DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE"

Transcript

1 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA Deliberazione N. 4 Oggetto: Presa d'atto del grado di raggiungimento finale della performance dell'ente per l'anno 203. L'anno duemilaquattordici, addì diciotto del mese di marzo alle ore 09:30 nella sala delle adunanze. Previa l'osservanza di tutte le formalità prescritte dalla legislazione amministrativa speciale circa il funzionamento degli organi di governo, nonché dal vigente statuto comunale, sono stati oggi convocati in sede deliberante i componenti della Giunta comunale. All'appello risultano: Marcetta Nerina Casale Antonino Cortesi Gabriele Cotti Ferdinando Sisana Marco Paolo Milesi Achille Totale Presente X X X X X X 6 Assente Partecipa il segretario generale Ciro Maddaluno, che sovrintende alla redazione del presente verbale. Essendo legale il numero degli intervenuti, Nerina Marcetta - Sindaco - assume la presidenza e dichiara aperta la seduta per la trattazione dell'oggetto sopra indicato. Città di Seriate Provincia di Bergamo Piazza Angiolo Alebardi, Seriate (Bg) tel fax P.IVA

2 Deliberazione della Giunta comunale n. 4 del 8 marzo 204 Decisione La Giunta comunale all unanimità prende atto: ) del grado di raggiungimento degli obiettivi del piano dettagliato degli obiettivi (P.D.O.) anno 203 (allegato A ); 2) del grado di raggiungimento degli obiettivi del piano esecutivo della gestione (P.E.G.) anno 203 (allegato B ); come risulta dagli allegati alla presente deliberazione e così come determinati dall organismo indipendente della valutazione della performance (O.I.V.P.). La presente deliberazione è immediatamente eseguibile (voto separato e unanime). Motivazione E necessario chiudere il procedimento relativo alla misurazione e valutazione della performance dell ente, sulla base del sistema approvato dalla Giunta comunale. L organismo indipendente della valutazione della performance si è riunito il giorno 20 febbraio 204 in seduta plenaria e ha determinato il grado di raggiungimento della performance dell ente per l anno 203 verificando con i singoli dirigenti il grado di raggiungimento degli obiettivi del piano dettagliato degli obiettivi e del piano esecutivo della gestione. Altre informazioni Tutti gli obiettivi del piano dettagliato degli obiettivi e del piano esecutivo della gestione assegnati per l anno 203 sono stati raggiunti al cento per cento. L atto è trasmesso per conoscenza e per gli adempimenti di competenza ai dirigenti dell ente e all ufficio personale per la liquidazione della produttività entro il mese di marzo 204. deliberazione della Giunta comunale n. 98 del 9 luglio 20 pag. 2

3 PARERI PREVENTIVI SULLA PROPOSTA PARERE DI REGOLARITA TECNICA Deliberazione di Giunta Comunale n. 4 del 8/03/204 Il sottoscritto Ciro Maddaluno, nella sua qualità di segretario, ai sensi dell art. 49 comma del decreto legislativo 8 agosto 2000 n. 267, esprime il proprio parere favorevole sulla sola regolarità tecnica. Addì, 4 marzo 204 Il dirigente F.to Ciro Maddaluno PARERE DI REGOLARITA CONTABILE La sottoscritta Nicoletta Bordogna, nella sua qualità di dirigente dei servizi finanziari, ai sensi dell'art. 49 comma del decreto legislativo 8 agosto 2000 n. 267, esprime il proprio parere favorevole sulla sola regolarità contabile. Addì, 7 marzo 204 Il dirigente F.to Nicoletta Bordogna pag. 3

4 Deliberazione di Giunta Comunale n. 4 del 8/03/204 Letto, approvato e sottoscritto: Il Sindaco F.to Nerina Marcetta Il segretario generale F.to Ciro Maddaluno RELAZIONE DI PUBBLICAZIONE E TRASMISSIONE Il messo comunale certifica che questa deliberazione è stata affissa in copia all'albo pretorio ove resterà in pubblicazione per quindici giorni consecutivi dal 20 marzo 204 al 04 aprile 204 ai sensi dell art comma - del decreto legislativo 8 agosto 2000, n. 267 e in pari data trasmessa ai capigruppo consiliari, ai sensi dell art. 25 del decreto legislativo n. 267/2000. Dalla residenza comunale, addì 20 marzo 204 Il messo F.to Antonio Tarasco La presente è copia conforme all'originale. Dalla residenza comunale, addì Il responsabile del servizio Alessandra Sangalli ESECUTIVITA' La presente deliberazione è divenuta esecutiva ai sensi dell art. 34 comma 3 del decreto legislativo 8 agosto 2000 n. 267 il 30 marzo 204 Dalla residenza comunale, addì pag. 4

