Le dichiarazioni di immediata disponibilità al lavoro in provincia di Varese

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le dichiarazioni di immediata disponibilità al lavoro in provincia di Varese"

Transcript

1 Le dichiarazioni di immediata disponibilità al lavoro in provincia di Varese Anno 2016 IV trimestre febbraio 2017

2 Indice AVVIAMENTI Per tipologia di contratto pag. 1 Per tipologia di contratto e modalità di lavoro pag. 2 Per Centri Impiego della sede aziendale pag. 3 Per settore d'attività pag. 4 Per classi d'età e tipologia contratto pag. 7 CESSAZIONI Per tipologia di contratto pag. 8 Per tipologia di contratto e modalità di lavoro pag. 9 Per Centri Impiego della sede aziendale pag. 10 Per settore d'attività pag. 11 Per classi d'età e tipologia contratto pag. 14 LAVORATORI AVVIATI Per cittadinanza pag. 15 Per fasce d' età pag. 15 LAVORATORI CESSATI Per cittadinanza pag. 16 Per fasce d' età pag. 16

3 Nota: Il 10 gennaio 2013 sono entrati in vigore i nuovi standard tecnici del sistema Sintesi, che prevedono delle modifiche nei dizionari delle tipologie contrattuali presenti nelle Comunicazioni Obbligatorie. In particolare scompaiono le seguenti tipologie: apprendistato di alta formazione e ricerca per lavoratori in mobilità apprendistato per la qualifica professionale e per il diploma professionale per lavoratori in mobilità apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere per lavoratori in mobilità apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere per lavoratori stagionali associazione in partecipazione a tempo determinato associazione in partecipazione a tempo indeterminato contratto di agenzia a tempo determinato contratto di agenzia a tempo indeterminato contratto di inserimento lavorativo lavoro a domicilio a tempo determinato lavoro a domicilio a tempo indeterminato lavoro dipendente nella p.a. a tempo determinato lavoro dipendente nella p.a. a tempo indeterminato lavoro domestico a tempo determinato lavoro domestico a tempo indeterminato lavoro interinale (o a scopo di somministrazione) a tempo determinato lavoro interinale (o a scopo di somministrazione) a tempo indeterminato lavoro intermittente a tempo indeterminato lavoro intermittente a tempo determinato lavoro marittimo a tempo determinato lavoro marittimo a tempo indeterminato lavoro nello spettacolo a tempo determinato lavoro nello spettacolo a tempo indeterminato lavoro ripartito a tempo determinato lavoro ripartito a tempo indeterminato. Vengono invece introdotte le seguenti nuove tipologie: associazione in partecipazione contratto di agenzia lavoro a domicilio lavoro domestico lavoro intermittente lavoro ripartito. Le tabelle che seguono sono state quindi modificate rispetto ai report pubblicati in precedenza per tenere conto di questi cambiamenti. Nello specifico: è stata esplicitata la tipologia "lavoro domestico" è stata eliminata la suddivisione tra lavoro intermittente a tempo determinato e a tempo indeterminato è stata inserita la categoria "Altre tipologie" in cui sono contenuti i dati relativi alle tipologie "associazione in partecipazione, contratto di agenzia, lavoro a domicilio, lavoro ripartito" Sono inoltre state riscontrate delle anomalie nei dati relativi alle cessazioni per classi d'età e tipologia contratto che hanno reso necessaria l'introduzione di una nuova modalità di estrazione. I dati presenti in questo documento a pagina 14 non sono quindi comparabili con quanto pubblicato in riferimento a periodi antecedenti.

4 AVVIAMENTI Avviamenti per tipologia di contratto Rapporto di lavoro M F Totali Apprendistato 419 3, , ,89 Lavoro a tempo determinato , , ,55 di cui avviamenti somministrati Lavoro a tempo indeterminato , , ,51 di cui avviamenti somministrati Lavoro domestico 127 0, , ,67 Lavoro intermittente 585 4, , ,64 Lavoro o attività socialmente utile (LSU - ASU) 96 0, , ,61 Parasubordinato 359 2, , ,06 Altre tipologie 7 0,05 9 0, ,06 Totali Percentuali 47,28 52, Di cui con durata rapporto >= 1 giorno e <= 2 giorni Rapporto di lavoro M F Totali Apprendistato 1 0,06-1 0,02 Lavoro a tempo determinato , , ,48 Lavoro a tempo indeterminato 8 0,45 3 0, ,26 Lavoro domestico - 3 0,12 3 0,07 Lavoro intermittente Lavoro o attività socialmente utile (LSU - ASU) - 1 0,04 1 0,02 Parasubordinato 1 0,06 5 0,20 6 0,14 Altre tipologie Totali Percentuali 41,63 58,37 100

5 Avviamenti per tipologia di contratto e modalità di lavoro Maschi Rapporto di lavoro Full-time Part-Time Non definito Totali Apprendistato 323 4, , ,27 Lavoro a tempo determinato , , ,17 Lavoro a tempo indeterminato , , , ,39 Lavoro domestico 31 0, , ,99 Lavoro intermittente 36 0,46 3 0, , ,57 Lavoro o attività soc. utile 3 0, , , ,75 Parasubordinato 42 0,53 2 0, , ,80 Altre tipologie 4 0,05-3 0,34 7 0,05 Totali Percentuali 56,40 37,03 39,76 2 Femmine Rapporto di lavoro Full-time Part-Time Non definito Totali Apprendistato 209 3, , ,55 Lavoro a tempo determinato , , ,89 Lavoro a tempo indeterminato , ,49 5 0, ,04 Lavoro domestico 256 4, , ,08 Lavoro intermittente 30 0,49 4 0, , ,61 Lavoro o attività soc. utile 5 0, ,85 7 0, ,49 Parasubordinato 33 0,54 8 0, , ,29 Altre tipologie 3 0,05 1 0,01 5 0,37 9 0,06 Totali Percentuali 43,60 62,97 60,24 Maschi & Femmine Rapporto di lavoro Full-time Part-Time Non definito Totali Apprendistato 532 3, , ,89 Lavoro a tempo determinato , , ,55 Lavoro a tempo indeterminato , , , ,51 Lavoro domestico 287 2, , ,67 Lavoro intermittente 66 0,47 7 0, , ,64 Lavoro o attività soc. utile 8 0, , , ,61 Parasubordinato 75 0, , , ,06 Altre tipologie 7 0,05 1 0,01 8 0, ,06 Totali Percentuali 51,72 39,97 8,31 100

6 Avviamenti per Centri Impiego della sede aziendale Centro Impiego M F Totali Busto Arsizio , , ,09 Gallarate , , ,51 Laveno Mombello 851 6, , ,66 Luino 411 3, , ,78 Saronno , , ,15 Sesto Calende 520 4, , ,59 Tradate 783 6, , ,07 Varese , , ,14 Totali Percentuali 47,28 52,

7 Avviamenti per settore d'attività* Settore d'attività M F Totali A Agricoltura, silvicoltura e pesca 111 0, , ,62 B Estrazione di minerali da cave e miniere 2 0,02 2 0,01 C Attività manifatturiere , , ,72 D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata 5 0,04 7 0, ,04 E Fornitura di acqua, reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento 78 0, , ,34 F Costruzioni 933 7, , ,72 G Commercio all ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli e motocicli , , ,34 H Trasporto e magazzinaggio , , ,53 I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione , , ,43 J Servizi di informazione e comunicazione 269 2, , ,62 K L Attività finanziarie e assicurative Attività immobiliari , , ,31 0, , ,15 4 M Attività professionali, scientifiche e tecniche 284 2, , ,08 N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese 956 7, , ,24 O Amministrazione pubblica e difesa, assicurazione sociale obbligatoria 126 0, , ,96 P Istruzione 892 6, , ,96 Q Sanità e assistenza sociale 292 2, , ,36 R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento 276 2, , ,74 S Altre attività di servizi 267 2, , ,81 T Attività di famiglie e convivenze come datori di lavoro per personale domestico, produzione di beni e servizi indifferenziati 128 1, , ,69 per uso proprio da parte di famiglie e convivenze U Organizzazioni ed organismi extraterritoriali 8 0,06 7 0, ,06 0 Dato mancante 31 0, , ,27 Totali Percentuali 47,28 52, * Ateco 2007

8 Di cui avviamenti settore Attività manifatturiere * Divisione attività M F Totale 10 Industrie alimentari , , ,07 11 Industria delle bevande 30 0,91 4 0, ,71 12 Industria del tabacco Industrie tessili 178 5, , ,74 14 Confezione di articoli di abbigliamento; confezione di articoli in pelle e pelliccia 107 3, , ,08 15 Fabbr. di articoli in pelle e simili 14 0, , ,75 16 Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero (esclusi i mobili); fabbr. di articoli in paglia e materiali da intreccio 67 2,03 7 0, ,54 17 Fabbr. di carta e di prodotti di carta 73 2, , ,33 18 Stampa e riproduzione di supporti registrati 36 1, , ,27 19 Fabbr. di coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio 1 0,03 1 0,07 2 0,04 20 Fabbr. di prodotti chimici 130 3, , ,64 21 Fabbr. di prodotti farmaceutici di base e di preparati farmaceutici 22 Fabbr. di articoli in gomma e materie plastiche 23 Fabbr. di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi 22 0, , , , , , ,27 7 0, ,02 24 Metallurgia 68 2, , ,75 25 Fabbr. di prodotti in metallo (esclusi macchinari e attrezzature) 26 Fabbr. di computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e di orologi 27 Fabbr. di apparecchiature elettriche ed apparecchiature per uso domestico non elettriche , , , , , , , , ,95 28 Fabbr. di macchinari ed apparecchiature nca , , ,57 29 Fabbr. di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi 32 0, , ,90 30 Fabbr. di altri mezzi di trasporto 11 0,33 7 0, , Fabbricazione di mobili 26 0,79 5 0, ,65 32 Altre industrie manifatturiere 98 2, , ,85 33 Riparazione, manutenzione ed installazione di macchine ed apparecchiature 148 4, , ,48 Totali * Ateco 2007 Percentuali 68,82 31,18 100

9 Avviamenti per settore d'attività 6 Di cui avviamenti settore attività manifatturiere

10 Avviamenti per classi d'età e tipologia contratto Rapporto di lavoro A - fino a 19 B - da 20 a 24 C - da 25 a 29 D - da 30 a 34 Apprendistato , , ,86 3 0,08 Lavoro a tempo determinato , , , ,31 Lavoro a tempo indeterminato 95 8, , , ,28 Lavoro domestico 1 0, , , ,29 Lavoro intermittente , , , ,19 Lavoro o attività socialmente utile 1 0,09 5 0,10 6 0,14 7 0,20 Parasubordinato 22 1, , , ,65 Altre tipologie - 1 0, Totali Percentuali 4,29 17,88 15,85 13,23 Rapporto di lavoro E - da 35 a 39 F - da 40 a 44 G - da 45 a 49 H - da 50 a 54 Apprendistato 1 0, ,05 Lavoro a tempo determinato , , , ,71 Lavoro a tempo indeterminato , , , ,74 Lavoro domestico 106 3, , , ,04 Lavoro intermittente 112 3, , , ,09 Lavoro o attività socialmente utile 12 0, , , ,47 Parasubordinato 127 3, , , ,71 Altre tipologie 1 0,03 4 0,12 2 0,08 4 0,19 Totali Percentuali 12,16 12,32 9,49 7,76 7 Rapporto di lavoro I - oltre 55 dato mancante Totali Apprendistato 1 0, ,89 Lavoro a tempo determinato , ,55 Lavoro a tempo indeterminato , ,51 Lavoro domestico , ,67 Lavoro intermittente 98 5, ,64 Lavoro o attività socialmente utile 74 3, ,61 Parasubordinato 99 5, ,06 Altre tipologie 4 0, ,06 Totali Percentuali 7,01 0,00 100

11 CESSAZIONI Cessazioni per tipologia di contratto Rapporto di lavoro M F Totali Apprendistato 315 1, , ,96 Contratto di inserimento 7 0,04 3 0, ,03 Lavoro a tempo determinato , , ,69 di cui avviamenti somministrati Lavoro a tempo indeterminato , , ,04 di cui avviamenti somministrati Lavoro domestico 114 0, , ,85 Lavoro intermittente 161 1, , ,11 Lavoro o attività socialmente utile (LSU - ASU) 51 0, , ,30 Parasubordinato 303 1, , ,92 Altre tipologie 14 0, , ,09 Dato mancante 1 0,01 4 0,03 5 0,02 8 Totali Percentuali 52,39 47, Di cui con durata rapporto >= 1 giorno e <= 2 giorni Rapporto di lavoro M F Totali Apprendistato 1 0,06-1 0,02 Contratto di inserimento Lavoro a tempo determinato , , ,48 Lavoro a tempo indeterminato 8 0,45 3 0, ,26 Lavoro domestico - 3 0,12 3 0,07 Lavoro intermittente Lavoro o attività socialmente utile (LSU - ASU) - 1 0,04 1 0,02 Parasubordinato 1 0,06 5 0,20 6 0,14 Altre tipologie Totali Percentuali 41,59 58,41 100

12 Cessazioni per tipologia di contratto e modalità di lavoro Maschi Contratto di inserimento 6 0,05 1 0,02-7 0,04 Lavoro a tempo determinato , , ,45 Lavoro a tempo indeterminato , ,68 5 1, ,44 Lavoro domestico 25 0, , ,72 Lavoro intermittente 23 0,21 8 0, , ,02 Lavoro o attività socialmente utile 4 0, ,89 9 2, ,32 Parasubordinato 8 0,07 8 0, , ,92 Altre tipologie 11 0,10 1 0,02 2 0, ,09 Dato mancante 1 0, ,01 Femmine Totali ,00 Percentuali 61,60 37,77 51,30 Contratto di inserimento 2 0,03 1 0,01-3 0,02 Lavoro a tempo determinato , ,48 2 0, ,95 Lavoro a tempo indeterminato , ,32 2 0, ,40 Lavoro domestico 211 3, , ,18 Lavoro intermittente 14 0,20 5 0, , ,22 Lavoro o attività socialmente utile 1 0, ,53 1 0, ,27 Parasubordinato 8 0, , , ,92 Altre tipologie 6 0,09 4 0,06 3 0, ,09 Dato mancante 2 0,03 2 0,03-4 0,03 Totali Percentuali 38,40 62,23 48,70 9 Maschi & Femmine Fulltime Time definito Part- Non Rapporto di lavoro Totali Apprendistato 243 2, , ,99 Fulltime Time definito Part- Non Rapporto di lavoro Totali Apprendistato 160 2, , ,92 Fulltime Time definito Part- Non Rapporto di lavoro Totali Apprendistato 403 2, , ,96 Contratto di inserimento 8 0,04 2 0, ,03 Lavoro a tempo determinato , ,27 2 0, ,69 Lavoro a tempo indeterminato , ,46 7 0, ,04 Lavoro domestico 236 1, , ,85 Lavoro intermittente 37 0, , , ,11 Lavoro o attività socialmente utile 5 0, , , ,30 Parasubordinato 16 0, , , ,92 Altre tipologie 17 0,09 5 0,04 5 0, ,09 Dato mancante 3 0,02 2 0,02-5 0,02 Totali Percentuali 59,76 37,44 2,80 100

13 Cessazioni per Centri Impiego della sede aziendale Centro Impiego M F Totali Busto Arsizio , , ,00 Gallarate , , ,91 Laveno Mombello , , ,65 Luino 655 4, , ,44 Saronno , , ,65 Sesto Calende 810 5, , ,49 Tradate , , ,25 Varese , , ,61 Totali Percentuali 52,39 47,

14 Cessazioni per settore d'attività * Settore d'attività M F Totali A Agricoltura, silvicoltura e pesca 360 2, , ,68 B Estrazione di minerali da cave e miniere 10 0, ,03 C Attività manifatturiere , , ,18 D E Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata Fornitura di acqua, reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento 13 0,08 8 0, , , , ,35 F Costruzioni , , ,07 G Commercio all ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli e motocicli , , ,06 H Trasporto e magazzinaggio , , ,10 I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione , , ,38 J Servizi di informazione e comunicazione 280 1, , ,54 K Attività finanziarie e assicurative 117 0, , ,71 L Attività immobiliari 26 0, , ,21 M N O Attività professionali, scientifiche e tecniche Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese Amministrazione pubblica e difesa, assicurazione sociale obbligatoria 217 1, , , , , , , , ,14 P Istruzione 594 3, , ,20 Q Sanità e assistenza sociale 344 2, , ,63 R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento 232 1, , ,22 S Altre attività di servizi 306 1, , ,77 T U Attività di famiglie e convivenze come datori di lavoro per personale domestico, produzione di beni e servizi indifferenziati per uso proprio da parte di famiglie e convivenze Organizzazioni ed organismi extraterritoriali 128 0, , ,03 8 0,05 6 0, ,05 0 Dato mancante 57 0, , ,41 Totali Percentuali 52,39 47, * Ateco 2007

15 Di cui cessazioni settore attività manifatturiere * Divisione attività M F Totale 10 Industrie alimentari 386 7, , ,18 11 Industria delle bevande 45 0,88 7 0, ,71 12 Industria del tabacco Industrie tessili 311 6, , ,27 14 Confezione di articoli di abbigliamento; confezione di articoli in pelle e pelliccia 118 2, , ,96 15 Fabbr. di articoli in pelle e simili 26 0, , ,88 16 Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero (esclusi i mobili); fabbr. di articoli in paglia e materiali da intreccio 89 1, , ,37 17 Fabbr. di carta e di prodotti di carta 98 1, , , Stampa e riproduzione di supporti registrati 49 0, , ,25 19 Fabbr. di coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio 6 0,12 1 0,05 7 0,10 20 Fabbr. di prodotti chimici 207 4, , ,35 21 Fabbr. di prodotti farmaceutici di base e di preparati farmaceutici 22 Fabbr. di articoli in gomma e materie plastiche 23 Fabbr. di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi 108 2, , , , , , ,88 8 0, ,73 24 Metallurgia 108 2, , ,84 25 Fabbr. di prodotti in metallo (esclusi macchinari e attrezzature) 26 Fabbr. di computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e di orologi 27 Fabbr. di apparecchiature elettriche ed apparecchiature per uso domestico non elettriche , , , , , , , , ,75 28 Fabbr. di macchinari ed apparecchiature nca , , ,74 29 Fabbr. di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi 58 1, , ,15 30 Fabbr. di altri mezzi di trasporto 121 2, , ,99 31 Fabbricazione di mobili 35 0,68 6 0, ,56 32 Altre industrie manifatturiere 105 2, , ,89 33 Riparazione, manutenzione ed installazione di macchine ed apparecchiature 209 4, , ,26 Totali * Ateco 2007 Percentuali 70,15 29,85 100

16 Cessazioni per settore d'attività Di cui cessazioni settore attività manifatturiere 13

17 Cessazioni per classi d'età e tipologia contratto Rapporto di lavoro A - fino a 19 B - da 20 a 24 C - da 25 a 29 D - da 30 a 34 Apprendistato 19 11, , , ,07 Contratto di inserimento ,04 4 0,10 Lavoro a tempo determinato , , , ,75 Lavoro a tempo indeterminato 18 10, , , ,85 Lavoro domestico , , ,65 Lavoro intermittente 2 1, , , ,95 Lavoro o attività socialmente utile - 2 0,05 1 0,02 3 0,08 Parasubordinato 2 1, , , ,47 Altro - 1 0,03 1 0,02 3 0,08 Dato mancante Totali Percentuali 0,55 12,83 15,56 12,87 14 Rapporto di lavoro E - da 35 a 39 F - da 40 a 44 G - da 45 a 49 Apprendistato 33 0,93 2 0, Contratto di inserimento - 1 0, H - da 50 a 54 Lavoro a tempo determinato , , , ,83 Lavoro a tempo indeterminato , , , ,15 Lavoro domestico 77 2, , , ,37 Lavoro intermittente 22 0, , , ,69 Lavoro o attività socialmente utile 3 0,08 6 0, , ,47 Parasubordinato 74 2, , , ,31 Altro 2 0,06 7 0,19 3 0,09 4 0,15 Dato mancante 1 0, ,04 Totali Percentuali 11,77 12,51 11,63 9,14 Rapporto di lavoro I - oltre 55 Totali Apprendistato ,96 Contratto di inserimento 3 0, ,03 Lavoro a tempo determinato , ,69 Lavoro a tempo indeterminato , ,04 Lavoro domestico 269 6, ,85 Lavoro intermittente 50 1, ,11 Lavoro o attività socialmente utile 48 1, ,30 Parasubordinato 174 4, ,92 Altro 6 0, ,09 Dato mancante 3 0,08 5 0,02 Totali Percentuali 13,13 100

18 LAVORATORI AVVIATI Avviati al lavoro per cittadinanza Cittadinanza M F Totali Italiani , , ,62 Comunitari 268 2, , ,31 Extracomunitari , , ,05 Dato mancante 237 2, , ,02 Totali Percentuali 50,01 49, Avviati al lavoro per fasce d'età Fasce età M F Totali A - fino a , , ,39 15 B - da 20 a , , ,09 C - da 25 a , , ,78 D - da 30 a , , ,95 E - da 35 a , , ,21 F - da 40 a , , ,85 G - da 45 a , , ,69 H - da 50 a , , ,18 I - oltre , , ,87 Totali Percentuali 50,01 49,99 100

19 LAVORATORI CESSATI Cessati dal lavoro per cittadinanza Cittadinanza M F Totali Italiani , , ,46 Comunitari 409 3, , ,77 Extracomunitari , , ,70 Dato mancante 300 2, , ,08 Totali Percentuali 55,51 44, Cessati dal lavoro per fasce d'età Fasce età M F Totali 16 A - fino a , , ,58 B - da 20 a , , ,09 C - da 25 a , , ,97 D - da 30 a , , ,15 E - da 35 a , , ,11 F - da 40 a , , ,95 G - da 45 a , , ,30 H - da 50 a , , ,37 I - oltre , , ,48 Totali Percentuali 55,51 44,49 100

RISCHIO BASSO H I - ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI ALLOGGIO E DI RISTORAZIONE 55 - ALLOGGIO 56 - ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI RISTORAZIONE

RISCHIO BASSO H I - ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI ALLOGGIO E DI RISTORAZIONE 55 - ALLOGGIO 56 - ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI RISTORAZIONE RISCHIO BASSO ATECO 2002 ATECO 2007 Commercio ingrosso e dettaglio Attività Artigianali non assimilabili alle precedenti (carrozzerie, riparazione veicoli lavanderie, parrucchieri, panificatori, pasticceri,

Dettagli

INDICE REGOLAMENTO 451/2008 NUOVA CLASSIFICAZIONE STATISTICA DEI PRODOTTI ASSOCIATA ALLE ATTIVITA CPA

INDICE REGOLAMENTO 451/2008 NUOVA CLASSIFICAZIONE STATISTICA DEI PRODOTTI ASSOCIATA ALLE ATTIVITA CPA Dott. Franco Mestieri Doganalista in Carpi dal 1981 21 febbraio 2010 INDICE REGOLAMENTO 451/2008 NUOVA CLASSIFICAZIONE STATISTICA DEI PRODOTTI ASSOCIATA ALLE ATTIVITA CPA, A PRODOTTI DELL AGRICOLTURA,

Dettagli

I FALLIMENTI IN PROVINCIA DI BOLOGNA 1^ Semestre 2015

I FALLIMENTI IN PROVINCIA DI BOLOGNA 1^ Semestre 2015 I FALLIMENTI IN PROVINCIA DI BOLOGNA 1^ Semestre 215 I dati utilizzati nella presente pubblicazione sono stati elaborati dall Ufficio Statistica della Camera di Commercio di Bologna sugli estratti delle

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Provincia autonoma di Bolzano Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VIBO VALENTIA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VIBO VALENTIA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: gennaio 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

Gennaio. Aprile 2015 223 187 36 82 34 48 305. In occasione. di lavoro. di trasporto 48. di lavoro Senza mezzo In itinere. mezzo di trasporto 34

Gennaio. Aprile 2015 223 187 36 82 34 48 305. In occasione. di lavoro. di trasporto 48. di lavoro Senza mezzo In itinere. mezzo di trasporto 34 OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/0/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Lombardia Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 gennaio 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI 51 A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Piemonte Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Settembre 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

La demografia delle imprese

La demografia delle imprese La demografia delle imprese Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) alla fine dei trimestri 2011. Iscrizioni e cessazioni trimestrali nel 2011 SEZIONE E DIVISIONE DI

Dettagli

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3 Tav 1.1 Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) I e II trimestre 2012. Iscrizioni e cessazioni trimestrali Provincia di CREMONA Fonte: Infocamere, Stockview, 2012 SEZIONE

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica RAPPORTO 2010 L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica La demografia delle imprese Imprese registrate e attive

Dettagli

PRODUZIONE INDUSTRIALE

PRODUZIONE INDUSTRIALE 10 marzo 2014 Gennaio 2014 PRODUZIONE INDUSTRIALE A gennaio 2014 l indice destagionalizzato della produzione industriale aumenta, rispetto a dicembre 2013, dell 1,0%. Nella media del trimestre novembregennaio

Dettagli

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Rischio BASSO (Datore di lavoro R.S.P.P. 16 ore - Formazione per i Dipendenti 4 ore modulo generale + 4 ore modulo

Dettagli

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP G.QUATTRO SERVIZI S.R.L. via San Rocco, 7 35028 Piove di Sacco (PD) C.F e P.IVA 0348078 02 81 N R.E.A. PD 315121 www.gquattroservizi.it Tel. 049970 127 3 Fax 049 97 117 28 E-mail: info@gquattroservizi.it

Dettagli

SERIE STORICHE. Tabella 9 - Esportazioni, importazioni e saldi della bilancia commerciale (milioni di euro) (a)

SERIE STORICHE. Tabella 9 - Esportazioni, importazioni e saldi della bilancia commerciale (milioni di euro) (a) SERIE STORICHE Tabella 9 - Esportazioni, importazioni e saldi della bilancia commerciale (milioni di euro) (a) Dati grezzi Dati mensili destagionalizzati Esportazioni Variazioni Importazioni Variazioni

Dettagli

PREZZI ALLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 30 dicembre 2015 Novembre 2015 PREZZI ALLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di novembre 2015 l indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali diminuisce dello 0,5% rispetto al mese

Dettagli

Corso di formazione per RSPP Datore di lavoro

Corso di formazione per RSPP Datore di lavoro Studio di Consulenza e Formazione Consulting Professional Napoli - Corso Arnaldo Lucci 102 Cell. 393.943.81.57 Centro di formazione Riferimenti legislativi D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81 art. 34 comma 1 Salvo

Dettagli

Domanda di iscrizione. (Cognome e nome) (Corso/i) (Stato occupazionale)

Domanda di iscrizione. (Cognome e nome) (Corso/i) (Stato occupazionale) (Cognome e nome) (Corso/i) (Stato occupazionale) DOMANDA DI ISCRIZIONE - ANNO 2014/2015 1 DOMANDA DI ISCRIZIONE AL CORSO Codice Fiscale Cognome Nome Genere Maschio Femmina Nazionalità 1. Italiano 2. Comunitario

Dettagli

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche Struttura Neuchâtel, 2008 La serie «Statistica della Svizzera» pubblicata dall Ufficio federale di statistica (UST) comprende i settori seguenti:

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 3 TRIMESTRE Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41100 Modena Tel. 059 208423 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

Allegato I. La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro. Premessa

Allegato I. La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro. Premessa Allegato I La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro Premessa La formazione alla sicurezza svolta in aula ha rappresentato tradizionalmente il modello di formazione in grado di garantire

Dettagli

BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP

BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP Nella seduta del 21 dicembre 2011 la Conferenza permanente per i rapporti

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 19 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE INDAGINE ANNUALE SUL SISTEMA DEI CONTI DELLE IMPRESE L indagine sul Sistema dei Conti delle Imprese (SCI) condotta dall ISTAT, già indagine sul prodotto lordo, fornisce

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI. LAZIO Tavole statistiche

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI. LAZIO Tavole statistiche INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI LAZIO Tavole statistiche Risultati del II trimestre 2015 e previsioni per il III trimestre 2015 Indice delle tavole Tavola 1 Tavola 2 Tavola 3 Tavola 4

Dettagli

TAV. B.1 - CONSUMO DI ENERGIA ELETTRICA PER CATEGORIA DI UTILIZZAZIONI DATI IN MILIONI DI KWh

TAV. B.1 - CONSUMO DI ENERGIA ELETTRICA PER CATEGORIA DI UTILIZZAZIONI DATI IN MILIONI DI KWh TAV. B.1 - CONSUMO DI ENERGIA ELETTRICA PER CATEGORIA DI UTILIZZAZIONI ANNI AGRICOLTURA INDUSTRIA TERZIARIO USI TOTALE SERVIZI SERVIZI TOTALE DOMESTICI VENDIBILI NON VENDIBILI SARDEGNA 2001 198 7.165 1.136

Dettagli

Area Formazione. Ettore Romanò Responsabile Area Formazione

Area Formazione. Ettore Romanò Responsabile Area Formazione FORMAZIIONE OBBLIIGATORIIA IIN MATERIIA DII SIICUREZZA E SALUTE NEII LUOGHII DII LAVORO (art. 34 D. Lgs. 81/08 art. 37, comma 2, D. Lgs. 81/08) Caro imprenditore, i nuovi Accordi Stato Regioni hanno radicalmente

Dettagli

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA Divisione atmosfera e impianti 1 Inquadramento del tema Per azienda agricola si intende l'unità tecnico-economica costituita da terreni, anche in appezzamenti non

Dettagli

Lavoratori dipendenti Italiani Stranieri Totale Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale 2011

Lavoratori dipendenti Italiani Stranieri Totale Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale 2011 Tav. 1 - Provincia di Ferrara. Saldo tra i lavoratori dipendenti assunti e quelli licenziati per classe di età, tipologia aziendale, genere e cittadinanza nel biennio 2011/12 Lavoratori dipendenti Italiani

Dettagli

Via Usciana n 132 Castelfranco di Sotto (PI) Tel 0571/1962649 Fax 0571/1962651 e-mail: info@professionistisicurezza.com INFORMATIVA OTTOBRE 2012

Via Usciana n 132 Castelfranco di Sotto (PI) Tel 0571/1962649 Fax 0571/1962651 e-mail: info@professionistisicurezza.com INFORMATIVA OTTOBRE 2012 INFORMATIVA OTTOBRE 2012 1) NUOVO SITO PROFESSIONISTISICUREZZA Vi invitiamo a visitare il nuovo sito di PROFESSIONISTISICUREZZA Studio di Consulenza & Formazione : www.professionistisicurezza.com dove

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 21 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE I dati presentati in questo capitolo provengono dalle rilevazioni annuali sui risultati economici delle imprese, condotte in base a quanto disposto dal Regolamento UE N.

Dettagli

Allegato A. Allegato statistico. Interruzione di sezione (pagina dispari)

Allegato A. Allegato statistico. Interruzione di sezione (pagina dispari) Allegato A. Allegato statistico Interruzione di sezione (pagina dispari) Tabella 58 Titolari e soci per attività economica, sesso e anno valori assoluti (A) 2001 2000 Attività Titolari Soci Titolari Soci

Dettagli

- Settori ammissibili per Linea di Intervento

- Settori ammissibili per Linea di Intervento Allegato C - Settori ammissibili per Linea di Intervento Settori ammissibili (CODICI ATECO 2007) Linee di intervento Codice Sezione C: ATTIVITA MANIFATTURIERE Limitatamente ai seguenti codici: Classe 10.52:

Dettagli

CAPITOLO 1 PRODUZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

CAPITOLO 1 PRODUZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI CAPITOLO 1 - LA PRODUZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.1 FONTI DEI DATI La produzione nazionale dei rifiuti speciali è stata quantificata a partire dalle informazioni contenute nelle banche dati MUD relative

Dettagli

L Imprenditoria Femminile in provincia di Sondrio in pillole

L Imprenditoria Femminile in provincia di Sondrio in pillole FOCUS ECONOMIA 2016 N. 1 L Imprenditoria Femminile in provincia di Sondrio in pillole Ufficio Studi e Progetti Speciali - CCIAA Sondrio 1 Le imprese femminili 1 in provincia di Sondrio Le imprese femminili

Dettagli

GUIDA ALLA FORMAZIONE DELLE PRINCIPALI FIGURE IMPIEGATE IN AMBITO SICUREZZA AZIENDALE

GUIDA ALLA FORMAZIONE DELLE PRINCIPALI FIGURE IMPIEGATE IN AMBITO SICUREZZA AZIENDALE GUIDA ALLA FORMAZIONE DELLE PRINCIPALI FIGURE IMPIEGATE IN AMBITO SICUREZZA AZIENDALE La presente ha come scopo quello di riassumere i principali profili normativi individuati dal D.lgs. 81/2008 focalizzando

Dettagli

CUBA Congiuntura Economica

CUBA Congiuntura Economica CUBA Congiuntura Economica Durante il 2011 l economia cubana ha avviato graduali riforme del sistema economico. Il tasso annuale di crescita del prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi al 2.7% nel 2011.

Dettagli

Area Formazione. Ettore Romanò Responsabile Area Formazione

Area Formazione. Ettore Romanò Responsabile Area Formazione FORMAZIIONE OBBLIIGATORIIA IIN MATERIIA DII SIICUREZZA E SALUTE NEII LUOGHII DII LAVORO (art. 34 D. Lgs. 81/08 art. 37, comma 2, D. Lgs. 81/08) Caro imprenditore, i nuovi Accordi Stato Regioni hanno radicalmente

Dettagli

FORMAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO

FORMAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO FORMAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO Corsi obbligatori di formazione generale e specifica secondo: D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i. Provv. 16/03/2006 - Provv. 30/10/2007 DM 04/05/1998 Accordo Stato-Regioni

Dettagli

Note metodologiche AVVIAMENTI DOMANDA/OFFERTA LAVORO FORME GIURIDICHE

Note metodologiche AVVIAMENTI DOMANDA/OFFERTA LAVORO FORME GIURIDICHE Note metodologiche AVVIAMENTI Avviamenti stabili e temporanei Avviamenti stabili: avviamenti avvenuti con contratti a tempo indeterminato oppure a tempo determinato con durata uguale o superiore all anno.

Dettagli

Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008

Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008 5 gennaio 2011 Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. +39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica

Dettagli

La demografia d impresa in provincia di Treviso Aggiornamento al terzo trimestre 2010

La demografia d impresa in provincia di Treviso Aggiornamento al terzo trimestre 2010 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 17 Novembre La demografia d impresa in provincia di Treviso Aggiornamento al terzo trimestre A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale CONSISTENZA

Dettagli

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI 10 gennaio 2013 Anno 2010 GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Nel 2010, la spesa per investimenti ambientali delle imprese industriali 1 è risultata pari a 1.925

Dettagli

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI 17 gennaio 2012 Anno 2009 GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Nel 2009 la spesa complessiva per investimenti ambientali delle imprese dell industria in senso stretto

Dettagli

FORMAZIONE DEI DATORI DI LAVORO CHE RICOPRONO FUNZIONI DI RSPP

FORMAZIONE DEI DATORI DI LAVORO CHE RICOPRONO FUNZIONI DI RSPP FORMAZIONE DEI DATORI DI LAVORO CHE RICOPRONO FUNZIONI DI RSPP ATTENZIONE: in rosso i punti di difficile interpretazione in fase di analisi Art. 34 D.Lgs. 81/08. 2. Il datore di lavoro che intende svolgere

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 giugno 2015 Aprile 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Ad aprile il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra una diminuzione dello 0,6% rispetto a marzo, con variazioni

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE 15 COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Nel 2014, in un contesto mondiale in cui gli scambi di beni sono in crescita contenuta rispetto al 2013 (+0,6 per cento), l Italia registra un

Dettagli

Sezione di attività economica:=agricoltura, Silvicoltura e Pesca

Sezione di attività economica:=agricoltura, Silvicoltura e Pesca Sezione di attività economica:=agricoltura, Silvicoltura e Pesca Coltivazioni Agricole e Produzione di Prodotti Animali, Caccia e Servizi Connessi Coltivazione di Colture Agricole non Permanenti 70 Coltivazione

Dettagli

CATALOGO CORSI E SERVIZI

CATALOGO CORSI E SERVIZI CATALOGO CORSI E SERVIZI Via Iacobucci, 102 Frosinone. Tel.0775 203053 SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO DOCUMENTAZIONE Documento Di Valutazione Dei Rischi (D.V.R.) Rilevazioni tecniche: fonometriche e vibrazioni

Dettagli

GAMBETTOLA IN CIFRE. maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale

GAMBETTOLA IN CIFRE. maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale movimenti della popolazione GAMBETTOLA IN CIFRE Per amministrare un territorio è necessario scegliere fra diverse soluzioni possibili quelle che meglio si adattano alle situazioni reali, così come emergono

Dettagli

PROFILO MERCATO DEL LAVORO Ambito 1.2 Trieste MERCATO DEL LAVORO... 2

PROFILO MERCATO DEL LAVORO Ambito 1.2 Trieste MERCATO DEL LAVORO... 2 Sommario PROFILO MERCATO DEL LAVORO Ambito 1.2 Trieste MERCATO DEL LAVORO... 2 Tab. 1 Indicatori del mercato del lavoro in Provincia di Trieste e in Regione FVG: anni 2008-2011. Variazione 2010-2011 e

Dettagli

La situazione economica in Provincia di Treviso. e conseguenti proposte di iniziativa del PD cittadino

La situazione economica in Provincia di Treviso. e conseguenti proposte di iniziativa del PD cittadino La situazione economica in Provincia di Treviso (sintesi del Rapporto Annuale 2010 della CCIAA) e conseguenti proposte di iniziativa del PD cittadino 1. STRUTTURA DEMOGRAFICA DELLA POVINCIA: Al 01.01.2010,

Dettagli

CORSI: R.L.S. R.S.P.P.

CORSI: R.L.S. R.S.P.P. Prof. Francesco Di Cosmo info@studiodicosmo.it CORSI: R.L.S. R.S.P.P. 1 Corso R.L.S. (Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza) Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza è una persona eletta

Dettagli

Osservatorio sull economia e il lavoro Reggio Emilia. Davide Dazzi

Osservatorio sull economia e il lavoro Reggio Emilia. Davide Dazzi Osservatorio sull economia e il lavoro Reggio Emilia Davide Dazzi Reggio Emilia, 11 Maggio 2016 Tasso di crescita del PIL Scenari economici Prometeia, 2015-2016 Fattori di crescita del PIL a Reggio Emilia

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 dicembre 2015 Ottobre 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA A ottobre il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra un incremento del 2,0% rispetto a settembre, con variazioni

Dettagli

4. Lavoro e previdenza

4. Lavoro e previdenza 4. Lavoro e previdenza L economia dell area pratese è strettamente legata all andamento del settore tessile/abbigliamento, come dimostra il fatto che le aziende di questo settore costituiscono il circa

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 22 luglio 2015 Maggio 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Allo scopo di fornire informazioni statistiche integrate, a partire dalla diffusione odierna, il comunicato è arricchito di un paragrafo

Dettagli

domande inviate telematicamente con delibera

domande inviate telematicamente con delibera PO FESR PUGLIA 2007-2013 Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione n. 9 del 26.6.2008 e s.m.i. Titolo II Aiuti agli investimenti iniziali alle microimprese e alle piccole imprese Stato di Attuazione

Dettagli

LE IMPRESE STRANIERE A VICENZA

LE IMPRESE STRANIERE A VICENZA Serie: RAPPORTI SULL ECONOMIA LOCALE (Rapporto n 91) LE IMPRESE STRANIERE A VICENZA Ufficio Statistica e Studi VICENZA LUGLIO 2013 1 LE IMPRESE STRANIERE NEL VICENTINO Definizioni Il grado di imprenditorialità

Dettagli

Regione Lazio Giunta regionale. Deliberazione 13 luglio 2012, n. 361

Regione Lazio Giunta regionale. Deliberazione 13 luglio 2012, n. 361 Regione Lazio, d.g.r. 13 luglio 2012, n. 361 - Recepimento Accordo Stato- Regioni e Province Autonome del 21 dicembre 2011 sui corsi di formazione per lo svolgimento diretto da parte del datore di lavoro

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO Regione del Veneto DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO POR FSE 2007/2013 - AZIONI INNOVATIVE PER GIOVANI ANNO 2010 DGR 2030 del 03/08/2010 - AZIONE B ASSE OCCUPABILITA Corsi finanziati per giovani disoccupati

Dettagli

SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE. (Titolo del progetto) (Attività)

SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE. (Titolo del progetto) (Attività) SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE ALLEGATO H (Informazioni richieste dal MIUR per analisi di realizzazione e di risultato dei progetti ammessi a cofinanziamento FSE a valere sull Avviso 4384/2001

Dettagli

L'ECONOMIA TRENTINA ATTRAVERSO I DATI DI BILANCIO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA

L'ECONOMIA TRENTINA ATTRAVERSO I DATI DI BILANCIO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA Analisi promossa da MEDIO CREDITO TRENTINO ALTO ADIGE SPA L'ECONOMIA TRENTINA ATTRAVERSO I DATI DI BILANCIO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA EDIZIONE 204 di Gianluca Toschi Pagina 2 Sommario. Introduzione

Dettagli

da 3 a 5 014Servizi connessi con agric e zootec da 3 a 4 ESERCIZIO E NOLEGGIO DI MEZZI E DI MACCHINE AGRICOLE PER CONTO TERZI, 01411CON PERSONALE

da 3 a 5 014Servizi connessi con agric e zootec da 3 a 4 ESERCIZIO E NOLEGGIO DI MEZZI E DI MACCHINE AGRICOLE PER CONTO TERZI, 01411CON PERSONALE CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA' ECONOMICHE Classificazione riassuntiva per sezioni, sottosezioni e divisioni DESCRIZIONE A - Agricoltura, caccia e silvicoltura Proposta PESO 01 Agricoltura, caccia e relativi

Dettagli

Visto l art. 5 della Legge 24 febbraio 1992, n. 225 recante Istituzione del Servizio nazionale della protezione civile (in seguito L. n.

Visto l art. 5 della Legge 24 febbraio 1992, n. 225 recante Istituzione del Servizio nazionale della protezione civile (in seguito L. n. IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L. N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 97.del 9 agosto 2013 Criteri e modalità

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 8 DEL 19 APRILE 2016

COMUNICATO STAMPA N. 8 DEL 19 APRILE 2016 COMUNICATO STAMPA N. 8 DEL 19 APRILE 2016 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Tra gennaio e marzo si sono iscritte al registro imprese delle Camere di commercio 3.208 nuove aziende mentre in 4.409 hanno

Dettagli

Agevolazioni per le imprese industriali e di servizi

Agevolazioni per le imprese industriali e di servizi Agevolazioni per le imprese industriali e di servizi A chi si rivolge? Possono presentare istanza le micro, piccole o medie imprese, indicate nell allegato A riportato in calce, già iscritte nel registro

Dettagli

Le previsioni occupazionali delle imprese della provincia di Parma per il 2008

Le previsioni occupazionali delle imprese della provincia di Parma per il 2008 Sistema Informativo Excelsior per l occupazione e la formazione I fabbisogni professionali delle imprese Le previsioni occupazionali delle imprese della provincia di Parma per il 2008 Parma, 4 dicembre

Dettagli

GLI INVESTIMENTI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE

GLI INVESTIMENTI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE 22 dicembre 2015 Anno 2013 GLI INVESTIMENTI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE Nel 2013 gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali 1 sono diminuiti

Dettagli

La posizione relativa di Padova nella struttura imprenditoriale italiana e del Nord Est Dati al 31.12.2015

La posizione relativa di Padova nella struttura imprenditoriale italiana e del Nord Est Dati al 31.12.2015 La posizione relativa di Padova nella struttura imprenditoriale italiana e del Nord Est Dati al 31.12.2015 Collana Rapporti N. 999 3 INDICE Premessa e sintesi 5 a pag. Parte 1^ Riepilogo posizione prov.

Dettagli

A cura del Soggetto Attuatore

A cura del Soggetto Attuatore SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE (Informazioni richieste dal MIUR per analisi di realizzazione e di risultato dei progetti ammessi a cofinanziamento FSE a valere sull Avviso 4391/2001nell

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Centro Orientamento di Ateneo

Università degli Studi di Cagliari Centro Orientamento di Ateneo Università degli studi di Cagliari SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE (Informazioni richieste dal M.U.R. per analisi di realizzazione e di risultato dei progetti ammessi a cofinanziamento FSE

Dettagli

Le Comunicazioni Obbligatorie

Le Comunicazioni Obbligatorie Progetto Servizi innovativi nel settore dei servizi per il lavoro PON Governance e Azioni di Sistema - Obiettivo Convergenza 2007-2013 (FSE) Le Comunicazioni Obbligatorie Tiziana Lang 26 giugno 2013 Agenda

Dettagli

A cura dell interessato

A cura dell interessato A cura dell interessato DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO...l... sottoscritto/a... nato/a il a... (...) Stato... (Comune) Prov. Codice Fiscale fa domanda di partecipazione all intervento indicato Al

Dettagli

I dati Import-Export II Trimestre 2015

I dati Import-Export II Trimestre 2015 In collaborazione con il Consorzio Mantova Export Comunicato stampa Mantova, 22 settembre I dati Import-Export II Trimestre Nel primo semestre dell anno, secondo i dati Istat, si conferma la ripresa del

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO PON La scuola per lo sviluppo n.1999 IT 05 1 P0 013. Regione Campania Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Affari Internazionali dell Istruzione

Dettagli

Scienza e Tecnologia in cifre

Scienza e Tecnologia in cifre Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA SULL IMPRESA E LO SVILUPPO 2013 AGGIORNAMENTI Scienza e Tecnologia in cifre STATISTICHE SULLA RICERCA E INNOVAZIONE ehjkhh Ottobre 2013 Aggiornamento

Dettagli

Centro Formazione Professionale Bassa Reggiana

Centro Formazione Professionale Bassa Reggiana CATALOGO CORSI SICUREZZA E ATTREZZATURE DI LAVORO 2016 Centro Formazione Professionale Bassa Reggiana S oc i e t à C o ns or t i l e a R e s po ns abi l i t à L i m i t at a fr a i C om uni di B or e t

Dettagli

La struttura economica romana

La struttura economica romana Capitolo 1 La struttura economica romana 15 LA STRUTTURA ECONOMICA ROMANA Il sistema produttivo 1 La struttura del sistema produttivo romano 1.1 La situazione nel 2001 In Italia secondo i dati dell archivio

Dettagli

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici Corso del Popolo 30 05100 Terni Tel +39 0744.549.742-3-5 statistica@comune.tr.it INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ

Dettagli

PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. B

PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. B PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. B Essendo un modulo di specializzazione, esso tratta la natura dei rischi presenti nei luoghi di lavoro, correlati alle specifiche attività lavorative. La sua durata varia

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

PRODUZIONE INDUSTRIALE

PRODUZIONE INDUSTRIALE 9 maggio 2014 marzo 2014 PRODUZIONE INDUSTRIALE A marzo 2014 l indice destagionalizzato della produzione industriale è diminuito dello 0,5% rispetto a febbraio. Nella media del trimestre gennaio-marzo

Dettagli

ANTICIPAZIONE DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC): LUGLIO 2016

ANTICIPAZIONE DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC): LUGLIO 2016 ANTICIPAZIONE DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC): LUGLIO 2016 LA DINAMICA TENDENZIALE E CONGIUNTURALE Nel mese di luglio 2016 l indice dei prezzi al consumo per

Dettagli

ATECO 2007. La nuova classificazione delle. attività economiche. Sezione A Agricoltura, silvicoltura e pesca. Sezione B

ATECO 2007. La nuova classificazione delle. attività economiche. Sezione A Agricoltura, silvicoltura e pesca. Sezione B Nuova Classificazione Nuova Classificazione La nuova classificazione delle Sezione A Agricoltura, silvicoltura e pesca attività economiche SEZIONE A - AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA SEZIONE A - AGRICOLTURA,

Dettagli

Ufficio Statistica Sistema Statistico Nazionale INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ NAZIONALE ANTICIPAZIONE PROVVISORIA

Ufficio Statistica Sistema Statistico Nazionale INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ NAZIONALE ANTICIPAZIONE PROVVISORIA Ufficio Statistica Sistema Statistico Nazionale INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ NAZIONALE ANTICIPAZIONE PROVVISORIA A G O S T O 201 2 A Palermo l indice dei prezzi al consumo per

Dettagli

ALL. A ELENCO ATTIVITA PREVALENTI D IMPRESA AMMISSIBILI A CO-FINANZIAMENTO REGIONALE CODICI ATECO 2002

ALL. A ELENCO ATTIVITA PREVALENTI D IMPRESA AMMISSIBILI A CO-FINANZIAMENTO REGIONALE CODICI ATECO 2002 ALL. A ELENCO ATTIVITA PREVALENTI D IMPRESA AMMISSIBILI A CO-FINANZIAMENTO REGIONALE CODICI ATECO 2002 CODICE SEZIONE G G -50.1 G -50.10 G -50.10.0 G -50.3 G -50.30 G -50.30.0 G -50.5 G -50.50 G -50.50.0

Dettagli

Parte seconda AVVERTENZE

Parte seconda AVVERTENZE Parte seconda Infortuni sul lavoro e malattie professionali definiti e indennizzati dall INAIL AVVERTENZE In questa sezione sono riportate le statistiche relative ai casi di infortunio avvenuti e le malattie

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. INTERVENTI DI FORMAZIONE CONTINUA EX L. 236/93, ART. 9, COMMA 3 Azioni di formazione aziendale PROPOSTA DI PIANO

REGIONE CAMPANIA. INTERVENTI DI FORMAZIONE CONTINUA EX L. 236/93, ART. 9, COMMA 3 Azioni di formazione aziendale PROPOSTA DI PIANO ALLEGATO C A CURA DELL AMMINISTRAZIONE Data e numero di Protocollo: Numero progressivo di arrivo: 1. Dati identificativi Proposta REGIONE CAMPANIA INTERVENTI DI FORMAZIONE CONTINUA EX L. 236/93, ART. 9,

Dettagli

Allegato 1. Corrispondenza tra la classificazione delle attività economiche ATECO2007 e i settori EXCELSIOR

Allegato 1. Corrispondenza tra la classificazione delle attività economiche ATECO2007 e i settori EXCELSIOR Allegato 1 Corrispondenza tra la classificazione delle attività economiche ATECO2007 e i settori EXCELSIOR CORRISPONDENZA TRA LA CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA' ECONOMICHE ATECO2007 E I SETTORI EXCELSIOR

Dettagli

13. Consumi di energia elettrica

13. Consumi di energia elettrica 13. Consumi di energia elettrica Il processo di sviluppo dei cosiddetti Paesi industrializzati tende a promuovere in misura sempre maggiore comportamenti di consumo energivori; in un tale contesto, l Italia

Dettagli

Sistema Informativo Excelsior

Sistema Informativo Excelsior Sistema Informativo Excelsior Sintesi dei principali risultati - 2011 SOMMARIO TAVOLE STATISTICHE Appendice 1 Corrispondenza tra la classificazione di attività economica ATECO 2007 e i settori EXCELSIOR

Dettagli

SCHEDA DI ISCRIZIONE CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA SUL LAVORO

SCHEDA DI ISCRIZIONE CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDA DI ISCRIZIONE DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA SUL LAVORO art. 37 D.lgs. 1/0 e Accordo Stato Regioni 21//2011 e s.m.i. MOD D1_LAV 15 COMPILARE E INVIARE LE PAGINE 1 E 2 TRAMITE MAIL A sicurezza@confartigianatoformazione.tv

Dettagli

4 ore (unico modulo didattico)

4 ore (unico modulo didattico) Viale Luca Gaurico 257-00143 ROMA P. IVA e C.F. 05580001005 RI. 188796/1998 REA C.C.I.A.A. n 904271 Capitale Sociale 10.328,00 i.v. Tel. 06.51962114 Fax 06.51965686 commerciale@gruppo-quasar.it amministrazione@gruppo-quasar.it

Dettagli

Capitolo 21. Ricerca, innovazione e tecnologia dell informazione

Capitolo 21. Ricerca, innovazione e tecnologia dell informazione Capitolo 21 Ricerca, innovazione e tecnologia dell informazione 21. Ricerca, innovazione e tecnologia dell informazione Ricerca e sviluppo in Italia Per saperne di più... ISTAT. I.stat: il tuo accesso

Dettagli

I giovani e il lavoro. in provincia di Padova. Dati 2010

I giovani e il lavoro. in provincia di Padova. Dati 2010 I giovani e il lavoro in provincia di Padova Dati 2010 A cura di Anna Basalisco Nota metodologica: I dati esposti sono di fonte CO Veneto SILL Veneto, elaborati dall Osservatorio sul Mercato del Lavoro

Dettagli