Oggetto: Sentenza Corte Costituzionale 70/2015. Ripristino perequazione pensioni anni 2012/2013.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oggetto: Sentenza Corte Costituzionale 70/2015. Ripristino perequazione pensioni anni 2012/2013."

Transcript

1 Roma, 12 maggio 2015 Ai Coordinatori Regionali ITAL Uil Agli Uffici di Patronato delle Cst Uil Alle Strutture Regionali Uilp Alle Strutture Territoriali Uilp Alle Leghe Territoriali Uilp e p.c. Carmelo Barbagallo Segretario Generale Uil Pierpaolo Bombardieri Segretario Organizzativo Uil Domenico Proietti Segretario Confederale Uil LORO SEDI Oggetto: Sentenza Corte Costituzionale 70/2015. Ripristino perequazione pensioni anni 2012/2013. Vi trasmettiamo, di seguito, una prima nota tecnica elaborata congiuntamente dall Ital e dalla UilPensionati sulla sentenza della Corte Costituzionale n. 70/2015 che ha dichiarato incostituzionale il blocco per il biennio 2012/ della perequazione delle pensioni,. Forniamo alcune prime considerazioni di carattere tecnico-pratico non certamente esaustive ai fini delle iniziative da intraprendere e che soffrono del complesso quadro che si sta delineando sulla vicenda anche in relazione a ipotesi di non applicazione della sentenza tout-court. Sarà nostra cura seguire attentamente gli sviluppi della vicenda assieme alla Confederazione e garantire ai pensionati il rispetto dei loro diritti. Vi informiamo, inoltre, che la UilPensionati ha indetto per il giorno 15 maggio p.v. un presidio di protesta davanti al Ministero Economia dalle ore 10 alle 13. Fraterni saluti. Il Presidente ITAL UIL Gilberto De Santis Il Segretario Generale UIL PENSIONATI Romano Bellissima ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

2 Sulla G. U. serie speciale - n. 18 del 6 maggio 2015 è stata pubblicata la Sentenza della Corte Costituzionale n. 70/2015 con la quale è stata dichiarato incostituzionale il blocco - per gli anni 2012 e della perequazione automatica delle pensioni di importo lordo superiore a tre volte l importo del trattamento minimo. La vicenda ormai a tutti nota, domina da giorni e ancor prima della sua pubblicazione in G.U. la scena politica e sta determinando un ampio e complesso dibattito sia per quanto attiene l operato del Giudice delle Leggi ma ancor di più sul fronte della sua applicazione (tempistica e modalità per adeguare l importo del rateo corrente di pensione; tempistica e modalità di corresponsione delle somme arretrate). Dopo le dichiarazioni pubbliche della Confederazione e della UilPensionati in merito alla Sentenza, in attesa degli ulteriori sviluppi anche sul piano normativo - che la vicenda assumerà nei prossimi giorni, in questa fase forniamo alcuni primi elementi di carattere tecnico a supporto degli Uffici Ital e delle strutture Uilp impegnati a dare ascolto e assistere i pensionati che si rivolgono presso i nostri sportelli. In allegato, vi trasmettiamo la nota del Servizio Politiche Previdenziale della nostra Confederazione con la quale viene effettuata una ricognizione degli effetti della Sentenza attraverso alcune esemplificazioni di situazioni che rendono l idea della mancata attribuzione della perequazione nel biennio 2012/2013. Per agevolare gli Uffici, abbiamo realizzato una utility, di semplice utilizzo, tramite lo sviluppo di un foglio excel che di seguito alleghiamo. L utility, una volta indicato l importo del/dei trattamento/i pensionistici spettanti prima del blocco della perequazione (dicembre ), consente di visualizzare: o o il confronto tra l importo di pensione percepito oggi dal pensionato (blocco perequazione anni 2012/2013 e calcolo perequazione 2014/2015) e l importo spettante a seguito della dichiarazione di incostituzionalità (ricalcolo mancata perequazione 2012/2013 e ricalcolo perequazione 2014/2015) ; evidenziazione delle somme arretrate spettanti a seguito della dichiarazione di incostituzionalità calcolate fino al 30 giugno Per quanto attiene ulteriori informazioni circa la disciplina della perequazione delle pensioni nel tempo vi rimandiamo ai messaggi e alle circolari su questa materia trasmessi nel corso degli anni passati. E evidente lo scopo di questa utility nell attività di corretta e completa informazione ai pensionati interessati dalla Sentenza della Corte. In relazione agli sviluppi della vicenda, sarà nostra cura perfezionare l utility di cui sopra anche ai fini di un utilizzo legato alle eventuali iniziative da intraprendere nei confronti dell Inps a tutela dei pensionati. Sulla partita più strettamente operativa vi segnaliamo che ad oggi non vi è stata nessuna occasione di incontro/confronto tra la Direzione Generale dell Inps e i Patronati. Facciamo presente che l Istituto previdenziale ha emanato nei giorni scorsi il messaggio 3135/ non caricato sul sito istituzionale e 1 INPS - Messaggio 07 maggio 2015, n Sentenza della Corte Costituzionale n. 70/2015 (illegittimità dell art. 24, comma 25, del decreto-legge 6 dicembre, n. 201 per contrasto con articoli 3, 36 e 38 Cost.) Sulla Gazzetta Ufficiale 1^ serie speciale - Corte Costituzionale - n. 18 del 6 maggio 2015 è stata pubblicata la sentenza della Corte Costituzionale n. 70 del 2015, che ha dichiarato la parziale illegittimità costituzionale dell art. 24, comma 25, del decreto-legge 6 dicembre, n. 201 (Disposizioni urgenti per la crescita, l equità e il consolidamento dei conti pubblici), convertito, con modificazioni, dall art. 1, comma 1, della legge 22 dicembre, n In particolare, la suddetta sentenza ha dichiarato l illegittimità dell articolo 24 comma 25 del citato decreto, nella parte in cui prevede che "in considerazione della contingente situazione finanziaria, la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo stabilito dall art. 34, comma 1, della legge 23 dicembre 1998, n. 448, è riconosciuta, per gli anni 2012 e 2013, esclusivamente ai trattamenti pensionistici di importo complessivo fino a tre volte il trattamento minimo INPS, nella misura del 100 per cento". Ciò premesso, l'istituto, in applicazione di quanto previsto dall articolo 17, comma 13 della legge 31 dicembre 2009 n. 196, non potrà definire eventuali richieste di ricostituzione relative ai trattamenti pensionistici interessati dalla sentenza, fino all adozione delle relative iniziative legislative.

3 intercettato su web con il quale precisa che a eventuali istanze di ricostituzione per applicazione della sentenza l Istituto non potrà dare seguito fino all emanazione delle relative iniziative legislative. Platea dei pensionati interessati Considerato che il blocco della perequazione oggi dichiarato incostituzionale ha operato per il biennio 2012/2013 e preso atto delle modalità per l attribuzione della perequazione stessa, gli effetti della Sentenza vengono a ricadere su tutti i pensionati il cui importo del/dei trattamento/i pensionistici sia superiore a tre volte l importo del trattamento minimo e a condizione che la decorrenza della pensione sia collocata entro il Le pensioni con decorrenza entro il hanno subito il blocco per il biennio 2012/2013, mentre quelle con decorrenza nell anno 2012 hanno subito il blocco per il solo anno Al contrario le pensioni con decorrenza successiva a dicembre 2012 non hanno subito alcun blocco, ma solo l attribuzione della perequazione secondo i criteri introdotti dalla legge di stabilità Un particolare discorso meritano le pensioni di reversibilità. Infatti, in relazione al decesso del pensionato dante causa nell anno 2012 ovvero successivamente si vengono a determinare, per via della mancata perequazione, effetti plurimi: sia in capo al dante causa sia in capo al superstite. Prendiamo ad esempio il pensionato con pensione superiore a tre volte il TM deceduto a ottobre del 2012 che ha quindi subito la mancata perequazione. Si producono i seguenti effetti: mancata perequazione mesi gennaio-ottobre 2012 (da recuperare da parte degli eredi come ratei maturati e non riscossi). erronea liquidazione della pensione ai superstiti in quanto liquidata in base ad un importo della pensione del dante causa decurtato della mancata perequazione (riliquidazione pensione ai superstiti). mancata perequazione (per l anno 2013) della pensione ai superstiti nel caso l importo della stessa fosse superiore a tre volte il TM. Ulteriore particolarità è rappresentata dai pensionati deceduti dopo il laddove non vi sono soggetti superstiti aventi titolo al trattamento di reversibilità. Per questi casi, in presenza di oggettive difficoltà affinché l Inps possa operare d ufficio, si dovranno attivare gli eredi con presentazione di istanza di rate maturate e non riscosse.

4 La sentenza della Corte ha reso giustizia a milioni di pensionati. Dalla sua applicazione un contributo alla crescita e alla ripresa dei consumi. Dichiarazione del Segretario Confederale UIL Domenico Proietti Con l applicazione della sentenza della Corte Costituzionale una pensione che nel era di 1500 euro lordi, appena superiore alle 3 volte il minimo, avrà una rivalutazione di circa 85 euro al mese e euro circa come rimborso per i due anni di blocco 2012 e 2013 e per gli effetti che questi hanno avuto sul Il Governo applichi subito la sentenza a tutti i pensionati ristabilendo equità e giustizia. L applicazione della sentenza dando più disponibilità di reddito a milioni di pensionati è anche un contributo importante alla ripresa dei consumi interni e quindi un sostegno alla ripresa della crescita e delle attività produttive con beneficio per l occupazione. Analisi ed Elaborazioni del Servizio Politiche Previdenziali UIL Lo studio prende in esame l importo dell assegno mensile lordo per diverse fasce di reddito da pensione. L analisi che abbiamo svolto riguarda gli effetti che i blocchi dell indicizzazione hanno prodotto su queste. Nella tabella 1 mostriamo l andamento delle pensioni dal ad oggi applicando la legislazione vigente, quindi applicando sia il blocco Fornero, sia quello previsto dal Governo Letta con la Legge di Stabilità Dall esame di questi dati si evidenzia come le pensioni superiori a 3 volte il minimo ma inferiori alle 4 volte (negli esempi quelle da euro e da 1800 euro), nel abbiano subìto un adeguamento minimo se confrontate con il dato del 2015, rispettivamente meno di 20 euro lorde mensili per quelle da euro e meno di 25 euro lorde mensili per quelle da euro. Servizio politiche Fiscali e Previdenziali UIL 1

5 Quando lo Stato provvederà all adeguamento dei trattamenti eliminando il blocco Fornero: - il pensionato che nel percepiva un trattamento pari a 4 volte il minimo, euro lordi, percepirà annualmente sulla pensione in erogazione nel 2015 circa euro in più; - il pensionato con un trattamento pari a 5 volte il minimo, 2500 euro lordi, percepirà annualmente sulla pensione in erogazione nel 2015 circa euro in più; Pensioni attuali calcolate con blocco indicizzazione 1 Pensioni con Blocco Fornero Pensioni Con Blocco Letta Ind. 3% Ind. 2,60% Ind. 1,10% Ind. 0,30% 3 volte TM 2 467,43 480,53 495,43 500,88 502,38 3 volte TM 600,00 618,00 634,06 641,03 642,95 3 volte TM 1.200, , , , ,87 4 volte TM 1.500, , , , ,59 4 volte TM 1.800, , , , ,62 5 volte TM 2.500, , , , ,52 10 volte il TM 5.000, , , , ,99 14 volte il TM 7.000, , , ,38* 7.022,69 20 volte il TM , , , ,17* 9.847* * Contributo solidarietà 6 % 3 Tabella 1 Pensioni come diventeranno Senza blocco indicizzazione Fornero e con il solo blocco previsto dalla Legge di Stabilità Pensioni senza Blocco Fornero Pensioni Con Blocco Letta Ind. 3% Ind. 2,60% Ind. 1,10% Ind. 0,30% 3 volte TM 467,43 480,53 495,43 500,88 502,38 3 volte TM 600,00 618,00 634,06 641,03 642,95 3 volte TM 1.200, , , , ,87 4 volte TM 1.500, , , , ,11 4 volte TM 1.800, , , , ,59 5 volte TM 2.500, , , , ,64 10 volte il TM 5.000, , , , ,59 14 volte il TM 7.000, , , ,61* 7.316,73* 20 volte il TM , , , ,62** ,12** * Contributo solidarietà 6 % ** Contributo solidarietà 12 % 5 Tabella 2 1 pensionistico mensile lordo, con perequazione calcolata applicando le norme provvisorie del DL 201/ per gli anni ed applicando le norme provvisorie della Legge di Stabilità 2014 per gli anni I trattamenti pensionistici fino a tre volte il minimo sono esclusi dal blocco Fornero. 3 Il contributo di solidarietà è al 6% sulla quota eccedente 14 volte il trattamento minimo, al 12 % sulla quota eccedente 20 volte il trattamento minimo. 4 pensionistico mensile lordo, con perequazione calcolata applicando le norme ordinarie per gli anni ed applicando le norme provvisorie della Legge di Stabilità 2014 per gli anni Il contributo di solidarietà è al 6% sulla quota eccedente 14 volte il trattamento minimo, al 12 % sulla quota eccedente 20 volte il trattamento minimo. Servizio politiche Fiscali e Previdenziali UIL 2

6 Nella tabella 2 abbiamo mostrato a quanto ammonteranno i trattamenti mensili con l applicazione delle sentenza della Corte Costituzionale per il 2012 e per il 2013, senza l applicazione degli interessi dovuti ai pensionati, mantenendo comunque nel calcolo le modifiche al sistema di indicizzazione introdotte dal Governo Letta In questa ipotesi, chi percepiva mensilmente 1500 euro di pensione lorda nel nel 2012 ha diritto a euro lordi mensili, mente nel 2013 ha diritto 1584 euro lordi mensili, così nel 2015, applicando la riduzione prevista dal blocco Letta, dovrebbe percepire 1605 euro al mese, 99 euro in più rispetto a quanto percepisce con la legislazione vigente (tabella 3). Oltre all applicazione della sentenza i pensionati dovranno ricevere un rimborso per il mancato adeguamento per gli anni 2012 e 2013 ed una integrazione per l adeguamento avvenuto con il blocco Letta per il 2014 ed il Così un pensionato che nel percepiva un trattamento pari a 4 volte il minimo, lordi dovrà avere, per l anno 2012 circa 530 euro, circa euro sia per l anno 2013 che per l anno 2014, su queste somme dovranno essere applicati, ovviamente, anche gli interessi maturati. Quanto guadagneranno le pensioni senza blocco Fornero e con il solo blocco previsto dalla Legge di Stabilità 2014 Pensioni senza Blocco Fornero Pensioni Con Blocco Letta 3 volte TM 467,43 0,00 0,00 0,00 0,00 3 volte TM 600,00 0,00 0,00 0,00 0,00 3 volte TM 1.200,00 0,00 0,00 0,00 0,00 4 volte TM 1.500, , , , ,52 4 volte TM 1.800, , , , ,97 5 volte TM 2.500, , , , ,12 10 volte il TM 5.000, , , , ,60 14 volte il TM 7.000, , , ,23* + 294,04* 20 volte il TM , , , ,45** + 399,98** * Contributo solidarietà 6 % ** Contributo solidarietà 12 % 6 Tabella 3 6 Il contributo di solidarietà è al 6% sulla quota eccedente 14 volte il trattamento minimo, al 12 % sulla quota eccedente 20 volte il trattamento minimo. Servizio politiche Fiscali e Previdenziali UIL 3

7 Se si calcolano invece le rivalutazioni degli assegni senza applicare né il blocco Fornero né il blocco Letta, tabella 4, si noterà come gli assegni attuali sono pesantemente penalizzati. Il pensionato che nel percepiva 1500 euro lordi mensili oggi avrebbe dovuto avere un assegno lordo mensile di 1606 euro, ed invece percepisce 1519 euro lorde mensili (tabella 1), con una differenza in negativo di 87 euro al mese (tabella 5); se si estende su 12 mensilità la perdita è di 1044 euro, ovvero 2/3 di quello che attualmente percepisce mensilmente. In breve le pensioni superiori a 3 volte il minimo perdono, ad oggi, più della metà di un assegno mensile ogni anno. Ovviamente tale penalizzazione è proporzionale al reddito del pensionato ed aumenta con il crescere dell assegno mensile preso ad esempio. Pensioni come avrebbero dovuto essere Con indicizzazione ordinaria 7 Pensioni senza Blocco Fornero Pensioni Senza Blocco Letta Ind. 3% Ind. 2,60% Ind. 1,10% Ind. 0,30% 3 volte TM 467,43 480,53 495,43 500,88 502,38 3 volte TM 600,00 618,00 634,06 641,03 642,95 3 volte TM 1.200, , , , ,87 4 volte TM 1.500, , , , ,07 4 volte TM 1.800, , , , ,31 5 volte TM 2.500, , , , ,33 10 volte il TM 5.000, , , , ,86 14 volte il TM 7.000, , , , ,68 20 volte il TM , , , , ,88 Tabella 4 Differenza tra pensioni attuali e pensioni con indicizzazione ordinaria Pensioni con Blocco Fornero Pensioni con Blocco Letta 3 volte TM 467,43 0,00 0,00 0,00 0,00 3 volte TM 600,00 0,00 0,00 0,00 0,00 3 volte TM 1.200,00 0,00 0,00 0,00 0,00 4 volte TM 1.500,00-44,13-84,00-85,63-86,48 4 volte TM 1.800,00-64,72-112,10-113,21-113,69 5 volte TM 2.500,00-70,95-134,18-139,05-142,81 10 volte il TM 5.000,00-127,20-240,28-267,19-273,87 14 volte il TM 7.000,00-172,20-324,93-369,87-366,99 20 volte il TM ,00-239,70-452,48-702,44-713,74 Tabella 5 7 Pensioni calcolate senza alcun blocco dell indicizzazione con il sistema di perequazione ordinario. Servizio politiche Fiscali e Previdenziali UIL 4

Foglio Informativo AnSe

Foglio Informativo AnSe Foglio Informativo AnSe Anno 2015 - Numero 11 16 luglio 2015 Anno13 - Numero 2013 ANSE Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125-00198 ROMA Tel. 0683057390-0683057422 Fax 0683057440

Dettagli

Premessa. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 27-07-2015. Messaggio n. 4993

Premessa. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 27-07-2015. Messaggio n. 4993 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 27-07-2015 Messaggio n. 4993 Allegati n.1 OGGETTO: Decreto Legge 21 maggio 2015, n. 65 recante Disposizioni urgenti

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2015 CIRCOLARE NUMERO 10 Le Circolari della Fondazione Studi n. 10 del 05/05/2015 CREDITI SU PENSIONI VADEMECUM PER IL RIMBORSO 1. Introduzione La Corte Costituzionale con la Sentenza ablativa n.

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 96 22.05.2015 Rimborso pensioni: il piano del Governo Approvato il D.L. Pensioni per i pensionati che si sono visti bloccare

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2015 CIRCOLARE NUMERO 12 Le Circolari della Fondazione Studi n. 12 del 26/05/2015 BONUS PENSIONI Ecco a chi spettano gli arretrati Premessa Il 21 maggio è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il

Dettagli

Blocco della perequazione e Contributo di solidarietà delle pensioni INPS (Ex- INPDAP) Perequazione delle pensioni ENPAM

Blocco della perequazione e Contributo di solidarietà delle pensioni INPS (Ex- INPDAP) Perequazione delle pensioni ENPAM Blocco della perequazione e Contributo di solidarietà delle pensioni INPS (Ex- INPDAP) Perequazione delle pensioni ENPAM INDICE Blocco della perequazione delle pensioni INPS ( Ex- INPDAP) Slide 3 Decreto

Dettagli

DECRETO LEGGE 65 DEL 21 MAGGIO 2015 Analisi e commento a cura del Sevizio Politiche Previdenziali UIL

DECRETO LEGGE 65 DEL 21 MAGGIO 2015 Analisi e commento a cura del Sevizio Politiche Previdenziali UIL DECRETO LEGGE 65 DEL 21 MAGGIO 2015 Analisi e commento a cura del Sevizio Politiche Previdenziali UIL Il 21 maggio 2015 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge 65 emanato dal Governo

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

Blocco della perequazione e Contributo di solidarietà delle pensioni INPS (Ex- INPDAP) Perequazione delle pensioni ENPAM

Blocco della perequazione e Contributo di solidarietà delle pensioni INPS (Ex- INPDAP) Perequazione delle pensioni ENPAM Blocco della perequazione e Contributo di solidarietà delle pensioni INPS (Ex- INPDAP) Perequazione delle pensioni ENPAM INDICE Blocco della perequazione delle pensioni INPS ( Ex- INPDAP) Slide 3 Decreto

Dettagli

PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE

PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE OGGETTO: Adeguamento, a partire dal 1 gennaio 2013, agli incrementi della speranza di vita dei requisiti per l accesso al pensionamento del personale appartenente

Dettagli

Roma, 29 gennaio 2015

Roma, 29 gennaio 2015 DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2500 Roma, 29 gennaio 2015 ALLE ASSOCIAZIONI E AI SINDACATI TERRITORIALI ALLE UNIONI REGIONALI AI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA AI COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 14/03/2012

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 14/03/2012 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 14/03/2012 Circolare n. 38 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

2182 Capitolo X 452-833

2182 Capitolo X 452-833 2182 Capitolo X 452-833 670. - Circ. 26 luglio 1997 n. 168. Titolarità di più pensioni integrate o integrabili al trattamento minimo al 30 settembre 1983. Sentenza della corte costituzionale n. 240 dell

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

PREMESSA. Studio e Ricerca per lo Sviluppo delle attività delle Convenzioni Internazionali. Direzione Centrale delle Prestazioni

PREMESSA. Studio e Ricerca per lo Sviluppo delle attività delle Convenzioni Internazionali. Direzione Centrale delle Prestazioni Studio e Ricerca per lo Sviluppo delle attività delle Convenzioni Internazionali Direzione Centrale delle Prestazioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Roma, 28 Ottobre 2002 Circolare

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

Breve storia della perequazione automatica delle pensioni (M.Schianchi)

Breve storia della perequazione automatica delle pensioni (M.Schianchi) Breve storia della perequazione automatica delle pensioni (M.Schianchi) Articolo 19 della legge 30 aprile 1969, n. 153 - Perequazione automatica delle pensioni Gli importi delle pensioni a carico dell'assicurazione

Dettagli

Camera dei Deputati. XI Commissione Lavoro pubblico e privato. Audizione D.L. n. 65/2015

Camera dei Deputati. XI Commissione Lavoro pubblico e privato. Audizione D.L. n. 65/2015 Camera dei Deputati XI Commissione Lavoro pubblico e privato Audizione D.L. n. 65/2015 Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR 8 giugno 2015 Premessa Il

Dettagli

Rinnovo 2015 - Tabelle

Rinnovo 2015 - Tabelle Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale delle Pensioni Rinnovo 2015 - Tabelle Perequazione provvisoria Pensioni e limiti di reddito 0,3% Limiti di reddito INVCIV totali 0,5% Indennità

Dettagli

Rinnovo 2014 - Tabelle

Rinnovo 2014 - Tabelle Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale delle Prestazioni Rinnovo 2014 - Tabelle Perequazione provvisoria Pensioni e limiti di reddito 1,2% Limiti di reddito INVCIV totali 2,0% Indennità

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 02/07/2015

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 02/07/2015 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 02/07/2015 Circolare n. 130 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA

LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA dott. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 08.08.2011 LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA La Manovra Correttiva pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.164 del 16 luglio

Dettagli

Perequazione dei trattamenti pensionistici, ex D.L. n. 65/2015 Aggiornamenti in materia di NASpI

Perequazione dei trattamenti pensionistici, ex D.L. n. 65/2015 Aggiornamenti in materia di NASpI Videoconferenza EPASA 8 settembre 2015 Perequazione dei trattamenti pensionistici, ex D.L. n. 65/2015 Aggiornamenti in materia di NASpI Relatori: Antonio Licchetta Carla Innocenzi Chiara Pierannunzi Consulenza

Dettagli

Il nuovo sistema di perequazione SPI CGIL - DIPARTIMENTO NAZIONALE PREVIDENZA 1

Il nuovo sistema di perequazione SPI CGIL - DIPARTIMENTO NAZIONALE PREVIDENZA 1 Il nuovo sistema di perequazione NAZIONALE PREVIDENZA 1 La perequazione è un diritto Non può non esserci, può essere sospesa per brevi periodi, non ripetibili. La misura la decide il legislatore, tenendo

Dettagli

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale È stato approvato con provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15 gennaio 2014 Prot.5131-2014

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

Rinnovo 2013 - Tabelle

Rinnovo 2013 - Tabelle Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale delle Prestazioni Rinnovo 2013 - Tabelle Perequazione provvisoria Pensioni e limiti di reddito 3,0% Limiti di reddito INVCIV totali 3,2% Indennità

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale Roma, 03/10/2013 Circolare n. 140 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

Rinnovo 2016 - Tabelle

Rinnovo 2016 - Tabelle Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale delle Pensioni Rinnovo 2016 - Tabelle Perequazione provvisoria Pensioni e limiti di reddito 0,0% Limiti di reddito INVCIV totali 0,0% Indennità

Dettagli

Nella medesima circolare erano stati forniti gli elementi per il calcolo della prestazione in esame.

Nella medesima circolare erano stati forniti gli elementi per il calcolo della prestazione in esame. Direzione Centrale Pensioni Roma, 07-08-2009 Messaggio n. 18124 OGGETTO: Legge 3 agosto 2004, n. 206 e successive modificazioni. Articolo 5, comma 4: doppia annualità a favore di vittime del terrorismo

Dettagli

Le pensioni nel 2005

Le pensioni nel 2005 marzo 2005 Le pensioni nel 2005 TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Il tetto di retribuzione pensionabile per il calcolo delle pensioni con il sistema retributivo con decorrenza nell anno 2005 è stato definitivamente

Dettagli

PENSANDO ALLA PENSIONE - Spigolature

PENSANDO ALLA PENSIONE - Spigolature IN BREVE n. 005-2009 a cura di Marco Perelli Ercolini PENSANDO ALLA PENSIONE - Spigolature Ma che cosa è la pensione? La pensione è una prestazione periodica di danaro a carattere vitalizio a chi ne abbia

Dettagli

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei Circolare INPS del 25 agosto 1995 n. 234 Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensio- nistico obbligatorio e complementare. Pensioni ai superstiti e trattamenti di invalidità. Nuovi limiti

Dettagli

FONDO DI SOLIDARIETÀ PER LE IMPRESE DEL CREDITO: I CHIARIMENTI DELL INPS

FONDO DI SOLIDARIETÀ PER LE IMPRESE DEL CREDITO: I CHIARIMENTI DELL INPS INFORMATIVA N. 187 13 MAGGIO 2015 Previdenziale FONDO DI SOLIDARIETÀ PER LE IMPRESE DEL CREDITO: I CHIARIMENTI DELL INPS INPS, Circolare n. 90 del 6 maggio 2015 Con Decreto interministeriale n. 83486 del

Dettagli

2168 Capitolo X 452-833

2168 Capitolo X 452-833 2168 Capitolo X 452-833 668. - Circ. 28 marzo 1997 n. 82. l. 23 dicembre 1996 n. 662. ricalcolo delle pensioni ai superstiti in aliquota della pensione integrata al minimo liquidata o spettante al dante

Dettagli

COMUNICATO IL COLLOCAMENTO A RIPOSO DEL PERSONALE DELLA SCUOLA DAL 1^ SETTEMBRE 2016: NORMATIVA E INDICAZIONI

COMUNICATO IL COLLOCAMENTO A RIPOSO DEL PERSONALE DELLA SCUOLA DAL 1^ SETTEMBRE 2016: NORMATIVA E INDICAZIONI Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche SEGRETERIA NAZIONALE FLP SCUOLA 00187 ROMA Via Piave 61 sito internet: www.flpscuola.org Email: info@flpscuola.org tel. 06/42000358 06/42010899 fax.

Dettagli

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PENSIONI 2013 PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE IL DECRETO PER LA PEREQUAZIONE AUTOMATICA DELLE PENSIONI 2012 E 2013 La perequazione automatica - o rivalutazione

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/06/2012

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/06/2012 Direzione Centrale Pensioni Roma, 14/06/2012 Circolare n. 84 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Speciale rinnovo 2012 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2012 pensioni erogate dall'inps Numero 40 Febbraio 2012 Speciale rinnovo 2012 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^10 del 2 febbraio 2012, le tabelle per il rinnovo delle pensioni per l'anno 2012.

Dettagli

2.2 Gli Enti previdenziali: risultati dei primi nove mesi del triennio 2007 2009

2.2 Gli Enti previdenziali: risultati dei primi nove mesi del triennio 2007 2009 I CONTI DEL SETTORE PUBBLICO 2.2 Gli Enti previdenziali: risultati dei primi nove mesi del triennio 2007 2009 Il conto degli Enti previdenziali (Tabella 2.2-1) a tutto il terzo trimestre 2009 evidenzia

Dettagli

Circolare INPS del 12 aprile 2002 n. 77 Liquidazione delle pensioni in competenza dell esercizio 2002 Con circolare n. 211 del 29 novembre 2001 è

Circolare INPS del 12 aprile 2002 n. 77 Liquidazione delle pensioni in competenza dell esercizio 2002 Con circolare n. 211 del 29 novembre 2001 è Circolare INPS del 12 aprile 2002 n. 77 Liquidazione delle pensioni in competenza dell esercizio 2002 Con circolare n. 211 del 29 novembre 2001 è stata messa a disposizione delle Sedi la funzione di acquisizione,

Dettagli

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015)

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Camera dei Deputati Audizione informale Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR 8 Giugno 2015 XI Commissione Lavoro

Dettagli

31 dicembre 1998 1,056503. 31 dicembre 1999 1,051781. 31 dicembre 2000 1,047781. 31 dicembre 2001 1,043698. 31 dicembre 2002 1,041614

31 dicembre 1998 1,056503. 31 dicembre 1999 1,051781. 31 dicembre 2000 1,047781. 31 dicembre 2001 1,043698. 31 dicembre 2002 1,041614 www.unicolavoro.ilsole24ore.com Istituto Nazionale Previdenza Sociale Messaggio 20 ottobre 2015, n.6462 Liquidazione delle pensioni con decorrenza nell'anno 2015. Coefficienti di rivalutazione delle retribuzioni

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali Roma, 05/03/2010 Circolare n. 33 Allegati n.2 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 31/07/2014

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 31/07/2014 Direzione Centrale Pensioni Roma, 31/07/2014 Circolare n. 95 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori

Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale Fisco, Previdenza, Formazione Sindacale 31-5-2013 VP Decreto Interministeriale 22 aprile 2013 e Tabelle

Dettagli

La riforma della previdenza della CNPR

La riforma della previdenza della CNPR La riforma della previdenza della CNPR La riforma del sistema previdenziale: le cause Il decreto c.d. "Salva Italia", convertito con legge n. 214 del 2011, ha imposto nuovi obiettivi di stabilità economico-finanziaria,

Dettagli

AVVISI BONARI INVIATI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE AGLI EX SOCI LIQUIDATI NELL ANNO 2002

AVVISI BONARI INVIATI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE AGLI EX SOCI LIQUIDATI NELL ANNO 2002 Fondo Pensione Dipendenti del Gruppo Enel COMUNICATO N. 11-2006 AVVISI BONARI INVIATI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE AGLI EX SOCI LIQUIDATI NELL ANNO 2002 ATTENZIONE: QUANTO RIPORTATO NEL PRESENTE COMUNICATO

Dettagli

Le pensioni nel 2006

Le pensioni nel 2006 Le pensioni nel 2006 Proponiamo il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE

Dettagli

CIRCOLARE N.22/E. Roma, 11 luglio 2014

CIRCOLARE N.22/E. Roma, 11 luglio 2014 CIRCOLARE N.22/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 11 luglio 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Blocco della scala mobile sulle pensioni per gli anni 2012 e 2013

Blocco della scala mobile sulle pensioni per gli anni 2012 e 2013 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 121 Maggio 2015 Blocco della scala mobile sulle pensioni per gli anni 2012 e 2013 DECRETO-LEGGE 21 maggio 2015, n. 65 E stato pubblicato sulla Gazzetta

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

TESTO UNIFICATO N. 304-328

TESTO UNIFICATO N. 304-328 Atti consiliari - XIV Legislatura - Documenti - Progetti di legge e relazioni CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA TESTO UNIFICATO N. 304-328 Riforma della legge regionale 5 maggio 1965, n. 15 (Istituzione

Dettagli

Direzione Centrale delle Prestazioni. Direzione Centrale delle Entrate Contributive. Direzione Centrale Vigilanza sulle Entrate ed Economia Sommersa

Direzione Centrale delle Prestazioni. Direzione Centrale delle Entrate Contributive. Direzione Centrale Vigilanza sulle Entrate ed Economia Sommersa Direzione Centrale delle Prestazioni Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale Vigilanza sulle Entrate ed Economia Sommersa Direzione Centrale Finanza, Contabilità e Bilancio Direzione

Dettagli

Circolare INPS 2 marzo 2001 n. 49 L. 14 dicembre 2000, n. 385. Nuove norme in materia di integrazione al trattamento minimo. 1.

Circolare INPS 2 marzo 2001 n. 49 L. 14 dicembre 2000, n. 385. Nuove norme in materia di integrazione al trattamento minimo. 1. Circolare INPS 2 marzo 2001 n. 49 L. 14 dicembre 2000, n. 385. Nuove norme in materia di integrazione al trattamento minimo. Emanata dall'istituto nazionale della previdenza sociale, Direzione centrale

Dettagli

L accordo sindacati-governo sull aumento delle pensioni basse

L accordo sindacati-governo sull aumento delle pensioni basse SINDACATO PENSIONATI ITALIANI REGIONALE ABRUZZO L accordo sindacati-governo sull aumento delle pensioni basse la somma aggiuntiva la perequazione automatica la maggiorazione sociale Elaborazione a cura

Dettagli

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps Novità introdotte dalla Legge n 147/13 in materia previdenziale e assistenziale Per il triennio 2014-2016 la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo stabilito dall

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. DECRETO 14 febbraio 2014

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. DECRETO 14 febbraio 2014 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 14 febbraio 2014 Modalita di attuazione dei commi 194 e 196 dell articolo 1 della legge 27 dicembre 2013, n. 147 (legge di stabilita 2014). Estensione

Dettagli

Avv. Vittorio Nista, patrocinante in Cassazione. Avv. Virginio Nista.

Avv. Vittorio Nista, patrocinante in Cassazione. Avv. Virginio Nista. V V STUDIO LEGALE NISTA N - Poggio Imperiale (FG) via De Cicco 32, tel. e fax 0882994224 - - San Severo (FG) C.so L. Mucci 132, tel. e fax 0882373459 - Avv. Vittorio Nista, patrocinante in Cassazione.

Dettagli

Nota operativa n. 45 Ai Coordinatori delle Consulenze Professionali

Nota operativa n. 45 Ai Coordinatori delle Consulenze Professionali Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativo Roma, 28/11/2008 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Alle

Dettagli

Circolare 2 luglio 2015, n.130

Circolare 2 luglio 2015, n.130 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Circolare 2 luglio 2015, n.130 Corresponsione della somma aggiuntiva per l'anno 2015(c.d. quattordicesima - articolo 5, commi da 1 a 4, del decreto legge 2 luglio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 102/E

RISOLUZIONE N. 102/E RISOLUZIONE N. 102/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000 n. 212 FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA BANCA Regime fiscale

Dettagli

Andamento Economico-patrimoniale Fondo Clero (milioni di euro)

Andamento Economico-patrimoniale Fondo Clero (milioni di euro) -1.888-1.986-2.084 17/7/2015 In questa sezione pubblichiamo informazioni che chiariscono le regole previste per la composizione e l effettivo funzionamento delle maggiori gestioni pensionistiche amministrate

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

1. Decesso dell assicurato o pensionato in assenza di un coniuge superstite avente i requisiti per la pensione indiretta o di reversibilità.

1. Decesso dell assicurato o pensionato in assenza di un coniuge superstite avente i requisiti per la pensione indiretta o di reversibilità. Circolare INPS del 27 giugno 2001 n. 132 OGGETTO: Articolo 9, comma 3, della legge n. 898/1970, nel testo sostituito dall articolo 13 della legge 6 marzo 1987, n. 74. Attribuzione al coniuge divorziato,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007 RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale applicabile alle prestazioni erogate dal fondo integrativo dell ENEL ai propri dipendenti

Dettagli

Trattamenti di fine rapporto: detrazioni d imposta dal 1 aprile Enzo De Fusco Consulente del lavoro in Roma

Trattamenti di fine rapporto: detrazioni d imposta dal 1 aprile Enzo De Fusco Consulente del lavoro in Roma Trattamenti di fine rapporto: detrazioni d imposta dal 1 aprile Enzo De Fusco Consulente del lavoro in Roma Il Ministro dell economia e delle finanze con decreto 20 marzo 2008, pubblicato sulla Gazzetta

Dettagli

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE la Cassa integrazione guadagni straordinaria; la Cassa integrazione guadagni in deroga; le procedure di licenziamento collettivo con indennità di mobilità - oppure ASPI. Breve premessa: A ) Aziende che

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Decreto Legge n.65 del 2015 Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR

Decreto Legge n.65 del 2015 Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR Decreto Legge n.65 del 2015 Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR Documento UIL presentato all audizione dell 8 giugno 2015 presso la Commissione XI Lavoro

Dettagli

Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (cd. sesta salvaguardia).

Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (cd. sesta salvaguardia). Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Roma, 19-11-2014 Messaggio n. 8881 Allegati n.2 OGGETTO: Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove

Dettagli

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 PENSIONAMENTI ANTICIPATI (ex pensioni anzianità) per il triennio 2015-2017 senza penalizzazione. Computo più favorevole della anzianità contributiva minima

Dettagli

Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE

Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE SPECIALE/ottobre 2011 a cura di Antonio Marchini www.fpcgil.it Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE...1 Coefficienti di trasformazione

Dettagli

Indennità di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi

Indennità di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi @bollettinoadapt, 11 maggio 2015 Indennità di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi di Silvia Spattini Tag: #ammortizzatori #disoccupazione #DISCOLL #cococo #cocopro Con la circolare

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici Articolo 24 Dl 6.12.2011 1. Si tratta di una riforma non concertata, ma imposta, cosa che peraltro accade dal 2007, quando fu firmato

Dettagli

CORTE COSTITUZIONALE: SENTENZA n. 223/2012

CORTE COSTITUZIONALE: SENTENZA n. 223/2012 CORTE COSTITUZIONALE: SENTENZA n. 223/2012 SERVIZI ANAAO ASSOMED La sentenza 08.10.2012 n. 223 della Corte Costituzionale offre molteplici spunti di riflessione non solo sulle specifiche disposizione oggetto

Dettagli

IL PRESTITO PENSIONISTICO DICHIARAZIONE DEL SEGRETARIO CONFEDERALE UIL DOMENICO PROIETTI

IL PRESTITO PENSIONISTICO DICHIARAZIONE DEL SEGRETARIO CONFEDERALE UIL DOMENICO PROIETTI IL PRESTITO PENSIONISTICO DICHIARAZIONE DEL SEGRETARIO CONFEDERALE UIL DOMENICO PROIETTI La via maestra è la reintroduzione di una flessibilità di accesso alla pensione a 62 anni. Il sindacato è pronto

Dettagli

La Previdenza del Pediatra di libera scelta

La Previdenza del Pediatra di libera scelta ENTE NAZIONALE PREVIDENZA ED ASSISTENZA ENTE NAZIONALE MEDICI PREVIDENZA ED ODONTOIATRI ED ASSISTENZA DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI La Previdenza del Pediatra di libera scelta Pietro Fusilli Responsabile

Dettagli

Comunicazione di debito e provvedimento di recupero di somme erogate indebitamente.

Comunicazione di debito e provvedimento di recupero di somme erogate indebitamente. Inpdap: la procedura per il recupero degli indebiti (Inpdap, Nota Operativa 20.6.2006 n. 39) Sono in arrivo le comunicazioni Inpdap relative alle somme indebitamente percepite dai pensionati. L istituto

Dettagli

Pensioni: gli aumenti per il 2014

Pensioni: gli aumenti per il 2014 Pensioni: gli aumenti per il 2014 Per il 2014 i pensionati debbono accontentarsi di un aumento di appena l 1,3%. Da tempo l adeguamento delle pensioni al costo della vita (la cosiddetta perequazione automatica)

Dettagli

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Messaggio numero 8881 del 19-11-2014 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Roma, 19-11-2014

Dettagli

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option.

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option. Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 11/12/2009 Circolare n. 123 Allegati n. 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORDINE DEL GIORNO

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORDINE DEL GIORNO ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORDINE DEL GIORNO OGGETTO: Figli orfani, studenti ed inabili, titolari di pensione di reversibilità che percepiscono un piccolo reddito per attività lavorativa

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PENSIONI DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI E TECNOLOGICI AI DIRETTORI REGIONALI AI DIRETTORI DELLE STRUTTURE TERRITORIALI

DIREZIONE CENTRALE PENSIONI DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI E TECNOLOGICI AI DIRETTORI REGIONALI AI DIRETTORI DELLE STRUTTURE TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE PENSIONI DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI E TECNOLOGICI AI DIRETTORI REGIONALI AI DIRETTORI DELLE STRUTTURE TERRITORIALI Oggetto: Pensioni delle gestioni private. Ricostituzioni

Dettagli

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 ROMA DIREZIONE GENERALE

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 ROMA DIREZIONE GENERALE ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 ROMA DIREZIONE GENERALE DIREZIONE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI RIF.: N 22 VERG

Dettagli

a) Casi particolari e relative regole in tema di assoggettamento contributivo

a) Casi particolari e relative regole in tema di assoggettamento contributivo L ARGOMENTO DEL MESE INDENNITA SOSTITUTIVA DEL PREAVVISO: Casi particolari e relative regole in tema di assoggettamento contributivo. Effetti della corresponsione della indennità sostitutiva del preavviso

Dettagli

Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D.L. 21 maggio 2015, n. 65 (1). Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR. (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 21 maggio 2015, n. 116. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

l Inserto Istruzioni per la lettura dell O bis M (Certificato di pensione) Istruzioni per la lettura del Cud (Certificato Unico Dipendente) Argomenti

l Inserto Istruzioni per la lettura dell O bis M (Certificato di pensione) Istruzioni per la lettura del Cud (Certificato Unico Dipendente) Argomenti n. 11 - novembre 2010 Argomenti A cura di Roberto Battaglia Segretario SPI-CGIL Emilia Romagna Roberta Lorenzoni Dipartimento previdenza SPI-CGIL Emilia Romagna Istruzioni per la lettura dell O bis M (Certificato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 301/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 301/E QUESITO RISOLUZIONE N. 301/E Roma, 15 luglio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di Interpello n. 954-787/2007 - Articolo 11 della legge n. 212 del 2000 INPS D.lgs. 21 aprile 1993,

Dettagli

INFORMATIVA N. 68. Roma, 22/07/2002

INFORMATIVA N. 68. Roma, 22/07/2002 Roma, 22/07/2002 Alla Direzione Centrale per la Segreteria del Consiglio di Amministrazione Organi Collegiali e Affari Generali SEDE Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione

Dettagli

Penalizzati per legge. Un piano pensione pubblico molto più oneroso di uno privato

Penalizzati per legge. Un piano pensione pubblico molto più oneroso di uno privato La Gestione Separata INPS Penalizzati per legge. Un piano pensione pubblico molto più oneroso di uno privato Silvestro De Falco Roma aprile 2011 www.actainrete.it Che cos è la Gestione Separata La gestione

Dettagli

Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici di reversibilità A.C. 1847. reversibilità

Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici di reversibilità A.C. 1847. reversibilità Autore: Titolo: Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Riferimenti: Servizio Studi - Dipartimento lavoro Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/02/2015

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/02/2015 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 10/02/2015 Circolare n. 29 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

TFS Trattamento Fine Servizio TFR Trattamento Fine Rapporto. Liquidazione

TFS Trattamento Fine Servizio TFR Trattamento Fine Rapporto. Liquidazione TFS Trattamento Fine Servizio TFR Trattamento Fine Rapporto Liquidazione Indice Definizione TFS e TFR Slide 3 Finanziamento e Calcolo del TFS e del TFR Slide 4-5 Modalità di pagamento del TFS e del TFR

Dettagli

NUOVI RIFLESSI PENSIONISTICI SULLA BUONUSCITA DEGLI STATALI

NUOVI RIFLESSI PENSIONISTICI SULLA BUONUSCITA DEGLI STATALI Coordinamento Nazionale FLP-Interno Ministero dell'interno - Palazzo Viminale - Palazzina F, 1 piano, stanza n. 50-00184 Roma Tel. 06.46547989 fax 06.46547954 flp_interno@icloud.com www.flp-interno.it

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE a cura di Maria Rita Gilardi Roma, 23 gennaio 2006 1 Articolo 1 Totalizzazione

Dettagli

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI TESTI COORDINATI E AGGIORNATI Testo del decreto-legge 21 maggio 2015, n. 65 (in Gazzetta Ufficiale - Serie generale - n. 116 del 21 maggio 2015), coordinato con la legge di conversione 17 luglio 2015,

Dettagli