5 PIANO DETTAGLIATO DEGLI OBIETTIVI ESERCIZIO FINANZIARIO 203 MONITORAGGIO FINALE 203

6 OBIETTIVO N. RESPONSABILITA' DEFINIZIONE DELL'OBIETTIVO Settori coinvolti: settore ** Dirigente Settore - Monica Vavassori SCHEDA OBIETTIVO STRATEGICO Data inizio: 0/0/203 Data inizio: 3/2/203 Attuare il sistema dei controlli interni previsto dal regolamento comunale approvato con delibera di Consiglio comunale n. del 28 gennaio 203. MODALITA' Attraverso il piano annuale dei controlli individuare: a) per il controllo amministrativo-contabile, le tecniche di campionamento di atti soggetti al controllo e i relativi indicatori utilizzati per il controllo; b) per il controllo di gestione: la corretta individuazione degli obiettivi e il moritoraggio del grado di raggiungimento attraverso gli indicatori di misurazione quali-quantitativa; c) per il controllo degli equilibri finanziari: la modalità di verifica trimestrale della gestione di competenza, dei residui, e di cassa; d) per il controllo della società partecipata la verifica degli obiettivi annualmente assegnati alla società, la verifica contabile e gestionale e dell'attività amministrativa. LINEE GUIDA, VINCOLI E INDICAZIONI RISULTATI ATTESI BENEFICI Regolamento dei controlli interni e testo unico sugli enti locali. Garantire la legittimità, la correttezza, l'efficacia e l'economicità dell'azione amministrativa. Maggiore trasparenza della gestione, maggior omogeneità nella gestione amministrativa dei settori. COSTI All'interno delle dotazioni assegnate alle varie aree. Descrizione Valore attuale Valore atteso 30 giugno 30 settembre 3 dicembre INDICATORE n. Predisposizione del piano 0 30/04/203 8/3/203 e modificato il 3/5/203 INDICATORE n. 2 Percentuale degli atti controllati 8/3/203 e modificato il 3/5/203 8/3/203 e modificato il 3/5/203 0% 0% 0% 0% INDICATORE n. 3 Invio quadrimestrale report del controllo amministrativo-contabile e di gestione ai dirigenti 3 0/6/ /6/203 e al 2/8/203 3 ( ) INDICATORE n. 4 Report trimestrale controlli equilibrio finanziario 4 0 proposta per la Giunta del 30 luglio 2 delibera di G.C. n. 79 del 4/6/203 e n. 08 del 30/7/203 4 ( delibera di G.C. n. 79 del 4/6/203 e n. 08 del 30/7/203, 6/9/203 e 28//204) INDICATORE n. 5 Report quadrimestrale controllo analogo società partecipate al 00% 3 informativa di G.C. n. 60 discussa nella seduta del 2 luglio informativa di G.C. n. 60 discussa nella seduta del 2 luglio 2 (2/7 e 8/0/203) la n. 3 è stata sottoposta alla Giunta il 25/02/204 dopo che Sanitas ha presentato i dati. INDICATORE n. 6 Monitoraggio e informativa alla Giunta, al collegio dei revisori, all'o.i.v.p. e al Consiglio comunale luglio 203 ottobre 203 gennaio 204 delibera di G.C. n. 26 del 0/09/203 delibera di G.C. n. 72 del 2//203 delibera di G.C. n. 4 del 8/03/204 NOTE ** Con la collaborazione del settore 2

7 SCHEDA OBIETTIVO STRATEGICO OBIETTIVO N. 2 Settori coinvolti: Data inizio: 0/0/203 Data fine: 3/2/203 RESPONSABILITA' Dirigente Settore - Monica Vavassori DEFINIZIONE DELL'OBIETTIVO Approvazione del piano anticorruzione. MODALITA' Valutare l'esposizione al rischio corruzione dei vari uffici del comune (indicatori di rischio); individuare gli interventi organizzativi finalizzati a prevenire la corruzione (sistemi di controllo-formazione-trasparenza); adottare le misure di trasparenza a fini dissuasivi; monitorare il rispetto del piano. Il piano dopo l'approvazione sarà oggetto di applicazione da parte di tutti i servizi con trasferimento nei relativi PEG. LINEE GUIDA, VINCOLI E INDICAZIONI Legge 90/202 (cd legge anticorruzione); piano nazionale anticorruzione e linee guida conferenza unificata non ancora adottati. RISULTATI ATTESI Massimizzare la trasparenza dell'attività amministrativa; promuovere la cultura della legalità e dell'etica tra i dipendenti. BENEFICI Gestione delle attività dell'ente nel rispetto dei principi di legalità, correttezza, trasparenza. COSTI Ricompresi nella dotazione di P.E.G. Descrizione Valore attuale Valore atteso 30 giugno 30 ottobre 3 dicembre INDICATORE n. INDICATORE n. 2 Approvazione del piano provvisorio anticorruzione entro il Verifica dell'attuazione del piano 30/04/203 approvato con delibera di Giunta comunale n. 66 del 7/5/203 00% 00% dicembre % INDICATORE n. 3 Eventuale aggiornamento del piano dicembre Adozione nuovo piano con delibera di Giunta comunale n. 0 del 28 gennaio 204 INDICATORE n. 4 Monitoraggio e informativa alla Giunta luglio 203 ottobre 203 gennaio 204 delibera di G.C. n. 26 del 0/09/203 delibera di G.C. n. 72 del 2//203 delibera di G.C. n. 4 del 8/03/204 NOTE Il piano dopo l'approvazione sarà oggetto di applicazione da parte di tutti i servizi con trasferimento nei relativi PEG.

8 SCHEDA OBIETTIVO STRATEGICO OBIETTIVO N. 3 Settori coinvolti: Tutti Data inizio: 0/0/203 Data fine: 3/2/203 RESPONSABILITA' Dirigente Settore - Monica Vavassori DEFINIZIONE DELL'OBIETTIVO Promuovere maggiori livelli di trasparenza dell'attività dell'amministrazione. MODALITA' LINEE GUIDA, VINCOLI E INDICAZIONI L'entrata in vigore della legge per la prevenzione della corruzione, e del decreto legislativo n. 33/203 per il riordino della disciplina sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte delle Pubbliche amministrazioni, impongono la revisione del piano comunale della trasparenza e dell'integrità ai fini di armonizzarlo con il piano comunale della prevenzione della corruzione, di cui diventa una sorta di strumento applicativo di dettaglio. La revisione del piano di trasparenza si traduce poi nelle misure attuative per assicurare la regolarità e la tempestività dei flussi informativi. Istituire ed effettuare la giornata della trasparenza con la presentazione alle associazioni degli utenti e ai cittadini del piano della performance. Decreto legislativo di riordino della disciplina sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte delle Pubbliche amministrazioni. RISULTATI ATTESI Massimizzare la trasparenza dell'attività amministrativa che costituisce strumento di prevenzione della corruzione. BENEFICI Gestione delle attività dell'ente nel rispetto dei principi di legalità, correttezza, trasparenza. COSTI Ricompresi nella dotazione di P.E.G. Descrizione Valore attuale Valore atteso 30 giugno 30 settembre 3 dicembre INDICATORE n. verifica dell'attuazione del piano dicembre attestazione OIVP 30 settembre pubblicata sul sito comunale attestazione OIVP 3 gennaio pubblicata sul sito comunale INDICATORE n. 2 eventuale aggiornamento del piano dicembre aggiornato con delibera del 4 febbraio 204 INDICATORE n. 3 NOTE Monitoraggio e informativa alla Giunta luglio 203 ottobre 203 gennaio 204 delibera di G.C. n. 26 del 0/09/203 delibera di G.C. n. 72 del 2//203 delibera di G.C. n. 4 del 8/03/204 Il dirigente del settore è responsabile del monitoraggio del piano della trasparenza. Ogni dirigente è responsabile per la regolarità e tempestività dei propri flussi informativi e dell'inserimento nei propri peg degli stessi.

