!Yhwh, Is 2,12; Ez 30,3) e una volta come

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "!Yhwh, Is 2,12; Ez 30,3) e una volta come"

Transcript

1

2 .576 GIORNO DEL SIGNORE SOMMARIO - I. Introduzione. Il. Antico Testamento: 1. Terminologia; 2. I testi profetici: a. Epoca preesilica, b. Epoca esilica, c. Epoca postesilica; 3. Caratteristiche; 4. Origine; S. Messaggio. III. Nuovo Testamento: l. Terminologia; 2. Le novità neotestamentarie; 3. Le scadenze temporali. N. Conclusione. I - Introduzione - "Giorno del Signore" è un'espressione tipica della letteratura profetica; il rilievo che essa riceve nell'ambito dell'escatologia dell'at è tale che alcuni vi hanno visto l'espressione dell'escatologia profetica tout court. Fino a pochi decenni fa l'accento maggiore veniva posto sull'individuazione della sua origine, poiché quando l'espressione appare la prima volta sembra già ampiamente nota. Gli studi più recenti si concentrano invece maggiormente sul significato del tema quale emerge dall'esame dei testi profetici, studiati in se stessi e nel contesto della letteratura profetica. Gli autori neotestamentari aggiungono all'espressione contenuti cristologici che arricchiscono il tema di significati nuovi e inaspettati. ie II - Antico Testamento - 1. TERMINO LOGIA- Come dicevamo sopra, l'espressione "giorno del Signore" (yom Yhwh) è attestata solo nella letteratura profetica. Compare la prima volta in Am 5,18, l'ultima in Ml 3,23. Sedici volte si trova nella forma "giorno del Signore" (yom Yhwh), due in quella di "un giorno per il Signore" (yom!yhwh, Is 2,12; Ez 30,3) e una volta come variante di quest'ultima forma con l'interposizione del verbo "venire": «Un giorno

3 577 viene per il Signore» (yom-bti' /Yhwh, Zc 14,1). A queste, che sono le più pertinenti per lo studio critico del tema, si possono aggiungere le espressioni che, per meglio precisarne il contenuto, tra "giorno" e "Signore" aggiungono termini come "vendetta", "ira", ecc_ Infine, altri termini, anche senza la presenza del nome di Dio, uniti a "giorno", lo caratterizzano come tempo di giudizio nel suo aspetto negativo: giorno di ira, di vendetta, di tribolazione; di oscurità) nubi, tempesta; di battaglia, sterminio, rovina, sconvolgimento, sventura, corruzione, indigenza, ecc. ll sostantivo "giorno" allo stato costrutto ha quasi sempre un significato temporale: è il giorno o, più in generale, il momento in cui si colloca questo o quell'evento. Quando poi è determinato da un pronome personale o da un nome proprio, il suo senso è pregnante e ha il significato di giorno per eccellenza nella vita di un uomo. Nel caso in cui il nome retto è Dio non vengono mai usati né 'adontiy né 'elohfm, ma sempre e solo il tetragramma sacro Yhwh. 2. I TESTI PROFETICI - a. Epoca preesiiictj. - La più antica attestazione del giorno del Signore si trova nel cuore del libro di Amos (Am 5,18), il primo dei profeti scrittori, attivo nel regno del Nord verso la metà dell'viii sec. a.c., là dove la predicazione del profeta raggiunge il suo apice. In un' epoca di relativo benessere economico e di stabilità politica la classe dirigente di Israele si dà al lusso e all'abuso di potere a spese dei poveri, aggravando l'ingiustizia sociale. Eppure si vive nella sufficienza religiosa: dato che le regole del culto sono osservate alla perfezione e i santuari sono gremiti di pellegrini, ci si crede in buoni rapporti con Dio, tanto da desiderarne il "giorno", cioè la sua venuta, come un evento positivo. Ma Amos si premura di spegnere ogni attesa ottimistica: «Guai a voi che bramate il giorno del Signore! Che mai gioverà a voi il giorno del Signore? Esso te nebra sarà, e non luce» (Am 5,18). Il pro- GIORNO DEL SIGNORE feta non nega l'intervento del Signore nel suo "giorno", ma esclude che porti salvezza, richiamata dalla simbologia della luce. Per Amos esso realizza ciò che il Signore aveva minacciato al termine di due oracoli di denuncia serrata: <<Prepàrati a incontrare il tuo Dio, Israele» (Am 4,12); e <<In tutte le vigne vi sarà lamento, perché io passerò in mezzo a te, ha detto il Signore>> (Am 5,17). Il giorno del Signore sarà dunque il giorno del giudizio e del rendiconto, e avrà necessariamente le modalità del castigo, perché non sono stati accolti i richiami precedenti (<<Non tornaste fino a me>>: Am 4, ). La simbologia delle tenebre, evocate in Am 5,18-20 e 8,9-10, rimanda al caos primordiale e quindi a uno scenario di morte, distruzione e lamento. In un contesto di denuncia di peccati sociali si colloca anche un oracolo di Isaia (Is 2,6-22), dove il giorno del Signore sarà un giorno di giudizio e di punizione del popolo orgoglioso: «Poiché il Signore degli eserciti ha un giorno contro tutto ciò che è altero e superbo, contro tutto ciò che è elevato per umiliarlo» (Is 2,12). Allora le relazioni tra Dio e l'uomo saranno completamente e permanentemente mutate: «Sarà abbassata l'alterigia dei mortali e umiliato l'orgoglio degli uomini; solo il Signore sarà esaltato in quel giorno>> (Is 2,17; cfr. anche 2,9.11). Dio potrà intervenire direttamente, oppure suscitare eserciti nemici quali esecutori dei suoi piani. Un secolo dopo, durante il regno di Ciosia, Sofonia con la formula del giorno del Signore annuncia il tragico giudizio che incombe su Giuda e Gerusalemme: <<Giorno di collera, quel giorno, giorno di angustia e di tribolazione; giorno di turbine e tempesta, giorno di tenebre e caligine; giorno di nubi e di oscurità, giorno di squilli e grida di battaglia, sulle città fortificate e sulle torrette d'angolo elevate!>> (Sof 1,15-16). Con Sofonia il dies irae è ormai formula stereotipa; di suo il profeta esplicita che si tratta del giorno del giudizio cosmico, in cui la collera del Signore colpisce in modo

4 GIORNO DEL SIGNORE cruento gli abitanti di Gerusalemme e tutti gli uomini perché hanno peccato contro di lui (cfr. Sof 1, ). b. Epoca esili ca - Durante l'esilio babilonese Ezechiele con "giorno del Signore" si riferisce alla caduta di Gerusalemme. Egli rimprovera la mancanza di responsabilità dei falsi profeti: «Non siete stati sulla breccia né avete eretto mura per la casa d'israele, per resistere nella battaglia, il giorno del Signore (Ez 13,5). Is 13, databile al tempo dell'esilio, vede nel giorno del Signore invece la fine di Babilonia, che è decretata e messa in atto dal Signore. A questo scopo dà ordine ai suoi consacrati e chiama un esercito di guerra da un paese lontano, dall'estremo orizzonte, quale strumento della sua collera: ccurlate, perché è vicino il giorno del Signore, esso viene come una devastazione voluta dall'onnipotente [...} per fare della terra un deserto e sterminare da essa i peccatori» (Is 13,6.9). Contro paesi stranieri sono diretti anche gli oracoli di Ez 30 e del libretto di Abdia, che con tale espressione minacciano la rovina dell'egitto e di Edom. c. Epoca postesilica- Già l'oracolo di Abdia contiene elementi che saranno sviluppati dai profeti postesilici: la punizione di Edom assume un valore simbolico e universale, è il simbolo del giudizio «contro tutte le nazioni» (Abd 15). Ha però anche un risvolto positivo, in quanto Israele, almeno per un resto, ne beneficerà in termini di salvezza. L'annuncio del giorno del Signore costituisce il tema dominante del libro di Gioele, ma con sottolineature diverse nelle due parti. Nella prima parte (Gl 1-2) si riferisce a una sciagura storica (un'invasione di cavallette) che colpisce Israele, mentre nella seconda (Gl 3-4) ha una portata apocalittico-escatologica e si concretizza in un giudizio punitivo sulle nazioni pagane nella valle della Decisione (Gl 4,14). Il castigo, tuttavia, non è totale: la condotta penitente del popolo induce il Signore a sospendere l'avanzata delle cavallette (cfr. Gl 2,18-27) e nel giorno della punizione 578 delle nazioni sono annunciati per Israele la riconciliazione con il Signore e l'inizio di un'era paradisiaca (cfr. Gl4,16b-21). Zc 14 descrive l'adunata di tutte le genti alle porte di Gerusalemme per la battaglia escatologica. In un primo tempo «la città sarà presa, gli edifici saranno saccheggiati, le donne violentate. La metà dei cittadini andrà in esilio» (Zc 14,2). Appena però «il Signore uscirà a combattere contro quelle genti (Zc 14,3), la sorte della battaglia muterà in favore del popolo di Dio. Allora saranno i popoli a essere puniti. Ma neanche per loro sarà la fine, perché Gerusalemme diventerà il centro religioso di tutte le genti (cfr. Zc 14,6). Il testo di Zaccaria non contiene soltanto la novità della conversione delle nazioni, ma lascia cadere anche i tratti di terrore, sterminio e oscurità: «In quel giorno s' estinguerà la luce, non vi sarà più né freddo né gelo. Sarà un giorno straordinario, noto so lo al Signore; non vi sarà né giorno né notte e anche alla sera vi sarà luce. [... ] Il Signore sarà re sopra tutta la terra. In quel giorno il Signore sarà unico e unico sarà il suo nome» (Zc 14,6-7.9). L'ultima menzione del giorno del Signore si trova nel penultimo versetto di Malachia. La finale del libro (Ml 3,22-24) costituisce un'appendice del redattore finale e serve come conclusione non solo del corpus profetico ma dell'intero AT. Richiamando l'annuncio dell'invio del messaggero di M1 3,1, la finale identifica tale messaggero con Elia, e la venuta del Signore con il giorno del Signore: «Ecco, io vi invio Elia il profeta, prima che venga il giorno del Signore, grande e spaventoso!» (Ml 3,23). La venuta del Signore in mezzo al suo popolo è per un giudizio definitivo, che avrà dunque un effetto del tutto differenziato per giusti ed empi. La purificazione compiuta in quel giorno dal Signore giudice è comunque in vista della conversione. 3. CARATTERISTICHE- Anche se compare in contesti storici e letterari diversi, il tema del giorno del Signore ha conservato

5 579 tratti invariati, così da divenire una formula stereotipa e fissa. Essa rimanda a un evento che deve compiersi in un futuro non troppo remoto (cfr. le dieci ricorrenze dell' aggettivo "vicino"), la cui venuta dipende dall'iniziativa del Signore. Sarà accompagnato da fenomeni straordinari nel cosmo e nella natura, che apporteranno distruzione, morte e ritorno al caos primordiale. Il Signore si manifesterà nella veste di giudice irato e implacabile, di fronte al quale si sarà presi da angoscia e timore mortale. A essere colpiti saranno non solo Israele, ma anche le nazioni pagane e tutti gli abitanti della terra. Tuttavia, così come l'insieme della predicazione profetica, dopo la tragedia dell'esilio babilonese anche l'annuncio del giorno del Signore subisce un'evoluzione di prospettiva. Pur mantenendo tratti funesti, esso viene ora inserito in un contesto di salvezza e di speranza. Vengono distinte le sorti dei giusti da quelle degli empi (cfr. MI 3,18). Con la punizione dei nemici di Israele, il giorno del Signore si trasformerà in evento di salvezza per il popolo di Dio, fino a che in Zc 14 il castigo provocherà la conversione di tutti al Signore. Ouel giorno perderà la sua nota di oscurità per trasformarsi in giorno di luce senza tramonto (cfr. Zc 14,6-9). 4. ORIGINE - Dal momento che l'espressione "giorno del Signore" appare come qualcosa di noto già in Am 5,18, ci si è interrogati circa la sua origine. Le prime ipotesi hanno preso spunto dalle letterature e dalle liturgie mesopotamiche. Alcuni testi mitologici parlano di una catastrofe cosmica che distruggerà il mondo presente e instaurerà quello nuovo, mentre la liturgia babilonese dell'akitu celebra il dio Marduk, che risorge vittorioso sui nemici dopo essere stato da essi umiliato e ucciso. Con l'espressione "giorno del Signore" Israele avrebbe fatto riferimento agli stessi tipi di eventi già prima di Amos. Altre ipotesi cercano l'origine del "giorno del Signore" all'interno di istituzioni ebraiche testimoniate dai testi biblici. In molti testi GIORNO DEL SIGNORE del "giorno del Signore" dominano i motivi della guerra e della battaglia, per cui si è pensato che esso richiami l'antica istituzione della guerra santa combattuta dal Signore contro i nemici a favore del suo popolo. Altri autori collegano invece il concetto del "giorno del Signore" con l'istituto dell'alleanza: nel suo giorno il Signore interviene per punire il suo popolo a causa dei peccati di infedeltà all'alleanza. Gli studiosi più recenti ritengono destinata alla sterilità ogni ricerca sull'origine del tema del giorno del Signore che prescinda dalle sicure attestazioni profetiche. Partendo dai testi biblici si può ritenere allora che l'espressione sia stata coniata da Amos e che con Sofonia sia divenuta stereotipa. I tratti costanti sono quelli di giorno funesto di giudizio e punizione (per Israele o per i suoi nemici), anche se i profeti del postesilio aggiungono il risvolto di salvezza per Israele prima, e poi per tutti i popoli. 5. MEsSAGGIO- Per una comprensione equilibrata del messaggio profetico circa il giorno del Signore, non si deve assolutizzare la ricerca sulla materialità dell'espressione. Essa va compresa nell'insieme del messaggio profetico, che si serve di diverse immagini per richiamare alle esigenze di popolo eletto. L'annuncio del giorno del Signore è perciò funzionale a quel richiamo. Di conseguenza, coloro che collegano l'annuncio del giorno del Signore con l'idea di alleanza, ne colgono un aspetto importante e costitutivo. Occorre inoltre inserire il messaggio del giorno del Signore nel più vasto patrimonio della fede di Israele. Le aspettative legate al giorno del Signore come giorno di vittoria sui nemici e di salvezza per Israele non possono non richiamare gli interventi eccezionali di Dio in favore del suo popolo. Il giorno del Signore si presenta dunque come il giorno del rendiconto finale e del definitivo giudizio purificatore (cfr. MI 3,3). La purificazione sarà cruenta, perché la venuta del Signore, giungendo al termine di una serie

6 GIORNO DEL SIGNORE di inviti al rawedimento, sarà quelja definitiva. Questo quadro drammatico mette di fronte a uno degli annunci profetici più gravi, perché l'annuncio del giorno del Signore esprime il profondo coinvolgimento di Dio nella storia di Israele. Egli è legato al suo popolo da un'alleanza che esige fedeltà reciproca agli impegni assunti, impegni che invece il popolo vive con colpevole superficialità. Il Signore, quale promotore dell'ajleanza, ripetutamente denuncia i peccati e richiama alla conversione attraverso i profeti. In questo contesto l'annuncio del giorno del Signore acquista il valore di appello estremo. Sembra di poter dire che, fino all'esilio incluso, il giorno del Signore non si configuri come escatologico, che cioè non si compia oltre la storia. Le immagini profetiche richiamano motivi escatologici e apocalittici, ma l'insieme dell'annuncio rimanda a una escatologia intrastorica. L'intento è parenetico: il popolo è invitato in maniera energica alla conversione, a mettersi nella disposizione giusta per riannodare il rapporto con Dio. Da parte sua, con la venuta nel suo giorno, il Signore instaura un nuovo ordine di rapporti per una nuova storia di alleanza. Nei testi postesilici, invece, i tratti intrastorici sembrano attenuarsi e lasciare spazio alla metastoria. Se l'annuncio del giorno del Signore è funzionale all'appello prioritario alla conversione, e se il profeta è suscitato per ricondurre Israele alla fedeltà all'alleanza, allora il Dio presentato dai profeti non è un Dio vendicativo (cfr. Ez 18,23). Il castigo annunciato per il giorno del Signore sarà sì terribile, perché Israele respinge i continui inviti alla riconciliazione, ma il Signore è ancora pronto a perdonare, se si inverte rotta con decisione. Alcuni testi danno indicazioni sulla via da prendere per sottrarsi al castigo imminente: la ricerca sincera del Signore e l'abbandono delle pratiche di pietà ipocrite (cfr. Aro 5,4-6a); decidersi per il bene e rigettare il male (cfr. Aro 5,14-15); l'impegno deciso per il dirit- 580 to, superando lo scollamento fra culto e giustizia sociale (cfr. Aro 5,21-24; Sof 2,3); l'invocazione del nome del Signore, ovviamente come unico Dio (cfr. Gl 3,5). III - Nuovo Testamento - l. TERMINO LOGIA- Il NT conosce le formule "giorno di Dio" (himéra theou) e "giorno del Signore" (himéra kyrfou), cui aggiunge come rilevante novità "giorno del Cristo" (himéra Christou). Con altre formule dà espressione al contenuto del giorno del Signore quale "giorno del giudizio" (himéra kriseas) e "giorno ultimo" (himéra esduiti). L'autore di Apocalisse, infine, ambienta le sue visioni nel "giorno dominicale" (hi kyriald himéra). 2. LE NOVITÀ NEOTISTAMENTARIE- Convinti che <<il tempo è compiuto» (Mc 1,15) e che si è ora nella pienezza del tempo (cfr. Gal 4,4), gli autori del NT trasformano non poco sia le formule sia i contenuti del giorno del Signore anticotestamentario. Anzi. tutto affermano che i testi profetici si sono compiuti quando, in qualità di Figlio, Gesù ha parlato portando a pienezza le parole dei profeti (cfr. Eb 1,2); poi alla sua morte, che è descritta con i tratti del giorno del Signore dell'at (cfr. Mt 27,45 e par. con Aro 5,18-20 e 8,9); e, infine, all'effusione dello Spirito nella Pentecoste (cfr. At 2,17 con Gl 3,1). In secondo luogo, ed è la massima differenziazione, nell'annuncio cristiano la formula anticotestamentaria "giorno del Signore/Yhwh" non scompare (cfr. At 2,20; lts 5,2; 2Pt 3,10), ma è sempre più sostituita dalla formula "giorno del Signore/ Gesù". La prima forma è rimasta per indicare il giorno del giudizio quale giorno minaccioso e giorno di rischio (cfr. M t 10,15; 11,22.24; Gc 5,3; 2Pt 3,7); la seconda forma indica invece il giorno della manifestazione gloriosa del Cristo alla fine dei tempi, che sarà soprattutto giorno di liberazione (c&. Le 21,28), di salvezza {cfr. Le 17,24; Gv 8,56; Mc 13,24-27) e di risurrezione (Gv 6, ; 11,24).

7 58 1 Un'ultima, importante e diversa sottolineatura è quella parenetica: tutta la vita deve essere protesa all'incontro con il Signore nel suo giorno, al quale si deve giungere integri e irreprensibili (cfr. Fil 1,10; 1Cor 1,8; 5,5). Per essere in quel giorno tra i salvati, bisogna vivere invocando il suo nome (cfr. At 2,20-21), correre bene la propria corsa (cfr. Fil 2,6), attendendo e affrettando quel giorno (cfr. 2Pt 3,12). 3. LE SCADENZE TEMPORALI- Guanto alle scadenze temporali gli. autori neotestamentari distribuiscono in tempi successivi diverse manifestazioni del giorno del Signore. L'esistenza storica di Gesù è tempo di compimento messianico-profetico. Sono tempi di grande crisi e di scontri (cfr. 2Ts 2,1; 2Pt 3,3; Ap 16,15) quelli che si collocano nell'imminenza della fine. Poi, in un rapporto temporale difficile da stabilire, verranno la parusia del Signore e il giorno del giudizio di Dio, giorno di rendiconto finale (cfr. Mt 12,36). Guanto al giorno della parusia, le lettere ai Tessalonicesi (cfr. 1Ts 5,2; 2Ts 2,2) e 2Pt 3,10 affermano con estrema chiarezza che la data non è conosciuta, perché il giorno del Signore verrà come un ladro di notte, come già dicono le parabole evangeliche della vigilanza. Con l'espressione "giorno dominicale" (he kyriaki heméra), infine, l'apocalisse introduce una scadenza del tutto nuova: il veggente di Patmos dice di aver avuto le sue visioni nel <<giorno del Kyrios» (Ap 1,9-10 e 4,1ss), che difficilmente può significare il giorno del giudizio. Significa invece o il giorno di Pasqua o, ancora più probabilmente, il giorno della domenica e della liturgia settimanale delle chiese d'asia (cfr. i sette candelabri, owiamente ardenti, che simboleggiano le chiese). Dopo ripetuti richiami, l'annuncio del giorno del Signore rappresenta l'estremo appello alla conversione. Il linguaggio escatologico e apocalittico, che fa ampio uso di immagini catastrofiche, è volto a rendere più cogente il messaggio circa il giorno del Signore. Sarà il giorno del rendiconto e del giudizio definitivo non solo per Israele, ma per tutte le nazioni e per l'intero cosmo. I profeti, tuttavia, hanno indicato anche l'estrema possibilità di sfuggire al castigo, ma solo a patto che si torni a cercare il Signore e che ci si impegni concretamente per la giustizia. Il NT cristologizza il giorno del Signore, lo vede realizzarsi nel tempo escatologico che va dall'incarnazione alla parusia e invita a prepararsi a esso con una vita irreprensibile. BIBL - C. Camiti, I:espressione ljgiomo di}ln'(lh": origine ed evoluzione semamiaz, in BeO 12 (1970) M. Cimosa, Il giomo del Signore e l'escatologia 11tii'Amico Testa memo, in DSpBP 16, Roma 1997, G. De Carlo, La funzione dell'annuncio del "giomo di Ylrwlr" 1rella predi azzione pro(etica, in Laur 44 (2003) Y. Hoffmann, The Day o( rhe Lord as a Cotrcepr and a Term in rhe Propheric Lirerarure, in ZAW93 (1981) G. von Rad, Teologia dell'amico Testamento. Il. Teologia delle tradizioni pfoo (eriche d'israele, Paideia, Brescia 1974, GIUSEPPE. DE CARLO Si vedano anche: DODICI PROFETI; ESCATO LOGIA; GIUDIZIO. N - Conclusione - Il giiorno del Signore è un'espressione con cui i profeti richiamano alla memoria del popolo che il Signore è presente nella sua storia come garante degli impegni assunti nell'alleanza.

8

LA PROMESSA E LA SPERANZA SECONDO LE SCRITTURE

LA PROMESSA E LA SPERANZA SECONDO LE SCRITTURE Sabato Mariano, 7 dicembre 2014 LA PROMESSA E LA SPERANZA SECONDO LE SCRITTURE P. Alberto Valentini, SMM La speranza biblica non è un vago sentimento, una semplice tensione verso un futuro, sognato migliore,

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

Luca 2, 8-20 PREMESSA. IL TESTO di Lc 2, 8-20

Luca 2, 8-20 PREMESSA. IL TESTO di Lc 2, 8-20 1 Luca 2, 8-20 PREMESSA Luca prosegue il suo racconto di natale. Lui è uno storico, ce lo dice all'inizio del suo vangelo (Lc 1,1-4), ma il suo intento non è quello di riportarci dei fatti freddi, così

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1

LA PASQUA SETTIMANALE DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 Spunti per la meditazione personale e per la riflessione agli alunni Fr. Donato Petti 1. Perché cercate tra i morti

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi (15,1-11)

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi (15,1-11) QUATTORDICESIMO INCONTRO CRISTO È VERAMENTE RISORTO : QUESTA È LA FEDE DI PAOLO, QUESTA È LA NOSTRA FEDE 1 Cor 15,1-11 ACCOGLIENZA E PRESENTAZIONE DELL INCONTRO PREGHIERA INIZIALE Lettore: Dio nostro,

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

DIO EDUCA IL SUO POPOLO

DIO EDUCA IL SUO POPOLO DIOCESI DI TRIESTE DIO EDUCA IL SUO POPOLO in preparazione della 62 ma Settimana Liturgica Nazionale Messaggio 1. A voi tutti, fratelli e sorelle che siete la Chiesa di Cristo a Trieste, giunga, da chi

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione»

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» CONGREGATIO DE CULTO DIVINO ET DISCIPLINA SACRAMENTORUM Prot. N.1139/11/L Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» Probatum. Ex aedibus Congregationis de Cultu

Dettagli

I PASSI DELL EVANGELIZZATORE. Is 52,7-10

I PASSI DELL EVANGELIZZATORE. Is 52,7-10 I PASSI DELL EVANGELIZZATORE. Is 52,7-10 7 Come sono belli sui monti i passi dell evangelizzatore di chi proclama la pace, evangelizza il bene, proclama la salvezza, dice a Sion: regna il tuo Dio 8 Una

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

RIFLESSIONE SULL AVVENTO. Auguri per un sereno Santo Natale apportatore di pace e gioia a voi e ai vostri cari RALLEGRATEVI NEL SIGNORE

RIFLESSIONE SULL AVVENTO. Auguri per un sereno Santo Natale apportatore di pace e gioia a voi e ai vostri cari RALLEGRATEVI NEL SIGNORE RIFLESSIONE SULL AVVENTO Auguri per un sereno Santo Natale apportatore di pace e gioia a voi e ai vostri cari RALLEGRATEVI NEL 20 SIGNORE INTRODUZIONE Accogliamo dal Signore un nuovo Anno di grazia, di

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

IV DOMENICA DEL TEMPO D AVVENTO (ANNO C)

IV DOMENICA DEL TEMPO D AVVENTO (ANNO C) IV DOMENICA DEL TEMPO D AVVENTO (ANNO C) 23 DICEMBRE 2012 Mic 5, 1-4 Dal libro del profeta Michea Così dice il Signore: «E tu, Betlemme di Èfrata, così piccola per essere fra i villaggi di Giuda, da te

Dettagli

Il profeta Amos e la giustizia sociale di Janique Perrin, pastora valdese

Il profeta Amos e la giustizia sociale di Janique Perrin, pastora valdese Il profeta Amos e la giustizia sociale di Janique Perrin, pastora valdese Esordio Il 28 agosto del 1963, davanti al Lincoln Memorial di Washington, al termine di una marcia di protesta per i diritti civili,

Dettagli

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Veglia nella notte del S. Natale 2012 Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Il Santo Padre ha dedicato quest'anno liturgico alla Fede e noi in questa veglia che precede la S. Messa di Natale

Dettagli

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo Domenica, 15 novembre 2009 Dov'è il tuo zelo Apocalisse 3:14-22- All'angelo della chiesa di Laodicea scrivi: queste cose dice l'amen, il testimone fedele e veritiero, il principio della creazione di Dio:

Dettagli

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Decàpoli Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio Va nella tua casa, dai tuoi, annunzia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Parrocchia S. Michele Arc. e S. Sebastiano M. Maria donna dell annuncio

Parrocchia S. Michele Arc. e S. Sebastiano M. Maria donna dell annuncio Parrocchia S. Michele Arc. e S. Sebastiano M. Maria donna dell annuncio Castel Madama, 8 novembre 2013 Il racconto In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Domanda della madre dei figli di Zebedeo Matteo 20, 20-28 Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per

Dettagli

Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6

Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6 Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6 "Quand'anche camminassi nella valle dell'ombra della morte, io non temerei alcun male, perché tu sei con me; il tuo bastone la tua verga mi danno sicurezza".

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 Mi ha mandato a portare il lieto annuncio ai poveri a promulgare l anno di misericordia del Signore PACE CON GLI UOMINI compassione e giustizia 3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 ACCOGLIENZA Nel nome

Dettagli

Ascensione del Signore: testimoni del Risorto nel mondo

Ascensione del Signore: testimoni del Risorto nel mondo ISM - Incontro di discernimento vocazionale (Roma, 30 maggio-1 giugno 2014) Ascensione del Signore: testimoni del Risorto nel mondo «Quelli dunque che erano con lui gli domandavano: Signore, è questo il

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

ENTRÒ PER RIMANERE CON LORO (Lc 24,29)

ENTRÒ PER RIMANERE CON LORO (Lc 24,29) QUARESIMA-PASQUA 2015 ENTRÒ PER RIMANERE CON LORO (Lc 24,29) Tutte le opere dell'uomo proseguono inesorabilmente condotte dal tempo che mai si arresta. Anche l'anno pastorale corre veloce sui binari della

Dettagli

Abbiamo visto la sua gloria

Abbiamo visto la sua gloria DANIEL ATTINGER Abbiamo visto la sua gloria Riconoscere il Signore nella fragilità dei segni Editrice AVE Presentazione Le meditazioni qui raccolte s inseriscono nel quadro del pellegrinaggio organizzato

Dettagli

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola. La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.it LETTERA AGLI EFESINI 1 1 Paolo, apostolo di Cristo Gesù per volontà

Dettagli

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio 4 Minuti Cosa Uno studio biblico di sei settimane ci riserva il Futuro Precept Ministry International Kay Arthur George Huber Distribuito da : Precept Minstry Italia Traduzione a cura di Luigi Incarnato

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Lectio divina (4) 1. L'annuncio della nascita di Giovanni Battista (1, 5-25)

Lectio divina (4) 1. L'annuncio della nascita di Giovanni Battista (1, 5-25) 1 Lectio divina (4) Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Clèofa e Maria di Màgdala. Gesù allora, vedendo la madre e lì accanto a lei il discepolo che egli amava,

Dettagli

I CHE COS È L ESEGESI?

I CHE COS È L ESEGESI? I CHE COS È L ESEGESI? Esegesi è una parola di origine greca (greco: exégesis) usata da Tucidide nel senso di «racconto, esposizione», da Polibio nel senso di «spiegazione, commento», da Platone nel senso

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Ad gentes 1 www.olir.it

Ad gentes 1 www.olir.it DECRETO Ad gentes SULL ATTIVITÀ MISSIONARIA DELLA CHIESA PROEMIO 1. Inviata per mandato divino alle genti per essere «sacramento universale di salvezza» la Chiesa, rispondendo a un tempo alle esigenze

Dettagli

Introduzione. L autore

Introduzione. L autore Introduzione L autore La lettera agli Ebrei fu scritta probabilmente, dopo l anno 70, da un cristiano che si colloca sotto l influsso della scuola paolina. Conosceva il modo di leggere la Scrittura in

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

IL CONCETTO DI GOVERNO

IL CONCETTO DI GOVERNO IL CONCETTO DI GOVERNO La maggior parte degli italiani tende ad eguagliare la parola governo con le istituzioni pubbliche o con le persone impiegate dallo Stato, oppure ad associarla a concetti politici.

Dettagli

Ecumenismo ECCLESIOLOGIA

Ecumenismo ECCLESIOLOGIA Ecumenismo ECCLESIOLOGIA La Chiesa: verso una visione comune C o m m i s s i o n e f e d e e c o s t i t u z i o n e d e l C o n s i g l i o e c u m e n i c o d e l l e C h i e s e Trent anni dopo il «Documento

Dettagli

MOSTRACI IL DIO PADRE

MOSTRACI IL DIO PADRE 1 P. Alberto Maggi OSM APPUNTI Falconara Maggio 2006 MOSTRACI IL DIO PADRE QUALE DIO? Dagli dèi pagani al Dio degli ebrei Ancora oggi, tra i credenti e non, l immagine che essi hanno di Dio si rifà più

Dettagli

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia.

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. 5 aprile 2015 DOMENICA DI PASQUA RISURREZIONE DEL SIGNORE L annuncio pasquale risuona oggi nella Chiesa: Cristo è risorto, egli vive al di là della

Dettagli

CAPITOLO I LA RIVELAZIONE

CAPITOLO I LA RIVELAZIONE COSTITUZIONE DOGMATICA Dei Verbum SULLA DIVINA RIVELAZIONE PROEMIO 1. In religioso ascolto della parola di Dio e proclamandola con ferma fiducia, il santo Concilio fa sue queste parole di san Giovanni:

Dettagli

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia Il Credo del Popolo di Dio è una Professione di Fede che Paolo VI ha formulato e presentato il 30 giugno

Dettagli

La struttura della fede cristiana

La struttura della fede cristiana La struttura della fede cristiana In questa nuova tappa del nostro percorso, vogliamo mettere a fuoco la struttura interna della fede cristiana, evidenziando i suoi fattori costitutivi e salienti, come

Dettagli

Ma Lo Sai Tu Che...?

Ma Lo Sai Tu Che...? Ma Lo Sai Tu Che...? ...che il battesimo in acqua fatto nei titoli di Padre, Figlio e Spirito Santo (Matteo 28:19) per Dio non è valido? Tu dirai: Perché non è valido?. La risposta è semplice: Non è valido

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

Vangelo e primo annuncio: Gesù nel Vangelo secondo Marco

Vangelo e primo annuncio: Gesù nel Vangelo secondo Marco Apostolato Biblico - Azione Cattolica Italiana Diocesi di Faenza Modigliana Introduzione al Vangelo secondo Marco - Seconda parte - Mons. Ermenegildo Manicardi: Vangelo e primo annuncio: Gesù nel Vangelo

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

CELEBRAZIONE DELL ANNUNCIO A MARIA INTRODUZIONE

CELEBRAZIONE DELL ANNUNCIO A MARIA INTRODUZIONE CELEBRAZIONE DELL ANNUNCIO A MARIA INTRODUZIONE 1. Con il nome di celebrazione dell'annuncio a Maria si designa qui una struttura celebrativa in cui il pio esercizio viene inquadrato in un contesto biblico-eucologico

Dettagli

6 Il regno: già o non ancora?

6 Il regno: già o non ancora? 6 Il regno: già o non ancora? Gesù (probabilmente) non introdusse molte novità preoccupanti riguardo alla Legge; egli predicava il regno di Dio (o dei cieli, come diceva un pio israelita quale Matteo,

Dettagli

I testi del Convivio

I testi del Convivio I testi del Convivio CERTE PROFEZIE DELLA BIBBIA NON ANCORA AVVERATE SON SEMPRE VALIDE? SOMMARIO: 1. Pare che Gesù e in genere i profeti ebrei abbiano visto l adempiersi delle loro profezie assai più prossimo

Dettagli

LA LEGGE DI CRISTO E LA LEGGE DI MOSÈ

LA LEGGE DI CRISTO E LA LEGGE DI MOSÈ GESÙ DICE: «Chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica sarà paragonato a un uomo avveduto che ha costruito la sua casa sopra la roccia. La pioggia è caduta, sono venuti i torrenti, i venti

Dettagli

RINNEGARE SE STESSI. Se qualcuno vuole seguire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e segua me. (Mc 8,34)

RINNEGARE SE STESSI. Se qualcuno vuole seguire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e segua me. (Mc 8,34) RINNEGARE SE STESSI Se qualcuno vuole seguire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e segua me. (Mc 8,34) INTRODUZIONE: SCOPO E TAPPE DELL ANALISI I. IL RINNEGAMENTO DI SÉ COME CONDIZIONE

Dettagli

Non Io, Ma Cristo di Jim Hohnberger

Non Io, Ma Cristo di Jim Hohnberger Non Io, Ma Cristo di Jim Hohnberger Dio ha un piano di salvezza e redenzione per l'uomo caduto e Satana ha un piano per mantenere l'uomo caduto in questo stato. L'intero piano di Satana è costruito attorno

Dettagli

Chi è il servo del Signore?

Chi è il servo del Signore? Chi è il servo del Signore? di Marcello Cicchese Un angelo del Signore parlò a Filippo così: «Alzati, e va verso mezzogiorno, sulla via che da Gerusalemme scende a Gaza. Essa è una strada deserta». Egli

Dettagli

Proposta di lectio divina su ABITARE LA TERRA

Proposta di lectio divina su ABITARE LA TERRA Convegno ACLI Cortona (AR), 20 settembre 2013 Proposta di lectio divina su ABITARE LA TERRA Parto dalla parola del Salmo 37, al v. 3: «Confida nel Signore e fa' il bene; abita la terra e vivi con fede».

Dettagli

AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE

AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE 1 Reverendissimo P. Abate, Reverendi Presbiteri, Diaconi, Religiosi, Reverende Religiose, cari Seminaristi, amati fedeli Laici, siamo convocati nella Chiesa Cattedrale,

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

DECRETO Inter mirifica SUGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE SOCIALE INTRODUZIONE

DECRETO Inter mirifica SUGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE SOCIALE INTRODUZIONE Significato dei termini DECRETO Inter mirifica SUGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE SOCIALE INTRODUZIONE 1. Tra le meravigliose invenzioni tecniche che, soprattutto nel nostro tempo, l ingegno umano è riuscito,

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

ANNUNCIO E CATECHESI PER LA VITA CRISTIANA

ANNUNCIO E CATECHESI PER LA VITA CRISTIANA Conferenza Episcopale Italiana Commissione Episcopale per la dottrina della fede, l annuncio e la catechesi ANNUNCIO E CATECHESI PER LA VITA CRISTIANA Lettera alle comunità, ai presbiteri e ai catechisti

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma ANNO PASTORALE 2014/2015 N 7 - VIA DEL CROCIFISSO, 17 - RIMINI - TEL. 0541 770187 www.crocifisso.rimini.it SS. MESSE IN PARROCCHIA ORARIO (in vigore dal 29 Marzo) Feriali: ore 8 Venerdì ore 8-18 Prefestiva:

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Vita di Maria (XVII): Risurrezione e Ascensione del Signore

Vita di Maria (XVII): Risurrezione e Ascensione del Signore Vita di Maria (XVII): Risurrezione e Ascensione del Signore I Vangeli non includono la Madonna nel gruppo di donne che la domenica si è recata a lavare il corpo del Signore. La sua assenza apre alla speranza

Dettagli

«VENITE, SALIAMO SUL MONTE DEL SIGNORE» Il pellegrinaggio alle soglie del terzo millennio

«VENITE, SALIAMO SUL MONTE DEL SIGNORE» Il pellegrinaggio alle soglie del terzo millennio CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA Commissione Ecclesiale per la pastorale del tempo libero, turismo e sport «VENITE, SALIAMO SUL MONTE DEL SIGNORE» Il pellegrinaggio alle soglie del terzo millennio (Is 2,3)

Dettagli

RIFLESSIONE BIBLICA GIONA PROF.SSA BRUNA COSTACURTA (sintesi, non rivista dall autore, della riflessione tenuta al ritiro del clero lunedì 17 marzo)

RIFLESSIONE BIBLICA GIONA PROF.SSA BRUNA COSTACURTA (sintesi, non rivista dall autore, della riflessione tenuta al ritiro del clero lunedì 17 marzo) RIFLESSIONE BIBLICA GIONA PROF.SSA BRUNA COSTACURTA (sintesi, non rivista dall autore, della riflessione tenuta al ritiro del clero lunedì 17 marzo) Il tema conduttore di questi nostri incontri è il Dio

Dettagli

CELEBRAZIONE DEL SANTO ROSARIO

CELEBRAZIONE DEL SANTO ROSARIO CELEBRAZIONE DEL SANTO ROSARIO PER AFFIDARE IL POPOLO ITALIANO ALLA VERGINE MARIA MATER UNITATIS PROPOSTA PER LE CHIESE PARTICOLARI a cura dell Ufficio Liturgico Nazionale - CEI CANTO INIZIALE: Vergine

Dettagli

Chiunque beve di quest acqua don GIACOMINO PIANA

Chiunque beve di quest acqua don GIACOMINO PIANA approfondimenti biblici 07 Chiunque beve di quest acqua don GIACOMINO PIANA In verità, in verità vi dico, se uno non nasce da acqua e da Spirito, non può entrare nel regno di Dio Quel che è nato dalla

Dettagli