- La relazione annuale dell ABI - Jus variandi e tassi di interesse: le novità del Decreto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "- La relazione annuale dell ABI - Jus variandi e tassi di interesse: le novità del Decreto"

Transcript

1 Coordinato da Fabio Picciolini Agenzia Adiconsum anno XVIII - n luglio 2006 Stampato in proprio in luglio 2006 In questo numero: La relazione annuale dell ABI Jus variandi e tassi di interesse: le novità del Decreto Bersani Ultim ora Approfondimenti Flash - La relazione annuale dell ABI - Jus variandi e tassi di interesse: le novità del Decreto Bersani - Market Abuse: in vigore la normativa - La relazione Consob Abitazione - Atipici - Cessione del quinto - Clausole vessatorie - Conti correnti - Corporate bond - Credito al consumo - Fisco - Investimenti - Risparmio - Mutui - Parmalat - Poste - Povertà - Prodotti - Riciclaggio - Tassi di usura (giugno-settembre 2006) Registrazione Tribunale di Roma n. 350 del Iscriz. ROC n Sped. in abb. post. D.L. 353/2003 (conv. in L. 46/2004) art. 1, comma 2, DCB Roma

2 ULTIM ORA La relazione annuale dell ABI L Associazione Bancaria Italiana assume ancora una volta una posizione di chiusura e si arrocca in una strenua difesa del sistema bancario. L' ultima relazione dell ABI è apparsa molto reticente e chiusa in una difesa estrema del sistema bancario, con un ripudio di quanto avvenuto sotto il precedente Governo, una serie di richieste all attuale Governo e una contraddittoria difesa del decreto Bersani, non condiviso però nella parte relativa al sistema bancario. Il Presidente Sella, giunto alla definiva conclusione, del suo mandato, dopo un esame dello scarso peso in Europa dell Italia almeno per la quota finanziario-economica, ha rivendicato il ruolo del sistema bancario nella crescita del Paese, le difficoltà dell anno 2005 con riferimento ai casi Antonveneta, Lodi, BNL, inquadrando però i fatti, come nel passato, come casi singoli e non come una problematica di sistema. Sulla legge di riforma del risparmio ha chiesto forti modifiche. Per le imprese ha evidenziato i servizi offerti, senza però indicare la necessità di fornire una consulenza molto più specifica e approfondita. Per i consumatori ha ricordato Pattichiari e i servizi offerti alle famiglie, ricordando però i soli tassi di intesse e non tutte le spese accessorie che gravano su ogni rapporto e ogni operazione posta in essere con la Banca. Il Presidente ha continuato in una difesa delle condizioni applicate alla clientela, ricordando la ricerca commissionata dall ABI, ma non citando tutte le altre ricerche che dimostrano l esosità delle banche nazionali. Sulla redditività del sistema bancario ha pianto per la differenza rispetto agli altri Paesi, smentito poco dopo dal Governatore della Banca d Italia. Ovviamente il Presidente Sella ha contestato il Decreto Bersani nella parte dello jus variandi, delle comunicazioni alla clientela e alla modifica delle condizioni, come è stata contestata la fiscalità a carico del sistema bancario e la concorrenza sleale (!!!) di Bancoposta, a dimostrazione dell ancora non percepita necessità di creare una reale concorrenza. Sella ha taciuto come larga parte del sistema bancario si confronta con le associazioni dei consumatori, pressoché dimenticate nella relazione, direttamente raggiungendo risultati più importanti e più rapidi di quelli raggiunti con l ABI. L intervento del Governatore della Banca d Italia Nella sua relazione il Governatore della Banca d Italia, Mario Draghi, dopo aver evidenziato l occasione persa negli ultimi cinque anni per risanare il debito pubblico nazionale, ha affrontato in maniera molto incisiva il problema banche. All inizio ha evidenziato come si sia fermato il processo di accorpamento e di concentrazione delle banche italiane con la conseguenza di rendere impossibili acquisizione transnazionali e di rischiare di diventare preda degli intermediari esteri. Nonostante ciò le banche italiane hanno colmato la differenza con le grandi banche estere e il loro guadagno in quanto a redditività. Test noi consumatori 2

3 Successivamente ha nuovamente rimarcato che Banca d Italia non sarà più il punto di riferimento decisionale per l attività degli intermediari, ma tornerà ad essere il controllore indipendente e non giocatore, lasciano al mercato l evolversi del sistema. Rispetto alla clientela il Governatore non poteva essere più chiaro; ha condiviso il decreto Bersani ed ha ricordato che già in passato aveva evidenziato gli alti costi bancari, particolarmente nella chiusura conto, e che già aveva mostrato la necessità di aumentare concorrenza e trasparenza, l esigenza di evitare norme troppo dirigistiche e di difficile applicabilità. APPROFONDIMENTI Jus variandi e tassi di interesse: le novità del Decreto Bersani In caso di modifica delle condizioni applicate al proprio rapporto, il cliente ha il diritto all informazione preventiva ed al recesso. L' art. 10 del cd. Decreto Bersani ha previsto la modica dell art.118 del D.Lgs. 385/95 introducendo l obbligo per gli intermediari, in caso di modifiche negative delle condizioni applicate alla clientela, di comunicazione scritta ai singoli clienti con un preavviso minimo di trenta giorni; inoltre, entro sessanta giorni dal ricevimento di detta comunicazione, il cliente avrà diritto di recedere senza penalità e senza spese di chiusura e di ottenere, in sede di liquidazione del rapporto, l applicazione delle condizioni precedentemente praticate. Nel caso di mancata applicazione delle nuove norme le decisioni assunte dall intermediario saranno inefficaci. Ulteriore novità fondamentale è l obbligo di modificare le condizioni di tasso applicate ai rapporti con la clientela con uguale decorrenza sia in senso positivo che negativo. Le nuove norme, immediatamente applicabili, sono richieste da anni dall Adiconsum, e se da un lato prolungano i tempi per la modifica delle condizioni e per l eventuale recesso da parte del cliente, dall altro eliminano l attuale situazione per cui le modifiche dei tassi di interesse avvenivano immediatamente quando a favore della banca, e con molta lentezza o affatto a favore della clientela. Le posizioni del presidente dell Antititrust e del Presidente della Commissione Finanze del Senato Le novità introdotte dal decreto Bersani rendono meno immediate le posizioni assunte dal presidente dell Antititrust, Catricalà, e dal Presidente della commissione finanze del Senato, Giorgio Benvenuto. Tuttavia è importante dar conto di queste ultime, anche per rendere giustizia a chi ha condiviso le posizioni che da anni stiamo sostenendo. Le affermazioni del Presidente dell Antitrust sullo jus variandi sono state tradotte in un atto ufficiale dell Autorità, in quanto la modifica unilaterale delle condizioni applicate alla clientela, prevista dall art. 118 della cd., Test noi consumatori 3

4 legge bancaria comporta l instaurarsi di ostacoli allo sviluppo concorrenziale del mercato dei servizi bancari sia in riferimento alle normative di carattere generale sia rispetto al Codice del consumo (art. 33.2). L Antitrust ha anche evidenziato che la situazione italiana è del tutto atipica rispetto agli altri paesi europei, dove è obbligatoria la comunicazione diretta al singolo cliente, anticipata rispetto alla applicazione delle modifiche e dando alla clientela un congruo termine per recedere dal contratto. L Authority ha quindi invitato tutte le istituzioni competenti (parlamento, Governo altre autorità) a modificare l attuale comportamento del sistema bancario. L ABI ha raccomandato alle Banche di applicare un congruo periodo di preavviso prima delle variazioni e un periodo lungo per l eventuale azione di recesso. La proposta di legge della Rosa nel Pugno Una proposta di legge presentata dalla Rosa nel Pugno prevede addirittura che le condizioni dei contratti bancari possano essere modificate solo con il consenso del cliente. L iniziativa, come altre in discussione, vuole superare l attuale situazione la variazione delle condizioni può essere decisa unilateralmente dalla banca, che ha soltanto l obbligo di darne pubblicazione in Gazzetta Ufficiale successiva comunicazione al singolo cliente. Il Progetto di legge vuole modificare l art. 118 del Testo Unico Bancario uniformandolo al disposto del Codice del Consumo. Ciò significa che per le variazioni deve essere previsto il giustificato motivo e l obbligo di comunicazione preventiva al risparmiatore. In maniera analitica il progetto di legge composto di un unico articolo prevede: Modifiche all articolo 118 del Testo Unico Bancario 1. L articolo 118, comma 1, del Decreto Legislativo 1 Settembre 1993, n. 385 è sostituito con il seguente: Nei contratti di durata, i prezzi e le altre condizioni possono essere variati solo qualora sussista un giustificato motivo. Nel caso di variazioni sfavorevoli, le modifiche devono essere comunicate direttamente al cliente il quale ha 30 giorni per recedere dal contratto alle condizioni precedentemente pattuite con l esclusione di qualsiasi penale e spese di estinzione del rapporto. 2. Il comma 3 dell articolo 118 Decreto Legislativo 1 Settembre 1993, n. 385 è soppresso. APPROFONDIMENTI Market Abuse: in vigore la normativa Recepita e definitivamente in vigore anche in Italia la direttiva contro gli abusi di mercato nel settore finanziario. D al 1 aprile 2006 è entrata in vigore definitivamente la normativa sugli abusi di mercato (Legge 62/2005 di recepimento della Direttiva Europea 2003/6/Ce), che obbliga oltre gli intermediari finanziari e gli emittenti di strumenti finanziari avvocati, commercialisti, società di revisione, analisti, giornalisti, a conoscenza di notizie riservate o comunque non di pubblico dominio, di rispettare le regole per una maggiore trasparenza del mercato. Dalla stessa data sono state aumentate le pene e le sanzioni amministrative. La nuova normativa vuole evitare, attraverso il rafforzamento della Consob, l utilizzo illegale di notizie privilegiate, e contrastare, attraverso maggiori poteri alla magistratura, tale utilizzo, la diffusione di notizie false, le alterazioni dei prezzi dei mercati regolamentati. Test noi consumatori 4

5 Le conseguenze e gli obblighi per i vari soggetti interessati dalla nuova normativa sono diversi: Gli Emittenti (società quotate) di strumenti finanziari devono gestire le informazioni privilegiate (cd. price sensitive) attraverso specifiche comunicazioni al pubblico, alla Consob, ai mercati. Inoltre debbono rendere pubbliche le operazioni relative a persone (otre 5.000,0 euro) o società collegate, fornendo su richiesta della Consob approfondimenti delle informazioni e i contenuti delle comunicazioni al mercato. Per informazioni privilegiate si intendono quelle relative ad un evento certo o che presumibilmente si avvererà che possono incidere sul prezzo, note all emittente dello strumento finanziario (ad esempio obbligazioni). I consulenti, i professionisti, i collaboratori devono essere iscritti in un registro in cui sono indicate le persone che hanno accesso a notizie privilegiate. In tale registro saranno registrati avvocati, commercialisti, consulenti d azienda, advisor, banche incaricate dell operazione di organizzazione e/o collocamento, società di revisione e di rating, ecc.. Gli intermediari finanziari, banche, sim, sgr e agenti di cambio, hanno l obbligo di tenere il registro sopra richiamato, di comunicare alla Consob, le operazioni sospette. Gli analisti devono fornire informazioni corrette e trasparenti nella predisposizione di studi, analisi, ricerche finanziarie. Sono obbligati a dividere fatti e opinioni, a dichiarare quanto possono essere attendibili le fonti e il materiale di supporto utilizzato. Devono indicare interessi ed eventuali conflitti di interesse propri o della società (o gruppo) per cui operano, comunicare eventuali modifiche effettuate su comunicazione dell emittente. I giornalisti saranno sottoposti alla normativa, con il rischio di sanzioni (da 5.000,00 a ,00 euro) nel caso di informazioni non corrette, ma anche non chiare. I APPROFONDIMENTI La relazione Consob 2006 La ricetta del Presidente Cardia per recuperare la fiducia dei risparmiatori dopo le delusioni patite con i recenti crack finanziari. l Presidente della Consob, Lamberto Cardia, nell incontro annuale con il mercato ha chiesto di rivedere organicamente la riforma del risparmio. I temi che secondo la Consob devono essere affrontati sono un riordino delle competenze tra le autorità di vigilanza e l uniformazione della normativa nazionale con quella europea di prossima attuazione. A livello nazionale sono stati auspicati il controllo operativo delle società di gestione del risparmio ed una forte presenza degli istituti finanziatori nelle operazioni di quotazione delle società. Ulteriori aspetti da rivedere sono il segreto nelle cariche societarie, che riduce la trasparenza in tema di partecipazioni e accordi, la regolazione delle competenze per i fondi pensione, per i prodotti assicurativi e le gestioni patrimoniali. A livello generale Cardia ha evidenziato il nanismo del sistema bancario italiano, l intreccio tra capitale di industria e bancario, la necessità di quotare un maggior numero di imprese. Tra i vari aspetti, il Presidente ha posto l accento sulla necessità di far uscire dalla quotazione le società calcistiche, prevedendo in ogni caso una forte tutela per gli azionisti di minoranza. Test noi consumatori 5

6 Un forte richiamo ha riguardato la proprietà bancocentrica delle SGR. In tal modo sono molto condizionate le scelte organizzative, produttive e commerciali, incentrate a logiche di gruppo che favoriscono la vendita di prodotti finanziari e assicurativi anche non propri e di provenienza estera, con riflessi negativi sulla crescita e sull innovazione finanziaria dei gestori. Il Presidente ha proposto di introdurre per evitare sovrapposizioni la vigilanza per finalità (argomento da anni proposto anche da Adiconsum), ristrutturando le competenze delle varie autorità esistenti (Banca d italia, Consob, ISVAP, COVIP), prevedendo per la Consob competenze in tema di trasparenza e di vigilanza sui comportamenti degli intermediari e alla Banca d Italia la competenza in tema di stabilità del mercato. Tale scelta darebbe il vantaggio di una riduzione de costi e di avere regole certe, chiare, immediatamente applicabili. La Consob è impegnata, entro il 1 gennaio 2007, ad adeguare al TUF la nuova legge di riforma ed a recepire le norme comunitarie in tema di prospetti, opa, servizi d investimento e transparency, fondamentali per avere un mercato finanziario europeo più aperto. Il Presidente ha terminato la sua relazione evidenziando in maniera forte la necessità di recuperare la fiducia dei risparmiatori dopo le delusioni patite con i recenti crack finanziari. FLASH Abitazione Agevolazioni La Corte di Cassazione con sentenza n del 17 maggio 2006 ha stabilito che le agevolazioni fiscali previste per l acquisto della prima casa spettano anche nel caso in cui sia stato sottoscritto il preliminare di acquisto e l abitazione precedente non sia stata ancora venduta ma sia stata riconsegnata. Comodato Nel caso di coniugi proprietari entrambi al 100% di un abitazione principale, una per sé e una per il figlio, è possibile per entrambi usufruire della deduzione fiscale per la prima casa. Detrazione interessi passivi su mutuo In caso di immobile acquistato al 50,00% con il coniuge, ma con mutuo intestato esclusivamente ad uno dei due proprietari, il mutuatario può detrarre interamente la prevista quota sugli interessi e gli altri oneri passivi. Vendita prima casa plusvalenza Nel caso di cessione a titolo oneroso di abitazioni che siano state utilizzate nel periodo di proprietà per un maggior tempo quale abitazione principale del proprietario o di suoi familiari, non deve essere corrisposta alcuna fiscalità per la plusvalenza derivante dalla differenza tra prezzo d acquisto e prezzo di vendita dell immobile. Atipici La regione Toscana ha creato un fondo regionale per i lavoratori in cassa integrazione e strumenti di garanzia per i giovani. Il fondo è dotato di 1,9 miliardi per cinque anni, una parte (un milione) dedicato ai lavoratori che hanno difficoltà di accesso al credito. Test noi consumatori 6

7 Cessione del quinto Decreti attuativi Il Consiglio di indirizzo e di vigilanza dell Inps ha chiesto (delibera 10/2006) di attivare tutte le iniziative necessarie per tutelare i pensionati e la stessa Inps a partire dall emanazione dei decreti delegati previsti per rendere possibile la concessione dell operazione di finanziamento cessione della pensione. Operatori Uno dei principali operatori del comparto della cessione del quinto, Ktesios, è stata venduta ad un fondo americano, Oakwood financial found, partecipato da Merrill Lynch. L acquisizione è pari all 80,00%; restano nel capitale Fineco Banca e Banca di Crotone. Clausole vessatorie La Corte di cassazione, sezione lavoro, con sentenza n. 6314/06 ha stabilito che l articolo 1341 del codice civile deve essere applicato anche nel caso in cui le clausole vessatorie sono utilizzate con un documento informativo o un file predisposto unilateralmente dal datore di lavoro e utilizzato in più rapporti di lavoro. Conti correnti Commissione di massimo scoperto La Corte di Cassazione ha criticato l applicazione della commissione di massimo scoperto applicata sui conti correnti con apertura di credito. Costi Secondo il Consorzio PattiChiari il 71% dei conti correnti (465) aderenti all iniziativa hanno abolito le spese di chiusura conto. Per quanto possa essere positiva l iniziativa è comunque insufficiente, in quanto la chiusura di un rapporto non prevede solo i costi di chiusura del conto corrente, ma anche quelli della chiusura del dossier titoli, della chiusura e nuova apertura di varie operazioni bancarie; inoltre i 465 sono solo una parte dei conti che la banche offrono alla clientela: ne esistono oltre 5.000, e molte banche non aderiscono all iniziativa PattiChiari Corporate bond Finpart Il 20 maggio 2005 il giudice delegato per il fallimento Finpart ha respinto l istanza collettiva di ammissione-insinuazione al passivo presentata dal rappresentante comune degli obbligazionisti. Dopo la decisione potranno essere presentate solo istanze individuali. La decisione dl giudice, purtroppo, conferma i dubbi che hanno portato l Adiconsum nel caso Finpart ma anche in altri a non presentare istanze cumulative. La decisione dell Adiconsum è anche motivata dalla volontà di non far spendere altri soldi ai risparmiatori per iniziative che hanno scarsa possibilità di successo nel recupero di quanto investito. In ogni caso sul sito dell Associazione è riportato il fac-simile dell istanza di insinuazione. Ulteriori notizie possono essere trovate sul sito del rappresentante degli obbligazionisti Credito al consumo Accesso al credito al consumo Basilea2 invece di ridurre il credito, come si è pensato fino al recente passato, rischia di aumentare il ricorso ad esso. Infatti, se da un lato sarà obbligatoria una maggiore attenzione nella concessione del credito, dal 1 gennaio 2008 l accantonamento di capitale a fronte di crediti concessi potrà essere d importo Test noi consumatori 7

8 inferiore all attuale, scendendo al 6,00 e all 8,00 per cento secondo le modalità di verifica del rischio. Cosa si compra Nel credito al consumo finalizzato circa il 50,00% dell erogato riguarda sempre l auto, ma le erogazioni riguardano sempre più i prodotti tecnologici. Per sviluppare il settore sono stati immessi sul mercato prodotti specifici co-branded e spinto l utilizzo delle carte di credito revolving. Importante però l aumento delle spese per la salute, la casa, l istruzione, la qualità della vita. Statistiche Il credito al consumo ha superato i 72 miliardi di euro, con una famiglia su dieci che vi fa ricorso e con una media di costo mensile pari al 39,30% del reddito disponibile, percentuale più contenuta rispetto ad altri Paesi (Germania 96,70%, Francia, 59,70%, Gran Bretagna 113,70%, Stati Uniti 114,80%). In aumento i prestiti personali non finalizzati, a partire dalle carte di credito revolving in aumento del 23,00% e la cessione del quinto dello stipendio in aumento del 38%. Tutele Nel credito al consumo si confrontano diritti e doveri delle parti contraenti, spesso poco conosciuti o inapplicati. L intermediario deve informare il consumatore sulle condizioni del finanziamento richiesto, mentre il consumatore ha il diritto, prima di procedere alla firma, di chiedere copia integrale del contratto senza nessun obbligo di accettazione successiva. Le condizioni da pubblicizzare sono l importo del finanziamento, i tassi di interesse nominale ed effettivo, la durata del finanziamento, il prezzo e la descrizione del bene. Le condizioni devono essere anche contenuti in avvisi appesi nei locali aperti al pubblico. Il contratto deve sempre essere firmato da tutte e due le parti, e una copia deve essere immediatamente consegnata al consumatore. Nel contratto deve essere indicato il nome dell intermediario, i dati identificativi del consumatore. Il contratto deve sempre essere scritto, pena la nullità dello stesso. Fisco Gestione accentrata di titoli dematerializzati Dal 1 gennaio 2004 la Montetitoli, società di gestione presso cui sono accentrati gli strumenti finanziari, non chiede alle banche e alle SIM commissioni (diritti di accentramento) per i titoli azionari di società in procedura fallimentare. Inoltre, il Regolamento art. 26.f prevede il contenimento dei costi a carico degli investitori. L imposta che deve in ogni caso essere corrisposta, è quella di bollo; però nel caso di strumenti finanziari dematerializzati di valore complessivo, nominale o di rimborso, inferiore a mille euro, l imposta è di 1,81 euro (circolare agenzia delle entrate 207/2000). Infine, nel caso di dossier voto e di non invio di estratto conto, non deve essere corrisposto neppure l imposta di bollo. Familiari a carico La legge finanziaria 2006 (2006/05) ha confermato che fanno parte del nucleo familiare il coniuge non legalmente ed effettivamente separato e i familiari che hanno un reddito non superiore a 2.840,51 euro. Tassazione rendite finanziarie È in via di definizione la razionalizzazione della fiscalità delle rendite finanziarie. L aumento della fiscalità per gli investimenti dal 12,50% ad una aliquota intorno al 20,00% e la riduzione di quella sui conti correnti e sui depositi, sui titoli di debito di durata inferiore a 18 mesi, dal 27,00% ugualmente al 20,00%, non ha incidenza particolare sulle famiglie. Test noi consumatori 8

9 La nuova aliquota armonizzerebbe le attuali differenze e resterebbe ancora al di sotto della media europea. Da definire se la nuova aliquota riguarderà solo le nuove emissioni o anche quelle in circolazione. Nel primo caso l aumento di gettito sarebbe di circa 4 miliardi l anno, nel secondo di 1 o 2 miliardi. La positività della modifica della tassazione è però soprattutto nella riduzione dell attuale forbice tra fiscalità a carico delle imprese di capitale (IRES e IRAP), fissata intorno al 33,00%, e del lavoro (IRPEF) fissata secondo redditi dal 23 al 43%. Per quanto riguarda i titoli di Stato, oltre il 50,00% dell attuale stock è all estero e solo il 10-15% è in mano alle famiglie. Circa le famiglie è utile ricordare che meno del 10,00% di queste possiede oltre il 40,00% di tutte le rendite finanziarie. Inoltre, per garantire i piccoli risparmiatori, potrebbe essere introdotta una franchigia per investimenti di piccolo importo. Tutto ciò dovrebbe evitare che le famiglie si disaffezionino all investimento in titoli. Attualmente la ritenuta sui titoli è stabile intorno a 3,8 miliardi di euro annui, mentre è difficile stabilire con certezza gli introiti derivanti dal rendimento dei mercati azionari. Attualmente le famiglie italiane, secondo la Banca d Italia, investono soprattutto in azioni e in altri strumenti di partecipazione (29%), in depositi (25%), in titoli a breve termine (20%), in riserve tecniche di assicurazione (16%), in quote di fondi comuni (9,8%) e in altre operazioni (0,20%). In termini assoluti, rispettivamente 987,7 milioni, 845,4 milioni, 695,1 milioni, 559,8 riserve, 341,4 quote di FCI e 5,1 per altri investimenti, per un totale di 3.434,5 milioni. Investimenti - Risparmio Mifid La diretteva n. 39/04, cd. Mifid, dal 31 gennaio 2007rivoluzionerà il quadro normativo in tema di mercati finanziari e di servizi di investimento. Tra le novità per i risparmiatori italiani, particolare importanza ha la cd. Execution only, ovvero la prestazione del servizio solo per la ricezione, trasmissione, esecuzione degli ordini, senza alcun servizio di consulenza. In questo caso la banca non avrà l obbligo di avere informazioni da parte del cliente, i suoi obiettivi di investimento, la propensione al rischio, l adeguatezza delle operazioni richieste. L execution only riguarda esclusivamente gli strumenti finanziari non complessi, le azioni quotate, gli strumenti del mercato monetario, le obbligazioni, le quote di fondi comuni. Il servizio deve essere comunque richiesto dall investitore che deve essere chiaramente informato della perdita delle garanzie sopra richiamate. Non modificata la normativa e i limiti relativi ai conflitti di interessi. Obbligazioni bancarie Dal 17 maggio 2006 anche per le obbligazioni bancarie è obbligatoria l emissione del prospetto informativo, approvato dalla Consob, eliminando una vantaggiosa esenzione di cui il sistema bancario ha goduto per anni. La Consob, già obbligata per il recepimento della direttiva europea sui prospetti che aveva eliminato l esenzione e del successivo regolamento Ue immediatamente applicabile, ha modificato il proprio regolamento, prevedendo, tra l altro, che il prospetto possa essere unico o ripartito in più documenti: documento di registrazione, nota informativa sugli strumenti finanziari, nota di sintesi. Il documento di registrazione deve contenere le informazioni sull emittente, la nota informativa i titoli offerti e la tipologia di operazione, il documento di sintesi deve riportare i rischi e le caratteristiche dell emittente e degli strumenti finanziari in vendita; previsto espressamente un linguaggio chiaro e non tecnico del documento d sintesi. Dalla data di applicazione della nuova normativa sono esentate dal prospetto solo le emissioni per cui sia già in corso il periodo di adesione. Infine, è stato previsto che nel caso di emissioni in tempi successivi della stessa obbligazione, sarà sufficiente un unico prospetto informativo che, però, dovrà essere accompagnato, ad ogni successiva immissione sul mercato, da avvisi integrativi con le informazioni non riportate nel prospetto originario (prezzo, rating, quantità di obbligazioni emesse, ecc.). Test noi consumatori 9

10 Proposte di legge Il Presidente della Commissione Finanze del Senato, Giorgio Benvenuto, ha presentato un disegno di legge che faciliti accordi tra Banche e risparmiatori coinvolti nei crack bancari. La proposta dovrebbe prevedere l esenzione dal pagamento del contributo unificato in caso di avvio di azione legale, la compensazione delle spese legali anche in caso di perdita della causa, un credito di imposta pari al 30,00% per le banche che parteciperanno a procedure conciliative. Consegna contanti dall investitore al promotore La Corte di Cassazione con sentenza 8229/06 ha stabilito che nel caso di consegna da parte dell investitore al promotore finanziario di contante, il risparmiatore non può essere tenuto responsabile per colpa esclusiva o concorrente in quanto le norme Consob (regolamento 11522/98) sono rivolte al promotore e non al risparmiatore. Inoltre nel caso specifico la banca è stata chiamata a rispondere dell illecito del promotore. La sentenza ha una particolare importanza in quanto contesta le decisioni opposte assunte da alcuni giudici. Mutui Tariffe Il consiglio nazionale del notariato pubblicherà sul proprio sito il costo degli atti notarili, quale ad esempio il rogito di acquisto della casa. Saranno riportate le notizie dettagliate, le diverse aliquote, le altre imposte e le spese. Parmalat Class action Prorogata al 12 settembre la tutela dei creditori Parmalat che stanno agendo secondo la legge fallimentare USA. Poste Buoni Postali - emissioni La Cassa Depositi e Prestiti ha emesso quattro nuove serie di Buoni fruttiferi postali, che saranno distribuiti attraverso gli uffici postali. Le serie dei nuovi BPF sono B20, I5, 18J, BD5. Dalla data di emissione dei nuovi BFP non saranno più vendute le serie b19, BD4,18I e I4. Le condizioni delle singole serie possono essere verificate sul sito oppure presso l Adiconsum. Carta di credito Poste Italiane e Mastercard hanno lanciato una nuova carta di credito attiva sui circuiti Postcard e Mastercard. La nuova carta Postepay Gift Mastercard non è una carta ricaricabile, ma è un usa e getta con una validità di due anni ed è emessa per 50,00 100,00 200,00 e 500,00 euro; la carta è utilizzabile in Italia, all estero e su Internet. Povertà Sovraindebitamento Secondo l Istat il 14,40% delle famiglie italiane ha difficoltà a pagare le rate dei prestiti accessi. Il fenomeno avviene almeno una volta l anno e soprattutto nel mezzogiorno. Il dato della difficoltà aumenta nel mezzogiorno e nelle isole dove il numero di famiglie che fanno fatica a pagare le rate raggiunge il 25,00%. Test noi consumatori 10

