I PRESUPPOSTI DI LICEITÀ DEL TRATTAMENTO MEDICO ALLA LUCE DELLA RECENTE GIURISPRUDENZA CIVILE E PENALE. Francesco Viganò

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I PRESUPPOSTI DI LICEITÀ DEL TRATTAMENTO MEDICO ALLA LUCE DELLA RECENTE GIURISPRUDENZA CIVILE E PENALE. Francesco Viganò"

Transcript

1 I PRESUPPOSTI DI LICEITÀ DEL TRATTAMENTO MEDICO ALLA LUCE DELLA RECENTE GIURISPRUDENZA CIVILE E PENALE Francesco Viganò Il problema La drammatica vicenda di Eluana Englaro, così come in precedenza quella di Piergiorgio Welby, hanno posto all ordine del giorno nel nostro paese le problematiche delle decisioni mediche di fine vita, spesso discusse sotto l etichetta generica e fuorviante di eutanasia autentica notte del pensiero in cui tutte le vacche divengono nere, e in cui ogni differenza sembra appiattirsi sotto il peso degli slogan contrapposti. È tuttavia rimasto in ombra non solo nel dibattito mediatico, ma anche nella riflessione degli addetti ai lavori un profilo per così dire pregiudiziale, ancorché meno carico di pathos, che queste due questioni proponevano: quello, cioè, dei principi e delle regole che presiedono al rapporto tra medico e paziente, e degli stessi presupposti di liceità della somministrazione di trattamenti medici al paziente. Si è così data per scontata la normale liceità della somministrazione al paziente di trattamenti di sostegno vitale (la ventilazione assistita nel caso di Welby, l alimentazione e l idratazione artificiale nel caso di Eluana), e ci si è unicamente concentrati sulla domanda se, ed eventualmente a quali condizioni, fosse lecito interrompere questi interventi, provocando così la morte del paziente. Dimenticando, così, che la prima domanda che il giurista dovrebbe porsi concerne la stessa legittimità della somministrazione, e della prosecuzione, del trattamento stesso. Affrontare questo tema non è, d altra parte, compito agevole: da tutti si lamenta ormai il vuoto normativo in materia. In molti luoghi della legislazione ordinaria, che sarebbe qui inutile analiticamente ricapitolare, affiora invero il principio della normale volontarietà dei trattamenti medici; e l art. 32 co. 2 Cost., invariabilmente invocato in questo contesto, ne costituisce un ovvia quanto autorevole conferma. Ma i problemi si affastellano nelle 1

2 regioni di confine, dove l ordinamento non offre risposte univoche. La necessità del consenso informato del paziente, ad esempio, vale anche quando il trattamento sia necessario per la sua sopravvivenza? Ovvero deve in tal caso il trattamento essere considerato legittimo (e magari doveroso) anche a prescindere dalla volontà del paziente, in omaggio alle esigenze si salvaguardia della sua cita? Quali i presupposti di liceità del trattamento praticato ad un paziente incapace di decidere autonomamente, perché bambino, incosciente, malato di mente? E potremmo continuare a lungo. I casi Welby ed Englaro, assieme a vari altri assai meno noti all opinione pubblica, hanno costretto la giurisprudenza italiana (in sede civile e penale) ad affrontare molte delle questioni qui accennate, attraverso letture costituzionalmente orientate degli scarni dati normativi esistenti, spesso illuminate da spunti e suggestioni provenienti dal diritto internazionale e comparato. I risultati, come è naturale che accada rispetto ad ogni interpretazione giudiziale creativa, non sono stati da tutti condivisi, ma lasciano intravedere sullo sfondo un quadro di principi e regole, in larga misura coerente con i risultati cui le giurisprudenze di altri ordinamenti a noi vicini sono pervenuti. In attesa dunque di una disciplina legislativa organica in materia, vale la pena qui tentare di riordinare sistematicamente le regole elaborate a tutt oggi dal diritto vivente, componendo le molteplici ma frammentarie suggestioni provenienti dalla recente giurisprudenza penale e civile in un quadro unitario il più possibile coerente, con il quale lo stesso futuro legislatore sarà chiamato a confrontarsi: per confermarlo, o se del caso correggerlo, entro i margini di manovra consentitigli dai vincoli di tutela dei diritti fondamentali coinvolti. La ricostruzione del quadro delle regole di condotta cui il sanitario deve attenersi nel formare la decisione terapeutica è, d altra parte, indispensabile anche per compiere il passaggio successivo, che concerne la determinazione delle conseguenze sanzionatorie (penali e civili) nel caso di violazione di quelle regole: profilo, quest ultimo, al quale dedicherò qualche breve cenno in chiusura di questo intervento, anche alle luce di un recentissimo pronunciamento delle Sezioni Unite penali. 2

3 Il bisogno di legittimazione di ogni trattamento medico al metro del diritto costituzionale L idea forte che mi pare emergere dalla giurisprudenza recente, civile più ancora che penale, è quello che potremmo indicare mutuando l analoga espressione utilizzata dalla dottrina tedesca come il bisogno di legittimazione di ogni trattamento invasivo del corpo del paziente. La dottrina e la giurisprudenza penalistica tradizionali tendono, invero, ad assumere che il trattamento medico si autolegittimi in forza della sua utilità sociale, e della sua funzionalità a promuovere la salute del paziente, senza necessità di alcuna particolare ragione giustificativa che non sia quella fornita dall art. 32 Cost. (norma che, si afferma, tutelando la salute come diritto individuale e interesse della collettività, non può non riconoscere implicitamente anche la liceità delle condotte necessarie a promuovere la salute medesima). Ma non più che di affermazioni tralatizie si tratta, ormai non più al passo con una mutata sensibilità giuridica che riconosce pacificamente all individuo un diritto fondamentale, in forza dell art. 32 secondo comma Cost., di rifiutare le cure, salve le limitazioni espressamente previste dalla legge. Il corollario di un tale diritto fondamentale non può che essere l illiceità quanto meno di regola di un trattamento praticato contro la volontà dell interessato, anche nel caso in cui risulti conforme alle leges artis, e si sia in concreto rivelato benefico per la salute del paziente. Il che è come dire che il trattamento non si autolegittima affatto, bensì richiede una specifica ragione di legittimazione, di regola rappresentata dalla conforme volontà del paziente. Ancora insufficientemente focalizzata è però la ratio del diritto fondamentale di rifiutare il trattamento di cui all art. 32 co. 2 Cost. Il richiamo usuale al principio di autodeterminazione terapeutica coglie solo una dimensione di tale diritto: l altra dimensione, forse ancora più rilevante, è quella della tutela della sua integrità fisica. Di quell area cioè di inviolabilità che l ordinamento costituzionale erige attorno al corpo della persona, concepito quale recinto affidato alla esclusiva autodeterminazione individuale e protetto da ogni ingerenza, foss anche benintenzionata, dei terzi. 3

4 Il diritto fondamentale all integrità fisica riceve tutela, peraltro, non solo dall art. 32 co. 2 Cost. (sub specie di diritto a non subire interventi non debitamente consentiti nel proprio corpo), ma anche ancor prima dall art. 13 Cost.; ed è più in generale riconducibile al novero dei diritti inviolabili di cui all art. 2 Cost. E la stretta connessione fra trattamenti invasivi del corpo del paziente e il suo diritto all integrità fisica è del resto testimoniata in maniera eloquente dall art. 3 della Carta europea dei diritti dell uomo, il quale riconosce al primo comma il diritto dell individuo alla integrità fisica e psichica, enunciando poi immediatamente, al secondo comma, il diritto al consenso informato del paziente in tutte le procedure sanitarie; diritto quest ultimo concepito evidentemente come corollario del più generale diritto all integrità fisica. Nella misura in cui un dato trattamento interferisca con questo diritto fondamentale, risultando in concreto invasivo del corpo del paziente, esso richiederà dunque una specifica legittimazione già al metro del diritto costituzionale, in assenza della quale esso costituirà una illegittima violazione di un diritto fondamentale del paziente. Ciò non può non valere, si noti, anche per le procedure di alimentazione e idratazione artificiali. Comunque vengano qualificate, si tratta pur sempre di procedure invasive del corpo del paziente, che pongono per ciò stesso in causa il suo diritto all intergità fisica, e che per tale ragione reclamano anch esse una qualche ragione giustificativa per poter essere lecitamente praticate. Del tutto irrilevante, sotto questo profilo, risulta dunque la discussione se di veri trattamenti medici si tratti, ovvero di mere misure di sostegno vitale. Le fonti delle regole di legittimazione del trattamento medico. In particolare: il ruolo della Convenzione di Oviedo Il problema centrale diviene a questo punto quello di individuare le diverse possibili ragioni di legittimazione del trattamento. Mancando ancora una organica disciplina legislativa in proposito, occorrerà in questa ricostruzione far riferimento ai principi sottesi a un insieme eterogeneo di regole sparse nell ordinamento e interferenti in vario modo con la materia dei 4

5 trattamenti sanitari; con un occhio privilegiato, oltre che ovviamente alla Carta costituzionale, alle carte internazionali in materia di diritti umani, dalle quali sono come vedremo subito desumibili preziose indicazioni. Un ruolo particolarmente significativo in proposito è generalmente attribuito dalla dottrina e dalla stessa giurisprudenza alla Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina, approvata a Oviedo nel Tale Convenzione, pur se elaborata nel quadro istituzionale del Consiglio d Europa, è stata aperta anche alla firma di Paesi terzi, ed aspira così ad essere considerata quale uno strumento universale di tutela dei diritti umani in queste delicate materie. Non del tutto pacifica è, peraltro, la vincolatività per il nostro paese di tale strumento; sì che conviene cogliere l occasione per cercare di fare un po di chiarezza sul punto. L Italia ha, infatti, sottoscritto la Convenzione, e il Parlamento ne ha autorizzato la ratifica a mezzo della legge n. 145/2001, contenente la consueta clausola di piena e intera esecuzione della convenzione stessa nel diritto interno, delegando al tempo stesso il governo ad emanare i decreti che si fossero resi necessari allo scopo. Dal 2001 ad oggi, tuttavia, il governo non ha provveduto al deposito dello strumento di ratifica presso la sede indicata dalla Convenzione, né ha provveduto ad emanare i decreti attuativi entro il termine fissato dalla l. 145 (e successivamente prorogato invano da altri interventi legislativi). Ora, la mancata emanazione dei decreti attuativi non sembra di per sé costituire contrariamente a quanto è stato talvolta affermato in giurisprudenza un ostacolo a riconoscere l immediata operatività di tutte quelle norme della Convenzione che, in quanto self-executing, sono in grado di operare anche in difetto di norme di dettaglio. E tra queste norme rientrano certamente gli artt. 5-8, che, come vedremo, fissano le condizioni generali di legittimazione del trattamento medico. Il problema concerne piuttosto il mancato deposito della ratifica, che secondo l opinione dominante presso la dottrina internazionalistica e della stessa giurisprudenza costituzionale (cfr. ord. 282/1983 e sent. 379/2004) è condizione essenziale non solo affinché lo Stato italiano possa considerarsi obbligato al rispetto di una convenzione sul piano del diritto internazionale, ma anche affinché le norme della convenzione possano ritenersi incorporate 5

6 nel diritto interno in forza della clausola di piena e intera esecuzione contenuta nella legge di autorizzazione alla ratifica. In altre parole, quella clausola che, per l appunto, ha per effetto la trasposizione delle norme convenzionali nell ordinamento interno dello Stato contraente, con il medesimo rango nella gerarchia delle fonti della legge di autorizzazione alla ratifica è pur sempre subordinata alla condizione del deposito della ratifica da parte del governo, che perfeziona il normale iter di adesione dello Stato ai trattati internazionali. Conseguentemente, si deve ritenere che, nonostante la l. 145/2001 la Convenzione di Oviedo non possa considerarsi attualmente in vigore nell ordinamento italiano, né che l ordinamento italiano sul piano del diritto internazionale sia ancora vincolato al suo rispetto. La situazione di limbo in cui versa la Convenzione non ha impedito tuttavia come si è anticipato alla giurisprudenza italiana di attingere a piene mani dalla Convenzione stessa, ogniqualvolta se ne sia presentata la necessità. In particolare la Corte di cassazione, nella fondamentale sentenza del 16 ottobre 2007 sul caso Englaro, ha correttamente riconosciuto il deficit di vincolatività dello strumento, ma ha al tempo stesso enfatizzato il suo ruolo quanto meno di strumento interpretativo del diritto vigente, in forza del generale consenso consolidatosi sul piano internazionale sui principi e sulle regole ivi contenute, nonché in forza dell adesione a quei principi e a quelle regole espresse dal Parlamento italiano nella stessa legge di autorizzazione alla ratifica. Sulla base di queste autorevoli indicazioni metodologiche, nulla osta dunque a che l interprete italiano possa riferimento nella ricostruzione delle regole di legittimazione del trattamento medico alle norme della Convenzione, e in particolare ai suoi artt. 5 e ss., che come subito vedremo disegnano un quadro coerente e organico di principi ormai unanimemente condivisi a livello internazionale i quali vengono così a completare e precisare un quadro di principi già sottesi alla stessa legislazione italiana, ordinaria e costituzionale. Prima regola: il consenso informato del paziente capace 6

7 La regola fondamentale enunciata dall art. 5 della Convenzione è quella secondo cui, in linea generale, l esecuzione di un trattamento medico presuppone il consenso informato espresso dal paziente: il quale si presenta dunque, nel sistema convenzionale, come la fonte normale di legittimazione del trattamento stesso. Su tale regola che abbiamo visto essere enunciata a livello internazionale anche dall art. 3 della Carta europea, e che risulta perfettamente in linea con lo stesso art. 32 co. 2 della Costituzione italiana non vale la pena qui di diffondersi, essendo d altronde espressa in numerose leggi di rango ordinario che disciplinano ipotesi particolari di trattamento, nonché nella norma generale di cui all art. 33 l. 833/1978 ( Gli accertamenti ed i trattamenti sanitari sono di norma volontari ). Né pare opportuno affrontare in questa sede le questioni di dettaglio, pur in certa misura controverse, che attengono all estensione e alle modalità di adempimento dell obbligo informativo che grava sul sanitario. Ciò che più rileva è, piuttosto, evidenziare un corollario spesso non esplicitato. Se il consenso informato del paziente è normale presupposto della liceità del trattamento, laddove tale consenso nella specie non sussista, o addirittura consti un dissenso all esecuzione del trattamento, delle due l una: o si individua un diverso presupposto di liceità del trattamento che ne consenta l esecuzione nonostante l assenza di consenso del paziente, oppure la sua esecuzione risulterà illecita. E l importanza di tale corollario, di intuitivo rilievo pratico in relazione a casi come quello di Piergiorgio Welby, va apprezzata anche in relazione alla disposizione dell art. 5 co. 3 della Convenzione di Oviedo, che esprime il principio del resto pacifico anche per l interprete italiano secondo cui il paziente può in ogni tempo revocare il consenso precedentemente prestato: il che apre, anche in questo caso, il problema di giustificare la prosecuzione del trattamento, allorché il paziente ne chieda l interruzione (revocando così il consenso al trattamento medesimo). Un secondo importante corollario che vale subito la pena di evidenziare è che in tanto è possibile individuare nel consenso informato del paziente il presupposto della liceità del trattamento, in quanto il paziente sia in concreto capace di autodeterminarsi, e dunque di bilanciare i pro e i contra del trattamento in relazione ai propri interessi. 7

8 Ora, mentre fiumi di inchiostro sono stati versati in relazione al problema dell estensione dell obbligo informativo, comparativamente scarsa è stata l attenzione dedicata dalla dottrina e dalla giurisprudenza al tema centrale dell accertamento della capacità del paziente. Non è chiaro, per cominciare se e in che misura il compimento o meno della maggiore età condizioni tale capacità; e dunque, se il consenso di un minorenne ad es. di un diciassettenne possa costituire ragione sufficiente di legittimazione del trattamento, laddove in concreto il minore possieda sufficiente capacità di discernimento per comprendere i pro e i contra del trattamento propostogli, ovvero se sia necessario per il medico acquisire in luogo del consenso del paziente o accanto ad esso il consenso informato dei suoi legali rappresentanti. Né è del tutto chiaro sulla base di quale criteri dovrebbe formularsi il giudizio sulla capacità del paziente, maggiorenne o minorenne che sia; l unico dato certo essendo solo che il difetto di capacità del paziente non possa essere desunto unicamente dall apparente irrazionalità della sua decisione (si pensi al rifiuto di un emotrasfusione per motivi religiosi). Comunque sia, anche qui un dato è certo: in relazione ad un paziente giudicato incapace di determinarsi, il fondamento della liceità del trattamento al quale questi debba essere sottoposta andrà evidentemente ricercato altrove che non nel suo consenso informato, che in questo caso non potrà operare. Seconda regola: il consenso del legale rappresentante del paziente incapace Proprio in relazione a quest ultima eventualità, l art. 6 della Convenzione di Oviedo dispone che il trattamento possa essere legittimamente eseguito su pazienti incapaci di prestare un consenso a) ove il trattamento sia compiuto a beneficio del paziente, e b) il trattamento sia autorizzato dal legale rappresentante del paziente medesimo, il quale dunque avrà il compito di prestare il consenso informato in luogo del paziente stesso. Con riferimento ai minorenni, la norma si astiene dal fissare una soglia generale oltre la quale la capacità sia presunta, o viceversa al di sotto della quale sia presunta l assenza di capacità, limitandosi piuttosto a rinviare alla discrezionalità di ciascuno Stato contraente; ma precisa (co. 3) che l opinione 8

9 del minorenne dovrà comunque essere presa in considerazione come un fattore sempre più importante della decisione in relazione al crescere dell età e della maturità del minorenne stesso. Parallelamente, in relazione al paziente maggiorenne ma infermo di mente, il co. 3 stabilisce che questi dovrà per quanto possibile essere coinvolto nella procedura di autorizzazione. Infine, la norma precisa ancora una volta che l autorizzazione concessa dal legale rappresentante può in ogni momento essere revocata. E agevole rilevare come questa disciplina si inserisca senza alcuna frizione nel quadro delle regole già presenti nel nostro ordinamento, così come interpretate dalla giurisprudenza. Il potere di chi esercita la potestà dei genitori o del tutore di assumere decisioni in relazione ai trattamenti medici cui l incapace debba essere sottoposto si evince, infatti, dagli artt. 357 e 424 c.c., nella parte in cui attribuiscono a tali soggetti funzioni di cura della persona dell incapace. Laddove invece il paziente sia assistito da un amministratore di sostegno al quale sia stato specificamente conferito, in base all art. 405 c.c., il compito di assumere decisioni in materia di cura della salute dell assistito, sarà costui a dover concedere l autorizzazione al trattamento medico. Ma anche qui, il corollario della regola è inequivoco: se l autorizzazione del legale rappresentante è normale condizione di liceità di un trattamento compiuto nei confronti di un soggetto incapace, in assenza di tale autorizzazione o addirittura in presenza di un espresso rifiuto del legale rappresentante a fornire tale autorizzazione il trattamento non potrà essere lecitamente eseguito, a meno che non si reperisca un diverso fondamento di legittimità del trattamento medesimo. E ciò vale, si noti, anche nell ipotesi in cui il legale rappresentante abbia revocato un autorizzazione precedentemente concessa: da quel momento in poi, il trattamento abbisognerà di una nuova condizione di legittimazione, in mancanza della quale esso dovrà essere interrotto. Naturalmente, il legale rappresentante non potrà concedere o negare a proprio arbitrio l autorizzazione al trattamento, ma dovrà attenersi al criterio della salvaguardia dell interesse dell incapace (del suo best interest, secondo l espressione inglese corrente, adottata anche dalla Cassazione nella sua sentenza del 2007 sul caso Englaro). Il punto è pacifico tanto a livello 9

10 internazionale (l Explanatory Report alla Convenzione chiarisce in proposito che contro l eventuale rifiuto del legale rappresentante, contrario agli interessi dell incapace, ad autorizzare il trattamento gli Stati contraenti dovranno apprestare appositi rimedi giurisdizionali), tanto a livello interno, dove è sempre previsto il controllo del giudice tutelare sul retto esercizio dei poteri del legale rappresentante dell incapace, nonché la possibilità per il giudice di assumere gli opportuni provvedimenti in caso di condotta del rappresentante pregiudizievole all incapace (artt. 333, 424 e, con riferimento all amministratore di sostegno, 410 co. 2 c.c.). Il che implica in particolare la possibilità per il giudice di concedere egli stesso l autorizzazione al trattamento, allorché il rifiuto da parte del legale rappresentante rischi di pregiudicare gli interessi del paziente. Il nodo maggiormente problematico concerne però la determinazione del concetto di interesse, o di miglior interesse dell incapace: profilo, questo, sul quale la sentenza 16 ottobre 2007 sul caso Englaro della Cassazione segna davvero un passaggio epocale. Un trattamento indicato come appropriato dalla miglior scienza medica in relazione ad una determinata situazione clinica non corrisponde sempre e necessariamente al miglior interesse dell incapace; né addirittura secondo la Corte è necessariamente nell interesse dell incapace il trattamento che ne garantisca la sopravvivenza. Il concetto di interesse dell incapace è, piuttosto, da interpretarsi in chiave soggettiva, con riferimento ai bisogni reali, ai desideri attuali o precedentemente espressi, nonché al mondo ideale del singolo paziente; e compito del legale rappresentante è quello di calarsi nei panni dell incapace, per formare una decisione in merito al trattamento medico che sia il più possibile espressione della sua personalità, non già della voce della scienza medica. Nel caso poi in cui il paziente incapace sia addirittura privo di coscienza come nel caso dello stato vegetativo permanente l interesse del paziente andrà determinato, secondo la Cassazione, con riferimento alle sue manifestazioni di volontà anticipate (delle quali occorre sempre tener conto, ai sensi dell art. 9 della Convenzione di Oviedo, anche in assenza di una disciplina legislativa ad hoc), ovvero alla sua volontà presunta, ricostruita in base alla sua personalità pregressa: ossia in relazione a ciò che il 10

11 paziente medesimo avrebbe verosimilmente desiderato, secondo un apprezzamento condotto al metro delle sue passate manifestazioni di volontà, ma anche del suo mondo di valori, del suo modo di concepire l esistenza, della sua personale concezione della dignità umana. Un simile approccio spiega come la Corte sia potuta pervenire ad una conclusione apparentemente scioccante, come quella di ammettere in linea di principio che il legale rappresentante possa disporre l interruzione delle misure di sostegno vitale praticate alla figlia. Per quanto l effetto di una simile decisione sia la morte del paziente, essa non dovrà per ciò solo essere automaticamente contraria all interesse dell incapace; ma potrà risultare, all opposto, conforme al suo interesse, laddove emerga una volontà presunta della paziente di non essere mantenuta in vita a oltranza senza alcuna speranza di recuperare in futuro la coscienza. Sulla base di tali principi di diritto, come è noto, la Corte d appello di Milano ha successivamente autorizzato il padre di Eluana a disporre l interruzione dell alimentazione e dell idratazione che tenevano in vita la figlia, avendo per l appunto riconosciuto la fondatezza della valutazione del tutore, secondo cui la prosecuzione del sostegno vitale sarebbe stata contraria al miglior interesse soggettivamente inteso della paziente. In queste condizioni, la prosecuzione del trattamento sarebbe dunque risultata priva di legittimazione. Ergo, il trattamento è stato nel caso di specie lecitamente (e anzi, doverosamente) interrotto: con conseguente irrilevanza penale della condotta dei sanitari che hanno dato seguito alla decisione del padre di Eluana, avallata in via preventiva dalla Corte d appello milanese. Terza regola: il trattamento delle infermità psichiche La Convenzione di Oviedo prevede poi, agli artt. 7 e 8, due regole eccezionali che assicurano la legittimità del trattamento medico nonostante l assenza di consenso informato del paziente o del suo legale rappresentante. La prima di queste regole (art. 7) concerne la situazione del paziente affetto da infermità psichiche, per il quale la legge di ciascuno Stato deve prevedere un apposita procedura assistita dagli indispensabili controlli 11

12 giurisdizionali per la somministrazione dei trattamenti specificamente miranti alla cura della sua infermità psichica. Nell ambito dell ordinamento italiano, la relativa procedura è come è noto disciplinata dagli artt. 33 e ss. l. 833/1978, i quali prevedono per l appunto, nel rispetto dei vincoli costituzionali di cui agli artt. 32 co. 2 e 13 Cost., la possibilità di praticare trattamenti sanitari obbligatori finalizzati alla cura delle infermità psichiche, allorché non sia possibile acquisirne il consenso. Quarta regola: le situazioni di emergenza L art. 8 della Convenzione di Oviedo prevede, infine, la possibilità che il medico intervenga a beneficio della salute del paziente in situazioni di emergenza senza il preventivo consenso del paziente medesimo o del suo legale rappresentante ai sensi degli artt. 5 e 6, allorché tale consenso non possa essere ottenuto. Il che si verifica tipicamente in due situazioni: quando il paziente si trovi, anche solo temporaneamente, in stato di incapacità (perché ad es. incosciente), e un legale rappresentante non sia ancora stato nominato; ovvero quando il legale rappresentante, pur se nominato, non sia reperibile con la tempestività necessaria ad evitare un danno alla salute del paziente. In casi siffatti, dunque, la necessità dell intervento costituirà essa stessa la ragione giustificativa del trattamento. La norma si riferisce, dunque, ai casi che tradizionalmente nell ordinamento italiano sono tradizionalmente considerati coperti dallo stato di necessità di cui all art. 54 c.p. E importante però sottolineare, a scanso di equivoci, che la regola eccezionale di cui all art. 8 della Convenzione di Oviedo non potrà essere utilizzata per scavalcare surrettiziamente le garanzie offerte ai diritti fondamentali del paziente dagli artt. 5 e 6, presupponendo essa l impossibilità di applicare tali regole generali nel caso concreto. Conseguentemente, la norma in questione non potrà essere utilizzata per assicurare una patente di legittimità a trattamenti praticati in presenza di un dissenso da parte del paziente capace, ovvero da parte del legale rappresentante del paziente incapace, in nome della salvaguardia della vita o della salute del paziente medesimo. 12

13 La precisazione non può non valere anche con riferimento all ordinamento italiano, dove si dovrà senz altro respingere ogni tentativo di fondare sullo stato di necessità di cui all art. 54 c.p. la legittimità di eventuali trattamenti di sostegno vitale (o comunque di misure invasive del corpo del paziente come l alimentazione e l idratazione artificiale) nonostante il dissenso espresso dal paziente capace o dal suo legale rappresentante, come rispettivamente nei casi Welby ed Englaro. L esecuzione del trattamento, in simili ipotesi, resterà priva di ogni legittimazione; e l eventuale trattamento già in corso dovrà, del tutto conseguentemente, essere interrotto. La patologia del rapporto medico/paziente: le conseguenze sanzionatorie a carico del medico che violi le regole sopra enunciate Così ricostruito il quadro delle regole fondamentali che disciplinano il rapporto medico-paziente, si tratta ora di comprendere se e in che misura la violazione di tali regole possa dar luogo ad una responsabilità penale o civile a carico del medico. Sul piano del diritto penale, il recentissimo intervento delle Sezioni Unite (Cass. 18 dicembre 2008, in questa Rivista, n. 3/2009, p. 303 ss.) ha affermato con riferimento alla situazione del paziente capace che l esecuzione di un trattamento medico in assenza di un suo previo consenso informato non integra alcuna ipotesi di reato a carico del sanitario, salvo il caso in cui il paziente venga addirittura costretto con la forza a subire il trattamento rifiutato (ipotesi nella quale si configurerebbe evidentemente a carico del medico il delitto di violenza privata di cui all art. 610 c.p.). Le Sezioni Unite riconoscono invero espressamente il principio secondo cui condizione di liceità di ogni trattamento quanto meno nei confronti del paziente capace, che è del resto la sola presa in considerazione dalla sentenza è il suo consenso informato, dedicando anzi varie pagine all illustrazione di tale principio; ma ritengono, forse discutibilmente, che l esecuzione del trattamento in assenza di tale condizione di legittimità risulti penalmente irrilevante. 13

14 La conferma della necessità del consenso informato del paziente (capace) al trattamento anche in quest ultimo arresto è peraltro gravida di conseguenze sul piano della possibile responsabilità civile del sanitario. Se l esecuzione di un trattamento in assenza di consenso informato del paziente e più in generale in assenza delle altre condizioni di legittimità sin qui ricostruite costituisce una lesione del suo diritto fondamentale all integrità fisica di cui agli artt. 2, 13 e 32 co. 2 Cost., allora da tale condotta non potrà che scaturire un obbligo risarcitorio da lesione di un diritto fondamentale, produttivo di un danno non patrimoniale ai sensi dell art c.c. Danno non patrimoniale, peraltro, che dovrà essere tenuto accuratamente distinto dal danno alla salute (o biologico ) così come usualmente inteso dalla giurisprudenza civilistica: trattandosi qui di reagire non già al deterioramento della salute del paziente cagionato dal trattamento, bensì al mero fatto dell illegittima interferenza con la sua integrità fisica, e con la sua libertà di autodeterminazione. Interferenza che sussiste anche nell ipotesi in cui il trattamento abbia in concreto prodotto sul piano strettamente clinico un esito favorevole per la salute del paziente. 14

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

Giampaolo Azzoni. Dichiarazioni anticipate di trattamento (DAT)

Giampaolo Azzoni. Dichiarazioni anticipate di trattamento (DAT) Giampaolo Azzoni Dichiarazioni anticipate di trattamento (DAT) Perché si pone il problema delle DAT 1. Straordinari progressi della bio-medicina 2. Emancipazione del paziente nei rapporti con il medico

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art.

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. 1, comma 1, lett. m, della legge 28 aprile 2014, n. 67 RELAZIONE Lo

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI di Lorenzo Marinelli* Il presente elaborato intende porsi il problema relativo alla possibilità per il datore di lavoro nell ambito dei rapporti privatistici di porre

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08)

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Diritto ad un processo equo In ordine alla retroattività delle leggi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale.

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. di Ernesto Aceto Il settore della finanza locale è nell ambito del diritto tributario,

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 CONVALIDA DELLE DIMISSIONI E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 La Legge n. 92/2012 si occupa sia della questione delle dimissioni della lavoratrice madre (ovvero

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata.

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata. Documento di riflessione della Corte di giustizia dell Unione europea su taluni aspetti dell adesione dell Unione europea alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Dossier n 135 - Schede di lettura 12 gennaio 2015 Informazioni sugli

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 Daniela Turci Avvocato del Foro di Verona La normativa

Dettagli

PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE

PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE La Repubblica d Austria, la Repubblica Francese, la Repubblica Federale

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.)

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 29 del 09.06.2014 I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli