DISCIPLINARE D'ATTUAZIONE DELL USO DEL MARCHIO TERRE DI SIENA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISCIPLINARE D'ATTUAZIONE DELL USO DEL MARCHIO TERRE DI SIENA"

Transcript

1 Allegato A, parte integrante e sostanziale della Delibera G.P. n 220 del Amministrazione provinciale di Siena DISCIPLINARE D'ATTUAZIONE DELL USO DEL MARCHIO TERRE DI SIENA Siena, ottobre 2005

2 CAPO I FINALITA E DEFINIZIONI Art. 1 Finalità 1 Il presente disciplinare definisce le condizioni e le modalità per il rilascio del marchio collettivo Terre di Siena. Il marchio collettivo è di proprietà esclusiva dell Amministrazione Provinciale di Siena, che sorveglia sul corretto uso dello stesso direttamente (ed eventualmente avvalendosi delle verifiche di un organismo di controllo esterno). 2. Il marchio si propone di valorizzare le attività, i processi, le lavorazioni e i prodotti caratteristici della provincia di Siena coerentemente con le vocazioni economicoproduttive del territorio, con la sua identità storica e socio-culturale e con gli indirizzi strategici fondamentali dell Amministrazione provinciale. In particolare con l istituzione del marchio Terre di Siena la Provincia di Siena si propone di promuovere lo sviluppo e il controllo delle filiere, dei prodotti e dei servizi del territorio senese nell ambito delle seguenti finalità generali:?? Sostenibilità ambientale e socio-culturale, intesa come salvaguardia del patrimonio ambientale e socio-culturale del territorio e valorizzazione di sistemi di produzione innovativi ed eco-compatibili, in una prospettiva di sviluppo economico di lungo periodo;?? Qualità e autenticità dei prodotti, intesa come utilizzo di fattori produttivi idonei a sviluppare produzioni di qualità realmente corrispondenti ai valori del territorio senese e alla sua conformazione ambientale, antropologica e culturale;?? Eticità e responsabilità, intesa come insieme di comportamenti e azioni individuali e collettive che si richiamino ai principi di certificazione etica e responsabilità sociale delle imprese e dei territori che la Provincia di Siena ha posto a fondamento delle proprie politiche di sviluppo. 3. In generale, il marchio Terre di Siena si inserisce nell ambito delle strategie di promozione e sviluppo del territorio e delle linee di pianificazione e progettazione associate al Piano Strategico di Sviluppo, al Piano di marketing territoriale e al Piano di Comunicazione della provincia di Siena. Pagina 2 di 22

3 CAPO II LA GESTIONE DEL MARCHIO COLLETTIVO Art. 2 Obiettivi e principi fondamentali 1. Il marchio collettivo deve essere utilizzato nel rispetto delle regole grafiche stabilite nel Capo II e nell ambito dei seguenti contesti:?? identificazione dei valori economico-produttivi, geografici, storico-paesaggistici, culturali e scientifici che identificano in modo eminente l identità presente, passata e futura della provincia;?? attività o aggregazioni di attività di interesse economico che contraddistinguono i valori territoriali economici e sociali di Siena, del suo territorio dei suoi prodotti e che rappresentano una componente del valore aggiunto del prodotto o servizio;?? linee o proposte di comunicazione istituzionale o commerciale dell identità senese, del suo territorio e dei suoi prodotti, con lo scopo specifico di aumentarne la notorietà, con particolare riferimento agli interessi degli osservatori esterni alla provincia;?? linee di accompagnamento di eventi o iniziative di promozione del territorio all estero attraverso canali diretti e virtuali (fiere, portali Internet, altro..). 2. Il marchio collettivo non può in nessun caso, per le finalità ricordate nell art.1, costituire un marchio di provenienza e di origine dei prodotti, ma rappresenta un marchio aggiuntivo avente esclusivamente fini di promozione e valorizzazione dei prodotti rispondenti ai criteri del presente disciplinare. 3. L uso del marchio collettivo è concesso al beneficiario per un periodo di tre anni, a decorrere dalla data di concessione dello stesso. Al termine del periodo di concessione il beneficiario può ripresentare la propria domanda di concessione, secondo le prescrizioni del presente disciplinare. Pagina 3 di 22

4 Art. 3 Funzioni e compiti dell Amministrazione Provinciale di Siena 1. Ai sensi del presente regolamento, le funzioni e i compiti relativi all uso del marchio sono ripartiti fra la Giunta provinciale e il Dirigente responsabile del servizio attività economiche, programmazione, coordinamento politiche comunitarie, turismo e osservatorio economico. 2. La Giunta provinciale: a) tutela e protegge, a norma di legge, il marchio di cui al Cap.1; b) nomina il Comitato di Gestione del Marchio (di cui al successivo art.4); c) nomina il Comitato di Garanzia (di cui all art.11); d) approva il presente DISCIPLINARE e ne definisce le procedure tecniche attuative; e) approva i REGOLAMENTI di prodotto. 3. Il Dirigente responsabile della struttura competente: a) supervisiona e coordina i lavori del Comitato di gestione del marchio Art. 4 Comitato di Gestione del marchio 1. Allo scopo di esercitare una funzione di monitoraggio e di coordinamento per l utilizzazione del marchio è istituito un Comitato di Gestione del marchio costituito da: a) l assessore alle attività produttive, lavoro/relazioni e crisi aziendali, commercio, politiche comunitarie, azioni per la pace; b) il dirigente del Servizio Attività Economiche e Turismo (o un suo delegato), competente della materia ed avente funzioni di coordinatore dei lavori del Comitato; c) un funzionario dell Assessorato all agricoltura della Provincia di Siena; d) un rappresentante della Camera di Commercio di Siena; e) uno o più esperti tecnico-scientifici riferibili alle materie di cui al presente disciplinare 2. Il Comitato di Gestione svolge i seguenti compiti: a) predispone e aggiorna, su richiesta della Giunta provinciale, il presente disciplinare; b) concede ai soggetti la facoltà di utilizzare il marchio; c) istituisce, gestisce e aggiorna l elenco dei concessionari del marchio secondo le modalità previste dalla Giunta provinciale; Pagina 4 di 22

5 d) istituisce, gestisce e aggiorna l elenco dei prodotti a marchio secondo le modalità previste dalla Giunta provinciale; e) decide in ordine alle ratifiche delle sospensioni e alle revoche di cui al successivo art. 20; f) svolge, per conto della Giunta provinciale, il compito di vigilanza sulla corretta applicazione del marchio; g) autorizza gli enti pubblici richiedenti all'utilizzo del marchio a scopo promozionale; h) propone alla Giunta provinciale eventuali modifiche e aggiornamenti delle procedure operative di attuazione del presente regolamento; i) elabora e trasmette alla Giunta provinciale una relazione relativa all'anno precedente che contiene informazioni su: 1) l elenco dei concessionari; 2) la tipologia e la quantità di prodotti marchiati; 3) l attività di controllo; 4) la gestione complessiva del marchio. Pagina 5 di 22

6 CAPO III UTILIZZAZIONE DEL MARCHIO Art. 5 Requisiti dei concessionari 1. Il marchio collettivo viene utilizzato per disciplinare i rapporti tra l Amministrazione provinciale, gli enti pubblici e i soggetti privati interessati all uso del marchio. 2. Possono accedere, a titolo gratuito, all utilizzo del marchio collettivo le seguenti tipologie di soggetti pubblici e istituzioni di rappresentanza degli interessi: a) le Amministrazioni Comunali della provincia di Siena, in forma singola o associata, b) le Comunità montane con sede nella provincia di Siena, c) le associazioni di rappresentanza territoriali con sede nella provincia di Siena (sindacati, associazioni di categoria), d) le autonomie funzionali con sede nella provincia di Siena (CCIAA, Università). I soggetti di cui sopra possono apporre il marchio senza limitazioni sul proprio materiale sociale, commerciale e promozionale, (prodotti, brochure, lettere intestate, campagne promozionali e di comunicazione, segnaletica territoriale, azioni di marketing territoriale). 3. Possono accedere all utilizzo del marchio collettivo le seguenti tipologie di soggetti privati: a) le imprese operanti nel settore manifatturiero, in forma singola o associata, con sede nella provincia di Siena; b) le imprese agricole, di produzione e trasformazione, in forma singola o associata, con sede nella provincia di Siena; c) le imprese operanti nel settore terziario - con particolare riferimento ai servizi alle imprese, al terziario avanzato, ai servizi per il turismo e l accoglienza - in forma singola o associata, con sede nella provincia di Siena; d) i consorzi territoriali di produzione, con sede nella provincia di Siena; e) le imprese cooperative e associative, con sede nella provincia di Siena; f) le banche, le Fondazioni bancarie e le Fondazioni culturali, con sede nella provincia di Siena. 4. Le suddette tipologie di soggetti concessionari (pubblici e privati) sono elencate a scopo indicativo e quindi suscettibili di ulteriori integrazioni e/o precisazioni. 5. Possono accedere al marchio collettivo le istituzioni e i soggetti locali extraprovinciali (ad esempio la Regione) nell ambito di progetti di valorizzazione complessiva dei valori e dell identità del territorio senese. Pagina 6 di 22

7 6. L uso del marchio potrà essere concesso per tutti i prodotti e servizi che fanno parte del tessuto economico-produttivo locale e che sono riconducibili alle principali filiere produttive e di servizio del territorio. Sono considerati prodotti senesi quelli di cui almeno una fase del processo produttivo sia stata ideata e/o progettata e/o prodotta nel territorio della provincia di Siena. 7. Per le singole filiere produttive relative ai settori agricolo, manifatturiero e dei servizi sono previsti specifici REGOLAMENTI d uso del marchio collettivo I regolamenti contengono le prescrizioni che le imprese devono rispettare per ottenere la concessione all uso del marchio Terre di Siena (Cfr. ALLEGATO 3 per l elenco delle categorie merceologiche per le quali il marchio è stato registrato). 8. I Regolamenti sono di proprietà della Provincia di Siena ed è compito della Giunta Provinciale approvarli su proposta del Comitato di gestione del Marchio. Art. 6 Obblighi dei concessionari 1. I concessionari devono rispettare le modalità d uso del marchio collettivo previste dal presente regolamento; 2. Nel caso in cui il concessionario del marchio collettivo sia costituito in forma associata deve assicurare la conformità al presente regolamento; 3. Il concessionario s impegna a rispettare tutte le prescrizioni del presente Disciplinare. In particolare, egli s impegna a: - evitare che possano generarsi equivoci sull oggetto dell autorizzazione o che il marchio possa essere confuso con elementi grafici addizionali, sottolineature, ornamenti o aggiunte di testo che ne rendano difficile la lettura; - evitare che sia snaturata la caratteristica originaria del logo o il suo significato; - evitare l uso scorretto del Marchio. 4. E considerato scorretto l uso del Marchio quando: - può trarre in inganno il mercato sulla natura del Marchio; - non sia usato conformemente al presente Disciplinare; - sia applicato per attività per il quale l uso del Marchio non è stato autorizzato - non sia stato richiesto l aggiornamento dell autorizzazione nei casi previsti - non sia riscontrabile il collegamento con la provincia di Siena, il territorio e i suoi prodotti. Pagina 7 di 22

8 Art. 7 Procedure di autorizzazione all uso del marchio collettivo 1. La domanda per l utilizzazione del marchio può essere presentata dal soggetto richiedente, in forma singola o associata, al Comitato di gestione utilizzando apposito modulo fornito da quest ultimo (Cfr. ALLEGATO 2 per il facsimile del modulo di domanda). Tale domanda contiene le seguenti informazioni: - dati identificativi del richiedente; - ambiti di utilizzazione del marchio; - soggetto referente. Per ottenere l uso del marchio le imprese devono inoltre dichiarare: - di essere iscritte al Registro delle imprese o di svolgere attività di impresa ai sensi della normativa vigente; - di svolgere attività di produzione, manipolazione, trasformazione o lavorazione dei prodotti o di gestione di servizi secondo quanto previsto dal relativo REGOLAMENTO di cui all art.6.6. ; - di volersi assoggettare ai controlli del comitato di gestione del marchio; - di non essere in stato di liquidazione, fallimento o concordato preventivo Al ricevimento della domanda il Comitato di gestione provvede all esame della documentazione per verificarne la completezza e la coerenza con i requisiti di cui al Capo III e il Capo IV. In caso di esito positivo il gestore lo comunica al richiedente entro il termine di 15 giorni. A seguito del rilascio, il Concessionario è autorizzato a utilizzare il marchio a titolo gratuito e a: a) contraddistinguere il Territorio e i prodotti oggetto della richiesta di Marchio; b) esibire o citare il Marchio per tutti gli scopi legali, promozionali e commerciali purché non inducano in errore il destinatario sul suo effettivo significato. L autorizzazione sancisce la concessione di una licenza a titolo gratuito per l uso del marchio. L autorizzazione emessa conserva la propria validità sino a quando si mantengano le condizioni che ne hanno consentito l emissione e qualora sia annuale si intende, fatti salvi gli adempimenti di natura commerciale, tacitamente rinnovata. 3. L uso del Marchio è strettamente riservato al concessionario e non è trasferibile. Pagina 8 di 22

9 CAPO IV - IL SISTEMA SANZIONATORIO Art. 8 Difformità ed inadempienze nell uso del marchio 1. Costituiscono difformità nell uso del marchio le violazioni degli obblighi previsti dall art. 2 che: a) non comportano effetti negativi sul territorio o sul prodotto; b) non hanno effetto sulle condizioni che hanno portato alla concessione; Sono considerate inadempienze nell uso del marchio le irregolarità e le infrazioni. Costituiscono irregolarità nell uso del marchio: a) la violazione delle modalità d uso del marchio indicate al Capo II del presente regolamento; b) la mancata attuazione delle azioni correttive formalizzate ai concessionari; c) ogni altra violazione degli obblighi previsti, sempre che le conseguenze di tale non rispetto non comportino effetti prolungati sul prodotto tali da modificare le caratteristiche del prodotto finito. Costituiscono infrazioni nell uso del marchio: a) la violazione reiterata degli obblighi di cui all art. 2; b) le violazioni agli obblighi che comportano effetti negativi e prolungati sul territorio senese e i suoi prodotti; c) la perdita dei requisiti che hanno portato alla concessione; d) la mancata attuazione delle richieste di azione correttiva aggravata dalla sospensione della concessione; e) la seconda sospensione della concessione entro un periodo di tre anni dalla prima; f) le false dichiarazioni nella domanda di concessione d uso del marchio; g) la falsa registrazione nelle documentazioni predisposte nell ambito delle attività di autocontrollo dei concessionari; h) l assunzione di comportamenti tesi ad un uso fraudolento del marchio medesimo. 2. Nel caso di difformità gravi e di inadempienze nell uso del marchio il comitato di gestione provvederà alla revoca dell utilizzo del Marchio. Art. 9 Conformemente a quanto stabilito dall art. 23 comma 3 del Codice dei Diritti di Proprietà Industriale, ogni utilizzazione del Marchio che violi le disposizioni del presente disciplinare in relazione alla durata, al modo di utilizzazione del marchio e alla natura dei prodotti/servizi contraddistinti dal marchio, oppure che avvenga successivamente alla Pagina 9 di 22

10 revoca di cui all art. 9 del presente Disciplinare, sarà passibile della legislazione civile e penale in materia di contraffazione di marchio. 1.Visite di sorveglianza. Art. 10 Controlli da parte del Comitato di gestione Il Gestore può effettuare forme di controllo e di sorveglianza, di norma con cadenza annuale, e comunque su basi concordate con il concessionario, al fine di verificare il mantenimento delle condizioni che hanno consentito di rilasciare l autorizzazione; 2. Rinuncia. Il concessionario può rinunciare all uso del Marchio: - in qualunque momento, con preavviso di almeno due mesi rispetto alla data prevista per il rinnovo alla scadenza annuale; - per sopravvenute sostanziali varianti al Disciplinare e/o dei documenti ad esso collegati, qualora non accetti le nuove condizioni da questi fissate. La rinuncia la Marchio comporta: - la cessazione d utilizzo del Marchio dalla data di comunicazione della rinuncia; - la comunicazione da parte del Cliente circa le giacenze degli oggetti marchiati; - l eliminazione di ogni riferimento al Marchio dai cataloghi, dall immagine e dalla pubblicità in generale. Art. 11 Comitato di Garanzia Il Comitato di garanzia, istituito dalla Giunta provinciale, vigila sull emanazione delle sanzioni e sulla correttezza dei controlli relativi all uso del marchio ed e costituito dai membri del Comitato di gestione del marchio e da uno o più rappresentanti dei concessionari. File:disciplinare giunta Pagina 10 di 22

11 ALLEGATO 1: DESCRIZIONE DEL SEGNO GRAFICO E DEL LOGOTIPO 1. Versione positiva colore Il Marchio/Logo Terre di Siena è l'elemento base del sistema di identità visiva. I colori istituzionali del Marchio/Logo sono il Nero Terre di Siena e l Ocra Terre di Siena. Questa versione si usa su fondo bianco o molto chiaro. Il Marchio/Logo non può essere mai modificato né utilizzato insieme ad altri elementi ad eccezione dei casi descritti in queste schede. La riproduzione del Marchio/Logo deve avvenire utilizzando il solo esecutivo elettronico. Copie riprodotte da altre fonti sono assolutamente da evitare. 2. Versione positiva colore Composizioni alternative Il Marchio/Logo Terre di Siena prevede nel sistema di identità visiva le seguenti composizioni alternative da utilizzare a secondo dell applicazione e degli spazi disponibili. La riproduzione delle composizioni alternative del Marchio/Logo deve avvenire utilizzando il solo esecutivo elettronico. Copie riprodotte da altre fonti sono assolutamente da evitare. Pagina 11 di 22

12 3. Versioni negative colore su fondo colore istituzionale Le versioni negative colore del Marchio/Logo devono essere adottate su fondo di colore istituzionale Ocra Terre di Siena oppure Nero Terre di Siena. 4. Versione negativa su fondo colore o fotografico La versione negativa del Marchio/Logo deve essere adottata su fondo colore ed in tutti i casi in cui non sia possibile utilizzare la versione positiva. Pagina 12 di 22

13 5. Versione positiva in bianco nero La versione positiva in bianco nero è utilizzata in tutti i casi in cui l unico colore di stampa sia il nero (ad esempio: stampa quotidiana, stampa laser o ink-jet in bianco nero) e non sia possibile adottare la versione colore. 6. Versione negativa in bianco nero La versione negativa in bianco nero è utilizzata in tutti i casi in cui l unico colore di stampa sia il nero (ad esempio: stampa quotidiana, stampa laser o ink-jet in bianco nero) e non sia possibile adottare la versione positiva in bianco nero o le versioni positiva e negativa colore. Pagina 13 di 22

14 7. Costruzione del Marchio/Logo Gli elementi che costituiscono Il Marchio/Logo Terre di Siena sono inseriti all interno di un rettangolo che, ripartito modularmente, genera una griglia (modulo quadrato X). La scansione modulare definisce la collocazione del Marchio/Logo. 8. Area di rispetto La leggibilità del Marchio/Logo Terre di Siena è maggiore se lo spazio che lo circonda è sufficientemente ampio. La tavola riporta lo spazio minimo da rispettare tra il Marchio/Logo ed eventuali altri elementi (testi, foto, illustrazioni). Questo spazio è da considerarsi minimo: pertanto, quando è possibile, deve essere aumentato. Pagina 14 di 22

15 9. Combinazione con altri marchi Quando il Marchio/Logo è accostato ad un altro Marchio, è necessario seguire alcuni criteri base di impaginazione. Il Marchio/Logo diventa contenitore per i marchi di altre istituzioni e sponsor. Va sempre considerata l area di rispetto minima. 10. Colori Istituzionali: Ocra Terre di Siena e Nero Terre di Siena Alla base dell identità visiva Terre di Siena, c è l utilizzo costante dei colori istituzionali: l Ocra Terre di Siena e il Nero Terre di Siena. Il Marchio/Logo Terre di Siena può essere riprodotto con i colori di quadricromia usati secondo le percentuali indicate. Quando il Marchio/Logo è riprodotto con processi diversi dalla stampa, è necessario convertire i colori nel codice cromatico equivalente. Nella tabella sono indicati i codici 3M (utilizzabili per la riproduzione a mezzo pellicole autoadesive) i codici RAL (utilizzabili per la stampa a mezzo vernici), i codici per il Web ed i corrispondenti valori RGB. Pagina 15 di 22

16 11. Caratteri Tipografici: Dax Questa famiglia di caratteri viene utilizzato su tutto il materiale di stampa e sulle diverse forme di comunicazione. È previsto l impiego nelle versioni: Dax Light, Dax Regular, Dax Medium e Dax Bold. Nel caso in cui non si disponga del carattere tipografico Dax, è previsto l'utilizzo del carattere alternativo Trebuchet (facilmente reperibile sia su sistemi Macintosh che Windows). Dax Light abcdefghijklmnopqrstuvwxyz ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ Dax Regular abcdefghijklmnopqrstuvwxyz ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ Dax Medium abcdefghijklmnopqrstuvwxyz ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ Dax Bold abcdefghijklmnopqrstuvwxyz ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ Pagina 16 di 22

17 12. Leggibilità Il Marchio/Logo è leggibile anche a dimensioni minime. Si consiglia comunque di non utilizzare mai una base inferiore alle dimensioni indicate. Pagina 17 di 22

18 ALLEGATO 2: FACSIMILE DOMANDA PER LA CONCESSIONE Il sottoscritto (cognome e nome).... in qualità di rappresentante legale dell impresa (denominazione):.natura giuridica:.. Sede legale:.. Codice fiscale/partita IVA:.. Telefono: fax: . Nome referente:.... richiede l assegnazione del marchio Terre di Siena per il prodotto/servizio.... rientrante nel gruppo merceologico..... Il sottoscritto a tal fine dichiara che:?? è a conoscenza delle norme nazionali e internazionali che regolano la concessione e l uso del marchio;?? di rispettare le norme previste dal DISCIPLINARE d'attuazione dell uso del marchio e dal REGOLAMENTO specifico per il prodotto/servizio per il quale si richiede la concessione;?? di assoggettarsi ai controlli del Comitato di gestione del Marchio;?? (nel caso di un prodotto) il prodotto in questione è ideato e/o progettato e/o fabbricato dall impresa richiedente presso lo/gli stabilimento/i (nome stabilimento/i) ubicato/i in (località).?? (nel caso di un servizio) il servizio in questione viene fornito presso il seguente luogo:.?? di utilizzare il marchio nei seguenti ambiti Allegati alla presente si trasmettono:?? tutta la documentazione indicata nel relativo disciplinare produttivo;?? certificato di iscrizione nel registro delle imprese attestante l assetto societario alla data della domanda;?? dichiarazione attestante che l impresa non è in stato di liquidazione, fallimento o concordato preventivo. Luogo e data In fede (firma del rappresentante legale) Pagina 18 di 22

19 ALLEGATO 3 ELENCO DEI PRODOTTI, MERCI E SERVIZI PER I QUALI E STATO REGISTRATO IL MARCHIO INDIVIDUALE TERRE DI SIENA (sia quello italiano che è già stato registrato che quello comunitario in corso di registrazione) PRODOTTI: 1. - Prodotti chimici destinati all industria, alle scienze e fotografia, come pure all agricoltura, all orticoltura e alla silvicoltura; resine artificiali non trattate, materie plastiche non trattate; concimi per i terreni; composizioni per estinguere il fuoco; preparati per la tempera e la saldatura dei metalli; sostanze chimiche destinate a conservare gli alimenti; materie concianti; adesivi destinati all industria Colori, vernici, lacche; prodotti preservanti dalla ruggine e dal deterioramento del legno; materie tintorie; mordenti; resine naturali allo stato grezzo; metalli in fogli ed in polvere per pittori, decoratori, tipografi ed artisti Preparati per la sbianca ed altre sostanze per il bucato; preparati per pulire, lucidare, sgrassare e abradere; saponi; profumeria, olii essenziali, cosmetici, lozioni per capelli; dentifrici Olii e grassi industriali; lubrificanti; composizioni per assorbire, bagnare e legare la polvere; combustibili (comprese le benzine per motori) e materie illuminanti; candele e stoppini per l illuminazione Preparati farmaceutici e veterinari; preparati igienici per usi medicali; sostanze dietetiche adatte per uso medico, alimenti per neonati; impiastri, materiale per fasciature; materie per otturare i denti, cere dentarie; disinfettanti; preparati per distruggere gli animali nocivi; fungicidi, erbicidi Metalli comuni e loro leghe; materiali da costruzione metallici; costruzioni trasportabili metalliche; materiali metallici per binari ferroviari; cavi e fili metallici non elettrici di metallo comune; serrami, chincaglieria metallica; tubi e tubazioni metalliche; casseforti; beni di comune metallo non compresi in altre classi; minerali Macchine e macchine-utensili; motori (eccetto quelli per veicoli terrestri); giunti e componenti per organi di trasmissione (eccetto quelli per veicoli terrestri); strumenti agricoli diversi da quelli azionati manualmente; incubatrici per uova Utensili e strumenti manuali; articoli di coltelleria, forchette e cucchiai; armi bianche; rasoi Apparecchi e strumenti scientifici, nautici, geodetici, fotografici, cinematografici, ottici, di pesata, di misura, di segnalazione, di controllo (ispezione), di soccorso (salvataggio) e d insegnamento; apparecchi per la conduzione, la distribuzione, la Pagina 19 di 22

20 trasformazione, l accumulazione, la regolazione o il comando della elettricità; apparecchi per la registrazione, la trasmissione o la riproduzione di suono o di immagini; supporti magnetici per dati, dischi acustici; distributori automatici e meccanismi per apparecchi azionati a gettone; registratori di cassa, macchine calcolatrici, attrezzature e computer per il trattamento di dati ; estintori Apparecchi e strumenti chirurgici, medici, dentari e veterinari, membra, occhi e denti artificiali; articoli ortopedici; materiale di sutura Apparecchi di illuminazione, di riscaldamento, di produzione di vapore, di cottura, di refrigerazione, di essiccamento, di ventilazione, di distribuzione d acqua e impianti sanitari Veicoli; apparecchi di locomozione terrestri, aerei o nautici Armi da fuoco; munizioni e proiettili; esplosivi; fuochi d artificio Metalli preziosi e loro leghe e prodotti in metalli preziosi o con essi rivestiti, non compresi in altre classi; gioielleria, pietre preziose; orologeria e strumenti cronometrici Strumenti musicali Carta, cartone e prodotti in queste materie, non compresi in altre classi; stampati; articoli per legatoria; fotografie; cartoleria; adesivi per la cartoleria o per uso domestico; materiale per artisti, pennelli; macchine da scrivere ed articoli per ufficio (esclusi i mobili); materiale per l istruzione e l insegnamento (tranne gli apparecchi); materie plastiche per l imballaggio (non comprese in altre classi); caratteri tipografici; clichès Caucciù, guttaperca, gomma, amianto, mica e prodotti in tali materie non compresi in altre classi; materie plastiche in forma estrusa per uso nella produzione; materie per turare, stoppare e isolare; tubi flessibili non metallici Cuoio e sue imitazioni, e articoli in queste materie e non compresi in altre classi; pelli di animali; bauli e valigie; ombrelli, ombrelloni e bastoni da passeggio; fruste e finimenti, articoli di selleria Materiali da costruzione (non metallici); tubazioni rigide non metalliche da costruzione; asfalto, pece e bitume; costruzioni trasportabili non metalliche; monumenti, non metallici Mobili, specchi, cornici; prodotti, (non compresi in altre classi), in legno, sughero, canna, giunco, vimini, corno, osso, avorio, balena, tartaruga, ambra, madreperla, spuma di mare e succedanei di tutte queste materie, o in materie plastiche Utensili e recipienti per il governo della casa o la cucina (non in metalli preziosi, né con essi rivestiti ); pettini e spugne; spazzole e pennelli (ad eccezione dei pennelli da pittura); materiali per la fabbricazione di spazzole; articoli per pulire; paglia di ferro; vetro grezzo o semilavorato (tranne il vetro da costruzione); vetreria, porcellana e maiolica non comprese in altre classi. Pagina 20 di 22

21 22. - Corde, spaghi, reti, tende, teloni, vele, sacchi (non compresi in altre classi); materiale d imbottitura e riempimento (tranne il caucciù o materie plastiche); materiali tessili in fibre grezze Fili e filati per uso tessile Tessuti e prodotti tessili non compresi in altre classi; coperture da letto e da tavola Articoli di abbigliamento, scarpe, cappelleria Merletti, pizzi e ricami, nastri e lacci; bottoni, ganci e occhielli, spille ed aghi; fiori artificiali Tappeti, zerbini, stuoie e materiali per tappeti, linoleum ed altri materiali per coprire pavimenti; tappezzerie da pareti (non tessili) Giochi, giocattoli; articoli per la ginnastica e lo sport non compresi in altre classi; decorazioni per alberi di Natale; Carne, pesce, pollame e selvaggina; estratti di carne; frutta e ortaggi conservati, essiccati e cotti; gelatine, marmellate, composte; uova, latte e prodotti derivati dal latte; olii e grassi commestibili Caffè, tè, cacao, zucchero, riso, tapioca, sago, succedanei del caffè; farine e preparati fatti di cereali, pane, pasticceria e confetteria, gelati; miele, sciroppo di melassa; lievito, polvere per fare lievitare; sale, senape; aceto, salse (condimenti); spezie; ghiaccio Prodotti agricoli, orticoli, forestali e granaglie, non compresi in altre classi; animali vivi; frutta e ortaggi freschi; sementi, piante e fiori naturali; alimenti per gli animali, malto Birre; acque minerali e gassose ed altre bevande analcoliche; bevande di frutta e succhi di frutta; sciroppi ed altri preparati per fare bevande Bevande alcoliche (tranne le birre) Tabacco; articoli per fumatori; fiammiferi. SERVIZI: Pubblicità; gestione di affari commerciali; amministrazione commerciale; lavori di ufficio Assicurazioni; affari finanziari; affari monetari; affari immobiliari. 37. Costruzioni edili; riparazione; servizi d installazione Telecomunicazioni Trasporto; imballaggio e deposito di merci; organizzazione di viaggi Trattamento di materiali Educazione; formazione; svago; attività sportive e culturali. Pagina 21 di 22

22 42. - Servizi scientifici e tecnologici e servizi di ricerca e progettazione ad essi relativi; servizi di analisi e ricerche industriali; progettazione e sviluppo di hardware e software per computer; servizi legali. 43. Servizi di ristorazione (alimentazione); alloggi temporanei Servizi medici; servizi veterinari; cure d igiene e di bellezza per persone ed animali; servizi per l agricoltura, l orticultura e la silvicoltura Servizi personali e sociali, resi da terzi, per il soddisfacimento di bisogni personali; servizi di sicurezza per la protezione di beni e di persone. ************** Pagina 22 di 22

Classificazione di Nizza - Decima edizione (PRODOTTI: classi 1-34; SERVIZI: classi 35-45)

Classificazione di Nizza - Decima edizione (PRODOTTI: classi 1-34; SERVIZI: classi 35-45) PRODOTTI Classificazione di Nizza - Decima edizione (PRODOTTI: classi 1-34; SERVIZI: classi 35-45) 1. - Prodotti chimici destinati all'industria, alle scienze e fotografia, come anche all'agricoltura,

Dettagli

Classe N. 2 Prodotti

Classe N. 2 Prodotti CLASSIFICAZIONE DI NIZZA Classe N. 1 Prodotti - Prodotti chimici destinati all'industria, alle scienze e fotografia, come anche all'agricoltura, all'orticoltura e alla silvicoltura; - resine artificiali

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DI NIZZA

CLASSIFICAZIONE DI NIZZA CLASSIFICAZIONE DI NIZZA Classe N. 1 Prodotti - Prodotti chimici destinati all'industria, alle scienze e fotografia, come anche all'agricoltura, all'orticoltura e alla silvicoltura; - resine artificiali

Dettagli

Classificazione Internazionale di Nizza 10 a edizione Aggiornata al 20 maggio 2014

Classificazione Internazionale di Nizza 10 a edizione Aggiornata al 20 maggio 2014 Classificazione Internazionale di Nizza 10 a edizione Aggiornata al 20 maggio 2014 Questa classificazione aiuta nell individuazione delle classi di prodotti e servizi in cui proteggere il marchio di Vostro

Dettagli

Classificazione di Nizza (10 ^ Edizione) (con le modifiche in vigore dal 20 Maggio 2014)

Classificazione di Nizza (10 ^ Edizione) (con le modifiche in vigore dal 20 Maggio 2014) PRODOTTI Classificazione di Nizza (10 ^ Edizione) (con le modifiche in vigore dal 20 Maggio 2014) T I T O L A Z I O N I D E L L E C L A S S I D I P R O D O T T I E D I S E R V I Z I Classe 1: Prodotti

Dettagli

Classificazione di Nizza

Classificazione di Nizza Classificazione di Nizza Nona edizione CLASSIFICAZIONE DEI GENERI DI PRODOTTI, MERCI E SERVIZI PER LA REGISTRAZIONE O RINNOVO DI MARCHI DI FABBRICA O DI SERVIZIO O S S E R V A Z I O N I G E N E R A L I

Dettagli

Classificazione di Nizza 9 edizione

Classificazione di Nizza 9 edizione +39.06.97602592 Classificazione di Nizza 9 edizione Classificazione Internazionale di prodotti e servizi per la registrazione del marchio di impresa A cosa Serve? Al momento di depositare una domanda di

Dettagli

Classificazione di Nizza

Classificazione di Nizza Classificazione di Nizza Ottava edizione CLASSIFICAZIONE DEI GENERI DI PRODOTTI, MERCI E SERVIZI PER LA REGISTRAZIONE O RINNOVO DI MARCHI DI FABBRICA O DI SERVIZIO Classificazione di Nizza (Ottava edizione)

Dettagli

MARCHI E BRAND: COME IMPOSTARE UNA CORRETTA STRATEGIA DI TUTELA DELL IMMAGINE DELL IMPRESA

MARCHI E BRAND: COME IMPOSTARE UNA CORRETTA STRATEGIA DI TUTELA DELL IMMAGINE DELL IMPRESA MARCHI E BRAND: COME IMPOSTARE UNA CORRETTA STRATEGIA DI TUTELA DELL IMMAGINE DELL IMPRESA MARCHIO = DIFFERENZA MARCHIO = MEMORIA DEL PRODOTTO O DEL SERVIZIO 2 MARCHIO SEGNO DI APPARTENENZA GARANZIA DI

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DI NIZZA 10a EDIZIONE

CLASSIFICAZIONE DI NIZZA 10a EDIZIONE CLASSIFICAZIONE DI NIZZA 10a EDIZIONE Classificazione Internazionale di Nizza dei Prodotti e Servizi per la registrazione del marchio di impresa A cosa Serve? Al momento di depositare una domanda di marchio

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COMUNITARIO FORESTA ITALIANA CERTIFICATA CANSIGLIO BOSCO DA REME DI SAN MARCO. Articolo 1

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COMUNITARIO FORESTA ITALIANA CERTIFICATA CANSIGLIO BOSCO DA REME DI SAN MARCO. Articolo 1 REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COMUNITARIO FORESTA ITALIANA CERTIFICATA CANSIGLIO BOSCO DA REME DI SAN MARCO Articolo 1 (Denominazione) L Azienda Regionale Veneto Agricoltura è titolare del marchio comunitario

Dettagli

Guida al deposito Domanda di Marchio d Impresa

Guida al deposito Domanda di Marchio d Impresa Guida al deposito Domanda di Marchio d Impresa Ufficio Brevetti e Marchi Deposito: dal lunedì al venerdì ore 9,00-12,00 Centro Regionale Pat-Lib LISTA DELLE CLASSI DI PRODOTTI E DI SERVIZI Ogni primo deposito

Dettagli

FAX 06 47887779 ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI UNA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI MARCHIO D IMPRESA (C)

FAX 06 47887779 ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI UNA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI MARCHIO D IMPRESA (C) MINISTERO DELL0 SVILUPPO ECONOMICO DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI 00187 ROMA- VIA MOLISE N

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO ITALIALLEVA

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO ITALIALLEVA REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO ITALIALLEVA INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE pag. 3 2. TERMINI E DEFINIZIONI pag. 3 3. IL MARCHIO pag. 3 4. REGISTRAZIONE DEL MARCHIO pag. 8 5. FINALITÀ pag. 9 6. IL

Dettagli

CONTRATTO DI LICENZA D USO DI MARCHIO

CONTRATTO DI LICENZA D USO DI MARCHIO CONTRATTO DI LICENZA D USO DI MARCHIO Con il presente accordo (in seguito Contratto ) tra Il Comune di Premana, con sede Premana (LC), via.. in persona del rappresentante legale pro tempore Dr. ( in seguito

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL USO E PER L USO DEL MARCHIO L AQUILA MADE IN. ARTICOLO 1 Finalità e principi fondamentali

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL USO E PER L USO DEL MARCHIO L AQUILA MADE IN. ARTICOLO 1 Finalità e principi fondamentali CAPITOLO I Finalità REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL USO E PER L USO DEL MARCHIO L AQUILA MADE IN ARTICOLO 1 Finalità e principi fondamentali 1. Il marchio è costituito dalla scritta L Aquila Made in e dal

Dettagli

A cura del Settore Proprietà Industriale-Centro Patlib della Camera di Commercio di Torino Via S. Francesco da Paola 24, 10123 Torino Tel.

A cura del Settore Proprietà Industriale-Centro Patlib della Camera di Commercio di Torino Via S. Francesco da Paola 24, 10123 Torino Tel. Guida al deposito di un marchio A cura del Settore Proprietà Industriale-Centro Patlib della Camera di Commercio di Torino Via S. Francesco da Paola 24, 10123 Torino Tel. 0115716932/4/8/9/96 e-mail:brevetti.marchi@to.camcom.it

Dettagli

ORARIO DI DEPOSITO: dal lunedì al venerdì - dalle ore 09.00 alle ore 12.00

ORARIO DI DEPOSITO: dal lunedì al venerdì - dalle ore 09.00 alle ore 12.00 ORARIO DI DEPOSITO: dal lunedì al venerdì - dalle ore 09.00 alle ore 12.00 - Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEI PRODOTTI E DEI SERVIZI AI FINI DELLA REGISTRAZIONE

Dettagli

Regolamento per la concessione dell'uso del Marchio del Parco Regionale dell Adda Sud

Regolamento per la concessione dell'uso del Marchio del Parco Regionale dell Adda Sud Regolamento per la concessione dell'uso del Marchio del Parco Regionale dell Adda Sud (Approvato dal Consiglio di Gestione con Delibera n. 37 del 12/06/2015) Premessa Il Parco Regionale dell Adda Sud,

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO REGIONALE QM QUALITÀ GARANTITA DALLE MARCHE

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO REGIONALE QM QUALITÀ GARANTITA DALLE MARCHE REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO REGIONALE QM QUALITÀ GARANTITA DALLE MARCHE INDICE CAPITOLO I GENERALITÀ... 4 I.1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 I.2. RIFERIMENTI... 4 I.2.1 RIFERIMENTI LEGISLATIVI...

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEI PRODOTTI E DEI SERVIZI

CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEI PRODOTTI E DEI SERVIZI CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEI PRODOTTI E DEI SERVIZI AI FINI DELLA REGISTRAZIONE DEI MARCHI (CLASSIFICAZIONE DI NIZZA) DECIMA EDIZIONE PARTE II TITOLI DELLE CLASSI E NOTE ESPLICATIVE O R G A N I Z

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEI PRODOTTI E DEI SERVIZI

CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEI PRODOTTI E DEI SERVIZI CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEI PRODOTTI E DEI SERVIZI AI FINI DELLA REGISTRAZIONE DEI MARCHI (CLASSIFICAZIONE DI NIZZA) DECIMA EDIZIONE PARTE II TITOLI DELLE CLASSI E NOTE ESPLICATIVE O R G A N I Z

Dettagli

ATTENZIONE. Nella domanda vanno inseriti i numeri identificativi delle CLASSI dei prodotti e/servizi per le quali si chiede la registrazione.

ATTENZIONE. Nella domanda vanno inseriti i numeri identificativi delle CLASSI dei prodotti e/servizi per le quali si chiede la registrazione. CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEI PRODOTTI E DEI SERVIZI AI FINI DELLA REGISTRAZIONE DEI MARCHI ATTENZIONE Nella domanda vanno inseriti i numeri identificativi delle CLASSI dei prodotti e/servizi per

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI DIVISIONE XIII MARCHI

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI DIVISIONE XIII MARCHI Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI DIVISIONE XIII MARCHI INFORMAZIONI GENERALI PER IL DEPOSITO DI UNA DOMANDA DI REGISTRAZIONE

Dettagli

Allegato L 6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI OGGETTI D'ARTE, DI CULTO E DI DECORAZIONE, CHINCAGLIERIA E BIGIOTTERIA

Allegato L 6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI OGGETTI D'ARTE, DI CULTO E DI DECORAZIONE, CHINCAGLIERIA E BIGIOTTERIA Settori del commercio (Sezione G), secondo la classificazione delle attività ATECO 2002, ammessi alle agevolazioni ai sensi della normativa comunitaria. G 50 10 G 50 30 G 50 50 G 51 12 0 COMMERCIO DI AUTOVEICOLI

Dettagli

Guida registrazione marchio Uffici Brevetti Camere di commercio dell Emilia-Romagna

Guida registrazione marchio Uffici Brevetti Camere di commercio dell Emilia-Romagna Guida registrazione marchio Uffici Brevetti Camere di commercio dell Emilia-Romagna Redatto dal Gruppo Network Brevetti e Marchi di Unioncamere E.R. 1 Ultimo aggiornamento giugno 2013* * N.B.:la presente

Dettagli

LISTA DELLE CLASSI DI PRODOTTI E SERVIZI CON NOTE ESPLICATIVE

LISTA DELLE CLASSI DI PRODOTTI E SERVIZI CON NOTE ESPLICATIVE LISTA DELLE CLASSI DI PRODOTTI E SERVIZI CON NOTE ESPLICATIVE 7 CLASSIFICAZIONE DI NIZZA Osservazioni generali Le indicazioni di prodotti o di servizi che figurano nella lista delle classi costituiscono

Dettagli

Traduzione 1. (Stato 8 aprile 2003)

Traduzione 1. (Stato 8 aprile 2003) Traduzione 1 0.232.112.8 Accordo di Nizza sulla classificazione internazionale dei prodotti e dei servizi ai quali si applicano i marchi di fabbrica o di commercio riveduto a Stoccolma il 14 luglio 1967

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE COMMERCIALI (L.R. 13/00, art. 4, comma 3-ter)

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE COMMERCIALI (L.R. 13/00, art. 4, comma 3-ter) G BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE COMMERCIALI ALLEGATO B CODICI ATECO AMMISSIBILI PER IL BANDO 2008 COMMERCIO ALL INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI, MOTOCICLI E DI

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO delle domande di registrazione nazionale di

GUIDA AL DEPOSITO delle domande di registrazione nazionale di Ufficio Marchi e Brevetti GUIDA AL DEPOSITO delle domande di registrazione nazionale di MARCHIO (MODULO C) Il deposito di domande di registrazione di marchio d impresa ed eventuali istanze di modificazione

Dettagli

COMUNE DI PEDAVENA Provincia di Belluno

COMUNE DI PEDAVENA Provincia di Belluno COMUNE DI PEDAVENA Provincia di Belluno REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELL USO DELLA PROPRIA DENOMINAZIONE BIRRA DELLE DOLOMITI Approvato con delibera consiliare n. 32 del 02/10/2006 ART. 1 - SCOPO Ai sensi

Dettagli

MARCHIO COLLETTIVO madeincolours REGOLAMENTO D USO

MARCHIO COLLETTIVO madeincolours REGOLAMENTO D USO MARCHIO COLLETTIVO madeincolours REGOLAMENTO D USO Articolo 1 - Titolarità e finalità del marchio 1. MADEINCOLOURS srl è titolare del marchio collettivo denominato madeincolours (il MARCHIO). 2. Mediante

Dettagli

Programma di incentivi per la valorizzazione economica di disegni e modelli industriali

Programma di incentivi per la valorizzazione economica di disegni e modelli industriali Programma di incentivi per la valorizzazione economica di disegni e modelli industriali IL PROGRAMMA Il programma di Incentivi per il design (Disegni+) è uno strumento che il Ministero dello Sviluppo Economico,

Dettagli

Manuale di identità visiva Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Pavia

Manuale di identità visiva Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Pavia Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Pavia Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Pavia Manuale di identità visiva Questo documento contiene tutte le caratteristiche

Dettagli

0.232.112.8. Traduzione 1. (Stato 16 giugno 2008)

0.232.112.8. Traduzione 1. (Stato 16 giugno 2008) Traduzione 1 0.232.112.8 Accordo di Nizza sulla classificazione internazionale dei prodotti e dei servizi ai quali si applicano i marchi di fabbrica o di commercio riveduto a Stoccolma il 14 luglio 1967

Dettagli

ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO

ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO VIA PIO VII, 9-10135 TORINO REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLE ATTIVITA TURISTICHE SVOLTE DA TERZI PRESSO L ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO (approvato con deliberazione

Dettagli

UFFICIO BREVETTI E MARCHI http://www.ro.camcom.it (Tel. 0425/426540 o 426429 - Fax 0425/426541 Email: brevetti@ro.camcom.it)

UFFICIO BREVETTI E MARCHI http://www.ro.camcom.it (Tel. 0425/426540 o 426429 - Fax 0425/426541 Email: brevetti@ro.camcom.it) UFFICIO BREVETTI E MARCHI http://www.ro.camcom.it (Tel. 0425/426540 o 426429 - Fax 0425/426541 Email: brevetti@ro.camcom.it) ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDE DI BREVETTO PER MARCHIO DI IMPRESA Normativa

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI DIVISIONE XIII MARCHI

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI DIVISIONE XIII MARCHI Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI DIVISIONE XIII MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE

Dettagli

CITTÀ DI CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI RISERVATA AGLI IMPRENDITORI AGRICOLI

CITTÀ DI CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI RISERVATA AGLI IMPRENDITORI AGRICOLI CITTÀ DI CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI RISERVATA AGLI IMPRENDITORI AGRICOLI Approvato con Deliberazione di C.C. n. 25 del 27/04/2016 REGOLAMENTO

Dettagli

programma di incentivi per la valorizzazione economica di disegni e modelli industriali

programma di incentivi per la valorizzazione economica di disegni e modelli industriali programma di incentivi per la valorizzazione economica di disegni e modelli industriali DI COSA SI TRATTA Il programma di incentivi per il design è uno strumento che il Ministero dello Sviluppo Economico,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI DIVISIONE XIII MARCHI

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI DIVISIONE XIII MARCHI Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI DIVISIONE XIII MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) SETTEMBRE 2014

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) SETTEMBRE 2014 COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizio Cittadino e Pari Opportunità U.O. Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) DICEMBRE 2014

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) DICEMBRE 2014 COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizio Cittadino e Pari Opportunità U.O. Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli

ALLEGATO 2 SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU)

ALLEGATO 2 SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU) ALLEGATO 2 SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU) 1. MATERIALI SPECIALI METALLURGICI 2. MICRO E NANOTECNOLOGIE 3. MECCANICA AVANZATA 4. MECCATRONICA Le tabelle seguenti

Dettagli

Linee guida per l utilizzo del marchio «Vigolana»

Linee guida per l utilizzo del marchio «Vigolana» Consorzio Turistico Vigolana Linee guida per l utilizzo del marchio «Vigolana» Vattaro, settembre 2012 Il marchio: cos è? E un segno distintivo che permette di distinguere i prodotti o i servizi prodotti

Dettagli

SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU)

SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU) 164 Supplemento ordinario n. 3 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 43 del 24 settembre 08 SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU) Allegato 2 1. MATERIALI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DEL MARCHIO MADE IN PROVINCIA DI BRESCIA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DEL MARCHIO MADE IN PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DEL MARCHIO MADE IN PROVINCIA DI BRESCIA Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 20 RV del 30 maggio 2011 1 - EPIGRAFE - Premessa Art. 1 - Istituzione

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC)

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizi al cittadino e Pari Opportunità Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC)

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizio Cittadino U.O. Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel. 0523.492591 Fax

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC)

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizi al cittadino e Pari Opportunità Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli

REGOLAMENTO D'USO DEL MARCHIO COLLETTIVO "QUALITÀ TRENTINO" Articolo 1 Oggetto

REGOLAMENTO D'USO DEL MARCHIO COLLETTIVO QUALITÀ TRENTINO Articolo 1 Oggetto 1 REGOLAMENTO D'USO DEL MARCHIO COLLETTIVO "QUALITÀ TRENTINO" Articolo 1 Oggetto 1.1 Il presente regolamento definisce le condizioni generali per la concessione dell uso del marchio collettivo denominato

Dettagli

Paniere dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale - Anno 2008 coefficienti di ponderazione - base dicembre 2007 = 100

Paniere dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale - Anno 2008 coefficienti di ponderazione - base dicembre 2007 = 100 Riso 1.064 Pane 13.504 Pasta 5.808 Cereali e farine 590 Pasticceria 4.905 Biscotti dolci 2.742 Biscotti salati 1.709 Alimenti dietetici 374 Altri cereali e piatti pronti 2.505 Carne bovina fresca 18.572

Dettagli

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico Servizi Statistici INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico Servizi Statistici INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico Servizi Statistici Corso del Popolo 30 05100 Terni Tel +39 0744.549.742-3-5 statistica@comune.tr.it INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. l art. 184, comma 3 del D.Lgs. 152/2006 stabilisce la catalogazione dei rifiuti speciali;

LA GIUNTA COMUNALE. l art. 184, comma 3 del D.Lgs. 152/2006 stabilisce la catalogazione dei rifiuti speciali; P.D. 160 del 14.3.2011 Delibera n. 119 seduta del 31.3.2011 Oggetto: Definizione dei criteri di assimilazione ai rifiuti urbani dei rifiuti speciali come previsto dall art. 9 del Regolamento per la gestione

Dettagli

Per le attività di agente o rappresentante di commercio è necessario il possesso dei seguenti requisiti:

Per le attività di agente o rappresentante di commercio è necessario il possesso dei seguenti requisiti: Definizione L'attività di agente di commercio si intende esercitata da chiunque venga stabilmente incaricato da una o più imprese di promuovere la conclusione di contratti in una o più zone determinate.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO (modificato dall Assemblea dell Associazione R.E TE. Imprese Italia il 15 giugno 2011) Art. 1 OGGETTO E FINALITÀ Il presente regolamento disciplina l utilizzo del

Dettagli

Manuale d identità visiva

Manuale d identità visiva Manuale d identità visiva Elementi Base 14 ottobre 2010 Versione 1.0 01 Marchio/Logo. Versione A 02 Marchio/Logo. Versione B 03 Marchio/Logo. Versione C orizzontale 04 Marchio/Logo. Versione C verticale

Dettagli

Lista delle classi, con note esplicative (9ª edizione). PRODOTTI

Lista delle classi, con note esplicative (9ª edizione). PRODOTTI Lista delle classi, con note esplicative (9ª edizione). PRODOTTI Classe 1 Prodotti chimici destinati all'industria, alle scienze, alla fotografia, all'agricoltura, all'orticoltura e alla silvicoltura;

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI Premessa Allegato a) Come noto, in base alla disciplina di settore, i rifiuti vengono classificati urbani se prodotti dalle utenze domestiche

Dettagli

Lista delle classi, con note esplicative (8ª edizione). PRODOTTI

Lista delle classi, con note esplicative (8ª edizione). PRODOTTI CLASSE 1 Prodotti chimici destinati all'industria, alle scienze, alla fotografia, all'agricoltura, all'orticoltura e alla silvicoltura; resine artificiali allo stato grezzo, materie plastiche allo stato

Dettagli

Classificazione delle attività economiche ammesse Riduzione Accisa da Legge 24 novembre 2006, n. 286

Classificazione delle attività economiche ammesse Riduzione Accisa da Legge 24 novembre 2006, n. 286 Classificazione delle attività economiche ammesse Riduzione Accisa da Legge 24 novembre 2006, n. 286 G - COMMERCIO ALL'INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI, MOTOCICLI E DI BENI PERSONALI

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Castro La Perla del Salento

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Castro La Perla del Salento Comune di Castro Provincia di Lecce REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Castro La Perla del Salento (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.45 del 30.10.2013) Sommario Art. 1 Titolarità, denominazione

Dettagli

Classificazione di Nizza (9ª edizione)

Classificazione di Nizza (9ª edizione) Classificazione di Nizza (9ª edizione) CLASSE 1 Prodotti chimici destinati all'industria, alle scienze, alla fotografia, all'agricoltura, all'orticoltura e alla silvicoltura; resine artificiali allo stato

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI (Legge regionale 13 maggio 2009, n. 11 - art. 13, comma 2, lettera d) ALLEGATO P8 Idecom Srl Via Innsbruck, 33 39100 Bolzano OIKOS Progetti

Dettagli

Lista delle classi, con note esplicative (9ª edizione)

Lista delle classi, con note esplicative (9ª edizione) CLASSE 1 Prodotti chimici destinati all'industria, alle scienze, alla fotografia, all'agricoltura, all'orticoltura e alla silvicoltura; resine artificiali allo stato grezzo, materie plastiche allo stato

Dettagli

ALLEGATO I SERIE DI DATI

ALLEGATO I SERIE DI DATI ALLEGATO I SERIE DI DATI 1. SETTORE DEI SERVIZI Tabella riepilogativa Codice delle serie 1A 1B 1C 1D 1E 1P Denominazione Statistiche annuali sulle imprese Settore dei servizi Statistiche annuali sulle

Dettagli

Agevolazioni per le imprese industriali e di servizi

Agevolazioni per le imprese industriali e di servizi Agevolazioni per le imprese industriali e di servizi A chi si rivolge? Possono presentare istanza le micro, piccole o medie imprese, indicate nell allegato A riportato in calce, già iscritte nel registro

Dettagli

COMUNE DI ROMA ASSESSORATO POLITICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E DI BILANCIO, DELL INDUSTRIA E INNOVAZIONE TECNOLOGICA

COMUNE DI ROMA ASSESSORATO POLITICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E DI BILANCIO, DELL INDUSTRIA E INNOVAZIONE TECNOLOGICA DIPAR DIPARTIMENTO XV VI U.O. - Statistica e Censimento Servizio Prezzi COMUNE DI ROMA ASSESSORATO POLITICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E DI BILANCIO, DELL INDUSTRIA E INNOVAZIONE TECNOLOGICA DIPARTIMENTO

Dettagli

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico Servizi Statistici INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico Servizi Statistici INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico Servizi Statistici Corso del Popolo 30 05100 Terni Tel +39 0744.549.742-3-5 statistica@comune.tr.it INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE

Dettagli

DISCIPLINARE DI USO MARCHIO HABITECH Allegato A

DISCIPLINARE DI USO MARCHIO HABITECH Allegato A DISCIPLINARE DI USO MARCHIO HABITECH Allegato A DISCIPLINARE D USO MARCHIO "HABITECH Art. 1 - OGGETTO Il presente Disciplinare definisce le condizioni e le modalità di utilizzo del marchio HABITECH, qui

Dettagli

Regolamento e Manuale d uso del marchio Terre di Siena delle sue declinazioni e dell immagine coordinata

Regolamento e Manuale d uso del marchio Terre di Siena delle sue declinazioni e dell immagine coordinata Regolamento e Manuale d uso del marchio delle sue declinazioni e dell immagine coordinata Regole di utilizzo del marchio/logo 1. Il Marchio/Logo logo Il marchio/logo nella sua versione positiva colore

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA REGOLAMENTO COMUNALE DELLE SAGRE E DELLE ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN FORMA TEMPORANEA (ai sensi dell art.

Dettagli

INDICE CAPO I SEZIONI REGOLAMENTARI SEZIONE I: IL MERCATO CARATTERISTICHE DEL MERCATO. Articolo 1 Il mercato di Natale

INDICE CAPO I SEZIONI REGOLAMENTARI SEZIONE I: IL MERCATO CARATTERISTICHE DEL MERCATO. Articolo 1 Il mercato di Natale INDICE CAPO I SEZIONI REGOLAMENTARI SEZIONE I: IL MERCATO CARATTERISTICHE DEL MERCATO Articolo 1 Il mercato di Natale Articolo 2 Orari di mercato e giornate di apertura Articolo 3 Domanda di partecipazione

Dettagli

Codici ATECO AGRICOLTURA - SILVICOLTURA - PESCA COLTIVAZIONI AGRICOLE - PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI CACCIA E SERVIZI CONNESSI

Codici ATECO AGRICOLTURA - SILVICOLTURA - PESCA COLTIVAZIONI AGRICOLE - PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI CACCIA E SERVIZI CONNESSI Codici ATECO AGRICOLTURA - SILVICOLTURA - PESCA COLTIVAZIONI AGRICOLE - PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI CACCIA E SERVIZI CONNESSI Tipo D.I.A. 01. 11. 10 Coltivazione di cereali (escluso il riso) 01. 11.

Dettagli

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Rischio BASSO (Datore di lavoro R.S.P.P. 16 ore - Formazione per i Dipendenti 4 ore modulo generale + 4 ore modulo

Dettagli

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 25 Ottobre 2006 Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 L Istat rende disponibili le serie storiche degli investimenti per branca proprietaria

Dettagli

DISCIPLINARE D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO PATATA FELIX

DISCIPLINARE D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO PATATA FELIX DISCIPLINARE D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO PATATA FELIX PREMESSA La Regione Campania ispira la propria azione, in materia ambientale e in materia di tutela della sicurezza alimentare, ai principi di precauzione,

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

COMUNE DI SASSARI Settore Organizzazione e Gestione Risorse Umane

COMUNE DI SASSARI Settore Organizzazione e Gestione Risorse Umane COMUNE DI SASSARI Settore Organizzazione e Gestione Risorse Umane ALLEGATO A Elenco delle classi di appartenenza ammissibili, estratto dalla classificazione delle attività economiche ATECO 2007. N.B.:

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 Forme speciali di vendita al dettaglio COMMERCIO ELETTRONICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) Al Comune di BUSALLA Ai sensi del D.Lgs. 59/2010 (art.

Dettagli

Provincia di Taranto REGOLAMENTO D USO PER LA CONCESSIONE DEL MARCHIO

Provincia di Taranto REGOLAMENTO D USO PER LA CONCESSIONE DEL MARCHIO Provincia di Taranto REGOLAMENTO D USO PER LA CONCESSIONE DEL MARCHIO Indice del regolamento d uso ARTICOLO 1, Istituzione del Marchio - Finalità ed obiettivi... pagina 2 ARTICOLO 2, Prodotti e servizi

Dettagli

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP G.QUATTRO SERVIZI S.R.L. via San Rocco, 7 35028 Piove di Sacco (PD) C.F e P.IVA 0348078 02 81 N R.E.A. PD 315121 www.gquattroservizi.it Tel. 049970 127 3 Fax 049 97 117 28 E-mail: info@gquattroservizi.it

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO GREEN HEART QUALITY

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO GREEN HEART QUALITY REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO REVISIONE DESCRIZIONE MODIFICHE 0 Prima emissione 1 Revisione del 18/03/2013 1 1 Oggetto della Revisione: Integrazione all art. 5: ammessa la consegna a mano della domanda

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA Articolo 1 La Regione Campania istituisce e gestisce il marchio collettivo di qualità denominato Sapore di Campania, con le seguenti finalità:

Dettagli

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno Servizio Statistica Settore Economia, Promozione della città e servizi al cittadino INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L'INTERA COLLETTIVITA' NAZIONALE (NIC) L'Ufficio Statistica del Comune di Modena, secondo

Dettagli

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica RAPPORTO 2010 L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica La demografia delle imprese Imprese registrate e attive

Dettagli

La demografia delle imprese

La demografia delle imprese La demografia delle imprese Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) alla fine dei trimestri 2011. Iscrizioni e cessazioni trimestrali nel 2011 SEZIONE E DIVISIONE DI

Dettagli

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI 51 A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI

Dettagli

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA DIPA DIPARTIMENTO Risorse Tecnologiche-Servizi Delegati-Statistica U.O. - Statistica e Censimento Servizio Prezzi COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO ART. 1 - OGGETTO E FINALITA 1. Il presente Regolamento disciplina l utilizzo

Dettagli

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno Servizio Statistica Settore Politiche Economiche e Sport INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L'INTERA COLLETTIVITA' NAZIONALE (NIC) L'Ufficio Statistica del Comune di Modena, secondo le disposizioni e norme tecniche

Dettagli

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 A seguito delle numerose domande inerenti al Patentino dei Frigoristi, giunte in redazione nei giorni scorsi, riportiamo le FAQ (domande

Dettagli

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici Corso del Popolo 30 05100 Terni Tel +39 0744.549.742-3-5 statistica@comune.tr.it INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ

Dettagli

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno Servizio Statistica Settore Economia, Promozione della città e servizi al cittadino INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L'INTERA COLLETTIVITA' NAZIONALE (NIC) L'Ufficio Statistica del Comune di Modena, secondo

Dettagli

Finanziamenti agevolati

Finanziamenti agevolati BENEFICIARI E SETTORI D INTERVENTO Beneficiari 1. microimprese inattive al momento della presentazione della domanda di concessione; Regolamento n. 25 del 21 novembre 2008 art. 3: Microimpresa: imprese

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 31 Maggio 2013 ore 11.00

COMUNICATO STAMPA 31 Maggio 2013 ore 11.00 COMUNE DI REGGIO CALABRIA SERVIZIO STATISTICA www.reggiocal.it/statistica ANTICIPAZIONE DELLA VARIAZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO CITTA DI REGGIO CALABRIA MESE DI MAGGIO 2013 Nel mese di Maggio,

Dettagli

Regolamento per la concessione del patrocinio e l uso dello stemma e dei marchi del Comune di Anzola dell Emilia

Regolamento per la concessione del patrocinio e l uso dello stemma e dei marchi del Comune di Anzola dell Emilia Regolamento per la concessione del patrocinio e l uso dello stemma e dei marchi del Comune di Anzola dell Emilia Approvato con deliberazione di C.C. n. 33 del 29.04.2010 INDICE TITOLO I - PATROCINIO...2

Dettagli

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA E CENSIMENTO Servizio Prezzi

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA E CENSIMENTO Servizio Prezzi DIPARTIMENTO Risorse Tecnologiche-Servizi Delegati-Statistica U.O. - Statistica e Censimento Servizio Prezzi COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA

Dettagli

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno Servizio Statistica Settore Politiche Economiche e Sport INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L'INTERA COLLETTIVITA' NAZIONALE (NIC) L'Ufficio Statistica del Comune di Modena, secondo le disposizioni e norme tecniche

Dettagli