FLC CGIL Federazione Lavoratori della Conoscenza

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FLC CGIL Federazione Lavoratori della Conoscenza"

Transcript

1 FLC CGIL Federazione Lavoratori della Conoscenza

2 STATUTO PREMESSA Lo Statuto della Federazione Lavoratori della Conoscenza, in ottemperanza alla delibera del Direttivo Nazionale della CGIL del 17 luglio 2003, disciplina le forme strutturali ed organizzative della nuova Federazione costituita dal SNS (Sindacato Nazionale Scuola) e dallo SNUR (Sindacato Nazionale Università e Ricerca) fino al Congresso costituente. La delibera del Direttivo Nazionale della Cgil delinea il profilo della nuova Federazione e costituisce il riferimento politico e organizzativo nella costituzione della stessa. Articolo 1. PRINCIPI COSTITUTIVI DELLA FLC CGIL La Federazione Lavoratori della Conoscenza è la struttura di categoria dei lavoratori oggi organizzati dai Sindacati di categoria SNS CGIL e SNUR CGIL. Essa, fino al Congresso costituente, è organizzata quale Federazione di II livello della Confederazione Generale Italiana del Lavoro (CGIL). La Federazione fa propri i principi generali previsti dallo Statuto della CGIL e dagli Statuti del SNS e dello SNUR. La Federazione Lavoratori della Conoscenza, che ha come primo nucleo fondativo il SNS e lo SNUR, costituisce, in una prospettiva di rafforzamento della rappresentanza, il punto di riferimento politico e professionale per tutte le figure che caratterizzano il mondo della formazione e della ricerca. Con la costituzione della FLC la CGIL, il SNS e lo SNUR intendono ricostruire l unitarietà del ciclo della conoscenza (istruzione, università, formazione e ricerca) considerando tale unitarietà elemento essenziale per sviluppare politiche che rendano esigibili i diritti fondamentali e puntino ad accrescere i livelli di democrazia. Per queste ragioni, con la costituzione della Federazione, la CGIL, il SNS e lo SNUR si propongono: di migliorare la capacità di intervento a tutto campo sugli assetti istituzionali e funzionali del sistema, garantendone il carattere coerente ed integrato e una più elevata capacità di elaborazione; di garantire, attraverso la Federazione, una maggiore capacità di tutela e di rappresentanza di tutte le persone e le figure professionali tradizionali e di 1

3 quelle innovative che caratterizzano la pluralità dei settori della formazione e della ricerca, nell ambito della produzione e riproduzione del sapere. Alla Federazione sono delegate, a tutti i livelli, le competenze proprie del SNS e dello SNUR relative alle politiche di settore, alle politiche contrattuali, alle politiche organizzative. Rimangono al SNS e allo SNUR le competenze non trasferibili per vincoli giuridici o statutari che potranno essere delegate successivamente. Contestualmente alla attribuzione di dette deleghe, la Federazione assume anche la direzione e/o coordinamento politico dei corrispondenti organismi non congressuali previsti dallo Statuto del SNS e dello SNUR. Articolo 2. RAPPORTO CON GLI ISCRITTI Con la costituzione della Federazione di II livello, e fino alle citate scadenze congressuali, resta immutato il rapporto associativo dei lavoratori iscritti, o che si iscriveranno, rispettivamente al SNS e SNUR. Lo Statuto della CGIL, quello del SNS e dello SNUR regolano le modalità dell adesione alla CGIL, il sistema contributivo, i diritti e i doveri degli iscritti, le regole di democrazia e le norme di incompatibilità, fatte salve le specifiche normative di cui al presente Statuto. Articolo 3. STRUTTURE E FORME ORGANIZZATIVE La FLC CGIL si articola nelle seguenti strutture: 1. Nazionale 2. Regionale 3. Provinciale Articolo 4. ORGANI DELLA FLC CGIL Gli Organi della FLC CGIL a tutti i livelli sono: 1. Il Direttivo 2. La Segreteria 3. Il Collegio dei Sindaci Revisori Articolo 5. DIRETTIVO NAZIONALE Il Direttivo Nazionale è formato, all atto della costituzione della FLC CGIL, dai componenti i Comitati Direttivi Nazionali del SNS e dello SNUR. Il Centro regolatore 2

4 confederale sottoporrà alla votazione dei citati Direttivi la composizione del Direttivo Nazionale FLC CGIL. La decadenza per qualsiasi motivo da componente i Comitati Direttivi del SNS o dello SNUR comporta la decadenza dal Direttivo della Federazione. Le conseguenti variazioni nella composizione saranno poste in approvazione con voto palese al Direttivo stesso su proposta della Segreteria Nazionale. Il Direttivo Nazionale della Federazione elegge a voto palese: 1. il Segretario Generale; 2. i componenti la Segreteria Nazionale. Il Direttivo Nazionale inoltre: delibera circa i bilanci preventivi e consuntivi della FLC CGIL; elegge un Presidente ed un Ufficio di Presidenza; stabilisce un proprio regolamento di funzionamento. Il Direttivo Nazionale della Federazione, oltre alle materie relative alla politica generale in tema di istruzione, formazione, università e ricerca, sulla base delle deleghe di cui all art. 1 del presente Statuto: stabilisce le linee generali di indirizzo sulla contrattazione; sviluppa le politiche della comunicazione; definisce la politica delle risorse; sviluppa la politica organizzativa della federazione; delibera, su proposta della Segreteria, la costituzione di ulteriori organismi non congressuali coerenti con i comparti contrattuali, garantendo l unitarietà della rappresentanza; attua la politica dei quadri e la formazione sindacale a tutti i livelli; coordina, anche relazionandosi con le altre strutture confederali competenti, il settore di intervento relativo alle iniziative sulle forme di lavoro precario e sulle politiche di privatizzazione ed esternalizzazione dei servizi; può decidere l elezione di un organismo con funzioni di direzione operativa, fissandone compiti e poteri; elegge gli ispettori amministrativi, definendone il numero. La Federazione, nel quadro della politica internazionale della CGIL, opererà per costruire e/o consolidare rapporti di relazione e collaborazione con le Organizzazioni Sindacali e le Associazioni impegnate nella formazione, cooperazione e solidarietà, assumendo le competenze del SNS e dello SNUR. 3

5 Ai lavori del Direttivo Nazionale partecipano, in quanto invitati permanenti, il coordinatore degli ispettori amministrativi della FLC CGIL, i componenti effettivi dei Collegi di verifica del SNS e SNUR, il presidente del Collegio dei Sindaci Revisori della Federazione. La Federazione, nelle Province e nelle Regioni in cui vivono minoranze linguistiche storiche, è impegnata a rappresentare le problematiche del personale che presta servizio nelle istituzioni delle popolazioni appartenenti a minoranze linguistiche. Articolo 6. SEGRETERIA NAZIONALE La Segreteria Nazionale, all atto della costituzione della FLC CGIL e fino al Congresso costitutivo, è formata dai componenti le Segreterie Nazionali SNS e SNUR in carica al momento della costituzione della Federazione, e viene sottoposta dal Segretario Generale alla votazione palese del Direttivo Nazionale. Nell ambito della Segreteria il Segretario Generale propone il Vice Segretario Generale con funzioni vicarie. Successive variazioni nella composizione della stessa, saranno poste in approvazione con voto palese dal Direttivo Nazionale, sempre su proposta del Segretario Generale. La Segreteria Nazionale è l organo che attua le decisioni del Direttivo Nazionale e assicura la gestione continuativa della Federazione. La segreteria funziona collegialmente e si riunisce su convocazione del Segretario Generale. La Segreteria Nazionale mantiene i rapporti con la Confederazione e con le altre strutture della CGIL. Il Segretario Generale propone inoltre alla Segreteria la ripartizione degli incarichi interni. La stessa procedura viene attuata in caso di revoca degli incarichi. La rappresentanza legale della FLC CGIL di fronte a terzi ed in giudizio è affidata: 1. al Segretario Generale, fatte salve le materie di cui al punto successivo, o, in caso di impedimento o assenza, al Vice Segretario; 2. ad altra persona nominata con formale delibera della Segreteria, per tutti i negozi giuridici di carattere amministrativo, fiscale previdenziale, finanziario e della sicurezza sul lavoro; anche questo incarico può essere revocato in qualsiasi momento con delibera della Segreteria. Articolo 7. LA FLC CGIL REGIONALE In tutte le regioni e province autonome sono costituite le strutture della FLC CGIL. Sono organi di dette strutture: 1. Il Direttivo Regionale o delle province autonome; 4

6 2. La Segreteria Regionale o delle province autonome; 3. Il Collegio dei Sindaci revisori. Il Direttivo Regionale o delle province autonome è di norma formato, all atto della costituzione della FLC CGIL, dai componenti dei Comitati Direttivi Regionali SNS e SNUR. Stante le diversità organizzative oggi esistenti tra SNS e SNUR, nelle regioni dove lo SNUR non è presente con il Comitato Direttivo Regionale, in presenza di un Coordinamento regionale delle strutture territoriali approvato dagli organismi direttivi territoriali, il Direttivo Regionale della Federazione sarà composto dal Comitato Direttivo del SNS e dal Coordinamento regionale SNUR. In assenza di uno dei due organismi di categoria la Federazione è comunque costituita dall organismo formalmente presente in quella Regione. I centri regolatori competenti sottoporranno al voto palese delle citate strutture la composizione del Direttivo Regionale o delle province autonome. Successive variazioni nella composizione saranno poste in approvazione con voto palese al Direttivo stesso dal Segretario generale. Il Direttivo Regionale o delle province autonome della Federazione elegge a voto palese: 1. il Segretario Generale Regionale; 2. i componenti la Segreteria Regionale. Il Direttivo Regionale o delle province autonome inoltre: delibera circa i bilanci preventivi e consuntivi della FLC CGIL; elegge un Presidente ed un Ufficio di Presidenza; stabilisce un proprio regolamento di funzionamento. Il Direttivo Regionale della Federazione, oltre alle materie relative alle politiche regionali in tema di istruzione, formazione, università e ricerca, sulla base delle deleghe di cui all art. 1 del presente Statuto: coordina le iniziative politiche, rivendicative ed organizzative; predispone piattaforme regionali; definisce indirizzi e riferimenti di carattere organizzativo, di interesse delle strutture provinciali; attua la politica dei quadri e la formazione sindacale; coordina le linee generali di indirizzo sulla contrattazione integrativa; sviluppa le politiche della comunicazione; sviluppa la politica organizzativa della Federazione; 5

7 attua le decisioni del Direttivo Nazionale relative alla costituzione, ove prevista per tale livello, degli organismi non congressuali coerenti con i comparti contrattuali. Articolo 8. LA SEGRETERIA REGIONALE: All atto della costituzione della FLC CGIL Regionale, e in fase di prima applicazione, la Segreteria Regionale è formata, di norma, dai componenti le Segreterie Regionali SNS e SNUR. Stante le diversità organizzative oggi esistenti tra SNS e SNUR, nelle regioni dove lo SNUR è presente in forma di Coordinamento regionale delle strutture territoriali di cui all articolo precedente, le Segreterie sono formate, di norma, dai componenti le Segreterie Regionali SNS e dai rappresentanti del Coordinamento regionale SNUR all uopo designati. Variazioni successive nella composizione della stessa, saranno poste in approvazione con voto palese dal Direttivo Regionale su proposta del Segretario Generale. La Segreteria Regionale è organo esecutivo della FLC CGIL regionale. Il Segretario Generale rappresenta la FLC CGIL regionale di fronte a terzi ed in giudizio. In caso di impedimento o assenza, tale rappresentanza è assunta da persona delegata dal Segretario Generale. Articolo 9. LA FLC CGIL PROVINCIALE In tutte le Camere del Lavoro metropolitane o provinciali sono costituite le strutture della FLC CGIL. Sono organi di dette strutture: 1. Il Direttivo provinciale 2. La Segreteria provinciale 3. Il Collegio dei Sindaci revisori Il Direttivo provinciale è di norma formato, all atto della costituzione della FLC CGIL, dai componenti dei Direttivi Provinciali SNS e SNUR. Stante le diversità organizzative oggi esistenti tra SNS e SNUR, nelle strutture provinciali dove lo SNUR è presente nel territorio con Comitati degli Iscritti eletti nelle diverse realtà aziendali, la presenza dello SNUR nel Direttivo è garantita da: i componenti il Comitato Direttivo regionale SNUR attribuibili a quel territorio; una rappresentanza dei componenti i Comitati degli iscritti provinciali approvata dagli stessi e organizzata in forma di coordinamento. 6

8 In assenza di uno dei due organismi di categoria la Federazione è comunque costituita dall organismo formalmente presente in quella provincia. I centri regolatori competenti sottoporranno al voto palese delle citate strutture la composizione del Direttivo Provinciale. Successive variazioni nella composizione saranno poste in approvazione con voto palese al Direttivo stesso dal Segretario Provinciale. Il Direttivo Provinciale elegge a voto palese: 1. il Segretario Generale Provinciale; 2. i componenti la Segreteria Provinciale. Il Direttivo Provinciale inoltre: delibera circa i bilanci preventivi e consuntivi provinciali della FLC CGIL; elegge un Presidente ed un ufficio di Presidenza; stabilisce un proprio regolamento di funzionamento. Il Direttivo Provinciale della Federazione, oltre alle materie relative alla politiche provinciali in tema di istruzione, formazione, università e ricerca, sulla base delle deleghe di cui all art. 1 del presente Statuto: coordina le iniziative politiche e rivendicative concernenti il livello provinciale, comprese quelle relative allo sviluppo della contrattazione integrativa in rapporto con le RSU; sviluppa la politica dei quadri e la formazione sindacale; sviluppa le politiche della comunicazione; sviluppa la politica organizzativa della Federazione e cura il proselitismo; coordina i Comitati degli Iscritti; attua le decisioni del Direttivo Nazionale relative alla costituzione, ove prevista per tale livello, degli organismi non congressuali coerenti con i comparti contrattuali. Articolo 10. LA SEGRETERIA PROVINCIALE.All atto della costituzione della FLC CGIL provinciale, e in fase di prima applicazione, la Segreteria provinciale è formata, di norma, dai componenti le Segreterie provinciali SNS e SNUR. Stante le diversità organizzative oggi esistenti tra SNS e SNUR, nelle Camere del Lavoro dove lo SNUR è presente in forma di Comitati degli iscritti eletti nelle diverse 7

9 realtà aziendali, le Segreterie sono formate, di norma, dai componenti le Segreterie Provinciali SNS e dai rappresentanti del Coordinamento territoriale SNUR all uopo designati. Variazioni successive nella composizione della stessa, saranno poste in approvazione con voto palese dal Direttivo Provinciale su proposta del Segretario Generale. La Segreteria Provinciale è organo esecutivo della FLC CGIL provinciale. Il Segretario Generale rappresenta la FLC CGIL Provinciale di fronte a terzi ed in giudizio. In caso di impedimento o assenza, tale rappresentanza è assunta da persona delegata dal Segretario Provinciale. Articolo 10. RISORSE ECONOMICHE E AMMINISTRAZIONE Il funzionamento degli organi della FLC CGIL è garantito dagli stanziamenti fissati dalle strutture SNS e SNUR ai vari livelli, in occasione della istituzione ai livelli medesimi della nuova Federazione. Le risorse attribuite alla Federazione sono commisurate alle competenze e deleghe ad essa attribuite. La Federazione, in tutte le sue articolazioni, non può distribuire agli associati, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale, durante la vita dell associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge. In caso di scioglimento, per qualunque causa, il patrimonio, salvo diversa destinazione imposta dalla legge, sarà attribuito ad altra istanza della CGIL designata dal Centro regolatore competente, sentito l organismo di controllo previsto dall art. 3, comma 190, della legge 23 dicembre 1996 n 662. Alla Federazione si applicano le norme previste dalla legge e dallo Statuto della CGIL in materia di responsabilità giuridica e amministrativa, in particolare quelle previste dall art. 25 dello Statuto CGIL. Articolo 11. DISPOSIZIONE FINALE Per quanto non previsto dal presente Statuto si applicano tutte le disposizioni previste dagli Statuti della CGIL, del SNS, dello SNUR, nonché quelle previste dal regolamento della CGIL e dalle delibere regolamentari approvate dal Comitato Direttivo della CGIL che costituiscono parte integrante dello Statuto della CGIL 8

Segreteria Regionale di Basilicata STATUTO DELLA FEDERAZIONE CISL-MEDICI REGIONE BASILICATA

Segreteria Regionale di Basilicata STATUTO DELLA FEDERAZIONE CISL-MEDICI REGIONE BASILICATA STATUTO DELLA FEDERAZIONE CISL-MEDICI REGIONE BASILICATA 2 ART. 1 Costituzione E costituita la Federazione dei medici della CISL, denominata Federazione CISL-Medici Basilicata con sede a Potenza conseguente

Dettagli

Statuto CISL Scuola e Formazione Federazione Regionale Lombardia

Statuto CISL Scuola e Formazione Federazione Regionale Lombardia Statuto CISL Scuola e Formazione Federazione Regionale Lombardia CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Costituzione 1. E' costituita la Federazione Regionale denominata CISL Scuola e Formazione Lombardia (di

Dettagli

REGOLAMENTO CONSULTA PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO CONSULTA PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO CONSULTA PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 224/21.12.2006 In vigore dal 1 febbraio 2007 SOMMARIO Articolo 1 - Compiti

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Sindacato Sociale e Lavoro Insieme In sigla SINDACATO SLI

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Sindacato Sociale e Lavoro Insieme In sigla SINDACATO SLI STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Sindacato Sociale e Lavoro Insieme In sigla SINDACATO SLI Art. 1 Costituzione È costituita, con sede in Casalnuovo di Napoli, l Associazione denominata Sindacato Sociale e Lavoro

Dettagli

CISL PENSIONATI Asse del Po

CISL PENSIONATI Asse del Po ^ CISL PENSIONATI Asse del Po STATUTO DELLA FNP-CISL ASSE DEL PO CREMONA E MANTOVA Capitolo I - Costituzione e scopi Art. 1 - E' costituita la Federazione Nazionale Pensionati Cisl Territoriale Asse del

Dettagli

Rinnovo degli AA.CC.NN. per la disciplina dei rapporti con il personale convenzionato con il S.S.N. medici e altre professionalità sanitarie

Rinnovo degli AA.CC.NN. per la disciplina dei rapporti con il personale convenzionato con il S.S.N. medici e altre professionalità sanitarie Rinnovo degli AA.CC.NN. per la disciplina dei rapporti con il personale convenzionato con il S.S.N. medici e altre professionalità sanitarie (comma 27, articolo 52, Legge 27 dicembre 2002, n. 289) 1 CONFERENZA

Dettagli

STATUTO CGIL CALABRIA TITOLO 1 PRINCIPI COSTITUTIVI. La CGIL CALABRIA è parte della Confederazione Generale Italiana del

STATUTO CGIL CALABRIA TITOLO 1 PRINCIPI COSTITUTIVI. La CGIL CALABRIA è parte della Confederazione Generale Italiana del STATUTO CGIL CALABRIA TITOLO 1 PRINCIPI COSTITUTIVI art. 1 La CGIL CALABRIA è parte della Confederazione Generale Italiana del Lavoro (CGIL), un'organizzazione sindacale generale di natura programmatica,

Dettagli

F.A.S.S.I.D Federazione AIPaC SNR - SIMeT Dirigenti

F.A.S.S.I.D Federazione AIPaC SNR - SIMeT Dirigenti F.A.S.S.I.D Federazione AIPaC SNR - SIMeT Dirigenti Art. 1 Costituzione STATUTO 1. E costituita la Federazione Patologi clinici, Radiologi, Medici del Territorio e Dirigenti Specialisti, contraddistinta

Dettagli

FEDERAZIONE DELLE BANCHE, DELLE ASSICURAZIONI E DELLA FINANZA. Statuto

FEDERAZIONE DELLE BANCHE, DELLE ASSICURAZIONI E DELLA FINANZA. Statuto FEDERAZIONE DELLE BANCHE, DELLE ASSICURAZIONI E DELLA FINANZA Statuto Articolo 1 (Natura, soci e sede) E costituita una Federazione tra l Associazione bancaria italiana (ABI), l Associazione nazionale

Dettagli

Città di Desenzano del Garda. Approvato con deliberazione di C.C. n. 45 del 18/06/2004 Aggiornato con deliberazione di C.C. n.

Città di Desenzano del Garda. Approvato con deliberazione di C.C. n. 45 del 18/06/2004 Aggiornato con deliberazione di C.C. n. Città di Desenzano del Garda Approvato con deliberazione di C.C. n. 45 del 18/06/2004 Aggiornato con deliberazione di C.C. n. 81 del 30/09/2009 I N D I C E ART. 1 - ISTITUZIONE... 1 ART. 2 - FINALITA...

Dettagli

STATUTO. del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani

STATUTO. del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani STATUTO del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani ART. 1 E costituito il Coordinamento Nazionale degli Enti locali per la Pace e i Diritti Umani (di seguito denominato

Dettagli

Gilda degli Insegnanti

Gilda degli Insegnanti Regolamento regionale della Gilda degli Insegnanti [Approvato dall'assemblea regionale di Padova del 27 gennaio 2007] Art. 1 Finalità a. Le Gilde degli insegnanti delle province, in coerenza con lo Statuto

Dettagli

GILDA DEGLI INSEGNANTI PROVINCIA DI LATINA Sede prov le Via Picasso, 32 Latina tel \fax 0773\600812

GILDA DEGLI INSEGNANTI PROVINCIA DI LATINA Sede prov le Via Picasso, 32 Latina tel \fax 0773\600812 GILDA DEGLI INSEGNANTI PROVINCIA DI LATINA Sede prov le Via Picasso, 32 Latina tel \fax 0773\600812 GILDA DEGLI INSEGNANTI DELLA PROVINCIA DI LATINA : REGOLAMENTO PROVINCIALE Art. 1.Organismi Provinciali

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA (di seguito anche Regione ) e UNIONE PROVINCE LOMBARDE (di seguito anche UPL), per l istituzione del Tavolo permanente di consultazione istituzionale in materia

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DEL MONDO PRODUTTIVO

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DEL MONDO PRODUTTIVO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DEL MONDO PRODUTTIVO Articolo 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina l attività della Consulta delle

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO Allegato alla deliberazione C.C. n. 24 del 2/4/2012 Il Presidente Il Segretario F.to Frigerio Ft.to Urbano Unità Organizzativa Servizi Sociali REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO 1 INDICE Articolo

Dettagli

UNIONE REGIONALE VENETA DELLE BONIFICHE DELLE IRRIGAZIONI E DEI MIGLIORAMENTI FONDIARI S T A T U T O

UNIONE REGIONALE VENETA DELLE BONIFICHE DELLE IRRIGAZIONI E DEI MIGLIORAMENTI FONDIARI S T A T U T O UNIONE REGIONALE VENETA DELLE BONIFICHE DELLE IRRIGAZIONI E DEI MIGLIORAMENTI FONDIARI S T A T U T O VENEZIA 15/06/2010 Art. 1 Denominazione Sede L Unione Regionale Veneta delle Bonifiche, delle Irrigazioni

Dettagli

Città Metropolitana di Roma Capitale REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DI CONTROLLO E GARANZIA

Città Metropolitana di Roma Capitale REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DI CONTROLLO E GARANZIA Città Metropolitana di Roma Capitale REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DI CONTROLLO E GARANZIA Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 72 del 21 dicembre 2015 INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

STATUTO SLC (Adeguato ai sensi del DL 460/97, in sede di CDN SLC del 11/12/1998)

STATUTO SLC (Adeguato ai sensi del DL 460/97, in sede di CDN SLC del 11/12/1998) Sindacato Lavoratori Comunicazione STATUTO SLC (Adeguato ai sensi del DL 460/97, in sede di CDN SLC del 11/12/1998) TITOLO I Principi costitutivi Art. 1 Definizione 1. Il Sindacato dei Lavoratori della

Dettagli

STATUTO APPROVATO ALL ASSEMBLEA: Roma, 11 Novembre 2005

STATUTO APPROVATO ALL ASSEMBLEA: Roma, 11 Novembre 2005 ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL PARTITO POPOLARE EUROPEO A.I.P.P.E. STATUTO APPROVATO ALL ASSEMBLEA: Roma, 11 Novembre 2005 Sede Nazionale Viale Bardanzellu, 95 00155 Roma Tel. 06/4071388 fax 06/4065941 E-mail:

Dettagli

C O M U N E D I C O R A T O

C O M U N E D I C O R A T O C O M U N E D I C O R A T O (CITTÀ METROPOLITANA DI BARI) REGOLAMENTO DELLA CONSULTA PERMANENTE DELLO SPORT (Approvato con Delibera di C.C. n. 87 del 24.10.2016) INDICE Art. 1 - Finalità Art. 2 - Competenze

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA'

COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA' COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA' Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Regolamento del Partito Democratico della Federazione di Cremona

Regolamento del Partito Democratico della Federazione di Cremona Regolamento del Partito Democratico della Federazione di Cremona Titolo I - Principi generali Articolo 1 Il Partito Democratico della provincia di Cremona si costituisce sulla base dei principi e delle

Dettagli

Statuto di Federazione Territoriale CISL SCUOLA Cremona Lodi - Mantova

Statuto di Federazione Territoriale CISL SCUOLA Cremona Lodi - Mantova Statuto di Federazione Territoriale CISL SCUOLA Cremona Lodi - Mantova CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Costituzione E' costituita la Federazione Territoriale denominata CISL Scuola e Formazione di Cremona

Dettagli

STATUTO PROVINCIALE. Approvato dall Assemblea Provinciale UNPLI PESCARA del 16 marzo 2005 Pagina 1

STATUTO PROVINCIALE. Approvato dall Assemblea Provinciale UNPLI PESCARA del 16 marzo 2005 Pagina 1 STATUTO PROVINCIALE Art. 1 Costituzione e denominazione 1. Il Comitato Provinciale UNPLI di Pescara, costituita con scrittura privata il 14 marzo 2000 e registrata presso l Agenzia delle Entrate, Ufficio

Dettagli

Terziario Donna. Regolamento. (approvato il 16 ottobre 2013)

Terziario Donna. Regolamento. (approvato il 16 ottobre 2013) Terziario Donna Regolamento (approvato il 16 ottobre 2013) STATUTO CONFCOMMERCIO.omissis Art. 16 Gruppo Terziario Donna 1. Presso Confcommercio-Imprese per l Italia è costituito il Gruppo Terziario Donna,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL LAVORO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL LAVORO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL LAVORO Art. 1 - Competenze La Consulta Comunale del Lavoro è un organo con funzioni propositive e consultive nei confronti della Amministrazione Comunale in materia di politiche

Dettagli

Statuto della Fondazione Forum Permanente ANIA Consumatori

Statuto della Fondazione Forum Permanente ANIA Consumatori Statuto della Fondazione Forum Permanente ANIA Consumatori Art. 1 Costituzione La Fondazione Forum Permanente ANIA - Consumatori, di seguito Forum, è costituita su iniziativa dell ANIA Associazione Nazionale

Dettagli

Città di Seregno. Regolamento delle Consulte

Città di Seregno. Regolamento delle Consulte Città di Seregno Regolamento delle Consulte Art. 1 - Istituzione delle Consulte Comunali 1. Il Comune di Seregno valorizza le libere forme associative per la partecipazione dei cittadini all attività amministrativa,

Dettagli

ARTICOLO 1. (Scopi, finalità e sede dell Associazione)

ARTICOLO 1. (Scopi, finalità e sede dell Associazione) C.A.R.D. Veneto Confederazione Associazioni Regionali di Distretto REGIONE VENETO ----------------------------------- ASSOCIAZIONE OPERATORI DEI DISTRETTI SANITARI e SOCIO-SANITARI DEL VENETO 1 ARTICOLO

Dettagli

SINDACATO NAZIONALE AUTONOMO LAVORATORI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO MINISTRI (SNAPRECOM) S T A T U T O TITOLO I

SINDACATO NAZIONALE AUTONOMO LAVORATORI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO MINISTRI (SNAPRECOM) S T A T U T O TITOLO I SINDACATO NAZIONALE AUTONOMO LAVORATORI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO MINISTRI (SNAPRECOM) S T A T U T O TITOLO I (Costituzione - Scopi - Associati - Organi) Art. 1 E costituito, con sede in Roma lo Snaprecom,

Dettagli

FEDERFARMA LAZIO - STATUTO

FEDERFARMA LAZIO - STATUTO ARTICOLO 1 E costituita, con sede in Roma, Via dei Tizii n. 10, l Associazione denominata: FEDERFARMA LAZIO ARTICOLO 2 1. La FEDERFARMA LAZIO riunisce e rappresenta le Associazioni Sindacali Provinciali

Dettagli

STATUTO CONSULTA PARI OPPORTUNITA DEL COMUNE DI ALBA

STATUTO CONSULTA PARI OPPORTUNITA DEL COMUNE DI ALBA STATUTO CONSULTA PARI OPPORTUNITA DEL COMUNE DI ALBA ART. 1 ISTITUZIONE 1. In attuazione del principio di parità sancito dall art. 3 della Costituzione Italiana viene istituita dall Amministrazione Comunale

Dettagli

STATUTO. FEDERSANITÀ-ANCI Federazione Umbria

STATUTO. FEDERSANITÀ-ANCI Federazione Umbria STATUTO della FEDERAZIONE REGIONALE DELLE AZIENDE E DELLE CONFERENZE SANITARIE LOCALI FEDERSANITÀ-ANCI Federazione Umbria Statuto modificato dall Assemblea del 26 novembre 2010 INDICE TITOLO I Art. 1 Costituzione,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERATENEO DI INTERESSE REGIONALE PER LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI SECONDARI. Art. 1 Istituzione

REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERATENEO DI INTERESSE REGIONALE PER LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI SECONDARI. Art. 1 Istituzione REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERATENEO DI INTERESSE REGIONALE PER LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI SECONDARI Art. 1 Istituzione È istituito, ai sensi dell art. 20 del vigente Statuto dell Università degli Studi

Dettagli

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA'

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA' Citta'di Casoria REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA' approvato dal Consiglio Comunale con atto n 9 del 23.03.2017-1 Articolo 1 ISTITUZIONE E SEDE Al fine di favorire la piena integrazione

Dettagli

PIANO SOCIALE DI ZONA Ambito territoriale Modugno Bitetto Bitritto REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE

PIANO SOCIALE DI ZONA Ambito territoriale Modugno Bitetto Bitritto REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE PIANO SOCIALE DI ZONA Ambito territoriale Modugno Bitetto Bitritto REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 14/2010 Articolo 1 DEFINIZIONE

Dettagli

CITTA DI GROSSETO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARITA E LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA

CITTA DI GROSSETO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARITA E LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA CITTA DI GROSSETO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARITA E LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA approvato con deliberazione C.C. n. 96 del 15/11/2006 e modificato con deliberazione C.C. n.

Dettagli

STATUTO CONSULTA COMUNALE GIOVANILE

STATUTO CONSULTA COMUNALE GIOVANILE STATUTO CONSULTA COMUNALE GIOVANILE TITOLO 1- DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Fonti normative Le disposizioni contenute nel presente statuto trovano il loro fondamento giuridico nella legge n 267/2000, T.U.

Dettagli

La CGIL STRUTTURA e SISTEMA DI FINANZIAMENTO. a cura del Dipartimento Politiche Organizzative CGIL Lombardia

La CGIL STRUTTURA e SISTEMA DI FINANZIAMENTO. a cura del Dipartimento Politiche Organizzative CGIL Lombardia La CGIL STRUTTURA e SISTEMA DI FINANZIAMENTO a cura del Dipartimento Politiche Organizzative CGIL Lombardia LA STRUTTURA La CGIL nel Territorio CAMERA del LAVORO Territoriale o Metropolitana Categoria

Dettagli

CONFEDERAZIONE GENERALE ITALIANA DEL LAVORO

CONFEDERAZIONE GENERALE ITALIANA DEL LAVORO CONFEDERAZIONE GENERALE ITALIANA DEL LAVORO organizzazione sindacale generale di natura programmatica, unitaria e democratica, plurietnica, di donne e uomini promuove la libera associazione e l auto tutela

Dettagli

Art. 18 L UNIONE NAZIONALE Tutti i Sindacati Provinciali e Regionali costituiscono l Unione Italiana Lavoratori Metalmeccanici (UILM).

Art. 18 L UNIONE NAZIONALE Tutti i Sindacati Provinciali e Regionali costituiscono l Unione Italiana Lavoratori Metalmeccanici (UILM). Art. 1 DENOMINAZIONE, SEDE La Unione Italiana Lavoratori Metalmeccanici (UILM): è l Organizzazione sindacale, democratica dei metalmeccanici, aperta alla partecipazione di tutti i lavoratori e lavoratrici

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO CONSILIARE ULIVO PARTITO DEMOCRATICO. Art. 1 Oggetto e finalità

REGOLAMENTO DEL GRUPPO CONSILIARE ULIVO PARTITO DEMOCRATICO. Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO DEL GRUPPO CONSILIARE ULIVO PARTITO DEMOCRATICO AI SENSI DELL ART. 23 CO. 5 DELLO STATUTO DEL P.D. APPROVATO DALL ASSEMBLEA COSTITUENTE NAZIONALE IL 16.02.2008 Art. 1 Oggetto e finalità 1.1

Dettagli

REGOLAMENTO CONGRESSUALE (Approvato dal Consiglio Nazionale di Slow Food Italia, novembre 2013)

REGOLAMENTO CONGRESSUALE (Approvato dal Consiglio Nazionale di Slow Food Italia, novembre 2013) REGOLAMENTO CONGRESSUALE (Approvato dal Consiglio Nazionale di Slow Food Italia, novembre 2013) Il Consiglio Nazionale di Slow Food Italia ha approvato il regolamento che stabilisce tempi e modi con i

Dettagli

PREMESSA IL SISTEMA TRADIZIONALE IL SISTEMA MONISTICO IL SISTEMA DUALISTICO

PREMESSA IL SISTEMA TRADIZIONALE IL SISTEMA MONISTICO IL SISTEMA DUALISTICO PREMESSA IL SISTEMA TRADIZIONALE Principali innovazioni Il Consiglio di Amministrazione Il Collegio Sindacale IL SISTEMA DUALISTICO Principali caratteristiche Il Consiglio di Gestione Il Consiglio di Sorveglianza

Dettagli

COMUNICAZIONE DEL SINDACO METROPOLITANO IN ORDINE A MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO METROPOLITANO DELLA CITTÀ METROPOLITANA DI MILANO

COMUNICAZIONE DEL SINDACO METROPOLITANO IN ORDINE A MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO METROPOLITANO DELLA CITTÀ METROPOLITANA DI MILANO COMUNICAZIONE DEL SINDACO METROPOLITANO IN ORDINE A MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO METROPOLITANO DELLA CITTÀ METROPOLITANA DI MILANO Art. 1 Oggetto e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI. Art. 1 Costituzione e finalità

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI. Art. 1 Costituzione e finalità Allegato alla deliberazione consiliare n. 45 del 18/04/2012 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI Art. 1 Costituzione e finalità Il Comune di Senigallia riconosce nei giovani

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO DI PARTECIPAZIONE SDS PISANA (ALLEGATO A - VERBALE DEL ) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO DEL COMITATO DI PARTECIPAZIONE SDS PISANA (ALLEGATO A - VERBALE DEL ) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato 2 delib. 3_2011 REGOLAMENTO DEL COMITATO DI PARTECIPAZIONE SDS PISANA (ALLEGATO A - VERBALE DEL 30.12.2010) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 FINALITA DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI TAVOLI ALLARGATI DI PARTECIPAZIONE ALLA VITA AMMINISTRATIVA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI TAVOLI ALLARGATI DI PARTECIPAZIONE ALLA VITA AMMINISTRATIVA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI TAVOLI ALLARGATI DI PARTECIPAZIONE ALLA VITA AMMINISTRATIVA Approvato con delibera di C.C. n.52 del 15.09.2009 Modificato con delibera di C.C..67 del 30.11.2009 INDICE

Dettagli

ISTITUZIONE DELLA CONSULTA COMUNALE PER L'INTEGRAZIONE DELLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E DELLE LORO FAMIGLIE. IL CONSIGLIO

ISTITUZIONE DELLA CONSULTA COMUNALE PER L'INTEGRAZIONE DELLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E DELLE LORO FAMIGLIE. IL CONSIGLIO P.G. N.: 78687/2001 N. O.d.G.: 190/2001 N. Archivio: 108 Data Seduta Giunta: 22/05/2001 Data Seduta Consiglio: 10/09/2001 Data Pubblicazione: 12/09/2001 Data Esecutività: 22/09/2001 ISTITUZIONE DELLA CONSULTA

Dettagli

Centro di Servizi InfoSapienza Regolamento Organizzativo (DR n del 29/07/2011)

Centro di Servizi InfoSapienza Regolamento Organizzativo (DR n del 29/07/2011) Centro di Servizi InfoSapienza Regolamento Organizzativo (DR n. 2498 del 29/07/2011) Art. 1 - Costituzione Il Centro InfoSapienza, di seguito richiamato Centro, è un Centro di spesa ad ordinamento speciale,

Dettagli

Statuto del Sindacato Nazionale Consulenti in Proprietà Industriale (SICPI)

Statuto del Sindacato Nazionale Consulenti in Proprietà Industriale (SICPI) Statuto del Sindacato Nazionale Consulenti in Proprietà Industriale (SICPI) Art. 1 - Costituzione e Sede 1. E' costituito, ai sensi degli artt. 36 e segg. c.c., il SINDACATO NAZIONALE DEI CONSULENTI IN

Dettagli

Coordinamento Provinciale di Venezia

Coordinamento Provinciale di Venezia Coordinamento Provinciale di Venezia Regolamento Finaziario 1 1 ) Approvato dalla Direzione Provinciale del 12 maggio 2008 1 Le donne e gli uomini del Partito Democra tico si impegnano a contribuire personalmen

Dettagli

RICHIAMATI CONSAPEVOLI

RICHIAMATI CONSAPEVOLI I Difensori civici delle Regioni a Statuto ordinario e speciale e delle Province Autonome di Trento e Bolzano, riuniti a Roma i giorni 23 settembre e 7 ottobre 2003, RICHIAMATI l atto costitutivo dell

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEL VOLONTARIATO E DELLA PROMOZIONE SOCIALE Approvato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI CITTADINI STRANIERI E DEGLI APOLIDI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI CITTADINI STRANIERI E DEGLI APOLIDI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI CITTADINI STRANIERI E DEGLI APOLIDI Regolamento approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 76 del 20.11.2008 Indice Art. 1 Principi 2 Art. 2 Istituzione 2 Art.

Dettagli

FEDERMANAGER PARMA REGOLAMENTO. Delibera del Consiglio Direttivo del ed approvato nella Assemblea Ordinaria del

FEDERMANAGER PARMA REGOLAMENTO. Delibera del Consiglio Direttivo del ed approvato nella Assemblea Ordinaria del FEDERMANAGER PARMA REGOLAMENTO Delibera del Consiglio Direttivo del 16.05.2008 ed approvato nella Assemblea Ordinaria del 29.05.2008 REGOLAMENTO ART.1 - POSIZIONE ASSOCIATIVA ART. 1.1 - QUOTA ASSOCIATIVA

Dettagli

ASSESSORATO ALLE POLITICHE DELLA SALUTE

ASSESSORATO ALLE POLITICHE DELLA SALUTE R E G I O N E P U G L I A ASSESSORATO ALLE POLITICHE DELLA SALUTE Regolamento Disposizioni regolamentari per la disciplina delle Aziende Ospedaliero Universitarie della Regione Puglia ai sensi del D.L.gs

Dettagli

TITOLO 1 Denominazione, Sede, Scopo. Art. 1) E costituita l Associazione Diocesana Milanese PROmozione RAdiotelevisiva (in forma abbreviata PRO.RA.

TITOLO 1 Denominazione, Sede, Scopo. Art. 1) E costituita l Associazione Diocesana Milanese PROmozione RAdiotelevisiva (in forma abbreviata PRO.RA. STATUTO della Associazione PROmozione RAdiotelevisiva - Associazione Diocesana Milanese (in forma abbreviata PRO.RA.) SEDE: Via Guglielmo Silva, 36 20145 MILANO TITOLO 1 Denominazione, Sede, Scopo Art.

Dettagli

REGOLAMENTO FINANZIARIO

REGOLAMENTO FINANZIARIO REGOLAMENTO FINANZIARIO APPROVATO DALLA DIREZIONE METROPOLITANA DEL 3 GIUGNO 2014 Art. 1 Ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina l attività economica, finanziaria e patrimoniale del Partito

Dettagli

COMITATO MANIFESTAZIONI LOCALI SORAGA

COMITATO MANIFESTAZIONI LOCALI SORAGA COMITATO MANIFESTAZIONI LOCALI SORAGA ENTE RICREATIVO STATUTO STATUTO COMITATO MANIFESTAZIONI LOCALI SORAGA ente ricreativo ARTICOLO 1 E' costituito con il presente atto, tra i sopraindicati signori, un

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 1 DEL REGIONE CAMPANIA

LEGGE REGIONALE N. 1 DEL REGIONE CAMPANIA LEGGE REGIONALE N. 1 DEL 3-01-1985 REGIONE CAMPANIA Modifiche ed integrazioni alla legge regionale n. 39 del 9 agosto 1974 - Istituzione dell' Ente regionale per lo sviluppo e la valorizzazione dell' artigianato

Dettagli

art. 1 (denominazione sede) 1. E costituita l Associazione di volontariato denominata Amici dell Africa Onlus.

art. 1 (denominazione sede) 1. E costituita l Associazione di volontariato denominata Amici dell Africa Onlus. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE AMICI DELL AFRICA ONLUS art. 1 (denominazione sede) 1. E costituita l Associazione di volontariato denominata Amici dell Africa Onlus. 2. L Associazione ha sede in provincia di

Dettagli

CONFERENZA ZONALE PER L ISTRUZIONE Comuni di Livorno, Collesalvetti e Capraia Isola REGOLAMENTO INTERNO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONFERENZA ZONALE

CONFERENZA ZONALE PER L ISTRUZIONE Comuni di Livorno, Collesalvetti e Capraia Isola REGOLAMENTO INTERNO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONFERENZA ZONALE CONFERENZA ZONALE PER L ISTRUZIONE Comuni di Livorno, Collesalvetti e Capraia Isola REGOLAMENTO INTERNO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONFERENZA ZONALE INDICE Art. 1 Istituzione Art. 2 Composizione Art. 3

Dettagli

IL VALORE DEI COMITATI UNICI DI GARANZIA

IL VALORE DEI COMITATI UNICI DI GARANZIA COORDINAMETO REGIONALE CUG DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E ULSS DELLA REGIONE VENETO IL VALORE DEI COMITATI UNICI DI GARANZIA Il Coordinamento Regionale dei CUG Silvana Bortolami, Presidente L origine del

Dettagli

COMITATO 1 MAGGIO Statuto

COMITATO 1 MAGGIO  Statuto Statuto 1 PREMESSA Il Comitato 1 maggio è una Associazione volontaria, senza fini di lucro, costituita fra i lavoratori ex Samim, Enirisorse, Singea, Syndial collocati in mobilità nel periodo compreso

Dettagli

Regolamento delle Commissioni Comunali

Regolamento delle Commissioni Comunali Regolamento delle Commissioni Comunali approvato con deliberazione consiliare n. 5 del 29/02/2000 D:\Lavoro\Roccafranca\Sito\Progetto\Materiale pubblicato\documenti Ufficiali\Regolamenti\Regolamento COMMISSIONI.doc

Dettagli

R.S.U. RAPPRESENTANZA SINDACALE UNITARIA 2015/2018 AZIENDA SAN CAMILLO FORLANINI REGOLAMENTO PREMESSA

R.S.U. RAPPRESENTANZA SINDACALE UNITARIA 2015/2018 AZIENDA SAN CAMILLO FORLANINI REGOLAMENTO PREMESSA R.S.U. RAPPRESENTANZA SINDACALE UNITARIA 2015/2018 AZIENDA SAN CAMILLO FORLANINI REGOLAMENTO PREMESSA La Rappresentanza Sindacale Unitaria (R.S.U.) è rappresentativa di tutti i lavoratori dell Azienda

Dettagli

COMUNE DI CASTELLO DI GODEGO PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI CASTELLO DI GODEGO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI CASTELLO DI GODEGO PROVINCIA DI TREVISO Medaglia d argento al valore civile Gemellato con la Città di Boves (CN) Medaglia d oro al valore civile e militare Gemellato con la Città di Labastide

Dettagli

CONFERENZA ISTITUZIONALE DEGLI ENTI SOCI PER IL CONTROLLO ANALOGO SULLA SOCIETÀ UMBRIA SALUTE SCARL REGOLAMENTO

CONFERENZA ISTITUZIONALE DEGLI ENTI SOCI PER IL CONTROLLO ANALOGO SULLA SOCIETÀ UMBRIA SALUTE SCARL REGOLAMENTO CONFERENZA ISTITUZIONALE DEGLI ENTI SOCI PER IL CONTROLLO ANALOGO SULLA SOCIETÀ UMBRIA SALUTE SCARL REGOLAMENTO Art. 1 Istituzione 1. E istituita in esecuzione dell art. 22 dello Statuto Sociale di Umbria

Dettagli

FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI DE LAZIO REGOLAMENTO

FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI DE LAZIO REGOLAMENTO FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI DE LAZIO REGOLAMENTO Art. 1 Sede legale e sede operativa 1.1 La sede legale e operativa è in Roma, via in Miranda n. 1. 1.2 Per motivate esigenze l Assemblea dei Soci,

Dettagli

Pesaro, 7 dicembre Regolamento di funzionamento della R.S.U. del Comune di Pesaro

Pesaro, 7 dicembre Regolamento di funzionamento della R.S.U. del Comune di Pesaro Pesaro, 7 dicembre 2004 Regolamento di funzionamento della R.S.U. del Comune di Pesaro REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA R.S.U. DEL COMUNE DI PESARO I giorni 16, 17 e 18 novembre 2004 i dipendenti del

Dettagli

STATUTO DEL C.S.V.M.

STATUTO DEL C.S.V.M. STATUTO DEL C.S.V.M. Approvato dall Assemblea Costituente il CSVM in data 3 luglio 1997 e così modificato dalle Assemblee Straordinarie dei Soci del CSVM in data 14 aprile 1998, 6 aprile 2001, 10 aprile

Dettagli

Regolamento Acli Colf

Regolamento Acli Colf Regolamento Acli Colf (Approvato dal Consiglio Nazionale del 4-5 luglio 2008) ART. 1 Le Acli Colf, ai sensi dell articolo 37 dello Statuto delle Acli, organizzano le collaboratrici e i collaboratori familiari

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE CONFEDERALE di ASSISTENZA INCA STATUTO

ISTITUTO NAZIONALE CONFEDERALE di ASSISTENZA INCA STATUTO ISTITUTO NAZIONALE CONFEDERALE di ASSISTENZA INCA STATUTO Testo deliberato dal Consiglio di Amministrazione dell INCA Nella riunione del 6 ottobre 2003 Ratificato dal Comitato Direttivo della CGIL Il 7

Dettagli

Statuto Confederazione Unitaria di Base (C.U.B.) di Roma e Provincia

Statuto Confederazione Unitaria di Base (C.U.B.) di Roma e Provincia Statuto Confederazione Unitaria di Base (C.U.B.) di Roma e Provincia Art. 1 In relazione a quanto previsto dall art.13 dello statuto nazionale, viene costituita la Confederazione Unitaria di Base di Roma

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LE RIFORME ISTITUZIONALI

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LE RIFORME ISTITUZIONALI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LE RIFORME ISTITUZIONALI DECRETO 21 settembre 2015 Organizzazione del Dipartimento per le riforme istituzionali della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 55 del 30.07.2012 1 Indice art. 1 Istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL'ASSETTO DIREZIONALE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL'ASSETTO DIREZIONALE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL'ASSETTO DIREZIONALE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Funzione dirigenziale Sono attribuiti ai dirigenti tutti i compiti di attuazione degli obiettivi e dei programmi

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA SPECIALE STAZIONE SPERIMENTALE PER L INDUSTRIA DELLE CONSERVE ALIMENTARI

STATUTO DELL AZIENDA SPECIALE STAZIONE SPERIMENTALE PER L INDUSTRIA DELLE CONSERVE ALIMENTARI STATUTO DELL AZIENDA SPECIALE STAZIONE SPERIMENTALE PER L INDUSTRIA DELLE CONSERVE ALIMENTARI Articolo 1 Denominazione e sede E costituita dalla Camera di Commercio Industria Artigianato ed Agricoltura

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI CALASCIBETTA

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI CALASCIBETTA COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA REGOLAMENTO PER LA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI CALASCIBETTA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 66 del 28/11/2003 REGOLAMENTO CONSULTA

Dettagli

COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA

COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA Approvato con delibera di C.C. n. 39 del 20.10.2000

Dettagli

STATUTO. 9A, Codice Fiscale di seguito nominata brevemente. CONFARTIGIANATO, con sede in Roma, via S. Giovanni in Laterano

STATUTO. 9A, Codice Fiscale di seguito nominata brevemente. CONFARTIGIANATO, con sede in Roma, via S. Giovanni in Laterano STATUTO Art. 1 - COSTITUZIONE E costituita tra le Organizzazioni Nazionali dell Artigianato: CONFEDERAZIONE NAZIONALE DELL ARTIGIANATO E DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA, con sede in Roma, Piazza Mariano

Dettagli

COMUNE DI MARCELLINA Provincia di Roma

COMUNE DI MARCELLINA Provincia di Roma COMUNE DI MARCELLINA Provincia di Roma CONSULTA PER LA TUTELA AMBIENTALE LO SVILUPPO SOSTENIBILE E LA VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI Approvato con deliberazione di C.C n. 40 del 28/11/2012. Art 1 COSTITUZIONE

Dettagli

Provincia della Spezia

Provincia della Spezia Regolamento Consulta provinciale delle elette Il Consiglio Comunale adotta la deliberazione n. 40 del 13.05.2004 ad oggetto: Presa d atto dell istituzione delle Elette della Provincia di La Spezia esecutiva

Dettagli

STATUTO COMITATO GENITORI SCUOLA PRIMARIA CARCHIDIO E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STROCCHI FAENZA ART. 1 COSTITUZIONE

STATUTO COMITATO GENITORI SCUOLA PRIMARIA CARCHIDIO E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STROCCHI FAENZA ART. 1 COSTITUZIONE STATUTO COMITATO GENITORI SCUOLA PRIMARIA CARCHIDIO E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STROCCHI FAENZA ART. 1 COSTITUZIONE 1. Con riferimento al Testo unico delle disposizioni legislative in materia di

Dettagli

CENTRO DI RICERCA INTERDIPARTIMENTALE PER GLI STUDI POLITICO-COSTITUZIONALI E DI LEGISLAZIONE COMPARATA GIORGIO RECCHIA.

CENTRO DI RICERCA INTERDIPARTIMENTALE PER GLI STUDI POLITICO-COSTITUZIONALI E DI LEGISLAZIONE COMPARATA GIORGIO RECCHIA. CENTRO DI RICERCA INTERDIPARTIMENTALE PER GLI STUDI POLITICO-COSTITUZIONALI E DI LEGISLAZIONE COMPARATA GIORGIO RECCHIA Regolamento Art. 1 (Denominazione, costituzione e sede) E costituito il e di Legislazione

Dettagli

L'Associazione "D.I.D. - Associazione donne italiane diplomatiche e dirigenti è un associazione senza fini di lucro, indipendente ed autonoma.

L'Associazione D.I.D. - Associazione donne italiane diplomatiche e dirigenti è un associazione senza fini di lucro, indipendente ed autonoma. STATUTO DID (Associazione donne italiane diplomatiche) Art.1 È costituita tra le donne italiane diplomatiche e dirigenti del Ministero Affari Esteri l'associazione "D.I.D. - Associazione donne italiane

Dettagli

Regolamento Coldiretti Giovani Impresa

Regolamento Coldiretti Giovani Impresa Regolamento Approvato dall Assemblea Nazionale di Coldiretti Giovani Impresa il 9 giugno 2008 e dal Consiglio Nazionale della Confederazione Nazionale Coldiretti il 17 luglio 2008 Regolamento Coldiretti

Dettagli

CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI ALTA IRPINIA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL TAVOLO DI CONCERTAZIONE PERMANENTE

CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI ALTA IRPINIA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL TAVOLO DI CONCERTAZIONE PERMANENTE CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI ALTA IRPINIA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL TAVOLO DI CONCERTAZIONE PERMANENTE Premesso che: il Governo predispone ogni tre anni il Piano nazionale degli interventi

Dettagli

COMUNE DI ZAFFERANA ETNEA (Provincia di Catania)

COMUNE DI ZAFFERANA ETNEA (Provincia di Catania) COMUNE DI ZAFFERANA ETNEA (Provincia di Catania) STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Statuto della Consulta Giovanile Comunale approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 68 del 22/11/2005

Dettagli

STATUTO NAZIONALE F.I.E.S.EL.

STATUTO NAZIONALE F.I.E.S.EL. STATUTO NAZIONALE F.I.E.S.EL. Art. 1 Composizione e sede La Federazione Italiana Esercenti Svapo Elettronico - F.I.E.S.EL., ha sede in Roma, via Nazionale, 60-00184. Essa è la Federazione di categoria,

Dettagli

DELLA UIL SCUOLA. marzo maggio 2011

DELLA UIL SCUOLA. marzo maggio 2011 LA STRUTTURA DELLA UIL SCUOLA Corso di formazione RSU di II livello marzo maggio 2011 Sono organi nazionali della UIL Scuola: a) il Congresso; b) l'assemblea nazionale; c) il Comitato centrale, d) la Direzione

Dettagli

MUSEO D ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA DI TRENTO E ROVERETO REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DEL PERSONALE

MUSEO D ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA DI TRENTO E ROVERETO REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DEL PERSONALE MUSEO D ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA DI TRENTO E ROVERETO REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DEL PERSONALE (Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 15/10 del 30/04/2010,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 21 DEL REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 21 DEL REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 21 DEL 13-04-1996 REGIONE BASILICATA INTERVENTI A SOSTEGNO DEI LAVORATORI EXTRACOMUNITARI IN BASILICATA ED ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE REGIONALE DELL' IMMIGRAZIONE Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

STATUTO della Federazione dei lavoratori della conoscenza CGIL

STATUTO della Federazione dei lavoratori della conoscenza CGIL federazione lavoratori della conoscenza STATUTO della Federazione dei lavoratori della conoscenza CGIL Portorose 17 febbraio 2006 Articolo 1 Definizione TITOLO I I PRINCIPI COSTITUTIVI 1. La Federazione

Dettagli

FONDAZIONE SUL GIORNALISMO PAOLO MURIALDI STATUTO

FONDAZIONE SUL GIORNALISMO PAOLO MURIALDI STATUTO FONDAZIONE SUL GIORNALISMO PAOLO MURIALDI STATUTO Articolo 1 La Fondazione sul giornalismo Paolo Murialdi costituita a Roma per volontà della Federazione Nazionale della Stampa Italiana (Fnsi), del Consiglio

Dettagli

Enti Locali Unioni di Comuni Unione di Comuni "Antica Terra di Lavoro"

Enti Locali Unioni di Comuni Unione di Comuni Antica Terra di Lavoro Enti Locali Unioni di Comuni Unione di Comuni "Antica Terra di Lavoro" Statuto 31 agosto 2013, n. 2 Modifica dello Statuto dell'unione di Comuni Antica Terra di Lavoro approvato cn Deliberazione di Consiglio

Dettagli

Regolamento per il. Congresso di costituzione FLC Cgil (I Congresso) e per i. Congressi di fusione SNS Cgil (X Congresso) SNUR Cgil (III Congresso)

Regolamento per il. Congresso di costituzione FLC Cgil (I Congresso) e per i. Congressi di fusione SNS Cgil (X Congresso) SNUR Cgil (III Congresso) Regolamento per il Congresso di costituzione FLC Cgil (I Congresso) e per i Congressi di fusione SNS Cgil (X Congresso) SNUR Cgil (III Congresso) 1. Convocazione del I Congresso nazionale della FLC Cgil

Dettagli

Estratto del Regolamento per l organizzazione e il funzionamento del Consiglio della Città Metropolitana di Genova Titolo III Commissioni consiliari

Estratto del Regolamento per l organizzazione e il funzionamento del Consiglio della Città Metropolitana di Genova Titolo III Commissioni consiliari Estratto del Regolamento per l organizzazione e il funzionamento del Consiglio della Città Metropolitana di Genova Titolo III Commissioni consiliari 1 TITOLO III - Commissioni consiliari CAPO I Istituzione

Dettagli