L Europa di cui abbiamo bisogno Il potere senza responsabilità DI BARBARA SPINELLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Europa di cui abbiamo bisogno Il potere senza responsabilità DI BARBARA SPINELLI"

Transcript

1 L Europa di cui abbiamo bisogno Il potere senza responsabilità DI BARBARA SPINELLI 1 Quel che vorrei proporvi, per cominciare, è un gioco che a molti esperti pare astruso, o perché superfluo o perché poco serio e fuorviante. È il gioco della storia che si fa con i se: che ha dunque come oggetto non solo il mondo com è stato fatto come ci sta davanti ma come avrebbe potuto essere, se invece di imboccare una strada ne avesse presa un altra. Declinato al presente è più di un gioco: è un esercizio intellettuale che mette il pensiero in movimento, un metodo per guardare all oggi come a una storia che possiamo scrivere in un modo o nell altro, non dipendendo il suo svolgimento da forze impersonali ma dalla persona che ciascuno di noi è. Così per l «Europa di cui abbiamo bisogno», che è il tema affidatomi. L Europa può andare in una direzione oppure un altra, affatto diversa. È tutta piena di questa congiunzione ipotetica il se e nuove e impreviste possono essere le risposte alle domande che ci facciamo: di quale Europa stiamo parlando? Come definire la sua necessità, il suo dover essere? Qual è il patrimonio che si vuol difendere? E soprattutto, da qualche anno: come trasformare la rabbia che sta suscitando prima in bisogno («qualcosa mi manca»-«per ottenere quel che voglio occorre passare di lì»), poi in progetto? Sia detto per inciso: l Europa non sarebbe stata pensata in un certo momento nel mezzo d una guerra, mentre la Germania piegava il continente se qualcuno non avesse cominciato a immaginare un «se» ritenuto improponibile e

2 2 fuorviante dai più. Il metodo, oggi, consiste nel chiedersi come sarebbe il mondo che viviamo, se la crisi che ha lambito l Europa, cinque anni fa, fosse stata affrontata in modo differente. In genere, gli storici guardano con un certo disprezzo a questi esercizi mentali: la storia, dicono, non essendoci contemporanea non si fa con i se. Non esiste la storia virtuale. Non ne sono così sicura, e d altronde l idea di una storia virtuale, cioè caotica, costellata di bivi insospettati, inizia a farsi strada. Niall Ferguson ha scritto assieme ad alcuni autori un libro che ha proprio questo titolo: «Storia Virtuale». Studiare i se della storia è utile, per capire qualcosa di fondamentale. È esistito sempre (esiste sempre), un attimo, un punto di svolta e d incertezza, in cui l alternativa era possibile, in cui gli eventi avrebbero potuto prendere un altra piega: perché la storia è fatta di pieghe, e le pieghe ci interessano quasi più della cronologia, che ci presenta un tessuto già stirato a puntino dai posteri o dai vincitori. Per coloro che vissero quei momenti di ieri la storia era il presente, e capire come lo traversarono, quali altre vie erano aperte a ogni loro passo, è di grande aiuto per noi che stiamo vivendo la storia che sarà scritta domani. Nella Germania prehitleriana si poteva fare una politica antirecessiva, al posto dell austerità applicata dal governo Brüning, e forse Hitler non avrebbe ottenuto nel 33 consensi così spettacolari (il 43,9 per cento. Nel 1928 aveva racimolato appena il 2,6. Nel 1930, quando Brüning divenne cancelliere, aveva raggiunto il 18,3). Oppure: gli americani avrebbero potuto rifiutare accordi con la Mafia siciliana, quando liberarono il nostro paese dal fascismo, e la storia italiana del dopoguerra sarebbe stata diversa: forse non staremmo ancora a parlare

3 3 di patti fra Stato e mafia. E via ipotizzando e usando i se, i forse, i congiuntivi, i condizionali. L Europa com è andata sviluppandosi dal 2008 in poi si presta assai bene a quest esercizio mentale. I modi in cui la crisi viene ormai da anni gestita dai governi in primis, e dalle autorità di Bruxelles che tendono a esprimere le volontà non dell intera area che rappresentano ma dei paesi più forti sono molto singolari: è come se non stessimo facendo la storia, ma vivessimo conficcati dentro una storia predeterminata, già stesi supini nel passato. È questo che rende così insopportabile il mantra che sentiamo ripetere: «Non c è alternativa». È una locuzione adeguata agli eventi quando sono trascorsi, e scritti in un certo modo. Quando si condensano in una narrazione teleologica, finalistica, e tutti i «se» vengono scartati come futili o idealisti. È una delle operazioni mentali più fraudolente che si possano immaginare, quest oggi sequestrato e traslocato nel mondo di ieri: usata per il tempo presente, la formula è quantomeno incongrua. Nulla si può cambiare, neanche lontanamente sono ipotizzabili alternative. E non a caso è così in voga questa parola: Narrazione. La Narrazione è predefinita, l autore può magari tenerci con il fiato sospeso per esempio quando scrive un giallo ma lui sa come andranno a finire le cose, chi è il colpevole e chi il vincitore o l innocente o l eroe. Mentre noi no, queste cose non le sappiamo: per nostra fortuna possiamo prenderci la libertà di sbizzarrirci e questa virtualità è una nostra fortuna. Così la Narrazione della nostra crisi: gli autori del giallo europeo hanno iscritto nella scaletta le cure di austerità, la divisione fra centro (Germania essenzialmente) e periferie sud, anche il disfarsi della

4 4 democrazia e delle costituzioni nazionali, visto come ineluttabile danno collaterale di una stabilità politica eretta a nuovo valore etico incondizionato (questo significa a locuzione «valore assoluto», recentemente impiegata dal Presidente del Consiglio). La frode è questa scaletta, che non solamente è inconfutabile ma ha la pretesa di raggiungere una vetta (l Europa politica padrona di sé) con mezzi rigorosamente inadatti a scalarla. La frode è quest hegeliana certezza che il presunto razionale sia reale, e il presunto reale razionale. La storia non la stiamo fabbricando con le nostre mani, perché già è messa nero su bianco. Viviamo nel passato, non nell oggi dove tutto è ancora possibile e nulla è fatale. D altronde Hegel stesso è tutt altro che perentorio: la civetta di Minerva non si compiace della propria saggezza e della propria razionalità di primo mattino, quando ancora le cose devono farsi. Comincia il suo volo solo al crepuscolo. *** Questo vero e proprio assassinio del possibile è la principale caratteristica dell Europa quale oggi esiste, e si può capire l indignazione che suscita, e anche la rabbia e il rigetto. Chi si arrabbia, chi perde la pazienza e «non ci crede più» gli euroscettici è il nome che hanno avuto per un certo tempo, oggi si parla di populisti sono i soggetti della storia in cui forse c è da sperare. Se non esistessero se non esistesse una crisi che si acuisce non staremmo qui stasera a interrogarci sul bisogno o non bisogno d Europa. La rabbia dei cittadini è un opportunità che ci viene data, come è un opportunità lo spread. La rabbia stessa è spread, non finanziario ma umano: è scarto fra i cittadini e l idea di Europa, fra popoli e istituzioni democratiche, sia nazionali che

5 5 europee. È reazione a un patto sociale violato, a un patrimonio negato. Quando penso a questo tipo di spread, mi torna in mente l Uomo senza Qualità descritto da Musil alla luce crepuscolare di un altra grande idea che stava degenerando: quella dell impero austro-ungarico. Ulrich, l Uomo senza Qualità, definisce se stesso un Möglichkeitsmensch, un uomo della possibilità un possibilitario che non smette d innervosirsi davanti al cosiddetto senso della realtà, della «cose come sono». Vorrei citare il passaggio in questione, perché nell ordine dei verbi toglie il monopolio all indicativo, restituendo dignità ai condizionali, ai congiuntivi, al controfattuale: (Ecco il passo:) Chi è dotato del senso della possibilità non dice ad esempio: «Qui è accaduto, accadrà o deve accadere questo oppure quello», bensì: «Qui potrebbe o dovrebbe accadere un certo evento». E se, di una cosa qualsiasi, gli si spiega che è come è, allora penserà: «Certo, ma potrebbe benissimo essere diversa». Quindi, il senso della possibilità è addirittura definibile come la capacità di pensare a tutto ciò che potrebbe essere, e di non ritenere ciò che è più importante di ciò che non è (...). La vita di questi uomini della possibilità è tessuta, si potrebbe dire, con un filato più sottile, un filato fatto di fumo, immaginazione, fantasticherie e congiuntivi; quando un bambino manifesta una simile tendenza, gliela si fa passare con metodi energici e, davanti a lui, quegli individui vengono definiti visionari, sognatori, codardi e saccenti o criticoni. Chi vuol lodare quei matti, li definisce anche idealisti. **** Ecco, la storia virtuale, fatta di bivi e crocicchi, apre uno spazio a questi criticoni idealisti. Sono un occasione da cogliere, i possibilitari, se

6 6 non si vuole che l Europa si spenga. Sono trattati anch essi come bambini, o sognatori, o matti, visto che non accettano le cose così come sono. Abbiamo visto che sono anche chiamati populisti. (Chi contesta grandi opere probabilmente inutili come la TAV riceve nomi ancora peggiori). Vorrei parlare della loro rabbia verso l Europa, del loro filato fatto di immaginazione, fantasticherie e congiuntivi. E dei motivi per cui è sorta questa rabbia. Sempre tenendo in mente che i se sono importanti, che le scalette possono essere ricompilate, che i sentieri che possiamo imboccare sono innumerevoli non uno soltanto e si biforcano di continuo come nel racconto di Borges. C è da augurarsi che lo spread quello economico, ma soprattutto quello umano resti ben inquietante. Che diventi il nostro nodo al fazzoletto: quello che facciamo quando temiamo di dimenticare un appuntamento, una cosa da fare o un pensiero. **** La rabbia dunque. È un movimento vasto ormai, un vento che s insinua in tutti gli interstizi del continente: a nord, a sud, a est, a ovest. Dicono che è a causa sua che l Unione sta sbriciolandosi davanti ai nostri occhi, giorno dopo giorno. Diciamoci piuttosto che è a causa della sicumera deterministica con cui viene raccontata («è come è, non ci sono alternative»), che l Europa sta perdendo la sua stessa ragion d essere, e trasformandosi in un congegno impersonale, un dispositivo tecnico, grazie al quale ventotto Stati simulano un Unione che non ha più nulla di un unità, e soprattutto più nulla di una comunità. Un Europa che vive solo come locuzione verbale, come parola che altri hanno detto, parecchio tempo fa, e che i nuovi venuti gli homines novi

7 7 che sono al comando negli attuali governi impugnano come fosse qualcosa che appartiene loro di diritto, che sta' lì e non può cadere perché la retorica dei vertici e l intorpidimento dei giornali la tengono in piedi, anche se non in vita. Un morto vivente che i governi manipolano a seconda delle loro personali convenienze, di cui possono ininterrottamente compiacersi come se fossero stati loro a ideare l unità europea, e a farla ogni giorno, e a narrarcela fin dalle prime ore del mattino, quando nessuna civetta di Minerva è in vista. Il fatto è che non la stanno né facendo né tantomeno perfezionando, e per questo gli arrabbiati colpiscono con tanta foga il progetto stesso di unificazione: non fosse altro che per fare un po di chiarezza, per smuovere un po l aria. Per dire a se stessi che le civiltà possono perire, e specialmente quella europea. «Ormai lo sappiamo, noi civilizzazioni, che siamo mortali», Paul Valéry l aveva intuito dopo la prima guerra mondiale, ma quella consapevolezza non sfiora le menti dei governanti. Indigna quasi più la menzogna questa propensione a vivere dentro una storia già scritta e contrabbandata per il migliore di mondi possibili delle politiche via via discusse, decise o rinviate a Bruxelles. Mi soffermerei un po rapidamente su queste menzogne, visto che lì sono i cancelli che tengono imprigionati i se e i congiuntivi. Sono innumerevoli, e ne elencherò solo alcune: le cinque che mi paiono più evidenti. Prima menzogna, o se volete primo guai, come nell Apocalisse: L Europa raccontata come unione democratica di popoli. La promessa è palesemente tradita. Un culmine è stato toccato subito dopo le elezioni

8 8 politiche in Italia, nel febbraio 2013, quando in una conferenza stampa a Francoforte Mario Draghi si è presentato davanti a una platea di giornalisti, e ha spiegato perché non c era motivo di turbarsi: «I mercati capiscono che viviamo in democrazia. Siamo 17 paesi, e ognuno ha almeno due tornate politiche elettorali, nazionali e regionali, il che fa 34 votazioni nel giro di 3-4 anni (già l enumerazione ha qualcosa di diabolico, sembra un elenco di dannazioni, di flagelli)». Poi ha proseguito: «Penso che questa sia democrazia, a tutti noi molto cara. Quel che i mercati sanno, e per questo sono meno impressionati di voi giornalisti (per ragioni che non mi sono chiare gli inviati e corrispondenti ridono, in sala stampa) è che le misure di aggiustamento finanziario sono già attive in Italia. E continueranno a operare con il pilota automatico». Come non arrabbiarsi e non sbalordirsi, quando qualcuno alla lavagna ti disegna un mondo che ai massimi vertici ha i mercati il problema è non perturbare loro, con mosse a sorpresa o rivoluzioni e te lo descrive come unico mondo reale, nessun altro mondo è congetturabile perché quello che vien proiettato sugli schermi procede indipendentemente dalla volontà dei popoli; la sua necessaria odissea è determinata dal pilota automatico, quasi fosse l astrale nave dei folli lanciata nello spazio da Stanley Kubrick. Il mondo è come è, a dispetto delle cogitazioni e dei dubbi dell Uomo senza Qualità. Come quelle persone che ti assestano una bastonata e poi si scusano: «Sai, sono fatto così». È strano e imprevedibile il vento dell indignazione, perché non ha un unica direzione. Soffia da destra, da sinistra e parecchio anche dal centro, dai cosiddetti moderati: l estremismo del centro ha una lunga storia

9 9 in Europa, ieri fu la stoffa del fascismo. Quale che sia la parte da cui soffia, però, chiede invariabilmente una cosa: l alternativa. E non stupisce che il nuovo partito antieuropeo dei tedeschi si chiami proprio così: Alternativa per la Germania. È vento di disillusione e anche di rancorosa repulsione, assale gli animi di chi aveva enormemente creduto nell Europa ma poi s è ritratto, ritenendola un giovanile peccato di irrealismo; e anche le menti più fredde di chi aveva sempre detto che l unificazione degli europei era un imbroglio, una temibile trappola, e in fondo non s indigna sino in fondo perché dall inizio aveva diffidato, e ogni volta che nell Unione si costruisce qualcosa di nuovo inorridisce. C è di tutto, nel cosiddetto euroscetticismo: la speranza in un altra Europa, unita sul serio e di conseguenza congegnata in altro modo, ma anche l illusione di riscovare nelle ceneri il tizzone defunto, e però sbrilluccicante, dei vecchi Stati sovrani perduti o di chissà quale monolitica identità dei singoli popoli: identità e popolo dèmos che crudelmente mancherebbero all Europa. E ancora: c è lo scetticismo filosofico autentico, quello antico, che fa tesoro dell attitudine a ragionare appoggiandosi sulla più scrupolosa osservazione della realtà, e non apre alcun credito all apparenza ma va snidando i segreti del divenire storico (il vero scettico non è pregiudizialmente avversario dell unità europea: è avversario sottile di uno Stato nazione che si finge sovrano e non lo è più). E in contemporanea c è lo scetticismo contraffatto, impigrito, blasé, di chi sull orlo del vulcano non danza ma l espressione è di Jürgen Habermas, applicata alla Germania di Angela Merkel si limita a sonnecchiare, e neanche ha sentore del vulcano presso cui se ne sta

10 10 appisolato, e solo ogni tanto si sveglia di soprassalto e urla il suo urlo. C è lo sdegno di una generazione cui era stata assicurata un Unione solidale, aperta alle diversità e al molteplice, e d improvviso arriva un governante e dice che «purtroppo esiste una generazione perduta». Che al massimo «si possono limitare i danni» e sperare di «non crearne altre, di generazioni perdute» (cito da un intervista di Mario Monti a Settemagazine del 27 luglio 2012); e c è la terribile, malmostosa nostalgia del recinto che si chiude, della nazione etnica che in nome dell identità respinge il forestiero e se può non esita a ucciderlo nelle acque del Mediterraneo. La crisi che traversiamo, la capiremo solo il giorno in cui riusciremo a distinguere tra loro rabbie così differenti, e però guarderemo in faccia, a occhi aperti, la domanda di alternativa che ha fatto scoppiare sia le une che le altre. Ormai sappiamo perché tanti lo dicono, anche quelli che prima non lo dicevano che la crisi dell ultimo quinquennio in Europa è dovuta a un difetto di costruzione della moneta unica, quando fu introdotta alla fine degli anni Novanta. La moneta doveva nascere in parallelo con l unione politica ed economica, ma poi non si volle quel parallelismo. Per alcuni doveva essere lo strumento di una nuova Res Publica postnazionale, e ha finito con l incarnare Europa dei banchieri, dei tecnici: un Europa per forza di cose mutila, incapace di configurare con efficacia una sovranità superiore a quella già gravemente compromessa degli Stati nazione, pronta a intervenire lì dove gli Stati da soli non riescono più a condurre politiche serie e a mantenere le promesse che fanno. Infatti nessun potere monetario sovranazionale come quello esercitato dalla Bce può costituirsi, e tantomeno traversare

11 11 burrasche, se non ha di fronte a sé, come interlocutore cui deve rispondere, un potere politico egualmente sovranazionale, che armonizzi le proprie scelte economiche con quelle della Banca centrale, e induca anche la Banca centrale a armonizzarsi con le scelte del potere esecutivo. Né può costituirsi, in democrazia, se non è sorretto quindi controllato, giudicato da un Parlamento che rappresenti non la preponderanza di questo o quel paese, ma l insieme dei popoli dotati della moneta unica. L Europa viene descritta come unione democratica di popoli. Non lo è ancora, e l urgenza del momento è pensarla e reinventarla come tale. Non può esserlo, fino a quando gli Stati si comportano come sovrani assoluti (per questo restano avvinghiati al diritto di veto e all unanimità nelle principali decisioni, cosa che perfino la Chiesa ha abbandonato, visto che dal bastano due terzi dei grandi elettori perché lo Spirito Santo «parli» e elegga i nuovi Papi). E vorrei aggiungere una cosa: non può essere un unione democratica, fintantoché le nostre Costituzioni continuano a essere male interpretate, considerate nella sola dimensione nazionale. Nelle costituzioni democratiche non è scritto che lo Statonazione è sovrano. Pienamente sovrani sono i cittadini, il che vuol dire che ciascuno di essi, avendo non una ma più identità, deve contare ai vari livelli in cui il potere si esercita: comunale, nazionale, europeo, forse domani mondiale. La democrazia nazionale è non meno gravemente compromessa degli Stati-nazione, e per gli stessi motivi: il costo della non-europa è alto anche qui, oltre che nell economia, e ha come conseguenza la divisione tra Parlamenti che con le loro decisioni pesano, e Parlamenti che non pesano. Per questo va ripensata e riorganizzata

12 12 come democrazia postnazionale, cosmopolìta. È la ragione per cui le elezioni europee del maggio prossimo sono importanti come quelle nazionali e al tempo stesso diverse da loro, checché dicano e facciano i governi e soprattutto i partiti che faranno, c è da scommetterci, campagne esclusivamente nazionali. Sono importanti proprio perché il Parlamento europeo non ha ottenuto, nel Trattato di Lisbona, i poteri che dovrebbero spettargli. Perché questi poteri dovrà conquistarseli lui, nessuno glieli regalerà. Non si tratta solo di creare un Europa che tenga conto delle domande e delle rabbie dei cittadini: questa sarebbe democrazia octroyée, ottenuta per gentile concessione del sovrano. I cittadini, arrabbiati e non, devono darsi una nuova costituzione che permetta loro di legiferare in Europa, di censurare i governi che sbagliano ricette, di scegliere il Presidente della Commissione e i ministri-commissari che si occuperanno di finanze o di energia, di emigrazione, di asilo o di diritti civili. Devono anche poter dire la loro sulle troike, che controllano i conti dei paesi deficitari. Altrimenti avere una moneta unica con un unica Banca centrale è come avere una Corte che vigili sulla carta costitutiva della nazione, ma la nazione non c è né lo Stato con cui la Corte entra in dialettica. *** La seconda menzogna (o secondo guai) è legata a quella che ho chiamato narrazione fraudolenta della storia e dice in sostanza questo: se le cose funzionano male, è perché troppi poteri sono concentrati a Bruxelles, dove regnano maestà anonime e lontane dai bisogni dei cittadini. Tali poteri vanno quindi rimpatriati: lo dice anche la

13 13 Germania, congedandosi dall europeismo che ha coltivato per decenni dopo la guerra, e lo dicono raffinati esperti geopolitici secondo cui l ordine globale è fatto dagli Stati nazione, e questo è il mondo come è. Non lo è in realtà; gli Stati nazione non sono affatto in grado di imporre l ordine con le proprie mani. Lo si è visto nella crisi siriana del settembre scorso: gli Stati Uniti non impongono alcunché di edificante, se non costruiscono una politica che abbia qualche coerenza assieme alla Russia, la Cina o, nell area critica del Medio Oriente, all Iran. L ordine globale è allora sulle divine e crudeli ginocchia dei mercati o del pilota automatico o della Storia? Nemmeno: l idea delle divine ginocchia permette alla politica e agli Stati di non assumersi le loro personali responsabilità. E su chi scaricarle con maggior profitto, se non sulla forza delle cose? Al banco degli imputati non andrà nessuno, e l Europa potrà continuare a vivacchiare frantumata in tanti staterelli, rinviando l ora in cui unendosi potrà contribuire da protagonista non subalterna a un ordine mondiale conflittuale sì, ma non impazzito. Abbiamo già constatato come non ci sia praticamente nessuno, ai vertici dei 28 Stati o delle istituzioni europee, che non faccia la sua giusta diagnosi sui vizi congeniti dell euro. Ma la maggior parte di costoro usa giri di frasi e si ferma a metà strada, pur di non dire che se manca l unione politica la colpa è stata ed è interamente loro: dei vertici politici che denunciano la malattia come se essa non avesse nulla a che vedere con quello che essi fanno o non fanno. Come se vizi e malattie nascessero per colpa di fantomatiche burocrazie con sede a Bruxelles, di un immaginario Superstato europeo che se non ci fosse, chissà come voleremmo alti e liberi e arbitri del nostro destino.

14 14 Eppure non erano mancate, fin dagli esordi, le voci profetiche: «Questa moneta è senza Stato!», denunciò allarmato uno dei suoi principali artefici, Tommaso Padoa-Schioppa, già nel : «Per la Bce la vera insidia non sarà la poca indipendenza, ma la troppa solitudine, l operare quasi nel vuoto». I governanti odierni fanno finta di applaudire, ma quella denuncia viene edulcorata, dimenticata, fasciata di nebbia. Nessuno pone la questione della necessaria statualità europea: quella che in parte esiste già per come sono costruite e per come legiferano le sue istituzioni, per la competenza esclusiva che l Unione possiede in alcuni campi decisivi (moneta, concorrenza, commercio estero) ma che è da istituire ex novo e democratizzare, senza aggiungervi qua e là una pezza, se si vuol evitare che le eruzioni del vulcano ci sommergano. Il dito va insomma puntato sui veri responsabili dei mali presenti, e questo costa fatica grande e per questo fa così comodo prendersela con i populisti troppo arrabbiati o impazienti, o anche con gli eurocrati troppo poco «legati al territorio», come usa dire. Non sono i tecnici i colpevoli della costruzione sbagliata dell euro né i banchieri centrali, così spesso sotto accusa. Non è colpevole nemmeno la troika, che con tanta ottusità politica controlla i bilanci degli Stati deficitari decidendo al posto dei Parlamenti la natura dei tagli alla spesa pubblica, il funzionamento del mercato del lavoro, la riduzione del Welfare State, l estensione dello spazio pubblico e addirittura (a Atene) la sopravvivenza o meno della televisione pubblica o di grandi università ma che agisce per conto di altri.

15 15 I veri colpevoli di ottusità sono i governi degli Stati membri, che con tutte le loro energie mostrano di volere quest Unione emiplegica, questo venir meno della sua legittimazione democratica, questa crisi europea infine, politica e solo in subordine finanziaria, che dal 2008 impoverisce e umilia i popoli appesantiti dal debito con terapie dogmatiche non tanto rigorose, quanto nefaste, inique, e per di più fallimentari. Terapie che gli Stati stessi hanno deciso, o attivamente o subendole passivamente, mettendo l unione politica alla fine del percorso e rendendo il percorso infinitamente più costoso, economicamente e umanamente. La troika è un loro manovale (ed eventuale capro espiatorio). All erosione dell Europa si è risposto e si risponde con più erosione; alla divisione fra i suoi popoli con più divisione e meno comunità. Ai difetti originari dell Euro la sopravvivenza dei nazionalismi; la preservazione delle fasulle sovranità dei singoli Stati, che il Trattato di Lisbona garantisce e rafforza; l applicazione del liberum veto (non dimentichiamo che nel 700 la Polonia morì spartita fra le tre Aquile Nere che erano Prussia, Russia e Austria a causa di un Parlamento bloccato in permanenza dal liberum veto): a tutti questi difetti si è replicato intensificando ancor più gli stessi difetti e storture. Chi andrebbe trascinato in giudizio, se ci fosse una corte che separa i colpevoli autentici da quelli pretestuosi, sono gli Stati nazione, che non vogliono ammettere la natura completamente illusoria del loro potere. Sono i Consigli dei ministri, che in un Unione degna di questo nome dovrebbero pesare di meno, non di più. Secondo lo scrittore austriaco Robert Menasse dovrebbero essere addirittura aboliti, viste le

16 16 catastrofi che hanno provocato. A ciò si aggiunga l inutile serie di vertici di capi di Stato e di governo, che si riuniscono sempre più frequenti e pomposi, sempre più inani, spacciando per oro l Europa che essi stessi, summit dopo summit, corrodono e riducono a vile metallo. Sono loro a decidere chi sta nella troika, e come debba operare, e i memorandum che essa presenta ai governi. Sono loro che le chiedono di farsi portavoce ed esecutrice di quanto deciso nei Consigli ministeriali o negli incontri fra gli Stati più importanti. È vero, la troika è composta di organi sovranazionali o internazionali (oltre alla Commissione e alla Banca centrale europea il Fondo Monetario, che in un Europa dotata di statualità compiuta non occuperebbe questo spazio esorbitante e forse non sarebbe semplicemente presente). I triunviri sono responsabili verso i Consigli dei ministri e i capi di Stato o di governo, cui è riservata l ultima e decisiva parola. I Parlamenti, nazionali o europei che siano, non hanno in ogni caso voce in capitolo (fa eccezione il Parlamento della potenza egemone la Germania così come la sua Corte costituzionale e la sua Banca centrale. Ma è eccezione che conferma la regola, e meriterebbe un ampio discorso a parte). **** La terza menzogna la conosciamo bene, ed è conseguenza logica dei primi due guai. È la cantilena che udiamo ogni giorno «L Europa lo vuole», «L Europa ce lo chiede» e rimbambisce a tal punto che suscita stizze sempre più estese. L autorità divina che ossessivamente viene invocata è pura invenzione, dietro la quale stanno rintanati Stati e Staterelli che vogliono passare indenni attraverso la bufera, che vogliono esercitare un potere senza responsabilità, e ben volentieri

17 17 affidano quest ultima agli organi dell Unione, o peggio al pilota automatico che agirebbe motu proprio, come una macchina celibe che non ha bisogno di mischiarsi con le volontà umane per operare e incidere sulle vite dei cittadini. Il modello Merkiavelli descritto da Ulrich Beck è nato così: l Europa sovranazionale che ancora esiste viene prima denigrata (le si affibbiano nomi spregiativi come eurocrazia, Superstato, etc.) poi depotenziata, infine aggirata da un moltiplicarsi di comitati speciali designati dai Consigli dei ministri: è la cosiddetta comitologia, escogitata per svuotare quella che Robert Menasse chiama l»amministrazione giuseppina» dell Unione, non dissimile dalla buona amministrazione multinazionale e tollerante che vide la luce nell impero austro-ungarico ai tempi di Giuseppe II d Asburgo. Risultato di quest escamotage: ai comandi non c è affatto l eurocrazia, né una volontà che possieda il titolo e la facoltà di sintetizzare le volontà di ventotto nazioni e popoli. C è lo Stato-nazione più poderoso economicamente. Quando si dice «lo vuole l Europa», è la Germania che vuole: che senza ammetterlo pensa, parla, dispone al posto di ciascun abitante europeo, separando i santi dai peccatori (la parola tedesca Schuld significa ambedue le cose: debito e colpa. Economia, ortodossia morale, legge di mercato (o meglio non-legge) sono mescolate perversamente le une con le altre). Anche il modello Merkiavelli è tuttavia finzione e vanità, se lo guardiamo da vicino. L idea di restituire il potere perduto agli Stati sovrani si ammanta di pragmatismo, si pretende realista, pospone continuamente la soluzione federale giudicandola troppo utopica. Non lo sospetta, o finge di non sospettarlo, ma l unica utopia è proprio questa

18 18 restituzione di prerogative e di poteri agli Stati sovrani: è il secondo trasloco che viene operato, dopo il trasloco del nostro vissuto dal tempo presente a quello passato. Non si torna così facilmente al XVII secolo e alla Pace di Westphalia quando i capi delle nazioni europee opposero a una guerra lunga trent anni, e alla vecchia autorità sovranazionale della Chiesa, il marchingegno degli Stati-nazione assolutamente sovrani in casa propria. Col passare dei secoli quel marchingegno ha distrutto l Europa. Era fondato sull equilibrio altamente instabile tra potenze rivali (la cosiddetta balance of power: l obiettivo era di evitare il predominio di una singola potenza controbilanciandola con una o più potenze alleate egualmente volitive e forti). L equilibrio fra le potenze si è infranto nella prima parte del XX secolo, nella guerra di trent anni iniziata nel 1914 e finita nel 1945 con l esaurirsi della centralità storica del vecchio continente. *** Nell agosto-settembre del 2013 abbiamo avuto l ennesima conferma di questo esaurirsi: in Medio Oriente come davanti alla degenerazione delle primavere arabe, in Egitto come in Siria, contano le potenze dotate di mezzi e stature sufficienti Stati Uniti, Russia, Cina non l ammasso confuso e spezzettato che si chiama Europa. La menzogna di Westphalia (il quarto guai) è mortifera. Anche queste potenze d altronde contano fino a un certo punto, come si è visto nella crisi siriana. In realtà sono Stati che ancora vivono nell illusione sovranista. Che neppure hanno tentato la via europea del dopoguerra, né hanno il presentimento che le civilizzazioni periscono se

19 19 si presumono onnipotenti. Resta il fatto che pur restando prigionieri del dogma westphaliano dello Stato interamente sovrano, la loro ambizione e la loro efficacia sono facilitate non poco dalla dimensione geografica e demografica. Le minuscole nazioni europee tutte, Germania compresa non sono al loro confronto che pulviscolo insignificante, e impotente. Potrebbero accampare la democrazia postnazionale e cosmopolìta che seppero immaginare nel dopoguerra, ma è un invenzione che disconoscono o tengono in spregio. Il modello Merkiavelli è finzione e vanità perché chi domina a tutti gli effetti l Unione non è a ben vedere la Germania, o la Francia. (Né tantomeno la Gran Bretagna: è menzogna anche l idea che l Inghilterra sia il problema dell unificazione. Il problema sono la Germania e la Francia). Nelle grandi scelte strategiche l Europa è a rimorchio della potenza egemone dell Occidente (gli Stati Uniti), anche se potenza in declino e non più affidabile, costretta come tutti noi a sottostare ai mercati o al pilota automatico, che di volta in volta viene attivato nella funzione di unico anello di congiunzione tra mercati e politica. Non è una prospettiva tranquillizzante, quando gli Stati dell Unione fanno propria o subiscono della dottrina economica tedesca (che ciascuno faccia con massima diligenza i propri «compiti a casa»: solo dopo verranno se verranno la cooperazione, la solidarietà, gli eurobond, l aumento del bilancio comune, la statualità federale compiuta) e dopo essersi accontentati o aver subito, contemplano stupiti lo sconquasso che hanno provocato e si mettono a inveire contro gli indignati, a gridare al flagello populista che incombe.

20 20 **** I quattro guai che abbiamo elencato (falsa unione democratica dei popoli; falsa promessa di rimpatriare i poteri sovranazionali europei; irresponsabile potere degli Stati-nazione; menzogna di Westphalia) sfociano nella quinta menzogna, tra le più insidiose: quella che concerne la rabbia dei popoli europei, in prima linea di quelli immiseriti dalla crisi in Grecia, Italia o Spagna ma anche di quelli impauriti all idea di pagare per gli altri come in Germania, Austria o Olanda. È una menzogna che abbiamo già menzionato: consiste nell inveire contro il nemico designato che sarebbero i populismi antieuropei delusi o disgustati dall Unione. Vorrei qui ricordare, a titolo di esempio, quanto disse Mario Monti nel settembre del 2012, in una riunione del workshop Ambrosetti a Cernobbio, rendendo esplicito il turbamento che più l affliggeva: non l impotenza dei singoli Stati o delle autorità di Bruxelles, ma l assalto di partiti e movimenti popolari contro le terapie recessive imposte ai paesi debitori dunque peccatori dalle autorità di Bruxelles e dalla Germania che su di esse fa leva. Citiamo testualmente le parole che il Premier rivolse in quell occasione al presidente del Consiglio europeo Van Rompuy, perché mi sembrano emblematiche: «C è il rischio che mentre la costruzione europea si perfeziona, le difficoltà dell Eurozona facciano emergere grandi, crescenti e pericolosi fenomeni di rigetto nelle opinioni pubbliche dei vari Paesi, con tendenze all antagonismo e a populismi che mirano alla disgregazione». E ha proseguito: «La contrapposizione tra Paesi del Nord e del Sud dell Europa fa riemergere vecchi stereotipi e vecchie tensioni. È paradossale e triste che mentre si sperava di completare l integrazione

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO Mi sono spesso chiesto: come nasce, come si genera il fenomeno del razzismo? Quali sono le cause più profonde dell essere umano che ci fanno pensare

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Epicuro LETTERA A MENECEO

Epicuro LETTERA A MENECEO Epicuro LETTERA A MENECEO Meneceo, Non si è mai troppo giovani o troppo vecchi per la conoscenza della felicità. A qualsiasi età è bello occuparsi del benessere dell'anima. Chi sostiene che non è ancora

Dettagli

Politica: la voce dei giovani

Politica: la voce dei giovani Politica: la voce dei giovani m a r e a p e r t o La cupola trasparente del Bundestag (Berlino) sede del parlamento federale tedesco. È completamente trasparente: con la ricostruzione tedesca e dopo due

Dettagli

LETTERA APERTA A MARIO DRAGHI: O LA GERMANIA LA SMETTE CON LE SUE OSSESSIONI O FINISCE IL SOGNO EUROPEO di Renato Brunetta

LETTERA APERTA A MARIO DRAGHI: O LA GERMANIA LA SMETTE CON LE SUE OSSESSIONI O FINISCE IL SOGNO EUROPEO di Renato Brunetta 833 LETTERA APERTA A MARIO DRAGHI: O LA GERMANIA LA SMETTE CON LE SUE OSSESSIONI O FINISCE IL SOGNO EUROPEO di Renato Brunetta 20 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Ecco un gruppo di cinque storielle inventate per far riflettere sull'aritmetica e i suoi fondamenti. CARLETTO E LA MATEMATICA

Ecco un gruppo di cinque storielle inventate per far riflettere sull'aritmetica e i suoi fondamenti. CARLETTO E LA MATEMATICA info@didatticaperprogetti.it PROGETTO 2.1.9 TITOLO Carletto e la matematica AREA Matematica (Aritmetica) SCUOLA Elementare: classi 3-4 - 5 Media: classe 1 OBIETTIVO Riflettere sui fondamenti della matematica

Dettagli

La società francese. Nobiltà

La società francese. Nobiltà 1. Nuovi ideali e crisi economica demoliscono l antico regime La Rivoluzione francese, insieme a quella americana, è giustamente considerata uno dei momenti essenziali della nostra storia e della nostra

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Marcello Pera La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Cerisdi, Palermo, 26 novembre 2001 SENATO DELLA REPUBBLICA TIPOGRAFIA DEL SENATO La giustizia come fondamento dello sviluppo e della

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Il mondo diviso. Francesco Ciafaloni

Il mondo diviso. Francesco Ciafaloni Menu Il mondo diviso Francesco Ciafaloni 30 gennaio 2016 Sezione: Mondo, Società Oggi circa l 80% della popolazione del mondo possiede solo il 6% della ricchezza. Circa il 61% non ha un contrattto di lavoro

Dettagli

MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014

MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014 MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014 PREMESSA Il Consiglio nazionale del Movimento europeo ha discusso della situazione europea alla vigilia del voto di fiducia del

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino L Europa e la guerra nel Kosovo La guerra del Kosovo

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

i dossier ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ QUESTA EUROPA (TEDESCA) NON CI PIACE. E PERCHÉ VOGLIAMO CAMBIARLA www.freefoundation.com www.freenewsonline.

i dossier ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ QUESTA EUROPA (TEDESCA) NON CI PIACE. E PERCHÉ VOGLIAMO CAMBIARLA www.freefoundation.com www.freenewsonline. 032 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ QUESTA EUROPA (TEDESCA) NON CI PIACE. E PERCHÉ VOGLIAMO CAMBIARLA 23 giugno 2015 a cura di Renato Brunetta JÜRGEN

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

COMUNITA LA CRISALIDE

COMUNITA LA CRISALIDE COMUNITA LA CRISALIDE Via Aquila 144 80143 Napoli Tel. Fax. 081 269834 cell: 335235916 e-mail: ass.margherita@fastwebnet.it sito: www.casafamiglialacrisalide.it LA FALSA DOMANDA Quante volte abbiamo detto,

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve.

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve. Il contrario della solitudine «Vivrò per l amore, il resto dovrà cavarsela da solo» furono le parole di Marina il giorno della sua laurea, l ultima volta in cui la vedemmo. Il contrario della solitudine

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Per i diritti umani di Barbara Pezzini

Per i diritti umani di Barbara Pezzini Accademia della Guardia di Finanza, Bergamo 25 novembre 2009 Premiazione del Concorso ScuolAccademia 2009 Per i diritti umani di Barbara Pezzini Questo intervento si rivolge ad una comunità di studenti

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

ΟΝΟΜΑΤΕΠΩΝΥΜΟ ΜΑΘΗΤΗ/ΤΡΙΑΣ: ΤΟ ΕΞΕΤΑΣΤΙΚΟ ΔΟΚΙΜΙΟ ΑΠΟΤΕΛΕΙΤΑΙ ΑΠΟ ΕΠΤΑ ( 7) ΣΕΛΙΔΕΣ

ΟΝΟΜΑΤΕΠΩΝΥΜΟ ΜΑΘΗΤΗ/ΤΡΙΑΣ: ΤΟ ΕΞΕΤΑΣΤΙΚΟ ΔΟΚΙΜΙΟ ΑΠΟΤΕΛΕΙΤΑΙ ΑΠΟ ΕΠΤΑ ( 7) ΣΕΛΙΔΕΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ 2011-2012 Μάθημα: Iταλικά Επίπεδο: 3 Διάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία:

Dettagli

Ogni 40 secondi, un essere umano si toglie la vita. UN ATTENZIONE AMOREVOLE PER TUTTI

Ogni 40 secondi, un essere umano si toglie la vita. UN ATTENZIONE AMOREVOLE PER TUTTI SUICIDIO, PIAGA DELLA NOSTRA CIVILTÀ Ogni 40 secondi, un essere umano si toglie la vita. Così, mentre celebrate il Natale in famiglia, con le persone che amate, mettete ai piedi dell albero, un mandala

Dettagli

Gentile Presidente della Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo,

Gentile Presidente della Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo, 27 aprile 2015 Lettera Aperta ai Presidenti delle Banche di Credito Cooperativo, alle Autorità di Vigilanza ed alla politica italiana Gentile Presidente della Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo,

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO 27 SOCIETÀ, STATO E DIRITTO Caratteri dello Stato Dal feudalesimo alla nascita dello Stato moderno Le idee del filosofo Immanuel Kant Le idee del filosofo greco Aristotele Il moderno Stato di diritto La

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

Favorire l inserimento umano delle giovani leve nel mondo del lavoro

Favorire l inserimento umano delle giovani leve nel mondo del lavoro I giovani non sono otri da riempire ma lampade da accendere Igino Petrone Federazione Maestri del lavoro d Italia Consolato Regionale del Molise Il Progetto Pianeta Giovani in tutto il suo percorso, è

Dettagli

Non ci sono traduzioni disponibili. SOLUZIONE ALLA CRISI DOPO TANTE PROMESSE:

Non ci sono traduzioni disponibili. SOLUZIONE ALLA CRISI DOPO TANTE PROMESSE: Non ci sono traduzioni disponibili. SOLUZIONE ALLA CRISI DOPO TANTE PROMESSE: Dopo tanti anni e innumerevoli annunci e promesse, la BCE (Banca Centrale Europea) ha finalmente lanciato le operazioni di

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta:

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta: Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 3 di 7) L inflazione. (di Marco Cavedon, postato l 11-02-2014). Esamineremo in questo capitolo uno dei più perniciosi falsi miti che l ideologia neoclassica

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO

MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO 1943, versione riveduta nel 1970 Il problema di garantire il pieno impiego tramite l espansione della spesa pubblica, finanziata col debito pubblico,

Dettagli

Lezione inaugurale dell anno accademico 2010-2011 La repubblica europea Stefan Collignon 4. Dicembre 2010

Lezione inaugurale dell anno accademico 2010-2011 La repubblica europea Stefan Collignon 4. Dicembre 2010 Lezione inaugurale dell anno accademico 2010-2011 La repubblica europea Stefan Collignon 4. Dicembre 2010 Autorità, colleghe e colleghi, studentesse e studenti, signore e signori, Vorrei in primo luogo

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Qui voglio fare un esempio per capire dove siamo arrivati col denaro: Ammettiamo che io non abbia a disposizione quasi nulla come denaro, ma voglio

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli

Il Fascismo in Italia (1922-1936)

Il Fascismo in Italia (1922-1936) Il Fascismo in Italia (1922-1936) Le fasi del fascismo 1. Fase legalitaria (1922-1924) I Fascisti fanno parte di un governo di coalizione. Termina con le elezioni del 1924 e l uccisione di Matteotti. 2.

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco Dirittosuweb.it La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, proclamata dall Assemblea Generale

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO!

QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO! Domenica 31 Marzo 2013 QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO! Gesù è risorto e noi vogliamo risorgere con lui. GEREMIA 29:11 Dio dice io so i pensieri che medito per voi, pensieri di pace e non di male

Dettagli

i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015

i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015 1024 www.freefoundation.com www.freenewsonline.it i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015 17 maggio 2015 a cura di Renato

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Politiche - per l'insegnamento di Geografia Economica. Milano, aprile

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e il futuro incerto

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e il futuro incerto OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est e il futuro incerto Il Gazzettino, 27.12.2011 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto nei

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Politica, sindacati e Fiat: un rapporto antiquato

Politica, sindacati e Fiat: un rapporto antiquato 150 idee per il libero mercato Politica, sindacati e Fiat: un rapporto antiquato di Andrea Giuricin Il futuro dello stabilimento di Termini Imerese è al centro del dialogo tra sindacati, Fiat e governo.

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA L UE è uno Stato, una confederazione, una federazione, un organizzazione internazionale? È un organizzazione internazionale dotata di ampi poteri che configurano cessioni

Dettagli

ZP Oktober 2009 Traduzione MUSTERLÖSUNG

ZP Oktober 2009 Traduzione MUSTERLÖSUNG ZP Oktober 2009 Traduzione MUSTERLÖSUNG C è qualcosa che riesci a ricordare (che ti riesce di ricordare)?, chiese lei. Qualcosa che ti ha colpito. Qualcosa di strano o di particolare? No, in effetti no.,

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 Stefano Sirri, Psico-Pratika N 16

Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 Stefano Sirri, Psico-Pratika N 16 Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 OFFERTE LAVORO PSICOLOGI: Consigli per trovare lavoro in psicologia Trovare lavoro come psicologi non è sempre semplice.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

Preambolo (1789) Preambolo (1793)

Preambolo (1789) Preambolo (1793) Confronto fra la Dichiarazione dei Diritti dell uomo e del cittadino del 26 agosto 1789 e la Dichiarazione dei Diritti dell uomo e del cittadino dell Anno Primo (23 giugno 1793). Preambolo I rappresentanti

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

La situazione attuale

La situazione attuale La situazione attuale L Europa si sta impoverendo. I poteri forti stanno trascinando le classi lavoratrici verso la rovina. Sono gli agenti di un sistema definito dai principi del massimo profitto e della

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

Tendenze nella società attuale

Tendenze nella società attuale 1. Introduzione Per molti anni sono stato cappellano del centro di accoglienza per bambini e giovani Theresienheim di Offenbach. Negli ultimi dieci anni la liturgia è stata organizzata sempre nel modo

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli