COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE"

Transcript

1 15 COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

2 Nel 2014, in un contesto mondiale in cui gli scambi di beni sono in crescita contenuta rispetto al 2013 (+0,6 per cento), l Italia registra un aumento nel valore in euro delle esportazioni (+2,0 per cento) e una diminuzione nel valore delle importazioni (-1,6 per cento). Queste dinamiche determinano un ulteriore ampliamento dell avanzo commerciale del nostro Paese, pari a +42,9 miliardi di euro, il valore più elevato nel decennio La quota di mercato dell Italia sulle esportazioni mondiali di merci, misurata in dollari, risulta pari al 2,85 per cento, in aumento rispetto al Le aree geografiche che hanno contribuito maggiormente al saldo complessivo sono state l America settentrionale ( milioni di euro) e i Paesi europei Ue ( milioni). Germania e Francia si confermano i principali mercati di sbocco delle esportazioni nazionali. Le nostre esportazioni provengono per il 72,0 per cento dalle regioni del Nord e solo per il 10,2 per cento dal Mezzogiorno. Gli operatori all esportazione risultano poco più di 212 mila unità, in lieve crescita rispetto al 2013 (+0,4 per cento). Fra di essi si conferma la prevalenza di microesportatori (unità con un fatturato annuo all export non superiore a 75 mila euro) che costituiscono il 62,5 per cento del totale, ma che contribuiscono al valore complessivo delle esportazioni nazionali solo per lo 0,5 per cento. Nel 2012, in Italia risultano residenti imprese a controllo estero che impiegano il 7,1 per cento degli addetti, realizzano il 16,6 per cento del fatturato e il 13,5 per cento del valore aggiunto dell industria e dei servizi; è rilevante anche la quota di spesa in ricerca e sviluppo, pari al 23,6 per cento. Nello stesso anno, le imprese a controllo nazionale residenti all estero sono ; al netto dei servizi finanziari impiegano un numero di addetti che equivale al 9,5 per cento del totale degli addetti residenti in Italia e realizzano un fatturato che corrisponde al 14,8 per cento del fatturato nazionale.

3 15 COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Struttura ed evoluzione del commercio estero Nel 2014, il commercio mondiale di beni, misurato in dollari ed espresso a prezzi correnti, risulta in crescita rispetto al 2013 (+0,6 per cento); i volumi scambiati sono in espansione (+2,7 per cento) in presenza di una contrazione dei valori medi unitari (-2,0 per cento - Prospetto 15.1). Prospetto 15.1 Commercio mondiale Anni , valori monetari in miliardi di dollari Valori Variazioni % rispetto all anno precedente - 15,4 15,6 15,2-22,3 21,9 19,8 0,4 2,3 0,6 VARIAZIONI PERCENTUALI SUGLI INDICI RISPETTO ALL ANNO PRECEDENTE Volumi 6,4 8,7 6,5 2,0-12,2 14,1 5,4 2,2 2,7 2,7 Valori medi unitari 7,1 6,3 8,6 13,1-11,8 6,7 13,8-2,0-0,6-2,0 Fonte: Elaborazioni Ice su dati Organizzazione mondiale del commercio (Omc) Comprese le riesportazioni di Hong Kong. In questo quadro internazionale, l Italia registra una crescita del valore in euro delle merci esportate (+2,0 per cento) e una diminuzione delle importazioni (-1,6 per cento). Queste dinamiche determinano un ulteriore ampliamento dell avanzo commerciale. Il miglioramento dell attivo è di 13,7 miliardi rispetto al 2013, con un livello del saldo, pari a +42,9 miliardi di euro, che risulta il più elevato nel decennio La quota di mercato dell Italia sulle esportazioni mondiali di merci, misurata in dollari, risulta pari al 2,85 per cento, in aumento rispetto al 2013 quando era il 2,80 per cento (Prospetto 15.2). In termini di volumi, la crescita degli scambi risulta dello 0,6 per cento per le esportazioni e dell 1,0 per cento per le importazioni; in termini di valori medi unitari, si registra un incremento dell 1,4 per cento per l export e una diminuzione del 2,6 per cento per l import (Tavola 15.5). Per quanto riguarda le aree geografiche, il maggiore contributo positivo al saldo complessivo è dovuto all America settentrionale ( milioni di euro), ai Paesi europei 15 COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE 527

4 Prospetto 15.2 Interscambio commerciale e quote di mercato dell Italia Anni , valori monetari in milioni di euro ANNI Interscambio commerciale Saldi Quote di mercato Esportazioni Importazioni Valori assoluti Variazioni % Valori assoluti Variazioni % , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , (b) , , ,85 Fonte: Istat e Ice Risultano dal rapporto tra valore delle esportazioni italiane ed esportazioni mondiali, espresse in dollari. (b) Dati provvisori. Ue ( milioni) e ai Paesi europei non Ue ( milioni). L Asia orientale ( milioni di euro), l Asia centrale ( milioni di euro) e gli Altri paesi africani ( milioni di euro) fanno invece registrare il disavanzo più consistente (Tavola 15.1). Il principale mercato di sbocco delle nostre esportazioni (Figura 15.1) è l Unione europea (54,7 per cento), seguita dai Paesi europei non Ue (11,8 per cento) e dall Asia orientale (8,5 per cento). Le stesse zone geografiche costituiscono le principali aree commerciali per le importazioni: l Unione europea con il 57,1 per cento, i Paesi europei non Ue con l 11,3 per cento e l Asia orientale con l 11,0 per cento. Figura 15.1 Esportazioni e importazioni nazionali per area geografica Anno 2014, composizioni percentuali Unione europea 57,1 54,7 Paesi europei non Ue 11,3 11,8 Asia orientale 11,0 8,5 Medio Oriente 4,7 5,0 America settentrionale 4,2 8,3 Africa settentrionale 3,9 3,5 America centro-meridionale 2,7 3,5 Asia centrale 2,6 1,3 Altri paesi africani 2,1 1,6 Oceania e altri territori 0,5 1, Importazioni Esportazioni Fonte: Istat, Esportazioni e importazioni dei principali paesi, aree geografiche e geoeconomiche (E) Con riferimento ai singoli paesi, Germania e Francia si confermano anche nel 2014 i principali mercati di sbocco delle esportazioni nazionali (Prospetto 15.3), con quote pari, ri- 528 ANNUARIO STATISTICO ITALIANO 2015

