REGIONE TOSCANA. Giunta Regionale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE TOSCANA. Giunta Regionale"

Transcript

1 REGIONE TOSCANA Allegato A Giunta Regionale LINEE DI INDIRIZZO SUI FONDI CONTRATTUALI DI RISULTATO ANNO 2013 DEL PERSONALE DIRIGENZIALE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE 1. Applicazione, per l anno 2013, dell art. 52, comma 5, lett. b dei CCNL aree dirigenziali (dirigenza medica e veterinaria e dirigenza sanitaria, professionale, tecnica ed amministrativa) nelle Aziende sanitarie. Le disposizioni contrattuali relative all incremento dei fondi di risultato dell 1% del monte salari (come tetto massimo) risalgono ai CCNL Si tratta, nello specifico, dell art. 52, comma 5, lett. b dei CCNL di entrambe le aree dirigenziali, il quale stabilisce quanto segue: dal 1 gennaio 1998 i fondi di risultato sono incrementati, sulla base del consuntivo dell anno precedente, dell 1%, come tetto massimo, del monte salari annuo calcolato con riferimento al 1997, in presenza di avanzi di amministrazione o pareggio di bilancio, secondo le modalità stabilite dalle Regioni negli atti di indirizzo per la formazione dei bilanci di previsione annuale, ovvero della realizzazione annuale di programmi - correlati ad incrementi quali/quantitativi di attività del personale - concordati tra Regioni e singole Aziende e finalizzati al raggiungimento del pareggio di bilancio entro il termine prestabilito ai sensi delle vigenti disposizioni. Le disposizioni contrattuali in questione sono state confermate dai CCNL intervenuti successivamente, i quali non hanno apportato modifiche in materia. Il predetto incremento ha quindi mantenuto le caratteristiche previste nella clausola sopra riportata, per cui non può essere oggetto di consolidamento nei fondi, dovendo essere verificata annualmente la sussistenza delle condizioni che possono giustificare l incremento stesso. Dalle ricognizioni effettuate in merito all applicazione del citato art. 52, comma 5, lett. b dei CCNL nelle diverse realtà aziendali, con riferimento ai fondi di risultato 2010, 2011 e 2012, sono emerse situazioni molto diversificate da Azienda ad Azienda. Questa disomogeneità tra le Aziende sanitarie è stata oggetto di approfondimento e di confronto a livello regionale con le organizzazioni sindacali. Con delibera della Giunta regionale n del è stato approvato lo schema di protocollo d intesa tra la Regione Toscana e le organizzazioni sindacali regionali della dirigenza, sottoscritto il , finalizzato alla valorizzazione professionale dei ruoli dirigenziali del SSR. In merito alle disposizioni contrattuali in questione, le parti (ved. punto 2 del suddetto protocollo d intesa) hanno concordato quanto segue: 1

2 -per quanto riguarda i fondi di risultato di competenza anno 2013, si procederà ad un coordinamento a livello regionale, con l obiettivo di favorire un tendenziale riequilibrio delle diverse situazioni aziendali; -le modalità di riequilibrio verranno definite dalla Regione, d intesa con le organizzazioni sindacali, nel rispetto del limite stabilito dall art. 9, comma 2-bis del decreto legge 78/2010, convertito nella legge 122/2010, in merito all ammontare complessivo delle risorse destinate al trattamento accessorio del personale, il quale, nell anno 2013, non può superare il corrispondente importo dell anno 2010; il rispetto del suddetto limite di legge, per quanto riguarda le risorse di cui all art. 52, comma 5, lett. b dei CCNL , verrà garantito a livello regionale, per cui, nell insieme dei fondi di risultato di competenza anno 2013 delle Aziende sanitarie non potrà confluire, complessivamente, un importo superiore a quello del 2010, pari, per la dirigenza medica e veterinaria, ad euro , corrispondente allo 0,38% del complessivo monte salari 1997 e, per la dirigenza SPTA, ad euro , corrispondente allo 0,33% del complessivo monte salari 1997; gli importi indicati sono al netto di oneri ed IRAP a carico delle Aziende; -il suddetto riequilibrio verrà formalizzato con una delibera, che l Assessore proporrà all approvazione della Giunta regionale nel momento in cui si realizzeranno, a livello regionale, le condizioni stabilite dai CCNL con riferimento al consuntivo dell anno precedente rispetto a quello di competenza del fondo su cui si interviene (quindi, consuntivo dell anno 2012). Con le presenti linee di indirizzo si dà attuazione a quanto convenuto con il suddetto protocollo d intesa. In primo luogo si rileva che sussistono, a livello regionale, le condizioni per l applicazione, relativamente ai fondi di risultato 2013, della disposizione di cui all art. 52, comma 5, lett. b dei CCNL , la quale stabilisce, come sopra ricordato, che occorre fare riferimento al consuntivo dell anno precedente (quindi, per i fondi 2013, al consuntivo dell anno 2012); al riguardo si richiama: -la delibera della Giunta regionale n. 935 del , con la quale sono stati approvati i bilanci di esercizio 2012 delle Aziende sanitarie; -la documentazione, agli atti della Direzione generale Diritti di Cittadinanza e Coesione sociale (Settore Finanza, Contabilità e Controllo), relativa al Tavolo di verifica degli adempimenti regionali, per l anno 2012, presso il Ministero dell Economia e delle Finanze. Come evidenziato al punto 2 del suddetto protocollo d intesa, il rispetto del limite stabilito dall art. 9, comma 2-bis del decreto legge 78/2010, convertito nella legge 122/2010, per quanto riguarda le risorse di cui all art. 52, comma 5, lett. b dei CCNL , viene garantito a livello regionale, per cui, nell insieme dei fondi di competenza anno 2013 delle Aziende sanitarie non può confluire, complessivamente, un importo superiore a quello del Tale importo, come sopra specificato, è pari, per la dirigenza medica e veterinaria, ad euro , corrispondente allo 0,38% (più precisamente 0,383%) del complessivo monte salari 1997 e, per la dirigenza SPTA, ad euro , corrispondente allo 0,33% (più precisamente 0,328%) del complessivo monte salari I risultati della ricognizione a suo tempo effettuata in merito all applicazione delle disposizioni contrattuali di cui trattasi, con riferimento ai fondi di risultato di competenza anno 2010, sono riportati nelle tabelle allegate alle presenti linee di indirizzo (Allegato 1 per la dirigenza medica e veterinaria, Allegato 3 per la dirigenza SPTA). Tenuto conto di quanto sopra, si stabilisce che: -in attuazione dell art. 52, comma 5, lett. b dei CCNL , nell insieme dei fondi di risultato anno 2013 delle Aziende sanitarie, confluisce, complessivamente, l importo di euro per la dirigenza medica e veterinaria e l importo di euro per la dirigenza SPTA; -i suddetti importi, come convenuto con le organizzazioni sindacali regionali, vengono ripartiti tra le Aziende sanitarie in modo da avere, nell anno 2013, la stessa percentuale, rispetto al monte salari 1997, in tutte le Aziende; gli importi che confluiscono nei fondi di risultato di competenza 2

3 anno 2013 di ciascuna Azienda sanitaria sono indicati nelle tabelle allegate alle presenti linee di indirizzo (Allegato 2 per la dirigenza medica e veterinaria, Allegato 4 per la dirigenza SPTA); -gli importi indicati nei suddetti Allegati 2 e 4 comprendono anche la quota parte relativa ai dipendenti trasferiti dalle Aziende sanitarie agli altri Enti del Servizio sanitario regionale per effetto del trasferimento di funzioni, dato che si tratta di importi calcolati in percentuale rispetto al monte salari 1997, anno in cui tali Enti non erano ancora stati istituiti; in merito a questo aspetto si rinvia al punto 2 delle presenti linee di indirizzo. 2. Altri Enti del Servizio sanitario regionale. In merito alla sussistenza delle condizioni per l applicazione, relativamente ai fondi di risultato di competenza anno 2013, della disposizione di cui all art. 52, comma 5, lett. b dei CCNL negli altri Enti del Servizio sanitario regionale (ESTAR-ex ESTAV, ISPO e Fondazione Monasterio), si fa riferimento: -alle delibere della Giunta regionale n. 934 e n. 933 del , con le quali sono stati approvati i bilanci di esercizio 2012 rispettivamente degli ex ESTAV e dell ISPO; -alla delibera della Giunta regionale n. 912 del , con la quale è stato preso atto dell approvazione del bilancio di esercizio 2012 della Fondazione Monasterio; -alla documentazione, sopra richiamata, relativa al Tavolo di verifica degli adempimenti regionali, per l anno 2012, presso il Ministero dell Economia e delle Finanze. Il rispetto del limite stabilito dall art. 9, comma 2-bis del decreto legge 78/2010, convertito nella legge 122/2010, viene garantito a livello regionale, non solo per le Aziende sanitarie, ma anche per gli altri Enti del SSR, tenuto conto che, ai fondi di tali Enti, viene destinata quota parte dell importo totale indicato nell Allegato 2 (pari ad euro ) e dell importo totale indicato nell Allegato 4 (pari ad euro ). Premesso quanto sopra, per quanto riguarda, in particolare, gli ex ESTAV si forniscono le seguenti indicazioni: -gli importi che confluiscono nei fondi di risultato di competenza anno 2013 in attuazione dell art. 52, comma 5, lett. b del CCNL dirigenza SPTA, indicati nella tabella allegata alle presenti linee di indirizzo (Allegato 4), comprendono anche la quota parte relativa ai dipendenti trasferiti dalle Aziende sanitarie agli ex ESTAV per effetto del trasferimento di funzioni; -tale quota dovrà, pertanto, essere scorporata e destinata ai fondi di risultato di competenza 2013 degli ex ESTAV; -i conteggi per lo scorporo di tale quota devono essere condivisi dall ESTAR, per ciascun ex ESTAV, con le Aziende della rispettiva area vasta, al fine di garantire l invarianza dell importo totale indicato nello stesso Allegato 4 (pari ad euro ); dei risultati di tali conteggi deve essere data informazione, da parte di ciascuna Azienda e dell ESTAR, alle organizzazioni sindacali. Per quanto riguarda l ISPO, le indicazioni sono le seguenti: -gli importi che confluiscono nei fondi di risultato di competenza anno 2013 in attuazione dell art. 52, comma 5, lett. b dei CCNL di entrambe le aree dirigenziali, indicati nelle tabelle allegate alle presenti linee di indirizzo (Allegato 2 e Allegato 4) con riferimento all AOU Careggi, comprendono anche la quota parte relativa ai dipendenti dell ISPO (trasferiti, a suo tempo, da tale Azienda all ex CSPO per effetto del trasferimento di funzioni); -tale quota dovrà, pertanto, essere scorporata e destinata ai fondi di risultato di competenza 2013 dell ISPO; -i conteggi per lo scorporo di tale quota devono essere condivisi dall ISPO con l AOU Careggi, al fine di garantire l invarianza dell importo totale indicato nell Allegato 2 (pari ad euro ) e 3

4 dell importo totale indicato nell Allegato 4 (pari ad euro ); dei risultati di tali conteggi deve essere data informazione, da parte dell AOU Careggi e dell ISPO, alle organizzazioni sindacali. Infine, si forniscono le seguenti indicazioni relativamente alla Fondazione Monasterio: -gli importi che confluiscono nei fondi di risultato di competenza anno 2013 in attuazione dell art. 52, comma 5, lett. b del CCNL dirigenza medica e veterinaria, indicati nella tabella allegata alle presenti linee di indirizzo (Allegato 2) con riferimento all AUSL 1 di Carrara e all AOU Pisana, comprendono anche la quota parte relativa ai dipendenti trasferiti, nell anno 2013, da tali Aziende alla Fondazione Monasterio per effetto del trasferimento di funzioni; -tale quota dovrà, pertanto, essere scorporata e destinata al fondo di risultato di competenza 2013 della Fondazione Monasterio; -i conteggi per lo scorporo di tale quota devono essere condivisi dalla Fondazione Monasterio con l AUSL 1 e l AOU Pisana, al fine di garantire l invarianza dell importo totale indicato nello stesso Allegato 2 (pari ad euro ); dei risultati di tali conteggi deve essere data informazione, da parte delle Aziende interessate e della Fondazione, alle organizzazioni sindacali. 3. Attuazione linee di indirizzo. L attuazione delle presenti linee di indirizzo, da parte delle Aziende e degli Enti del Servizio sanitario regionale, avviene nel rispetto degli obiettivi aziendali di equilibrio economico-finanziario concordati con l Amministrazione regionale. 4

5 Allegato 1 Importi confluiti nei fondi di risultato di competenza anno 2010 in attuazione dell art. 52, comma 5, lett. b, CCNL dirigenza medica e veterinaria Aziende sanitarie A B C D Monte salari 1997 dirigenza MV [importi indicati nella tabella allegata al protocollo d'intesa sul CCNL dirigenza MV (recepito con delibera G.R. n del )] IMPORTI IN LIRE Monte salari 1997 dirigenza MV IMPORTI DI CUI ALLA COL. A IN EURO Percentuali di incremento del fondo anno 2010 rispetto al monte salari 1997 [percentuali comunicate dalle Aziende] Importi incremento del fondo anno 2010 [percentuali di cui alla col. C applicate al monte salari 1997 di cui alla col. B] AUSL 1 Carrara / 0 AUSL 2 Lucca ,38% AUSL 3 Pistoia / 0 AUSL 4 Prato / 0 AUSL 5 Pisa ,50% AUSL 6 Livorno ,50% AUSL 7 Siena % AUSL 8 Arezzo / 0 AUSL 9 Grosseto ,75% AUSL 10 Firenze / 0 AUSL 11 Empoli % AUSL 12 Viareggio / 0 AOU Pisana ,50% AOU Senese ,50% AOU Careggi % AOU Meyer / 0 Totale regionale ,38% Importi al netto di oneri ed IRAP a carico delle Aziende 5

6 Allegato 2 Importi che confluiscono nei fondi di risultato di competenza anno 2013 in attuazione dell art. 52, comma 5, lett. b, CCNL dirigenza medica e veterinaria Aziende sanitarie Importi incremento del fondo anno 2013 in attuazione dell art. 52, comma 5, lett. b, CCNL dirigenza MV AUSL 1 Carrara AUSL 2 Lucca AUSL 3 Pistoia AUSL 4 Prato AUSL 5 Pisa AUSL 6 Livorno AUSL 7 Siena AUSL 8 Arezzo AUSL 9 Grosseto AUSL 10 Firenze AUSL 11 Empoli AUSL 12 Viareggio AOU Pisana AOU Senese AOU Careggi AOU Meyer Totale regionale Importi al netto di oneri ed IRAP a carico delle Aziende. -Gli importi relativi all AUSL 1 e all AOU Pisana comprendono anche la quota parte relativa ai dipendenti trasferiti, nell anno 2013, da tali Aziende alla Fondazione Monasterio per effetto del trasferimento di funzioni. -L importo relativo all AOU Careggi comprende anche la quota parte relativa ai dipendenti dell ISPO (trasferiti, a suo tempo, da tale Azienda all ex CSPO per effetto del trasferimento di funzioni). 6

7 Allegato 3 Importi confluiti nei fondi di risultato di competenza anno 2010 in attuazione dell art. 52, comma 5, lett. b, CCNL dirigenza sanitaria, professionale, tecnica ed amministrativa Aziende sanitarie A B C D Monte salari 1997 dirigenza SPTA [importi indicati nella tabella allegata al protocollo d'intesa sul CCNL dirigenza SPTA (recepito con delibera G.R. n del )] IMPORTI IN LIRE Monte salari 1997 dirigenza SPTA IMPORTI DI CUI ALLA COL. A IN EURO Percentuali di incremento del fondo anno 2010 rispetto al monte salari 1997 [percentuali comunicate dalle Aziende] Importi incremento del fondo anno 2010 [percentuali di cui alla col. C applicate al monte salari 1997 di cui alla col. B] AUSL 1 Carrara / 0 AUSL 2 Lucca ,40% AUSL 3 Pistoia / 0 AUSL 4 Prato / 0 AUSL 5 Pisa ,50% AUSL 6 Livorno / 0 AUSL 7 Siena % AUSL 8 Arezzo / 0 AUSL 9 Grosseto ,75% AUSL 10 Firenze / 0 AUSL 11 Empoli % AUSL 12 Viareggio / 0 AOU Pisana ,60% AOU Senese ,50% AOU Careggi % AOU Meyer / 0 Totale regionale ,33% Importi al netto di oneri ed IRAP a carico delle Aziende 7

8 Allegato 4 Importi che confluiscono nei fondi di risultato di competenza anno 2013 in attuazione dell art. 52, comma 5, lett. b, CCNL dirigenza sanitaria, professionale, tecnica ed amministrativa Aziende sanitarie Importi incremento del fondo anno 2013 in attuazione dell art. 52, comma 5, lett. b, CCNL dirigenza SPTA AUSL 1 Carrara AUSL 2 Lucca AUSL 3 Pistoia AUSL 4 Prato AUSL 5 Pisa AUSL 6 Livorno AUSL 7 Siena AUSL 8 Arezzo AUSL 9 Grosseto AUSL 10 Firenze AUSL 11 Empoli AUSL 12 Viareggio AOU Pisana AOU Senese AOU Careggi AOU Meyer Totale regionale Importi al netto di oneri ed IRAP a carico delle Aziende. -Gli importi comprendono anche la quota parte relativa ai dipendenti trasferiti dalle Aziende sanitarie agli ex ESTAV (ora ESTAR) per effetto del trasferimento di funzioni. -L importo relativo all AOU Careggi comprende anche la quota parte relativa ai dipendenti dell ISPO (trasferiti, a suo tempo, da tale Azienda all ex CSPO per effetto del trasferimento di funzioni). 8

REGIONE TOSCANA. Giunta Regionale LINEE DI INDIRIZZO SUI CCNL DELLE AREE DIRIGENZIALI DEL SSN DEL

REGIONE TOSCANA. Giunta Regionale LINEE DI INDIRIZZO SUI CCNL DELLE AREE DIRIGENZIALI DEL SSN DEL REGIONE TOSCANA Allegato A Giunta Regionale LINEE DI INDIRIZZO SUI CCNL DELLE AREE DIRIGENZIALI DEL SSN DEL 17.10.2008 1. CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELLE MODALITA DI RIPOSO NELLE 24 ORE, DI CUI ALL ART.

Dettagli

Sezione 1: La mia Azienda

Sezione 1: La mia Azienda Sezione 1: La mia Azienda INDAGINE DI CLIMA INTERNO 2012 La mia azienda La mia azienda offre opportunitã di crescita professionale Risposte (1 - totalmente in disaccordo, 5 - totalmente d'accordo) N. Deviazione

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 28-05-2012 (punto N 33 ) Delibera N 465 del 28-05-2012 Proponente DANIELA SCARAMUCCIA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E

Dettagli

Sezione 5: La Formazione

Sezione 5: La Formazione Sezione 5: La Formazione La formazione Quest'azienda offre opportunitã di formazione Risposte (1 - totalmente in disaccordo, 5 - totalmente d'accordo) (a) Asl 1 Massa Carrara 142 9,59% 249 16,82% 383 25,88%

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO SISTEMA SANITARIO REGIONALE

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO SISTEMA SANITARIO REGIONALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO SISTEMA SANITARIO REGIONALE SETTORE PROGRAMMAZIONE E ORGANIZZAZIONE DELLE CURE Il Dirigente Responsabile:

Dettagli

TEMPI DI ATTESA DIAGNOSTICA: ECOGRAFIA ADDOME e ECOCOLOR DOPPLER

TEMPI DI ATTESA DIAGNOSTICA: ECOGRAFIA ADDOME e ECOCOLOR DOPPLER TEMPI DI ATTESA DIAGNOSTICA: ECOGRAFIA ADDOME e ECOCOLOR DOPPLER Anno 2014 Gennaio - Dicembre La Delibera G.R.T. n.867 del 20.11.2006 ha stabilito che le Aziende sanitarie sono tenute a garantire entro

Dettagli

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE Numero della delibera Data della delibera Oggetto Contenuto

Dettagli

TEMPI DI ATTESA DIAGNOSTICA: RMN, TAC

TEMPI DI ATTESA DIAGNOSTICA: RMN, TAC TEMPI DI ATTESA DIAGNOSTICA: RMN, TAC Anno 2014 Gennaio - Dicembre La Delibera G.R.T. n.867 del 20.11.2006 ha stabilito che le Aziende sanitarie sono tenute a garantire entro un tempo massimo di attesa

Dettagli

Decreto del Presidente della Giunta Regionale N 61 del 09 Aprile 2015

Decreto del Presidente della Giunta Regionale N 61 del 09 Aprile 2015 REGIONE TOSCANA Decreto del Presidente della Giunta Regionale N 61 del 09 Aprile 2015 Oggetto: L.R. n.28/2015 - Nomina dei commissari di area vasta. Dipartimento Proponente: DIREZIONE GENERALE DIRITTI

Dettagli

Decreto del Presidente della Giunta Regionale N 106 del 01 Luglio 2015

Decreto del Presidente della Giunta Regionale N 106 del 01 Luglio 2015 REGIONE TOSCANA Decreto del Presidente della Giunta Regionale N 106 del 01 Luglio 2015 Oggetto: L.R. n.28/2015 - Nomina dei commissari delle aziende unità sanitarie locali afferenti all'area vasta centro,

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 815 DEL 20/07/2016

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 815 DEL 20/07/2016 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 815 DEL 20/07/2016 Il Direttore Generale, Dott. Enrico Desideri su proposta della struttura aziendale Direttore Generale adotta la seguente deliberazione: OGGETTO:

Dettagli

Ente per i Servizi Tecnico-Amministrativi di Area Vasta Sud Est DECRETO *

Ente per i Servizi Tecnico-Amministrativi di Area Vasta Sud Est DECRETO * Ente per i Servizi Tecnico-Amministrativi di Area Vasta Sud Est DECRETO * N 309 del 08/10/2014 ** Il Commissario Straordinario adotta il seguente atto avente ad oggetto: AGGIUDICAZIONE PROCEDURE NEGOZIATE

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI VERONA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI VERONA FONDO PER LA RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E DI RISULTATO DEL PERSONALE DIRIGENTE ANNO 2013 RELAZIONE ILLUSTRATIVA TECNICOFINANZIARIA SULLE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELLE RISORSE ECONOMICOFINANZIARIE 1.

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE C.I.S.A.P. CONSORZIO INTERCOMUNALE DEI SERVIZI ALLA PERSONA Comuni di Collegno e Grugliasco DETERMINAZIONE N 119/2011 DEL 20/12/2011 ORIGINALE Oggetto: Dipendenti CISAP. Determinazione provvisoria Fondo

Dettagli

DIREZIONE ORGANIZZAZIONE E SISTEMI INFORMATIVI GALEOTTI UGO

DIREZIONE ORGANIZZAZIONE E SISTEMI INFORMATIVI GALEOTTI UGO REGIONE TOSCANA DIREZIONE ORGANIZZAZIONE E SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Il Dirigente Responsabile: GALEOTTI UGO Decreto non soggetto a controllo ai sensi della D.G.R. n. 548/2012

Dettagli

COMUNE DI SINALUNGA (Provincia di Siena)

COMUNE DI SINALUNGA (Provincia di Siena) COMUNE DI SINALUNGA (Provincia di Siena) Contratto collettivo decentrato integrativo 2015 ai sensi degli artt. 4 e 5 del CCNL 1/4/1999, in merito all utilizzo delle risorse decentrate dell anno 2015 Relazione

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 16-03-2016 (punto N 31 ) Delibera N 191 del 16-03-2016 Proponente STEFANIA SACCARDI DIREZIONE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE

Dettagli

SETTORE SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE MELARA ANTONINO MARIO

SETTORE SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE MELARA ANTONINO MARIO REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE PRESIDENZA SETTORE SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE Il Dirigente Responsabile: MELARA ANTONINO MARIO Decreto soggetto a controllo di regolarità contabile ai sensi

Dettagli

C.C.N.L. BIENNIO ECONOMICO AREA DIRIGENZA MEDICA-VETERINARIA

C.C.N.L. BIENNIO ECONOMICO AREA DIRIGENZA MEDICA-VETERINARIA C.C.N.L. BIENNIO ECONOMICO 2008 2009 AREA DIRIGENZA MEDICA-VETERINARIA RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA FONDI CONTRATTUALI 2012 La determinazione dei tre fondi contrattuali Area Dirigenza Medica dell anno

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE ORDINANZA 16 agosto 2016 Disposizioni operative per l'attivazione dell'istruttoria finalizzata alla concessione di contributi

Dettagli

Cotituzione del Fondo anno 2015 DIRIGENTI

Cotituzione del Fondo anno 2015 DIRIGENTI AZIENDA REGIONALE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO Cotituzione del Fondo anno 2015 DIRIGENTI C.C.N.L. 23/12/1999 C. C. N. L. 12/2/2002 C. C. N. L. 22/2/2006 C.C.N.L. 14/5/2007 C.C.N.L. 22/2/2010 C.C.N.L. 3/8/2010

Dettagli

Scopo della proposta di legge

Scopo della proposta di legge Proposta di legge Modifiche alla legge regionale n.40/2005 (Disciplina del servizio sanitario regionale) e alla legge regionale n.28/2015 (Disposizioni urgenti per il riordino dell'assetto istituzionale

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 24 DELIBERAZIONE 3 giugno 2013, n medicinali»;

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 24 DELIBERAZIONE 3 giugno 2013, n medicinali»; DELIBERAZIONE 3 giugno 2013, n. 418 Linee di indirizzo alle Aziende sanitarie per la riorganizzazione dei comitati etici toscani per la sperimentazione clinica. Disposizioni attuative del Decreto Legge

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 924 DEL 31/07/2015

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 924 DEL 31/07/2015 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 924 DEL 31/07/2015 OGGETTO: Determinazione Fondi aziendali anno 2014 - Comparto IL COMMISSARIO

Dettagli

FONDI DIRIGENZA SANITARIA, TECNICA, PROFESSIONALE E AMMINISTRATIVA ANNO 2010 STIMA ANNO 2011

FONDI DIRIGENZA SANITARIA, TECNICA, PROFESSIONALE E AMMINISTRATIVA ANNO 2010 STIMA ANNO 2011 Estratto delibera n. 635 del 09.06. SCHEDA FONDO :retribuzione di posizione, equiparazione, specifico trattamento per i dirigenti con incarico di direzione di struttura complessa - art.8 del CCNL CCNL

Dettagli

C.C.N.L. BIENNIO ECONOMICO AREA DIRIGENZA SANITARIA, PROFESSIONALE, TECNICA E AMMINISTRATIVA

C.C.N.L. BIENNIO ECONOMICO AREA DIRIGENZA SANITARIA, PROFESSIONALE, TECNICA E AMMINISTRATIVA C.C.N.L. BIENNIO ECONOMICO 2008 2009 AREA DIRIGENZA SANITARIA, PROFESSIONALE, TECNICA E AMMINISTRATIVA RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA FONDI CONTRATTUALI 2012 La determinazione dei fondi contrattuali Area

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER L ORGANIZZAZIONE, GLI AFFARI GENERALI, L INNOVAZIONE, IL BILANCIO ED IL PERSONALE Servizio V

DIREZIONE GENERALE PER L ORGANIZZAZIONE, GLI AFFARI GENERALI, L INNOVAZIONE, IL BILANCIO ED IL PERSONALE Servizio V In data 11/12/012 è stata sottoscritta l ipotesi di accordo integrativo relativo al personale dirigente di 2^ fascia dell area 1^ concernente il fondo dei dirigenti per l anno 2011. L ipotesi di accordo

Dettagli

Il trasferimento sia del personale del comparto che di quello di qualifica dirigenziale ha avuto decorrenza 1 gennaio 2016.

Il trasferimento sia del personale del comparto che di quello di qualifica dirigenziale ha avuto decorrenza 1 gennaio 2016. REGIONE PIEMONTE BU5S1 02/02/2017 Deliberazione della Giunta Regionale 29 dicembre 2016, n. 36-4510 Presa d'atto prima quantificazione, ai sensi dell'art.1, comma 96 lett.a) della l. 56/2014 e ai sensi

Dettagli

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n Firenze DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n Firenze DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE Numero della delibera Data della delibera Oggetto Contenuto

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE DI AREA *

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE DI AREA * DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE DI AREA * N 60 del 01/02/2016 Il Direttore di Area AREA DIVISIONE ATTREZZATURE INFORMATICHE E SANITARIE adotta il seguente atto avente ad oggetto: Oggetto: AGGIUDICAZIONE PROCEDURE

Dettagli

Decreto Legge 78 del 2010 convertito in Legge 122

Decreto Legge 78 del 2010 convertito in Legge 122 Decreto Legge 78 del 2010 convertito in Legge 122 art. 9 norma di contenimento e/o riduzione della spesa per il personale per gli anni 2011 2012 2013 art. 9 norma che non modifica non disapplica gli istituti

Dettagli

Città Metropolitana di Torino COMUNE DI FOGLIZZO DETERMINAZIONE : UFFICIO del SEGRETARIO C.LE REGISTRO GENERALE N. : 120

Città Metropolitana di Torino COMUNE DI FOGLIZZO DETERMINAZIONE : UFFICIO del SEGRETARIO C.LE REGISTRO GENERALE N. : 120 ESTRATTO Città Metropolitana di Torino COMUNE DI FOGLIZZO DETERMINAZIONE : UFFICIO del SEGRETARIO C.LE REGISTRO GENERALE N. : 120 Responsabile del Servizio : DOTT.SSA CLELIA PAOLA VIGORITO N. 11 OGGETTO

Dettagli

RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA

RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO DEL PERSONALE DELL I.R.P.E.T. APPARTENENTE AL COMPARTO PER IL QUADRIENNIO 2006 2009 IPOTESI DI ACCORDO IN MATERIA DI INTEGRAZIONE DELLE RISORSE DECENTRATE PER

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 REGIONE PIEMONTE Via San Secondo, Torino

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 REGIONE PIEMONTE Via San Secondo, Torino AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 REGIONE PIEMONTE Via San Secondo, 29-10128 Torino DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO (Nominato con DGR n. 3-3660 del 29.3.2012) N. 319/C06/2012 DEL 18/4/2012 STRUTTURA COMPLESSA

Dettagli

VI CORSO DI AGGIORNAMENTO SUI FARMACI: gli scenari che cambiano Roma, 30 gennaio 2014

VI CORSO DI AGGIORNAMENTO SUI FARMACI: gli scenari che cambiano Roma, 30 gennaio 2014 VI CORSO DI AGGIORNAMENTO SUI FARMACI: gli scenari che cambiano Roma, 30 gennaio 2014 Prime esperienze di un Alessandro Mugelli Presidente Etico per la 1 Lo scenario Toscano prima della riforma Le azioni

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE DI AREA *

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE DI AREA * DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE DI AREA * N 1086 del 06/07/2017 Il Direttore di Area AREA DIVISIONE SERVIZI, BENI ECONOMALI E ARREDI adotta il seguente atto avente ad oggetto: Oggetto: FORNITURA DI SUPPORTI

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO SISTEMA SOCIO-SANITARIO REGIONALE

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO SISTEMA SOCIO-SANITARIO REGIONALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO SISTEMA SOCIO-SANITARIO REGIONALE SETTORE POLITICHE PER L'INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA E LA SALUTE IN

Dettagli

REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 31-01-2017 (punto N 14 ) Delibera N 65 del 31-01-2017 Proponente STEFANIA SACCARDI DIREZIONE DIRITTI DI CITTADINANZA

Dettagli

Comune di Siena COORDINAMENTO SETTORE DIREZIONE SERVIZI

Comune di Siena COORDINAMENTO SETTORE DIREZIONE SERVIZI Comune di Siena COORDINAMENTO SETTORE DIREZIONE SERVIZI ATTO DIRIGENZIALE N 2250 DEL17/12/2014 OGGETTO: COSTITUZIONE FONDO RISORSE DECENTRATE ANNO 2014 RISORSE AVENTI CARATTRE DI CERTEZZA, STABILITA' E

Dettagli

23/2007 e sulla banca dati degli atti amministrativi della Giunta regionale ai sensi dell articolo 18 della legge regionale n. 23/2007.

23/2007 e sulla banca dati degli atti amministrativi della Giunta regionale ai sensi dell articolo 18 della legge regionale n. 23/2007. 96 16.12.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 pluriennale 2015/2017, annualità 2016 e 2017 secondo l articolazione che segue: cap. 71001 euro 125.054 cap. 71107 euro 36.357 cap. 71110

Dettagli

Schema di Protocollo di intesa. tra la Regione Toscana. le Organizzazioni Sindacali regionali delle Aree dirigenziali del servizio sanitario nazionale

Schema di Protocollo di intesa. tra la Regione Toscana. le Organizzazioni Sindacali regionali delle Aree dirigenziali del servizio sanitario nazionale Allegato A Schema di Protocollo di intesa tra la Regione Toscana e le Organizzazioni Sindacali regionali delle Aree dirigenziali del servizio sanitario nazionale sulla valorizzazione professionale dei

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 07-04-2015 (punto N 9 ) Delibera N 435 del 07-04-2015 Proponente STEFANIA SACCARDI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

OGGETTO: PERSONALE - FONDO RISORSE DECENTRATE ANNO QUANTIFICAZIONE E CONSUNTIVO

OGGETTO: PERSONALE - FONDO RISORSE DECENTRATE ANNO QUANTIFICAZIONE E CONSUNTIVO C I T T À DI B I E L L A ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 124 DEL 14.04.2014 OGGETTO: PERSONALE - FONDO RISORSE DECENTRATE ANNO 2013 - QUANTIFICAZIONE E CONSUNTIVO L anno duemilaquattordici

Dettagli

Toscana. Spesa del pubblico per Provincia

Toscana. Spesa del pubblico per Provincia Spesa del pubblico per Provincia 180.000.000 Toscana 40.249.224 9.000.000 0 km 20 40 60 80 100 120 140 Siae - Ufficio Statistica 460 Le mappe dello spettacolo 2014 Provincia di Arezzo - Attività cinematografica

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 REGIONE PIEMONTE Via San Secondo, Torino

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 REGIONE PIEMONTE Via San Secondo, Torino AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 REGIONE PIEMONTE Via San Secondo, 29-10128 Torino DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO N. 913/C06/2011 DEL 22/12/2011 STRUTTURA COMPLESSA RISORSE MULTIPROFESSIONALI OGGETTO: DETERMINAZIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 623 DEL 06/07/2017

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 623 DEL 06/07/2017 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 623 DEL 06/07/2017 Il Direttore Generale, Dott. Enrico Desideri su proposta della struttura aziendale U.O.C. Programmazione e Reclutamento del Personale adotta la

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 16-03-2016 (punto N 27 ) Delibera N 208 del 16-03-2016 Proponente STEFANIA SACCARDI DIREZIONE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE

Dettagli

DATI BASE. Dirigenti in servizio al per tipologia incarico:

DATI BASE. Dirigenti in servizio al per tipologia incarico: RELAZIONE ILLUSTRATIVA TECNICO-FINANZIARIA SULLA DETERMINAZIONE DEI FONDI C.C.N.L. Dirigenza Medico-Veterinaria sottoscritto il 06.05.2010 biennio economico 2008-2009 Artt. 10, 11 e 12 del CCNL sottoscritto

Dettagli

COMUNE DI COMO PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DA SOTTOPORRE ALL ESAME DEL CONSIGLIO COMUNALE, PRESENTATA DAL SETTORE SERVIZI FINANZIARI.

COMUNE DI COMO PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DA SOTTOPORRE ALL ESAME DEL CONSIGLIO COMUNALE, PRESENTATA DAL SETTORE SERVIZI FINANZIARI. COMUNE DI COMO Rif. P.G. n. 150467 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DA SOTTOPORRE ALL ESAME DEL CONSIGLIO COMUNALE, PRESENTATA DAL SETTORE SERVIZI FINANZIARI. OGGETTO: BILANCIO DI PREVISIONE 2012. STATO DI ATTUAZIONE

Dettagli

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n Firenze

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n Firenze REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DETERMINA DEL DIRETTORE AMMINISTRATIVO Numero del provvedimento Data del provvedimento

Dettagli

DELIBERA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 16 giugno (GU n.150 del )

DELIBERA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 16 giugno (GU n.150 del ) DELIBERA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 16 giugno 2017 Rideterminazione degli importi, di cui alle delibere del 29 dicembre 2016, riconosciuti ai soggetti privati con riferimento agli eventi calamitosi che

Dettagli

Protocollo di Intesa tra Regione Toscana e Province Toscane. Il giorno dell anno. presso la Regione Toscana, con sede...

Protocollo di Intesa tra Regione Toscana e Province Toscane. Il giorno dell anno. presso la Regione Toscana, con sede... Protocollo di Intesa tra Regione Toscana e Province Toscane Il giorno dell anno. presso la Regione Toscana, con sede..., sono presenti, per la Regione Toscana. per la Provincia di Arezzo per la Provincia

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 23-12-2013 (punto N 60 ) Delibera N 1164 del 23-12-2013 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

La malattia di Parkinson

La malattia di Parkinson Seminario La neurologia delle cronicità nell Area Vasta Toscana Centro: dai dati alle decisioni Firenze, 23 novembre 2016 AUDITORIUM Ente Cassa Risparmio di Firenze (CRF) - via Folco Portinari 5, Firenze

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL (punto N. 20 ) Delibera N.248 del DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL (punto N. 20 ) Delibera N.248 del DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 31-03-2008 (punto N. 20 ) Delibera N.248 del 31-03-2008 Proponente ENRICO ROSSI DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE

Dettagli

OGGETTO: PERSONALE - LINEE DI INDIRIZZO PER LA COSTITUZIONE DEL FONDO RISORSE DECENTRATE ANNO 2016

OGGETTO: PERSONALE - LINEE DI INDIRIZZO PER LA COSTITUZIONE DEL FONDO RISORSE DECENTRATE ANNO 2016 C I T T À DI B I E L L A ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 158 DEL 09.05.2016 OGGETTO: PERSONALE - LINEE DI INDIRIZZO PER LA COSTITUZIONE DEL FONDO RISORSE DECENTRATE ANNO 2016 L anno duemilasedici

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE DI SOLIDARIETA' SOCIALE E INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA SETTORE POLITICHE DI WELFARE REGIONALE,

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA SU PRE-INTESA TRA L AZIENDA U.S.L. DI BOLOGNA E LE OO.SS

RELAZIONE ILLUSTRATIVA SU PRE-INTESA TRA L AZIENDA U.S.L. DI BOLOGNA E LE OO.SS RELAZIONE ILLUSTRATIVA SU PRE-INTESA TRA L AZIENDA U.S.L. DI BOLOGNA E LE OO.SS. AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA IN MATERIA DI VALORIZZAZIONE INCARICHI DIRIGENZIALI Data di sottoscrizione 22.06.2016

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 17 DELIBERAZIONE 15 aprile 2013, n. 265

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 17 DELIBERAZIONE 15 aprile 2013, n. 265 24.4.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 17 DELIBERAZIONE 15 aprile 2013, n. 265 Mondiali di ciclismo 2013. Approvazione Atto Integrativo all Accordo di Programma approvato con D.P.G.R.

Dettagli

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n Firenze DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n Firenze DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE Numero della delibera Data della delibera Oggetto Contenuto

Dettagli

CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI

CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI 12 30.8.2017 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 35 CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI REGIONE TOSCANA Direzione Attività Produttive Settore Politiche Orizzontali di Sostegno alle Imprese DECRETO

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO COMPARTO DEI MINISTERI AREA DELLA DIRIGENZA PARTE ECONOMICA - BIENNIO Art. 1

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO COMPARTO DEI MINISTERI AREA DELLA DIRIGENZA PARTE ECONOMICA - BIENNIO Art. 1 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO COMPARTO DEI MINISTERI AREA DELLA DIRIGENZA PARTE ECONOMICA - BIENNIO 1996-1997 Art. 1 Durata e decorrenza del contratto biennale 1. Il presente contratto biennale

Dettagli

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n Firenze DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n Firenze DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE Numero della delibera Data della delibera Oggetto Contenuto

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE DI SOLIDARIETA' SOCIALE E INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA SETTORE TUTELA DEI MINORI, CONSUMATORI

Dettagli

C.C.N.L. BIENNIO ECONOMICO AREA COMPARTO RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA FONDI CONTRATTUALI 2012

C.C.N.L. BIENNIO ECONOMICO AREA COMPARTO RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA FONDI CONTRATTUALI 2012 C.C.N.L. BIENNIO ECONOMICO 2008 2009 AREA COMPARTO RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA FONDI CONTRATTUALI 2012 La determinazione dei tre fondi contrattuali Area Comparto dell anno 2012 per liquidare gli istituti

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 779 DEL 07/07/2016

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 779 DEL 07/07/2016 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 779 DEL 07/07/2016 Il Direttore Generale, Dott. Enrico Desideri su proposta della struttura aziendale Direttore Amministrativo adotta la seguente deliberazione: OGGETTO:

Dettagli

OGGETTO: Addizionale comunale all IRPEF - approvazione del Regolamento e determinazione dell aliquota per l anno 2017.

OGGETTO: Addizionale comunale all IRPEF - approvazione del Regolamento e determinazione dell aliquota per l anno 2017. OGGETTO: Addizionale comunale all IRPEF - approvazione del Regolamento e determinazione dell aliquota per l anno 2017. Premesso IL CONSIGLIO COMUNALE che con decreto legislativo del 28 settembre 1998,

Dettagli

I rappresentanti dell Agenzia delle Entrate, di seguito denominata Agenzia, e delle Organizzazioni Sindacali dell area VI della Dirigenza

I rappresentanti dell Agenzia delle Entrate, di seguito denominata Agenzia, e delle Organizzazioni Sindacali dell area VI della Dirigenza ACCORDO DEFINITIVO SUI CRITERI DI CORRESPONSIONE DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO AI DIRIGENTI DI UFFICI NON DI VERTICE E AI FUNZIONARI INCARICATI DELLA DIREZIONE PROVVISORIA DI DETTI UFFICI PER L ANNO

Dettagli

REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 27-12-2016 (punto N 48 ) Delibera N 1371 del 27-12-2016 Proponente STEFANIA SACCARDI DIREZIONE DIRITTI DI CITTADINANZA

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELL UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI SORRENTO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELL UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI SORRENTO SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELL UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI SORRENTO L anno i il giorno del mese di. nella sede del Comune di Sorrento, fra il Comune Capofila di Sorrento, rappresentato

Dettagli

04/02/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 10. Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta

04/02/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 10. Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta Regione Lazio Decreti del Commissario ad Acta Decreto del Commissario ad Acta 26 gennaio 2016, n. U00012 Fondi contrattuali afferenti l'area della Dirigenza medico-veterinaria, l'area della Dirigenza sanitaria,

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 27-04-2016 (punto N 26 ) Delibera N 366 del 27-04-2016 Proponente STEFANIA SACCARDI DIREZIONE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE *

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE * DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE * N 18 del 22/01/2015 Il Dirigente SE - UOC ACQUISIZIONE ATTREZZATURE E BENI INVENTARIABILI adotta il seguente atto avente ad oggetto: Oggetto: FORNITURA DI DEFIBRILLATORI DA

Dettagli

DELIBERA N. 204 del 13 luglio 2015 Determinazione delle risorse per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività per l anno

DELIBERA N. 204 del 13 luglio 2015 Determinazione delle risorse per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività per l anno DELIBERA N. 204 del 13 luglio 2015 Determinazione delle risorse per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività per l anno 2015: indirizzi alla dirigenza. La Giunta, vista la determinazione

Dettagli

DIREZIONE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE PIOVI MONICA

DIREZIONE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE PIOVI MONICA REGIONE TOSCANA DIREZIONE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE Il Dirigente Responsabile: PIOVI MONICA Decreto non soggetto a controllo ai sensi della D.G.R. n. 548/2012 Numero interno di proposta:

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Provincia di Bologna DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Anno 2012 n 21 data 10/01/2012 OGGETTO: FONDO PER LO SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE E PRODUTTIVITÀ DESTINATO AL PAGAMENTO DELLE INDENNITÀ STABILI-IMPEGNO

Dettagli

DIREZIONE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE PIOVI MONICA

DIREZIONE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE PIOVI MONICA REGIONE TOSCANA DIREZIONE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE Il Dirigente Responsabile: PIOVI MONICA Decreto non soggetto a controllo ai sensi della D.G.R. n. 548/2012 Numero interno di proposta:

Dettagli

Area 2 - Servizi Economico Finanziari - Settore Personale

Area 2 - Servizi Economico Finanziari - Settore Personale ORIGINALE C O M U N E D I M E S T R I N O P R O V I N C I A D I P A D O V A Area 2 - Servizi Economico Finanziari - Settore Personale DETERMINAZIONE NR. 39 DEL 01/07/2016 FONDO RISORSE DECENTRATE ANNO

Dettagli

DIREZIONE DIFESA DEL SUOLO E PROTEZIONE CIVILE SETTORE PROTEZIONE CIVILE E RIDUZIONE DEL RISCHIO ALLUVIONI

DIREZIONE DIFESA DEL SUOLO E PROTEZIONE CIVILE SETTORE PROTEZIONE CIVILE E RIDUZIONE DEL RISCHIO ALLUVIONI REGIONE TOSCANA DIREZIONE DIFESA DEL SUOLO E PROTEZIONE CIVILE SETTORE PROTEZIONE CIVILE E RIDUZIONE DEL RISCHIO ALLUVIONI Responsabile di settore: GADDI RICCARDO Decreto soggetto a controllo di regolarità

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 751 DEL 29/10/2015 COSTITUZIONE FONDO RETRIBUZIONE POSIZIONE E RISULTATO DIRIGENZA ANNO 2015 CENTRO DI RESPONSABILITA' SETTORE 01

Dettagli

Il giorno 11 ottobre dell anno 2007, alle ore 15,00, presso una sala del Rettorato, le parti negoziali composte da: Delegazione di parte pubblica:

Il giorno 11 ottobre dell anno 2007, alle ore 15,00, presso una sala del Rettorato, le parti negoziali composte da: Delegazione di parte pubblica: CONTRATTO INTEGRATIVO CONCERNENTE L APPLICAZIONE DEGLI ISTITUTI DEL TRATTAMENTO ACCESSORIO - PREVISTI DAI VIGENTI CC.CC.NN.L. DEL COMPARTO UNIVERSITA Sottoscritto in data 11.10.2007 Il giorno 11 ottobre

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO COMPARTO DEI MINISTERI AREA DELLA DIRIGENZA PARTE ECONOMICA - BIENNIO

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO COMPARTO DEI MINISTERI AREA DELLA DIRIGENZA PARTE ECONOMICA - BIENNIO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO COMPARTO DEI MINISTERI AREA DELLA DIRIGENZA PARTE ECONOMICA - BIENNIO 1996-1997 Art. 1 Durata e decorrenza del contratto biennale 1. Il presente contratto biennale

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA Venezia, 15 febbraio 2013 Direzione Risorse Umane Codice Fiscale San Marco, Venezia

COMUNE DI VENEZIA Venezia, 15 febbraio 2013 Direzione Risorse Umane Codice Fiscale San Marco, Venezia COMUNE DI VENEZIA Venezia, 15 febbraio 2013 Direzione Risorse Umane Codice Fiscale 00339370272 San Marco, 4136 30124 Venezia Relazione tecnico-finanziaria all ipotesi di contratto collettivo decentrato

Dettagli

Determinazione del dirigente Numero 904 del 02/10/2017

Determinazione del dirigente Numero 904 del 02/10/2017 Determinazione del dirigente Numero 904 del 02/10/2017 Oggetto : 13 FONDO PER LE RISORSE DECENTRATE ANNO 2017 CCNL 22/01/2004 PERSONALE NON DIRIGENZIALE INTEGRAZIONE CON PARTE VARIABILE E RECUPERO SOMME

Dettagli

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n Firenze

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n Firenze REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DETERMINA DEL DIRETTORE AMMINISTRATIVO Numero del provvedimento Data del provvedimento

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 30-06-2014 (punto N 22 ) Delibera N 544 del 30-06-2014 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N.1 N. 136/AV1 DEL 06/02/2017. Oggetto: Piano delle attività di Formazione dell'area Vasta n.1, anno 2017.

DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N.1 N. 136/AV1 DEL 06/02/2017. Oggetto: Piano delle attività di Formazione dell'area Vasta n.1, anno 2017. 1 DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N.1 N. 136/AV1 DEL 06/02/2017 Oggetto: Piano delle attività di Formazione dell'area Vasta n.1, anno 2017. IL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N.1 -. -. - VISTO il documento

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE RICERCA, INNOVAZIONE E RISORSE UMANE BELVEDERE KATIA

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE RICERCA, INNOVAZIONE E RISORSE UMANE BELVEDERE KATIA REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE RICERCA, INNOVAZIONE E RISORSE UMANE Il Dirigente Responsabile: BELVEDERE KATIA Decreto soggetto a controllo di regolarità

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE SOCIALI DI TUTELA, LEGALITA', PRATICA SPORTIVA E SICUREZZA URBANA. PROGETTI INTEGRATI STRATEGICI

Dettagli

DECRETO 9 ottobre 2008, n Data visto contabile certificato il

DECRETO 9 ottobre 2008, n Data visto contabile certificato il REGIONE TOSCANA Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per il Turismo, Commercio e Attività Terziarie Settore Incentivi e Investimenti per il Turismo e il Commercio DECRETO

Dettagli

REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 27-12-2016 (punto N 46 ) Delibera N 1369 del 27-12-2016 Proponente STEFANIA SACCARDI DIREZIONE DIRITTI DI CITTADINANZA

Dettagli

REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 27-12-2016 (punto N 52 ) Delibera N 1413 del 27-12-2016 Proponente STEFANIA SACCARDI DIREZIONE DIRITTI DI CITTADINANZA

Dettagli

COMUNE DI PIEVE DI CENTO

COMUNE DI PIEVE DI CENTO COMUNE DI PIEVE DI CENTO PROVINCIA DI BOLOGNA SERVIZIO PERSONALE DETERMINAZIONE N. 2 del 13/01/2016 OGGETTO COSTITUZIONE PROVVISORIA "FONDO PER LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA" ANNO 2016. IMPEGNO DI SPESA

Dettagli

I rappresentanti dell Agenzia delle Entrate e delle Organizzazioni Sindacali dell area VI della Dirigenza PREMESSO

I rappresentanti dell Agenzia delle Entrate e delle Organizzazioni Sindacali dell area VI della Dirigenza PREMESSO CRITERI DI CORRESPONSIONE DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO AI DIRIGENTI DI UFFICI NON DI VERTICE E AI FUNZIONARI INCARICATI DELLA DIREZIONE PROVVISORIA DI DETTI UFFICI PER L ANNO 2010 I rappresentanti dell

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE DI SOLIDARIETA' SOCIALE E INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE DI SOLIDARIETA' SOCIALE E INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE DI SOLIDARIETA' SOCIALE E INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA Il Dirigente Responsabile: BIAGI VINICIO

Dettagli

tab. 1 - Indice di invecchiamento demografico per Azienda sanitaria ed anno*. Toscana, anni

tab. 1 - Indice di invecchiamento demografico per Azienda sanitaria ed anno*. Toscana, anni tab. 1 - Indice di invecchiamento demografico per Azienda sanitaria ed anno*. Toscana, anni 1997-27. 1997 1998 1999 2 21 22 23 24 25 26 27 USL 1 - Massa Carrara 21,15 21,71 22,1 22,38 22,6 22,91 23,25

Dettagli

n. 1 del 2 Gennaio 2012 DECRETO n. 87 del

n. 1 del 2 Gennaio 2012 DECRETO n. 87 del DECRETO n. 87 del 23.12.2011 Oggetto: misure per il contenimento della spesa per il personale del SSR 2011/2012. Proroga dei contratti a tempo determinato. Premesso - che con delibera del Consiglio dei

Dettagli

Obiettivo ESITI. 0,83% OSP.SS.GIACOMO E CRISTOFORO DI MASSA IMA: proporzione di ricoveri successivi entro 2 giorni 0,83% OSPEDALE SANTA CROCE

Obiettivo ESITI. 0,83% OSP.SS.GIACOMO E CRISTOFORO DI MASSA IMA: proporzione di ricoveri successivi entro 2 giorni 0,83% OSPEDALE SANTA CROCE Allegato n.5 Obiettivo ESITI Sottosettore Gestione delle criticità mediante analisi delle problematiche di esito e raggiungimento dei risultati statisticamente rappresentativi non al di sotto della media

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE SOCIALI DI TUTELA, LEGALITA', PRATICA SPORTIVA E SICUREZZA URBANA. PROGETTI INTEGRATI STRATEGICI

Dettagli

Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Albino Caporale. Decreto N 5026 del 13 Ottobre 2009

Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Albino Caporale. Decreto N 5026 del 13 Ottobre 2009 REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE INDUSTRIALI, INNOVAZIONE E RICERCA, ARTIGIANATO, RESPONSABILITA' SOCIALE DELLE IMPRESE SETTORE GESTIONE

Dettagli