Centro Sportivo Italiano di Verona

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centro Sportivo Italiano di Verona"

Transcript

1 Centro Sportivo Italiano di Verona Commissione Basket LEGA OPEN DI BASKET REGOLAMENTO 1

2 SOMMARIO LEGA OPEN DI BASKET...1 REGOLAMENTO...1 REGOLAMENTO LEGA OPEN DI BASKET...5 TITOLO I: PARTECIPAZIONE ALLA LEGA OPEN...5 Articolo 1: partecipazione delle squadre alla lega open...5 Articolo 2: regole generali sul tesseramento...5 Articolo 3: partecipazione dei giocatori alla lega open...5 Articolo 4: tesseramenti...6 TITOLO II: PARTECIPAZIONE ALLE GARE...6 Articolo 5: accertamenti obbligatori...6 Articolo 6: componenti della squadra a referto...7 Articolo 7: capitano...7 Articolo 8: violazione delle norme sulla partecipazione alle gare...7 TITOLO III: SVOLGIMENTO DELLE GARE...8 Articolo 9: divise di gioco...8 Articolo 10: obbligo di cambio di maglie con colore confondibile...8 Articolo 11: attrezzatura di gara...8 Articolo 12: palloni per la gara...9 Articolo 13: ufficiali di campo...9 articolo 14: compilazione del referto TITOLO IV: CALENDARIO ED ORARIO DELLE GARE...10 Articolo 15: calendario della lega open Articolo 16: spostamento concordato della data di una gara Articolo 17: spostamento della data di una gara per indisponibilità del campo di gioco Articolo 18: spostamento di una gara per motivi di forza maggiore articolo 19: recupero delle gare spostate Articolo 20: orario delle gare TITOLO V: GARE NON DISPUTATE O NON CONCLUSE...13 articolo 21: interruzione della gara, indisponibilità improvvisa del campo di gioco articolo 22: rinuncia alla disputa di una gara articolo 23: abbandono di una gara articolo 24: numero insufficiente di giocatori articolo 25: attesa delle squadre articolo 26: motivi di forza maggiore articolo 27: esclusione di una squadra dalla lega open per somma di rinunce

3 articolo 28: recupero di gare non disputate articolo 29: norma generale sull omologazione d ufficio delle gare TITOLO VI: ARBITRI...16 Articolo 30: arbitri C.S.I Articolo 31: Arbitri di società Articolo 32: arbitraggio delle gare Articolo 33: auto-arbitraggio Articolo 34: arbitro neutrale Articolo 35: auto-arbitraggio ed arbitri designati o neutrali Articolo 36: arbitri e direzione della gara Articolo 37: attesa dell'arbitro designato TITOLO VII: SANZIONI DISCIPLINARI...18 articolo 38: sanzioni a carico dei tesserati articolo 39: efficacia delle squalifiche articolo 40: sanzioni a carico delle società articolo 41: delibera delle sanzioni articolo 42: falli tecnici articolo 43: sanzioni per fallo antisportivo articolo 44: espulsioni articolo 45: fatti gravi articolo 46: ammonizioni e diffide articolo 47: squalifiche per somma di ammonizioni articolo 48: equivalenze articolo 49: tesserati atleti non partecipanti alla gara e tesserati non atleti articolo 50: modalità di applicazione delle squalifiche articolo 51: falli tecnici alla panchina articolo 52: responsabilità oggettiva articolo 53: interruzione della gara per la condotta dei tesserati o dei sostenitori articolo 54: giocatori e tesserati squalificati articolo 55: applicazione delle sanzioni articolo 56: organi di giustizia sportiva per l attività della lega open articolo 57: impugnazioni agli organi di giustizia sportiva articolo 58: istanze di revisione contro le decisioni del giudice sportivo articolo 59: procedimento e termini per l inoltro dell istanza di revisione articolo 60: reclami sulle gare articolo 61: decisione sui reclami TITOLO IX: DISPOSIZIONI FINALI...26 articolo 62: formula del campionato

4 articolo 63: pagamenti obbligatori articolo 64: ritiro di una squadra dalla lega open, provvedimenti amministrativi articolo 65: ritiro di una squadra dalla lega open, provvedimenti tecnici articolo 66: comunicazione dei risultati ed inoltro dei referti articolo 67: inoltro dei referti di gara articolo 68: comunicato ufficiale commissione basket articolo 69: modifiche del regolamento articolo 70: integrazioni articolo 71: entrata in vigore

5 Centro Sportivo Italiano di Verona Commissione Basket REGOLAMENTO LEGA OPEN DI BASKET TITOLO I: PARTECIPAZIONE ALLA LEGA OPEN ARTICOLO 1: PARTECIPAZIONE DELLE SQUADRE ALLA LEGA OPEN 1. Qualunque Società Sportiva, regolarmente aderente al C.S.I., può iscriversi al Campionato di Basket della Provincia di Verona, denominato Lega Open. 2. Le iscrizioni devono essere effettuate presso la segreteria del C.S.I. entro e non oltre il termine fissato all'inizio di ciascuna stagione sportiva dalla Commissione Basket. 3. Con l iscrizione alla Lega Open, le Società Sportive accettano e si obbligano ad osservare le disposizioni contenute nel presente Regolamento, nello Statuto, nelle Norme per l Attività Sportiva e, nel Regolamento Nazionale di Giustizia Sportiva, ed in tutti i Regolamenti del C.S.I., oltre alle condizioni deliberate dal C.S.I., e dalla Commissione Basket, prima dell'inizio della stagione sportiva. ARTICOLO 2: REGOLE GENERALI SUL TESSERAMENTO 1. Tutti i partecipanti alla Lega Open devono essere tesserati al C.S.I. per l'anno sportivo in corso. 2. Il tesseramento deve essere effettuato entro i termini deliberati, all inizio di ciascuna stagione sportiva, da parte del C.S.I.. 3. Possono partecipare alla Lega Open tutti coloro che abbiano l età minima, deliberata, all inizio di ciascuna stagione sportiva, da Consiglio Nazionale del C.S.I.. ARTICOLO 3: PARTECIPAZIONE DEI GIOCATORI ALLA LEGA OPEN 1. La partecipazione, in qualità di giocatore, alla Lega Open è incompatibile con la contemporanea partecipazione, in qualità di giocatore, a campionati e tornei organizzati dalla F.I.P.. 2. Sono ammessi anche giocatori già tesserati presso la F.I.P. nell'anno sportivo in corso, purché non siano mai stati iscritti a referto nelle gare ufficiali disputate presso la F.I.P., durante il medesimo anno sportivo. 3. In deroga alle norme precedenti, coloro che, nel corso della stagione sportiva, siano stati iscritti a referto in gare ufficiali disputate presso la F.I.P., sono ammessi a partecipare alla Lega Open alle seguenti condizioni: a) che la società sportiva, o l interessato, presenti alla Commissione Basket la richiesta di tesseramento in deroga entro e non oltre il 31 dicembre dell anno sportivo in corso (31/12/2006); 5

6 b) che il richiedente, dal momento della presentazione della domanda di tesseramento in deroga, interrompa l attività presso la F.I.P.; c) che la società di provenienza conceda il nulla osta al tesseramento presso la società del C.S.I.; d) che dopo l inizio della partecipazione alla Lega Open, in qualità di giocatore, il richiedente non risulti più iscritto a referto in gare di F.I.P.. 4. Per quanto attiene allo svolgimento di altre manifestazioni organizzate dal C.S.I., incluse le fasi Interprovinciali, Regionali e Nazionali del Trofeo Joy Cup, si rimanda alle disposizioni contenute nelle Norme per l Attività Sportiva del C.S.I.. ARTICOLO 4: TESSERAMENTI 1. Sono ammessi alla partecipazione alle gare della Lega Open esclusivamente i giocatori, gli allenatori, i dirigenti tesserati presso il C.S.I. quali soci atleti e non atleti. 2. All'atto del tesseramento viene rilasciata un modello provvisorio, valido per sessanta giorni dalla data del rilascio (fa fede la data del timbro apposto dalla segreteria del C.S.I.). 3. Il modello provvisorio deve essere sostituito dalla tessera, completa di fotografia, che la segreteria del C.S.I. provvede ad elaborare. TITOLO II: PARTECIPAZIONE ALLE GARE ARTICOLO 5: ACCERTAMENTI OBBLIGATORI 1. Per partecipare alle gare della Lega Open, i giocatori, gli allenatori e i dirigenti tesserati devono esibire all'arbitro la tessera C.S.I.. 2. Nel caso di smarrimento dei modelli provvisori, o delle tessere, in via eccezionale, è possibile partecipare alla gara, certificando il tesseramento con la presentazione, all arbitro, dell elenco dei tesserati, rilasciato dal C.S.I.. 3. In caso di smarrimento dei modelli provvisori, o delle tessere, verificato al momento dell ingresso sul campo di gioco, la squadra, sentito l arbitro, può autocertificare, con dichiarazione sottoscritta dal dirigente, dall allenatore o dal capitano, il tesseramento dei propri componenti, indicando, in un allegato al referto, i nominativi e gli estremi anagrafici dei partecipanti. 4. L arbitro, oltre a verificare il tesseramento, deve procedere al riconoscimento dei giocatori, degli allenatori e dei dirigenti, con una delle seguenti modalità: a) mediante uno dei seguenti documenti: carta di identità, passaporto, patente di guida, porto d armi, tessera di riconoscimento militare o di servizio civile, tessera di riconoscimento di una pubblica amministrazione, libretto o tessera universitaria, documento aziendale recante i dati anagrafici; b) mediante la tessera C.S.I., completa di fotografia, unitamente alla fotocopia di uno dei documenti di riconoscimento sopra elencati; c) mediante la conoscenza personale del tesserato da parte dell arbitro. 6

7 5. La squadra che iscriva a referto tesserati, i quali presentino il modello provvisorio scaduto, ovvero la tessera priva di fotografia, è punita con una multa di Euro 4,00 per ciascun tesserato. In caso di recidiva la sanzione viene raddoppiata. Nel caso in cui la violazione riguardi più di cinque tesserati, la squadra è punita con una multa di Euro 20,00. ARTICOLO 6: COMPONENTI DELLA SQUADRA A REFERTO 1. Ciascuna squadra può iscrivere a referto un numero massimo di dodici giocatori, oltre ad un allenatore, un vice allenatore ed un dirigente accompagnatore. 2. All'inizio della gara devono essere presenti sul campo di gioco almeno cinque giocatori. 3. Nessuno dei tesserati con squalifiche a suo carico in corso può essere iscritto a referto. 4. Le funzioni di allenatore, vice allenatore o dirigente accompagnatore possono essere svolte sia da tesserati soci atleti, sia da tesserati soci non atleti. ARTICOLO 7: CAPITANO 1. Ciascuna squadra deve indicare il nome di un proprio giocatore con funzioni di capitano. 2. In assenza dell allenatore ne farà le veci il capitano. ARTICOLO 8: VIOLAZIONE DELLE NORME SULLA PARTECIPAZIONE ALLE GARE 1. La gara in cui una delle due squadre abbia schierato uno o più giocatori non tesserati, ovvero tesserati in violazione delle norme previste dal C.S.I., ivi comprese quelle contenute nel presente Regolamento, è omologata con il punteggio di 0 20 a sfavore delle squadra in difetto, salvo il mantenimento del più sfavorevole punteggio conseguito sul campo di gioco. La squadra in difetto è punita con una multa da Euro 15,00 ad Euro 50,00. In caso di recidiva, la sanzione viene raddoppiata. 2. Esaminate le circostanze del caso, e valutata l esistenza, o meno, di buona fede, da parte della squadra che abbia schierato uno o più giocatori non tesserati, o irregolarmente tesserati, il Giudice competente potrà comminare alla squadra stessa l ulteriore sanzione di un punto di penalizzazione in classifica. 3. Le gare alle quali abbiano preso pare giocatori di età inferiore a quella prevista dal presente Regolamento, saranno omologate con il risultato conseguito sul campo, ed alla squadra in difetto è comminata una multa da Euro 10,00 ad Euro 30,00. In caso di recidiva, la sanzione viene raddoppiata. 4. La squadra che abbia iscritto a referto uno o più giocatori non tesserati C.S.I., ovvero tesserati in violazione delle relative norme, i quali, tuttavia, non abbiano disputato la gara, è punita con una multa da Euro 10,00 ad Euro 30,00. In caso di recidiva, la sanzione viene raddoppiata. 5. La squadra che abbia iscritto a referto l'allenatore, il vice allenatore, o il dirigente non tesserati C.S.I., ovvero tesserati in violazione delle relative norme, è punita con una multa da Euro 10,00 ad Euro 30,00. In caso di recidiva, la sanzione viene raddoppiata. 6. Esaminate le circostanze del caso, e valutata l esistenza, o meno, di buona fede, il Giudice Sportivo può punire coloro che, non tesserati C.S.I., ovvero tesserati in violazione delle relative norme, erano iscritti a referto, ed erano presenti sul campo di gioco, con 7

8 una giornata di squalifica per ciascuna gara in difetto. In caso di recidiva, la sanzione viene raddoppiata. TITOLO III: SVOLGIMENTO DELLE GARE ARTICOLO 9: DIVISE DI GIOCO 1. In occasione delle gare, i giocatori devono indossare la divisa con i colori dichiarati all atto dell iscrizione, e munite di numeri di riconoscimento. 2. La numerazione delle maglie di gioco può essere compresa tra il numero 0 (anche 00) ed il numero E' consentito l'uso dei sottomaglia. I sottomaglia devono essere del colore identico o simile a quello della divisa di gioco. 4. Non è comunque consentito l'uso di sottomaglia di colore identico o simile a quello della divisa della squadra avversaria. 5. Tali disposizioni non si applicano al colore dei calzoncini scaldamuscoli. 6. Le divise di gara possono recare, oltre al nome della squadra, scritte, o loghi, di fantasia, promozionali o pubblicitari. Sono vietate scritte, loghi o messaggi di natura politica, o non coerenti con lo Statuto e con i Regolamenti del C.S.I.. ARTICOLO 10: OBBLIGO DI CAMBIO DI MAGLIE CON COLORE CONFONDIBILE 1. Nel caso in cui ambedue le squadre si presentino sul campo di gioco con divise di gara di colore confondibile, l obbligo di cambiare la divisa, o, quantomeno, la maglia, salvo diversi accordi tra le squadre, spetta alla squadra ospitante, ovvero alla squadra prima nominata nel calendario, in caso di gara da disputarsi in campo neutro. 2. Nel caso in cui una delle due squadre si presenti sul campo di gioco con un divisa di colore diverso da quella indicata all atto dell iscrizione, o successivamente segnalata alla Commissione Basket, e portata a conoscenza delle altre squadre, l obbligo di cambiare la divisa, o, quantomeno la maglia, spetta alla squadra in difetto. 3. Il mancato cambio delle maglie, se impedisce lo svolgimento della gara, comporterà l omologazione della gara con il punteggio di 0 20 a sfavore della squadra in difetto a norma del presente articolo; salva la valutazione, da parte della Commissione Basket, delle ragioni che hanno impedito il cambio della maglia, o della richiesta concorde di entrambe le squadre di recuperare la gara. 4. In ogni caso, la squadra in difetto è punita con una multa da Euro 10,00 ad Euro 30,00. ARTICOLO 11: ATTREZZATURA DI GARA 1. La squadra ospitante è obbligata a munire il tavolo degli ufficiali di campo con la seguente attrezzatura: a) referto ufficiale di gara del C.S.I. di Verona; b) cronometro da tavolo regolamentare; c) segnapunti manuale (di qualsiasi tipo, purché leggibile dal campo); d) palette numerate per la segnalazione dei falli personali; 8

9 e) palette o strumenti di segnalazione del bonus per i falli di squadra; f) freccia per l indicazione del possesso di palla. 2. Gli strumenti di cui alle lettere b), d), e) non sono obbligatori per le squadre che dispongono di tabellone elettronico luminoso funzionante munito delle relative indicazioni. 3. Salvo i casi di forza maggiore, la squadra ospitante, che non fornisca uno degli strumenti indicati al comma 1, è punita con una multa di 5,00 per ciascuna gara. In caso di mancanza di referto, ovvero di cronometro regolamentare, la sanzione è elevata ad Euro 10,00 per ciascuna gara. 4. Salvo i casi di forza maggiore, la squadra ospitante che non fornisca alcuni o tutti gli strumenti di cui al comma 1, è punita con una multa da Euro 10,00 ad Euro 20,00 per ciascuna gara. 5. In caso di recidiva, le sanzioni sono raddoppiate. ARTICOLO 12: PALLONI PER LA GARA 1. La società ospitante deve mettere a disposizione i palloni necessari per il riscaldamento di entrambe le squadre e per la disputa della gara, e comunque in numero non inferiore a tre. 2. In caso di violazione dell obbligo di cui al comma precedente, la squadra ospitante è punita con una multa da Euro 10,00 ad Euro 20,00. In caso di recidiva, la sanzione viene raddoppiata. 3. Nel caso in cui la gara non possa essere disputata, a causa di mancanza di palloni, la stessa viene omologata d ufficio con il punteggio di 0 20 a sfavore della squadra ospitante, la quale è, altresì, punita con una multa da Euro 10,00 ad Euro 50,00. ARTICOLO 13: UFFICIALI DI CAMPO 1. La squadra ospitante è tenuta a fornire, per la gara, due ufficiali di campo, uno facente le funzioni di cronometrista, l'altro addetto alla compilazione del referto. 2. Le funzioni di ufficiale di campo possono essere svolte da chiunque. 3. Le funzioni di ufficiale di campo, quale ausiliario dell arbitro, devono essere svolte con decoro e correttezza. 4. Le funzioni di ufficiale di campo possono essere svolte anche da tesserati iscritti a referto per la gara, siano essi giocatori, allenatore, vice allenatore o dirigente. In questo caso, più tesserati possono alternarsi nella funzione di cronometrista, mentre la funzione di refertista potrà essere svolta dal medesimo tesserato per ciascun quarto di gioco. 5. La squadra ospitante, che non presenti ufficiali di campo pronti a svolgere le loro funzioni all'inizio della gara è punita con una multa di Euro 5,00. In caso di recidiva, la sanzione viene raddoppiate. 6. Nel caso in cui non sia possibile disputare la gara per mancanza degli ufficiali di campo, la medesima viene omologata d ufficio, con il punteggio di 0 20 a sfavore della squadra ospitante, la quale è, altresì, punita con una multa da Euro 10,00 ad Euro 50,00. 9

10 ARTICOLO 14: COMPILAZIONE DEL REFERTO 1. La squadra ospitante è garante della regolare, corretta e completa compilazione del referto. 2. Un tesserato per ciascuna squadra può rivolgersi agli ufficiali di campo per avere le informazioni necessarie, ovvero sostare presso il tavolo, senza tuttavia disturbare, ovvero ostacolare, il loro operato. 3. Nel caso in cui il referto presenti evidenti scorrettezze o lacune, alla squadra ospitante è comminata una multa da Euro 5,00 ad Euro 30, Nel caso in cui il referto sia viziato da gravi irregolarità atte ad alterare il risultato della gara, la stessa, viene omologata con il punteggio di 0 20 a sfavore della squadra ospitante, salvo il mantenimento del più sfavorevole punteggio conseguito sul campo. La stessa squadra è punita con una multa da Euro 20,00 ad Euro 100,00, e nel caso i cui ricorrano circostanze di particolare gravità, è altresì comminata una penalizzazione in classifica di 1 punto. 5. Nel caso in cui il referto sia viziato da gravi irregolarità atte ad alterare il risultato della gara, ovvero risulti essere completamente incomprensibile, il Giudice Sportivo, compiuti tutti gli accertamenti del caso, ove non ritenga esservi una diretta responsabilità della squadra ospitante, potrà disporre la non omologazione del risultato, e la ripetizione della gara. In tal caso, il Giudice Sportivo potrà addebitare alla squadra ospitante, anche parzialmente, le spese di organizzazione della gara non omologata, nonché il rimborso delle spese, eventualmente sostenute, dalla squadra ospite, determinate forfetariamente. TITOLO IV: CALENDARIO ED ORARIO DELLE GARE ARTICOLO 15: CALENDARIO DELLA LEGA OPEN 1. La Commissione Basket, sulla base delle indicazioni fornite dalle squadre all'atto dell'iscrizione, provvede a redigere il calendario della Lega Open e lo comunica alle squadre. 2. Ciascuna squadra, entro il termine fissato dalla Commissione Basket, deve comunicare, alla medesima, le proprie osservazioni circa le correzioni da apportare alle date del calendario. 3. La Commissione Basket, ove possibile, provvederà ad apportare tutte le correzioni relative alle osservazioni pervenute entro il predetto termine, e, successivamente, diramerà il calendario definitivo della stagione. 4. Tutte le correzioni al calendario, da apportare successivamente alla comunicazione del calendario definitivo, si considerano spostamenti delle date delle gare, e sono disciplinate dalle norme che seguono. 5. Al termine del Girone di andata, la Commissione Basket verifica la possibilità di apportare le modifiche, richieste dalle squadre, al Girone di ritorno della prima fase del calendario della Lega Open, senza considerarli spostamenti. Le squadre che intendessero chiedere la modifica delle date di una o più gare in programma per il girone di ritorno, sono 10

11 tenute ad inoltrare alla Commissione basket una richiesta motivata entro il 15 dicembre della stagione in corso. ARTICOLO 16: SPOSTAMENTO CONCORDATO DELLA DATA DI UNA GARA 1. Ciascuna squadra, previo accordo con l'altra squadra, potrà chiedere il rinvio della data di una gara in calendario, purché ne venga dato preavviso con modulo scritto, che deve pervenire alla Commissione Basket entro cinque giorni precedenti alla data della gara. 2. E consentito il rinvio concordato al massimo di una gara della prima fase della Lega Open. Non sono consentiti spostamenti concordati di gare nelle ultime quattro giornate della prima fase, e nelle fasi finali della Lega Open. 3. La Commissione Basket, esaminata la regolarità della richiesta, autorizza il rinvio della gara, purché compatibile con i tempi di svolgimento della manifestazione. 4. Unitamente a tale preavviso scritto, la squadra che ha richiesto lo spostamento deve informare telefonicamente un componente della Commissione Basket. 5. La squadra che ha richiesto lo spostamento della gara, dovrà corrispondere al C.S.I. una tassa di Euro 15, Nel caso in cui il preavviso pervenga al CSI entro un termine inferiore a cinque giorni, la tassa di cui al comma 2 è maggiorata dalle seguenti penalità: Euro 5,00 in caso di preavviso di 4 o 3 giorni dalla data della gara Euro 10,00 in caso di preavviso di 2 o 1 giorno dalla data della gara Euro 15,00 in caso di preavviso che pervenga il giorno stesso della gara 7. Salvi i casi di indisponibilità del campo di gioco, e di forza maggiore, non può essere rinviata una gara con preavviso inoltrato il giorno stesso della gara. 8. La squadra che abbia richiesto il rinvio della gara, senza il consenso della squadra avversaria, è punita con l omologazione d ufficio della gara con il punteggio di 0-20, e con una multa da Euro 10,00 ad Euro 30,00. In caso di recidiva, la sanzione viene raddoppiata, e viene applicato un punto di penalizzazione in classifica. 9. In caso di violazione del solo obbligo di dare preavviso scritto al C.S.I., la squadra che ha richiesto il rinvio è punita una multa di Euro 10,00, aumentabile fino al doppio in caso di recidiva. 10. Alla squadra che abbia chiesto ed ottenuto il rinvio della gara, la quale ometta di avvisare un componente della Commissione Basket, ove gli arbitri si presentino sul campo di gioco, sono addebitate, a titolo di sanzione, le spese di organizzazione della gara non disputata, determinate forfetariamente dalla Commissione Basket. ARTICOLO 17: SPOSTAMENTO DELLA DATA DI UNA GARA PER INDISPONIBILITÀ DEL CAMPO DI GIOCO 1. In deroga a quanto previsto dall articolo precedente, ciascuna squadra ha diritto di ottenere il rinvio della gara in caso di documentata indisponibilità del proprio campo di gioco. 2. Lo spostamento della gara deve essere autorizzato dalla Commissione Basket, alla quale deve essere inoltrata la richiesta scritta, precisando le ragioni di indisponibilità del proprio campo di gioco. 11

12 3. Ottenuta l autorizzazione della Commissione Basket, la squadra richiedente dovrà informare direttamente la squadra avversaria. Nel caso in cui la Commissione Basket non accolga la richiesta, la gara deve essere disputata nella data indicata in calendario. 4. Nel caso in cui la gara da rinviare si disputi in data anteriore alla prima riunione utile della Commissione Basket, la squadra richiedente deve inviare al C.S.I. la richiesta su modulo scritto, e deve informare un componente della Commissione Basket, il quale, ove ne ravvisi i presupposti, autorizza, in via provvisoria, lo spostamento della gara, dandone comunicazione tempestiva alla squadra richiedente. Ricevuta l autorizzazione, la squadra richiedente deve informare il responsabile della squadra avversaria. 5. Nella prima riunione successiva, la Commissione Basket provvede, in via definitiva, sulla richiesta di spostamento della gara. Nel caso in cui venga accertato che non sussistevano le ragioni per autorizzare lo spostamento della gara, così come comunicati dalla squadra richiedente, la gara medesima è omologata d ufficio il punteggio di 0-20 a sfavore della squadra richiedente; la quale è punita con una multa da Euro 10,00 ad Euro 30,00. In caso di recidiva, la sanzione viene raddoppiata, e viene applicato un punto di penalizzazione in classifica. 6. In caso di violazione del solo obbligo di dare preavviso scritto al C.S.I., la squadra che ha richiesto il rinvio è punita una multa di Euro 10,00, aumentabile fino al doppio in caso di recidiva. 7. Ottenuto il rinvio della gara, alla squadra che ometta di avvisare un componente della Commissione Basket, ove gli arbitri si presentino sul campo di gioco, sono addebitate, a titolo di sanzione, le spese di organizzazione della gara non disputata, determinate forfetariamente dalla Commissione Basket. 8. Ottenuto il rinvio della gara, alla squadra che ometta di avvisare la squadra avversaria, la quale si presenti sul campo di gioco, sono addebitate le spese di trasferta, eventualmente, sostenute da quest ultima, determinate forfetariamente dalla Commissione Basket. ARTICOLO 18: SPOSTAMENTO DI UNA GARA PER MOTIVI DI FORZA MAGGIORE 1. La Commissione Basket può consentire il rinvio della gara, anche in presenza di ragioni di forza maggiore, ovvero di altri gravi e documentati motivi che saranno esaminati di volta in volta dalla Commissione stessa. 2. Si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni dell articolo precedente. ARTICOLO 19: RECUPERO DELLE GARE SPOSTATE 1. Le due squadre devono concordare nel più breve tempo possibile la data del recupero della gara rinviata, comunicandola tempestivamente alla Commissione Basket. 2. Ove le squadre omettano di concordare la data di recupero della gara, tale data viene fissata d ufficio dalla Commissione Basket, la quale può disporre, in caso di indisponibilità del campo di gioco della squadra ospitante, che la gara stessa si disputi su un campo di gioco messo a disposizione dal C.S.I., ed ove ciò non sia possibile, sul campo di gioco della squadra avversaria. 12

13 3. Ove non sia possibile recuperare la gara, la squadra che ha dato luogo al rinvio è punita con l omologazione d ufficio della gara stessa con il punteggio di 0-20, e con una multa fino ad Euro 30,00. In caso di recidiva, la sanzione viene elevata fino al doppio, e viene applicato un punto di penalizzazione in classifica. ARTICOLO 20: ORARIO DELLE GARE 1. Le gare della Lega Open potranno essere disputate esclusivamente entro le seguenti fasce orarie: da lunedì a venerdì: dalle ore alle ore 21.30; sabato: dalle ore alle ore 21.30; domenica: dalle ore alle ore Eventuali deroghe, relative a singole gare, potranno essere ammesse solo per gravi e documentati motivi, e previo consenso della Commissione Basket. 3. L orario di una gara può essere modificato solamente a seguito dell autorizzazione da parte della Commissione Basket, alla quale la squadra interessata deve inoltrare richiesta scritta. 4. Nel caso lo spostamento dell orario riguardi una gara che si disputi in data anteriore alla prima riunione utile della Commissione Basket, la squadra richiedente deve inviare al C.S.I. la richiesta su modulo scritto, e deve informare un componente della Commissione Basket. La Commissione Basket esamina la richiesta e, ove ravvisi i presupposti, autorizza, in via provvisoria, lo spostamento di orario della gara, dandone comunicazione tempestiva alla squadra richiedente. Ricevuta l autorizzazione, la squadra richiedente deve informare un componente della Commissione Basket ed il responsabile della squadra avversaria. 5. Nella prima riunione successiva, la Commissione Basket provvede, in via definitiva, sulla richiesta di spostamento di orario della gara. 6. Nel caso di violazione delle norme di cui al presente articolo, ove la gara sia disputata con un ritardo, o con un anticipo sull orario ufficiale pari o superiore a 10 minuti, la squadra ospitante viene sanzionata con una multa da Euro 10,00 ad Euro 20,00. In caso di recidiva la sanzione potrà essere raddoppiata. 7. Le sanzioni non si applicano quando il ritardo sia dovuto a cause non imputabili alla squadra ospitante, e non sia stato possibile effettuare alcun preavviso. TITOLO V: GARE NON DISPUTATE O NON CONCLUSE ARTICOLO 21: INTERRUZIONE DELLA GARA, INDISPONIBILITÀ IMPROVVISA DEL CAMPO DI GIOCO 1. Nel caso in cui la gara debba essere interrotta per guasti alle attrezzature o al campo di gioco, ovvero per altri gravi motivi, ai quali non sia possibile rimediare prontamente, la gara stessa viene sospesa. L'arbitro deve indicare nel rapporto arbitrale le ragioni della sospensione della gara. 2. Nel caso in cui le squadre già pervenute nell impianto, non possano disputare la gara per indisponibilità improvvisa del campo di gioco, l arbitro ne dà conto nel rapporto. 13

14 3. Nei casi di cui sopra, la Commissione Basket, sulla base del referto di gara, e delle informazioni acquisite, assume gli opportuni provvedimenti in merito alla omologazione, ovvero alla ripetizione della gara. Nel caso in cui sia disposto il recupero della gara, la Commissione Basket, valutate le circostanze del caso, potrà addebitare, in tutto o in parte, alla squadra ospitante le spese di organizzazione della gara non disputata, e/o le spese di trasferta, eventualmente sostenute dalla squadra ospite. L importo di tali spese viene determinato, forfetariamente, dalla Commissione Basket. ARTICOLO 22: RINUNCIA ALLA DISPUTA DI UNA GARA 1. La squadra che, senza giustificato motivo, rinunci alla disputa di una gara, viene considerata rinunciataria, e, nei suoi confronti, sono adottati i seguenti provvedimenti: a) omologazione della gara con il punteggio di 0 20 a suo sfavore; b) penalizzazione di 1 punto in classifica; c) multa da Euro 30,00 ad Euro 60,00; in caso di recidiva, la sanzione viene raddoppiata. 2. Qualora una squadra, per sopravvenuti e gravi motivi, non sia in grado di disputare la gara, e la medesima non possa essere rinviata, la sua mancata presentazione sul campo di gioco, comunicata alla Commissione Basket, al designatore degli arbitri ed alla squadra avversaria, viene considerata rinuncia giustificata. 3. In caso di rinuncia giustificata, la gara viene omologata con il punteggio di a sfavore della squadra rinunciataria, alla quale non viene applicata alcuna ulteriore sanzione. 4. Tutte le rinunce successive alla prima sono sempre punite con le sanzioni di cui al comma Alla squadra rinunciataria che ometta di effettuare le comunicazioni obbligatorie alla Commissione Basket ed alla squadra avversaria, sono sempre applicate le sanzioni previste dal comma 1 di questo articolo, salva la riduzione della multa fino alla metà. 6. Alla squadra rinunciataria che ometta di comunicare la propria rinuncia alla squadra avversaria, la quale si presenti sul campo di gioco, sono addebitate le spese di trasferta, eventualmente, sostenute da quest ultima, determinate forfetariamente dalla Commissione Basket ARTICOLO 23: ABBANDONO DI UNA GARA 1. La squadra che abbandoni la gara già iniziata è considerata rinunciataria, e sono applicate, nei suoi confronti, le seguenti sanzioni: a) omologazione della gara con il punteggio di 0 20 a suo sfavore; b) penalizzazione di 1 punto in classifica; c) multa da Euro 30,00 ad Euro 60,00; in caso di recidiva, la sanzione viene raddoppiata. 2. Nel caso di abbandono della gara con il consenso della squadra avversaria, o di sospensione della gara concordata tra le squadre, l arbitro ne dà conto nel referto. Il Giudice Sportivo, esaminato il rapporto arbitrale e sentite le parti, valuta la meritevolezza 14

15 delle ragioni che hanno giustificato l abbandono, o la sospensione della gara, ed assume gli opportuni provvedimenti per l omologazione, o per la ripetizione della gara. ARTICOLO 24: NUMERO INSUFFICIENTE DI GIOCATORI 1. Qualora una squadra non possa iniziare una gara, in quanto presenta in campo un numero di giocatori inferiore a cinque, la gara stessa verrà omologata con il punteggio di 0 20 a suo sfavore, e la squadra in difetto è punita con una multa fino ad Euro 30, In caso di recidiva,la multa viene aumentata fino al doppio, ed alla squadra viene applicato un punto di penalizzazione in classifica. 3. Nel caso in cui, nel corso di una gara, una squadra non sia più in grado di schierare in campo almeno cinque giocatori, la gara viene sospesa, e verrà omologata con il punteggio di 0 20 a sfavore della squadra in difetto, ovvero con il più sfavorevole risultato acquisito sul campo, ove la sospensione venga disposta dopo almeno 30 minuti di gioco. ARTICOLO 25: ATTESA DELLE SQUADRE 1. La gara potrà essere iniziata con un ritardo massimo di 15 minuti sull'orario ufficiale. 2. La squadra che non si presenti sul campo di gioco entro tale termine, oppure che si presenti con un ritardo superiore a 15 minuti, è punita con l omologazione della gara con il punteggio di 0-20 a suo sfavore, e con una multa fino ad Euro 30, In caso di recidiva, la multa viene aumentata fino al doppio, e la squadra viene punita con 1 punto di penalizzazione in classifica. 4. Nel caso in cui la gara non venga disputata, il referto deve essere ugualmente compilato e fatto pervenire alla Commissione Basket. ARTICOLO 26: MOTIVI DI FORZA MAGGIORE 1. Qualora, per la mancata presentazione sul campo di gioco, per l abbandono della gara, per la presentazione sul campo di gioco con un ritardo superiore a quello consentito a norma del presente regolamento, o per la presentazione con un numero di giocatori inferiore a cinque, siano addotte ragioni di forza maggiore, o altri giustificati motivi, la squadra interessata deve presentare istanza alla Commissione Basket, la quale, tramite il Giudice Sportivo assume una delle seguenti decisioni: a) accogliere le motivazioni addotte dalla squadra, e disporre la ripetizione della gara, ponendo a carico della medesima le spese, eventualmente sostenute, per la gara non omologata e per la trasferta della squadra avversaria, presentatasi inutilmente sul campo; b) accogliere parzialmente le motivazioni addotte, e disporre solamente l omologazione della gara con il punteggio di 0 20 a tavolino, a sfavore della squadra in difetto, senza l applicazione di alcuna ulteriore sanzione; c) non ritenere sussistenti, o valide, le motivazioni addotte, ed applicare le disposizioni precedenti. 15

16 ARTICOLO 27: ESCLUSIONE DI UNA SQUADRA DALLA LEGA OPEN PER SOMMA DI RINUNCE 1. Una squadra che, per tre volte nel corso del Campionato, rinunci alla disputa di una gara, e/o non si presenti sul campo, senza alcuna giustificazione, e/o si ritiri da una gara già iniziata, viene esclusa dalla prosecuzione della Lega Open, e viene depennata dalla classifica finale. 2. Le rinunce e gli abbandoni della gara giustificati, ai sensi delle norme precedenti, sono valutati al 50%, ai fini del provvedimento di esclusione dalla Lega Open. 3. Ai fini dell esclusione dalla Lega Open, non si tiene conto dei seguenti casi: a) presentazione sul campo di gioco con un numero di giocatori inferiore a cinque; b) abbandono della gara con il consenso dell altra squadra, o sospensione concordata della gara; c) arrivo in ritardo sul campo di gioco; d) casi di forza maggiore, accertati dalla Commissione Basket. ARTICOLO 28: RECUPERO DI GARE NON DISPUTATE 1. In tutti i casi in cui sia necessario recuperare una gara non disputata, si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni relativo al recupero di gare rinviate. 2. Ove non sia possibile recuperare la gara, la squadra che ha dato luogo alla mancata disputa della gara, è punita con l omologazione d ufficio della gara stessa con il punteggio di 0-20, e con una multa fino ad Euro 30, Fermo quanto disposto da ciascuna norma, in tutti i casi in cui venga stabilito il recupero di una gara non disputata, nella quale si siano presentati sul campo di gioco una o entrambe le squadre, o gli arbitri, la Commissione Basket, tramite il Giudice Sportivo, valutate tutte le circostanze del caso, potrà addebitare alla squadra, di cui sia stata riconosciuta la responsabilità per la mancata disputa della gara, le spese, eventualmente sostenute per l organizzazione della gara non disputata, e di trasferta della squadra avversaria, determinate forfetariamente. 4. La disposizione di cui al presente articolo, si intendono applicabili anche al caso di recupero di gare sospese, interrotte, o comunque, non concluse. ARTICOLO 29: NORMA GENERALE SULL OMOLOGAZIONE D UFFICIO DELLE GARE 1. Salve le disposizioni particolari contenute nel Regolamento, l omologazione d ufficio di una gara a sfavore di una squadra comporta l applicazione del risultato di Nel caso in cui si tratti di omologare d ufficio, a sfavore di una squadra, una gara del girone di ritorno della Lega Open, ove la squadra stessa abbia vinto la gara di andata con uno scarto uguale o superiore a 20 punti, viene applicato il punteggio sfavorevole pari allo scarto conseguito nel girone di andata, aumentato di un punto. TITOLO VI: ARBITRI ARTICOLO 30: ARBITRI C.S.I. 1. Per arbitrare le gare della Lega Open, la Commissione Basket si avvale degli arbitri C.S.I.. 16

17 2. All'inizio della stagione sportiva agli arbitri viene rilasciato il tesserino di arbitro C.S.I.. 3. Per svolgere la funzione di arbitro C.S.I., è necessario essere in possesso di almeno uno dei seguenti requisiti: a) qualifica di arbitro C.S.I., ovvero di altro ente sportivo non federale, conseguita negli ultimi 5 anni; b) qualifica di arbitro F.I.P. conseguita negli ultimi 10 anni; c) in caso di qualifica conseguita anteriormente, avere arbitrato almeno 20 gare C.S.I., o presso altro ente sportivo negli ultimi 3 anni; d) qualifica di arbitro conseguita con il corso arbitri C.S.I. frequentato nell anno sportivo corrente. ARTICOLO 31: ARBITRI DI SOCIETÀ 1. All'atto dell'iscrizione alla Lega Open, a ciascuna squadra iscritta, è richiesto di indicare il nominativo di almeno un proprio tesserato avente i requisiti per svolgere la funzione di arbitro nel campionato C.S.I. ARTICOLO 32: ARBITRAGGIO DELLE GARE 1. Le gare della Lega Open sono dirette dagli arbitri designati dal Responsabile arbitri della Commissione Basket. 2. Le gare della Lega Open vengono dirette da due arbitri, ma possono essere validamente dirette anche da un solo arbitro. ARTICOLO 33: AUTO-ARBITRAGGIO 1. Nel caso in cui non risulti possibile designare almeno un arbitro, ovvero nel caso in cui l'arbitro o gli arbitri designati dalla Commissione Basket non giungano sul campo di gioco, la gara non viene disputata, salva la possibilità, su comune accordo delle due squadre, di disputare la gara con il sistema dell'auto-arbitraggio. 2. In caso di auto-arbitraggio ciascuna squadra potrà mettere a disposizione un arbitro. Gli arbitri messi a disposizione dalle squadre devono essere muniti nel tesserino di arbitro C.S.I.. Sul referto di gara deve segnalarsi che la gara è stata disputata con l'autoarbitraggio. 3. In nessun caso è possibile l'arbitraggio da parte di un soggetto che non sia in possesso del tesserino di arbitro C.S.I.. 4. Per il recupero delle gare non disputate si applicano le disposizioni del Titolo II, in quanto compatibili. ARTICOLO 34: ARBITRO NEUTRALE 1. In caso d assenza dell'arbitro designato dalla Commissione Basket, la gara potrà essere diretta da un arbitro C.S.I., non tesserato per le due squadre e presente sul campo di gioco. 2. L'arbitraggio da parte di tale arbitro neutrale può svolgersi solo in seguito al consenso da parte delle due squadre. 17

18 3. Tale arbitro, non designato dalla Commissione Basket, deve segnalare la sua situazione sul referto di gara. Le due squadre dichiarano di accettare tale arbitro neutrale con la firma del referto di gara da parte dei rispettivi allenatori, o accompagnatori o capitani. 4. L'arbitro neutrale può anche affiancare l'arbitro designato dalla Commissione Basket nella direzione di una gara per la quale sia assente il secondo arbitro designato. ARTICOLO 35: AUTO-ARBITRAGGIO ED ARBITRI DESIGNATI O NEUTRALI 1. In nessun caso l'arbitro designato o l'arbitro neutrale, nella direzione di una gara della Lega Open, può essere affiancato da un arbitro di società messo a disposizione da una delle due squadre. 2. In caso d infortunio ovvero di abbandono della gara da parte dell'arbitro designato o dell'arbitro neutrale, la gara stessa non può proseguire con l'auto-arbitraggio. 3. Nel caso in cui l'arbitro designato giunga sul campo di gioco quando la gara sia già iniziata con l'auto-arbitraggio, l'arbitro o gli arbitri di società devono lasciare la direzione della gara all'arbitro designato. 4. Se la gara si è svolta con l'auto-arbitraggio per tutto il primo tempo (da intedersi come intertempo, ovvero come 1 e 2 quarto di gara), deve essere conclusa con lo stesso auto-arbitraggio. ARTICOLO 36: ARBITRI E DIREZIONE DELLA GARA 1. Salvo quanto disposto all'articolo precedente, l'arbitro o gli arbitri designati, neutrali ovvero gli arbitri di società, in caso di auto-arbitraggio, devono dirigere la gara dall'inizio alla fine. Non sono ammesse sostituzioni nel corso della gara. 2. Solo in caso di infortunio o di abbandono della gara da parte di uno dei due arbitri designati, questi può essere sostituito da un arbitro neutrale presente sul campo di gioco, secondo le regole di cui all'articolo 24 e con il consenso, segnalato sul referto, dell'arbitro o degli arbitri designati. ARTICOLO 37: ATTESA DELL'ARBITRO DESIGNATO 1. Il tempo d attesa dell'arbitro designato dalla Commissione Basket è di 15 minuti dall'orario ufficiale d inizio gara. 2. Decorso tale periodo d attesa le squadre si accordano per il rinvio della gara, o per disputare la gara con l'auto-arbitraggio. 3. In caso di rinvio, per il recupero della gara, si applicano le disposizioni del Titolo IV, in quanto compatibili. TITOLO VII: SANZIONI DISCIPLINARI ARTICOLO 38: SANZIONI A CARICO DEI TESSERATI 1. A carico dei tesserati, che partecipino alla Lega Open, possono essere comminate, in relazione all infrazione commessa, le seguenti sanzioni: ammonizione; 18

19 ammonizione con diffida; squalifica sino a quattro giornate effettive di gara; squalifica a tempo, sino ad un massimo di due anni per i tesserati che, al momento dell infrazione, non abbiano compiuto i diciotto anni, sino ad un massimo di quattro anni per i tesserati che, al momento dell infrazione, abbiano già compiuto diciotto anni. ARTICOLO 39: EFFICACIA DELLE SQUALIFICHE 1. Le squalifiche fino a quattro giornate hanno efficacia solamente con riferimento alle gare della Lega Open. 2. Le squalifiche a tempo hanno efficacia per tutte le manifestazioni di basket organizzate dal C.S.I., comprese le fasi interprovinciali, regionali e nazionali. 3. Le squalifiche, o i residui di squalifica, irrogati nell anno sportivo in corso, mantengono la loro efficacia anche per l anno sportivo successivo. 4. Per le squalifiche a tempo, comminate alla fine dell anno sportivo, il Giudice competente può disporre la loro decorrenza a partire dall anno sportivo successivo, con esclusione del periodo di sospensione dell attività. 5. Analogamente, per le squalifiche a tempo comminate nel corso dell anno sportivo, ma non interamente scontate al termine della stagione sportiva, il Giudice competente può disporre che vengano scontate, nella loro parte residua, nel corso dell anno sportivo successivo, con esclusione del periodo di sospensione dell attività. 6. La Commissione Basket, nel primo Comunicato Ufficiale di ogni anno, pubblica l elenco dei tesserati che devono ancora scontare le squalifiche, e precisa l entità delle stesse. 7. Le sanzioni diverse dalle squalifiche perdono la loro efficacia, al termine della stagione sportiva. ARTICOLO 40: SANZIONI A CARICO DELLE SOCIETÀ 1. In relazione all infrazione, possono essere comminate a carico delle società, partecipanti alla Lega Open, le seguenti sanzioni: ammonizione; ammonizione con diffida; gara persa d ufficio; multa; penalizzazione di uno o più punti in classifica; squalifica del campo di gioco per una o più giornate; obbligo di giocare una, o più gare, a porte chiuse; retrocessione all ultimo posto in classifica; revoca del risultato conseguito all esito della Lega Open; esclusione dalla classifica finale. 19

20 ARTICOLO 41: DELIBERA DELLE SANZIONI 1. Per essere valide ed efficaci, le sanzioni devono essere deliberate dal competente organo di giustizia sportiva, e devono essere pubblicate sul Comunicato Ufficiale della Commissione Basket. 2. Tutte le infrazioni che comportano la sanzione minima inderogabile dell ammonizione o della squalifica per almeno una gara, si applicano automaticamente nella prima gara successiva all infrazione medesima, senza attendere la deliberazione del competente organo di giustizia sportiva, il quale, nella prima riunione utile, provvede a deliberare la sanzione nella misura completa. 3. Le seguenti sanzioni sono minime inderogabili ed applicabili automaticamente: a) ammonizione per ciascun fallo tecnico subito; b) squalifica di una giornata per somma di ammonizioni; c) squalifica di una giornata in seguito ad espulsione; d) ammonizione con diffida (doppia ammonizione), in seguito ad espulsione per secondo fallo antisportivo commesso. ARTICOLO 42: FALLI TECNICI 1. Il tesserato al quale, nel corso della gara, viene comminato un fallo tecnico, è punito con una ammonizione. 2. Il tesserato, al quale sia stato comminato un fallo tecnico, motivato nel rapporto arbitrale, per la condotta nei confronti degli arbitri, degli avversari ovvero del pubblico, è punito con una sanzione sino a due ammonizioni. ARTICOLO 43: SANZIONI PER FALLO ANTISPORTIVO 1. Il tesserato al quale, nel corso della gara, sia stato comminato un fallo antisportivo, segnalato nel rapporto arbitrale per la sua pericolosità, è punito con una ammonizione. 2. Il tesserato, espulso, a norma del Regolamento Tecnico di gioco, in seguito al secondo fallo antisportivo comminatogli, è punito con una doppia ammonizione. Tale sanzione deve essere considerata minima, inderogabile ed applicabile automaticamente. ARTICOLO 44: ESPULSIONI 1. Il giocatore che, nel corso della gara, viene espulso dal campo di gioco, è punito con la squalifica da un minimo di una gara fino ad un massimo di quattro anni. La sanzione di una giornata di squalifica deve essere considerata minima, inderogabile ed applicabile automaticamente. 2. L entità della squalifica è commisurata alla gravità del comportamento tenuto dal tesserato nei confronti di arbitri, avversari, altri tesserati e pubblico, ed a tutte le circostanze del caso concreto 3. Il giocatore espulso nel corso di una gara, è obbligato a non disputare la gara cronologicamente successiva, senza attendere il provvedimento di squalifica comminato da parte del Giudice Sportivo. Eventuali ulteriori gare di squalifica dovranno essere 20

21 scontate solo in seguito al provvedimento del Giudice Sportivo, contenuto nel Comunicato Ufficiale. 4. L'arbitro deve avere cura di descrivere nel rapporto arbitrale le ragioni dell'espulsione. ARTICOLO 45: FATTI GRAVI 1. I giocatori che abbiano tenuto comportamenti scorretti, offensivi, violenti, o comunque contrari allo spirito sportivo, quand'anche non sanzionati dall'arbitro durante la gara, ma specificamente descritti nel rapporto arbitrale, potranno essere puniti dal Giudice Sportivo con le sanzioni previste dagli articoli precedenti. ARTICOLO 46: AMMONIZIONI E DIFFIDE 1. Il giocatore, che nel corso della Lega Open accumuli tre ammonizioni, è punito con una gara di squalifica. 2. Successivamente alle prime tre ammonizioni, il giocatore che accumuli altre due ammonizioni nel corso della Lega Open, è punito con una gara di squalifica. 3. Successivamente alle prime cinque ammonizioni il giocatore è punito con una gara di squalifica per ogni ulteriore ammonizione inflittagli nel corso della Lega Open. 4. Le squalifiche previste dal presente articolo devono essere considerate minime, inderogabili ed applicabili automaticamente. 5. Il giocatore al quale manchi una ammonizione per essere punito con la squalifica, viene diffidato dal Giudice Sportivo. La Commissione Basket ha cura di pubblicare e di aggiornare, nel Comunicato Ufficiale, l elenco dei giocatori diffidati. ARTICOLO 47: SQUALIFICHE PER SOMMA DI AMMONIZIONI 1. Il giocatore diffidato, al quale venga comminato un fallo tecnico nel corso di una gara, è obbligato a non disputare la gara cronologicamente successiva, senza attendere il provvedimento di squalifica comminato da parte del Giudice Sportivo. 2. Eventuali ulteriori gare di squalifica dovranno essere scontate solo in seguito al provvedimento del Giudice Sportivo, contenuto nel Comunicato Ufficiale. ARTICOLO 48: EQUIVALENZE 1. Ai fini dell'applicazione delle disposizione sulle squalifiche, si osservano le seguenti equivalenze: la squalifica comminata direttamente, da una a tre gare, corrisponde a tre ammonizioni; la squalifica comminata direttamente, per quattro giornate, ovvero la squalifica a tempo, corrisponde a cinque ammonizioni. ARTICOLO 49: TESSERATI ATLETI NON PARTECIPANTI ALLA GARA E TESSERATI NON ATLETI 1. Le norme del presente titolo si applicano, in quanto compatibili, anche ai tesserati atleti che non prendano parte alla gara come giocatori, nonché ai tesserati presenti in panchina durante la gara, ovvero comunque presenti sul campo di gioco. 21

22 ARTICOLO 50: MODALITÀ DI APPLICAZIONE DELLE SQUALIFICHE 1. Salva l applicazione automatica della giornata di squalifica inderogabile, prevista dalle norme precedenti, le squalifiche devono essere scontate nelle gare indicate dal Giudice Sportivo, che deve applicare la sanzione per le gare cronologicamente successive alla data del giudizio. Nel caso in cui la gara nella quale la squalifica deve essere scontata venga rinviata, la squalifica dovrà scontarsi in quella medesima gara, nella data in cui verrà disputato il recupero. 2. La norma di cui al precedente comma si applica anche nel caso di squalifiche a tempo, qualora venga rinviata una o più gare comprese nell arco temporale di efficacia della squalifica. 3. Nel caso in cui il Giudice Sportivo commini ulteriori giornate di squalifica a carico di un tesserato già squalificato, la sanzione deve essere scontata con decorrenza dall esaurimento della squalifica precedente. ARTICOLO 51: FALLI TECNICI ALLA PANCHINA 1. La squadra, alla quale siano comminati uno o più falli tecnici alla panchina nel corso della gara, è punita con una multa di Euro 6,00 per ciascun fallo tecnico. 2. Dopo tre falli tecnici alla panchina, comminati nella medesima, o in gare diverse, la squadra è punita con una multa di Euro 10,00 per ogni ulteriore fallo tecnico. ARTICOLO 52: RESPONSABILITÀ OGGETTIVA 1. Sulla base delle circostanze segnalate nel rapporto arbitrale, ovvero accertate dal Giudice competente, la squadra è punita con una multa da Euro 10,00 ad Euro 150,00, a titolo di responsabilità oggettiva e di insufficiente vigilanza, per la condotta tenuta, nel corso della gara, dai propri tesserati, nelle seguenti ipotesi: a) due, o più, falli tecnici comminati ai propri tesserati, nel corso delle gara; b) due, o più, espulsioni comminate ai propri tesserati, nel corso della gara; c) due, o più, provvedimenti disciplinari comminati dall arbitro ai propri tesserati, nel corso della gara; d) comportamenti reiterati, quand anche non tutti sanzionati dall arbitro, idonei a disturbare o ad impedire l'andamento della gara; e) reiterati comportamenti di protesta nei confronti dell arbitro, quand anche non tutti sanzionati con provvedimenti assunti nel corso della gara; f) comportamenti, anche isolati, violenti o minacciosi nei confronti dell arbitro, quand anche non tutti sanzionati con provvedimenti assunti nel corso della gara; g) comportamenti reiterati, offensivi o minacciosi, nei confronti degli avversari o del pubblico, quand anche non tutti sanzionati con provvedimenti assunti nel corso della gara; h) comportamenti, anche isolati, violenti nei confronti degli avversari o del pubblico, quand anche non tutti sanzionati con provvedimenti assunti nel corso della gara. 2. Le norme di cui al presente articolo si applicano anche in relazione ai comportamenti tenuti dai sostenitori di ciascuna squadra, nonché di coloro che svolgano le funzioni di ufficiali di campo. 22

REGOLAMENTO CSI LAZIO - CALCIO A 11

REGOLAMENTO CSI LAZIO - CALCIO A 11 REGOLAMENTO CSI LAZIO - CALCIO A 11 Validità dei regolamenti La fase finale dei Campionati Regionali 2014 si svolge secondo quanto stabilito dal Regolamento generale pubblicato su Sport in regola -Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PALLAVOLO

REGOLAMENTO PALLAVOLO REGOLAMENTO PALLAVOLO STAGIONE 2009/2010 in vigore dal 1 settembre 2009 PREMESSA: Il regolamento è uno strumento atto a garantire nel migliore dei modi lo svolgimento dell attività in sintonia con le scelte

Dettagli

Alla conclusione del torneo saranno assegnati i seguenti premi: persone Miglior Giocatore, Miglior Portiere e Capocannoniere

Alla conclusione del torneo saranno assegnati i seguenti premi: persone Miglior Giocatore, Miglior Portiere e Capocannoniere La ROMA NORD CHAMPIONSHIP organizza la SERIE A, torneo di calcio a 5 infrasettimanale e serale; il torneo, che si svolgerà tutti gli anni, vuole caratterizzarsi per il livello tecnico e la serietà di tutti

Dettagli

CAMPIONATI NAZIONALI DI CACIO A 11 REGOLAMENTO GENERALE FASE PROVINCIALE 44ª COPPA CITTA DI CAVA CALCIO A 11

CAMPIONATI NAZIONALI DI CACIO A 11 REGOLAMENTO GENERALE FASE PROVINCIALE 44ª COPPA CITTA DI CAVA CALCIO A 11 COMITATO PROVINCIALE DI CAVA DE TIRRENI c/o Stadio Comunale S.Lamberti C.so Mazzini, 210 Cava de Tirreni (SA) e-mail: info@csicava.it www.csicava.it Telefax 089/461602 ANNO SPORTIVO 2015/2016 CAMPIONATI

Dettagli

CAMPIONATO PROVINCIALE PALLAVOLO

CAMPIONATO PROVINCIALE PALLAVOLO CAMPIONATO PROVINCIALE PALLAVOLO REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO A.S. 2011/2012 Il Comitato Provinciale di Venezia del Centro Sportivo Italiano e del UISP, indicono per la stagione sportiva 2010/2011 il Campionato

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE CAMPIONATI SUPERLEAGUE CALCIO A 5 E CALCIO A 7

REGOLAMENTO GENERALE CAMPIONATI SUPERLEAGUE CALCIO A 5 E CALCIO A 7 REGOLAMENTO GENERALE CAMPIONATI SUPERLEAGUE CALCIO A 5 E CALCIO A 7 1. ISCRIZIONE AI CAMPIONATI E QUOTA DI CAMPO L iscrizione ad ogni campionato è gratuita. Le squadre che si iscrivono ad ogni singola

Dettagli

Regolamento Campionato Nazionale calcio a 5 cat. Open Fase Provinciale

Regolamento Campionato Nazionale calcio a 5 cat. Open Fase Provinciale CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO DI NOVARA Gozzano 10-09-2014 Regolamento Campionato Nazionale calcio a 5 cat. Open Fase Provinciale Premessa Nello svolgimento dell attività sportiva del CSI in caso di

Dettagli

SPORTING MAGI A.S.D. VIA MANDRE, 6 PONTE DELLA PRIULA (TV) TEL. 347.5948479 sportingmagi@libero.it

SPORTING MAGI A.S.D. VIA MANDRE, 6 PONTE DELLA PRIULA (TV) TEL. 347.5948479 sportingmagi@libero.it SPORTING MAGI A.S.D. VIA MANDRE, 6 PONTE DELLA PRIULA (TV) TEL. 347.5948479 sportingmagi@libero.it REGOLAMENTO - NORME ART. 1 SPORTING MAGI A.S.D. indice ed organizza il 2^ TORNEO di calcio a 5, per giocatori

Dettagli

Campionato Serie C Regionale

Campionato Serie C Regionale Comitato Regionale CALABRIA Ufficio Gare Via Frangipane, 38 C.P. 301 89131 REGGIO CALABRIA Fax: 0965 598440 -Tel: 0965 598441 e-mail: ufficiogare@fip.it internet: www.fip.it/calabria COMUNICATO UFFICIALE

Dettagli

CHAMPIONS LEAGUE. Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE

CHAMPIONS LEAGUE. Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE C.U.S. FOGGIA A.S.D. Via Napoli, 109 71122 Foggia CHAMPIONS LEAGUE Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE Articolo 1 Iscrizioni. Il Campionato Champions League 2015 è aperto a tutti (universitari

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS REGOLAMENTO GENERALE

CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS REGOLAMENTO GENERALE PREMESSA CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS La parte iniziale del regolamento è riferita alle norme di carattere generale inerenti l organizzazione dei Campionati di: Calcio a 5 maschile e femminile,

Dettagli

REGOLAMENTO CAMPIONATO PROVINCIALE DI CALCIO A 5 STAGIONE SPORTIVA 2015-2016

REGOLAMENTO CAMPIONATO PROVINCIALE DI CALCIO A 5 STAGIONE SPORTIVA 2015-2016 Centro Sportivo Italiano Comitato di Frosinone Tel./Fax 0775/856710 www.csi-fr.it REGOLAMENTO CAMPIONATO PROVINCIALE DI CALCIO A 5 STAGIONE SPORTIVA 2015-2016 Il Comitato Provinciale di Frosinone indice

Dettagli

REGOLAMENTO COPPA PRIMAVERA CALCIO A 5 - CALCIO A 7

REGOLAMENTO COPPA PRIMAVERA CALCIO A 5 - CALCIO A 7 REGOLAMENTO COPPA PRIMAVERA CALCIO A 5 - CALCIO A 7 STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 ART. 1 - FORMULA DEL CAMPIONATO Calcio a 5 Il campionato prevede gironi all italiana di Serie A2 composti da un massimo di

Dettagli

UISP - LEGA CALCIO COMITATO PROVINCIALE DI GROSSETO

UISP - LEGA CALCIO COMITATO PROVINCIALE DI GROSSETO UISP - LEGA CALCIO COMITATO PROVINCIALE DI GROSSETO 1 TROFEO ENZO BASTOGI dall 8 Giugno 2015 TORNEO DI CALCIO A 5 c/o CIRCOLO TENNIS ORBETELLO ASD Via Giovanni da Orbetello 2 58015 Orbetello (Gr) 0564/867539

Dettagli

ISLAND FUN VILLAGE REGOLAMENTO CAMPIONATO 2013/2014

ISLAND FUN VILLAGE REGOLAMENTO CAMPIONATO 2013/2014 ISLAND FUN VILLAGE REGOLAMENTO CAMPIONATO 2013/2014 -TESSERAMENTO GIOCATORI I tesseramenti dei calciatori / dirigenti saranno ammessi fino al 31/12/2012 senza alcuna deroga. I giocatori che non avranno

Dettagli

US ACLI MILANO Settore Calcio

US ACLI MILANO Settore Calcio US ACLI MILANO Settore Calcio Sede legale: Via della Signora 3, 20122 Milano Sede operativa: Via San Giovanni in Conca, 20122 Milano Tel. 0276017521 Fax 0232066678 Sito internet: www.usaclimi.it e-mail:

Dettagli

PALLAVOLO AMATORI FASE LOCALE DEL CAMPIONATO REGIONALE E NAZIONALE CSI STAGIONE SPORTIVA 2012-2013

PALLAVOLO AMATORI FASE LOCALE DEL CAMPIONATO REGIONALE E NAZIONALE CSI STAGIONE SPORTIVA 2012-2013 PALLAVOLO AMATORI FASE LOCALE DEL CAMPIONATO REGIONALE E NAZIONALE CSI STAGIONE SPORTIVA 2012-2013 REGOLAMENTO UFFICIALE A cura della Commissione Tecnica Pallavolo CENTRO SPORTIVO ITALIANO - COMITATO PROVINCIALE

Dettagli

REGOLAMENTO. Sono ammessi in campo e in distinta gara 2 giocatori tesserati di cui uno non oltre la 1 categoria calcio a 11 o C2 calcio a 5

REGOLAMENTO. Sono ammessi in campo e in distinta gara 2 giocatori tesserati di cui uno non oltre la 1 categoria calcio a 11 o C2 calcio a 5 REGOLAMENTO LIMITAZIONI campionati SERIE A Sono ammessi in campo e in distinta gara 2 giocatori tesserati di cui uno non oltre la 1 categoria calcio a 11 o C2 calcio a 5 Sono considerati di pari livello

Dettagli

REGOLAMENTO SUPERCOPPA 2015 2016

REGOLAMENTO SUPERCOPPA 2015 2016 REGOLAMENTO SUPERCOPPA 2015 2016 Rappresentanza, Iscrizioni, Doveri e Obblighi. Articolo 1 Rappresentanza 1.01 La Divisione Calcio a Cinque organizza la Supercoppa stagione Sportiva 2015/2016, riservata

Dettagli

LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA. Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI

LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA. Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA 6 CAMPIONATO PROVINCIALE 6 COPPA UISPFC di CALCIO a 11 Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI Norme di Partecipazione e Deroghe al Regolamento Nazionale di Calcio a 11 Stagione

Dettagli

Comitato Regionale CALABRIA Ufficio Gare Via Frangipane, 38 C.P. 301 89131 REGGIO CALABRIA

Comitato Regionale CALABRIA Ufficio Gare Via Frangipane, 38 C.P. 301 89131 REGGIO CALABRIA Comitato Regionale CALABRIA Ufficio Gare Via Frangipane, 38 C.P. 301 89131 REGGIO CALABRIA Fax: 0965 598440 -Tel: 0965 598441-346 0825520-346 4133777 e-mail: ufficiogare@fip.it internet: www.calabria.fip.it

Dettagli

LEGA CALCIO UISP BERGAMO

LEGA CALCIO UISP BERGAMO REGOLAMENTO CAMPIONATO PROVINCIALE DI CALCIO A 7 REGOLAMENTO ORGANICO ART. 1 - DOVERI DELLE SQUADRE E DEI TESSERATI a) Le squadre iscritte al Campionato Provinciale di Calcio a 7 hanno il dovere dell osservanza

Dettagli

3 MEMORIAL DON FRANCO SACCO 2016. Organizzato dall Oratorio Centro Giovanile REDENTORE Bari

3 MEMORIAL DON FRANCO SACCO 2016. Organizzato dall Oratorio Centro Giovanile REDENTORE Bari 3 MEMORIAL DON FRANCO SACCO 2016 Organizzato dall Oratorio Centro Giovanile REDENTORE Bari Regolamento del Torneo IL TORNEO E RISERVATO A TUTTI I GIOCATORI CHE ABBIANO COMPIUTO IL 30 ANNO DI ETA AL MOMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PALLAVOLO OPEN MISTO 2015

REGOLAMENTO PALLAVOLO OPEN MISTO 2015 REGOLAMENTO PALLAVOLO OPEN MISTO 2015 L A.S.D. Murialdo Cefalù, nell ambito delle attività sportive, aggregative e ricreative, indice ed organizza il 5 TORNEO DI PALLAVOLO con il seguente regolamento:

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2015/2016

STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 CENTRO SPORTIVO ITALIANO Comitato di Cuneo Via L. Bertano 25 Cuneo Tel./fax 0171/693703 Cod. Fiscale: 80019660044 P. IVA: 02848840043 Web: http.//www.csicuneo.it E-mail: segreteria@csicuneo.it STAGIONE

Dettagli

Stagione Sportiva 2013/2014 Comunicato Ufficiale N 022 del 13/11/2013. 37 Campionato Provinciale Super A Prestige Calcio a 11 Diurno

Stagione Sportiva 2013/2014 Comunicato Ufficiale N 022 del 13/11/2013. 37 Campionato Provinciale Super A Prestige Calcio a 11 Diurno Ente di Promozione Sportiva Riconosciuto dal CONI US ACLI MILANO Settore Calcio Via San Giovanni in Conca - 20122 MILANO Tel. 0276017521 Fax 0232066678 Sito internet: www.usaclimi.it e-mail: segreteria@usaclimi.it

Dettagli

Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori

Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori Societa affiliata alla Fipav e all MSP Manofuori Cup Non è necessario essere Campioni per divertirsi giocando a pallavolo L Associazione Culturale

Dettagli

REGOLAMENTO TORNEO CALCIO COPPA CITTÀ DI SINNAI 2008. Premessa

REGOLAMENTO TORNEO CALCIO COPPA CITTÀ DI SINNAI 2008. Premessa REGOLAMENTO TORNEO CALCIO COPPA CITTÀ DI SINNAI 2008 Premessa allegato "A" alla delibera di G.C. n 54 del 07.04.2008 Lo spirito che darà vita al Torneo di calcio a 11 Coppa Città di Sinnai 2008 si fonda

Dettagli

ATTIVITA. MINIVOLLEY 2 LIVELLO 4vs4

ATTIVITA. MINIVOLLEY 2 LIVELLO 4vs4 FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO Comitato Provinciale di Lecco c/o CONI CASA DELLO SPORT Via allo Zucco 6-23900 Lecco tel 0341/251587 - fax 0341/258436 e-mail: lecco@federvolley.it sito internet: www.lecco.federvolley.it

Dettagli

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out Comitato di Como Regolamento CALCIO D. Time-Out Verrà applicato in tutte le categorie, anche in quelle che non rientrano nei Campionati Nazionali. Ogni squadra potrà richiedere una sospensione di 2 per

Dettagli

Comitato Regionale FRIULI VENEZIA GIULIA

Comitato Regionale FRIULI VENEZIA GIULIA Ufficio Gare Regionale 1 Fase - Qualificazione COMUNICATI N. 63 DEL 20/10/2015 UFFICIO GARE N. 57 Allegato al Campionato Serie D Regionale Formula di svolgimento Le 20 squadre iscritte sono state suddivise

Dettagli

REGOLAMENTO CAMPIONATO C.S.I. di CALCIO a 11 MASCHILE

REGOLAMENTO CAMPIONATO C.S.I. di CALCIO a 11 MASCHILE REGOLAMENTO CAMPIONATO C.S.I. di CALCIO a 11 MASCHILE A - NORME SPECIFICHE ATTIVITA Calcio11- art.1: CAMPIONATO 2013-2014 Le data di svolgimento del campionato provinciale calcio Maschile a 11: - Inizio

Dettagli

NORME GENERALI ATTIVITA PALLAVOLO 2015-2016

NORME GENERALI ATTIVITA PALLAVOLO 2015-2016 Centro Sportivo Italiano Commissione Pallavolo NORME GENERALI ATTIVITA PALLAVOLO 2015-2016 ART. 1 ISCRIZIONE Per poter partecipare all attività organizzata dalla Commissione Pallavolo è necessario essere

Dettagli

GAZZETTA CUP 2015 REGOLAMENTO

GAZZETTA CUP 2015 REGOLAMENTO GAZZETTA CUP 2015 REGOLAMENTO Norme Generali Location La competizione si svolge a Bari, Bolzano, Cagliari, Catania, Como, Macerata, Milano, Napoli, Padova, Reggio Emilia, Roma e Torino. Categorie e fasce

Dettagli

LEGA CALCIO UISP MONZA-BRIANZA

LEGA CALCIO UISP MONZA-BRIANZA NORME DI PARTECIPAZIONE CAMPIONATO A 11 GIOCATORI 2010-2011 a) DEFINIZIONE ATTIVITA La presente attività è dichiarata dalla Lega Calcio UISP Monza Brianza: attività ufficiale - ambito agonistico. Si articola

Dettagli

7 TORNEO DI CALCIO A 5 REGOLAMENTO

7 TORNEO DI CALCIO A 5 REGOLAMENTO 7 TORNEO DI CALCIO A 5 REGOLAMENTO ART.1 Il CRAL UNINA DELLA CONOSCENZA dell Università di Napoli Federico II indice ed organizza, con la collaborazione tecnica dell AICS C.P. Napoli, il Torneo Amatoriale

Dettagli

Regolamento PALLAVOLO 2011/2012

Regolamento PALLAVOLO 2011/2012 Regolamento PALLAVOLO 2011/2012 Art. 1 Regolamento tecnico di gioco 1 Per lo svolgimento della pallavolo nel CSI si applica il Regolamento Tecnico di gioco del CSI con le limitazioni, le esclusioni, le

Dettagli

MEMORIAL Sergio Abbati

MEMORIAL Sergio Abbati 2011 MEMORIAL Sergio Abbati REGOLAMENTO: Art. 1) Ogni società potrà tesserare un massimo di 16 giocatori. Il tesseramento si chiuderà Giovedì 3 Giugno 2011. Dopo tale data non potranno essere tesserati

Dettagli

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out Comitato di Como Regolamento CALCIO D. Time-Out Verrà applicato in tutte le categorie, anche in quelle che non rientrano nei Campionati Nazionali. Ogni squadra potrà richiedere una sospensione di 2 per

Dettagli

Bozza REGOLAMENTO 47 TORNEO CALCIO COPPA CITTÀ DI SINNAI

Bozza REGOLAMENTO 47 TORNEO CALCIO COPPA CITTÀ DI SINNAI COMUNE DI SINNAI PROVINCIA DI CAGLIARI Bozza REGOLAMENTO 47 TORNEO CALCIO COPPA CITTÀ DI SINNAI Premessa Lo spirito che darà vita al 47 Torneo di calcio a 11 Coppa Città di Sinnai 2014 si fonda sul principio

Dettagli

CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE

CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE Il Comitato Provinciale della Lega Calcio UISP di Modena, indice ed organizza per la stagione sportiva 2014/2015, l attività di Campionato per le seguenti categorie con

Dettagli

COMITATO REGIONALE LIGURIA CAMPIONATO NAZIONALE MASTER MASCHILE E FEMMINILE 2011/2012

COMITATO REGIONALE LIGURIA CAMPIONATO NAZIONALE MASTER MASCHILE E FEMMINILE 2011/2012 E-mail: liguria@federvolley.it http://www.volleyliguria.net CAMPIONATO NAZIONALE MASTER MASCHILE E FEMMINILE 2011/2012 1. INDIZIONE Il C. R. Liguria indice e la COGR organizza la Fase Regionale del Campionato

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE

REGOLAMENTO UFFICIALE REGOLAMENTO UFFICIALE ART. 1- Durata del torneo. Il torneo avrà inizio il giorno sabato 31 MAGGIO 2014 e terminerà il giorno lunedi 02 GIUGNO 2014. L Organizzazione si riserva il diritto, per esigenze

Dettagli

TORNEO REGIONALE GIOVANI CALCIATRICI GIOVANISSIME 7 CONTRO 7 STAGIONE SPORTIVA 2011-2012

TORNEO REGIONALE GIOVANI CALCIATRICI GIOVANISSIME 7 CONTRO 7 STAGIONE SPORTIVA 2011-2012 TORNEO REGIONALE GIOVANI CALCIATRICI GIOVANISSIME 7 CONTRO 7 STAGIONE SPORTIVA 2011-2012 REGOLAMENTO ART. 1 - TITOLO Il Comitato Regionale FIGC-LND del Friuli Venezia Giulia, d intesa con il Settore Giovanile

Dettagli

PIGIESSIADI. 30 maggio - 2 giugno 2015 REGOLAMENTO CALCIO A 5 CATEGORIA MICRO-MINI

PIGIESSIADI. 30 maggio - 2 giugno 2015 REGOLAMENTO CALCIO A 5 CATEGORIA MICRO-MINI Categorie e limiti di età. MICRO - MINI 2004/2005/2006/2007 PROPAGANDA 2002/2003 UNDER 15 2000/2001 UNDER 18 1997/1998/1999 LIBERA 1996 e prec. PIGIESSIADI 30 maggio - 2 giugno 2015 REGOLAMENTO CALCIO

Dettagli

REGOLAMENTO ''CHAMPIONS 5'' REGOLE PRINCIPALI - SI RICORDA CHE TUTTI I TESSERATI DEVONO ESSERE IN POSSESSO DEL CERTIFICATO MEDICO PER DISPUTARE IL

REGOLAMENTO ''CHAMPIONS 5'' REGOLE PRINCIPALI - SI RICORDA CHE TUTTI I TESSERATI DEVONO ESSERE IN POSSESSO DEL CERTIFICATO MEDICO PER DISPUTARE IL REGOLAMENTO ''CHAMPIONS 5'' REGOLE PRINCIPALI - SI RICORDA CHE TUTTI I TESSERATI DEVONO ESSERE IN POSSESSO DEL CERTIFICATO MEDICO PER DISPUTARE IL CAMPIONATO. IL PRESIDENTE DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA/SQUADRA

Dettagli

Campionato Provinciale di Pallacanestro maschile come appresso indicato e secondo i concentramenti ed il calendario allegato

Campionato Provinciale di Pallacanestro maschile come appresso indicato e secondo i concentramenti ed il calendario allegato Prot. n 2692/14 Cosenza, lì 10/04/2014 Coordinamento e.m.f.s. Ai Sigg. Dirigenti Scolastici Scuole Secondarie 1 Grado Interessati LORO SEDI e.p.c. Al Comitato Provinciale F.I.P. Cosenza Al Delegato Provinciale

Dettagli

REGOLAMENTO. Squadre partecipanti Al torneo saranno ammesse 9 squadre. Ogni squadra giocherà una partita a settimana per tutta la durata del torneo

REGOLAMENTO. Squadre partecipanti Al torneo saranno ammesse 9 squadre. Ogni squadra giocherà una partita a settimana per tutta la durata del torneo REGOLAMENTO Sede, date, giorni e orari Il torneo Vamos a Madrid, organizzato dall Acsi in collaborazione con Quasi Gol, si disputerà a Milano nei seguenti centri sportivi: Masseroni 1 (Via Madruzzo 3)

Dettagli

REGOLAMENTO SPORTIVO DON BOSCO CUP 2016. Norme generali

REGOLAMENTO SPORTIVO DON BOSCO CUP 2016. Norme generali POLISPORTIVE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI PROMOZIONE SPORTIVA GIOVANILI SALESIANE Sede nazionale. Via Nomentana 175-00161 ROMA Tel. 06/4462179 - Fax 06/491310 REGOLAMENTO SPORTIVO DON BOSCO CUP 2016 L'Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO SUPERCOPPA 2014 2015

REGOLAMENTO SUPERCOPPA 2014 2015 REGOLAMENTO SUPERCOPPA 2014 2015 Rappresentanza, Iscrizioni, Doveri e Obblighi. Articolo 1 Rappresentanza 1.01 La Divisione Calcio a 5 organizza la Supercoppa riservata alla Società Campione d Italia 2013-2014

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Internazionale

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Internazionale FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Regolamenti per Tornei a carattere Internazionale Stagione Sportiva 2014/2015 (da redigere su carta intestata della Società organizzatrice)

Dettagli

Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016. Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE

Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016. Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016 Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE Il Comitato Regionale Sardo F.I.Te.T. indice ed organizza per la stagione agonistica 2015-2016 i seguenti campionati

Dettagli

2 Torneo Universitario di CALCIO A 5 Memorial Mario del Sordo

2 Torneo Universitario di CALCIO A 5 Memorial Mario del Sordo C.U.S. FOGGIA A.S.D. Via Napoli, 109 71122 Foggia 2 Torneo Universitario di CALCIO A 5 Memorial Mario del Sordo IL CUS FOGGIA ORGANIZZA IL PRIMO TORNEO DI CALCIO A 5 PER TUTTI I DIPARTIMENTI DELL UNIVERSITA

Dettagli

Stagione Sportiva 2015/2016

Stagione Sportiva 2015/2016 CAMPIONATO AMATORIALE NOTTURNO PROVINCIALE A 11 GIOCATORI OVER 40 NORME DI PARTECIPAZIONE - Regolamento ART. 1 - La Lega Calcio dell U.I.S.P. di Bergamo organizza, in collaborazione con la Associazione

Dettagli

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2014/2015

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2014/2015 Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2014/2015 CAMPIONATI A SQUADRE... 2 Articolo 1.1. - Serie A/1 maschile.... 2 Articolo 1.2. - Serie A/2

Dettagli

Art. 1 RISPETTO DEL REGOLAMENTO AICS DOVERI E OBBLIGHI GENERALI

Art. 1 RISPETTO DEL REGOLAMENTO AICS DOVERI E OBBLIGHI GENERALI ASSOCIAZIONE ITALIANA CULTURA E SPORT COMITATO PROVINCIALE DI PISTOIA Via Bellaria, 35 51100 PISTOIA ( PT ) Tel. 0573-367529 - FAX 0573/34933 e-mail: pistoia@aics.it Art. 1 RISPETTO DEL REGOLAMENTO AICS

Dettagli

11^ campionato amatoriale calcio a 5 STAGIONE 2013/2014

11^ campionato amatoriale calcio a 5 STAGIONE 2013/2014 REGOLAMENTO CAMPIONATO AMATORIALE ART. 1 COMPOSIZIONE DEL CAMPIONATO E TRASFERIMENTI Il Campionato Amatoriale è a carattere ricreativo e destinato ai soli soci dell A.S.D. ARCADIA Termoli Calcio a 5,è

Dettagli

quarta edizione 2015 Memorial Massimo Armellini - regolamento -

quarta edizione 2015 Memorial Massimo Armellini - regolamento - PARAGRAFO 1: PARTECIPANTI quarta edizione 2015 Memorial Massimo Armellini - regolamento - Il Torneo di calcio a 8 GAMING CUP è un Torneo riservato alle Società Operatrici di scommesse Eurobet, Paddy Power,

Dettagli

NORME DI PARTECIPAZIONE 2014/2015

NORME DI PARTECIPAZIONE 2014/2015 Lega Calcio Venezia NORME DI PARTECIPAZIONE 2014/2015 UISP LEGA CALCIO VENEZIA CAMPIONATO PROVINCIALE AMATORIALE" DI CALCIO 11 L UISP Lega Calcio Venezia in collaborazione con il S.T.A. indice ed organizza

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Regionale Provinciale e Locale

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Regionale Provinciale e Locale FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Regolamenti per Tornei a carattere Regionale Provinciale e Locale Stagione Sportiva 2013/2014 (da redigere su carta intestata della Società

Dettagli

Regolamenti 2010/2011 dell Attività a Squadre e dei relativi Campionati Parte Specifica

Regolamenti 2010/2011 dell Attività a Squadre e dei relativi Campionati Parte Specifica Regolamenti 2010/2011 dell Attività a Squadre e dei relativi Campionati Parte Specifica CAMPIONATI A SQUADRE... 2 Articolo 1.1. - Serie A/1 maschile... 2 Articolo 1.2. - Serie A/2 maschile... 4 Articolo

Dettagli

Sez. Albano Laziale Vademecum Arbitri OTS Stagione 2013/2014 SEZIONE DI ALBANO LAZIALE VADEMECUM ORGANO TECNICO SEZIONALE S.S.

Sez. Albano Laziale Vademecum Arbitri OTS Stagione 2013/2014 SEZIONE DI ALBANO LAZIALE VADEMECUM ORGANO TECNICO SEZIONALE S.S. SEZIONE DI ALBANO LAZIALE VADEMECUM ORGANO TECNICO SEZIONALE S.S. 2013/2014 ARBITRI INVIO DESIGNAZIONI: Le designazioni verranno caricate dall Organo Tecnico Sezionale su SINFONIA4YOU ed inviate a mezzo

Dettagli

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016 Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016 CAMPIONATI A SQUADRE... 2 Articolo 1.1. - Serie A/1 maschile.... 2 Articolo 1.2. - Serie A/2

Dettagli

Baruccana Volley. ART. 1 - SEDE DEL TORNEO e ORARIO DEGLI INCONTRI

Baruccana Volley. ART. 1 - SEDE DEL TORNEO e ORARIO DEGLI INCONTRI 1 Importanti novità! In questa edizione abbiamo introdotto la distinzione delle squadre iscritte in due categorie: Open e Amatori. I dettagli di ogni categoria li trovate nell articolo 5/A e 5/B. Ogni

Dettagli

CAMPIONATO DI PALLANUOTO MASCHILE Serie A2 Edizione 2014/2015 Approvato con delibera n. 229 Consiglio Federale del 30.09.2014

CAMPIONATO DI PALLANUOTO MASCHILE Serie A2 Edizione 2014/2015 Approvato con delibera n. 229 Consiglio Federale del 30.09.2014 CAMPIONATO DI PALLANUOTO MASCHILE Serie A2 Edizione 2014/2015 Approvato con delibera n. 229 Consiglio Federale del 30.09.2014 Iscrizione Tassa Gara Sono ammesse al Campionato Nazionale di Pallanuoto Maschile

Dettagli

5 MEMORIAL Dario Riva - REGOLAMENTO

5 MEMORIAL Dario Riva - REGOLAMENTO 5 MEMORIAL Dario Riva - REGOLAMENTO ARTICOLO 1 (NORME GENERALI) 1. L ASD ORATORIO OGGIONO, in collaborazione con il CSI di Lecco e con il patrocinio della Regione Lombardia, della Provincia di Lecco e

Dettagli

UNIONE BILIARDO GENOVA

UNIONE BILIARDO GENOVA UNIONE BILIARDO GENOVA REGOLAMENTO DISCIPLINARE ART. 1 DOVERI DELLE SOCIETA E DEI TESSERATI Le società affiliate e i tesserati sono soggetti all osservanza dei Regolamenti dello Statuto UBG, in ogni rapporto

Dettagli

I GIOCATORI SPROVVISTI DI UNO DEI DOCUMENTI SOPRA INDICATI NON POTRA' IN ALCUN CASO PRENDERE PARTE ALLE GARE DI CAMPIONATO

I GIOCATORI SPROVVISTI DI UNO DEI DOCUMENTI SOPRA INDICATI NON POTRA' IN ALCUN CASO PRENDERE PARTE ALLE GARE DI CAMPIONATO 1) ISCRIZIONE SQUADRE E LISTA GIOCATORI 2) CAUZIONE, QUOTE DI PARTECIPAZIONE E DI PARTITE 3) PERIODO DI SVOLGIMENTO, NUMERO SQUADRE E GIRONI 4) MODALITA' DI SVOLGIMENTO TORNEO 5) MODALITA' DI SVOLGIMENTO

Dettagli

Centro Sportivo Italiano Comitato di Milano REGOLAMENTI 2010/2011

Centro Sportivo Italiano Comitato di Milano REGOLAMENTI 2010/2011 CALCIO A 5 ATTIVITA' ORGANIZZATA Viene organizzata la seguente attività per la stagione 2010/2011 1) OPEN: Campionato Provinciale Eccellenza e Categoria A per atleti nati nel 1995 e precedenti 2) Torneo

Dettagli

Campionato Nazionale CSI di Pallavolo - Categoria Open Misto stagione 2015/2016 -

Campionato Nazionale CSI di Pallavolo - Categoria Open Misto stagione 2015/2016 - Campionato Nazionale CSI di Pallavolo - Categoria Open Misto stagione 2015/2016 - REGOLAMENTO DELLA FASE PROVINCIALE ORGANIZZAZIONE E LIMITI DI PARTECIPAZIONE Art.1 Il Comitato Provinciale CSI di Ancona

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO Regolamento Campionato serie C regionale A.S. 2014/2015 Formula di svolgimento: Fase di qualificazione. Fase ad orologio. Play-off. Fase di

Dettagli

CALCIO A SETTE Art. 1 - Regolamento tecnico di gioco. Art. 2 - Categorie di età e tempi di gioco. Art. 3 - Tempo di attesa

CALCIO A SETTE Art. 1 - Regolamento tecnico di gioco. Art. 2 - Categorie di età e tempi di gioco. Art. 3 - Tempo di attesa CALCIO A SETTE Art. 1 - Regolamento tecnico di gioco 1 Le norme tecniche per il calcio a 7 della presente sezione integrano le Norme per l'attività Sportiva. 2 Per lo svolgimento del calcio a 7 nel CSI

Dettagli

TORNEO ESTIVO CALCIO A 5 2015 Regolamento Tornei

TORNEO ESTIVO CALCIO A 5 2015 Regolamento Tornei TORNEO ESTIVO CALCIO A 5 2015 Regolamento Tornei Data emissione: 23/05/2015 Versione: 1.0 Sommario Art.1 Costo e Iscrizione Torneo... 2 Art.2 Limiti di categorie sui tesseramenti... 2 Art.3 Campi di gioco...

Dettagli

IL S.A.P. di CATANIA ORGANIZZA. con l apporto tecnico della LEGA CALCIO U.I.S.P. PROVINCIALE CATANIA. sapcatania.it IL TORNEO DI CALCIO A 7

IL S.A.P. di CATANIA ORGANIZZA. con l apporto tecnico della LEGA CALCIO U.I.S.P. PROVINCIALE CATANIA. sapcatania.it IL TORNEO DI CALCIO A 7 IL S.A.P. di CATANIA ORGANIZZA con l apporto tecnico della LEGA CALCIO U.I.S.P. PROVINCIALE CATANIA IL TORNEO DI CALCIO A 7 denominato Un goal per la memoria Edizione 2009/2010 (REGOLAMENTO) 1 REGOLAMENTO

Dettagli

NUOVO PRONTUARIO DELLE TASSE ED AMMENDE FEDERALI PER L ANNO SPORTIVO 2016 AFFILIAZIONE RIAFFILIAZIONE TESSERAMENTO

NUOVO PRONTUARIO DELLE TASSE ED AMMENDE FEDERALI PER L ANNO SPORTIVO 2016 AFFILIAZIONE RIAFFILIAZIONE TESSERAMENTO NUOVO PRONTUARIO DELLE TASSE ED AMMENDE FEDERALI PER L ANNO SPORTIVO 2016 AFFILIAZIONE RIAFFILIAZIONE TESSERAMENTO SOCIETA SPORTIVE Prima Affiliazione 100,00 Riaffiliazione (periodo di validità 1-31 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO 2011. Art. 1 COME ISCRIVERSI

REGOLAMENTO 2011. Art. 1 COME ISCRIVERSI REGOLAMENTO 2011 Art. 1 COME ISCRIVERSI somma di 350,00 nei seguenti modi: 1. Bonifico Bancario c.c. 2. Assegno non trasferibile intestato alla A.S.D. Stella Azzurra. 3. In contanti presso la sede in via

Dettagli

4^ CAMPIONATO AMATORIALE FRANCIGENA CUP E AVIS CUP REGOLAMENTO TECNICO UFFICIALE

4^ CAMPIONATO AMATORIALE FRANCIGENA CUP E AVIS CUP REGOLAMENTO TECNICO UFFICIALE 1. CALENDARIO. 4^ CAMPIONATO AMATORIALE FRANCIGENA CUP E AVIS CUP REGOLAMENTO TECNICO UFFICIALE Il calendario ufficiale del 4 Campionato Amatoriale di calcio a 5 Francigena Cup e Avis Cup, verrà consegnato

Dettagli

Regolamento CALCIO A CINQUE 2015/2016

Regolamento CALCIO A CINQUE 2015/2016 Regolamento CALCIO A CINQUE 2015/2016 Art. 1 Regolamento tecnico di gioco 1 Le norme tecniche per il calcio a cinque della presente sezione integrano le Norme per l'attività Sportiva. 2 Fino alla pubblicazione

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANICO DI PARTECIPAZIONE AL 1 CAMPIONATO INTERPROVINCIALE DI BILIARDO BOCCETTE A SQUADRE E.N.D.A.S.-A.B.I.S.

REGOLAMENTO ORGANICO DI PARTECIPAZIONE AL 1 CAMPIONATO INTERPROVINCIALE DI BILIARDO BOCCETTE A SQUADRE E.N.D.A.S.-A.B.I.S. A.B.I.S Ravenna ENDAS EMILIA ROMAGNA ASSOCIAZIONE BILIARDO ITALIANA SPORTIVA Sede - Via Salita, 2-48018 Faenza (RA) Sede operativa di Fusignano Tel.-Segr.-Fax 0545.288059 C.F. e P.IVA 02028560395 e-mail:

Dettagli

Csi Varese. Note aggiuntive calcio a 7 al regolamento nazionale "Sport in regola"

Csi Varese. Note aggiuntive calcio a 7 al regolamento nazionale Sport in regola Csi Varese Note aggiuntive calcio a 7 al regolamento nazionale "Sport in regola" Anno sportivo 2015/2016 CARTA DEL FAIR PLAY PRINCIPI DELLA CORRETTEZZA Qualunque sia il ruolo che svolgo nello sport, anche

Dettagli

U.S. ACLI - UNIONE PROVINCIALE CALCIO - MILANO

U.S. ACLI - UNIONE PROVINCIALE CALCIO - MILANO U.S. ACLI - UNIONE PROVINCIALE CALCIO - MILANO Regolamento Organico calcio a 11 e a 7 giocatori ( Ottobre 2013) PREMESSA: Il presente Regolamento Organico specifica e integra regole tecniche e provvedimenti

Dettagli

U.S. ACLI - UNIONE PROVINCIALE CALCIO - MILANO

U.S. ACLI - UNIONE PROVINCIALE CALCIO - MILANO U.S. ACLI - UNIONE PROVINCIALE CALCIO - MILANO Regolamento Organico calcio a 11 e a 7 giocatori ( Ottobre 2014) PREMESSA: Il presente Regolamento Organico specifica e integra regole tecniche e provvedimenti

Dettagli

GAZZETTA CUP 2014 REGOLAMENTO

GAZZETTA CUP 2014 REGOLAMENTO GAZZETTA CUP 2014 REGOLAMENTO Norme Generali Location La competizione si svolge a Bari, Bolzano, Cagliari, Catania, Cosenza, Macerata, Milano, Napoli, Padova, Reggio Emilia, Roma e Torino. Categorie e

Dettagli

Regolamento Campionato Serie A 2013-2014

Regolamento Campionato Serie A 2013-2014 Regolamento Campionato Serie A 2013-2014 ART. 1 TESSERAMENTO 1. Ogni squadra al momento dell iscrizione dovrà indicare un Referente, che potrà essere anche un partecipante al Torneo, il quale curerà i

Dettagli

26 CAMPIONATO INDOOR DI CALCIO A 5 13 Trofeo L ARENA Il Giornale di Verona V E R O N A 5 O T T O B R E 201 5 21 M A G G I O 2 0 1 6 REGOLAMENTO GARA

26 CAMPIONATO INDOOR DI CALCIO A 5 13 Trofeo L ARENA Il Giornale di Verona V E R O N A 5 O T T O B R E 201 5 21 M A G G I O 2 0 1 6 REGOLAMENTO GARA 26 CAMPIONATO INDOOR DI CALCIO A 5 13 Trofeo L ARENA Il Giornale di Verona V E R O N A 5 O T T O B R E 201 5 21 M A G G I O 2 0 1 6 REGOLAMENTO GARA FORMULA TECNICA E REGOLE DI GIOCO APPLICATE 1. Il Campionato

Dettagli

REGOLAMENTO BASKET GIOVANILE FASE PROVINCIALE.

REGOLAMENTO BASKET GIOVANILE FASE PROVINCIALE. Riferimento : 2015 10 20 Regolamento Tecnico Basket Giovanile.docx REGOLAMENTO BASKET GIOVANILE FASE PROVINCIALE. PREMESSA: Il Centro Sportivo Italiano (d ora in poi denominato per brevità CSI), ente di

Dettagli

Regolamento Settore Calcio a 5

Regolamento Settore Calcio a 5 Regolamento Settore Calcio a 5 Vers. 03.2014-15 REGOLAMENTO TORNEO CALCIO A5 SOMMARIO Art. 1 - Partecipazione al Campionato Art. 1.1 - Organizzazione e pendenze economiche Art. 1.2 - Modalità d iscrizione

Dettagli

ATTIVITÀ UFFICIALE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI di COMPETENZA del COMITATO REGIONALE LOMBARDIA

ATTIVITÀ UFFICIALE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI di COMPETENZA del COMITATO REGIONALE LOMBARDIA ATTIVITÀ UFFICIALE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI di COMPETENZA del COMITATO REGIONALE LOMBARDIA La Lega Nazionale Dilettanti - in attuazione delle disposizioni di cui all'art. 49, punto 1, lett. c),

Dettagli

19 CAMPIONATO DRIBBLING 2009-2010 REGOLAMENTO

19 CAMPIONATO DRIBBLING 2009-2010 REGOLAMENTO 19 CAMPIONATO DRIBBLING 2009-2010 REGOLAMENTO 1)IL CAMPIONATO SI SVOLGERA AL CENTRO SPORTIVO DRIBBLING IN COLLABORAZIONE CON CASA DELLO SPORT, ART E PARQUET E ENDAS. 2)OGNI SQUADRA ISCRITTA AL CAMPIONATO

Dettagli

REGOLAMENTO WINTER CUP 2015 2016 FINAL FOUR

REGOLAMENTO WINTER CUP 2015 2016 FINAL FOUR REGOLAMENTO WINTER CUP 2015 2016 FINAL FOUR Rappresentanza, Iscrizioni, Doveri e Obblighi. Articolo 1 Rappresentanza 1.01 Con riferimento al Comunicato Ufficiale n. 254 del 1 dicembre 2015, la Divisione

Dettagli

Torneo di calcio a 5 femminile

Torneo di calcio a 5 femminile Torneo di calcio a 5 femminile REGOLAMENTO UFFICIALE 1- Denominazione e caratteristiche del torneo Il Torneo di calcio a 5 femminile è un torneo amatoriale riservato esclusivamente a squadre formate da

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE n. 37 del 28 maggio 2014

COMUNICATO UFFICIALE n. 37 del 28 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE n. 37 del 28 maggio 2014 CAMPIONATO NAZIONALE DI SERIE A DI CALCIO A 11 (Stagione Sportiva 2013/2014) REGOLAMENTO 1. SQUADRE PARTECIPANTI ED ORGANICO DELLA MANIFESTAZIONE La Federazione

Dettagli

Regolamento Campionato Amatoriale Bresciano Calcio a7 STAGIONE SPORTIVA 2015/2016

Regolamento Campionato Amatoriale Bresciano Calcio a7 STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 Regolamento Campionato Amatoriale Bresciano Calcio a7 STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 FORMULA DEL CAMPIONATO. Le squadre saranno inserite in un girone all italiana, con partite di andata e ritorno oppure di

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO NAZIONALE DI CALCIO DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI ANNO 2013 / 2014

CAMPIONATO ITALIANO NAZIONALE DI CALCIO DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI ANNO 2013 / 2014 CAMPIONATO ITALIANO NAZIONALE DI CALCIO DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI ANNO 2013 / 2014 REGOLAMENTO I PREMESSA Articolo 1 Organizzazione Il progetto sportivo nasce su iniziativa dell

Dettagli

CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI TROFEI BRIANZA STAGIONE 2014/15

CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI TROFEI BRIANZA STAGIONE 2014/15 A tutte le Società di Monza Brianza Loro sedi Agrate Brianza, 22-12-2014 Prot. 211/CPG e p.c. C.R. Lombardia FIPAV ROMA CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI TROFEI BRIANZA STAGIONE 2014/15 2 MODALITA DI SVOLGIMENTO

Dettagli

MOVIMENTO SPORTIVO POPOLARE ITALIA COMITATO PROVINCIALE DI VERONA MANIFESTAZIONE PROMOZIONALE OPEN DI CALCIO A 5 CENTRO SPORTIVO SAN FLORIANO

MOVIMENTO SPORTIVO POPOLARE ITALIA COMITATO PROVINCIALE DI VERONA MANIFESTAZIONE PROMOZIONALE OPEN DI CALCIO A 5 CENTRO SPORTIVO SAN FLORIANO MOVIMENTO SPORTIVO POPOLARE ITALIA COMITATO PROVINCIALE DI VERONA Ente di Promozione Sportiva Riconosciuto dal CONI PIANETA CALCIO A5 di CALCIO A5 8 TROFEO MANIFESTAZIONE PROMOZIONALE OPEN DI CALCIO A

Dettagli

1) Calciatori La gara è giuocata da due squadre, formate ciascuna da un massimo di 5 calciatori, uno dei quali nel ruolo di portiere.

1) Calciatori La gara è giuocata da due squadre, formate ciascuna da un massimo di 5 calciatori, uno dei quali nel ruolo di portiere. REGOLA 3 - NUMERO DEI CALCIATORI 1) Calciatori La gara è giuocata da due squadre, formate ciascuna da un massimo di 5 calciatori, uno dei quali nel ruolo di portiere. 2) Procedura di sostituzione a) È

Dettagli

REGOLAMENTO LIGA SPORTUNO CALCIO A 7

REGOLAMENTO LIGA SPORTUNO CALCIO A 7 REGOLAMENTO LIGA SPORTUNO CALCIO A 7 WWW.GENERAZIONECALCETTO.COM ART. 0 Principi e Obiettivi L articolo zero si chiama tale perché viene prima di tutto. Se ci fossero dubbi e/o divergenze di pensiero con

Dettagli

VI TORNEO NAZIONALE DI CALCIO DEI DOTTORI COMMERCIALISTI

VI TORNEO NAZIONALE DI CALCIO DEI DOTTORI COMMERCIALISTI VI TORNEO NAZIONALE DI CALCIO DEI DOTTORI COMMERCIALISTI REGOLAMENTO I PREMESSA Articolo 1 Organizzazione Il Coordinamento dei Dottori Commercialisti per la promozione di attività sportive (Organizzatore)

Dettagli

CAMPIONATO PROVINCIALE UNDER 17 MASCHILE 2015/2016

CAMPIONATO PROVINCIALE UNDER 17 MASCHILE 2015/2016 COMUNICATO UFFICIALE N. 9 STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 CAMPIONATO PROVINCIALE UNDER 17 MASCHILE 2015/2016 La Federazione Italiana Pallavolo indice ed il Comitato Provinciale di Roma organizza il Campionato

Dettagli