I numeri delle eccellenze nella raccolta differenziata e nel ciclo integrato dei rifiuti in Provincia di Treviso

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I numeri delle eccellenze nella raccolta differenziata e nel ciclo integrato dei rifiuti in Provincia di Treviso"

Transcript

1 I numeri delle eccellenze nella raccolta differenziata e nel ciclo integrato dei rifiuti in Provincia di Treviso Relatori: Stefano Riedi, Elisa Bagolin

2 Consorzio servizi di Igiene del Territorio Autorità di Bacino TV1 CARATTERISTICHE 44 Comuni abitanti Ente pubblico-economico FINALITA ridurre e recuperare la quantità dei rifiuti prodotti coordinare la raccolta, il trasporto e la commercializzazione dei rifiuti raccolta dei dati l'informazione e l'educazione sul territorio ALTRE INIZIATIVE Gestione rifiuti agricoli Gestione amianto Impianti fotovoltaici

3 SAV.NO Servizi Ambientali Veneto Nord Orientale CARATTERISTICHE 2002 anno di nascita 90% del CIT, 10% socio pubblico/ privato 42 Comuni FINALITA Gestione operativa del ciclo integrato dei rifiuti Assicurare un servizio omogeneo sul territorio Introdurre la Tariffa di Igiene Ambientale ALTRE INIZIATIVE Educazione ambientale e campagne informative Extra Vigili Eco-sede Differenziario

4 LA SITUAZIONE NEL 2002 Territorio articolato (grandi differenze nelle caratteristiche geomorfologiche, socio-economiche, ecc.) Forte disomogeneità nelle raccolte Prevalenza di rifiuto indifferenziato Mancanza di siti per lo smaltimento ( Emergenze rifiuti )

5 OBIETTIVI e SOLUZIONI Garanzia dello smaltimento (mai più Emergenze rifiuti!) Drastica riduzione del rifiuto indifferenziato (costo di smaltimento elevato nella Provincia di Treviso) Implementazione sistema di raccolta che abbatta rifiuto secco e valorizzi le frazioni recuperabili Unificazione sistema tariffario (criterio chi inquina paga ) Dotazione di impianti propri (Ri.Tec) e di impianti di proprietà dei soci Introduzione sistema di raccolta porta a porta con misurazione degli svuotamenti del rifiuto indifferenziato (Fase transitoria: soft ; A regime: spinto ) Tariffa di Igiene Ambientale Metodo Puntuale

6 SISTEMA DI RACCOLTA Fase transitoria: PORTA A PORTA SOFT Raccolta domiciliare Rifiuto secco (bidone carrellato da 120 lt) Rifiuto umido (biopattumiera da 23 lt) (dal 2003 al 2009) MISURAZIONE DEGLI SVUOTAMENTI Raccolta stradale Carta e cartone Plastica e Lattine Campane stradali Vetro Ecocentro

7 PORTA A PORTA SOFT PECULIARITA Raccolta porta a porta del rifiuto secco Applicazione della Tariffa di Igiene Ambientale, metodo puntuale VANTAGGI/SVANTAGGI Numero contenuto di bidoni all utenza (solo secco e umido) Drastica riduzione della produzione di rifiuto secco Aumento della quantità di materiale raccolta in maniera differenziata Aumento del materiale non conforme nel rifiuto differenziato Elusione conferimento del rifiuto secco

8 CRITICITA PORTA A PORTA SOFT ANALISI MERCEOLOGICHE plastica - lattine RIFIUTO NON CONFORME

9 CRITICITA PORTA A PORTA SOFT ANALISI MERCEOLOGICHE carta RIFIUTO NON CONFORME

10 CRITICITA PORTA A PORTA SOFT ERRATI CONFERIMENTI

11 QUALITA DELLA RACCOLTA Materiale % media di materiale non conforme (2010) % di scarto oltre la quale non si percepiscono contributi CARTA 9% 10% PLASTICA/ LATTINE 36% 16% VETRO LATTINE 4% (raccolte congiuntamente alla plastica) Dal 5% al 8% 15% Conseguenze: Mancato raggiungimento obiettivi minimi di qualità (mancato introito dei corrispettivi dai Consorzi di filiera); Incremento dei costi di selezione; Costo di smaltimento per il materiale non conforme.

12 SISTEMA DI RACCOLTA A regime: PORTA A PORTA Spinto (dal 2009 al 2011) Raccolta domiciliare Rifiuto secco (bidone carrellato da 120 lt) Rifiuto umido (biopattumiera da 23 lt) Carta e cartone (30 borse in carta da 30 lt)* Plastica e lattine (30 sacchi in plastica da 100 lt)* Vetro (bidone carrellato da 120 lt) *: Dotazione annua per utenza Ecocentro

13 6 Comuni con porta a porta soft 38 Comuni con porta a porta spinto LA SITUAZIONE ATTUALE

14 PORTA A PORTA SPINTO PECULIARITA Raccolta porta a porta del rifiuto secco; Raccolta porta a porta delle frazioni recuperabili (carta, plastica/lattine e vetro) Applicazione della Tariffa di Igiene Ambientale, metodo puntuale VANTAGGI/SVANTAGGI Disagio all utenza contenuto (1 solo bidone aggiuntivo vetro) Drastica riduzione della produzione di rifiuto secco Aumento della quantità di materiale raccolta in maniera differenziata Aumento della qualità del materiale raccolto in maniera differenziata Ridotta elusione del conferimento di rifiuto secco

15 LA TARIFFA Nei Comuni gestiti da SAV.NO si applica: TARIFFA IGIENE AMBIENTALE CON SISTEMA PUNTUALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO NAZIONALE D. Lgs 152/06 T.U.A Parte IV (art. 238) D. Lgs 22/97 Decreto Ronchi (Regolamento attuativo DPR 158/99); D. Lgs 507/93 - Capo III LOCALE Regolamento Consortile per la disciplina della tariffa dei rifiuti solidi urbani. ATTENZIONE! Dal 01/01/2011, nel Bacino TV1 è stata istituita la TARIFFA INTEGRATA AMBIENTALE, ai sensi dell art. 238 del D.Lgs. 152/06 e dell art. 14 del D.L. n. 78/2010.

16 MODALITA DI APPLICAZIONE TARIFFA PARTE FISSA PARTE VARIABILE Determinata in relazione alle componenti essenziali del costo del servizio, in particolare investimenti e ammortamenti Rapportata alla quantità di rifiuti conferiti, al servizio fornito e all entità dei costi di gestione UT. DOMEST. 1/3: numero componenti nucleo familiare; 2/3: quota di attivazione utenza. UT. NON DOM metodo normalizzato UTENZE DOM. E NON DOM /lt x litri svuotati (con franchigia espressa in litri) 1 1 : Il valore /litro viene calcolato annualmente per ciascun Comune considerando il costo complessivo del servizio e il totale dei litri di rifiuto secco svuotati. Il costo del servizio è a sua volta ripartito tra utenze domestiche e utenze non domestiche sulla base di percentuali specifiche per ciascun Comune.

17 CARATTERISTICHE TARIFFA TV1 ELEMENTI A FAVORE Eliminazione della superficie dai parametri di calcolo. Tariffa legata al numero dei componenti nucleo familiare. Misurazione del rifiuto secco conferito (volume/litri) Drastica riduzione produzione rifiuto secco Bassa % di umido nel rifiuto secco PROBLEMATICHE Elusione del conferimento (fenomeni di abbandono, combustione rifiuti, ecc.) Evoluzione tassa - tariffa Effettiva produzione di rifiuti (indifferenziati!) Contenimento costi di smaltimento Caratteristiche del CDR Introduzione della franchigia legata al numero componenti nucleo familiare Vigile ambientale

18 ALCUNI DATI Anno 2010 Totale rifiuti raccolti nel Bacino TV1: ton; Raccolta differenziata: 74,3% (Comuni SAV.NO 79,3%) Produzione pro capite: 376 kg/abitante; Produzione pro capite rifiuto secco: 66 kg/abitante. Legno Verde Metalli Inerti Altro Secco Spazzamento Ingombranti Umido RAEE Plastica e lattine Vetro Carta e cartone

19 PRODUZIONE RIFIUTO SECCO 100,0 Produzione di rifiuto secco pro-capite Bacino TV1 (kg/abitante) 90,0 80,0 91,0 92,0 88,2 86,5 70,0 73,5 60,0 67,1 66,0 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 0,

20 % RACCOLTA DIFFERENZIATA % abitanti serviti con "porta a porta" % RD Comuni Consorzio CIT SAV.NO Provincia di Treviso Regione Veneto Italia

21 CONCLUSIONI Garanzia dello smaltimento (mai più Emergenze rifiuti!) Drastica riduzione del rifiuto indifferenziato (costo di smaltimento elevato nella Provincia di Treviso) Implementazione sistema di raccolta che abbatta rifiuto secco e valorizzi le frazioni recuperabili (Oltre il CDR?) (Restano elevati i costi di smaltimento in Provincia di Treviso) Unificazione sistema tariffario (criterio chi inquina paga ) Qualità del rifiuto secco permetterebbe incenerimento del materiale tal quale (umido < 2%).

22 SCENARI FUTURI Estensione del sistema di raccolta porta a porta di tipo spinto in tutto il territorio; Implementazione della Tariffa Integrata Ambientale sull intero territorio; Adozione di un nuovo Piano Industriale; Ecocentri: realizzazione di strutture moderne al servizio di più Comuni, con sistemi di rilevamento degli accessi e dei volumi di rifiuti; Impiantistica di base: realizzazione di linea impiantistica in grado di trattare la frazione secca non recuperabile Incremento delle attività di controllo sul territorio e di educazione ambientale. Sviluppo sostenibile: promuovere soluzioni impiantistiche nel settore delle energie rinnovabili (fotovoltaico, eolico, idroelettrico, biomasse ) nei Comuni consorziati.

COMUNE DI PORTOGRUARO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PIANO FINANZIARIO PER L ESERCIZIO 2018

COMUNE DI PORTOGRUARO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PIANO FINANZIARIO PER L ESERCIZIO 2018 COMUNE DI PORTOGRUARO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PIANO FINANZIARIO PER L ESERCIZIO 2018 Premessa Dal 2014 con la legge n 147/2013 è in vigore la TARI - tassa sui rifiuti, che costituisce

Dettagli

NUOVA MODALITA DI RACCOLTA RIFIUTI ISOLA VICENTINA 2015

NUOVA MODALITA DI RACCOLTA RIFIUTI ISOLA VICENTINA 2015 NUOVA MODALITA DI RACCOLTA RIFIUTI ISOLA VICENTINA 2015 INDICE 1. Soraris si presenta 2. La tariffa 3. Il nuovo sistema di raccolta rifiuti 4. Domande SOCIETA PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

Dettagli

RACCOLTA DIFFERENZIATA: I MODELLI VINCENTI

RACCOLTA DIFFERENZIATA: I MODELLI VINCENTI RACCOLTA DIFFERENZIATA: I MODELLI VINCENTI come rendere più efficiente la gestione dei rifiuti Bergamo, 10 maggio 00 Modello organizzativo provinciale e proposte per le aree turistiche Relatore: dott.ssa

Dettagli

Il Veneto: verso la maturità di un sistema a scala regionale

Il Veneto: verso la maturità di un sistema a scala regionale Sep Pollution Padova 18 aprile 2007 Il Veneto: verso la maturità di un sistema a scala regionale Lorena Franz OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Quando un sistema di gestione dei rifiuti può definirsi maturo?

Dettagli

I risultati economici e quali-quantitativi a dieci anni dall introduzione della tariffa puntuale L esperienza del Gruppo Contarina SpA

I risultati economici e quali-quantitativi a dieci anni dall introduzione della tariffa puntuale L esperienza del Gruppo Contarina SpA I risultati economici e quali-quantitativi a dieci anni dall introduzione della tariffa puntuale L esperienza del Gruppo Contarina SpA Dott. Paolo Contò Direttore dei Consorzi Priula e Tv Tre 1. Chi siamo

Dettagli

La raccolta dei rifiuti nel Piano regionale di gestione dei. rifiuti urbani

La raccolta dei rifiuti nel Piano regionale di gestione dei. rifiuti urbani La raccolta dei rifiuti nel Piano regionale di gestione dei rifiuti urbani Deliberazione Giunta regionale n. 69/15 del 23.12.2016 Cagliari, 21 Settembre 2017 Salvatore Pinna Gerarchia dei rifiuti Elemento

Dettagli

CONTARINA SPA Il modello virtuoso di raccolta porta a porta a tariffa puntuale. 30 Giugno 2016

CONTARINA SPA Il modello virtuoso di raccolta porta a porta a tariffa puntuale. 30 Giugno 2016 CONTARINA SPA Il modello virtuoso di raccolta porta a porta a tariffa puntuale 30 Giugno 2016 1. Chi siamo 2. Le caratteristiche del modello Contarina 3. I risultati 4. Focus Treviso 5. Gli obiettivi per

Dettagli

NUOVO PROGETTO INNOVATIVO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI

NUOVO PROGETTO INNOVATIVO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI NUOVO PROGETTO INNOVATIVO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI La storia ANDAMENTO RACCOLTA DIFFERENZIATA ANNI 2000-2006 Media di Bacino 33,0% 31,0% 31,9% 30,9% 29,0% 27,0% 25,0% 23,0% 21,0% 29,1% 28,2% 19,0% 17,0%

Dettagli

I RIFIUTI IN VENETO: alcune cifre

I RIFIUTI IN VENETO: alcune cifre I RIFIUTI IN VENETO: alcune cifre Anno 29 Convegno Produrre meno rifiuti: esperienze a confronto 25 novembre 21 - Treviso PRODUZIONE RIFIUTI URBANI ITALIA VENETO VENETO Indice Unità di misura 28 28 29

Dettagli

Simulazione degli effetti dell adozione della tariffazione puntuale dei rifiuti urbani in alcuni Comuni del Consorzio.

Simulazione degli effetti dell adozione della tariffazione puntuale dei rifiuti urbani in alcuni Comuni del Consorzio. Simulazione degli effetti dell adozione della tariffazione puntuale dei rifiuti urbani in alcuni Comuni del Consorzio Dicembre 2016 Obiettivo del lavoro valutare gli effetti ambientali ed economici dell

Dettagli

Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale. Villafranca d Asti

Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale. Villafranca d Asti Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale Villafranca d Asti SITUAZIONE ANTECEDENTE Sistema di raccolta fino a marzo 2002 - RSU indifferenziati (cassonetti stradali) - Carta (cassonetti stradali) -

Dettagli

Una gestione consortile pioneristica: il monitoraggio dei servizi di raccolta di secco e umido

Una gestione consortile pioneristica: il monitoraggio dei servizi di raccolta di secco e umido Una gestione consortile pioneristica: il monitoraggio dei servizi di raccolta di secco e umido Convegno Sulla Buona Gestione dei Rifiuti Urbani Sommacampagna (VR) 4 ottobre 2018 Maurizio Barbati CEO Esa-Com.

Dettagli

Raccolta porta a porta a tariffa puntuale: L esperienza nel Consiglio di Bacino Priula e la gestione virtuosa di Contarina Spa

Raccolta porta a porta a tariffa puntuale: L esperienza nel Consiglio di Bacino Priula e la gestione virtuosa di Contarina Spa Raccolta porta a porta a tariffa puntuale: L esperienza nel Consiglio di Bacino Priula e la gestione virtuosa di Contarina Spa Paolo Contò Direttore del Consiglio di Bacino Priula 29 Aprile 2016 Milano

Dettagli

La tariffa puntuale sistemi e metodi di applicazione. Dr. Giorgio Ghiringhelli

La tariffa puntuale sistemi e metodi di applicazione. Dr. Giorgio Ghiringhelli La tariffa puntuale sistemi e metodi di applicazione Dr. Giorgio Ghiringhelli Breve storia della tassa/tariffa rifiuti Le aziende del settore dei rifiuti ammontano a quasi 6.500 unità, per un valore della

Dettagli

Walter Giacetti Responsabile R&S ETRA spa 19 maggio 2017

Walter Giacetti Responsabile R&S ETRA spa 19 maggio 2017 Walter Giacetti Responsabile R&S ETRA spa w.giacetti@etraspa.it 19 maggio 2017 Il territorio Dati sul territorio Etra popolazione residente 601.833 superficie km² 1.709 densità abitanti/km² 352 numero

Dettagli

Comuni Ricicloni Emilia Romagna * * * La Tariffa Corrispettiva nel bacino AIMAG. Giovedì 01 Dicembre 2016 Regione Emilia-Romagna

Comuni Ricicloni Emilia Romagna * * * La Tariffa Corrispettiva nel bacino AIMAG. Giovedì 01 Dicembre 2016 Regione Emilia-Romagna Comuni Ricicloni Emilia Romagna * * * La Tariffa Corrispettiva nel bacino AIMAG Giovedì 01 Dicembre 2016 Regione Emilia-Romagna Paolo Ganassi Dirigente Servizi Ambientali AIMAG SPA Impianti Aimag I Comuni

Dettagli

COMUNE DI PETTINENGO: LA RACCOLTA RIFIUTI: RUOLI E FUNZIONI

COMUNE DI PETTINENGO: LA RACCOLTA RIFIUTI: RUOLI E FUNZIONI LA RACCOLTA RIFIUTI: RUOLI E FUNZIONI CO.S.R.A.B - CONSORZIO SMALTIMENTO RIFIUTI AREA BIELLESE: Vi partecipano tutti i comuni della Provincia; Ha ruolo di programmazione e gestione in materia di rifiuti;

Dettagli

PROGETTO PIU DIFFERENZIO MENO SPENDO

PROGETTO PIU DIFFERENZIO MENO SPENDO PROGETTO PIU DIFFERENZIO MENO SPENDO PROGETTO SPERIMENTALE SISTEMA INNOVATIVO RACCOLTA DIFFERENZIATA A PESO DOVE SIAMO CARATTERISTICHE DEL TERRITORIO COMUNALE Estenzione territoriale: 269.60 Kmq Popolazione

Dettagli

SANTORSO (VI): TARIFFA PUNTUALE

SANTORSO (VI): TARIFFA PUNTUALE SANTORSO (VI): TARIFFA PUNTUALE integrata con un nuovo sistema di raccolta rifiuti (TIA + -BINGest ) p.i. Zanardello Samuele NOVE (VI) 1- La raccolta dei Rifiuti anno 2016 GRAZIE ALLA COLLABORAZIONE DEI

Dettagli

Gestione Integrata dei Rifiuti

Gestione Integrata dei Rifiuti Gestione Integrata dei Rifiuti Definizioni e Classificazioni dei Rifiuti Interazione dei rifiuti con l ambiente Dati sulla Produzione e Destino dei Rifiuti Gerarchia delle azioni di gestione Prevenzione

Dettagli

La gestione integrata dei rifiuti situazione attuale e prospettive concrete

La gestione integrata dei rifiuti situazione attuale e prospettive concrete La gestione integrata dei rifiuti situazione attuale e prospettive concrete Sergio Tommasini Responsabile Settore Studi e Progetti Montebelluna (TV) 20 febbraio 2009 consorzio@priula.it COMPETENZE GESTIONE

Dettagli

Sistema di gestione della raccolta dei rifiuti urbani, che comporta l eliminazione dei cassonetti stradali dell indifferenziato, sostituito da un

Sistema di gestione della raccolta dei rifiuti urbani, che comporta l eliminazione dei cassonetti stradali dell indifferenziato, sostituito da un San Costanzo 15 Aprile 2014 Metodo Aset Risultati, vantaggi e criticità Dott. Stefano Sartini Stato attuale: raccolta stradale pluriutenza Raccolta RSU con cassonetti Raccolta RD tramite isole ecologiche

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARES 2013

PIANO FINANZIARIO TARES 2013 PIANO FINANZIARIO TARES 2013 Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario TARES tributo comunale sui rifiuti e sui servizi anno 2013, nuovo tributo relativo alla gestione

Dettagli

Brescia, 11 novembre 2014. Relatore : Vincenzo Altieri

Brescia, 11 novembre 2014. Relatore : Vincenzo Altieri A NOVARA LA RACCOLTA DIFFERENZIATA SI E ASSESTATA SOPRA IL 70% I VANTAGGI DEL SISTEMA DI RACCOLTA PORTA A PORTA DOMICILIARE Brescia, 11 novembre 2014 Relatore : Vincenzo Altieri 1 IL PASSAGGIO DA SISTEMA

Dettagli

28/11/2013 ANALISI dei costi della RACCOLTA DIFFERENZIATA 1

28/11/2013 ANALISI dei costi della RACCOLTA DIFFERENZIATA 1 ANALISI DEI COSTI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA UN CASO DI SPECIE 1 COMUNI GESTITI DA AMBI.EN.TE. Comuni in raccolta stradale Comuni in raccolta differenziata porta a porta COMUNI ABITANTI CASTEL GANDOLFO

Dettagli

Dalla spesa al rifiuto: l esperienza della raccolta domiciliare in un territorio a forte vocazione turis?ca

Dalla spesa al rifiuto: l esperienza della raccolta domiciliare in un territorio a forte vocazione turis?ca . MASSIMILANO FAINI Consigliere Biociclo e Dirigente Garda Uno SpA PREMIER Dalla spesa al rifiuto: l esperienza della raccolta domiciliare in un territorio a forte vocazione turis?ca PREMIER PREMIER Comune

Dettagli

Simone Tosi. Assessore Ambiente Comune di Carpi. Bologna

Simone Tosi. Assessore Ambiente Comune di Carpi. Bologna Simone Tosi Assessore Ambiente Comune di Carpi Bologna 20 novembre 2017 LA PRESENTAZIONE: La storia del Porta a Porta Il nostro modello UNA PREMESSA: Il Porta a Porta è un sistema invasivo, che chiede

Dettagli

NUOVA MODALITA DI RACCOLTA RIFIUTI CALDOGNO 2019

NUOVA MODALITA DI RACCOLTA RIFIUTI CALDOGNO 2019 NUOVA MODALITA DI RACCOLTA RIFIUTI CALDOGNO 2019 1 INDICE Introduzione Soraris si presenta Il nuovo sistema di raccolta rifiuti La tariffa Domande 2 SOCIETA PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI 17

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO O.R.SO

CORSO DI AGGIORNAMENTO O.R.SO Servizio Osservatorio Rifiuti CORSO DI AGGIORNAMENTO O.R.SO Treviso, 27 gennaio 2017 http://www.arpa.veneto.it/temi-ambientali/rifiuti ORSO3.0 regioni convenzionate VALLE D AOSTA comuni 74 - ab. 128.298

Dettagli

Relatore Wladimiro Boccali

Relatore Wladimiro Boccali Comune di Perugia ISWA World Solid Waste Congress Mercoledì 19 settembre 2012 Relatore Wladimiro Boccali Presidente ATI n. 2 Umbria Sindaco di Perugia L ATI n. 2 dell Umbria ISWA World Solid Waste Congress

Dettagli

Convegno. La tariffazione puntuale del servizio di gestione dei rifiuti urbani. Inquadramento normativo, metodi e sistemi, obiettivi e finalità

Convegno. La tariffazione puntuale del servizio di gestione dei rifiuti urbani. Inquadramento normativo, metodi e sistemi, obiettivi e finalità Convegno La tariffazione puntuale del servizio di gestione dei rifiuti urbani Inquadramento normativo, metodi e sistemi, obiettivi e finalità 22 Febbraio 2017 Sala Auditorium Città Metropolitana di Torino

Dettagli

Comune di Torre Boldone (provincia di Bergamo) Servizio di raccolta rifiuti

Comune di Torre Boldone (provincia di Bergamo) Servizio di raccolta rifiuti Comune di Torre Boldone (provincia di Bergamo) Servizio di raccolta rifiuti 1/3/1996 il Comune di Torre Boldone Anticipa i tempi e i contenuti del Decreto Ronchi Introduce il principio della copertura

Dettagli

Il Piano regionale Rifiuti della Regione Emilia-Romagna

Il Piano regionale Rifiuti della Regione Emilia-Romagna Il Piano regionale Rifiuti della Regione Emilia-Romagna Sabrina Freda Assessore Ambiente, Riqualificazione urbana 1 Il Sistema Emilia-Romagna: demografia regionale 2 A partire dalla metà degli anni novanta

Dettagli

PIANO FINANZIARIO 2016

PIANO FINANZIARIO 2016 COSTI ( (compresa ) ( esclusa) 10,00% nuovo costo 1 umido-raccolta bidoncini 25 litri 37.000,00 0,638 0,06 23.606,00 25.967,00 CRT-UMIDO 3 umido-raccolta cassonetti 120/240 litri - ut. non domestiche 2.120,00

Dettagli

Gli addetti alla gestione sorvegliano l impianto per il regolare funzionamento dello stesso ed il corretto uso dei contenitori da parte degli utenti.

Gli addetti alla gestione sorvegliano l impianto per il regolare funzionamento dello stesso ed il corretto uso dei contenitori da parte degli utenti. IL C.A.R.D., o PIAZZOLA ECOLOGICA, sito in cal Bruna, presso il magazzino comunale, è costituito da un area recintata e destinata alla raccolta differenziata di più tipologie di rifiuti urbani e assimilati,

Dettagli

Piano Finanziario Tariffa rifiuti anno 2018.

Piano Finanziario Tariffa rifiuti anno 2018. COMUNE DI BORGO SAN GIOVANNI PROVINCIA DI LODI Piano Finanziario Tariffa rifiuti anno 2018. In allegato alla Deliberazione C.C. n. 6 del 01.03.2018 Il Segretario Comunale F.to Dott.ssa Francesca Saragò

Dettagli

L implementazione delle differenziate spinte. La realtà del gruppo Contarina Consorzio Priula Consorzio Tv Tre in Provincia di Treviso

L implementazione delle differenziate spinte. La realtà del gruppo Contarina Consorzio Priula Consorzio Tv Tre in Provincia di Treviso L implementazione delle differenziate spinte La realtà del gruppo Contarina Consorzio Priula Consorzio Tv Tre in Provincia di Treviso Ferrara, 16/03/2012 IL TERRITORIO Ente di bacino TV 2 Consorzio Priula

Dettagli

CAMBIA LA RACCOLTA DEI RIFIUTI IMPARIAMO COME SI FA

CAMBIA LA RACCOLTA DEI RIFIUTI IMPARIAMO COME SI FA CAMBIA LA RACCOLTA DEI RIFIUTI IMPARIAMO COME SI FA Che cos è la raccolta porta a porta dei rifiuti? E un particolare sistema che prevede il periodico ritiro a domicilio dei rifiuti organizzando le raccolte

Dettagli

RIFIUTI e RESPONSABILITA. Ezio Orzes Assessore all Ambiente del Comune di Ponte nelle Alpi

RIFIUTI e RESPONSABILITA. Ezio Orzes Assessore all Ambiente del Comune di Ponte nelle Alpi RIFIUTI e RESPONSABILITA Ezio Orzes Assessore all Ambiente del Comune di Ponte nelle Alpi Corigliano d Otranto 19 settembre 2012 Comune di Ponte nelle Alpi Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi Responsabilità

Dettagli

Trattamento dei rifiuti indifferenziati residuali dalla raccolta differenziata

Trattamento dei rifiuti indifferenziati residuali dalla raccolta differenziata Assemblea Territoriale d Ambito Ambito Territoriale Ottimale 2 ing. Massimo Stella Trattamento dei rifiuti indifferenziati residuali dalla raccolta differenziata Assemblea Territoriale d Ambito ATO 2 Ancona

Dettagli

La valorizzazione energetica dei rifiuti solidi urbani Udine 21 marzo 2003

La valorizzazione energetica dei rifiuti solidi urbani Udine 21 marzo 2003 La valorizzazione energetica dei rifiuti solidi urbani Udine 21 marzo 2003 Sistema integrato di gestione RSU: analisi e confronto di scenari Ing. Maurizio Zanoni, Ing. Massimo Marena EBX Engineering S.r.l.

Dettagli

COMUNE DI CERES RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO TASSA RIFIUTI ANNO 2015

COMUNE DI CERES RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO TASSA RIFIUTI ANNO 2015 COMUNE DI CERES RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO TASSA RIFIUTI ANNO 2015 INDICE Premessa 1. Gli obiettivi di fondo dell Amministrazione Comunale 1.1 Obiettivi di gestione urbana 1.2 Obiettivi di riduzione

Dettagli

Vincoli e vantaggi della gestione in ambito del Corrispettivo, il modello CBBO. Mauro Sanzani Responsabile Tecnico COSEA Tariffa & Servizi S.r.l.

Vincoli e vantaggi della gestione in ambito del Corrispettivo, il modello CBBO. Mauro Sanzani Responsabile Tecnico COSEA Tariffa & Servizi S.r.l. Vincoli e vantaggi della gestione in ambito del Corrispettivo, il modello CBBO. Mauro Sanzani Responsabile Tecnico COSEA Tariffa & Servizi S.r.l. Qui comincia l'avventura DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE

Dettagli

17 giugno 2016 Palazzo Gazzoli Via del Teatro Romano, giugno 2016 Palazzo uffici comunali Corso del Popolo, 30

17 giugno 2016 Palazzo Gazzoli Via del Teatro Romano, giugno 2016 Palazzo uffici comunali Corso del Popolo, 30 L'acqua che bevo, l'aria che respiro, il cibo che mangio Problemi, proposte e confronti 17 giugno 2016 Palazzo Gazzoli Via del Teatro Romano, 15 18 giugno 2016 Palazzo uffici comunali Corso del Popolo,

Dettagli

Progetto di sviluppo delle raccolte differenziate a Genova. Genova, 15 marzo 2016

Progetto di sviluppo delle raccolte differenziate a Genova. Genova, 15 marzo 2016 Progetto di sviluppo delle raccolte differenziate a Genova Genova, 15 marzo 2016 Genova nel 2015 è al 37% di raccolta differenziata La normativa europea, la legge italiana, le linee di indirizzo della

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO ARPAV Osservatorio Regionale Rifiuti PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Invece che la terza discarica Esperienze di gestione integrata dei rifiuti e nuove prospettive di sviluppo Orvieto,

Dettagli

BOLTIERE prime azioni verso il cambiamento la comunicazione la Tariffa puntuale il Piano Economico Finanziario i risultati nuovi obbiettivi

BOLTIERE prime azioni verso il cambiamento la comunicazione la Tariffa puntuale il Piano Economico Finanziario i risultati nuovi obbiettivi IGIENE URBANA E GESTIONE DEI RIFIUTI BOLTIERE prime azioni verso il cambiamento la comunicazione la Tariffa puntuale il Piano Economico Finanziario i risultati nuovi obbiettivi L INIZIO Nel programma di

Dettagli

COS E ECUO SACCO? Qualche breve premessa 1

COS E ECUO SACCO? Qualche breve premessa 1 Qualche breve premessa 1 COS E ECUO SACCO? Un progetto di sperimentazione di un sistema di tariffazione puntuale dei servizi di igiene urbana «EcuoSacco» perché l obiettivo è nel contempo «eco» ed «equo»:

Dettagli

Progetto Sistema integrato di gestione dei rifiuti

Progetto Sistema integrato di gestione dei rifiuti Il Programma Regionale di Sviluppo 2014-2019 Progetto Sistema integrato di gestione dei rifiuti Disegno di legge sulla gestione integrata dei rifiuti urbani Perequazione tariffaria e ottimizzazione impiantistica

Dettagli

Prevenzione Preparazione per il riutilizzo Riciclaggio (recupero di materia) Recupero altro tipo (recupero di energia) Smaltimento

Prevenzione Preparazione per il riutilizzo Riciclaggio (recupero di materia) Recupero altro tipo (recupero di energia) Smaltimento Prevenzione Preparazione per il riutilizzo Riciclaggio (recupero di materia) Recupero altro tipo (recupero di energia) Smaltimento PRINCIPALI ELEMENTI PER LA BUONA GESTIONE 1) Riduzione produzione rifiuto

Dettagli

Porta a porta e tariffazione puntuale in una città di abitanti

Porta a porta e tariffazione puntuale in una città di abitanti Porta a porta e tariffazione puntuale in una città di 190.000 abitanti CHIUDI IL CERCHIO Prevenzione e tariffazione puntuale ad un anno dall approvazione della legge regionale sull economia circolare 20

Dettagli

Porta a porta e tariffazione puntuale in una città di abitanti

Porta a porta e tariffazione puntuale in una città di abitanti Porta a porta e tariffazione puntuale in una città di 190.000 abitanti OBIETTIVO ECONOMIA CIRCOLARE Riduzione pressione sull ambiente e sviluppo del territorio 23 settembre 2016 Ferrara Gabriele Folli,

Dettagli

Prot. n 579 Lavis, 1 settembre 2015

Prot. n 579 Lavis, 1 settembre 2015 Sede Legale: Via G. Di Vittorio, 84-3815 LAVIS (TN) 461 24 11 81 - Fax 461 24 2 35 Prot. n 579 Lavis, 1 settembre 215 OGGETTO: Grafici andamento triennale della raccolta rifiuti con dati aggiornati al

Dettagli

PORTA A PORTA IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA A PONTE NELLE ALPI

PORTA A PORTA IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA A PONTE NELLE ALPI PORTA A PORTA IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA A PONTE NELLE ALPI Come passare del 23% all 85% di raccolta differenziata diminuendo i costi del 15% Un progetto ispirato dal dovere di riconsegnare

Dettagli

SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI

SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PROVINCIA DI PAVIA Divisione Territorio Settore Tutela Ambientale PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI AZIONI DI ATTUAZIONE SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI Pavia,

Dettagli

Approvazione schede di acquisizioni dati in merito alle modalità di gestione dei rifiuti urbani e relativi costi (B.U. n. 11 del 17 marzo 2005)

Approvazione schede di acquisizioni dati in merito alle modalità di gestione dei rifiuti urbani e relativi costi (B.U. n. 11 del 17 marzo 2005) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 14 febbraio 2005, n. 48-14764 Approvazione schede di acquisizioni dati in merito alle modalità di gestione dei rifiuti urbani e relativi costi (B.U. n. 11 del 17 marzo

Dettagli

Relazione al Piano Finanziario Servizio Rifiuti anno 2014

Relazione al Piano Finanziario Servizio Rifiuti anno 2014 COMUNE DI PIEVE D OLMI PROVINCIA DI CREMONA Relazione al Piano Finanziario Servizio Rifiuti anno 2014 adottato ai sensi dell art. 8 del D.P.R. 27.04.1999, n.158 17 luglio 2014 A cura di Casalasca Servizi

Dettagli

P.E.F Comune di Carpenedolo. Pagina 1 di 9

P.E.F Comune di Carpenedolo. Pagina 1 di 9 COSTI DI GESTIONE DEL CICLO DEI SERVIZI RIFIUTI INDIFFERENZIATI (CGIND) 58,33% 41,67% Costi spazzamento e lavaggio (CSL) spazzamento meccanico in appalto AIMERI Srl 40.000,00 10% 4.000,00 44.000,00 58,33%

Dettagli

Lo scenario della gestione dei rifiuti secondo il Piano Regionale. Alberto Grosso Sezione Regionale del Catasto Rifiuti ARPAC

Lo scenario della gestione dei rifiuti secondo il Piano Regionale. Alberto Grosso Sezione Regionale del Catasto Rifiuti ARPAC Lo scenario della gestione dei rifiuti secondo il Piano Regionale Alberto Grosso Sezione Regionale del Catasto Rifiuti ARPAC Le prospettive future nella gestione dei rifiuti urbani in Campania Breve richiamo

Dettagli

Città di Gardone Val Trompia Una città più PULITA è una città più TUA

Città di Gardone Val Trompia Una città più PULITA è una città più TUA Città di Gardone Val Trompia Una città più PULITA è una città più TUA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI Confronto tra progetto e risultati primo anno Il percorso Criticità servizio vecchio Scarsa raccolta

Dettagli

SANTORSO (VI): TARIFFA PUNTUALE

SANTORSO (VI): TARIFFA PUNTUALE SANTORSO (VI): TARIFFA PUNTUALE integrata con un nuovo sistema di raccolta rifiuti (TIA + -BINGest ) p.i. Zanardello Samuele NOVE (VI) Un Mondo di Rifiuti, come gestirli? Sommario: 1- La raccolta dei Rifiuti

Dettagli

I moderni sistemi integrati di raccolta differenziata. Il caso di Asti e la sua evoluzione

I moderni sistemi integrati di raccolta differenziata. Il caso di Asti e la sua evoluzione I moderni sistemi integrati di raccolta differenziata Il caso di Asti e la sua evoluzione PRINCIPALI DATI TERRITORIALI Comune di Asti: 73.120 abitanti di cui 60.286 nel centro urbano e 12.834 in frazione

Dettagli

% Raccolta Differenziata - ultimo triennio

% Raccolta Differenziata - ultimo triennio % Sede Legale: Via G. Di Vittorio, 84-3815 LAVIS (TN) 461 24 11 81 - Fax 461 24 2 35 Prot. n 184 Lavis, 1 marzo 216 OGGETTO: Grafici andamento triennale della raccolta rifiuti con dati aggiornati al 31

Dettagli

5 Marzo 2018 Università «La Sapienza» Aula 2 Facoltà di Economia. Prevenzione, riutilizzo e riciclo in un ottica di economia circolare

5 Marzo 2018 Università «La Sapienza» Aula 2 Facoltà di Economia. Prevenzione, riutilizzo e riciclo in un ottica di economia circolare 1 5 Marzo 2018 Università «La Sapienza» Aula 2 Facoltà di Economia Prevenzione, riutilizzo e riciclo in un ottica di economia circolare Davide Vernice Direttore Generale AET Spa L esperienza di realtà

Dettagli

Fase 1: Individuazione Quartieri.

Fase 1: Individuazione Quartieri. Risultati sperimentazione Raccolta Differenziata nel Comune di Chieti Progettazione e Realizzazione della Raccolta Differenziata in tre quartieri del Comune di Chieti, dalla raccolta tramite isole ecologiche

Dettagli

La tassa rifiuti tra natura corrispettiva e tributaria: criticità e possibili soluzioni. Avv. Maurizio Fogagnolo Rimini, 9 novembre 2016

La tassa rifiuti tra natura corrispettiva e tributaria: criticità e possibili soluzioni. Avv. Maurizio Fogagnolo Rimini, 9 novembre 2016 La tassa rifiuti tra natura corrispettiva e tributaria: criticità e possibili soluzioni Avv. Maurizio Fogagnolo Rimini, 9 novembre 2016 T.A.R.S.U. Art. 65 D.Lgs. 15 novembre 1993 n. 507 La tassa è commisurata

Dettagli

CITTA DI VALDAGNO GESTIONE SERVIZIO RIFIUTI SOLIDI URBANI PER AFFFIDO DEL SERVIZIO IN HOUSE PROVIDING

CITTA DI VALDAGNO GESTIONE SERVIZIO RIFIUTI SOLIDI URBANI PER AFFFIDO DEL SERVIZIO IN HOUSE PROVIDING CITTA DI VALDAGNO UFFICIO TECNICO GESTIONE SERVIZIO RIFIUTI SOLIDI URBANI RELAZIONE TECNICA PER AFFFIDO DEL SERVIZIO IN HOUSE PROVIDING DICEMBRE 2013 IL DIRIGENTE DIREZIONE LL. PP. ING. GRAZIANO DAL LAGO

Dettagli

Progetto sul Comune di Poggio Berni (RN)

Progetto sul Comune di Poggio Berni (RN) Progetto sul Comune di Poggio Berni (RN) Gestione raccolta differenziata e integrata dei rifiuti urbani e assimilati con il sistema e-gate e, con obiettivo di RD > 60% Ecomondo 05-08 Novembre 2008 Divisione

Dettagli

Progetto Sistema integrato di gestione dei rifiuti

Progetto Sistema integrato di gestione dei rifiuti Il Programma Regionale di Sviluppo 2014-2019 Progetto Sistema integrato di gestione dei rifiuti Disegno di legge sulla gestione integrata dei rifiuti urbani Perequazione tariffaria e ottimizzazione impiantistica

Dettagli

Sistema di Raccolta Differenziata Integrata dei rifiuti "Porta a Porta"

Sistema di Raccolta Differenziata Integrata dei rifiuti Porta a Porta Sistema di Raccolta Differenziata Integrata dei rifiuti "Porta a Porta" La S.O.G.E.S.I. Srl è in grado raccolta di predisporre differenziata progetti integrata, grado esecutivi dei di rispettare rifiuti

Dettagli

Convegno. La tariffazione puntuale del servizio di gestione dei rifiuti urbani. Inquadramento normativo, metodi e sistemi, obiettivi e finalità

Convegno. La tariffazione puntuale del servizio di gestione dei rifiuti urbani. Inquadramento normativo, metodi e sistemi, obiettivi e finalità Convegno La tariffazione puntuale del servizio di gestione dei rifiuti urbani Inquadramento normativo, metodi e sistemi, obiettivi e finalità 22 Febbraio 2017 Sala Auditorium Città Metropolitana di Torino

Dettagli

Gestione rifiuti urbani Piano Economico Finanziario

Gestione rifiuti urbani Piano Economico Finanziario Comune di Padova Gestione rifiuti urbani Piano Economico Finanziario Elaborato 2 Utilizzo di beni, strutture e servizi di terzi D.P.R. 158/1999 art. 8 comma 2c), comma 3c) 2018 PREMESSA... 2 1. Smaltimento

Dettagli

ODG n 2. Modifica del Regolamento per la disciplina dell Imposta Unica Comunale

ODG n 2. Modifica del Regolamento per la disciplina dell Imposta Unica Comunale ODG n 2 Modifica del Regolamento per la disciplina dell Imposta Unica Comunale TARI Modifica del Regolamento per la disciplina dell Imposta Unica Comunale TARI Il termine per la approvazione del Bilancio

Dettagli

GESTIONE SERVIZIO IGIENE AMBIENTALE

GESTIONE SERVIZIO IGIENE AMBIENTALE SITUAZIONE DI PARTENZA COSA È STATO FATTO I RISULTATI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA IL PIANO FINANZIARIO LE TARIFFE 2016 I PROGETTI SITUAZIONE DI PARTENZA PRODUZIONE TOTALE RIFIUTI IN KG 2700000 2025000

Dettagli

Le esperienze delle aziende pubbliche virtuose e l importanza della tariffa puntuale L esperienza del Gruppo Contarina SpA

Le esperienze delle aziende pubbliche virtuose e l importanza della tariffa puntuale L esperienza del Gruppo Contarina SpA Le esperienze delle aziende pubbliche virtuose e l importanza della tariffa puntuale L esperienza del Gruppo Contarina SpA Dott. Paolo Contò Direttore dei Consorzi Priula e Tv Tre 1. La rete nazionale

Dettagli

RIFIUTI & RESPONSABILITA

RIFIUTI & RESPONSABILITA RIFIUTI & RESPONSABILITA L esperienza del Comune di Ponte nelle Alpi Ass. all'ambiente Ezio Orzes Responsabilità istituzionale Superare l approccio delle istituzioni che saltando la raccolta si concentrano

Dettagli

Servizi di igiene urbana a Scafa

Servizi di igiene urbana a Scafa Servizi di igiene urbana a Scafa Documento di lavoro F Valutatori: Francesco Ranieri, Sandro Di Scerni Caratteristiche principali dei servizi. /anno 275.733,01 (IVA inclusa): - durata dell appalto: 5 anni;

Dettagli

Parma Caratteristiche della città

Parma Caratteristiche della città Parma Caratteristiche della città 194.374 abitanti in 260,6 km 2 (745 ab/km 2 ) 24.124 nel centro storico (2,4 km 2 ; 10.093 ab/km 2 ) 129.060 in area urbana (29 km 2 ; 4.407 ab/km 2 ) 41.190 in area extraurbana

Dettagli

IL CONSORZIO CHIERESE PER I SERVIZI IL TERRITORIO

IL CONSORZIO CHIERESE PER I SERVIZI IL TERRITORIO IL CONSORZIO CHIERESE PER I SERVIZI IL TERRITORIO ELENCO COMUNI CCS COMUNE POPOLAZIONE (AL 1/01/2015) SUPERFICIE (IN KMQ) ANDEZENO 2.006 7,48 ARIGNANO 1.056 8,23 BALDISSERO 3.781 15,46 CAMBIANO 6.173 14,22

Dettagli

Roma, 27 maggio 2015. Comune di. Mar-gnacco. Sostenibilità ambientale ed innovazione: L esperienza del. Comune di. Martignacco (Udine)

Roma, 27 maggio 2015. Comune di. Mar-gnacco. Sostenibilità ambientale ed innovazione: L esperienza del. Comune di. Martignacco (Udine) Roma, 27 maggio 2015 Comune di Mar-gnacco Sostenibilità ambientale ed innovazione: L esperienza del Comune di Martignacco (Udine) Comune di Martignacco Ø 7.000 abitanti circa nell hinterland della Città

Dettagli

Ass. ZERO WASTE LAZIO

Ass. ZERO WASTE LAZIO Ass. ZERO WASTE LAZIO zerowastelazio@gmail.com Il vecchio Piano di A.M.A La situazione attuale a Roma Produzione R. U. totale 1.900.000 t/a R. Ind. 70% 1.330.000 t/a R.D. 30% 570.000 t/a 340.000 Secco

Dettagli

Mi Rifiuto. Azioni in Comune per risolvere il problema dei rifiuti. Atti del Convegno 21 aprile 08

Mi Rifiuto. Azioni in Comune per risolvere il problema dei rifiuti. Atti del Convegno 21 aprile 08 Mi Rifiuto Azioni in Comune per risolvere il problema dei rifiuti. Atti del Convegno 21 aprile 08 Comune di Colorno Assessorato ai Servizi Pubblici I Servizi e le Tariffe a Colorno (PR) Mirko REGGIANI

Dettagli

CONTARINA SPA Treviso, la prima provincia italiana per livelli di raccolta differenziata

CONTARINA SPA Treviso, la prima provincia italiana per livelli di raccolta differenziata CONTARINA SPA Treviso, la prima provincia italiana per livelli di raccolta differenziata Paolo Contò Direttore Consiglio di Bacino Priula Rieti, 12 Maggio 2017 CONFIDENZIALE TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI

Dettagli

COMUNE DI APICE Provincia di Benevento

COMUNE DI APICE Provincia di Benevento COMUNE DI APICE Provincia di Benevento Piazza della Ricostruzione,1 82021 Apice (BN) Tel.: 0824 92 17 11 Fax: 0824 92 17 42 Sito web: www.comune.apice.bn.it E-mail: info@comune.apice.bn.it Ordinanza n.

Dettagli

Comune di Cuneo Raccolta differenziata porta a porta. Amministratori di condominio. Febbraio 2014

Comune di Cuneo Raccolta differenziata porta a porta. Amministratori di condominio. Febbraio 2014 Comune di Cuneo Raccolta differenziata porta a porta Amministratori di condominio Febbraio 2014 PERCHÉ FARE LA RACCOLTA DEI RIFIUTI PORTA A PORTA? LEGGI DI RIFERIMENTO: EUROPA - ITALIA PIEMONTE EUROPA:

Dettagli

Servizi Integrati di Raccolta dei Rifiuti della Città di Avellino

Servizi Integrati di Raccolta dei Rifiuti della Città di Avellino Servizi Integrati di Raccolta dei Rifiuti della Città di Avellino Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 16 del 20-1-2017 come modificato con delibera di Giunta Comunale n. 175 del 9-6-2017 Linee

Dettagli

La situazione 2011 del servizio di raccolta e spazzamento e dei flussi agli impianti Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia

La situazione 2011 del servizio di raccolta e spazzamento e dei flussi agli impianti Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia La situazione 2011 del servizio di raccolta e spazzamento e dei flussi agli impianti Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia La costruzione del sistema informativo ATO Database del sistema

Dettagli

COMUNE DI FAEDIS RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO TARIFFA RIFIUTI E SERVIZI ANNO

COMUNE DI FAEDIS RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO TARIFFA RIFIUTI E SERVIZI ANNO COMUNE DI FAEDIS RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO TARIFFA RIFIUTI E SERVIZI ANNO 2013 INDICE Premessa 1. Gli obiettivi di fondo dell Amministrazione Comunale 1.1 Obiettivi di gestione urbana 1.2 Obiettivi

Dettagli

dati aggiornati alla

dati aggiornati alla / BILANCIO DI PREVISIONE DEL COSTI DI GESTIONE DEI RIFIUTI INDIFFERENZIATI: Costi di spazzamento e lavaggio strade Lavaggio strade, svuotamento cestini e lavaggio bagni CF 11.900,00 13.090,00 11.900,00

Dettagli

PROVINCIA DI ANCONA 7 Settore Assetto del Territorio e Ambiente - Area Tutela dell Ambiente -

PROVINCIA DI ANCONA 7 Settore Assetto del Territorio e Ambiente - Area Tutela dell Ambiente - Piano Provinciale Gestione Rifiuti Pag. 191 P R O V I N C I A D I AN C O N A - A re a T u te la d e ll A mb ie n te - Piano Provinciale Gestione Rifiuti Pag. 192 9.2.2. Sistema attuale della organizzazione

Dettagli

Economia Circolare e Contarina Spa: La gestione virtuosa dei rifiuti

Economia Circolare e Contarina Spa: La gestione virtuosa dei rifiuti Economia Circolare e Contarina Spa: La gestione virtuosa dei rifiuti Michele Rasera Direttore di Contarina Spa 22 Giugno 2016 Roma 1. Chi siamo 2. I principali investimenti in corso 3. Le caratteristiche

Dettagli

Comprensorio pesarese: esperienze di applicazione della tariffa sui rifiuti. ANCONA 23 FEBBRAIO Ing. Leonardo Tombari

Comprensorio pesarese: esperienze di applicazione della tariffa sui rifiuti. ANCONA 23 FEBBRAIO Ing. Leonardo Tombari Comprensorio pesarese: esperienze di applicazione della tariffa sui rifiuti ANCONA 23 FEBBRAIO 2005 - Ing. Leonardo Tombari riferimenti legislativi La tariffa per la gestione dei Rifiuti Solidi Urbani

Dettagli

CONTARINA SPA. Un esempio virtuoso nella gestione integrata dei rifiuti

CONTARINA SPA. Un esempio virtuoso nella gestione integrata dei rifiuti CONTARINA SPA Un esempio virtuoso nella gestione integrata dei rifiuti 1. Chi siamo 2. Le caratteristiche del modello Contarina 3. I risultati 4. Gli obiettivi per il futuro I soggetti e i compiti 25 COMUNI

Dettagli

PROVINCIA DI CREMONA Settore Agricoltura e Ambiente

PROVINCIA DI CREMONA Settore Agricoltura e Ambiente PROVINCIA DI CREMONA Settore Agricoltura e Ambiente LO STATO DI FATTO E LE CRITICITA DELL ATTUALE SISTEMA GESTIONALE VERSO IL NUOVO PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI 19/02/2013 1 2 Nel periodo

Dettagli

81% UN ANNO DI RACCOLTA PORTA A PORTA A SUZZARA

81% UN ANNO DI RACCOLTA PORTA A PORTA A SUZZARA 81% UN ANNO DI RACCOLTA PORTA A PORTA A SUZZARA Le modalità tariffarie e di raccolta domiciliare in Veneto. Ing.Walter Giacetti CONSORZIO BACINO DI PADOVA UNO Sintesi srl Convegno sulla Raccolta Differenziata,

Dettagli

Comune di Gravina di Catania Progetto COREVE nell ambito della GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI. ECOMONDO Rimini, 10 Novembre 2016

Comune di Gravina di Catania Progetto COREVE nell ambito della GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI. ECOMONDO Rimini, 10 Novembre 2016 Comune di Gravina di Catania Progetto COREVE nell ambito della GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI ECOMONDO Rimini, 10 Novembre 2016 INDICE COMUNE DI DA NETTEZZA URBANA A GLI ATTORI: SRR - COMUNE COREVE GESTORE

Dettagli

A.E.M. GESTIONI S.r.l. RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA PORTA = PRIMI RISULTATI = Zona CAVATIGOZZI

A.E.M. GESTIONI S.r.l. RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA PORTA = PRIMI RISULTATI = Zona CAVATIGOZZI = PRIMI RISULTATI = Zona CAVATIGOZZI Periodo di osservazione: 4 settimane (dal 4/10 al 31/10/2010). CARTA 6.590 PLASTICA 3.400 33,40 VETRO + LATTINE 4.380 VERDE cassone 7.060 85,20 verde cassone 16,40

Dettagli

Approccio metodologico alla raccolta differenziata

Approccio metodologico alla raccolta differenziata Geol. MARCO REDINI COMUNE DI PISA Direzione Ambiente Emas Ing. Oscar Galli Vicepresidente GEOFOR Energy & the Town L integrazione dei sistemi di raccolta dei rifiuti su area vasta Pisana Articolazione

Dettagli