11 Ulteriore elemento negativo sono le difficoltà di pagamento delle utenze (elettricità e gas) che ormai riguarda oltre il 9,00% delle famiglie italiane, con punte del 15,30% nel mezzogiorno. Ulteriori dati evidenziati dall Istat riguardano l abbigliamento, con il 17,60% delle famiglie che ha difficoltà ad acquistare i vestiti necessari; l alimentazione, con il 5,30% che non riesce a comprare cibo almeno una volta l anno (4,1% al nord e 7,7% al sud); i trasporti, con difficoltà che riguardano il 13,00% delle famiglie; il riscaldamento, insufficiente per il 10,00% delle famiglie; le vacanze con oltre il 40,00% di famiglie (50,00% di pensionati) che se ne concedono meno di una settimana l anno. Prodotti Banca Etica Le carte Bancomat collegate ai conti correnti della Banca Etica avranno, come funzione aggiuntiva di BancaLight, un messaggio contro la clonazione. Ad ogni utilizzo della carta Bancomat per importi superiori a quanto previsto tra cliente e banca, il possessore della carta, al costo di 12 centesimi di euro, riceve automaticamente un sms di allerta al proprio telefono cellulare, così da verificare immediatamente prelevamenti e pagamenti ed eventualmente effettuare il blocco della carta. Il blocco è possibile anche all estero. Banca Popolare Italiana Il gruppo BPI ha creato una linea di prestito per cui non sarà obbligatorio avere il conto corrente presso la banca che lo ha erogato. Il prestito può variare da 1.500,00 a ,00 euro, durare da 12 a 66 mesi, ed ha un tasso del 7,45% fino al 31 luglio Per la richiesta del prestito è sufficiente la carta d identità, il codice fiscale, l ultima busta paga o la dichiarazione dei redditi. In caso di accettazione il prestito è erogato in 48 ore. Volontariamente è prevista una polizza assicurativa (caso morte, invalidità permanente, disoccupazione) con un costo pari al 2,90% dell importo erogato. Riciclaggio Prorogata al 1 gennaio 2007 l entrata in vigore delle nuove norme antiriciclaggio relative a holding e società finanziarie. Il rinvio era stato chiesto dalle associazioni di categoria e si è reso necessario per ricercare semplificazioni nell attuazione delle norme. Le nuove norme prevedono la registrazione delle garanzie rilasciate e dei bonifici Italia. Test noi consumatori 11

12 Tassi di usura Giugno-settembre 2006 Direttore: Paolo Landi Direttore responsabile: Francesco Guzzardi Comitato di redazione: Angelo Motta, Fabio Picciolini Amministrazione: Adiconsum, via Lancisi 25, Roma Reg. Trib. Roma n. 350 del Iscriz. ROC n Sped. abb. post. D.L. 353/2003 (conv. in L. 46/2004) art. 1, comma 2, DCB Roma ADESIONI E ABBONAMENTI Adesione individuale: euro 31,00 (15,00 per gli iscritti Cisl) Abbonamento al settimanale Adiconsum News + mensili Adifinanza, a cura del settore credito e risparmio, Consumi & diritti, a cura del Centro giuridico Adiconsum e Attorno al piatto, a cura del settore sicurezza degli alimenti e nutrizione: euro 25,00 (15,00 per gli iscritti Cisl) Abbonamento al bimestrale La guida del consumatore : euro 25,00 (12,00 per gli iscritti Cisl) Adesione + Abbonamento a La guida del consumatore : euro 43,00 (27,00 per gli iscritti Cisl) I versamenti possono essere effettuati su c.c.p intestato ad Adiconsum Test noi consumatori 12

- Rinegoziazione: pro e contro dell accordo Governo Abi. Istruzioni per l uso a cura di Adiconsum

- Rinegoziazione: pro e contro dell accordo Governo Abi. Istruzioni per l uso a cura di Adiconsum Coordinato da Valeria Lai Agenzia Adiconsum - anno XX - n. 29-30 maggio 2008 Stampato in proprio in maggio 2008 In questo numero: Speciale mutui: Rinegoziazione, pro e contro dell accordo Governo Abi Istruzioni

Dettagli

Adiconsum coordina il CEC-Centro europeo consumatori. - Internet: basta a contratti vessatori per i. per i consumatori

Adiconsum coordina il CEC-Centro europeo consumatori. - Internet: basta a contratti vessatori per i. per i consumatori Coordinato da Valeria Lai Agenzia Adiconsum anno XVIII - n. 16 24 marzo 2006 Stampato in proprio in marzo 2006 In questo numero: Adiconsum coordina il CEC-Centro europeo consumatori Internet: basta a contratti

Dettagli

Siglato il protocollo tra Consumatori e Ordine degli Psicologi La Carta dei diritti del consumatoreutente delle prestazioni psicologiche

Siglato il protocollo tra Consumatori e Ordine degli Psicologi La Carta dei diritti del consumatoreutente delle prestazioni psicologiche Coordinato da Valeria Lai Agenzia Adiconsum - anno XIX - n. 20-6 aprile 2007 Stampato in proprio in aprile 2007 In questo numero: Siglato il protocollo tra Consumatori e Ordine degli Psicologi La Carta

Dettagli

- Acqua: bollette pazze ai Castelli Romani. - Ddl risparmio: audizione in Senato per i consumatori

- Acqua: bollette pazze ai Castelli Romani. - Ddl risparmio: audizione in Senato per i consumatori Coordinato da Valeria Lai agenzia adiconsum anno XVII - n. 24 8 aprile 2005 Stampato in proprio in aprile 2005 In questo numero: Acqua: bollette pazze ai Castelli Romani Ddl risparmio: audizione in Senato

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO CONFORME ALLA CIRCOLARE n. 5/12 DELL'OAM PER MEDIATORI CREDITIZI

PERCORSO FORMATIVO CONFORME ALLA CIRCOLARE n. 5/12 DELL'OAM PER MEDIATORI CREDITIZI PERCORSO FORMATIVO CONFORME ALLA CIRCOLARE n. 5/12 DELL'OAM PER MEDIATORI CREDITIZI IL SISTEMA FINANZIARIO E L'INTERMEDIAZIONE DEL CREDITO I soggetti operanti nell intermediazione creditizia: gli intermediari

Dettagli

- Istruttoria della Commissione Europea su carte di credito. - Costi bancari: primi risultati dell istruttoria Antitrust

- Istruttoria della Commissione Europea su carte di credito. - Costi bancari: primi risultati dell istruttoria Antitrust Coordinato da Fabio Picciolini Agenzia Adiconsum anno XVIII - n. 36 1 giugno 2006 Stampato in proprio in giugno 2006 In questo numero: Istruttoria della Commissione Europea su carte di credito Costi bancari:

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTI A MEDIO LUNGO TERMINE GARANTITI DA PEGNO SU VALORI MOBILIARI

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTI A MEDIO LUNGO TERMINE GARANTITI DA PEGNO SU VALORI MOBILIARI FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTI A MEDIO LUNGO TERMINE GARANTITI DA PEGNO SU VALORI MOBILIARI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Esperia S.p.A., Sede Legale: Via Filodrammatici, 5-20121 Milano - Capitale Sociale

Dettagli

- BPI: ancora una volta gravi omissioni di Bankitalia. Credito al consumo: risorsa o rischio?

- BPI: ancora una volta gravi omissioni di Bankitalia. Credito al consumo: risorsa o rischio? Coordinato da Valeria Lai agenzia adiconsum anno XVII - n. 93 16 dicembre 2005 Stampato in proprio in dicembre 2005 In questo numero: BPI: ancora una volta gravi omissioni di Bankitalia Credito al consumo:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO E AMMINISTRAZIONE TITOLI

FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO E AMMINISTRAZIONE TITOLI Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi Bancari e finanziari FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO E AMMINISTRAZIONE TITOLI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA FINANZIARIA INTERNAZIONALE S.P.A. in breve

Dettagli

Le regole per ottenere gli sconti fiscali

Le regole per ottenere gli sconti fiscali Periodico informativo n. 40/2011 Le regole per ottenere gli sconti fiscali Gentile cliente, è nostra cura metterla al corrente, con il presente documento informativo, che con Provvedimento dell Agenzia

Dettagli

Finanziamenti: a) Tasso formato dalle seguenti componenti (TB + SP + SD + S):

Finanziamenti: a) Tasso formato dalle seguenti componenti (TB + SP + SD + S): 1 FINANZIARIA SENESE DI SVILUPPO S.P.A. Piazza Matteotti, 30 - SIENA - COD. ABI 194266 Telefono 0577/48102 - Fax 0577/43068 Indirizzo E-Mail: info@fises.it - Sito Internet: www.fises.it OGGETTO: D. Lgs.

Dettagli

Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle entrate

Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle entrate S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PRODOTTI E SERVIZI FINANZIARI: RECENTI NOVITA IN MATERIA DI IMPOSTE INDIRETTE Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle

Dettagli

Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza

Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza 1 Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza In un momento in cui l economia inizia a riprendersi e il Paese a crescere, sono importanti le parole dell Autorità Garante della

Dettagli

OBBLIGAZIONE 209 CODICE ISIN IT0003819247 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2005-2015 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim.

OBBLIGAZIONE 209 CODICE ISIN IT0003819247 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2005-2015 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim. OGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 209 CODICE ISIN IT0003819247

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

Coordinato da Valeria Lai. Agenzia Adiconsum - anno XX - n. 53-31 ottobre 2008. Stampato in proprio in ottobre 2008.

Coordinato da Valeria Lai. Agenzia Adiconsum - anno XX - n. 53-31 ottobre 2008. Stampato in proprio in ottobre 2008. Coordinato da Valeria Lai Agenzia Adiconsum - anno XX - n. 53-31 ottobre 2008 Stampato in proprio in ottobre 2008 In questo numero: L Antitrust sanziona gli operatori telefonici per le suonerie gratis

Dettagli

Aderente al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo. Aderente all Ombudsman bancario. Rating. Not rated

Aderente al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo. Aderente all Ombudsman bancario. Rating. Not rated GLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 210 CODICE ISIN IT0003820336

Dettagli

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU)

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) L articolo 7, apportando modifiche all articolo 19 del D.L. n.

Dettagli

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CONTRATTO DI CREDITO RIMBORSABILE MEDIANTE RILASCIO DI DELEGAZIONE DI PAGAMENTO PRO-SOLVENDO DI QUOTE DELLO STIPENDIO, SALARIO, COMPENSO IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 127 CODICE ISIN IT0003373534

Dettagli

LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO regolazione LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Luigi Rizzi * Le Società di Investimento a Capitale Fisso (SICAF) rappresentano una delle principali novità della direttiva AIFM.

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al DEPOSITO A RISPARMIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo al DEPOSITO A RISPARMIO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO PER LE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE C.D. PLAIN VANILLA

PROSPETTO INFORMATIVO PER LE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE C.D. PLAIN VANILLA Banca di Credito Cooperativo di Pitigliano Società Cooperativa Sede sociale 58017 Pitigliano (GR) S.S. 74 Maremmana Est nr. 55256 Iscritta all Albo delle banche al n. 4360.40 Iscritta all Albo delle società

Dettagli

DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI

DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI FOGLIO INFORMATIVO relativo al DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DEL CENTROVENETO Credito Cooperativo S.C. - Longare Via Ponte di Costozza, 12 36023 Longare (VI) Tel.:

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772

CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772 EMISSIONE OBBLIGAZIONARIA CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772 INDICE Documento di Sintesi. Pag. 2 Regolamento del prestito obbligazionario..

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento sulle anticipazioni pagina 1 di 3 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE La presente Nota informativa, redatta da PENSPLAN INVEST SGR S.p.A. in conformità allo schema predisposto dalla Covip, non è soggetta

Dettagli

Studio Tributario e Societario

Studio Tributario e Societario Studio Tributario e Societario Studio Tributario e Societario Convegno Novità Tributarie 2011/2012 Genova, 19 Gennaio 2012 La tassazione delle persone fisiche come stumento di redistribuzione della ricchezza:

Dettagli

Micred Group. Busto Arsizio 21052 (VA) - P.za Trento Trieste 1 - Tel 0331.1393017 - Fax 0331.621473. P.Iva 03306590120 - info@micredgroup.

Micred Group. Busto Arsizio 21052 (VA) - P.za Trento Trieste 1 - Tel 0331.1393017 - Fax 0331.621473. P.Iva 03306590120 - info@micredgroup. Micred Group Busto Arsizio 21052 (VA) - P.za Trento Trieste 1 - Tel 0331.1393017 - Fax 0331.621473 P.Iva 03306590120 - info@micredgroup.it PRESTITI PERSONALI I prestiti personali sono delle forme di finanziamento

Dettagli

I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L

I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L INDICE Premessa PARTE I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L assicurazione vita e l assicurazione danni - 1.1. Le Polizze Vita: impignorabilità, insequestrabilità e trattamento successorio - 1.1.1 I contrasti

Dettagli

OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2003-2011 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim.

OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2003-2011 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim. FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO 3 INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE TASSI

FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO 3 INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE TASSI FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO 3 INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA RURALE DI PERGINE Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Gavazzi 5-38057 PERGINE VALSUGANA (tn) Tel.: 0461/500111- Fax:

Dettagli

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Finanziatore Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi e/o registri Iscritta all Albo delle

Dettagli

Iscritta all albo delle banche Art.13 D.Lgs. 385/93 al n.3556.8 Albo delle cooperative a mutualità prevalente

Iscritta all albo delle banche Art.13 D.Lgs. 385/93 al n.3556.8 Albo delle cooperative a mutualità prevalente FOGLIO INFORMATIVO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 235 CODICE ISIN IT0003935365

Dettagli

Roma, 24 ottobre 2011

Roma, 24 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Registro e altri tributi indiretti Direzione Centrale Normativa Roma, 24 ottobre 2011 OGGETTO:Imposta di bollo sulle comunicazioni

Dettagli

Proposta prodotti e servizi per dipendenti Gruppo Sofidel

Proposta prodotti e servizi per dipendenti Gruppo Sofidel Proposta prodotti e servizi per dipendenti Gruppo Sofidel Prato, 11 febbraio 2011 Siamo lieti di presentarvi la particolare offerta di prodotti e servizi bancari che la Banca Popolare di Vicenza intende

Dettagli

RINEGOZIAZIONE MUTUI A TASSO VARIABILE EX ART. 3 D.L. N. 93/2008 INFORMAZIONI SULLA BANCA

RINEGOZIAZIONE MUTUI A TASSO VARIABILE EX ART. 3 D.L. N. 93/2008 INFORMAZIONI SULLA BANCA RINEGOZIAZIONE MUTUI A TASSO VARIABILE EX ART. 3 D.L. N. 93/2008 SEZ. I) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA POPOLARE DELL EMILIA ROMAGNA (codice ABI 5387.6) Società cooperativa con sede legale e amministrativa

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 7b - Deposito titoli a custodia e/o amministrazione

FOGLIO INFORMATIVO. 7b - Deposito titoli a custodia e/o amministrazione Pagina 1/6 FOGLIO INFORMATIVO 7b - Deposito titoli a custodia e/o amministrazione INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI)

Dettagli

Regolamento operativo

Regolamento operativo Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio 1996, n. 415) Regolamento operativo Settembre 2010 Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio

Dettagli

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici.

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici. Relazione tecnica Schema di decreto-legge per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell'edilizia, per la definizione

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 43/2012

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 43/2012 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 43/2012 SCHEMA DI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DEI CONTENUTI MINIMI DEL CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA DI CUI ALL ART. 28, COMMA 1, DEL DECRETO LEGGE 24 GENNAIO

Dettagli

LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI

LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI Come cambiano le norme e quali sono gli impatti sull operatività legata al rapporto con il cliente BROCHURE INFORMATIVA PER GLI ESERCIZI COMMERCIALI CONVENZIONATI, AGENTI

Dettagli

DEPOSITO A RISPARMIO. Al deposito a risparmio è collegato un libretto di risparmio, che può essere nominativo o al portatore.

DEPOSITO A RISPARMIO. Al deposito a risparmio è collegato un libretto di risparmio, che può essere nominativo o al portatore. DEPOSITO A RISPARMIO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO GIUSEPPE TONIOLO Via Sebastiano Silvestri n.113 - cap 00045 - Genzano di Roma (RM) Capitale e riserve al 31/12/2013-34.368.294

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al mutuo garantito da ipoteca per l acquisto dell abitazione principale TASSO BCE

FOGLIO INFORMATIVO relativo al mutuo garantito da ipoteca per l acquisto dell abitazione principale TASSO BCE FOGLIO INFORMATIVO relativo al mutuo garantito da ipoteca per l acquisto dell abitazione principale TASSO BCE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA EMILVENETA S.P.A. Viale Reiter, 34 41121 - Modena Tel.: 059/235785

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: DEPOSITO A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE TITOLI

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: DEPOSITO A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE TITOLI NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO, SALARIO, COMPENSO

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO, SALARIO, COMPENSO Aggiornato al 01/04/2015 IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO, SALARIO, COMPENSO Finanziatore Credito Emiliano SpA Iscrizione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO COMUNE DI CASTEL D ARIO Provincia di Mantova REGOLAMENTO ATTUATIVO DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50.

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50. Allegato A RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 A decorrere dal 1 gennaio 2007 il lavoratore dipendente è tenuto ad operare una scelta circa la destinazione del proprio tfr maturando: se destinarlo a una previdenza

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4vf Prestito d uso di oro a scadenza

FOGLIO INFORMATIVO. 4vf Prestito d uso di oro a scadenza Pagina 1/5 FOGLIO INFORMATIVO 4vf Prestito d uso di oro a scadenza INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.: 0588 91111-

Dettagli

COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI

COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI Soggetta all'attività di direzione e coordinamento della Sella Holding Banca SpA (timbro dell intermediario) COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI

Dettagli

INFORMATIVA VIA E-MAIL GENNAIO 2014

INFORMATIVA VIA E-MAIL GENNAIO 2014 INFORMATIVA VIA E-MAIL GENNAIO 2014 Illustrissimi soci, confidiamo farvi cosa gradita nel comunicarvi le principali novità giuridiche e fiscali di inizio anno, per la cui elaborazione dobbiamo ringraziare

Dettagli

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE Foglio Informativo n. 5000/37 Data ultimo aggiornamento: 01 Luglio 2010 Dati e qualifica del soggetto che entra in rapporto con il cliente (in caso di offerta fuori sede) Istituto Bancario del Lavoro S.p.A.

Dettagli

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli. Centro Studi Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Circolare informativa n 5/2007 Napoli, lì 9 marzo

Dettagli

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO Copia originale per UNICREDIT INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI DELEGAZIONE DI PAGAMENTO 1. identità e contatti del finanziatore/intermediario DEL CREDITO Finanziatore UniCredit S.p.A.

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Riforma della tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria (D.L. n. 138/2011 convertito in L. n. 148/2011

Dettagli

Legge 29 maggio 1982, n. 297

Legge 29 maggio 1982, n. 297 Legge 29 maggio 1982, n. 297 Disciplina del trattamento di fine rapporto e norme in materia pensionistica («Gazzetta Ufficiale» 31 maggio 1982, n. 147) Art. 1 Modifiche di disposizioni del codice civile

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

UDA. Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo. Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili

UDA. Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo. Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili La percezione dei rischi e i bisogni assicurativi i principi generali che regolano l assicurazione

Dettagli

SOLVENCY II: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 2015/35

SOLVENCY II: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 2015/35 1 SOLVENCY II: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 2015/35 2 BRRD: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO (UE) N. 2015/63

Dettagli

Casi & Questioni La risposta ai quesiti più frequenti

Casi & Questioni La risposta ai quesiti più frequenti Casi & Questioni La risposta ai quesiti più frequenti N. 147 17.10.2014 F24: le nuove regole di invio dal 01.10.2014 Casi dubbi e possibili soluzioni Categoria: Versamenti Sottocategoria: Modello F24 F24

Dettagli

LINEE GUIDA IL CREDITO AL CONSUMO

LINEE GUIDA IL CREDITO AL CONSUMO Gennaio 2015 Cos è il credito al consumo? É un prestito finanziario destinato all acquisto di un bene, durevole o non durevole, concesso al cliente consumatore da una banca o da una società finanziaria

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015)

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) Il presente documento integra il contenuto della Nota informativa per l adesione al fondo pensione aperto a contribuzione definita PENSPLAN

Dettagli

L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante

L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante Il D.L. 13 agosto 2011 n.138, noto come Manovra di Ferragosto al fine di ridurre il rischio connesso all utilizzo del contante a scopo di riciclaggio

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al DEPOSITO A RISPARMIO LIBERO

FOGLIO INFORMATIVO relativo al DEPOSITO A RISPARMIO LIBERO FOGLIO INFORMATIVO relativo al DEPOSITO A RISPARMIO LIBERO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LEVERANO PIAZZA ROMA 1-73045 - LEVERANO (LE) Tel. : 0832925046 - Fax: 0832910266 Email:

Dettagli

REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI

REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI 1 giugno 2007 Il 7 febbraio 2007 la Consob ha diffuso un documento

Dettagli

Nome e Cognome Indirizzo Telefono E-mail Qualifica

Nome e Cognome Indirizzo Telefono E-mail Qualifica FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITI A RISPARMIO LIBERI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Cassano delle Murge e Tolve S.C. Via Bitetto n. 2, - 70020 Cassano delle Murge (Ba) Tel. 0803467511

Dettagli

MODULO RICHIESTA ANTICIPAZIONE

MODULO RICHIESTA ANTICIPAZIONE MODULO RICHIESTA ANTICIPAZIONE INVIARE A:Piazza Cola Di Rienzo 80A 00192Roma 1. DATI DELL ADERENTE Comune di nascita: Prov: ( ) Tel.: Indirizzo di residenza: CAP: e-mail: 2. RICHIESTA ANTICIPAZIONE Il

Dettagli

Precisazioni su imposta di bollo di c/c e dossier titoli Premessa

Precisazioni su imposta di bollo di c/c e dossier titoli Premessa CIRCOLARE A.F. N. 82 del 1 Giugno 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Precisazioni su imposta di bollo di c/c e dossier titoli Premessa Come noto, l art. 19 commi 1 e 5 del decreto salva Italia e l art.

Dettagli

Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente il foglio informativo.

Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente il foglio informativo. INFORMAZIONI SULLA BANCA CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa - Iscritta all albo delle Società Cooperative n. A166229 Sede legale: via D. Alighieri, 2-31022 Preganziol (TV) Tel: 0422/6316

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 69/001

FOGLIO INFORMATIVO N. 69/001 INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE

FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE INFORMAZIONI SULLA BANCA CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa - Iscritta all albo delle Società Cooperative n. A166229 Sede legale: via D. Alighieri, 2-31022 Preganziol (TV) Tel: 0422/6316

Dettagli

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo.

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. INDICE SOMMARIO Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. V XVII Introduzione LA DISCIPLINA DEL MERCATO FINANZIARIO TRA RIFORME E CONTRORIFORME

Dettagli

Circolare N.82 del 1 Giugno 2012. Precisazioni su imposta di bollo di c/c e dossier titoli

Circolare N.82 del 1 Giugno 2012. Precisazioni su imposta di bollo di c/c e dossier titoli Circolare N.82 del 1 Giugno 2012 Precisazioni su imposta di bollo di c/c e dossier titoli Precisazioni su imposta di bollo di c/c e dossier titoli Gentile cliente con la presente desideriamo informarla

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

AVVISO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI

AVVISO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI AVVISO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI 1. Definizioni Prima casa ammessa a contributo. Si intende l abitazione che usufruisce delle agevolazioni

Dettagli

Informazioni europee di Base sul Credito ai Consumatori per la Carta di Credito BancoPosta Più. Compass Banca S.p.A.

Informazioni europee di Base sul Credito ai Consumatori per la Carta di Credito BancoPosta Più. Compass Banca S.p.A. Informazioni europee di Base sul Credito ai Consumatori per la Carta di Credito BancoPosta Più. 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Sito web Intermediario

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 59/005. relativo al MUTUO CHIROGRAFARIO AGEVOLATO RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA ABITATIVA INFORMAZIONI SULLA BANCA

FOGLIO INFORMATIVO N. 59/005. relativo al MUTUO CHIROGRAFARIO AGEVOLATO RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA ABITATIVA INFORMAZIONI SULLA BANCA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

DEPOSITO A RISPARMIO

DEPOSITO A RISPARMIO 1 FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO A RISPARMIO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SPINAZZOLA SOCIETA COOPERATIVA Sede legale: Corso Umberto I 65-76014 SPINAZZOLA (BT) Tel. 0883/683620

Dettagli

L offerta di Intesa Sanpaolo per le esigenze personali di iscritti e dipendenti della. Messaggio Pubblicitario

L offerta di Intesa Sanpaolo per le esigenze personali di iscritti e dipendenti della. Messaggio Pubblicitario L offerta di Intesa Sanpaolo per le esigenze personali di iscritti e dipendenti della Messaggio Pubblicitario Condizioni valide e aggiornate a novembre 2014 L offerta di Intesa Sanpaolo riservata a iscritti/dipendenti

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA BTP DAY

ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA BTP DAY ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA BTP DAY 28 NOVEMBRE e 12 DICEMBRE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDE GENERALI Che cos è il Btp day? Il BTP-day è una iniziativa che ha l obiettivo di agevolare temporaneamente i

Dettagli

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma - Tel +390647021 http://www.bnl.it - Iscritta

Dettagli

Le modifiche del paniere Istat non incidono sul calcolo dell inflazione Diminuzione del carico fiscale solo a parole

Le modifiche del paniere Istat non incidono sul calcolo dell inflazione Diminuzione del carico fiscale solo a parole Coordinato da Valeria Lai agenzia adiconsum anno XVII - n. 8 4 febbraio 2005 Stampato in proprio in febbraio 2005 In questo numero: Le modifiche del paniere Istat non incidono sul calcolo dell inflazione

Dettagli

LEGGI AGEVOLATIVE - SOGGETTO AGENTE FONDO ROTATIVO PER IL SOSTEGNO ALLE IMPRESE E GLI INVESTIMENTI IN RICERCA AI SENSI DELLA LEGGE N.

LEGGI AGEVOLATIVE - SOGGETTO AGENTE FONDO ROTATIVO PER IL SOSTEGNO ALLE IMPRESE E GLI INVESTIMENTI IN RICERCA AI SENSI DELLA LEGGE N. Pag. 1/ 5 Foglio Informativo LEGGI AGEVOLATIVE - SOGGETTO AGENTE FONDO ROTATIVO PER IL SOSTEGNO ALLE IMPRESE E GLI INVESTIMENTI IN RICERCA AI SENSI DELLA LEGGE N. 311/2004 INFORMAZIONI SULLA BANCA MPS

Dettagli

Spett.le ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e Interesse Collettivo 00184 ROMA regolamentopolizzemutui@isvap.

Spett.le ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e Interesse Collettivo 00184 ROMA regolamentopolizzemutui@isvap. Spett.le ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e Interesse Collettivo 00184 ROMA regolamentopolizzemutui@isvap.it Milano, 16 aprile 2012 OGGETTO: Osservazioni Altroconsumo su: Documento

Dettagli

L offerta di Banca CR Firenze riservata ai dipendenti del COMUNE DI FIRENZE. Un nuovo accordo più vantaggi per Voi PRESTITO DIPENDENTI PUBBLICI

L offerta di Banca CR Firenze riservata ai dipendenti del COMUNE DI FIRENZE. Un nuovo accordo più vantaggi per Voi PRESTITO DIPENDENTI PUBBLICI Un nuovo accordo più vantaggi per Voi L offerta di Banca CR Firenze riservata ai dipendenti del COMUNE DI FIRENZE PRESTITO DIPENDENTI PUBBLICI Firenze, gennaio 2012 Prestito Dipendenti Pubblici. Vieni

Dettagli

Deposito a Risparmio Dedicato ai Minori Nominativo vincolato alla maggiore età. Da 14 a 18 anni. Da 12 a 14 anni. Vincolo: Riservato ai minori

Deposito a Risparmio Dedicato ai Minori Nominativo vincolato alla maggiore età. Da 14 a 18 anni. Da 12 a 14 anni. Vincolo: Riservato ai minori Foglio Informativo n 78 Versione 1/16 Baby Young Teenager Deposito a Risparmio Dedicato ai Minori Nominativo vincolato alla maggiore età Da 0 a 12 anni Da 12 a 14 anni Da 14 a 18 anni Vincolo: Riservato

Dettagli

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente.

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente. DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2014 Analisi delle misure di carattere fiscale, finanziario e previdenziale. Da nota tecnica del 22 Ottobre 2013 Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco,

Dettagli

Dal miglioramento del servizio assicurativo opportunità di risparmio per gli assicurati e per le imprese

Dal miglioramento del servizio assicurativo opportunità di risparmio per gli assicurati e per le imprese Coordinato da Valeria Lai agenzia adiconsum anno XVI - n. 32 7 maggio 2004 Stampato in proprio in maggio 2004 In questo numero: Speciale Convegno RCA Dal miglioramento del servizio assicurativo opportunità

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CAUSI, MISIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CAUSI, MISIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CAUSI, MISIANI Modifica all articolo 11-quaterdecies del decreto-legge 30 settembre 2005,

Dettagli

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI

Dettagli

REGOLAMENTO PER I PRESTITI SOCIALI

REGOLAMENTO PER I PRESTITI SOCIALI COOPERATIVA EDIFICATRICE LAVORATORI TONOLLI SOCIETA' COOPERATIVA Sede in Via G. Rotondi, 41/A - 20037 PADERNO DUGNANO (MI) Cod. Fisc. 83002100150 - Partita IVA 00985970961 Lega 1104 REA 877488 Reg. Impr.

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 14 del 25 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Ddl stabilità per il 2014: le prime anticipazioni della stampa Premessa Recentemente il Consiglio dei Ministri ha

Dettagli