MINISTRI DEGLI INFERMI PRONTUARIO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINISTRI DEGLI INFERMI PRONTUARIO"

Transcript

1 MINISTRI DEGLI INFERMI PRONTUARIO CASA GENERALIZIA ROMA 2010

2 INTRODUZIONE Alla precedente edizione sono state apportate aggiunte e correzioni per migliorare questo strumento utile, in particolare ai Superiori maggiori, ad affrontare le tante incombenze giuridiche per le quali solo pochi religiosi possiedono la necessaria perizia. Molta attenzione meritano le parti introduttive che sovente riportano norme, spiegazioni e suggerimenti per la corretta espletazione della specifica pratica. Questo testo è disponibile anche in formato elettronico sul sito camilliani.org. Di particolare utilità può risultare la parte relativa ai formulari/moduli che - una volta scaricati - possono essere adattati al caso e stampati sulla propria carta intestata. Il presente Prontuario, benché abbastanza maturo, potrà beneficiare dei vostri preziosi suggerimenti, che volentieri sollecitiamo. È quanto mai opportuno ricordare che solo una pratica ben avviata arriva in porto e celermente. Perciò, quando di fronte ad un caso concreto sentite il bisogno di delucidazioni, non esitate a rivolgervi al Procuratore generale. Roma, 14 luglio 2010 La Consulta generale 1

3 2

4 INDICE INTRODUZIONE I DOCUMENTI ARCHIVIO PROVINCIALE... 8 PRIMA PARTE: AMMISSIONI 1. Pre-noviziato Ammissione al noviziato Ammissione di un professo perpetuo da un altro Istituto Ammissione alla professione temporanea Rinnovazione della professione temporanea Riammissione all Ordine di chi è uscito dopo il noviziato Ammissione alla professione perpetua Anticipazione della professione perpetua Ammissione ai ministeri di lettore e di accolito Ammissione al diaconato e al presbiterato SECONDA PARTE: USCITE 11. Assenza prolungata dalla casa religiosa Uscita volontaria o dimissione di un novizio Uscita volontaria di un professo temporaneo alla scadenza dei voti Uscita di un professo temporaneo durante il tempo della professione Uscita imposta alla scadenza dei voti temporanei Esclaustrazione richiesta Esclaustrazione imposta Uscita definitiva di un chierico o di un fratello Dimissione forzata dall Ordine: Dimissione ipso facto Dimissione obbligatoria per diritto Dimissione non obbligatoria per diritto Espulsione immediata dalla casa religiosa Dispensa dal celibato e dagli oneri derivanti dalla sacra ordinazione Dimissione dei diaconi dallo stato clericale

5 TERZA PARTE: NOMINE E CONFERME 22. Nomina del Superiore provinciale (o Vicario Provinciale) Nomina dei Consiglieri provinciali Approvazione dell Economo provinciale Nomina dei Superiori locali Conferma di un Superiore per un terzo triennio consecutivo QUARTA PARTE: VARIE 27. Ascrizione di un religioso ad un altra Provincia Morte di un confratello Aggregazione all Ordine QUINTA PARTE: CAPITOLI 30. Capitolo generale Capitolo provinciale Capitolo locale SESTA PARTE: ISTITUZIONI E BENI 33. Erezione canonica di una casa Erezione canonica del noviziato Soppressione di una casa Accettazione di una parrocchia Strumenti di comunicazione sociale Amministrazione dei beni temporali e progetti SETTIMA PARTE: RELAZIONI ANNUALI 39. Relazione annuale della Provincia Relazione annuale della Delegazione Relazione annuale della casa Rubrica delle case

6 OTTAVA PARTE: FORMULARI (MODULI) F 1 - Scheda personale F 2 - Inizio del noviziato F 3 - Libero Stato F 4 - Richiesta di lettere dimissorie F 5 - Professione religiosa F 6 - Scelta dello stato di vita religiosa F 7 - Cessione dell amministrazione dei beni F 8 - Rinuncia ai beni temporali F 9 - Testamento F 10 - Istituzione nei ministeri F 11 - Comunicazione al parroco di battesimo F 12 - Lettera dimissoria F 13 - Convenzione Provinciali per voce attiva/passiva F 14 - Novizi o professi temporanei usciti F 15 - Extra Domum F 16 - Uscita di un professo perpetuo F Prima ammonizione canonica F Seconda ammonizione canonica F Dimissione ipso facto F Editto per confratello irreperibile F 18 - Sospensione dall esercizio dell Ordine sacro F 19 - Non timendo scandalo F 20 - De veritate dicenda F 21 - Nomina dell Instructor causae F 22 - Nomina del notaio F 23 - Interrogatorio dell oratore F 24 - Interrogatorio dei testimoni F 25 - Relazione dell Instructor causae F 26 - Consenso ai testimoni F 27 - Relazione finale del Superiore provinciale F 28 - Professione di fede F 29 - Giuramento di fedeltà

7 I DOCUMENTI 1. Ogni documento, redatto su carta di 21x29,7 cm, deve portare l indicazione della Provincia e, se occorre, della casa, come pure la data e la firma. I documenti di carattere ufficiale devono avere il numero di protocollo e il timbro. 2. La domanda per autorizzazioni, permessi... va presentata su foglio a sé e non in una lettera che tratti contemporaneamente altri argomenti. Le domande riguardanti i religiosi devono essere inoltrate sempre corredate dal curriculum vitae. 3. Le pratiche ufficiali contemplate in questo Prontuario devono arrivare alla casa generalizia per mezzo e, secondo i casi, col parere del Superiore provinciale, fatta salva la DG Nei documenti e, possibilmente, anche nella corrispondenza, si usino i nomi dell anagrafe civile, mettendo tra parentesi gli eventuali nomi di professione religiosa. Per facilitare la distinzione tra COGNOME (sempre tutto MAIUSCOLO) e nome (sempre minuscolo) si usi il seguente ordine: COGNOME nome di battesimo. 5. Le fotocopie inviate alla casa generalizia siano fatte su carta normale; quelle a trattamento chimico sono sconsigliate per l archivio. 6. Un documento può essere inviato, in via provvisoria ed eccezionale, via o telefax; ma quanto prima deve essere spedito l originale. 7. Ogniqualvolta si invia alla Consulta una richiesta per la quale è stata effettuata una votazione, occorre specificare il numero dei voti favorevoli e contrari (ad es. per la professione perpetua). 8. Una richiesta non corredata da tutta la documentazione prescritta, a dir poco, fa perdere del tempo prezioso. Nota Bene Per le Viceprovince vale quanto stabilito per la Provincia se non è prescritto diversamente nella Costituzione e Disposizioni generali. Archiviazione Atti del Consiglio I documenti utilizzati nel raduno del Consiglio provinciale vanno conservati nell archivio provinciale. Anche gli atti prodotti a seguito di questi raduni devono essere archiviati: si noti che essi sono scritti in corsivo. Questo significa che, quando ci si raduna, occorre avere già tutti i documenti che nel Prontuario sono scritti in carattere normale. 6

8 LA FUNZIONE NOTARILE Una funzione propria e specifica del Segretario (generale, provinciale, locale) è la certificazione degli atti di governo, o attività notarile, che si esplica trascrivendo il verbale di quanto accaduto o deciso, o certificando l esistenza di un fatto o di un diritto: la sua firma fa pubblica fede della regolarità dei procedimenti e della validità degli atti. Non solo si occupa della registrazione degli atti di governo, ma cura pure la loro eventuale trasmissione ad altri organismi o persone. Il Segretario esercita una funzione notarile diretta quando redige atti di qualcosa di cui è stato testimone, e indiretta quando certifica qualcosa che c è o risulta negli atti e nei documenti. È evidente l importanza che il Segretario della (Vice)Provincia o Delegazione sia un religioso che conosca il diritto universale della Chiesa e le Regole del nostro Ordine; come pure che operi in sintonia con esse. SIGLE CDF: CONGREGAZIONE DELLA DOTTRINA DELLA FEDE, Istruzione circa alcuni aspetti dell uso degli strumenti di comunicazione sociale nella promozione della dottrina della fede, 30 marzo RC: CONGREGAZIONE PER I RELIGIOSI E GLI ISTITUTI SECOLARI, Renovationis causam, 6 gennaio RF: ORDINE DEI MINISTRI DEGLI INFERMI, Regolamento di Formazione. Orientamenti generali, Casa generalizia, Roma C (COSTITUZIONE) DG (DISPOSIZIONI GENERALI) DEI MINISTRI DEGLI INFERMI, 2 febbraio Can.: Canone del CODICE DI DIRITTO CANONICO (1983). 7

9 ARCHIVIO PROVINCIALE Affinché il materiale archivistico d uso corrente sia di facile reperimento e consultazione occorre un ordinamento razionale, secondo un titolario che contenga tutti gli aspetti dell attività della Provincia e del Superiore provinciale. Viene qui presentato, a titolo di modello, il seguente titolario. A. LA PROVINCIA 1. Amministrazione provinciale 1.1 Capitoli provinciali 1.2 Consigli provinciali 1.3 Atti e documenti del Superiore provinciale 1.4 Uffici provinciali: a) segreteria provinciale b) vice-postulazione 1.5 Segretariato per il ministero 1.6 Segretariato per le missioni 1.7 Segretariato per la formazione 1.8 Commissione economica 2. Curia generalizia 2.1 Documenti mandati dalla curia generalizia 2.2 Relazioni annuali 2.3 Documenti della S. Sede 3. Relazioni interprovinciali 4. Relazioni con le autorità civili 5. Relazioni con i Vescovi 6. Case 6.1 Case di ministero 6.2 Opere 6.3 Case di formazione 6.4 Parrocchie 6.5 Case soppresse Conservare i seguenti documenti: - piante, inventari - documenti giuridici - relazioni annuali, cronache - attività - corrispondenza ufficiale - relazioni con le autorità civili e religiose - relazioni e documenti economici - libro delle S. Messe 8

10 - libro dei raduni della comunità - libro dei capitoli della casa - catalogo dei religiosi - libro degli studi (nella casa di formazione) B. LE DELEGAZIONI Riprendere una classificazione analoga a quella della Provincia. C. I RELIGIOSI 1. I religiosi attuali: qui vengono collocati tutti i documenti previsti dal Prontuario. 2. I religiosi defunti: vedere nel Prontuario morte di un confratello (pag. 46). 3. I religiosi usciti: tutti i documenti che riguardano l entrata, la permanenza e l uscita. 9

11 10

12 PRIMA PARTE AMMISSIONI 1. PRE-NOVIZIATO (POSTULANDATO) - L accoglienza del candidato compete al Superiore della casa di formazione, sulla base delle relazioni di coloro che hanno svolto il discernimento vocazionale. Nel caso si tratti di un candidato già seminarista diocesano, di un istituto religioso o di un altra nostra provincia, occorre il permesso del Superiore provinciale con il consenso del suo Consiglio. In questi casi è indispensabile ottenere le necessarie informazioni dai responsabili ove il candidato ha trascorso le precedenti esperienze formative. - La durata del pre-noviziato deve svolgersi entro limiti di tempo sufficienti a garantire una giusta maturazione umana, cristiana e vocazionale del candidato (cfr RC 44). Anche se i documenti della Chiesa non precisano la durata del pre-noviziato, si auspica che essa ordinariamente non sia inferiore ai sei mesi e non superi i due anni (RF 37). - Si sconsiglia che il pre-noviziato abbia luogo nella sede del noviziato o del post-noviziato. La casa scelta per l esperienza di pre-noviziato sia considerata casa di formazione a tutti gli effetti e il candidato vi dimori stabilmente almeno negli ultimi mesi (RF 38). - Gli obiettivi formativi di questo periodo di formazione sono: una progressiva conoscenza di sé; una assimilazione crescente dei valori della vita cristiana; una informazione adeguata sulla vocazione allo stato religioso con particolare attenzione al carisma camilliano; una iniziazione alla vita comunitaria (cfr RF 40). - I responsabili della formazione sono chiamati a verificare seriamente se nel candidato esistono le condizioni necessarie per intraprendere l esperienza del noviziato. Nota Bene. Ci si attenga a quanto stabilito nel Regolamento di Formazione. Documenti richiesti da conservare nell archivio di casa: 1. Scheda personale (F 1). 2. Certificato di nascita. 3. Certificato di battesimo e di confermazione. 4. Certificato medico. 5. Dichiarazione di stato libero, libera entrata e di non esigere retribuzione alcuna (F 3). 6. Documenti vari o particolari (a seconda del caso): - Relazione degli educatori, per i candidati provenienti da un seminario dell Ordine. - Relazione rilasciata dall Ordinario del luogo, dal Superiore maggiore o dal rettore per chierici o persone che furono ammesse in un seminario o in un altro istituto di vita consacrata (F 4; cfr can. 645, 2; can. 684). - Certificato di buona condotta redatto dal parroco o da un sacerdote di loro conoscenza per i candidati adulti. 7. Documento originale o copia conforme degli studi fatti ed eventuali titoli di studio conseguiti. 8. Curriculum vitae scritto dal candidato. 11

13 2. AMMISSIONE AL NOVIZIATO - Compete al Superiore provinciale, con il consenso del suo Consiglio (can. 641; C 82; DG 36-45). - Non si ammetta un giovane al noviziato solo per verificare una proposta che non è ancora chiara, oppure per uscire da una indecisione (RF 45). Per la verifica dell esistenza dei requisiti necessari per l ammissione al noviziato si veda il RF ai numeri 43 e I Superiori ammettano con la più attenta cura soltanto coloro che, oltre all età richiesta [diciassette anni compiuti], abbiano salute, indole adatta e la maturità sufficiente per assumere il genere di vita proprio dell istituto; la salute, l indole e la maturità siano anche verificati, all occorrenza, da esperti, fermo restando il disposto del can. 220 (can. 642). Spetta ai formatori il grave compito di emettere un giudizio circa la capacità del candidato di poter effettivamente assumersi gli impegni inerenti la vita religiosa camilliana. Dal canone si desume che l ammissione al noviziato, e ancor più alla professione dei voti, è vincolata al giudizio positivo sulla salute, l indole e la maturità del formando. Quindi, chi a motivo della salute o dell indole o della maturità manifestata non può dedicarsi al servizio completo dei malati non deve essere ammesso nel nostro Ordine. - I Superiori non ammettano al noviziato chierici secolari senza consultare l Ordinario del luogo, né persone gravate di debiti e incapaci di estinguerli (can. 644). - I Superiori, se pare loro necessario, possono chiedere altre informazioni, anche sotto segreto (can. 645). - Per gli impedimenti invalidanti l ammissione al noviziato si veda il can La direzione dei novizi, sotto l autorità dei Superiori maggiori, è riservata unicamente al maestro (can. 650, 2). Non può essere nominato maestro dei novizi chi non è in grado di assolvere questo compito in modo stabile, come ad es. il Superiore provinciale, un parroco, un insegnante a tempo pieno... - Il maestro dei novizi e il suo aiutante, il rettore del seminario o di un altro istituto di educazione, non ascoltino le confessioni sacramentali dei propri alunni, che dimorano nella stessa casa, a meno che gli alunni in casi particolari non lo chiedano spontaneamente (can. 985). - Il canone 646 indica quattro finalità del noviziato: far prendere meglio coscienza della vocazione propria e dell istituto; sperimentarne lo stile di vita; formarsi mente e cuore secondo il suo spirito; verificare le intenzioni e l idoneità dei novizi. - Il tempo del noviziato, di cui al canone 648, 1, sia dedicato formalmente all opera di formazione; perciò i novizi non siano occupati in studi o incarichi non direttamente finalizzati a tale formazione (can. 652, 5). La sua conclusione, tuttavia, tenga conto anche dei ritmi di maturazione personale del novizio, che possono richiedere un periodo più lungo, non oltre però sei mesi (C 79). - Per conseguire una educazione più completa i novizi delle singole province possono compiere, fuori della casa del noviziato, uno o più periodi di attività formativa, secondo le norme stabilite dal regolamento di formazione (DG 41). - In casi particolari, e a modo di eccezione, su concessione del Moderatore supremo con il consenso del suo consiglio, un candidato può fare il noviziato in un altra casa dell istituto sotto la guida di un religioso approvato, che faccia le veci del maestro dei novizi (can. 647, 2). Il Superiore maggiore può permettere che il gruppo dei novizi, per determinati periodi di tempo, dimori in un altra casa dell istituto, da lui stesso designata (can. 647, 3). - Salvo il disposto dei cann. 647, 3 e 648, 2, una assenza dalla casa del noviziato che superi i tre mesi, continui o discontinui, rende invalido il noviziato. Una assenza che superi i quindici giorni deve essere ricuperata. Con il permesso del Superiore maggiore competente la prima 12

14 professione può essere anticipata, non oltre quindici giorni (can. 649). L anticipo da 16 giorni ad un massimo di tre mesi è cosa illecita, ma non rende invalidi il noviziato e la professione: devono pertanto essere recuperati per la liceità. Ovviamente, una assenza superiore ai tre mesi invalida il noviziato e la professione. Per l esatto computo del tempo si vedano i cann Durante il noviziato il candidato può liberamente lasciare l Ordine; non è tenuto a manifestarne le ragioni. Ma, se non viene giudicato idoneo, può essere dimesso dai superiori maggiori durante o al termine del noviziato con una intimazione scritta. Per causa grave, anche il superiore locale, dopo aver ascoltato il maestro, può dimettere un novizio; sarà poi suo dovere darne sollecita comunicazione al provinciale (DG 45). In teoria il novizio dimesso potrebbe ricorrere (ma senza alcuna speranza): nel frattempo, il ricorso non è sospensivo. - In caso di imminenza della morte, il novizio può essere ammesso alla professione anche se non ha terminato il periodo di tempo del noviziato. Gli effetti non sono giuridici, ma solo spirituali: lui non diventa religioso, né l istituto acquista alcun diritto su di lui; la professione è comunque una consacrazione con la quale partecipa alle grazie, indulgenze e suffragi. Se non muore, però, ritorna allo stato precedente: quindi continua il noviziato con l iter ordinario. 2.1 Prima del noviziato Per il Consiglio provinciale: 1. Scheda personale aggiornata (F 1). 2. Certificato di nascita. 3. Certificato di battesimo, di confermazione. 4. Certificati medici attestanti la salute psico-fisica del candidato. 5. Dichiarazione di stato libero, libera entrata e di non esigere retribuzione alcuna (F 3). 6. Documenti vari o particolari (a seconda del caso): - Relazione degli educatori, per i candidati provenienti da un seminario dell Ordine. - Relazione rilasciata dall Ordinario del luogo, dal Superiore maggiore o dal rettore per chierici o persone già ammesse in un seminario o in un altro istituto di vita consacrata (F 4; cfr cann. 644, 645). - Certificato di buona condotta redatto dal parroco o da un sacerdote di loro conoscenza per i candidati adulti. 7. Documento degli studi fatti ed eventuali titoli di studio conseguiti. 8. Domanda al Superiore provinciale e suo Consiglio. 9. Curriculum vitae da parte del futuro novizio. 10. Atto di ammissione al noviziato da parte del Superiore provinciale col consenso del suo Consiglio. 2.2 Dopo l inizio del noviziato A. Per l archivio provinciale: documento attestante l inizio del noviziato, sottoscritto dal novizio e dal maestro del noviziato (F 2). B. Per l archivio generale (appena iniziato il noviziato): copia dei documenti 1, 8, 9, F 2. C. Per il novizio: copia del documento F 2. 13

15 3. AMMISSIONE DI UN PROFESSO PERPETUO DA UN ALTRO ISTITUTO - Compete al Moderatore supremo dell uno e dell altro istituto, previo consenso dei rispettivi consigli (can. 684, 1). - Per accettare uno che proviene da un istituto secolare o da una società di vita apostolica è necessaria la licenza della S. Sede (cfr can. 684, 5). In questo caso la domanda va indirizzata al Santo Padre. - Il religioso dopo avere trascorso un periodo di prova, che deve durare almeno tre anni, può essere ammesso alla professione perpetua nel nuovo istituto. Se però non vuole emettere tale professione o non vi è ammesso dai Superiori competenti, ritorni all istituto di provenienza, a meno che non abbia ottenuto l indulto di secolarizzazione (can. 684, 2). - Il diritto proprio determini la durata e le modalità del periodo di prova che il religioso deve compiere nel nuovo istituto prima della professione (can. 684, 4). - Fino al momento della professione nel nuovo istituto, mentre rimangono vincolanti i voti, sono sospesi i diritti e gli obblighi che il religioso aveva nel precedente istituto; tuttavia fin dall inizio del periodo di prova il religioso è tenuto all osservanza del diritto proprio del nuovo istituto (can. 685). - Chi passa da un istituto al nostro non è tenuto a rifare il noviziato; chi invece è già uscito legittimamente dal proprio istituto deve rifare il noviziato, se è ammesso nel nostro. 3.1 Prima dell ammissione A. Per il Consiglio provinciale: 1. Scheda personale (F 1). 2. Fotocopia del certificato di nascita (fornita dall istituto di provenienza). 3. Fotocopia del certificato di battesimo e di confermazione (fornita dall istituto di provenienza). 4. Certificati medici attestanti la salute psico-fisica del candidato. 5. Copia della domanda scritta dal candidato al Superiore generale. 6. Copia della concessione del Moderatore supremo (o licenza della S. Sede) dell istituto di provenienza, corredata dal consenso del suo Consiglio. 7. Curriculum vitae scritto dal candidato stesso. 8. Relazione esauriente dei precedenti formatori. 9. Copia del parere favorevole sia del Superiore provinciale che del suo Consiglio. B. Per la Consulta generale: 1. Copia della scheda personale (F 1) e del curriculum vitae. 2. Domanda scritta dal religioso al Superiore generale. 3. Concessione del Moderatore supremo (o licenza della S. Sede) dell istituto di provenienza, corredata dal consenso del suo Consiglio. 4. Parere favorevole del Superiore provinciale e del suo Consiglio. 3.2 L ammissione. Il candidato, essendo un professo perpetuo, non deve fare la professione temporanea, ma se supera la prova viene ammesso direttamente alla professione perpetua. Durante o al termine della prova, può verificarsi che: a) il candidato chieda l indulto di secolarizzazione; b) il nostro Istituto non lo ritenga idoneo e, quindi, lo rinvii a quello d origine; c) l Istituto d origine l accolga o intenda dimetterlo. 3.3 Dopo l ammissione A. Per l archivio provinciale: atto di ammissione da parte del Superiore generale. B. Per l archivio generale: copia dell atto di ammissione. 14

16 4. AMMISSIONE ALLA PROFESSIONE TEMPORANEA - Compete al Superiore provinciale col consenso del suo Consiglio. - Per i criteri di ammissione alla professione temporanea si veda il RF al n Il maestro dei novizi, in tempi determinati e in particolare prima della professione, presenti al provinciale una relazione su ogni novizio, dopo aver ascoltato i cooperatori e i religiosi della comunità (DG 44). - Salvo il disposto dei canoni 647, 3 e 648, 2, una assenza dalla casa del noviziato che superi i tre mesi, continui o discontinui, rende invalido il noviziato. Una assenza che superi i quindici giorni deve essere ricuperata. Con il permesso del Superiore maggiore competente la prima professione può essere anticipata, non oltre quindici giorni (can. 649). Un novizio che è in procinto di morire può essere ammesso alla professione. Questa resta un atto di consacrazione che produce effetti spirituali e non giuridici, per cui il novizio non diventa un religioso. Difatti, se dopo la professione non muore ritorna allo stato precedente, continuando il regolare corso del noviziato. - I candidati, prima della professione temporanea, cedano l amministrazione dei beni a persona di loro fiducia e dispongano del loro uso e usufrutto (DG 46). - Spetta ai superiori, anche locali, ricevere personalmente o tramite delegati, la professione dei loro religiosi (DG 48). La delega può essere concessa caso per caso oppure per tutte le professioni. - La professione temporanea viene emessa inizialmente per un anno e viene rinnovata annualmente fino ad un minimo di tre anni (DG 49). - I voti emessi prima della professione religiosa, restano sospesi fintantoché chi li ha emessi rimane nell istituto religioso (can. 1198). - Con la professione temporanea si entra a far parte ufficialmente dell Ordine, si diventa religioso acquistando i doveri e i diritti (non tutti) degli altri membri. - I documenti relativi alla professione temporanea e alla professione perpetua siano conservati diligentemente nell archivio dell Ordine e della provincia (DG 52). - Nelle disposizioni provinciali si stabilisca se e in quale proporzione i delegati dei religiosi con vincolo temporaneo possano intervenire, senza diritto di voto, ai capitoli provinciali. Analogamente si possono stabilire norme sulla partecipazione dei religiosi di voti temporanei ai capitoli locali (DG 111). A. Per il Consiglio provinciale (Documenti originali): 1. Relazione del maestro dei novizi. 2. Domanda scritta del novizio. 3. Rinuncia alla libera amministrazione dei beni (F 7) e disposizione del loro uso e usufrutto, per coloro che al momento possiedono dei beni. 4. Atto del Superiore provinciale che ammette, con il consenso del Consiglio, il novizio alla professione temporanea. 5. Formula della professione (F 5) datata e firmata dal professo, dal Superiore o suo delegato che ha ricevuto la professione e da due testimoni. 6. Scelta dello stato (fratello o sacerdote), se lo ha già deciso (F 6). B. Per l archivio generale: copia dei documenti F 5, F 6. C. Per il professo temporaneo: copia del documento F 5. 15

17 Nota Bene. Una volta l anno, prese informazioni dai religiosi della casa, il superiore, unitamente al maestro di spirito, trasmetta al provinciale una relazione scritta, approvata dal consiglio locale, circa la condotta dei religiosi in formazione dopo il noviziato (DG 49). Una copia va inviata alla Segreteria generale. 5. RINNOVAZIONE DELLA PROFESSIONE TEMPORANEA - Spetta al Superiore provinciale, con il consenso del suo Consiglio. - La professione temporanea viene emessa inizialmente per un anno e viene rinnovata annualmente fino ad un minimo di tre anni (DG 49). - Occorre il permesso della Consulta generale affinché il vincolo della professione temporanea possa essere prorogato oltre i sei anni, e comunque non oltre i nove. - Una infermità fisica o psichica, anche contratta dopo la professione, quando a giudizio degli esperti rende non idoneo alla vita nell istituto il religioso di cui al 1, costituisce motivo per non ammetterlo alla rinnovazione della professione o alla professione perpetua, salvo il caso che l infermità sia dovuta a negligenza da parte dell istituto, oppure a lavori sostenuti nell istituto stesso (can. 689, 2). A. Per il Consiglio provinciale: 1. Domanda scritta dal religioso professo al Superiore provinciale. 2. Testimonianza del Superiore locale col suo Consiglio (DG 49). 3. Dopo il sesto anno, richiesta di dispensa del Superiore provinciale indirizzata al Superiore generale. 4. Atto di ammissione del Superiore provinciale col suo Consiglio. 5. Formula della professione, datata e firmata dal religioso professo, da chi ha ricevuto la professione e da due testimoni (F 5). B. Per la Consulta generale: 1. Dopo il sesto anno, richiesta di dispensa del Superiore provinciale indirizzata al Superiore generale. 2. Copia del documento A4. 3. Copia della Formula della professione. Nota Bene. Una volta l anno, prese informazioni dai religiosi della casa, il superiore, unitamente al maestro di spirito, trasmetta al provinciale una relazione scritta, approvata dal consiglio locale, circa la condotta dei religiosi in formazione dopo il noviziato (DG 49). Una copia va inviata alla Segreteria generale. C. Per il religioso: copia del documento A4. 16

18 6. RIAMMISSIONE ALL ORDINE DI CHI È USCITO DOPO IL NOVIZIATO O DOPO LA PROFESSIONE - Spetta al Superiore generale con il consenso dei Consultori. Chi al termine del noviziato, oppure dopo la professione, è uscito legittimamente dall istituto, può esservi riammesso dal moderatore supremo [Superiore generale] col consenso del suo consiglio, senza l onere di ripetere il noviziato; spetterà tuttavia al moderatore stesso stabilire un conveniente periodo di prova prima della professione temporanea e la durata dei voti temporanei prima della professione perpetua, a norma dei cann. 655 e 657 (can. 690). - La norma abbraccia anche coloro che sono usciti legittimamente da professi perpetui. Chi, invece, è in extra domum, extra claustra o espulso dalla casa religiosa (cfr can. 703) è ancora un religioso e quindi non è contemplato in questa norma. - È considerato legittimamente uscito: - chi, terminato il noviziato, per una qualsiasi ragione sua o dei superiori, non ha poi fatto la professione; - chi al termine dei voti temporanei ha lasciato liberamente l Ordine; oppure non è stato ammesso alla successiva professione (can. 689); oppure, seppur ammesso, comunque non giunse alla professione (alla prima, al rinnovo o a quella perpetua); - chi, con i voti temporanei o perpetui, ha chiesto e ottenuto di uscire dall Ordine. Si ricordi che un chierico che ha ottenuto di uscire e non è stato incardinato in una diocesi o altro istituto ha il diritto di rientrare nel nostro istituto in qualsiasi momento lo desideri. - Se il Superiore generale, con il consenso dei Consultori, riammette il candidato, poi - senza bisogno del consenso o del parere dei Consultori - stabilisce quanto debba durare il periodo di prova e la durata dei voti temporanei. Il periodo dei voti temporanei del riammesso trascorso prima dell uscita può essere computato a discrezione del Superiore generale. - Chi non viene riammesso non ha possibilità di fare ricorso, salvo quello generico di ogni fedele cristiano. A. Per il Consiglio provinciale: 1. Copia della domanda dell interessato al Superiore generale. 2. Testimonianze varie. 3. Curriculum vitae. 4. Copia del parere del Superiore provinciale col suo Consiglio. 5. Atto del Superiore generale. B. Per la Consulta generale: 1. Domanda dell interessato indirizzata al Superiore generale. 2. Curriculum vitae. 3. Parere del Superiore provinciale e del suo Consiglio. 4. Copia dell atto del Superiore generale. C. Per il candidato: copia dell atto del Superiore generale. 17

19 7. AMMISSIONE ALLA PROFESSIONE PERPETUA - Compete al Superiore generale col consenso dei Consultori. - Spetta al superiore provinciale e al suo consiglio proporre al superiore generale e consultori l ammissione di un candidato alla professione perpetua (C 83) (RF 99). Quindi, la domanda del candidato verrà inoltrata alla Consulta generale solo previo parere positivo del Provinciale e suo Consiglio. - La richiesta di ammissione alla professione perpetua va inoltrata al superiore generale e consultori almeno tre mesi prima della data prevista per la celebrazione di tale atto (RF 100). - La professione perpetua può essere anticipata per giusta causa, ma non oltre un trimestre (can. 657, 3). Bisogna avere almeno 21 anni compiuti. - Prima della professione perpetua, in tempo opportuno, il provinciale o un suo delegato ascolti con discrezione tutti i religiosi della casa dove risiede il candidato e raccolga altre notizie utili all esame di ammissione (DG 50). - Spetta ai formatori il grave compito di presentare una valutazione sulla capacità del candidato di poter effettivamente assumersi gli impegni inerenti la vita religiosa camilliana. L ammissione alla professione perpetua è subordinata al giudizio positivo sulla salute, l indole e la maturità del professo temporaneo. Quindi, chi a motivo della salute o dell indole o della maturità non è ritenuto idoneo al servizio completo dei malati non può essere ammesso nel nostro Ordine. - Con l ammissione perpetua o definitiva in un istituto di vita consacrata o in una società di vita apostolica, il chierico che, a norma del can. 266, è incardinato in tale istituto o società, viene escardinato dalla propria Chiesa particolare (can. 268, 2). - Prima della professione perpetua facciano la rinuncia dei beni, e questo, se è richiesto dalle leggi, abbia la convalida civile. Possono modificare le disposizioni prese solo con la licenza del superiore maggiore (DG 46). - I documenti relativi alla professione temporanea e alla professione perpetua siano conservati diligentemente nell archivio dell Ordine e della provincia (DG 52). 7.1 Prima della professione A. Per il Consiglio provinciale: 1. Copia della domanda del religioso professo rivolta al Superiore generale e indirizzata al Superiore provinciale e suo Consiglio. 2. Documentazione attestante l idoneità psicofisica all esercizio del carisma. 3. Testimonianze dei religiosi incaricati della formazione. 4. Copia del parere personale del Superiore provinciale. 5. Copia della relazione del Superiore provinciale (o suo delegato) sull esito della consultazione (DG 50). 6. Copia del curriculum studiorum e delle attività svolte nel periodo intercorso tra il noviziato e la professione perpetua. 7. Copia (se non ancora presentata) della scelta dello stato (F 6). 8. In caso di professione anticipata (can. 657, 3), copia della domanda di richiesta e indulto concesso. 9. Rinuncia alla proprietà dei beni temporali e obbligo del testamento. - Rinuncia dei beni temporali per coloro che attualmente li posseggono (F 8). - Obbligo di redigere il testamento il giorno della professione (F 9). 10. Copia del parere favorevole del Consiglio provinciale. 11. Atto di ammissione alla professione perpetua da parte del Superiore generale. 18

20 B. Per la Consulta generale: 1. Domanda del religioso al Superiore generale. 2. Documentazione attestante l idoneità psicofisica all esercizio del carisma. 3. Testimonianze dei religiosi incaricati della formazione. Il responsabile, se ha assunto da poco il suo ufficio, consulti il suo predecessore e le relazioni degli anni precedenti. 4. Relazione a seguito della consultazione (DG 50) dei religiosi della casa dove il candidato risiede attualmente e dei religiosi della casa dove ha vissuto negli ultimi 12 mesi. 5. Parere personale del Superiore provinciale. 6. Curriculum vitae, degli studi, delle attività e relazioni annuali (se non già inviate) inerenti il periodo intercorso tra il noviziato e la richiesta di professione perpetua. 7. Scelta dello status di religioso fratello o padre, se non ancora presentata (F 6). 8. In caso di professione anticipata (can. 657, 3), copia della domanda di richiesta e indulto concesso. 9. Una foto personale a colori (mezzo busto con veste camilliana). 10. Copia della rinuncia dei beni e del testamento (F 8 e F 9). 11. Atto del Consiglio provinciale in cui si esprime il parere favorevole. Non è sufficiente trascrivere l esito della votazione (quanti pro o contrari): eventuali pareri non favorevoli alla professione devono essere motivati e riportati negli atti del Consiglio. 12. Copia dell atto di ammissione alla professione perpetua da parte del Superiore generale. Nota bene. Descrivere e valutare con particolare cura la personalità del candidato: - stato di salute fisica e psichica, temperamento, carattere, doti, limiti, progressi nel lavoro compiuto su se stesso nelle varie aree personali, con particolare attenzione a quella affettiva, aspetti sui quali il candidato deve continuare a lavorare, rendimento scolastico; - giudizio sull interiorizzazione dei valori della vita religiosa camilliana, sulla disposizione ad assumere gli obblighi dei voti e sulla capacità di osservarli, sull idoneità a vivere la vita fraterna in comunità e a svolgere l apostolato specifico dell Ordine (RF 101). C. Per il religioso: 1. Copia dell atto di ammissione alla professione perpetua da parte del Superiore generale. 2. Copia della rinuncia dei beni e del testamento (F 8 e F 9). 7.2 Dopo la professione A. Per l archivio provinciale: 1. Formula della professione (F 5), datata e sottoscritta dal professo, dal Superiore che ha ricevuto la professione e da due testimoni. 2. Copia della comunicazione dell avvenuta professione alla parrocchia di battesimo. 3. Copia del testamento (F 9). B. Per l archivio generale: 1. Copia della formula di professione. 2. Copia del testamento. C. Per il religioso: formula della professione (F 5), datata e sottoscritta dal professo, dal Superiore che ha ricevuto la professione e da due testimoni. 19

21 8. ANTICIPAZIONE DELLA PROFESSIONE PERPETUA - Compete al Superiore generale col consenso dei Consultori. - La professione perpetua può essere anticipata per giusta causa, ma non oltre un trimestre (can. 657, 3). A. Per il Consiglio provinciale: 1. Copia della domanda del religioso al Superiore generale. 2. Copia del parere favorevole del Consiglio provinciale. 3. Copia della lettera del Superiore provinciale al Superiore generale. 4. Atto del Superiore generale. B. Per la Consulta generale: 1. Domanda del religioso al Superiore generale. 2. Parere favorevole del Consiglio provinciale. 3. Lettera del Superiore provinciale al Superiore generale. 4. Copia dell atto del Superiore generale. C. Per il religioso: copia dell atto del Superiore generale. 9. AMMISSIONE AI MINISTERI DI LETTORE E DI ACCOLITO - Compete al Superiore provinciale con il consenso del suo Consiglio (DG 36). - Perché uno possa essere ammesso ai ministeri, si richiedono: a) la domanda liberamente compilata e sottoscritta dall aspirante al superiore maggiore, cui spetta l accettazione; b) l età conveniente e le speciali qualità, che devono essere determinate dalla Conferenza Episcopale; c) la ferma volontà di servire fedelmente Dio e il popolo cristiano (Ministeria quaedam, VIII). - Fra il conferimento del lettorato e quello dell accolitato siano rispettati gli interstizi, stabiliti dalla Santa Sede e dalle Conferenze Episcopali, tutte le volte che alle medesime persone viene conferito più di un ministero (Id. X). - I candidati al diaconato e al presbiterato debbono ricevere i ministeri del lettore e dell accolito, se non l hanno già fatto, ed esercitarli per un conveniente periodo di tempo, perché meglio si dispongano ai futuri servizi della Parola e dell altare (Id. XI). - Per gli scrutini si veda CONGREGAZIONE PER IL CULTO DIVINO E LA DISCIPLINA DEI SACRAMENTI, Gli scrutini sulla idoneità dei candidati, A. Per il Consiglio provinciale: 1. Domanda del candidato di ammissione ai ministeri, indirizzata al Superiore provinciale. 2. Testimonianze da parte dei formatori. 3. Documento di ammissione redatto dal Superiore provinciale, col consenso del suo Consiglio. 4. Documento dell avvenuto conferimento (F 10). B. Per l archivio generale: copia del documento dell avvenuto conferimento (F 10). C. Per il religioso: copia del documento dell avvenuto conferimento (F 10). 20

22 10. AMMISSIONE AL DIACONATO E AL PRESBITERATO - Compete al Superiore provinciale, con il consenso del suo Consiglio (DG 36). Spetta al Superiore provinciale concedere le lettere dimissorie per il diaconato e per il presbiterato e inviarle al vescovo. - Il religioso di voti perpetui può sempre chiedere di accedere agli ordini sacri. Sarà necessario un periodo di adeguata preparazione, e per l ammissione è richiesto il giudizio di idoneità da parte del superiore, udito il parere della comunità, e il consenso del provinciale con il suo consiglio (DG 47). - Perché uno possa essere promosso ai sacri ordini si richiedono i seguenti documenti: 1 certificato degli studi regolarmente compiuti a norma del can. 1032; 2 certificato di diaconato ricevuto, se si tratta di ordinandi al presbiterato; 3 se si tratta di promovendi al diaconato, certificato di battesimo e di confermazione e dell avvenuta ricezione dei ministeri di cui al can. 1035; ugualmente il certificato della dichiarazione di cui al can (can. 1050). - Per quanto riguarda lo scrutinio circa le qualità richieste nell ordinando, si osservino le norme che seguono: 1 vi sia l attestato del rettore della casa di formazione, sulle qualità richieste per ricevere l ordine, vale a dire la sua retta dottrina, la pietà genuina, i buoni costumi, l attitudine ad esercitare il ministero; ed inoltre, dopo una diligente indagine, un documento sul suo stato di salute sia fisica sia psichica (can. 1051). - Il presbiterato sia conferito solo a quelli che hanno compiuto i 25 anni di età e posseggano una sufficiente maturità, osservato inoltre l intervallo di almeno sei mesi tra il diaconato e il presbiterato; coloro che sono destinati al presbiterato, vengano ammessi all ordine del diaconato soltanto dopo aver compiuto i 23 anni di età. [ ] È diritto delle Conferenze episcopali stabilire una norma con cui si richieda un età più avanzata per il presbiterato e per il diaconato permanente (can. 1031). - Il religioso con l ordinazione diaconale viene incardinato come chierico nel nostro Ordine. Oltre ai diritti e doveri della vita consacrata, diventa soggetto di diritti e doveri propri dello stato clericale (cfr cann ). A. Per il Consiglio provinciale: 1. Dichiarazione del candidato redatta e firmata di suo pugno, nella quale attesta che intende ricevere l ordine (diaconato o presbiterato) spontaneamente e liberamente. 2. Testimonianze da parte dei formatori. 3. Atto del Superiore provinciale che, con il consenso del suo Consiglio, ammette all ordine. 4. Copia delle lettere dimissorie inviate al Vescovo, concesse dal Superiore provinciale (F 12). 5. Atto dell avvenuta ordinazione emesso dalla curia diocesana. 6. Copia della comunicazione dell avvenuta ordinazione alla parrocchia di battesimo (F 11). B. Per l archivio generale: copia dell atto dell avvenuta ordinazione. C. Per il religioso: copia dell atto dell avvenuta ordinazione. 21

23 22

24 SECONDA PARTE USCITE 11. ASSENZA PROLUNGATA DALLA CASA RELIGIOSA 1. Non superiore ad un anno. Il Superiore provinciale può: da solo negare; oppure, con il consenso del proprio Consiglio, concedere ad un religioso di vivere fuori da qualsiasi casa dell Ordine per una giusta causa (da parte del religioso o da parte dell Ordine) per un periodo non superiore ad un anno (cfr can. 665, 1). Il permesso di un anno può essere rinnovato, anche più volte, se perdura la causa per cui il religioso ebbe il permesso. Come pure, se sorgesse una nuova giusta causa, può essere concessa una licenza (sempre non superiore ad un anno). 2. Superiore ad un anno. Il Superiore provinciale, con il consenso del suo Consiglio, può concedere un tempo maggiore per ragioni di: a) infermità: qualsiasi tipo di malattia del religioso e per tutto il tempo che si ritiene necessario o conveniente; b) di studi: sia per imparare che per insegnare non importa quale disciplina; c) di apostolato da svolgere a nome dell Ordine: deve, quindi, esserci il mandato del legittimo Superiore. - Il Superiore provinciale può ritirare il permesso concesso quando lo ritiene opportuno; il religioso, che durante l assenza comunque gode della voce attiva e passiva, ha il diritto di ritornare in comunità anche prima della scadenza del permesso. - Il religioso rimane a tutti gli effetti membro dell Ordine, con tutti i diritti e doveri, eccetto quelli non compatibili con la sua nuova condizione di assente. - Non ha bisogno del permesso del Vescovo per risiedere e celebrare (per gli altri ministeri, sì). A. Per il Consiglio provinciale: 1. Domanda scritta del religioso con indicazione dei motivi. 2. Permesso scritto indicante il periodo dell assenza e i rapporti da mantenere con l Ordine (F 15). B. Per l archivio generale: copia del permesso concesso. C. Per il religioso: copia del permesso concesso. 23

25 12. U SCITA VOLONTARIA O DIMISSIONE DI UN NOVIZIO - Il novizio può liberamente lasciare l istituto, e d altra parte l autorità competente dell istituto può dimetterlo (can. 653, 1). - I superiori maggiori possono dimettere dal noviziato un novizio non idoneo. Per causa grave, anche il superiore locale, dopo aver ascoltato il maestro, può dimettere un novizio; sarà poi suo dovere darne sollecita comunicazione al provinciale (DG 45). A. Per l archivio provinciale: documento col quale il Provinciale, udito il Consiglio, dichiara l uscita o la dimissione del novizio. B. Per l archvio generale: notifica dell avvenuta uscita tramite il modulo F USCITA VOLONTARIA ALLA SCADENZA DEI VOTI Colui che, scaduto il tempo della professione, vuole uscire dall istituto, lo può abbandonare (can. 688, 1). A. Per l archivio provinciale: documento di uscita per il non avvenuto rinnovo del legame temporaneo o per la non avvenuta domanda della professione perpetua, con indicazione dei motivi (F 14). B. Per l archivio generale: al momento dell uscita, notifica di questa (F 14). 14. USCITA VOLONTARIA DI UN RELIGIOSO PROFESSO TEMPORANEO DURANTE IL TEMPO DELLA SUA PROFESSIONE Compete al Superiore generale con il consenso dei Consultori, constatata l esistenza di una grave causa e l urgenza (cfr can. 688, 2). L accettazione o il rifiuto dell indulto deve essere documentato. Se entro 10 giorni dalla notifica non c è risposta, il rescritto perde il suo valore. A. Per il Consiglio provinciale: 1. Copia della domanda del religioso. 2. Copia del parere del Superiore provinciale e del suo Consiglio. 3. Indulto del Superiore generale. B. Per la Consulta generale: 1. Domanda del religioso indirizzata al Superiore generale. 2. Parere del Superiore provinciale e del suo Consiglio. 3. Copia dell indulto del Superiore generale. C. Per il richiedente: copia dell indulto del Superiore generale. 24

26 15. USCITA IMPOSTA ALLA SCADENZA DEI VOTI TEMPORANEI - Compete al Superiore provinciale, che deve sentire, per la validità, il suo Consiglio ma non è tenuto a seguirlo poiché non è necessario il suo consenso. - Scaduti i voti, un candidato può non essere ammesso - se sussistono giuste cause - a rinnovare la professione o alla professione perpetua. In definitiva, il soggetto è ritenuto non idoneo alla vita religiosa nel nostro Ordine e quindi deve abbandonarlo. - Il canone 689 ricorda che non può essere dimesso un religioso che ha contratto malattia fisica o psichica per negligenza da parte dell Ordine o per lavori sostenuti in esso; e neppure nel caso fosse divenuto demente dopo la professione. A. Per l archivio provinciale: 1. Relazione dei formatori. 2. Atto del Superiore provinciale. B. Per l archivio generale: all uscita, copia dell atto del Superiore provinciale o F 14. C. Per il religioso: copia dell atto del Superiore provinciale. 16. ESCLAUSTRAZIONE RICHIESTA - La può ottenere solo un professo perpetuo. - Compete al Superiore generale, con il consenso dei Consultori, per non più di tre anni (cfr can. 686, 1). A distanza di tempo, può essere di nuovo concessa dalla Consulta generale. Una immediata proroga dell indulto o una concessione superiore a tre anni compete alla S. Sede. La richiesta dell oratore va inoltrata alla S. Sede anche qualora vi fosse un parere negativo della Consulta generale circa la concessione della proroga dopo i tre anni o per un periodo superiore ai tre anni. - Se si tratta di un chierico, è necessario il consenso dell Ordinario del luogo in cui dimorerà. - Il religioso non è obbligato a rimanere fuori fino al giorno stabilito dall indulto; può ritornare in comunità in qualsiasi momento. Chi ha concesso l indulto (Superiore generale o S. Sede) può obbligare il religioso a rientrare nell Ordine in qualsiasi momento. Inoltre, il religioso deve rientrare se è cessata la causa per la quale ha ottenuto l esclaustrazione. - Il religioso esclaustrato: dipende dal suo Superiore e dall Ordinario del luogo; non ha voce attiva né passiva; può portare la veste camilliana, a meno che non sia stabilito diversamente dal decreto (cfr can. 687). A. Per il Consiglio provinciale: 1. Copia della domanda dell interessato e suo curriculum vitae. 2. Copia del parere del Superiore provinciale e del suo Consiglio. 3. Per un chierico, il consenso scritto dell Ordinario del luogo. 4. Indulto del Superiore generale o della S. Sede con indicazione della data, durata e rapporti da stabilirsi. B. Per la Consulta generale: 1. Domanda scritta dell interessato, indirizzata al Superiore generale, indicante i motivi della richiesta e suo curriculum vitae. 2. Parere del Superiore provinciale e del suo Consiglio. 3. Per un chierico, consenso scritto dell Ordinario del luogo. 4. Copia dell indulto del Superiore generale o della S. Sede. C. Per il religioso: copia dell indulto del Superiore generale o della S. Sede. 25

27 17. ESCLAUSTRAZIONE IMPOSTA - Compete alla S. Sede, su richiesta del Superiore generale e con il consenso dei Consultori (cfr can. 686, 3). - Può essere imposta anche ad un professo temporaneo. - Il religioso esclaustrato: dipende dal suo Superiore e dall Ordinario del luogo; non ha voce attiva né passiva; può portare la veste camilliana, a meno che non sia stabilito diversamente nel decreto (cfr can. 687). A. Per l archivio provinciale: 1. Copia della relazione scritta dal Superiore provinciale. 2. Decreto della S. Sede. B. Per la Consulta generale: 1. Relazione scritta del Superiore provinciale, con il parere del suo Consiglio, indicante i motivi della richiesta. 2. Copia della richiesta del Superiore generale e consenso dei Consultori inviati alla S. Sede. 3. Copia del decreto della S. Sede. C. Per la S. Sede: 1. Relazione scritta del Superiore provinciale, con il parere del suo Consiglio, indicante i motivi della richiesta. 2. Richiesta del Superiore generale e consenso dei Consultori. 18. SECOLARIZZAZIONE DI UN CHIERICO O USCITA DEFINITIVA DI UN FRATELLO PROFESSO PERPETUO - Il professo perpetuo non ha alcun diritto di lasciare l istituto, ma lo può domandare come un atto di misericordia, una grazia, che la Chiesa può concedere a nome di Dio. Le cause per l abbandono della vita religiosa devono essere simili a quelle richieste per domandare il rescritto di perdere lo stato clericale. Deve essere un rimedio straordinario come lo è la dispensa dal celibato e la laicizzazione di un chierico. - Il religioso presenta la domanda, rivolta al S. Padre, al Superiore generale il quale è tenuto a trasmetterla alla S. Sede con il voto - anche se negativo - suo e dei Consultori. - Per secolarizzazione si intende il passaggio di un religioso chierico al clero secolare/diocesano con o senza un periodo di prova. Compete alla S. Sede. - Un chierico (diacono o presbitero) non può ottenere l indulto di lasciare l Ordine se non trova un Vescovo che lo accoglie nella sua diocesi. L accoglienza in una diocesi avviene in due modi: a) per immediata incardinazione (pure et simpliciter): il religioso assume gli obblighi e i diritti dei sacerdoti diocesani in modo definitivo. Si ha così il distacco completo dall Ordine. b) In prova con la promessa di incardinazione (praevio experimento). Il religioso assume gli obblighi e i diritti dei sacerdoti diocesani, dipendendo solo dal vescovo, ma rimane ancora membro dell Ordine. Trascorsi cinque anni, il religioso è automaticamente incardinato nella diocesi; però nel frattempo potrebbe essere respinto dal Vescovo: in questo caso rientra nell Ordine con tutti i diritti e i doveri di ogni religioso. 26

DAL CODICE DI DIRITTO CANONICO. Gli Istituti Secolari

DAL CODICE DI DIRITTO CANONICO. Gli Istituti Secolari DAL CODICE DI DIRITTO CANONICO Gli Istituti Secolari Can. 710 L Istituto Secolare è un Istituto di vita consacrata in cui i fedeli, vivendo nel mondo, tendono alla perfezione della carità e si impegnano

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE (a seguito del V Sinodo Diocesano dell Arcidiocesi di Gaeta)

STATUTO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE (a seguito del V Sinodo Diocesano dell Arcidiocesi di Gaeta) STATUTO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE (a seguito del V Sinodo Diocesano dell Arcidiocesi di Gaeta) 1. Natura II Consiglio Pastorale Parrocchiale, costituito in ogni parrocchia della Diocesi, in

Dettagli

CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI

CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI ISTITUZIONE E REGOLAMENTO In conformità a quanto dispone il Codice di Diritto Canonico, tutte le Parrocchie della Nostra Archidiocesi SONO TENUTE A COSTITUIRE

Dettagli

Collegio dei Consultori - Regolamento 2011 REGOLAMENTO DEL COLLEGIO CONSULTORI DELLA DIOCESI DI BERGAMO

Collegio dei Consultori - Regolamento 2011 REGOLAMENTO DEL COLLEGIO CONSULTORI DELLA DIOCESI DI BERGAMO Collegio dei Consultori - Regolamento 2011 REGOLAMENTO DEL COLLEGIO CONSULTORI DELLA DIOCESI DI BERGAMO Il Codice di Diritto Canonico delinea la natura del Collegio dei Consultori come organismo a servizio

Dettagli

Procura Generale OCD GUIDA PRATICA

Procura Generale OCD GUIDA PRATICA Procura Generale OCD GUIDA PRATICA Contenuto ABBREVIAZIONI... 2 PETIZIONI ALLA SS. SEDE E ALL'ORDINE: PRASSI... 3 1. ASSENZA DAL MONASTERO... 5 2. ESCLAUSTRAZIONE... 6 3. DISPENSA DAI VOTI TEMPORANEI...

Dettagli

Tenuto conto dell esperienza di quest ultimo decennio e visti i Cann. 492, 493 e 494 del Codice di Diritto Canonico.

Tenuto conto dell esperienza di quest ultimo decennio e visti i Cann. 492, 493 e 494 del Codice di Diritto Canonico. Consiglio Diocesano Affari Economici-Statuto-Decreto 2000 L.V.D. XCI (2000) pp. 812-817 STATUTO DEL CONSIGLIO PER GLI AFFARI ECONOMICI DELLA DIOCESI DI BERGAMO Tenuto conto dell esperienza di quest ultimo

Dettagli

Elementi di Diritto Canonico

Elementi di Diritto Canonico 1 José T. MARTÍN DE AGAR Elementi di Diritto Canonico 2ª edizione Edusc info@edusc.it, Roma 2008, 292 pag. Indice Generale NOTA ALLA SECONDA EDIZIONE PRESENTAZIONE BIBLIOGRAFIA GENERALE DI BASE IN ITALIANO:

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE SULLA PRIMA FORMAZIONE

INDICAZIONI OPERATIVE SULLA PRIMA FORMAZIONE INDICAZIONI OPERATIVE SULLA PRIMA FORMAZIONE Nell Incontro che il Consiglio generale ha avuto con i Superiori di Provincia e della Delegazione si è voluto riflettere su alcuni punti particolari a riguardo

Dettagli

Regolamento della Commissione Regionale di Pastorale Sociale, del Lavoro, Giustizia, Pace e Custodia del Creato

Regolamento della Commissione Regionale di Pastorale Sociale, del Lavoro, Giustizia, Pace e Custodia del Creato Regolamento della Commissione Regionale di Pastorale Sociale, del Lavoro, Giustizia, Pace e Custodia del Creato Art. 1 Istituzione In data 28 ottobre 1985 è stata costituita dalla Conferenza Episcopale

Dettagli

Avviso n SINTESI-03-2015 per il conferimento di n 1 incarico di lavoro autonomo professionale per dottore commercialista - esperto contabile PREMESSE

Avviso n SINTESI-03-2015 per il conferimento di n 1 incarico di lavoro autonomo professionale per dottore commercialista - esperto contabile PREMESSE Avviso n SINTESI-03-2015 per il conferimento di n 1 incarico di lavoro autonomo professionale per dottore commercialista - esperto contabile PREMESSE La Società SINTESI s.r.l. a Socio Unico, è una Società

Dettagli

Consiglio Diocesano per gli affari economici

Consiglio Diocesano per gli affari economici 122 Rivista della Diocesi di Treviso/Anno C (2011) 4-5 - 6 Consiglio Diocesano per gli affari economici Prot. N. 502/11/PG D E C R E T O Il Consiglio per gli affari economici diocesano è l organismo che

Dettagli

PROCEDURA E REQUISITI PER IL RICONOSCIMENTO DELL IDONEITÀ ALL IRC

PROCEDURA E REQUISITI PER IL RICONOSCIMENTO DELL IDONEITÀ ALL IRC Prot. n. 780/IRC17 CURIA VESCOVILE DI PAVIA Pavia, 26/06/2017 PROCEDURA E REQUISITI PER IL RICONOSCIMENTO DELL IDONEITÀ ALL IRC Procedura riconoscime idoneità IRC PAVIA_#.docx 1 PREMESSA «L insegnamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMPENSI PROFESSIONALI E PER LA LIQUIDAZIONE DELLE PARCELLE (approvato dal Consiglio dell Ordine

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMPENSI PROFESSIONALI E PER LA LIQUIDAZIONE DELLE PARCELLE (approvato dal Consiglio dell Ordine REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMPENSI PROFESSIONALI E PER LA LIQUIDAZIONE DELLE PARCELLE (approvato dal Consiglio dell Ordine in data 29 aprile 2015) 1. Costituzione della Commissione

Dettagli

COLLEGIO DEI CONSULTORI DELLA DIOCESI DI MILANO

COLLEGIO DEI CONSULTORI DELLA DIOCESI DI MILANO COLLEGIO DEI CONSULTORI DELLA DIOCESI DI MILANO REGOLAMENTO I. NATURA E FINALITÀ Art. 1 Il Collegio dei Consultori [CoCo], formato da presbiteri scelti dall Arcivescovo tra i membri del Consiglio presbiterale,

Dettagli

Ordinanza sull abilitazione al Politecnico federale di Zurigo

Ordinanza sull abilitazione al Politecnico federale di Zurigo Ordinanza sull abilitazione al Politecnico federale di Zurigo (Ordinanza sull abilitazione al PF di Zurigo) del 2 giugno 2004 (Stato 1 agosto 2008) La direzione del PF di Zurigo, visto l articolo 10 capoverso

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI ISTITUTI DI PARTECIPAZIONE ALL ATTIVITA AMMINISTRATIVA DEL COMUNE DI CHIERI

REGOLAMENTO DEGLI ISTITUTI DI PARTECIPAZIONE ALL ATTIVITA AMMINISTRATIVA DEL COMUNE DI CHIERI CITTÀ DI CHIERI Provincia di Torino ATTI UFFICIALI REGOLAMENTO DEGLI ISTITUTI DI PARTECIPAZIONE ALL ATTIVITA AMMINISTRATIVA DEL COMUNE DI CHIERI Approvato con deliberazione consiliare n. 114 del 22.12.1993

Dettagli

Consigliare la Fondazione in materia di Risorse Umane;

Consigliare la Fondazione in materia di Risorse Umane; AVVISO N 1 PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO PROFESSIONALE (Consulente del lavoro) Visto l art. 7 comma 6 del decreto Legislativo n. 165/2001 e successive modificazioni, relativo al conferimento di

Dettagli

FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI DE LAZIO REGOLAMENTO

FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI DE LAZIO REGOLAMENTO FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI DE LAZIO REGOLAMENTO Art. 1 Sede legale e sede operativa 1.1 La sede legale e operativa è in Roma, via in Miranda n. 1. 1.2 Per motivate esigenze l Assemblea dei Soci,

Dettagli

Fondo Comune Diocesano

Fondo Comune Diocesano Diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro Fondo Comune Diocesano Statuto e Regolamento Arezzo, 7 agosto 2013 12 11 di aver predisposto il seguente piano finanziario: Disponibilità attuali della Parrocchia

Dettagli

REGOLAMENTO ASSEMBLEARE

REGOLAMENTO ASSEMBLEARE REGOLAMENTO ASSEMBLEARE ART. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente regolamento, approvato dall Assemblea del 29 giugno 2007, disciplina lo svolgimento dell Assemblea ordinaria e straordinaria degli azionisti

Dettagli

Regolamento relativo ai trasferimenti da altra scuola e ai passaggi fra gli indirizzi del liceo di Lugo

Regolamento relativo ai trasferimenti da altra scuola e ai passaggi fra gli indirizzi del liceo di Lugo Regolamento relativo ai trasferimenti da altra scuola e ai passaggi fra gli indirizzi del liceo di Lugo Approvato dal Consiglio di Istituto del 27 ottobre 2016 PREMESSA La normativa vigente riconosce agli

Dettagli

Regolamento della Consulta delle Professioni della provincia di Agrigento.

Regolamento della Consulta delle Professioni della provincia di Agrigento. Allegato 5 Regolamento della Consulta delle Professioni della provincia di Agrigento. * * * Art. 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si applicano le definizioni che seguono: a) Legge è

Dettagli

AVVISO N 2. (Commercialista / Esperto Contabile ) Visto le circolari del Dipartimento della Funzione Pubblica n. 5/2006 e n.2/2008; SI RENDE NOTO

AVVISO N 2. (Commercialista / Esperto Contabile ) Visto le circolari del Dipartimento della Funzione Pubblica n. 5/2006 e n.2/2008; SI RENDE NOTO AVVISO N 2 PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO PROFESSIONALE (Commercialista / Esperto Contabile ) Visto l art. 7 comma 6 del decreto Legislativo n. 165/2001 e successive modificazioni, relativo al conferimento

Dettagli

PROCESSO DI AMMISSIONE ISTRUZIONI PER IL DOTTORATO

PROCESSO DI AMMISSIONE ISTRUZIONI PER IL DOTTORATO Via degli Aldobrandeschi 190 00163 Roma Italia Telefono +39 06 665 27 800 Fax +39 06 66527814 http://www.upra.org e-mail: segreteria@upra.org PROCESSO DI AMMISSIONE ISTRUZIONI PER IL DOTTORATO 1. L ammissione

Dettagli

UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Dipartimento di Management

UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Dipartimento di Management Prot. 118/2013 Ancona, 23/04/2013 Affisso il 23/04/2013 AVVSO PUBBLCO D SELEZONE PER L CONFERMENTO D UN NCARCO individuale con contratto di collaborazione coordinata e continuativa PRESSO L DPARTMENTO

Dettagli

BANDO PER L ATTIVITA DI TUTORATO A.A

BANDO PER L ATTIVITA DI TUTORATO A.A BANDO PER L ATTIVITA DI TUTORATO A.A. 2014-2015 Art. 1 E indetta, per l a.a. 2014/2015, la selezione, per titoli ed esami per l assegnazione a studenti capaci e meritevoli di n. 6 assegni per l affidamento

Dettagli

Regolamento esami di idoneità ed integrativi

Regolamento esami di idoneità ed integrativi esami di idoneità ed integrativi Cosa sono ESAMI DI IDONEITÀ Sono esami che si sostengono per accedere ad una classe successiva a quella per cui si possiede il titolo di ammissione; riguardano i programmi

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA - Città Metropolitana di GENOVA - AREA AMMINISTRATIVA

COMUNE DI RONCO SCRIVIA - Città Metropolitana di GENOVA - AREA AMMINISTRATIVA COMUNE DI RONCO SCRIVIA - Città Metropolitana di GENOVA - AREA AMMINISTRATIVA Ufficio di Stato Civile REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO DEI TESTAMENTI BIOLOGICI Approvato con Deliberazione del Consiglio

Dettagli

CITTÀ DI TORREMAGGIORE Provincia di Foggia NUOVO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO TRIBUTARIO

CITTÀ DI TORREMAGGIORE Provincia di Foggia NUOVO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO TRIBUTARIO CITTÀ DI TORREMAGGIORE Provincia di Foggia NUOVO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO TRIBUTARIO Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n.60 del 20.10.2011 1 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO ISTRUTTORI GIOVANILI FIM 2016

REGOLAMENTO ISTRUTTORI GIOVANILI FIM 2016 REGOLAMENTO ISTRUTTORI GIOVANILI FIM 2016 Approvazione Consiglio Federale del 5/2/2016 Lo scopo dell insegnamento è quello di fare scoprire il mondo della motonautica prima come gioco e divertimento vero

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA PISANA

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA PISANA AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA PISANA (L.R.T. 24 febbraio 2005, n. 40) Sede legale: Via Roma, 67 56126 PISA Tel. 050996111 Dipartimento di Area Tecnica U.O. Patrimonio, Lavori Pubblici e Gestione Contratti

Dettagli

2. Consiglio Parrocchiale per gli Affari Economici

2. Consiglio Parrocchiale per gli Affari Economici 2. Consiglio Parrocchiale per gli Affari Economici Statuto Art. 1 In attuazione del can. 537 del Codice di Diritto Canonico, viene costituito nella Parrocchia... il Consiglio Parrocchiale per gli Affari

Dettagli

Conservatorio Licinio Refice Regolamento Didattico dei Corsi di Base. Art. 1) Premesse. Art. 2) organizzazione dei corsi di base

Conservatorio Licinio Refice Regolamento Didattico dei Corsi di Base. Art. 1) Premesse. Art. 2) organizzazione dei corsi di base Conservatorio Licinio Refice Regolamento Didattico dei Corsi di Base Art. 1) Premesse Il Conservatorio di Musica L. Refice di Frosinone istituisce e organizza i Corsi di Base con l obiettivo di fornire

Dettagli

Statuto della Consulta Regionale per i Beni Culturali Ecclesiastici

Statuto della Consulta Regionale per i Beni Culturali Ecclesiastici Statuto della Consulta Regionale per i Beni Culturali Ecclesiastici Art. 1 Istituzione e sede In data 29 settembre 2009 è costituita dalla Conferenza Episcopale Triveneta (CET) la Consulta Regionale per

Dettagli

Comune di Torre di Mosto Provincia di Venezia

Comune di Torre di Mosto Provincia di Venezia Comune di Torre di Mosto Provincia di Venezia Piazza Indipendenza, 1 c.a.p. 30020 - Tel. 0421/324440 fax 0421/324397 P.I./C.F.: 00617460274 www.torredimosto.it *** AVVISO DI MOBILITA ESTERNA ai sensi dell

Dettagli

AVVISO N. 6 PER ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO (EDUCATION ASSISANT)

AVVISO N. 6 PER ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO (EDUCATION ASSISANT) AVVISO N. 6 PER ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO (EDUCATION ASSISANT) Visto l art 1, comma 30, del D.L. 1 luglio 2009, n. 78, convertito con modificazioni nella legge 3 agosto 2009, n. 102; Visto l art 7

Dettagli

Rinnovo degli AA.CC.NN. per la disciplina dei rapporti con il personale convenzionato con il S.S.N. medici e altre professionalità sanitarie

Rinnovo degli AA.CC.NN. per la disciplina dei rapporti con il personale convenzionato con il S.S.N. medici e altre professionalità sanitarie Rinnovo degli AA.CC.NN. per la disciplina dei rapporti con il personale convenzionato con il S.S.N. medici e altre professionalità sanitarie (comma 27, articolo 52, Legge 27 dicembre 2002, n. 289) 1 CONFERENZA

Dettagli

STATUTO DELLE PARROCCHIE E RETTORIE AFFIDATE AI CAMILLIANI

STATUTO DELLE PARROCCHIE E RETTORIE AFFIDATE AI CAMILLIANI 1 STATUTO DELLE PARROCCHIE E RETTORIE AFFIDATE AI CAMILLIANI I Religiosi delle Parrocchie e delle Rettorie affidate ai Camilliani, riuniti dal 19 al 23 Aprile 2017 a S. Paulo del Brasile, offrono una pista

Dettagli

Delibera: 168 / 2015 del 18/12/2015

Delibera: 168 / 2015 del 18/12/2015 Allegato alla deliberazione LINEE INDIRIZZO per la costituzione, la disciplina e la tenuta dell elenco delle persone disponibili a svolgere su delega dell Assessore, dell Assessorato o del Servizio alle

Dettagli

Regolamento didattico dei Corsi di formazione pre-accademica

Regolamento didattico dei Corsi di formazione pre-accademica Regolamento didattico dei Corsi di formazione pre-accademica Generalità Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi vigenti, delle disposizioni ministeriali e delle direttive dello Statuto

Dettagli

FONDAZIONE CIVITAS LATERANENSIS CONCORSO PER BORSE DI STUDIO 2017/2018

FONDAZIONE CIVITAS LATERANENSIS CONCORSO PER BORSE DI STUDIO 2017/2018 CONCORSO PER BORSE DI STUDIO 2017/2018 LA STORIA E LO SCOPO La Fondazione Civitas Lateranensis, nata nel 1996 per volere del Santo Padre, ha come suo fine istituzionale la promozione ed il sostegno della

Dettagli

Comune di Casapulla (Provincia di Caserta)

Comune di Casapulla (Provincia di Caserta) Comune di Casapulla (Provincia di Caserta) REGOLAMENTO COMUNALE REGISTRO DEI TESTAMENTI BIOLOGICI approvato con delibera di C.C. n 36 del 28 novembre 2014 1 Regolamento Comunale Registro dei Testamenti

Dettagli

7 Allegato D alla Delib.G.R. n. 49/53 del

7 Allegato D alla Delib.G.R. n. 49/53 del SCHEMA TIPO DI CONTRATTO REGOLANTE IL RAPPORTO DI LAVORO DEI DIRETTORI AMMINISTRATIVO E SANITARIO DELL AZIENDA REGIONALE DELL EMERGENZA E URGENZA DELLA SARDEGNA (AREUS) PREMESSO CHE Il Direttore generale

Dettagli

Comune di Airuno INDIRIZZI PER LA NOMINA, DESIGNAZIONE E REVOCA DEI RAPPRESENTANTI DEL COMUNE PRESSO ENTI, AZIENDE, E ISTITUZIONI

Comune di Airuno INDIRIZZI PER LA NOMINA, DESIGNAZIONE E REVOCA DEI RAPPRESENTANTI DEL COMUNE PRESSO ENTI, AZIENDE, E ISTITUZIONI Comune di Airuno INDIRIZZI PER LA NOMINA, DESIGNAZIONE E REVOCA DEI RAPPRESENTANTI DEL COMUNE PRESSO ENTI, AZIENDE, E ISTITUZIONI Deliberazione di Consiglio Comunale xx 17.07.2014 Approvazione (R_Nomina_Rappres_Esterni.doc)

Dettagli

DIOCESI DI NOTO STATUTO DEL CONSIGLIO PASTORALE DIOCESANO

DIOCESI DI NOTO STATUTO DEL CONSIGLIO PASTORALE DIOCESANO DIOCESI DI NOTO STATUTO DEL CONSIGLIO PASTORALE DIOCESANO Natura, finalità e compiti Art. 1 È costituito nella diocesi di Noto il Consiglio Pastorale Diocesano a norma del presente Statuto. Esso si compone

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO

REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 16 DEL 29 MAGGIO 1997 DIVENUTA ESECUTIVA A TUTTI GLI EFFETTI DI LEGGE DAL 1.8.1997 Articolo 1

Dettagli

SI RENDE NOTO. Art. 1

SI RENDE NOTO. Art. 1 AVVISO N. 7 PER ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO (CURATORIAL ASSISANT) Visto l art 1, comma 30, del D.L. 1 luglio 2009, n. 78, convertito con modificazioni nella legge 3 agosto 2009, n. 102; Visto l art

Dettagli

Agenzia per i servizi pubblici locali del Comune di Torino. REGOLAMENTO INTERNO [approvato dalla Conferenza dei Capigruppo del 13 novembre 2007]

Agenzia per i servizi pubblici locali del Comune di Torino. REGOLAMENTO INTERNO [approvato dalla Conferenza dei Capigruppo del 13 novembre 2007] Agenzia per i servizi pubblici locali del Comune di Torino REGOLAMENTO INTERNO [approvato dalla Conferenza dei Capigruppo del 13 novembre 2007] Oggetto del regolamento 1.1. Il presente regolamento definisce

Dettagli

REGIONE MOLISE A.S.Re.M Via U. Petrella, 1, Campobasso

REGIONE MOLISE A.S.Re.M Via U. Petrella, 1, Campobasso REGIONE MOLISE A.S.Re.M Via U. Petrella, 1, - 86100 Campobasso AVVISO PUBBLICO PER TITOLI E COLLOQUIO /RISOLUZIONE QUESITI PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI TEMPORANEI COLLABORATORE PROFESSIONALE SANITARIO

Dettagli

COMUNE DI SAN BONIFACIO Provincia di Verona

COMUNE DI SAN BONIFACIO Provincia di Verona AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA PER LA COPERTURA, CON CONTRATTO A TEMPO PIENO ED INDETERMINATO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE CATEGORIA C.1. IL DIRIGENTE DELL AREA AFFARI GENERALI GESTIONE RISORSE UMANE Vista

Dettagli

VISITA FRATERNA. Questionario. Ambito Pastorale CATECHESI. Adolescenti-Ragazzi. A quale età comincia la catechesi?

VISITA FRATERNA. Questionario. Ambito Pastorale CATECHESI. Adolescenti-Ragazzi. A quale età comincia la catechesi? VISITA FRATERNA Questionario Ambito Pastorale CATECHESI Adolescenti-Ragazzi A quale età comincia la catechesi? È un cammino continuativo e mai interrotto fino alla Cresima? Viene fatto un cammino specifico

Dettagli

REGIONE TOSCANA - GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA - GIUNTA REGIONALE Allegato n.1 REGIONE TOSCANA - GIUNTA REGIONALE AVVISO PER L ISCRIZIONE NELL ELENCO INTEGRATIVO DI ASPIRANTI ALLA NOMINA A DIRETTORE AMMINISTRATIVO DELLE AZIENDE SANITARIE E DEGLI ENTI PER I SERVIZI TECNICO-AMMINISTRATIVI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ASSUNZIONI MEDIANTE MOBILITÀ ESTERNA VOLONTARIA DA ALTRE AMMINISTRAZIONI

REGOLAMENTO DELLE ASSUNZIONI MEDIANTE MOBILITÀ ESTERNA VOLONTARIA DA ALTRE AMMINISTRAZIONI REGOLAMENTO DELLE ASSUNZIONI MEDIANTE MOBILITÀ ESTERNA VOLONTARIA DA ALTRE AMMINISTRAZIONI Adottato con la Deliberazione della G.C. n. 53 del 05.04.2017 1 Indice - Art. 1 - Ambito di applicazione - Art.

Dettagli

CONSULTA DEL VOLONTARIATO PER I SERVIZI SOCIO- ASSISTENZIALI Proposta di Regolamento

CONSULTA DEL VOLONTARIATO PER I SERVIZI SOCIO- ASSISTENZIALI Proposta di Regolamento CONSULTA DEL VOLONTARIATO PER I SERVIZI SOCIO- ASSISTENZIALI Proposta di Regolamento Art. 1 Istituzione Il Comune di Acireale riconosce e valorizza la funzione sociale del volontariato, quale espressione

Dettagli

RELAZIONE SOCIO-RELIGIOSA

RELAZIONE SOCIO-RELIGIOSA DIOCESI DI VICENZA Parrocchia di Vicariato RELAZIONE SOCIORELIGIOSA Al 31 dicembre 2016 Titolare (1) Anno di erezione In (2) Cap Comune Prov. Vicariato ULSS n. Ds. n. Abitanti Famiglie Indirizzo Cap Fax

Dettagli

C A P I T O L O: QUATTORDICESIMO. Riordinamento della Formazione delle Leggi

C A P I T O L O: QUATTORDICESIMO. Riordinamento della Formazione delle Leggi C A P I T O L O: QUATTORDICESIMO Riordinamento della Formazione delle Leggi Settore Politico Art. 1 I Ministri di Governo prima di sottoporre un disegno di legge, alla Camera Parlamentare, essi hanno il

Dettagli

COMUNE DI MONTECHIARUGOLO PROVINCIA DI PARMA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEI CITTADINI STRANIERI RESIDENTI NEL

COMUNE DI MONTECHIARUGOLO PROVINCIA DI PARMA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEI CITTADINI STRANIERI RESIDENTI NEL REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEI CITTADINI STRANIERI RESIDENTI NEL COMUNE DI MONTECHIARUGOLO Approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 8 del 24 gennaio 2007 1 INDICE Parte 1 - ISTITUZIONE e FINALITÀ...3

Dettagli

(Prov. di Cremona) AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI AGENTE DI POLIZIA LOCALE (CATEGORIA C) PRESSO IL

(Prov. di Cremona) AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI AGENTE DI POLIZIA LOCALE (CATEGORIA C) PRESSO IL Prot. 8012 COMUNE DI CASTELLEONE (Prov. di Cremona) AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI AGENTE DI POLIZIA LOCALE (CATEGORIA C) PRESSO IL SETTORE N. 6: POLIZIA LOCALE E CONTROLLO

Dettagli

Enti Pubblici IPAB SS. ANNUNZIATA

Enti Pubblici IPAB SS. ANNUNZIATA Enti Pubblici IPAB SS. ANNUNZIATA Concorso 21 dicembre 2015, n. 18 AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE DI DIRETTORE IPAB SS. ANNUNZIATA DI GAETA AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE DI DIRETTORE IPAB SS. ANNUNZIATA DI

Dettagli

PROVINCIA DI CAMPOBASSO

PROVINCIA DI CAMPOBASSO PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO COMMISSIONE LAVORO SOMMERSO Approvato dalla Giunta Provinciale in data 3 marzo 2005 con deliberazione n. 38 CAPO I FINALITA DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER L EMERSIONE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA SHORT LIST PER EVENTUALE ASSUNZIONE DI PERSONALE A TEMPO DETERMINATO CON MANSIONE DI SALDATORE

AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA SHORT LIST PER EVENTUALE ASSUNZIONE DI PERSONALE A TEMPO DETERMINATO CON MANSIONE DI SALDATORE AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA SHORT LIST PER EVENTUALE ASSUNZIONE DI PERSONALE A TEMPO DETERMINATO CON MANSIONE DI SALDATORE 1. Oggetto dell avviso. Con il presente avviso si intende

Dettagli

COMUNE DI ROVATO - Provincia di Brescia- **** BANDO DI MOBILITÀ VOLONTARIA ai sensi dell art. 30 D.Lgs. n. 165/2001 e s.m.i.

COMUNE DI ROVATO - Provincia di Brescia- **** BANDO DI MOBILITÀ VOLONTARIA ai sensi dell art. 30 D.Lgs. n. 165/2001 e s.m.i. COMUNE DI ROVATO - Provincia di Brescia- **** BANDO DI MOBILITÀ VOLONTARIA ai sensi dell art. 30 D.Lgs. n. 165/2001 e s.m.i. PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO, A TEMPO PIENO, DI AGENTE DI POLIZIA LOCALE CAT.

Dettagli

ART. 4 (Domanda di ammissione) La Borsa di studio è assegnata tramite concorso pubblico per titoli e riservata soltanto a studenti iscritti al 3 anno

ART. 4 (Domanda di ammissione) La Borsa di studio è assegnata tramite concorso pubblico per titoli e riservata soltanto a studenti iscritti al 3 anno REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO ANNUALE DI UNA E/0 PIU BORSA DI STUDIO FINANZIATA DALLA FONDAZIONE MARCO BALLERINI DA CONFERIRSI AD UNO E/O PIU STUDENTI ISCRITTI AL TERZO ANNO DEL CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA

Dettagli

Regolamento della Consulta Medica della Congregazione delle Cause dei Santi

Regolamento della Consulta Medica della Congregazione delle Cause dei Santi N. 0666 Venerdì 23.09.2016 Regolamento della Consulta Medica della Congregazione delle Cause dei Santi Introduzione Il miracolo, richiesto per la Beatificazione dei Venerabili Servi di Dio e per la Canonizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO FORUM GIOVANILE

REGOLAMENTO FORUM GIOVANILE REGOLAMENTO FORUM GIOVANILE COMUNE DI MINERVINO MURGE (Aggiornato nel mese di marzo 2012) CAPO I - FINALITA E SCOPI Art. 1 Istituzione E istituito dal Comune di MINERVINO MURGE (BA), con Deliberazione

Dettagli

Regolamento Commissioni consultive

Regolamento Commissioni consultive Regolamento Commissioni consultive Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 31 del 29.11.2012 e pubblicato sul sito dal al ai sensi dell art. 88 dello statuto comunale. Esecutivo il Il Segretario

Dettagli

Ambasciata d Italia Tokyo

Ambasciata d Italia Tokyo Ambasciata d Italia Tokyo AVVISO DI ASSUNZIONE DI UN IMPIEGATO A CONTRATTO DA ADIBIRE AL SERVIZIO DI SEGRETERIA-COPIA L AMBASCIATORE D ITALIA IN TOKYO VISTO il DPR n. 18 del 5.1.1967, concernente l Ordinamento

Dettagli

PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI CONSULENTE LEGALE NELLE MATERIE DI DIRITTO CIVILE, DIRITTO DEL LAVORO E DEGLI APPALTI PUBBLICI AI SENSI DELL ART

PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI CONSULENTE LEGALE NELLE MATERIE DI DIRITTO CIVILE, DIRITTO DEL LAVORO E DEGLI APPALTI PUBBLICI AI SENSI DELL ART AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI CONSULENTE LEGALE NELLE MATERIE DI DIRITTO CIVILE, DIRITTO DEL LAVORO E DEGLI APPALTI PUBBLICI AI SENSI DELL ART.7 DEL DLGS 30-3-2001 N. 165 Oggetto

Dettagli

PROCEDURE ELETTORALI 2.(Giunta Regionale e Presidente) CANDIDATURE

PROCEDURE ELETTORALI 2.(Giunta Regionale e Presidente) CANDIDATURE PROCEDURE ELETTORALI 2.(Giunta Regionale e Presidente) CANDIDATURE Tutti coloro che intendono concorrere alla carica di Presidente o di componente di Giunta Regionale devono presentare la propria formale

Dettagli

Città Metropolitana di Firenze

Città Metropolitana di Firenze Comune dii Empollii Città Metropolitana di Firenze Avviso di Mobilità Volontaria - ex articolo 30 D.Lgs 165/2001 per la copertura di n. 1 posto a tempo pieno e indeterminato di Assistente Bibliotecario

Dettagli

REGIONE BASILICATA SI RENDE NOTO CHE. E indetta procedura per l assegnazione di n. 259 incarichi di Alta Professionalità e di Posizione Organizzativa.

REGIONE BASILICATA SI RENDE NOTO CHE. E indetta procedura per l assegnazione di n. 259 incarichi di Alta Professionalità e di Posizione Organizzativa. ALLEGATO B REGIONE BASILICATA AVVISO RISERVATO AL PERSONALE DELLA REGIONE BASILICATA PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI ALTA PROFESSIONALITA E DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA VISTO l art. 24 della L.R. n.

Dettagli

COMUNE DI SCIOLZE CITTA METROPOLITANA DI TORINO

COMUNE DI SCIOLZE CITTA METROPOLITANA DI TORINO COMUNE DI SCIOLZE CITTA METROPOLITANA DI TORINO AVVISO DI SELEZIONE PER LA COPERTURA, MEDIANTE PASSAGGIO DIRETTO DI PERSONALE TRA AMMINISTRAZIONI DIVERSE, DI N. 1 POSTO DI CATEGORIA B (Posizione economica

Dettagli

USCITA DEFINITIVA DALL'ISTITUTO RELIGIOSO DEI PROFESSI DI VOTI PERPETUI

USCITA DEFINITIVA DALL'ISTITUTO RELIGIOSO DEI PROFESSI DI VOTI PERPETUI Analecta Gregoriana Cura Pontificiae Universitatis Gregorianae edita Vol. 271. Series Facultatis Iuris Canonici: sectio A, n. 10 JANUSZ KOWAL, SJ. USCITA DEFINITIVA DALL'ISTITUTO RELIGIOSO DEI PROFESSI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEL TERZO SETTORE

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEL TERZO SETTORE COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEL TERZO SETTORE (APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 124 DEL 01.12.2009) I N D I C E TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità

Dettagli

INDICE. Art.20: Esercizio annuale Art.21: Rendiconto annuo Art.22: Codice Civile

INDICE. Art.20: Esercizio annuale Art.21: Rendiconto annuo Art.22: Codice Civile INDICE Art.1: Denominazione, sede Art.2: Scopi Art.3: Patrimonio Art.4: Soci Art.5: Soci ordinari Art.6a: Soci aderenti Art.6b: Giovani Soci Art.7: Soci onorari Art.8: Quota sociale Art.9: Diritti dei

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 febbraio 2003, n. 033/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 febbraio 2003, n. 033/Pres. L.R. 12/1995, art. 6 B.U.R. 12/3/2003, n. 11 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 febbraio 2003, n. 033/Pres. Regolamento per la tenuta e la revisione del Registro generale delle organizzazioni di volontariato.

Dettagli

CARITAS AMBROSIANA E ORGANISMI COLLEGATI

CARITAS AMBROSIANA E ORGANISMI COLLEGATI CARITAS AMBROSIANA E ORGANISMI COLLEGATI La Caritas Ambrosiana, Ufficio all interno del Settore per la Missione e la Carità che opera nel quadro delle linee pastorali indicate dal Capitolo 4 del Sinodo

Dettagli

Chiara Forino notaio Gardone V.T. 05/04/12

Chiara Forino notaio Gardone V.T. 05/04/12 TRE TIPI DI TESTAMENTO Olografo: (art. 602 c.c.) predisposto dal soggetto personalmente e conservato dallo stesso o fiduciariamente dal notaio; per la validità del testamento olografo è necessario che

Dettagli

COMMISSIONE PROVINCIALE ESPROPRI BOZZA REGOLAMENTO. Articolo 1. Composizione, sede e durata

COMMISSIONE PROVINCIALE ESPROPRI BOZZA REGOLAMENTO. Articolo 1. Composizione, sede e durata COMMISSIONE PROVINCIALE ESPROPRI BOZZA REGOLAMENTO Articolo 1 Composizione, sede e durata 1. Per le finalità derivanti dall'applicazione della normativa in materia di espropriazioni per causa di pubblica

Dettagli

Presidi Facoltà Teologiche italiane

Presidi Facoltà Teologiche italiane Presidi Facoltà Teologiche italiane Disposizioni aggiornate al 20.05.2013 1. Schema della pergamena Facoltà Teologica ISSR Allievo (Nome, Cognome) Titoli Titolo: Laurea in Scienze Religiose Laurea Magistrale

Dettagli

PREMESSA. Il/la sottoscritto/a...

PREMESSA. Il/la sottoscritto/a... Dec/allegato 3 Domanda di nuova inclusione negli elenchi alfabetici graduati diocesani per l Insegnamento della Religione Cattolica nelle Scuole Comunali e Statali di ogni Ordine e Grado della Diocesi

Dettagli

Città Metropolitana di Firenze

Città Metropolitana di Firenze Comune dii Empollii Città Metropolitana di Firenze Avviso di Mobilità Volontaria - ex articolo 30 D.Lgs 165/2001 per la copertura di n. 1 posto a tempo pieno e indeterminato di Istruttore Tecnico Direttivo

Dettagli

CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DELLA LOMBARDIA REGOLAMENTO INTERNO. Articolo 1 (Principi generali)

CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DELLA LOMBARDIA REGOLAMENTO INTERNO. Articolo 1 (Principi generali) CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DELLA LOMBARDIA REGOLAMENTO INTERNO Articolo 1 (Principi generali) 1. Il presente regolamento disciplina, nel rispetto dello Statuto d autonomia e della legge regionale

Dettagli

REGOLAMENTO COMMISSIONI CONSILIARI

REGOLAMENTO COMMISSIONI CONSILIARI COMUNE DI DUEVILLE PROVINCIA DI VICENZA ***** REGOLAMENTO COMMISSIONI CONSILIARI ART.1 (Costituzione) 1. Sono costituite le Commissioni consiliari permanenti aventi funzioni preparatorie, referenti, propositive

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI CAGLIARI Servizio Affari Generali. SCADENZA ore 13,00 del 21 luglio 2011

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI CAGLIARI Servizio Affari Generali. SCADENZA ore 13,00 del 21 luglio 2011 SCADENZA ore 13,00 del 21 luglio 2011 AVVISO DI SELEZIONE PER TITOLI E COLLOQUIO PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO LIBERO PROFESSIONALE AD UN MEDICO SPECIALISTA IN MEDICINA INTERNA PER LA SOSTITUZIONE

Dettagli

(Ente di diritto pubblico ai sensi dell art. 114 del D.lgs. n. 267/2000) BIENNIO: 2016-2017

(Ente di diritto pubblico ai sensi dell art. 114 del D.lgs. n. 267/2000) BIENNIO: 2016-2017 PROCEDURA COMPARATIVA PER LA CREAZIONE DI UN ELENCO DI FARMACISTI IN RAPPORTO LIBERO PROFESSIONALE PER PRESTAZIONI DA SVOLGERSI PRESSO LA FARMACIA GESTITA DALL AZIENDA SPECIALE DI SERVIZI DI CASALPUSTERLENGO

Dettagli

COMUNE DI ALTO RENO TERME. Il Responsabile del Servizio

COMUNE DI ALTO RENO TERME. Il Responsabile del Servizio AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA AI SENSI DELL ART. 30 DEL D.LGS. N. 165/2001, PER LA COPERTURA DI N. 01 POSTI A TEMPO PIENO E INDETERMINATO NELLA CATEGORIA D, PROFILO PROFESSIONALE DI ISTRUTTORE DIRETTIVO

Dettagli

Statuti CERT Chiesa evangelica riformata nel Ticino

Statuti CERT Chiesa evangelica riformata nel Ticino Statuti CERT Chiesa evangelica riformata nel Ticino I. Generalità Art. 1 La Chiesa evangelica riformata nel Ticino (CERT) unisce in forma federativa le comunità evangeliche riformate regionali. Personalità

Dettagli

AVVISO N. 12 PER ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI N.1 FIGURA DI BOOKKEEPER/CONTABILE

AVVISO N. 12 PER ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI N.1 FIGURA DI BOOKKEEPER/CONTABILE AVVISO N. 12 PER ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI N.1 FIGURA DI BOOKKEEPER/CONTABILE Visto l art 1, comma 30, del D.L. 1 luglio 2009, n. 78, convertito con modificazioni nella legge 3 agosto 2009, n.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Corsi di Studio in Ingegneria Navale Dipartimento di Ingegneria Navale, Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni (DITEN) Il Direttore del Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Cittadinanza Italiana per residenza: quali sono i documenti

Cittadinanza Italiana per residenza: quali sono i documenti Cittadinanza Italiana per residenza: quali sono i documenti e dove presentarli? Il cittadino straniero può presentare la domanda di cittadinanza per residenza presentando tutti i documenti necessari, dopo

Dettagli

Approvato CdA REGOLAMENTO INTERNO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA EX D.LGS N. 231/2001

Approvato CdA REGOLAMENTO INTERNO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA EX D.LGS N. 231/2001 REGOLAMENTO INTERNO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA EX D.LGS N. 231/2001 1. REGOLAMENTO INTERNO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs n. 231/2001 Articolo 1 Scopo e ambito di applicazione 1.1 E istituito presso

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Principi generali

REGOLAMENTO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Principi generali REGOLAMENTO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Principi generali 1. Il presente Regolamento disciplina le assunzioni a tempo determinato presso l Azienda Ospedaliero Universitaria San Luigi Gonzaga

Dettagli

Città di Desenzano del Garda. Approvato con deliberazione di C.C. n. 45 del 18/06/2004 Aggiornato con deliberazione di C.C. n.

Città di Desenzano del Garda. Approvato con deliberazione di C.C. n. 45 del 18/06/2004 Aggiornato con deliberazione di C.C. n. Città di Desenzano del Garda Approvato con deliberazione di C.C. n. 45 del 18/06/2004 Aggiornato con deliberazione di C.C. n. 81 del 30/09/2009 I N D I C E ART. 1 - ISTITUZIONE... 1 ART. 2 - FINALITA...

Dettagli

Trattamento di Previdenza del clero secolare. Ufficio Sacerdoti I.D.S.C. Milano

Trattamento di Previdenza del clero secolare. Ufficio Sacerdoti I.D.S.C. Milano Trattamento di Previdenza del clero secolare Ufficio Sacerdoti I.D.S.C. Milano Premessa Il trattamento di previdenza del clero secolare e dei ministri di culto delle confessioni religiose diverse dalla

Dettagli

COMUNE DI IMPRUNETA AVVISO DI MOBILITA

COMUNE DI IMPRUNETA AVVISO DI MOBILITA COMUNE DI IMPRUNETA AVVISO DI MOBILITA per la copertura a tempo indeterminato di un posto di Agente di polizia municipale Cat. C mediante passaggio diretto tra amministrazioni ai sensi dell'art. 30 del

Dettagli

Università degli Studi di Messina

Università degli Studi di Messina Regolamento per la valutazione delle domande di trasferimento al Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico ad accesso programmato in Medicina e Chirurgia dell Università degli Studi di Messina di studenti

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO LEGGE QUALIFICATA 16 dicembre 2005 n.186 LEGGE QUALIFICATA SUI CAPITANI REGGENTI Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Promulghiamo e mandiamo a pubblicare

Dettagli

REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO U.O. GESTIONE RISORSE UMANE

REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO U.O. GESTIONE RISORSE UMANE AVVISO, INTERNO E RISERVATO, DI MOBILITA VOLONTARIA, PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI DIRIGENTE MEDICO NELLA DISCIPLINA DI ANESTESIA E RIANIMAZIONE, DA ASSEGNARE AL PRESIDIO OSPEDALIERO DI SOVERIA MANNELLI.

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PRESBITERALE DELLA DIOCESI DI VERONA

STATUTO DEL CONSIGLIO PRESBITERALE DELLA DIOCESI DI VERONA STATUTO DEL CONSIGLIO PRESBITERALE DELLA DIOCESI DI VERONA NATURA E FINALITÀ Art. 1 - Il Consiglio presbiterale, che rappresenta l intero presbiterio della diocesi di Verona, è costituito per collaborare

Dettagli