CARTA DEI SERVIZI DEI CENTRI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI FIRENZE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA DEI SERVIZI DEI CENTRI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI FIRENZE"

Transcript

1 CARTA DEI SERVIZI DEI CENTRI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI FIRENZE

2 Presentazione 2 Servizi alle persone Accoglienza e informazione orientativa; Colloquio di orientamento primo livello Colloquio di orientamento secondo livello Corsi di gruppo Ricerca del lavoro Servizio tirocini Apprendistato (attività formativa) Consulenza Autoimprenditoria Accesso al lavoro nella pubblica amministrazione Iscrizione liste di mobilità Sportello mobilità Iscrizione lavoratori dello spettacolo Sportello Donna Sportello immigrati SOS Famiglia Eures Obbligo formativo Voucher formativi (L.53/00 e L.236/93) 24 Servizi alle imprese - Enti Accoglienza Servizio tirocini Consulenza e gestione delle comunicazione obbligatorie: assunzione, cessazioni e variazioni dei rapporti di lavoro Attività di mediazione Apprendistato (attività formativa) Voucher formativi ( L.236/93 e misura D1) Consulenza per sgravi contributivi e per assunzioni agevolate Servizi amministrativi: iscrizione al registro committenti lavoro a domicilio Richiesta di personale da parte di Pubbliche Amministrazioni SOS Famiglia Eures Gestione vertenze aziendali e procedura per l iscrizione dei lavoratori in esubero in lista di mobilità (art. 223/91) e per intervento straordinario in CIG (legge164/74 e D.P.R. 218/2000) Gestione vertenze aziendali e procedura per intervento straordinario di CIGS (art.2. D.P.R. 218/2000) 39 Servizi alle persone Lavoratori disabili Accoglienza e informazione Orientativa colloquio mirato disabili Preselezione Accesso al lavoro nella pubblica amministrazione Servizi integrati di supporto 45 Servizi alle imprese - Enti Lavoratori disabili Informazione e consulenza Gestione amministrativa: Prospetto Informativo Aziendale (PIA), esoneri, compensazioni, certificazioni Attività di mediazione e avviamento convenzioni, agevolazioni (L. 68/99) assunzioni presso la Pubblica Amministrazione 54 Sedi della Provincia 56 Sedi della Città di Firenze 58 Scheda proposte 60 PROGETTO GRAFICO E STAMPA: CENTROPRISMA - FIRENZE FINITO DI STAMPARE APRILE Sommario

3 Presentazione La realizzazione della Carta dei Servizi dei Centri per l Impiego della Provincia Firenze risponde all esigenza e alla volontà di una costante ricerca del miglioramento della qualità dei servizi per il lavoro offerto alle persone e alle imprese. La Carta dei Servizi rappresenta per la Provincia di Firenze non solo un documento di impegno, ma anche un patto-contratto, che l ente pubblico, stipula con i suoi utenti, dichiarando di rispettare precisi parametri di qualità, modalità, tempi e attivando un sistema di gestione dei reclami. Con questa iniziativa la Provincia di Firenze si propone di creare un percorso di dialogo con il cittadino e l impresa e, con l obiettivo di un costante e continuo miglioramento dell organizzazione, attuando un programma che richiede un vero processo di cambiamento nei rapporti tra Ente ed utenti/ clienti. La Carta dei Servizi si applica a tutte le attività svolte dai Centri per l Impiego e stabilisce i principi e le condizioni per la loro erogazione, impegnando formalmente l Ente nei confronti degli utenti. La Carta dei Servizi dunque si pone come obiettivi: informare, mantenere e migliorare la qualità dei servizi offerti; rilevare il grado di soddisfazione da parte dell utente (impresa e cittadino); fornire un servizio di qualità rispondente ai principi contenuti nel D.Lgs 193/03. La Carta dei Servizi si ispira ai seguenti principi: Uguaglianza: nessuna distinzione è compiuta per motivi riguardanti sesso, razza, lingua, religione e opinione politica. L accesso ai servizi è garantito a tutti, tutte le sedi sono accessibili ai soggetti portatori di handicap o di qualsiasi altra minorità. Imparzialità: il comportamento nei confronti dell utente è ispirato a criteri di obiettività, giustizia e imparzialità. Ogni utente potrà

4 3 contare sulla piena disponibilità e competenza del personale nel soddisfare le sue richieste. Accessibilità. L erogazione dei servizi nell ambito delle modalità stabilite è assicurata con continuità e regolarità.gli orari di apertura e le modalità di accesso e di utilizzazione dei servizi sono orientati al principio della massima fruibilità pubblica. Ogni eventuale variazione di orario viene tempestivamente comunicata al pubblico. Partecipazione:L utente ha diritto di accesso alle informazioni che lo riguardano,così come può presentare reclami e istanze, prospettare osservazioni, formulare suggerimenti per il miglioramento dei servizi, ai quali la Direzione darà sollecito riscontro e comunque entro e non oltre il trentesimo giorno dalla loro presentazione. Efficienza ed efficacia: La Direzione è attenta ad adottare le adeguate soluzioni organizzative e ad impiegare le necessarie risorse finanziarie al fine di garantire che l erogazione dei servizi offerti sia improntata all efficienza in modo da assicurare all utente la massima soddisfazione possibile. Efficienza ed efficacia degli interventi non possono comunque porsi in contrasto con la garanzia dei diritti d eguaglianza e imparzialità. In quest ottica i Centri per l impiego effettuano dei monitoraggi sui bisogni degli utenti imprese e cittadini, verificano gli standard di quantità e qualità dei servizi, predispongono report di valutazione e misurazione dei risultati conseguiti, come stabilito dal Masterplan della Regione Toscana Trasparenza: Al fine di rendere chiare e trasparenti le condizioni d erogazione delle attività e dei servizi, la Direzione Politiche del Lavoro mette a disposizione per la consultazione, nel sito web e presso gli uffici delle diverse aree operative, la documentazione relativa alle modalità di erogazione dei servizi e la relativa modulistica. Presentazione

5 Presentazione La Condivisione La Direzione Politiche del Lavoro garantisce la partecipazione dell utente alla prestazione del servizio affinché possa: essere informato circa la fruibilità del servizio; verificare attraverso i responsabili dei Centri Impiego o dei Servizi le ragioni dell eventuale non conformità dell attività erogata; collaborare per il miglioramento del servizio. L accessibilità delle informazioni La Direzione Politiche informa l Utente utilizzando: la Carta dei servizi; il sito internet: per ciò che riguarda le informazioni relative alle attività dell area per le offerte di lavoro Le sedi dei centri per l impiego così da informare direttamente l utente-cliente sui servizi disponibili e sui tempi previsti di erogazione. La Qualità La Direzione si impegna ad ottenere la certificazione del suo Sistema Qualità secondo la norma UNI EN ISO 9001/2000 così come previsto dalla Legge Regionale 7/R del 4 febbraio La gestione delle proposte, segnalazioni e reclami La Direzione Politiche del Lavoro garantisce la possibilità di sporgere reclamo o segnalazione a seguito di disservizio, atto o comportamento che abbiano negato o limitato la fruibilità delle prestazioni o comunque creato una situazione di non soddisfazione. In questo senso la partecipazione attiva del cliente è assicurata mediante la raccolta e l analisi di tutte le segnalazioni e/o reclami sottoposti da qualsiasi soggetto/utente dei servizi erogati.

6 5 L utente attiva le procedure di reclamo, proposta di miglioramento, segnalazione di disservizio, tramite la procedura che si ottiene attraverso: 1. una proposta di miglioramento per aumentare la qualità del servizio, quando è opportuno fornire indicazioni per migliorare il servizio 2. una segnalazione, quando la negazione o limitazione delle prestazioni è ritenuta conseguenza di un qualsiasi disservizio 3.un reclamo, quando è stata negata o limitata da parte della struttura la fruibilità delle prestazioni in maniera ritenuta illegittima; La procedura può essere avviata dagli utenti con: compilazione della segnalazione/reclamo tramite la scheda predisposto e disponibile sul sito internet della Direzione Politiche del Lavoro Privacy La Provincia di Firenze si impegna al rispetto delle norme contenute nel D.Lgs. 196/03. Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Direzione Politiche del Lavoro La Dirigente Dr. Sandra Breschi Presentazione

7 Servizi alle persone 1.1. Accoglienza e informazione orientativa; Cosa offre - illustra all utente i servizi erogati dai Centri per l impiego della Provincia di Firenze indicando le modalità e i tempi di accesso - raccoglie i suoi bisogni - propone il rinvio ad altri servizi interni e/o esterni - alle persone che cercano informazioni sul lavoro (bandi di concorso, offerte da aziende private), formazione (professionale, scolastica, universitaria) e studio - alle persone immediatamente disponibili al lavoro: disoccupati, inoccupati, donne nella fase del reinserimento lavorativo, occupati che intendono cambiare lavoro - rivolgendosi ai Centri per l impiego e agli sportelli della rete sul territorio - presa in carico dell utente (registrazione nella banca dati del lavoro IDOL) - breve colloquio dove l utente esplicita i propri bisogni e riceve dall operatore le prime informazioni - indicazioni sulle modalità di accesso alle postazioni internet, autoconsultazione del materiale cartaceo - eventuale rinvio al servizio idoneo - ascolta e accoglie la domanda e verificare i bisogni dell utente - fornisce un quadro chiaro dell offerta dei servizi del CPI - garantisce cortesia e attenzione all utente - rinvia ad altri servizi interni e/o esterni - accesso al servizio: immediato in orario di apertura al pubblico - eventuale attesa del proprio turno (max 15 minuti) - durata del colloquio: da 5 a 15 minuti

8 Colloquio di orientamento primo livello (D.Lgs. 181/00-D.Lgs. 297/02) Cosa offre - inserisce ed aggiorna i dati anagrafici e professionali dell utente nella banca dati del lavoro IDOL - sostiene e facilita i processi di scelta, di transizione professionale e lavorativa, - offre una mappa dei servizi utilizzabili nella rete dei Centri per l impiego della Provincia di Firenze - alle persone immediatamente disponibili al lavoro: disoccupati; inoccupati, donne nella fase del reinserimento lavorativo - rivolgendosi ai Centri per l impiego e agli sportelli della rete sul territorio - presa in carico dell utente (registrazione nella banca dati del lavoro IDOL) - descrizione della gamma dei servizi previsti dai D.Lgs.181/00 e D.Lgs. 297/02 - colloquio di orientamento di primo livello in cui l operatore registra: i dati anagrafici e professionali dell utente, aspettative e disponibilità per il lavoro, esperienze lavorative e formative utili per la carriera professionale, competenze possedute ed eventuali propensioni. Il colloquio prevede: sottoscrizione di un Patto di servizio tra Centro per l impiego e utente informazioni sulle offerte di lavoro presenti nella Provincia e nella Regione Toscana eventuale inserimento del proprio CV nella banca dati Pre-net (Preselezione in rete) supporto alla scelta di un percorso formativo tra quelli offerti sul territorio indicazioni su: tirocini, progetti speciali, piani di inserimento professionale Servizi alle persone

9 Servizi alle persone - eventuale rinvio alla consulenza orientativa di secondo livello o su corsi di orientamento per chi ha bisogno di approfondimento - con colloquio individuale e relativa presa in carico dell utente, inserimento/aggiornamento dati anagrafici e professionali nella banca dati del lavoro-idol - in tempo reale o su appuntamento - tempi di attesa per l appuntamento : 10 giorni massimo - durata colloquio: minuti ( tempo medio) 1.3. Colloquio di orientamento secondo livello Cosa offre - sostiene e facilita i processi di scelta e di transizione professionale, lavorativa, formativa e definisce gli obiettivi professionali e formativi - alle persone immediatamente disponibili al lavoro: disoccupati; inoccupati, donne nella fase del reinserimento lavorativo, occupati che intendono cambiare lavoro - rivolgendosi ai Centri per l impiego e agli sportelli della rete presenti sul territorio della Provincia di Firenze - presa in carico dell utente da parte del consulente (registrazione nella banca dati del lavoro IDOL ) - presentazione del servizio mettendo in evidenza gli obiettivi del colloquio finalizzato ad elaborare un progetto formativo-lavorativo e a facilitare i processi di scelta e di transizione al lavoro - analisi delle competenze dell utente (punti di forza e debolezza), sostegno nella scelta degli obiettivi professionali e formativi, definizione del proprio progetto professionale, supporto nella stesura del curriculum vitae - consulenza sui settori, figure professionali in espansione o in declino, sulla situazione economica e prospettive del mercato del lavoro locale

10 9 - definizione del portafoglio di competenze - colloquio individuale con relativa presa in carico dell utente - uno o più incontri - su appuntamento - tempi di attesa per l appuntamento: 20 giorni massimo - durata colloquio: 60 minuti 1.4.Corsi di gruppo Cosa offre - favorisce l inserimento delle persone nel mondo del lavoro - fornisce conoscenze sul mercato e del lavoro - indica strumenti per la ricerca attiva del lavoro e per la scelta dell obiettivo professionale - alle persone immediatamente disponibili al lavoro: disoccupati, inoccupati, donne nella fase del reinserimento lavorativo - rivolgendosi ai Centri per l impiego e agli sportelli della rete sul territorio - registrazione dei partecipanti - verifica delle esperienze maturate precedentemente - analisi di temi specifici: tecniche di ricerca di lavoro, tecniche di autopresentazione e autopromozione finalizzate ad un colloquio, definizione del proprio obiettivo professionale, dei punti di forza e debolezza del percorso scolastico/professionale, illustrazione dei nuovi contratti di lavoro e del mercato del lavoro locale - somministrazione di un test individuale per valutare l efficacia del corso - in aula con gruppi di persone - durata 8-15 ore - attività programmate su calendario - tempi di attesa massimo un mese Servizi alle persone

11 Servizi alle persone 1.5. Ricerca del lavoro Cosa offre - favorisce il contatto tra le disponibilità del lavoratore e le esigenze delle aziende, così da facilitare l inserimento o reinserimento nel mondo del lavoro - alle persone immediatamente disponibili al lavoro: disoccupati, inoccupati, donne nella fase del reinserimento lavorativo, occupati che intendono cambiare lavoro - rivolgendosi ai Centri per l impiego e agli sportelli della rete sul territorio - iscrivendosi direttamente all archivio telematico Prenet Offerte in preselezione: - collegarsi al sito - registrarsi: inserire i propri dati anagrafici in uno schema predefinito di curriculum vitae secondo lo standard europeo (user name, dati anagrafici, codice fiscale, esperienze professionali, titolo di studio, conoscenza lingue straniere, utilizzo strumenti informatici). Al termine della registrazione viene fornita la password - candidarsi: verificare le offerte presenti su Prenet Offerte in preselezione, andare su utente registrato, inserire la propria user - la password e candidarsi alle offerte che interessano oppure - recarsi in un Centro per l impiego per essere aiutato nella compilazione del proprio CV e per candidarsi Offerte con contatto diretto: - seguire le indicazioni contenute nell avviso per le Offerte con contatto diretto - gli operatori dei Centri per l impiego, rispetto ai requisiti richiesti dall impresa, valutano il CV di ogni persona autocandidata - all impresa sono inviati solo i Curricula attinenti ai profili concordati

12 11 - accesso al servizio immediato - pubblicazione bisettimanale: sul sito (martedì ore 17 e venerdì ore 14), presso i Centri per l impiego (giovedì e lunedì ore 8,30) 1.6. Servizio tirocini Cosa offre - informa le persone sulla pratica del tirocinio, attiva rapporti con le imprese del territorio per individuare un azienda dove effettuare il tirocinio - predispone la convenzione tra impresa e tirocinante - prevede l erogazione di premi presenza mensili per i tirocinanti secondo le modalità previste nell apposito bando - alle persone immediatamente disponibili al lavoro: disoccupati e inoccupati iscritti nei Centri per l impiego della Provincia di Firenze - rivolgendosi ai Centri per l impiego del Q/1- Firenze - raccoglie le disponibilità dell utente e verifica le esperienze formative/professionali con l obiettivo di individuare un azienda ospitante - effettua colloqui individuali di orientamento al tirocinio - pubblica sul sito Prenet le offerte di tirocinio dalle aziende - favorisce l inserimento del tirocinante presso un azienda - individua il tutor esterno e predispone la documentazione per la stipula della convenzione - programma le azioni di tutoraggio con visite periodiche e colloqui individuali su richiesta dell interessato - rilascia la dichiarazione di competenza al termine del tirocini - presa in carico dell utente da parte del Consulente, (registrazione in IDOL) - accoglienza e informazioni sulla pratica del tirocinio Servizi alle persone

13 Servizi alle persone (durata,definizione dell aree professionali dove svolgere il tirocinio) - consulenza individuale orientativa o workshop tematici,ruolo del tutor, tutoraggio del tirocinante nel percorso in azienda - erogazione premi di frequenza ai tirocinanti, ricerca di un azienda ospitante - stipula della convenzione - verifica degli obiettivi - su appuntamento - approvazione delle convenzioni entro giorni dalla richiesta dell azienda - tempi di attesa : entro 10 giorni dalla richiesta 1.7. Apprendistato (attività formativa) Cosa offre - informa l apprendista sull offerta e orientamento relativo alla scelta di un percorso formativo, presso un Agenzia accreditata, coerente con l attività svolta nell ambito del contratto di lavoro e complementare alla formazione impartita internamente all azienda. - ai giovani lavoratori assunti con contratto di apprendistato, in quanto titolari del diritto alla formazione, ed ai loro datori di lavoro - rivolgendosi ai Centri per l Impiego, agli sportelli territoriali convenzionati - l offerta formativa è differenziata in relazione alle diverse tipologie di contratto di apprendistato (diritto-dovere; professionalizzante; alta formazione); la durata della formazione è variabile: 240 ore per gli apprendisti minorenni, 120 ore per i lavoratori assunti con apprendistato professionalizzante; 80 ore per gli apprendisti maggiorenni in possesso di un titolo di studio superiore- esposizione e descrizione accurata dei percorsi formativi esistenti in Catalogo ed assistenza alla scelta fra i corsi organizzati sul territorio. - convocazione degli apprendisti e dei loro datori di lavoro (o tutors aziendali) a seguito dell estrazione dei dati dal sistema informativo

14 13 IDOL. Le convocazioni sono di regola tre ogni anno; ciascuna convocazione si rivolge a gruppi di apprendisti quanto più possibile omogenei in base alla qualifica od al settore produttivo di appartenenza - colloquio informativo e di supporto alla scelta del corso da parte dell apprendista, preferibilmente in presenza del datore di lavoro o del tutor aziendale - colloquio in piccoli gruppi avente carattere informativo circa i presupposti, le metodologie e le finalità della formazione obbligatoria. Orientamento alla scelta fra i vari percorsi formativi in base alle esigenze di formazione emerse nell ambito del colloquio, purchè coerenti all attività lavorativa svolta - su appuntamento - durata del colloquio: 60 / 70 minuti. - dopo il colloquio l apprendista può disporre un periodo (tra i 5 ed i 7 giorni ) per meglio valutare le proposte formative e ponderare la scelta, supportato in questa scelta dal datore di lavoro o dal tutor aziendale - tempi massimi di attesa per il colloquio: 10 gg 1.8. Consulenza Autoimprenditoria Cosa offre - sostiene e facilita i processi di analisi per la creazione di un attività imprenditoriale. - rende più agevole il percorso nella fase di start-up di un impresa per acquisire in tempi rapidi le informazioni necessarie - alle persone immediatamente disponibili al lavoro: disoccupati; inoccupati, donne nella fase del reinserimento lavorativo - rivolgendosi ai Centri per l Impiego - presa in carico dell utente da parte del Consulente, (registrazione in IDOL), per definire l idea di impresa, - illustra gli strumenti per una corretta analisi del mercato rischi ed Servizi alle persone

15 Servizi alle persone opportunità - offre una prima cognizione sulle forma giuridica delle imprese, - segnala gli strumenti dove ricercare le informazioni sui finanziamenti pubblici o privati più idonei - è di ausilio nell elaborazione del progetto di impresa personalizzato e di uno specifico business plan, far conoscere gli altri servizi presenti sul territorio utili per l avvio del progetto (enti pubblici, associazioni di categoria, Camera di Commercio, Fidi Toscana, Istituti di credito, incubatore) - indica altri soggetti privati utili per la creazione della nuova attività imprenditoriale - colloquio individuale con relativa presa in carico dell utente, con l obiettivo di: esplicitare gli interessi e le aspirazioni, legate sia a caratteristiche individuali, per definire un percorso di autoimprenditorialità - il servizio può essere strutturato in più incontri. Possibilità di partecipare a brevi corsi per facilitare lo sviluppo dell idea imprenditoriale - su appuntamento - tempi di attesa massimo 30 giorni - durata colloquio: circa 60 minuti 1.9.Accesso al lavoro nella pubblica amministrazione Cosa offre - informa l utente delle opportunità e di lavoro disponibili presso gli Enti Pubblici della Regione Toscana, attraverso una selezione pubblica finalizzata all accertamento dei requisiti richiesti - alle persone che sono disoccupate, inoccupate( D.Lgs.297/02), occupate, comunque inserite nell elenco anagrafico di un CPI della Regione Toscana, in possesso dei seguenti requisiti: età non inferiore ai 18 anni ed in possesso dei requisiti previste per l accesso al Pubblico Impiego obbligo scolastico assolto, fatti salvi gli eventuali ulteriori requisiti per specifiche professionalità, mediante selezione dei soggetti inseriti

16 15 negli elenchi anagrafici dei servizi per l impiego della Toscana. - rivolgendosi ai Centri per l Impiego o collegandosi al sito - raccoglie le candidature delle persone presso la sede del centro per l impiego che ha pubblicato l offerta o ricevute tramite raccomandata o fax (con allegata copia fotostatica di un documento di identità) - il Centro per l impiego procede alla formulazione della graduatoria, entro 30 giorni dalla scadenza, secondo i criteri stabiliti dal decreto regionale - la graduatoria sarà pubblicata all albo della Pubblica Amministrazione interessata - i lavoratori aventi diritto saranno avviati alla selezione, che consiste in prove specifiche prove previste nel bando - pubblicazione dell offerta di lavoro sul sito provincia.fi.it - formulazione della graduatoria - verifica dei requisiti richiesti per i candidati attinenti. - accesso al servizio: immediato, salvo attesa del proprio turno allo sportello (max 30 minuti) - formulazione della graduatoria all Ente richiedente entro 30 giorni dalla data di scadenza dell avviso di presentazione delle domande (art.34 Regolamento Regionale 7/R del 4 febbraio 2004) Iscrizione liste di mobilità Cosa offre - favorisce il reinserimento lavorativo delle persone coinvolte in processi di ristrutturazione, riorganizzazione aziendale, riduzione di personale o di cessazione di attività dell azienda. - a coloro che sono coinvolti in processi di mobilità indennizzata (L.223/91) e non indennizzata (L.236/93) - iscrizione con indennità: ai lavoratori dipendenti da imprese che abbiano occupato nel Servizi alle persone

17 Servizi alle persone semestre precedente più di 15 dipendenti o che rientrino nell area di applicazioni della CIGS. Lavoratori che abbiano maturato un anzianità di almeno 12 mesi, di cui 6 di lavoro effettivo, (corresponsione di indennità) - iscrizione senza indennità di mobilità: lavoratori licenziati, per giustificato motivo oggettivo,connesso a riduzione trasformazione o cessazione di attività o di lavoro, da imprese che occupano meno di 15 dipendenti - rivolgendosi ai Centri per l impiego - iscrizione con indennità: l azienda deve esplicitare la procedura e comunicare il licenziamento per iscritto al lavoratore. Quest ultimo deve recarsi al Cpi per presentare la domanda di iscrizione alle liste e richiedere l indennità di mobilità; il Cpi provvederà ad inoltrare la richiesta all INPS. - iscrizione senza indennità: l iscrizione nelle liste di mobilità, deve essere richiesta dal lavoratore presso il Cpi competente, entro 60 gg. dal licenziamento. Il lavoratore stesso, se in possesso dei relativi requisiti, deve presentare all INPS la domanda di corresponsione dell indennità di disoccupazione ordinaria entro 68 gg. dalla data del licenziamento - indica gli strumenti per la ricerca del lavoro - presa in carico dell utente (registrazione in IDOL), breve colloquio di primo contatto nel corso del quale sono fornite le informazioni relative alle liste di mobilità e all indennità (importo assegno mensile e durata) - illustrazione benefici per l azienda in caso di assunzione - eventuale rinvio ad altri servizi - approvazione della lista mobilità indennizzata entro 30 giorni dalla comunicazione delle liste dei lavoratori licenziati da parte delle aziende - approvazione mobilità non indennizzata 30 giorni

18 Sportello mobilità Cosa offre - agevola e accelera la ricollocazione delle persone che hanno aderito al sevizio - svolge un attività di supporto nella realizzazione del piano individuale per la ricerca di lavoro - fornisce un attività di monitoraggio delle opportunità occupazionali offerte dal territorio; - permette l accesso privilegiato al Servizio di preselezione Prenet della Provincia per le offerte rivolte esplicitamente ai lavoratori in mobilità - ai lavoratori iscritti alle liste della mobilità e a quelli in disagio occupazionale, che hanno urgenza o particolari difficoltà a rientrare nel mondo del lavoro - a gruppi di lavoratori in mobilità provenienti da aziende che hanno concordato con l Amministrazione Provinciale un attività di sostegno al percorso di ricollocazione - rivolgendosi ai Centri per l impiego, oppure telefonando direttamente al Servizio Accompagnamento Mobilità - attraverso un percorso individuale di verifica e valorizzazione dell attività di ricerca già sviluppata dal lavoratore stesso e monitoraggio di quella futura - approfondimento delle esperienze professionali e la focalizza zione dei punti di forza - ottimizzazione degli strumenti di ricerca - promuove: azioni di reinserimento al lavoro diversificate in base alle professionalità dei partecipanti prevede un percorso di consulenza individuale e alcuni moduli di formazione di gruppo fornisce informazioni di carattere normativo sull applicazione della Legge 223/91 e 236/93 e sui contratti di lavoro Servizi alle persone

19 Servizi alle persone - su appuntamento, l adesione è programmata a calendario due volte al mese (in genere il 1 e il 3 giovedì). - presentazione del servizio a gruppi di lavoratori e successivo colloquio individuale - tempi di attesa per l appuntamento massimo tre settimane Iscrizione lavoratori dello spettacolo Cosa offre - provvede all inserimento dei lavoratori del settore dello spettacolo iscrivendosi nella Lista Unica dello Spettacolo, (l inserimento nel sistema informativo e l aggiornamento della Lista è di competenza del Ministero del Lavoro) - alle persone che hanno compiuto i 18 anni di età e desiderano svolgere attività nel settore dello spettacolo come: comparse, artisti, orchestrali, ballerini, corali, tecnici cinematografici e teatrali, personale dipendente da case da gioco (con l esclusione delle funzioni direttive) - l iscrizione può essere effettuata: collegandosi al sito direttamente seguendo le istruzioni per la registrazione, al termine della quale deve essere indicato quale Centro per l impiego, tra quelli accreditati, dove l utente potrà ritirare il tagliando di avvenuta iscrizione rivolgendosi ai Centri per l impiego abilitati per richiedere l iscrizione - per i cittadini extracomunitari è necessario rivolgersi a uno dei Centri per l impiego, presentando il permesso di soggiorno originale in corso di validità e relativa fotocopia, oltre a un documento di identità. - i cittadini, possono collegarsi al sito o recarsi ad un Cpi per la registrazione nella lista unica dello spettacolo e per ottenere un proprio codice di accesso - l operatore aiuta la persona nella compilazione della domanda di

20 19 iscrizione; al termine della registrazione il Cpi provvede a rilasciare direttamente all interessato il tagliando di avvenuta iscrizione - l utente riceve informazioni su corsi di formazione e specializzazione, e può analizzare potenziali proposte segnalate dagli operatori del settore - recandosi al Centro per l impiego abilitato vedi elenco nel sito: - iscrizione immediata Sportello Donna Cosa offre - sostiene ed accompagna al lavoro donne, che si sentono particolarmente fragili di fronte all impatto con un mercato del lavoro complesso e di difficile interpretazione ed in continuo cambiamento - a tutte le donne, iscritte al D.Lgs 297/02, che necessitano di supporto per entrare/rientrare nel mercato del lavoro, così da valorizzare le capacità,le esperienze,le attitudini,le competenze specifiche e trasversali maturate nel loro percorso di vita - rivolgendosi ai Centri per l impiego - presa in carico dell utente ( registrazione in IDOL), breve colloquidi primo contatto nel corso del quale l utente illustra le proprie esigenze al consulente e riceve da quest ultimo una specifica informazione su: possibilità che sono offerte alle donne per un inserimento/ reinserimento nel mercato del lavoro offerta formativa finanziata e non, informazioni sulla normativa che incentiva l autoimprenditoria femminile - possibilità di partecipare a brevi corsi per facilitare l inserimento al lavoro - su appuntamento; il colloquio si può svolgere in più incontri Servizi alle persone

21 Servizi alle persone - tempi di attesa per l appuntamento: massimo 15 giorni - durata colloquio: circa da 30 a 60 minuti Sportello immigrati Cosa offre - informa ed orienta i cittadini non comunitari sulle tematiche legate al lavoro - aiuta a risolvere le problematiche collegate agli aspetti giuridici dei cittadini non comunitari - a tutti i cittadini non comunitari, prioritariamente iscritti al D. Lgs. 297/02, che necessitano di supporto per entrare nel mercato del lavoro - rivolgendosi ai Centri per l impiego - accoglienza e informazioni sulle problematiche legate al lavoro degli stranieri in Italia. - presa in carico dell utente (registrazione in IDOL) da parte di un mediatore che è in grado di dialogare nella lingua del cittadino, - breve colloquio di primo contatto nel corso del quale il mediatore interculturale informa il cittadino non comunitario sulla condizione giuridica dello straniero in Italia, sulle opportunità di lavoro e sulle tecniche di ricerca di lavoro - gli immigrati non immediatamente disponibili ad un occupazione sono orientati, a seconda dei casi: verso attività formative idonee (ad es. di alfabetizzazione linguistica) verso il collocamento mirato, se disabili verso altri servizi esterni di formazione, orientamento, assistenza sociale rinvio alla preselezione per lavoro domestico (SOS famiglia) - recandosi al Centro per l impiego

22 21 - su appuntamento, colloquio individuale, possono essere previsti più incontri - tempi di attesa : massimo 15 giorni - durata colloquio: circa da 30 a 60 minuti SOS Famiglia Cosa offre - facilita e sostiene l incontro della domanda-offerta di lavoro di cittadini comunitari e non, in cerca di lavoro come assistenti familiari, con le famiglie della Provincia di Firenze - a tutti i cittadini italiani e stranieri prioritariamente iscritti al D. Lgs. 297/02, che desiderano lavorare come assistenti familiari, collaboratori domestici o baby sitter - rivolgendosi ai Centri per l impiego - presa in carico dell utente (registrazione in IDOL), annotazioni delle esperienze di lavoro nel campo domestico, disponibilità a essere inserito nella banca dati, selezionato dal Servizio SOS famiglia della Provincia di Firenze al fine di essere contattato da una famiglia per un colloquio di lavoro - accoglienza e informazioni sulle opportunità formative nel settore socio-assistenziale - inserimento/aggiornamento della propria disponibilità lavorativa nella banca dati del Servizio SOS famiglia - preselezione per le offerte di lavoro attinenti alla propria candidatura - su appuntamento; il colloquio si può svolgere in più incontri - tempi di attesa per l appuntamento: massimo 5 giorni - durata colloquio: circa da 30 a 60 minuti Servizi alle persone

23 Servizi alle persone 1.16.Eures Cosa offre - favorisce la mobilità territoriale e la libera circolazione dei lavoratori nei Paesi dell Unione Europea - alle persone occupate e non che desiderano essere indirizzati nella ricerca di un impiego all estero e che vogliono acquisire preventivamente le informazioni necessarie - rivolgendosi ai Centri per l impiego,inviando una o contattando telefonicamente il referente Eures Provinciale - presa in carico dell utente (registrazione in IDOL), Illustrare le finalità/opportunità del servizio e le modalità di accesso al sito - fornisce una consulenza sulle condizioni di vita e di lavoro in Europa e sugli aspetti legali collegati al trasferimento della persona in altre nazioni - accoglienza e informazioni sul servizio - inserimento/aggiornamento della propria disponibilità lavorativa nella banca dati IDOL -riceve informazioni, indicazioni sul servizio, analizzare gli aspetti logistici/ legali collegati al trasferimento -verifica la tipologia delle offerte attive e i requisiti richiesti -supporto per inserire il Curriculum nella banca dati Eures - su appuntamento - tempi di attesa per l appuntamento: massimo 5 giorni - durata colloquio: circa da 30 a 60 minuti

24 Obbligo formativo Cosa offre - informa la famiglia ed il giovane sul il diritto/ dovere di frequentare attività formative fino all età di 18 anni, nel rispetto dalla legge il cui obiettivo è quello di rendere i giovani capaci di definire consapevolmente il proprio progetto di vita e di muoversi nel mondo del lavoro - ai giovani compresi in un età tra 15 e 18 anni e si assolve nei seguenti modi: proseguire gli studi nel sistema di istruzione scolastica; frequentare un corso di formazione professionale per acquisire una qualifica, iniziare un percorso di apprendistato. Se uno dei tre percorsi è interrotto, il Centro per l impiego prenderà in carico il giovane per definire il progetto formativo e sostenerlo nella realizzazione fino al conseguimento almeno della qualifica professionale - durante l anno scolastico saranno previsti degli incontri di gruppo per informare, orientare i giovani nella scelta successiva - i giovani che decidono di non proseguire il percorso scolastico o che successivamente lo interrompono saranno convocati presso il Servizio per l impiego per scegliere come assolvere l obbligo formativo. Con il consulente di orientamento vengono svolti dei colloqui con il giovane e un familiare per la definizione del progetto formativo; con il tutor si svolgono le attività di accompagnamento per la realizzazione del progetto e il monitoraggio relativo all andamento del percorso formativo - il servizio prevede colloqui di orientamento rivolti ai giovani e genitori per una scelta consapevole all interno dei tre percorsi possibili - durante i colloqui di orientamento specialistico sono raccolte informazioni rispetto alla storia scolastica, gli stili di apprendimento, gli interessi e la situazione personale-familiare al fine di elaborare un progetto formativo individuale realizzabile; l attività di tutoraggio sostiene la realizzazione e il monitoraggio del percorso formativo tramite accompagnamenti presso aziende o centri di formazione, colloqui di verifica, visione delle offerte di lavoro e contatti telefonici Servizi alle persone

25 Servizi alle persone - colloqui e presa in carico del giovane da parte del consulente, registrazione nel sistema informativo, definizione di una serie di incontri ( giovane e familiare); con il tutor sono previste visite alle scuole, alle agenzie formative e accompagnamenti presso aziende - su appuntamento - tempi di attesa massimo 5 giorni - durata colloquio: circa da 30 a 60 minuti 1.18.Voucher formativi (L.236/93 e L.53/00) Cosa Offre - informa il lavoratore dipendente ( anche se assunto con contratto a progetto), il socio di cooperativa,il titolare d impresa sulla possibilità di avere finanziamenti a per percorsi formativi a domanda individuale coerenti con la propria occupazione e la propria prospettiva professionale - riafferma il diritto di ogni lavoratore a sviluppare ed aggiornare le proprie competenze ed abilità professionali lungo tutto l arco della vita, armonizzando tempi di vita, di lavoro e formazione. - eroga un assegno, su richiesta dei singoli lavoratori, (definito buono formativo individuale o voucher individuale) finalizzato all accesso ad interventi formativi rispondenti alle proprie esigenze e prospettive professionali. - ai lavoratori dipendenti occupati residenti in Toscana o che lavorino nella Regione pur essendo residenti altrove (è comunque indispensabile avere un domicilio in Toscana per quest ultimo caso) che abbiano un contratto in essere sia presso imprese private, pubbliche o presso pubbliche amministrazioni (questi ultimi solo per la legge 53/00). I contratti possono essere a tempo indeterminato, determinato, part-time, stagionale,socio di cooperativa, collaborazione coordinata e continuativa, apprendistato, formazione-lavoro, inserimento, cassa integrazione guadagni, mobilità, lavoro intermittente, lavoro ripartito, lavoro a progetto

26 25 - per avere informazioni, notizie relative a scadenze, modalità di accesso delle attività, è possibile collegarsi al sito della Provincia ( o recarsi presso un Centro per l impiego - Sono emessi bandi periodici da parte della Regione Toscana nei quali sono specificate le risorse suddivise per ogni Provincia. Il lavoratore presenta domanda su un modulo apposito, allegato al bando nel quale specifica quale sia il corso, che deve essere svolto da un agenzia formativa riconosciuta dalla Regione Toscana, per il quale richiede il voucher e quali siano le sue motivazioni per la frequenza del corso stesso. Nell allegato è presente una parte che deve essere compilata dall agenzia riguardante organizzazione e costi del percorso formativo. L importo massimo finanziabile è di 3000 euro per la legge 53/00 e 1292 euro per la legge 236/93 (iva inclusa). Non è previsto l apporto di un cofinanziamento privato. Il voucher è concesso secondo l ordine di graduatoria a seguito di valutazione, purché sia conseguito un punteggio minimo, fino ad esaurimento indicato nel bando - Il pagamento del voucher potrà essere effettuato o in un unica soluzione alla conclusione del corso o con anticipazione dell intero finanziamento complessivo o parte di esso previa presentazione di una polizza fidejussoria a garanzia - i voucher formativi sono assegnati tramite bandi pubblici con più scadenze durante l anno solare. Entro 90 giorni dalla scadenza della presentazione delle domande, sono resi pubblici i risultati della valutazione Servizi alle persone

27 Servizi alle imprese - Enti 2.1. Accoglienza Cosa offre - informa il datore di lavoro sui diversi servizi erogati dai Centri per l impiego. - raccoglie i suoi bisogni - propone il rinvio ad altri servizi così da soddisfare le specifiche esigenze - ai datori di lavoro e referenti di imprese private, consulenti, associazioni di categoria, agenzie di somministrazione, referenti Enti Pubblici - per soddisfare le richieste di prima informazioni, è possibile telefonare, inviare una ,o presentarsi direttamente ad uno dei Centri per l Impiego della Provincia di Firenze - per una consulenza, è possibile richiedere un appuntamento - presa in carico del delegato dell impresa (registrazione in IDOL), breve colloquio di primo contatto nel corso del quale l utente illustra le proprie esigenze l operatore presenta i diversi servizi per svolgere le seguenti attività: - predispone invia e riceve atti amministrativi - effettua una consulenza in merito alle diverse tipologie contrattuali, alle agevolazioni e agli incentivi per le assunzioni in riferimento a particolari tipologie di lavoratori: donne in reinserimento lavorativo, soggetti svantaggiati (lavoratori in mobilità,over 45), soggetti con disagio sociale,disoccupati di lunga durata (L:407/90) - supporta l impresa nella ricerca delle risorse umane per coprire le posizioni di lavoro vacanti - fornisce informazioni sul collocamento mirato (L.68/99) - predispone e stipula convenzioni - illustra le funzionalità dell invio telematico degli atti amministrativi - riceve comunicazioni /sulle assunzioni delle persone disabili - attua la procedura relativa alle assunzioni nel settore Pubblico - rinvia ad altri servizi

28 27 - con contatto telefonico, su appuntamento, - accesso al servizio: immediato, con eventuale attesa, su presentazione diretta allo sportello (max. 15 min.) - durata del colloquio: 5-15 minuti 2.2. Servizio tirocini Cosa offre - informa le aziende sulla modalità per attivare al proprio interno tirocini finalizzati all inserimento di uno o più persone - ai datori di lavoro e referenti di imprese private, consulenti, associazioni di categoria, agenzie di somministrazioni, referenti Enti Pubblici - per una consulenza, è possibile richiedere un appuntamento: telefonando o presentandosi al Servizio Tirocini presso il Centro per l impiego di Firenze- Servizi alle imprese collegandosi al sito inviando una a - riceve informazione sulle condizioni e le modalità di svolgimento di tirocini in azienda per la ricerca e preselezione dei candidati al tirocinio. - offre consulenza all azienda per predisporre il progetto formativo presentato dove sono indicati obiettivi, modalità, svolgimento e durata. L attività consiste: - pubblicazione dell offerta di lavoro sul sito provincia.fi.it - verifica dei curricula rispetto all area di inserimento aziendale e alle competenze indicate nella pubblicazione, invio nominativi di candidati alle aziende: entro n. 5 giorni lavorativi dal termine previsto nella pubblicazione della richiesta - stipula della convenzione tra Centro per l Impiego e Azienda Servizi alle imprese - Enti

29 Servizi alle imprese - Enti - collabora con l impresa nella definizione del progetto di tirocinio - effettua l attività di monitoraggio del tirocinio tramite contatti con l azienda il tutor aziendale e il tirocinante - presa incarico caso dei tirocinanti per l intera durata del tirocinio - contatto telefonico, diretto, su appuntamento. - accesso al servizio: su appuntamento - presentazione del candidato entro 10 giorni dalla formalizzazione del servizio 2.3. Consulenza e gestione delle comunicazione obbligatorie: assunzione, cessazioni e variazioni dei rapporti di lavoro. Cosa offre - assicura ai datori di lavoro la possibilità di adempiere all obbligo di comunicazione delle assunzioni, cessazioni e delle variazioni dei rapporti di lavoro subordinato e di lavoro autonomo. Tali comunicazioni devono pervenire al Centro per l impiego competente in base alla sede dell impresa o al luogo di lavoro almeno il giorno antecedente l inizio del rapporto di lavoro; tale obbligo fa capo indistintamente a tutti i datori di lavoro e ai rapporti di lavoro subordinato, di collaborazione coordinata e continuativa anche a progetto, compresi gli agenti e i rappresentanti di commercio, i soci lavoratori delle società cooperative, gli associati in partecipazione con apporto lavorativo e le esperienze di tirocinio o forme ad esso assimilate che non costituiscono apporto di lavoro subordinato.tale adempimento si applica anche ai settori finora definiti speciali (gente di mare, spettacolo) - consente di mantenere aggiornata la banca dati del lavoro (IDOL)con la registrazione di tutti i rapporti di lavoro subordinato, le informazioni sulle caratteristiche e le variazioni del mercato del lavoro provinciale in entrata ed in uscita - ai datori di lavoro e referenti di imprese private, consulenti,

30 29 associazioni di categoria, agenzie di somministrazione, agli Enti pubblici - le comunicazioni possono essere recapitate direttamente ai Centri per l impiego, oppure via fax o a mezzo posta con raccomandata A/R o per via telematica. Il Centro per l impiego rilascia ricevuta della comunicazione pervenuta apponendo timbro con data di d arrivo e firma. - Le comunicazioni di assunzione, trasformazione e cessazione del rapporto di lavoro devono essere effettuate utilizzando i modelli appositamente predisposti dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali a disposizione presso i Centri per l impiego - I modelli si possono scaricare: Per la modalità telematica collegarsi al sito fi.it/cpi/sit/preselezione.htm e seguire le istruzioni - i Centri per l impiego: ricevono le comunicazioni, verificano la regolarità e la completezza dei dati indicati. possono fornire supporto e assistenza sulle procedure da seguire per l invio delle comunicazioni tramite: posta o sistema telematico rilasciano attestazione di ricevuta comunicazione immediato - contatto telefonico, diretto, su appuntamento - accesso al servizio: telefonico, su appuntamento:immediato, con eventuale attesa, su presentazione diretta allo sportello (max.15 min.) - durata del colloquio: 5-15 minuti - nota bene l obiettivo della pubblica amministrazione è quello di rendere le comunicazioni per via telematica obbligatorie. 2.4 Attività di mediazione Cosa offre - favorisce il contatto tra le disponibilità del lavoratore e le esigenze delle aziende così da facilitare l azienda nella ricerca di personale Servizi alle imprese - Enti

31 Servizi alle imprese - Enti per ricoprire le posizioni vacanti - ai datori di lavoro, che sono alla ricerca di personale,ai consulenti, alle associazioni datoriali - rivolgendosi ai Centri per l impiego, agli sportelli territoriali convenzionati, iscrivendosi direttamente all archivio telematico: Prenet - l azienda deve collegarsi al sito:registra i dati richiesti, indica il referente dell azienda, sceglie un user id e al termine della registrazione viene fornito la password. - per inserire un offerta di lavoro, l impresa accede all area azienda registrata : compila un modello indicando le caratteristiche del profilo vacante (esperienza, titolo di studio,orario di lavoro, eventuale turnazione); infine decide la modalità di pubblicazione: in chiaro entra direttamente in contatto con i candidati in preselezione riceve i curricula vitae delle persone in linea con il profilo richiesto - il consulente / l associazione deve indicare l azienda a cui l offerta si riferisce - gli operatori, prima di pubblicare la ricerca di personale contatteranno l azienda o il consulente e verificheranno la caratteristiche del profilo richiesto. - sono inviati telematicamente i curricula delle persone attinenti al profilo richiesto - il referente aziendale, collegandosi al sito azienda registrata dopo aver digitato codice ID e password, può visionare i Cv, ed aggiorna per ogni candidato l esito della preselezione - accesso al servizio immediato collegandosi al sito, con eventuale attesa, su presentazione diretta allo sportello (max.15 min.) - offerte in chiaro la pubblicazione è bisettimanale: sul sito ( martedì ore 17; venerdì ore 14) presso i Cpi ( lunedì e giovedì ore 8,30)

32 31 - per la sola modalità di preselezione invio telematico dei curricula attinenti entro 7 giorni dalla pubblicazione 2.5. Apprendistato (attività formativa) Cosa offre - informa il titolare dell azienda o un suo delegato sull offerta e orientamento relativo alla scelta di un percorso formativo, presso un Agenzia accreditata, coerente con l attività svolta nell ambito del contratto di lavoro e complementare alla formazione impartita internamente all azienda - ai datori lavoratori che hanno assunto uno o più giovani con contratti di apprendistato - rivolgendosi ai Centri per l Impiego, agli sportelli territoriali convenzionati - l offerta formativa è differenziata in relazione alle diverse tipologie di contratto di apprendistato (diritto-dovere; professionalizzante; alta formazione); la durata della formazione è variabile: 240 ore per gli apprendisti minorenni, 120 ore per i lavoratori assunti con apprendistato professionalizzante; 80 ore per gli apprendisti maggiorenni in possesso di un titolo di studio superiore- esposizione e descrizione accurata dei percorsi formativi esistenti in Catalogo ed assistenza alla scelta fra i corsi organizzati sul territorio. - la convocazione degli apprendisti alla formazione formale avviene tramite lettera inviata presso l azienda dal Centro per l impiego competente; - l apprendista viene invitato al colloquio informativo per la scelta del corso di formazione esterna, preferibilmente in presenza del datore di lavoro o del tutor aziendale - colloquio in piccoli gruppi avente carattere informativo circa i presupposti, le metodologie e le finalità della formazione obbligatoria. Orientamento alla scelta fra i vari percorsi formativi Servizi alle imprese - Enti

PROMOZIONE LAVORO SERVIZI AL LAVORO

PROMOZIONE LAVORO SERVIZI AL LAVORO COOPERATIVA SOCIALE DI SOLIDARIETÀ PROMOZIONE LAVORO CARTA SERVIZI SERVIZI AL LAVORO Ente accreditato per la Formazione Superiore presso la Regione Veneto con Decreto 854 del 08/08/2003 Ente accreditato

Dettagli

AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE

AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è un documento in cui AFP COLLINE ASTIGIANE specifica le finalità e le caratteristiche

Dettagli

FINALITÁ GENERAZIONE VINCENTE

FINALITÁ GENERAZIONE VINCENTE GENERAZIONE VINCENTE Generazione vincente S.p.A. Agenzia per il Lavoro fa parte di un gruppo che dal 1997 offre soluzioni globali per lo sviluppo del mercato del lavoro. E la prima Agenzia per il Lavoro

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEI CENTRI TERRITORIALI PER L IMPIEGO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E PUBBLICA ISTRUZIONE

CARTA DEI SERVIZI DEI CENTRI TERRITORIALI PER L IMPIEGO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E PUBBLICA ISTRUZIONE CARTA DEI SERVIZI DEI CENTRI TERRITORIALI PER L IMPIEGO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E PUBBLICA ISTRUZIONE PROVINCIA BARLETTA-ANDRIA-TRANI SERVIZI AL CITTADINO SERVIZI AGLI ENTI

Dettagli

2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO 2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO 1 1. Chi siamo 2. La carta dei servizi 3. A chi ci rivolgiamo 4. I nostri servizi 5. Modalità di accesso 6. Attuazione e controllo 7. Dove siamo 2 1. CHI SIAMO C.C.S. è

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO PRESENTAZIONE OPERATORE CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO La Cooperativa Sociale Conedia è stata costituita a maggio 2011, come emanazione dell Associazione F.L.E.G. Formazione Lavoro e Gioventù. Ha come oggetto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEI CENTRI TERRITORIALI PER L IMPIEGO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E PUBBLICA ISTRUZIONE

CARTA DEI SERVIZI DEI CENTRI TERRITORIALI PER L IMPIEGO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E PUBBLICA ISTRUZIONE CARTA DEI SERVIZI DEI CENTRI TERRITORIALI PER L IMPIEGO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E PUBBLICA ISTRUZIONE PROVINCIA BARLETTA-ANDRIA-TRANI SERVIZI AL CITTADINO SERVIZI AGLI ENTI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER L ORIENTAMENTO E AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI PER L ORIENTAMENTO E AL LAVORO CARTA DEI SERVIZI PER L ORIENTAMENTO E AL LAVORO Edizione 01 settembre 2013 1 Sommario Premessa...3 Api formazione s.c.r.l...3 Struttura della Carta dei Servizi...4 1. Principi fondamentali e valori...4

Dettagli

Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI

Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI Centri per l Impiego della Provincia di Rieti Centro per l'impiego Rieti Via M. Rinaldi

Dettagli

Allegato A) al capitolato speciale d appalto. Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro

Allegato A) al capitolato speciale d appalto. Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro Allegato A) al capitolato speciale d appalto Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro SERVIZIO/AZIONE OBIETTIVI ATTIVITÀ Informazione orientativa (Macro intervento 1) Raccogliere

Dettagli

ALLEGATO 1. SCHEDE DEI SERVIZI di cui all art. 4

ALLEGATO 1. SCHEDE DEI SERVIZI di cui all art. 4 ALLEGATO 1 SCHEDE DEI SERVIZI di cui all art. 4 1 Sevizi per il lavoro generali obbligatori (Art. 4 co. 1) Area funzionale I coinvolte negli SPI - Illustrare i servizi offerti; - Informare sulla rete dei

Dettagli

INDICE 1. I SERVIZI PER LE PERSONE PRESENTAZIONE PREMESSA FORMAZIONE 2. I SERVIZI PER LE IMPRESE E GLI ENTI PUBBLICI

INDICE 1. I SERVIZI PER LE PERSONE PRESENTAZIONE PREMESSA FORMAZIONE 2. I SERVIZI PER LE IMPRESE E GLI ENTI PUBBLICI CARTA DEI SERVIZI INDICE PRESENTAZIONE PREMESSA - CHE COS'E' E A CHE COSA SERVE LA CARTA DEI SERVIZI - FINALITA' E PRINCIPI DELL AREA SERVIZI PER IL LAVORO DI SCALIGERA FORMAZIONE 1. I SERVIZI PER LE PERSONE

Dettagli

Carta dei Servizi e Carta dei Diritti dell Utente

Carta dei Servizi e Carta dei Diritti dell Utente PROVINCIA DI COSENZA SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE SERVIZIO ORIENTAMENTO E FABBISOGNO FORMATIVO via Panebianco, 274 Cosenza tel. e fax 0984 393157 Carta dei Servizi e Carta dei Diritti dell Utente Approvata

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità.

PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA SOCIETA OBIETTIVI DELLA CARTA DEI SERVIZI

DESCRIZIONE DELLA SOCIETA OBIETTIVI DELLA CARTA DEI SERVIZI DESCRIZIONE DELLA SOCIETA Work Experience è una piccola società di servizi per il lavoro, autorizzata a livello nazionale per le attività di Ricerca & Selezione e per le attività di Outplacement e accreditata

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona

CARTA DEI SERVIZI. SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona CARTA DEI SERVIZI SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona 1 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno degli strumenti che un organizzazione utilizza per dare informazioni sulle attività che

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone SOMMARIO SERVIZI ALLE PERSONE - Accoglienza e informazione - Dichiarazione di disponibilità all impiego e colloquio di primo livello; - Colloquio di

Dettagli

DOCCIA SERVICE SRL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI

DOCCIA SERVICE SRL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI DOCCIA SERVICE SRL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI Art. 1 Oggetto e norme di riferimento 1. Il presente regolamento disciplina le procedure per

Dettagli

I SERVIZI PER L'IMPIEGO

I SERVIZI PER L'IMPIEGO I SERVIZI PER L'IMPIEGO Nel corso degli anni il ruolo del Centro per l Impiego è cambiato: c'è stato un passaggio epocale da amministrazione meramente certificatrice (ufficio di collocamento) ad amministrazione

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA Dipartimento XI Servizio 1

PROVINCIA DI ROMA Dipartimento XI Servizio 1 PROVINCIA DI ROMA Dipartimento XI Servizio 1 Centro per l Impiego di M O R L U P O Centro per l Impiego di Morlupo Via San Michele 87-89 telefono : 06/9072763 fax: 06/90192776 e-mail : impiego.morlupo@provincia.roma.it

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri CONFERENZA UNIFICATA (ex art. 8 del D.Lgs. 28 agosto 1997, n. 281) SEDUTA DEL 2 MARZO 2000 Repertorio Atti n. 221 del 2 marzo 2000 Oggetto: Accordo tra Governo, regioni,

Dettagli

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego 2015 Veronica Stumpo Responsabile di posizione organizzativa Centro per l Impiego di Trieste Trieste, 4 novembre 2015 L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE

Dettagli

CPI COLLOCAMENTO MIRATO DISABILI E CATEGORIE PROTETTE GUIDA AI SERVIZI PER LE PERSONE E PER LE IMPRESE CENTRIPERL IMPIEGO PROVINCIADITERNI

CPI COLLOCAMENTO MIRATO DISABILI E CATEGORIE PROTETTE GUIDA AI SERVIZI PER LE PERSONE E PER LE IMPRESE CENTRIPERL IMPIEGO PROVINCIADITERNI COLLOCAMENTO DISABILI E CATEGORIE PROTETTE CPI CENTRIPERL IMPIEGO PROVINCIADITERNI GUIDA AI SERVIZI PER LE PERSONE E PER LE IMPRESE Unione Europea Fondo Sociale Europeo Fondo Sociale Europeo Regione Umbria

Dettagli

[GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda

[GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda 2014 Imera Sviluppo 2010 Giuseppe Di Gesù [GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda GARANZIA GIOVANI: CHE COS E La Garanzia Giovani

Dettagli

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n. GARANZIA GIOVANI Riferimenti normativi Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 Decreto legge n. 76/2013 legge n. 99/2013 Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Dettagli

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014.

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014. La Garanzia Giovani è un progetto che intende assicurare ai ragazzi e alle ragazze tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano opportunità per acquisire nuove competenze e per entrare nel mercato

Dettagli

Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015

Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015 Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015 PRESENTAZIONE Gruppo R è una cooperativa sociale di tipo A, costituita ai sensi della legge 381/91. Come tale è quindi un soggetto in continua

Dettagli

DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI

DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI Informativa su DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI formativi e di orientamento, dei tirocini di inserimento e reinserimento lavorativo e dei tirocini estivi, in attuazione dell art. 35 della L.R. 30/2008

Dettagli

S e r v i z i a l l e p e r s o n e i s c r i t t e n e g l i e l e n c h i d e l l a L e g g e 6 8 / 9 9

S e r v i z i a l l e p e r s o n e i s c r i t t e n e g l i e l e n c h i d e l l a L e g g e 6 8 / 9 9 S e r v i z i a l l e p e r s o n e i s c r i t t e n e g l i e l e n c h i d e l l a L e g g e 6 8 / 9 9 Rev 1 1 di 14 Indice Presentazione...3 Erogazione servizi essenziali...4 Colloquio di orientamento...4

Dettagli

SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO

SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO 00 SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO Piccolo glossario per gli utenti dei Centri per l Impiego. 2 1. La classificazione degli utenti 2. Lo stato di disoccupazione 3. Conservazione perdita e

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA La Regione Siciliana in collaborazione con Italia Lavoro ha destinato 19.250.000 euro per l avviamento di percorsi di tirocinio per

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO

PROVINCIA DI BERGAMO PROVINCIA DI BERGAMO SERVIZIO SELEZIONI E ASSUNZIONI Via T. Tasso, n. 8 - BERGAMO (Tel. 035-387.103-4-5-6 - Fax 035-387.210) Http://www.provincia.bergamo.it e-mail: segreteria.personale@provincia.bergamo.it

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA Regolamento per il funzionamento dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni dell Ufficio Relazioni

Dettagli

Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati

Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Interventi di sostegno al reddito e di formazione per disoccupati privi di ammortizzatori sociali

Dettagli

Il Direttore. rende noto il seguente AVVISO DI SELEZIONE DI PERSONALE

Il Direttore. rende noto il seguente AVVISO DI SELEZIONE DI PERSONALE In forza della delibera del Consiglio di Amministrazione del 09/07/2015 che prevede l assunzione di più profili a tempo indeterminato entro i termini previsti dal comma 118 dell art. 1, L. 190/2014 affinché

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

PROGETTO: INTERVENTI INTEGRATI PER LA FORMAZIONE E LA RICOLLOCAZIONE PROFESSIONALE DI LAVORATORI/LAVORATRICI IN CIGS O MOBILITÀ.

PROGETTO: INTERVENTI INTEGRATI PER LA FORMAZIONE E LA RICOLLOCAZIONE PROFESSIONALE DI LAVORATORI/LAVORATRICI IN CIGS O MOBILITÀ. PROGETTO: INTERVENTI INTEGRATI PER LA FORMAZIONE E LA RICOLLOCAZIONE PROFESSIONALE DI LAVORATORI/LAVORATRICI IN CIGS O MOBILITÀ. SOGGETTO PROPONENTE/CAPOFILA: ITALIAINDUSTRIA s.r.l. SOGGETTI PARTNER ATTUATORI:

Dettagli

DICHIARAZIONE DI DISPONIBILITA A PARTECIPARE. AL PROGETTO INCOESIONE (DGR n. 1151 del 05.07.2013) Il/la Sig./Sig.ra (Cognome) (Nome)

DICHIARAZIONE DI DISPONIBILITA A PARTECIPARE. AL PROGETTO INCOESIONE (DGR n. 1151 del 05.07.2013) Il/la Sig./Sig.ra (Cognome) (Nome) FONDO SOCIALE EUROPEO - POR 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE Asse III Inclusione Sociale VALORIZZAZIONE DEL CAPITALE UMANO POLITICHE PER L OCCUPAZIONE E L OCCUPABILITÀ - ANNO 2013

Dettagli

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO ASSESSORATO AI CENTRI PER L IMPIEGO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ATTIVITA PRODUTTIVE, ENERGIA E SICUREZZA Servizio Lavoro, Collocamento e Formazione GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO GLI STRUMENTI MESSI IN

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO

CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO APPIANO GENTILE CANTU COMO ERBA MENAGGIO COLLOCAMENTO MIRATO DISABILI 0 L DELLA PROVINCIA DI COMO Dal 1999

Dettagli

f)tirocini formativi e di orientamento

f)tirocini formativi e di orientamento Tirocini Formativi f)tirocini formativi e di orientamento DEFINIZIONE è una misura di politica attiva finalizzata al contatto diretto tra azienda e tirocinante, con lo scopo di acquisire conoscenze e competenze

Dettagli

PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Servizio 1 - Collocamento Provinciale Disabili

PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Servizio 1 - Collocamento Provinciale Disabili Data di Pubblicazione: 29/12/2014 Data Scadenza : 20/02/2015 PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Servizio 1 - Collocamento Provinciale Disabili AVVISO PUBBLICO ATTIVITÀ RIVOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

Regione Campania APPROVAZIONE AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE DEGLI OPERATORI ALLA ATTUAZIONE DEL PIANO GARANZIA GIOVANI

Regione Campania APPROVAZIONE AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE DEGLI OPERATORI ALLA ATTUAZIONE DEL PIANO GARANZIA GIOVANI AdIM News testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Sala Consilina (SA) al R.G. N. 3/05 del 14.12.05 Finalità Destinatari Attuatori/Beneficiari Scadenza 31 dicembre 2015 La Regione Campania

Dettagli

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi Regolamento per il funzionamento dell Ufficio relazioni con il Pubblico Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale N.128 del 15.09.2005 SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

DI ANGUILLARA SABAZIA

DI ANGUILLARA SABAZIA CITTÀ DI ANGUILLARA SABAZIA PROVINCIA DI ROMA UFFICIO SERVIZI SOCIALI AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI ESPERTI PER l AFFIDAMENTO di N. 7 INCARICHI nell ambito del progetto C.O.L. Centro Orientamento

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

Il Direttore. rende noto il seguente AVVISO DI SELEZIONE DI PERSONALE

Il Direttore. rende noto il seguente AVVISO DI SELEZIONE DI PERSONALE In forza della delibera del Consiglio di Amministrazione del 09/07/2015 che prevede l assunzione di più profili a tempo indeterminato entro i termini previsti dal comma 118 dell art. 1, L. 190/2014 affinché

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO Fondo Regionale per l occupazione dei disabili di cui all art. 14 della Legge 12 marzo 1999, n.68 TIROCINI L.68/1999 IL DIRIGENTE AREA PERSONALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE Con deliberazione del Consiglio di Amministrazione del 27.01.2015, nel rispetto dei principi di imparzialità, trasparenza e pubblicità, in attuazione delle

Dettagli

Provincia di Bergamo. I servizi dei centri per l Impiego. Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro

Provincia di Bergamo. I servizi dei centri per l Impiego. Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro Provincia di Bergamo I servizi dei centri per l Impiego Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro Lavoro e Politiche Le Politiche del Lavoro: Mirano a Interventi per regolare le modalità

Dettagli

TABELLA D ESPERIENZA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO L ACCREDITAMENTO. di cui all art. 6

TABELLA D ESPERIENZA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO L ACCREDITAMENTO. di cui all art. 6 TABELLA D ESPERIENZA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO L ACCREDITAMENTO di cui all art. 6 1 Tabella D: ESPERIENZA - SERVIZI PER IL LAVORO GENERALI OBBIGATORI Aree Funzionali I, II, III e IV Documenti da presentare

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI del Centro Servizi CISL (C.S.C.) SRL Verona agg. 29/10/2015 PRINCIPI ISPIRATORI

CARTA DEI SERVIZI del Centro Servizi CISL (C.S.C.) SRL Verona agg. 29/10/2015 PRINCIPI ISPIRATORI Art.1 SCOPO DELLA CARTA PRINCIPI ISPIRATORI La Carta dei Servizi del Centro Servizi CISL s.r.l. informa ogni utente su: Allo stesso tempo, i cittadini e le cittadine possono verificare il livello qualitativo

Dettagli

Allegato A) Premessa. 1) Iter procedurale e obblighi dei soggetti coinvolti

Allegato A) Premessa. 1) Iter procedurale e obblighi dei soggetti coinvolti Allegato A) DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER L EROGAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA PUBBLICA NEI CONTRATTI DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE (All. B DELLA DGR 609 DEL 12.7.2012). Premessa Al fine di regolare

Dettagli

Il Direttore. rende noto il seguente AVVISO DI SELEZIONE DI PERSONALE

Il Direttore. rende noto il seguente AVVISO DI SELEZIONE DI PERSONALE In forza della delibera del Consiglio di Amministrazione del 09/07/2015 che prevede l assunzione di più profili a tempo indeterminato entro i termini previsti dal comma 118 dell art. 1, L. 190/2014 affinché

Dettagli

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di:

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: 1. Interventi socio educativi finalizzati al sostegno di minori in affido e/o famiglie affidatarie; 2. Interventi socio educativi

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA L ISCRIZIONE Le iscrizioni dei minori stranieri, indipendentemente dalla regolarità

Dettagli

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Regole generali di condotta per le procedure

Dettagli

La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili - Roma, 28 marzo 2012. Masterplan disabilità Collocamento mirato ex L.

La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili - Roma, 28 marzo 2012. Masterplan disabilità Collocamento mirato ex L. La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili - Roma, 28 marzo 2012 Masterplan disabilità Collocamento mirato ex L.68/99 Destinatari Persone in possesso dei requisiti previsti dalla Legge

Dettagli

Le nuove attività/competenze per gli operatori Centri per l Impiego

Le nuove attività/competenze per gli operatori Centri per l Impiego Le nuove attività/competenze per gli operatori Centri per l Impiego Prima ancora di entrare nel dettaglio, occupandoci degli aspetti di preselezione e monitoraggio di competenza degli Operatori Centri

Dettagli

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI 1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI 2. PRESENTAZIONE 3. SERVIZI FORNITI E AREE DI INTERVENTO 4. I PRINCIPI FONDAMENTALI 5. TUTELA E VERIFICA 6. DATI DELLA SEDE 1. CHE COS È LA CARTA DEI

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999

Dettagli

Carta dei Servizi Articolo 1 Soluzioni HR Servizi al tuo Servizio.

Carta dei Servizi Articolo 1 Soluzioni HR Servizi al tuo Servizio. Carta dei Servizi Articolo 1 Soluzioni HR Servizi al tuo Servizio. Articolo 1 Srl Soluzioni HR - Aut. Min. Lav. Prot. N. 1118 del 26/11/04 CARTA DEI SERVIZI INDICE Presentazione di Articolo 1 Srl Carta

Dettagli

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DEL PERSONALE ESTERNO

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DEL PERSONALE ESTERNO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DEL PERSONALE ESTERNO (adottato con delibera del CdA del 17/7/2013) INTRODUZIONE Art. 1) PRINCIPI GENERALI Art. 2) REGOLE GENERALI

Dettagli

PROGRAMMA FORMAZIONE ED INNOVAZIONE PER L OCCUPAZIONE SCUOLA & UNIVERSITA FIxO S&U AVVISO PUBBLICO A SPORTELLO RIVOLTO AD ISTITUTI DI SCUOLA

PROGRAMMA FORMAZIONE ED INNOVAZIONE PER L OCCUPAZIONE SCUOLA & UNIVERSITA FIxO S&U AVVISO PUBBLICO A SPORTELLO RIVOLTO AD ISTITUTI DI SCUOLA PROGRAMMA FORMAZIONE ED INNOVAZIONE PER L OCCUPAZIONE SCUOLA & UNIVERSITA FIxO S&U AVVISO PUBBLICO A SPORTELLO RIVOLTO AD ISTITUTI DI SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE DI II GRADO PER LA REALIZZAZIONE E QUALIFICAZIONE

Dettagli

AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE,

AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITÀ SERVIZIO POLITICHE DI BENESSERE SOCIALE E PARI OPPORTUNITÀ UFFICIO POLITICHE PER LE PERSONE,LE

Dettagli

INVESTIAMO PER IL VOSTRO FUTURO. Carta dei servizi per il lavoro

INVESTIAMO PER IL VOSTRO FUTURO. Carta dei servizi per il lavoro INVESTIAMO PER IL VOSTRO FUTURO Carta dei servizi per il lavoro Carta dei servizi per il lavoro POR 2007-2013 Asse II OCCUPABILITÀ Linea di Intervento 1 Rafforzamento dei servizi per il lavoro INVESTIAMO

Dettagli

AGENZIA DEL LAVORO: I SERVIZI PER LE IMPRESE. Comunità di Valle delle Giudicarie Tione, 16 maggio 2013

AGENZIA DEL LAVORO: I SERVIZI PER LE IMPRESE. Comunità di Valle delle Giudicarie Tione, 16 maggio 2013 AGENZIA DEL LAVORO: I SERVIZI PER LE IMPRESE Comunità di Valle delle Giudicarie Tione, 16 maggio 2013 L Agenzia del lavoro L Agenzia del lavoro gestisce l anagrafe dei lavoratori (adempimenti) attua gli

Dettagli

viva donna AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

viva donna AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE Il Comune di Napoli nell ambito degli interventi finalizzati allo sviluppo ed alla coesione ha approvato il Programma Donne per lo sviluppo urbano (con risorse

Dettagli

PROGETTO DI POLITICHE ATTIVE SUL LAVORO a valere sull UPB 2.1.4.2.70.CAP.908 della Regione Lombardia

PROGETTO DI POLITICHE ATTIVE SUL LAVORO a valere sull UPB 2.1.4.2.70.CAP.908 della Regione Lombardia PROVINCIA DI SONDRIO PROGETTO DI POLITICHE ATTIVE SUL LAVORO a valere sull UPB 2.1.4.2.70.CAP.908 della Regione Lombardia Radar dalla conoscenza allo sviluppo delle politiche attive del lavoro PROGETTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI Approvato con Delibera dell Amministratore Unico n 164 del

Dettagli

IMPRONTE SOCIALI Concorso di idee LA MIGLIORE IDEA IMPRENDITORIALE

IMPRONTE SOCIALI Concorso di idee LA MIGLIORE IDEA IMPRENDITORIALE IMPRONTE SOCIALI Concorso di idee LA MIGLIORE IDEA IMPRENDITORIALE ART. 1 PREMESSA La Cooperativa Sociale Studio e Progetto 2 ONLUS, con il contributo di UniCredit Foundation, nell ambito del Progetto

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO AVVISO PUBBLICO PER LA CREAZIONE DI UN ELENCO DI PERSONE DISPONIBILI A PRESTARE ATTIVITA OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO NELL AMBITO DEL PROGETTO RECIPROCA SOLIDARIETA E LAVORO ACCESSORIO FINANZIATO DALLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI SOMMARIO INTRODUZIONE. 1. PRINCIPI GENERALI 2. REGOLE GENERALI

Dettagli

Procedura Selezione del Personale

Procedura Selezione del Personale Pag. 1 di 9 PROCEDURA SELEZIONE DEL PERSONALE ISMEA Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare Pag. 2 di 9 SCOPO... 3 1. RESPONSABILITA... 4 2. BANCA DATI ISMEA LAVORA CON NOI... 4 3. MODALITA'...

Dettagli

AVVISO 411/E. L incentivo di cui sopra è concesso nel rispetto della regola comunitaria in regime di de minimis.

AVVISO 411/E. L incentivo di cui sopra è concesso nel rispetto della regola comunitaria in regime di de minimis. AVVISO 411/E Allegato A) INCENTIVI ALLE IMPRESE PER L ASSUNZIONE DEGLI EX DETENUTI E DEI DETENUTI CON PERMESSO AI SENSI DELL ART. 21 LEGGE N.354/75 E DEL DECRETO-LEGGE N. 78/2013 1. Obiettivi e principi

Dettagli

C.R.E.A.F. S.r.l. Regolamento per il reclutamento del personale e per il conferimento degli incarichi esterni

C.R.E.A.F. S.r.l. Regolamento per il reclutamento del personale e per il conferimento degli incarichi esterni C.R.E.A.F. S.r.l. Regolamento per il reclutamento del personale e per il conferimento degli incarichi esterni 1 SOMMARIO Art. 1 - Principi generali... 2 Art. 2 - Ambito di applicazione... 2 Art. 3 - Responsabilità

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Emessa da Lavoro e Società Agenzia Sociale di Verona www.lavoroesocieta.com

CARTA DEI SERVIZI. Emessa da Lavoro e Società Agenzia Sociale di Verona www.lavoroesocieta.com I servizi, le attività le modalità e gli strumenti offerti dall agenzia sociale veronese a favore dei cittadini e delle imprese. CARTA DEI SERVIZI Emessa da Lavoro e Società Agenzia Sociale di Verona www.lavoroesocieta.com

Dettagli

FSE Investiamo nel vostro futuro. Agenzia formativa accreditata cod. PI0133

FSE Investiamo nel vostro futuro. Agenzia formativa accreditata cod. PI0133 La PROVINCIA DI PISA fra le attività di formazione professionale Finanziamenti POR FSE 2007-2013 e finanziamenti del Dipartimento Politiche per la famiglia della Regione Toscana, istituisce con Determina

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO IRECOOP VENETO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO IRECOOP VENETO CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO IRECOOP VENETO disegniamo insieme a te il futuro sede Via Savelli, 128-35129 Padova - tel. +39 049 8076143 - fax +39 049 8076136 - sito www.irecoop.veneto.it mail info@irecoop.veneto.it

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità.

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. DIREZIONE QUALITÀ La carta servizi di Verona Innovazione Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. 1 Verona Innovazione 5 servizio nuova impresa 10 sportello comunica

Dettagli

APPRENDISTATO. CORSO DI FORMAZIONE 16 ore TUTORI APPRENDISTI

APPRENDISTATO. CORSO DI FORMAZIONE 16 ore TUTORI APPRENDISTI APPRENDISTATO CORSO DI FORMAZIONE 16 ore TUTORI APPRENDISTI Argomenti oggetto del corso (16 ore) Contesto in cui avviene l apprendistato (tutore, apprendista, formazione) Cenni sulla normativa nazionale

Dettagli

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014 Regole per la gestione dello stato di disoccupazione In vigore dal 1 gennaio 2014 Stato di disoccupazione Dal 1 gennaio 2014 sono entrate in vigore nuove regole per la gestione dello stato di disoccupazione,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO 1 SELEZIONE ALLIEVI

AVVISO PUBBLICO 1 SELEZIONE ALLIEVI Progetto cofinanziato da Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi Azione 7/2013 - Dialogo interculturale ed empowerment delle associazioni straniere SAPER FARE UN PROGETTO: Yes, Oui,

Dettagli

CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE

CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE 1 PREMESSA Il presente codice disciplina le procedure di ricerca, selezione ed inserimento di personale, che sono demandate alla Direzione Generale,

Dettagli

COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria. REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA

COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria. REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Oggetto del regolamento TITOLO II MOBILITA ESTERNA Articolo 2 Le assunzioni tramite

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale e il conferimento di incarichi professionali

Regolamento per il reclutamento del personale e il conferimento di incarichi professionali Regolamento per il reclutamento del personale e il conferimento di incarichi professionali approvato dal Consiglio d Amministrazione in data 23 luglio 2015 rev.2 settembre 2015 Indice Art. 1 Oggetto e

Dettagli

FAQ. Avviso Pubblico "Adesione dei disoccupati al Contratto di ricollocamento Determinazione dirigenziale n. G10271 del 28/08/2015.

FAQ. Avviso Pubblico Adesione dei disoccupati al Contratto di ricollocamento Determinazione dirigenziale n. G10271 del 28/08/2015. FAQ Avviso Pubblico "Adesione dei disoccupati al Contratto di ricollocamento Determinazione dirigenziale n. G10271 del 28/08/2015. Chiarimenti in merito ai requisiti per presentare l adesione dei disoccupati

Dettagli

Centro per l Impiego di Lucca

Centro per l Impiego di Lucca Centro per l Impiego di Lucca Via Vecchia Pesciatina angolo Via Lucarelli 55100 S. Vito - Lucca Tel. 0583/417590 - Fax 0583/417812 Sito web: www.luccalavoro.it Posta elettronica: cilucca@provincia.lucca.it

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI VOUCHER AZIENDALI Legge 236/93, art. 9 D.M. 18 novembre 2009 Delibera n. 1325 del 06/09/2011

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI VOUCHER AZIENDALI Legge 236/93, art. 9 D.M. 18 novembre 2009 Delibera n. 1325 del 06/09/2011 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI VOUCHER AZIENDALI Legge 236/93, art. 9 D.M. 18 novembre 2009 Delibera n. 1325 del 06/09/2011 Art.1 Premessa Nel rispetto di quanto previsto dalla Legge 236/93, art. 9, comma

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI NR. 10 ADDETTI A TEMPO PARZIALE ED INDETERMINATO

AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI NR. 10 ADDETTI A TEMPO PARZIALE ED INDETERMINATO AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI NR. 10 ADDETTI A TEMPO PARZIALE ED INDETERMINATO In esito alla determina di affidamento del servizio di igiene urbana nel territorio comunale di Mesagne, per sopraggiunte

Dettagli

INTERPORTO DI ROVIGO SPA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE PROCEDURE SELETTIVE

INTERPORTO DI ROVIGO SPA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE PROCEDURE SELETTIVE INTERPORTO DI ROVIGO SPA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE PROCEDURE SELETTIVE 1 Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione 1. Il presente regolamento

Dettagli

IDEEazioneImpres@ SERVIZI ALLE IMPRESE E AGLI ENTI LOCALI

IDEEazioneImpres@ SERVIZI ALLE IMPRESE E AGLI ENTI LOCALI IDEEazioneImpres@ SERVIZI ALLE IMPRESE E AGLI ENTI LOCALI REGIONE CAMPANIA SCHEMA DI CONVENZIONE PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI IN REGIONE CAMPANIA Regolamento Regionale 2 Aprile 2010, N. 9 modificato

Dettagli

RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO

RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO La rete degli operatori - L.R. 22/2006 Il sistema regionale è composto da

Dettagli

servizi alle imprese Centri per l Impiego 1. Consulenza su incentivi alle assunzioni e contratti di lavoro Cos è Destinatari Modalità

servizi alle imprese Centri per l Impiego 1. Consulenza su incentivi alle assunzioni e contratti di lavoro Cos è Destinatari Modalità 1. Consulenza su incentivi alle assunzioni e contratti di lavoro Presso ogni Centro per l impiego della Provincia di Siena è presente uno sportello di consulenza alle imprese. Le imprese si presentano

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Ambito Servizi al Lavoro. ISO 9001 cert. N. 5673/1

CARTA DEI SERVIZI. Ambito Servizi al Lavoro. ISO 9001 cert. N. 5673/1 CARTA DEI SERVIZI Ambito Servizi al Lavoro ISO 9001 cert. N. 5673/1 INDICE CERTIFICATO ISO 9001:2008..... 3 1. COS E LA CARTA DEI SERVIZI... 4 1.1 Caratteristiche di questa carta... 4 2. NORME E PRINCIPI...

Dettagli

allegato alla determinazione dirigenziale n. 35 del 16/02/2015

allegato alla determinazione dirigenziale n. 35 del 16/02/2015 allegato alla determinazione dirigenziale n. 35 del 16/02/2015 Avviso di mobilità volontaria esterna riservato a dipendenti di amministrazioni pubbliche di cui all art. 1 comma 2 del D.Lgs. 165/2001 e

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU Assessorato Politiche del Lavoro SETTORE LAVORO

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU Assessorato Politiche del Lavoro SETTORE LAVORO PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU Assessorato Politiche del Lavoro SETTORE LAVORO BANDO PUBBLICO PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO AI SENSI DELLA LEGGE 68/99 DESTINATI

Dettagli