I PRESUPPOSTI DI LICEITÀ DEL TRATTAMENTO MEDICO ALLA LUCE DELLA RECENTE GIURISPRUDENZA CIVILE E PENALE. Francesco Viganò

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I PRESUPPOSTI DI LICEITÀ DEL TRATTAMENTO MEDICO ALLA LUCE DELLA RECENTE GIURISPRUDENZA CIVILE E PENALE. Francesco Viganò"

Transcript

1 I PRESUPPOSTI DI LICEITÀ DEL TRATTAMENTO MEDICO ALLA LUCE DELLA RECENTE GIURISPRUDENZA CIVILE E PENALE Francesco Viganò Il problema La drammatica vicenda di Eluana Englaro, così come in precedenza quella di Piergiorgio Welby, hanno posto all ordine del giorno nel nostro paese le problematiche delle decisioni mediche di fine vita, spesso discusse sotto l etichetta generica e fuorviante di eutanasia autentica notte del pensiero in cui tutte le vacche divengono nere, e in cui ogni differenza sembra appiattirsi sotto il peso degli slogan contrapposti. È tuttavia rimasto in ombra non solo nel dibattito mediatico, ma anche nella riflessione degli addetti ai lavori un profilo per così dire pregiudiziale, ancorché meno carico di pathos, che queste due questioni proponevano: quello, cioè, dei principi e delle regole che presiedono al rapporto tra medico e paziente, e degli stessi presupposti di liceità della somministrazione di trattamenti medici al paziente. Si è così data per scontata la normale liceità della somministrazione al paziente di trattamenti di sostegno vitale (la ventilazione assistita nel caso di Welby, l alimentazione e l idratazione artificiale nel caso di Eluana), e ci si è unicamente concentrati sulla domanda se, ed eventualmente a quali condizioni, fosse lecito interrompere questi interventi, provocando così la morte del paziente. Dimenticando, così, che la prima domanda che il giurista dovrebbe porsi concerne la stessa legittimità della somministrazione, e della prosecuzione, del trattamento stesso. Affrontare questo tema non è, d altra parte, compito agevole: da tutti si lamenta ormai il vuoto normativo in materia. In molti luoghi della legislazione ordinaria, che sarebbe qui inutile analiticamente ricapitolare, affiora invero il principio della normale volontarietà dei trattamenti medici; e l art. 32 co. 2 Cost., invariabilmente invocato in questo contesto, ne costituisce un ovvia quanto autorevole conferma. Ma i problemi si affastellano nelle 1

2 regioni di confine, dove l ordinamento non offre risposte univoche. La necessità del consenso informato del paziente, ad esempio, vale anche quando il trattamento sia necessario per la sua sopravvivenza? Ovvero deve in tal caso il trattamento essere considerato legittimo (e magari doveroso) anche a prescindere dalla volontà del paziente, in omaggio alle esigenze si salvaguardia della sua cita? Quali i presupposti di liceità del trattamento praticato ad un paziente incapace di decidere autonomamente, perché bambino, incosciente, malato di mente? E potremmo continuare a lungo. I casi Welby ed Englaro, assieme a vari altri assai meno noti all opinione pubblica, hanno costretto la giurisprudenza italiana (in sede civile e penale) ad affrontare molte delle questioni qui accennate, attraverso letture costituzionalmente orientate degli scarni dati normativi esistenti, spesso illuminate da spunti e suggestioni provenienti dal diritto internazionale e comparato. I risultati, come è naturale che accada rispetto ad ogni interpretazione giudiziale creativa, non sono stati da tutti condivisi, ma lasciano intravedere sullo sfondo un quadro di principi e regole, in larga misura coerente con i risultati cui le giurisprudenze di altri ordinamenti a noi vicini sono pervenuti. In attesa dunque di una disciplina legislativa organica in materia, vale la pena qui tentare di riordinare sistematicamente le regole elaborate a tutt oggi dal diritto vivente, componendo le molteplici ma frammentarie suggestioni provenienti dalla recente giurisprudenza penale e civile in un quadro unitario il più possibile coerente, con il quale lo stesso futuro legislatore sarà chiamato a confrontarsi: per confermarlo, o se del caso correggerlo, entro i margini di manovra consentitigli dai vincoli di tutela dei diritti fondamentali coinvolti. La ricostruzione del quadro delle regole di condotta cui il sanitario deve attenersi nel formare la decisione terapeutica è, d altra parte, indispensabile anche per compiere il passaggio successivo, che concerne la determinazione delle conseguenze sanzionatorie (penali e civili) nel caso di violazione di quelle regole: profilo, quest ultimo, al quale dedicherò qualche breve cenno in chiusura di questo intervento, anche alle luce di un recentissimo pronunciamento delle Sezioni Unite penali. 2

3 Il bisogno di legittimazione di ogni trattamento medico al metro del diritto costituzionale L idea forte che mi pare emergere dalla giurisprudenza recente, civile più ancora che penale, è quello che potremmo indicare mutuando l analoga espressione utilizzata dalla dottrina tedesca come il bisogno di legittimazione di ogni trattamento invasivo del corpo del paziente. La dottrina e la giurisprudenza penalistica tradizionali tendono, invero, ad assumere che il trattamento medico si autolegittimi in forza della sua utilità sociale, e della sua funzionalità a promuovere la salute del paziente, senza necessità di alcuna particolare ragione giustificativa che non sia quella fornita dall art. 32 Cost. (norma che, si afferma, tutelando la salute come diritto individuale e interesse della collettività, non può non riconoscere implicitamente anche la liceità delle condotte necessarie a promuovere la salute medesima). Ma non più che di affermazioni tralatizie si tratta, ormai non più al passo con una mutata sensibilità giuridica che riconosce pacificamente all individuo un diritto fondamentale, in forza dell art. 32 secondo comma Cost., di rifiutare le cure, salve le limitazioni espressamente previste dalla legge. Il corollario di un tale diritto fondamentale non può che essere l illiceità quanto meno di regola di un trattamento praticato contro la volontà dell interessato, anche nel caso in cui risulti conforme alle leges artis, e si sia in concreto rivelato benefico per la salute del paziente. Il che è come dire che il trattamento non si autolegittima affatto, bensì richiede una specifica ragione di legittimazione, di regola rappresentata dalla conforme volontà del paziente. Ancora insufficientemente focalizzata è però la ratio del diritto fondamentale di rifiutare il trattamento di cui all art. 32 co. 2 Cost. Il richiamo usuale al principio di autodeterminazione terapeutica coglie solo una dimensione di tale diritto: l altra dimensione, forse ancora più rilevante, è quella della tutela della sua integrità fisica. Di quell area cioè di inviolabilità che l ordinamento costituzionale erige attorno al corpo della persona, concepito quale recinto affidato alla esclusiva autodeterminazione individuale e protetto da ogni ingerenza, foss anche benintenzionata, dei terzi. 3

4 Il diritto fondamentale all integrità fisica riceve tutela, peraltro, non solo dall art. 32 co. 2 Cost. (sub specie di diritto a non subire interventi non debitamente consentiti nel proprio corpo), ma anche ancor prima dall art. 13 Cost.; ed è più in generale riconducibile al novero dei diritti inviolabili di cui all art. 2 Cost. E la stretta connessione fra trattamenti invasivi del corpo del paziente e il suo diritto all integrità fisica è del resto testimoniata in maniera eloquente dall art. 3 della Carta europea dei diritti dell uomo, il quale riconosce al primo comma il diritto dell individuo alla integrità fisica e psichica, enunciando poi immediatamente, al secondo comma, il diritto al consenso informato del paziente in tutte le procedure sanitarie; diritto quest ultimo concepito evidentemente come corollario del più generale diritto all integrità fisica. Nella misura in cui un dato trattamento interferisca con questo diritto fondamentale, risultando in concreto invasivo del corpo del paziente, esso richiederà dunque una specifica legittimazione già al metro del diritto costituzionale, in assenza della quale esso costituirà una illegittima violazione di un diritto fondamentale del paziente. Ciò non può non valere, si noti, anche per le procedure di alimentazione e idratazione artificiali. Comunque vengano qualificate, si tratta pur sempre di procedure invasive del corpo del paziente, che pongono per ciò stesso in causa il suo diritto all intergità fisica, e che per tale ragione reclamano anch esse una qualche ragione giustificativa per poter essere lecitamente praticate. Del tutto irrilevante, sotto questo profilo, risulta dunque la discussione se di veri trattamenti medici si tratti, ovvero di mere misure di sostegno vitale. Le fonti delle regole di legittimazione del trattamento medico. In particolare: il ruolo della Convenzione di Oviedo Il problema centrale diviene a questo punto quello di individuare le diverse possibili ragioni di legittimazione del trattamento. Mancando ancora una organica disciplina legislativa in proposito, occorrerà in questa ricostruzione far riferimento ai principi sottesi a un insieme eterogeneo di regole sparse nell ordinamento e interferenti in vario modo con la materia dei 4

5 trattamenti sanitari; con un occhio privilegiato, oltre che ovviamente alla Carta costituzionale, alle carte internazionali in materia di diritti umani, dalle quali sono come vedremo subito desumibili preziose indicazioni. Un ruolo particolarmente significativo in proposito è generalmente attribuito dalla dottrina e dalla stessa giurisprudenza alla Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina, approvata a Oviedo nel Tale Convenzione, pur se elaborata nel quadro istituzionale del Consiglio d Europa, è stata aperta anche alla firma di Paesi terzi, ed aspira così ad essere considerata quale uno strumento universale di tutela dei diritti umani in queste delicate materie. Non del tutto pacifica è, peraltro, la vincolatività per il nostro paese di tale strumento; sì che conviene cogliere l occasione per cercare di fare un po di chiarezza sul punto. L Italia ha, infatti, sottoscritto la Convenzione, e il Parlamento ne ha autorizzato la ratifica a mezzo della legge n. 145/2001, contenente la consueta clausola di piena e intera esecuzione della convenzione stessa nel diritto interno, delegando al tempo stesso il governo ad emanare i decreti che si fossero resi necessari allo scopo. Dal 2001 ad oggi, tuttavia, il governo non ha provveduto al deposito dello strumento di ratifica presso la sede indicata dalla Convenzione, né ha provveduto ad emanare i decreti attuativi entro il termine fissato dalla l. 145 (e successivamente prorogato invano da altri interventi legislativi). Ora, la mancata emanazione dei decreti attuativi non sembra di per sé costituire contrariamente a quanto è stato talvolta affermato in giurisprudenza un ostacolo a riconoscere l immediata operatività di tutte quelle norme della Convenzione che, in quanto self-executing, sono in grado di operare anche in difetto di norme di dettaglio. E tra queste norme rientrano certamente gli artt. 5-8, che, come vedremo, fissano le condizioni generali di legittimazione del trattamento medico. Il problema concerne piuttosto il mancato deposito della ratifica, che secondo l opinione dominante presso la dottrina internazionalistica e della stessa giurisprudenza costituzionale (cfr. ord. 282/1983 e sent. 379/2004) è condizione essenziale non solo affinché lo Stato italiano possa considerarsi obbligato al rispetto di una convenzione sul piano del diritto internazionale, ma anche affinché le norme della convenzione possano ritenersi incorporate 5

6 nel diritto interno in forza della clausola di piena e intera esecuzione contenuta nella legge di autorizzazione alla ratifica. In altre parole, quella clausola che, per l appunto, ha per effetto la trasposizione delle norme convenzionali nell ordinamento interno dello Stato contraente, con il medesimo rango nella gerarchia delle fonti della legge di autorizzazione alla ratifica è pur sempre subordinata alla condizione del deposito della ratifica da parte del governo, che perfeziona il normale iter di adesione dello Stato ai trattati internazionali. Conseguentemente, si deve ritenere che, nonostante la l. 145/2001 la Convenzione di Oviedo non possa considerarsi attualmente in vigore nell ordinamento italiano, né che l ordinamento italiano sul piano del diritto internazionale sia ancora vincolato al suo rispetto. La situazione di limbo in cui versa la Convenzione non ha impedito tuttavia come si è anticipato alla giurisprudenza italiana di attingere a piene mani dalla Convenzione stessa, ogniqualvolta se ne sia presentata la necessità. In particolare la Corte di cassazione, nella fondamentale sentenza del 16 ottobre 2007 sul caso Englaro, ha correttamente riconosciuto il deficit di vincolatività dello strumento, ma ha al tempo stesso enfatizzato il suo ruolo quanto meno di strumento interpretativo del diritto vigente, in forza del generale consenso consolidatosi sul piano internazionale sui principi e sulle regole ivi contenute, nonché in forza dell adesione a quei principi e a quelle regole espresse dal Parlamento italiano nella stessa legge di autorizzazione alla ratifica. Sulla base di queste autorevoli indicazioni metodologiche, nulla osta dunque a che l interprete italiano possa riferimento nella ricostruzione delle regole di legittimazione del trattamento medico alle norme della Convenzione, e in particolare ai suoi artt. 5 e ss., che come subito vedremo disegnano un quadro coerente e organico di principi ormai unanimemente condivisi a livello internazionale i quali vengono così a completare e precisare un quadro di principi già sottesi alla stessa legislazione italiana, ordinaria e costituzionale. Prima regola: il consenso informato del paziente capace 6

7 La regola fondamentale enunciata dall art. 5 della Convenzione è quella secondo cui, in linea generale, l esecuzione di un trattamento medico presuppone il consenso informato espresso dal paziente: il quale si presenta dunque, nel sistema convenzionale, come la fonte normale di legittimazione del trattamento stesso. Su tale regola che abbiamo visto essere enunciata a livello internazionale anche dall art. 3 della Carta europea, e che risulta perfettamente in linea con lo stesso art. 32 co. 2 della Costituzione italiana non vale la pena qui di diffondersi, essendo d altronde espressa in numerose leggi di rango ordinario che disciplinano ipotesi particolari di trattamento, nonché nella norma generale di cui all art. 33 l. 833/1978 ( Gli accertamenti ed i trattamenti sanitari sono di norma volontari ). Né pare opportuno affrontare in questa sede le questioni di dettaglio, pur in certa misura controverse, che attengono all estensione e alle modalità di adempimento dell obbligo informativo che grava sul sanitario. Ciò che più rileva è, piuttosto, evidenziare un corollario spesso non esplicitato. Se il consenso informato del paziente è normale presupposto della liceità del trattamento, laddove tale consenso nella specie non sussista, o addirittura consti un dissenso all esecuzione del trattamento, delle due l una: o si individua un diverso presupposto di liceità del trattamento che ne consenta l esecuzione nonostante l assenza di consenso del paziente, oppure la sua esecuzione risulterà illecita. E l importanza di tale corollario, di intuitivo rilievo pratico in relazione a casi come quello di Piergiorgio Welby, va apprezzata anche in relazione alla disposizione dell art. 5 co. 3 della Convenzione di Oviedo, che esprime il principio del resto pacifico anche per l interprete italiano secondo cui il paziente può in ogni tempo revocare il consenso precedentemente prestato: il che apre, anche in questo caso, il problema di giustificare la prosecuzione del trattamento, allorché il paziente ne chieda l interruzione (revocando così il consenso al trattamento medesimo). Un secondo importante corollario che vale subito la pena di evidenziare è che in tanto è possibile individuare nel consenso informato del paziente il presupposto della liceità del trattamento, in quanto il paziente sia in concreto capace di autodeterminarsi, e dunque di bilanciare i pro e i contra del trattamento in relazione ai propri interessi. 7

8 Ora, mentre fiumi di inchiostro sono stati versati in relazione al problema dell estensione dell obbligo informativo, comparativamente scarsa è stata l attenzione dedicata dalla dottrina e dalla giurisprudenza al tema centrale dell accertamento della capacità del paziente. Non è chiaro, per cominciare se e in che misura il compimento o meno della maggiore età condizioni tale capacità; e dunque, se il consenso di un minorenne ad es. di un diciassettenne possa costituire ragione sufficiente di legittimazione del trattamento, laddove in concreto il minore possieda sufficiente capacità di discernimento per comprendere i pro e i contra del trattamento propostogli, ovvero se sia necessario per il medico acquisire in luogo del consenso del paziente o accanto ad esso il consenso informato dei suoi legali rappresentanti. Né è del tutto chiaro sulla base di quale criteri dovrebbe formularsi il giudizio sulla capacità del paziente, maggiorenne o minorenne che sia; l unico dato certo essendo solo che il difetto di capacità del paziente non possa essere desunto unicamente dall apparente irrazionalità della sua decisione (si pensi al rifiuto di un emotrasfusione per motivi religiosi). Comunque sia, anche qui un dato è certo: in relazione ad un paziente giudicato incapace di determinarsi, il fondamento della liceità del trattamento al quale questi debba essere sottoposta andrà evidentemente ricercato altrove che non nel suo consenso informato, che in questo caso non potrà operare. Seconda regola: il consenso del legale rappresentante del paziente incapace Proprio in relazione a quest ultima eventualità, l art. 6 della Convenzione di Oviedo dispone che il trattamento possa essere legittimamente eseguito su pazienti incapaci di prestare un consenso a) ove il trattamento sia compiuto a beneficio del paziente, e b) il trattamento sia autorizzato dal legale rappresentante del paziente medesimo, il quale dunque avrà il compito di prestare il consenso informato in luogo del paziente stesso. Con riferimento ai minorenni, la norma si astiene dal fissare una soglia generale oltre la quale la capacità sia presunta, o viceversa al di sotto della quale sia presunta l assenza di capacità, limitandosi piuttosto a rinviare alla discrezionalità di ciascuno Stato contraente; ma precisa (co. 3) che l opinione 8

9 del minorenne dovrà comunque essere presa in considerazione come un fattore sempre più importante della decisione in relazione al crescere dell età e della maturità del minorenne stesso. Parallelamente, in relazione al paziente maggiorenne ma infermo di mente, il co. 3 stabilisce che questi dovrà per quanto possibile essere coinvolto nella procedura di autorizzazione. Infine, la norma precisa ancora una volta che l autorizzazione concessa dal legale rappresentante può in ogni momento essere revocata. E agevole rilevare come questa disciplina si inserisca senza alcuna frizione nel quadro delle regole già presenti nel nostro ordinamento, così come interpretate dalla giurisprudenza. Il potere di chi esercita la potestà dei genitori o del tutore di assumere decisioni in relazione ai trattamenti medici cui l incapace debba essere sottoposto si evince, infatti, dagli artt. 357 e 424 c.c., nella parte in cui attribuiscono a tali soggetti funzioni di cura della persona dell incapace. Laddove invece il paziente sia assistito da un amministratore di sostegno al quale sia stato specificamente conferito, in base all art. 405 c.c., il compito di assumere decisioni in materia di cura della salute dell assistito, sarà costui a dover concedere l autorizzazione al trattamento medico. Ma anche qui, il corollario della regola è inequivoco: se l autorizzazione del legale rappresentante è normale condizione di liceità di un trattamento compiuto nei confronti di un soggetto incapace, in assenza di tale autorizzazione o addirittura in presenza di un espresso rifiuto del legale rappresentante a fornire tale autorizzazione il trattamento non potrà essere lecitamente eseguito, a meno che non si reperisca un diverso fondamento di legittimità del trattamento medesimo. E ciò vale, si noti, anche nell ipotesi in cui il legale rappresentante abbia revocato un autorizzazione precedentemente concessa: da quel momento in poi, il trattamento abbisognerà di una nuova condizione di legittimazione, in mancanza della quale esso dovrà essere interrotto. Naturalmente, il legale rappresentante non potrà concedere o negare a proprio arbitrio l autorizzazione al trattamento, ma dovrà attenersi al criterio della salvaguardia dell interesse dell incapace (del suo best interest, secondo l espressione inglese corrente, adottata anche dalla Cassazione nella sua sentenza del 2007 sul caso Englaro). Il punto è pacifico tanto a livello 9

10 internazionale (l Explanatory Report alla Convenzione chiarisce in proposito che contro l eventuale rifiuto del legale rappresentante, contrario agli interessi dell incapace, ad autorizzare il trattamento gli Stati contraenti dovranno apprestare appositi rimedi giurisdizionali), tanto a livello interno, dove è sempre previsto il controllo del giudice tutelare sul retto esercizio dei poteri del legale rappresentante dell incapace, nonché la possibilità per il giudice di assumere gli opportuni provvedimenti in caso di condotta del rappresentante pregiudizievole all incapace (artt. 333, 424 e, con riferimento all amministratore di sostegno, 410 co. 2 c.c.). Il che implica in particolare la possibilità per il giudice di concedere egli stesso l autorizzazione al trattamento, allorché il rifiuto da parte del legale rappresentante rischi di pregiudicare gli interessi del paziente. Il nodo maggiormente problematico concerne però la determinazione del concetto di interesse, o di miglior interesse dell incapace: profilo, questo, sul quale la sentenza 16 ottobre 2007 sul caso Englaro della Cassazione segna davvero un passaggio epocale. Un trattamento indicato come appropriato dalla miglior scienza medica in relazione ad una determinata situazione clinica non corrisponde sempre e necessariamente al miglior interesse dell incapace; né addirittura secondo la Corte è necessariamente nell interesse dell incapace il trattamento che ne garantisca la sopravvivenza. Il concetto di interesse dell incapace è, piuttosto, da interpretarsi in chiave soggettiva, con riferimento ai bisogni reali, ai desideri attuali o precedentemente espressi, nonché al mondo ideale del singolo paziente; e compito del legale rappresentante è quello di calarsi nei panni dell incapace, per formare una decisione in merito al trattamento medico che sia il più possibile espressione della sua personalità, non già della voce della scienza medica. Nel caso poi in cui il paziente incapace sia addirittura privo di coscienza come nel caso dello stato vegetativo permanente l interesse del paziente andrà determinato, secondo la Cassazione, con riferimento alle sue manifestazioni di volontà anticipate (delle quali occorre sempre tener conto, ai sensi dell art. 9 della Convenzione di Oviedo, anche in assenza di una disciplina legislativa ad hoc), ovvero alla sua volontà presunta, ricostruita in base alla sua personalità pregressa: ossia in relazione a ciò che il 10

11 paziente medesimo avrebbe verosimilmente desiderato, secondo un apprezzamento condotto al metro delle sue passate manifestazioni di volontà, ma anche del suo mondo di valori, del suo modo di concepire l esistenza, della sua personale concezione della dignità umana. Un simile approccio spiega come la Corte sia potuta pervenire ad una conclusione apparentemente scioccante, come quella di ammettere in linea di principio che il legale rappresentante possa disporre l interruzione delle misure di sostegno vitale praticate alla figlia. Per quanto l effetto di una simile decisione sia la morte del paziente, essa non dovrà per ciò solo essere automaticamente contraria all interesse dell incapace; ma potrà risultare, all opposto, conforme al suo interesse, laddove emerga una volontà presunta della paziente di non essere mantenuta in vita a oltranza senza alcuna speranza di recuperare in futuro la coscienza. Sulla base di tali principi di diritto, come è noto, la Corte d appello di Milano ha successivamente autorizzato il padre di Eluana a disporre l interruzione dell alimentazione e dell idratazione che tenevano in vita la figlia, avendo per l appunto riconosciuto la fondatezza della valutazione del tutore, secondo cui la prosecuzione del sostegno vitale sarebbe stata contraria al miglior interesse soggettivamente inteso della paziente. In queste condizioni, la prosecuzione del trattamento sarebbe dunque risultata priva di legittimazione. Ergo, il trattamento è stato nel caso di specie lecitamente (e anzi, doverosamente) interrotto: con conseguente irrilevanza penale della condotta dei sanitari che hanno dato seguito alla decisione del padre di Eluana, avallata in via preventiva dalla Corte d appello milanese. Terza regola: il trattamento delle infermità psichiche La Convenzione di Oviedo prevede poi, agli artt. 7 e 8, due regole eccezionali che assicurano la legittimità del trattamento medico nonostante l assenza di consenso informato del paziente o del suo legale rappresentante. La prima di queste regole (art. 7) concerne la situazione del paziente affetto da infermità psichiche, per il quale la legge di ciascuno Stato deve prevedere un apposita procedura assistita dagli indispensabili controlli 11

12 giurisdizionali per la somministrazione dei trattamenti specificamente miranti alla cura della sua infermità psichica. Nell ambito dell ordinamento italiano, la relativa procedura è come è noto disciplinata dagli artt. 33 e ss. l. 833/1978, i quali prevedono per l appunto, nel rispetto dei vincoli costituzionali di cui agli artt. 32 co. 2 e 13 Cost., la possibilità di praticare trattamenti sanitari obbligatori finalizzati alla cura delle infermità psichiche, allorché non sia possibile acquisirne il consenso. Quarta regola: le situazioni di emergenza L art. 8 della Convenzione di Oviedo prevede, infine, la possibilità che il medico intervenga a beneficio della salute del paziente in situazioni di emergenza senza il preventivo consenso del paziente medesimo o del suo legale rappresentante ai sensi degli artt. 5 e 6, allorché tale consenso non possa essere ottenuto. Il che si verifica tipicamente in due situazioni: quando il paziente si trovi, anche solo temporaneamente, in stato di incapacità (perché ad es. incosciente), e un legale rappresentante non sia ancora stato nominato; ovvero quando il legale rappresentante, pur se nominato, non sia reperibile con la tempestività necessaria ad evitare un danno alla salute del paziente. In casi siffatti, dunque, la necessità dell intervento costituirà essa stessa la ragione giustificativa del trattamento. La norma si riferisce, dunque, ai casi che tradizionalmente nell ordinamento italiano sono tradizionalmente considerati coperti dallo stato di necessità di cui all art. 54 c.p. E importante però sottolineare, a scanso di equivoci, che la regola eccezionale di cui all art. 8 della Convenzione di Oviedo non potrà essere utilizzata per scavalcare surrettiziamente le garanzie offerte ai diritti fondamentali del paziente dagli artt. 5 e 6, presupponendo essa l impossibilità di applicare tali regole generali nel caso concreto. Conseguentemente, la norma in questione non potrà essere utilizzata per assicurare una patente di legittimità a trattamenti praticati in presenza di un dissenso da parte del paziente capace, ovvero da parte del legale rappresentante del paziente incapace, in nome della salvaguardia della vita o della salute del paziente medesimo. 12

13 La precisazione non può non valere anche con riferimento all ordinamento italiano, dove si dovrà senz altro respingere ogni tentativo di fondare sullo stato di necessità di cui all art. 54 c.p. la legittimità di eventuali trattamenti di sostegno vitale (o comunque di misure invasive del corpo del paziente come l alimentazione e l idratazione artificiale) nonostante il dissenso espresso dal paziente capace o dal suo legale rappresentante, come rispettivamente nei casi Welby ed Englaro. L esecuzione del trattamento, in simili ipotesi, resterà priva di ogni legittimazione; e l eventuale trattamento già in corso dovrà, del tutto conseguentemente, essere interrotto. La patologia del rapporto medico/paziente: le conseguenze sanzionatorie a carico del medico che violi le regole sopra enunciate Così ricostruito il quadro delle regole fondamentali che disciplinano il rapporto medico-paziente, si tratta ora di comprendere se e in che misura la violazione di tali regole possa dar luogo ad una responsabilità penale o civile a carico del medico. Sul piano del diritto penale, il recentissimo intervento delle Sezioni Unite (Cass. 18 dicembre 2008, in questa Rivista, n. 3/2009, p. 303 ss.) ha affermato con riferimento alla situazione del paziente capace che l esecuzione di un trattamento medico in assenza di un suo previo consenso informato non integra alcuna ipotesi di reato a carico del sanitario, salvo il caso in cui il paziente venga addirittura costretto con la forza a subire il trattamento rifiutato (ipotesi nella quale si configurerebbe evidentemente a carico del medico il delitto di violenza privata di cui all art. 610 c.p.). Le Sezioni Unite riconoscono invero espressamente il principio secondo cui condizione di liceità di ogni trattamento quanto meno nei confronti del paziente capace, che è del resto la sola presa in considerazione dalla sentenza è il suo consenso informato, dedicando anzi varie pagine all illustrazione di tale principio; ma ritengono, forse discutibilmente, che l esecuzione del trattamento in assenza di tale condizione di legittimità risulti penalmente irrilevante. 13

14 La conferma della necessità del consenso informato del paziente (capace) al trattamento anche in quest ultimo arresto è peraltro gravida di conseguenze sul piano della possibile responsabilità civile del sanitario. Se l esecuzione di un trattamento in assenza di consenso informato del paziente e più in generale in assenza delle altre condizioni di legittimità sin qui ricostruite costituisce una lesione del suo diritto fondamentale all integrità fisica di cui agli artt. 2, 13 e 32 co. 2 Cost., allora da tale condotta non potrà che scaturire un obbligo risarcitorio da lesione di un diritto fondamentale, produttivo di un danno non patrimoniale ai sensi dell art c.c. Danno non patrimoniale, peraltro, che dovrà essere tenuto accuratamente distinto dal danno alla salute (o biologico ) così come usualmente inteso dalla giurisprudenza civilistica: trattandosi qui di reagire non già al deterioramento della salute del paziente cagionato dal trattamento, bensì al mero fatto dell illegittima interferenza con la sua integrità fisica, e con la sua libertà di autodeterminazione. Interferenza che sussiste anche nell ipotesi in cui il trattamento abbia in concreto prodotto sul piano strettamente clinico un esito favorevole per la salute del paziente. 14

Procura della Repubblica di Bolzano DIRETTIVE ANTICIPATE DI TRATTAMENTO SITUAZIONE GIURIDICA ATTUALE

Procura della Repubblica di Bolzano DIRETTIVE ANTICIPATE DI TRATTAMENTO SITUAZIONE GIURIDICA ATTUALE DIRETTIVE ANTICIPATE DI TRATTAMENTO SITUAZIONE GIURIDICA ATTUALE PRINCIPIO DI CUI ALL ART. 32 COSTITUZIONE La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo e interesse della collettività

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. Partecipazione attiva del soggetto malato. Rapporto Medico Paziente. a cura dell Avv. Elio Garibaldi RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE

CONSENSO INFORMATO. Partecipazione attiva del soggetto malato. Rapporto Medico Paziente. a cura dell Avv. Elio Garibaldi RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE CONSENSO INFORMATO Partecipazione attiva del soggetto malato Rapporto Medico Paziente a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE Conoscenza del proprio stato di salute Conoscenza delle

Dettagli

L attuale situazione normativa in Italia

L attuale situazione normativa in Italia L attuale situazione normativa in Italia Eutanasia e suicidio assistito Rifiuto dei trattamenti sanitari Testamento biologico Cure palliative Avv. Nicola Menardo Grande Stevens Studio Legale Associato

Dettagli

Ogg.: Istituzione del Registro dei testamenti biologici. Approvazione del relativo Regolamento comunale.

Ogg.: Istituzione del Registro dei testamenti biologici. Approvazione del relativo Regolamento comunale. DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO Ogg.: Istituzione del Registro dei testamenti biologici. Approvazione del relativo Regolamento comunale. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: Con l espressione testamento biologico

Dettagli

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009 5.14 IUS POENITENDI E TUTELA DELLA PRIVACY Con ius poenitendi si intende il diritto di cambiare confessione religiosa. Nel nostro ordinamento tale possibilità (implicitamente prevista dall art 19 Cost)

Dettagli

La relazione di cura

La relazione di cura La relazione di cura Il valore della corretta informazione al paziente, del consenso e del dissenso informato. Lecco 31-10-09 a cura di S. Fucci - Giurista e Bioeticista sefucci@tiscali.it LA LIBERTÀ DEL

Dettagli

( A cura dell Avv. Valter Marchetti, Osservatorio Giuridico La Previdenza )

( A cura dell Avv. Valter Marchetti, Osservatorio Giuridico La Previdenza ) Pagina1 1 Relazione interpersonale medico e paziente: consenso informato, ( A cura dell, Osservatorio Giuridico La Previdenza ) Nel rapporto tra medico e paziente, nel rispetto dell inviolabile principio

Dettagli

^mo\1mentoi. Movimento 5 Stelle. GruppoAssembleare Regione Emilia-Romagna RISOLUZIONE. L'Assemblea Legislativa deiremilia-romagna.

^mo\1mentoi. Movimento 5 Stelle. GruppoAssembleare Regione Emilia-Romagna RISOLUZIONE. L'Assemblea Legislativa deiremilia-romagna. ^mo\1mentoi Movimento 5 Stelle Gruppo Assembleare Alla Presidente dell' della cons. Simonetta Saliera RISOLUZIONE L'Assemblea Legislativa deiremilia-romagna Premesso che con l'espressione "testamento biologico"

Dettagli

Come e perché compilare la Dichiarazione Anticipata di Trattamento (DAT) a cura della Provincia di Pisa

Come e perché compilare la Dichiarazione Anticipata di Trattamento (DAT) a cura della Provincia di Pisa Come e perché compilare la Dichiarazione Anticipata di Trattamento (DAT) a cura della Provincia di Pisa Perché la Provincia istituisce il Registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento? La Provincia

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRIGNONE, CIVATI, ANDREA MAESTRI, PASTORINO, MATARRELLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRIGNONE, CIVATI, ANDREA MAESTRI, PASTORINO, MATARRELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3599 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRIGNONE, CIVATI, ANDREA MAESTRI,

Dettagli

Di Lello, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli

Di Lello, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei DEPUTATI Di Lello, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli Disposizioni in materia di consenso informato e di dichiarazioni di volontà anticipate

Dettagli

Dossier informativo a cura della sezione pisana della Consulta di Bioetica Onlus

Dossier informativo a cura della sezione pisana della Consulta di Bioetica Onlus Dossier informativo a cura della sezione pisana della Consulta di Bioetica Onlus Autodeterminazione alla fine della vita: che ne è del testamento biologico? Pisa, 1 febbraio 2012 1 Nota introduttiva La

Dettagli

Il divorzio nel diritto cinese: confronto con il divorzio italiano

Il divorzio nel diritto cinese: confronto con il divorzio italiano STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca La problematica circa l ammissibilità o meno del risarcimento del danno nell ipotesi di separazione

Dettagli

la sacralità del cadavere, anche a costo di non garantire il trapianto degli organi in tutti i casi in cui esso sia tecnicamente possibile.

la sacralità del cadavere, anche a costo di non garantire il trapianto degli organi in tutti i casi in cui esso sia tecnicamente possibile. I TRAPIANTI Diversamente dall eutanasia, il tema dei trapianti ha una storia più recente. Esso è anzi legato alle prospettive aperte dalla cultura medica nella nostra contemporaneità. Oggi è possibile

Dettagli

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti L ESECUZIONE DEI PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI MINORI Relatore: dott. Antonino Luigi SCARPULLA pretore della Pretura circondariale di Palermo Premessa. I. Nel nostro ordinamento giuridico non esiste una

Dettagli

Le frontiere del biodiritto

Le frontiere del biodiritto Le frontiere del biodiritto Claudia Mazzucato Dipartimento di Scienze giuridiche Università Cattolica del S. Cuore Pordenone, 8 febbraio 2008 I - UNO SGUARDO D INSIEME Il principio supremo di laicità e

Dettagli

INTERROMPERE/NON INIZIARE LE CURE

INTERROMPERE/NON INIZIARE LE CURE Per un diritto gentile alla fine della vita Padova, 25 ottobre 2013 INTERROMPERE/NON INIZIARE LE CURE Elisabetta Palermo Fabris 1 È importante contestualizzare l intervento nella logica dei due documenti

Dettagli

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Edizioni Simone - Vol. 45/1 Compendio di Diritto Internazionale privato e processuale Parte seconda Cenni di parte speciale Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Sommario Z 1. La filiazione. - 2. L adozione.

Dettagli

CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO

CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO 1 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO Bruna Albertini, Paola Maria Braggion, Giuseppe Gennari, Silvia Giani, Ines Marini, Angelo

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1352

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1352 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1352 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore DE LILLO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 3 FEBBRAIO 2009 Disposizioni in materia di regolamentazione del diritto

Dettagli

Il consenso informato: principi, regole e applicazioni pratiche

Il consenso informato: principi, regole e applicazioni pratiche Collegio Interprovinciale Ostetriche Torino-Asti Responsabilità professionale dell ostetrica: evoluzione normativa e aspetti giuridici Il consenso informato: principi, regole e applicazioni pratiche 31

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA PRINCIPI GENERALI, ORIENTAMENTI E PROSPETTIVE DEL CONSENSO INFORMATO AL TRATTAMENTO SANITARIO

INDICE PARTE PRIMA PRINCIPI GENERALI, ORIENTAMENTI E PROSPETTIVE DEL CONSENSO INFORMATO AL TRATTAMENTO SANITARIO Introduzione... pag. XI PARTE PRIMA PRINCIPI GENERALI, ORIENTAMENTI E PROSPETTIVE DEL CONSENSO INFORMATO AL TRATTAMENTO SANITARIO Capitolo Primo L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE 1. Un po di storia...

Dettagli

INDICE PARTE I PROFILI GENERALI DEL CONSENSO INFORMATO CAPITOLO I IL CONSENSO INFORMATO

INDICE PARTE I PROFILI GENERALI DEL CONSENSO INFORMATO CAPITOLO I IL CONSENSO INFORMATO VII Introduzione.... 1 PARTE I PROFILI GENERALI DEL CONSENSO INFORMATO 1. Profili generali... 9 2. La nozione di consenso informato... 11 3. Le origini del consenso informato nella giurisprudenza statunitense...

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

Casi particolari di consenso informato

Casi particolari di consenso informato Pag. 1 di 9 Casi particolari di consenso informato lla PA XX Linee di Indirizzo per l acquisizione del consenso informato nei trattamenti sanitari Pag. 2 di 9 Sommario 1.PAZIENTE MINORENNE...3 1.1.Aspetti

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 ART. 15 DEL D.P.R. 29 SETTEMBRE 1973, N. 601. FATTISPECIE NEGOZIALI CONTENENTI CLAUSOLE CHE INFLUISCONO SULLA DURATA DELL OPERAZIONE DI FINANZIAMENTO. PROBLEMATICHE

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

A cura di Laura Galli

A cura di Laura Galli LA TUTELA RISARCITORIA NELLE RELAZIONI FAMILIARI A cura di Laura Galli Da anni dottrina e giurisprudenza affrontano il problema della tutela risarcitoria dell illecito qualora la vittima sia uno dei congiunti.

Dettagli

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione.

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione. Dipartimento della funzione pubblica Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Prot. n. 23/11 Roma, Parere n. 196/04 Al Ministero dell interno Dipartimento per gli affari interni e territoriali

Dettagli

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY E legittimo negare la comunicazione delle informazioni personali raccolte in fase di indagine prima dell avvio del processo a

Dettagli

Legislazione minorile. Indice. 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Legislazione minorile. Indice. 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE V LA COMPETENZA AMMINISTRATIVA DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Amministrazione di sostegno, curatela, tutela Consorzio Intercomunale per la gestione dei servizi socio-assistenziali dell Ovestticino (Comune di Cameri, Cerano,

Dettagli

dichiarazione anticipata di trattamento Testamento biologico Contesto giuridico in Italia

dichiarazione anticipata di trattamento Testamento biologico Contesto giuridico in Italia La dichiarazione anticipata di trattamento (alias Testamento biologico, o più variamente testamento di vita, direttive anticipate, volontà previe di trattamento) è l espressione della volontà da parte

Dettagli

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro C 14 a p i t o l o Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro 1 I principi generali dei licenziamenti individuali Il licenziamento è considerato legittimo soltanto quando sussistono alcune

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Il rilievo dell art. 7 della CEDU nell ordinamento giuridico nazionale e l efficacia nel tempo dei mutamenti giurisprudenziali sopravvenuti al fatto.

Il rilievo dell art. 7 della CEDU nell ordinamento giuridico nazionale e l efficacia nel tempo dei mutamenti giurisprudenziali sopravvenuti al fatto. Il rilievo dell art. 7 della CEDU nell ordinamento giuridico nazionale e l efficacia nel tempo dei mutamenti giurisprudenziali sopravvenuti al fatto. L ordinamento penale nazionale poggia le proprie fondamenta

Dettagli

Morte della persona fisica e fallimento della società: le due situazioni non sono assimilabili

Morte della persona fisica e fallimento della società: le due situazioni non sono assimilabili Morte della persona fisica e fallimento della società: le due situazioni non sono assimilabili di Guido Stampanoni Bassi Nota a CASS. PEN., SEZ. V, 19 novembre 2012 (ud. 26 settembre 2012), n. 44824 GRASSI

Dettagli

Margine d azione d malato ed il suo bisogno di cure

Margine d azione d malato ed il suo bisogno di cure Margine d azione d tra l autonomia l del malato ed il suo bisogno di cure Le dichiarazioni anticipate di trattamento nelle cure palliative: problema o risorsa? Vipiteno-Sterzing 29 ottobre 2005 Giovanni

Dettagli

Oggetto: Accesso all assistenza sanitaria per i cittadini comunitari

Oggetto: Accesso all assistenza sanitaria per i cittadini comunitari 14 Gennaio 2008 Ministro della Salute Ministro dell Interno Ministro della Solidarietà sociale Ministro per i Diritti e le pari opportunità Ministro per le Politiche per la famiglia Ministro per gli Affari

Dettagli

2014 I DIRITTI DELLA PERSONA

2014 I DIRITTI DELLA PERSONA Cendon / Book Collana diretta da Bruno de Filippis I DIRITTI DEL PRIMO LIBRO DEL CODICE CIVILE 02 2014 I DIRITTI DELLA PERSONA LEGISLAZIONE E PROSPETTIVE Bruno de Filippis Edizione NOVEMBRE 2014 Copyright

Dettagli

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504 Pagina 1 di 9 Non basta la mera disponibilità dei nonni a prendersi cura dei nipoti per scongiurarne l'adozione se non è provata la presenza di "rapporti significativi" Sommario: 1) Breve commento alla

Dettagli

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE IV LA COMPETENZA CIVILE DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI IN MATERIA DI ADOZIONI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012

Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012 Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012 A cura di Sergio Fucci Giurista e bioeticista, magistrato tributario,

Dettagli

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE Avv. Sibilla Santoni Società sempre più complessa e problematica necessità degli assistenti sociali di conoscere i rischi giuridici a cui vanno incontro

Dettagli

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA La tutela della riservatezza nella gestione del rapporto di lavoro è una tematica particolarmente complessa e delicata

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010 CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 28 maggio 2010 OGGETTO: IRAP autonoma organizzazione giurisprudenza della Corte di cassazione ulteriori istruzioni operative per la

Dettagli

IMMIGRAZIONE E ASILO

IMMIGRAZIONE E ASILO Diritti umani e diritto internazionale, vol. 4 n. 2 2010 IMMIGRAZIONE E ASILO Sviluppo psicofisico del minore e controllo dell immigrazione clandestina: il bilanciamento operato dalla Corte di cassazione

Dettagli

CAPITOLO I IL PROCESSO DI ESECUZIONE NEI SUOI ASPETTI GENERALI

CAPITOLO I IL PROCESSO DI ESECUZIONE NEI SUOI ASPETTI GENERALI 2 ATTIVITÀ ESECUTIVA E TUTELA GIURISDIZIONALE 5 CAPITOLO I IL PROCESSO DI ESECUZIONE NEI SUOI ASPETTI GENERALI SOMMARIO: 1. Orientamenti generali e schema della disciplina del processo di esecuzione. 2.

Dettagli

Decisione N. 488 del 17 febbraio 2012 IL COLLEGIO DI ROMA. composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale...

Decisione N. 488 del 17 febbraio 2012 IL COLLEGIO DI ROMA. composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis.. Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio... Membro designato dalla

Dettagli

Mozione. istituzione del registro dei testamenti biologici. Al Sindaco Giovanni Malpezzi All'Assessore alle politiche sociali Antonio Bandini

Mozione. istituzione del registro dei testamenti biologici. Al Sindaco Giovanni Malpezzi All'Assessore alle politiche sociali Antonio Bandini Fatti Sentire La Lista Civica 5 Stelle per Faenza Sito web: www.faenzafattisentire.it E-mail: info@faenzafattisentire.it Tel. 3801428248 Al Sindaco Giovanni Malpezzi All'Assessore alle politiche sociali

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni...

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... Elenco delle principali abbreviazioni... XVII CAPITOLO PRIMO PROFILI GENERALI Guida bibliografica... 3 1. Premessa... 7 2. La famiglia come formazione sociale... 9 2.1. Il precedente sistema giusfamiliare...

Dettagli

circonvenzione di persone incapaci CORTE DI APPELLO -

circonvenzione di persone incapaci CORTE DI APPELLO - 1 circonvenzione di persone incapaci CORTE DI APPELLO - atto di impugnazione proposto nell interesse del sig. MARIO BIANCHI, relativo alla sentenza pronunciata il dal giudice per l udienza preliminare

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 24 della legge 24 novembre 1981, n. 689 disciplina la connessione obiettiva

Dettagli

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata 1 Danno morale: categoria autonoma o componente del danno biologico? Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata si è consolidato, nel corso

Dettagli

Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000)

Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000) Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000) Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella seduta del 5 settembre 2000, ha adottato la seguente deliberazione:

Dettagli

Autorità parentale congiunta nuove norme in vigore dal 1 luglio 2014

Autorità parentale congiunta nuove norme in vigore dal 1 luglio 2014 Autorità parentale congiunta nuove norme in vigore dal 1 luglio 2014 Avv. Alberto F. Forni, Lugano-Viganello A) Introduzione B) Gli articoli più rilevanti della nuova legge C) Diritto transitorio D) Il

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO 1 CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITÀ DEL MEDICO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO 1 CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITÀ DEL MEDICO CAPITOLO 1 CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITÀ DEL MEDICO 1.1. Il consenso informato da principio etico a principio giuridico... 1 1.2. Riflessi del consenso informato sulla responsabilità civile delmedico:a)profiligenerali...

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Consiglio Comunale n. 21 del 30/07/2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: Approvazione del Regolamento Comunale sul Testamento Biologico - Dichiarazione anticipata di volontà. L'anno

Dettagli

TESTAMENTO BIOLOGICO

TESTAMENTO BIOLOGICO 23 Maggio 2009 Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Massa Carrara Titolo evento ETICA DI FINE VITA TESTAMENTO BIOLOGICO Mariella Immacolato Specialista in Reumatologia Specialista

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA

PROPOSTA DI DELIBERA COMUNE DI COMO PROPOSTA DI DELIBERA Oggetto: ISTITUZIONE DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI VOLONTA Il consiglio comunale di Como Premesso che: - Con l espressione testamento biologico (o anche

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione...

INDICE SOMMARIO. Prefazione... INDICE SOMMARIO Prefazione... XIII CAPITOLO 1 ASSICURAZIONE E RESPONSABILITÀ: INTERA- ZIONE E PREGIUDIZI 1. Assicurazione e sicurezza... 1 2. La società delle tutele e la garanzia assicurativa... 6 3.

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Situazioni giuridiche soggettive - dispense 1 DIRITTO PRIVATO LE SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE (dispense a cura di Carlo Dore) SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Premesso che la principale funzione della

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

IL TESTAMENTO BIOLOGICO TRA DIRITTO VIGENTE E LEGISLAZIONE FUTURA

IL TESTAMENTO BIOLOGICO TRA DIRITTO VIGENTE E LEGISLAZIONE FUTURA IL TESTAMENTO BIOLOGICO TRA DIRITTO VIGENTE E LEGISLAZIONE FUTURA Sommario Cos è il testamento biologico - Definizione - Differenza tra testamento biologico ed eutanasia Il testamento biologico alla luce

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

La nascita indesiderata. Reggio Calabria 2012

La nascita indesiderata. Reggio Calabria 2012 La nascita indesiderata Reggio Calabria 2012 La giurisprudenza sulla nascita indesiderata Cass. 12195 /1998 Principi generali Il danno va considerato causato dall illecito (art. 1223 c.c.) quando pur non

Dettagli

A COMMENTO DELLA COMUNICAZIONE BANCA D ITALIA 3 LUGLIO 2013: SULL USURA SOPRAVVENUTA

A COMMENTO DELLA COMUNICAZIONE BANCA D ITALIA 3 LUGLIO 2013: SULL USURA SOPRAVVENUTA A COMMENTO DELLA COMUNICAZIONE BANCA D ITALIA 3 LUGLIO 2013: SULL USURA SOPRAVVENUTA DI UGO MALVAGNA 1.- Con la comunicazione del 3 luglio 2013 («Chiarimenti in materia di applicazione della legge antiusura»)

Dettagli

LA RESPONSABILITA DEL MEDICO E DELLA STRUTTURA SANITARIA. Con particolare riferimento alla responsabilità per errata diagnosi prenatale

LA RESPONSABILITA DEL MEDICO E DELLA STRUTTURA SANITARIA. Con particolare riferimento alla responsabilità per errata diagnosi prenatale LA RESPONSABILITA DEL MEDICO E DELLA STRUTTURA SANITARIA Con particolare riferimento alla responsabilità per errata diagnosi prenatale Parte prima Nell ambito dell esercizio dell attività medica è possibile

Dettagli

LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI

LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI Il problema derivante dall eventuale responsabilità delle banche per la revoca degli affidamenti alle imprese trova il suo fondamento nella prevalenza sempre maggiore

Dettagli

Aspetti specifici della deontologia. Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012

Aspetti specifici della deontologia. Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012 + Aspetti specifici della deontologia Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012 + Programma Il segreto professionale, la testimonianza, l obbligo di denuncia/referto

Dettagli

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002 Ischia, 23 settembre 2002 Oggetto: parere sull ammissibilità del rimborso delle spese legali sostenute da ex amministratori comunali in procedimenti penali definiti con formula assolutoria. Viene chiesto

Dettagli

Febbraio 2015. L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita

Febbraio 2015. L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita Febbraio 2015 L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita Paola Flora, Responsabile Servizio Consulenza e Compliance Fiscale UBI Banca, e Stefano Loconte, Professore a

Dettagli

L AUDIZIONE DEL M INORE IL VALORE PROBATORIO DELLE DICHIARAZIONI

L AUDIZIONE DEL M INORE IL VALORE PROBATORIO DELLE DICHIARAZIONI L AUDIZIONE DEL M INORE IL VALORE PROBATORIO DELLE DICHIARAZIONI SOMMARIO: 1. Il valore probatorio delle dichiarazioni del minore in ambito civile e, in particolare, nei procedimenti di separazione e divorzio

Dettagli

La parola tutela è molto ricca di significati, e ha una storia molto lunga che affonda le sue radici nel

La parola tutela è molto ricca di significati, e ha una storia molto lunga che affonda le sue radici nel Il Tutore volontario... quasi un Microgarante Tutela e protezione La parola tutela è molto ricca di significati, e ha una storia molto lunga che affonda le sue radici nel diritto romano. In generale, nella

Dettagli

RESPONSABILITA DELL INFERMIERE NELLA DEFIBRILLAZIONE CARDIACA PRECOCE

RESPONSABILITA DELL INFERMIERE NELLA DEFIBRILLAZIONE CARDIACA PRECOCE RESPONSABILITA DELL INFERMIERE NELLA DEFIBRILLAZIONE CARDIACA PRECOCE La defibrillazione è una pratica terapeutica che utilizza una scarica controllata di corrente elettrica allo scopo di correggere anomalie

Dettagli

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi?

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi? D.- In caso di separazione, in assenza dei figli, può essere disposta dal giudice l assegnazione della casa coniugale? R.- Ove non vi sia prole convivente, questo tipo di tutela non ha più ragione di sussistere

Dettagli

Classi partecipanti: 2^A - 4^A - 5^A

Classi partecipanti: 2^A - 4^A - 5^A Classi partecipanti: 2^A - 4^A - 5^A 1 2 3 4 Salerno, 17 ottobre 2014 Tavola rotonda Dalla potestà alla responsabilità genitoriale : diritti e doveri di figli e genitori L influenza del sistema familiare

Dettagli

GENTE MONEY OTTOBRE 2013

GENTE MONEY OTTOBRE 2013 PROTEZIONE DE PATRIMONIO: CHI NE HA BISOGNO E QUALI SONO I LIMITI (*) (*) Roberto Lenzi Avvocato, Lenzi e Associati La ricerca e individuazione di forme di protezione del patrimonio è sicuramente argomento

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A TAR LAZIO, SEZIONE TERZA, 26 febbraio 2013, n. 2106 A cura di Simone Luca

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A TAR LAZIO, SEZIONE TERZA, 26 febbraio 2013, n. 2106 A cura di Simone Luca NOTA A TAR LAZIO, SEZIONE TERZA, 26 febbraio 2013, n. 2106 A cura di Simone Luca Il diritto di accesso e le specifiche ragioni di tutela del segreto industriale e commerciale Con la sentenza in esame,

Dettagli

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale Alle ipotesi codicistiche originarie del condomino assente o dissenziente la legge di riforma del condominio ha aggiunto la legittimazione

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it INTERFERENZE TRA DIRITTO PENALE E DIRITTO CIVILE: REATI CONTRATTO E REATI IN CONTRATTO. Sommario: 1. La violazione di norme imperative ex art. 1418 del Codice Civile e il contratto in contrasto con una

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA Gruppo Partito Democratico Ufficio Legislativo DISEGNO DI LEGGE

SENATO DELLA REPUBBLICA Gruppo Partito Democratico Ufficio Legislativo DISEGNO DI LEGGE DISEGNO DI LEGGE Disposizioni in materia di consenso informato e di dichiarazioni di volontà anticipate nei trattamenti sanitari al fine di evitare l'accanimento terapeutico d'iniziativa dei senatori:

Dettagli

Centro di riferimento regionale SLA. La rete SLA. Tra doveri del medico e diritti delle persone ammalate.

Centro di riferimento regionale SLA. La rete SLA. Tra doveri del medico e diritti delle persone ammalate. Centro di riferimento regionale SLA La rete SLA. Tra doveri del medico e diritti delle persone ammalate. Sono in PS dell ospedale, l ambulanza mi ha portato qui, mio padre non vuole fare la tracheostomia,

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^ IL GIUDICE ISTRUTTORE

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^ IL GIUDICE ISTRUTTORE TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^ IL GIUDICE ISTRUTTORE Esaminati gli atti del procedimento iscritto al n. 344/2007 R.G., sciogliendo la riserva che precede; OSSERVA Va, innanzitutto,

Dettagli

Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706

Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706 Il danno tanatologico Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706 Veronica Maina Valeria Mastrolembo Barnà Parti Familiari della vittima Generali Assicurazioni SpA T.R. Fatti Il minore viaggiava sul ciclomotore

Dettagli

B.- LA POLIZZA TUTELA GIUDIZIARIA B1.- Assicuratrice Milanese spa rilascia una tutela legale con le seguenti caratteristiche:

B.- LA POLIZZA TUTELA GIUDIZIARIA B1.- Assicuratrice Milanese spa rilascia una tutela legale con le seguenti caratteristiche: B.- LA POLIZZA TUTELA GIUDIZIARIA B1.- Assicuratrice Milanese spa rilascia una tutela legale con le seguenti caratteristiche: 1) copertura delle spese giudiziali e stragiudiziali, sia civili che penali;

Dettagli

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione Assegno Mantenimento Approfondimenti e spiegazioni utili sull assegno di mantenimento: cos è, quando è possibile richiederlo, a chi spetta, come viene quantificato e rivalutato e tanto altro. Assegno di

Dettagli

Scuole dell infanzia e discriminazione: la circolare Moratti e la rinnovata dimensione del diritto all istruzione. di Fulvio Cortese *

Scuole dell infanzia e discriminazione: la circolare Moratti e la rinnovata dimensione del diritto all istruzione. di Fulvio Cortese * Scuole dell infanzia e discriminazione: la circolare Moratti e la rinnovata dimensione del diritto all istruzione di Fulvio Cortese * La nota e recente ordinanza cautelare con la quale il Tribunale di

Dettagli

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Signori Giudici del Tribunale, Nelle conclusioni di questa mattina,

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012 Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO Quale è il trattamento fiscale delle somme riconosciute

Dettagli

1 OGGETTO N. 3 MOZIONE PER ISTITUZIONE DEL REGISTRO TELEMATICO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTI SANITARI

1 OGGETTO N. 3 MOZIONE PER ISTITUZIONE DEL REGISTRO TELEMATICO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTI SANITARI 1 MOZIONE PER ISTITUZIONE DEL REGISTRO TELEMATICO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI (TESTAMENTO BIOLOGICO). I Consiglieri comunali Lododivo Zanetti, Valentina Ancarani,

Dettagli