5 spettivamente, al 12,6 per cento e al 10,6 per cento. Gli Stati Uniti si collocano al terzo posto tra i paesi partner, con una quota del 7,5 per cento; seguono Regno Unito e Svizzera (rispettivamente 5,3 per cento e 4,8 per cento). Rispetto al 2013, i mercati per i quali si sono registrati gli incrementi più consistenti sono: Belgio (+15,7 per cento), Hong Kong (+15,5 per cento), Stati Uniti (+10,2 per cento) e Polonia (+9,9 per cento). Si segnalano anche Repubblica ceca (+9,4 per cento) e Arabia Saudita (+7,6 per cento). Le diminuzioni più sostenute all export riguardano invece Russia (-11,6 per cento) e Giappone (-10,9 per cento). Prospetto 15.3 Esportazioni nazionali di merci per paese Anno 2014, valori monetari in milioni di euro POSIZIONE IN GRADUATORIA PAESI Valori assoluti Quote % sul totale delle esportazioni nazionali Variazioni % 2014/ Germania ,6 3,3 2 Francia ,6-0,6 3 Stati Uniti ,5 10,2 4 Regno Unito ,3 6,7 5 Svizzera ,8-6,4 6 Spagna ,5 4,5 7 Belgio ,3 15,7 8 Cina ,6 6,6 9 Polonia ,6 9,9 10 Turchia ,5-3,3 11 Russia ,4-11,6 12 Paesi Bassi ,3 2,3 13 Austria ,1-2,1 14 Romania ,6 3,2 15 Hong Kong ,4 15,5 16 Giappone ,3-10,9 17 Emirati Arabi Uniti ,3-3,5 18 Arabia Saudita ,2 7,6 19 Brasile ,2-7,5 20 Repubblica ceca ,2 9,4 Fonte: Istat, Esportazioni e importazioni dei principali paesi (E) Per quanto riguarda i principali raggruppamenti di merci secondo la classificazione CPA-Ateco 2007 (Tavola 15.2), i più ampi saldi attivi si rilevano per macchinari e apparecchi n.c.a. ( milioni di euro), prodotti tessili, abbigliamento, pelli e accessori ( milioni), articoli in gomma e materie plastiche, altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi ( milioni), prodotti delle altre attività manifatturiere ( milioni), metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti ( milioni), mezzi di trasporto ( milioni). I saldi negativi più consistenti si registrano, invece, per prodotti dell estrazione di minerali da cave e miniere ( milioni di euro), computer, apparecchi elettronici e ottici ( milioni), sostanze e prodotti chimici ( milioni), prodotti dell agricoltura, della silvicoltura e della pesca ( milioni), energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata ( milioni), legno e prodotti in legno; carta e stampa ( milioni). Le principali tipologie di merci esportate sono i medicinali e preparati farmaceutici e gli autoveicoli; i primi nel 2014 segnano un aumento del 6,3 per cento rispetto alle vendite all estero dell anno precedente, mentre gli autoveicoli fanno registrare una crescita del 10,0 per cento (Prospetto 15.4). 15 COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE 529

6 Prospetto 15.4 Esportazioni nazionali di merci per attività economica Anno 2014, valori monetari in migliaia di euro POSIZIONE IN GRADUATORIA CLASSI DI ATTIVITÀ ECONOMICA Valori assoluti Variazioni % 2014/ Medicinali e preparati farmaceutici ,3 2 Autoveicoli ,0 3 Prodotti petroliferi raffinati ,4 4 Altre parti e accessori per autoveicoli ,9 5 Altre macchine di impiego generale n.c.a ,0 6 Calzature ,0 7 Ferro, ghisa e acciaio di prima trasformazione e ferroleghe ,9 8 Altri indumenti esterni ,3 9 Altri mobili ,4 10 Altre pompe e compressori ,1 Fonte: Istat, Rilevazione su cessioni e acquisti di beni nell ambito dei paesi Ue (R); Rilevazione sul commercio speciale export/import extra Ue (R) Per quanto riguarda la composizione settoriale (Figura 15.2), si evidenzia il notevole peso, nella struttura delle esportazioni, dei macchinari e apparecchi n.c.a. (18,6 per cento), dei prodotti tessili, abbigliamento, pelli e accessori (11,8 per cento), dei metalli Figura 15.2 Esportazioni e importazioni nazionali per attività economica Anno 2014, composizioni percentuali Macchinari e apparecchi n.c.a. (b) Prodotti tessili, abbigliamento, pelli e accessori Metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti Mezzi di trasporto Prodotti alimentari, bevande e tabacco Sostanze e prodotti chimici Articoli in gomma e materie plastiche, altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi Prodotti delle altre attività manifatturiere Apparecchi elettrici Articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici Coke e prodotti petroliferi raffinati Computer, apparecchi elettronici e ottici Legno e prodotti in legno; carta e stampa Prodotti dell'agricoltura, della silvicoltura e della pesca Merci dichiarate come provviste di bordo, merci nazionali di ritorno e respinte, merci varie Altre merci n.c.a. (b) Prodotti dell'estrazione di minerali da cave e miniere Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata 18,6 6,7 11,8 8,1 11,2 10,1 10,0 9,0 7,1 8,1 6,5 9,6 6,0 3,5 5,7 3,2 5,2 3,8 5,2 5,5 3,5 2,9 3,0 6,3 2,0 2,7 1,5 3,6 1,4 1,1 0,8 1,6 0,3 13,5 0,0 0, Esportazioni Importazioni Fonte: Istat, Rilevazione su cessioni e acquisti di beni nell ambito dei paesi Ue (R); Rilevazione sul commercio speciale export/import extra Ue (R) (b) n.c.a. = non classificati altrove. 530 ANNUARIO STATISTICO ITALIANO 2015

7 di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (11,2 per cento), dei mezzi di trasporto (10,0 per cento) e dei prodotti alimentari, bevande e tabacco (7,1 per cento). Per le importazioni, quote significative si registrano per prodotti dell estrazione di minerali da cave e miniere (13,5 per cento), metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (10,1 per cento), sostanze e prodotti chimici (9,6 per cento), mezzi di trasporto (9,0 per cento), prodotti alimentari, bevande e tabacco (8,1 per cento), prodotti tessili, abbigliamento, pelli e accessori (8,1 per cento). Considerando la provenienza territoriale delle merci (Tavola 15.4 e Figura 15.3), si evidenzia come, nel corso del 2014, il 40,2 per cento delle esportazioni nazionali abbia avuto origine dalle regioni nord-occidentali, il 31,8 per cento da quelle nord-orientali, il 16,6 per cento dalle regioni centrali, il 6,6 per cento dalle regioni del Sud, il 3,6 per cento dalle Isole, un residuale 1,2 per cento riguarda regioni non specificate. Figura 15.3 Esportazioni per regione (b) Anno 2014, composizione percentuale Lombardia Veneto Emilia-Romagna Piemonte Toscana Lazio Marche Friuli-V. Giulia Sicilia Campania Puglia Liguria Abruzzo Sardegna Bolzano/Bozen Umbria Trento Basilicata V. d'aosta/v. d'aoste Molise Calabria Fonte: Istat, Esportazioni e importazioni secondo la provincia di destinazione e di origine delle merci (E) (b) La somma delle percentuali è inferiore a cento perché non è rappresentato il valore delle regioni diverse e non specificate (1,2 per cento). Operatori economici del commercio estero e imprese esportatrici Nel 2014, operatori economici hanno effettuato vendite di beni all estero (Prospetto 15.5). La distribuzione degli operatori per valore delle vendite conferma la presenza di un elevata fascia di microesportatori; sono, infatti, (pari al 62,5 per cento) gli operatori che presentano un ammontare di fatturato all esportazione fino a 75 mila euro, con un contributo al valore complessivo delle esportazioni nazionali pari al solo 0,5 per cento. All opposto, gli operatori con un fatturato esportato superiore a 15 milioni di euro sono (1,9 per cento del totale degli operatori), ma realizzano il 71,2 per cento delle vendite sui mercati esteri. 15 COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE 531

8 Prospetto 15.5 Operatori ed esportazioni di merci per classe di valore Anni , valori delle esportazioni in milioni di euro CLASSI DI VALORE DELLE ESPORTAZIONI Operatori Esportazioni di merci Oltre Totale (b) Fonte: Istat, Rilevazione su cessioni e acquisti di beni nell ambito dei paesi Ue (R); Rilevazione sul commercio speciale export/import extra Ue (R) (b) Esportazioni effettuate da operatori identificati. Nel 2013, sono attive imprese esportatrici, il cui contributo alle esportazioni nazionali cresce sensibilmente all aumentare della dimensione d impresa, espressa in termini di addetti. Le grandi imprese esportatrici (1.861 unità con almeno 250 addetti) hanno realizzato il 46,1 per cento delle esportazioni nazionali, le medie imprese ( addetti) il 29,0 per cento e le piccole imprese, con meno di 50 addetti, il 24,9 per cento (Prospetto 15.6). Prospetto 15.6 Imprese esportatrici, addetti ed esportazioni per classe di addetti Anno 2013, valore delle esportazioni in milioni di euro CLASSI DI ADDETTI Imprese Addetti Esportazioni Valori assoluti Quote % Valori assoluti sulle imprese attive Valori assoluti Quote % sulle imprese attive Composizione percentuale 0-9 addetti , , , , , , , , , , , , , , , , , ,5 500 addetti e oltre , , ,6 Totale , , ,0 Fonte: Istat, Rilevazione su cessioni e acquisti di beni nell ambito dei paesi Ue (R); Rilevazione sul commercio speciale export/import extra Ue (R); Registro statistico delle imprese attive (Asia - Imprese) (E) Imprese a controllo estero residenti in Italia e imprese a controllo nazionale residenti all estero Nel 2012, le imprese a controllo estero residenti in Italia sono , con quasi 1,2 milioni di addetti, un fatturato di circa 505 miliardi di euro, un valore aggiunto di oltre 93 miliardi di euro e un valore rilevante (2,6 miliardi di euro) di spesa per ricerca e sviluppo. Queste imprese contribuiscono ai principali aggregati economici nazionali dell industria e dei servizi con il 7,1 per cento degli addetti, il 16,6 per cento del fatturato, il 13,5 per cento del valore aggiunto. L apporto del capitale estero è rilevante anche per la spesa delle imprese per ricerca e sviluppo (23,6 per cento) e le esportazioni e importazioni nazionali di merci, pari rispettivamente al 25,9 e al 45,1 per cento (Figura 15.4). 532 ANNUARIO STATISTICO ITALIANO 2015

9 Figura 15.4 Principali aggregati economici delle imprese a controllo estero residenti in Italia per macrosettore di attività economica Anno 2012, in percentuale del complesso delle attività realizzate dalle imprese residenti in Italia ,8 54,1 45, ,9 6,7 7,1 16,6 16,6 16,6 13,9 13,5 13,2 15,3 13,3 11,0 26,7 26,5 25,7 25,9 22,6 23,6 0 Addetti Fatturato Valore aggiunto Investimenti Spesa in R&S Esportazioni Importazioni Industria Servizi Totale Fonte: Istat, Rilevazione sulle imprese a controllo estero residenti in Italia Le quote di fatturato, valore aggiunto e investimenti sono al netto della sezione K. Nello stesso anno, le imprese a controllo nazionale residenti all estero sono , realizzano un fatturato di oltre 546 miliardi di euro e impiegano oltre 1,7 milioni di addetti (Tavola 15.8). Il grado di internazionalizzazione del sistema produttivo italiano può essere valutato sulla base dell incidenza delle attività realizzate all estero rispetto al complesso di quelle svolte in Italia. In alcuni settori dell industria e dei servizi il grado di internazionalizzazione, misurato in termini di fatturato, è particolarmente elevato: si tratta del settore estrazione di minerali da cave e miniere che realizza all estero un fatturato pari al 45,8 per cento di quello nazionale di settore, a cui seguono le attività manifatturiere che, nel complesso, realizzano all estero un fatturato pari al 23,5 per cento di quello conseguito in Italia. All interno del manifatturiero emergono il settore della fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi che realizza all estero un fatturato pari al 154,3 per cento di quello nazionale e il settore fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche che ha un fatturato estero pari al 38,6 per cento di quello nazionale. APPROFONDIMENTI Istat e Ice, Annuario Commercio estero e attività internazionali delle imprese, 29 luglio Istat, Coeweb - Statistiche del commercio estero - Istat, Commercio estero e internazionalizzazione COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE 533

10 GLOSSARIO Acquisti Cessioni Esportazioni Importazioni Impresa controllata Impresa esportatrice o importatrice Operatore economico del commercio con l estero Valore medio unitario Le transazioni commerciali effettuate nell ambito dell Unione europea che, prima del Mercato unico, erano indicate dalle importazioni. Le transazioni commerciali effettuate nell ambito dell Unione europea che, prima del Mercato unico, erano indicate dalle esportazioni. I trasferimenti di beni da operatori residenti a operatori non residenti (resto del mondo). Le esportazioni di beni includono tutti i beni (nazionali o nazionalizzati, nuovi o usati) che, a titolo oneroso o gratuito, escono dal territorio economico del paese per essere destinati al resto del mondo. Esse sono valutate al valore Fob (free on board) che corrisponde al prezzo di mercato alla frontiera del paese esportatore. Questo prezzo comprende: il prezzo ex fabrica, i margini commerciali, le spese di trasporto internazionale e gli eventuali diritti all esportazione. Sono costituite dagli acquisti all estero (resto del mondo) di beni introdotti nel territorio nazionale. Le importazioni di beni comprendono tutti i beni (nuovi o usati) che, a titolo oneroso o gratuito, entrano nel territorio economico del paese, in provenienza dal resto del mondo. Esse possono essere valutate al valore Fob o al valore Cif (costo, assicurazione, nolo) che comprende: il valore Fob dei beni, le spese di trasporto e le attività assicurative tra la frontiera del paese esportatore e la frontiera del paese importatore. L impresa A è definita come controllata da un unità istituzionale B quando quest ultima controlla, al 31 dicembre dell anno di riferimento, direttamente o indirettamente, oltre il 50 per cento delle sue quote o azioni con diritto di voto. L impresa dell industria e dei servizi che, sulla base dell integrazione tra il Registro statistico delle imprese attive (Asia) e quello degli operatori economici del commercio estero, risulta aver effettuato transazioni commerciali con l estero nell anno di osservazione. Il soggetto economico identificato sulla base della partita Iva che risulta aver effettuato almeno una transazione commerciale con l estero nel periodo considerato. Rapporto tra valore delle merci scambiate e quantità delle stesse. 534 ANNUARIO STATISTICO ITALIANO 2015

11 Tavola 15.1 Interscambio commerciale per area geografica Anni , valori in milioni di euro AREE GEOGRAFICHE Esportazioni Importazioni Saldi Var.% 2014/ Var.% 2014/ EUROPA , , Unione europea (b) , , di cui: Uem , , Austria , , Belgio , , Bulgaria , , Cipro , , Croazia , , Danimarca , , Estonia , , Finlandia , , Francia , , Germania , , Grecia , , Irlanda , , Lettonia , , Lituania , , Lussemburgo , , Malta , , Paesi Bassi , , Polonia , , Portogallo , , Regno Unito , , Repubblica ceca , , Romania , , Slovacchia , , Slovenia , , Spagna , , Svezia , , Ungheria , , Provviste di bordo Ue , Paesi europei non Ue , , AFRICA , , Africa settentrionale , , Altri paesi africani , , AMERICA , , America settentrionale , , America centro-meridionale , , ASIA , , Medio Oriente , , Asia centrale , , Asia orientale , , OCEANIA E ALTRI TERRITORI , , MONDO , , Fonte: Istat, Esportazioni e importazioni dei principali paesi, aree geografiche e geoeconomiche (E) (b) I totali dell Unione europea includono i dati relativi a Paesi e territori non specificati nel quadro degli scambi intra Ue per i quali non è stata prevista una voce separata, pertanto il totale della Ue differisce dalla somma di tutte le singole voci riportate nella tavola. 15 COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE 535

12 Tavola 15.2 Interscambio commerciale per attività economica Anni , valori in milioni di euro ATTIVITÀ ECONOMICHE Esportazioni Importazioni Saldi Var.% 2014/ Var.% 2014/ PRODOTTI DELL AGRICOLTURA, DELLA SILVICOLTURA E DELLA PESCA , , Prodotti agricoli, animali e della caccia , , Prodotti della silvicoltura , , Prodotti della pesca e dell acquacoltura , , PRODOTTI DELL ESTRAZIONE DI MINERALI DA CAVE E MINIERE , , Carbone (esclusa torba) , , Petrolio greggio e gas naturale , , Minerali metalliferi , , Altri minerali da cave e miniere , , PRODOTTI DELLE ATTIVITÀ MANIFATTURIERE , , Prodotti alimentari, bevande e tabacco , , Prodotti alimentari , , Bevande , , Tabacco , , Prodotti tessili, abbigliamento, pelli e accessori , , Prodotti tessili , , Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia) , , Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili , , Legno e prodotti in legno; carta e stampa , , Legno e prodotti in legno e sughero (esclusi i mobili); articoli in paglia e materiali da intreccio , , Carta e prodotti di carta , , Prodotti della stampa e della riproduzione di supporti registrati , , Coke e prodotti petroliferi raffinati , , Sostanze e prodotti chimici , , Articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici , , Articoli in gomma e materie plastiche, altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi , , Articoli in gomma e materie plastiche , , Altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi , , Metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti , , Prodotti della metallurgia , , Prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature , , Computer, apparecchi elettronici e ottici , , Apparecchi elettrici , , Macchinari e apparecchi n.c.a. (b) , , Mezzi di trasporto , , Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi , , Altri mezzi di trasporto , , Prodotti delle altre attività manifatturiere , , Mobili , , Prodotti delle altre industrie manifatturiere , , ENERGIA ELETTRICA, GAS, VAPORE E ARIA CONDIZIONATA , , ALTRE MERCI N.C.A (b) , , MERCI DICHIARATE COME PROVVISTE DI BORDO, MERCI NAZIONALI DI RITORNO E RESPINTE, MERCI VARIE , , TOTALE , , Fonte: Istat, Rilevazione su cessioni e acquisti di beni nell ambito dei paesi Ue (R); Rilevazione sul commercio speciale export/import extra Ue (R) (b) n.c.a. = non classificati altrove. 536 ANNUARIO STATISTICO ITALIANO 2015

13 Tavola 15.3 GRUPPI Interscambio commerciale per raggruppamenti principali di industrie (Rpi) Anni , valori in milioni di euro Valori assoluti Composizioni percentuali ESPORTAZIONI Beni di consumo ,5 28,9 29,3 31,0 31,6 Beni di consumo durevoli ,3 5,9 5,8 6,0 6,0 Beni di consumo non durevoli ,2 23,0 23,5 25,1 25,6 Beni strumentali ,4 32,3 31,6 32,3 33,1 Prodotti intermedi ,5 34,2 33,6 32,3 31,7 Energia ,6 4,7 5,5 4,4 3,7 Totale ,0 100,0 100,0 100,0 100,0 IMPORTAZIONI Beni di consumo ,3 25,0 25,6 27,3 28,6 Beni di consumo durevoli ,5 3,0 2,9 2,9 3,2 Beni di consumo non durevoli ,8 22,0 22,6 24,4 25,4 Beni strumentali ,4 21,1 19,8 20,5 21,9 Prodotti intermedi ,9 34,3 32,4 32,4 33,2 Energia ,4 19,6 22,2 19,9 16,3 Totale ,0 100,0 100,0 100,0 100,0 Beni di consumo Beni di consumo durevoli Beni di consumo non durevoli Beni strumentali Prodotti intermedi Energia Totale Fonte: Istat, Rilevazione su cessioni e acquisti di beni nell ambito dei paesi Ue (R); Rilevazione sul commercio speciale export/import extra Ue (R) SALDI 15 COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE 537

14 Tavola 15.4 REGIONI Esportazioni per regione Anni , valori in milioni di euro Valori assoluti Composizioni percentuali Piemonte ,2 10,3 10,2 10,6 10,7 Valle d Aosta/Vallée d Aoste ,2 0,2 0,2 0,1 0,2 Liguria ,7 1,8 1,8 1,6 1,8 Lombardia ,9 27,7 27,7 27,7 27,5 Trentino-Alto Adige/Südtirol ,8 1,8 1,8 1,8 1,8 Trento ,8 0,8 0,8 0,8 0,8 Bolzano/Bozen ,0 1,0 0,9 1,0 1,0 Veneto ,5 13,4 13,1 13,5 13,6 Friuli-Venezia Giulia ,5 3,3 2,9 2,9 3,0 Emilia-Romagna ,6 12,8 12,7 13,0 13,3 Toscana ,9 8,1 8,3 8,0 8,0 Umbria ,9 1,0 1,0 0,9 0,9 Marche ,6 2,6 2,7 3,0 3,1 Lazio ,4 4,5 4,6 4,5 4,6 Abruzzo ,9 1,9 1,8 1,7 1,7 Molise ,1 0,1 0,1 0,1 0,1 Campania ,6 2,5 2,4 2,5 2,4 Puglia ,1 2,2 2,3 2,0 2,0 Basilicata ,4 0,4 0,3 0,3 0,3 Calabria ,1 0,1 0,1 0,1 0,1 Sicilia ,8 2,9 3,4 2,9 2,4 Sardegna ,6 1,4 1,6 1,4 1,2 Nord-ovest ,0 39,9 39,8 40,1 40,2 Nord-est ,4 31,3 30,5 31,3 31,8 Centro ,9 16,1 16,6 16,5 16,6 Sud ,2 7,2 6,9 6,7 6,6 Isole ,3 4,3 5,0 4,2 3,6 Regioni diverse e non specificate ,2 1,2 1,2 1,2 1,2 ITALIA ,0 100,0 100,0 100,0 100,0 Fonte: Istat, Esportazioni e importazioni secondo la provincia di destinazione e di origine delle merci (E) 538 ANNUARIO STATISTICO ITALIANO 2015

15 Tavola 15.5 Indici dei valori medi unitari e dei volumi esportati e importati per attività economica. Base 2010=100 Anni Esportazioni Importazioni ATTIVITÀ ECONOMICHE Valori medi unitari Volumi Valori medi unitari Volumi Prodotti dell agricoltura, della silvicoltura e della pesca 109,0 116,9 114,3 95,1 91,2 92,3 121,8 122,7 121,9 90,9 92,9 95,6 Prodotti dell estrazione di minerali da cave e miniere 121,9 114,9 111,3 102,2 89,7 91,8 143,4 133,6 118,3 87,8 75,7 68,6 Prodotti delle attività manifatturiere 112,1 113,1 114,8 103,3 102,4 103,1 108,7 108,6 108,5 90,7 89,5 91,4 Prodotti alimentari, bevande e tabacco 110,5 114,9 116,8 106,4 108,0 109,6 112,1 116,4 116,5 96,2 95,4 98,1 Prodotti tessili, abbigliamento, pelli e accessori 115,2 119,1 123,9 100,2 101,1 101,4 118,6 119,6 122,1 86,2 85,7 90,6 Legno e prodotti in legno; carta e stampa 104,5 104,4 105,0 102,2 104,1 106,5 102,2 102,3 102,0 90,6 90,1 92,7 Coke e prodotti petroliferi raffinati 150,3 142,0 137,9 92,2 77,9 68,8 140,8 130,0 120,5 88,0 109,8 98,3 Sostanze e prodotti chimici 114,3 114,4 115,0 98,2 98,8 99,9 115,7 115,1 114,7 96,3 93,9 93,0 Articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici 110,9 109,3 104,9 111,2 128,6 141,5 103,7 109,2 107,8 109,7 109,5 105,3 Articoli in gomma e materie plastiche, altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi 112,2 113,8 116,1 96,6 98,0 98,0 112,2 111,7 111,7 90,7 92,8 97,2 Metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti 111,5 106,2 104,8 115,9 109,0 108,2 111,2 104,6 102,0 94,1 93,3 97,7 Computer, apparecchi elettronici e ottici 109,3 108,6 109,0 99,8 97,7 95,2 84,1 81,4 82,0 89,4 83,0 80,8 Apparecchi elettrici 103,9 103,7 104,2 99,0 100,7 103,1 111,2 114,3 115,7 90,0 85,1 88,3 Macchinari e apparecchi n.c.a. 110,8 116,1 121,3 105,8 102,7 101,8 109,6 112,8 114,3 91,6 88,5 93,0 Mezzi di trasporto 104,5 105,0 106,9 100,6 102,8 108,2 105,1 107,4 110,1 76,8 72,6 76,5 Prodotti delle altre attività manifatturiere 111,0 113,9 115,7 99,7 101,4 103,4 111,7 114,3 116,0 88,2 86,2 91,6 Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (b) ,4 94,8 77,7 89,9 90,7 93,1 Totale 112,2 113,2 114,8 103,1 102,2 102,8 115,7 113,5 110,5 89,5 86,6 87,5 VARIAZIONI PERCENTUALI RISPETTO ALL ANNO PRECEDENTE Prodotti dell agricoltura, della silvicoltura e della pesca 4,6 7,2-2,2-4,0-4,2 1,3 5,6 0,7-0,7-10,4 2,2 2,9 Prodotti dell estrazione di minerali da cave e miniere 6,8-5,7-3,1 6,5-12,3 2,3 12,1-6,8-11,5-4,2-13,8-9,3 Prodotti delle attività manifatturiere 4,7 0,9 1,5-0,9-0,8 0,7 2,2-0,1-0,1-10,0-1,3 2,2 Prodotti alimentari, bevande e tabacco 4,9 4,0 1,7 1,8 1,4 1,5 4,4 3,8 0,1-4,9-0,8 2,8 Prodotti tessili, abbigliamento, pelli e accessori 6,9 3,4 4,0-3,9 0,9 0,2 7,0 0,8 2,1-14,2-0,5 5,7 Legno e prodotti in legno; carta e stampa 0,4-0,1 0,6 1,4 1,9 2,2-1,6 0,1-0,3-7,4-0,5 2,8 Coke e prodotti petroliferi raffinati 15,1-5,5-2,9 5,7-15,5-11,6 10,0-7,7-7,3-4,5 24,8-10,5 Sostanze e prodotti chimici 4,9 0,1 0,5-3,0 0,6 1,1 2,1-0,5-0,3-3,9-2,4-1,1 Articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici 5,0-1,4-4,0 7,2 15,6 10,0 4,7 5,3-1,3-1,8-0,3-3,8 Articoli in gomma e materie plastiche, altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi 5,8 1,4 2,0-5,2 1,5.. 5,2-0, ,7 2,3 4,8 Metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti 1,6-4,8-1,3 3,4-6,0-0,7-1,0-5,9-2,5-10,2-0,8 4,7 Computer, apparecchi elettronici e ottici 2,6-0,6 0,4-4,6-2,2-2,5-9,5-3,2 0,7-8,9-7,2-2,6 Apparecchi elettrici 1,4-0,2 0,5-3,1 1,7 2,4 5,2 2,8 1,2-8,7-5,4 3,7 Macchinari e apparecchi n.c.a. 6,2 4,8 4,5-3,1-3,0-0,8 6,2 2,9 1,3-12,2-3,4 5,1 Mezzi di trasporto 1,5 0,5 1,8-2,1 2,1 5,3 2,7 2,2 2,5-22,4-5,5 5,3 Prodotti delle altre attività manifatturiere 5,3 2,6 1,6-0,7 1,8 1,9 6,2 2,3 1,5-10,6-2,2 6,3 Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (b) ,9-13,3-18,0-10,6 0,9 2,7 Totale 4,8 0,9 1,4-0,9-0,9 0,6 4,4-1,9-2,6-9,3-3,2 1,0 Fonte: Istat, Indici del commercio con l estero (E) (b) Secondo il nuovo piano di diffusione degli indici dei valori medi unitari, gli indici di alcuni gruppi di prodotto non vengono diffusi (cfr. Istat, Nota informativa del 16/07/2003 disponibile sul sito INDICI 15 COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE 539

16 Tavola 15.6 Esportazioni mondiali di merci per area geografica Anni , valori in milioni di dollari AREE GEOGRAFICHE Valori assoluti Composizioni percentuali EUROPA ,70 39,48 37,99 38,60 38,57 Unione europea ,57 32,94 31,23 32,04 32,33 di cui: Uem ,15 25,44 24,20 24,57 24,91 Italia ,95 2,89 2,74 2,80 2,85 Austria ,00 0,96 0,90 0,93 0,93 Belgio ,67 2,59 2,41 2,48 2,49 Bulgaria ,13 0,16 0,15 0,16 0,16 Cipro ,01 0,01 0,01 0,01 0,01 Croazia ,08 0,07 0,07 0,06 0,07 Danimarca ,63 0,60 0,58 0,59 0,59 Estonia ,07 0,09 0,09 0,09 0,08 Finlandia ,46 0,43 0,40 0,40 0,40 Francia ,43 3,28 3,11 3,11 3,11 Germania ,01 7,82 7,38 7,49 7,75 Grecia ,18 0,19 0,19 0,20 0,19 Irlanda ,75 0,68 0,62 0,60 0,61 Lettonia ,06 0,07 0,08 0,08 0,08 Lituania ,14 0,15 0,16 0,18 0,17 Lussemburgo ,13 0,12 0,11 0,10 0,10 Malta ,02 0,02 0,02 0,01 0,01 Paesi Bassi ,81 3,68 3,59 3,62 3,58 Polonia ,04 1,02 1,00 1,08 1,14 Portogallo ,33 0,33 0,32 0,34 0,35 Regno Unito ,57 2,63 2,42 2,72 2,52 Repubblica ceca ,89 0,91 0,87 0,88 0,94 Romania ,32 0,35 0,32 0,35 0,38 Slovacchia ,41 0,42 0,43 0,44 0,45 Slovenia ,19 0,19 0,18 0,19 0,20 Spagna ,67 1,68 1,62 1,69 1,72 Svezia ,01 0,99 0,91 0,88 0,86 Ungheria ,63 0,61 0,56 0,57 0,59 Paesi europei non Ue ,13 6,54 6,75 6,56 6,25 AFRICA ,13 3,07 3,19 2,97 2,72 Africa settentrionale ,06 0,89 1,05 0,93 0,74 Altri paesi africani ,07 2,18 2,13 2,04 1,97 AMERICA ,06 16,95 17,35 17,18 17,43 America settentrionale ,15 10,84 11,19 11,18 11,40 America centro-meridionale ,91 6,12 6,15 6,00 6,03 ASIA ,36 38,64 39,71 39,52 39,63 Medio Oriente ,84 6,66 7,05 6,80 6,42 Asia centrale ,27 2,60 2,57 2,55 2,52 Asia orientale ,25 29,37 30,09 30,17 30,69 OCEANIA E ALTRI TERRITORI ,72 1,82 1,74 1,69 1,62 MONDO ,00 100,00 100,00 100,00 100,00 Fonte: Elaborazioni Ice su dati Fmi-Dots e, per Taiwan, Taiwan Directorate General of Customs Il totale può non coincidere con la somma delle aree poiché comprende arrotondamenti e stime effettuate dal Fmi a seguito di dichiarazioni incomplete da parte dei singoli paesi. 540 ANNUARIO STATISTICO ITALIANO 2015

17 Tavola 15.7 Principali aggregati delle imprese a controllo estero residenti in Italia per attività economica Anno 2012, valori monetari in milioni di euro ATTIVITÀ ECONOMICHE Valori assoluti Imprese Addetti Fatturato Valore aggiunto Spesa in R&S In % delle imprese residenti in Italia Addetti Fatturato Valore aggiunto Spesa in R&S TOTALE INDUSTRIA E SERVIZI ,1 16,6 13,5 23,6 INDUSTRIA TOTALE ,9 16,6 13,9 22,6 Industria in senso stretto ,5 19,0 16,6 22,6 Estrazione di minerali da cave e miniere ,9 3,0 30,0 - Attività manifatturiere ,0 20,6 18,1 22,8 Industrie alimentari, delle bevande e del tabacco ,1 14,2 15,7 14,3 Industrie tessili ,9 4,6 4,7 5,7 Confezione di articoli di abbigliamento e fabbricazione di articoli in pelle e simili ,6 7,5 5,3 11,6 Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero (esclusi i mobili); fabbricazione di articoli in paglia e materiali da intreccio ,5 1,4 0,5 4,4 Fabbricazione di carta e di prodotti di carta ,7 18,5 18,1 11,9 Stampa e riproduzione di supporti registrati ,7 7,3 4,2 1,5 Fabbricazione di coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio ,7 43,1 33,6 68,4 Fabbricazione di prodotti chimici ,2 39,2 42,4 43,6 Fabbricazione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici ,2 63,9 57,6 44,6 Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche ,5 18,1 17,8 15,5 Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi ,5 13,8 13,4 6,4 Metallurgia ,0 15,8 11,4 17,0 Fabbricazione di prodotti in metallo (esclusi macchinari e attrezzature) ,6 8,8 6,4 22,3 Fabbricazione di computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e di orologi ,0 25,4 22,9 19,7 Fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche ,5 28,7 29,5 36,0 Fabbricazione di macchinari e apparecchiature nca ,0 24,5 22,2 29,6 Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi ,4 16,5 27,2 20,5 Fabbricazione di altri mezzi di trasporto ,2 29,0 30,6 10,3 Fabbricazione di mobili ,8 1,5 1,1 0,3 Altre industrie manifatturiere ,8 15,5 15,0 27,0 Riparazione, manutenzione e installazione di macchine e apparecchiature ,8 8,5 7,5 11,8 Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata ,6 20,2 9,5 17,0 Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento ,0 2,3 2,3 18,4 Costruzioni ,7 1,8 1,4 6,7 SERVIZI TOTALE ,7 16,6 13,2 26,7 Commercio all ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli ,3 18,0 16,9 50,4 Trasporto e magazzinaggio ,9 13,8 6,3 1,0 Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione ,9 5,0 5,8.. Servizi di informazione e comunicazione ,7 31,3 26,6 22,5 Attività finanziarie e assicurative (b) ,4.. 3,7 Attività immobiliari ,9 4,5 5,6 - Attività professionali, scientifiche e tecniche ,6 10,4 8,0 31,8 Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese ,3 16,8 21,8 9,7 Istruzione, sanità, attività artistiche, sportive, di intrattenimento e altri servizi ,6 8,6 3,9 12,5 Fonte: Istat, Rilevazione sulle attività delle imprese a controllo estero residenti in Italia (R); Rilevazione sul sistema dei conti delle imprese (R); Rilevazione sulle piccole e medie imprese e sull esercizio di arti e professioni (R); Rilevazione sulla ricerca e sviluppo nelle imprese (R) I valori assoluti e le incidenze sono calcolate al netto della sezione K, ad eccezione delle variabili addetti e spesa in ricerca e sviluppo. (b) Le variabili economiche fatturato e valore aggiunto non sono state stimate non disponendo dei dati per tutte le divisioni della sezione K. 15 COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE 541

18 Tavola 15.8 Principali aggregati delle imprese a controllo nazionale residenti all estero per attività economica Anno 2012, valori monetari in milioni di euro ATTIVITÀ ECONOMICHE Valori assoluti In % delle imprese residenti in Italia Imprese Addetti Fatturato Imprese Addetti Fatturato TOTALE INDUSTRIA E SERVIZI ,5 10,5. di cui: Industria e servizi non finanziari ,5 9,5 14,8 INDUSTRIA TOTALE ,8 17,6 20,6 Industria in senso stretto ,7 22,2 23,0 Estrazione di minerali da cave e miniere ,1 119,4 45,8 Attività manifatturiere ,5 21,7 23,5 Industrie alimentari, delle bevande e del tabacco ,6 9,1 7,4 Industrie tessili e confezione di articoli di abbigliamento, di articoli in pelle e pelliccia ,2 23,9 10,2 Fabbricazione di articoli in pelle e simili ,6 19,5 4,1 Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero (esclusi i mobili); fabbricazione di articoli in paglia e materiali da intreccio; fabbricazione di carta e di prodotti di carta; stampa e riproduzione di supporti registrati ,6 9,4 9,8 Fabbricazione di coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio ,2 3,9 0,2 Fabbricazione di prodotti chimici ,2 24,2 16,4 Fabbricazione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici ,3 38,9 22,2 Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche ,6 45,3 27,7 Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi ,0 21,6 23,7 Metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (esclusi macchinari e attrezzature) ,1 10,4 11,6 Fabbricazione di computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e di orologi ,3 15,0 12,5 Fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche ,5 36,3 38,6 Fabbricazione di macchinari e apparecchiature nca ,8 26,4 32,5 Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi ,3 100,9 154,3 Fabbricazione di altri mezzi di trasporto ,0 24,5 26,0 Fabbricazione di mobili e altre industrie manifatturiere ,4 9,2 6,4 Riparazione, manutenzione e installazione di macchine e apparecchiature ,4 5,3 4,7 Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata ,9 44,2 17,0 Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento ,7 4,3 0,6 Costruzioni ,2 5,3 4,8 SERVIZI TOTALE ,4 6,8. Servizi non finanziari ,4 5,1 9,8 Commercio all ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli ,6 7,1 11,3 Trasporto e magazzinaggio ,5 2,5 5,0 Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione ,1 4,7 5,3 Servizi di informazione e comunicazione ,9 9,5 15,4 Attività immobiliari ,4 8,4 15,3 Attività professionali, scientifiche e tecniche ,1 2,3 7,1 Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese ,8 7,7 5,1 Istruzione, sanità e assistenza sociale, attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento, altre attività di servizi ,0 0,8 2,9 Attività finanziarie e assicurative ,7 36,5. Fonte: Istat, Rilevazione sulle attività estere delle imprese a controllo nazionale (Fats outward) (R); Rilevazione sul sistema dei conti delle imprese (R); Rilevazione sulle piccole e medie imprese e sull esercizio di arti e professioni (R) La variabile fatturato non è disponibile per i servizi di intermediazione monetaria e finanziaria. 542 ANNUARIO STATISTICO ITALIANO 2015

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

COMMERCIO CON L ESTERO

COMMERCIO CON L ESTERO 17 novembre 014 Settembre 014 COMMERCIO CON L ESTERO Rispetto al mese precedente, a settembre 014 si rileva un aumento sia delle esportazioni (+1,5%) sia delle importazioni (+1,6%). L aumento congiunturale

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 24 febbraio 2014 Dicembre 2013 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI A partire dal mese corrente, l Istat avvia la diffusione mensile degli indici dei prezzi all importazione dei prodotti industriali.

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 giugno 2015 Aprile 2015 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di aprile 2015 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali aumenta dello 0,5% rispetto al mese precedente

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 febbraio 2015 Dicembre 2014 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di dicembre 2014 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali diminuisce dell 1,8% rispetto al

Dettagli

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA Divisione atmosfera e impianti 1 Inquadramento del tema Per azienda agricola si intende l'unità tecnico-economica costituita da terreni, anche in appezzamenti non

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 settembre 2014 II Trimestre 2014 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel secondo trimestre del 2014, rispetto ai tre mesi precedenti, le vendite di beni sui mercati esteri risultano in aumento per

Dettagli

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI 51 A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI

Dettagli

Capitolo 14. Industria

Capitolo 14. Industria Capitolo 14 Industria 14. Industria Questo capitolo raccoglie informazioni sul settore dell industria in senso stretto, escluse cioè le costruzioni per le quali si rinvia all apposito capitolo. Un primo

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 3 TRIMESTRE Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41100 Modena Tel. 059 208423 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo LE ESPORTAZIONI ITALIANE A LIVELLO TERRITORIALE Nel corso dei primi nove mesi del 2015, l 80% delle regioni italiane ha conosciuto incrementi su base tendenziale delle proprie esportazioni. % 150 130 110

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 settembre 201 II Trimestre 201 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel secondo trimestre del 201, rispetto ai tre mesi precedenti, le vendite di beni sui mercati esteri sono in forte aumento per

Dettagli

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3 Tav 1.1 Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) I e II trimestre 2012. Iscrizioni e cessazioni trimestrali Provincia di CREMONA Fonte: Infocamere, Stockview, 2012 SEZIONE

Dettagli

La demografia delle imprese

La demografia delle imprese La demografia delle imprese Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) alla fine dei trimestri 2011. Iscrizioni e cessazioni trimestrali nel 2011 SEZIONE E DIVISIONE DI

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Provincia autonoma di Bolzano Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Lombardia Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 gennaio 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 giugno 2015 Aprile 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Ad aprile il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra una diminuzione dello 0,6% rispetto a marzo, con variazioni

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Piemonte Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 dicembre 2015 Ottobre 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA A ottobre il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra un incremento del 2,0% rispetto a settembre, con variazioni

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 giugno 2015 I trimestre 2015 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel primo trimestre del 2015, rispetto ai tre mesi precedenti, le vendite di beni sui mercati esteri sono in aumento sia per le regioni

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 22 luglio 2015 Maggio 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Allo scopo di fornire informazioni statistiche integrate, a partire dalla diffusione odierna, il comunicato è arricchito di un paragrafo

Dettagli

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica RAPPORTO 2010 L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica La demografia delle imprese Imprese registrate e attive

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari NORDEST: QUASI IL 25 DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari ==================== Quasi il 25 per cento delle merci prodotte nel Nordest prende la

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Rischio BASSO (Datore di lavoro R.S.P.P. 16 ore - Formazione per i Dipendenti 4 ore modulo generale + 4 ore modulo

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

ESPORTAZIONI ED IMPORTAZIONI DELLE MARCHE 2013-2014 ANNO 2015 VOLUME DICIANNOVESIMO

ESPORTAZIONI ED IMPORTAZIONI DELLE MARCHE 2013-2014 ANNO 2015 VOLUME DICIANNOVESIMO ESPORTAZIONI ED IMPORTAZIONI DELLE MARCHE 2013-2014 ANNO 2015 VOLUME DICIANNOVESIMO Redazione, elaborazioni grafiche e statistiche RICCARDO GIULIETTI Nota Bene: le informazioni statistiche sull Import

Dettagli

Anno 2011, nuovi investimenti 2012-2013 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO

Anno 2011, nuovi investimenti 2012-2013 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO 13 dicembre 2013 Anno 2011, nuovi investimenti 2012-2013 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO La presenza delle imprese italiane all estero si conferma rilevante

Dettagli

RUSSIA: L EMBARGO CI E COSTATO 3,6 MILIARDI

RUSSIA: L EMBARGO CI E COSTATO 3,6 MILIARDI RUSSIA: L EMBARGO CI E COSTATO 3,6 MILIARDI A seguito della crisi politico-militare con l Ucraina, le sanzioni economiche introdotte nel 2014 dall Unione europea nei confronti della Russia e le reazioni

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 19 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE INDAGINE ANNUALE SUL SISTEMA DEI CONTI DELLE IMPRESE L indagine sul Sistema dei Conti delle Imprese (SCI) condotta dall ISTAT, già indagine sul prodotto lordo, fornisce

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane 17 marzo 2004 Le esportazioni delle regioni italiane Anno 2003 Nel 2003 il valore delle esportazioni italiane ha registrato una flessione del 4 per cento rispetto al 2002. Dal punto di vista territoriale,

Dettagli

Le imprese a controllo nazionale residenti all estero Anno 2007

Le imprese a controllo nazionale residenti all estero Anno 2007 31 maggio 2010 Le imprese a controllo nazionale residenti all estero Anno 2007 L Istat rende disponibili per la prima volta i principali risultati dell indagine sulla struttura e le attività delle affiliate

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 06/12/2010

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 06/12/2010 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato 06/12/2010 L origine del prodotto è essenziale per gli acquisti di 129 milioni di cittadini europei Il 'made in' influisce sugli acquisti del 31,7% dei

Dettagli

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP G.QUATTRO SERVIZI S.R.L. via San Rocco, 7 35028 Piove di Sacco (PD) C.F e P.IVA 0348078 02 81 N R.E.A. PD 315121 www.gquattroservizi.it Tel. 049970 127 3 Fax 049 97 117 28 E-mail: info@gquattroservizi.it

Dettagli

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO 16 dicembre 2011 Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO Nel biennio 2010-2011, i principali gruppi multinazionali italiani mostrano una significativa

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

PRODUZIONE INDUSTRIALE

PRODUZIONE INDUSTRIALE 9 maggio 2014 marzo 2014 PRODUZIONE INDUSTRIALE A marzo 2014 l indice destagionalizzato della produzione industriale è diminuito dello 0,5% rispetto a febbraio. Nella media del trimestre gennaio-marzo

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

STIMA PRELIMINARE DEL COMMERCIO ESTERO EXTRA UE

STIMA PRELIMINARE DEL COMMERCIO ESTERO EXTRA UE 22 giugno 211 Maggio 211 STIMA PRELIMINARE DEL COMMERCIO ESTERO EXTRA UE A maggio 211 entrambi i flussi commerciali registrano una flessione congiunturale, più marcata per le importazioni (-2,2%) rispetto

Dettagli

Tavola 8.1 - Capacità degli esercizi ricettivi per tipo di alloggio - Comune di Lecce - Anno 2009

Tavola 8.1 - Capacità degli esercizi ricettivi per tipo di alloggio - Comune di Lecce - Anno 2009 8. Turismo Nel 2009 nella categoria esercizi alberghieri gli alberghi a 4 stelle costituiscono il 40,0% degli esercizi con una dotazione di posti letto pari al 59,4% del totale. La permanenza media del

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

CUBA Congiuntura Economica

CUBA Congiuntura Economica CUBA Congiuntura Economica Durante il 2011 l economia cubana ha avviato graduali riforme del sistema economico. Il tasso annuale di crescita del prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi al 2.7% nel 2011.

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI. LAZIO Tavole statistiche

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI. LAZIO Tavole statistiche INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI LAZIO Tavole statistiche Risultati del II trimestre 2015 e previsioni per il III trimestre 2015 Indice delle tavole Tavola 1 Tavola 2 Tavola 3 Tavola 4

Dettagli

Anno 2012, nuovi investimenti 2013-2014 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO

Anno 2012, nuovi investimenti 2013-2014 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO 15 dicembre 2014 Anno 2012, nuovi investimenti 2013-2014 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO Nel 2012, la presenza delle multinazionali italiane all estero

Dettagli

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%)

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Pubblicato dall Istituto di Statistica il bollettino di maggio. Crescono su base annua i numeri delle aziende

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 21 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE I dati presentati in questo capitolo provengono dalle rilevazioni annuali sui risultati economici delle imprese, condotte in base a quanto disposto dal Regolamento UE N.

Dettagli

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche Struttura Neuchâtel, 2008 La serie «Statistica della Svizzera» pubblicata dall Ufficio federale di statistica (UST) comprende i settori seguenti:

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

RIEPILOGO INDICATORI MARCHE: LE ESPORTAZIONI

RIEPILOGO INDICATORI MARCHE: LE ESPORTAZIONI RIEPILOGO INDICATORI MARCHE: LE ESPORTAZIONI Dicembre 2015 Esportazioni delle regioni italiane gennaio- settembre (valori assoluti, composizione e variazioni %) Ripartizioni e regioni 2014 2015 2014/2015

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Economia, lavoro e società

Economia, lavoro e società Introduzione L export della piccola impresa Daniele Nicolai 1 2 L export realizzato dalle piccole imprese (< 20 addetti) rappresenta il 13,6% del totale delle esportazioni italiane e ammonta ad oltre 38

Dettagli

Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia

Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia La farmaceutica è un patrimonio manifatturiero che il Paese non può perdere La farmaceutica e il suo indotto 174 fabbriche 62.300 addetti

Dettagli

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI 10 gennaio 2013 Anno 2010 GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Nel 2010, la spesa per investimenti ambientali delle imprese industriali 1 è risultata pari a 1.925

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI 17 gennaio 2012 Anno 2009 GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Nel 2009 la spesa complessiva per investimenti ambientali delle imprese dell industria in senso stretto

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione del Lazio

Osservatorio sull internazionalizzazione del Lazio UNIONCAMERE LAZIO LUISS GUIDO CARLI Osservatorio sull internazionalizzazione del Lazio RAPPORTO 2007-2008 Competenze d impresa e sviluppo locale: un approccio sistemico per l analisi delle imprese multinazionali

Dettagli

Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008

Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008 5 gennaio 2011 Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. +39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI.

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/09/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Claudio GAGLIARDI. Rapporto PIQ 2011. Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi. Segretario Generale Unioncamere

Claudio GAGLIARDI. Rapporto PIQ 2011. Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi. Segretario Generale Unioncamere Claudio GAGLIARDI Segretario Generale Unioncamere Rapporto PIQ 2011 Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi Roma, 10 dicembre 2012 Perché puntare l obiettivo sulla qualità?

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere.

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/10/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 A cura dell Ufficio Studi Euler Hermes Italia FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE 15 COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Nel 2013, in un contesto mondiale in cui gli scambi commerciali di beni sono in crescita rispetto al 2012 (+2,1 per cento), l Italia registra

Dettagli

Tavola 1 - Quote di mercato sulle esportazioni mondiali per area e paese (a)

Tavola 1 - Quote di mercato sulle esportazioni mondiali per area e paese (a) Quote di mercato Nel corso degli ultimi anni si è assistito ad una graduale erosione delle quote di mercato sulle esportazioni mondiali dell Unione europea, principalmente a vantaggio dei paesi dell Asia

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 elaborazioni a: Dicembre 2011 Tavola 1a - Dati strutturali: Imprese attive Imprese

Dettagli

Elaborazione flash. Interscambio Italia e Lombardia con Stati Uniti d America Anno 2014-valori in milioni di euro Saldo commercio estero

Elaborazione flash. Interscambio Italia e Lombardia con Stati Uniti d America Anno 2014-valori in milioni di euro Saldo commercio estero Elaborazione flash Osservatorio MPI Confartigianato Lombardia 26/05/2015 Verso il TTIP. L export lombardo negli Stati Uniti d America Il Made in Lombardia verso gli Usa nei settori di Micro e Piccola Impresa

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo.

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/0/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Italia - Iran ایران - ایتالیا

Italia - Iran ایران - ایتالیا Italia - Iran ایران - ایتالیا Elaborato dall Ufficio di supporto per la pianificazione strategica, studi e rete estera pianificazione.strategica@ice.it 14 luglio 215 Sanzioni in vigore A partire dal 26

Dettagli

QUANTO INNOVANO REALMENTE LE PMI?

QUANTO INNOVANO REALMENTE LE PMI? QUANTO INNOVANO REALMENTE LE PMI? INFORMAZIONI SULL AZIENDA Pagina 1 1. Dimensione del fatturato in euro (con riferimento al Bilancio 2013) Fino a 2 milioni di euro di fatturato Oltre 2 milioni e fino

Dettagli

Un analisi storica e comparativa dell apertura internazionale delle imprese venete

Un analisi storica e comparativa dell apertura internazionale delle imprese venete Il modello di internazionalizzazione del Veneto Gli argomenti trattati Il commercio estero le esportazioni e le importazioni Gli investimenti diretti esteri le partecipazioni delle imprese venete all estero

Dettagli

I dati dell export piemontese di prodotti alimentari

I dati dell export piemontese di prodotti alimentari I dati dell export piemontese di prodotti alimentari Novara, 29 Ottobre 2015 Corso L export prodotti alimentari di origine animale e vegetale 1 L industria alimentare piemontese in cifre (industria alimentare

Dettagli

Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale. Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata

Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale. Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata Andamento delle attività economiche Sedi di imprese e localizzazioni

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

Le imprese ricettive nel Comune di Livorno. Le caratteristiche dell offerta ricettiva L andamento dei flussi turistici

Le imprese ricettive nel Comune di Livorno. Le caratteristiche dell offerta ricettiva L andamento dei flussi turistici Le imprese ricettive nel Comune di Livorno Le caratteristiche dell offerta ricettiva L andamento dei flussi turistici Origine dei dati di rilevazione Rilevazione censuaria movimentazione clienti strutture

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE 15 COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Nel 2015, in un contesto mondiale in cui gli scambi di beni sono in diminuzione rispetto al 2014 (-13,2 per cento), l Italia registra un aumento

Dettagli

CORSO DI ECONOMIA POLITICA (LIVELLO AVANZATO)

CORSO DI ECONOMIA POLITICA (LIVELLO AVANZATO) CORSO DI ECONOMIA POLITICA (LIVELLO AVANZATO) Prof. G. Di Bartolomeo Paese preso in esame: GERMANIA Gruppo di lavoro: Di Paolo Chiara Lavecchia Gianluca Marchesani Sara Marcotullio Giada Salvatorelli Francesca

Dettagli

ANALISI SULLE RETI D IMPRESA REGIONALI AL 3 ottobre 2015

ANALISI SULLE RETI D IMPRESA REGIONALI AL 3 ottobre 2015 AZIENDA SPECIALE CONCENTRO DELLA CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI PORDENONE ANALISI SULLE RETI D IMPRESA REGIONALI AL 3 ottobre 2015 Al 3 ottobre 2015 si sono registrati in Italia 2.405 contratti di rete

Dettagli

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita A cura del Centro Studi Confindustria Toscana Qualche dato generale Gli investimenti diretti dall estero in Italia Secondo i dati dell Ufficio Italiano

Dettagli

IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali

IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali Il capitale territoriale: una leva per lo sviluppo? Bologna, 17 aprile 2012 Il ruolo delle infrastrutture nei processi di

Dettagli

C e n t. r o. t u d i RIEPILOGO INDICATORI MARCHE LE ESPORTAZIONI

C e n t. r o. t u d i RIEPILOGO INDICATORI MARCHE LE ESPORTAZIONI C e n t RIEPILOGO INDICATORI MARCHE LE ESPORTAZIONI r o S Settembre 2017 t u d i Esportazioni delle regioni italiane gennaio-giugno (valori assoluti, composizione e variazioni %) Ripartizioni e regioni

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

GAMBETTOLA IN CIFRE. maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale

GAMBETTOLA IN CIFRE. maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale movimenti della popolazione GAMBETTOLA IN CIFRE Per amministrare un territorio è necessario scegliere fra diverse soluzioni possibili quelle che meglio si adattano alle situazioni reali, così come emergono

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015 Le esportazioni di Vicenza e la dinamica del cambio nei mercati del made in Vicenza Tra i primi 20 mercati di destinazione dei prodotti

Dettagli

Scienza e Tecnologia in cifre

Scienza e Tecnologia in cifre Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA SULL IMPRESA E LO SVILUPPO 2013 AGGIORNAMENTI Scienza e Tecnologia in cifre STATISTICHE SULLA RICERCA E INNOVAZIONE ehjkhh Ottobre 2013 Aggiornamento

Dettagli

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Milano, 10 febbraio 2016 Turismo incoming in crescita progressiva Arrivi di turisti negli esercizi ricettivi

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA Purtroppo, però, rimaniamo ancora poco attrattivi =================== Nel 2014 gli Ide (Investimenti diretti esteri) in entrata nel nostro paese ammontavano

Dettagli