PIANO DI COMUNICAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI COMUNICAZIONE 2013-2015"

Transcript

1 S.C. COMUNICAZIONE E RELAZIONI ESTERNE Dirigente Responsabile Dr. Mauro DEIDIER PIANO DI COMUNICAZIONE SOMMARIO 1) Introduzione e strategie di riferimento 2) Principi fondamentali 3) Obiettivi e finalità 4) Ambiti della comunicazione e relativi target di riferimento 5) L Ufficio Relazioni con il Pubblico 6) Paper less e innovazione 7) Strumenti della comunicazione 8) Rilevazione bisogni informativi 9) Attivazione azioni di comunicazione 10) Programma delle iniziative annuali 11) La misurazione dei risultati 12) Il percorso di comunicazione in qualità 13) Il sistema delle sponsorizzazioni aziendali e marketing sociale 14) Comunicazione e sistema di ascolto 15) Comunicazione e terzo settore 16) Regole di semplificazione del linguaggio 17) Normativa di riferimento 1

2 1) INTRODUZIONE E STRATEGIE DI RIFERIMENTO Il Piano di comunicazione aziendale è lo strumento che serve a programmare e coordinare le azioni di comunicazione istituzionale dell A.S.L. TO3 nel triennio di riferimento. Indica gli obiettivi, gli strumenti, gli attori, i target di riferimento e le modalità di reperimento delle risorse. Il presente Piano di comunicazione si pone quindi l obiettivo di correlare logicamente fra di loro le variabili citate permettendo all azienda di presidiare la comunicazione in modo professionale e con una visione strategica di insieme. Il piano di comunicazione rappresenta uno degli strumenti con cui l organizzazione rende note e valorizza le scelte e le iniziative poste in essere dall Azienda nonché definisce ed aggiorna periodicamente gli obiettivi, i contenuti, gli strumenti, i tempi di attuazione e le modalità di verifica delle proprie iniziative di comunicazione. In ossequio alla Legge 150/2000 Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni tutte le attività di informazione e di comunicazione svolte in modo istituzionale dall Azienda sono ricomprese in modo coordinato ed integrato nel presente Piano di comunicazione. La comunicazione diventa quindi parte integrante dell azione aziendale, così come previsto altresì dalla direttiva 7 febbraio 2002 della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Funzione Pubblica. La Regione Piemonte ha definito nei Piani socio-sanitari di riferimento l attività di comunicazione come attività strategica delle aziende sanitarie. Conseguentemente l Azienda considera di importanza strategica la comunicazione intesa sia come attività di relazione fra l Azienda ed il cliente esterno ovvero i rappresentanti delle istituzioni ed i cittadini/utenti, sia fra l Azienda ed il cliente interno ovvero gli operatori aziendali. Le strategie previste nel Piano di comunicazione devono peraltro essere coerenti con lo scenario organizzativo e normativo esistente nel sistema sanitario pubblico regionale e locale in vigore al momento dell approvazione e per tutto il periodo di riferimento, assicurando la necessaria elasticità di intervento e prevedendo i necessari aggiornamenti/modifiche in relazione al periodico riordino funzionale del sistema medesimo. Pertanto, come ogni programmazione, anche quella contenuta nel piano di comunicazione, non potrà inoltrarsi nello specifico dettaglio delle azioni da svolgere rimandando l indicazione analitica delle iniziative da adottare ai singoli programmi di comunicazione annuali. Il piano di comunicazione presidia e coordina una specifica parte delle comunicazioni aziendali, nella fattispecie quella che viene definita la comunicazione istituzionale, tenuto conto che è insita nella professione sanitaria ed anche amministrativa/tecnica la costante e quotidiana comunicazione con il cittadino/paziente relativa ai percorsi di diagnosi e cura od ai servizi resi dall azienda alla collettività dei cittadini. Il processo di comunicazione non è rappresentato dalla mera esigenza di dare le notizie : è infatti parte integrante dei processi decisionali della Direzione Aziendale ; gli atti di governo aziendale e per produrre efficaci risposte nei comportamenti dei cittadini, dopo essere adottati richiedono di essere resi noti e compreso dalla collettività dei cittadini stessi e dei portatori di interesse. La capacità di informare coinvolgere ed orientare i cittadini alla salvaguardia della propria salute ed alla appropriata fruizione dei servizi sanitari è un passaggio indispensabile nel percorso di gestione aziendale. Un efficace comunicazione aziendale, sia interna sia esterna, consente infatti ricadute positive non solo sulla percezione della qualità del servizio reso al cittadino, ma sul miglioramento reale della qualità dei servizi a cominciare dalla loro più razionale fruizione. L ambito di riferimento contenuto nel piano di comunicazione è riconducibile alle attività svolte dalla Direzione aziendale principalmente attraverso la specifica struttura di Comunicazione e relazioni esterne. Il coordinamento della comunicazione aziendale secondo gli indirizzi contenuti nel presente piano si rende importante anche alla luce della notevole dimensione aziendale con problematiche e sedi di servizio articolate su di un territorio ampio nel quale operano molteplici istituzioni ed organi di informazione. 2

3 Afferiscono all ambito della comunicazione aziendale tutte le attività di relazione con il pubblico, organizzate istituzionalmente nell ambito dell URP ad iniziare dalla la gestione dei reclami e manifestazioni di disagio, le segnalazioni ed attestazioni di soddisfazione dei cittadini, le informazioni agli utenti sulla fruizione di servizi e strutture, i sistemi di accoglienza nei Presidi ospedalieri di riferimento, l ufficio stampa e la gestione dei rapporti con gli organi di informazione, l ufficio progetti ed il sistema di ascolto e rilevazione del grado di soddisfazione sui servizi erogati, la relazione e coinvolgimento del Terzo settore ed organismi di volontariato territoriale. Rientra altresì fra gli strumenti della Comunicazione istituzionale il sistema delle sponsorizzazioni pubblicitarie aziendali, stante la stretta connessione di sostegno e finanziamento delle attività di comunicazione stesse con l obiettivo che tutte le attività svolte nell area comunicazione non rappresentino costi aggiuntivi per l azienda. In applicazione della citata normativa (L.150/2000) la Direzione aziendale adotterà entro la data prevista per la definizione dei budget di struttura il programma specifico delle iniziative di comunicazione per l anno successivo, procedendo in tale occasione ad integrare e/o aggiornare, qualora necessario, i contenuti del presente Piano di comunicazione aziendale; a scadenza il piano di comunicazione continuerà ad essere considerato riferimento per tutte le attività di comunicazione fino all approvazione del nuovo piano od alla conferma di quello esistente per il triennio successivo. Principio e strategia di fondo a cui deve essere improntata ogni comunicazione aziendale, a qualunque destinatario si rivolga (es. mediante i mass media), è rappresentata dalla necessità di assicurare la massima veridicità delle notizie diramate, ad evitare di preannunciare progetti ed iniziative future senza la certezza che vengano effettivamente svolte, a valorizzare iniziative e progetti solo se effettivamente realizzati o la cui attuazione è imminente e sicura al fine di evitare la percezione di strumentalizzare la comunicazione a fini meramente di immagine aziendale non sorretta da effettivi e solidi riscontri oggettivi; ciò al fine di perseguire l obiettivo della massima credibilità e considerazione da parte dei destinatari delle comunicazioni. La comunicazione rappresenta una leva per sostenere partnership istituzionali e fra pubblico e privato per facilitare l attivazione di politiche di salvaguardia e sviluppo dei servizi in logiche integrate sul territorio di riferimento. La scelta delle strategie utilizzate nella comunicazione aziendale consiste nella traduzione degli obiettivi prefissati, in azioni e strumenti di comunicazione. Il presente piano intende rappresentare il complesso di azioni, strumenti ed iniziative da attivare in modo coordinato e trasparente per conferire alla comunicazione aziendale maggiore efficacia e per conseguire i risultati attesi. 3

4 2) PRINCIPI FONDAMENTALI In via generale, le attività di informazione e di comunicazione nell A.S.L. vengano svolte in attuazione dei principi che regolano in generale la trasparenza e l efficacia dell azione amministrativa. L Azienda Sanitaria nell utilizzare la comunicazione come strategia nelle relazioni sia fra l Azienda ed il cliente esterno ovvero i cittadini/utenti, sia fra l Azienda ed il cliente interno ovvero gli operatori aziendali individua, come proprio sistema di valori, i principi cui ispirarsi nella organizzazione e gestione dei servizi offerti al cittadino,comprese le attività di comunicazione. Questi sono: Centralità della persona - La persona nella sua globalità e nella pluralità dei fattori che concorrono al suo benessere psicofisico e sociale, è al centro degli interessi dell Azienda ed è assunta a costante punto di riferimento per la programmazione, l organizzazione, la gestione ed il controllo delle attività aziendali. Ogni strategia ed iniziativa nell ambito della comunicazione deve tenere in primaria considerazione il presente principio. Uguaglianza ed imparzialità - I cittadini accedono alle prestazioni senza distinzioni e privilegi. La tutela della salute è un diritto fondamentale garantito a tutti. Nessuno può essere discriminato nel diritto all assistenza sanitaria per motivi di sesso, età, razza, convinzioni etiche, religiose, politiche, filosofiche, condizioni patologiche, sociali, economiche giuridiche. In tal senso la comunicazione e l informazione deve essere in grado di raggiungere con imparzialità e capillarità tutte le fasce di popolazione del territorio. Continuità Ai cittadini-utenti è garantita la continuità delle prestazioni necessarie, senza interruzione nello spazio e nel tempo. A tal fine l Azienda promuove l integrazione delle cure primarie rese dai Medici di Famiglia con quelle erogate a livello distrettuale, ospedaliero e dipartimentale, avendo particolare riguardo alle esigenze dei cittadini portatori di patologie acute e croniche, convalescenti e lungodegenti. In tal senso la comunicazione deve garantire con costanza l informazione ai cittadini. Diritto di scelta - I cittadini utenti hanno diritto alla libera scelta del Medico di Fiducia e del soggetto erogatore di prestazioni diagnostiche e specialistiche, con oneri a carico dell Azienda se le prestazioni sono rese da strutture dell Azienda o da esse accreditate. Partecipazione - L Azienda ritiene la partecipazione ed il contributo informato dei cittadini, delle Associazioni di volontariato alla gestione dei problemi di salute uno strumento di sviluppo della democrazia e del miglioramento dei servizi. Promuove pertanto azioni di comunicazioni mirate ed efficaci al fine di migliorare la fruizione dei servizi sanitari. In taluni ambiti (es. terzo settore) la comunicazione tende a coinvolgere e rendere partecipi gli interlocutori aziendali. Efficienza ed Efficacia - Le attività, le prestazioni e i trattamenti erogati dalle Strutture Sanitarie dell Azienda sono finalizzate all effettiva risoluzione dei bisogni sanitari (efficacia), valutando, allo stesso tempo, le risorse impiegate per erogare tali prestazioni (efficienza). Trasparenza - Chiunque ne abbia motivato interesse, può avere accesso agli atti dell Azienda, con le modalità ed i limiti previsti dalle vigenti disposizioni. Allo stesso modo il sistema di comunicazione aziendale assicura l assoluta trasparenza delle scelte e delle scelte aziendali informando tempestivamente i cittadini. Equità - l Azienda è consapevole che i cittadini più deboli e svantaggiati sono i naturali destinatari del SSN e quelli che possono trarre maggior vantaggio dai suoi servizi, mentre sono tra coloro che meno li utilizzano. Essa, pertanto, è impegnata a modulare e orientare l offerta dei suoi servizi proprio per accrescerne le opportunità di fruizione da parte di questi cittadini. 4

5 3) OBIETTIVI E FINALITÀ Il Piano di comunicazione dell A.S.L. è concretamente correlato con gli obiettivi strategici della programmazione e dell organizzazione aziendale. Essi sono: sviluppo di una coerente strategia di comunicazione, effettuata in modo costante, coordinato ed integrato; sviluppo e gestione professionale e sistematica della comunicazione esterna in particolare nei rapporti con gli organi di informazione; realizzazione di un sistema continuo di flussi/processi di comunicazione interna/esterna, sia per migliorare la qualità dei servizi e l efficienza organizzativa, sia per un pieno coinvolgimento degli operatori nel cambiamento, stimolando in tal senso lo spirito di appartenenza all Azienda; ottimizzazione dei costi e dell impiego delle risorse finanziarie attraverso la pianificazione e il monitoraggio delle attività di informazione e comunicazione, alle quali consegue una migliore fruizione dei servizi; In particolare, con riferimento all articolazione fra comunicazione interna ed esterna, gli obiettivi della comunicazione aziendale sono i seguenti. Comunicazione interna: Rispondere in modo coordinato ai bisogni informativi interni; Diffondere la cultura dell appartenenza e della condivisione degli obiettivi aziendali; Assicurare le informazioni aziendali necessarie per il migliore svolgimento dei servizi; Favorire i rapporti interpersonali fra la Direzione aziendale, la Dirigenza e gli operatori coinvolti; Assicurare le informazioni sugli obiettivi, le strategie e la mission dell Azienda; Fornire gli stimoli diretti verso comportamenti ed azioni connesse con il miglioramento della qualità dei servizi; Partecipare in modo razionale ed informato ai processi di razionalizzazione dell attività svolta incrementando l efficacia e l efficienza organizzative; Diffondere le informazioni scientifiche e normative utili al perseguimento di attività in linea con l innovazione ed il perseguimento dell eccellenza; Assicurare la chiarezza dei ruoli attraverso la definizione e descrizione dei processi di comunicazione interna; Favorire la circolazione delle informazioni sulle scelte aziendali, sull organizzazione, sugli obiettivi della direzione, sulle problematiche gestionali in corso di trattazione di particolare rilevanza aziendale. Consentire la conoscenza di iniziative e progetti di particolare rilevanza anche al fine di favorire l attivazione di comportamenti emulativi delle eccellenze aziendali; Determinare la circolazione di informazioni sui fatti che accadono in ambito sanitario mediante la diffusione di news e rassegne stampa a distribuzione capillare (Intranet) capillare ed a valenza quotidiana. Progressiva abolizione comunicazioni cartacee a favore della comunicazione digitale. Comunicazione esterna: Promuovere una corretta e diffusa informazione circa le modalità di utilizzo dei servizi sanitari, tecnici ed amministrativi dell Azienda; Orientare il cittadini ad avvalersi in modo corretto, informato dei servizi ; Assicurare un informazione immediata, costante ed aggiornata in tempo reale circa le novità organizzative, normative, e logistiche inerenti i servizi erogati; Garantire al cittadino l esercizio di diritti di informazione di accesso e di partecipazione previsti dalle norme di riferimento. Ottimizzare l efficienza e l efficacia dei servizi attraverso il miglioramento dell appropriatezza del ricorso a prestazioni sanitarie. 5

6 Contribuire nel promuovere l adozione di comportamenti e stili di vita in grado di favorire la salvaguardia dello stato di salute. Assicurare un costante raccordo informativo con Enti ed Istituzioni del territorio anche al fine di attivare sinergie comunicative rispetto alla collettività degli assistiti; Assicurare la chiarezza dei ruoli attraverso la definizione e descrizione dei processi di comunicazione esterna ; Rendicontare pubblicamente le azioni intraprese, la relativa l efficacia e le modalità di intervento anche attraverso la predisposizione di specifici Bilanci di mandato. Progressiva abolizione comunicazioni cartacee a favore della comunicazione digitale. 4) AMBITI DELLA COMUNICAZIONE E RELATIVI TARGET DI RIFERIMENTO E importante e preliminare definire la segmentazione dei pubblici di riferimento in aree e gruppi omogenei e significativi da raggiungere con diverse azioni di comunicazione. Gli ambiti della comunicazione aziendale previsti sono: Comunicazione interna La comunicazione interna rappresenta la strategia e lo strumento teso a favorire il processo di integrazione necessario per una messa in rete comunicativa degli operatori appartenenti a tutti i servizi sanitari,tecnici, amministrativi e professionali. Il processo di comunicazione interna, partendo dalla Direzione aziendale, coinvolge la Dirigenza e successivamente tutti gli operatori, così da rispondere in modo coordinato e capillare ai molteplici bisogni informativi interni a tutto vantaggio del miglioramento del servizio erogato al cittadino-utente. Gli attori e destinatari della comunicazione interna sono costituiti dalla Direzione Aziendale, dai Direttori e Responsabili di Dipartimento e di Struttura, dai Dipendenti, dalle Organizzazioni Sindacali Aziendali, dai Medici di medicina generale e Pediatri di libera scelta, dai Medici specialisti convenzionati, dalle Associazioni ed Istituzioni del Terzo Settore in ambito sanitario e di Volontariato operanti sul territorio. La comunicazione interna è da intendersi comunicazione organizzativa in quanto insieme di azioni ed informazioni inerenti le iniziative e le attività svolte e programmate in Azienda. Inoltre, la comunicazione interna, favorendo i rapporti interpersonali, facilita il processo di appartenenza e di coinvolgimento degli operatori, sostenendo il miglioramento organizzativo. In definitiva la comunicazione all interno dell organizzazione ha lo scopo di motivare i dipendenti verso i valori e l etica che caratterizza l organizzazione stessa favorendo il miglioramento della qualità dei servizi erogati. Comunicazione esterna La comunicazione esterna si propone, nel quadro di tutela dei cittadini stessi, (secondo principi e modalità contenute nella Carta dei servizi e nel presente Piano di Comunicazione), di attuare un modello di comunicazione tra l Azienda e l esterno che è rivolta ai cittadini /utenti e può essere sia diretta sia attraverso i mass-media consentendo di: - rendere più mirato il ricorso all assistenza sanitaria pubblica facilitando la fruibilità delle prestazioni ; - migliorare l appropriatezza del ricorso alle prestazioni sanitarie stesse diminuendo sprechi e riducendo i tempi di attesa; - assicurare la trasparenza gestionale e l accesso agli atti; - corresponsabilizzare i cittadini stessi, informandoli delle problematiche sanitarie, circa la comune necessità di migliore allocazione e l utilizzo delle risorse disponibili. Il target di riferimento per la comunicazione esterna è costituito dai rappresentanti delle istituzioni locali (es. Sindaci) e territoriali, dai rappresentanti degli enti afferenti al settore sanitario e sociale (istituti convenzionati, enti gestori servizi sociali ecc.), dai giornalisti di riferimento, dai rappresentanti del terzo settore, dalla generalità dei cittadini e delle relative organizzazioni ecc. 6

7 La comunicazione esterna non deve mai sconfinare nella propaganda ovvero nel perseguire obiettivi di mero miglioramento dell immagine ; in tal senso la comunicazione esterna non deve essere unidirezionale bensì integrarsi con la possibilità per l azienda di ascoltare e recepire le istanze e le osservazioni provenienti dalla collettività degli assistiti. Particolarità significativa della comunicazione esterna è la comunicazione istituzionale che è costituita dal processo bilaterale di rapporti comunicativi intercorrente fra l Azienda e gli enti, organismi ed associazioni esterne: organi Ministeriali, Regione Piemonte, Amministrazioni pubbliche locali, Aziende pubbliche e private, Associazioni di volontariato, altre AA.SS.LL. / AASSOO, Federazioni sanitarie, Organizzazioni Sindacali, ecc. La comunicazione istituzionale è lo strumento con il quale l A.S.L. assicura il mantenimento di un costante raccordo con le citate istituzioni assicurando la bi-direzionalità dei messaggi, la certezza di riscontro alle comunicazioni ed alle richieste inviate e ricevute dalle istituzioni esterne da e verso l A.S.L.. 5) L UFFICO RELAZIONI CON IL PUBBLICO L Ufficio Relazioni con il Pubblico rappresenta uno strumento strategico e qualificante del sistema di comunicazione aziendale, individuato dalla normativa attuale come struttura specifica dedicata alle attività di comunicazione e relazioni con il pubblico (Decreto Lgs. 3 febbraio 1993, n l art. 12, ora art. 11 Decreto Lgs. 30 marzo 2001, n. 165 e Legge 7 giugno 2000, n. 150) e collocandosi all interno della cultura della trasparenza amministrativa e dell attenzione verso la qualità dei servizi ed il rapporto fra istituzioni e cittadini. All URP spetta il compito di garantire l esercizio dei diritti di informazione, di accesso e di partecipazione dei cittadini, agevolare l utilizzo dei servizi offerti e garantire l ascolto, lo scambio e la comunicazione fra l azienda ed i cittadini ed all interno dell azienda. In particolare l Ufficio Relazioni con il Pubblico articola i propri compiti attraverso le funzioni di informazione, 7

8 accoglienza, tutela e partecipazione, gestendo direttamente i rapporti con il Cittadino attraverso le seguenti tipologie di contatto: Informazione Reclamo / segnalazione da parte del cittadino, attraverso il quale egli comunica con l azienda manifestando un disagio e una insoddisfazione e suggerendo un miglioramento. Ringraziamento per il servizio. Azione di sostegno immediato al cittadino, in particolare attraverso i punti di Accoglienza Ospedaliera. L URP dell A.S.L. TO3, che fa parte integrante della S.C. Comunicazione e relazioni esterne e al quale afferiscono le attività di coordinamento e di organizzazione strategica del servizio, è articolato su due sedi più importanti ( Collegno e Pinerolo), e su alcune sedi periferiche, che comprendono sia Uffici di Relazioni con il Pubblico sia punti di Accoglienza presso le principali strutture ospedaliere in particolare Pinerolo e Rivoli. E necessario attivare una rete aziendale nella quale presso ogni Distretto sia presente un riferimento URP, appartenente in modo funzionale al distretto medesimo ma operante in stretto coordinamento con l URP aziendale. L attività di informazione di svolge con continuità principalmente attraverso i punti di Accoglienza e la gestione diretta dei siti web e intranet, nonché attraverso i vari strumenti dal telefono alla gestione delle mail nonché tradizionali documenti quali per es. la carta dei servizi, i vademecum, l house organ ecc. che a cadenza periodica vengono realizzati in accordo con la Direzione Aziendale. L ascolto dei cittadino passa quindi attraverso la gestione dei reclami, delle segnalazioni e delle manifestazioni di ringraziamento, che seguono percorsi interni presidiati secondo i principi della Qualità e rappresentano uno degli strumenti principali di promozione di azioni di miglioramento del servizio reso ai cittadini. 6) PAPER LESS E INNOVAZIONE Il sistema della comunicazione deve essere improntato ad una gestione digitale dei processi di comunicazione e della documentazione in genere attraverso l attuazione di un quadro di riferimento innovativo e previsto nelle regole di ogni pubblica amministrazione. In particolare l Azienda si impegna al pieno rispetto del Codice dell Amministrazione digitale (D.leg.vo n. 235/2010) che prevede l attivazione di strumenti e sistemi quali ad esempio la posta elettronica certificata, la gestione documentale informatizzata, la firma digitale, la conservazione sostitutiva, il reperimento della modulistica on line, la trasmissione digitale di immagini, la trasparenza dei siti, l accesso e fruizione dei servizi on line, i pagamenti elettronici, la sicurezza digitale, il protocollo informatico ecc. l presente piano non approfondisce tali temi, limitandosi unicamente a richiamare l importanza nell utilizzo di strumenti utili alla dematerializzazione dei processi documentali per il raggiungimento di benefici di efficienza e miglioramento della produttività del personale, economicità, condivisione delle informazioni, miglioramento rapidità e snellimento dei servizi ai cittadini ecc. È necessario nel tempo monitorizzare costantemente la situazione documentale non soltanto per rilevare i margini effettivi di risparmio economico derivante dalla progressiva digitalizzazione, ma anche per individuare aree di attività nelle quali non è ancora sufficientemente sviluppata. Da tenere presente che, stante l indice di anzianità notevolmente elevato nella popolazione dell A.S.L. TO3 specie nelle aree montane, è necessario evitare l eccessiva informatizzazione dei servizi a tutti i livelli, mantenendo sempre attivi alcuni canali di comunicazione tradizionale cartacea per consentire la necessaria accessibilità a tutte le fasce di popolazione. SISTEMI DI CONNETTIVITÀ E DI FONIA VOIP - La tecnologia VOIP (Voce tramite protocollo Internet)), pur esulando dalla presente trattazione deve venire richiamata per l importanza che, 8

9 un sistema telefonico aziendale su rete informatica, rappresenta per la comunicazione e la connettività fra le sedi. L azienda sanitaria nel periodo di riferimento del presente piano porterà a regime, su tutte le principali sedi la connessione VOIP. Il sistema VOIP si integra rapidamente con i processi aziendali ottimizzando e razionalizzando il modo di interazione fra le persone, consentendo fra l altro notevoli risparmi sui costi telefonici. Alcune innovazioni nella comunicazione che di seguito vengono richiamate si avvalgono anche della tecnologia VOIP. CONFERENCE CALL AUDIO AUTOMATICA - La Conference Call Audio Automatica è un sistema di comunicazione innovativo, utile da sviluppare in prospettiva in azienda per consentire a Dirigenti e Dipendenti ovunque collocati come sede, di riunirsi in una conferenza telefonica senza dover logisticamente spostarsi ; ciò è particolarmente importante in un azienda articolata su numerose sedi e con un ampio territorio di riferimento. Può essere attivata in ogni momento, senza bisogno di alcuna prenotazione e in totale autonomia, sia da telefono fisso che da cellulare, comunicando semplicemente ai partecipanti i Numeri per l'accesso telefonico e il Codice Conferenza. Non c'è limite di durata ed è possibile collegare in genere fino a 100/120 partecipanti in contemporanea. Si prevede lo sviluppo in prospettiva di tale sistema di comunicazione in azienda in quanto : è ideale sia per le comunicazioni ricorrenti sia occasionali è di semplice attivazione ed utilizzo con qualsiasi apparecchio telefonico aziendale (fisso o mobile) fornisce una Sala Virtuale completamente riservata e sempre a disposizione attiva 24/24 h e 7/7gg., senza prenotazione può essere attivata in pochi secondi, in modo del tutto autonomo guida i partecipanti nelle semplicissime fasi di accesso attraverso una voce registrata nella lingua prescelta non pone limiti alla durata delle conferenze può essere gestita in modo molto semplice dalla tastiera del telefono oppure attraverso il Pannello di Controllo on-line consente al Moderatore di generare nuovi codici qual'ora decidesse di non voler più utilizzare quelli assegnati in fase di attivazione consente la registrazione della conferenza e la possibilità di scaricare sul proprio PC il file audio della registrazione Le Conference Call Solo Audio Automatiche non hanno costi di attivazione né di mantenimento. L unico costo avviene "a consumo", ovvero solo quando si effettuano Conferenze. I costi sono trasparenti e sono dati dalla semplice formula: costo del servizio x minuti di Conferenza x numero dei Partecipanti. In questo modo l Azienda può sempre monitorare e prevedere i costi che dovrà sostenere per ogni Conferenza. WEB CONFERENCE - La Web Conference (conferenza via web) è uno strumento molto efficace che può in prospettiva venire utilizzato in Azienda e permette a alla Direzione ed ai Dirigenti/Dipendenti di incontrarsi e interagire in una vera e propria Sala Riunioni Virtuale ovunque essi siano collocati senza doversi spostare dalla propria sede di lavoro. Infatti, oltre che parlarsi, come nella classica Conferenza Audio, i partecipanti possono anche assistere a presentazioni, condividere files, applicazioni e desktop, fare sessioni di Domande e Risposte, partecipare a web-tour, lavorare insieme sulla lavagna e su qualsiasi tipo di file in tempo reale, come se si trovassero nella stessa sala riunioni. Inoltre, è possibile gestire tutti i controlli audio direttamente tramite interfaccia web, senza utilizzare la tastiera del telefono. Bastano un telefono e un computer connesso ad Internet, senza dover acquistare alcun tipo di software. 9

10 La Web Conference è ideale per riunioni, presentazioni, e qualsiasi altra attività dove la visualizzazione e/o condivisione di documenti e files e l'interazione fra i partecipanti rivestono un ruolo importante. In sintesi, la Web Conference permette di: Organizzare riunioni virtualie spedire inviti, già inclusivi di tutte le informazioni (data e ora, link per accedere alla Piattaforma, numeri da chiamare) attivare incontri immediati, in tempo reale e stabilire i livelli di sicurezza per gli accessi ; gestire tutti i comandi audio direttamente dalla consolle web senza dover ricorrere alla tastiera del telefono ; registrare la conferenza e renderla disponibile per consultazioni future ; mostrare e condividere presentazioni, documenti, web tour, lavagna, applicazioni e quant'altro presente sul PC nonché condividere il desktop passare il controllo ai Partecipanti in fase di conferenza e consentire loro di intervenire e modificare documenti o scrivere sulla lavagna attivare sessioni istantanee di Domande e Risposte ; fare questionari, votazioni ed e- learning interagire pubblicamente o privatamente con il Moderatore e consentire ai Partecipanti di essere chiamati direttamente dalla Piattaforma vedere la mappa della platea e comunicare visivamente salvare e stampare il contenuto della presentazione La Web Conference rappresenta costi molto contenuti di attivazione e gestione 7) STRUMENTI DELLA COMUNICAZIONE Per l attuazione del Piano di Comunicazione l A.S.L. utilizza tutti gli strumenti tipici della comunicazione sia pubblica, sia privata ; secondo l attività e la relativa tipologia di azione che si intende svolgere, vengono individuati gli strumenti ritenuti più efficaci per raggiungere i target di utenza corrispondenti agli obiettivi prefissati. Fra gli strumenti e le azioni di comunicazione rientrano anzitutto i siti WEB ed Intranet aziendali, che sono considerati strategici e prioritari, l editoria informativa / newletter con particolare riferimento a quella non cartacea, la predisposizione di depliant, pieghevoli, manifesti murali,i mezzi audio-televisivi, la costruzione di data base e mailing list dei pubblici di riferimento con relativo costante aggiornamento, la conferenza e la carta dei servizi,la visual identity, i convegni ed i seminari scientifico-informativi ecc. Nell ambito del sito WEB è pubblicato l albo pretorio dell azienda che contiene la pubblicazione degli atti deliberativi e determine aziendali. Costituiscono occasioni permanenti di comunicazione anche gli organi ed organismi istituzionali interni ed esterni quali ad esempio la Conferenza e Rappresentanza dei Sindaci, il Collegio di Direzione, il Consiglio dei Sanitari, la Conferenza di partecipazione. Strumento significativo della comunicazione, in particolare interna è costituito dalla Rete Aziendale Mobile RAM e dal sistema VOIP che vengono gestite secondo le regole approvate in accordo con il relativo soggetto gestore. E possibile per la Direzione aziendale attivare un sistema di comunicazione telefonica interna mediante l invio periodico di SMS a specifiche categorie di dipendenti assegnatari della RAM (es. Direttori strutture, Coordinatori/ quadri ecc.). L azienda inoltre ottempera in modo puntuale ed esaustivo alle regole di trasparenza indicate dal Ministero per la Funzione Pubblica. L UFFICIO STAMPA - Nella gestione degli strumenti citati, nell ambito della Comunicazione aziendale, assume particolare rilevanza la funzione dell Ufficio stampa dell Azienda che costituisce riferimento e strumento di connessione fra l azienda il sistema dei mass media,le istituzioni e l organizzazione aziendale. L Ufficio stampa è organizzato nel rispetto di quanto 10

11 previsto dalla Legge 150/2000. Il Responsabile dell ufficio stampa assicura la massima reperibilità in particolare per i giornalisti di riferimento con cui intrattiene rapporti professionali di stretta collaborazione improntati alla reciproca fiducia e cordialità, assicurando il riscontro certo ai quesiti posti, la veridicità dei dati e delle informazioni fornite, il rispetto dei tempi giornalistici, la necessaria elasticità di orario. I responsabili delle strutture e delle funzioni aziendali sono tenuti a loro volta a riscontrare le necessità e le richieste di informazione inoltrati dall ufficio stampa aziendale al fine di consentire il riscontro ai giornalisti di riferimento od il necessario reperimento delle notizie aziendali. Sono tenuti altresì a considerare di primaria importanza la necessità di valorizzare notizie, progetti, iniziative ed attività che possano rappresentare utile informazione all interno ed all esterno dell azienda, anche in un ottica di valorizzazione del lavoro svolto dai rispettivi collaboratori e nel rispetto della necessaria trasparenza ed informazione. L ufficio stampa, assicura da una parte la necessaria trasparenza in ossequio al diritto di cronaca, dall altra la necessaria privacy dei pazienti, in particolare evitando la divulgazione di notizie afferenti dati sensibili in merito allo stato di salute delle persone in carico ai servizi sanitari. Come regola, peraltro caratteristica di tutte le aziende pubbliche e private, è di fondamentale importanza mantenere un coordinamento unico e professionale per le notizie e le informazioni da diramare all esterno; tale coordinamento appartiene alla Direzione Aziendale che lo esercita direttamente ed avvalendosi della preposta struttura di Comunicazione e relativo ufficio stampa; in tal senso anche al fine di evitare la diffusione di notizie scoordinate, contraddittorie, non sufficientemente aggiornate o non veritiere, o suscettibili di strumentalizzazione a favore o contro l azienda, il singolo dipendente, a qualunque profilo appartenga, deve astenersi quindi dal diramare autonomamente notizie ed informazioni aziendali dirette all esterno (ad es. organi di informazione ecc.) avendo come interlocutore il proprio responsabile di servizio il quale è abilitato ad intrattenere i necessari e ricorrenti rapporti con la direzione aziendale ed il relativo sistema di comunicazione. Le conseguenze derivanti dal mancato coordinamento della comunicazione, come accertato in letteratura fra le irrinunciabili regole di comunicazione di ogni azienda di medio-grandi dimensioni pubblica o privata, sono evidenti e determinano continuamente il fatto che troppe fonti si appropriano del diritto di comunicare spesso senza conoscere i fatti con rischio di contraddittorietà delle informazioni fornite, che la direzione aziendale apprenda impropriamente le notizie della propria azienda dai media, ecc. Nel sistema dei mass media l azienda differenzia i messaggi (diffusi prevalentemente per via digitale) calibrandoli alla loro specifica destinazione; viene considerata l estrema importanza dei giornali a diffusione locale, i quali presentano una diffusione capillare nella popolazione di riferimento e pertanto richiedono la costante ed ampia consegna di notizie inerenti la gestione sanitaria dell area interessata. L ufficio stampa presta attenzione al contatto con i giornalisti di riferimento ed alle giornate settimanali di uscita dei giornali locali. Al pari vengono considerati interlocutori mediatici di rilievo i gestori delle WEB TV e dei sistemi radio televisivi del territorio. Al fine di consentire ai giornalisti di riferimento il proficuo utilizzo delle notizie diramate, la fascia oraria ottimale per la divulgazione dei comunicati è quella mattutina, fatte salve notizie di urgente diffusione. 11

12 I COMUNICATI STAMPA - Classica espressione di attività dell Ufficio stampa è la redazione periodica di comunicati stampa; i comunicati stampa, predisposti secondo le regole della comunicazione mediatica sono tempestivi, capillari, veritieri, attendibili, ed esaustivi delle più importanti notizie da divulgare. i comunicati si dividono in comunicati stampa veri e propri ed in Informazioni Scientifiche. I comunicati hanno come filo conduttore la divulgazione della notizia, che deve avere caratteristiche di estrema attualità e spendibilità mediatica, non devono essere autoreferenziali e devono essere strettamente aderenti alla realtà; in ogni comunicato occorre indicare i recapiti aziendali per ogni eventuale approfondimento. I comunicati inerenti notizie di grande rilievo aziendale vanno accompagnati da comunicazione telefonica o mail o SMS ai giornalisti di riferimento per segnalare l importanza della comunicazione inviata. I comunicati devono venire integrati ed arricchiti con immagini fotografiche, grafici, istogrammi, tabelle riportanti l evidenza oggettiva di quanto contenuto nel comunicato stesso. L obiettivo è infatti quello di consentire al giornalista di disporre della documentazione necessaria per 12

13 assegnare alla notizia la più ampia possibile rilevanza. Infatti nel sistema giornalistico locale vige il seguente presupposto: i giornali devono essere scritti e riempiti i giornali hanno bisogno continuamente di notizie la sanità fa notizia i giornali hanno bisogno di notizie sanitarie Pertanto è evidente il reciproco interesse fra l azienda ed il sistema dei media locali di prestare particolare attenzione nel fornire continuamente e con trasparenza notizie inerenti l attività dell azienda, in particolare quelle di impatto sanitario sui cittadini. Caratteristiche dei comunicati stampa aziendali - Le principali caratteristiche dei comunicati stampa aziendali sono le seguenti: i comunicati devo essere veritieri, attuali, tempestivi, non autoreferenziali, derivanti da fonte autorevole e dichiarata, mirati al target di riferimento, coerenti con gli atti del sistema, coordinati con gli interlocutori di riferimento, tecnicamente corretti, esaustivi; occorre improntarne il contenuto in modo tale da intercettare l attenzione del lettore e consentire una immediata percezione circa le notizie che si propone di diramare. LA FONTE DELLE NOTIZIE - Di estrema importanza è la fonte delle notizie per l ufficio stampa ed in generale per la comunicazione aziendale; se la fonte ufficiale può essere rappresentata in primis dalla Direzione aziendale e dall adozione formale di deliberazioni e determinazioni, non tutte le notizie in azienda sono portate all attenzione della Direzione o sono oggetto di approvazioni formali; infatti la molteplicità pressoché quotidiana di incontri, riunioni, rappresenta una significativa occasione per individuare e valorizzare notizie diffondendole alla collettività; subentra pertanto la necessità che il sistema delle responsabilità aziendali (direttori e responsabili di struttura, quadri) si pongano continuamente nell ottica non solo di fare ma anche di far sapere fornendo con costanza e tempestività alla Direzione ed all ufficio stampa aziendale le notizie da predisporre e diramare. Potrà venire prevista una rete di referenti interni della comunicazione (opportunamente formati ed aggiornati sulle modalità aziendali di comunicazione), appartenenti ai vari settori di attività, che possono costituire interfaccia dell Ufficio stampa rispetto al lavoro svolto nei vari servizi nell evidenziare le notizie di quanto accade di significativo per la collettività degli assistiti. CONFERENZE STAMPA Le conferenze stampa vengono organizzate dall Ufficio stampa nei casi di notizie o progetti di notevole importanza ed impatto pubblico; l Area territoriale dell A.S.L. TO3 essendo ricca di testate giornalistiche locali ed estremamente scarsa di sistemi Radio Televisivi locali (a differenza della Metropoli cittadina) non si presta in modo ottimale alla convocazione di Conferenze stampa pertanto occorre valutare con attenzione l opportunità o meno di avvalersi di tale sistema di comunicazione. 13

14 L ARCHIVIO FOTOGRAFICO È di notevole importanza per ogni azienda, come per l A.S.L. TO3, la conservazione di una memoria storica aziendale; in tal senso la struttura di Comunicazione, in ambito URP, costruisce nel tempo e conserva l aggiornamento in archivio, di un insieme di immagini fotografiche inerenti le fasi, i passaggi i momenti più significativi vissuti negli anni dall azienda e dalle sue risorse umane e professionali: inaugurazioni, cantieri, equipe specialistiche al lavoro, attrezzature, sedi, ecc. ecc. Tale archivio viene continuamente utilizzato in occasione della predisposizione di comunicati stampa, opuscoli, serate, depliant, attività scientifiche, seminari ecc. Al momento di approvazione di questo Piano di Comunicazione l A.S.L. TO3 dispone di un archivio fotografico composto da circa immagini. Del pari il sistema di comunicazione aziendale deve essere attrezzata con le necessarie dotazioni di lavoro sia in termini di professionalità si di attrezzature quali stampanti laser a colori, scanner, software e programmi di grafica (es. In design, photoshop ecc.), videoproiettori ecc. il tutto a disposizione delle strutture aziendali in occasione di eventi di comunicazione. LE BACHECHE AZIENDALI - Particolare attenzione viene riposta, fra gli strumenti della comunicazione, nella gestione delle bacheche informative aziendali, poste in prossimità dei terminali di bollatura dei dipendenti, le quali costituiscono occasione per diffondere costantemente informazioni aziendali in aggiunta agli strumenti citati. In particolare le bacheche di informazione sono di 3 tipologie: 1) bacheche della Direzione generale, gestite dalla S.C. Comunicazione che contiene tutte le comunicazione che intende fornire alla collettività dei dipendenti la Direzione Aziendale; 2) le bacheche di servizio, utilizzate dalle strutture aziendali per circolari e comunicazioni di servizio; 3) le bacheche assegnate alle organizzazioni sindacali, gestite ed aggiornate dalle medesime, per esercitare la possibilità di comunicare con i dipendenti. VISUAL IDENTITY La visual identity si riferisce all immagine che l azienda ha o cerca di procurarsi presso i propri pubblici di riferimento (Cittadini, istituzioni, dipendenti ecc.) La visual identity è l insieme coordinato di espressioni comunicative con la quale l azienda si distingue e si rende univocamente riconoscibile. Comprende il logotipo che nel caso dell A.S.L. TO3 è stato realizzato in collaborazione con la Regione Piemonte al fine di renderlo uniforme (nei significati e nel codice cromatico) nel 14

15 contesto complessivo della sanità pubblica regionale, il sistema della cartellonistica statica o digitale, interna ed esterna, che deve avere un coordinamento di impostazione unico in qualunque sede aziendale, comprende l impostazione del sito WEB e della intranet, i loghi apposti sulle sedi e sui beni dell azienda quali parco automezzi, la stessa grafica riconoscibile e conosciuta che contraddistingue opuscoli, newletter, manifesti e pieghevoli in quanto ad impostazione, colori, abbinamenti ecc. L immagine aziendale coordinata, è il modo con cui manifestare l identità dell azienda, il volto e la sua voce, e per tale scopo è ricondotta alla Direzione Aziendale che la esercita attraverso gli strumenti della Comunicazione. I caratteri salienti che contraddistinguono la visual identity nell A.S.L. TO3 sono l originalità, la visibilità,la semplicità, l alta qualità grafica, la costanza grafica nel tempo, la protezione legale e la presenza sul WEB. MAILING LIST AZIENDALI -La necessità di diramare informazioni e notizie sia all interno che all esterno dell azienda rende indispensabile la predisposizione ed il continuo aggiornamento di una capillare mailing list contenente i recapiti di tutti gli interlocutori di riferimento al fine di rendere immediate, economiche e mirate le comunicazioni aziendali sia interne sia esterne fra i quali : Direttori e responsabili di struttura, titolari di funzioni di coordinamento e posizioni aziendali, dipendenti anche articolati per servizi, organizzazioni sindacali comparto e dirigenza, Medici di famiglia e Pediatri di libera scelta, Sindaci e rappresentati delle istituzioni pubbliche e private del territorio, organizzazioni del Terzo Settore e del volontariato sanitario, giornalisti di riferimento, servizi collaterali quali soggetti gestori dei servizi sociali, comunità montane, altre aziende sanitarie regionali, semplici iscritti alla mailing che richiedono di ricevere le comunicazioni aziendali ecc. Le mailing list aziendali in particolare quella contenente i recapiti dei dipendenti e dei servizi aziendali devono venire espressamente utilizzate in modo esclusivo per comunicazioni di servizio aziendali quale espressione autorizzata e disposta dalla direzione aziendale e dai responsabili delle strutture e servizi di rispettiva pertinenza fatta esclusione per ogni diverso utilizzo. IL SITO WEB - Il sito web aziendale è lo strumento principale di comunicazione esterna. È strutturato in tre aree principali. Quella centrale, aggiornata quotidianamente, evidenzia le novità e le news aziendali. Nella parte sinistra i vari box raccolgono informazioni sulla struttura e sull organizzazione dell Azienda: territorio e popolazione, principali sedi, distretti, elenco delle strutture e dei responsabili, trasparenza ecc. La parte destra invece è riservata ai servizi on 15

16 line e alle informazioni ai cittadini: prenotazioni, ricoveri, pronto soccorso, vaccinazioni, consultori, servizi per bambini e adolescenti, donne, anziani e così via. La gestione del sito web aziendale è demandata alla S.C. Comunicazione e relazioni esterne, cui fa capo la figura del web master; la S.C. Comunicazione e relazioni esterne in condivisione e secondo le indicazioni della Direzione aziendale decide strategicamente i contenuti del sito e la loro organizzazione, mentre le varie strutture aziendali hanno la responsabilità di mantenere aggiornate le informazioni di loro competenza, attraverso la S.C. Comunicazione che ne cura la pubblicazione. L intero sito è costruito in base a criteri di semplicità e massima leggibilità, conformi anche alle norme internazionali WAI W3C. IL SITO INTRANET A.S.L. TO3 Il sito intranet è dedicato alla comunicazione interna ed è considerato lo strumento strategico principale e più efficace per raggiungere la totalità dei dipendenti. Analogamente al sito web, la intranet è strutturata in tre aree principali: a sinistra la descrizione dell azienda, con informazioni e documenti ufficiali su organizzazione, territorio ecc; al centro le novità, con i comunicati stampa aziendali ed altre novità di carattere organizzativo e sanitario; a sinistra i servizi per i dipendenti: modulistica, link utili, formazione, sicurezza sul lavoro ecc. Come per il sito web esterno, anche per la intranet aziendale la gestione fa capo alla S.C. Comunicazione, che in condivisione e 16

17 secondo le indicazioni impartite dalla Direzione aziendale ne decide strategicamente i contenuti e la loro organizzazione. Le varie strutture aziendali hanno la responsabilità di mantenere aggiornate le informazioni di loro competenza, attraverso la S.C. Comunicazione che ne cura la pubblicazione. BILANCIO DI MISSIONE / MANDATO Periodicamente (un anno un triennio) in corrispondenza con la durata dell incarico del Direttore Generale viene messo a punto il Bilancio di missione nel quale vengono presentate in modo sistematico tutte le iniziative e le attività più significative realizzate nel periodo considerato. L obiettivo del bilancio di missione non è quello dell autocelebrazione bensì essenzialmente quello di informazione pubblica e di rendicontazione sociale, affinché tutti i portatori di interesse (stakeholder) possano prendere conoscenza delle problematiche affrontate e delle relative soluzioni adottate ovvero come sono state investite le risorse umane e finanziarie disponibili per il raggiungimento degli obiettivi preposti. Lo spirito del documento non è quello di relazionare sul regolare svolgimento delle attività di istituto, bensì quello di focalizzare l attenzione sugli aspetti progettuali più innovativi finalizzati a migliorare sempre più la risposta ai bisogni di salute della popolazione di riferimento. Il Bilancio di missione, essendo un documento ampio e corposo e dovendo essere necessariamente a colori rappresenta un costo significativo che l Azienda dovrà azzerare mediante la preventiva ricerca di sponsorizzazioni pubblicitarie a totale copertura dei costi medesimi. Il bilancio di attività può essere presentato in occasione dell organizzazione di Convention aziendali, che prevedono la possibilità per i dirigenti e dipendenti dell azienda di partecipare, ascoltare ed intervenire. Le conferenze di servizio hanno lo scopo di analizzare pubblicamente l avvenuto raggiungimento dei risultati e degli obiettivi di programma e di assumere impegni per il futuro in merito ai servizi erogati ai cittadini. VADEMECUM DELLA SALUTE / GUIDA AI SERVIZI/ CARTA DEI SERVIZI Le norme di riferimento prevedono l adozione ed l aggiornamento annuale della carta dei servizi; in A.S.L. TO3 è stata adottata la carta dei servizi, contenente i principi, la mission, i valori di riferimento ecc. e poi periodicamente vengono predisposti specifici vademecum della salute o Guide ai servizi che costituiscono di fatto aggiornamenti della citata carta dei servizi; il vademecum/ Guida ai servizi, rappresenta il risultato della puntuale e capillare ricognizione ed aggiornamento, effettuato dall URP, circa l attività, i recapiti e le novità organizzative che devono venire portate a conoscenza dei cittadini per una corretta fruizione dei servizi. Il vademecum viene pubblicato sul sito WEB dell azienda e viene distribuito in formato cartaceo ai portatori di interesse (Sindaci, Associazioni, Medici e Pediatri di Famiglia ecc.) nonché reso disponibile presso i servizi di accoglienza front office. 17

18 LA CARTA ETICA - L azienda ha effettuato un percorso etico che ha coinvolto attivamente Dirigenti e i Dipendenti e che si è concluso con la pubblicazione della Carta Etica aziendale. Tale documento, frutto del lavoro degli stessi dipendenti, è stato consegnato ai dipendenti stessi e costituisce un documento contenente i principi ed i valori a cui tutti devono ispirare le proprie azioni di servizio ed attività quotidiane a qualunque profilo appartengano. La carta Etica ha rappresentato un notevole sforzo nell ambito delle relazioni e della comunicazione interna ed ha comportato alcune iniziative attraverso le quali viene mantenuto viva l importanza dell etica nel lavoro, attualmente in corso. 8) RILEVAZIONE DEI BISOGNI INFORMATIVI Di notevole rilevanza, al fine di fornire ad ogni azione di comunicazione la dovuta efficacia esterna è la rilevazione dei bisogni informativi effettuata coinvolgendo, mediante questionari ed altri sistemi di rilevazione a campione, i destinatari delle azioni di comunicazione interna ed esterna. Le risultanze della iniziative di rilevazione dei bisogni informativi potranno determinare la necessità, nel tempo, di modificare e/o implementare quanto previsto nel presente Piano, al fine di renderlo sempre aggiornato ed aderente alle necessità, nonché verranno tenute in considerazione nella formulazione dei programmi annuali delle azioni di comunicazione. La rilevazione dei bisogni informativi viene effettuata attraverso specifiche iniziative previste nello stesso programma annuale delle azioni di comunicazione. 9) ATTIVAZIONE DELLE AZIONI DI COMUNICAZIONE Nell A.S.L.TO3 le azioni di comunicazione interne od esterne vengono attivate dalla Direzione Generale, dalla S.C. Comunicazione e Relazioni esterne e possono venire proposte da tutti i Responsabili e/o Direttori di funzioni aziendali; vengono predisposte e diramate, previa condivisione del Direttore Generale avvalendosi della citata struttura di Comunicazione... Si richiama in tal senso la circolare della Regione Piemonte-Assessorato alla Sanità prot. n. 713/96 tuttora vigente, recante disposizioni in materia di rapporti con i mezzi di informazione la quale testualmente dispone : Il Direttore Generale dell Azienda sanitaria deve essere preventivamente informato di qualsiasi dichiarazione resa ai mezzi di informazione dagli operatori dell Azienda. In applicazione del presente Piano è prevista, nell ambito del Sistema di qualità Aziendale la conseguente descrizione dei processi di comunicazione interna ed esterna. 10) PROGRAMMA DELLE INIZIATIVE ANNUALI Il presente Piano di comunicazione, a valenza pluriennale viene declinato in singoli programmi annuali redatti dalla S.C. Comunicazione e relazioni esterne e preventivamente condivisi con la Direzione Aziendale. Tali programmi abbinano l elenco delle singole iniziative e progetti da attuare nell anno di riferimento con i budget che si rendono disponibili comprese le risorse derivanti dalle sponsorizzazioni pubblicitarie. Nei programmi annuali vengono indicati anche gli obiettivi assegnati dalla Direzione aziendale alla struttura di Comunicazione. I programmi annuali rispettano le strategie, gli indirizzi ed il contenuto del presente piano di comunicazione, e sono oggetto di pubblicazione sui siti aziendali. 18

19 11) LA MISURAZIONE DEI RISULTATI Periodicamente viene effettuata, previa predisposizione di idonea metodologia, azione di verifica e misurazione dei risultati e dell efficacia delle azioni di comunicazione, assumendo indicatori di riferimento quali ad esempio il numero e la tipologia di articoli pubblicati a seguito di rispettivi comunicati stampa, le azioni di replica pubblicate a seguito di notizie non corrispondenti alla realtà dei fatti, le modalità di gestione di notizie negative per l immagine e per la reputazione dei servizi aziendali, il risalto mediatico raggiunto da azioni di comunicazione inerenti singole iniziative o qualificanti progetti aziendali ecc. E prevista in tal senso specifica reportistica annuale alla Direzione aziendale sia in ambito ufficio stampa, sia in ambito di attività appartenenti al contesto della comunicazione quali l URP ed il sistema di ascolto. 12) IL PERCORSO DELLA COMUNICAZIONE IN QUALITÀ La S.C. Comunicazione e relazioni esterne è struttura certificata ISO 9001/08 nell ambito del sistema di gestione qualità aziendale. Il processo di comunicazione che deriva dal presente Piano, è altresì ricompreso nel sistema di certificazione, pianificato in A.S.L. TO3 ed è sinteticamente rappresentabile dal seguente diagramma. 13) IL SISTEMA DELLE SPONSORIZZAZIONI AZIENDALI E MARKETING SOCIALE In azienda è attivo un sistema finalizzato a reperire risorse economiche aggiuntive mediate le sponsorizzazioni pubblicitarie, L obiettivo del sistema è quello di reperire risorse in modo tale da azzerare i costi diretti della comunicazione istituzionale nonché far fronte a specifiche e particolari esigenze in materia di innovazione, miglioramento della qualità e risparmio rispetto agli stanziamenti così come previsto dalla normativa di riferimento. Il sistema di sponsorizzazione viene gestito dalla S.C. Comunicazione e Relazioni esterne. E adottato un Regolamento, è attivo un Comitato etico, è vigente un contratto-tipo, un tariffario, il tutto pubblicato sui siti aziendali. Le sponsorizzazioni sono gestite direttamente dall azienda che comunque si avvale altresì della collaborazione di agenzie accreditate così come previsto nel regolamento medesimo. 19

20 Del sistema di sponsorizzazioni fa parte il fundraising, ovvero la ricerca di fondi finalizzati al raggiungimento di specifici obiettivi nell ambito di progetti ad hoc. I contratti di sponsorizzazione sono approvati con determina del Dirigente della S.C. Comunicazione e Relazioni esterne. Parallelamente con il mantenimento del sistema delle sponsorizzazioni rientra l interesse dell Azienda nel riconoscere l importanza strategica di attivare un sistema di sviluppo di marketing sociale come insieme coordinato di azioni per orientare il reperimenti di risorse verso obiettivi di miglioramento e salvaguardia della salute basata sulla costruzione di un sistema di alleanze locali per la salute fra le istituzioni del territorio, il mondo delle imprese e le istituzioni sanitarie. Richiamando quanto indicato dal centro di documentazione per la promozione della salute (DORS) Il marketing sociale suscita un interesse crescente nella prevenzione e promozione della salute in quanto strumento utile a favorire la scelta libera e consapevole di comportamenti salutari. Elemento chiave del marketing sociale è il messaggio che ha la funzione di evidenziare i vantaggi derivanti dall'adesione al comportamento/idea proposti e di ridurre le barriere (percezione dei costi psicologici, economici, di tempo ed energia) che ostacolano il cambiamento. Un intervento di marketing sociale è più efficace se il messaggio è rinforzato da altri interventi concomitanti orientati ai medesimi destinatari: quelli educativi per l'apprendimento di conoscenze e competenze per migliorare le proprie scelte di salute (empowerment), interventi organizzativi e ambientali che facilitino le scelte, l'attivazione di alleanze e la creazione di interventi integrati con i diversi attori della comunità. L Azienda si propone quindi l adozione di strumenti e logiche di marketing anche per contribuire a migliorare l efficacia delle azioni di salvaguardia della salute ed appropriatezza nella fruizione del servizio sanitario pubblico. 14) COMUNICAZIONE E SISTEMA DI ASCOLTO La Comunicazione aziendale è strettamente correlata con il Sistema di ascolto che ne fa parte integrante; in azienda è attivo un sistema di ascolto strutturato e coordinato nell ambito dell Ufficio progetti, il quale attraverso strumenti attendibili (es. questionari) verifica periodicamente la qualità dei servizi e delle cure percepita dai cittadini/pazienti sia nell ambito dell Assistenza ospedaliera sia territoriale/ domiciliare. Le rilevazioni effettuate dal sistema di ascolto, sono oggetto di reportistica condivisa con la Direzione aziendale ed i Responsabili delle strutture di riferimento, e costituiscono la base per l attivazione di specifiche azioni correttive e di miglioramento, svolte dai singoli servizi in collaborazione con la struttura di riferimento per la qualità aziendale che monitorizza le azioni medesime. Le indagini di soddisfazione in azienda non vengono quindi realizzate come singole azioni, bensì costituiscono un sistema permanente e coerente con gli obiettivi e le strategie di ascolto della Direzione Aziendale. Fa parte delle iniziative del sistema di ascolto la possibilità per i cittadini ed i dipendenti dell Azienda di accedere per particolari problematiche inerenti l attività dell azienda e dei servizi, a colloquio diretto con il Direttore Generale dell Azienda (customer relationship management); di tale possibilità viene data notizia con evidenza sulla home page dei siti WEB e Intranet. 15) COMUNICAZIONE E TERZO SETTORE Afferisce alle attività svolte nell ambito della comunicazione aziendale il coinvolgimento diretto del Terzo settore nell ambito del tavolo permanente a ciò dedicato, denominato Conferenza 20

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito Pagina 1 di 13 - MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito SOMMARIO MZ GROUP pag. 3 MZ CONGRESSI S.RL. pag. 4 PIANIFICAZIONE 1. Scelta della sede congressuale pag. 5 2. Gestione pratica ECM (Educazione

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI 1 OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI QUESITO (posto in data 31 luglio 2013) pongo un quesito relativo alla organizzazione gerarchica delle strutture operative semplici e semplici

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Applicazione gestionale progettata per gestire tutti gli aspetti di palestre, centri sportivi e centri benessere Sicuro Personalizzabile

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE OBIETTIVO OPERATIVO DESCRIZIONE ATTIVITA' SOGGETTI RESPONSABILI INDICATORI TARGET 2.1.1 2.1.2 Ottimizzazione della Struttura Organizzativa Adozione di un nuovo Organigramma e Funzionigramma della Direzione

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

2) comprare il dominio www.nomescuola.gov.it. il link è il seguente: http://hosting.aruba.it/fullorder/registrazione_gov_it.asp

2) comprare il dominio www.nomescuola.gov.it. il link è il seguente: http://hosting.aruba.it/fullorder/registrazione_gov_it.asp Come specificato dalla Direttiva N.8/2009 del Ministero della Pubblica Amministrazione e Innovazione, la registrazione di nomi a dominio.gov.it è richiesta a tutte le Pubbliche Amministrazioni, al fine

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli