Regione Siciliana REGIONE SICILIANA. ASSESSORATO REGIONALE DELL ISTRUZIONE e DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regione Siciliana REGIONE SICILIANA. ASSESSORATO REGIONALE DELL ISTRUZIONE e DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE"

Transcript

1 Regione Siciliana REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL ISTRUZIONE e DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE DIPARTIMENTO ISTRUZIONE e FORMAZIONE PROFESSIONALE Avviso Pubblico n. 20/2011 PROGRAMMA OPERATIVO OBIETTIVO CONVERGENZA , FONDO SOCIALE EUROPEO, REGIONE SICILIANA - ASSE II OCCUPABILITA PERCORSI FORMATIVI PER IL RAFFORZAMENTO DELL OCCUPABILITA DELLA FORZA LAVORO SICILIANA PERIODO 2012/2014 Versione definitiva 1

2 INDICE 1. PREMESSA NORMATIVA DI RIFERIMENTO FINALITA GENERALI... 5 PARTE I AMBITI FORMATIVI E FABBISOGNI TERRITORIALI Soggetti ammessi alla presentazione dei progetti destinatari PACCHETTI FORMATIVI, LIMITI E RIEDIZIONE DELLE PRESENTAZIONI DELLE PROPOSTE DURATA E RISORSE FINANZIARIE INDICAZIONI GENERALI PER LA FORMULAZIONE DELLE PROPOSTE Delega e acquisizione di beni e servizi strumentali ed accessori Stage formativo MODALITA E TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE Busta A Busta B Informazioni AMMISSIBILITA E VALUTAZIONE DELLE PROPOSTE Verifica di ammissibilità Criteri di selezione per proposte progettuali presentate da organismi formativi Formazione delle graduatorie e relativa approvazione AMMISSIBILITA DELLA SPESA VARIAZIONI IN CORSO D OPERA RIDETERMINAZIONE DEGLI IMPORTI AUTORIZZATI Ambiti NORME PER LA GESTIONE E LA RENDICONTAZIONE DELLE ATTIVITÀ OBBLIGHI DEL SOGGETTO PROPONENTE AMMESSO AL FINANZIAMENTO FLUSSI FINANZIARI TRACCIABILITA DEI FLUSSI FINANZIARI AI SENSI DELLA L136/2010 E S.M.I TERMINE PER L AVVIO DEI PROGETTI AMMESSI A FINANZIAMENTO PROPRIETÀ DEI PRODOTTI INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ CONTROLLI E RENDICONTAZIONE TENUTA DOCUMENTAZIONE REVOCA DEL FINANZIAMENTO CONDIZIONI DI TUTELA DELLA PRIVACY INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Allegati Parte II INTERVENTI FORGIO FORMAZIONE AMBITI SPECIALI FORMAZIONE PERMANENTE

3 1. PREMESSA Per favorire l uscita dalla crisi del sistema produttivo regionale e al fine di avviare un processo virtuoso e sostenibile di crescita, la Regione Siciliana sta realizzando un significativo investimento sulle risorse umane per svilupparne e/o adeguarne i saperi, le competenze e le professionalità, nella consapevolezza che è attraverso questo investimento che si può dare alimento e spinta agli attuali processi di rilancio e riconversione produttiva in atto. L azione del Fondo Sociale Europeo individua nel rafforzamento del livello di occupabilità della popolazione di età lavorativa una delle principali dimensioni strategiche per il raggiungimento degli obiettivi di occupazione che, posti dal Consiglio di Lisbona, hanno trovato conferma nella strategia Europa In tale quadro nasce l esigenza di definire e attuare percorsi formativi capaci di rispondere in maniera maggiormente adeguata ai bisogni formativi e alle professionalità, sia dei settori dell economia tradizionale, che di quelli più spiccatamente innovativi. Si tratta, quindi, di rafforzare l offerta formativa finalizzata alla qualificazione del capitale umano, attraverso la predisposizione di un intervento ampio e strutturato in grado, da un lato, di dare continuità alle iniziative finanziate dalla legge regionale n. 24 del 6 marzo del 1976 e s.m.i., dall altro, di far emergere le eccellenze presenti negli organismi formativi consolidati del sistema siciliano. Una sfida che necessariamente comporta un impegno, anche in termini di riqualificazione degli organismi formativi nel loro complesso, sostenendo la crescita qualitativa delle loro capacità progettuali e il miglioramento della loro interazione con i bisogni occupazionali del territorio. Partendo da questi presupposti, l Avviso Percorsi formativi per il rafforzamento dell occupabilità della forza lavoro siciliana, intende avviare un'innovazione dell offerta formativa fondata sulla proposizione di un'ampia e variegata dotazione di competenze utili per sostenere l occupabilità dei soggetti disoccupati e/o inoccupati. In particolare, si vogliono creare le condizioni per favorire un effettivo inserimento lavorativo di quelle componenti della popolazione attiva, nello specifico giovani e donne, che a seguito della crisi rischiano di trovarsi in condizioni di maggiori difficoltà nel mercato del lavoro. I percorsi formativi che si avvieranno a valere sul presente Avviso hanno l obiettivo, inoltre, di offrire particolari opportunità formative per i cittadini che vivono situazioni di svantaggio fisico o sociale, per i quali la formazione può rappresentare un occasione di espressione del loro diritto di cittadinanza oltre che di inclusione sotto il profilo lavorativo e sociale. L avviso si colloca, inoltre, all interno delle relazioni tra la Regione Siciliana e le parti sociali, così come hanno dato sintesi nell accordo prot. n. 2396, del 10 agosto NORMATIVA DI RIFERIMENTO Per il presente Avviso si fa riferimento alla normativa ed alle disposizioni per l attuazione programmatica sotto elencate: Regolamento (CE) n. 1081/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 5/07/06 relativo al Fondo Sociale Europeo e recante abrogazione del regolamento (CE) n. 1784/1999 (il Regolamento FSE ) e successive modifiche ed integrazioni; Regolamento (CE) n. 1083/2006 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione e che abroga il Regolamento (CE) n. 1260/1999 (il Regolamento Fondi Strutturali ) e successive modifiche ed integrazioni; Regolamento (CE) n. 1828/2006 della Commissione dell 08/12/06 che stabilisce modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione e del Regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo al Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (il Regolamento di attuazione ) e successive modifiche ed integrazioni; 3

4 Regolamento (CE) n. 396/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio del 6 magio 2009, che modifica il Regolamento (CE) n. 1081/2006, estendendo i tipi di costi ammissibili ad un contributo del FSE; Decisione comunitaria di approvazione del Quadro Strategico Nazionale (CE) n del 13/07/2007 (la Decisione QSN ); Programma Operativo Regionale Sicilia per il Fondo Sociale Europeo adottato con Decisione della Commissione Europea C/2007/6722 del 18 dicembre 2007 (il PO FSE ); Deliberazione di Giunta regionale n. 548 del 21 dicembre 2007 che adotta il Programma Operativo Regionale Sicilia per il Fondo Sociale Europeo 2007/ Testo definitivo ; Documento di Attuazione Strategica per il del Programma Operativo Convergenza della Regione Siciliana approvato con Delibera 164 dell 08/05/2009 della Giunta Regionale; Decreto del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale n. 166 del 25 maggio 2001, in materia di accreditamento; Disposizioni 2006 per l accreditamento delle sedi orientative e formative degli organismi operanti nel territorio della Regione siciliana approvate con D.A. n del 13 aprile 2006 e successive modifiche ed integrazioni; D.A. n. 03/FP/SERV.GEST. del 30 aprile 2006 e s.m.i. Disposizioni per l accreditamento delle sedi formative ed orientative nella Regione Siciliana ; Vademecum per l attuazione del Programma Operativo Regionale Regione Siciliana FSE nella versione attualmente in vigore (d ora in poi Vademecum ); Criteri di selezione delle operazioni a valere sul FSE per il periodo , approvati dal Comitato di Sorveglianza del PO FSE del 28 giugno 2011; Legge n. 845 del 21 dicembre 1978 Legge quadro in materia di Formazione Professionale e successive modifiche ed integrazioni; Legge n. 241 del 7 agosto 1990, e successive modifiche ed integrazioni; Legge regionale n. 36 del 21 settembre 1990, art. 23, comma 5, e successive modifiche ed integrazioni; Legge Regionale n. 10 del 30 aprile 1991 e successive modifiche ed integrazioni; Legge regionale n. 27 del 15 maggio Capo II, Disposizioni in materia di formazione professionale e successive modifiche ed integrazioni; DPR n. 445 del 28 dicembre 2000e successive modifiche ed integrazioni; Legge n. 30 del 14 febbraio 2003, e successive modifiche ed integrazioni; DPRS n. 12 del 16 giugno 2008 e successive modifiche ed integrazioni; DPR n.196 del 3 ottobre 2008, (pubblicato nella GURI n. 294 del 17/12/2008) Regolamento di esecuzione del Reg. (CE) n.1083/2006 recante disposizioni generali sul fondo europeo di sviluppo regionale, sul fondo sociale europeo e sul fondo di coesione ; Legge regionale n. 6 del 14 maggio 2009, art.35; Legge n. 136 del 13 agosto 2010 Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia e successive modifiche e integrazioni; Legge regionale n. 5 del 05 aprile 2011 sulla semplificazione e trasparenza amministrativa; Protocollo d'intesa tra la Regione Siciliana e il Comando regionale della Guardia di Finanza ai fini del coordinamento dei controlli e dello scambio di informazioni in materia di finanziamenti dei Fondi strutturali comunitari; D.G.R.S. n. 200 del 5 agosto 2011; 4

5 D.D.G. n del 9 agosto 2011 che, secondo quanto previsto dall art. 1. Regolamento (CE) n. 396/2009, ha consentito, al fine di garantire la necessaria semplificazione della gestione, dell amministrazione e del controllo delle operazioni che beneficiano di una sovvenzione del FSE, in particolare di quelle legate ad un metodo di rimborso basato sul risultato, la possibilità di realizzare la gestione finanziaria di operazioni finanziate dal Fondo sociale europeo sulla base di costi fissi calcolati applicando tabelle standard di costi unitari. 3. FINALITA GENERALI I Percorsi formativi per il rafforzamento dell occupabilità e dell adattabilità della forza lavoro siciliana, in linea con le innovazioni introdotte dalla programmazione del Fondo Sociale Europeo per il periodo , sono orientati a contribuire all ammodernamento del sistema formativo regionale per il periodo , adottando metodologie di intervento che consentano una maggiore adeguatezza di approcci e di strategie formative ai bisogni dell utenza e del sistema produttivo regionale. In particolare, le proposte formative presentate a valere sul presente Avviso devono concorrere a: innalzare i tassi di partecipazione al mercato del lavoro delle donne, dei giovani, dei lavoratori in stato di disoccupazione, delle persone prive di saperi e professionalità a rischio di marginalizzazione lavorativa e sociale; contrastare e prevenire la disoccupazione di lunga durata, con particolare riferimento ai lavoratori espulsi dai processi produttivi e a quelli delle fasce a più alto rischio di esclusione; rendere effettivo il diritto di ogni individuo in età lavorativa ad aggiornare le proprie competenze ed abilità professionali lungo tutto l arco della vita, al fine di scongiurare rischi di obsolescenza professionale e di esclusione dal mondo produttivo. 5

6 PARTE I 6

7 1. AMBITI FORMATIVI E FABBISOGNI TERRITORIALI Il presente Avviso sostiene la realizzazione di percorsi formativi ed esperienziali, articolati nei seguenti tre ambiti formativi: N. AMBITO 1 Formazione Giovani (FORGIO) 2 Formazione Ambiti Speciali (FAS) 3 Formazione Permanente (FP) Gli ambiti formativi suddetti trovano articolazione in termini di fabbisogni su base provinciale, per l anno 2012, secondo quanto riportato nella tabella che segue. PROV AMBITI N CORSI N ORE Allievi AG Forgio Fas Fp Tot. AG CL Forgio Fas Fp Tot. CL CT Forgio Fas Fp Tot. CT EN Forgio Fas Fp Tot. EN ME Forgio Fas Fp Tot. ME PA Forgio Fas Fp Tot. PA

8 PROV AMBITI N CORSI N ORE Allievi RG Forgio Fas Fp Tot. RG SR Forgio Fas Fp Tot. SR TP Forgio Fas Fp Tot. TP Totale forgio Totale FAS Totale FP Totale generale Per le annualità 2013 e 2014, tale fabbisogno sarà oggetto di verifica da parte del Dipartimento dell Istruzione e della Formazione Professionale, che provvederà al suo eventuale aggiornamento. 2. SOGGETTI AMMESSI ALLA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Tutte le proposte formative, relative al presente Avviso, devono essere presentate da: - Organismi, aventi tra i loro fini la formazione professionale, senza scopo di lucro o che comunque si impegnino ad esercitare l attività formativa senza scopo di lucro, e che risultino accreditati ai sensi del D.A. n del 13 aprile 2006; - Organismi formativi non accreditati purché abbiano già presentato istanza di accreditamento, ai sensi del D.A. n del 13 aprile In questo caso la valutazione della richiesta di accreditamento sarà effettuata entro 60 giorni successivi alla data di scadenza del presente Avviso, fermo restando che la richiesta di chiarimenti o integrazioni da parte della Regione Siciliana comporta la sospensione dei termini per la valutazione. Se non è perfezionato il percorso di accreditamento entro il termine previsto per l avvio delle attività (di cui all art. 16 del presente Avviso), l ente decade dal finanziamento. Le sedi didattiche occasionali devono disporre dei requisiti in tema di sicurezza e di igiene dei locali previsti dalla normativa vigente. In questo caso, la conformità alle norme vigenti di tutti i locali, aule, laboratori e delle attrezzature, deve essere comprovata da perizia giurata, redatta da un tecnico abilitato, oppure da certificazione di idoneità rilasciata dal competente Ispettorato Provinciale del Lavoro. Tale documentazione deve essere presentata all Amministrazione prima dell'avvio delle attività progettuali, nei successivi venti giorni dall accettazione del finanziamento. Le attività formative possono realizzarsi presso sedi didattiche occasionali ubicate in Sicilia. Tale documentazione può essere oggetto di verifica da parte dell Amministrazione nell ambito dei controlli periodici come descritti all Art. 12, Parte I, del presente Avviso. 8

9 I soggetti, che si candidano a realizzare le attività finanziate con le risorse del presente Avviso, dovranno obbligatoriamente aver ottemperato agli obblighi previsti dall art 17 della L. 68/99 Norme per il diritto al lavoro dei disabili, se rientrano nelle condizioni previste dalla suddetta normativa. 3. DESTINATARI I destinatari degli interventi finanziati a valere del presente Avviso sono i residenti della Regione Siciliana, secondo i dettagli indicati nella Parte II dell Avviso e che vengono di seguito riportati nella seguente tabella: AMBITO FORMATIVO FORGIO FAS FP DESTINATARI Soggetti destinatari sono i giovani inoccupati e disoccupati, compresi tra i 18 e i 32 anni, nonché coloro che abbiano compiuto il 17 anno di età, non più soggetti al diritto-dovere di istruzione e formazione professionale. Sono, altresì, ammessi, nel limite del 50% per ciascun corso, e, comunque, in un numero non superiore a 10 unità, i soggetti inoccupati o disoccupati fino ai 45 anni di età. E possibile, in una quota non superiore al 20% dei destinatari di un corso, inserire anche allievi con disabilità. Nel caso di soggetti disabili, riconosciuti ai sensi delle normative nazionali vigenti, è obbligo per l Organismo formativo prevedere un supporto specifico, attraverso l impegno di una figura co-docente di sostegno, come disposto nel Vademecum, in un rapporto non superiore a 1 tutor per 3 allievi disabili. I destinatari degli interventi formativi sono i soggetti svantaggiati ai sensi dell art.6 del D.P.R. 12 luglio 2000 n In particolare, le azioni sono rivolte a: - soggetti in condizione di disagio e/o a rischio di esclusione sociale a causa di povertà o discriminazione; - soggetti vittime di discriminazione nell accesso all occupazione e alla formazione; - disabili; - immigrati - giovani e adulti in condizioni di povertà ed esclusione sociale; - soggetti giovani e adulti sottoposti a misure detentive o alternative alla detenzione. Nel caso di soggetti disabili, riconosciuti ai sensi delle normative nazionali vigenti è obbligo per l Organismo formativo prevedere un supporto specifico, attraverso l impegno di una figura co-docente di sostegno, nel limite di uno per corso. Sono altresì ammesse azioni per la formazione del rafforzamento delle competenze degli operatori del terzo settore, ad esclusione dei percorsi per la formazione degli Operatori Socio-Sanitari (OSS). I destinatari per tale ambito sono soggetti in età lavorativa di età superiore ai 18 anni, interessati al recupero della mancata o parziale formazione iniziale o che comunque hanno interesse a rafforzare e sviluppare le loro competenze, a fronte dei processi di trasformazione ed innovazione del lavoro. Tra i soggetti destinatari possono, quindi, esservi anche lavoratori occupati (autonomi e dipendenti), impiegati in realtà di produzione e servizio localizzate in Sicilia esclusivamente nel caso in cui la frequenza alle attività formative avvenga al di fuori dell orario di lavoro. Nel caso di frequenza alle attività formative, da parte di soggetti appartenenti al settore pubblico, si rinvia alla disciplina di settore, relativa alla categoria di appartenenza. Il soggetto proponente deve raccogliere un autodichiarazione relativa ai destinatari occupati, che deve essere sottoscritta da ciascun soggetto destinatario, il cui fac simile sarà fornito dal Dipartimento successivamente. L autodichiarazione deve essere presentata prima dell avvio delle singole attività. 9

10 4. PACCHETTI FORMATIVI, LIMITI E RIEDIZIONE DELLE PRESENTAZIONI DELLE PROPOSTE I soggetti proponenti devono articolare la propria offerta formativa in uno o più pacchetti formativi, contenenti corsi da realizzare nel 2012 ed in un arco di durata massimo di 12 mesi, con avvio secondo la tempistica indicata agli articoli 8 e 16, Parte I, del presente Avviso. Ciascun pacchetto formativo dovrà riguardare un solo ambito formativo (FORGIO, FAS o FP) ed essere relativo ad una sola provincia. Tale articolazione deve essere coerente con la programmazione regionale sull offerta formativa così come presentata nella tabella dell articolo 1, della Parte I, del presente Avviso. Inoltre, al fine di garantire, all offerta formativa generata con il presente Avviso, un adeguato standard qualitativo, sulla base di quelle che sono le caratteristiche del sistema della formazione professionale regionale, si introducono specifici orientamenti sulle quantità delle proposte formative presentabili da parte di ciascun soggetto secondo il principio di sostenibilità così declinato: - disponibilità da parte del soggetto proponente di sedi, laboratori, attrezzature qualificate, nonché di personale esperto, considerato che è necessario una crescita di tali componenti equilibrata senza salti di discontinuità nel volume che non sarebbero sostenibili da parte del proponente; - esperienza che nel territorio gli enti proponenti hanno acquisito e dimostrato di possedere nel corso degli ultimi anni. Coerentemente con il principio suddetto e con le esigenze stimate del fabbisogno professionale richiamate al terzo capoverso di questo articolo, il soggetto proponente potrà presentare, per ogni ambito formativo e provinciale: a) un unico pacchetto formativo base, per un numero complessivo di ore pari, al massimo, a un terzo delle ore relative ad attività realizzate nello specifico territorio provinciale e ambito e congruenti con il presente Avviso per cui ha ottenuto finanziamenti - a valere su risorse regionali, nazionali e comunitarie - nelle annualità ; tali attività devono far parte di piani attivati continuativamente in ciascuna delle suddette annualità. In relazione alla congruenza, a titolo esemplificativo, sono da considerare esclusi i finanziamenti ricevuti per interventi di obbligo di istruzione e formazione (OIF), di IFTS, di alta formazione, di apprendistato, di formazione continua anche con i fondi interprofessionali, ecc.. Qualora il numero complessivo di ore, calcolato come sopra specificato, risultasse inferiore al numero di ore minimo previsto per l ambito di riferimento, potrà essere presentato un pacchetto base equivalente al minimo previsto per l ambito di riferimento. b) un unico pacchetto formativo sviluppo, per un numero complessivo di ore sostenibile in base alle risorse organizzative e professionali di cui si dispone. L Amministrazione si riserva di rideterminare il numero di ore inserite nel pacchetto base qualora ai fini della determinazione del massimale del numero di ore stesso il soggetto abbia incluso attività non congruenti con quelle del presente Avviso. La rideterminazione sarà effettuata d ufficio in sede di valutazione considerando esclusivamente le attività congruenti. Al fine di garantire la qualità dell offerta formativa e un adeguato periodo di osservazione delle attività corsuali proposte, per il periodo di valenza del presente Avviso i soggetti che non hanno avuto esperienza di progetti congruenti con il presente Avviso finanziati nel territorio regionale della Sicilia nell anno 2010, a valere su risorse regionali, nazionali e comunitarie, potranno presentare, per un solo ambito formativo e ambito provinciale, un unico pacchetto formativo di base per un numero di ore corso fino a Per le stesse finalità, i soggetti che abbiano avuto un numero complessivo di ore finanziate, calcolato come specificato al punto a), inferiore alle 1.800, potranno fare riferimento a quanto indicato al medesimo punto a) oppure, a loro giudizio, presentare - per un solo ambito formativo e ambito provinciale - un unico pacchetto formativo di base per un numero di ore corso fino a In relazione alla congruenza, si rinvia a quanto sopra specificato al punto a). 10

11 I pacchetti formativi potranno essere costituiti anche da un solo corso. Qualora il numero complessivo di ore risultante nello specifico territorio provinciale e ambito fosse inferiore alle 1.800, è consentito presentare un pacchetto base di ore al fine di uniformare gli stessi a quelli dei soggetti che non hanno avuto esperienza di progetti congruenti con le attività del presente Avviso finanziati nel territorio regionale della Sicilia nell anno In ogni caso, in coerenza con quanto previsto dall indicatore 3.3, dell articolo 8, Parte I dell Avviso, relativo ai criteri di selezione, l Organismo formativo dovrà accompagnare le proprie proposte con un'analisi puntuale ed analitica dei fabbisogni formativi, motivandone l attuazione e indicando la dimensione del bacino di utenza, rispetto al quale intenderà svolgere l attività. Ciascun pacchetto formativo, così come approvato, potrà essere oggetto di riedizioni nelle successive annualità 2013 e 2014 a condizione che: vi sia la necessaria copertura finanziaria a valere sul PO FSE e sul Bilancio regionale per l'esercizio finanziario di riferimento; il finanziamento relativo al pacchetto formativo, approvato nella precedente annualità, non sia stato oggetto di revoca; l Organismo formativo abbia dichiarato, al momento della presentazione della proposta, la propria disponibilità a realizzare le successive edizioni dei percorsi formativi, anche rimodulandole, utilizzando il modello di dichiarazione di cui fac-simile all Allegato 1; I soggetti finanziati, a valere sul presente Avviso, abbiano comunicato annualmente all Amministrazione regionale (Dipartimento Istruzione e Formazione Professionale), con scadenza 30 giugno, i dati relativi al bilancio, di cui all art. 7.1 del presente Avviso. L'omessa comunicazione di tali informazioni determina il mancato finanziamento per l anno successivo. In caso di mancato avviamento secondo quanto indicato di seguito nell Avviso, di uno o più dei corsi di formazione previsti all interno di un pacchetto formativo approvato, le relative risorse, che si rendano disponibili, verranno destinate all attivazione dei pacchetti formativi Ammessi ma non finanziati, di cui all Art. 8 punto 8.3, parte I del presente Avviso. L assegnazione avverrà sulla base dello scorrimento della graduatoria e della dimostrata capacità del soggetto individuato di avviare, nelle dovute tempistiche, il pacchetto formativo. In caso di mancato avvio si procederà alla revoca dell affidamento procedendo nello scorrimento delle graduatorie con lo stesso criterio sopra riportato. A fronte di variazioni nell evoluzione prevista dei fabbisogni rilevati, l Amministrazione regionale potrà, d intesa con i soggetti proponenti selezionati, disporre la revisione della proposta progettuale in modo tale che questa sia più coerente con gli obiettivi programmati. 5. DURATA E RISORSE FINANZIARIE Per i pacchetti formativi da avviare nell annualità 2012 è disponibile l importo complessivo di euro ,00 a valere sul PO FSE, Asse II Occupabilità. Per le edizioni successive, le risorse del FSE potranno essere integrate da risorse a valere sul Bilancio regionale. In particolare, le risorse sopra indicate sono ripartite per ambito formativo secondo quanto si riporta nella tabella seguente: Ambito Fonte Disponibilità 1. FORGIO 2. FAS PO FSE, ASSE II - OCCUPABILITA, Obiettivo Specifico d) PO FSE, ASSE II, OCCUPABILITA, Obiettivo Specifico d) , ,00 11

12 Ambito Fonte Disponibilità 3.FP PO FSE, ASSE II OCCUPABILITA, Obiettivo specifico d) ,00 TOTALE ,00 Le risorse sopraindicate sono ripartite territorialmente secondo quanto previsto dalla seguente tabella di realizzazione attesa per ciascuna annualità e per ambito formativo. PROVINCIA AMBITI RISORSE AG Forgio Fas Fp Tot. AG CL Forgio Fas Fp Tot. CL CT Forgio Fas Fp Tot. CT EN Forgio Fas Fp Tot. EN ME Forgio Fas Fp Tot. ME PA Forgio Fas Fp Tot. PA RG Forgio Fas Fp Tot. RG

13 PROVINCIA AMBITI RISORSE SR Forgio Fas Fp Tot. SR TP Forgio Fas Fp Tot. TP Totale Forgio Totale FAS Totale FP Totale generale In relazione a eventuali economie che potranno risultare in fase di definizione delle graduatorie, l'amministrazione regionale si riserva la facoltà di procedere ad eventuali variazioni dell allocazione di risorse tra i tre ambiti formativi e/o provinciali sopra riportati, sulla base della rispondenza alle esigenze del territorio di riferimento o per sostenere situazioni in cui l offerta formativa è particolarmente carente. 6. INDICAZIONI GENERALI PER LA FORMULAZIONE DELLE PROPOSTE Le proposte formative presentate a valere sul presente Avviso dovranno: 1. essere formulate in coerenza con le analisi previsionali del contesto in cui esse si collocano, evidenziando le tendenze del settore e del territorio di riferimento, valutando le competenze professionali richieste; 2. specificare se l intervento proposto sia coerente con i fabbisogni professionali espressi dagli scenari futuri di domanda di lavoro e/o dell affermazione di nuove tecnologie o modalità di innovazione produttiva, specificandone eventualmente l'articolazione; 3. definire con chiarezza le finalità generali del piano formativo, esplicitando altresì, gli obiettivi formativi dei progetti di formazione, in precisa relazione alle caratteristiche, qualifiche e competenze professionali dei lavoratori che si intende coinvolgere; 4. prevedere l impiego di strumentazione di verifica iniziale, in itinere e finale dell efficacia dell azione svolta su ogni singolo soggetto coinvolto; Nell ambito dei criteri di valutazione, sono considerati, in una logica di premialità, i seguenti indicatori (cfr. Art. 8, punto 8.2): 1. utilizzo per l attuazione del pacchetto formativo, di personale docente e non docente, con contratto di lavoro a tempo indeterminato, così come risulta in organico all ente al 30 giugno 2011; 2. impegno ad utilizzare personale, docente e non docente, attingendo dall Elenco regionale ad esaurimento degli operatori della formazione professionale in corso di costituzione, e in possesso di esperienza professionale coerente con i percorsi formativi da realizzare. Tale ricorso si assume solo nel caso in cui, per la realizzazione dell offerta formativa di cui al presente Avviso, si renda necessario ampliare il proprio organico. Il mancato rispetto di tale impegno 13

14 comporta la non ammissibilità a successivi finanziamenti per le annualità a valere sul presente Avviso. 3. Presenza di corsi per la formazione di figure professionali relative ai seguenti settori prioritari : Energie rinnovabili; Trattamento e riutilizzo dei rifiuti; Valorizzazione delle risorse naturali e culturali; Agroalimentare e marketing prodotti agricoli. Per tutti e tre gli Ambiti di cui all art. 1, parte I, in coerenza con le indicazioni dei Regolamenti di riferimento dei Fondi strutturali per il periodo , le proposte dovranno dimostrare di contribuire al perseguimento delle seguenti priorità trasversali dalla programmazione comunitaria: principio delle pari opportunità di genere; principio della sostenibilità, sia sotto il profilo ambientale che sociale; principio dell innovazione, inteso in termini di sperimentazione ed adozione di metodologie didattiche innovative. 6.1 Delega e acquisizione di beni e servizi strumentali ed accessori È ammessa la delega a terzi (intendendosi l affidamento a terzo che non sia partner, né persona fisica), al fine dello svolgimento di attività previste dall operazione. Per la disciplina di dettaglio, si rinvia a quanto previsto nel Vademecum. 6.2 Stage formativo I soggetti proponenti devono prevedere, obbligatoriamente, per i corsi rientranti negli ambiti FORGIO e FAS, uno stage formativo da svolgersi a conclusione o all interno del percorso formativo d aula. Lo stage formativo si deve, comunque, porre in continuità con il percorso formativo d aula e in generale deve essere contenuto in una quantità di ore di impegno giornaliero non superiore al percorso d aula. Qualora le ore giornaliere di stage fossero superiore a sei, e comunque non superiori ad otto, l Ente si deve fare carico di coprire i costi di vitto dei partecipanti agli stage senza alcun onere aggiuntivo per l Amministrazione, nell ambito del finanziamento approvato. La partecipazione allo stage formativo deve essere compresa tra il 20% ed il 30% delle ore previste del percorso formativo. Si specifica che è obbligatorio per l Organismo formativo assicurare al destinatario della attività formativa una azione di tutoraggio durante il periodo di stage. Gli stage possono essere realizzati anche presso le strutture dell Organismo formativo. In questo caso, l Organismo formativo deve assicurare la possibilità di svolgere lo stage attraverso strumenti tipici della simulazione di impresa, consistente nella riproduzione - all interno dell Organismo formativo - della struttura e delle funzioni di un impresa reale in tutti gli aspetti che riguardano l organizzazione, i tempi di lavoro, gli ambienti, la documentazione e gli aspetti relazionali. 7. MODALITA E TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE Al fine della partecipazione al presente Avviso, per gli ambiti indicati al precedente articolo 1, i soggetti proponenti dovranno presentare, a pena di esclusione, un plico composto da due buste: Busta A Documentazione. Plico contenente la documentazione indicata al successivo articolo 7.1; 14

15 Busta B Formulario Plico contenente copia cartacea del formulario compilato on line, e dichiarazione su personale e sistema organizzativo, come specificato all'articolo 7.2. A pena di inammissibilità, la domanda dovrà essere presentata dal richiedente mediante compilazione della stessa e registrazione sul sito internet all indirizzo La procedura informatica di presentazione delle istanze sarà resa disponibile entro il 10 giorno a decorrere dalla data di pubblicazione del presente Avviso sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana (G.U.R.S.). Il sistema permette di registrarsi, salvare le informazioni e verificare la correttezza dei dati inseriti. Una volta completata la procedura di inserimento dei dati, certi della completezza e della correttezza degli stessi, il soggetto dovrà convalidare i dati che saranno trasmessi automaticamente alla Regione siciliana - Dipartimento dell Istruzione e della Formazione Professionale. Eseguita la procedura di convalida, non si potrà più apportare alcuna modifica. Ai sensi del D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000, il soggetto si assume la piena responsabilità civile e penale in caso di dichiarazioni false e mendaci. Per rendere effettiva la richiesta, la domanda dovrà essere stampata dal sistema, e inviata in cartaceo, con le modalità indicate di seguito. A pena di inammissibilità, le domande redatte come sopra indicato, dovranno pervenire entro il 45 giorno a decorrere dalla data di pubblicazione del presente Avviso sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana (GURS), tramite consegna a mano (dalle 9.00 alle dei giorni lavorativi) oppure per raccomandata con avviso di ricevimento al seguente indirizzo: Regione Siciliana Dipartimento dell Istruzione e della Formazione Professionale Via Ausonia, Palermo. Al riguardo fa fede il timbro del protocollo di accettazione della Direzione di questo Dipartimento. Non farà fede il timbro postale, né la data né l ora di conferma sul sistema. L Amministrazione non assume responsabilità per eventuali ritardi o disguidi del servizio postale. Ogni plico dovrà contenere un unico pacchetto formativo, base o sviluppo. Sul plico in cui sono contenute le buste A e B dovranno essere indicati: la dicitura Avviso n. 20/2011 Percorsi formativi per il rafforzamento dell occupabilità della forza lavoro siciliana periodo Provincia di, Ambito formativo ; Pacchetto formativo. (specificare se base o sviluppo ); Riferimento interno assegnato dalla procedura informatica (visibile sul frontespizio del formulario). il mittente, ovvero il soggetto proponente l intervento Busta A A pena di inammissibilità la busta A dovrà contenere: 1. Richiesta di finanziamento generata e stampata dal sistema informativo e riportante la dicitura CONFERMATA come da Allegato 1 al presente Avviso, sottoscritta dal legale rappresentante dell Organismo formativo e corredata dalla fotocopia del documento di riconoscimento valido, con autodichiarazioni ai sensi del D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000 di: - svolgimento dell attività formativa senza scopo di lucro; - svolgimento dell attività secondo la normativa di settore vigente; - essere accreditato o di avere già presentato istanza di accreditamento così come previsto all art. 2 dell Avviso; - essere in regola con gli obblighi previsti dall articolo 17 della L. 68/99 Norme per il diritto al lavoro dei disabili, se rientrano nelle condizioni previste dalla suddetta normativa; - che per il medesimo intervento non sono stati richiesti altri finanziamenti nell ambito di programmi 15

16 nazionali o regionali, né altri programmi o iniziative comunitarie; - che il soggetto non ha commesso violazioni, definitivamente accertate, rispetto agli obblighi relativi al pagamento delle imposte e tasse, secondo la legislazione italiana o quella dello stato in cui è stabilito; - che il soggetto non ha commesso violazioni gravi definitivamente accertate alle norme in materia di contributi previdenziali e assistenziali, secondo la legislazione italiana o quella dello stato in cui è stabilito; - di essere disponibile a realizzare successive edizioni dei percorsi formativi presentati anche per le annualità dichiarazione dei dati relativi agli ultimi due anni di esercizio ( ) in merito al patrimonio netto, conto economico, costi e ricavi di produzione, valore complessivo delle entrate derivanti da finanziamenti pubblici generata e stampata dal sistema informativo e riportante la dicitura CONFERMATA come da Allegato 2 al presente Avviso, sottoscritta dal legale rappresentante dell Organismo formativo e corredata della fotocopia del documento di riconoscimento valido in allegato, con autodichiarazioni ai sensi del D.P.R. n. 445 del 28 dicembre Tutta la documentazione di cui sopra dovrà riportare la numerazione progressiva delle pagine Busta B A pena di inammissibilità la busta B dovrà contenere: 1. copia cartacea del formulario compilato on line, debitamente numerato e siglato in ogni pagina e sottoscritto con firma leggibile dal rappresentante legale del soggetto proponente (Allegato 3); 2. Dichiarazione generata e stampata dal sistema informativo e riportante la dicitura CONFERMATA come da Allegato 4 al presente Avviso, sottoscritto dal legale rappresentante dell Organismo formativo e corredata dalla fotocopia del documento di riconoscimento valido in allegato, con autodichiarazioni di: - incidenza del personale a tempo indeterminato in organico al 30 giugno 2011 sul personale totale proposto per l attuazione delle attività; - impegno ad utilizzare, nel caso di nuove assunzioni, personale, docente e non docente attingendo al personale iscritto nell Elenco regionale ad esaurimento degli operatori della formazione professionale ; - presenza di corsi destinati alla formazione di figure professionali relative ai settori prioritari; - rispondenza del modello organizzativo e delle figure professionali, con contratto a tempo indeterminato, del soggetto proponente rispetto a quanto previsto nell art 10 del DM 166 sull accreditamento Informazioni Per assicurare a tutti i potenziali partecipanti parità di condizioni informative, eventuali domande di chiarimento in merito ai contenuti del presente Avviso devono essere inoltrate al Dipartimento Regionale dell Istruzione e della Formazione Professionale e per iscritto all indirizzo Le risposte ai chiarimenti pervenuti alimentano un apposita rubrica del sito della Regione - chiarimenti FAQ, Avviso pubblico n. 20/ secondo le modalità stabilite dal Dipartimento Formazione Professionale e rese pubbliche nelle suddette pagine web. 8. AMMISSIBILITA E VALUTAZIONE DELLE PROPOSTE 8.1. Verifica di ammissibilità Le proposte progettuali sono ritenute non ammesse alla valutazione se: 16

17 pervenute oltre i termini previsti; non presentate tramite il sistema informatico indicato sul sito ; non confermate, ai sensi della procedura di cui al precedente articolo 7, e quindi con allegati non riportanti la dicitura CONFERMATA ; con allegati non conformi ai dati presenti sul sistema informatico, riportanti correzioni o abrasioni anche accidentali del contenuto; presentate da parte di soggetti non ammissibili ai sensi dell'art. 2 del presente Avviso; presentate in violazione delle modalità e dei termini indicati all'art. 7 del presente Avviso; non corredate dalla documentazione richiesta dal presente Avviso; le cui specifiche sezioni della domanda risultino prive di dati essenziali per la valutazione; in contrasto con specifiche normative di settore. La verifica di ammissibilità viene eseguita a cura del Servizio competente del Dipartimento Regionale dell Istruzione e della Formazione Professionale. Le proposte ammissibili sono sottoposte a successiva istruttoria di valutazione tecnica. La valutazione è effettuata da una Commissione di valutazione, i cui componenti sono nominati dal Dirigente Generale del Dipartimento dell Istruzione e della Formazione Professionale; tale Commissione è composta da funzionari regionali, eventualmente, anche in collaborazione con esperti esterni, individuati a valere della long list valutatori del FSE della Regione Siciliana, e si potrà avvalere con le sole funzioni di segreteria tecnica dell Assistenza Tecnica del PO FSE Nella fase di valutazione possono essere richiesti, ai soggetti proponenti, ulteriori elementi conoscitivi. L esame delle proposte progettuali presentate viene effettuata tenendo conto dei criteri di selezione nel paragrafo seguente Criteri di selezione per proposte progettuali presentate da organismi formativi Per tutti i progetti che possiedono i requisiti formali e per i quali il soggetto gestore risulta in possesso dei requisiti necessari, la valutazione complessiva è espressa secondo i seguenti criteri e punteggi declinati per le graduatorie relative a ciascun ambito formativo e territoriale di cui agli artt. 1 e 5. Criteri di valutazione N. Indicatori P.ti 1. QUALIFICAZIONE DEL SOGGETTO PROPONENTE 1.1 Esperienza continuativa nel territorio regionale Esperienza maturata nell ambito di attività di 0-8 formazione/orientamento/istruzione/politiche del 1.2 lavoro finanziate a valere su risorse regionali e/o nazionali e/o comunitarie Capacità di realizzazione rilevata in precedenti azioni 0-5 finanziate (ad esempio, limitato numero di abbandoni, ritiri, ecc.). Rispondenza del modello organizzativo e delle figure 0-5 professionali, con contratto a tempo indeterminato, del soggetto proponente rispetto a quanto previsto nell articolo 10 del DM 166 sull accreditamento. Punteggio tot max 41 17

18 Criteri di valutazione N. Indicatori P.ti 1.5 Indicatore premiale: incidenza percentuale del 0-3 personale a tempo indeterminato in organico al 30 giugno 2011 sul personale totale proposto per l attuazione delle attività presentate. Punteggio tot max 2. CARATTERISTICHE DELLA PROGETTAZIONE 3. INNOVAZIONE E IMPATTI 4. RISPONDENZA ALLE PRIORITÀ TRASVERSALI Congruenza tra fabbisogno territoriale, contenuti 0-5 dell'offerta formativa contemplata dal pacchetto, impianto didattico dei corsi proposti. Grado di dettaglio nella descrizione dei principali 0-5 elementi progettuali (obiettivi/contenuti/modalità formative, criteri e modalità di selezione, criteri e modalità di riconoscimento dei crediti). Congruenza tra professionalità/competenze dei formatori che si intende impegnare e contenuti dell attività formativa proposta. 2.4 Descrizione qualitativa e quantitativa degli strumenti e 0-5 delle tecnologie didattiche per la realizzazione del progetto. 2.5 Principio di sostenibilità Indicatore premiale: Dichiarazione di impegno in caso 0-3 di nuove assunzioni ad ampliare l organico attingendo dall elenco regionale qualora necessario. Indicatore premiale: Presenza di corsi destinati alla 0-2 formazione di figure professionali relative ai settori prioritari di cui all articolo 6. Impatti attesi in termini di raggiungimento dei target di Europa 2020 e di contributo specifico agli orientamenti 0-4 nazionali, regionali e provinciali per lo sviluppo economico e la crescita del capitale umano. 3.2 Grado di innovazione metodologica Grado di individuazione quali-quantitativa (analisi dei fabbisogni di lavoro e formativa) dei destinatari Pari opportunità. 0-3 Sviluppo sostenibile Di seguito si riportano, relativamente a ciascun criterio, le griglie di valutazione che saranno utilizzate per ciascuno degli indicatori sopra presentati nella tabella. 1. QUALIFICAZIONE DEL SOGGETTO PROPONENTE 18

19 I dati forniti dai soggetti proponenti, sulla cui base saranno calcolati i punteggi previsti per questo criterio, saranno oggetto di verifica puntuale da parte dell Amministrazione, ricorrendo alle informazioni di cui dispone a valere sulla sua banca dati di monitoraggio delle attività condotte nell ultimo quinquennio. Per i soggetti e/o quelle attività di cui non si dispone dei dati nella banca dati della Regione, l Amministrazione ha facoltà di richiedere la necessaria documentazione ad attestazione della correttezza dei dati forniti. A fronte di dati non veritieri o di mancata trasmissione della documentazione richiesta, il punteggio assegnato per questi indicatori sarà sempre quello minimo (0), ferme restando le cause di esclusione previste dal presente Avviso. Esperienza continuativa nel territorio regionale (punto 1.1) I punteggi saranno attribuiti attraverso una valutazione basata sulla realizzazione continuativa di corsi, realizzati nell intero territorio regionale, nel corso di ciascuno degli ultimi 5 anni precedenti alla data di pubblicazione del presente Avviso a valere su risorse pubbliche regionali, nazionali e comunitarie, congruenti con le attività proposte nel presente Avviso. Ne consegue che, ad esempio, sono esclusi dal confronto i corsi realizzati nell ambito dell OIF, dell IFTS e dell alta formazione, dell apprendistato, della formazione continua anche con i fondi interprofessionali etc.: nessuna esperienza = 0 punti da 0 ad 1anno = 3 punti oltre 1anno fino a 3 anni incluso = 8 punti oltre 3 anni fino a 4 anni incluso = 15 punti oltre 4 anni = 20 punti Esperienza maturata nell ambito di attività di formazione/orientamento/istruzione/politiche del lavoro finanziate a valere di risorse regionali, nazionali e comunitarie (punto 1.2) I punteggi saranno attribuiti attraverso una valutazione basata sul totale delle ore dei corsi che gli enti proponenti hanno realizzato, nell ambito provinciale, negli anni , nell ambito di attività di formazione/orientamento/istruzione/politiche del lavoro finanziate a valere di risorse regionali, nazionali e comunitarie congruenti con le attività proposte nel presente Avviso. In relazione alla congruenza, a titolo esemplificativo, sono da considerare esclusi i finanziamenti ricevuti per interventi di obbligo di istruzione e formazione (OIF), di IFTS, di alta formazione, di apprendistato, di formazione continua anche con i fondi interprofessionali, ecc. 0 ore = 0 punti fino a ore = 2 punti da a ore = 4 punti da a ore = 6 punti da a ore = 7 punti più di = 8 punti Relativamente all assegnazione di tali punteggi si precisa che: a) l arco temporale è riferito agli anni ; b) nell ambito oggettivo: - per corso si intende una delle attività formative inserite nella classificazione ISFOL per le azioni FSE; 19

20 - sono esclusi i corsi per i quali è stato adottato un provvedimento di revoca del finanziamento della relativa attività formativa. Capacità di realizzazione rilevata in precedenti azioni finanziate (ad esempio, limitato numero di abbandoni, ritiri, ecc.) (punto 1.3) I punteggi sono assegnati tenendo conto della percentuale degli allievi esaminati, in tutte le sedi regionali, sul totale degli iscritti a precedenti azioni finanziate dalla Regione Siciliana negli anni : meno del 40% = 0 punti tra il 40,1 e il 50% = 1 punto tra il 50,1% e 60% = 3 punti tra il 60,1% e il 75%= 4 punti oltre il 75% = 5 punti Per i corsi FORGIO e FAS finalizzati all acquisizione della qualifica si prendono in esame i dati relativi al rapporto tra il numero degli allievi iscritti e il numero degli allievi esaminati. Per i corsi FP e FAS non finalizzati all acquisizione della qualifica si prendono in esame i dati relativi al rapporto tra gli allievi che hanno portato a termine il corso e gli allievi iscritti. I dati saranno autocertificati dagli enti e verificati con le banche dati in possesso del Dipartimento Istruzione e Formazione. Rispondenza del modello organizzativo e delle figure professionali, con contratto a tempo indeterminato, del soggetto proponente rispetto a quanto previsto nell'articolo 10 "Definizione di standard di competenze professionali dei formatori" del DM 166/01 - normativa relativa all'accreditamento- (punto 1.4) Il modello organizzativo e gli standard minimi di competenze professionali di riferimento per l'attribuzione dei punteggi sono quelli stabiliti nell'allegato 2, punto 3, del DM n. 166/2001 e riportato nell' Allegato 4 del presente Avviso. - Corrispondenza elevata con il modello organizzativo e gli standard minimi di competenze professionali di riferimento stabiliti nell'allegato 2, punto 3, del DM n. 166/2001 = 5 Numero minimo competenze professionali di riferimento per raggiungimento punteggio = 5 1) Direttore; 1) Responsabile gestione economica e finanziaria; 1) Analista fabbisogni formativi (Macrotipologia A e B); 1) Responsabile Accreditamento; 1) Progettista; 1) Valutatore; 1) Coordinatore; 1) Formatore (formazione corsuale: aula laboratorio) 1) Formatore Tutor (formazione corsuale: supporto, stage formazione all inserimento lavorativo - Macrotipologia A e B); 1) Orientatore. 20

21 - Corrispondenza soddisfacente con il modello organizzativo e gli standard minimi di competenze professionali di riferimento stabiliti nell'allegato 2, punto 3, del DM n. 166/2001 = 3 Numero minimo competenze professionali di riferimento per raggiungimento punteggio = 3 1) Direttore; 1) Responsabile gestione economica e finanziaria; 1) Responsabile Accreditamento; 1) Analista fabbisogni formativi (Macrotipologia A e B), Progettista, Valutatore, Coordinatore.. 1) Formatore Tutor (formazione corsuale: supporto, stage formazione all inserimento lavorativo - Macrotipologia A e B); - Corrispondenza insoddisfacente con il modello organizzativo e gli standard minimi di competenze professionali di riferimento stabiliti nell'allegato 2, punto 3, del DM n. 166/2001 (in numero inferiore alle figure professionali previste al punto precedente) = 0 Indicatore premiale: incidenza percentuale del personale a tempo indeterminato proposto per l attuazione delle attività presentate sul personale totale proposto per l attuazione delle attività presentate (punto 1.5) L indicatore è dato dal rapporto tra: Personale a tempo indeterminato proposto espresso in ULA / Personale totale proposto espresso in ULA *100 (cfr. tabella di calcolo ULA sottostante). Punteggio assegnato in relazione al valore dell indicatore: da 0 a 50% = 0 da 50% ad 80% = 1 oltre 80%=3 L indicatore è calcolato con riferimento sia al personale presente nel libro unico del lavoro, sia al numero di collaboratori (tanto autonomi quanto quelli con contratto a progetto o coordinato continuativo), espresso in ULA (che rappresentano unità-lavorative-anno) secondo le modalità seguenti: 1. Nel calcolo del personale a tempo indeterminato proposto deve computarsi esclusivamente il personale in organico alla data del 30 giugno 2011, espresso in ULA. Il personale a tempo parziale è computato in frazioni di ULA, secondo la tabella di calcolo sottostante. 2. Il numero totale del personale proposto è uguale alla somma tra le ULA di cui al punto 1 precedente e il numero di lavoratori proposti impiegati con qualsiasi altra forma contrattuale non a tempo indeterminato (dipendenti occupati a tempo determinato, sia a tempo pieno che parziale, collaboratori a progetto o occasionali, ecc.), espresso in ULA. Il personale a tempo parziale è computato in frazioni di ULA, secondo la tabella di calcolo sottostante. 21

22 Il calcolo va effettuato secondo la seguente tabella. TABELLA DI CALCOLO Personale a tempo indeterminato proposto ULA A Contratto tempo pieno n.dip B Contratto tempo parziale i (x i /36) ULA1 Totale personale a tempo indeterminato ULA1 =(a + b) NB: si considera esclusivamente il personale in organico al 30/6/2011 secondo il contratto in vigore a detta data Personale non a tempo indeterminato proposto ULA c t. d. tempo pieno intero anno n.dip d t. d. tempo pieno inferiore all'anno i (m i /12) e t. d. tempo parziale intero anno i (x i /36) f t. d. tempo parziale inferiore all'anno i (x i /36 * m i /12) g Altre forme contrattuali con impegno espresso in ore i (n.ore i /1590) h Altre forme contrattuali con impegno non espresso in ore 0,02*n.lav ULA2 Totale personale non a tempo indeterminato ULA2 = (c+d+e+f+g+h) ULA Totale personale proposto ULA = ULA1+ ULA2 VALORE DELL INDICATORE ULA1/ULA LEGENDA: ULA = unità lavorative anno n.dip = numero dipendenti i = sommatoria di tutti gli i valori x i = numero ore contrattuali settimanale del lavoratore i-esimo 36 = coefficiente fisso, stabilito in base al numero di ore settimanali previste dal CCNL formazione professionale m i = numero mesi durata contratto del lavoratore i-esimo 12 = mesi dell'anno n.ore i = numero di ore contrattuali del lavoratore i-esimo 1590 = coefficiente fisso, stabilito in base al numero di ore annuali previste dal CCNL formazione professionale 0,02 = coefficiente fisso Tali dati dovranno essere resi mediante auto dichiarazione, ai sensi degli articoli 75 e 76 del DPR n. 445 del 28 dicembre 2000, sottoscritta dal legale rappresentante dell Ente, con cui questi dichiara di essere consapevole delle responsabilità anche penali derivanti dal rilascio di dichiarazioni mendaci e della 22

23 conseguente decadenza dai benefici concessi sulla base di una dichiarazione non veritiera. L Amministrazione effettuerà verifiche a campione sulla veridicità dei dati trasmessi, anche ricorrendo alle informazioni di cui dispone questo Dipartimento. 2. CARATTERISTICHE DELLA PROGETTAZIONE I punteggi saranno attribuiti formulando un giudizio sull organizzazione del percorso formativo, sui contenuti e sulle modalità realizzative attuate. Congruenza tra fabbisogno territoriale, obiettivi dell offerta formativa contemplata dal pacchetto, impianto didattico dei corsi proposti. (punto 2.1) Il punteggio sarà espresso sulla base della seguente griglia: Ottimo = 5 punti Buono = 3 punti Discreto = 2 punti Sufficiente = 1 punto Insufficiente = 0 punti Grado di dettaglio nella descrizione dei principali elementi progettuali (contenuti/ modalità formative, criteri e modalità di selezione, criteri e modalità di riconoscimento di crediti) (punto 2.2) Il punteggio sarà espresso sulla base della seguente griglia: Ottimo = 5 punti Buono = 3 punti Discreto = 2 punti Sufficiente = 1 punto Insufficiente = 0 punti Congruenza tra professionalità/ competenze dei formatori che si intende impegnare e contenuti dell attività formativa proposta (punto 2.3) Il punteggio è attribuito sulla base di un giudizio che tiene conto cumulativamente (A.1 e A.2) della qualità del gruppo dei docenti e tutor che si intende impegnare e contenuti dell attività formativa proposta, secondo la seguente griglia: A.1 Esperienza professionale coerente con l attività proposta: pari ad almeno 5 anni = massimo punti 3; pari ad almeno 10 anni = massimo punti 5. A.2 Esperienza didattica coerente con l attività proposta: pari ad almeno 5 anni = massimo punti 3; pari ad almeno 10 anni = massimo punti 5. 23

24 N.B. L esperienza professionale e didattica si riferiscono al numero medio di anni di esperienza dell intero corpo docente. Descrizione quali e quantitativa degli strumenti/tecnologie didattiche per la realizzazione del progetto (punto 2.4) I punteggi saranno attribuiti, in ciascun ambito provinciale, sulla base della seguente griglia: strumenti/tecnologie didattiche adeguati sia qualitativamente che quantitativamente = 5 punti strumenti/tecnologie didattiche parzialmente adeguati qualitativamente e quantitativamente = da 0 a 3 punti Principio di sostenibilità (punto 2.5) Offerta di pacchetto base o offerta di nuovi soggetti (intesi come soggetti che non hanno avuto esperienza di progetti congruenti con le attività del presente Avviso finanziati nel territorio regionale della Sicilia nell anno 2010, a valere su risorse regionali, nazionali e comunitarie) coerente con la programmazione regionale e con le prescrizioni dell Avviso (cfr. Art. 4)= 14 punti Offerta di pacchetti di sviluppo per un volume di ore non superiore al 5% del monte ore per cui si sono ottenuti i finanziamenti a valere su risorse regionali, nazionali e comunitarie, nell anno 2010 = 7 punti Offerta di pacchetti di sviluppo per un volume di ore non superiore al 10% del monte ore per cui si sono ottenuti i finanziamenti a valere su risorse regionali, nazionali e comunitarie, nell anno 2010 = 4 punti Offerta di pacchetti di sviluppo per un volume di ore non superiore al 15% del monte ore per cui si sono ottenuti i finanziamenti a valere su risorse regionali, nazionali e comunitarie, nell anno 2010 = 3 punti Offerta di pacchetti di sviluppo per un volume di ore non superiore al 20% del monte ore per cui si sono ottenuti i finanziamenti a valere su risorse regionali, nazionali e comunitarie, nell anno 2010 = 2 punti Offerta di pacchetti di sviluppo per un volume di ore non superiore al 25% del monte ore per cui si sono ottenuti i finanziamenti a valere su risorse regionali, nazionali e comunitarie, nell anno 2010 = 1 punti Offerta di pacchetti di sviluppo per un volume di ore superiore al 25% del monte ore per cui si sono ottenuti i finanziamenti a valere su risorse regionali, nazionali e comunitarie, nell anno 2010 = 0 punti. Indicatore premiale: Dichiarazione di impegno in caso di nuove assunzioni ad ampliare l organico attingendo dall elenco regionale qualora necessario (punto 2.6) Presenza della dichiarazione = 3 punti Assenza della dichiarazione = 0 punti Indicatore premiale: Presenza di corsi destinati alla formazione di figure professionali relative ai settori prioritari di cui all articolo 6 (punto 2.7) Presenza di corsi = 2 24

25 Assenza di corsi = 0 3. INNOVAZIONE E IMPATTI Impatti attesi in termini di raggiungimento dei target di Europa 2020 e di contributo specifico agli orientamenti nazionali, regionali e provinciali per lo sviluppo economico e la crescita del capitale umano (punto 3.1) Il punteggio sarà attribuito sulla base di una valutazione del grado di coerenza del progetto con le esigenze previste dai target di Europa 2020 e del grado di contributo specifico agli orientamenti nazionali, regionali e provinciali per lo sviluppo economico e la crescita del capitale umano. La valutazione verrà condotta tenendo conto della seguente griglia: Coerenza con esigenze dei target di Europa 2020 e contributo specifico agli orientamenti nazionali, regionali e provinciali elevati = 4 punti Coerenza con esigenze dei target di Europa 2020 e contributo specifico agli orientamenti nazionali, regionali e provinciali buoni = 3 punti Coerenza con esigenze dei target di Europa 2020 e contributo specifico agli orientamenti nazionali, regionali e provinciali discreti = 2 punti Coerenza con esigenze dei target di Europa 2020 e contributo specifico agli orientamenti nazionali, regionali e provinciali modesti = 1 punti Coerenza con esigenze dei target di Europa 2020 e contributo specifico agli orientamenti nazionali, regionali e provinciali non significativi = 0 punti Grado di innovazione metodologica (punto 3.2) I punteggi relativamente al grado di innovazione della metodologia usata saranno assegnati tenendo conto della seguente griglia: - innovazione metodologica elevata = 2 punti - innovazione metodologica discreta = 1 punto - innovazione metodologica non significativa = 0 punti Grado di individuazione quali-quantitativa (analisi dei fabbisogni di lavoro e formativa) dei destinatari (punto 3.3) Il punteggio sarà espresso sulla base della seguente griglia: Ottimo = 3 punti Buono = 1 punti Insufficiente = 0 punti 4. RISPONDENZA ALLE PRIORITÀ TRASVERSALI Pari opportunità (punto 4.1) 25

26 Presenza nei corsi proposti di attività di accompagnamento e di formazione finalizzate a favorire la partecipazione femminile ed a sostenere la diffusione del principio delle pari opportunità di genere. I punteggi saranno assegnati tenendo conto della seguente griglia: Elevata presenza attività finalizzate al conseguimento di questo obiettivo trasversale = 3 punti Presenza soddisfacente di attività finalizzate al conseguimento di questo obiettivo trasversale = 1 punto Nessuna presenza = 0 punti Sviluppo sostenibile (punto 4.2) Presenza nei corsi proposti di attività di accompagnamento e formazione finalizzate al conseguimento del principio di sviluppo sostenibile sotto il profilo sociale ed ambientale. I punteggi saranno assegnati tenendo conto della seguente griglia: -Elevata presenza di attività che dimostrano attenzione al principio dello sviluppo sostenibile sotto il profilo ambientale e sociale = 3 Presenza soddisfacente di attività che dimostrano attenzione al principio dello sviluppo sostenibile sotto il profilo ambientale e sociale = 1 punto -Nessuna presenza di attività che dimostra attenzione al principio dello sviluppo sostenibile sotto il profilo ambientale e sociale = Formazione delle graduatorie e relativa approvazione Tutte le proposte progettuali presentate e ritenute ammissibili a valutazione, che riporteranno un punteggio non inferiore a 55/100, verranno utilmente inserite in graduatorie per ambito formativo e per ambito territoriale, come indicato agli artt. 1 e 5 dell Avviso, ed utilmente collocate in graduatoria per l ammissibilità al finanziamento. Ogni graduatoria è formulata mediante ordinamento decrescente dei singoli pacchetti in relazione al punteggio totale ottenuto da ciascuno di essi; allo scopo di garantire il più diffuso utilizzo delle risorse, in caso di pari punteggio, sarà data precedenza agli interventi di minore importo e, tra questi, agli interventi con maggior numero di allievi, in rapporto al dimensionamento territoriale su cui ricade l intervento (ambito provinciale). L'approvazione dei pacchetti formativi avviene nell'ordine definito da ciascuna graduatoria fino alla concorrenza della disponibilità finanziaria prevista per il periodo di presentazione di riferimento; il finanziamento dei pacchetti formativi di ogni graduatoria termina con arrotondamento per difetto all'ultimo intervento integralmente finanziabile. Il Dirigente Responsabile del Servizio competente, a conclusione delle fasi di verifica di ammissibilità e di valutazione di merito, predisporrà le graduatorie e gli elenchi di seguito indicati per singolo ambito: - Ammessi a finanziamento; - Ammessi ma non finanziati; - Esclusi per punteggio insufficiente; - Non Ammessi ai sensi dell'art.8.1 dell'avviso. Una volta predisposte le graduatorie e gli elenchi, verrà predisposto il D.D.G. di approvazione delle graduatorie provvisorie che sarà pubblicato nel sito e anche sulla G.U.R.S.. Sul D.D.G. verrà indicato il termine per eventuali osservazioni. Successivamente, sarà predisposto il D.D.G. di approvazione delle graduatorie definitive, del finanziamento e dell impegno che sarà pubblicato sul sito internet e sulla G.U.R.S. I soggetti proponenti, 26

27 cui sono stati approvati i pacchetti formativi, dovranno dare comunicazione espressa a questo Dipartimento, entro 40 giorni lavorativi dalla data di pubblicazione dei provvedimenti dei corsi inclusi in ciascun pacchetto formativo, dei corsi che verranno avviati, nei termini previsti dall Art. 16 Parte I del presente Avviso e di quelli che, invece, non saranno avviati. Nel caso di rinunce che dovessero risultare in fase di avvio operativo delle attività finanziate per il mancato raggiungimento degli allievi previsti nei corsi approvati, il Dipartimento Istruzione e Formazione Professionale provvederà ad indirizzare gli allievi selezionati verso le attività corsuali della stessa tipologia nel territorio di interesse. Se la rinuncia di cui sopra verrà comunicata al Dipartimento Istruzione e Formazione Professionale entro il termine di 40 giorni sopra indicato il soggetto proponente non riporterà valutazione negativa a valere sui prossimi avvisi pubblici per la formazione della Regione Sicilia. Nel caso invece in cui si determinasse per qualunque ragione il non avvio o l interruzione dei corsi avviati successivamente al termine di cui sopra (40 giorni), l Amministrazione si riserva di valutare tali ritardi, nei prossimi Avvisi, con punteggi negativi relativamente alla qualificazione del soggetto proponente. Gli Organismi formativi che non sono nelle condizioni di realizzare le attività per il mancato raggiungimento del numero di allievi previsti in sede di proposta progettuale, non perdono comunque il diritto alla messa in atto di queste medesime attività nell annualità successiva, se finanziate ed autorizzate. Qualora l Organismo formativo rinunci/sia soggetto a revoca del finanziamento/non avvii il progetto nei termini stabiliti dall art. 16 del presente Avviso, le risorse che si rendano disponibili potranno essere destinate dall Amministrazione al finanziamento di singoli pacchetti formativi, secondo le modalità e le procedure definite al precedente art. 4, parte I, dell Avviso. Si riconosce la possibilità, per il soggetto attuatore, di sottoporre all approvazione del Responsabile del procedimento lo spostamento del corso approvato da un ambito territoriale o ambito formativo, indicato al precedente articolo 5, Parte I dell Avviso, ad un altro ambito territoriale o formativo della stessa tipologia, motivando adeguatamente la proposta. 8.4 Catalogo dell Offerta Formativa della formazione professionale siciliana. I corsi presenti nei pacchetti formativi, ammessi a finanziamento e ammessi ma non finanziati, concorrono a comporre il Catalogo dell Offerta Formativa della formazione professionale siciliana. Per il periodo di vigenza del presente Avviso, , in caso di necessità, relative a nuove programmazioni, e facendo ricorso a nuove risorse, tali corsi saranno attivabili in n ulteriori edizioni al fine di soddisfare specifici bisogni formativi. 9. AMMISSIBILITA DELLA SPESA In base alle disposizioni regolamentari dei Fondi strutturali, ai sensi dell art. 1 Regolamento CE n. 396/2009 che modifica l art (b), del Regolamento CE n e l art. 2, comma 9, del DPR n. 196 del 3 ottobre 2008, l ammissibilità della spesa viene riconosciuta secondo tabelle standard di costi unitari. Date le caratteristiche delle azioni del presente Avviso, è determinato un costo standard ora/corso pari ad euro 129,00 per i corsi nell ambito FORGIO, FAS e FP. Qualora, nei corsi FORGIO e FAS, siano inseriti allievi disabili, al costo standard suddetto verrà aggiunta un indennità pari ad euro 25,00 ora/allievo. I parametri di costo standard sopra riportati coprono tutte le voci di costo previste dal Vademecum per l attuazione del PO Sicilia FSE 2007/2013, incluse le assicurazioni per l allievo, gli eventuali costi di esame e le spese per la fidejussione. Solo nel caso degli ambiti FORGIO e FAS è riconosciuta una indennità di frequenza e, nel caso di allievi disabili, è riconosciuto il rimborso dei trasporti utenti. Entrambe queste voci di costo devono essere rendicontate a costi reali, secondo le modalità previste dal Vademecum per l attuazione del PO Sicilia FSE 2007/2013. L indennità di frequenza è riconosciuta esclusivamente per gli allievi che partecipino almeno al 70% delle attività di formazione in aula previste dal percorso ed è fissata in 4,00 per ogni giorno di attività effettivamente frequentata e dimostrata sull apposito registro. 27

28 Per quanto riguarda i costi per il trasporto dai luoghi di residenza e/o domicilio degli allievi alla sede dell azione e viceversa, sono ammissibili i costi dei mezzi pubblici solo nel caso in cui l azione si svolga in un Comune diverso da quello di residenza e/o domicilio del destinatario. Le spese per i mezzi privati possono essere riconosciute solo in casi eccezionali, devono essere debitamente autorizzate dal coordinatore del progetto, sono ammissibili esclusivamente nel caso in cui non sia possibile il ricorso al mezzo pubblico e comunque entro il limite di spesa previsto per l uso di questo ultimo. Il costo dei trasporti speciali richiesti dai disabili è invece sempre ammissibile per l intero importo. L indennità di frequenza, così come il rimborso dei costi dei trasporti, è riconosciuta sia nella fase della formazione in aula che in quella di stage. Per quanto riguarda il riconoscimento del costo standard, il costo complessivo dell intervento regolarmente realizzato è dato dal prodotto tra il valore del costo standard e il numero di ore di formazione realizzate con conseguimento dell obiettivo formativo da parte del numero di allievi minimo. Coerentemente con le caratteristiche di tale tipologia di costo, qualora gli obiettivi predeterminati risultino parzialmente conseguiti, sono definite modalità di riduzione proporzionali del costo standard adottato. Analogamente, nel caso in cui non siano soddisfatti i requisiti minimi indicati nel presente Avviso e nel Vademecum per i costi unitari standard, potranno essere apportate delle decurtazioni al parametro di costo standard ora/corso. Il beneficiario è tenuto a mostrare in fase di controllo tutta la documentazione indicata nel presente Avviso, la documentazione prevista dalla normativa comunitaria, nazionale e regionale, nonché ulteriore documentazione che potrà essere richiesta da parte dell Autorità di Gestione a dimostrazione dell attività realizzata, nel rispetto di quanto rendicontato e previsto dal progetto approvato e a garanzia della qualità dell intervento. Le verifiche da parte dell Autorità di Gestione e/o di Audit richiederanno la documentazione di supporto per giustificare le quantità dichiarate dal beneficiario e la qualità del progetto realizzato; ciò al fine di assicurarsi che le attività siano state realmente realizzate nel rispetto del progetto presentato e delle condizioni richieste dal presente Avviso (es. destinatari, etc.). Nello specifico, la natura delle verifiche di cui all'articolo 13 del Regolamento (CE) n. 1828/2006, si sposta, in particolare, per le operazioni immateriali, dalla predominanza delle verifiche finanziarie amministrativocontabili verso gli aspetti tecnici e fisici delle operazioni. Assumono particolare importanza le verifiche in loco. 10. VARIAZIONI IN CORSO D OPERA L attuazione delle attività deve avvenire nei tempi stabiliti, nel rispetto del progetto approvato e di tutte le condizioni previste. Fatte salve le modifiche per correzione di errore materiale, operate dai competenti uffici regionali, non è ammessa variazione dell importo finanziario approvato nel suo complesso. Le restanti eventuali variazioni (indirizzo delle sedi per l attività formativa in aula, calendario/orario di svolgimento, sostituzione allievi, riduzioni di durata o di numero dei partecipanti ecc.), pur non oggetto di autorizzazione devono, a pena di revoca del finanziamento, essere annotate su apposito registro presso l operatore e comunicate al Dipartimento dell Istruzione e della Formazione Professionale tramite fax o (di cui sarà data indicazione sul sito entro le 48 ore precedenti l inizio delle attività formative di cui sopra, conservando copia della trasmissione nel fascicolo di progetto. La sostituzione docenti deve essere comunicata secondo le modalità sopra descritte e deve essere accompagnata da dichiarazione del legale rappresentante del soggetto formativo in cui si afferma che il docente chiamato a sostituire ha i titoli, competenze ed esperienze non dissimili da quelle possedute dal docente valutato in fase di presentazione della proposta progettuale. 28

29 11. RIDETERMINAZIONE DEGLI IMPORTI AUTORIZZATI In relazione a tutti gli interventi a carattere formativo previsti dal presente Avviso, il piano finanziario di ogni progetto formativo, una volta approvato, costituisce il massimale di contributo riconoscibile nell ipotesi di realizzazione di tutte le ore di formazione previste per il numero di allievi corrispondente (o superiore) al numero minimo richiesto. In fase di verifica della relazione finale delle attività e della documentazione richiesta, potranno essere apportate delle decurtazioni al costo totale riconosciuto, sulla base dei seguenti criteri: 1. Riduzione del numero degli allievi In caso di riduzione degli allievi rispetto al numero minimo stabilito dal presente Avviso per ciascun ambito, è applicata una riduzione proporzionale del costo standard adottato come di seguito descritto: - il presente Avviso prevede una soglia fisiologica di diminuzione degli allievi che non comporta alcuna decurtazione (ad esempio, 10 allievi per FORGIO). La soglia per ciascun ambito è indicata nella tabella sottostante. - Per il riconoscimento finale dei costi, il numero di allievi che ha effettivamente realizzato l attività formativa sarà calcolato tenendo conto del numero di allievi che hanno frequentato il numero minimo di ore richieste (il 70% delle ore totali previste). Nel caso in cui il numero degli allievi che concludono il corso sia inferiore alla soglia fisiologica di abbandono, è applicata, per ogni allievo che abbandona, una decurtazione del costo standard riconosciuto, secondo le percentuali riportate nella tabella sottostante. AMBITI Formazione Giovani (FORGIO) Formazione Ambiti Speciali (FAS) Formazione Permanente (FP) per percorso formativo relativo a soggetti con handicap per percorso formativo relativo a minori in istituti di pena per percorso formativo relativo ad altri soggetti in condizione di svantaggio per percorso formativo per gli operatori del terzo settore Allievi minimo Allievi massimo Soglia % riduzione sotto la soglia per ciascun allievo / / / / / /15 Esempio: Ambito FORGIO 29

30 Numero allievi minimo previsto: 15 Soglia fisiologica: 10 Numero allievi che hanno concluso il corso: 9 Costo standard 129,00 ora/corso Percentuale di decurtazione del costo standard orario totale: 1/15 per ciascun allievo sotto la soglia Costo standard riconosciuto 120,40 ora/corso L attività formativa deve essere condotta a termine anche nel caso in cui sia presente un solo allievo. Conformemente a quanto previsto nel Vademecum, gli Organismi formativi possono procedere alla sostituzione di uno o più allievi che abbiano abbandonato il corso prima del raggiungimento del 30% delle ore previste, purché i nuovi allievi siano nella condizione di raggiungere il numero di ore minimo previsto per il completamento del corso. 2. Variazione del livello del personale impiegato nel progetto In fase di verifica del rendiconto finale sarà preso in esame il caso in cui alcune ore sono state realizzate da parte del personale di fascia inferiore rispetto a quello previsto dal progetto approvato. Per le ore realizzate da personale con una fascia inferiore sarà applicato un abbattimento del costo orario standard riconosciuto pari alla differenza tra un quarto del costo previsto per il personale sostituito e quello del personale che sostituisce (applicando nel caso di personale interno il parametro definito dal contratto collettivo di lavoro e nel caso di personale esterno le tariffe stabilite dalla tabella A paragrafo del Vademecum). A titolo di esempio se in fase di presentazione del progetto è previsto l utilizzo di un docente di fascia A e in fase di rendiconto viene riscontrato che è stato utilizzato un docente fascia B, la decurtazione sarà pari a 50,00 per ciascuna ora. 3. Documentazione del costo del personale In caso di mancanza o carenza della documentazione prevista per il personale, indicata nel presente Avviso, l Autorità di Gestione applica una decurtazione al costo complessivo dell operazione pari al 10% del costo riconosciuto dal progetto per ciascuna unità di personale che risultasse non in linea con le indicazioni previste dal presente avviso (assenza di cv, assenza di lettera di incarico firmata, etc.). 4. Pubblicizzazione e promozione dell operazione In caso di violazione di quanto disposto in materia di informazione e pubblicità o di mancato utilizzo degli emblemi richiesti, l Autorità di Gestione applica una decurtazione pari al 10% del costo riconosciuto per ciascun corso. 5. Utilizzo materiali di consumo per l attività programmata In caso di mancata documentazione (registro debitamente firmato) della consegna di materiale di consumo o didattico agli allievi, l Autorità di Gestione applica una decurtazione pari al 10% del costo riconosciuto per ciascun corso. 6. Non dimostrazione della disponibilità del materiale didattico In fase di rendiconto il beneficiario dovrà dare evidenza della effettiva disponibilità di materiale didattico consegnato o messo a disposizione dell allievo, nonché dell attrezzatura prevista, mediante idonea 30

31 documentazione atta a dimostrare la disponibilità da parte dell ente e degli allievi della stessa (fattura, contratti di leasing, etc.) e l utilizzo effettivo da parte degli allievi. Nel caso di non dimostrazione della disponibilità del materiale didattico, sarà applicata una decurtazione massima pari al 5% del costo riconosciuto per ciascun corso. 7. Realizzazione parziale delle attività previste Nel caso in cui non siano realizzate tutte le attività obbligatorie previste (es.. sensibilizzazione, accompagnamento, diffusione, etc.), sarà applicata una riduzione del finanziamento pari al 10% del valore di ciascuna attività non realizzata. 8. Ulteriori decurtazioni e revoca Qualora le irregolarità sopra richiamate pregiudichino l efficacia del progetto, il Dipartimento competente si riserva la potestà di dar luogo alla revoca parziale o integrale del finanziamento. Ulteriori elementi per l applicazione dei suddetti criteri di rideterminazione del costo potranno essere descritti nel Vademecum per l applicazione dei costi standard o in apposite comunicazioni dell Autorità di Gestione. Non è considerato abbandono la dimissione di un allievo dal corso in ragione di assunzione da parte di azienda di un settore coerente con quello del corso frequentato. Analogamente non viene considerato abbandono il caso in cui l allievo dovesse essere interessato da una grave patologia certificata intervenuta nel corso di svolgimento dell intervento formativo, nonché il caso degli allievi detenuti e dei disabili. In tal caso deve essere prodotta adeguata documentazione a supporto dei motivi dell abbandono. 12. NORME PER LA GESTIONE E LA RENDICONTAZIONE DELLE ATTIVITÀ Il beneficiario è responsabile della corretta esecuzione delle attività autorizzate e della regolarità di tutti gli atti di propria competenza ad esso connessi. È altresì responsabile, come per le dichiarazioni rese in autocertificazione al momento della presentazione della domanda, di ogni altra certificazione resa nel corso di realizzazione delle attività oggetto del progetto. La Regione si riserva di svolgere verifiche e controlli documentali e in loco in qualunque momento e fase della realizzazione degli interventi ammessi al finanziamento, secondo quanto previsto dalla normativa vigente. I controlli potranno essere effettuati oltre che dalla Regione anche dallo Stato Italiano, dall Unione Europea, o da soggetti debitamente delegati. Qualora gli uffici incaricati dei controlli riscontrino gravi irregolarità nella conduzione delle azioni, fatte salve le maggiori sanzioni previste dalla legge, il Dipartimento Regionale della Formazione Professionale, previa comunicazione all operatore, disporrà la sospensione dell autorizzazione e l avvio del procedimento per la revoca dei contributi. La gestione amministrativa e la rendicontazione di tutte le attività finanziate a valere del presente avviso, nonché l erogazione dei contributi ad esse relativi, sono regolati dalla norme comunitarie nonché dalle disposizioni obbligatorie che sono riportate nel Vademecum per l attuazione del PO Sicilia FSE, e nel Vademecum per l attuazione dei Costi unitari standard. Per quanto non espressamente qui riportato in materia di controlli e rendicontazione, si fa riferimento a quanto indicato nei Vademecum. L utilizzo delle opzioni di semplificazione dei costi, conseguentemente, ha importanti implicazioni per la gestione ed il controllo delle operazioni. Per quanto riguarda i controlli delle operazioni finanziate mediante costi unitari standard, le previsioni dell articolo 11.3 (b) del Regolamento (CE) n. 1081/2006, così come modificato dal Regolamento (CE) n. 396/2009, comportano l abbandono del principio della rendicontazione a costi reali, pertanto il contributo 31

32 non è più proporzionalmente legato alla spesa sostenuta, ma alla realizzazione fisica dell operazione (quindi non sarà più necessario, a chiusura, documentare la spesa effettivamente sostenuta mediante i documenti giustificativi di spesa). Ne consegue che il presupposto per il contributo non è determinato dalla spesa sostenuta dal beneficiario, ma dalla regolare ed efficace realizzazione dell operazione e relativo conseguimento dei risultati. Il finanziamento sarà riconosciuto ai beneficiari soltanto per la parte corrispondente alle quantità di ore corso effettivamente realizzate, dichiarate e ritenute ammissibili, salvo eventuali decurtazione sulla base dei criteri descritto nel paragrafo 11. Poiché il finanziamento deriva dalle quantità realizzate (ore di formazione) le prove di tali quantità realizzate devono essere certificate, comprovate e archiviate dal beneficiario e costituiscono gli elementi che devono esser conservati nel fascicolo del progetto. L applicazione dei costi unitari standard ai fini della determinazione del finanziamento ammissibile, è subordinata alla verifica, in sede di presentazione delle dichiarazioni periodiche e dei rendiconti finali da parte dei soggetti attuatori, del rispetto dei vincoli previsti dal presente Avviso, con specifico riferimento alla durata complessiva del percorso formativo, al numero minimo previsto degli allievi che lo completano e di quanto previsto nel progetto approvato. Le verifiche richiederanno la documentazione di supporto per giustificare le quantità dichiarate dal beneficiario al fine di assicurarsi che il numero di ore di formazione dichiarate siano state realmente realizzate, nonché tutti gli elementi necessari per assicurare il rispetto delle condizioni previste dal presente Avviso, la qualità dell azione realizzata, come meglio descritto nel Vademecum per l attuazione dei costi unitari standard e il rispetto di quanto previsto nel progetto approvato. Ne consegue che in fase di controllo, come meglio indicato nel Vademecum per l attuazione dei costi unitari standard, al fine di verificare la qualità dell intervento realizzato, dovrà essere trasmessa tutta la documentazione utile a dimostrare l utilizzo del personale, la disponibilità dei locali e delle attrezzature, l utilizzo dei materiali didattici per gli allievi, le azioni per la diffusione dei risultati, etc. Le operazioni realizzate con l applicazione dei costi unitari standard sono soggette ai controlli atti a comprovare la regolare gestione delle operazioni e il rispetto dei relativi adempimenti che competono agli enti attuatori. A tale fine, l Autorità di Gestione accerta il corretto svolgimento delle attività, mediante controlli documentali e in loco, secondo quanto indicato nel Vademecum per l attuazione del PO Sicilia FSE 2007/2013 e nel Vademecum per l attuazione dei costi unitari standard. Considerata la natura dell Avviso e l applicazione dei costi standard, non è previsto l utilizzo del revisore legale. In fase di presentazione della dichiarazione di spesa e della relazione finale, il beneficiario, salvo quanto diversamente richiesto da parte dell Amministrazione, dovrà presentare la seguente documentazione, al fine di provare l avanzamento dell attività e il rispetto di quanto previsto dalla normativa comunitaria, nazionale e regionale: Presentazione delle dichiarazioni di spesa periodiche La dichiarazione di spesa, dovrà essere presentata secondo le scadenze previste dal Vademecum per l attuazione del PO Sicilia FSE 2007/2013 e deve essere accompagnata dalla seguente documentazione: relazione dettagliata sull attività realizzata nel periodo di riferimento della dichiarazione di spesa, con specificata la tempistica di esecuzione del progetto e il raggiungimento degli obiettivi dell operazione (relazione tecnico fisica dell operazione); copia dei registri didattici e degli altri registri previsti per il periodo di riferimento della dichiarazione di spesa (registro di stage, registro di formazione individuale, etc), con relativo riepilogo delle presenze allievi e del personale (timesheet giornaliero); per la prima dichiarazione di spesa o in caso di sostituzione di allievi, schede di iscrizione attestanti il possesso dei requisiti degli allievi ed altri elementi comprovanti le caratteristiche degli stessi (età, titolo di studio, stato occupazionale, residenza, svantaggio, handicap, etc.); 32

33 dettagli sull eventuale attività delegata: autorizzazione, procedura utilizzata per la delega, informazione sul soggetto delegato, contratti esterni, relazione attività realizzata, etc.; per la prima dichiarazione di spesa, copia dell assicurazione per gli allievi. Personale interno Per il personale interno dovrà essere evidenziata attraverso la presentazione del curriculum l esperienza lavorativa e la congruità della preparazione con la materia oggetto dell intervento. Dovrà inoltre essere prodotta la seguente documentazione: - per la prima dichiarazione di spesa salvo la sostituzione del personale in corso di svolgimento del progetto, curriculum vitae; - per la prima dichiarazione di spesa salvo la sostituzione del personale in corso di svolgimento del progetto, ordine di servizio interno; - timesheet giornaliero e report del periodo delle attività svolte, con l indicazione della documentazione realizzata e degli eventuali prodotti elaborati, firmata dal dipendente e controfirmato dal rappresentante dell ente; - dichiarazione dell ente, sottoscritta ai sensi del D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000, di aver versato i contributi previdenziali e fiscali previsti dalla legge. Personale esterno Le prestazioni professionali esterne, persone fisiche non rientranti tra il personale del soggetto attuatore, devono essere disciplinate attraverso la preventiva sottoscrizione di apposito contratto o lettera d incarico tra il soggetto attuatore e l esperto. I rapporti di collaborazione devono risultare accettati da entrambe le parti. Ciò deve avvenire in data anteriore allo svolgimento della prestazione e con l indicazione chiara ed esplicita della natura della prestazione e dell impegno e del progetto di riferimento. Dovrà essere evidenziata, attraverso la presentazione del curriculum, l esperienza lavorativa e la congruità della preparazione del personale con la materia oggetto di insegnamento. In fase di dichiarazione di spesa dovrà essere prodotta la seguente documentazione: - curriculum vitae; - per la prima dichiarazione di spesa salvo la sostituzione del personale in corso di svolgimento del progetto, contratto/lettera di incarico; - per la prima dichiarazione di spesa salvo la sostituzione del personale in corso di svolgimento del progetto, in caso di dipendente pubblico l autorizzazione del datore di lavoro; - timesheet giornaliero e report delle attività svolte, con l indicazione della documentazione realizzata e degli eventuali prodotti elaborati, firmata dal dipendente e controfirmato dal rappresentante dell ente; - dichiarazione dell ente, sottoscritta ai sensi del D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000, di aver versato i contributi previdenziali e fiscali previsti dalla legge. Locali e attrezzature L aula di svolgimento del corso deve essere rispondente a quanto indicato nel progetto e deve risultare adeguata per un corretto apprendimento, anche secondo quanto stabilito dalla normativa sull accreditamento. I locali dovranno comunque sempre rispettare le norme in materia di igiene, sanità e sicurezza. Per quanto riguarda le attrezzature anch esse devono essere coerenti con quanto previsto dal progetto e non devono presentare inadeguatezze. 33

34 La conformità dei locali e dell attrezzatura durante le verifiche in loco potranno essere oggetto di controllo, anche attraverso questionari all utenza. Alla dichiarazione di spesa dovrà essere allegata la perizia giurata resa da un tecnico professionista iscritto all albo, attestante che i locali e (ove presenti) le attrezzature analiticamente elencate sono conformi a quelli descritti nel progetto e idonei all uso cui sono destinati. Per quanto riguarda le spese di attività di sostegno all utenza, le indennità di frequenza e le spese di viaggio degli allievi, dovranno essere rendicontate a costi reali, secondo le indicazioni contenute nel presente avviso e nel Vademecum per l attuazione del PO Sicilia FSE 2007/2013. Presentazione della rendicontazione finale La rendicontazione finale, così come previsto dal Vademecum per l attuazione del PO Sicilia FSE 2007/2013, deve essere presentata entro 90 giorni dalla conclusione delle operazioni o secondo i termini previste dall Avviso. La rendicontazione finale deve essere accompagnata dalla seguente documentazione: relazione dettagliata sull attività realizzata, con indicazione della tempistica di esecuzione del progetto e dello stato di raggiungimento degli obiettivi dell operazione (relazione tecnico fisica dell operazione); registri didattici e degli altri registri previsti (registro di stage, registro di formazione individuale, etc), con relativo riepilogo delle presenze allievi e del personale docente; schede di iscrizione attestanti il possesso dei requisiti degli allievi ed altri elementi comprovanti le caratteristiche degli stessi (età, titolo di studio, stato occupazionale, residenza, svantaggio, handicap, etc.); eventuali materiali didattici prodotti (testi, dispense, ecc.); dettagli sull eventuale attività delegata: autorizzazione, procedura utilizzata per la delega, informazione sul soggetto delegato, contratti esterni, relazione attività realizzata, etc.; copia dell assicurazioni per gli allievi. Personale interno - curriculum vitae; - stralcio del libro unico del lavoro; - ordine di servizio interno; - registri didattici; - timesheet giornaliero e report finale delle attività svolte, con l indicazione della documentazione realizzata e degli eventuali prodotti elaborati, firmata dal dipendente e controfirmato dal rappresentante dell ente; - dichiarazione dell ente, sottoscritta ai sensi del D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000, di aver versato i contributi previdenziali e fiscali previsti dalla legge. Personale esterno - curriculum vitae; - contratto/lettera di incarico; - in caso di dipendente pubblico l autorizzazione del datore di lavoro; - registri; 34

35 - timesheet e report finale delle attività svolte, con l indicazione della documentazione realizzata e degli eventuali prodotti elaborati, firmata dal dipendente e controfirmato dal rappresentante dell ente; - dichiarazione dell ente, sottoscritta ai sensi del D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000, di aver versato i contributi previdenziali e fiscali previsti dalla legge. Locali e attrezzature contratti di affitto e noleggio dei locali e delle attrezzature; apposito registro di utilizzo delle attrezzature; perizia giurata perizia giurata resa da un tecnico professionista iscritto all albo, attestante: che i locali e (ove presenti) le attrezzature analiticamente elencate sono conformi a quelli descritti nel progetto e idonei all uso cui sono destinati. Materiali di consumo (materiali di consumo per esercitazioni partecipanti, materiale didattico in dotazione individuale ai partecipanti, libri e pubblicazioni) Agli allievi dovrà essere fornito gratuitamente tutto il materiale necessario all attività formativa compreso quello per l attività pratica (es. libri dispense software video e audio cassette penne quaderni indumenti protettivi ecc.) In fase di relazione finale dovrà essere prodotta la seguente documentazione: copia degli elaborati originari prodotti; tutta la documentazione attestante la consegna dei materiali didattici agli allievi, compresa la cancelleria, con data di consegna e firma di questi ultimi. Pubblicità e diffusione risultati In fase di rendiconto finale dovrà essere prodotta la seguente documentazione: Copia degli avvisi per il reclutamento degli allievi documentazione relativa all attività realizzata (poster, brochure, etc) Pur non essendo richiesta la esibizione dei documenti contabili gli originali degli stessi devono essere annullati con la dicitura che il documento stesso è stato utilizzato ai fini del contributo del Fondo Sociale Europeo e l'indicazione dell'anno del contributo, del Codice Identificativo di Progetto e del Codice Unico di Progetto. Si ricorda inoltre che i documenti di spesa devono risultare conformi alle leggi contabili e fiscali. La verifica amministrativa del rendiconto effettuata dal Servizio di Monitoraggio e Controllo per il tramite dell ufficio rendicontazione, anche con il supporto delle Unità Operative Periferiche, è momento fondamentale per la determinazione del contributo spettante in quanto finalizzato a controllare e verificare l'ammissibilità formale e sostanziale dello svolgimento dell'attività prevista. Il Servizio Monitoraggio e Controllo procede, ove necessario, alle opportune rideterminazioni del contributo effettivamente spettante, secondo i criteri previsti nel presente Avviso. Per quanto non espressamente richiamato nel presente avviso, in particolare circa la modalità operativa di predisposizione e presentazione della documentazione si rimanda all Avviso, a quanto disposto dalla normativa comunitaria, nazionale e regionale e al Vademecum per l attuazione dei costi unitari standard in corso di emanazione da parte dell Autorità di Gestione del PO. 35

36 Si evidenzia che, l attività di controllo per i costi standard non prevede la verifica della documentazione di spesa, ma è prevista comunque la possibilità, in considerazione del carattere sperimentale di utilizzo della modalità costi standard, di attivare verifiche a campione presso i beneficiari sulle spese effettivamente sostenute per l operazione finanziata. Attività che non avrà alcun impatto sul riconoscimento del costo ma che invece costituirà un utile elemento per la convalida o la rettifica del parametro di costo unitario standard definito con l analisi dei dati storici realizzata. Ragione per cui i beneficiari devono comunque conservare presso i propri uffici la documentazione di spesa. Restano esclusi dai costi standard e pertanto andranno rendicontati a costi reali, secondo le indicazioni stabilite dal Vademecum per l attuazione del PO Sicilia FSE i seguenti costi: Attività di sostegno all utenza Queste voci rimangono escluse dal calcolo dei costi fissi calcolati applicando tabelle standard di costi unitari e dovranno pertanto essere rendicontate, quando previste, a costi reali, secondo i limiti disciplinati dal Vademecum. Indennità di frequenza Anche l indennità di frequenza è esclusa dal parametro di Costo Unitario Standard. Il beneficiario dovrà pertanto procedere alla rendicontazione di questa spesa a costi reali, nel rispetto di quanto previsto dal Vademecum. Spese di viaggio degli allievi Queste spese saranno riconosciute esclusivamente per gli allievi disabili e non potranno superare l importo di 11 + Iva al giorno per allievo e dovranno essere rendicontate secondo quanto stabilito nel Vademecum. 13. OBBLIGHI DEL SOGGETTO PROPONENTE AMMESSO AL FINANZIAMENTO Il soggetto proponente ammesso al finanziamento sarà tenuto a pena di revoca dello stesso a: accettare il controllo della Regione, e nel caso di quei progetti finanziati a valer del FSE anche, eventualmente, dello Stato Italiano e dell Unione Europea; applicare nei confronti del personale dipendente il contratto collettivo nazionale del settore di riferimento; applicare la normativa vigente in materia di lavoro, sicurezza ed assicurazioni sociali obbligatorie, nonché rispettare la normativa in materia fiscale; adottare un sistema contabile distinto, ovvero un adeguata codificazione contabile, al fine di assicurare la trasparenza dei costi e la facilità dei controlli. La contabilità inerente il progetto deve essere resa facilmente riscontrabile da parte degli organismi deputati alla verifica amministrativa in itinere ed ex-post; redigere il rendiconto finale degli output realizzati per la realizzazione del progetto e presentarlo entro 30 giorni dalla conclusione dello stesso; su richiesta dell amministrazione esibire la documentazione originale; fornire con cadenza trimestrale e secondo le modalità stabilite dall amministrazione, tutti i dati attinenti la realizzazione del progetto finanziato; assicurare la massima collaborazione per lo svolgimento delle verifiche con la presenza del personale interessato; agevolare l effettuazione dei controlli nel corso delle visite ispettive; fornire le informazioni ordinarie e straordinarie richieste dalla Regione entro i termini fissati; 36

37 pubblicizzare attraverso procedure di trasparenza e chiarezza la selezione di eventuale personale esterno da impegnare nelle attività previste dall Avviso, con puntuale specifica dei ruoli e compiti da svolgere, nonché sulle modalità di selezione; ricorrere a procedure di evidenza pubblica per l individuazione degli utenti del percorso formativo, secondo principi generali volti a garantire parità di trattamento, non discriminazione e trasparenza. Al momento della presentazione della domanda di finanziamento (anticipazioni e rimborso) il Soggetto proponente ha obbligo di presentare il DURC, in originale, in quanto, in assenza di tale documento, l Amministrazione non potrà procedere all erogazione del finanziamento. 14. FLUSSI FINANZIARI I flussi finanziari da parte del Dipartimento nei riguardi del soggetto attuatore, in coerenza con quanto riportato nel Vademecum avvengono, per ciascun esercizio finanziario, secondo le seguenti modalità: - Primo acconto pari al 50% del costo pubblico ammissibile (rideterminato a seguito dell effettivo avvio dei corsi); - Secondo acconto pari al 30% del costo pubblico ammissibile (rideterminato in base all effettiva attività realizzata secondo quanto previsto al punto 11); - Saldo finale del 20% a conclusione delle attività accertate, verificate ed approvate da parte del Dipartimento dell Istruzione e della Formazione Professionale. Il beneficiario al momento della presentazione della richiesta di acconto deve presentare idonea garanzia fideiussoria bancaria (o assicurativa o da società finanziaria iscritta all albo speciale, ai sensi dell art. 107, del D.Lgs. n. 385/1993) a favore del Dipartimento dell Istruzione e della Formazione Professionale. La fideiussione deve essere predisposta sulla base del modello presente nel Vademecum. Il trasferimento degli acconti e dei saldi da parte del Dipartimento dell Istruzione e della Formazione Professionale agli organismi beneficiari sono comunque condizionati alle disponibilità di Bilancio della Regione Sicilia per l esercizio finanziario a cui si riferisce l intervento. 15. TRACCIABILITA DEI FLUSSI FINANZIARI AI SENSI DELLA L136/2010 E S.M.I. Ad approvazione del singolo progetto attuativo, l organismo formativo ammesso al finanziamento del presente Avviso, assume gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui alla Legge n. 136/2010 Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al governo in materia di normativa antimafia e s.m.i.. In particolare, i pagamenti saranno effettuati tramite le modalità previste dal Vademecum, al paragrafo 7.2.2, riportando, in relazione a ciascuna transazione posta in essere, salve le eccezioni di legge, il codice unico progetto (CUP) relativo all investimento pubblico sottostante. Il CUP, ove non noto, sarà richiesto alla Amministrazione. L Organismo formativo, nei contratti sottoscritti con i subcontraenti della filiera delle imprese a qualsiasi titolo interessate al servizio pubblico, dovrà inserire, a pena di nullità assoluta del contratto, un apposita clausola, con la quale ciascuno di essi assume gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui alla Legge n. 136/2010 e s.m.i.. Si rinvia, inoltre, all art. 6 della Legge n. 136/2010 e s.m.i per le sanzioni amministrative che saranno irrogate dall Ufficio Territoriale del Governo a presidio dei predetti obblighi di tracciabilità. 37

38 16. TERMINE PER L AVVIO DEI PROGETTI AMMESSI A FINANZIAMENTO Le proposte progettuali a valere sul presente Avviso devono essere immediatamente cantierabili ed avviate entro 40 giorni dalla trasmissione della comunicazione di cui all Art.8, punto 8.3, salvo eventuale diversa indicazione da parte del Dipartimento dell Istruzione e della Formazione Professionale. 17. PROPRIETÀ DEI PRODOTTI Tutti i prodotti e gli strumenti realizzati, così come i dati e i risultati, sono di proprietà esclusiva della Regione Siciliana. 18. INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ Ai sensi dell art. 6, del Regolamento CE 1828/2006, il Dipartimento dell Istruzione e della Formazione Professionale informa i beneficiari che, nel momento in cui essi accettano il finanziamento, al contempo accettano di venire inclusi nell'elenco dei beneficiari, pubblicato a norma dell'articolo 7, paragrafo 2, lettera d) dello stesso Regolamento. Ai sensi dell art. 8, comma 4, il beneficiario è tenuto a informare la platea dei possibili destinatari circa: a) le modalità e i termini previsti per avere accesso all operazione; b) il fatto che l operazione è stata cofinanziata dal Fondo Sociale Europeo; c) il fatto che l operazione è stata selezionata nel quadro del Programma Operativo cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo e sulla base dei criteri di valutazione approvati dal Comitato di sorveglianza del Programma. Tutti i documenti che riguardano gli interventi attuati a valere del presente Avviso, compresi i certificati di frequenza o altri certificati, devono contenere una dichiarazione da cui risulti che il progetto formativo è stato cofinanziate dal Fondo Sociale Europeo. Tutti gli interventi informativi e pubblicitari rivolti ai destinatari, ai potenziali destinatari ed al pubblico devono recare i seguenti emblemi: Unione Europea Fondo Sociale Europeo Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Regione Siciliana Il mancato rispetto di queste disposizioni è causa di sanzione così come previsto al punto 11.4 del presente Avviso. Le modalità di promozione e pubblicizzazione dell operazione e la descrizione delle modalità di selezione devono essere indicate nell operazione all atto della presentazione della stessa all Autorità di gestione. 38

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Progetti per l Inclusione Sociale

Progetti per l Inclusione Sociale Unione Europea Fondo Sociale Europeo Repubblica Italiana ASSESSORADU DE S'IGIENE E SANIDADE E DE S'ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE, SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Direzione Generale delle

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità Servizio programmazione e gestione interventi formativi

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

l attuazione della YEI, devono impegnare le risorse per i giovani nel primo biennio di programmazione (2014-2015), in coerenza con le disposizioni di

l attuazione della YEI, devono impegnare le risorse per i giovani nel primo biennio di programmazione (2014-2015), in coerenza con le disposizioni di AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI ATTUATORI DI TIROCINI EXTRACURRICULARI, ANCHE IN MOBILITÀ INTERREGIONALE ATTRAVERSO L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI NELLA REGIONE SICILIANA

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA AVVISO PUBBLICO E DISCIPLINARE DI GARA D APPALTO Affidamento di servizio di cui all allegato II B Art. 20 D. Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. Affidamento di n. 1 azione progettuale denominata Sportello sociale

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA C

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA C Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA C Avviso Avviso pubblico, per titoli e colloquio, di mobilità regionale ed interregionale tra Aziende ed Enti del Servizio Sanitario, per la copertura

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI FSE 2007-2013 A cura della Direzione Istruzione Formazione Professionale Lavoro Allegato a alla dd. n. 608 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale Da riportare su carta intestata Mod. 1 sez A Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ENTI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 14 PER

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO

DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO 9749 31/10/2012 Identificativo Atto n. 766 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO APPROVAZIONE DEI REQUISITI E DELLE MODALITÀ OPERATIVE PER LA RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL'ALBO REGIONALE

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI

Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI BANDO PER LA VENDITA DI TERRENI CON PATTO DI RISERVATO DOMINIO A FAVORE DI GIOVANI LAUREATI (Determinazione del Direttore Generale n. 642 del 06/12/2012) Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI 1. L Istituto

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

PREMIO STOR-AGE. Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO

PREMIO STOR-AGE. Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO PREMIO STOR-AGE Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO Art. 1 Oggetto e finalità Il premio STOR-AGE è un iniziativa volta a supportare lo sviluppo di progetti imprenditoriali

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO SU SOSTEGNO HO AVUTO IL RUOLO SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009

RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO SU SOSTEGNO HO AVUTO IL RUOLO SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009 SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009 a cura di Laura Razzano RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA PER QUEST'ANNO (2009/2010)O NON POTRO' PIU' LAVORARE NELLA GRADUATORIA DI QUELLA PROVINCIA POTRO'

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE SELEZIONE PUBBLICA PER ESAMI, PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO DI ASSISTENTE AI SERVIZI AMMINISTRATIVI E CONTABILI CAT. C1. IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE,

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

E INDETTA. Art. 1. Articolo 2

E INDETTA. Art. 1. Articolo 2 Direttore: Prof. Filippo Rossi Fanelli SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA (CO.CO.CO.) PER LE ESIGENZE DEL CENTRO

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli