!Yhwh, Is 2,12; Ez 30,3) e una volta come

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "!Yhwh, Is 2,12; Ez 30,3) e una volta come"

Transcript

1

2 .576 GIORNO DEL SIGNORE SOMMARIO - I. Introduzione. Il. Antico Testamento: 1. Terminologia; 2. I testi profetici: a. Epoca preesilica, b. Epoca esilica, c. Epoca postesilica; 3. Caratteristiche; 4. Origine; S. Messaggio. III. Nuovo Testamento: l. Terminologia; 2. Le novità neotestamentarie; 3. Le scadenze temporali. N. Conclusione. I - Introduzione - "Giorno del Signore" è un'espressione tipica della letteratura profetica; il rilievo che essa riceve nell'ambito dell'escatologia dell'at è tale che alcuni vi hanno visto l'espressione dell'escatologia profetica tout court. Fino a pochi decenni fa l'accento maggiore veniva posto sull'individuazione della sua origine, poiché quando l'espressione appare la prima volta sembra già ampiamente nota. Gli studi più recenti si concentrano invece maggiormente sul significato del tema quale emerge dall'esame dei testi profetici, studiati in se stessi e nel contesto della letteratura profetica. Gli autori neotestamentari aggiungono all'espressione contenuti cristologici che arricchiscono il tema di significati nuovi e inaspettati. ie II - Antico Testamento - 1. TERMINO LOGIA- Come dicevamo sopra, l'espressione "giorno del Signore" (yom Yhwh) è attestata solo nella letteratura profetica. Compare la prima volta in Am 5,18, l'ultima in Ml 3,23. Sedici volte si trova nella forma "giorno del Signore" (yom Yhwh), due in quella di "un giorno per il Signore" (yom!yhwh, Is 2,12; Ez 30,3) e una volta come variante di quest'ultima forma con l'interposizione del verbo "venire": «Un giorno

3 577 viene per il Signore» (yom-bti' /Yhwh, Zc 14,1). A queste, che sono le più pertinenti per lo studio critico del tema, si possono aggiungere le espressioni che, per meglio precisarne il contenuto, tra "giorno" e "Signore" aggiungono termini come "vendetta", "ira", ecc_ Infine, altri termini, anche senza la presenza del nome di Dio, uniti a "giorno", lo caratterizzano come tempo di giudizio nel suo aspetto negativo: giorno di ira, di vendetta, di tribolazione; di oscurità) nubi, tempesta; di battaglia, sterminio, rovina, sconvolgimento, sventura, corruzione, indigenza, ecc. ll sostantivo "giorno" allo stato costrutto ha quasi sempre un significato temporale: è il giorno o, più in generale, il momento in cui si colloca questo o quell'evento. Quando poi è determinato da un pronome personale o da un nome proprio, il suo senso è pregnante e ha il significato di giorno per eccellenza nella vita di un uomo. Nel caso in cui il nome retto è Dio non vengono mai usati né 'adontiy né 'elohfm, ma sempre e solo il tetragramma sacro Yhwh. 2. I TESTI PROFETICI - a. Epoca preesiiictj. - La più antica attestazione del giorno del Signore si trova nel cuore del libro di Amos (Am 5,18), il primo dei profeti scrittori, attivo nel regno del Nord verso la metà dell'viii sec. a.c., là dove la predicazione del profeta raggiunge il suo apice. In un' epoca di relativo benessere economico e di stabilità politica la classe dirigente di Israele si dà al lusso e all'abuso di potere a spese dei poveri, aggravando l'ingiustizia sociale. Eppure si vive nella sufficienza religiosa: dato che le regole del culto sono osservate alla perfezione e i santuari sono gremiti di pellegrini, ci si crede in buoni rapporti con Dio, tanto da desiderarne il "giorno", cioè la sua venuta, come un evento positivo. Ma Amos si premura di spegnere ogni attesa ottimistica: «Guai a voi che bramate il giorno del Signore! Che mai gioverà a voi il giorno del Signore? Esso te nebra sarà, e non luce» (Am 5,18). Il pro- GIORNO DEL SIGNORE feta non nega l'intervento del Signore nel suo "giorno", ma esclude che porti salvezza, richiamata dalla simbologia della luce. Per Amos esso realizza ciò che il Signore aveva minacciato al termine di due oracoli di denuncia serrata: <<Prepàrati a incontrare il tuo Dio, Israele» (Am 4,12); e <<In tutte le vigne vi sarà lamento, perché io passerò in mezzo a te, ha detto il Signore>> (Am 5,17). Il giorno del Signore sarà dunque il giorno del giudizio e del rendiconto, e avrà necessariamente le modalità del castigo, perché non sono stati accolti i richiami precedenti (<<Non tornaste fino a me>>: Am 4, ). La simbologia delle tenebre, evocate in Am 5,18-20 e 8,9-10, rimanda al caos primordiale e quindi a uno scenario di morte, distruzione e lamento. In un contesto di denuncia di peccati sociali si colloca anche un oracolo di Isaia (Is 2,6-22), dove il giorno del Signore sarà un giorno di giudizio e di punizione del popolo orgoglioso: «Poiché il Signore degli eserciti ha un giorno contro tutto ciò che è altero e superbo, contro tutto ciò che è elevato per umiliarlo» (Is 2,12). Allora le relazioni tra Dio e l'uomo saranno completamente e permanentemente mutate: «Sarà abbassata l'alterigia dei mortali e umiliato l'orgoglio degli uomini; solo il Signore sarà esaltato in quel giorno>> (Is 2,17; cfr. anche 2,9.11). Dio potrà intervenire direttamente, oppure suscitare eserciti nemici quali esecutori dei suoi piani. Un secolo dopo, durante il regno di Ciosia, Sofonia con la formula del giorno del Signore annuncia il tragico giudizio che incombe su Giuda e Gerusalemme: <<Giorno di collera, quel giorno, giorno di angustia e di tribolazione; giorno di turbine e tempesta, giorno di tenebre e caligine; giorno di nubi e di oscurità, giorno di squilli e grida di battaglia, sulle città fortificate e sulle torrette d'angolo elevate!>> (Sof 1,15-16). Con Sofonia il dies irae è ormai formula stereotipa; di suo il profeta esplicita che si tratta del giorno del giudizio cosmico, in cui la collera del Signore colpisce in modo

4 GIORNO DEL SIGNORE cruento gli abitanti di Gerusalemme e tutti gli uomini perché hanno peccato contro di lui (cfr. Sof 1, ). b. Epoca esili ca - Durante l'esilio babilonese Ezechiele con "giorno del Signore" si riferisce alla caduta di Gerusalemme. Egli rimprovera la mancanza di responsabilità dei falsi profeti: «Non siete stati sulla breccia né avete eretto mura per la casa d'israele, per resistere nella battaglia, il giorno del Signore (Ez 13,5). Is 13, databile al tempo dell'esilio, vede nel giorno del Signore invece la fine di Babilonia, che è decretata e messa in atto dal Signore. A questo scopo dà ordine ai suoi consacrati e chiama un esercito di guerra da un paese lontano, dall'estremo orizzonte, quale strumento della sua collera: ccurlate, perché è vicino il giorno del Signore, esso viene come una devastazione voluta dall'onnipotente [...} per fare della terra un deserto e sterminare da essa i peccatori» (Is 13,6.9). Contro paesi stranieri sono diretti anche gli oracoli di Ez 30 e del libretto di Abdia, che con tale espressione minacciano la rovina dell'egitto e di Edom. c. Epoca postesilica- Già l'oracolo di Abdia contiene elementi che saranno sviluppati dai profeti postesilici: la punizione di Edom assume un valore simbolico e universale, è il simbolo del giudizio «contro tutte le nazioni» (Abd 15). Ha però anche un risvolto positivo, in quanto Israele, almeno per un resto, ne beneficerà in termini di salvezza. L'annuncio del giorno del Signore costituisce il tema dominante del libro di Gioele, ma con sottolineature diverse nelle due parti. Nella prima parte (Gl 1-2) si riferisce a una sciagura storica (un'invasione di cavallette) che colpisce Israele, mentre nella seconda (Gl 3-4) ha una portata apocalittico-escatologica e si concretizza in un giudizio punitivo sulle nazioni pagane nella valle della Decisione (Gl 4,14). Il castigo, tuttavia, non è totale: la condotta penitente del popolo induce il Signore a sospendere l'avanzata delle cavallette (cfr. Gl 2,18-27) e nel giorno della punizione 578 delle nazioni sono annunciati per Israele la riconciliazione con il Signore e l'inizio di un'era paradisiaca (cfr. Gl4,16b-21). Zc 14 descrive l'adunata di tutte le genti alle porte di Gerusalemme per la battaglia escatologica. In un primo tempo «la città sarà presa, gli edifici saranno saccheggiati, le donne violentate. La metà dei cittadini andrà in esilio» (Zc 14,2). Appena però «il Signore uscirà a combattere contro quelle genti (Zc 14,3), la sorte della battaglia muterà in favore del popolo di Dio. Allora saranno i popoli a essere puniti. Ma neanche per loro sarà la fine, perché Gerusalemme diventerà il centro religioso di tutte le genti (cfr. Zc 14,6). Il testo di Zaccaria non contiene soltanto la novità della conversione delle nazioni, ma lascia cadere anche i tratti di terrore, sterminio e oscurità: «In quel giorno s' estinguerà la luce, non vi sarà più né freddo né gelo. Sarà un giorno straordinario, noto so lo al Signore; non vi sarà né giorno né notte e anche alla sera vi sarà luce. [... ] Il Signore sarà re sopra tutta la terra. In quel giorno il Signore sarà unico e unico sarà il suo nome» (Zc 14,6-7.9). L'ultima menzione del giorno del Signore si trova nel penultimo versetto di Malachia. La finale del libro (Ml 3,22-24) costituisce un'appendice del redattore finale e serve come conclusione non solo del corpus profetico ma dell'intero AT. Richiamando l'annuncio dell'invio del messaggero di M1 3,1, la finale identifica tale messaggero con Elia, e la venuta del Signore con il giorno del Signore: «Ecco, io vi invio Elia il profeta, prima che venga il giorno del Signore, grande e spaventoso!» (Ml 3,23). La venuta del Signore in mezzo al suo popolo è per un giudizio definitivo, che avrà dunque un effetto del tutto differenziato per giusti ed empi. La purificazione compiuta in quel giorno dal Signore giudice è comunque in vista della conversione. 3. CARATTERISTICHE- Anche se compare in contesti storici e letterari diversi, il tema del giorno del Signore ha conservato

5 579 tratti invariati, così da divenire una formula stereotipa e fissa. Essa rimanda a un evento che deve compiersi in un futuro non troppo remoto (cfr. le dieci ricorrenze dell' aggettivo "vicino"), la cui venuta dipende dall'iniziativa del Signore. Sarà accompagnato da fenomeni straordinari nel cosmo e nella natura, che apporteranno distruzione, morte e ritorno al caos primordiale. Il Signore si manifesterà nella veste di giudice irato e implacabile, di fronte al quale si sarà presi da angoscia e timore mortale. A essere colpiti saranno non solo Israele, ma anche le nazioni pagane e tutti gli abitanti della terra. Tuttavia, così come l'insieme della predicazione profetica, dopo la tragedia dell'esilio babilonese anche l'annuncio del giorno del Signore subisce un'evoluzione di prospettiva. Pur mantenendo tratti funesti, esso viene ora inserito in un contesto di salvezza e di speranza. Vengono distinte le sorti dei giusti da quelle degli empi (cfr. MI 3,18). Con la punizione dei nemici di Israele, il giorno del Signore si trasformerà in evento di salvezza per il popolo di Dio, fino a che in Zc 14 il castigo provocherà la conversione di tutti al Signore. Ouel giorno perderà la sua nota di oscurità per trasformarsi in giorno di luce senza tramonto (cfr. Zc 14,6-9). 4. ORIGINE - Dal momento che l'espressione "giorno del Signore" appare come qualcosa di noto già in Am 5,18, ci si è interrogati circa la sua origine. Le prime ipotesi hanno preso spunto dalle letterature e dalle liturgie mesopotamiche. Alcuni testi mitologici parlano di una catastrofe cosmica che distruggerà il mondo presente e instaurerà quello nuovo, mentre la liturgia babilonese dell'akitu celebra il dio Marduk, che risorge vittorioso sui nemici dopo essere stato da essi umiliato e ucciso. Con l'espressione "giorno del Signore" Israele avrebbe fatto riferimento agli stessi tipi di eventi già prima di Amos. Altre ipotesi cercano l'origine del "giorno del Signore" all'interno di istituzioni ebraiche testimoniate dai testi biblici. In molti testi GIORNO DEL SIGNORE del "giorno del Signore" dominano i motivi della guerra e della battaglia, per cui si è pensato che esso richiami l'antica istituzione della guerra santa combattuta dal Signore contro i nemici a favore del suo popolo. Altri autori collegano invece il concetto del "giorno del Signore" con l'istituto dell'alleanza: nel suo giorno il Signore interviene per punire il suo popolo a causa dei peccati di infedeltà all'alleanza. Gli studiosi più recenti ritengono destinata alla sterilità ogni ricerca sull'origine del tema del giorno del Signore che prescinda dalle sicure attestazioni profetiche. Partendo dai testi biblici si può ritenere allora che l'espressione sia stata coniata da Amos e che con Sofonia sia divenuta stereotipa. I tratti costanti sono quelli di giorno funesto di giudizio e punizione (per Israele o per i suoi nemici), anche se i profeti del postesilio aggiungono il risvolto di salvezza per Israele prima, e poi per tutti i popoli. 5. MEsSAGGIO- Per una comprensione equilibrata del messaggio profetico circa il giorno del Signore, non si deve assolutizzare la ricerca sulla materialità dell'espressione. Essa va compresa nell'insieme del messaggio profetico, che si serve di diverse immagini per richiamare alle esigenze di popolo eletto. L'annuncio del giorno del Signore è perciò funzionale a quel richiamo. Di conseguenza, coloro che collegano l'annuncio del giorno del Signore con l'idea di alleanza, ne colgono un aspetto importante e costitutivo. Occorre inoltre inserire il messaggio del giorno del Signore nel più vasto patrimonio della fede di Israele. Le aspettative legate al giorno del Signore come giorno di vittoria sui nemici e di salvezza per Israele non possono non richiamare gli interventi eccezionali di Dio in favore del suo popolo. Il giorno del Signore si presenta dunque come il giorno del rendiconto finale e del definitivo giudizio purificatore (cfr. MI 3,3). La purificazione sarà cruenta, perché la venuta del Signore, giungendo al termine di una serie

6 GIORNO DEL SIGNORE di inviti al rawedimento, sarà quelja definitiva. Questo quadro drammatico mette di fronte a uno degli annunci profetici più gravi, perché l'annuncio del giorno del Signore esprime il profondo coinvolgimento di Dio nella storia di Israele. Egli è legato al suo popolo da un'alleanza che esige fedeltà reciproca agli impegni assunti, impegni che invece il popolo vive con colpevole superficialità. Il Signore, quale promotore dell'ajleanza, ripetutamente denuncia i peccati e richiama alla conversione attraverso i profeti. In questo contesto l'annuncio del giorno del Signore acquista il valore di appello estremo. Sembra di poter dire che, fino all'esilio incluso, il giorno del Signore non si configuri come escatologico, che cioè non si compia oltre la storia. Le immagini profetiche richiamano motivi escatologici e apocalittici, ma l'insieme dell'annuncio rimanda a una escatologia intrastorica. L'intento è parenetico: il popolo è invitato in maniera energica alla conversione, a mettersi nella disposizione giusta per riannodare il rapporto con Dio. Da parte sua, con la venuta nel suo giorno, il Signore instaura un nuovo ordine di rapporti per una nuova storia di alleanza. Nei testi postesilici, invece, i tratti intrastorici sembrano attenuarsi e lasciare spazio alla metastoria. Se l'annuncio del giorno del Signore è funzionale all'appello prioritario alla conversione, e se il profeta è suscitato per ricondurre Israele alla fedeltà all'alleanza, allora il Dio presentato dai profeti non è un Dio vendicativo (cfr. Ez 18,23). Il castigo annunciato per il giorno del Signore sarà sì terribile, perché Israele respinge i continui inviti alla riconciliazione, ma il Signore è ancora pronto a perdonare, se si inverte rotta con decisione. Alcuni testi danno indicazioni sulla via da prendere per sottrarsi al castigo imminente: la ricerca sincera del Signore e l'abbandono delle pratiche di pietà ipocrite (cfr. Aro 5,4-6a); decidersi per il bene e rigettare il male (cfr. Aro 5,14-15); l'impegno deciso per il dirit- 580 to, superando lo scollamento fra culto e giustizia sociale (cfr. Aro 5,21-24; Sof 2,3); l'invocazione del nome del Signore, ovviamente come unico Dio (cfr. Gl 3,5). III - Nuovo Testamento - l. TERMINO LOGIA- Il NT conosce le formule "giorno di Dio" (himéra theou) e "giorno del Signore" (himéra kyrfou), cui aggiunge come rilevante novità "giorno del Cristo" (himéra Christou). Con altre formule dà espressione al contenuto del giorno del Signore quale "giorno del giudizio" (himéra kriseas) e "giorno ultimo" (himéra esduiti). L'autore di Apocalisse, infine, ambienta le sue visioni nel "giorno dominicale" (hi kyriald himéra). 2. LE NOVITÀ NEOTISTAMENTARIE- Convinti che <<il tempo è compiuto» (Mc 1,15) e che si è ora nella pienezza del tempo (cfr. Gal 4,4), gli autori del NT trasformano non poco sia le formule sia i contenuti del giorno del Signore anticotestamentario. Anzi. tutto affermano che i testi profetici si sono compiuti quando, in qualità di Figlio, Gesù ha parlato portando a pienezza le parole dei profeti (cfr. Eb 1,2); poi alla sua morte, che è descritta con i tratti del giorno del Signore dell'at (cfr. Mt 27,45 e par. con Aro 5,18-20 e 8,9); e, infine, all'effusione dello Spirito nella Pentecoste (cfr. At 2,17 con Gl 3,1). In secondo luogo, ed è la massima differenziazione, nell'annuncio cristiano la formula anticotestamentaria "giorno del Signore/Yhwh" non scompare (cfr. At 2,20; lts 5,2; 2Pt 3,10), ma è sempre più sostituita dalla formula "giorno del Signore/ Gesù". La prima forma è rimasta per indicare il giorno del giudizio quale giorno minaccioso e giorno di rischio (cfr. M t 10,15; 11,22.24; Gc 5,3; 2Pt 3,7); la seconda forma indica invece il giorno della manifestazione gloriosa del Cristo alla fine dei tempi, che sarà soprattutto giorno di liberazione (c&. Le 21,28), di salvezza {cfr. Le 17,24; Gv 8,56; Mc 13,24-27) e di risurrezione (Gv 6, ; 11,24).

7 58 1 Un'ultima, importante e diversa sottolineatura è quella parenetica: tutta la vita deve essere protesa all'incontro con il Signore nel suo giorno, al quale si deve giungere integri e irreprensibili (cfr. Fil 1,10; 1Cor 1,8; 5,5). Per essere in quel giorno tra i salvati, bisogna vivere invocando il suo nome (cfr. At 2,20-21), correre bene la propria corsa (cfr. Fil 2,6), attendendo e affrettando quel giorno (cfr. 2Pt 3,12). 3. LE SCADENZE TEMPORALI- Guanto alle scadenze temporali gli. autori neotestamentari distribuiscono in tempi successivi diverse manifestazioni del giorno del Signore. L'esistenza storica di Gesù è tempo di compimento messianico-profetico. Sono tempi di grande crisi e di scontri (cfr. 2Ts 2,1; 2Pt 3,3; Ap 16,15) quelli che si collocano nell'imminenza della fine. Poi, in un rapporto temporale difficile da stabilire, verranno la parusia del Signore e il giorno del giudizio di Dio, giorno di rendiconto finale (cfr. Mt 12,36). Guanto al giorno della parusia, le lettere ai Tessalonicesi (cfr. 1Ts 5,2; 2Ts 2,2) e 2Pt 3,10 affermano con estrema chiarezza che la data non è conosciuta, perché il giorno del Signore verrà come un ladro di notte, come già dicono le parabole evangeliche della vigilanza. Con l'espressione "giorno dominicale" (he kyriaki heméra), infine, l'apocalisse introduce una scadenza del tutto nuova: il veggente di Patmos dice di aver avuto le sue visioni nel <<giorno del Kyrios» (Ap 1,9-10 e 4,1ss), che difficilmente può significare il giorno del giudizio. Significa invece o il giorno di Pasqua o, ancora più probabilmente, il giorno della domenica e della liturgia settimanale delle chiese d'asia (cfr. i sette candelabri, owiamente ardenti, che simboleggiano le chiese). Dopo ripetuti richiami, l'annuncio del giorno del Signore rappresenta l'estremo appello alla conversione. Il linguaggio escatologico e apocalittico, che fa ampio uso di immagini catastrofiche, è volto a rendere più cogente il messaggio circa il giorno del Signore. Sarà il giorno del rendiconto e del giudizio definitivo non solo per Israele, ma per tutte le nazioni e per l'intero cosmo. I profeti, tuttavia, hanno indicato anche l'estrema possibilità di sfuggire al castigo, ma solo a patto che si torni a cercare il Signore e che ci si impegni concretamente per la giustizia. Il NT cristologizza il giorno del Signore, lo vede realizzarsi nel tempo escatologico che va dall'incarnazione alla parusia e invita a prepararsi a esso con una vita irreprensibile. BIBL - C. Camiti, I:espressione ljgiomo di}ln'(lh": origine ed evoluzione semamiaz, in BeO 12 (1970) M. Cimosa, Il giomo del Signore e l'escatologia 11tii'Amico Testa memo, in DSpBP 16, Roma 1997, G. De Carlo, La funzione dell'annuncio del "giomo di Ylrwlr" 1rella predi azzione pro(etica, in Laur 44 (2003) Y. Hoffmann, The Day o( rhe Lord as a Cotrcepr and a Term in rhe Propheric Lirerarure, in ZAW93 (1981) G. von Rad, Teologia dell'amico Testamento. Il. Teologia delle tradizioni pfoo (eriche d'israele, Paideia, Brescia 1974, GIUSEPPE. DE CARLO Si vedano anche: DODICI PROFETI; ESCATO LOGIA; GIUDIZIO. N - Conclusione - Il giiorno del Signore è un'espressione con cui i profeti richiamano alla memoria del popolo che il Signore è presente nella sua storia come garante degli impegni assunti nell'alleanza.

8

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

DOMENICA 18 APRILE 2010 - SEMINARIO MEIC ERO STRANIERO E MI AVETE ACCOLTO (MT 25,35)

DOMENICA 18 APRILE 2010 - SEMINARIO MEIC ERO STRANIERO E MI AVETE ACCOLTO (MT 25,35) DOMENICA 18 APRILE 2010 - SEMINARIO MEIC ERO STRANIERO E MI AVETE ACCOLTO (MT 25,35) Prima parte: La figura dello straniero nell Antico Testamento Collocazione geografica Israele terra di Spostamenti.

Dettagli

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Contiene tre tipi di letteratura: Apocalisse: «Rivelazione (αποκαλυψις) di Gesù Cristo, che Dio gli diede per mostrare ai suoi servi le cose che devono avvenire tra

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Corso di Cultura Biblica LE PROFEZIE DELLA BIBBIA

Corso di Cultura Biblica LE PROFEZIE DELLA BIBBIA Corso di Cultura Biblica LE PROFEZIE DELLA BIBBIA LE PROFEZIE DELLA BIBBIA IL CARATTERE PROFETICO DELLA BIBBIA La Bibbia è un libro essenzialmente profetico in quanto annunzia il progetto di Dio per il

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

INDICE DEI TEMI. Domanda

INDICE DEI TEMI. Domanda INDICE DEI TEMI Domanda La chiave per comprendere il linguaggio dell Apocalisse 1 «Colui che è, che era e che viene» 2 «Il testimone fedele» e «il primogenito dei morti» 2 «Le sette chiese d Asia» 3 Perché

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 1. VANGELO SECONDO GIOVANNI LEZIONE DEL 21-09-2012 ARGOMENTI: a. Introduzione al corso; i. Il Vangelo di Giovanni parla di che cos

Dettagli

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª 1 ª UA - Dio Creatore e amico 1 Bim. Ott-Nov Scoprire che per la religione cristiana Dio è

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

La nuova nascita: il battesimo 3,1-21 Il tema preannunziato nella testimonianza del Battista (1,26.33) è ripreso in episodi che pongono in evidenza i

La nuova nascita: il battesimo 3,1-21 Il tema preannunziato nella testimonianza del Battista (1,26.33) è ripreso in episodi che pongono in evidenza i La nuova nascita: il battesimo 3,1-21 Il tema preannunziato nella testimonianza del Battista (1,26.33) è ripreso in episodi che pongono in evidenza i vari modi in cui Cristo ha rimpiazzato le istituzioni

Dettagli

PREGHIERE www.ruksak.sk IL SEGNO DELLA CROCE. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. BREVIARIO INTRODUZIONE

PREGHIERE www.ruksak.sk IL SEGNO DELLA CROCE. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. BREVIARIO INTRODUZIONE PREGHIERE www.ruksak.sk IL SEGNO DELLA CROCE Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. BREVIARIO INTRODUZIONE O Dio, vieni a salvarmi. Signore, vieni presto in mio aiuto. BREVIARIO BENEDIZIONE

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Buono e retto è il Signore, indica ai peccatori la via giusta; guida i poveri secondo giustizia, insegna ai poveri le sue vie.

Buono e retto è il Signore, indica ai peccatori la via giusta; guida i poveri secondo giustizia, insegna ai poveri le sue vie. Antifona d'ingresso A te, Signore, elèvo l'anima mia, Dio mio, in te confido: che io non sia confuso. Non trionfino su di me i miei nemici. Chiunque spera in te non resti deluso. Colletta O Dio, nostro

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

L AGNELLO E I SETTENARI DEI SIGILLI E DELLE TROMBE

L AGNELLO E I SETTENARI DEI SIGILLI E DELLE TROMBE Parrocchia Maria Ss. Assunta - LIBRO DELL APOCALISSE L AGNELLO E I SETTENARI DEI SIGILLI E DELLE TROMBE (cc 4-11) 1 Schema di Ap. 1-16 1 16 1. Prologo (cap. 1): Introduzione: intento: rivelazione contenuto:

Dettagli

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16.

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16. Vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce,

Dettagli

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo.

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La parola BIBBIA deriva da una parola greca (biblia) che vuol dire I LIBRI. Possiamo dire, infatti che la Bibbia è una BIBLIOTECA perché raccoglie 73 libri.

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA SCOPRIRE CHE PER LA RELIGIONE CRISTIANA DIO E' CREATORE E PADRE E CHE FIN DALLE ORIGINI HA VOLUTO STABILIRE UN'ALLEANZA CON L'UOMO CONOSCERE GESU' DI NAZARETH, EMMANUELE E MESSIA, CROCIFISSO

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Obiettivi formativi Verranno valutati: il comportamento, la partecipazione e l interesse, la responsabilità nei confronti dei

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Cari confratelli, cari fratelli e sorelle nel Signore, volgiamo lo sguardo alla Parola dell Apocalisse di Giovanni: Colui (Gesù) che ci ama e ci ha liberati dai nostri

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA PER LA SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA PER LA SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA PER LA SCUOLA PRIMARIA DI RELIGIONE CATTOLICA Tenuto conto dei traguardi per lo sviluppo delle competenze e degli obiettivi di apprendimento al termine

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità Unione Europea Fondo Social Europeo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Distretto Scolastico N 15 Istituto Comprensivo III V.Negroni Via

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

settembre 2011 n. 181 Parrocchia s. Francesco d Assisi - Fidenza

settembre 2011 n. 181 Parrocchia s. Francesco d Assisi - Fidenza settembre 2011 n. 181 Parrocchia s. Francesco d Assisi - Fidenza Torna il Grest parrocchiale: e tutti i bambini e i ragazzi da domenica 4 a sabato 10 sono invitati a salire sull arca di Noè!!! Torna il

Dettagli

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Tipologia Obiettivi Linguaggio suggerito Setting Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Una celebrazione

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

Calendario Liturgico 2015. con rito romano. A cura di: www.laparola.it

Calendario Liturgico 2015. con rito romano. A cura di: www.laparola.it Calendario Liturgico 2015 con rito romano A cura di: www.laparola.it Gennaio 2015 1 Gio Primo dell'anno. - MARIA Ss. MADRE DI DIO (s) - Nm 6,22-27; Sal 66; Gal 4,4-7; Lc 2,16-21 2 Ven - Tempo di Natale

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico gruppo di lavoro 7 11 anni materiale per la sperimentazione diocesana SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico Versione aprile 2010 a cura di don

Dettagli

Sezione III. S. Scrittura

Sezione III. S. Scrittura Sezione III. S. Scrittura I. Introduzione generale. II. Il mistero di Dio nella Sacra Scrittura III. Il Mistero di Dio nella Tradizione della Chiesa 2. Il Dio unico e trascendente nell Antico Testamento

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Basilica Parrocchiale S.Francesco Viterbo Vangelo di S.Marco n.5

Basilica Parrocchiale S.Francesco Viterbo Vangelo di S.Marco n.5 Basilica Parrocchiale S.Francesco Viterbo Vangelo di S.Marco n.5 Gesù a Cafarnao Le cinque controversie (2,1-3,6) Ag.Mallucci Gli avversari di Gesù su Chi sei tu? Ambienti diversi Conflitto tra Gesù e

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù.

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù. RELIGIONE CATTOLICA CLASSE I U A OBIETTIVI GENERALI OBIETTIVI SPECIFICI CONTENUTI/ ATTIVIT À COMPETENZE PERIODO UA n 1 Unici e speciali Cogliere la diversità tra compagni ed amici come valore e ricchezza.

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

COMPENDIO DEL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA

COMPENDIO DEL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA COMPENDIO DEL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA COMPENDIO «MOTU PROPRIO» Introduzione PARTE PRIMA - LA PROFESSIONE DELLA FEDE Sezione Prima: «Io credo» - «Noi crediamo»

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Chiesa Cristiana Evangelica Il Libro della Vita CORSO FTM1 www.illibrodellavita.it APOCALISSE

Chiesa Cristiana Evangelica Il Libro della Vita CORSO FTM1 www.illibrodellavita.it APOCALISSE INTRODUZIONE: APOCALISSE Si tratta di un nuovo genere letterario nel panorama del Nt. L apocalisse è un genere ebraico, che si occupa della fine dei tempi e di offrire una visione particolare della storia

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 per l Omelia domenicale a cura del Vescovo Mons. Vincenzo Bertolone II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 Un cammino di conversione Introduzione In questa II Domenica d Avvento incontriamo due dei più

Dettagli

DELLA SCUOLA DEL SABATO GESTI SIMBOLICI 4 TRIMESTRE 2015

DELLA SCUOLA DEL SABATO GESTI SIMBOLICI 4 TRIMESTRE 2015 LEZIONE 6 DELLA SCUOLA DEL SABATO GESTI SIMBOLICI 4 TRIMESTRE 2015 SABATO 7 NOVEMBRE 2015 «Ho parlato ai profeti, ho moltiplicato le visioni, e per mezzo dei profeti ho proposto parabole.» (Osea 12:11)

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione

Dettagli

Diocesi di Cremona ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIA BATTEZZATI LE CELEBRAZIONI

Diocesi di Cremona ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIA BATTEZZATI LE CELEBRAZIONI Diocesi di Cremona ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIA BATTEZZATI LE CELEBRAZIONI 1 PREMESSA: LA RITUALITA NELL IC 3 PREMESSA: LA RITUALITA NELL IC Una valenza formativa peculiare

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno si confronta con l esperienza religiosa e distingue la specificità della proposta di salvezza del cristianesimo. Riconosce che la Bibbia è il

Dettagli

Il solo male che in questa terra possa

Il solo male che in questa terra possa Vincere la passione e fuggire le occasioni Il solo male che in questa terra possa veramente meritare questo nome è il peccato. Se potessimo vedere lo stato di un anima in peccato, sarebbe impossibile per

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

LO STRANIERO NELLA BIBBIA Alla ricerca delle radici delle nostre scelte

LO STRANIERO NELLA BIBBIA Alla ricerca delle radici delle nostre scelte LO STRANIERO NELLA BIBBIA Alla ricerca delle radici delle nostre scelte Di don Fredo OLIVERO Mi è stato richiesto di mettere le basi bibliche per capire la figura dello straniero : senza queste radici

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA.

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA. LA NASCITA DELLA CHIESA (pagine 170-177) QUALI SONO LE FONTI PER RICOSTRUIRE LA STORIA DELLA CHIESA? I Vangeli, gli Atti degli Apostoli le Lettere del NT. (in particolare quelle scritte da S. Paolo) gli

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE

CURRICOLO DI RELIGIONE CLASSE 1^ L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive; Scoprire

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Quale Parola nel Tempo della crisi?

Quale Parola nel Tempo della crisi? Quale Parola nel Tempo della crisi? Riaprire all uomo di oggi l accesso al Dio che parla. Quindicesimo Anno Il Signore Dio ha parlato: chi non profeterà? Il Profeta Amos. 2^ Lezione: I Profeti. Introduzione

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

PROFEZIE PER IL TERZO MILLENNIO

PROFEZIE PER IL TERZO MILLENNIO A 338293 Antonio Gentili PROFEZIE PER IL TERZO MILLENNIO Presentazione di Vittorio Messori ANCORA Indice Presentazione Pag. 7 Premessa» 13 I. TEMPO DI APOCALISSE» 17 La fine di un mondo diventa la fine

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani.

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani. RELIGIONE CATTOLICA Classi 1 che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l'uomo Identità personale relazione con l'altro: la famiglia, gli amici, la scuola, il mondo. Racconto biblico della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 Le insegnanti Ferraris Paola Lupo Rosalia Merino Alessia RELIGIONE CLASSE PRIMA

Dettagli

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono con voi» Mt 28,16-20 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Matteo (28,16-20) In quel tempo, gli undici

Dettagli

LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO. «Il sale e la luce» Mt 5,13-16. di padre Filippo Custode

LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO. «Il sale e la luce» Mt 5,13-16. di padre Filippo Custode LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO di padre Filippo Custode «Il sale e la luce» Mt 5,13-16 Lettura del testo DAL VANGELO SECONDO GIOVANNI In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Voi

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli