Le isole delle pecore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le isole delle pecore"

Transcript

1 Le isole delle pecore testo di Alessio Mesiano e Barbara Donghi - foto di Alessio Mesiano ISOLE FAROE Un viaggio nell incontaminato nord Europa tra fiordi popolati da pecore e pulcinella di mare ed isolati villaggi con case in legno e tetti ricoperti d erba. CULTO PANORAMICO La chiesa di Viðareiði, a Viðoy

2 Isole Faroe DANIMARCA E U R O P A Sperdute nell Oceano Atlantico, le isole Faroe si svelano poco alla volta dal finestrino dell aereo ed emergono da una densa coltre di nubi e da banchi di nebbia che vanno e vengono di continuo. La fase dell atterraggio è spesso turbolenta per via dei forti venti che investono le isole, ma i piloti dell Atlantic Airways sono abituati e conducono l aereo con agilità verso l aeroporto passando tra le valli dell isola di Vagar e sopra al lago Sørvágsvatn le cui acque alimentano una cascata che si getta direttamente nell oceano. L aria fresca e umida si fa subito sentire appena scesi dall aereo e, camminando verso il terminal, si possono scorgere oltre la recinzione e sulle colline circostanti le padrone del posto. Sono le pecore che, noncuranti delle auto, camminano in mezzo alla strada; alcune dormono sotto i guard-rail, altre allattano i propri piccoli. Sono ovunque, anche nei posti più impensabili. Se ne contano settantamila in tutto l arcipelago, ben più dei cinquantamila abitanti. Non a caso Fær Øer significa isole delle pecore. A popolare in numeri ancor maggiori queste isole sono gli uccelli, che nel periodo di riproduzione tra maggio ed agosto sono abbondantemente oltre il milione. La beccaccia di mare è l uccello nazionale, ma pochi la notano. Tutta l attenzione dei turisti si riversa sui bellissimi pulcinella di mare, lundar in faroese. Con un vistoso becco arancione, i movimenti impacciati a terra e il battito d ali frenetico in volo, potrebbero vantare il titolo di uccello più buffo al mondo. È uno spettacolo vederli camminare o scivolare giù per i pendii dell isola di Mykines. Vertigini di roccia Di origine vulcanica, l arcipelago è composto da diciotto isole e si presenta come un insieme di lembi di roccia frastagliata elevati su altissime scogliere a strapiombo sull oceano. Quelle di Vestmanna, sull isola di Streymoy, sono tra le più apprezzate, ma il primato d altezza spetta a capo Enniberg, sull isola di Viðoy, con i suoi 754 metri. Altezze che non scoraggiano le pecore, che spesso pascolano serafiche proprio sul ciglio di questi precipizi. A punteggiare il territorio tra un insenatura e l altra, le città ed i villaggi hanno preservato la loro identità nel pieno rispetto del contesto naturale e spiccano per i colori vivaci degli edifici, quasi a voler compensare il grigiore delle frequenti nebbie. E come se non fosse sufficiente il carattere selvaggio di questi luoghi, i tetti di alcuni edifici, soprattutto quelli più vecchi, sono ricoperti interamente con zolle di prato che vengono periodicamente sostitute come fosse un campo da calcio. Un accorgimento usato in gran parte dell area scandinava ed utile per migliorare l isolamento termico. La terra dei forse Sempre gentili e cordiali, gli abitanti hanno mantenuto vive le tradizioni, tra cui la tanto discussa caccia ai globicefali, e sono spesso indaffarati a stretto contatto con la natura, tra chi tosa le pecore, chi va a pesca in barca, chi taglia l erba troppo alta sui tetti o chi falcia i prati per il fieno. Per strada si trovano giocattoli abbandonati ovunque: i bambini giocano dove capita grazie al traffico pressoché inesistente nei villaggi più piccoli. E non mancano mai i cani - quasi tutti border collie - che, se non impegnati a gestire le greggi, vi verranno incontro per darvi il benvenuto in cambio di una carezza. In luoghi così isolati e circondati solo dall oceano chi detta legge è la natura. Gli abitanti si regolano di conseguenza. Perennemente indeciso sul da farsi, il tempo è quasi impossibile da prevedere. Basta attraversare un tunnel per passare dal freddo pungente della pioggia al tepore del sole e dal monocromatismo della nebbia lattea a vivaci arcobaleni e tramonti. E poi c è il vento, a volte così impetuoso da far venir meno l equilibrio ed il fiato a chi non è abituato. Proprio per i capricci del tempo, le Faroe sono anche chiamate la terra dei forse. Che non per nulla sono la risposta più usata dai Faroesi ogni volta che si pone loro una domanda. A conferma della straordinarietà di questo arcipelago, il National Geographic ha eletto nel 2007 le Faroe come le isole più autentiche ed incontaminate al mondo, con alta probabilità di rimanere tali. Un titolo più che meritato per questi luoghi dove il tempo pare essersi fermato. LES PIEDS DANS L'EAU Il villaggio di Tjørnuvík, a Streymoy. In alto: faroese in abiti tipici durante la Festa Nazionale. Nella pagina a fianco, in alto: l'isolotto Tindhólmur; in basso: isolani in costume alla Festa Nazionale

3 CARNEVALE IN SCOGLIERA Pulcinella di mare. In basso, da sinistra: i tipici tetti d'erba al villaggio di Tjørnuvík; pecore al pascolo sulla scogliera. Nella pagina a fianco, in senso orario: vista del faro di Kalsoy; una foca grigia sugli scogli a Svínoy; il faro di Mykines; ragazza faroese davanti alla sua casa di Tórshavn

4 Aeroporto Cascata Centro medievale Chiesa Chiesa in legno Faro Faraglioni Fattoria Fortezza Mykines chilometri Mykines Mykineshólmur Flatidrangur Pikarsdrangur Gli itinerari Gabbiani tridattili Grotta Palazzo Panorama Porto caratteristico Risin Eioi Pulcinella di mare Scogliere Tjørnuvík Sula Gásadalur Bøur V ágar Tindhólmur Sørvágur L. Servágsvatn Knukur 560 L isola di Vagar Durata: 1 giorno Lunghezza: 30 km Punto di partenza: aeroporto Punto di arrivo: Gásadalur Saksun Kellingin Saksunardalur Hvalvík Streymoy Vestmanna Sandavágur S u n d i n i Koltur Kallur Trøllanes Gjógv Kalsoy Eysturoy S u n d i n Hestur i Kollafjørour Tórshavn Kunoy Syoradalur Toftir Skipanes Kirkjubøur Nólsoy Vioareioi Viooy Hvannasund Borooy Klaksvík chilometri Svínoy Fugloy L'isola di Vágar L'isola di Mykines La visita di Tórshavn Percorso in traghetto Le isole di nordest Percorso in traghetto Le isole del centro-nord Percorso in traghetto PuntI di partenza Dall aeroporto si segue la strada per Tórshavn e si costeggia il lago Sørvágsvatn finché la strada non si allontana dalla riva. Da qui, in corrispondenza del parcheggio, si prosegue a piedi per 2,6 km seguendo il lago fino ad arrivare alla cascata che riversa le sue acque nell oceano. Per tornare indietro si segue lo stesso percorso. In auto si prosegue fino a Sandavágur per visitare l appariscente chiesa dal tetto rosso. Si ripercorre la strada dell andata e si continua fino alla fine della strada principale facendo sosta a Bøur per osservare lo spettacolare isolotto Tindhólmur. Infine, si prosegue fino a Gásadalur dove, in'un insenatura poco prima delle abitazioni, è presente una scenografica cascata sull oceano. Visita di Tórshavn Durata: 1-2 giorni Lunghezza: 2 km Tórshavn, la capitale, è una piccola cittadina che si visita facilmente a piedi in mezza giornata. Si parte dal porto principale, dove ormeggia la nave Norröna. A fianco si trova la fortezza Skansin, dove sorge un piccolo faro e sono esposte alcune armi risalenti alla Seconda Guerra Mondiale. Si cammina lungo tutto il porto, passando di fronte al locale Café Natúr; ci si infila a sinistra nella stretta e antica via Gongin e da qui ci si addentra nell area storica della città, Tinganes, riconoscibile per gli edifici di color rosso, oggi sede degli uffici del Governo. Si visita poi la vicina chiesa e si va sul molo del secondo porto, sul lato ovest, caratterizzato da una serie di edifici colorati. Da qui si sale per la via Mylnugøta, dove sorgono diversi edifici caratteristici che ospitano il Centro Informazioni, il Comune e il Parlamento. Se il tempo lo permette, è possibile visitare anche la vicina isola di Nólsoy, che può essere raggiunta tramite traghetto dal porto. Qui si può visitare il villaggio e con una piacevole escursione di 4 ore (andata e ritorno) si può raggiungere il faro, che è situato dalla parte opposta dell isola. Da Torshavn, inoltre, si può raggiungere, in auto o con i mezzi pubblici, il sito medievale di Kirkjubøur. Comprende i resti delle mura di un antica cattedrale, una piccola chiesa del dodicesimo secolo e una storica fattoria che può vantare di essere l edificio in legno ancora abitato più vecchio d Europa. L isola di Mykines Durata: 1-2 giorni Una volta giunti sull isola, la guesthouse è facilmente individuabile grazie alle pareti blu pastello. Da qui iniziano due percorsi per visitare l isola. Se si ha a disposizione solo un giorno, si consiglia l escursione al faro. Escursione a Knukur: dalla guesthouse bisogna dirigersi verso la chiesa, oltrepassarla ed uscire dal paese per seguire il sentiero che porta a nordest. Dopo un 1 km, alla biforcazione, si può deviare a sinistra; poi, finito il sentiero, si prosegue per 100 metri salendo verso la cima, dove si può ammirare la vista sul fiordo. Si deve quindi tornare indietro e alla biforcazione seguire l altro percorso fino al suo termine. Da qui non ci sono più sentieri e bisogna camminare verso est sino ad arrivare ad una parete di roccia; la si segue puntando a sud dove si incontrerà Stonewood, una caratteristica formazione di colonne basaltiche esagonali alte fino a 30 metri. Terminata la parete rocciosa, si cammina ancora FRONTE DEL PORTO Tórshavn. In alto: gabbiani tridattili al nido. Nella pagina a fianco: la chiesa di Sandavágur

5 verso est per raggiungere Knukur, riconoscibile per alcune rocce tondeggianti. Questo è il punto più alto dell isola, a 560 metri di quota. Proseguendo ancora per poco verso est, nelle giornate limpide, è possibile avere una spettacolare vista su gran parte dell arcipelago. Per tornare indietro si cammina sempre in direzione ovest. Il percorso, di 7 km complessivi, richiede circa 4 ore. Nel caso non si trovi più la via del ritorno a causa della nebbia, basta procedere verso ovest o seguire il torrente. Lungo il percorso si potrebbe essere attaccati dall alto dai labbi se ci si avvicina troppo ai nidi. Escursione al faro: dalla guesthouse ci si dirige verso il porto e, dopo l ultimo edificio del paese, si segue a destra il ripido sentiero che porta in cima al fiordo. Qui si ha occasione di vedere i primi pulcinella di mare da vicino. Una volta giunti sulla cresta bisogna proseguire a sinistra seguendo il sentiero. Si arriva quindi alla spettacolare area chiamata í Lamba, dove nidifica la maggior parte dei pulcinella di mare presenti sull isola. Si possono osservare con il becco pieno di pesci che fanno la spola tra l oceano e le loro tane per nutrire i pulcini. Poco dopo si raggiunge l Atlantic Bridge che collega Mykines all isolotto di Mykineshólmur. Nella gola che li separa si possono osservare i nidi dei gabbiani tridattili con i loro piccoli: un bellissimo spettacolo, accompagnato dai loro canti e dal suono delle potenti onde dell oceano che riecheggiano tra le alte pareti rocciose. Oltrepassato il ponte, si prosegue a vista puntando il faro, costruito nel 1909 sulla punta dell isola. Da qui si possono osservare i due altissimi speroni di roccia Flatidrangur e Pikarsdrangur, dove nidificano le sule. Sugli scogli sottostanti, invece, sono spesso presenti le foche. Per tornare indietro si segue lo stesso percorso dell andata. La distanza totale è di 5 km, percorribili in 2-3 ore. È importante non avvicinarsi troppo al ciglio delle scogliere, visto che il terreno potrebbe essere friabile. AVVISO AI NAVIGANTI Veduta di Mykines a volo d'elicottero. In alto: un pulcinella di mare fa ritorno al nido col suo carico di pesce. Nella pagina a fianco: fioritura alla chiesa di Saksun. Le isole di nordest Punto di partenza e arrivo: Klaksvík Punto tappa: Viðareiði Lunghezza in auto: 65 km Percorso a piedi: 3,2 km Durata: 1 giorno Dal porto di Klaksvík si imbarca l'auto sul traghetto che porta a Syðradalur sull isola di Kalsoy, si segue la strada fino all ultimo villaggio, Trøllanes. Si lascia l auto nel parcheggio, si cammina verso nord e si attraversa il cancello rosso: da qui comincia il percorso non segnalato per raggiungere in 45 minuti e 3,2 km la punta dell isola. Si rimane sempre sul versante est della montagna e si procede in direzione nordnordovest fino a raggiungere l estremità dell isola, dove è situato il faro di Kallur. Qui il silenzio è rotto solo dalla voce degli uccelli e dal vento. La posizione offre una spettacolare vista sulle isole occidentali e sui due faraglioni Risin e Kellingin. Per tornare indietro si percorre lo stesso tragitto dell andata. Una volta a Klaksvík, ci si dirige a Viðareiði sull isola di Viðoy, passando per di Hvannasund, da dove parte il traghetto per le isole di Fugloy e Svínoy. Considerate le rade partenze è un po complicato visitarle. Chiedendo, però, al comandante, si potrebbe di fare un giro senza scendere dall imbarcazione. La vista è meravigliosa e c è una buona probabilità di avvistare le foche. La tappa finale, Viðareiði, merita una visita per il panorama sulle isole circostanti. Le isole del centro-nord Punto di partenza: Vestmanna Punto di arrivo: Gjógv Lunghezza: 95 km Durata: 1-2 giorni Dalla città di Vestmanna, che offre la possibilità di vedere le bellissime scogliere dell isola di Streymoy con un tour in traghetto, si segue la strada che attraversa il paese di Kollafjørður e poi Hvalvík, dove sorge la più vecchia chiesa in legno delle Faroe. Lasciata la strada principale, si prosegue per la strada che, attraverso la bellissima valle di Saksunardalur, porta nell isolato villaggio di Saksun, situato in una splendida baia popolata da sterne artiche e altri uccelli. Qui si trova un antica chiesa col tetto ricoperto d erba ed il museo Dúvugarður, che permette di conoscere come vivevano i Faroesi nel passato. Con la bassa marea asi può passeggiare lungo la baia fino ad arrivare all oceano. Si ripercorre in auto la strada fino a Hvalvík e si prosegue per Tjørnuvík, pittoresco villaggio situato in un insenatura da dove sono visibili i faraglioni Rising e Kellingin. Si torna indietro fino a raggiungere il ponte che porta sull isola di Eysturoy, e da qui ci si dirige a nord per visitare il villaggio di Eiði e la sua chiesa in pietra. Se il mare è calmo e c è bassa marea si consiglia una breve escursione poco conosciuta: raggoiunto il campo da calcio situato poco fuori dall abitato, si lascia l auto e si prosegue a piedi lungo la scogliera per 600 m circa fino a raggiungere una grotta molto suggestiva per i colori delle pareti e per la vista sui faraglioni Rising e Kellingin. Tornati sulla strada principale si svolta in direzione Gjógv. La strada, in alcuni tratti piuttosto ripida e stretta, offre interessanti punti panoramici. Giunti presso il villaggio di Gjógv, se il tempo è bello, si avrà modo di vedere i bambini giocare nel piccolo specchio d acqua naturale. Non può mancare una visita al porto, realizzato all interno di una gola naturale, luogo dal quale prende il nome il villaggio: Gjógv significa gola. Poco prima del porto è presente un sentiero che si inerpica sul fiordo e lo costeggia per circa 1 km

6 BLOCKNOTES ISOLE FAROE Durata 7 giorni prezzo # Quando tutto l anno, meglio in estate Come arrivare In aereo: da Copenaghen, voli diretti per Vagar (2 ore) a partire da 107 # a tratta con la compagnia di bandiera faroese Atlantic Airways (www.atlantic.fo). In nave: da Hirtshals, in Danimarca, collegamenti via nave per Torshavn (36 ore) con la nave Norröna (www. smyrilline.com). C è la possibilità di imbarcare moto, auto e camper. Partenze il sabato ed il martedì mattina dal 13 giugno al 28 agosto, il resto dell anno solo il sabato. Come spostarsi Le isole principali a nord sono collegate tra di loro tramite tunnel stradali sottomarini a pagamento (Vagar-Streymoy, Eysturoy-Borðoy) e ponti (Streymoy, Eysturoy, Borðoy, Kunoy, Viðoy). Le altre isole sono raggiungibili tramite traghetto (www.ssl.fo) ed elicottero (www. atlantic.fo). C è anche un servizio bus (www. ssl.fo) e taxi (www.taxi.fo, Presso il punto informazioni dell aeroporto e il terminal dei bus al porto di Torshavn si può acquistare la Travel Card da 4 (67 #) o 7 giorni (94 #) per muoversi liberamente con bus e traghetti (Mykines esclusa). I tunnel sottomarini a pagamento costano 100kr per i veicoli fino a 6 m, 300 kr per i veicoli oltre i 6m. Il pedaggio si paga solo in una direzione, segnalata con appositi cartelli, e va pagato al primo benzinaio. Per chi usa veicoli a noleggio con targa faroese si potrebbero applicare condizioni diverse. I tunnel più vecchi non sono illuminati e sono più bassi e stretti. In caso di singola corsia sono dotati di aree di sosta ogni 100m (indicate con la lettera M): chi le ha sulla propria destra è obbligato a sostare qui a fari spenti per dare la precedenza ai mezzi in arrivo in senso opposto. Condizioni simili si applicano per le strade collinari a una corsia: chi è in discesa è obbligato a fermarsi nelle aree di sosta per dare precedenza a chi sale. Su internet è disponibile un video molto utile: youtu.be/ CLeqg6HoXdI. Noleggio auto: sono presenti diverse società di noleggio auto tra cui Rentacar (www.rentacar.fo) e 62N Rental (www.62n. fo/en/). È possibile inoltre prenotare bus con autista (www.hk.fo) Periodo L arcipelago si può visitare tutto l anno, ma d estate il clima è migliore, ci sono più strutture ricettive aperte e collegamenti e le colonie di uccelli marini sono attive. Documenti Carta d identità. Lingua La lingua ufficiale è il faroese, ma è diffuso l inglese. Valuta Circolano sia la Corona Faroese sia la Corona Danese, di pari valore. 1 kr vale 0,134 #. Fuso orario Un ora in meno rispetto all Italia. Cosa portare Si consiglia di vestirsi a strati e indossare pantaloni, giacca e scarpe impermeabili. Le temperature estive possono variare tra 10 e 20 C. In caso di nebbia e vento la sensazione di freddo può essere intensa, mentre con il sole si sta bene anche in maniche corte. Per alcune escursioni si consiglia l uso delle racchette. Dove dormire Ci sono diverse strutture dove dormire nelle città e nei villaggi principali. Il campeggio è permesso solo nelle aree autorizzate. Isola di Mykines: Kristianshús, guesthouse e campeggio, prenotazione consigliata, tel , mykines.info. Isola di Vagar: Hotel Vagar, Djúpheiðar 2, Sørvágur, tel , hotel vagar.fo; Giljanesi Hostel & Camping, á Hillingartanga 8, Sandavágur, tel , www. giljanes.fo. Isola di Streymoy: Gistingarhúsið undir Fjalli Guesthouse, Marknagilsvegur 75, Tórshavn, tel , Mykines, l essenza dell arcipelago Mykines è l isola più rappresentativa di tutto l arcipelago. Grazie al suo isolamento ha risentito poco dell era moderna. Vi sorge un piccolo e caratteristico villaggio con soli 11 abitanti, e poi prati, fiordi, un minuscolo porto, un eliporto, centinaia di pecore e, nel periodo estivo, oltre un milione di uccelli tra cui sule e pulcinella di mare. Concedetevi almeno un paio di giorni per poter vivere l isola con calma, attendere il tramonto seduti sul prato in cima ai fiordi ed osservare le pecore che si riuniscono per trascorrere la notte e i pulcinella che rientrano nelle loro tane sotterranee. La guesthouse Christianhus è un modesto, ma accogliente, luogo dove trascorrere la notte e offre l'occasione di incontrare gli abitanti che fanno spesso visita al bar tappezzato di quadri dell artista locale del 1900 Sámal Joensen-Mikines. È meglio visitare l isola a metà viaggio, in modo da poter spostare la partenza ed il ritorno in base alle condizioni climatiche che potrebbero impedire i collegamenti. Per raggiungerla ci sono due possibilità: in traghetto dal porto di Sorvagur (45, 60 kr, partenze tutti i giorni da maggio ad agosto alle e 16.20) e in elicottero dall aeroporto (11, 145 kr, lunedì da giugno ad agosto 9.45, mercoledì 9.45, venerdì 9.45 e 15.30, domenica 12.20). com; Hotel Tórshavn, Tórsgøta 4, Tórshavn, tel , hoteltorshavn.fo; Hotel Hafnia, Áarvegur 4-10, Tórshavn, tel , www. hafnia.fo; Kerjalon Hostel, Oyggjarvegur 45, Tórshavn, tel , fo; Hotel Føroyar, Oyggjarvegur 45, Tórshavn, tel , Isola di Eysturoy: Gjáargarður Guesthouse, Dalavegur 20, Gjógv, , Dove mangiare La cucina locale è a base di carne e pesce. Molti ristoranti propongono anche cucina internazionale, tra cui pizza, pasta e insalate, utile per chi segue una dieta vegana; inoltre i supermercati offrono una buona scelta di frutta e verdura ed anche prodotti vegani. Da provare le birre locali prodotte dallo storico birrificio Føroya Bjor, fondato nel Isola di Mykines: Kristianshús, tel , www. mykines.info. Isola di Vagar: Hotel Vagar, Djúpheiðar 2, Sørvágur, tel , www. hotelvagar.fo. Isola di Streymoy: Hvonn Restaurant, Tórsgøta 4, Tórshavn, tel , Koks (nella foto una specialità), Oyggjarvegur 45, Tórshavn, tel , koks.fo. Isola di Eysturoy: Gjáargarður Guesthouse, Dalavegur 20, Gjógv, tel , Appuntamenti Gli eventi principali sono concentrati nella stagione estiva. Festa nazionale Ólavsøka, visittorshavn.fo, il 28 e 29 luglio a Torshavn con sfilate in costume, regate in barca, cerimonie, concerti e danze. G-Festival, com, ogni anno a luglio, nel 2015 dal 16 al 18, festival musicale con musicisti locali ed internazionali. Cartografia e bibliografia Presso ogni ufficio del turismo ed in aeroporto sono disponibili mappe gratuite di tutto l arcipelago. In libreria e su internet si possono acquistare le guide: Isole Faroe. Un arcipelago verde ai confini dell Artico, Polaris, e Faroe Islands, Bradt Travel Guides, in inglese. E per chi desidera leggere un libro ambientato alle Isole Faroe si consiglia Che ne è stato di te, Buzz Aldrin?, del norvegese Johann Harstad, edito da Iperborea. Sul sito dell ente del turismo sono disponibili diverse brochure gratuite in formato pdf: en/be-inspired/brochures. Con chi 62N, Hoydalsvegur 17, Tórshavn, tel , GreenGate Incoming, Jónas Broncksgøta 35, Tórshavn, tel , www. greengate.fo. Make Travel, Bakkavegur 2, Sørvágur, tel , Indirizzi utili Per informazioni di ogni genere, faroeislands.com. Per informazioni sempre aggiornate sul tempo, Prefissi Per chiamare un numero faroese dall Italia occorre anteporre il prefisso Per emergenze chiamare il numero BLOCKNOTES ISOLE FAROE

Costa degli Etruschi, itinerari trekking

Costa degli Etruschi, itinerari trekking Costa degli Etruschi, itinerari trekking Camminare è sinonimo di contatto con la terra. Tracce e sentieri raccontano attimi o secoli di spostamenti lenti. Nell epoca del non c è tempo una semplice passeggiata

Dettagli

6 ITINERARI PER IL NORDIC WALKING NEL PARCO DEL BEIGUA

6 ITINERARI PER IL NORDIC WALKING NEL PARCO DEL BEIGUA Camminare tra mare e monti 6 ITINERARI PER IL NORDIC WALKING NEL PARCO DEL BEIGUA 1 Progetto Turismo Attivo cofinanziato dal Sistema Turistico Locale Italian Riviera Provincia di Savona con i fondi di

Dettagli

LE STAZIONI RIFIORISCONO

LE STAZIONI RIFIORISCONO FERROVIE DELLO STATO S.p.A. Direzione Generale di Gruppo per le Risorse Umane Politiche Sociali Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. Direzione Movimento Terminali Viaggiatori e Merci LE STAZIONI RIFIORISCONO

Dettagli

Abruzzo, regione verde d Europa. Parco Nazionale d Abruzzo, Lazio e Molise

Abruzzo, regione verde d Europa. Parco Nazionale d Abruzzo, Lazio e Molise 2 Abruzzo, regione verde d Europa 4 Parco Nazionale d Abruzzo, Lazio e Molise 14 Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga 26 Parco Nazionale della Majella 38 Parco Naturale Regionale del Sirente

Dettagli

LE ZONE A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L)

LE ZONE A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L) 4 SALUTI 8 12 20 NOTIZIE UTILI Valuta Telefono Lingua Fuso Orario Festività Nazionali Festività Vaticane Clima Numeri utili in caso di emergenza Corrente elettrica Religione Mance Orari degli esercizi

Dettagli

INDICE. GUIDA PRATICA... 33 Dove dormire... 33 Noleggi auto... 36 Ristoranti... 36 Numeri utili... 38

INDICE. GUIDA PRATICA... 33 Dove dormire... 33 Noleggi auto... 36 Ristoranti... 36 Numeri utili... 38 INDICE PANORAMICA... 3 Geografia e paesaggi... 3 Spiagge e mare... 3 Parchi e riserve naturali... 3 Sport e attività... 3 Flora e fauna... 4 Un po' di storia... 5 Cultura, popoli, usanze e tradizioni...

Dettagli

LA MIGRAZIONE DEGLI UCCELLI di Tomasz Cofta

LA MIGRAZIONE DEGLI UCCELLI di Tomasz Cofta LA MIGRAZIONE DEGLI UCCELLI di Tomasz Cofta 1. La migrazione e l esistenza delle specie La migrazione è un processo in cui gli animali compiono viaggi ricorrenti da un area ad un altra. Molti animali (vertebrati

Dettagli

Passeggiate invernali Piste per slittino Escursioni con le racchette da neve Sci alpinismo

Passeggiate invernali Piste per slittino Escursioni con le racchette da neve Sci alpinismo Passeggiate invernali Piste per slittino Escursioni con le racchette da neve Sci alpinismo Malghe romantiche, un panorama che toglie il fiato ed una cucina tipica altoatesina Le nostre proposte: Il divertimento

Dettagli

Passeggiate invernali Piste per slittino Escursioni con le racchette da neve Sci alpinismo

Passeggiate invernali Piste per slittino Escursioni con le racchette da neve Sci alpinismo Passeggiate invernali Piste per slittino Escursioni con le racchette da neve Sci alpinismo Malghe romantiche, un panorama che toglie il fiato ed una cucina tipica altoatesina Le nostre proposte: Il divertimento

Dettagli

Ente Nazionale del Turismo Giapponese

Ente Nazionale del Turismo Giapponese Ente Nazionale del Turismo Giapponese Benvenuti in Giappone Aprite un atlante e date uno sguardo alla vasta regione costituita dall Asia e dal Pacifico. Quasi esattamente al centro vedrete l arcipelago

Dettagli

SCARPETTA STRAVINCE. Appare evidente che ELEZIONI AMMINISTRATIVE

SCARPETTA STRAVINCE. Appare evidente che ELEZIONI AMMINISTRATIVE NUMERO QUARANTUNO Periodico gargnanese di informazione, attualità e cultura ESTATE 2004 Edito da: ASSOCIAZIONE CULTURALE ULISSE 93 http://web.tiscali.it/enpiasa Direttore: Franco Mondini PERCHè A GARGNANO

Dettagli

CON LE CIASPOLE AI RIFUGI NELLE VALLI DELL OSSOLA

CON LE CIASPOLE AI RIFUGI NELLE VALLI DELL OSSOLA CON LE CIASPOLE AI RIFUGI NELLE VALLI DELL OSSOLA 1) VALLE ANTRONA itinerario 1 2) VAL BOGNANCO itinerari 2 e 3 3) VAL DIVEDRO itinerari 4, 5 e 6 4) ALPE DEVERO itinerari 7 e 8 5) VAL FORMAZZA itinerari

Dettagli

Per un dialogo internazionale tra sistemi di istruzione

Per un dialogo internazionale tra sistemi di istruzione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA - FACOLTÀ DI FILOSOFIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL'EDUCAZIONE E DELLA FORMAZIONE ELABORATO DI LAUREA IN PEDAGOGIA GENERALE LAUREANDA Patrizia Mosetti Matricola

Dettagli

Osservatorio sul turismo giovanile

Osservatorio sul turismo giovanile Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 2013 Osservatorio sul turismo giovanile A cura di Iscom Group 1/49 Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 Sommario 1 Vacanze con gli under 18... 6 1.1 Propensione

Dettagli

SENTIERI GEOLOGICI SUL MONTE TERMINILLO

SENTIERI GEOLOGICI SUL MONTE TERMINILLO SENTIERI GEOLOGICI SUL MONTE TERMINILLO Itinerari nella geodiversità del Lazio, dai mari tropicali mesozoici ai ghiacciai del Quaternario di GIANCARLO DE SISTI Nato nel 1959, alpinista, laureato in geologia,

Dettagli

In viaggio con Margherita Buy. Esperienze da non perdere. Nella patria di Modugno 3. I biscotti cegliesi

In viaggio con Margherita Buy. Esperienze da non perdere. Nella patria di Modugno 3. I biscotti cegliesi 1 Esperienze da non perdere 2 Nella patria di Modugno 3 I biscotti cegliesi In viaggio con Margherita Buy Puglia da sogno L accoglienza di charme, il bianco dei trulli, il profumo del mare e la tranquillità

Dettagli

Mount Rainier National Park

Mount Rainier National Park Mount Rainier National Park National Park Service U.S. Department of the Interior Benvenuti nel paradiso della montagna. Quest area protetta è famosa per le sue fitte foreste, incantevoli prati di fiori

Dettagli

Raccontiamoci le favole.. Rac olta di favole sul ambiente

Raccontiamoci le favole.. Rac olta di favole sul ambiente Raccontiamoci le favole... Raccolltta dii ffavolle sullll ambiientte REGIONE DEL VENETO Presidente Luca Zaia Assessore all Ambiente Maurizio Conte Segretario Regionale per l Ambiente Mariano Carraro ARPAV

Dettagli

Tra le acque nei monti. Tra le acque nei monti. Guida alla natura del sito di importanza comunitaria Lago di Ganna. Parco Regionale Campo dei Fiori

Tra le acque nei monti. Tra le acque nei monti. Guida alla natura del sito di importanza comunitaria Lago di Ganna. Parco Regionale Campo dei Fiori copertina.qxd 10/10/2007 13.15 Pagina 1 Parco Regionale Campo dei Fiori Parco Regionale Campo dei Fiori Via Trieste, 40 21030 Brinzio (Va) - Italia Tel. 0039 0332 435386 Fax 0039 0332 435403 www.parcocampodeifiori.it

Dettagli

Percorsi interculturali di apprendimento linguistico. Io e gli Altri...... In viaggio insieme

Percorsi interculturali di apprendimento linguistico. Io e gli Altri...... In viaggio insieme Percorsi interculturali di apprendimento linguistico Io e gli Altri...... In viaggio insieme 18 Io e gli Altri Attività rivolte a studenti di livello A1 1. PRESENTIAMOCI! Obiettivi generali: conoscenza

Dettagli

Sorveglianza, Privacy e Sicurezza

Sorveglianza, Privacy e Sicurezza Sorveglianza, Privacy e Sicurezza Qual è la tua opinione? Indice 1 Benvenuti a SURPRISE 5 1.1 Come leggere questo opuscolo 6 2 Riepilogo 7 3 Un giorno qualunque 9 3.1 Sorveglianza, privacy e sicurezza

Dettagli

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua 1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA 1.1 - L erosione dell acqua Gocce d acqua precipitano urtando con violenza il suolo coperto da detriti (foglie, rami, steli d erba,... fig. 1.1). A qualche centimetro

Dettagli

Sant Omobono Terme, Novembre 2014

Sant Omobono Terme, Novembre 2014 DISTRETTO DELL ATTRATTIVITÀ DEL LEMINE VALLE IMAGNA Distretti dell attrattività. Iniziative di area vasta per l attrattività territoriale integrata turistica e commerciale della Lombardia (Linea B) Sant

Dettagli

Provincia di Padova. Parco un da Scoprire. Proposte Didattiche Anno Scolastico 2013-2014

Provincia di Padova. Parco un da Scoprire. Proposte Didattiche Anno Scolastico 2013-2014 Provincia di Padova Parco un da Scoprire Proposte Didattiche Anno Scolastico 2013-2014 Indice Presentazione Parco Colli Euganei - pag. 4 Ed. Ambientale - pag. 5 Musei Colli Euganei - pag. 12 Parco Avv.

Dettagli

Una piazza mille idee: linee guida per la riqualificazione di Piazza dei Grani

Una piazza mille idee: linee guida per la riqualificazione di Piazza dei Grani Una piazza mille idee: linee guida per la riqualificazione di Piazza dei Grani 1 INDICE 1. Il percorso p. 3 2. I partecipanti p. 9 3. Il Rapporto p. 11 4. Allegati p. 25 2 IL PERCORSO Alla luce della necessità

Dettagli

modusoperandi soluzioni congressuali realizzate da Convention Bureau della Riviera di Rimini 03/2004

modusoperandi soluzioni congressuali realizzate da Convention Bureau della Riviera di Rimini 03/2004 della Riviera di Rimini modusoperandi 03/2004 soluzioni congressuali realizzate da Convention Bureau della Riviera di Rimini Stefania Agostini Direttore Convention Bureau della Riviera di Rimini Editoriale

Dettagli

RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO

RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO REPORT FINALE SULLE ATTIVITA RELATIVE AL PROGETTO RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO Dipartimento Ambiente Settore Turismo Sostenibile e Parchi

Dettagli

IL CLIMA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

IL CLIMA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA IL CLIMA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA a cura di Il clima del Friuli Venezia Giulia Il clima viene definito come l'insieme delle condizioni atmosferiche medie (temperatura, umidità, pressione, venti...) e

Dettagli

copertina 2_08.qxd 16-12-2008 17:13 Pagina 2

copertina 2_08.qxd 16-12-2008 17:13 Pagina 2 sommario dicembre 2008 10 17 22 12 27 4 5 8 10 12 14 15 16 17 19 21 22 24 26 27 32 33 34 LA NUOVA IMMAGINE IP Gruppo api: il nuovo marchio comincia a vivere La nuova veste dei nostri Punti Vendita CAMPAGNA

Dettagli