Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DISCIPLINARE DEI VEICOLI DI SERVIZIO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DISCIPLINARE DEI VEICOLI DI SERVIZIO"

Transcript

1 Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DISCIPLINARE DEI VEICOLI DI SERVIZIO

2 DISCIPLINARE DEI VEICOLI DI SERVIZIO Indice Parte Prima - Regole generali Articolo 1 - Oggetto Articolo 2 - Definizioni Articolo 3 - Principi Parte Seconda - Gestione dell autoparco aziendale Articolo 4 - Autoparco aziendale Articolo 5 - Variazioni dell autoparco Articolo 6 - Custodia delle chiavi Parte Terza - Uso dei veicoli Articolo 7 - Assegnazione dei veicoli Articolo 8 - Prenotazioni Articolo 9 - Veicolo ed autista assegnatario Articolo 10 - Salute e sicurezza nella circolazione Articolo 11 - Carburante Articolo 12 - Monitoraggio Parte quarta - Situazioni particolari Articolo 13 - Sinistri Articolo 14 - Guasti o anomalie Articolo 15 - Furto Articolo 16 - Contravvenzioni al Codice della Strada 2

3 DISCIPLINARE DEI VEICOLI DI SERVIZIO Parte Prima Regole generali Articolo 1 Oggetto Il presente disciplinare regola l assegnazione, la gestione e l uso dei veicoli in dotazione all Azienda Regionale DSU Toscana (di seguito Azienda). Ai fini del presente disciplinare si intende: Articolo 2 Definizioni a) autoparco aziendale, l insieme dei veicoli a motore in dotazione all Azienda; b) consegnatario, il Dirigente o il Coordinatore del servizio cui è assegnato in via permanente o provvisoria uno o più veicoli per lo svolgimento dei compiti di competenza dell Area o servizio di cui è titolare; c) autista assegnatario, il Collega o il Rappresentante istituzionale dell Azienda cui, di volta in volta, è assegnato un veicolo; d) carta carburante, l apposito badge munito di codice identificativo che consente il rifornimento di carburante al veicolo senza anticipo di contanti. Articolo 3 Principi La gestione dell autoparco aziendale, nel rispetto delle esigenze connesse all attività istituzionalmente svolta, è ispirata a principi di efficienza e contenimento della spesa. I criteri di accesso all autoparco perseguono l utilizzo cumulativo delle autovetture per esigenze di servizio programmate o segnalate tempestivamente, la condivisione dei medesimi itinerari da parte di più Colleghi per percorsi in tutto o in parte coincidenti, la limitazione delle emissioni ambientali. I veicoli sono assegnati ad un Servizio (solitamente quello che ne effettua un uso prevalente); non sono in uso esclusivo e possono essere utilizzati, previa richiesta, da tutto il Personale aziendale o dai soggetti che ricoprono cariche istituzionali dell Azienda. I Servizi che hanno direttamente in dotazione delle auto dovranno in via ordinaria utilizzare i mezzi ad essi assegnati, richiedendo quelli di altri servizi solo per comprovate ed oggettive ragioni. Parte Seconda Gestione dell autoparco aziendale Articolo 4 Autoparco aziendale I veicoli in dotazione, che costituiscono l autoparco aziendale, sono in parte in proprietà e in parte noleggiati a lungo termine; sono registrati in apposito elenco tenuto ed aggiornato dal Servizio Approvvigionamenti e Contratti che cura le forniture dei mezzi e la gestione, per quelle in proprietà dell Azienda, delle assicurazioni. Copia del registro è fornito ai Servizi assegnatari. 3

4 I veicoli sono riconoscibili attraverso un contrassegno adesivo rappresentato dal logo aziendale. In caso di veicolo con contratto di noleggio a lungo termine, il consegnatario e l autista di volta in volta assegnatario sono tenuti a rispettare le indicazioni contenute nel manuale operativo fornito dalle società di noleggio di cui ogni veicolo è dotato nonché a porre in essere le attività in esso previste per la denuncia di eventuali sinistri all assicurazione individuata dalla società di noleggio. Il consegnatario del veicolo avrà cura di sensibilizzare ed istruire i diversi dipendenti che utilizzeranno il veicolo sulla obbligatorietà del rispetto delle sopracitate indicazioni, quali componenti sostanziali del contratto di noleggio. I Servizi assegnatari dei mezzi effettuano: a) il monitoraggio del consumo di carburante e la comunicazione al Servizio Controllo di Gestione e al Servizio Approvvigionamenti e Contratti; b) il pagamento delle tasse di possesso, la calendarizzazione ed avvio alla revisione periodica, la richiesta degli interventi riparativi, i servizi di lavaggio secondo le regole applicabili per l individuazione delle officine e delle imprese; c) l acquisizione ed il rinnovo di eventuali permessi per l accesso a Zone a Traffico Limitato. Il Servizio assegnatario deve, inoltre, verificare ogni spesa relativa alle auto (rifornimenti benzina Autostrade per pedaggi - Telepass per Viacard o telepass ove esistenti) caricando gli esl (eseguiti lavori/prestazioni) senza ordine relativi alle singole fatture. Articolo 5 Variazioni dell autoparco Tutti i Servizi, anche quelli non direttamente assegnatari, possono con cadenza annuale richiedere una diversa assegnazione dei veicoli, rappresentando le specifiche esigenze operative. Le richieste di dismissione dei veicoli, di acquisto o noleggio a lungo termine di nuovi veicoli sono inoltrate al Direttore e al Servizio Approvvigionamenti e Contratti. Le caratteristiche tecniche dei veicoli a motore sono individuate tenendo conto delle esigenze di trasporto persone, movimentazione attrezzature, esecuzione degli interventi di assistenza, secondo le disposizioni statali e regionali in materia di contenimento dei costi e limitazione delle emissioni. Al presente disciplinare è allegato il dettaglio delle assegnazioni attuali (All. 1). Articolo 6 Custodia delle chiavi Il libretto di macchina, le chiavi di accensione e la relativa carta carburante sono disponibili presso i Servizi assegnatari, nelle sedi aziendali in cui sono parcheggiati i medesimi autoveicoli. Al termine dell orario di servizio, le chiavi di accensione e le carte carburanti sono custodite a cura dei medesimi Servizi assegnatari che devono adottare le idonee misure di sicurezza. Parte Terza Uso dei veicoli Articolo 7 Assegnazione dei veicoli I veicoli di servizio operativo sono assegnati ad un Area o a un Servizio secondo quanto indicato dall articolo 3 del presente disciplinare. 4

5 Possono comunque essere individuate, anche temporaneamente, delle autovetture in uso non esclusivo per il Presidente, il Direttore ed i Dirigenti di funzione, a fronte delle necessità di sopralluoghi e di permanenza nelle diverse sedi aziendali. La dotazione dei veicoli assegnati è effettuata ed aggiornata annualmente, a seguito di periodiche rilevazioni del fabbisogno veicolare, con ordine di servizio del Direttore. Articolo 8 Prenotazioni Il consegnatario del veicolo o un suo delegato cura le prenotazioni delle auto assegnate al Servizio. Le richieste di prenotazione, indicano sinteticamente le motivazioni e l itinerario, possono pervenire anche da Personale non assegnato al Servizio che ha in dotazione l auto. Articolo 9 Veicolo ed autista assegnatario Ogni automezzo è dotato di un libretto di macchina dove per ciascun percorso è annotato dall autista assegnatario, che lo sottoscrive, il suo nominativo, la data, il chilometraggio, la destinazione ed i tempi. Il libretto di macchina può essere sostituito anche da dispositivi di rilevamento telematici e dalla registrazione digitale dei dati, con l identificazione dell autista attraverso la Carta Nazionale dei Servizi tessera sanitaria regionale. Ogni autista assegnatario è personalmente responsabile del veicolo che conduce ed ha l obbligo di utilizzarlo, gestirlo e custodirlo con cura e diligenza. Ogni autista assegnatario verifica: a) i documenti di circolazione e di assicurazione del veicolo; b) il carburante, il lubrificante ed il refrigerante, le attrezzature di sicurezza, il livello di pressione e di usura dei pneumatici, le dotazioni per la circolazione nel periodo invernale; c) il complessivo stato di efficienza del veicolo assegnato; d) la validità della propria patente di guida anche in relazione al mezzo utilizzato. Ogni autista assegnatario al termine dell utilizzo: a) comunica le eventuali anomalie di funzionamento al consegnatario; b) effettua il rifornimento; c) segnala le esigenze di manutenzione, in modo da garantire l immediato riutilizzo in condizioni di piena efficienza e funzionalità; d) provvedere al ricovero dei veicoli, a fine servizio, presso gli spazi di sosta individuati presso ogni sede aziendale. L autista assegnatario indica le anomalie rilevate al termine dell utilizzo ovvero il mancato rifornimento nel libretto di macchina. Il consegnatario controlla mensilmente il libretto di macchina per le autovetture assegnate, rileva e contesta le eventuali irregolarità. Articolo 10 Salute e sicurezza nella circolazione L autista assegnatario è tenuto ad adottare tutti i dispositivi, previsti dal codice della strada, per garantire a sé, ai trasportati, agli altri soggetti coinvolti nella circolazione la salute, l integrità fisica e la sicurezza. In particolare dovrà astenersi dal mettersi alla guida sotto l effetto, ancorché minimale, di alcool o sostanze che possano alterare lo stato di coscienza e la capacità di reazione. 5

6 Articolo 11 Carburante Ad ogni automezzo è associata una carta carburante che è affidata al consegnatario dell automezzo stesso, che ne è responsabile e che ne autorizza l utilizzo unitamente al temporaneo utilizzo del veicolo. L autista a cui è temporaneamente affidata la carta carburante ne è responsabile fintanto che non l ha restituita al Servizio assegnatario. L autista assegnatario al momento del rifornimento deve verificare che il promemoria di spesa rilasciato dall esercente contenga il chilometraggio e l importo della fornitura. Il promemoria di spesa deve essere consegnato al consegnatario del veicolo, che verifica la conformità dello stesso. Nel caso di veicolo con più alimentazioni, l autista assegnatario privilegia il rifornimento del carburante più conveniente e a minor impatto ambientale. Nel caso di veicolo dotato di dispositivi per la riduzione dei consumi nel ciclo urbano e nel ciclo extraurbano, l autista assegnatario verifica l attivazione dei medesimi dispositivi, ai fini di elevare la percorrenza, ridurre i costi di gestione dell autoparco, contenere le emissioni nell atmosfera. Il Servizio assegnatario deve inoltre provvedere alla corretta tenuta della scheda carburante da consegnare mensilmente al Servizio Amministrazione e Contabilità con l indicazione dei KM di inizio e fine (All. 2). Articolo 12 Monitoraggio Il consegnatario, per ognuno dei veicoli, predispone il riepilogo con la registrazione di Km percorsi, carburante acquistato e media Km/litro in conformità al modello Riepilogo trimestrale (All. 3). Alla fine di ciascun anno i riepiloghi sono trasmessi in copia ai Servizi Approvvigionamenti e Contratti, al Servizio Amministrazione e Contabilità e al Servizio Controllo di Gestione. Parte quarta Situazioni particolari Articolo 13 Sinistri In caso di sinistro il conducente del veicolo dovrà, qualora ne ricorrano le condizioni, compilare e firmare il modulo di Constatazione amichevole del danno, in dotazione ad ogni vettura e darne comunicazione al Servizio assegnatario del mezzo. Qualora l evento riguardi auto di proprietà dell Azienda la documentazione sopra citata unitamente ad una nota informativa/relazione sull accaduto, dovrà essere fornita dal conducente al consegnatario del veicolo di riferimento e al Servizio Approvvigionamenti e Contratti che provvederà all apertura del sinistro e alla relativa gestione. Nel caso in cui il sinistro riguardi auto a noleggio sarà il servizio assegnatario che provvederà direttamente secondo le norme specifiche contenute nel manuale di gestione del mezzo a porre in essere gli adempimenti necessari dandone comunicazione al Servizio Approvvigionamenti e Contratti. Articolo 14 Guasti o anomalie 6

7 Il consegnatario, ricevuta notizia dall autista assegnatario, di un guasto o malfunzionamento del veicolo deve curare la sua riparazione, previa segnalazione al Servizio Approvvigionamenti e Contratti che fornirà indicazioni circa l officina a cui rivolgersi e la procedura di volta in volta da seguire. In casi di emergenza (ad esempio forature in luoghi distanti dalla sede) il conducente provvederà alla riparazione presso la più vicina officina ed al pagamento diretto, che sarà successivamente rimborsato dall Azienda. Gli interventi disposti direttamente non possono superare l importo di 500,00 (cinquecento) euro. Articolo 15 Furto In caso di furto del veicolo o di parte degli accessori dello stesso, l autista assegnatario provvede entro la data del sinistro alla denuncia all Autorità di pubblica sicurezza ed a consegnare la denuncia effettuata al consegnatario del veicolo. Il consegnatario del veicolo provvede ad inoltrarla al Servizio Approvvigionamenti e Contratti per gli adempimenti del caso, munita di un apposita relazione redatta dal consegnatario o dall autista. Anche nel caso di brevi soste il veicolo deve comunque essere chiuso e parcheggiato, nel rispetto della circolazione stradale, senza mai lasciare le chiavi inserite o vetri abbassati. Articolo 16 Contravvenzioni al Codice della Strada In caso di contravvenzione alle norme del Codice della Strada, la sanzione sarà a totale carico del conducente dell automezzo, una volta verificata la sua responsabilità. Il Servizio Approvvigionamenti e Contratti richiede al consegnatario di individuare il Dipendente alla guida del veicolo sanzionato. Qualora la multa dipenda da omissioni o ritardi del Servizio assegnatario (a titolo esemplificativo e non esaustivo: omessa revisione) la sanzione sarà comminata nei confronti del Dirigente responsabile. Il soggetto a cui viene contestato il verbale o che riceve la notificazione dello stesso deve senza indugio consegnarlo al Protocollo che provvede all immediata protocollazione dell atto. Il Servizio Approvvigionamenti e Contratti provvede direttamente a disporre il pagamento della sanzione amministrativa entro il termine stabilito nell avviso notificato, compilando la Richiesta ordinativo di pagamento, con la quale autorizza l estinzione del debito indicato nel verbale. L Azienda procede successivamente al recupero della somma pagata mediante trattenuta sulla busta paga del Dipendente interessato. In base alla vigente normativa il pagamento della sanzione è ammesso in forma ridotta del 30% qualora effettuato entro cinque giorni dalla notificazione o contestazione del verbale, per cui il servizio assegnatario deve con la massima celerità comunicare eventuali opposizioni che intende promuovere, altrimenti in via ordinaria e nel silenzio del servizio assegnatario il Servizio approvvigionamenti provvederà al pagamento della sanzione nel termine di 5 (cinque) giorni. Il Servizio Approvvigionamenti e Contratti, individuato il soggetto responsabile (conducente o altro soggetto), trasmette al Servizio Gestione del Personale l autorizzazione all addebito dell importo della sanzione sulla busta paga del Dipendente che ha commesso l infrazione. L autista assegnatario, per assicurare il pagamento in misura ridotta, può comunicare l avvenuto pagamento in via anticipata, trasmettendo l attestazione del relativo versamento al Servizio Approvvigionamenti e Contratti, evitando di conseguenza l addebito dell importo integrale della sanzione. 7

I N D I C E. Pag. 2 di 6

I N D I C E. Pag. 2 di 6 Pag. 1 di 6 I N D I C E Articolo 1 - Ambito di applicazione pag. 3 Articolo 2 - Parco Automezzi.. pag. 3 Articolo 3 - Responsabile Parco Automezzi.... pag. 3 Articolo 4 - Referente del Parco Automezzi.....

Dettagli

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco COMUNE DI PISA Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco (approvato con Deliberazione della G.C. n. 124 del 2009) Art. 1 - Principi generali e definizioni 1. Le presenti norme disciplinano

Dettagli

REGOLAMENTO DELL AUTOPARCO DEL CONSIGLIO REGIONALE DEL LAZIO 1

REGOLAMENTO DELL AUTOPARCO DEL CONSIGLIO REGIONALE DEL LAZIO 1 REGOLAMENTO DELL AUTOPARCO DEL CONSIGLIO REGIONALE DEL LAZIO 1 (Approvato con deliberazione dell Ufficio di presidenza 28 luglio 2010, n. 66) TESTO VIGENTE Il testo qui riportato, coordinato con le modifiche

Dettagli

COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO AUTOMEZZI COMUNALI

COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO AUTOMEZZI COMUNALI COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO AUTOMEZZI COMUNALI Art. 1 Scopo del regolamento e disposizioni generali. Il seguente regolamento disciplina limiti, criteri e modalità per l acquisizione,

Dettagli

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI INDICE ART. 1 - FINALITÀ E CONTENUTO DEL REGOLAMENTO ART. 2 - ORGANIZZAZIONE ART. 3 - GESTIONE DEI VEICOLI E RELATIVE RESPONSABILITÀ ART. 4 - USO DEI VEICOLI CON PERSONALE AUTISTA ART. 5 - MODALITÀ DI

Dettagli

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI (Approvato con delibera di C.C. n.34 del 37/11/2009 ) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL AUTOPARCO DELLA PROVINCIA DI LATINA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL AUTOPARCO DELLA PROVINCIA DI LATINA Provincia di Latina REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL AUTOPARCO DELLA PROVINCIA DI LATINA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL AUTOPARCO DELLA PROVINCIA DI LATINA Indice Articolo 1 - Oggetto Articolo 2 - Determinazione

Dettagli

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco 1 COMUNE DI PISA Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco (approvato con Deliberazione della G.C. n. 124 del 1/09/2009) 2 Art. 1 Principi generali e definizioni 1. Le presenti norme

Dettagli

SEGEN SpA REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI. (deliberazione del CdA n. 29 del 28/06/2013)

SEGEN SpA REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI. (deliberazione del CdA n. 29 del 28/06/2013) SEGEN SpA REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI (deliberazione del CdA n. 29 del 28/06/2013) INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Fabbisogno Art. 3 Acquisto o noleggio automezzi Art. 4 Adempimenti conseguenti all acquisto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI APPROVATO

REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI APPROVATO REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 13 DELL 08.04.2008 ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina la gestione e l uso

Dettagli

Allegato alla delibera n. del

Allegato alla delibera n. del Allegato alla delibera n. del Articolo 1 Campo di applicazione II presente regolamento disciplina le modalità di gestione, impiego ed uso degli automezzi dell Azienda Sanitaria Provinciale di Vibo Valentia.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AUTOVETTURE DI PROPRIETA PROVINCIALE. Approvato con Deliberazione consiliare n. 8792/1 del 4 aprile 1984

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AUTOVETTURE DI PROPRIETA PROVINCIALE. Approvato con Deliberazione consiliare n. 8792/1 del 4 aprile 1984 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AUTOVETTURE DI PROPRIETA PROVINCIALE Approvato con Deliberazione consiliare n. 8792/1 del 4 aprile 1984 Articolo 1 - Competenze degli uffici provinciali sul servizio autovetture

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE:

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE: REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE: Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Destinazione degli autoveicoli Art. 4 - Uso degli autoveicoli destinati ai

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 68/27.06.2013 In vigore dal 1 agosto 2013 SOMMARIO Articolo 1 - Organizzazione

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO UTILIZZO PARCO AUTO COMUNALE. (Regolamento approvato con deliberazione C.C. n. 32 del 6.08.

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO UTILIZZO PARCO AUTO COMUNALE. (Regolamento approvato con deliberazione C.C. n. 32 del 6.08. COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO UTILIZZO PARCO AUTO COMUNALE (Regolamento approvato con deliberazione C.C. n. 32 del 6.08.2010) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLE MACCHINE DI RAPPRESENTANZA E DEGLI ALTRI AUTOMEZZI DI PROPRIETA DELLA PROVINCIA

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLE MACCHINE DI RAPPRESENTANZA E DEGLI ALTRI AUTOMEZZI DI PROPRIETA DELLA PROVINCIA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 43 PROVINCIA DI PADOVA Settore 011 Direzione Generale / Affari Generali DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLE MACCHINE DI RAPPRESENTANZA E DEGLI ALTRI AUTOMEZZI DI PROPRIETA DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI COMUNE DI CERESETO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 28 in data 21/11/2008) I N D I C E Art. 1 Art. 2 - Oggetto

Dettagli

CITTA' DI ALCAMO ************

CITTA' DI ALCAMO ************ ALLEGATO B CITTA' DI ALCAMO PROVINCIA DI TRAPANI ************ REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE E RAZIONALIZZAZIONE DELL AUTOPARCO (allegato alla delibera di C.C. n. 92 del 21/7/2011) Art. 1 Principi generali

Dettagli

SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTO A LUNGO TERMINE SENZA CONDUCENTE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE AUTO ASSEGNATE

SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTO A LUNGO TERMINE SENZA CONDUCENTE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE AUTO ASSEGNATE SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTO A LUNGO TERMINE SENZA CONDUCENTE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE AUTO ASSEGNATE Approvato con Atto G.P. n. 149 del 5 marzo 2009 Modificato ed integrato con Atto G.P. n. 465 del

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l uso degli automezzi

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l uso degli automezzi PROVINCIA DI LECCE Regolamento per l uso degli automezzi Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l uso e la gestione degli autoveicoli a disposizione della Provincia di Lecce. Art. 2 Parco

Dettagli

COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze)

COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze) 1 COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze) Regolamento per l utilizzo di autoveicoli e macchine operatrici Approvato con atto consiliare n 86 del 30.11.2006 1 2 ART. 1 Norma di carattere generale La gestione

Dettagli

REGOLAMENTO AUTO AZIENDALI

REGOLAMENTO AUTO AZIENDALI REGOLAMENTO AUTO AZIENDALI IL PRESENTE REGOLAMENTO HA LO SCOPO DI DISCIPLINARE L USO, LA GESTIONE E LA MANUTENZIONE, SIA ORDINARIA CHE STRAORDINARIA, DEI VEICOLI DI PROPRIETÀ O IN DOTAZIONE DELL AGENZIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI DI SERVIZIO ASL 4 LANUSEI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI DI SERVIZIO ASL 4 LANUSEI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI DI SERVIZIO ASL 4 LANUSEI ART 1 Gli automezzi Aziendali sono di proprietà o in affitto. L uso dell'automezzo è riservato esclusivamente ai dipendenti dell Azienda

Dettagli

COMUNE DI CARLOFORTE Provincia di Carbonia Iglesias

COMUNE DI CARLOFORTE Provincia di Carbonia Iglesias ALLEGATO A COMUNE DI CARLOFORTE Provincia di Carbonia Iglesias REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI art. 1 - oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina le modalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PARCO AUTOVETTURE. Agenzia AGRIS Sardegna. Versione 1.0 del 31/05/2013

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PARCO AUTOVETTURE. Agenzia AGRIS Sardegna. Versione 1.0 del 31/05/2013 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PARCO AUTOVETTURE Agenzia AGRIS Sardegna Versione 1.0 del 31/05/2013 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PARCO AUTOVETTURE Sommario ART. 1 DEFINIZIONI... 2 ART. 2 OGGETTO...

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE. Testo approvato dalla Giunta Provinciale nella seduta del 30/01/2003 con delibera n. di prot. 8685/03; in vigore dal 17/02/2003.

PROVINCIA DI UDINE. Testo approvato dalla Giunta Provinciale nella seduta del 30/01/2003 con delibera n. di prot. 8685/03; in vigore dal 17/02/2003. PROVINCIA DI UDINE Regolamento per la provvista, la destinazione e l uso degli automezzi, dei mezzi speciali e dei natanti di proprieta della provincia di udine Testo approvato dalla Giunta Provinciale

Dettagli

Settore Gestione e Organizzazione Risorse Umane

Settore Gestione e Organizzazione Risorse Umane Settore Gestione e Organizzazione Risorse Umane REGOLAMENTO PER L USO DEI VEICOLI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L USO DEI VEICOLI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA. Art. 1 1. Il presente regolamento

Dettagli

A.S.I.S. Salernitana Reti ed Impianti S.p.A. Regolamento per la gestione degli automezzi aziendali

A.S.I.S. Salernitana Reti ed Impianti S.p.A. Regolamento per la gestione degli automezzi aziendali A.S.I.S. Salernitana Reti ed Impianti S.p.A. Regolamento per la gestione degli automezzi aziendali Art. 1 OGGETTO Il presente Regolamento definisce le responsabilità, le modalità per la gestione ed i controlli

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI DELLA PROVINCIA DI VARESE

REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI DELLA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI DELLA PROVINCIA DI VARESE DELIBERAZIONE G.P. N. 305 DEL 26/06/2012 Articolo 3 Responsabile del Parco Automezzi 1. Il Direttore Generale o, in mancanza, il Segretario

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E DISMISSIONE DEGLI AUTOVEICOLI DELL AZIENDA USL DI FERRARA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E DISMISSIONE DEGLI AUTOVEICOLI DELL AZIENDA USL DI FERRARA DIPARTIMENTO INTERAZIENDALE ACQUISTI E LOGISTICA ECONOMALE Ferrara, Prot. n. REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E DISMISSIONE DEGLI AUTOVEICOLI DELL AZIENDA USL DI FERRARA ART. 1 ORGANIZZAZIONE GENERALE DEL PARCO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI COMUNE DI VITTORIA (Provincia di RAGUSA) REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPENDICE N. 2 DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA GESTIONE, ALL UTILIZZO ED ALLA GUIDA DEGLI AUTOMEZZI DI PROPRIETA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PARCO AUTOMEZZI DELL ASL CASERTA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PARCO AUTOMEZZI DELL ASL CASERTA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA VIA UNITA ITALIANA 28-81100 CASERTA SERVIZIO PROVVEDITORATO-ECONOMATO SETTORE AUTOPARCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PARCO AUTOMEZZI DELL ASL CASERTA Approvato con delibera

Dettagli

GE.SE.CO. ARZACHENA SRL REGOLAMENTO PER USO AUTOMEZZI GE.SE.CO. ARZACHENA SRL MODALITÀ DI UTILIZZO DEL MEZZO PROPRIO PER RAGIONI DI SERVIZIO

GE.SE.CO. ARZACHENA SRL REGOLAMENTO PER USO AUTOMEZZI GE.SE.CO. ARZACHENA SRL MODALITÀ DI UTILIZZO DEL MEZZO PROPRIO PER RAGIONI DI SERVIZIO GE.SE.CO. ARZACHENA SRL REGOLAMENTO PER USO AUTOMEZZI GE.SE.CO. ARZACHENA SRL E MODALITÀ DI UTILIZZO DEL MEZZO PROPRIO PER RAGIONI DI SERVIZIO Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 24 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE E DEI CICLOMOTORI DI SERVIZIO DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE E DEI CICLOMOTORI DI SERVIZIO DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE E DEI CICLOMOTORI DI SERVIZIO DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA Capo I Autovetture e ciclomotori di servizio dell Amministrazione

Dettagli

DISCIPLINARE PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA DELL AUTOPARCO E PER L USO DEI VEICOLI

DISCIPLINARE PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA DELL AUTOPARCO E PER L USO DEI VEICOLI 1 DISCIPLINARE PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA DELL AUTOPARCO E PER L USO DEI VEICOLI INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 FINALITA E CONTENUTO DEL DISCIPLINARE ATTIVITA

Dettagli

COMUNE DI MILETO. Provincia di Vibo Valentia REGOLAMENTO UTILIZZO PARCO AUTO COMUNALE

COMUNE DI MILETO. Provincia di Vibo Valentia REGOLAMENTO UTILIZZO PARCO AUTO COMUNALE COMUNE DI MILETO Provincia di Vibo Valentia REGOLAMENTO UTILIZZO PARCO AUTO COMUNALE Approvato con delibera della C.S. n.1 del 9.1.2014 REGOLAMENTO UTILIZZO PARCO AUTO COMUNALE Art. 1 Oggetto Il presente

Dettagli

La vettura noleggiata è dotata delle seguenti coperture assicurativa incluse nel prezzo di noleggio e riportate sul contratto di noleggio.

La vettura noleggiata è dotata delle seguenti coperture assicurativa incluse nel prezzo di noleggio e riportate sul contratto di noleggio. CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO 1.QUALIFICAZIONE RICHIESTA PER IL NOLEGGIO - Ogni guidatore deve presentare la sua patente di guida (patente categoria B in corso di validità) valida per il paese in cui

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI Delibera di Consiglio Comunale n. 7 del 15.03.2011

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI Delibera di Consiglio Comunale n. 7 del 15.03.2011 COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano.it REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI Delibera di Consiglio

Dettagli

C.C. N.14 del 23.07.2009: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI. CONSIGLIO COMUNALE

C.C. N.14 del 23.07.2009: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI. CONSIGLIO COMUNALE C.C. N.14 del 23.07.2009: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI. CONSIGLIO COMUNALE Premesso che l art. 7 del D.Lgs. n. 267/2000 e s.m.i, dispone che nel rispetto dei principi fissati

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI AUTOVETTURE E CICLOMOTORI IN DOTAZIONE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Articolo 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina l'utilizzo

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO (ART. 153, comma 7 d.lgs. 18 agosto 2000 n. 267 e successive modificazioni e integrazioni) Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. del INDICE ANALITICO CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO DELL'ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA-ROMAGNA BRUNO UBERTINI. Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Benvenuto nel mondo ESmobility

Benvenuto nel mondo ESmobility Benvenuto nel mondo ESmobility Gentile Cliente, benvenuto alla guida di una vettura Attraverso la sottoscrizione del contratto di Noleggio a Lungo Termine, avrà a disposizione un veicolo con durata e chilometraggio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI DI PROPRIETA DEL MUSEO TRIDENTINO DI SCIENZE NATURALI. Disposizioni generali

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI DI PROPRIETA DEL MUSEO TRIDENTINO DI SCIENZE NATURALI. Disposizioni generali REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI DI PROPRIETA DEL MUSEO TRIDENTINO DI SCIENZE NATURALI Disposizioni generali Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina l utilizzo degli automezzi di rappresentanza

Dettagli

Regolamento per l uso degli automezzi di servizio dell Ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

Regolamento per l uso degli automezzi di servizio dell Ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Regolamento per l uso degli automezzi di servizio dell Ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Art. 1 (Principi generali) 1. L Ente Parco disciplina l utilizzazione degli automezzi in dotazione in sintonia

Dettagli

Benvenuto nel mondo ES mobility

Benvenuto nel mondo ES mobility Benvenuto nel mondo ES mobility Gentile Cliente, benvenuto alla guida di una vettura Attraverso la sottoscrizione del contratto di Noleggio a Lungo Termine, avrà a disposizione un veicolo con durata e

Dettagli

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI E DEGLI UFFICI DEL COMUNE DI BOTTICINO

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI E DEGLI UFFICI DEL COMUNE DI BOTTICINO COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI E DEGLI UFFICI DEL COMUNE DI BOTTICINO DISCIPLINA DELL UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE E DEI MEZZI MECCANICI DI PROPRIETA COMUNALE

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA 62 REGOLAMENTO per la gestione dell autoparco della Provincia Regionale approvato con delibera C.P. n. 21 del 27 febbraio 2013 esecutivo dal 24 marzo 2013 1 REGOLAMENTO PER

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni TITOLO

Dettagli

DISCIPLINARE PER L'USO DELL'AUTOMEZZO PERSONALE O DELL AUTO DI SERVIZIO PER RAGIONI DI LAVORO

DISCIPLINARE PER L'USO DELL'AUTOMEZZO PERSONALE O DELL AUTO DI SERVIZIO PER RAGIONI DI LAVORO MAGNIFICA COMUNITA DEGLI ALTIPIANI CIMBRI e-mail: segreteria@comunita.altipianicimbri.tn.it pec: comunita@pec.comunita.altipianicimbri.tn.it Fraz. Gionghi n. 107-38046 LAVARONE - C.F. 96085530226 P.IVA

Dettagli

Regolamento per l'utilizzo di Automezzi di proprietà dell Associazione ARCO Onlus. Articolo 1. Oggetto

Regolamento per l'utilizzo di Automezzi di proprietà dell Associazione ARCO Onlus. Articolo 1. Oggetto A.R.C.O. Associazione Ricreativa Cittadini Operosi Via Taddeo d Este 5 35042 Este (PD) Fax 0429 693438 Cell. 3387935909 arco.onlus@alice.it postmaster@per.arco.onlus.name www.arco.onlus.name prot. n. del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MEZZI COMUNALI, PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MEZZI COMUNALI, PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MEZZI COMUNALI, PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI (Regolamento a latere del Regolamento sull Ordinamento

Dettagli

MANUALE PER L UTILIZZO DELL AUTO DI SERVIZIO DEL POLO DI SCIENZE

MANUALE PER L UTILIZZO DELL AUTO DI SERVIZIO DEL POLO DI SCIENZE MANUALE PER L UTILIZZO DELL AUTO DI SERVIZIO DEL POLO DI SCIENZE ( Facoltà di Scienze MM.FF.NN., Dipartimento di Fisica, Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell Informazione, Dipartimento di Matematica,

Dettagli

Regolamento per l uso degli automezzi di servizio dell Ente Parco Nazionale dell Aspromonte

Regolamento per l uso degli automezzi di servizio dell Ente Parco Nazionale dell Aspromonte Regolamento per l uso degli automezzi di servizio dell Ente Parco Nazionale dell Aspromonte Adottato con Deliberazione Commissariale n. 2 del 28/04/2005. Modificato ed integrato con Deliberazione di C.D.

Dettagli

CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato

CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato REGOLAMENTO PER UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 7 in data 13.04.2011 1 Art. 1 - Oggetto del regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO UTILIZZO AUTOMEZZI AZIENDALI (aggiornamento del 26/11/2013)

REGOLAMENTO UTILIZZO AUTOMEZZI AZIENDALI (aggiornamento del 26/11/2013) REGOLAMENTO UTILIZZO AUTOMEZZI AZIENDALI (aggiornamento del 26/11/2013) Art. 1 Oggetto Art. 2 Fabbisogno Art. 3 Acquisto o noleggio automezzi Art. 4 Adempimenti conseguenti all acquisto o al noleggio degli

Dettagli

Comune di Sanarica. Regolamento per l uso degli autoveicoli e motoveicoli comunali - 1 -

Comune di Sanarica. Regolamento per l uso degli autoveicoli e motoveicoli comunali - 1 - Comune di Sanarica Approvato: con Delibera C.C. Nr 17 del Reg. del 14 Aprile 2011 Revisioni: Abrogazioni: art. 1 art. 2 art. 3 art. 4 art. 5 art. 6 art. 7 art. 8 art. 9 art. 10 art. 11 art. 12 Indice Scopo

Dettagli

l -~ 1:\ Regolamento per la gestione ed uso dei mezzi comunali COMUNE DI GIOIOSA MAREA SETTORE TECNICO Provincia di Messina

l -~ 1:\ Regolamento per la gestione ed uso dei mezzi comunali COMUNE DI GIOIOSA MAREA SETTORE TECNICO Provincia di Messina COMUNE DI GIOIOSA MAREA l -~ Provincia di Messina SETTORE TECNICO Regolamento per la gestione ed uso dei mezzi comunali Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del 1:\ l INDICE Art. l Oggetto

Dettagli

LA CORPORATE CAR POLICY. Ermanno Molinari Direttore Marketing Econometrica e Segretario Generale A.I.A.G.A.

LA CORPORATE CAR POLICY. Ermanno Molinari Direttore Marketing Econometrica e Segretario Generale A.I.A.G.A. Ermanno Molinari Direttore Marketing Econometrica e Segretario Generale A.I.A.G.A. 1. INTRODUZIONE Il documento di Car Policy aziendale: definisce i criteri di utilizzo ed assegnazione ai dipendenti dell

Dettagli

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 38 del 23/09/2010 INDICE Art. 1 Contenuto del regolamento

Dettagli

COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO

COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO SETTORE TECNICO P.zza Avv. P. Miserendino snc - 90020 tel.: 0921558232 Fax 0921762007 PEC: tecnico@pec.comune.castellana-sicula.pa.it e-mail: pconoscenti@comune.castellana-sicula.pa.it

Dettagli

LA CORPORATE CAR POLICY

LA CORPORATE CAR POLICY Ermanno Molinari Bologna, venerdì 7 giugno 2013 iziativa 1. INTRODUZIONE LA CORPORATE CAR POLICY Il documento di Car Policy aziendale: definisce i criteri di utilizzo ed assegnazione ai dipendenti dell

Dettagli

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA (Provincia di Bologna) DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA GESTIONE, ALL UTILIZZO E ALLA GUIDA DELLE AUTO DI PROPRIETÀ COMUNALE Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 109

Dettagli

CITTA' DI MESAGNE (PROVINCIA DI BRINDISI) C.A.P 72023 P. IVA 00081030744 FAX 0831/777403

CITTA' DI MESAGNE (PROVINCIA DI BRINDISI) C.A.P 72023 P. IVA 00081030744 FAX 0831/777403 CITTA' DI MESAGNE (PROVINCIA DI BRINDISI) C.A.P 72023 P. IVA 00081030744 FAX 0831/777403 AUTOPARCO COMUNALE- DISCIPLINARE RELATIVO AL FUNZIONAMENTO - GESTIONE ED UTILIZZO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Palazzo Cesaroni Piazza Italia, 2-06121 PERUGIA http://www.crumbria.it

Palazzo Cesaroni Piazza Italia, 2-06121 PERUGIA http://www.crumbria.it Regolamento per l'assegnazione e l uso delle autovetture in dotazione al Consiglio regionale. Sostituzione del Regolamento n. 274 del 28 dicembre 2012. Art. 1 (Oggetto e competenze) 1.Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO UTILIZZO CAR SHARING FIAT Likes U

REGOLAMENTO UTILIZZO CAR SHARING FIAT Likes U REGOLAMENTO UTILIZZO CAR SHARING FIAT Likes U Il presente regolamento definisce le modalità d uso del servizio di car sharing gratuito di FIAT Likes U. ADESIONE AL SERVIZIO E PRENOTAZIONE Il servizio di

Dettagli

Procedura per il rilascio della Carta di Attivazione

Procedura per il rilascio della Carta di Attivazione Procedura per il rilascio della Carta di Attivazione Per il funzionamento di un sistema di emissione dei titoli di accesso e per la generazione del sigillo fiscale è necessario richiedere il rilascio all

Dettagli

COMUNE PONTECAGNANO FAIANO (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO AUTOPARCO COMUNALE

COMUNE PONTECAGNANO FAIANO (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO AUTOPARCO COMUNALE COMUNE PONTECAGNANO FAIANO (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO AUTOPARCO COMUNALE ARTICOLO 1 (Finalità e contenuto del Regolamento) 1. Il presente Regolamento disciplina l

Dettagli

COMUNICAZIONE MESSA IN ESERCIZIO ASCENSORI

COMUNICAZIONE MESSA IN ESERCIZIO ASCENSORI SETTORE POLIZIA LOCALE E CONTROLLO DEL TERRITORIO COMUNICAZIONE MESSA IN ESERCIZIO ASCENSORI Ogni volta che viene messo in esercizio un ascensore o un montacarichi non destinati ad un servizio pubblico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO, LA DESTINAZIONE E L USO DEGLI AUTOMEZZI DELL ULSS N. 5 OVEST VICENTINO

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO, LA DESTINAZIONE E L USO DEGLI AUTOMEZZI DELL ULSS N. 5 OVEST VICENTINO REGOLAMENTO PER L ACQUISTO, LA DESTINAZIONE E L USO DEGLI AUTOMEZZI DELL ULSS N. 5 OVEST VICENTINO Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 404 del 14.09.2009 Art. 1 Oggetto 1. Il presente

Dettagli

esolver per la Gestione Automezzi

esolver per la Gestione Automezzi SISTEMA IMPRESA Sistema integrato per la gestione aziendale. esolver per la Gestione Automezzi Software e servizi per la gestione di flotte, mezzi, attrezzature e risorse. esolver per la Gestione Automezzi

Dettagli

COMUNE DI BARIANO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI BARIANO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI BARIANO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con delibera C.C. n. 2 del 04.04.2012 Sommario: Titolo I - Economato Art. 1 - Il servizio di economato

Dettagli

REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI (allegato alla deliberazione del Direttore Generale n. 116 del 09.03.2012)

REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI (allegato alla deliberazione del Direttore Generale n. 116 del 09.03.2012) REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI (allegato alla deliberazione del Direttore Generale n. 116 del 09.03.2012) INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Fabbisogno Art. 3 Acquisto o noleggio automezzi Art. 4 Adempimenti

Dettagli

COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO

COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO SETTORE TECNICO P.zza Avv. P. Miserendino snc - 90020 tel.: 0921558232 Fax 0921762007 PEC: tecnico@pec.comune.castellana-sicula.pa.it e-mail: pconoscenti@comune.castellana-sicula.pa.it

Dettagli

Valutazione economica punti max 70 / 100 Valutazione tecnico-qualitativa punti max 30 / 100

Valutazione economica punti max 70 / 100 Valutazione tecnico-qualitativa punti max 30 / 100 Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Susa Susa, li 25/07/2013 Servizio: Presidenza Protocollo n: SP /2013 Rif. Foglio n: del.. Allegati: All. A, All. B, All. C, schema contratto Oggetto: Invito a presentare

Dettagli

DISCIPLINARE SULL ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELL AUTOREPARTO REGIONALE

DISCIPLINARE SULL ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELL AUTOREPARTO REGIONALE Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 25/1 del 2.7.2013 DISCIPLINARE SULL ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELL AUTOREPARTO REGIONALE INDICE CAPO I Disposizioni generali Art. 1 Definizioni Art. 2 Finalità e campo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 38/04.03.2010 Modificato con deliberazione del Consiglio provinciale n. 58/10.06.2011

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MEZZI DI SISTEMI TERRITORIALI SPA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MEZZI DI SISTEMI TERRITORIALI SPA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MEZZI DI SISTEMI TERRITORIALI SPA Art.1 Oggetto Il presente regolamento disciplina l utilizzo dei mezzi di servizio a disposizione di Sistemi Territoriali Spa in adesione

Dettagli

AUSILIARI DELLA VIABILITA

AUSILIARI DELLA VIABILITA AUSILIARI DELLA VIABILITA IL FURGONE FOGLIO CONDIZIONI Allegato C 1 FOGLIO CONDIZIONI PER LA FORNITURA A NOLEGGIO DI FURGONI PER AUSILIARI DELLA VIABILITÀ Art. 1 Descrizione del servizio di noleggio Il

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA. REGOLAMENTO RELATIVO ALL USO DELLE AUTOVETTURE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, DEGLI ALIMENTI e DELL AMBIENTE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA. REGOLAMENTO RELATIVO ALL USO DELLE AUTOVETTURE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, DEGLI ALIMENTI e DELL AMBIENTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA REGOLAMENTO RELATIVO ALL USO DELLE AUTOVETTURE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, DEGLI ALIMENTI e DELL AMBIENTE I. ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO Art 1. Dotazione Il Dipartimento

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB PADOVA REGOLAMENTO DEL FONDO ECONOMALE

AUTOMOBILE CLUB PADOVA REGOLAMENTO DEL FONDO ECONOMALE AUTOMOBILE CLUB PADOVA REGOLAMENTO DEL FONDO ECONOMALE Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo con delibera del 08/01/2013 1 Sommario Articolo 1 Contenuto del Regolamento Finalità e Definizioni

Dettagli

Eurocontratto di NOLEGGIO AUTO

Eurocontratto di NOLEGGIO AUTO Eurocontratto di NOLEGGIO AUTO 1 Pistoia, Contratto N La Società/Impresa di autonoleggio (Locatrice) concede in noleggio al/alla Sig/Società che sottoscrive il presente contratto, in nome proprio/in qualità

Dettagli

COMUNE DI TREMEZZINA (Provincia di Como)

COMUNE DI TREMEZZINA (Provincia di Como) COMUNE DI TREMEZZINA (Provincia di Como) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI POSTI AUTO A TITOLO ONEROSO. Testo approvato dal Commissario Prefettizio con i poteri del Consiglio Comunale con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE (Approvato con Deliberazione C.P. n 74 del 10/11/2011)

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE (Approvato con Deliberazione C.P. n 74 del 10/11/2011) COMUNE DI PALMI Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE (Approvato con Deliberazione C.P. n 74 del 10/11/2011) Art. 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

CARTA SCONTO METANO/GPL

CARTA SCONTO METANO/GPL ALLEGATO 1 alla dgr 19596 del 26 novembre 2004 CARTA SCONTO METANO/GPL Finalità La presente iniziativa si inquadra nell insieme dei provvedimenti adottati per il miglioramento della qualità dell aria,

Dettagli

REVISIONE AUTO. Che cos è. Il Codice della Strada (art. 80) prevede che i veicoli a motore (ed i loro rimorchi)

REVISIONE AUTO. Che cos è. Il Codice della Strada (art. 80) prevede che i veicoli a motore (ed i loro rimorchi) REVISIONE AUTO Che cos è Il Codice della Strada (art. 80) prevede che i veicoli a motore (ed i loro rimorchi) durante la circolazione siano tenuti in condizioni di massima efficienza, in modo da garantire

Dettagli

REGOLAMENTO UTILIZZO CAR SHARING FIAT Likes U

REGOLAMENTO UTILIZZO CAR SHARING FIAT Likes U REGOLAMENTO UTILIZZO CAR SHARING FIAT Likes U Il presente regolamento definisce le modalità d uso del servizio di car sharing gratuito di FIAT Likes U. ADESIONE AL SERVIZIO E PRENOTAZIONE Il servizio di

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Oggetto del disciplinare

Art. 1 Finalità. Art. 2 Oggetto del disciplinare Disciplinare per la concessione in uso gratuito alle autoscuole e/o centri di istruzione della provincia di Agrigento di autovettura multiadattata, di proprietà dell ente, per le esercitazioni pratiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI AREA INNOVAZIONE TECNOLOGICA SETTORE SISTEMI INFORMATIVI REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA 1 INDICE Art. 1 Scopo del Regolamento Art. 2 Compiti e attribuzione delle funzioni Art. 3

Dettagli

COMUNE DI ROMANENGO PROVINCIA DI CREMONA REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI E L'USO DEL MEZZO PROPRIO

COMUNE DI ROMANENGO PROVINCIA DI CREMONA REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI E L'USO DEL MEZZO PROPRIO COMUNE DI ROMANENGO PROVINCIA DI CREMONA REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI E L'USO DEL MEZZO PROPRIO * Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 19 del 11.02.2011 ARTICOLO 1

Dettagli

Regolamento per il servizio di Cassa Economale

Regolamento per il servizio di Cassa Economale Azienda di Servizi alla Persona Regolamento per il servizio di Cassa Economale Approvato con Delibera di CdA n. 4 del 27/02/2014 Sede Legale: Via Di Mezzo n. 1 47900 RIMINI Sede Amministrativa: Via Massimo

Dettagli

PARCO NAZIONALE DELLO STELVIO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI DI SERVIZIO

PARCO NAZIONALE DELLO STELVIO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI DI SERVIZIO PARCO NAZIONALE DELLO STELVIO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI DI SERVIZIO (deliberazione del Consiglio Direttivo n. 12 del 28 febbraio 2007) PRINCIPI Art. 1 1. L Ente parco disciplina

Dettagli

Considerato il Regolamento del personale di NetSpring e il Protocollo d Intesa siglato con le OO. SS. in data 16/01/2014 si dispone quanto segue:

Considerato il Regolamento del personale di NetSpring e il Protocollo d Intesa siglato con le OO. SS. in data 16/01/2014 si dispone quanto segue: Grosseto, lì 25/11/2014 Circolare modalità gestione cartellino presenze, documentazione predisposizione buste paga, orario aziendale, spostamenti in ambito cittadino, missioni, traferte e rimborsi, utilizzo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MEZZI DI TRASPORTO PER RAGIONI DI SERVIZIO E PER L USO DEGLI SPAZI ADIBITI A PARCHEGGIO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MEZZI DI TRASPORTO PER RAGIONI DI SERVIZIO E PER L USO DEGLI SPAZI ADIBITI A PARCHEGGIO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MEZZI DI TRASPORTO PER RAGIONI DI SERVIZIO E PER L USO DEGLI SPAZI ADIBITI A PARCHEGGIO Indice generale Art. 1 - Oggetto... 3 Art. 2 - Acquisto di veicoli, attrezzature varie

Dettagli

Comune di Castroreale

Comune di Castroreale Comune di Castroreale REGOLAMENTO COMUNALE PER L'USO E LA GESTIONE DEI VEICOLI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.ro 37 del 30.11.2010. I N D I C E CAPOI v SCOPO DEL REGOLAMENTO E CAMPO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ECONOMATO - CASSA

REGOLAMENTO DI ECONOMATO - CASSA Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - REGOLAMENTO DI ECONOMATO - CASSA Approvato con delibera n. 7 del 22/11/2006 Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

Regolamento per la concessione e l uso dei telefoni cellulari

Regolamento per la concessione e l uso dei telefoni cellulari Regolamento per la concessione e l uso dei telefoni cellulari Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 109 del 12/05/2009, modificato con Delibera di Giunta Comunale n. 156 del 09/07/2009 1 SOMMARIO

Dettagli

Allegato alla deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016 PROPOSTA DI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

Allegato alla deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016 PROPOSTA DI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Allegato alla deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016 PROPOSTA DI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Approvato con deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016

Dettagli

COMUNE DI CALANNA (Provincia di Reggio Calabria)

COMUNE DI CALANNA (Provincia di Reggio Calabria) COMUNE DI CALANNA (Provincia di Reggio Calabria) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 01 del 28\12\2007 CAPO I Servizio di Economato Art. 1 Servizio di economato

Dettagli