dato allarmante: le sciagure provocate da valanghe,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "dato allarmante: le sciagure provocate da valanghe,"

Transcript

1 '. LE VALANGHE viste DALL' ESTERNO Il mio interesse per le valanghe nasce dalla mia passione per la montagna e non solo. Ho trascorso la mia infanzia tra le pieghe più remote della Majella, dove ha imparato ad osservare i fenomeni della natura. La neve è stato l'elemento che mi incuriosiva di più. Questo interesse rimase però per anni allo stato embrionale. Nel febbraio del 1970 una slavina su cima Cacciatore, nel tarvisiano, travolge una pattuglia di alpini in ricognizione, il capo cordata Capitano Giuseppe Falcone nell'avvisare i componenti della compagine di stare attenti, respira la neve polverosa proveniente dall'alto e nell'incidente perse la vita. Il Capitano Falcone era mio fratello. Percorso sicuro ed in sicurezza. Da allora inizia il mio studio sulle valanghe. Oggi ho la convinzione che la sicurezza assoluta non è una garanzia dato che le valanghe sono per loro natura capricciose ed imprevedibili". Dopo l'accademia militare frequento i corsi presso la Scuola Militare alpina di Aosta e successivamente al Passo del Tonale. Poichè desideravo acquisire conoscenza diretta e personale sulle valanghe passai alcuni, inverni a Sella Nevea; feci l'esperienza che desideravo e trascorsi dei momenti emozionanti della mia professionalità; Inoltre mi guadagnai l'amicizia di uomini del gruppo di soccorso con i quali considero un privilegio aver lavorato. Partecipavo alle operazioni di pattuglia sulle montagne del tarvisiano, del sappadino e del comelico., Vedevo gli uomini del soccorso gettarsi lungo le piste con le slitte del soccorso e udivo le detonazioni degli esplosivi per provocare il distacco delle valanghe e assestare la neve. Il responsabile del comprensorio Lazzara mi parlava della complessità dell'opera di protezione degli sciatori dalle valanghe mi spiegava i provvedimenti che venivano presi e aggiungeva che la negligenza era il fattore predominante per causare incidenti. Citava casi di sciatori rimasti uccisi per aver trascurato segnali di pericolo o per aver continuato oltre i segnali di "pista chiusa". Il mio studio comprese anche periodi trascorsi alla ricerca storica del fenomeno. Visitai zone dove si erano verificate sciagure provocate da valanghe ed ho parlato con tante persone che mi hanno riferito le loro esperienze. Queste testimonianze sono risultate di grande interesse. Allo stato attuale delle cose, comunque, ne parlano un po tutti, ma rimane un. dato allarmante: le sciagure provocate da valanghe, aumentano. La tipologia di alcune di esse potranno turbare il lettore. Questo per imparare dagli errori degli altri e godere della montagna con maggiore conoscenza e sicurezza. Lungi dal voler suscitare inutili timori,la speranza è che si generi per le valanghe un rispetto maggiore di quel che si ha oggi. E' accertato che le valanghe vengono classificate tra.i più disastrosi fenomeni naturali al pari di terremoti e di cicloni che per secoli hanno terrorizzato le popolazioni della montagna. Da. alcuni decenni si è diffusa la convinzione che questo pericolo non sia del tutto inevitabile, e che pertanto possono essere prese opportune misure per prevenirlo. Da qui inizia la moderna ricerca sulla loro complessa natura, puntando sul fatto che la conoscenza del mimico è la migliore difesa. Recenti misurazioni hanno dimostrato che le valanghe nubiformi normalmente possono raggiungere la velocità di Km/h. Lo spostamento d'aria che accompagna questo fenomeno può devastare in pochi secondi ettari di foresta adulta. Recentemente sono stati compiuti fruttuosi tentativi per misurarne la pressione d'urto, installando degli strumenti nei canaloni attraversati da valanghe. Si è arrivati a registrare una pressione di Kg/m. Per dare una idea della loro forza distruttrice, nel 1954 una piccola valanga nella stazione di Dalaas in Austria, sollevò dai binari una locomotiva di 120 tonnellate scagliandola giù per una scarpata demolendo parecchie costruzioni. Dieci persone vi persero la vita. E' Strabone che descrive con dovizia di particolari i sentieri alpini innevati o ghiacciati: ti Grandi masse di ghiaccio che si staccano dall'alto e scivolano giù rovinose ad occupare l'intera strada o a trascinarla nelle valli sottostanti." Sembrerebbe che fra le difficoltà che angustiarono maggiormente nel 218 a.c. l'esercito di Annibale durante l'epica traversata delle Alpi vi fossero le valanghe. Dai resoconti di Polibio e Livio si sa che l'esercito cartaginese contava soldati, cavalieri e 37 elefanti e che durante la traversata si persero non meno di uomini, cavalli e parecchi elefanti. E' certo che le valanghe misero a dura prova il valoroso e geniale stratega. Prima di Annibale fu Alessandro Magno a perdere nel 401 a.c greci sui monti della Persia. Durante il medioevo e dal XV sec. in poi vi sono numerose notizie di terribili disastri avvenuti nelle magnifiche vallate alpine. Antichi documenti del Delfinato, nelle Alpi francesi,austria, Svizzera sono pieni di lamenti sulle

2 valanghe. Le sciagure sono correlate da un interminabile elenco di morte e distruzione. Per citare qualche esempio nel 1689 più di 300 persone furono sepolte in alcune valanghe nella vallata austriaca di Hontafon, e nel 1755 perirono in Savoia 200-persone. Ancora nel 1689 la neve precipitata dal Calmur uccise 16 persone e poche ore dopo analoga sorte subirono 56 persone del villaggio di Saas. Nemmeno l'esercito napoleonico potè attraversare incolume il piccolo San Bernardo, lo Spluga ed il Planixer quando si mosse nel 1800 per la battaglia di Marengo. Interi squadroni si persero sotto oltre 15 metri di neve. Queste ed altre storiche sciagure sono nulla di fronte a quelle che colpirono nel Tirolo gli eserciti italiano ed austriaco (guerra mondiale). Una stima prudente calcola a i soldati morti a causa delle valanghe. Altri ritengono che fossero circa , e' difficile comunque una esatta valutazione per il riserbo delle autorità di allora. Zdarskj, un pioniere dello sci, istruttore delle truppe alpine austriache e più tardi esperto valangologo scrisse: "La violenza delle valanghe distruggeva tutto, ricoveri, baracche, teleferiche, travolgeva ogni cosa" Il 13 dic. del I916 un improvviso vento caldo provocò una valanga che uccise 253 uomini che occupavano un baraccamento sulla Marmolada. I corpi delle vittime furono trovati nei crepacci del ghiacciaio negli anni successivi. Le valanghe erano usate come arma contro il nemico. Zdarsky dichiarò che soldati austriaci furono uccisi in 48h e che le perdite italiane erano state uguali. A Quell'epoca i soldati austriaci impegnati sulle montagne erano , e ciò dimostra quanto fosse alta la media dei soldati uccisi dalla neve. Negli ultimi anni la maggior parte dei villaggi che in passato hanno subito la forza devastatrice della neve hanno profuso enormi sforzi per proteggersi, per cui le vittime sono da ricercarsi fra coloro che vanno in montagna per diporto. Alpinismo e turismo si sono sviluppati nelle Alpi a dismisura e di conseguenza anche famosissime guide hanno perso la vita sotto una valanga. Con simpatia cito Bennen, il più ricercato e famoso del tempo, chiamato "il Garibaldi delle guide";. Per il suo coraggio fu il primo a tentare la scalata del Cervino. L'intercalare favorito di Bannen di fronte a queste difficoltà che sembrava insormontabile era: " Es muss gehen! ". ( Deve andare!). Questo particolare risale al fatto che lo stesso Bermen amava raccontare era dovuto ad una travolgente passione per le donne, che dentro di lui cozzava con la religione. "Figlio mio" disse il suo confessore " amare le donne ed andare in paradiso, non va. Padre" rispose lui" Es muss gehen!! (Deve andare!). Nel 1864 a 45 anni Bermen morì sotto 3 metri di neve sepolto da una valanga. Nell'Haunt dè Cry, una montagna hella valle del Rodano,Imseng, altro alpinista che era riuscito dove altri non osavano neanche tentare, impetuoso allegro, simpatico avrebbe scalato sino a far scoppiare le vene del colle, fu travolto con la sua cordata sulle pareti del Monte Rosa. Gli uomini furono lanciati come pag1iuzze dalla neve. I corpi straziati ed appena riconoscibili furono trovati tre giorni dopo ai piedi della parete. Stessa sorte per Alexander Burgener. Alpinista ritenuto da tutti irragiungibile per le sue qualità di forza e agilità. Aveva arrampicato in tutto il mondo. Burgener perì,con la propria cordata, sotto una valanga in un passaggio ritenuto senza pericolo. Non ultimo Herman Buhl, il primo sul Nanga Parbat la montagna più difficile al mondo. Buhl perse la vita sotto una valanga.. Destino o fatalità considero la disgrazia come una illustrazione delle valanghe, anche per i più esperti. Normalmente ogni venerdì sciami di turisti si riversano nel regno delle nevi. Questi allegri e temerari sciatori Sanno che sciando ci si può rompere una gamba o slogare una caviglia, ma pochi di loro associano alla neve la tremenda eventualità di essere sepolti vivi. Alzare un dito di ammonimento sarebbe completamente sbagliato. Indicare che chiunque mette un paio di sci ai piedi si trova in pericolo mortale è una assurdità. Tuttavia bisogna rilevare che gli sciatori che muoiono a causa di valanghe sono principalmente vittime del loro dispregio degli avvertimenti del servizio meteomont, della loro ignoranza e dell'assoluta incoscienza. Nel 1964 un gruppo di sciatori olimpionici stavano girando un film a St Moritz essi trascurarono tutti i segnali di pericolo e poco dopo furono sepolti da una valanga e vi persero la vita. Bud Wenner simpatico atleta americano e Barbi Henneberger, un giovane della squadra olimpica femminile tedesca. Costoro avevano iniziato a sciare da bambini e ritennero che la loro esperienza fosse superiore. Poteva essere vero, ma non vale mai comunque la pena provarlo. In passato era facile credere che le valanghe erano regolate da spiriti maligni e solo dal XVIII sec. gli scrittori

3 tentarono di invertire la tendenza. Si riteneva che fossero gigantesche palle di neve che rotolavano verso valle, e le illustrazioni dell'epoca le raffigurano in tal senso. Gli esperti concordarono nel catalogarle come: - Staublawinen (valanghe di polvere) di neve asciutta e con l'effetto di un uragano. Oggi le chiamano valanghe nubiformi. - Grundlawinen(valanghe a contatto con il terreno) costituite da enormi masse di neve bagnata che all'interno trasportano pezzi di roccia e terra. Ciò che avviene all'interno lo sappiamo da Zdarsky che descrive come egli riportò non meno di 80 diverse fratture e lussazioni. La neve della valanga lo stritolò riducendolo quasi in poltiglia. La pressione era così forte che gli occhi stavano per scoppiare dalle orbite. All'interno della morsa della neve pregò per una veloce morte. Si accorse che non era più l'uomo vigoroso che era stato. Con ferrea volontà lottò per lunghi anni per recuperare il controllo del suo corpo distrutto, finchè tornò di nuovo a sciare. Zdarsky insegna che la neve è una materia molto complessa. E' il simbolo del terrore, una massa che schiaccia, che riduce il corpo in poltiglia e distorce orribilmente le membra. E' anche un mondo scintillante, delizia dei bambini, degli sciatori, degli alpinisti e di coloro che scoprono questa bellezza che incendia non solo le vette ma anche l'anima. La neve cade dal cielo in migliaia di forme diverse., Un americano, Wilson Bentley, fotografò differenti tipi di cristalli di neve e sosteneva che ne esistevano moltissimi altri. Il suo entusiasmo per questa materia risaliva all'epoca della fanciullezza quando la madre gli mostrò il cristallo di neve al microscopio. Da allora, fino alla morte, dedicò la sua vita alla neve, regalandoci della stessa forme delicate come stelle, prismi, lamelle, aghi e asticciole. Tutte queste forme derivano dalla forma base esagonale del cristallo di ghiaccio. Molti scienziati hanno sottolineato la bellezza dei cristalli di neve per affermare l'esistenza della divinità. Keplero credeva che il disegno, così come la stessa struttura dell 'universo fosse opera di Dio. " Il vapor di acqua ha un anima" scrisse, "e l'anima dell'acqua crea i cristalli di neve". Bentley che non era più religioso di tanti altri disse:" I cristalli di neve..vengono a noi non solo per rivelarci la bellezza della natura, ma insegnarci anche che la bellezza terrestre è transitoria, che svanisce per poi ripresentarsi". Il pensiero di Bentley mi trova in sintonia in quanto la bellezza svanisce, le persone muoiono, le civiltà crescono e cadono. 1a nostra vita, come quella dei cristalli di neve, è un momento transitorio entro una successione di transitorietà. In effetti somigliamo a quei cristalli. Come loro siamo essenzialmente ricoperti di acqua. Quando si muore, l'acqua contenuta in noi si apre la strada verso il mare dove al momento opportuno sarà portata in alto dal sole per ricadere di nuovo sotto forma di neve. Infatti, la neve si forma nell'atmosfera quando l'acqua, allo stato gassoso, sale e si raffredda. Quando l'aria si raffredda la sua capacità di contenere vapor acqueo diminuisce ed il vapore si condensa intorno alla particella minuscola di polvere presente nell'atmosfera. Se la temperatura è al di sopra dello zero le goccioline diventeranno troppo grosse e cadono sotto forma di pioggia. Se però la temperatura è sotto lo zero, le goccioline congeleranno in minuscole particelle di ghiaccio. quando le particelle di ghiaccio diventeranno troppo pesanti per restar e sospese, precipiteranno sotto forma di cristalli di neve. la forma del cristallo è una minuscola lamina esagonale, ma le variazioni sono infinite perché infinite sono le condizioni che determinano lo sviluppo dei cristalli. Infatti, un cristallo può attraversare nuvole, diversi strati di aria di diversa temperatura o grado di umidità, può essere trasportato dal vento e durante la loro ricaduta può congiungersi ad altri cristalli formando un fiocco di neve. Con tante possibilità di variazioni nella formazione dei cristalli di neve, si può comprendere l'affermazione di Bentley che i tipi diversi da lui identificati non fossero che una minima parte. Il cristallo, dopo essere stato una identità singola, raggiunto il terreno diventa improvvisamente una parte minuscola del manto nevoso, e qui comincia a subire una serie di cambiamenti noti come metamorfosi che rendono lo stesso manto nevoso costantemente in evoluzione e non omogeneo. Durante l'inverno ogni nevicata aggiunge uno strato alla neve già esistente, ed ogni strato ha caratteristiche diverse. Gli strati contengono diversi tipi di cristalli e diversa quantità d'aria. Uno strato di neve selvaggia può contenere anche il 99% d'aria, mentre uno strato di neve vecchia ne può contenere solo 20%. Di particolare interesse è la 'temperatura all'interno del manto nevoso. Il terreno sotto la neve è sempre attorno allo zero. Gli strati superiori sono molto più freddi in quanto influenzati dalla temperatura. dell' aria. Gli effetti pratici si possono vedere nella maniera in cui uno strato di neve protegge le piante e le messi nelle zone fredde della terra. Le praterie del Canada e la steppa russa produrrebbero ben poca cosa se non fosse per la neve che tiene lontano il gelo dal terreno. Altri aspetti legati alla neve, e da non sottovalutare, sono la plasticità, l'effetto del vento ed il flusso. In genere la plasticità si mani festa dal mod. con cui la si calpesta o la si stringe fra le mani) Chi cammina sulla neve avrà notato che quando fa freddo si produce come uno scricchiolio, ma questo poi non si sente quando fa caldo. Il rumore è dovuto alla rottura dei cristalli di neve che si rompono sotto i piedi. :Diversa,la plasticità che aumenta col calore e permette ai cristalli di cedere senza rompersi, infatti non c'è rumore. Il vento poi, può trasportare la neve depositandola

4 sulle creste dove si possono ammirare cornici dall' aspetto fiabesco la cui rottura provocano valanghe molto pericolose. pari alle cornici è facile vedere anche il flusso, ossia il lento movimento di scivolamento della neve lungo il pendio. Essa può scorrere in quanto considerata sostanza viscosa. Questo risultato lo si vede sul' tetto di un edificio. Inizialmente la neve copre il tetto con un manto uniforme, dopo un certo periodo di tempo il manto scivola e si deforma, accumulandosi verso la grondaia. Tale fenomeno si chiama neviflusso. Applicando questo concetto ad un pendio di montagna si deduce che neviflusso e scivolamento producono sollecitazioni di trazioni al manto nevoso. Quanto detto sin qui giustifica l'affermazione che all' interno del manto nevoso c'è una incessante attività, mentre all'esterno si percepisce una ingannevole calma. Calma che si sprigiona con valanghe:di neve incoerente,a lastre, di fondo, di superficie, di neve asciutta, di neve bagnata, non delimitate, incanalate, nubiformi e radenti. Calma che le valanghe infrangono percorrendo i fianchi delle montagne sino a 350 Km/h ed oltre, distruggendo tutto quello che incontrano. Finora ho cercato di focalizzare l'attenzione del lettore sulla neve, ma cio che stuzzica la curiosità e la fantasia di tutti e il meccanismo del distacco. Sin dal 1550 si riteneva che gli uccelli ed il suono potevano provocare valanghe. Byron scriveva: Il E voi valanghe che un sospiro fa scendere si dice che anche la voce può provocare un distacco. Ci sono molti sostenitori di questa tesi. Non si può negare che le onde sonore siano in grado di fare ciò, specialmente quelle provocate da forti detonazioni. Certamente.' uno scoppio di un aereo supersonico potrebbe provocare il distacco di una valanga, se si pensa che riesce ad andare in frantumi i vetri delle finestre. Quando la neve è sul punto di precipitare, anche un minimo rumore può affrettarne la caduta. E'logico che non si può escludere la voce umana da questi rumori, ma sono convinto al 99% dei casi che coloro che affermano di aver provocato il distacco di una valanga con la voce in realtà lo hanno fatto con gli scarponi. Tuttavia senza prendere una netta posizione in tal senso, considero qualche altra f attore legato al meccanismo del distacco delle valanghe o Si immagini uno strato di neve su un pendio con inclina zione uniforme. La gravità, l'assestamento e il neviflusso creano uno stato di tensione all' interno del manto nevoso. Le forze di trazione variano a seconda della rapidità del pendio e del peso della neve. Alla trazione, che tende a mettere in moto verso valle l'elemento di neve, si contrappone la resistenza che tende a trattenerlo sul posto. Alla luce di quanto sopra si può affermare che su un pendio ( normalmente indicato intorno ai 22 gradi), il fattore che determina il distacco di una valanga è la prevalenza della forza motrice sulla forza resistente. La non omogeneità dell'interno del manto nevoso ci indica che ci può essere uno strato debole che può rompersi per effetto della pressione del peso della neve sovrastante o altro elemento quale: un blocco di neve, un ghiacciolo, qualsiasi corpo che cade dagli alberi,o da una roccia o da una parete rocciosa, la caduta di una cornice, o il. peso di uno sciatore, di uno scalatore o di un animale che si muove su un pendio. E' evidente, per lo meno intuibile, che all'interno del manto nevoso deve accadere qualcosa che aumenta la forza di taglio sino alla frattura. Una frattura con relativo distacco a volte non è immediata. Si può verificare una strana azione ritardata; capita che parecchie persone 'attraversino un pendio in tutta sicurezza, e poi una valanga travolga qualcuno in coda al gruppo. Un caso interessante di questo genere si verificò durante l'ultima guerra quando l'esercito svizzero si stava addestrando nelle tecniche di soccorso antivalanga. Dopo una nevicata, 30 uomini furono mandati su un pendio, su cui si sapeva che vi erano condizioni per il di stacco. Rispettarono l'ordine di at traversarlo uno dopo l'altro distanziati di 5m. Ventisei soldati giunsero dall'altro lato poi all'improvviso una valanga travolse gli ultimi tre. I soccorsi furono immediati. Non subirono danni, a parte lo spavento. Il caso di distacco ritardato è frequente. La spiegazione è che il peso della prima persona provoca delle fratture nel fragile strato sottostante, ma solo in un' area limitata. Il peso di ogni successiva persona estende le fratture finche non si distacca il lastrone. ma in questo turbinio bianco i travolti cosa dicono? chi viene investito "da una yalanga incorre in una delle esperienze più terrificanti che si possono provare. Alcuni muoiono immediatamente, altri vivono per pochi minuti, solo pochissimi riescono a sopravvivere per alcune ore! La durata della sopravvivenza è determinata da tanti fattori, non ultima la forza ',morale della vittima. Raramente si sono trovati uomini capaci di sopportare un giorno intero di lotta. Nel 1951 Gerhard Fraisseger sopravvisse ai supplizi materiali e spirituali causati da 12 giorni di sepoltura. Egli provò un amara esperienza toccata a molti altri prima di lui,;' una vittima della valanga può udire i rumori esterni, ma le sue grida disperate non attraversano lo strato di neve che lo ricopre. Gli sforzi della vittima per farsi udire sono vani. Le vittime possono morire anche per altre cause infatti possono essere scagliate contro ostacoli oppure scontrarsi con rocce, alberi, o blocchi di ghiaccio della stessa valanga, che provocano ferite spaventose. Si racconta di tre contadini che andavano a prendere il fieno in una cascina. Durante la strada furono sorpresi da una valanga. Due di essi si salvarono incolumi, il terzo ebbe le gambe strappate in modo da mettere allo scoperto perfino le intestina. Morì qualche minuto dopo essere stato estratto. Gli sci o le racchette ai piedi rendono il corpo più grande, e aumenta il contatto con la neve. Le gambe vengono tirate giù ed il viso viene compresso sulla neve, la vittima soccombe per soffocamento. i consigli per restare a galla sono molteplici quali:

5 effettuare movimenti natatori", inarcare il corpo verso l'alto per limitare la pressione della neve sul torace, ripararsi il viso con braccia e mani al fine di assicurare maggior spazio vitale al viso impedendo che la neve rimanga a contatto con la pelle, liberarsi dell'equipaggiamento superfluo, aggrapparsi ad eventuali appigli naturali. Se si perde coscienza per ~colpo o per eccessi di adrenalina le possibilità di sopravvivere diminuiscono. Soffocamento o ipossia ( mancanza di ossigeno) è la causa tipica. La pressione della neve sul torace e sulla gola rende impossibile la respirazione. Sembra di essere incapsulati nel cemento. La reazione naturale è quella di compiere una profonda respirazione. E bene non farlo. Si potrebbe inalare una grande quantità di neve, che attaraverso naso e bocca raggiunge la trachea. ed i polmoni e qui fermarsi. Il soffocamento è immediato. Altra causa è il graduale esaurimento di ossigeno che si ripercuote. direttamente sul cervello; infine l'ipotermia (abbassamento della temperatura corporea). si è osservato che con una temperatura corporea di 33 gradi il consumo di ossigeno è dell'80%, a 30 è del 70% a 20% è del 50% del fabbisogno, sotto i 23 l'ipotermia dà luogo a incoscienza e a 15 i soggetti sotto osservazione ( cani) hanno subito arresto cardiaco.alle cause citate vanno 'aggiunte congelamenti ed esaurimenti. La regola puramente statistica, che presenta fortunatamente forti eccezioni, è che sotto la neve si possa resistere per circa 2h. Dopo tale periodo le ricerche del travolto continuano ma le passibilità, di trovarlo in vita restano appese ad una esigua passibilità. mentre scrivo ho davanti le statistiche sugli incidenti mortali provocati da valanghe. Rivedo come in un film la mia esperienza pratica sul campo ed avverto una "valanga" di amarezza. Concludo questo viaggio sulle valanghe osservate dall'esterno e mi tornano in mente le parole con le quali mio fratello si rivolgeva agli ufficiali al termine del corso sulle valanghe prima delle escursioni invernali (solo qualche mese prima dell'incidente che lo travolse): Vi ho detto tutto quello che sapevo sulla neve e sulle valanghe, Vi ho illustrato Come si formano, come si staccano, la loro grande forza distruttrice, però, quello che vi avviene dentro non riesco ad immaginarlo. Vi auguro di cuore di non andarci mai dentro M O N T E Z U R R O N E dove uomo e divino si incontrano in un abbraccio di vita. Quando, agli amici che mi chiedono quale fosse l'impegno alpino del momento, rispondo che sto per andare sul Monte Zurrone, mi sento rispondere: " Ancora? ci siete appena stati!!hanno ragione. Ero salito su questo monte, sacrario secondo solo a quello di Redipuglia, appena qualche mese fa. C'era la neve c'era un gran silenzio. Anche oggi, senza neve,c'é sempre lo stesso silenzio nonostante turisti, alpini, rappresentanti di numerose associazioni d'arma si accalcano sui piazzali del monumento.siamo tanti a salire, ma siamo soli. Soli con la storia di un impegno, di un giuramento sussurrato sui campi di battaglia dalle migliaia di soldati moribondi e non raccolti. Infatti, qui non vi sono croci che materializzano i resti mortali dei soldati italiani caduti nel corso del Il conflitto mondiale. Monte Zurrone è un cimitero realizzato nel 1961, grazie all'iniziativa del Col. Palmieri, per dare degna sepoltura ai Caduti le cui spoglie non si sono mai più ritrovate. Ecco perchè Caduti senza Croce. Il sacrario, unico nel suo genere, custodisce i nomi ed il retaggio di memorie e di gloria di: medaglie d'oro al valor militare; dell'esercito ( vi sono compresi i carabinieri ); - I9.720 della Marina Militare; - 2:.I33 dell'aeronautica M.ilitare; della Guardia di Finanza; delle formazioni Partigiane e repubblicane; Civili. Nell'area del cenotafio fanno spicco stele: marmorea ed in bronzo rievocante il martirio della città di Zara, dono degli esuli zaratini;

6 in memoria dei civili italiani caduti senza Croce; dell'istria, della Dalmazia, e di Fiume donate dagli esuli di dette regioni. Si distingue,inoltre un artistico monumento eretto alla memoria degli Ascari Eritrei, Somali, Libici, Caduti per l'italia in terra d'africa. Successivamente prese forma e sostanza l'idea di porre accanto ai Nomi anche tracce di terra, di sabbia e di mare in cui si compì l'olocausto di tante giovani esistenze. Con il fattivo intervento del Ministro degli Esteri italiano e delle rappresentanze diplomatiche i governi di Iugoslavia, Tunisia, Etiopia, Unione Sovietica, Egitto e Libia donarono al sacrario una manciata di terra o di sabbia delle località in cui combatterono i soldati italiani. Gli equipaggi di navi del Llyoid Triestino prelevarono campioni di acqua del mar Rosso e negli Oceani Atlantico e Indiano nei punti dove si erano inabissate, combattendo, unità navali italiane. L'equipaggio dell'incrociatore Garibaldi ha prelevato altro campione di acqua nel Canale di Sicilia, sulla rotta, purtroppo nefasta, seguita dalle navi che rifornivano di uomini e mezzi le forze armate italiane della Libia. Nella mente mi risuonano le note del Ta-pum..... Ho lasciato la mamma mia:, l'ho lasciata per fare il soldà, Ta-pum Ta-pum Ta-pum ta-pum ta-pum ta-pum.. Canzoni della trincea. Canzoni scritte da ignoti umili soldati, dalle rime semplici, schiette, ingenue, sgrammaticate talvolta, ma traboccanti sempre di profonda umanità. Intanto gli occhi si riempiono di luce, " di cielo e di inesprimibile fantasia davanti alla grande scalinata. Monte Zurrone è un tempio nobile, semplice, il più puro che abbia visto. Si dimentica per un attimo che è il cimitero di migliaia e migliaia di soldati, mentre i blocchi di pietra sono diventati una lucente scalea che non si arresta, perchè l'occhio non riesce a contare i gradini e la Croce sommitale si fonde nel cielo. Questa scalea è la mistica dell'altare, infatti a fianco dei gradini le stazioni della Via Crucis. La storia non si arresta, ma si perfeziona e si sublima col passare del tempo. Dalla cima e dal riverente tempio gli occhi puntano verso valle, serpeggiano lungo meandri scoscesi di impluvi ripieni di boschi, si insinuano negli agglomerati imbuti di paesi e frazioni, e poi scrutano le cime circostanti della Majella, ll gran Sasso, Pratello, Rotella, Greco Pizzii, 3 Confini, Toppe del Tesoro, Arazecca, maiuri e Genzana. Dopo questa rincorsa a perdita d'occhio lo sguardo si sofferma su una epigrafe scolpita nella pietra..e sei credente sosta e prega, se non lo sei medita e taci. Di fronte a tanta sacralità, gli alpini della Majella hanno adottato Monte Zurrone senza chiedersi se fosse opportuno o meno. Gli alpini non fanno ragionamenti di opportunità, fanno quello che è giusto. Fanno quello che sentono di dover fare, e non si può obbligarli. O lo sentono, e allora non riesci a fermarli; o non lo sentono e allora, come i muli, si impuntano e non li sposti nemmeno a cannonate. Incontrarsi, stringersi la mano, una pacca sulle spalle, Un abbraccio, emozionarsi insieme ai reduci, per la verità pochi, ricordare in silenzio il sacrificio di -Canti giovani, dà l'idea che sul Monte Zurrone l'umano ed il divino si toccano e si fondono in un abbraccio di vita, non di morte. Il pluridecorato Rossi pronuncia l'orazione ufficiale. L'emozione gli fa tremare la voce ma, superato il primo impatto le parole escono lievi ed al contempo potenti~. Ricorda il fronte greco-albanese e poi quello russo. Pennellate decise, sferzanti, intrise di fango, di reticolati, di granate, di bestemmie, di atroci lamenti di giovani vite travolte e dissolte nel nulla' di sommesse preghiere, di freddo e di fame. Siamo qui per non dimenticare. Gli al pini ascoltano in silenzio, sono rapiti dalla potenza e dalla ispirazione di questo uomo straziato profondamente dalla guerra. Su questa montagna, autentica cattedrale, abbiamo ritrovato il rito di un pellegrinaggio in cui si esalta il concetto dall'essere italiani di razza. Un pellegrinaggio che vorremmo fosse imponente per numero,ma soprattutto per convinta, intima, spontanea partecipazione ad una sacralità Umana che diventa, alla fine, divina e che qui, straripa impetuosa ad ogni sasso. Nella mente una nenia, la dolce melodia di stelutis alpinis

7 Se tu vens cà su tas cretis; là che lor mi àn soterat, al è un splaz plen de stelutis; dal mio sanc l'è stat bagnate Par segnal un crosute Jè scolpide lì tal cret; fra chet stelis nas l'erbute, sot di lor jò duar cuiet LA MONTAGNA uno zaino pieno di pericoli. L'uomo da secoli si è confrontato con i fenomeni che si scatenano in montagna, ed ha desiderato di possedere una chiave che gli permettesse di penetrare nello scrigno dei segreti della natura. Questa curiosità gli avrebbe fatto comprendere per tempo il prodursi dei fenomeni. Siamo ancora lontani dal possedere questa chiave, anche se si è riusciti a dare una sbirciatina dentro lo scrigno. Ciò che vi propongo in questa lettura, può essere utilizzato non come chiave ma almeno come grimaldello. La prima persona ad interessarsi in maniera esauriente dei pericoli che la montagna diurnamente presenta fu un dottore viennese, Emile Zsigmondy. Emile è stato uno dei più grandi arrampicatori in solitaria dell'alpinismo che nell'agosto del 1885 mori nel tentativo di scalare la parete sud del Meije perchè la corda non resse ad un suo volo. Purtroppo negli anni gli incidenti in montagna si sono moltiplicati e molto spesso fra le vittime vi sono esperti alpinisti e personale del soccorso. Ricordo che ogni incidente è conseguenza di un errore di valutazione del luogo e del momento, aggravato da un comportamento sbagliato da parte del malcapitato e dei suoi compagni. Li sembrano appropriate le parole di Schopenauer " può parlar'e di fortuna, chi durante la sua vita, ha conservato un errore nella sua testa e non ne è stato punito " A questa si abbina una suggestiva e nota similitudine: chi prende sottogamba i pericoli della montagna, gioca alla roulette russa con un revolver in cui invece di una sola cartuccia ve ne sono state introdotte ben cinque sulle sei possibili. La montagna stuzzica il bisogno innato dell'uomo di misurarsi, provarsi, conoscere e sapere. Si entra in sintonia con la natura e si possono intuire a fondo i propri limiti. Bonatti usava dire che attraverso la natura più severa ci si abitua a prendere le decisioni, misurarle e pagarle sulla propria pelle. L'azione in montagna porta a sognare, a temere ed esaltarsi. In quota il silenzio crea una atmosfera che esprime un fascino particolare che libera lo spirito e impegna la mente. Il vario e piacevole panorama aiuta ad ascoltarsi, parlarsi e riflettere. Questo può indurre a pensare che vi sono delle montagne proprie. E' idea personale ma condivisibile affermare che, le montagne appartengono a tutti a ciascuno restano le proprie esperienze cd il proprio Zaino. Uno zaino che l'escursioni sta porta sulle spalle, pieno non solo di materiali ed alimenti ma anche di pericoli. La conformazione aspra del terreno, le variegate particolarità climatiche connesse all'altitudine, l'acqua nelle diverse forme di pioggia, neve, nebbia, ghiaccio costituiscono un campanello di allarme per la sicurezza. Più di 100 anni fa si parlava di "pericoli positivi" e "pericoli negativi".successivamente si parlò di "pericoli derivanti da forze naturali" e "pericoli derivantti dall'uomo Emile Zsigmondy esprimeva lo stesso concetto con "pericolo oggettivo e "'pericolo soggettivo". Oggi, pur tenendo conto delle interferenze tra i due tipi di pericolo, l'interpretazione di Zsigmondy può essere considerata valida. In una analisi più dettagliata si può dire che i pericoli oggettivi risiedono esclusivamente nei fenomeni naturali legati alla montagna, cioè nell'oggetto senza alcuna partecipazione delle uomo. sono fattori legati alle leggi della natura ed alle condizioni ambientali della montagna ( roccia, neve, ghiaccio, condizioni meteorologiche e i loro mutamenti, caduta sassi, valanghe., nebbia, bufera, temporali. ). Le uniche difese contro i pericoli oggettivi sono l'addestramento alle osservazioni e alla identificazione dei fenomeni naturali, un adeguato equipaggiamento e l'assicurarsi con mezzi idonei. I pericoli soggettivi invece, trovano origine nell'uomo, nella sua insufficienza psicofisica quando sopravvaluta le sue capacità di orientamento e osservazione, quando manca di resistenza quando sottovaluta le difficoltà e nelle stesso tempo sopravvaluta le proprie capacità. Mentre i pericoli oggettivi incombono allo stesso modo su tutti, quelli soggettivi presentano un diverso aspetto per ciascuno e possono essere ridotti al minimo con un c0scienzioso autocontrollo. A questa classificazione aggiungiamo una serie di infortuni che avvengono, per usare le parole di Fritz Schmitt, per coincidenza di pericoli oggettivi con pericoli soggettivi". Un brusco

8 mutamento del tempo, di per sè pericolo oggettivo, può provocare il disastro se affrontato in maniera soggettivamente errata. Vediamo che in I1lOntagna i pericoli non vanno considerati come indipendenti gli uni dagli altri: la maggior parte delle disgrazie è causata infatti dell'effetto combinato di pericoli oggettivi e pericoli soggettivi. Gli infortuni attribuibili a pericoli puramente oggettivi sono relativamente rari. Dunque lo zaino è pieno. ma per rendere l' elenco più ampio non tralascio le avversità legate allo sci, al mal di montagna, alle irradiazioni di alta quota, alla notte, all'equipaggiamento. Come già detto un insuccesso è sempre conseguenza di uno o più. errori. Le conoscenze scolastiche forniscono un certo bagaglio di preparazione tecnica, l'esperienza fornisce la scelta della soluzione e riduce la possibilità degli incidenti, che ci saranno sempre, non c'è dubbio. Questo perchè nessuno è agguerrito contro la propria insufficienza, le armi della natura e l'imperfezione delle attrezzature. Ritengo che per limitare i danni necessitano professionalità ed esperienza e un pizzico di fortuna che non guasta mai Non preoccupatevi se lo zaino è diventato pesante. Sul fondo è rimasto ancora qualcosa, vi è il riflesso della propria intolleranza, della propria insensibilità e del proprio egoismo. Una salutare sosta ed uno sguardo al mondo che circonda daranno più vigore a momenti di gioia ed esaltazione che solo lassù si possono assaporare. l'alpinista o l'escursionista che conosce bene il peso del proprio zaino e coltiva l'amore della montagna trova la forza per arrancare su e giù per i sentieri pur sapendo che i mesi e gli anni passeranno, le stagioni torneranno. E se la vita continua si diventerà vecchi.

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE I CAVALLI La prima guerra mondiale sfruttò moltissimo gli animali; cani, asini, muli, cavalli e piccioni vennero largamente usati nelle operazioni militari, in un

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

checkin Tre marescialli e un caporale sul tetto del mondo In Antartide con gente viaggi 40 GenteViaggi

checkin Tre marescialli e un caporale sul tetto del mondo In Antartide con gente viaggi 40 GenteViaggi checkin a v v e n t u r a g l i a l p i n i d o p o l a s p e d i z i o n e s u l m o n t e v i n s o n Tre marescialli e un caporale sul tetto del mondo Un impresa unica, fin nei minimi particolari. «Immagini

Dettagli

SCIENZE. Le scienze e il metodo sperimentale, la materia e le sue proprietà. Le scienze e il metodo sperimentale 01.1

SCIENZE. Le scienze e il metodo sperimentale, la materia e le sue proprietà. Le scienze e il metodo sperimentale 01.1 il testo: 01.1 sperimentale Le scienze studiano i fenomeni della natura (fenomeni naturali). Spesso noi osserviamo la natura e ci chiediamo perché avvengono certi fenomeni. Ad esempio, ti sarà capitato

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola Favola africana Raccontata da hristopher Gregorowski 15 Un giorno un contadino andò alla ricerca di un vitello che si era perso. La sera prima i pastori erano ritornati senza di esso. E durante la notte

Dettagli

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni PIANO DI L ETTURA LA PIANTA MAGICA ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Orecchia Serie Azzurra n 81 Pagine: 87 Codice: 978-88-384-3564-2 Anno di pubblicazione: 2006 Dai 7 anni L AUTRICE Erminia Dell

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO

LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO RIC REI RIU' E LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO Tre strani e simpatici genietti, tra loro grandi amici, Ric Rei e Riù, se ne andavano in giro per il mondo per vedere se qualcuno poteva aver bisogno, appunto,

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

La scuola integra culture. Scheda3c

La scuola integra culture. Scheda3c Scheda3c Gli ELEMENTI DEL CLIMA che caratterizzano le condizioni meteorologiche di una regione sono: la temperatura, la pressione atmosferica, i venti, l umidità e le precipitazioni. La temperatura è data

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) QUARTA CHIACCHIERATA IL VENTO Durante la vita all aperto, si viene a contatto con un elemento naturale affascinante che

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa.

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa. 1 22 febbraio 2013 Sesto incontro Introduzione Nella Teologia Spirituale troviamo tre tappe per la crescita dello spirito. Nella Religione Cattolica le tre dimensioni sono: la purificazione, l illuminazione,

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA!

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! Un colore per ogni azione Abbiamo progettato un sistema impostato sul colore per favorire l'apprendimento dei vari comportamenti. Vignette e fumetti sono colorati per

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo 1 Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

MA CHE FREDDO FA! La prima neve di Gaia

MA CHE FREDDO FA! La prima neve di Gaia MA CHE FREDDO FA! Iniziamo con la lettura di un racconto. Lettura dell insegnante. Questo percorso didattico propone attività di analisi dei mutamenti della natura e delle attività dell uomo nella stagione

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

DOLOMITI A 360 - PASSIONE E SOLIDARIETÀ di Giuseppe Rinaldi

DOLOMITI A 360 - PASSIONE E SOLIDARIETÀ di Giuseppe Rinaldi DOLOMITI A 360 - PASSIONE E SOLIDARIETÀ di Giuseppe Rinaldi Ci sono date nella nostra vita che difficilmente ci scorderemo, la mia è quella dell 11 settembre 2011. Tanti presupposti di questa esperienza

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Ciao bambini! Mi chiamo Riky e vorrei farvi alcune domande per conoscere ciò che pensate sui rischi naturali.

Ciao bambini! Mi chiamo Riky e vorrei farvi alcune domande per conoscere ciò che pensate sui rischi naturali. Progetto P.RI.S.M.A. Percezione del rischio e sostenibilità nella montagna di Alpe Adria Novembre 2010 Ciao bambini! Mi chiamo Riky e vorrei farvi alcune domande per conoscere ciò che pensate sui rischi

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Corso Base di Scialpinismo PREPARAZIONE E CONDOTTA DI UNA GITA IN AMBIENTE INVERNALE

Corso Base di Scialpinismo PREPARAZIONE E CONDOTTA DI UNA GITA IN AMBIENTE INVERNALE Corso Base di Scialpinismo PREPARAZIONE E CONDOTTA DI UNA GITA IN AMBIENTE INVERNALE 29/10/2004 La pratica degli sport invernali al di fuori delle piste battute Che cosa si intende per sicurezza in montagna:

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 08 METEOROLOGIA NELLA PROGETTAZIONE

Dettagli

L uso delle mani e del corpo

L uso delle mani e del corpo PARTE SECONDA 77 78 1 L uso delle mani e del corpo Il contatto: massimo Il contatto delle mani e, quando possibile, delle avambraccia sul corpo, deve essere pieno e senza interruzioni. Durante il massaggio

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva La

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo La Combriccola della Mezza Luna pae e di e nd r e illustrato da Ottavia Rizzo www.lacombriccoladellamezzaluna.it A quelli che sanno sognare, perché non debbano mai smettere. A quelli che non sanno sognare,

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE Le immagini contenute in questa presentazione sono estratte da pagine web, se qualcuno dovesse trovare immagini coperte da copyright,

Dettagli

Il piccolo pezzo di argilla

Il piccolo pezzo di argilla di iana Engel Su in alto, nella vecchia torre, c era un laboratorio. Era un laboratorio di ceramica, pieno di barili di smalti colorati, col tornio del ceramista, i forni e, naturalmente, l argilla. ccanto

Dettagli

Test di Ingresso. Italiano classi prime

Test di Ingresso. Italiano classi prime Test di Ingresso Italiano classi prime 1. Inserisci nella frase il termine corretto: da, dà, da a. Ho fatto una lunga camminata casa al mare b. Non mi mai la mano c. il vestito a tua sorella 2. In quale

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

COMUNITA LA CRISALIDE

COMUNITA LA CRISALIDE COMUNITA LA CRISALIDE Via Aquila 144 80143 Napoli Tel. Fax. 081 269834 cell: 335235916 e-mail: ass.margherita@fastwebnet.it sito: www.casafamiglialacrisalide.it LA FALSA DOMANDA Quante volte abbiamo detto,

Dettagli

La storia di Charlie a cura della scuola Primaria di Gorno

La storia di Charlie a cura della scuola Primaria di Gorno Intrappolato in una miniera d'oro La storia di Charlie a cura della scuola Primaria di Gorno A Gorno c'erano le miniere di zinco e piombo, i proprietari gestivano anche le miniere d'oro in Australia. Spesso,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Auguri mamma! Festa della mamma 2014

Auguri mamma! Festa della mamma 2014 Festa della mamma 2014 Quest anno dedichiamo alla mamma un intero libro. Si tratta de L abbraccio di David Grossman, splendido nell edizione Mondadori illustrata da Michal Rovner. Il nostro libro si presenterà

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

LABORATORI SULL ARIA E SULLA PRESSIONE ATMOSFERICA (ALL.

LABORATORI SULL ARIA E SULLA PRESSIONE ATMOSFERICA (ALL. L'ARIA L'aria è una cosa leggera che ricopre tutta la terra come copre la buccia la pera ma nessuno la vede o l'afferra E' una specie di fumo lucente e anche se non si vede con gli occhi, la respira col

Dettagli

Eccoci... La partenza...

Eccoci... La partenza... Eccoci... Noi siamo due ragazzi che vogliono esplorare tutti i tipi di natura... dopo lunghi anni di ricerca siamo riusciti ad esplorarla tutta quanta e vi abbiamo portato un riassunto del nostro viaggio...

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

Francesca Gallus. Poesie in volo

Francesca Gallus. Poesie in volo Il sole sorge ed è già poesia e il profumo della vita io lo sento, quando l amore ti entra nelle vene, e un sorriso allevia le tue pene, il profumo della vita, io, lo sento! Francesca Gallus Prendi un

Dettagli

Le fondamenta del successo

Le fondamenta del successo 13 October 2014 Le fondamenta del successo Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Le fondamenta del successo? Responsabilità al 100%! Le persone di successo si assumono il 100%

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE E RESISTENTE QUANTO IL SUO ANELLO PIU DEBOLE.

LA CATENA DI ASSICURAZIONE E RESISTENTE QUANTO IL SUO ANELLO PIU DEBOLE. I componenti la catena di assicurazione li possiamo individuare semplicemente negli elementi che insieme concorrono alla sicurezza della cordata, ovviamente in caso di caduta. Gli elementi quali corda,

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore Salvatore Salamone Manuale d istruzione per Coppie che Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE!... tutto sommato un libro d amore CAPITOLO 31 Aiuto, Controllo e Conoscenza Una delle cose di cui necessita sempre

Dettagli