore, capre, ecc.); sono irritanti per i gallinacei. Il nome dell albero sembra legato all'uso dei frutti di questa pianta, simili a castagne, per curare la tosse dei cavalli (in greco 'ippos' significa infatti cavallo).

19 Leccio Quercus ilex Corteccia - Il leccio ha chioma densa e Altezza - nell'area mediterranea il leccio può essere alto fino a 28 m e formare boschi Foglie - le foglie, che persistono sui rami per tre-quattro anni, sono differenti tra loro anche sulla stessa pianta, coriacee, lucide superiormente e abbondantemente pelose sulla pagina inferiore, con margine intero oppure denticolato e spinoso Fiori i fiori maschili formano amenti penduli, i femminili sono isolati o riuniti a due a due all interno di un calice rudimentale Frutti - i frutti sono ghiande ovoidali, talvolta terminanti in un prolungamento appuntito chiamato mucrone; per un terzo o metà della loro lunghezza sono protetti da una cupola foggiata a ciotola, formata da piccole squame grigio-chiare, pelose, appressate le une alle altre tondeggiante e tronco poco slanciato, ricoperto da corteccia grigia, dapprima liscia e quindi minutamente screpolata Fioritura - fiorisce in maggio Il Leccio e' con Fragno e Sughera, una delle querce italiane, con foglie sempreverdi. Assai diffuso lungo le coste e, all'interno delle zone a clima mite, e' un tipico costituente della macchia mediterranea Impieghi Il legno di leccio è molto duro e di difficile lavorazione. L albero è usato specialmente come pianta forestale che fornisce legna da ardere e per alberare strade e parchi Curiosità Le sue foglie si sono adattate a sopportare la carenza idrica nelle calde estati secche. Come nel caso di altre querce, il legno appena tagliato si tinge di blu attorno ai chiodi che vi vengono conficcati, e questo per il fatto che il tannino contenuto nel legno reagisce col ferro. La presenza del tannino rese il Leccio una fonte di sostanze per il trattamento del cuoio e delle pelli già in epoca greca e romana

20 Magnolia sempreverde - Magnolia grandiflora Altezza - raggiunge i metri di altezza Foglie le foglie hanno un colore verde lucido intenso nella pagina superiore, di un bruno-rugginoso in quella inferiore che le fa assumere un bel contrasto cromatico. Fiori - i fiori a sei petali sono grandi e solitari, di colore bianco-rosa, molto profumati. Frutti - il frutto (cocceto) ha forma conica e colore verde che si muta in bruno-rossiccio. Esso è costituito da numerosi frutticini (cocchi) che contengono dei semi rosso-arancione. Fioritura - La fioritura avviene in estate (giugno-luglio) e diffusione La magnolia proviene dagli Stati Uniti sudorientali. In Europa è largamente diffusa in parchi e giardini, ma viene coltivata all'aria aperta solo nelle regioni mediterranee perché si tratta di una pianta che non tollera le basse temperature. La Magnolia resiste bene invece agli agenti inquinanti presenti nell'atmosfera ed è quindi adatta al verde metropolitano. In genere le magnolie amano terra leggera, assai fertile, fresca; alcune specie delicate devono venire coltivate in ambienti caldi. Si moltiplicano per innesto, per margotta o per semi. Curiosità Il nome deriva dal botanico Pierre Magnol ( )

21 Nocciolo - Corylus avellana Altezza m, spesso arbustivo con chioma globosa, irregolare, tronco eretto, ramificato fin dal basso; la chioma è fitta, ampia, irregolare con diametro massimo di 4 m Foglie - sono caduche, alterne e con picciolo lungo provvisto di peli; la lamina, di forma da tonda ad obovata, è lunga 6-10 cm. La pagina superiore è verde poco pelosa; la pagina inferiore è più chiara. Le nervature sono evidenti Fiori - infiorescenze unisessuali; quelle maschili sono amenti di 6-8 cm, penduli, che si formano in autunno, mentre quelle femminili sono simili a gemme, da cui sporgono gli stimmi rossi; Frutti - a noce, di 2 cm circa, avvolti da una brattea (foglia modificata) dentata Corteccia - liscia, da bruno-rossastra a brunogrigia Fioritura fiorisce a gennaio-marzo Impieghi e Curiosità E diffusa in tutto il bacino del Mar Mediterraneo Cicatrizzante: per uso esterno la corteccia e le foglie cicatrizzano ferite; Gli amenti (infiorescenze a forma di spiga) e il loro polline, raccolti in primavera, agiscono con effetto depurativo, sudorifero e febbrifugo: si usano perciò in caso di influenza o di raffreddore per accelerare la guarigione; si usano anche in caso di obesità per depurare l'organismo e provocare una perdita di peso conseguente alla sudorazione. Le nocciole si usano come alimento ricco di calorie e di sostanze nutritive (grassi e proteine): sono leggermente ipertensive (fanno crescere la pressione arteriosa) e perciò coloro che soffrono di ipertensione non devono abusarne. L'olio di nocciole è astringente e chiude i pori della pelle, perciò è consigliato nella cura della pelle grassa e in caso di acne. I noccioleti più famosi sono quelli presenti in Piemonte, in provincia di Avellino e sulle pendici dell'etna.

22 Pino domestico - Pinus pinea Altezza - può raggiungere i metri; la chioma è a forma d ombrello, con lunghi rami che si allargano partendo da un breve tronco Foglie - le sue foglie sono aghi di colore verde-grigio scuro, molto appuntiti, a gruppi di due, lunghi circa cm Frutti - il frutto è un cono (la pigna). Ha una forma globosa, formata da tante scaglie che schiudendosi liberano i semi. Questi ultimi, detti anche pinoli, sono grandi cm, protetti da un guscio osseo di colore rosso scuro ornato da un ala brevissima e maturano dopo tre anni Corteccia - la corteccia è di colore rosso bruno ed è divisa da larghe squame di una forma romboidale. Fioritura - la fioritura avviene nel mese di maggio e giugno e nell autunno dello stesso anno o del successivo nascono le pigne. e distribuzione Originario delle coste mediterranee, il Pino domestico si trova in quasi tutta Europa, dalla Spagna all'isola di Cipro e sulla costa meridionale del Mar Nero Curiosità Essendo piante resinose, i pini si incendiano molta facilità: il fuoco, talora doloso, ma molto spesso provocato dalla disattenzione, è uno dei maggiori pericoli per le pinete e causa spesso danni enormi i pinoli vengono utilizzati nell'industria dolciaria e farmaceutica. La corteccia, ricca di tannini, è usata per la colorazione delle reti da pesca

23 Pino strobo - Pinus strobus Altezza - oltre i 30 m Foglie - aghi esili, lunghi cm , riuniti in fascetti di 5, leggermente dentellati, di colore verde scuro sulla superficie rivolta verso l'esterno, più chiari su quella interna. Frutti - sono pigne molto grandi (12-18 cm), pedule e ricurve. Corteccia tronco eretto con corteccia sottile Originario del Nord America fra Canada ed Usa. Fu introdotto in Europa nel '700 e poi naturalizzato, soprattutto nel centro Europa. Impieghi Si sviluppa rapidamente e fornisce in breve tempo grandi masse di legno eccellente, che trova più impieghi. In particolare il suo legno leggero e indeformabile viene usato per infissi, pavimenti, fiammiferi e nell'industria cartaria Curiosità Un fungo, che trascorre parte del suo ciclo vitale nelle foglie del ribes nero, provoca alla pianta vescicole colore ruggine. Il pino strobo, non essendo nativo dell Europa, nel nostro continente va soggetto a malattie, perciò, oggi, viene piantato solo di rado.

24 Pioppo bianco Populus alba Altezza - è un albero che può raggiungere i 30 metri di altezza, con la chioma globosa Foglie - le foglie sono semplici e di due tipi: le più piccole sono rotonde-ovate; le più grandi sono palmate a 5 lobi più o meno dentati. La pagina inferiore delle foglie è bianca e fittamente pelosa Fiori e Fioritura - i fiori grigio-rosa, fioriscono tra febbraio e marzo e sono raccolti in amenti Frutti - i frutti sono capsule glabre con semi cotonosi. Corteccia - il tronco è eretto e sinuoso con corteccia bianco-grigia, liscia a solchi larghi, neri e distribuzione Il Pioppo bianco vive in un area che comprende l'europa centro-meridionale, l'asia occidentale ed il Nord Africa. E legata a terreni fertili, ben arati e sufficientemente umidi. E' comune trovarlo dalla pianura fino alla montagna dove raggiunge anche i 1500 m di altitudine Impieghi e Curiosità Questa pianta è frequentemente impiegata nei parchi e lungo i viali per l'aspetto decorativo della sua chioma. Il legno biancastro e tenero ha qualità mediocri e scarsi impieghi, soprattutto per cassette da imballaggio, fiammiferi (essendo un cattivo combustibile, brucia lentamente perciò è ottimale per i fiammiferi), zoccoli e per l'industria della carta

25 Pioppo nero - Populus nigra Altezza - è un albero alto 30 metri dalla chioma ovale Foglie - le foglie, decidue, sono semplici, lunghe 5-8 cm, romboidali o triangolari, lungamente picciolate e con i margini seghettati Fiori i fiori sono molto simili a quelli del pioppo bianco, sono portati in amenti lunghi circa 10 cm; i fiori maschili sono molto fitti, mentre quelli femminili sono più radi. Frutti - i frutti sono capsule glabre che si raccolgono in infruttescenze. I semi sono piumosi Corteccia - il tronco è eretto, nodoso e solcato, molto ramificato e diviso sin dalla base Fioritura la fioritura avviene verso marzoaprile Il Pioppo nero si estende per tutta l'europa meridionale, l'asia occidentale, l'africa settentrionale. Viene largamente coltivato ovunque. Lo si trova dalla pianura fino a 1400 metri di altitudine. Lo si incontra di frequente lungo le rive dei corsi d'acqua dove forma boscaglie insieme ai salici e agli ontani Impieghi e Curiosità E' una pianta piuttosto longeva che raggiunge anche i 300 anni di età. Il legno è di qualità modesta ed ha impieghi simili agli altri pioppi (industria della carta, produzione di carbone vegetale )

26 Platano - Platanus hybrida Altezza - albero dal rapido accrescimento, alto fino a metri Foglie - le foglie sono di colore verde intenso, palmato-lobate, con cinque lobi appuntiti e un lungo picciolo alla base Fiori e Frutti - i fiori, tutti unisessuali, sono riuniti in capolini globosi, portati da un unico peduncolo. A maturità, i capolini si trasformano in frutti composti (achenosi) dalla forma sferica e di colore bruno, costituiti da nùcule (piccoli acheni). Gli achenosi rimangono sull'albero tutto l'inverno e poi in primavera si spaccano liberando i singoli acheni Corteccia - la corteccia è di colore bianco grigiastro, divisa in placche che staccandosi lasciano grandi macchie giallastre Fioritura - l'albero fiorisce in Aprile-Maggio Le origini di questa pianta sono sconosciute: probabilmente si tratta di un ibrido oppure di una forma coltivata del Platanus orientalis, originario della penisola Balcanica. E' coltivato in tutta Europa Impieghi Il legno, per le sue caratteristiche di resistenza e durevolezza si usa nelle costruzioni navali, per palafitte, per puntoni da miniera e in falegnameria per tavolame ed imballaggio; le schegge resinose si usano come combustibile per farne torce; la corteccia si usa per tintura nelle reti da pesca; l'industria cartaria lo utilizza per la cellulosa e pasta meccanica. Le piante adulte si usano per la resinazione. Viene ampiamente utilizzato come albero da viali perché tollera anche condizioni di pesante inquinamento

Struttura della foglia

Struttura della foglia Struttura della foglia La struttura delle foglie varia per grandezza e forma apice nervatura lamina fogliare base stipole picciolo Forma della lamina fogliare a squama ad ago lineare ellittica ovale lanceolata

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

A COSA SERVONO LE FOGLIE?

A COSA SERVONO LE FOGLIE? A COSA SERVONO LE FOGLIE? Le foglie fabbricano il cibo della pianta, trasformando aria e acqua in glucosio (zucchero). Una foglia è formata da: Di solito la foglia è formata LAMINA da una parte appiattita

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

Le specie di funghi commestibili più comuni

Le specie di funghi commestibili più comuni Le specie di funghi commestibili più comuni Macrolepiota procera Mazza di tamburo Cappello: da 10 a 25 cm di diametro, dapprima ovoidale, quasi sferico, poi piano umbonato al centro, con margine sfrangiato;

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un COME FUNZIONA UN ALBERO di Mario Carminati e Massimo Ranghetti La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un albero è che si tratta di un essere vivente, proprio come noi. È un fatto scontato, certo,

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

frutto rosso Asia minore, frutto nero America del nord, mora giapponese Cina

frutto rosso Asia minore, frutto nero America del nord, mora giapponese Cina PICCOLI FRUTTI Piccoli frutti è di derivazione inglese small fruits, che sta a indicare non tanto la minore importanza di queste coltivazioni, quanto semplicemente la piccola pezzatura dei frutti stessi.

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME - CEREA, VERONA IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME DALL AGNELLO F.LLI & C. s.n.c. di Dall Agnello Luigi Via Muselle, 377-37050 ISOLA RIZZA (VR) Tel. +39 045 6970644 - +39 045 7135697 - Fax +39 045

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa CARATTRISTICH- CARATTRISTIC H-ALIMNTARI DV pomodoro ovale di daniele semina: febbraio trapianto: aprile-maggio raccolta: luglio-novembre buccia chiara, arancione se maturo, polpa compatta, pochi semi,

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

L arancio. Galleria di immagini Le arance Le zagare I mandarini I limoni I pompelmi Indovinelli Le filarance

L arancio. Galleria di immagini Le arance Le zagare I mandarini I limoni I pompelmi Indovinelli Le filarance L arancio La leggenda L albero Il frutto Gli agrumi La spremuta Le decorazioni Verifiche Galleria di immagini Le arance Le zagare I mandarini I limoni I pompelmi Indovinelli Le filarance Bevi un goccio

Dettagli

1. COMPRENSIONE COMPLESSIVA TRAMA

1. COMPRENSIONE COMPLESSIVA TRAMA 1. COMPRENSIONE COMPLESSIVA TRAMA Questo romanzo, ambientato nella seconda metà del Settecento, ha come protagonista il barone Cosimo Piovasco di Rondò, primogenito di una nobile famiglia ligure dell immaginario

Dettagli

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Acquistare una zucca fresca o già secca. Nel primo caso sarà opportuno comprarla in un periodo caldo per godere delle giornate

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO IASMA Notizie OLIVICOLTURA Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige 24 giugno 2011 n. 2 IASMA Notizie n. 28 - Anno

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

LE VARIETA VANNO PRENOT ATE AL PROPRIO FORNITORE

LE VARIETA VANNO PRENOT ATE AL PROPRIO FORNITORE Ernst Benary Samenzucht GmbH Postfach 11 27-34331 Hann. Münden - Germania Tel: +49 5541 70090, Fax: +49 5541 700920 info@benary.de - www.benary.de - www.benary.com L azienda Fondata a Erfurt nel 1843,

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

Settimana dal 6 al 12 aprile 2015

Settimana dal 6 al 12 aprile 2015 np MONITORAGGIO AEROBIOLOGICO DEI POLLINI Stazioni di :,, e Lido di Camaiore IN PRIMO PIANO: prosegue la fioritura delle Urticacee (ortica e parietaria), delle Corylaceae (carpino nero), delle Platanaceae

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa?

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa? 1. Quando si devono potare le rose? a) I Rosai rampicanti e arbustivi: non si potano in quanto fioriscono sui rami (sarmenti) dell anno precedente; se potiamo, la produzione di fiori viene ridotta a circa

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

IL SEME ED IL FRUTTO

IL SEME ED IL FRUTTO IL SEME ED IL FRUTTO Semi e frutti sono senza dubbio una importante fonte di cibo per gli esseri umani e gli altri animali. Da un punto di vista biologico, i semi sono ovuli maturi che contengono le nuove

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

LA PROCESSIONARIA E ALTRI BRUCHI DEFOGLIATORI

LA PROCESSIONARIA E ALTRI BRUCHI DEFOGLIATORI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO LA PROCESSIONARIA E ALTRI BRUCHI DEFOGLIATORI Proposte di prevenzione e di intervento LA PROCESSIONARIA La processionaria è un insetto appartenente all'ordine dei Lepidotteri.

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli