Relazione trimestrale consolidata al 31 dicembre 2005

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione trimestrale consolidata al 31 dicembre 2005"

Transcript

1 Relazione trimestrale consolidata al 31 dicembre 2005 (2 Trimestre Esercizio 2005/2006) Il presente fascicolo è disponibile sul sito internet della Società, all indirizzo nella sezione Investor Relations Fiera Milano SpA Sede legale: Piazzale Carlo Magno, Milano Sede operativa ed amministrativa: SS del Sempione, Rho (Milano) Capitale sociale: Euro ,00 i.v. Registro Imprese, C.F. e P.IVA R.E.A Milano, 13 febbraio 2006

2 Indice Organi sociali e Società di revisione pag. 3 Struttura del Gruppo pag. 4 Note di commento sull andamento gestionale del 2 trimestre Premessa pag. 6 Risultati in sintesi e fatti rilevanti del trimestre pag. 6 Posizione finanziaria netta pag. 10 Andamento per settori di attività pag. 11 Dipendenti del Gruppo pag. 15 Fatti di rilievo successivi alla chiusura del trimestre pag. 16 Prevedibile evoluzione della gestione pag. 16 Criteri di redazione pag. 17 Prospetti contabili Conto Economico consolidato riclassificato pag. 20 Prospetto di riconciliazione del Conto Economico al 31 dicembre 2004 pag. 21 Stato Patrimoniale consolidato riclassificato pag. 22 Note di commento all andamento patrimoniale e finanziario pag. 23 Allegato 1 Elenco delle Società incluse nell area di consolidamento al 31 dicembre 2005 e delle altre partecipazioni pag. 24

3 Organi Sociali e Società di Revisione CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Michele Perini Presidente Piergiacomo Ferrari Amministratore Delegato Carlo Edoardo Valli Vice Presidente Vicario * Carlo Sangalli Vice Presidente Danilo Broggi Consigliere Flavio Cattaneo Consigliere Roberto Conforti Consigliere Ernesto Paolillo Consigliere * Romeo Robiglio Consigliere * * Consigliere indipendente COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO Ernesto Paolillo Romeo Robiglio Carlo Edoardo Valli COMITATO PER LA REMUNERAZIONE Michele Perini Ernesto Paolillo Carlo Edoardo Valli COLLEGIO SINDACALE Damiano Zazzeron Pier Andrea Chevallard Alfredo Mariotti Francesco Arancio Pietro Pensato Presidente Sindaco effettivo Sindaco effettivo Sindaco supplente Sindaco supplente **** Il mandato del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale scadrà con l Assemblea degli Azionisti che approverà il Bilancio al 30 giugno Il Consiglio di Amministrazione è investito dei più ampi poteri per l amministrazione ordinaria o straordinaria della Società, con esclusione soltanto di quegli atti che la legge riserva all Assemblea. Il Presidente non ha deleghe operative. L Amministratore Delegato ha i poteri di ordinaria amministrazione, ad eccezione di quelli relativi ad alcune specifiche attività, quali l acquisto o la cessione di partecipazioni, l assunzione di finanziamenti superiori al 30% del patrimonio netto della Società, la stipula di contratti aventi ad oggetto beni immobili, ad eccezione delle locazioni per lo svolgimento dell attività sociale di durata inferiore a sei anni, l approvazione del budget di esercizio, la concessione di garanzie a terzi. SOCIETA DI REVISIONE PricewaterhouseCoopers S.p.A. L incarico è stato conferito dall Assemblea degli Azionisti del 28 ottobre 2005 per gli esercizi che scadono al 30 giugno 2006, al 30 giugno 2007 ed al 30 giugno

4 Struttura del Gruppo La presente Relazione trimestrale è redatta secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS. In particolare, lo IAS 14 richiede per l informativa settoriale un doppio approccio basato sui settori di attività e sull area geografica e l impresa deve decidere quale di tali due approcci viene considerato primario e quale secondario ai fini dell informativa da fornire. Il Gruppo Fiera Milano, anche in coerenza con le scelte finora adottate, ha confermato quale schema primario di rappresentazione quello per settori di attività, disaggregando ulteriormente la precedente area Gestione spazi e servizi e confermando l area Organizzazione manifestazioni e congressi. Pertanto, i settori di attività del Gruppo Fiera Milano sono stati così ridefiniti: - Spazi e servizi correlati (SSC): l attività consiste nell'ospitare manifestazioni fieristiche ed altri eventi, promuovendo e mettendo a disposizione gli spazi espositivi attrezzati, offrendo anche supporto progettuale e servizi correlati. A tale settore di attività fa capo la Capogruppo Fiera Milano SpA; - Servizi a valore aggiunto (SVA): l attività consiste nell erogazione di servizi sia connessi all attività fieristica e congressuale sia destinati a clienti che operano in attività diverse ed esterne al settore fieristico. A tale settore di attività fanno capo le seguenti società: Nolostand ed Eurostands, che operano nel settore degli allestimenti; Fiera Food System, che opera nel settore catering e banqueting; Edizioni Fiera Milano, che opera nel settore dell editoria e della pubblicità; Expopage che opera nel settore internet; Italian System for Business, che gestisce l erogazione di servizi per eventi organizzati all estero nel sito Palazzo Italia di Berlino (in corso di approntamento); Eurofairs International Consultoria e Participações Ltda, che ha sede a San Paolo del Brasile e nella prima fase di attività fornisce unitamente alla Capogruppo consulenza per la realizzazione da parte di Feira Brasil del nuovo quartiere fieristico di San Paolo; - Organizzazione manifestazioni e congressi (OMC): l attività consiste nell organizzare e gestire manifestazioni fieristiche, convegni e congressi. A tale settore di attività fanno capo le seguenti società: Fiera Milano International, ExpoCTS, Fiera Milano Tech, TL.TI Expo, Rassegne, SIFA e Audiovisual Industry Promotion, che svolgono attività di organizzazione di manifestazioni fieristiche; Fiera Milano Congressi, che cura l organizzazione di convegni e congressi. Attualmente il Gruppo Fiera Milano non svolge attività significative all estero e pertanto al momento non viene adottato uno schema secondario di presentazione per area geografica. Nella tavola alla pagina seguente è riportata l articolazione del Gruppo Fiera Milano per settori di attività alla data del 31 dicembre Si rimanda, invece, all Allegato 1 per il quadro completo delle società incluse nell area di consolidamento. 4

5 Struttura del Gruppo (segue) Gruppo Fiera Milano Spazi e servizi correlati SSC Servizi a valore aggiunto SVA Organizzazione Manifestazioni e Congressi OMC 5

6 Note di commento sull andamento gestionale del 2 trimestre Premessa I risultati economici, patrimoniali e finanziari del Gruppo del 31 dicembre 2005 e dei periodi posti a confronto sono stati redatti secondo i principi IAS/IFRS e presentati sulla base dei criteri indicati nell Allegato 3D del Regolamento Emittenti Consob n del 14 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni. Risultati in sintesi e fatti rilevanti del trimestre Nel 2 trimestre dell esercizio il Gruppo Fiera Milano presenta ricavi e risultati nettamente migliori di quelli registrati nell analogo periodo dell esercizio precedente. I principali dati del Gruppo nel 2 trimestre, nonché quelli del progressivo al 31 dicembre 2005, sono riportati nella tabella che segue: Gruppo Fiera Milano Sintesi dei principali dati Esercizio (dati in migliaia di euro) 2 Trimestre 2 Trimestre Progressivo Progressivo 30/06/05 al 31/12/05 al 31/12/04 al 31/12/05 al 31/12/04 IFRS IFRS IFRS IFRS IFRS Ricavi delle vendite e delle prestazioni Margine operativo lordo (EBITDA) Risultato operativo netto (EBIT) ( 2.570) ( 2.453) ( 4.033) Risultato prima delle imposte: ( 2.256) ( 1.826) ( 3.468) di competenza del Gruppo ( 2.463) ( 2.235) ( 3.751) di competenza di Terzi Cash flow prima delle imposte del Gruppo e Terzi Capitale investito netto coperto con: Patrimonio netto di Gruppo * * * * Patrimonio netto di Terzi * * * * ( ) Posizione finanziaria netta (disponibilità) (a) ( ) ( ) ( ) ( ) Investimenti Dipendenti (n addetti a fine periodo) a) inclusi impieghi finanziari a breve (quota capitale), precedentemente classificati nel capitale di esercizio *) include risultato di periodo ante imposte Si ricorda che l attività del Gruppo presenta connotazioni di stagionalità di duplice natura: (i) maggiore concentrazione delle manifestazioni fieristiche nel secondo semestre dell esercizio; (ii) manifestazioni fieristiche a cadenza pluriennale. Peraltro, la quasi totale assenza di manifestazioni fieristiche nel corso dei mesi di luglio e agosto rende poco comparabili i risultati economico-patrimoniali del primo e del secondo semestre dell esercizio. Dato l andamento stagionale delle attività, i ricavi ed i risultati conseguiti nei singoli trimestri non sono rapportabili ad anno e presentano variazioni anche rilevanti tra un trimestre e l altro. Nel 2 trimestre è proseguita l attività di avvio del nuovo quartiere espositivo di Rho. Infatti, nei mesi di ottobre e novembre si sono tenute nel nuovo quartiere fieramilano due 6

7 importanti manifestazioni, di cui una direttamente organizzata dal Gruppo. In particolare, la controllata Expo CTS ha organizzato nel mese di ottobre la manifestazione HOST, nel settore dell accoglienza professionale, raggiungendo circa metri quadrati netti espositivi. Come già anticipato nella precedente relazione trimestrale ugualmente lusinghieri per questa manifestazione sono stati i risultati registrati in termini di affluenza di visitatori. Peraltro, anche la manifestazione svoltasi in novembre nel settore della moto è stata di grande successo tanto da essere annoverata come la più grande fiera al mondo del comparto. A metà del mese di dicembre sono poi iniziate le operazioni di trasloco degli uffici della Capogruppo nel nuovo Quartiere e pertanto dall inizio del 2006 la sede operativa ed amministrativa di Fiera Milano SpA è a Rho. Nel Quartiere urbano di fieramilanocity è invece confermata la sede legale della Società e la presenza di alcuni uffici per la gestione delle manifestazioni che continueranno a svolgersi nel Quartiere cittadino. In data 12 ottobre è stato sottoscritto da Fiera Milano SpA un accordo della durata di nove anni con Feira Brasil, i cui aspetti essenziali sono i seguenti: - Fiera Milano, attraverso la società brasiliana appositamente costituita, Eurofairs International Consultoria e Participações Ltda, fornisce consulenza per la realizzazione da parte di Feira Brasil della nuova fiera di San Paolo, la cui struttura immobiliare, unitamente alle infrastrutture ed accessi, dovrà essere ultimata entro il 31 dicembre 2006, mentre il nuovo quartiere sarà reso disponibile per ospitare manifestazioni entro il 30 giugno La consulenza riguarda, tra l altro, il supporto nell analisi del progetto preliminare, nella progettazione degli spazi interni e nell impostazione dei servizi espositivi e delle funzioni aziendali (marketing delle fiere, promozione, logistica, acquisti, servizi amministrativi, sistema informativo). La consulenza ha una durata di diciotto mesi per un corrispettivo di 1.500; - Fiera Milano e Feira Brasil, secondo un timing predefinito, collaboreranno -attraverso la costituzione di apposite società di diritto brasiliano- anche per l attività di organizzazione di manifestazioni e congressi e per la fornitura e gestione di servizi fieristici. Al riguardo sono state già definite idonee regole di corporate governance affinché i due partner possano al meglio contribuire allo sviluppo della joint venture. A fine dicembre, dopo aver espletato le attività previste, la Società Eurofairs International è divenuta pienamente operativa ed ha quindi richiesto il versamento del capitale sociale nella misura di R$. In data 21 novembre, Fiera Milano SpA e VeronaFiere hanno concluso un accordo che vede la collaborazione dei due quartieri fieristici nella gestione della manifestazione Transpotec & Logitec (Salone Internazionale delle Tecnologie dei Trasporti su strada, dei Servizi Intermodali e della Logistica). Secondo gli accordi raggiunti, l attuale socio di minoranza e fondatore della manifestazione, cede a VeronaFiere il 25% di TL.TI Expo, a valere sulla quota del 40% che detiene attualmente, e le parti rinunciano ad ogni diritto nell ambito della controversia derivante dal trasferimento di Transpotec & Logitec da Verona a Milano. Al tempo stesso Fiera Milano SpA consente al socio di minoranza di anticipare, rispetto al secondo semestre del 2007, l esercizio della opzione call prevista negli accordi del dicembre 2004, su una quota del 9% del capitale di TL.TI Expo. Grazie all esercizio anticipato dell opzione la quota del socio di minoranza in TL.TI Expo si attesta al 24% mentre il restante 51% resta in portafoglio a Fiera Milano Tech, controllata di Fiera Milano che aveva rilevato il pacchetto di maggioranza. E in corso di stesura un nuovo patto parasociale, che disciplina sia le modalità operative con cui i tre soci gestiranno le iniziative nei settori dei veicoli commerciali e industriali, della logistica e delle macchine movimento terra da cantiere, sia le regole di governance di TL.TI Expo, tra cui la definizione della composizione degli organi sociali ed il loro funzionamento. 7

8 La manifestazione Transpotec & Logitec è da subito commercializzata anche con il coinvolgimento di VeronaFiere e a partire dalla terza edizione la segreteria organizzativa della mostra sarà svolta a condizioni di mercato da VeronaFiere, presso il quartiere di Fiera Milano. Infine, nell accordo è prevista un opzione put a favore di VeronaFiere ed un opzione call a favore di Fiera Milano, a condizioni predefinite, nell ipotesi di disaccordo su alcuni specifici temi riguardanti i rapporti tra Soci. L accordo ha una durata di cinque anni ed è rinnovabile automaticamente di eguali periodi, salvo disdetta da comunicare con sei mesi di preavviso. In data 21 dicembre, il Consiglio di amministrazione della controllata Edizioni Fiera Milano ha deliberato in merito alla concessione in esclusiva per la vendita degli spazi pubblicitari sulle testate periodiche edite dalla Alberto Greco Editore (Mondo Legno, Serramenti & Falegnameria, Habitat Ufficio). Tali testate hanno realizzato nell ultimo anno una raccolta pubblicitaria di circa 500. Con tale contratto di concessione Edizioni Fiera Milano ha ulteriormente messo a frutto la propria rete di vendita ed ha accresciuto le sinergie nel settore edilizio di particolare interesse per il Gruppo. La durata del contratto è di quattro anni. Alla scadenza del contratto e al verificarsi di determinate condizioni è prevista una duplice opzione a favore di Edizioni Fiera Milano e cioè di rinnovo automatico per un ulteriore biennio o, in alternativa, la facoltà di procedere all acquisto delle testate ad un prezzo prestabilito. In data 23 dicembre, è stato siglato un accordo tra Fiera Milano Congressi e Villa Erba SpA per l affidamento a Fiera Milano Congressi della gestione esclusiva del ramo d azienda congressi ed eventi dalla società Villa Erba. Il contratto di affitto ha una durata di 6 anni con possibilità di rinnovo. Con questa operazione Fiera Milano Congressi ha inteso accrescere la propria gamma di servizi offerti, valorizzando il compendio immobiliare di Villa Erba che può ospitare eventi congressuali di elevata qualità. Il ramo d azienda comprende 5 persone e nel 2005 ha realizzato ricavi per circa E previsto un diritto di prelazione per l acquisto dell azienda da parte di Fiera Milano Congressi in caso di cessione dello stesso da parte di Villa Erba. In data 28 ottobre si è svolta l Assemblea ordinaria e straordinaria della Capogruppo Fiera Milano SpA. L Assemblea in sede ordinaria ha deliberato: di approvare il bilancio al 30 giugno 2005 e con esso gli obiettivi per il corrente esercizio, che indicano Ricavi delle vendite e delle prestazioni consolidati non inferiori a e Margine Operativo Lordo (EBITDA) consolidato di almeno ; di distribuire un dividendo di 0,30 per azione, per un importo complessivo di , con data di stacco cedola al 7 novembre 2005 e messa in pagamento il 10 novembre 2005; di riconoscere alla Deloitte & Touche un corrispettivo di 68 per l attività di revisione da svolgere a seguito dell applicazione dei nuovi principi contabili IAS/IFRS; di conferire l incarico di revisione per gli esercizi , e alla Società PricewaterhouseCoopers; di autorizzare l acquisto e la disposizione di azioni proprie della Società, ai sensi e per gli effetti dell art codice civile. L Assemblea in sede straordinaria ha deliberato: di attribuire al Consiglio di Amministrazione la facoltà di aumentare in una o più volte, a pagamento ed in forma scindibile, il capitale sociale per massimi nominali 1.000, con esclusione del diritto di opzione, a servizio di un nuovo Piano di stock options per il triennio ; 8

9 di dare mandato al Consiglio di Amministrazione di approvare il Regolamento che disciplinerà il suddetto Piano di stock options e di individuare i beneficiari. Con riferimento a questo ultimo punto, il Comitato per la remunerazione di Fiera Milano SpA, in data 16 dicembre 2005, ha dato avvio all iter per la identificazione dei beneficiari, stilando una proposta in tal senso per il Consiglio di Amministrazione. In particolare, il Comitato per la remunerazione ha individuato 43 beneficiari del Piano, tra dirigenti ed amministratori delegati del Gruppo Fiera Milano e della Controllante Fondazione. In data 12 dicembre, sono scaduti per decorso dei termini gli Accordi di lock up aventi ad oggetto azioni ordinarie Fiera Milano, pari al 6,59% dell attuale capitale sociale, sottoscritti in sede di offerta pubblica di vendita e sottoscrizione tra Fiera Milano, la controllante Fondazione Fiera Milano, 19 soggetti organizzatori di manifestazioni fieristiche e Camera di Commercio di Milano. Come pure indicato nel Prospetto Informativo, per effetto della scadenza dei suddetti Accordi, le azioni sono divenute disponibili dal 13 dicembre Sono in corso le verifiche e gli adempimenti per l assegnazione da parte della controllante Fondazione delle azioni gratuite, nel rapporto di 1 a 10 per la Camera di Commercio e di 1 a 1 per gli Organizzatori. Le azioni gratuite spettanti agli Organizzatori saranno oggetto di nuovi accordi di lock up, della durata di tre anni e di contenuto analogo ai precedenti. Nel 2 trimestre dell esercizio, Fiera Milano SpA, in base all apposita delibera dell Assemblea del 28 ottobre 2005, ha acquistato sul mercato n azioni proprie al prezzo medio di 8,94, di cui sono state vendute al prezzo medio di 9,16. Passando ad esaminare più in dettaglio i dati del 2 trimestre, si rilevano i seguenti principali andamenti: i ricavi delle vendite e delle prestazioni ammontano a rispetto a del trimestre del precedente esercizio e presentano un incremento del 25,8%. A parità di area di consolidamento, i ricavi sono pari a ; la differenza di 151 è attribuibile alla società brasiliana Eurofairs International consolidata per la prima volta in questo trimestre; l EBITDA (margine operativo lordo) è positivo per rispetto a 112 del corrispondente trimestre dell esercizio precedente. Tale risultato è stato ottenuto grazie al buon esito delle manifestazioni che si sono svolte nel periodo, che hanno beneficiato dell apprezzamento riscosso dal nuovo polo espositivo di Rho da parte della clientela. In particolare, effetti significativamente positivi si sono riscontrati, come detto, per la manifestazione biennale Host, organizzata direttamente dal Gruppo attraverso la società ExpoCTS; il risultato operativo netto (EBIT) è di rispetto al dato negativo di euro del trimestre dell esercizio precedente, principalmente in conseguenza del citato miglioramento del MOL; la gestione finanziaria registra un saldo di 431 rispetto al saldo di 314 del corrispondente periodo dell esercizio precedente; il risultato prima delle imposte è di (rispetto a euro del 2 trimestre ), di cui di competenza del Gruppo ( euro) e di competenza di Terzi ( 207 euro); infine, il cash flow totale (calcolato come risultato prima delle imposte più ammortamenti ed accantonamenti) si attesta nel trimestre a rispetto a 426 dello stesso periodo dell esercizio precedente. 9

10 Posizione finanziaria netta La posizione finanziaria netta del Gruppo e la relativa composizione è riportata nella tabella che segue. L introduzione dei nuovi principi contabili IFRS ha consentito di includere nella posizione finanziaria netta anche gli impieghi di tesoreria a breve precedentemente classificati nel capitale di esercizio. Al riguardo, si ricorda che tali impieghi ammontano -in quota capitale- a per il totale Gruppo. Posizione Finanziaria Netta Consolidata (*) Esercizio 1 Trimestre (dati in migliaia di euro) 2 Trimestre al 30/06/05 al 30/09/05 al 31/12/05 IFRS IFRS IFRS Disponibilità liquide e mezzi equivalenti (25.963) (48.228) Debiti verso banche ed altri finanziatori (30.432) Crediti (Debiti) finanziari verso controllante Altri Crediti (Debiti) finanziari correnti (*) Crediti (Debiti) finanziari correnti Posizione Finanziara Netta a breve (24.928) (24.883) Crediti (Debiti) finanziari non correnti (26.112) Posizione Finanziaria Netta (*) Include gli impieghi finanziari a breve precedentemente classificati nel Capitale d'esercizio Tenuto conto di quanto sopra specificato, al 31 dicembre 2005 la posizione finanziaria netta si presenta positiva per rispetto a del 30 settembre 2005, con un decremento di riconducibile alle variazioni di seguito indicate. Le disponibilità liquide e mezzi equivalenti del Gruppo, pari ad al 31 dicembre 2005, presentano una significativa diminuzione rispetto al dato di al 30 settembre 2005 principalmente dovuta sia al pagamento dei dividendi distribuiti dal Gruppo sia agli investimenti effettuati per il nuovo Polo fieristico. I debiti verso banche ed altri finanziatori correnti per , oltre ai normali finanziamenti a breve, includono le rate scadenti nei dodici mesi dei finanziamenti a medio termine della Capogruppo e delle controllate Nolostand, Eurostands, Fiera Milano Tech e Fiera Milano Congressi. Il sensibile miglioramento è riconducibile principalmente all estinzione di un finanziamento a breve temporaneamente acceso dalla Capogruppo nel trimestre precedente. Gli altri crediti/(debiti) finanziari correnti, pari a ( al 30 settembre 2005), si riferiscono agli impieghi di tesoreria a breve effettuati con primarie Compagnie assicurative e l incremento di questa voce è ascrivibile alla capitalizzazione degli interessi maturati nel trimestre; I crediti finanziari verso la Controllante per 584 riflettono il saldo del c/c di corrispondenza intrattenuto con Fondazione e regolato a tasso di mercato. I (crediti)/debiti finanziari non correnti, pari a ( al 30 settembre 2005), si incrementano principalmente per effetto di un ulteriore finanziamento acceso da Fiera Milano Congressi per finanziare la ristrutturazione anche dei primi due piani del padiglione adibito a centro congressi nel polo cittadino. 10

11 Andamento per settori di attività I principali dati di sintesi relativi ai tre settori di attività del Gruppo sono analizzati nella tabella che segue. Dati di sintesi per settori di attività Esercizio (dati in migliaia di euro) 2 Trimestre 2 Trimestre Progressivo Progressivo al 30/06/05 al 31/12/05 al 31/12/04 al 31/12/05 al 31/12/04 IFRS Ricavi vendite e prestazioni IFRS IFRS IFRS IFRS ,1. Spazi e servizi correlati , , , , ,7. Servizi a valore aggiunto , , , , ,2. Organizzazione manifestazioni e congressi , , , , Totale Ricavi vendite e prestazioni (69.128). Elisioni per scambi tra settori (23.348) (13.049) (37.788) (27.014) Totale Ricavi vendite e prestazioni Margine operativo lordo (EBITDA) Spazi e servizi correlati (2.858) ,6% % sui ricavi 0,8% (10,2%) (4,5%) (4,2%) Servizi a valore aggiunto ,3% % sui ricavi 4,9% 9,8% 0,6% 6,2% Organizzazione manifestazioni e congressi ,7% % sui ricavi 15,7% 1,8% 9,6% 2,0% Totale Margine operativo lordo ,0% % sui ricavi 9,5% 0,2% 2,4% 0,9% Risultato operativo (EBIT) Spazi e servizi correlati (391) (3.685) (4.252) (3.711) 6,9% % sui ricavi (1,0%) (13,1%) (6,7%) (7,0%) Servizi a valore aggiunto (277) (2.862) ,9% % sui ricavi (1,0%) 4,9% (6,3%) (0,5%) Organizzazione manifestazioni e congressi (178) (137) 9,4% % sui ricavi 14,3% (0,8%) 7,9% (0,3%) Totale Risultato operativo (2.570) (2.453) (4.033) 8,4% % sui ricavi 5,9% (4,1%) (1,9%) (3,7%) Dipendenti (n addetti a fine trimestre) 354. Spazi e servizi correlati Servizi a valore aggiunto Organizzazione manifestazioni e congressi Totale Dipendenti

12 I ricavi delle vendite e delle prestazioni, al lordo delle elisioni per scambi tra i tre settori di attività del Gruppo, sono pari a con un incremento rispetto all analogo periodo dell esercizio precedente del 34,9%. Si ripartiscono per settori di attività come segue: 37,6% Spazi e servizi correlati; 25,9% Servizi a valore aggiunto; 36,5% Organizzazione manifestazioni e congressi. I ricavi per Spazi e servizi correlati si riferiscono alla Capogruppo ed ammontano a , con un incremento del 36,7% rispetto all esercizio precedente. Tale incremento è strettamente connesso all aumento di oltre il 46% registrato per i metri quadrati netti espositivi venduti per le manifestazioni che si sono svolte nei due quartieri fieramilanocity e fieramilano nel trimestre in esame. In particolare, nel nuovo quartiere fieramilano si sono tenute le manifestazioni Eicma Moto, divenuta a cadenza annuale, e la biennale Host. In particolare per quanto riguarda la manifestazione Eicma Moto, l organizzatore ha deciso di rendere annuale l appuntamento del Salone di Milano quale punto di riferimento per il mercato mondiale della Moto. Inoltre, la disponibilità di maggiori aree esterne ha arricchito la manifestazione con aree dimostrative ed eventi. I ricavi per Servizi a valore aggiunto si riferiscono alle società di servizi presenti nel Gruppo ed ammontano nel 2 trimestre a , sostanzialmente in linea rispetto al dato dell analogo periodo dell esercizio precedente. I ricavi del settore Organizzazione Manifestazioni e Congressi ammontano a con un incremento del 75,6% rispetto all analogo periodo dell esercizio precedente. Tali ricavi riguardano per l 89% l organizzazione di manifestazioni, mentre la restante quota è attribuibile all attività congressuale. Nel trimestre in commento, il Gruppo ha organizzato 10 manifestazioni, per un totale di metri quadrati netti espositivi venduti, pari ad oltre il 39% del totale dei metri quadrati ospitati nei due quartieri. La manifestazione biennale Host, organizzata dal Gruppo presso il quartiere fieramilano, ha segnato un incremento del 23% della superficie venduta rispetto a quella della precedente edizione, con risultati superiori alle aspettative. Il restante 11% dei ricavi del settore Organizzazione Manifestazioni e Congressi è attribuibile alla società Fiera Milano Congressi, che gestisce l attività convegnistica del Gruppo. Tra gli eventi di rilievo che si sono svolti nel centro congressi del quartiere fieramilanocity, durante il trimestre, si segnalano -in particolare- i convegni Eurailspeed e Oftalmologia. I ricavi totali, al netto delle elisioni per scambi tra settori di attività, ammontano a con un incremento rispetto al secondo trimestre dell esercizio del 25,8%, per gli effetti sopra commentati. Il Margine Operativo Lordo, pari a per il totale Gruppo, è riconducibile per circa il 78% al settore Organizzazione Manifestazioni e Convegni. Il MOL del settore Spazi e servizi correlati, che include la Capogruppo Fiera Milano SpA, pesa per circa il 4% sul totale. Infatti, nel trimestre in commento, il MOL di questo settore è di 322 rispetto al dato negativo pari a euro del 2 trimestre Come per il 1 trimestre dell esercizio, il MOL della Capogruppo è stato influenzato dai costi relativi all affitto del polo urbano, dai costi straordinari per l approntamento del nuovo quartiere fieristico, dagli interventi sul quartiere urbano propedeutici allo smantellamento della parte destinata alla dismissione, dai costi di personale. Per l affitto, si ricorda che lo scorso esercizio, in quanto anno dispari, aveva beneficiato della riduzione del canone, concordata con la controllante Fondazione, per circa 2.700, da restituire nell esercizio successivo, in quanto anno pari. Pertanto, la variazione attribuibile a tale componente è di circa

13 Per l approntamento del nuovo quartiere, la Capogruppo ha sostenuto nel periodo costi non ricorrenti sia per la gestione contemporanea dei due quartieri sia per lavori di ultimazione, preparazione e collaudi, necessari per rendere operativo il sito. In particolare, extra costi si sono registrati, nelle aree pulizia, vigilanza, consumi energetici, traslochi per un totale di oltre Infine, per i costi del personale la variazione di circa 780 è l effetto di una serie di concause, tra cui le principali sono: effetto trascinamento degli aumenti contrattuali scattati alla fine dell esercizio precedente, nuove assunzioni per far fronte alla gestione dei due siti, maggiori oneri per lavoro straordinario per il rispetto dei tempi di avvio del polo di Rho. Per quanto riguarda l area Servizi a valore aggiunto, il MOL risulta pari a pari al 17% del totale, in decremento rispetto a dell analogo trimestre La riduzione riguarda pressoché integralmente la controllata Nolostand, la cui marginalità nel 2 trimestre dell esercizio corrente si è significativamente ridotta principalmente per costi di primo impianto (prototipi, campionature, prove e collaudi) per il rinnovo degli allestimenti di alcune delle più importanti manifestazioni preallestite storicamente incluse nel portafoglio clienti della Società. In ultimo, il MOL risultante dall area Organizzazione Manifestazioni e Congressi è di rispetto ad 385 dell analogo periodo dell esercizio precedente. La variazione è sostanzialmente attribuibile alla manifestazione biennale Host. Infine, l EBIT dei tre settori e le relative variazioni rispetto al 2 trimestre dello scorso esercizio sono conseguenza dei livelli di MOL registrati nel trimestre in commento. Nel 2 trimestre 2005/2006 si sono svolte nei due Quartieri fieristici di fieramilano e fieramilanocity 23 manifestazioni e 5 eventi convegnistici con annessa area espositiva. I metri quadrati netti espositivi occupati sono stati , con la partecipazione di espositori, di cui il 21% esteri. I metri quadrati occupati dalle manifestazioni a cadenza annuale segnano un incremento pari a circa il 22%. La crescita dei metri quadrati per le manifestazioni a cadenza biennale è stata del 48% rispetto all analogo periodo dell esercizio precedente, tenuto conto che le manifestazioni biennali in anno pari occupano aree significativamente più ampie delle manifestazioni biennali in anno dispari. Il dettaglio delle manifestazioni è riportato nella tabella alla pagina che segue. 13

14 Gruppo Fiera Milano Portafoglio Manifestazioni (inclusi congressi con area espositiva) Manifestazioni annuali: Metri quadrati netti espositivi N espositori Trimestre Trimestre Trimestre Trimestre Trimestre Trimestre al 31/12/05 al 31/12/04 al 31/12/03 al 31/12/05 al 31/12/04 al 31/12/03 Direttamente organizzate - Visual communication Mifed Chibimart Milanovendemoda Expotrade (Franchising & Partnership) Antiquaria Stock e Volume La mia casa Totale annuali direttamente organizzate Ospitate - Smau Ibts Expo dei sapori Milano Moda Donna Artigiano in fiera Modaprima Expodental Mosan Vision Hair & Fashion (Milano moda e bellezza) Salone del Libro Usato Futurshow a) Eicma Moto e) e) - - Eventi Congressuali con annessa area espositiva Totale annuali ospitate Totale Manifestazioni annuali: Manifestazioni biennali: Direttamente organizzate - Lift a) a) a) 150 a) - Ikme b) b) 85 - Host b) b) Rich & Mac b) b) Sicurezza a) a) a) 380 a) Totale biennali organizzate Ospitate - Enovitis b) b) Simei b) b) Vitrum Sfortec a) a) a) 90 a) - Bimu a) a) a) a) - Bimec c) 190 c) Totale biennali ospitate Totale Manifestazioni biennali: Manifestazioni pluriennali/iniziative varie: Direttamente organizzate Totale pluriennali direttamente organizzate Ospitate - Samab d) d) Emo d) d) Totale pluriennali ospitate Totale Manifestazioni pluriennali: TOTALE MANIFESTAZIONI a) Manifestazioni biennali anni dispari b) Manifestazioni biennali anni pari c) La manifestazione si è svolta per la prima volta nel Quartiere Milanese d) Manifestazioni a cadenza pluriennale e) La manifestazione è divenuta a cadenza annuale 14

15 Dipendenti del Gruppo Al 31 dicembre 2005 i dipendenti del Gruppo sono 765. Dipendenti del Gruppo a fine periodo (n unità) Esercizio 1 Trimestre 2 Trimestre 2 Trimestre al 30/6/05 al 30/09/05 al 31/12/05 al 31/12/ Dirigenti Quadri e Impiegati Operai Totale di cui Personale con contratto a termine Rispetto al 30 settembre 2005, l incremento netto di 17 unità è il saldo tra entrate per 30 unità ed uscite per 13 addetti, nell ambito del normale turn-over del personale. I dati indicati nella tabella includono gli addetti con contratto a tempo determinato, che al 31 dicembre 2005 sono 55, rispetto ai 48 del 30 settembre 2005 ed ai 18 del 31 dicembre 2004; il ricorso a contratti a tempo determinato riflette l obiettivo di mantenere, per quanto possibile, flessibilità nei costi in modo da poterli in parte modulare in funzione dell andamento e della stagionalità delle attività. Il maggior incremento di addetti (11 unità) si rileva nell area Organizzazione Manifestazioni e Congressi per effetto delle maggiori attività in relazione anche alla presenza a calendario di eventi di rilevante importanza. 15

16 Fatti di rilievo successivi alla chiusura del trimestre In data 16 gennaio 2006, il Consiglio di Amministrazione di Fiera Milano SpA ha dato attuazione alla delibera dell Assemblea del 28 ottobre 2005 per quanto attiene alla adozione del Piano di stock options ed ha approvato: il Regolamento del Piano, che riflette le linee guida approvate dall Assemblea; la lista dei Beneficiari ed il numero di opzioni da assegnare a ciascuno di essi, tenuto anche conto di quanto proposto dal Comitato per la Remunerazione, per un totale di opzioni assegnate; il prezzo unitario per l esercizio delle opzioni, determinato in 8,99; la Relazione ex art del codice civile relativa all esecuzione di una prima tranche per 700 dell aumento del capitale sociale al servizio del Piano. Il 13 febbraio 2006, il Consiglio di Amministrazione ha poi deliberato, in seduta per atto pubblico alla presenza di un notaio, l aumento di capitale sociale per un massimo di nominali 700, con esclusione del diritto di opzione ai sensi dell'articolo 2441, quinto ed ottavo comma, del codice civile mediante emissione di massime numero azioni ordinarie del valore nominale di 1 euro ciascuna. Prevedibile evoluzione della gestione I risultati conseguiti nei primi due trimestri dell esercizio hanno confermato le aspettative ed anche le manifestazioni che già si sono svolte nel terzo trimestre stanno confermando nel complesso le attese. Negli ultimi mesi si è riscontrato un significativo aumento dei costi energetici in relazione alle turbolenze che si sono avute a livello mondiale per il prezzo del petrolio e per il gas. Allo stato, i maggiori costi energetici stanno trovando compensazione nel miglioramento dei margini di alcune principali manifestazioni e pertanto si ritiene che gli obiettivi annui di Ricavi e MOL consolidati, sopra richiamati, possano tuttora trovare conferma, a meno del verificarsi di fatti straordinari al di fuori del controllo del Gruppo. 16

17 Criteri di redazione La Relazione Trimestrale è stata preparata in conformità ai principi contabili internazionali IAS/IFRS ed è stata redatta in osservanza di quanto previsto dall art. 82 e dell art. 82-bis del Regolamento Emittenti Consob n del 14 maggio 1999 e successive modifiche. In base al citato art. 82 il contenuto della Relazione Trimestrale segue le indicazioni dell Allegato 3D del Regolamento Emittenti in tema di criteri di redazione, contenuto e forma e note di commento. La presente Relazione pertanto non è stata predisposta secondo quanto indicato dal principio contabile internazionale IAS 34 Bilanci intermedi concernente l informativa finanziaria infrannuale. I prospetti contabili consolidati sono stati preparati sulla base delle situazioni contabili al 31 dicembre 2005 predisposte dalle società del gruppo consolidate, rettificate, ove necessario, al fine di allineare le stesse ai criteri di riclassificazione ed ai principi contabili del Gruppo conformi agli IAS/IFRS. Tutti i dati di raffronto dei periodi precedenti sono stati rielaborati secondo i principi IAS/IFRS. Tenuto conto che la presente Relazione è la seconda elaborata secondo i nuovi principi contabili, si ritiene opportuno ricordare le principali opzioni prescelte dal Gruppo Fiera Milano. In sede di prima applicazione dei principi contabili internazionali il Gruppo si è avvalso della facoltà concessa dall IFRS 1 di evitare l applicazione retrospettiva del principio contabile internazionale IFRS 3 Aggregazioni aziendali alle operazioni di acquisizione avvenute in data antecedente alla data di transizione ai principi contabili internazionali (1 luglio 2004). Nella transizione ai nuovi principi il Gruppo ha applicato anche il principio IFRS 2 Pagamenti in azioni ed i principi IAS 32 Strumenti finanziari: esposizione nel bilancio e informazioni integrative e IAS 39 Strumenti finanziari: rilevazione e valutazione già nella redazione del bilancio comparativo dell esercizio 2004/2005. A tale proposito nella valutazione delle polizze assicurative a capitalizzazione detenute dal Gruppo ed esposte nelle attività finanziarie correnti, è stata utilizzata la fair value option con conseguente classificazione ai sensi dello IAS 39 delle polizze come attività finanziarie valutate a fair value con rilevazione a conto economico, anche se non possedute a fini di negoziazione. Relativamente agli IAS/IFRS che consentono opzioni nella loro applicazione sono di seguito rappresentate le principali scelte operate dal Gruppo: IAS 1 Presentazione del bilancio Per lo stato patrimoniale sono esposte separatamente le attività correnti e non correnti e le passività correnti e non correnti. Per il conto economico la presentazione delle voci di costo è effettuata in base alla natura delle stesse. Per il rendiconto finanziario è utilizzato il metodo indiretto e vengono evidenziate le variazioni nel periodo delle disponibilità liquide e mezzi equivalenti. IAS 2 Rimanenze Il costo delle rimanenze di materie prime, sussidiarie e di consumo è determinato utilizzando il metodo FIFO (First In First Out) anziché il costo medio ponderato. IAS 14 Informativa di settore Lo schema primario di informativa settoriale è basato sui settori di attività mentre quello secondario è basato sull area geografica. IAS 16 Immobili, impianti e macchinari La valutazione successiva alla prima iscrizione contabile è effettuata in base al metodo del 17

18 costo. IAS 19 Benefici per i dipendenti Eventuali utili e perdite derivanti da modifiche delle ipotesi attuariali sono immediatamente rilevati a conto economico, senza ricorrere al metodo del corridoio, che consente di ammortizzare gli scarti attuariali che eccedono il 10% del valore attuale dell obbligazione da programmi a benefici definiti. IAS 31 Informazioni contabili relative alle partecipazioni in joint venture Il criterio di contabilizzazione ed esposizione scelto è il consolidamento proporzionale, anziché il metodo del patrimonio netto. La Relazione Trimestrale è predisposta secondo i principi ed i criteri contabili che saranno adottati per la redazione dei conti annuali consolidati per la prima volta a partire dall esercizio in corso, in quanto compatibili. Si segnala che le procedure di stima adottate per la redazione della Relazione Trimestrale sono sostanzialmente analoghe a quelle normalmente adottate nella redazione dei conti annuali consolidati. L'elenco delle società incluse nell'area di consolidamento al 31 dicembre 2005 è riportato nell'allegato 1. L'area di consolidamento è variata rispetto al 30 settembre 2005 per l ingresso della società brasiliana Eurofairs International Consultoria e Participações Ltda. I risultati economici infrannuali vengono presentati al lordo delle imposte, così come consentito dalla normativa CONSOB in materia. 18

19 Prospetti Contabili 19

20 Conto Economico Consolidato Riclassificato (dati in migliaia di euro) Esercizio 2 Trimestre 2 Trimestre al 30/06/05 al 31/12/05 al 31/12/04 IFRS IFRS IFRS % % % Ricavi delle vendite e delle prestazioni ,3 Costi per materiali , , ,8 Costi per servizi , , ,2 Costi per godimento di beni di terzi , , ,3 Costi del personale , , ,7 Altre spese operative , , ,4 Totale costi operativi , , ,4 Proventi diversi , , ,0 Margine operativo lordo (EBITDA) , , ,1 Ammortamenti , , ,6 Svalutazione dei crediti e altri accantonamenti 15 0, ,4 0 0,0 Rettifiche di valore di attività 0 0,0 0 0, ,4 Risultato operativo netto (EBIT) ,9 (2.570) (4,1) ,4 Proventi (Oneri) finanziari 431 0, ,5 0 0,0 Risultato delle società valutate a patrimonio netto 0 0,0 1 0, ,8 Risultato prima delle imposte: ,5 (2.256) (3,6) ,6 - di competenza del Gruppo ,0 (2.463) (3,9) ,2 - di competenza di Terzi , , ,4 Cash flow prima delle imposte del Gruppo e di Terzi , ,7 20

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013 COMUNICATO STAMPA Milano, 28 aprile 2015 SAES Group: l Assemblea approva il bilancio 2014 Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

TXT e-solutions Group. Resoconto intermedio di gestione

TXT e-solutions Group. Resoconto intermedio di gestione TXT e-solutions Group Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015 TXT e-solutions S.p.A. Sede legale, direzione e amministrazione: Via Frigia, 27 20126 Milano Capitale sociale: Euro 5.911.932 interamente

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Allegato A) deliberazione nr.14 d.d. 28.04.2015 APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Il Presidente

Dettagli

Le quote di emissione di gas ad effetto serra

Le quote di emissione di gas ad effetto serra OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Le quote di emissione di gas ad effetto serra Febbraio 2013 Copyright OIC Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC)

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO ACEA

BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO ACEA 2013 BILANCIO DI ACEA SPA BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO ACEA 2013 BILANCIO DI ACEA SPA BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO ACEA INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE MODELLO ORGANIZZATIVO DI ACEA 8 ORGANI SOCIALI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli