Linee guida per la programmazione di transazioni in PL/SQL

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee guida per la programmazione di transazioni in PL/SQL"

Transcript

1 Linee guida per la programmazione di transazioni in PL/SQL Giuseppe Berio Giuseppe Berio DI - Unito 1

2 Esempio La transazione deve registrare l evasione di un ordine, rappresentato su più tabelle specializzate per tipologia di prodotto, usando una tabella che contiene per ogni prodotto la quantità disponibile a magazzino. Naturalmente, ogni ordine non contiene necessariamente tutti i prodotti commercializzati dall azienda. Ogni ordine può essere evaso parzialmente, cioè se non vi è sufficiente quantità di un prodotto ma vi è sufficiente quantità di un altro, l ordine viene evaso solo relativamente a questo ultimo prodotto. Giuseppe Berio DI - Unito 2

3 Vi sono due tipi di prodotto Magazzino Cod_Prodotto Esempio Quantità Quantità >= 0, Un prodotto richiesto potrebbe non esistere, Un prodotto richiesto potrebbe avere quantità NULL Ordini1 Cod_Ordine Ordini2 Cod_Ordine Quantità Stato Quantità Stato Ordini distinti per tipologia di merce, Quantità >= 0 Giuseppe Berio DI - Unito 3

4 Declare quantità1 number; out, x1, x2 varchar2; errore_interno, quantitàindefinita, quantitàinsufficiente Exception; Begin select quantità into quantità1 from Magazzino where cod_prodotto=x1; Ifquantità1 IS NULL then RAISE quantitàindefinita; end if; when quantitàindefinita then quantità1:=0; when others then out:= errore ; If out= errore then RAISE errore_interno; end if; Commit; Exception When errore_interno then rollback; When others then rollback; End; Normale eccezione causata dalla possibilità che quantità sia NULL: non è necessario fare un rollback Giuseppe Berio DI - Unito 4

5 Declare quantità1, quantità2 number; out, x1, x2 varchar2; errore_interno, quantitàinsufficiente quantitàindefinita, Exception; Begin select quantità into quantità1 from Ordini1 where cod_ordine=x1; If quantità1 IS NULL then RAISE quantitàindefinita; end if; when no_data_found then quantità1:=0; when quantitàindefinita then quantità1:=0; when others then out:= errore ; If out= errore then RAISE errore_interno; end if; Commit; Exception When errore_interno then rollback; When others then rollback; Non è necessario fare un rollback Eccezioni per cui è necessario rimandare la gestione al livello di annidamento inferiore : in tal caso si decide per un rollback End; Giuseppe Berio DI - Unito 5

6 Commento Trasparente 4 selectquantità into quantità1 frommagazzino where cod_prodotto=x1; Trasparente 5 select quantità into quantitàord1 from Ordini1 where cod_ordine=x1; Ifquantità1<= quantitàord1 then RAISE quantitàinsufficiente; end if; Il test non ha senso se non si controlla la concorrenza Giuseppe Berio DI - Unito 6

7 Declare Begin. Savepoint S1; Evasione parziale di Ordini Update Magazzino set quantità= quantità-quantità1 where cod_prodotto=y1; when others then out:= impossibilevadere ; If out = impossibilevadere then rollback to S1; end if; Savepoint S2; Update Magazzino set quantità= quantità-quantità2 where cod_prodotto=y2; when others then out := impossibilevadere ; If out = impossibilevadere then rollback to S2; end if; Commit; End; Il vincolo Quantità>=0 è initially immediate, immediate (default di Oracle) Eccezioni per cui è necessario fare un rollback parziale in quanto si permette di evadere parzialmente un ordine Giuseppe Berio DI - Unito 7

8 Confusione delle Eccezioni Select quantità into quantità1 from Ordini1 where cod_ordine=x1; Update Ordini1 set stato= evaso where cod_ordine=x1; Update Magazzino set quantità=quantità-quantità1 where cod_prodotto=y1; When no_data_found then quantità1:=0; When others then quantità1:=0; Necessario usare sqlcode oppure la tracciatura delle eccezioni in when then. La soluzione potrebbe dare luogo ad una confusione delle eccezioni: No_data_found e others potrebbero gestire (allo stesso modo) eccezioni distinte causate da più istruzioni Giuseppe Berio DI - Unito 8

9 Ordine delle Istruzioni Select quantità into quantità1 from Ordini1 where cod_ordine=x1; Update Magazzino set quantità=quantità-quantità1 where cod_prodotto=y1; Update Ordini1 set stato= evaso where cod_ordine=x1; When no_data_found thenquantità1:=0; When others thenquantità1:=0; La soluzione indicata dovrebbe essere indipendente dall ordine delle istruzioni che operano sulla basedati e che sono indipendenti Giuseppe Berio DI - Unito 9

10 Vincoli Immediati e Differiti Vincolo immediato e differibile: default Create table A (a number(10) check(a>0) initially immediate deferrable); Vincolo differito e differibile Create table A (a number(10) check(a>0) initially deferred deferrable); Giuseppe Berio DI - Unito 10

11 Evasione Ordini tutto o niente Modifica del precedente esercizio La richieste è ora: o un ordine è evaso completamente oppure non è evaso per niente In altre parole, se un ordine prevede prodotti distinti, tutti questi prodotti devono essere disponibili nel magazzino nelle quantità richieste Giuseppe Berio DI - Unito 11

12 Declare Begin Evasione Ordini tutto o niente I Update Magazzino set quantità= quantità-quantità1 where cod_prodotto=y1; when others then out:= impossibilevadere ; If out= impossibilevadere then RAISE quantitàinsuffciente end if; Update Magazzino set quantità= quantità-quantità2 where cod_prodotto=y2; when others then out := impossibilevadere ; If out= impossibilevadere then RAISE quantitàinsuffciente end if; Commit; Exception When quantitàinsuffciente then rollback; When others then rollback; End; Eccezioni per cui è necessario rimandare la gestione al livello di annidamento inferiore : in tal caso si decide per un rollback Giuseppe Berio DI - Unito 12

13 Declare Begin Commit; Exception Evasione Ordini tutto o niente II Update Magazzino set quantità= quantità-quantità1 where cod_prodotto=y1; When others then Update Magazzino set quantità= quantità-quantità2 where cod_prodotto=y2; When others then Il vincolo Quantità>=0 è initially deferred, deferrable. Ciò causa tuttavia alcune Per altre eccezioni è necessario rimandare la gestione al livello di annidamento inferiore : in tal caso si decide per un rollback When others then rollback; Giuseppe Berio DI - Unito inefficienze 13 End;

14 Declare Begin Exception Evasione parziale Ordini: uso di più commit Select quantità into quantità1 from Ordini1 where cod_ordine=x1; Update Ordini1 set stato= evaso where cod_ordine=x1; UpdateMagazzino set quantità=quantità-quantità1 where cod_prodotto=y1; Commit; When no_data_found then quantità1:=0; When others then quantità1:=0; Select quantità into quantità2 from Ordini2 where cod_ordine=x2; Update Ordini2 set stato= evaso where cod_ordine=x2; UpdateMagazzino set quantità= quantità-quantità2 where cod_prodotto=y2; Commit; When no_data_found then quantità2:=0; When others then quantità2:=0; Il vincolo Quantità>=0 è initially deferred, deferrable In questo caso i livelli di annidamento superiore agiscono da transazioni: in tal caso, i vincoli sono dichiarati come deferred e quindi controllati al primo commit. When others then rollback; Giuseppe Berio DI - Unito 14 End;

15 Vincoli e Codice dei Programmi Vincoli: parte dello schema della base dati Programmi: servono per programmare le transazioni E possibile far dipendere i programmi dai vincoli, anche se: I programmi diventano dipendenti dai vincoli; cosa accade se questi variano? I programmi risultano più efficienti, limitano il ricorso ad una gestione della concorrenza, ma diventano limitatamente modularizzabili; cosa accade se si usano procedure? Giuseppe Berio DI - Unito 15

Che cos è un DBMS? Capitolo 1. Perché usare un DBMS? DBMS. Descrizioni dei dati nei DBMS. Modelli di dati

Che cos è un DBMS? Capitolo 1. Perché usare un DBMS? DBMS. Descrizioni dei dati nei DBMS. Modelli di dati Che cos è un DBMS? Capitolo 1 Introduzione ai sistemi di basi di dati Una collezione integrata molto grande di dati Modella organizzazioni del mondo reale Entità (ad esempio studenti, corsi) Relazioni

Dettagli

Nozione ed uso. Operazioni eseguite automaticamente ogni volta che avviene un certo evento Uso:

Nozione ed uso. Operazioni eseguite automaticamente ogni volta che avviene un certo evento Uso: Nozione ed uso Operazioni eseguite automaticamente ogni volta che avviene un certo evento Uso: Gestione di vincoli di integrità: Per fallimento Per modifica Auditing: Sicurezza Statistiche Valori derivati

Dettagli

Capitolo 7. Esercizio 7.1

Capitolo 7. Esercizio 7.1 Capitolo 7 Esercizio 7.1 Dato lo schema relazionale: IMPIEGATO (Nome, Salario, DipNum) DIPARTIMENTO (DipNum, NomeManager) Definire le seguenti regole attive in Oracle e DB2: 1. una regola, che quando il

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DI APPLICAZIONI ALCUNE ARCHITETTURE

LA REALIZZAZIONE DI APPLICAZIONI ALCUNE ARCHITETTURE LA REALIZZAZIONE DI APPLICAZIONI ALCUNE ARCHITETTURE Quattro parti: Gestione dati Client-Server Logica + interfaccia Logica + interfaccia Business rules Sistema di comunicazione Logica applicativa DBMS:

Dettagli

APPENDICE. Procedure in SQL (1)

APPENDICE. Procedure in SQL (1) APPENDICE Procedure in SQL Transazioni in SQL Embedded SQL Remote Procedure Call Appendice 1 Procedure in SQL (1) Standard SQL2 permette di definire procedure, associate a singoli comandi SQL, memorizzate

Dettagli

Sistema di Gestione di Basi di Dati DataBase Management System DBMS

Sistema di Gestione di Basi di Dati DataBase Management System DBMS Base di dati (accezione generica) collezione di dati, utilizzati per rappresentare le informazioni di interesse per una o più applicazioni di una organizzazione (accezione specifica) collezione di dati

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DI APPLICAZIONI. Quattro parti: Gestione dati. Business rules. Logica applicativa. Interfaccia utente. Molte possibili architetture

LA REALIZZAZIONE DI APPLICAZIONI. Quattro parti: Gestione dati. Business rules. Logica applicativa. Interfaccia utente. Molte possibili architetture LA REALIZZAZIONE DI APPLICAZIONI Quattro parti: Gestione dati Business rules Logica applicativa Interfaccia utente Molte possibili architetture L approccio tradizionale: uso di un linguaggio PLSQL 1.1

Dettagli

Oracle PL/SQL. Motivazioni

Oracle PL/SQL. Motivazioni Oracle PLSQL Motivazioni Supponiamo che nella gestione del database Azienda ci venga chiesto di apportare le modifiche necessarie a far sì che ad ogni impiegato possa essere assegnato, alla fine di ogni

Dettagli

Azioni. Select e join non consentono di modificare il contenuto del DB. Inserzione di nuovi dati. Azioni desiderate. Aggiornamento di dati

Azioni. Select e join non consentono di modificare il contenuto del DB. Inserzione di nuovi dati. Azioni desiderate. Aggiornamento di dati Azioni Select e join non consentono di modificare il contenuto del DB Azioni desiderate Inserzione di nuovi dati Aggiornamento di dati Cancellazione di dati Aggiunta di un record insert into utenti(nome,tel,codice_u)

Dettagli

Lezione 8. Metadati, Viste e Trigger

Lezione 8. Metadati, Viste e Trigger Lezione 8 Metadati, Viste e Trigger Pag.1 Metadati e catalogo di sistema I metadati sono dati a proposito dei dati (quali tabelle esistono?, quali campi contengono?, quante tuple contengono?, ci sono vincoli

Dettagli

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Introduzione generale

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Introduzione generale Introduzione Basi di Dati / Complementi di Basi di Dati 1 Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Introduzione generale Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di

Dettagli

Come trattare il risultato di un comando SQL (relazioni) che

Come trattare il risultato di un comando SQL (relazioni) che USO DI SQL DA PROGRAMMI: PROBLEMI 1 Come collegarsi alla BD Come trattare gli operatori SQL Come trattare il risultato di un comando SQL (relazioni) che Come scambiare informazioni sull esito delle operazioni.

Dettagli

Corso di Basi di Dati. Linguaggi per basi di dati. Linguaggi per basi di dati. Linguaggi per basi di dati: Algebra Relazionale

Corso di Basi di Dati. Linguaggi per basi di dati. Linguaggi per basi di dati. Linguaggi per basi di dati: Algebra Relazionale Corso di Basi di Dati Linguaggi per basi di dati: lgebra Relazionale Donatella Gubiani Linguaggi per basi di dati Si possono distinguere diversi tipi di linguaggi per la gestione dei dati: Linguaggio di

Dettagli

Triggers. Basi dati attive. Trigger. Indipendenza della conoscenza

Triggers. Basi dati attive. Trigger. Indipendenza della conoscenza Basi dati attive Triggers Antonella Poggi Domenico Lembo Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2009-2010 Una base di dati

Dettagli

Suggerimenti per lo Sviluppo delle Applicazioni con PL/SQL. Simona Rotolo

Suggerimenti per lo Sviluppo delle Applicazioni con PL/SQL. Simona Rotolo Suggerimenti per lo Sviluppo delle Applicazioni con PL/SQL Simona Rotolo 2 Questo documento, rivolto a chi sviluppa codice in PL/Sql, è stato redatto al fine di fornire degli standard di sviluppo che aiuteranno

Dettagli

Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione

Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico

Dettagli

TRIGGER Regole Attive (Trigger) OLD_TABLE NEW_TABLE old new

TRIGGER Regole Attive (Trigger) OLD_TABLE NEW_TABLE old new TRIGGER Regole Attive (Trigger) Programmi attivati automaticamente dal DBMS al verificarsi di determinate condizioni e operazioni sulle tabelle Da un punto di vista generale, in un trigger vengono specificati

Dettagli

Cap. 5 Basi di dati attive

Cap. 5 Basi di dati attive SOMMARIO 2 Cap. 5 Basi di dati attive Introduzione. 3 Trigger in SQL:999.. Esecuzione di un solo trigger... 4 Esecuzione di più trigger... Esempio di esecuzione 23 Progettazione delle regole attive....

Dettagli

Il linguaggio SQL: trigger. Versione elettronica: 04.7.SQL.trigger.pdf

Il linguaggio SQL: trigger. Versione elettronica: 04.7.SQL.trigger.pdf Il linguaggio SQL: trigger Sistemi Informativi T Versione elettronica: 04.7.SQL.trigger.pdf DBMS attivi Un DBMS si dice attivoquando dispone di un sottosistema integrato per definire e gestire regole I

Dettagli

PL/SQL Uso di un linguaggio procedurale per un database

PL/SQL Uso di un linguaggio procedurale per un database PL/SQL Uso di un linguaggio procedurale per un database Roberto Basili Corso di Basi Di Dati 1 a.a. 2000-2001 Abstract Questa breve dispensa descrive piu etesamente i contenuti della esercitazione del

Dettagli

Tali regole vengono attivate in modo automatico al verificarsi di specifici eventi sulla. eseguono azioni sulla base di dati stessa.

Tali regole vengono attivate in modo automatico al verificarsi di specifici eventi sulla. eseguono azioni sulla base di dati stessa. Una base di dati è ATTIVA quando consente la definizione e la gestione di regole attive o trigger. Tali regole vengono attivate in modo automatico al verificarsi di specifici eventi sulla base di dati

Dettagli

Vincoli e Triggers. Vincoli. Tipo di vincoli. Chiavi esterne

Vincoli e Triggers. Vincoli. Tipo di vincoli. Chiavi esterne Vincoli Chiavi esterne Vincoli locali e globali Triggers Leggere capitolo 7 di Garcia- Molina et al. Vincoli e Triggers Un vincolo e una relazione tra dati che il DBMS deve assicurare. Esempio: vincoli

Dettagli

Basi di dati (6) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: T-SQL (1.

Basi di dati (6) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: T-SQL (1. Università di Modena e Reggio Emilia Basi di dati (6) Docente: andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: T-SQL (1.0) 1 Panoramica T-SQL Variabili Controllo di flusso Trattamento errori Print Operatori e funzioni

Dettagli

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari Gubiani & Montanari Il DBMS Oracle 1 Il DBMS Oracle Express Edition Donatella Gubiani e Angelo Montanari Il DBMS Oracle Il DBMS Oracle Oracle 10g Express Edition Il DBMS Oracle (nelle sue versioni più

Dettagli

Vincoli di Integrità

Vincoli di Integrità Vincoli di Integrità Approccio procedurale Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2008-2009 Questi lucidi

Dettagli

SQL non è solo un linguaggio di interrogazione (Query Language), ma. Un linguaggio per la definizione di basi di dati (Data-definition language (DDL))

SQL non è solo un linguaggio di interrogazione (Query Language), ma. Un linguaggio per la definizione di basi di dati (Data-definition language (DDL)) SQL PER LA DEFINIZIONE DI BASI DI DATI 1 SQL non è solo un linguaggio di interrogazione (Query Language), ma Un linguaggio per la definizione di basi di dati (Data-definition language (DDL)) CREATE SCHEMA

Dettagli

SQL PER LA DEFINIZIONE DI BASI DI DATI

SQL PER LA DEFINIZIONE DI BASI DI DATI SQL PER LA DEFINIZIONE DI BASI DI DATI SQL non è solo un linguaggio di interrogazione (Query Language), ma Un linguaggio per la definizione di basi di dati (Data-definition language (DDL)) CREATE SCHEMA

Dettagli

Oracle9i. Sono le dieci di sera, state impazzendo sul database. Indietro nel tempo con. Flashback Query

Oracle9i. Sono le dieci di sera, state impazzendo sul database. Indietro nel tempo con. Flashback Query Nella versione 9i del database più diffuso al mondo sono state aggiunte molte nuove funzionalità, una di queste consente di visualizzare i dati com erano in un determinato istante del passato Indietro

Dettagli

Il linguaggio SQL: transazioni

Il linguaggio SQL: transazioni Il linguaggio SQL: transazioni Sistemi Informativi T Versione elettronica: 4.8.SQL.transazioni.pdf Cos è una transazione? Una transazione è un unità logica di elaborazione che corrisponde a una serie di

Dettagli

PL/SQL PL/SQL. Ordine degli elementi dei triggers di Oracle. Differenze nei triggers. Versione dei trigger e PSM di Oracle

PL/SQL PL/SQL. Ordine degli elementi dei triggers di Oracle. Differenze nei triggers. Versione dei trigger e PSM di Oracle Versione dei trigger e PSM di Oracle Lucidi derivati da quelli di Jeffrey D Ullman Oracle usa una variante di SQL/PSM che si chiama non consente solo di creare e memorizzare procedure e funzioni, ma puo

Dettagli

Vincoli di Integrità

Vincoli di Integrità Vincoli di Integrità Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2010-2011 Questi lucidi sono stati prodotti

Dettagli

Oracle - PL/SQL. Oracle: Prodotti

Oracle - PL/SQL. Oracle: Prodotti Oracle - PL/SQL Introduzione ad Oracle PL/SQL: Elementi di base Tecniche di programmazione uso delle variabili uso dei cursori uso delle funzioni/procedure I/O Oracle: Prodotti SQL*Plus - Interprete di

Dettagli

Silvia Chiusano, Paolo Garza 1

Silvia Chiusano, Paolo Garza 1 Creazione di un trigger Sviluppo ed utilizzo dei trigger in Oracle Silvia Chiusano Paolo Garza CREATE TRIGGER nome_trigger modo evento [OR evento] ON tabella [REFERENCING referenza] [] [WHEN (predicato

Dettagli

SQL Server. SQL server e un RDBMS di tipo client/server che utilizza Transact-SQL per gestire la comunicazione fra un client e SQL Server

SQL Server. SQL server e un RDBMS di tipo client/server che utilizza Transact-SQL per gestire la comunicazione fra un client e SQL Server SQL Server 7.0 1 SQL Server SQL server e un RDBMS di tipo client/server che utilizza Transact-SQL per gestire la comunicazione fra un client e SQL Server 2 Strumenti per la gestione Enterprise Manager

Dettagli

Transazioni in SQL. Nicola Vitacolonna Corso di Basi di Dati Università degli Studi di Udine 4 dicembre 2013

Transazioni in SQL. Nicola Vitacolonna Corso di Basi di Dati Università degli Studi di Udine 4 dicembre 2013 Transazioni in SQL Nicola Vitacolonna Corso di Basi di Dati Università degli Studi di Udine 4 dicembre 2013 1 Introduzione Informalmente, una transazione è una sequenza (arbitrariamente lunga) di operazioni

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

2104 volume III Programmazione

2104 volume III Programmazione 2103 SQLite Capitolo 77 77.1 Utilizzo generale................................. 2104 77.1.1 Utilizzo di sqlite3».......................... 2104 77.1.2 Copie di sicurezza............................ 2106

Dettagli

Nella relazione CINEMA, Nome è chiave secondaria. Nella relazione FILM, CodRegista, e CodProtagonista sono chiavi esterne sulla tabella PERSONE.

Nella relazione CINEMA, Nome è chiave secondaria. Nella relazione FILM, CodRegista, e CodProtagonista sono chiavi esterne sulla tabella PERSONE. Si consideri il seguente schema relazionale, relaivo ad una base di dati per gestire la programmazione cinematografica giornaliera in un certo insieme di cinema: CINEMA(CodC, Nome, Indirizzo, Tel, NSale)

Dettagli

Basi di Dati. S Q L Lezione 5

Basi di Dati. S Q L Lezione 5 Basi di Dati S Q L Lezione 5 Antonio Virdis a.virdis@iet.unipi.it Sommario Gestione eventi Gestione dei privilegi Query Complesse 2 Esercizio 9 (lezione 4) Indicare nome e cognome, spesa e reddito annuali

Dettagli

Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate

Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: SQLd-viste.pdf Sistemi Informativi L-A DB di riferimento

Dettagli

ROUTINE E PROGRAMMAZIONE

ROUTINE E PROGRAMMAZIONE LEZIONE-TSQL-02 TRIGGER E PROCEDURE (VER03 PAG. 1 / 6 LEZIONE-TSQL-02 TRIGGER E PROCEDURE (VER03 T-SQL PROGRAMMAZIONE PARTE SECONDA ROUTINE E PROGRAMMAZIONE In TSQL è possibile definire alcune routine

Dettagli

Introduzione. Dicom in Oracle 11g: gestione e vantaggi

Introduzione. Dicom in Oracle 11g: gestione e vantaggi Introduzione Dicom in Oracle 11g: gestione e vantaggi Agenda Lo scenario del sistema sanitario moderno Cosa è DICOM? Gestione in Oracle dei dati DICOM Vantaggi Lo scenario Per molti anni utilizzo di carta

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati

Informatica Generale Andrea Corradini. 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati Informatica Generale Andrea Corradini 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati Sommario Concetti base di Basi di Dati Il modello relazionale Relazioni e operazioni su relazioni Il linguaggio SQL Integrità

Dettagli

Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate. Versione elettronica: SQLd-viste.pdf

Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate. Versione elettronica: SQLd-viste.pdf Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate Versione elettronica: SQLd-viste.pdf DB di riferimento per gli esempi Imp Sedi CodImp Nome Sede Ruolo Stipendio Sede Responsabile Citta E001 Rossi S01 Analista

Dettagli

Architetture distribuite

Architetture distribuite Architetture distribuite -ARC 1 Basi di dati distribuite a RETE : LAN (Local Area Network) WAN (Wide Area Network) b DBMS : Sistema omogeneo Sistema eterogeneo SYBASE ORACLE DB2 CLIENT -ARC 2 Problemi

Dettagli

Laboratorio Progettazione Web PHP e MySQL - Lezione 9. Andrea Marchetti IIT-CNR andrea.marchetti@iit.cnr.ita 2012/2013

Laboratorio Progettazione Web PHP e MySQL - Lezione 9. Andrea Marchetti IIT-CNR andrea.marchetti@iit.cnr.ita 2012/2013 Laboratorio Progettazione Web PHP e MySQL - Lezione 9 Andrea Marchetti IIT-CNR andrea.marchetti@iit.cnr.ita 2012/2013 Architettura di una applicazione Web Browser Web HTTP Server Web API Dati Presentation

Dettagli

MySQL Procedure, funzioni, trigger e scheduling

MySQL Procedure, funzioni, trigger e scheduling Corso di Laurea in Informatica Base Dati a.a. 2012-2013 MySQL Procedure, funzioni, trigger e scheduling Laboratorio Ing. G. Laboccetta Dott.ssa. V. Policicchio Definizione di stored procedure Una stored

Dettagli

Stored Procedures. Antonella Poggi, Claudio Corona. Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma

Stored Procedures. Antonella Poggi, Claudio Corona. Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Stored Procedures Antonella Poggi, Claudio Corona Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2008-2009 Questi lucidi sono stati

Dettagli

Procedure memorizzate SQL-2003/PSM. Forma base di PSM. Parametri in PSM

Procedure memorizzate SQL-2003/PSM. Forma base di PSM. Parametri in PSM Procedure memorizzate SQL-2003/PSM Procedure memorizzate nel database Programmazione general-purpose Leggere sezione 8.2 di Garcia-Molina et al. Lucidi derivati da quelli di Jeffrey D. Ullman 1 Una estensione

Dettagli

Stored Procedures. Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma

Stored Procedures. Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Stored Procedures Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Stored Procedure e User Defined

Dettagli

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Riccardo Torlone Parte 1: Introduzione Obiettivi La conoscenza della teoria delle basi di dati? No (o non solo) Piuttosto: Come si può affrontare un problema in

Dettagli

TRANSAZIONI DISTRIBUITE TRANSAZIONI

TRANSAZIONI DISTRIBUITE TRANSAZIONI TRANSAZIONI DISTRIBUITE Transazioni distribuite Atomicità di una transazione distribuita Protocollo Two-Phase Commit Gestione dell affidabilità Fallimenti durante il 2PC Gestione della concorrenza Serializzabilità

Dettagli

Biglietti e Ritardi: schema E/R

Biglietti e Ritardi: schema E/R Biglietti e Ritardi: schema E/R Ritardi: Progettazione dello schema di Fatto! Definire uno schema di fatto per analizzare i ritardi; in particolare l analisi deve considerare l aeroporto di partenza, mentre

Dettagli

********************* MODIFICA STRUTTURA DI UNA TABELLA (inserimento di un nuovo campo) ALTER TABLE Personale ADD Nascita date;

********************* MODIFICA STRUTTURA DI UNA TABELLA (inserimento di un nuovo campo) ALTER TABLE Personale ADD Nascita date; CREAZIONE STRUTTURA DI UNA TABELLA by Marinsalta Fausto CREATE TABLE Personale Matricola char(5), Cognome char(30), Nome char(20), Codfis char(16) not null, Assunzione date, Filiale smallint, Funzione

Dettagli

Operazioni scatenanti. Nozione ed uso. Sintassi. Esempio

Operazioni scatenanti. Nozione ed uso. Sintassi. Esempio Nozione ed uso Operazioni eseguite automaticamente ogni volta che avviene un certo evento Uso: Gestione di vincoli di integrità: Per fallimento Per modifica Auditing: Sicurezza Statistiche Valori derivati

Dettagli

Basi di Dati: Corso di laboratorio

Basi di Dati: Corso di laboratorio Basi di Dati: Corso di laboratorio Lezione 2 Raffaella Gentilini 1 / 45 Sommario 1 Il DDL di SQL: Cancellazione ed Aggiornamento di una BD Cancellazione di Schemi, Tabelle, e Domini Aggiornamento di Tabelle

Dettagli

PL/SQL. linguaggio SQL di proprietà di Oracle Lo standard SQL è esteso dai principali sistemi commerciali:

PL/SQL. linguaggio SQL di proprietà di Oracle Lo standard SQL è esteso dai principali sistemi commerciali: PL/SQL Cos è PL/SQL? Il linguaggio procedurale per l estensione del linguaggio SQL di proprietà di Oracle Lo standard SQL è esteso dai principali sistemi commerciali: Da Oracle con PL/SQL (e Java) Da Access

Dettagli

SQL Esercitazione (database e tabelle) Ing. Cosimo Orlacchio

SQL Esercitazione (database e tabelle) Ing. Cosimo Orlacchio SQL Esercitazione (database e tabelle) Ing. Cosimo Orlacchio Linguaggio interattivo - SQL Structured Query Language SELECT Corso, Aula, Piano FROM Aule, Corsi WHERE Aula = N3 AND Piano="Terra" Corso Aula

Dettagli

Basi di dati (8) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: trigger e cursori (1.

Basi di dati (8) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: trigger e cursori (1. Università di Modena e Reggio Emilia Basi di dati (8) Docente: andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: trigger e cursori (1.1) 1 Panoramica Trigger Creazione Tipi di trigger Tabelle inserted/deleted Esempi

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2011-2012

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2011-2012 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2011-2012 2012 Docente: Gigliola Vaglini Docente laboratorio: Alessandro Lori 1 Lezione 3 Structured Query Language

Dettagli

SQL e linguaggi di programmazione

SQL e linguaggi di programmazione SQL e linguaggi di programmazione Complementi di Basi di Dati 1 SQL e linguaggi di programmazione Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine SQL e linguaggi di programmazione

Dettagli

SQL. Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS)

SQL. Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS) 1 SQL Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS) a.a. 2014/2015 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/basi-dati/bd2014-15.htm Dott.ssa Francesca A. Lisi dott.ssa Francesca A.

Dettagli

Basi di dati attive. Paolo Atzeni Stefano Ceri. Basi di dati attive

Basi di dati attive. Paolo Atzeni Stefano Ceri. Basi di dati attive Basi di dati attive Paolo Atzeni Stefano Ceri Basi di dati attive BD con componente per la gestione di regole Evento- Condizione-Azione (regole di produzione): eventi: normalmente modifiche della base

Dettagli

Linguaggio SQL: costrutti avanzati

Linguaggio SQL: costrutti avanzati Linguaggio SQL: costrutti avanzati Gestione delle transazioni Introduzione Transazioni in SQL Proprietà delle transazioni 2 Pag. 1 1 Gestione delle transazioni Esempio applicativo Operazioni bancarie operazione

Dettagli

Aspetti relazionali ad oggetti di Oracle 9i. Il sistema di tipi di Oracle. Tipi oggetto

Aspetti relazionali ad oggetti di Oracle 9i. Il sistema di tipi di Oracle. Tipi oggetto Aspetti relazionali ad oggetti di Oracle 9i 158 Il sistema di tipi di Oracle Non distinct type Tipi oggetto Tipi riferimento Tipi collezione Ereditarietà 159 Tipi oggetto Possibilità di definire tipi oggetto

Dettagli

Le Basi di Dati Attive

Le Basi di Dati Attive Le Basi di Dati Attive Basi di dati: Architetture e linee di evoluzione - Seconda edizione Capitolo 5 Appunti dalle lezioni SQL in Linguaggi di programmazione L uso diretto dell interprete SQL è tipicamente

Dettagli

Prova Scritta di Modelli dei Dati di Nuova Generazione

Prova Scritta di Modelli dei Dati di Nuova Generazione Prova Scritta di Modelli dei Dati di Nuova Generazione 4 Giugno 2008 NOME: COGNOME: Si prega di risolvere gli esercizi direttamente sui fogli del testo, utilizzando protocolli solo nel caso di mancanza

Dettagli

Mon Ami 3000 Produzione interna/esterna Gestione della produzione interna/esterna

Mon Ami 3000 Produzione interna/esterna Gestione della produzione interna/esterna Mon Ami 3000 Produzione interna/esterna Gestione della produzione interna/esterna Introduzione Questa guida illustra tutte le funzioni e le procedure da eseguire per gestire correttamente un ciclo di produzione

Dettagli

Basi di dati. Il Linguaggio SQL. K. Donno - Il Linguaggio SQL

Basi di dati. Il Linguaggio SQL. K. Donno - Il Linguaggio SQL Basi di dati Il Linguaggio SQL Data Definition Language (DDL) Data Definition Language: insieme di istruzioni utilizzate per modificare la struttura della base di dati Ne fanno parte le istruzioni di inserimento,

Dettagli

PROGRAMMA DI CLASSE 5AI

PROGRAMMA DI CLASSE 5AI Istituto di Istruzione Superiore Euganeo Istituto tecnico del settore tecnologico Istituto professionale del settore servizi socio-sanitari Istituto professionale del settore industria e artigianato PROGRAMMA

Dettagli

Basi di dati e Sistemi informativi aziendali

Basi di dati e Sistemi informativi aziendali Sistemi informativi Linguaggio SQL: fondamenti Istruzione SELECT: fondamenti Interrogazioni nidificate Operatori insiemistici Istruzioni di aggiornamento Gestione delle tabelle 2 2007 Politecnico di Torino

Dettagli

MEZZI CodM Tipo Targa AnnoI Assicurato

MEZZI CodM Tipo Targa AnnoI Assicurato Esercizio 1 Si consideri il seguente schema relazionale, relativo alla base di dati di un agenzia di assicurazioni: ASSICURATI(CodA, Nome, Cognome, Indirizzo, Telefono) POLIZZE(CodP, Data, Tipo, CodA,

Dettagli

Basi di dati e sistemi informativi I

Basi di dati e sistemi informativi I Basi di dati e sistemi informativi I mod. laboratorio Alessandro De Luca Università degli Studi di Napoli Federico II Lezione, 11 marzo 2015 Soluzione 1, creazione CREATE TABLE Impiegato ( Cod NUMBER(4),

Dettagli

Corso di Basi di Dati/Laboratorio di Basi di Dati

Corso di Basi di Dati/Laboratorio di Basi di Dati Corso di Basi di Dati/Laboratorio di Basi di Dati ed. 2007-2008 Alfredo Cuzzocrea (ICAR & DEIS, Università della Calabria) 0984-494618 cuzzocrea@si.deis.unical.it http://si.deis.unical.it/~cuzzocrea SITO

Dettagli

DDL, VINCOLI D INTEGRITÁ, AGGIORNAMENTI E VISTE. SQL è più di un semplice linguaggio di interrogazione

DDL, VINCOLI D INTEGRITÁ, AGGIORNAMENTI E VISTE. SQL è più di un semplice linguaggio di interrogazione SQL DDL, VINCOLI D INTEGRITÁ, AGGIORNAMENTI E VISTE SQL è più di un semplice linguaggio di interrogazione! Linguaggio di definizione dati (Data-definition language, DDL):! Crea/distrugge/modifica relazioni

Dettagli

SQL: definizione schema

SQL: definizione schema Si Clienti(codice,nome,indirizzo,p_iva) scriva il SQL che definisce il seguente schema relazionale Prodotti(codice,nome,descrizione,prezzo) SQL: definizione schema Fatture(codice,cliente,data) RigheFattura(codice,fattura,prodotto,quantità,prezzo)

Dettagli

Impresa di raccolta e riciclaggio di materiali metallici e di rifiuti.

Impresa di raccolta e riciclaggio di materiali metallici e di rifiuti. Impresa di raccolta e riciclaggio di materiali metallici e di rifiuti. Indice Cognome Nome Matr.xxxxxx email Cognome Nome Mat. Yyyyyy email Argomento Pagina 1. Analisi dei requisiti 1 a. Requisiti espressi

Dettagli

L architettura di un DBMS

L architettura di un DBMS L architettura di un DBMS sources: Lucidi del corso di Lucidi del corso di Laboratorio di Basi di dati e sistemi informativi, Montesi, Magnani, Corso di laurea in Informatica per il management, Scienze

Dettagli

Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2006/7. Il trattamento dei dati

Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2006/7. Il trattamento dei dati Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2006/7 Il trattamento dei dati database: il linguaggio SQL seconda parte Prof. Valle D.ssa Folgieri Lez9 15.11.06 Trattamento dati. Database: il

Dettagli

Laboratorio Progettazione Web PHP e MySQL. Andrea Marchetti IIT-CNR 2013/2014

Laboratorio Progettazione Web PHP e MySQL. Andrea Marchetti IIT-CNR 2013/2014 Laboratorio Progettazione Web PHP e MySQL Andrea Marchetti IIT-CNR 2013/2014 Architettura di una applicazione Web Browser Web HTTP Server Web API Dati Presentation Application Storage PHP e DataBase Quando

Dettagli

Recovery manager Gestore della affidabilità

Recovery manager Gestore della affidabilità Riferimenti Basi di Dati Complementi Parte 2: Tecnologie per DBMS Parte 2.5: Recovery Manager Trasparenze parte Recovery manager Basi di Dati Atzeni et al. - Capitolo 2.1, 2.2 Anche: Garcia Molina, Ullman,

Dettagli

Documentazione SQL. Argomento Sintassi Note Definizione schema create schema [NomeSchema] [[authorization] Autorizzazione] {DefElementoSchema}

Documentazione SQL. Argomento Sintassi Note Definizione schema create schema [NomeSchema] [[authorization] Autorizzazione] {DefElementoSchema} Documentazione SQL Argomento Sintassi Note Definizione schema create schema [NomeSchema] [[authorization] Autorizzazione] {DefElementoSchema} Definizione tabella Definizione dominio Specifica di valori

Dettagli

Dominio applicativo. Progettazione. v SQL incluso in codice applicativo v Embedded SQL v Cursori v Dynamic SQL v JDBC v Stored procedures

Dominio applicativo. Progettazione. v SQL incluso in codice applicativo v Embedded SQL v Cursori v Dynamic SQL v JDBC v Stored procedures Dominio applicativo (Capitolo 6) v SQL incluso in codice applicativo v Embedded SQL v Cursori v Dynamic SQL v JDBC v Stored procedures Basi di dati 1 Docente Claudia Amari 1 Progettazione PROGETTAZIONE

Dettagli

DESIGNAZIONE: Rappresenta una relazione tra due entità di tipo 1 ad M. Esempio tipico è : REPARTO ------- IMPIEGATO

DESIGNAZIONE: Rappresenta una relazione tra due entità di tipo 1 ad M. Esempio tipico è : REPARTO ------- IMPIEGATO DESIGNAZIONE: Rappresenta una relazione tra due entità di tipo 1 ad M. Esempio tipico è : REPARTO ------- IMPIEGATO (designata) (designante) Viene rappresentata inserendo, nella tabella dell entità designante,

Dettagli

IMPIEGATO(Nome, Salario, DipNum) DIPARTIMENTO (DipNum, NomeManager)

IMPIEGATO(Nome, Salario, DipNum) DIPARTIMENTO (DipNum, NomeManager) BASI DI DATI ATTIVE Esercizio n.1 Dato lo schema relazionale IMPIEGATO(Nome, Salario, DipNum) DIPARTIMENTO (DipNum, NomeManager) definire le seguenti regole attive in SQL:99 T1. Quando un dipartimento

Dettagli

SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE)

SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE) SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE) Prof. Nicoletta D Alpaos & Prof. Andrea Borghesan SQL DDL Data Definition Language DML Data Manipulation Language DCL Data Control Language DDL Obiettivo: Definire la struttura

Dettagli

La gestione della produzione avanzata richiede Mon Ami 3000 Azienda Pro oltre alle opzioni Produzione base e Produzione avanzata.

La gestione della produzione avanzata richiede Mon Ami 3000 Azienda Pro oltre alle opzioni Produzione base e Produzione avanzata. Mon Ami 3000 Produzione avanzata Distinta base multi-livello e lancio di produzione impegno di magazzino, emissione ordini e schede di lavorazione gestione avanzamento di produzione Prerequisiti La gestione

Dettagli

Appunti di MySql. Evoluzione di un tutorial di base di mysql, scritto da Etel Sverdlov.

Appunti di MySql. Evoluzione di un tutorial di base di mysql, scritto da Etel Sverdlov. Appunti di MySql Evoluzione di un tutorial di base di mysql, scritto da Etel Sverdlov. Indice generale avviare la shell mysql...2 comandi SQL per la gestione del database (DDL)...2 visualizzare l'elenco

Dettagli

Il linguaggio PL/SQL

Il linguaggio PL/SQL Il linguaggio PL/SQL Prof. Matteo Golfarelli Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Per approfondimenti: ORACLE 11g Rel. 2 Concepts ORACLE 11g Rel. 2 PL/SQL Language Reference 1 Cos è PL/SQL? Il

Dettagli

DBMS ORACLE 9i I componenti del Database Server Oracle : Strutture di memoria Processi File fisici Directory principali: c:\oracle\admin\\pfile c:\oracle\ora92\database

Dettagli

SQL: concetti base SQL. Definizione dei dati in SQL. SQL: "storia"

SQL: concetti base SQL. Definizione dei dati in SQL. SQL: storia SQL SQL: concetti base originariamente "Structured Query Language", ora "nome proprio" linguaggio con varie funzionalità: contiene sia il DDL sia il DML ne esistono varie versioni vediamo gli aspetti essenziali,

Dettagli

Transazioni - Parte 1

Transazioni - Parte 1 Basi di dati II Lezione 3 09/10/2008 Caputo Domenico Cosimo, Francesco Pichierri Transazioni - Parte 1 Le transazioni hanno a che fare con la programmabilità delle basi di dati. Prima di trattarle è necessaria

Dettagli

Pag. 1. Gestione delle transazioni. Linguaggio SQL: costrutti avanzati. Esempio applicativo. Gestione delle transazioni. Prelievo. Esempio applicativo

Pag. 1. Gestione delle transazioni. Linguaggio SQL: costrutti avanzati. Esempio applicativo. Gestione delle transazioni. Prelievo. Esempio applicativo Gestione delle transazioni Introduzione Transazioni in SQL Linguaggio SQL: costrutti avanzati 2 applicativo Operazioni bancarie operazione di prelievo dal proprio conto corrente mediante bancomat Gestione

Dettagli

RDBMS: panorama attuale. RDBMS: panorama attuale

RDBMS: panorama attuale. RDBMS: panorama attuale RDBMS: panorama attuale Gestiscono e manipolano dati semplici (tabellari) Hanno un linguaggio di interrogazione (SQL) semplice, dichiarativo e standard Tool consolidati per lo sviluppo di applicazioni

Dettagli

Il linguaggio SQL: query innestate

Il linguaggio SQL: query innestate Il linguaggio SQL: query innestate Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: SQLc-subquery.pdf Sistemi Informativi L-A DB di riferimento

Dettagli

Gestione delle tabelle

Gestione delle tabelle Linguaggio SQL: fondamenti Creazione di una tabella Modifica della struttura di una tabella Cancellazione di una tabella Dizionario dei dati Integrità dei dati 2 Creazione di una tabella (1/3) Si utilizza

Dettagli

Il quarto tipo di blocco PL/SQL con nome è il trigger.

Il quarto tipo di blocco PL/SQL con nome è il trigger. Capitolo 10 Trigger di database 10.1 Tipi di trigger 10.2 Creazione di trigger 10.3 Tabelle mutanti 10.4 Sommario Il quarto tipo di blocco PLSQL con nome è il trigger. I trigger condividono molte delle

Dettagli

Modello relazionale. ing. Alfredo Cozzi 1

Modello relazionale. ing. Alfredo Cozzi 1 Modello relazionale E fondato sul concetto matematico di relazione tra insiemi di oggetti Una relazione su n insiemi A1, A2,..,An è un sottoinsieme di tutte le n-uple a1,a2,,an che si possono costruire

Dettagli

Esercitazione. Costruzione di una base di dati relativa alla gestione del magazzino di un distributore all ingrosso.

Esercitazione. Costruzione di una base di dati relativa alla gestione del magazzino di un distributore all ingrosso. Esercitazione Costruzione di una base di dati relativa alla gestione del magazzino di un distributore all ingrosso. 10/03/2010 SQL, Definizione e interrogazione 2 Prima tabella Ci sono diversi capannoni.

Dettagli