9 SCHEDA OBIETTIVO STRATEGICO OBIETTIVO N. 4 Settori coinvolti: Settore Data inizio: 0/0/203 Data fine: 3/2/203 RESPONSABILITA' Dirigente settore - Monica Vavassori DEFINIZIONE DELL'OBIETTIVO Garantire il funzionamento efficace e l'adempimento delle scadenze o la risposta alla richiesta di servizio, anche in caso di temporanea assenza del personale specificamente addetto a determinate funzioni. MODALITA' Riorganizzare le mansioni del personale dei servizi, con la formazione del personale e l'acquisizione di competenze polifunzionali da parte degli addetti con maggiore flessibilità. Censire le procedure di competenza del servizio, creare per le procedure prescelte su cui è richiesta la interscambiabilità degli operatori, un flowchart condiviso da tutti gli addetti. LINEE GUIDA, VINCOLI E INDICAZIONI RISULTATI ATTESI BENEFICI Rispetto delle scadenze e degli adempimenti in capo ai servizi anche in caso di mancanza del personale. Migliorare la qualità delle prestazioni lavorative attraverso una razionalizzazione ed una semplificazione delle procedure e degli spazi di lavoro; incentivare l acquisizione da parte dei dipendenti di professionalità più adeguate allo sviluppo dei servizi motivandone per questa via la crescita professionale orientata. Riduzione/contenimento della spesa di personale. COSTI Ricompresi nella dotazione di P.E.G. Descrizione Valore attuale Valore atteso 30 giugno 30 settembre 3 dicembre INDICATORE n. Implementare il numero di procedure standardizzate 37 ( 8 sportello 0 segreteria 5 contratti 4 personale) (24 sportello+22 segreteria e contratti+ 9 sic+ 4 personale) 80 (30 sportello+23 segreteria e contratti+ 9 sic+ 8 personale) 00% procedure n.202 (5 sportello+24 segre e contr+9 sic+8 pers) INDICATORE n. 2 Non sostituzione del personale assente 00% 00% 00% non è stato sostituito personale assente 00% INDICATORE n. 3 N. dipendenti formati 0 (segreteria 3; personale 2; sportello 3; sic 2) 2 (Dondi, Mandaletti, Maffeis, Fossarelli, Lecchi, Capennani, Tombini, Pezzotta, Lenzi, Ferrentino, Cantù, Bettinelli) 2 2 INDICATORE n. 4 Monitoraggio e informativa alla Giunta luglio 203 ottobre 203 gennaio 204 delibera di G.C. n. 26 il 0/09/203 delibera di G.C. n. 72 del 2//203 delibera di G.C. n. 4 del 8/03/204 NOTE Assegnato ai peg servizi :sportello unico del cittadino, segreteria, personale, sic.

10 SCHEDA OBIETTIVO STRATEGICO OBIETTIVO N. 5 Settori coinvolti: settore 2 Data inizio: 0/0/203 Data inizio: 3/2/203 RESPONSABILITA' Dirigente settore 2 - Nicoletta Bordogna DEFINIZIONE DELL'OBIETTIVO Migliorare gli indici di redditività Return of Investiment (R.O.I.) e Return of Equity (R.O.E.) del gruppo comune. MODALITA' Rappresentare la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica complessiva del Gruppo ente locale evidenziando il miglioramento degli indicatori di remunerazione della gestione caratteristica o operativa e di redditività del capitale proprio del gruppo comune. LINEE GUIDA, VINCOLI E INDICAZIONI RISULTATI ATTESI BENEFICI COSTI Attenersi al principio contabile elaborato in proposito dall'osservatorio per la finanza e la contabilità degli enti locali (Principio contabile n. 4). Migliorare la redditività del "Gruppo ente locale" e acquisire elementi di valutazione ed eventuali azioni di miglioramento. Conoscenza degli andamenti economici, finanziari e patrimoniali del Gruppo ente locale. Risorse interne del servizio. Descrizione Valore attuale Valore atteso 30 giugno 30 settembre 3 dicembre INDICATORE n. Redigere il bilancio entro il /09/202 30/09/ /09/203 7/09/203 INDICATORE n. 2 Miglioramento degli indicatori di redditività ROI,30 > 0 0-0,80 ** -0,80 ** INDICATORE n. 3 Miglioramento degli indicatori di redditività ROE 3,92% > 0 0 0,67% 0,67% INDICATORE n. 4 Monitoraggio e informativa alla Giunta luglio 203 ottobre 203 gennaio 204 delibera di G.C. n. 26 del 0/09/203 delibera di G.C. n. 72 del 2//203 delibera di G.C. n. 4 del 8/03/204 NOTE ** L'indicatore purtroppo non è facilmente migliorabile dall'ente per le seguenti ragioni: nel conto economico del comune vengono calcolati gli ammortamenti, ma nel bilancio del comune non vengono finanziati, infatti l'articolo 67 del decreto legislativo 267/2000 prevede la facoltà di iscrivere nell'apposito intervento di ciascun servizio l'importo dell'ammortamento accantonato per i beni relativi (l'importo per il comune è di ,00). Inoltre le operazione di estinzione anticipata di mutui finanziati con avanzi economici incidono positivamente sul reddito operativo (roi) perchè fra i costi non vengono imputate le quote capitali estinte anticipatamente, ma la copertura di queste spese avviene con entrate correnti che troviamo fra i ricavi del conto economico. Nel 202 non sono stati estinti mutui perchè tale operazione si era pressochè conclusa. Nel 20 queste somme ammontavano a ,7 inoltre sempre in questo anno sono stati pagati ,28 a titolo di rimborso quota capitale dei mutui che non compaiono ovviamente tra i costi ma tra i ricavi sono previste le relative entrate.

11 SCHEDA OBIETTIVO STRATEGICO OBIETTIVO N. 6 RESPONSABILITA' DEFINIZIONE DELL'OBIETTIVO MODALITA' LINEE GUIDA, VINCOLI E INDICAZIONI RISULTATI ATTESI BENEFICI COSTI Settori coinvolti: tutti Dirigente settore 2 - Nicoletta Bordogna Partecipare all'attività di controllo e prevenzione dell'evasione fiscale. Data inizio: 0/0/203 Data inizio: 3/2/203 Collaborare con il ministero dell'economia e delle finanze, utilizzare le conoscenze e le banche dati in possesso degli uffici e verificare le dichiarazioni dei redditi dei cittadini inferiori ad una soglia di valore definita, nonchè verifica delle vendite degli immobili soggetti a tassazione per la quota relativa alla plusvalenza. Controllare i versamenti e le dichiarazioni ICI anno 2008 al fine di accertare i parziali, tardivi o omessi pagamenti. Emersione di eventuali immobili non dichiarati. Ricerca di eventuali superfici assoggettate alla tassa smaltimento rifiuti non dichiarate. Privilegiare il coinvolgimento e la condivisione dei dipendenti al progetto. Stabilizzare nel tempo l'attività di partecipazione del comune al controllo dell'evasione fiscale. Concorrere ad individuare le aree di evasione fiscale riscontrabili sul territorio di competenza. Assicurare una quota di entrate dagli accertamenti ai quali l'ufficio comunale ha partecipato secondo le condizioni della convenzione. All'interno delle dotazioni assegnate alle diverse aree. Descrizione Valore attuale Valore atteso raggiungimento al 30 giugno raggiungimento al 30 settembre raggiungimento al 3 dicembre INDICATORE n. INDICATORE n. 2 INDICATORE n. 3 Verifica delle dichiarazioni con redditi dichiarati inferiori a 0.000,00 (4.000 circa) Introito previsto posizioni contributive soggette ad Ici verificate anno 2008 Verifica delle dichiarazioni Tarsu con i dati catastali ai fini Ici 30% verifica di almeno il 20% di dichiarazioni 0* 0* n. 800 pari al 20% delle dichiarazioni , , , , ,00 0 5% 0%** 0%** 0%** INDICATORE n. 4 Introito presunto Tarsu , , ,63 INDICATORE n. 5 Monitoraggio e informativa alla Giunta luglio 203 ottobre 203 gennaio 204 delibera di G.C. n. 26 del 0/09/203 delibera di G.C. n. 72 del 2//203 delibera di G.C. n. 4 del 8/03/204 NOTE ** i controlli sono stati fatti prendendo a riferimento le utenze non domestiche anziché gli incroci con i dati catastali.

12 SCHEDA OBIETTIVO STRATEGICO OBIETTIVO N. 7 Settori coinvolti: settore 2 Data inizio: 0/0/203 Data inizio: 3/2/203 RESPONSABILITA' Dirigente settore 2 - Nicoletta Bordogna DEFINIZIONE DELL'OBIETTIVO MODALITA' Migliorare gli indici di merito definitivi del bilancio 20 e stimati del 202 utilizzando il metodo ed i parametri elaborati da Aida PA. Definire l'indice di valutazione complessiva dell'ente a livello nazionale per il 20. Elaborare l'ipotesi di rating per il 202, scegliendo realtà presenti in Lombardia appartenenti alla fascia demografica tra 5 e abitanti. LINEE GUIDA, VINCOLI E INDICAZIONI RISULTATI ATTESI BENEFICI COSTI INDICATORE n. INDICATORE n. 2 Migliorare indicatori del rating dal 2008 al 202. Rispondere ai principi di trasparenza dell'azione. Stimolare l'azione verso le migliori pratiche. Migliorare le professionalità interne. Risorse interne del servizio. Descrizione Valore attuale Valore atteso Entità del risultato di amministrazione (incidenza dell'avanzo di amministrazione sulle spese correnti) Crediti sulle entrate proprie oltre i 2 mesi (incidenza dei residui attivi delle entrate tributarie e patrimoniali sulle entrate proprie di competenza) 30 giugno 30 settembre 3 dicembre 0,03 < 0,0 0,00 0,06 0,06 0,03 0,0 0,00 0,06 0,06 INDICATORE n. 3 Residui passivi delle spese correnti (incidenza dei residui passivi correnti totali sugli impegni delle spese correnti) 35% < 35% 0% 3% 3% INDICATORE n. 4 Monitoraggio e informativa alla Giunta luglio 203 ottobre 203 gennaio 204 delibera di G.C. n. 26 del 0/09/203 delibera di G.C. n. 72 del 2//203 delibera di G.C. n. 4 del 8/03/204 NOTE Aida PA è una banca dati informatizzata per l'analisi di tutti i bilanci della Pubblica Amministrazione Locale. Dentro AIDA PA confluiscono i dati economico finanziari della Pubblica Amministraione Locale.

13 SCHEDA OBIETTIVO STRATEGICO OBIETTIVO N. 8 Settori coinvolti: tutti Data inizio: 0/0/203 Data inizio: 3/2/203 RESPONSABILITA' Dirigente settore 2 - Nicoletta Bordogna DEFINIZIONE DELL'OBIETTIVO Attivare un controllo e la conseguente segnalazione dei pagamenti oltre i limiti di legge. MODALITA' LINEE GUIDA, VINCOLI E INDICAZIONI RISULTATI ATTESI BENEFICI COSTI INDICATORE n. INDICATORE n. 2 Elaborare report per servizio che consentano di far emergere le cause di scarto dei pagamenti oltre i limiti di legge. Contenere tutti i tempi di pagamento entro i limiti di legge. Tendere a ridurre i tempi di pagamenti nei confronti dei fornitori dell'ente. Senza maggiori risorse. Descrizione Valore attuale Valore atteso Predisporre periodicamente un report da sottoporre ai dirigenti e ai responsabili di servizio rilevando le situazioni di scarto e le cause. Monitoraggio e informativa alla Giunta 30 giugno 30 settembre 3 dicembre luglio 203 ottobre 203 gennaio 204 delibera di G.C. n. 26 del 0/09/203 delibera di G.C. n. 72 del 2//203 delibera di G.C. n. 4 del 8/03/204 NOTE Le quattro rilevazioni si riferiscono ai seguenti periodi: gen-giu / lug-ago / sett-ott / nov-dic. I dati relativi ai primi sei mesi dell'anno sono stati trasmessi a dirigenti e responsabili di servizio con mail del 9 luglio 203; i dati del periodo lug-ago sono stati inviati con mail del 4/0/203; i dati del periodo sett-ott e nov-dic sono stati inviati con mail del 20//204.

14 SCHEDA OBIETTIVO STRATEGICO OBIETTIVO N. 9 Settori coinvolti: Settore 3 Data inizio: 0/0/203 Data inizio: 3/2/203 RESPONSABILITA' Dirigente settore 3 - Walter Imperatore DEFINIZIONE DELL'OBIETTIVO Mappatura e descrizione dei procedimenti ai fini di un'eventuale certificazione dello sportello SUE - SUAP. MODALITA' Mappatura dei procedimenti seguiti dallo sportello SUE-SUAP ed inviduazione delle fasi e delle tempistiche per la conclusione degli stessi. Predisposizione di schede di descrizione (sulla base di quelle già utilizzate per lo sportello al cittadino) in previsione di ottenere la certificazione di qualità dello sportello edilizia privata, urbanistica e suap. LINEE GUIDA, VINCOLI E INDICAZIONI RISULTATI ATTESI Schematizzazione e codifica dei procedimenti seguiti dallo sportello SUE-SUAP per semplificare il lavoro di front office e garantire una maggiore parità di trattamento rispetto all'utenza. BENEFICI COSTI Costi compresi nelle risorse assegnate al settore. Descrizione Valore attuale Valore atteso 30 giugno 30 settembre 3 dicembre INDICATORE n. Mappatura di tutti i 32* procedimenti 0 entro ottobre 203 Sono stati mappati i 0 procedimenti dell'edilizia più utilizzati** Sono state abbozzate le schede di ogni procedimento 32 entro ottobre 203 INDICATORE n. 2 Analisi e codifica dei singoli procedimenti relativi all'edilizia entro dicembre relativi al patrimonio entro dicembre Sono state definiti i procedimenti n (8 relativi all'edilizia 2 relativi al patrimonio) INDICATORE n. 3 Monitoraggio e informativa della Giunta luglio 203 ottobre 203 gennaio 204 delibera di G.C. n. 26 del 0/09/203 delibera di G.C. n. 72 del 2//203 delibera di G.C. n. 4 del 8/03/204 NOTE *I 32 procedimenti sono:accesso atti, rilascio estratti Pgt, protocollazione in entrata, protocollazione in uscita, frazionamenti, c.a., idoneità alloggiativa, tinteggiatura, permesso ordinario, permesso in sanatoria, autorizzazione paesistica, dia ordinaria, dia in sanatoria, scia ordinaria, cia ordinaria, cia in sanatoria, Cdu, nulla osta tombe, permessi pubblicità, vigilanza territorio, pareri preventivi, informazioni tecniche, manutenzioni ordinarie, agibilità, condoni, nulla osta tensostrutture, distributori carburante, commissioni pubblico spettacolo, deposito certificazione conformità degli impianti, abbattimento barriere architettoniche, piani di lottizzazione, installazione pannelli fotovoltaici. Per tutti i procedimenti elencati c'è l'accettazione amministrativa con l'inserimento dati all'interno del programma informativo SOLO e nei file di Excel e l'istruttoria tecnica. **L'ufficio ha provveduto a individuare i procedimenti più utilizzati allo sportello e da schedare [) accesso atti; 2) rilascio estratti PGT; 3) protocollo in entrata; 4) protocollo in uscita; 5) ricevimento frazionamento; 6) ricevimento c.a.; 7) ricevimento idoneità alloggiativa; 8) ricevimento tinteggiatura; 9) manomissione suolo; 0) numero civico.

15 SCHEDA OBIETTIVO STRATEGICO OBIETTIVO N. 0 Settori coinvolti: Settore 3 Data inizio: 0/0/203 Data inizio: 3/2/203 RESPONSABILITA' Dirigente settore 3 - Walter Imperatore DEFINIZIONE DELL'OBIETTIVO Semplificare il regolamento delle insegne esistente. MODALITA' Riscrivere in maniera chiara e semplice l'attuale regolamento per il posizionamento delle insegne che attualmente risulta di difficile lettura per l'utenza esterna e, di conseguenza, di difficile applicazione. LINEE GUIDA, VINCOLI E INDICAZIONI RISULTATI ATTESI Ottimizzare l'utilizzo del regolamento eliminando gli articoli di difficile comprensione e riscrivendo le regole in maniera più semplice. BENEFICI COSTI Costi compresi nelle risorse assegnate al settore. Descrizione Valore attuale Valore atteso 30 giugno 30 settembre 3 dicembre INDICATORE n. Proposta del regolamento con la Giunta dicembre (*) dicembre 203 INDICATORE n. 2 Monitoraggio e informativa della Giunta luglio 203 ottobre 203 gennaio 204 delibera di G.C. n. 26 del 0/09/203 delibera di G.C. n. 72 del 2//203 delibera di G.C. n. 4 del 8/03/204 NOTE (*) Sono stati fatti degli incontri organizzativi e sono stati verificati altri regolamenti esistenti su cui confrontare il lavoro. (**) Il testo è stato condiviso con l'assessore di riferimento il 20/2/203 e su richiesta delle stesso è stato inoltrato anche agli altri assessori.

16 SCHEDA OBIETTIVO STRATEGICO OBIETTIVO N. Settori coinvolti: Settore 3 Data inizio: 0/0/203 Data inizio: 3/2/203 RESPONSABILITA' DEFINIZIONE DELL'OBIETTIVO Dirigente settore 3 - Walter Imperatore Utilizzare il database SOLO e relativo portale on line MODALITA' Mettere a disposizione on line la possibilità di consultazione delle pratiche edilizie, selezionando i dati con una visualizzazione aperta a tutti. LINEE GUIDA, VINCOLI E INDICAZIONI L'obiettivo è collegato alla collaborazione del servizio innovazione e comunicazione per il supporto informatico necessario. RISULTATI ATTESI Riduzione dei tempi per la ricerca delle pratiche allo sportello, minore attesa degli utenti, maggiore trasparenze dell'azione amministrativa. BENEFICI COSTI Costi compresi nelle risorse assegnate al settore. Descrizione Valore attuale Valore atteso 30 giugno 30 settembre 3 dicembre INDICATORE n. n. totale di pratiche da inserire nel database 0 tutte quelle inserite nel database dall'anno 979 (7.58 pratiche) (**) (**) INDICATORE n. 2 n. totale di pratiche che possono essere inserite nel database sul totale delle pratiche 0 00% 00% (**) 00% E' stata attivata la messa on-line delle pratiche (***) INDICATORE n. 3 disponibilità on line 0 entro dicembre % INDICATORE n. 4 Monitoraggio e informativa della Giunta luglio 203 ottobre 203 gennaio 204 delibera di G.C. n. 26 del 0/09/203 delibera di G.C. n. 72 del 2//203 delibera di G.C. n. 4 del 8/03/204 L'ufficio sta coordinando la ditta interessata per attivare la messa on line della porzione edilizia ed i modelli telematici che verranno coordinati con quelli cartacei. NOTE (**) è stata attivata la messa on-line delle pratiche, l'ufficio sta verificando la funzionalità del programma. (***) Per la riduzione dei tempi allo sportello e il minor tempo di attesa, si configura nella possibilità dell'utente ad effettuare la ricerca della propria pratica direttamente da casa collegandosi on-line al portale. Di riflesso l'utente arriva allo sportello già con i dati necessari e quindi permane minor tempo presso lo sportello. Nel 204, in accordo con l'assessore, si avvierà la fase di promozione della funzione attivata per diffonderne l'utilizzo. Sarà successivamente monitorato l'effetto tramite un questionario di soddisfazione.

17 SCHEDA OBIETTIVO STRATEGICO OBIETTIVO N. 2 Settori coinvolti: Patrimonio Data inizio: 0/0/203 Data fine: 3/2/203 RESPONSABILITA' Dirigente settore 3 - Walter Imperatore DEFINIZIONE DELL'OBIETTIVO Ridurre i tempi del servizio MODALITA' RISULTATI ATTESI Inserire nel software "SOLO" i procedimenti di manomissione suolo e di assegnazione numeri civici. Impostare e personalizzare le procedure specifiche nel software, formazione del personale e inserimento di tutte le pratiche del 203. Riduzione del tempo connesso alla ricerca dei dati storici dei due procedimenti; condivisione ed aggiornamento in tempo reale dei dati inseriti per le nuove istanze BENEFICI COSTI I costi relativi alle azioni previste sono compresi nella disponibilità del servizio. Descrizione Valore attuale Valore atteso 30 giugno 30 settembre 3 dicembre INDICATORE n. INDICATORE n. 2 INDICATORE n. 3 Attivazione delle procedure nel nuovo software e formazione del personale Inserimento delle pratiche nel nuovo software Inserimento pratiche pregresse del 203 entro il 30/08/203 2 (*) 3 (**) 3 (**) dal /09/ entro il 3/0/ % 00% (***) INDICATORE n. 4 Monitoraggio e informativa alla Giunta luglio 203 ottobre 203 gennaio 204 delibera di G.C. n. 26 del 0/09/203 delibera di G.C. n. 72 del 2//203 delibera di G.C. n. 4 del 8/03/204 NOTE (*) in formato Beta (formato che consente di verificare se il software funziona) (**) andamento al 30 settembre: ) creato il workflow per la manomissione suolo pubblico nel programma SOLO 2) verificato la fattibilità del workflow per l'assegnazione del numero civico nel programma SOLO. Sono stati inseriti in SOLO gli schemi di n. 3 procedimenti:. interventi urgenti - 2. manomissione suolo - 3. numeri civici. Per il procedimento di manomissione suolo sono stati inseriti gli atti di: autorizzazione, 2 comunicazione rilascio autorizzazione, 3 contestazione ripristino non conforme, 4 comunicazione inizio lavori, 5 comunicazione fine lavori e svincolo deposito cauzionale. Predisposta cartella contente i file dell'archivio autorizzazioni degli anni pregressi ( ) da travasare in SOLO. (***) Il tempo relativo alla ricerca delle pratiche in archivio si è sostanzialmente azzerato con l'inserimento delle pratiche nel sistema informatico.

18 SCHEDA OBIETTIVO STRATEGICO OBIETTIVO N. 3 Settori coinvolti: Patrimonio Data inizio: 0/0/203 Data fine: 3/2/203 RESPONSABILITA' Dirigente settore 3 - Walter Imperatore Creazione di una cartografia georeferenziata dei tracciati dei servizi a rete e delle infrastrutture con annesse caratteristiche, la mappa dei lavori in corso DEFINIZIONE DELL'OBIETTIVO di esecuzione, completa del tipo di lavoro, delle caratteristiche tecniche dello stesso, dei responsabili, della durata delle attività e degli eventuali ritardi, il quadro degli interventi approvati ed in fase di attivazione con la relativa tempistica. MODALITA' Ricognizione di tutti i gestori delle reti presenti nel comune di Seriate. Richiesta ai gestori inadempienti che non abbiano ancora presentato i dati di fornire i database georeferenziati con le posizioni dei sottoservizi, creazione di un sistema database georeferenziato nel quale confluiscano tutte le reti e che sia conforme alle linee guida degli standard regionali. Costituzione dell'"ufficio unico per gli interventi nel sottosuolo" e istituire il catasto del sottosuolo. LINEE GUIDA, VINCOLI E INDICAZIONI Articolo n. 39 e n. 42 della Legge Regionale n. 7 del 202. RISULTATI ATTESI BENEFICI COSTI Supportare i decisori pubblici e privati sia in fase di scelta di investimento che di progettazione, al fine di gestire i processi di trasformazione sul territorio in un'ottica di sostenibilità economica, finanziaria e ambientale. Inoltre un utilizzo razionale del sottosuolo con la massimizzazione e il miglioramento dell'uso delle infrastrutture esistenti, anche privilegiando forme di condivisione, può ridurre gli interventi di smantellamento delle sedi stradali. Inoltre il catasto del sottosuolo oltre a facilitare la realizzazione di servizi a rete tecnologici (fibra ottica) nelle aree ancora sprovviste contribuirà ad ottenere un maggior controllo e consentirà di diminuire i disagi dei cittadini per la fruizione delle strade e la circolazione degli autoveicoli durante gli interventi con un minor numero di guasti. I costi relativi alle azioni previste sono compresi nella disponibilità del servizio. Descrizione Valore attuale Valore atteso 30 giugno 30 settembre 3 dicembre INDICATORE n. INDICATORE n. 2 INDICATORE n. 3 INDICATORE n. 4 Individuazione dei gestori delle reti presenti nel territorio comunale Verifica della documentazione presentata dai gestori Inserimento in un sistema cartografico digitale delle informazioni trasmesse dai gestori Pubblicazione sul server delle mappe da mettere a disposizione per l'applicativo SOLO e per il Webgis sul portale cartografico (in area riservata) n. 4 n. 2 al 30 giugno /06/ /0/ n. 3 al 30 giugno al 30/06/203 5 al 30/0/203 dicembre * INDICATORE n. 5 NOTE Monitoraggio e informativa alla Giunta luglio 203 ottobre 203 gennaio 204 delibera di G.C. n. 26 del 0/09/203 delibera di G.C. n. 72 del 2//203 delibera di G.C. n. 4 del 8/03/204 andamento al 3 dicembre: ) individuati 3 gestori delle reti dei sottoservizi A2A rete gas metano, A2A Selene fibra ottica, BAS SII rete acquedotto, SIAD rete gas ossigeno azoto e altri, Montedison rete elettrica, Enel distribuzione rete elettrica, Enel Sole rete pubblica illuminazione, Terna rete elettrica alta tensione, Uniacque rete fognatura, Uniacque rete idrica, Pubblica illuminazione del Comune di seriate, Telecom rete telefonia e dati, Fastweb rete dati fibra ottica, BITLC rete dati fibra ottica; 2) recuperato e verificato i dati 7 gestori: 2A rete gas metano, A2A Selene fibra ottica, BAS SII rete acquedotto, SIAD rete gas ossigeno azoto e altri, Terna rete elettrica alta tensione, Telecom rete telefonia e dati, Pubblica illuminazione del Comune di seriate. E' stato richiesto a Telecom di rispedirci i dati in quanto non corretti. 3) inserito in un sistema cartografico su base ARC-GIS le reti finora a disposizione compresa Telecom. * Non è stato possibile effettuare questa pubblicazione in quanto Alessandra Frosio che si occupava di questo è stata assente in maniera prolungata per maternità.

19 SCHEDA OBIETTIVO STRATEGICO OBIETTIVO N. 4 Settori coinvolti: Patrimonio Data inizio: 0/0/203 Data fine: 3/2/203 RESPONSABILITA' Dirigente settore 3 - Walter Imperatore DEFINIZIONE DELL'OBIETTIVO Predisporre le schede di descrizione dei procedimenti del settore patrimonio. MODALITA' Analizzare ed adeguare tutti i procedimenti del settore e individuare le fasi e le tempistiche necessari per la conclusione degli stessi. Ricognizione dei procedimenti del settore attraverso la predisposizione di schede di descrizione (sulla base di quelle già utilizzate per lo sportello al cittadino) compreso i flowchart. RISULTATI ATTESI Avviare l'iter per la certificazione; Spostare le pratiche allo Sportello Unico edilizia; Pubblicare i procedimenti. BENEFICI COSTI I costi relativi alle azioni previste sono compresi nella disponibilità del servizio. Descrizione Valore attuale Valore atteso 30 giugno raggiungimento al 30 settembre raggiungimento al 3 dicembre INDICATORE n. Numero di procedimenti descritti nelle schede n. su 2 al dicembre n. su 2 n. su 2 INDICATORE n. 2 Monitoraggio e informativa alla Giunta luglio 203 ottobre 203 gennaio 204 delibera di G.C. n. 26 del 0/09/203 delibera di G.C. n. 72 del 2//203 delibera di G.C. n. 4 del 8/03/204 NOTE andamento al 30 settembre: sono state predisposte n. schede, corrispondenti ai seguenti procedimenti del servizio patrimonio:.manomissione suolo pubblico, 2.assegnazioni numeri civici, 3.riscatto diritto superficie PIP, 4.riscatto diritto superficie PZ, 5.rimborso cauzione manomissione suolo, 6.accesso atti ufficio patrimonio, 7.attestazione proprietà comunale, 8.occupazione permanente suolo pubblico (chiosco), 9.rinnovo occupazione permanente suolo pubblico, 0.richiesta acquisizione area,.concessione orto urbano

20 SCHEDA OBIETTIVO STRATEGICO OBIETTIVO N. 5 Settori coinvolti: Lavori Pubblici e Ambiente Data inizio: 0/0/203 Data fine: 3/2/203 RESPONSABILITA' DEFINIZIONE DELL'OBIETTIVO Dirigente settore 3 - Walter Imperatore Realizzare l'elenco annuale delle opere pubbliche attuando gli stati d'avanzamento annuali necessari e compatibili con l'effettiva messa a disposizione delle risorse finanziarie. Provvedere agli adempimenti per le fasi della progettazione e per quelle della realizzazione. MODALITA' RISULTATI ATTESI Sviluppare il programma secondo le indicazioni normative specifiche e rendendone compatibile la realizzazione coordinandolo con lo stato di realizzazione delle risorse finanziarie necessarie e con i vincoli del patto di stabilità. Proporre adeguamenti in corso d'anno tempestivi e funzionali alla realizzazione del maggior volume di investimenti possibile tra quelli programmati. Esecuzione delle opere e dei lavori pubblici compresi nell'elenco annuale 203. BENEFICI COSTI Compresi all'interno delle risorse assegnate per la realizzazione di ciascuna opera. Descrizione Valore attuale Valore atteso 30 giugno 30 settembre 3 dicembre INDICATORE n. Approvare i nuovi progetti delle opere comprese nell'elenco annuale 203 n. 6 progetti per entro 30/0/203 Il POP è stato modificato con deliberazione CC n. 37 del 25 novembre 203 a seguito della modifica risultano n. 0 progetti per l'importo di euro ,22 (prima annualità 6 8 per euro ,3 9* progetti esecutivi per euro ,3 INDICATORE n. 2 Appaltare tutte le opere comprese nell'elenco annuale 203 compatibilmente con i limiti di pagamento 3/2/ per euro ,00 3** per euro ,8 INDICATORE n. 3 Eseguire tutte le opere comprese nell'elenco annuale 203 compatibilmente con i limiti di pagamento 0 3/2/203 0 *** 796,977,77 (ABM service, Crotti, Overlift, Castagna, Bellini, Visconti, Zubo, Colosio, Progetto verde, sal Ema, sal Testa, Bergamelli) INDICATORE n. 4 Monitoraggio e informativa alla Giunta luglio 203 ottobre 203 gennaio 204 delibera di G.C. n. 26 del 0/09/203 delibera di G.C. n. 72 del 2//203 delibera di G.C. n. 4 del 8/03/204 *alla data del 3 dicembre risultano approvati i seguenti progetti esecutivi: NOTA )Manutenzione straordinaria caserma, 2) manutenzione straordinaria scuola elementare Donizetti, 3) Manutenzione straordinaria scuola elementare Cerioli, 4) Manutenzione straordinaria scuola media Aldo Moro, 5) il 2 lotto della manutenzione straordinaria cimitero/ realizzazione nuove tombe, 6) il progetto per la sostituzione degli infissi della scuola media Aldo Moro, 7) manutenzione ordinaria del verde comunale, 8) manutenzione straordinaria delle strade comunali con alienazione; 9) l'imboschimento Oasi Verde 2 ed aree limitrofe. Sono stati altresì approvati i progetti preliminari relativi: alla realizzazione di nuovo edificio polivalente presso campo sportivo Comonte, alla manutenzione straordinaria del campo sportivo Cassinone, alla realizzazione del sistema di smorzamento della passerella ciclo-pedonale sul fiume Serio. NOTA 2 ** Sono stati appaltati: ) i lavori di manutenzione straordinaria caserma, 2) la manut. straordinaria cimitero 2 lotto, 3) la manutenzione ordinaria del verde (di questi sono stati consegnati solo quelli relativi alla manutenzione del verde, alla manutenzione straordinaria percorsi sicuri e strade comunali lotto 2 e lotto 3, mentre per gli altri non si è proceduto per il rispetto del patto di stabilità). Sempre per il rispetto del patto di stabilità sono state sospese tutte le gare relative ai progetti esecutivi approvati. Alla data del 3 dicembre inoltre le entrate destinate al finanziamento di numerose opere pubbliche non sono state introitate e ciò ha determinato l'impossibilità di procedere all'affido degli incarichi di progettazione per i restanti lavori previsti nell'elenco annuale 203. NOTA 3 *** Si tratta di piccoli lavori straordinari finanziati dall'elenco annuale delle opere pubbliche per adeguamenti degli immobili comunali, inoltre i lavori ultimati sono quelli della manutenzione ordinaria verde ed i lavori per la manutenzione straordinaria dei percorsi pedonali e strade lotti n., 2 e 3

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

CANONI PATRIMONIALI RICOGNITORI E NON RICOGNITORI

CANONI PATRIMONIALI RICOGNITORI E NON RICOGNITORI CANONI PATRIMONIALI RICOGNITORI E NON RICOGNITORI Il canone RICOGNITORIO rappresenta esclusivamente la somma dovuta a titolo di riconoscimento del diritto di proprietà del Comune sul bene oggetto della

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale OBIETTIVI di PEG 2014

PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale OBIETTIVI di PEG 2014 PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale di PEG 2014 AI SENSI DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE APPROVATO CON DGP N. 25 DEL 1/02/2011 DIRIGENTE BALOCCO PAOLO Contribuire a migliorare

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE CAPO AREA INFRASTRUTTURE CIVILI ING. WALTER RICCI DIRIGENTE SERVIZIO STRADE ARCH. MARTA MAGNI CAPO AREA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale Comune di Selargius Numero Data Prot. 155 25/05/99 Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: LAVORI DI ADEGUAMENTO E MESSA A NORMA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEGLI EDIFICI SCOLASTICI. APPROVAZIONE PROGETTO

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13 del 26 febbraio 2014. REGOLAMENTO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE OBIETTIVO OPERATIVO DESCRIZIONE ATTIVITA' SOGGETTI RESPONSABILI INDICATORI TARGET 2.1.1 2.1.2 Ottimizzazione della Struttura Organizzativa Adozione di un nuovo Organigramma e Funzionigramma della Direzione

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 398 DEL 17/05/2011 PROPOSTA N. 93 Centro di Responsabilità: Servizio Economato,patrimonio,servizi Informatici, Ambiente Servizio: Patrimonio

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1.

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1. *** *,. * *** La tua Campania cresce in Europa Via De Turris n.16 "Palazzo S. Anna" Te/. 081 3900565 fax 081 3900592 e-mail: urbanistica@comune.castellanunare-di-stabia.napoli.it pec: urbanistica.stabia@asmepec.it

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli