SENA TO DELLA REPUBBLICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SENA TO DELLA REPUBBLICA"

Transcript

1 SENA TO DELLA REPUBBLICA X LEGISLATURA DISEGNO DI LEGGE presentato dal Ministro del Tesoro (AMATO) di concerto col Ministro del Bilancio e della Programmazione Economica (COLOMBO) N. 471/12 ANNESSO 10 Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 1988 e bilancio pluriennale per il triennio COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 SETTEMBRE 1987 TABELLA n. 12 Stato di previsione del Ministero della difesa ANNESSO N. 10 CONTO CONSUNTIVO LEGA NAVALE ITALIANA ESERCIZIO FINANZIARIO 1986 STABILIMENTI TIPOGRAFICI CARLO COLOMBO

2

3 ANNESSO N. 10 allo stato di previsione del Ministero della difesa per l'anno finanziario 1988 CONTO CONSUNTIVO LEGA NAVALE ITALIANA ESERCIZIO FINANZIARIO 1986

4

5 BILANCIO CONSUNTIVO DELL'ESERCIZIO 1986

6 4 ENÎRATE Codice CAPITOLO N. Denomlnulon. Inl,lele PRe TITOLO I EN'l'!tA'J:E OO 'l'r1w',d ve Oa t. 1 A Aliquo'te oon1iricuuve 1 Qaoe e oon.ricu.i.sso ciat1v1 dei soo1 ord1n ri e aggregati J Qaote e contricu1i1 asb ciat1v.1 de1<-.aooi soijen:!:. tori 'o1;sle '.I::!..010 l '=2 :.:. 20)010 20)020 20)0)0 J07010 J07020 JO/j 01 O JO/j020 )08 OJO T.1.TOLO II ErtTHA:J.'E DERIVA1'i:J.'l DA T!tAStEaI}ŒNTI COKHENTI Cat. Trasreriment:!. dello JA da par.. Sa1;O 21 OontriDUtO ordinaio a oarioo della S.ato 22 Contricut1 straordinari a oarioo dallo S.ato 23 Contrit:JUti a oarico di EnU.totale 'ü tolo IJ. TITO.LO III ALlHE EN'l'rtA:J.'E Cat. Entrate derlv.n1 dalla vendia I prest.zion:!. di servizi 25 Hioavl dalla vend:!.'ta dl puoulloazionl e materi&- le d1 p.l.'opst\slloa 26 R1oav1 per puduliol1;à. adbonamento periodioo "Lega Navale" T Ca e. tia Redd1.l e provent:!. pltrimonlal1 J1 Arti.1:id1 immooll1 J2 lnteressi e prell1j. su t! tali à redd1to fisso J3.I.nteresBi ateivi su dep slti e oonto oorrenti 51,0.11. ga Poste Qorrntlve e oomp sative di spese corrent:!. Heoupen e rimbors:l d1 v ersi 16u.000.OOO..2.;..&, 2.OOO.000 1ô =!: :2 2. JOO.OOO ti l.22..=J:. :.

7 ' 5 VISIONI ApPROVA"S O&STION& VI,lulonl In p/il o In meno Dellnlllve COMPST&NZA. RI.eo... SOMMI ACCIRTATS Rlml.t. dl,'.cuoi.,. Tolin Iccerlamenll ; DIlleren..,1.pe1lO an. pr..i.loal la p" o la m.ao :!5 2.08' ;. 1S S2.: ,S.OS S O.760 OO.OOO & èJOO.OOO f.5,/,( 'f ?, U"J so.,.... ' ' '.. ", '... ' '. a iz :!.06 t

8 6 ENTRATE Co.llce CAPITOLO N. Denomln.llone Inlzllle PRK jt ) Cat. 10A Enrate non clasai!icad1 11 in altre voci,5 Entrate eventllah 61 Totale T1olo III TOTALE ENTRAE COTI T.LTOLO.LV ENHAE PER ALNAZONE Dl.d::1'u' PAH.1.MON til.!. E H.1.5C05S10NE Àl1.enaz1one Cat. 11A CRED dj.. 1mmODili Cat. 12A 71 Al:i.ena.ione cb. 1mpJ.anu, atl;rezza"tlu'e,maccll.lnari, imbaroa.. e au.ove.tare t!1 /j2 1r Ca t. Realizzo di valorj. mobilj.an Healizzo di i.o11 dello 5.a.o R:1.scOsslone cb. buoni p a.ali Cat. HA 1tI.scossione dj..credi 1;j, /H Prelevamenl;i di depoai ti 5 R1acoss1one di presl;i.j. e anncipi 6 sooaaione di credj..l;i diveru.. o.ale il;olo v 'U'l'O LO V Ell'HAT.!:' DEHI vanti DA T!tA5J!'ElilMErtr.i. Jol' CON'l'O OAP'l'ALE 62.JOO.OOO =c=oo:==..=... =j:j:.s2 = = ;... I==-======--= Oa t. 1 IjA rasfer1meni da Enti dsl setore pudòl:i.co e da sooj. Vi talj.z1 QU.ote 80CJ. VJ. alizj, 'J.:otale '1'1.010 V T.LTOLO vi ACCESlONE,D! PKESTj,j, Cat. 20A Assunz10ne di all;r1 4.u1'1 Conl;raZ10n. divarsi!1nanzlarj. dj.dabl1 1=..."

9 7 OaSTIONB VISIONI APPROVATB V.rinlonl Dellnill.e In pl o In meno COMPBTBlfzA RI.eo..e SOMMB ACCBRTATB Rlm..'e d. rl.euo'ere To,.1I.eceri.menll ; DUlerens. rl.petto.lie prnt.lonl In pl. o la meao 62.'\ =-... :.ZI.222 : : , !:!. 54!:!. 66!:! !:!...=... 1!:!. 54!:!. 66/ czoo !:! ,O!:! !:!... ;... '\.54lt " J,:j i"

10 8 ENTRATE Codice CAPITOLO N. Denomlnlzlon. 'nfzll" PU Enre.e relat1ve Id 98e 01Z1 suooesb:lv ' otel. '.1.': VJ TITOLO VII PAltTITE Dl ti.llto Cat. 22 Entrete IIvenu na.ura di parue <tigiro tdtenu t. ennali ) tdtenute prev/l:1. e l18all. carico dejo dipendenti )0 123 Quo.e assoo:lat:lve.. F.I.V lmpob.e Bul valore ag giun.o (.I.. 'I.)..) 1t 'rotae :i:1.o1o VII.: 2:.."2..ltlEPlLOtrO DE.I. '.I:.I.:1:0L.I. TJ.TOLO I TITOLO II TITOLO III '.n'l:olo l.v ''c.1.'.l:olo Ij '.l:1.'1:0lo V.I 'J:.I.l'O LO 'Il..!. ' ;J:.222.

11 9 OaSTION& VISIONI ApPIIOVAT& Vululonl In pth o In meno Dellnlll.. COMPIITIINZA RIlco... SOMMIl ACCIIIITATII Rlml.te da rt.cuot." Toilil Iccerll..1IIII ; Dllleren.. rllpetlo lu. prnl.loal In plfi o In meno '.000 :IS ' :.U 000 ;J !:! ö 2tj.1.241:S :11, OOO.OOO 'f'.66!:!.6t!, , ' ) '( ' ÒO "( ò J O 11 :J:l&i,.

12 10 SPESE Codice CAPITOtO N. Oenomlnuton. Inlllll. PRK ]0 t ] , t 0401: TITOLO I SPESE COfuilitiTI Cat. A 1 Spelle per g11 organi dell'ente Assegn1 e indennità al la Presd enza Indennità e rimbors1 C.D.N. a A.(}.S. ndenn1tà e rimborsi Col legio Revisori du Con î Cat. 2 Oner per 11 personae 1n a..vt d servzo u:.22, St1pend ed altri sssegl' nn.ooo.ooo 12 Compens1 per lavoro straord1nario Con.r1but:i. previdenz1au e ass1s1:enziau dentà e rimoorso sp se per misaion:! , Compsns1 1nc en.i van 1:1.la prdu.uvità q.ooo.ooo cu. 3 Sp8S. per l.faoqusto di. beni di oonsumo 8 d s ervj. z:l 31 Acqusto d1 lion, r1vi ste, ecc. 32 M8terale di consumo,ca celler18,stamp8.i,vest! rio,dj.vise, ecc. 33 Spese d rappresentanza 34 Spese per il funzoname to th commissioni FJ. tto loc au 3, 30 3'( 31: < M8nutenzJ.one'rJ.paraz10ne e putiz1a locati e rel t1v1 impianu Spesepostali, telegra!! I che e.elei'ollìcne Spese per l'organ1zzazi ne di C.D.N. e A..S., moatre,convegrlj., eoo. Manu tennon"e,nolog '.10 ed eseroizo d m.zz1 di.rssporto Spese per energia eleg tr10., oanon d'aoqua e per risoaldamento Onorari e spese legal, oompens1 per incarlchj. e consulenze ra8port1,!aoch1naggi, eco... :.2 2 '( C U ( e 2.,00.oac

13 11 VISIONI ApPROVATI Vatlulonl In plb o In m.no USITIONS Deflnllln COMPITINZA.PI.ltl SOMMI 'MPIONATI Rlmlltl dl Pl.I" TotlIl Impqlll DlII"lnll rllpltlo III. prnlllonr.. pt. o In m.no 1] U 1; , l:.JJ 11.13t:9.'(,ft:! 19.1)th'{'{t! 19.1]öo. 77B 19B.BtS.n' t:!/j t:!t:! o.t:!6h222 ou.èjb't.222 b ) U 12.7t:! t:!t '( ,l22:.20 2t:!J.OOO.00O 2d.l:Jt:!0. OJO...l., 00 2,20 :. o O t:!].t:!00 51$ ó U èJ.],9 ].15B.] , ] ] '.000.OOU o.95b>.]o, o.hit! ]0' 1./:!,3.0] d 5.,'( 3 1,.21$5.5'( èJ11' èJ I$B ,2.44'( 1.(52. 44'( 24'{.,5] '(.104.bd /:! èj.ooo.ooo '{., '{ '{

14 12 SPESE Codice ,o O'(0 10OöO b CAPITOLO N. Denomlnulone Premi di assicurazione Manuten&., at1irezz8gura d'uff1oio e mobilio Cat. 5. Spese per pres.alioni is G1mlionalJ. Inl,la'e ti'l. 'i00.,, Propagrmdal Periodico "Lege rtavale" Sovvenz1on1 a Oentn Nau.101,Souola yala Pu OOIL 53 ViaggJ. premi e 1su'ulio ne student Maniles.a&.spor.ive,nau. oa da diporto,ooppe, ecc_ ti.ooo.ooo 5 Pubbl1cazJ.onJ. e ma.erj.ale QJ. propaganda 40.UOO Sovven.. a SedJ. NautJ.one per manutenz. e patens '( Sevvenl. a Sedi Nau.iene per aoqu1sto 1mbareas t! Ecolop;1_a Cat. o. rasf9rimen"ti passj.vj. Con"tribu.1,00ncorsi,eco. ln"terven"ti ass/l1, eoe. Equo indennizzo personele ill.:.2g32., onen Cat. T FJ.nanZ1arJ. === '(020 tl1 tl2 In"tere3s1 passj.vj. --spese e commiss. canoarie Onen Cat. ö" xr1cutari 22:..2g.. 10ö lmpoate, taaae e tr1outj. var1 1=w.:.22: Cat. 9A Poste corre.tj.ve e oompensaj :lve es.1z.e rimcorsi dj. ursi I=..o, Cat.10A Spese non classj.f10ac11j. in. algre vooi , '( 10ö Spese per li.j., arc1trag git 100. Fondo dj. riserva To.ale T1"t0 lo I,"...l:.2:.2 1q. 1oo.0W."'.I!.--.--

15 13 VISIONI ApPROVATI Vlrlazlonl In più O In meno OSSTIONI COMPITINZA DIllerenze rllpello SOMMI IMPIONATI III. prlylllonl Rlmll" ToIIU Dellnltlve Plllle In pl. O In meno dl Pll"" tmpel11l HI O.OO.OOO ti'( ti JJ2 l ,00 1o!:l HI HI. 500 t.081., ' ,. '144 1a.8t1+.25ó ÓO.OOO.OOO, U , OOO J.öOo.J öo.ooo... 2"0U:.dJ d I , = ;;..,,,1j; O 18.\)00.OO :.!,,i

16 14 SPESE CoeIlee CAPITOLO N. Denomlnulone Inlalale PRK '.H.LULO l.i. SPESE I CUNTO OAPITALE un.12a Aoquiszione di immooi lizzaz10n1 tecniche Acqu1sto di automezzi 112 lzrandi manut./iutomezz:l 113 Acqu1sto di mobil1 e ma,g, ohine d'ufn.cio Cat.BA Partecipazione e acquisto di valor1 1mmob1ar1 = 121 Acquisto d1 T1tol1 emeb S1 dallo Stato =a_ Cn.HA Ooncessioni d1 credi.1 ed antioipazion1 131 Versamenti in deposito 132 oncessione di prestti a brev e termine Uat.1,A 141 Indenni tà d1 Bnz:r.an1 tà al personale.lotale.1.'1tolo J.J. TITULu III ESTlNZJ.OE MUUJ. E AN'.1.'J.(,;lPAZiOru <Jat.1oA H1mborsi di mu t1n =====...._ t!j.mbors1 di mu'tu.:!. ======;=====. Cat.20A Est1nzione debiti d1vers1 1,5 Est1nz.d debit divers1 ===_..; =:, Totale 1tolo III TITOLO I v PA.ttTJ.'.cE J)i lrau Cat.21 Spese Qventi natura di partite di g1ro 101 H1tenute erarial:!. 102 H1tenute previdanzial.1 a oarico dipendant:i =-== : JO.OOO.ooo

17 15 VISIONI ApPOVATI Vorlulonl In ph,. o In meno UIÌSTIONI DeUnlll.. COMPITINZA Plaata SOMMI 1M PlaNATI Rlm..te da paaarl Totan Impeanl OIfleran.. rilpetto ani preylllonl In pit ó In m.no = , :czozo '" = óoo.ooo w= -.1.l.<OO ooO.000 4) ,9.2 21:1.159' ,

18 16 SPESE CAI"TOLO. '.u Cod N. Denomlnulon. Inl.I.I. Pu ]0 10] QUo1ie as8oo1at1ve reders zlone.i.1is11ene vela J.mposta sul valore eg giun.o (.I..v.A.) 1ij.000.OOO o1iale 11iolo.I.V =-' J:t.I.EP.l.LQ\ O DE.I.TITOLI Th'OLO I 'Ul:OLO II boo.ooo 1:.I.:.I.'OLO III -rl'l:olo Iv '(2.UOO.000 O'l:ALE DELLE SPESE l

19 17 VISIONI APPROVATI Variazioni In pl o In meno OIITIONI Dellnltl" COMPITINZA PI.ate SOMMI IMPIONATI Rim... da pa.ara TollU Impe.nl DlII"lnll,I.pello.lIe pr"t.lonl In pt. o In meno '( !:!1.000!:!1.OOO 1ö '( g..'(!:! : : :1 g Z2 1:I'('!:.11,...

20

21 SITUAZIONE PATRIMONIALE, CONTO ECONOMICO E SITUAZIONE AMMINISTRATIVA DELL'ESERCIZIO 1986

22 20 SITUAZIONE PATRIMONIALE CONSISTENZE DIFFERENZE A TTIVIT À allo gennaio 1986 al 31 dicembre 1986 (in più o in meno) Disponibilità liquide. 1. Cassa Banca Commerciale Italiana 3. Conto corrente postàle Residui attivi Crediti verso lo Stato Crediti diversi Crediti bancari e finanziari Depositi cauzionali Mutui e anticipazioni attive Rimanenze attive d'esercizio. 8. Materiale vario e pubblicazioni propaganda

23 Debiti Introiti 21 AL 31 DICEMBRE 1986 CONSISTENZE DIFFERENZE PASSIVITÀ allo gennaio 1986 al 31 dicembre 1986 (in più o in meno) Debiti di Tesoreria. Residui passivi. 1. verso le sezioni 2. Debiti verso fornitori. 3. Debiti verso terzi per prestazioni ricevute Debiti bancari e finanziari. 4. Mutui passivi Anticipazioni passive Rimanenze passive di esercizio. 6. relativi ad esercizi successivi Fondi di accantonamento vari. 7. Fondo liquidazione personale indennità anzianità

24 22 Segue: SITUAZIONE PATRIMONIALE CONSISTENZE DIFFERENZE A TTIVIT À allo gennaio 1986 al 31 dicembre 1986 (in più o in meno) Investimenti mobiliari. 9. Titoli emessi dallo Stato 10. Buoni postali Immobili. Il. Immobili I mmobilizzazioni tecniche; 12. Sedi nautiche.,. 13. Attrezzatura Centri Nautici 14. Imbarcazioni Mobili, biblioteca e macchinari d'ufficio 16. Automezzi Totale attività Deficit patrimoniale. 17. Disavanzo economico degli esercizi prece denti Disavanzo economico esercizio Totale a pareggio Conti d'ordine. 19. Valori di terzi depositati a cauzione

25 Fondo Fondo Fondo Fondo Terzi 23 AL 31 DICEMBRE 1986 CONSISTENZE DIFFERENZE PASSIVITÀ allo gennaio 1986 al 31 dicembre 1986 (in più o in meno) Poste rettificative dell'attivo. 8. ammortamento immobili Fondo ammortamento sedi nautiche 10. Fondo ammortamento centri nautici Il. ammortamento automezzi Fondo ammortamento imbarcazioni 13. ammortamento mobill, macchine d'ufficio Totale passività Patrimonio netto. 14. di dotazione Fondo di riserva Totale patrimonio netto Totale passività e netto Conti d'ordine. 16. per valori depositati a cauzione

26 24 CONTO ECONOMICO Entrate PARTE PRIMA DENOMINAZIONE Lire Totale parte prima (Titoli I, II e III, vedi rendiconto finanziario) (a) (a) Determinazione n. 667 in data 3 giugno 1986, annullamento crediti vedi Sezioni L.N.I.

27 25 DELL'ESERCIZIO 1986 e spese finanziarie correnti DENOMINAZIONE Lire Itale parte prima (Titolo I, vedi rendiconto finanziario) (a) I Determinazione n. 667 in data 3 giugno 1986, annullamento crediti vedi Sezioni L.N.I.

28 Componenti 26 PARTE SECONDA Segue: CONTO ECONOMICO che non DENOMINAZIONE Lire A) Entrate accertate in precedenti esercizi di pertinenza dell'esercizio 1986: Quote e contributi associativi dei Soci ordinari e aggregati B) Produzione e movimenti interni C) Trasferimenti attivi in natura: materiale di propaganda e pubblicazioni D) Variazioni patrimoniali straordinarie... Totale parte seconda (2) Totale delle entrate (1 + 2) Disavanzo economico Totale a pareggio

29 Immobili Sedi Centri Mobili, Anticipazioni 27 DELL'ESERCIZIO 1986 danno luogo a movimenti finanziari DENOMINAZIONE Lire I Spese di competenza impegnate in precedenti esercizi Produzione e movimenti interni Trasferimenti passivi in natura: materiale di propaganda e pubblicazioni in omaggio Ammortamenti e deperimenti: nautiche Imbarcazioni Nautici macchine d'ufficio Svalutazioni e deprezzamenti Accantonamenti per oneri presunti di competenza Quota 1986 per adeguamt!nto fondi anzianità personale Variazioni patrimoniali straordinarie: attive annullate (a).... : Totale parte seconda (2) Totale delle spese (l + 2) Determinazione n. 667 in data 3 giugno 1986, annullamento crediti vedi Sezioni L.N.I.

30 in in in in 28 SITUAZIONE AMMINISTRATIVA AL 31 DICEMBRE 1986 DENOMINAZIONE Importo Totale Consistenza della Cassa allo gennaio Riscossioni: conto competenze conto residui Pagamenti: conto competenze conto residui Consistenza della Cassa al31 dicembre

31 degli dell'esercizio degli 29 Segue: SITUAZIONE AMMINISTRATIVA AL 31 DICEMBRE 1986 DENOMINAZIONE Importo Totale Riporto Residui attivi: esercizi precedenti Residui passivi: esercizi precedenti dell'esercizio Avanzo di amministrazione al 31 dicembre

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE. Adozione del bilancio d'esercizio 2011 e rendiconto finanziario annuale

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE. Adozione del bilancio d'esercizio 2011 e rendiconto finanziario annuale DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 108 SEDUTA DELIBERATIVA DEL 21/05/2012 OGGETTO Adozione del bilancio d'esercizio 2011 e rendiconto finanziario annuale IL DIRETTORE GENERALE (dott. Lionello Barbina)

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 MONDO ACQUA S.P.A. Codice fiscale 02778560041 Partita iva 02778560041 VIA VENEZIA n. 6/B - 12084 MONDOVI' CN Numero R.E.A. 235902 - CN Registro Imprese di CUNEO n. 02778560041 Capitale Sociale 1.100.000,00

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

Relazione del collegio

Relazione del collegio Relazione del collegio revisori i dei conti RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI SUL RENDICONTO DELL'ESERCIZIO 2013 DEL PARTITO "IL POPOLO DELLA L1BERTA'" Il Collegio dei revisori composto dai

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG Piazza Toselli n. 1-96010 Buccheri (SR) Tel. 0931880359 - Fax 0931880559 DETERMINA DEL CAPO AREA AFFARI GENERATI DETERMINAN,/UóDEL Z>,n zorrr Reg. Gen. Oggetto: Liquidazione fatîure a ll'associazio ne

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2013 DATI ANAGRAFICI Indirizzo Sede legale: RIMINI RN VIA DARIO CAMPANA 63 Numero REA: RN - 259282 Forma giuridica: SOCIETA' PER AZIONI

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

COMUNE DI FORIO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI CONTABILITA

COMUNE DI FORIO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI CONTABILITA COMUNE DI FORIO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI CONTABILITA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.82 del 03.04.2013 INDICE CAPO I: FINALITÀ E CONTENUTI Art. 1 Finalità e contenuti del Regolamento

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria Legge n. 111 del 15 luglio 2011 - Conversione in legge, con modificazioni, del DL 98/11 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. (GU n. 164 del 16-07-2011) Decreto Legge 6/7/2011

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Allegato A) deliberazione nr.14 d.d. 28.04.2015 APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Il Presidente

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione 1. Approvazione addendum al contratto di concessione della progettazione, realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici asserviti ad immobili di proprietà del Comune di Casapinta 2. Verifica quantità

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24;

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24; D.Lgs. 6-9-1989 n. 322 1 Norme sul Sistema statistico nazionale e sulla riorganizzazione dell'istituto nazionale di statistica, ai sensi dell'art. 24 della L. 23 agosto 1988, n. 400. Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZION DI SISTMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Maggio 2014 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FDRALISMO FISCAL in attuazione dell art. 119 della

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 Comune di Villafranca Padovana Provincia di Padova RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 a cura della Giunta Comunale art. 151, comma 6 e art. 231 D.Lgs.267/2000 Pag. 1 1. IL CONTESTO PREMESSA Il

Dettagli

ENTE: APOF-IL PROVINCIA: POTENZA ALTRI ALLEGATI

ENTE: APOF-IL PROVINCIA: POTENZA ALTRI ALLEGATI ALTRI ALLEGATI Anno 2014 Procedura realizzata da Publisys S.p.A. C.da Santa Loja - Tito (PZ) Pagina 2 di 15 CAPACITA' DI INDEBITAMENTO Anno 2014 Procedura realizzata da Publisys S.p.A. C.da Santa Loja

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio N. 165 del 6 Novembre 2013 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi POS obbligatorio per esercenti di attività di vendita di prodotti e servizi, anche professionali (Articolo 15 commi

Dettagli

BILANCIO PLURIENNALE PER GLI ANNI FINANZIARI 2015-2017

BILANCIO PLURIENNALE PER GLI ANNI FINANZIARI 2015-2017 Allegato B Assessorato Bilancio e Finanze Direzione Risorse finanziarie Settore Bilancio BILANCIO PLURIENNALE PER GLI ANNI FINANZIARI - Ripartizione in Unità Previsionali di Base STATO DI PREVISIONE DELL

Dettagli

TITOLO VIII - CAPO II DLgs 267/2000. Enti locali dissestati: disposizioni generali. Art. 244. Dissesto finanziario

TITOLO VIII - CAPO II DLgs 267/2000. Enti locali dissestati: disposizioni generali. Art. 244. Dissesto finanziario TITOLO VIII - CAPO II DLgs 267/2000 Enti locali dissestati: disposizioni generali Art. 244. Dissesto finanziario 1. Si ha stato di dissesto finanziario se l'ente non può garantire l'assolvimento delle

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli