PIUSS. Incontro annuale Commissione Europea. Roma, 27 ottobre esperienze di progettazione per lo sviluppo in aree urbane

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIUSS. Incontro annuale Commissione Europea. Roma, 27 ottobre esperienze di progettazione per lo sviluppo in aree urbane"

Transcript

1 PIUSS esperienze di progettazione per lo sviluppo in aree urbane Incontro annuale Commissione Europea Autorità di Gestione Roma, 27 ottobre 2011

2 Le città credono d essere opera della mente o del caso, ma né l una né l altro bastano a tener su le loro mura Italo Calvino, Le città invisibili

3 Struttura e tempi degli strumenti di intervento

4 PIUSS = Piano integrato di sviluppo urbano sostenibile Insieme coordinato di interventi pubblici e privati per la realizzazione in una ottica di sostenibilità di obiettivi di sviluppo socioeconomico, attraverso il miglioramento della qualità urbana ed ambientale ed una razionale utilizzazione dello spazio urbano approccio integrato e intersettoriale strumento di sviluppo economico locale e di rigenerazione urbana secondo un approccio di pianificazione complessa urbana che opera prevalentemente mediante interventi di recupero, riqualificazione, riconversione e valorizzazione del patrimonio urbano esistente

5 Modelli di riqualificazione urbana Interventi sull assetto fisico Interventi sulla popolazione Sostituzione popolazione Miglioramento del benessere Rinnovamento radicale o sostituzione dell impianto insediativo RINNOVO Demolizione massiccia e ricostruzione, allontanamento e sostituzione dei residenti originari RISANAMENTO Demolizione e densificazione mirate, accoglienza nuovi residenti e nuove attività che rafforzano il circuito economico locale Miglioramento dell edilizia, degli spazi pubblici, delle infrastrutture GENTRIFICATION Sostituzione progressiva della popolazione esistente da parte dei ceti più abbienti RIGENERAZIONE Sostegno sociale ed elevazione del reddito della popolazione esistente, riqualificazione degli edifici e degli spazi pubblici p q g g Fonte: (M.Cremaschi, 2002)

6 Condizionalità -dimensione urbana: popolazione > abitanti alla alternativa dimensione rurale -dimensione finanziaria: 20 Meuro < Piuss < 40 Meuro -progetti per almeno 3 linee di intervento delle 5 accessibili -incidenza delle opere di urbanizzazione: max 10% costo totale ammissibile -vincolo di gestione: obbligo presentazione piano di gestione -livello di progettazione: preliminare con coerenza e conformità urbanistica -analisi di impatto Piuss -ribassi d asta recuperati alla disponibilità del programma -decadenza: non avvio progetti >30% costo totale ammissibile e finanziato Valutazione e Premialità -livello di avanzamento progettuale e/o realizzativo -tasso di cofinanziamento richiesto inferiore al massimo previsto dal POR -recupero e rifunzionalizzazione di immobili esistenti -interventi in aree marginali della città -Interventi ti con tecniche eco-compatibili

7 PIUSS Avviso Manifestazione di interesse COORDINAMENTO Regionale Responsabile Procedimento AdG POR CReO FESR Gruppo di Coordinamento (Autorità di gestione + Responsabili di Linea + Settore Urbanistica) Comune Coordinatore Provincia COORDINAMENTO Locale Documento Orientamento Strategico 30 gg. Istruttoria ammissibilità formale Conferenza di Concertazione Procedure di valutazione Approvazione graduatoria Proposta PIUSS (progettazione preliminare) Intesa di Concertazione Domanda di finanziamento (progettazione definitiva) 120 gg. Provvedimento di approvazione 45 gg. 180 gg. Aggiudicazione appalto lavori

8 Avviso manifestazione interesse : 11/06/2008 Scadenza presentazione : 08/03/2009 Graduatoria Piuss : 01/11/2009 progetti esaminati 325 Presentazione PD : 01/03/2010 Presentazione PD complessi : 30/04/2010 (> 3 meuro)

9 Situazione alla data di presentazione: 09/03/2009

10 Progetto PIUSS Numero totale progetti presentati progetti non ammessi totale progetti Ammessi Altavaldelsa Arezzo Carrara Cascina Firenze Follonica Grosseto Livorno Lucca Monsummano Montevarchi Piombino Pisa Pistoia Prato Quarrata Viareggio TOTALE

11 Progetto PIUSS totale progetti Ammessi Numero Progetti portanti Numero Progetti Funzionali Altavaldelsa Arezzo Carrara Cascina Firenze Follonica Grosseto Livorno Lucca Monsummano Montevarchi Piombino Pisa Pistoia Prato Quarrata Viareggio TOTALE

12 Incidenza % costo ammissibile per linea 15% 43% Infrastutture produttive Infrastrutture Turismo e Commercio Infrastrutture sociali Infrastrutture asili 26% If Infrastrutture tt cultura 5% 11%

13 Progetto PIUSS Importo Importo Importo Importo Importo ammissibile ammissibile ammissibile ammissibile ammissibile progetti Asse 5.1a progetti Asse 5.1b progetti Asse 5.1c progetti Asse 5.1d progetti Asse 5.2 Por POR POR POR POR TOTALE SPESA AMMISSIBILE Altavaldelsa Arezzo Carrara Cascina Firenze Follonica Grosseto Livorno Lucca Monsummano Montevarchi Piombino Pisa Pistoia Prato Quarrata Viareggio TOTALE , , , , , ,00

14 Situazione al 18/10/2011

15 Progetto PIUSS Numero Progetti portanti PROGETTI PORTANTI DECADUTI Numero progetti finanziati POR Numero progetti finanziati FAS totale progetti finanziati % finanz/portanti Altavaldelsa Arezzo Carrara Cascina Firenze Follonica Grosseto Livorno Lucca Monsummano Montevarchi Piombino Pisa Pistoia Prato Quarrata Viareggio TOTALE

16 PIUSS\ Tipologia COSTO AMMISSIBILE operazioni finanziate POR+FAS+PRSE (attuale) % per linea del Costo ammissibile CONTRIBUTO operazioni finanziate POR+FAS+PRSE (attuale) % per linea del contributo regionale Linea 5.1a Infrastrutture produttive ,45 15, ,30 14,97 Linea 5.1b Infrastrutture Turismo e Commercio ,17 25, ,43 25,92 Linea 5.1c Infrastrutture sociali ,70 10, ,50 10,09 Linea 5.1d Infrastrutture asili ,00 5, ,00 5,44 Attività 5.2 Infrastrutture cultura ,56 42, ,33 43,58 TOTALI ,88 100, ,56 100,00

17 N. progetti avviati POR+FAS+PRSE n. % Progetti POR AVVIOLAVORIENTRO AVVIOLAVORIENTRO AVVIOLAVORIENTRO AVVIOLAVORIOLTRE OLTRE +FAS+PRSE 31/12/ /06/ /12/ n % 24,67 14,67 36,00 24,67

18 N. progetti avviati POR n. % 0 Progetti POR AVVIO LAVORI ENTRO 31/12/2010 AVVIO LAVORI ENTRO 30/06/2011 AVVIO LAVORI ENTRO 31/12/2011 AVVIO LAVORI OLTRE 2011 n % 29,66 15,25 37,29 17,80

19 % dei Progetti PIUSS avviati alla data del 31/12/11 100,00 90,00 80,00 70,00 60,00 50,00 40,00 30,00 20,00 10,00 - Alta Ar Car Cas Fi Fol Gr Li Lu Mont Pi Pt Qua Via % prog avv 31/12/11 100,00 100,00 68,75 100,00 82,35 20,00 25,00 20,00 81,82 14,29 85,71 90,91 100,00 68,18

20 LA CITTA DEI SAPERI PIUSS COMUNI DI FIRENZE, CAMPI BISENZIO E SCANDICCI

21

22 PIUSS Quarrata sarà

23 PIUSS Livorno città delle opportunità

24

25

26 Per informazioni contatti:

27

Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Albino Caporale. Decreto N 5026 del 13 Ottobre 2009

Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Albino Caporale. Decreto N 5026 del 13 Ottobre 2009 REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE INDUSTRIALI, INNOVAZIONE E RICERCA, ARTIGIANATO, RESPONSABILITA' SOCIALE DELLE IMPRESE SETTORE GESTIONE

Dettagli

PRIORITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE

PRIORITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE POR CREO/FESR Toscana 2007-2013. Asse V Piani Integrati di Sviluppo Urbano Sostenibile (PIUSS) PRIORITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE VALUTAZIONE DI AMMISSIBILITÀ Macrocriteri Taglia demografica superiore ai

Dettagli

Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Albino Caporale. Decreto N 875 del 11 Marzo 2011

Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Albino Caporale. Decreto N 875 del 11 Marzo 2011 REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO INDUSTRIA, ARTIGIANATO, INNOVAZIONE TECNOLOGICA. Il Dirigente

Dettagli

per un turismo sostenibile e competitivo a Toscana

per un turismo sostenibile e competitivo a Toscana a Toscana La Regione Toscana ha promosso (Carta di Firenze, novembre 2007) la creazione di una rete tra regioni europee per promuovere lo sviluppo del secondo i principi della "Agenda for European sustainable

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI SVILUPPO URBANO PUC3 destinati ai Comuni con popolazione non superiore a abitanti

PROGRAMMI INTEGRATI DI SVILUPPO URBANO PUC3 destinati ai Comuni con popolazione non superiore a abitanti REGIONE UMBRIA GIUNTA REGIONALE DIREZIONE PROGRAMMAZIONE INNOVAZIONE COMPETITIVITA DELL UMBRIA SERVIZIO POLITICHE DELLA CASA E RIQUALIFICAZIONE URBANA SEZIONE RIQUALIFICAZIONE URBANA PROGRAMMI INTEGRATI

Dettagli

Regione Campania Programma Operativo FESR Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1 Programma PIU Europa

Regione Campania Programma Operativo FESR Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1 Programma PIU Europa Allegato G Regione Campania Programma Operativo FESR 20072013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1 Programma PIU Europa SCHEDA DI SINTESI INTERVENTI AUTORITÀ CITTADINA DI ERCOLANO Lavori di Riqualificazione

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 15 DELIBERAZIONE 31 marzo 2008, n. 239

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 15 DELIBERAZIONE 31 marzo 2008, n. 239 DELIBERAZIONE 31 marzo 2008, n. 239 POR Competitività regionale e occupazione FESR 2007-2013, Asse V: Piani integrati di sviluppo urbano sostenibile (PIUSS). Approvazione elenco definitivo Comuni eligibili

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL (punto N. 24 )

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL (punto N. 24 ) REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 01-03-2010 (punto N. 24 ) Delibera N.231 del 01-03-2010 Proponente AMBROGIO BRENNA DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

Regione Toscana POR FESR Asse 6 Urbano

Regione Toscana POR FESR Asse 6 Urbano Regione Toscana POR FESR 2014-2020 Asse 6 Urbano ************ Progetti di Innovazione urbana (PIU) Delibera di Giunta 492 del 07/04/2015 Avviso Manifestazione di interesse per la presentazione dei PIU

Dettagli

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva. Graziano Scaffai REGIONE TOSCANA

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva. Graziano Scaffai REGIONE TOSCANA Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva Informazione statistica a supporto dello sviluppo sostenibile del turismo nei comuni toscani Graziano Scaffai REGIONE TOSCANA Area di coordinamento RETI DI GOVERNANCE

Dettagli

COMUNE DI FIRENZE COMUNE DI CAMPI BISENZIO COMUNE DI SCANDICCI - PROVINCIA DI FIRENZE

COMUNE DI FIRENZE COMUNE DI CAMPI BISENZIO COMUNE DI SCANDICCI - PROVINCIA DI FIRENZE COMUNE DI FIRENZE COMUNE DI CAMPI BISENZIO COMUNE DI SCANDICCI - PROVINCIA DI FIRENZE DOCUMENTO PREPARATORIO PER LA CONVOCAZIONE DELLA CONFERENZA DI CONCERTAZIONE PER LA PREDISPOSIZIONE DI UNA PROPOSTA

Dettagli

PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI LIVORNO

PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI LIVORNO PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI LIVORNO Scheda progettuale n 0 Denominazione del progetto: Piombino 2015: Progetto Città Futura Soggetto proponente: - partner privati (Severstal-Lucchini) Asse strategico

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 48 DELIBERAZIONE 25 novembre 2014, n. 1044

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 48 DELIBERAZIONE 25 novembre 2014, n. 1044 32 3.12.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 48 DELIBERAZIONE 25 novembre 2014, n. 1044 Fondo nazionale destinato agli inquilini morosi incolpevoli - di cui al D.L. 102/2013, convertito

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 673 del 06/10/2014

Decreto Dirigenziale n. 673 del 06/10/2014 Decreto Dirigenziale n. 673 del 06/10/2014 Dipartimento 53 - Dipartimento delle Politiche Territoriali Direzione Generale 8 - Direzione Generale per i lavori pubblici e la protezione civile Oggetto dell'atto:

Dettagli

Keyword (ricerca per parole chiave)

Keyword (ricerca per parole chiave) Keyword (ricerca per parole chiave) Key Word Legge 19/02 Linee Guida Articolo Comma Parte Parte 1 2 A- Abusivi, Recupero insediamenti (P.R.A.) 36 2.1.3 Abusivismo 61 1 Abusivismo, Bonifica urbanistica

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA. d e l i b e r a

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA. d e l i b e r a (omissis) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA d e l i b e r a a) di approvare, a seguito delle motivazioni espresse in premessa che qui si intendono integralmente richiamate, il Quadro di riferimento

Dettagli

Garanzia Giovani in Toscana

Garanzia Giovani in Toscana Garanzia Giovani in Toscana Dati aggiornati al 20/02/2017 07:01:37 E' dal 28 aprile 2014 che in Toscana, il portale on line per aderire a Garanzia Giovani, è disponibile per la registrazione dei giovani

Dettagli

Garanzia Giovani in Toscana

Garanzia Giovani in Toscana Garanzia Giovani in Toscana Dati aggiornati al 11/09/2017 07:01:53 E' dal 28 aprile 2014 che in Toscana, il portale on line per aderire a Garanzia Giovani, è disponibile per la registrazione dei giovani

Dettagli

Garanzia Giovani in Toscana

Garanzia Giovani in Toscana Garanzia Giovani in Toscana Dati aggiornati al 07/08/2017 07:01:49 E' dal 28 aprile 2014 che in Toscana, il portale on line per aderire a Garanzia Giovani, è disponibile per la registrazione dei giovani

Dettagli

Garanzia Giovani in Toscana

Garanzia Giovani in Toscana Garanzia Giovani in Toscana Dati aggiornati al 17/07/2017 07:01:55 E' dal 28 aprile 2014 che in Toscana, il portale on line per aderire a Garanzia Giovani, è disponibile per la registrazione dei giovani

Dettagli

Garanzia Giovani in Toscana

Garanzia Giovani in Toscana Garanzia Giovani in Toscana Dati aggiornati al 18/12/2017 07:01:58 E' dal 28 aprile 2014 che in Toscana, il portale on line per aderire a Garanzia Giovani, è disponibile per la registrazione dei giovani

Dettagli

DIREZIONE URBANISTICA E POLITICHE ABITATIVE IANNIELLO ALDO

DIREZIONE URBANISTICA E POLITICHE ABITATIVE IANNIELLO ALDO REGIONE TOSCANA DIREZIONE URBANISTICA E POLITICHE ABITATIVE Il Dirigente Responsabile: IANNIELLO ALDO Decreto non soggetto a controllo ai sensi della D.G.R. n. 548/2012 Numero interno di proposta: 2016AD002123

Dettagli

Garanzia Giovani in Toscana

Garanzia Giovani in Toscana Garanzia Giovani in Toscana Dati aggiornati al 13/11/2017 07:01:51 E' dal 28 aprile 2014 che in Toscana, il portale on line per aderire a Garanzia Giovani, è disponibile per la registrazione dei giovani

Dettagli

Garanzia Giovani in Toscana

Garanzia Giovani in Toscana Garanzia Giovani in Toscana Dati aggiornati al 27/11/2017 10:28:29 E' dal 28 aprile 2014 che in Toscana, il portale on line per aderire a Garanzia Giovani, è disponibile per la registrazione dei giovani

Dettagli

Piani Integrati di Sviluppo Urbano Sostenibile

Piani Integrati di Sviluppo Urbano Sostenibile Asse IV- Attività 4.1.a Supporto allo sviluppo urbano Piani Integrati di Sviluppo Urbano Sostenibile Sintesi dei contenuti del bando pubblicato sul BUR n. 24 di data 15 giugno 2011 Direzione centrale attività

Dettagli

https://sviluppo.toscana.it/pasl/print.php?quadro=1&id_pasl=5&id... PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO

https://sviluppo.toscana.it/pasl/print.php?quadro=1&id_pasl=5&id... PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO Modulo per la presentazione di progetti (Infrastrutture) inseriti nei Patti per lo Sviluppo Locale (PASL) PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO SCHEDA PROGETTUALE n. 2009AR0698 Alla Regione Toscana Area

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 314 del 31/05/2017

Delibera della Giunta Regionale n. 314 del 31/05/2017 Delibera della Giunta Regionale n. 314 del 31/05/2017 Dipartimento 50 - GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA Direzione Generale 3 - Direzione Generale autorità di gestione fondo euroepo di sviluppo regionale

Dettagli

SCHEDA N. 116 TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: LOCALIZZAZIONE. Altre opere

SCHEDA N. 116 TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: LOCALIZZAZIONE. Altre opere SISTEMI URBANI Risanamento del sottosuolo dell area urbana di Napoli Consolidamento dei costoni e dei versanti della Collina dei Camaldoli - lato Soccavo SCHEDA N. 116 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GR SAN LUCIDO (CS) Via Strada I

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GR SAN LUCIDO (CS) Via Strada I Prot. n. / San Lucido, Lavori: PROGETTO PER LA RISTRUTTURAZIONE DELLA SCUOLA ELEMENTARE CENTRO E SCUOLA MEDIA STATALE 2007/2013 Ambienti per l Apprendimento 2007 IT 16 1 PO 004 Asse II Qualità degli ambienti

Dettagli

ALLEGATOB2 alla Dgr n del 05 agosto 2014 pag. 1/8

ALLEGATOB2 alla Dgr n del 05 agosto 2014 pag. 1/8 ALLEGATOB2 alla Dgr n. 1420 del 05 agosto 2014 pag. 1/8 FONDO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE 2007-2013 ASSE 5 SVILUPPO LOCALE Linea di intervento 5.3: Riqualificazione dei centri urbani e della loro capacità

Dettagli

Programma Operativo Regionale Campania FESR Carlo Neri

Programma Operativo Regionale Campania FESR Carlo Neri Programma Operativo Regionale Campania FESR 2007-2013 Carlo Neri Il Programma Operativo FESR si articola in: 7 Assi di intervento (di cui 5 settoriali, 1 territoriale e 1 di assistenza tecnica) 17 Obiettivi

Dettagli

COMMISSIONE DI GARANZIA TERRITORIALE "TOSCANA" ELEZIONI R.S.U. e R.L.S. 24-25 - 26-27 NOVEMBRE 2015 DISPOSIZIONI SEGGI ELETTORALI e ORARI DI APERTURA

COMMISSIONE DI GARANZIA TERRITORIALE TOSCANA ELEZIONI R.S.U. e R.L.S. 24-25 - 26-27 NOVEMBRE 2015 DISPOSIZIONI SEGGI ELETTORALI e ORARI DI APERTURA SEGGI COLLOCAZIONE INTERESSATE PERSONALE INTERESSATO NOTE 1 giorno: 9,00-13,00 dep.lo; 14,00-1,00 FI SMN 2 giorno: 9,00-13,00 dep.loc; 14,00-1-00 FI SMN 3 giorno 9,00-13,00 FI SMN ; 14,00-1,00 4 giorno

Dettagli

L attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale in Toscana e le ulteriori azioni regionali sulle infrastrutture per la sicurezza stradale

L attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale in Toscana e le ulteriori azioni regionali sulle infrastrutture per la sicurezza stradale centro L attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale in Toscana e le ulteriori azioni regionali sulle infrastrutture per la sicurezza stradale AULA MAGNA I.T.T.S. - Pistoia 25 giugno 2013 Dott.

Dettagli

Regione Toscana POR FESR Asse 6 Urbano

Regione Toscana POR FESR Asse 6 Urbano Regione Toscana POR FESR 2014-2020 Asse 6 Urbano ************ Progetti di Innovazione urbana (PIU) Delibera di Giunta 492 del 07/04/2015 Avviso Manifestazione di interesse per la presentazione dei PIU

Dettagli

ALLEGATOA2 alla Dgr n del 05 agosto 2014 pag. 1/8

ALLEGATOA2 alla Dgr n del 05 agosto 2014 pag. 1/8 ALLEGATOA2 alla Dgr n. 1420 del 05 agosto 2014 pag. 1/8 FONDO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE 2007-2013 ASSE 5 SVILUPPO LOCALE Linea di intervento 5.2: Progetti integrati di area o di distretto turistici

Dettagli

Garanzia Giovani in Toscana

Garanzia Giovani in Toscana Garanzia Giovani in Toscana (Dati aggiornati al 12 Gennaio 2015 ore 07:00) E' dal 28 aprile che in Toscana, il portale on line per aderire a Garanzia Giovani, è disponibile per la registrazione dei giovani

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE \ REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE DIPARTIMENTO DECRETO DIRIGENTE DEL (ASSUNTO IL 29.07.2011 PROT. N.485) SETTORE N. SERVIZIO N. CODICE N. " Registro dei decreti dei Dirigenti

Dettagli

Assessorato della Difesa dell Ambiente Servizio Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti e Sistema Informativo Ambientale

Assessorato della Difesa dell Ambiente Servizio Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti e Sistema Informativo Ambientale Assessorato della Difesa dell Ambiente Servizio Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti e Sistema Informativo Ambientale ALLEGATO 1 Spett.le REGIONE SARDEGNA Assessorato Regionale della Difesa dell

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri FAQ del 23 giugno 2016 In riferimento all Art. 3 comma 2) del bando ed all art. 7: l attuazione di progetti infrastrutturali anche da parte di soggetti privati e la loro eventuale partecipazione al finanziamento

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE. Bando Relitti Urbani

RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE. Bando Relitti Urbani RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE Bando Relitti Urbani Bando per la sostituzione di aree, edifici degradati o dismessi (Relitti Urbani) RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE Il Campidoglio ha assunto numerosi

Dettagli

Garanzia Giovani in Toscana

Garanzia Giovani in Toscana Garanzia Giovani in Toscana (Dati aggiornati al 1 Dicembre 214 ore 7:) E' dal 28 aprile che in Toscana, il portale on line per aderire a Garanzia Giovani, è disponibile per la registrazione dei giovani

Dettagli

I Piani della Ricostruzione

I Piani della Ricostruzione Servizio Pianificazione Urbanistica, Paesaggio e Uso sostenibile del territorio I Piani della Ricostruzione SAIE 2014 Bologna, 23/10/2014 ing. Barbara Nerozzi Le politiche per la ricostruzione In poco

Dettagli

UNIVERSITÁ DI PISA. Facoltà di Ingegneria. Tesi di Laurea Triennale in Ingegneria Edile

UNIVERSITÁ DI PISA. Facoltà di Ingegneria. Tesi di Laurea Triennale in Ingegneria Edile UNIVERSITÁ DI PISA Facoltà di Ingegneria Tesi di Laurea Triennale in Ingegneria Edile I PIUSS: esperienze per una prima discussione dell'applicazione in Toscana degli strumenti complessi Candidato: Veronica

Dettagli

RECUPERO URBANO E ATTRATTIVITA TERRITORIALE

RECUPERO URBANO E ATTRATTIVITA TERRITORIALE RECUPERO URBANO E ATTRATTIVITA TERRITORIALE Building Healthy Communities Costruzione Comunità Salutari Sala Conferenze Ex Conservatorio S. Anna Lecce, 22 febbraio 2011 Criticità di contesto Il P.O. F.E.S.R.

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA ; ; Revisione di metà periodo

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA ; ; Revisione di metà periodo - UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIIONE CALABRIIA Fondii Sttrrutttturrallii 2000 -- 2006 Programma Operativo Regionale NN 11 99 99 99 I TT 11 66 11 PP OO 00 00 66 DD e c i i s i

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 31 luglio 2012, n. 1562

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 31 luglio 2012, n. 1562 30306 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 125 del 28-08-2012 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 31 luglio 2012, n. 1562 Bando per il finanziamento in favore dei Comuni pugliesi di opere

Dettagli

Toscana. Spesa del pubblico per Provincia

Toscana. Spesa del pubblico per Provincia Spesa del pubblico per Provincia 180.000.000 Toscana 40.249.224 9.000.000 0 km 20 40 60 80 100 120 140 Siae - Ufficio Statistica 460 Le mappe dello spettacolo 2014 Provincia di Arezzo - Attività cinematografica

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 65 del 18/12/2015

Decreto Dirigenziale n. 65 del 18/12/2015 Decreto Dirigenziale n. 65 del 18/12/2015 Dipartimento 53 - Dipartimento delle Politiche Territoriali Direzione Generale 9 - Direzione Generale per il governo del territorio U.O.D. 92 - Direzione di Staff

Dettagli

AREA GENERALE DI COORDINAMENTO PROGRAMMAZIONE, PIANI E PROGRAMMI POR

AREA GENERALE DI COORDINAMENTO PROGRAMMAZIONE, PIANI E PROGRAMMI POR DELIBERAZIONE N. 467 DEL 18 MARZO 2009 AREA GENERALE DI COORDINAMENTO PROGRAMMAZIONE, PIANI E PROGRAMMI POR Campania FESR 2007/2013 - Programmi Integrati Urbani PIU Europa. Adempimenti. PREMESSO che la

Dettagli

Piano Nazionale di Edilizia Abitativa Regione Toscana Stato di attuazione e proposte di modifica

Piano Nazionale di Edilizia Abitativa Regione Toscana Stato di attuazione e proposte di modifica Piano Nazionale di Edilizia Abitativa Regione Toscana Stato di attuazione e proposte di modifica Allegato A La Proposta di piano coordinato degli interventi della Regione Toscana, approvata con DGR n.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L INNOVAZIONE DEL PRODOTTO COSTA DI TOSCANA E ISOLE DELL ARCIPELAGO

PROTOCOLLO D INTESA PER L INNOVAZIONE DEL PRODOTTO COSTA DI TOSCANA E ISOLE DELL ARCIPELAGO una costa lunga un anno PROTOCOLLO D INTESA PER L INNOVAZIONE DEL PRODOTTO COSTA DI TOSCANA E ISOLE DELL ARCIPELAGO tra REGIONE TOSCANA PROVINCE e CAMERE DI COMMERCIO della Costa Toscana Confcommercio

Dettagli

Bando Programma rigenerazione urbana, edilizia residenziale sociale e valorizzazione del patrimonio pubblico

Bando Programma rigenerazione urbana, edilizia residenziale sociale e valorizzazione del patrimonio pubblico Presentazione ai Comuni Liguri Bando Programma rigenerazione urbana, edilizia residenziale sociale e valorizzazione del patrimonio pubblico Genova, 22 e 25 settembre 2014 Approvazione Bando DGR n.995 del

Dettagli

Decreto Dirigenziale n del 29/12/2014

Decreto Dirigenziale n del 29/12/2014 Decreto Dirigenziale n. 1356 del 29/12/2014 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

PROGETTI LOCALI relativi al Progetto Regionale Una rete regionale delle culture della contemporaneità

PROGETTI LOCALI relativi al Progetto Regionale Una rete regionale delle culture della contemporaneità ALL. A PROGETTI LOCALI relativi al Progetto Regionale Una rete regionale delle culture della contemporaneità FASCIA ALTA punteggio da 70 a 100 PROVINCIA TITOLO COMPLESSIVO Assegnato Assegnato 2009 Grosseto

Dettagli

POR CALABRIA 2014/2020 PIANI DI AZIONE PER SETTORI DI INTERVENTO REPUBBLICA ITALIANA

POR CALABRIA 2014/2020 PIANI DI AZIONE PER SETTORI DI INTERVENTO REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA 2014/2020 PIANI DI AZIONE PER SETTORI DI INTERVENTO Piani di Azione per settori di intervento I Piani di Azione sono degli atti generali di programmazione e di indirizzo che definiscono: le

Dettagli

Agenzia per la coesione territoriale

Agenzia per la coesione territoriale Agenzia per la coesione territoriale Il ruolo dell'agenzia per la Coesione Territoriale nell'ambito delle politiche di coesione Cosimo Antonaci Napoli 31 marzo 2017 1 Nuova governance delle politiche di

Dettagli

EDIFICI A ENERGIA QUASI ZERO

EDIFICI A ENERGIA QUASI ZERO EDIFICI A ENERGIA QUASI ZERO CASE PASSIVE, SOSTENIBILI, IN CLASSE A Livio Dezzani Direttore Programmazione Strategica, Politiche Territoriali ed Edilizia Assessorato Urbanistica, Programmazione Territoriale,

Dettagli

VALORIZZAZIONE TERRITORIO E PATRIMONIO CULTURALE DETERMINAZIONE. Estensore SANTARELLI FLAMINIA. Responsabile del procedimento FLAMINIA SANTARELLI

VALORIZZAZIONE TERRITORIO E PATRIMONIO CULTURALE DETERMINAZIONE. Estensore SANTARELLI FLAMINIA. Responsabile del procedimento FLAMINIA SANTARELLI REGIONE LAZIO Dipartimento: Direzione Regionale: Area: DIPARTIMENTO SOCIALE BENI E ATTIVITA' CULTURALI, SPORT. VALORIZZAZIONE TERRITORIO E PATRIMONIO CULTURALE DETERMINAZIONE N. D1588 del 04/06/2009 Proposta

Dettagli

Attività dell Autorità Ambientale

Attività dell Autorità Ambientale POR FESR 2007-2013 Attività dell Autorità Ambientale Giugno 2013 Le Attività dell Autorità Ambientale Autorità Ambientale Assicurare l integrazione ambientale Ex-ante Fase di attuazione Fase di predisposizione

Dettagli

L.R. 1/2005, art. 4, c. 96 B.U.R. 3/8/2005, n. 31. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 13 luglio 2005, n. 0230/Pres.

L.R. 1/2005, art. 4, c. 96 B.U.R. 3/8/2005, n. 31. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 13 luglio 2005, n. 0230/Pres. L.R. 1/2005, art. 4, c. 96 B.U.R. 3/8/2005, n. 31 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 13 luglio 2005, n. 0230/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione e l erogazione dei contributi

Dettagli

% RAV compilati Provincia Scuole statali Scuole paritarie Scuole statali Scuole paritarie AREZZO FIRENZE ,7 GROSSETO 32 3

% RAV compilati Provincia Scuole statali Scuole paritarie Scuole statali Scuole paritarie AREZZO FIRENZE ,7 GROSSETO 32 3 UN DATO DI PARTENZA % RAV compilati Provincia Scuole statali Scuole paritarie Scuole statali Scuole paritarie AREZZO 51 8 100 100 FIRENZE 110 43 100 97,7 GROSSETO 32 3 100 100 LIVORNO 44 12 100 100 LUCCA

Dettagli

o con Determinazione n. 399 del è stata impegnata, ai fini dell attuazione del suddetto bando, la somma di

o con Determinazione n. 399 del è stata impegnata, ai fini dell attuazione del suddetto bando, la somma di REGIONE PIEMONTE BU26 30/06/2016 Codice A1905A D.D. 23 maggio 2016, n. 284 P.O.R. FESR 2007/2013 Asse II - Attivita' II.1.3 "Riqualificazione energetica di edifici di proprieta' pubblica in disponibilita'

Dettagli

REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE PRESIDENZA AREA DI COORDINAMENTO CULTURA SETTORE BENI CULTURALI

REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE PRESIDENZA AREA DI COORDINAMENTO CULTURA SETTORE BENI CULTURALI REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE PRESIDENZA AREA DI COORDINAMENTO CULTURA SETTORE BENI CULTURALI. Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Sandra Logli Decreto N

Dettagli

Bando Distretti dell Attrattività

Bando Distretti dell Attrattività Bando Distretti dell Attrattività MISURA B per la realizzazione! di iniziative di area vasta! www.confcommerciolombardia.it @confcommerciolo Facebook.com/confcommerciolombardia Cosa sono i Distretti dell

Dettagli

Primo seminario di presentazione 21 dicembre 2007 Aula Eleonora D Arborea h1030 h.10.30

Primo seminario di presentazione 21 dicembre 2007 Aula Eleonora D Arborea h1030 h.10.30 Italia - Francia Marittimo 2007-2013 Primo seminario di presentazione 21 dicembre 2007 Aula Eleonora D Arborea h1030 h.10.30 Il Quadro di Riferimento Comunitario Con la Nuova Programmazione 2007-2013 è

Dettagli

Contenuti dei Piani Integrati di Sviluppo Territoriale e Urbano (PISU e PIST)

Contenuti dei Piani Integrati di Sviluppo Territoriale e Urbano (PISU e PIST) UNIONE EUROPEA Regione Siciliana POR FESR Sicilia 2007-2013 Attuazione territoriale dell Asse VI Sviluppo urbano sostenibile Contenuti dei Piani Integrati di Sviluppo Territoriale e Urbano (PISU e PIST)

Dettagli

Bando per lo sviluppo delle Rete a Banda UltraLarga in Regione Puglia Aprile 2014

Bando per lo sviluppo delle Rete a Banda UltraLarga in Regione Puglia Aprile 2014 Bando per lo sviluppo delle Rete a Banda UltraLarga in Regione Puglia Aprile 2014 Inquadramento dell intervento nell aiuto di stato BUL Il Progetto Strategico del MISE definisce le modalità di impiego

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60)

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 62 del 17 Giugno 2016 Oggetto: Fondo Europeo

Dettagli

COMUNE DI SASSANO Provincia di Salerno C.F VIA CROCE I SASSANO Tel. 0975/78809 Fax 0975/518946

COMUNE DI SASSANO Provincia di Salerno C.F VIA CROCE I SASSANO Tel. 0975/78809 Fax 0975/518946 COMUNE DI SASSANO Provincia di Salerno C.F. 83002010656 VIA CROCE I 84038 SASSANO Tel. 0975/78809 Fax 0975/518946 ALLEGATO B P.S.R. CAMPANIA 2014/2020 MISURA 7.6.1 6.4.2 PROGRAMMA INTEGRATO DI RECUPERO

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Decreto

Giunta Regionale della Campania. Decreto Giunta Regionale della Campania Decreto Dipartimento: Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico N 89 Del Dipart. Direzione G. Unità O.D. 04/12/2013 51 3 0 Oggetto: REGIONE CAMPANIA -

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia - Tempio

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia - Tempio COPIA COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia - Tempio VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 139 Del 24-08-11 Oggetto: POR SARDEGNA FESR 2007/2013 - ASSE II "INCLUSIONE SERVIZI SOCIALI

Dettagli

CORRIDOI TRASVERSALE E DORSALE APPENNINICA

CORRIDOI TRASVERSALE E DORSALE APPENNINICA CORRIDOI TRASVERSALE E DORSALE APPENNINICA Corridoio Jonico "Taranto-Sibari-Reggio Calabria" SS 106 Jonica Megalotto 5bis- Variante esterna all'abitato di Palizzi Marina, 2 lotto (quattro corsie) - Dal

Dettagli

PIANO STRUTTURALE: RUOLO ED ATTIVITA DEL GARANTE DELL INFORMAZIONE

PIANO STRUTTURALE: RUOLO ED ATTIVITA DEL GARANTE DELL INFORMAZIONE PIANO STRUTTURALE: RUOLO ED ATTIVITA DEL GARANTE DELL INFORMAZIONE Nel disciplinare il procedimento di formazione del Piano Strutturale l art. 25 della L.R. 5/95 ha fatto obbligo ai Comuni di individuare

Dettagli

Le energie rinnovabili nella strategia dei fondi strutturali e valorizzazione della Geotermia quale fonte energetica rinnovabile

Le energie rinnovabili nella strategia dei fondi strutturali e valorizzazione della Geotermia quale fonte energetica rinnovabile Le energie rinnovabili nella strategia dei fondi strutturali e valorizzazione della Geotermia quale fonte energetica rinnovabile ing. Fabrizio Fattor fabrizio.fattor@regione.fvg.it dott.ssa. geol. Sara

Dettagli

COLLEGAMENTO FERROVIARIO CON L AEROPORTO MARCO POLO DI VENEZIA SCHEDA N.

COLLEGAMENTO FERROVIARIO CON L AEROPORTO MARCO POLO DI VENEZIA SCHEDA N. ALLACCIAMENTI FERROVIARI E STRADALI GRANDI HUB AEROPORTUALI Hub aeroportuale sistema Veneto - Collegamenti ferroviari con aeroporti veneti (Venezia e Verona) COLLEGAMENTO FERROVIARIO CON L AEROPORTO MARCO

Dettagli

DUE NUOVE CITTÀ DI BOLOGNA DA COSTRUIRE IN EMILIA-ROMAGNA

DUE NUOVE CITTÀ DI BOLOGNA DA COSTRUIRE IN EMILIA-ROMAGNA 10% utilizzo urbano di suolo (2.280 km 2 ) 23% dispersione urbanistica (Insediamenti situati al di fuori di contesti urbani) Previsti 250 km 2 di espansione urbanistica DUE NUOVE CITTÀ DI BOLOGNA DA COSTRUIRE

Dettagli

IL QUADRO DEL POTERE LOCALE IN TOSCANA, DOPO LE ELEZIONI DEL MAGGIO 2011

IL QUADRO DEL POTERE LOCALE IN TOSCANA, DOPO LE ELEZIONI DEL MAGGIO 2011 REGIONE TOSCANA UFFICIO E OSSERVATORIO ELETTORALE IL QUADRO DEL POTERE LOCALE IN TOSCANA, DOPO LE ELEZIONI DEL 15-16 MAGGIO 2011 Fascicolo a cura dell Osservatorio elettorale della Regione Toscana. Responsabile:

Dettagli

INCONTRI DI URBANISTICA. Dal Piano regolatore generale al nuovo Piano urbanistico comunale 1. Dal PRG al PSC

INCONTRI DI URBANISTICA. Dal Piano regolatore generale al nuovo Piano urbanistico comunale 1. Dal PRG al PSC INCONTRI DI URBANISTICA Dal Piano regolatore generale al nuovo Piano urbanistico comunale Comune di Sant Ilario d Enza 1. Dal PRG al PSC Percorso di partecipazione Ascoltare il territorio Assessorato all

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 DELIBERAZIONE 28 novembre 2011, n. 1061

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 DELIBERAZIONE 28 novembre 2011, n. 1061 66 14.12.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 DELIBERAZIONE 28 novembre 2011, n. 1061 Approvazione piano regionale corsi di istruzione e formazione tecnica superiore (I.F.T.S.) 2011.

Dettagli

Regione Campania Programma Operativo FESR Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1 Programma PIU Europa

Regione Campania Programma Operativo FESR Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1 Programma PIU Europa Allegato D Regione Campania Programma Operativo FESR 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1 Programma PIU Europa II ATTO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO DI PROGRAMMA TRA REGIONE CAMPANIA E AUTORITÀ CITTADINA

Dettagli

Dagli interventi sui sistemi tematici del patrimonio all implementazione dei sistemi territoriali della cultura

Dagli interventi sui sistemi tematici del patrimonio all implementazione dei sistemi territoriali della cultura Una nuova stagione per i Beni Culturali in Puglia: Interventi e risultati Dagli interventi sui sistemi tematici del patrimonio all implementazione dei sistemi territoriali della cultura Francesco Palumbo

Dettagli

Informativa dell Autorità Ambientale. Milano 14 giugno 2017

Informativa dell Autorità Ambientale. Milano 14 giugno 2017 1 Informativa dell Autorità Ambientale L Autorità Ambientale È istituita nella programmazione 2000-2006; nel 2014 il ruolo dell AA è riconosciuto in una legge nazionale: «Ai fini dell'accelerazione della

Dettagli

POR FESR TOSCANA DOCUMENTO DI ATTUAZIONE REGIONALE (DAR) n. 25

POR FESR TOSCANA DOCUMENTO DI ATTUAZIONE REGIONALE (DAR) n. 25 POR FESR TOSCANA 2007-2013 DOCUMENTO DI ATTUAZIONE REGIONALE (DAR) n. 25 Il presente documento descrive sinteticamente le modifiche effettuate del DAR n.24 vigente e riportate nel Documento di Attuazione

Dettagli

PREMESSO CHE: CONSIDERATO CHE:

PREMESSO CHE: CONSIDERATO CHE: 59958 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 30 ottobre 2017, n.1753 L.R. 14/2008 art.9 Incentivi per i concorsi di progettazione per assicurare la qualità dell ambiente urbano. Indirizzi e criteri per l

Dettagli

PISA E L AREA METROPOLITANA COSTIERA Cambiamenti avvenuti e potenzialità. Sabrina IOMMI

PISA E L AREA METROPOLITANA COSTIERA Cambiamenti avvenuti e potenzialità. Sabrina IOMMI PISA E L AREA METROPOLITANA COSTIERA Cambiamenti avvenuti e potenzialità Sabrina IOMMI PISA, 7 LUGLIO 2017 LA LINEA INTERPRETATIVA * Spesa totale al netto della spesa per amministrazione generale e organi

Dettagli

Coinvolgimento e ascolto del territorio e del partenariato in vista della programmazione del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR)

Coinvolgimento e ascolto del territorio e del partenariato in vista della programmazione del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) Coinvolgimento e ascolto del territorio e del partenariato in vista della programmazione del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) 2014-2020 Fabio Travagliati, Regione Marche Ancona, 18 luglio 2013

Dettagli

Città Metropolitana. Piano Strategico Partecipato Comunale COLLEGNO METROPOLIS Collegno Rigenera

Città Metropolitana. Piano Strategico Partecipato Comunale COLLEGNO METROPOLIS Collegno Rigenera Città Metropolitana Piano Strategico Partecipato Comunale Collegno Rigenera Collegno impegno comune Programma di mandato amministrativo 2014-2019 2019 FARE SQUADRA FARE SCUOLA FARE COMUNITA' Piano Strategico

Dettagli

Stefania Aru Manuela Murru Marco Naseddu Sandro Sanna Centro Regionale di Programmazione Regione Autonoma della Sardegna

Stefania Aru Manuela Murru Marco Naseddu Sandro Sanna Centro Regionale di Programmazione Regione Autonoma della Sardegna GOVERNANCE E APPROCCIO TERRITORIALE NELLA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA: DUE CASI DI STUDIO E DI SPERIMENTAZIONE DELL'APPROCCIO IN AREE URBANE E IN AREE RURALI DELLA REGIONE SARDEGNA Stefania Aru Manuela

Dettagli

Regione Liguria Dipartimento Agricoltura e Protezione Civile

Regione Liguria Dipartimento Agricoltura e Protezione Civile Regione Liguria Dipartimento Agricoltura e Protezione Civile Seminario I Progetti Integrati come strumento di attuazione del programma di sviluppo rurale 2007-2013 della Regione Liguria Genova, 7 febbraio

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE AGGIORNATO ALL ANNO 2013 ALLEGATO D INCENTIVAZIONE PER L EDILIZIA SOSTENIBILE

NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE AGGIORNATO ALL ANNO 2013 ALLEGATO D INCENTIVAZIONE PER L EDILIZIA SOSTENIBILE NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE AGGIORNATO ALL ANNO 2013 ALLEGATO D INCENTIVAZIONE PER L EDILIZIA SOSTENIBILE Elaborazione: Arch.tto Simona del Bianco Coordinamento : Servizio Urbanistica-Ambiente

Dettagli

I Programmi territoriali integrati della Regione Piemonte

I Programmi territoriali integrati della Regione Piemonte I Programmi territoriali integrati della Regione Piemonte Alfonso Facco, Tommaso Leporati, Valentina Torta Direzione Risorse Finanziarie Patrimonio Settore Programmazione Negoziata PTI e programmazione

Dettagli

COMUNE DI SAN SALVATORE TELESINO SVILUPPO E RINNOVAMENTO DEI VILLAGGI RURALI: RIQUALIFICAZIONE DEL CENTRO STORICO

COMUNE DI SAN SALVATORE TELESINO SVILUPPO E RINNOVAMENTO DEI VILLAGGI RURALI: RIQUALIFICAZIONE DEL CENTRO STORICO MISURA 7.6.1 Scheda Manifestazione d Interesse COMUNE DI SAN SALVATORE TELENO Sede: Via Gioia I, n 1 82030 San Salvatore Telesino (BN) Tel.: 0824 881111 SVILUPPO E RINNOVAMENTO DEI VILLAGGI RURALI: RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 273 del 23/04/2015

Decreto Dirigenziale n. 273 del 23/04/2015 Decreto Dirigenziale n. 273 del 23/04/2015 Dipartimento 53 - Dipartimento delle Politiche Territoriali Direzione Generale 8 - Direzione Generale per i lavori pubblici e la protezione civile Oggetto dell'atto:

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 80 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 80 del Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 80 del 7-7-2017 38367 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 giugno 2017, n. 1026 Approvazione schema di Protocollo di Intesa tra Regione Puglia, ANCI Puglia

Dettagli

Turismo e ricettività sostenibili nella programmazione di Regione Lombardia

Turismo e ricettività sostenibili nella programmazione di Regione Lombardia Turismo e ricettività sostenibili nella programmazione di Regione Lombardia Il concetto di sostenibilità nel turismo SOSTENIBILITA Sociale Ambientale Economica Sviluppo attrattività e competitività turistica

Dettagli

Obiettivo Operazione A

Obiettivo Operazione A Obiettivo Operazione A Aumentare la consapevolezza del valore dell ambiente Tutelare e valorizzare le risorse naturali Obiettivo Operazione B2: tutelare e recuperare elementi architettonici dei paesaggi

Dettagli

Protocollo di Intesa tra Regione Toscana e Province Toscane. Il giorno dell anno. presso la Regione Toscana, con sede...

Protocollo di Intesa tra Regione Toscana e Province Toscane. Il giorno dell anno. presso la Regione Toscana, con sede... Protocollo di Intesa tra Regione Toscana e Province Toscane Il giorno dell anno. presso la Regione Toscana, con sede..., sono presenti, per la Regione Toscana. per la Provincia di Arezzo per la Provincia

Dettagli

L efficacia del sistema dei controlli nell ambito dei fondi FESR Regione Toscana

L efficacia del sistema dei controlli nell ambito dei fondi FESR Regione Toscana L efficacia del sistema dei controlli nell ambito dei fondi FESR Regione Toscana Dott. Albino Caporale, Autorità di Gestione POR CReO FESR Firenze 9-10 maggio 2013 Organizzazione dell Autorità di Gestione

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 DELIBERAZIONE 6 novembre 2006, n. 822

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 DELIBERAZIONE 6 novembre 2006, n. 822 22.11.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 DELIBERAZIONE 6 novembre 2006, n. 822 DELIBERAZIONE 6 novembre 2006, n. 824 67 PSR 2005/2007 La salute in carcere - Sostegno delle attività

Dettagli

SISTEMI URBANI Risanamento del sottosuolo dell area urbana di Napoli Progetto esecutivo Vallone S. Rocco SCHEDA N. 115

SISTEMI URBANI Risanamento del sottosuolo dell area urbana di Napoli Progetto esecutivo Vallone S. Rocco SCHEDA N. 115 SISTEMI URBANI Risanamento del sottosuolo dell area urbana di Napoli Progetto esecutivo Vallone S. Rocco SCHEDA N. 115 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: H44E04000000006 Altre opere

Dettagli