COMUNE DI AGRIGENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI AGRIGENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE"

Transcript

1 PROPOSTA SETT. / REGISTRO PROPOSTE G.C. N DEL COMUNE DI AGRIGENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE del OGGETTO Approvazione Piano Finanziario Servizio Rifiuti Ed Articolazione Tariffe Tares Anno 0 - Proposta per il Consiglio Comunale. L'anno Duemilatredici il giorno del mese dì alle ore J / e seguenti in Agrigento nel Palazzo Municipale, si è riunita la Giunta Comunale nelle seguenti persone: Partecipa alla seduta il Segretario Generale dott.^ft ii"7"y ^~~^- che svolge funzioni di verbalizzante, ai sensi dell'ari. della legge /90, come recepito con L.R. 8/9. Il Presidente, constatato che gli intervenuti sono in numero legale dichiara aperta la seduta ed invita la Giunta comunale a prendere le proprie determinazioni in ordine alla proposta di cui all'oggetto. Sulla proposta di deliberazione sono stati acquisiti ai sensi dell'ari. della L.R. n. 0/000 i seguenti pareri: del responsabile del servizio interessato per quanto attiene alla regolarità tecnica; del responsabile del servizio di Ragioneria per quanto attiene alla regolarità contabile.

2 I DIRIGENTE SETTORE V E SETTORE VI RICHIAMATO L'art. del D.L. 06//0, n. 0, convcrtito con modificazioni dalla L. //0, n., istitutivo, a decorrere dal 0/0/0, del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi; VISTO Fart,, comma 6, del medesimo decreto che, a decorrere dal 0/0/0, dispone la soppressione dì tutti i prelievi relativi alla gestione dei rifiuti urbani, sia di natura patrimoniale sia di natura tributaria, compresa l'addizionale per l'integrazione dei bilanci degli enti comunale di assistenza; TENUTO CONTO che in virtù delle predette disposizioni, con decorrenza dal 0/0/0, cessa di avere applicazione nel comune di Agrigento la Tariffa Integrale Ambientale (TIA), ferme restando le obbligazioni sorte prima di predetta data; PRESO ATTO che resta confermata l'applicazione del tributo provinciale per l'esercizio delle funzioni di tutela protezione ed igiene dell'ambiente di cui all'ari. 9 del D.Lgs. 0 dicembre 99 n. 0, applicato nella misura percentuale deliberata dalla provincia sull'importo del tributo; CONSIDERATO che è in corso di esame da parte del Consiglio Comunale l'approvazione del regolamento per la disciplina del tributo comunale sui rifiuti e sui servìzi; CONSIDERATO che, secondo Fart., comma del D. L. 0/0 convcrtito nella L. /0, il Consiglio Comunale deve approvare le tariffe del tributo entro il termine fissato da norme statali per l'approvazione del Bilancio di Previsione, in conformità al Piano Finanziario del servizio rifiuti; VISTA la nota prot. n. 797 del 6.0. Sett. V con la quale viene raccomandato alla d'ambito di tenere conto nella proposta di piano economie o-finanziari o 0 per la determinazione delle tariffe della TARES, di inserire nel suddetto piano un ragionevole accantonamento per la svalutazione crediti calcolato seguendo i criteri civilistici, operando una realistica e prudente misurazione dell'effettivo rischio di insoluto, nella considerazione che la copertura integrale dei costi dipende dall'effettività della riscossione. VISTA la nota prot. n. 06 del [ indirizzata alia società d'ambito con la quale il dirigente -settore V, considerava che : non risultava ancora trasmesso a questo Ente il piano finanziario del servizio rifiuti per l'anno 0 ; il margine per un ulteriore incremento, rispetto a quelle vigenti, delle tariffe della TARES per la copertura integrale del costo del servizio per l'anno 0 appariva limitato; la percentuale della effettiva riscossione delle tariffe relative agli anni precedenti imponeva la previsione, nel suddetto piano finanziario, di un congrue accantonamento per quota insoluto e per svalutazione crediti, al fine di assicurare la copertura integrale del servizio prevista dalla normativa vigente; risultava necessario, per le suddette considerazioni, sino all'approvazione del piano finanziario 0 da parte del Consiglio Comunale, che la gestione di codesta società fosse limitata all'assolvimento delle obbligazioni già assunte, delle obbligazioni derivanti da provvedimenti giurisdizionali esecutivi e di obblighi speciali tassativamente regolati dalla legge, al pagamento delle spese di personale, ed, in generale, limitata alle sole operazioni necessarie per evitare che siano arrecati danni patrimoniali certi e gravi all'ente VISTA la nota prot. n. 6 del.07.0 Settore V, in riscontro alle note prot. n. 68 dell' e prot. n 6 del della società d'ambito relative all'attivazione del servizio di potenziamento estivo, pervenute per conoscenza al Settore V, con la quale veniva considerato che: Con la Determinazione Sindacale n. 00 del Ì, era stata già disposta (a programmazione di un contenimento dei costi del servizio rifiuti nella parte in cui è stato dato "indirizzo al Settore competente di predisporre una proposta dì rìmodulazione del piano finanziario 0/, di cui alla Determinazione Sindacale n. 9 del 7.0.0, che tenga conto delle componenti di costo relative all'accantonamento per quote inesigibili del gettito tariffario e per l'applicazione di riduzioni e agevolazioni previste dal regolamento, nonché di quote di recupero della mancata coperta dei costi relativa agli esercizi precedenti nell'ambito di un piano di rientro delle passività pregresse, e che consideri la attuale mancanza dì ulteriori risorse di bilancio dell'ente da destinare alla compartecipazione del costo". Con deliberazione di Giunta Comunale n. 0 del.0.0 era stato incaricato il Dirigente del Settore VI di "attivare con urgenza le procedure di rìmodulazione dei costi del servizio con il Raggruppamento di imprese, al fine di congenere la spesa nei limiti consentiti dalla legge, compatibilmente con le esigenze di carattere igienico sanitarie".

3 in mancanza di un piano finanziario approvato, l'autorizzazione di spesa per servizi integrativi ai contratto vigente con il raggruppamento di imprese, soprattutto per la parte che eccede la spesa dell'esercizio precedente, operando in direzione opposta rispetto alla suddetta necessità di un contenimento dei costi, avrebbe determinato riflessi negativi sulla situazione economico finanziaria dell'ente. VISTA la nota prot. n. 676 del con la quale il Sindaco ha emanato apposito atto di indirizzo con la quale, richiamando la suddetta nota del Settore V, ha reiterato l'assoluta necessità dell'attivazione del servizio di potenziamento estivo, stante la grave emergenza igienico sanitaria presente nell'intero territorio comunale; VISTO il piano finanziario trasmesso con nota prot. n. 76 del dalla società d'ambito GE.AG SFA nel quale è staio indicato un costo pari ad..8,00, acuì si aggiungeva l'importo di..8,00 quale costo per accantonamento insoluti in misura pari al 0% mentre veniva sottratto un importo pari ad i ,00 relativo alla riscossione di avvisi di accertamento TIA periodo 00-0; VISTA la nota prot. del Settore V con la quale veniva trasmesso al Settore VI il piano TARES 0, inviato con nota prot. n. 76 del dalla società d'ambito GE.AG SFA, al fine della predisposizione del provvedimento di approvazione del Piano finanziario degli interventi, propedeutico all'approvazione del piano tariffario 0. VISTA la nota prot. n. 787 del.09. con la quale codesto Sett. V, restando in attesa di acquisire, a seguito di reiterate richieste, la documentazione contabile giustificativa dei crediti TIA da riscuotere da liste di carico ordinarie e suppletive, per ciascun anno di competenza, e la relazione sul rispetto dei limiti di contenimento delle spese stabiliti dalla legge per le società partecipate da enti locali, rappresentava l'urgenza di predisporre un piano tariffario delia "XTARES 0 a copertura integrale dei costi del servizio, in vista della scadenza della ultima rata di conguaglio la cui ^èidenza è fissata al 6 dicembre 0. "?l CONSIDERATO che con la suddetta nota codesto Settore V comunicava, inoltre, alla società d'ambito che non riteneva ammissibile la riduzione dei costi del piano economico finanziano per la quota di incasso TIA anni precedenti, pari ad ,00, in quanto tale importo si riferisce a crediti maturati in un periodo caratterizzato da un sistema tariffario di natura sostanzialmente diversa dalla TARES, che costituisce invece un'entrata tributaria, e che le somme riscosse nel periodo 0, riguardavano avvisi di accertamento relativi agli anni 00-0, i cui crediti concorrevano già al risultato economico pari alla differenza tra entrate e costi del servizio per il suddetto periodo VISTA la nota prot. n del della GE.SA. AG SFA con la quale, a parziale rettifica ed integrazione di quanto trasmesso con nota prot. n. 76 del , sono stati trasmessi i dati relativi esclusivamente al costo dei servizi per l'anno 0 per un importo complessivo pari ad..8,, escludendo sia la maggiorazione dei costi per l'importo di..8,00 a titolo di accantonamento insoluti in misura pari al 0%, (con la motivazione che tali oneri dovrebbero porsi a carico del bilancio comunale ai sensi dell'ari. comma 7 della l.r,..00), sia la riduzione dei costi per un importo pari ad ,00 relativo alla riscossione di avvisi di accertamento TIA periodo 00-0; RITENUTO che, ne! piano economico-finanziario la svalutazione crediti debba essere calcolata seguendo i criteri civilistici, tenendo conto di una realistica e prudente misurazione dell'effettivo rischio dì insoluto; VERIFICATO che la media annua delle operazioni di sgravio e rettifiche sulle bollettazioni del perìodo 00-0 risulta pari a circa ,00, e che tale importo possa costituire una ragionevole misurazione del rischio di insoluto per l'anno 0; RITENUTO, pertanto, di proporre l'approvazione di un'articolazione del piano tariffario della TARES 0 in conformità al Piano Finanziario trasmesso con nota prot. n del dalla GE.SA. AG SFA, con la maggiorazione dei costi pari ali' accantonamento per rischio insoluto calcolato in misura percentuale del % dei costi complessivi, per un un importo totale pari ad.7.7,8, oltre il tributo provinciale nella misura deliberata dalla provincia di Agrìgento; VISTO che la proposta di articolazione delle tariffe è stata formulata in collaborazione con il soggetto gestore GE.S.A. AG S.P.A in considerazione della necessità di: - articolare la tariffa nelle fasce di utenza domestica e utenza non domestica, (art. del D.P.R. 8/99), procedendo alla suddivisione dei costì da coprire, garantendo una certa agevolazione per l'utenza domestica (come prevede il D.Lgs., art. 9, comma 0, richiamato dal D.P.R. 8799, art. ); - calcolare la tariffa per le utenze domestiche (art. del D.P.R. 8/99) dovuta per la parte fissa collegandola al numero di mq. occupati, rapportato al numero dei componenti il nucleo, secondo quanto specificato nel punto. i dell'allegato al D.P.R. 8/99, e per la parte variabile alla quantità di rifiuto prodotto, secondo quanto indicato nel punto. dell'allegato I dello stesso decreto; - calcolare la tariffa per le utenze non domestiche, per la parte fissa della tariffa della singola utenza, facendo riferimento al numero dei mq. occupati dall'attività (secondo quanto indicato nel punto. dell'allegato al D.P.R.

4 8/99) e per la parte variabile calcolandola con criteri presuntivi con riferimento alla produzione annua per mq. nel rispetto dei parametri indicati nel punto. dell'allegato dello stesso decreto e tabella a; - determinare la tariffa per le utenze domestiche e non domestiche, e all'interno delle stesse per ciascuna categoria, tenendo conto, tra l'altro,dei seguenti elementi: A UTENZE DOMESTICHE. Anagrafe della popolazione residente: nuclei iscritti al 0.0.0;. Superfìci iscritte al 0.0.0;. Suddivisione in nuclei familiari da a 6 componenti e oltre, e individuazione della tariffa in base alla superficie media occupata per tipologia di nucleo;. Applicazione dei coefficienti di adattamento (stabiliti dal D.P.R. 8/99, tabelle la) e ) graduati nei limiti dei range fissati (art. 9, comma 7, D.Lgs. /97); B UTENZE NON DOMESTICHE. I dati presi a riferimento sono le partite iscritte al 0.0.0;. Sono state distribuite le utenze nelle 0 categorie d'utenza previste dal D.P.R. 8/99. Rispetto alle superfici, si precisa che esse sono quelle produttive di rifiuto urbano o assimilato, per le quali vige il regime di privativa previsto dalpart 9 del Decreto Ronchi;. Applicazione dei coefficienti di adattamento (stabiliti dal D.P.R. 8/99, tabelle a e a) graduati nei limiti dei range fissati (art. 9, comma 7, D.Lgs. /97). VISTA la deliberazione di Consiglio Comunale. 78 del 06 Giugno 0, cosi come modificata dalla deliberazione di Consiglio Comunale n. 0 dell II.07.0, con la quale vengono stabilite le scadenze del versamento del tributo comunale sui rifiuti e sui servìzi (TARES) per l'anno 0 prevedendo i seguenti termini: rata - 6 Agosto 0 rata - 6 ottobre 0 rata - 6 Dicembre 0. CONSIDERATO che il pagamento della maggiorazione ex art., comma, del di 0, relativa alla componente servizi indivisibili della Tares, la cui competenza è stata assegnata allo Stato per il solo anno 0, risulta fissata al valore base 0,0 /mq, e che il pagamento dovrà avvenire "in unica soluzione unitamente all'ultima rata del tributo" (0, comma, lett. e), del di del 0), VISTO ì'art., comma 6, della Legge //000, n. 88, come modificato dall'art. 7, comma 8, della Legge 8//00, n. 8, il quale prevede che: "il termine per deliberare le aliquote e le tariffe dei tributi locali, compresa l'aliquota dell'addizionale comunale all'irpef di cui all'articolo, comma, del decreto legislativo 8 settembre 998, n. 60, recante istituzione di una addizionale comunale all'irpef, e successive modificazioni, e le tariffe dei servizi pubblici locali, nonché per approvare i regolamenti relativi alle entrate degli enti locali, e' stabilito entro la data fissata da norme statali per la deliberazione del bilancio di previsione. / regolamenti sulle entrate, anche se approvati successivamente all'inizio dell'esercizio purché entro il termine di cui sopra, hanno effetto dal I gennaio dell'anno di riferimento"; VISTO l'art. 8, comma, del D.L..08.0, n. 0, che ha differito ai 0//0 il termine per l'approvazione del bilancio di previsione per l'anno 0; VISTO l'art. 8, comma, del D.L..08.0, n. 0, che prevede che per l'anno 0, in deroga a quanto previsto dall'articolo Ì, comma -bis, del decreto-legge 6 dicembre 0, n. 0, convertito, con modificazioni, dalla legge dicembre 0, n., le deliberazioni di approvazione delle aliquote e delle detrazioni, nonché i regolamenti dell'imposta municipale propria, acquistano efficacia a decorrere dalla data di pubblicazione nel sito istituzionale di ciascun comune; VISTE le tabelle allegate contrassegnate con le lettere A - Coefficienti Ka e Kb Utenze Domestiche, B - Coefficienti Kc utenze non domestiche, C - Coefficienti Kd utenze non domestiche, D - Prospetto riassuntivo costi fissi e variabili utenze domestiche e non domestiche, E - Tariffe utenze domestiche parte fissa e parte variabile, F Tariffe utenze non domestiche parte fissa e parte variabile, facenti parte integrante del presente provvedimento; ACQUISITI sulla proposta della presente deliberazione, ai sensi dell'alt. 9, comma I, del D.Lgs. 8/08/000, n. 67, i pareri favorevoli di regolarità tecnica e finanziaria del Responsabile del Servizio Finanziario; VISTO il D.Lgs, 8/08/000, n. 67; VISTO lo Statuto comunale; VISTA la competenza in materia di approvazione delle tariffe del tributo, incidente sul bilancio comunale, da parte dell'organo consiliare

5 PROPONGONO di deliberare di sottoporre al Consiglio Comunale la proposta di:. Approvare il Piano finanziario per la gestione del servizio rifiuti, trasmesso con nota prot. n. 76 del cosi come modificato con nota prot, n del dalla GE.SA. AG SFA, e con la maggiorazione dei costi pari ali' accantonamento per rischio insoluto calcolato nell'importo di ,00 quale media annua delle operazioni di sgravio e rettìfiche sulle bollettazioni dei periodo 00-0;. Autorizzare [a bollettazione del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi - Tares anno 0 per un importo complessivo pari ad,.8,, con la ripartizione del suddetto costo tra la platea degli attuali contribuenti delle utenze domestiche e non domestiche attribuendo alle stesse, rispettivamente, una misura percentuale dei costi pari al 6% e pari al %;. Di applicare per la suddetta bollettazione l'articolazione tariffaria della Tares così come risultante dalle tabelle allegate contrassegnate con ie lettere A - Coefficienti Ka e Kb Utenze Domestiche, B - Coefficienti K.C utenze non domestiche, C - Coefficienti Kd utenze non domestiche, D - Prospetto riassuntivo costi fissi e variabili utenze domestiche e non domestiche, E - Tariffe utenze domestiche parte fissa e parte variabile, F Tariffe utenze non domestiche parte fissa e pane variabile, facenti parte integrante del presente provvedimento;. Di dare atto che le tariffe approvate con il presente atto deliberativo hanno effetto dal 0 Gennaio 0. data di istituzione del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi "TARES";. Di dare atto che in aggiunta all'importo complessivo del tributo, il contribuente sarà tenuto al versamento, in unica soluzione, della maggiorazione standard pari a 0,0 mq. a favore dello Stato, secondo le disposizioni di legge; 6. DÌ dare atto che sull'importo del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi, esclusa la maggiorazione di cui al punto ), si applica il tributo provinciale per l'esercizio-delle funzioni ambientali di cui all'art. 9 del D.Lgs. 0 dicembre 99 n. 0, nella misura deliberata dalla provincia ingente tt. Castano Sindaco Avv. Marco Zambuto II Dirigente Se Dot io vanni Mantiene Pareri resi ai sensi delpart. della L.R. n. 0 dei //000 Si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica, con riferimento alla proposta di articolazione tariffaria TARES 0 Si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica con riferimento alla proposta di approvazione Piano Finanziario gestione rifiuti 0 II Dirigente Dr/Qaètanò di Giova alla regolarità contabile

6 TABELLA A - COEFFICIENTI KA E KB UTENZE DOMESTICHE Componenti Ka 0,8 Or9,0,09 II Ka non va modificato ma è definito dal DPR 8/999 *f Jp 6,06 Componenti Kb(n) Kb min,60,00,60,0,70 0,60,0,80,0,90,0,60,0

7 TABELLA B - COEFFICIENTI KC UTENZE NON DOMESTICHE Cat S ZO Z Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Cinematografi e teatri Autorimesse e magazzini senza alcuna vendita diretta Campeggi, distributori carburanti, impianti sportivi Stabilimenti balneari i Alberghi con ristorante Case di cura e riposo Ospedale Uffici, agenzie, studi professionali Banche ed istituti di eredito Descrizione Negozi abbigliamento, calzature, libreria, cartolerìa, ferramenta, e altri beni durevoli edicola, farmacia, tabaccaio, plurilicenze Negozi particolari quali filatelia, tende e tessuti, tappeti, cappelli e ombrelli, antiquariato Banchi di mercato beni durevoli Attività artigianali tipo botteghe: Parrucchiere, barbiere, estetista Attività artigianali tipo botteghe: falegname, idraulico, fabbro, elettricista Carrozzeria, autofficina, elettrauto Attività industriali con capannoni di produzione Attività artigianali di produzione beni specifici Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, mense, pub, birrerie vlense, birrerie, amburgherie Bar, caffè, pasticceria Supermercato, pane e pasta, macelleria, salumi e formaggi, generi alimentari lurilicenze alimentari e/o miste Ortofrutta, pescherie, fiori e piante, pizza al taglio perrnercati di generi misti Banchi di mercato genere alimentari Discoteche, night-club kc 0,6 0,7 0, 0,7 0,9,0 0,8 0,90,,7 0,79,,0 0,9,,0,0,8 0,9 0,68,0,,6,6,6,,7,80,9 Kc min. 0, 0, 0,6 0,6 0,,0 0,8 0,90 0,86 0,90 0,8 0,8,0 0,6,9,9 0,77 0,9 0, 0,,0,,6,6,6,,6, 0,77 Kc max. j 0-6 '7 i 0, 0,7 i 0,9 H B,,08 *09, I,7 j 0,79 i,67 i,0,0,8 0,9 0,9 j 0,8 i 6, 7,6 fi,, li / il mm m B i m IH li B i Hi ìmii B i M BSSSSlffl Hi i HI HSnmmiTìtl (,0 j 0,9! i SHlìO^l&ì nwnnitffii i 8ÌÌ8I ffi^fflff Hi i U MiiiiiMimi KfmlBini S^Hl^^a B^^Hii H in Hi,7 I] fi lili 8',9 i

8 TABELLA C - COEFFICIENTI KD UTENZE NON DOMESTICHE Cat Descrizione Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi dì culto Cinematografi e teatri Autorimesse e magazzini senza alcuna vendita diretta Campeggi, distributori carburanti, impianti sportivi ^mr kd,0,,90 6, Kd min.,00,00,0, Kd max.,0,,90 6, < Stabilimenti balneari Esposizioni, autosaloni,0,0,0,0,0, :: 6,7 Alberghi con ristorante Alberghi senza ristorante Case di cura e riposo Ospedale Uffici, agenzie, studi professionali Banche ed istituti di eredito Negozi abbigliamento, calzature, libreria, cartoleria, ferramenta, e altri beni durevoli edicola, farmacia, tabaccaio, plurilicenze Negozi particolari quali filatelia, tende e tessuti, tappeti, cappelli e ombretti, antiquariato Banchi di mercato beni durevoli Attività artigianali tipo botteghe: Parrucchiere, barbiere, estetista 8,9 7,0 7,90,60 0,0 6,9 9,90, 8,00,7, 8,9 7,0 7,90 7, 7,90,0 7,0 8,88,90 0, 0,, 9,0 9,6,60 0,0 6,9 9,90, 8,00,69, Attività artigianali tipo botteghe: falegname, idraulico, fabbro, elcttricista Carrozzeria, autofficina, elettrauto 9,,0,80 8,0,,0 0 0 Attività industriali con capannoni dì produzione Attività artigianali di produzione beni specifici Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, mense, pub, birrerie 8, 6,06 9,9,90,00 9,9 8, 8, 90,0 Mense, birrerie, amburgherie,0,0, Bar, caffè, pasticcerìa Supermercato, pane e pasta, macelleria, salumi e formaggi, generi alimentari Plurilicenze alimentari e/o miste Ortofrutta, pescherie, fiori e piante, pizza al taglio Ipermercati di generi misti Banchi di mercato genere alimentari Discoteche, night-club,0,70,77 8,9,98 9,0 6,80,0,70,77 8,9, 9,0 6,80 6,76,0, 98,90,98 7, 6,80 lilfip0?6

9 COMUNE DI AGRIGENTO TABELLA DI -RIPARTIZIONE COSTI FISSI E VARIABILI - UTENZE DOMESTICHE E NON DOMESTICHE RIPARTIZIONE COSTI RIFIUTI TARES 0 ENTRATA TEORICA.9.8, x^ UTENZE DOMESTICHE 6,00%..79,6 6% ,6 \A FISSA TOTALE UTENZE DOMESTICHE 6% ,0 *^ UTENZE NON DOMESTICHE,00%.8.88,99 ^* i UTENZE DOMESTICH E 6,00% , QUOTA VARIABILE %.7.,60 TOTALE UTENZE NON DOMESTICHE % ,8 UTENZE NON DOMESTICHE,00%.7.7,8 / TOTALE COSTI UD E UND.9.8,

10 Prospetto riassuntivo CG - Costi operativi di Gestione ,8 Produzione Kg annua Rifiuti 0 - Modello MUO % CC- Costi comuni ,90 CK - Costi d'uso del capitale,0.6,7 Rifiuti Utenze non domestiche , 8,8% Minori entrate per riduzioni Agevolazioni Rifiutiti Utenze domestiche ,79 8,9% Contributo Comune per agevolazioni Rifiuti Totali..0,00 00,00% Altri Costi Fissi per accantonamento rischio insoluto ,00 Altri Costi Variabili Totale costi.9.8, [Riduzione RD Ut. Domestiche (CU) - Costo Unitario Ut. Non Domestiche 0,7 RIPARTIZIONE COSTI FISSI E VARIABILI COSTI VARIABILI CRT - Costi raccolta e trasporto RSU CTS - Costi di Trattamento e Smaltimento RSU CRD - Costi di Raccolta Differenziata per materiate CTR - Costi di trattamenti e riciclo.8.,..8,9 86.8,.06,0 Riduzioni parte variabile Altri Costi Variabili Totale Costi Variabili.7.,60 (CFUd) - Costi Fissi Utenze domestiche (CFUnD) - Costi Fissi Utenze non domestiche TOTALE COSTI FISSI (CVUd) - Costi Variabili Utenze domestiche (CVUnD) - Costi Variabili Utenze non domestiche TOTALE COSTI VARIABILI (CU) - Costo Unitario Ut. Domestiche (QUV) - Quantità Unitaria media Utenze domestiche TOTALE GENERALE..79,6.8.88, , ,.7.7,8.7.,60 0, 6,77.9.8, COSTI FISSI CSL - Costi Spazz. e Lavaggio strade e aree pubbl. CARC - Costi Amm, di accertam., riscoss. e cont. CGG - Costi Generali di Gestione.9.6, ,0.69.,6

11 CCD - Costi Comuni Diversi AC - Altri Costi Riduzioni parte fissa Totale parziale CK - Costi d'uso del capitale Altri Costi Fissi per accantonamento rischio insoluto Totale Costi Fissi 90.60, , ,88.0.6, , ,6 / Totale fìssi + variabili.9.8, verificato

12 TABELLA El - TARIFFE UTENZE DOMESTICHE PARTE FISSA E VARIABILE TARIFFE UTENZE DOMESTICHE - PARTE FISSA Comuni oltre.000 Abitanti Ciuf: n 60 più Ka ^Sùp.Totate(n),t JKàltot{n).; 0, ,80 0, ,69, ,86, ,8,0 7.0.,8, ,9 Totale ,8 :.ciuf,9,9,9.9,9,9 TFd Quf.Ka(n),99,7,67,67,66,6 TARIFFE UTENZE DOMESTICHE - PARTE VARIABILE CVd {) Qtot (kg) Cu (/kg) Quv n &, 6 o più 7v '^Kb(*ì) 0,80,60,00,60,0,70 * r: , , 6,77 Inserire W'ykftnJÈftf*** '" 6^8 * :6.8 JKb{n).Ntn)* 09, 898,76 0 9,8 78, 00,9 Totale 7,0 TVd r~;q«v rè%,9s M^ioe'se ***»sfft *f ^7, *^i7^te9 "^9 -.,9

13 TARIFFE UTENZE DOMESTICHE - PARTE FISSAVA ^^^^PP* n 6 PF 0 ;,99,7,67,67,66,6 PF0,6,88,0.8,0, TARIFFE UTENZE DOMESTICHE - PARTE VARIABILE ;^-tìsv. - Tn"^ 6,98 09,96 7, 78,69 9,9,9,79,8 9,8 8,,7 8,0 '* N.B. Le tariffe anno 0 sono da gravare dell'importo dell'iva al 0% Le tariffe 0 non prevedono applicazione dell'iva

14 TABELLA FI - TARIFFE PARTE FISSA E VARIABILE UTENZE NON DOMESTICHE Attività Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Cinematografi e teatri Autorimesse e magazzini senza alcuna vendita diretta Campeggi, distributori carburanti, impianti sportivi Stabilimenti balneari ^posizioni, autosaloni Alberghi con ristorante Alberghi senza ristorante Case di cura e riposo Ospedale Uffici, agenzie, studi professionali Banche ed istituti di eredito Negozi abbigliamento, calzature, librerìa, cartoleria, ferramenta, e altri beni durevoli edicola, farmacia, tabaccaio, plurilicenze Negozi particolari quali filatelia, tende e tessuti, tappeti, cappelli e ombrelli, antiquariato Banchi di mercato beni durevoli Attività artigianali tipo botteghe: Parrucchiere, barbiere, estetista Attività artigianali tipo botteghe: falegname, idraulico, fabbro, elettricìsta TARIFFE PF 0,687,7,7, <>i : >,6.,9,97,67 8,G9 6;88,B 6,6 : 8,779,6 a;69 8,779-6,087 TARIFFE PF 0,07,9,6,609,877,78,96,6,89 6,97,706,8, 7,6,8 6,97 7,6,07 TARIFFE PV 0,0,7,,,90,880,8,798,97 -,70,8 86,69,9,98,690,99,99 TARIFFE PV 0,,6,,,0,96,7,9,07,9,0,7,8,,,89,, TOTALE 0,,89,67 6,6,90,7 8,0 7,07 7,6,87 9,7 6, 9,6,6 7,,86,6 8,6 TOTALE 0,7,9,0 6,77,9, 9, 7,77 8,,07 0,69 7, 0,,7 8,,06,7 9,9 9 0 Carrozzeria, autofficina, elettrauto Attività industriali con capannoni di produzione Attività artigianali di produzione beni specifici Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, mense, puh, birrerie Mense, birrerìe, amburghese Bar, caffè, pasticceria Supermercato, pane e pasta, macelleria, salumi e formaggi, generi alimentari. 8,077,0,99 9,899,9,,98, 9'0 6,7,8,6 6,8,7,8 7,608,,078.,9.,67 8,S7 8,9,,7,,,6 8,7 8,7,, 7,79,67 8,,,,9,9 8,8 6,,07,8,8, Plurilicenze alimentari e/o miste Ortofrutta, pescherie, fiori e piante, pizza al taglio Ipermercati di generi misti Banchi di mercato genere alimentari Discoteche, night-club 9,0 :,869 :''ì978,97,79 7,608,7, 8,87 9. '-,8, - 8,97-,006 6,68,6, 9,,8 6,,97 6,70,6 9,77,86,7 0,9,9,9 7, Le tariffe anno 0 sono da gravare dell'importo dell'iva al 0% Le tariffe 0 non prevodno applicazione del l'i VA

15 TARIFFE UTENZE NON DOMESTICHE - PARTE FISSA Comuni oltre.000 abitanti SUD Ctapf.8.88,99 QTnd 7.8,8 Qapf,878 E TARIFFE PARTE FISSA Inserire % di aumento per utenze giornaliere (fino a 00% Attività Musei, biblioteche, scuole, assocìaziqni, luoghi di culto inematografi e teatri Autorimesse e magazzini senza alcuna vendita diretta Campeggi, distributori carburanti, impianti sportivi tabilimenti balneari isposizioni, autosaloni Alberghi con ristorante Alberghi senza ristorante Case di cura e riposo Ospedale Uffici, agenzìe, studi professionali Banche ed istituti di eredito Negozi abbigliamento, calzature, libreria, cartoleria, ferramenta, e altri beni durevoli edicola, farmacia, tabaccaio, pluriiicenze Negozi particolari quali filatelia, tende e tessuti, tappeti, cappelli e ombrelli, antiquariato ianchi di mercato beni durevoli Attività artigianali tipo botteghe: Parrucchiere, barbiere, estetista Attività artigianali tipo botteghe: falegname, idraulico, fabbro, elettricista Kc 0,60 0,70 0,0.0,70 0,90 0,70,00 0,80 0,900,0,70 0,790,0,00 0,90,0,00,00 Stot(ap) Inserire Stot(ap)*Kc*RÌd 8,7,6 66,6 677, 6,09 76,7 67, 79,00 9, ,0 069, 98, , ,00 98, 886,0 669,00 808,0 TARIFFE PF TF(àpj,68^,7,,7,,i.,6,9,9/,67 8,69 - $,8* ;-:',6 6,6 ; 8,779,6 8,69.- 8,779 6, Carrozzeria, autofficina, elettrauto Attività industriali Con capannoni di produzione Attività artigianali di produzione beni specifici Ristoranti, trattorìe, osterie, pizzerie, mense, pub, birrerie Mense, birrerie, amburgherie Bar, caffè, pasticceria Supermercato, pane e pasta, macelleria, salumi e formaggi, generi alimentari,80 0,90 0,68,00,0,60, ,88 78,96 87,6 0,60 00, 9096,96 6,0 8,077.,0.99 9,899. '..,98 9, Plurilìcenze alimentari e/o miste Ortofrutta, pescherie, fiori e piante, pizza al taglio Ipermercati di generi misti Banchi di mercato genere alimentari Discoteche, night-club,60,0,70,79, ,0 667,7, 07,0 6, ,8 9,0,869,978,97.,79.

16 TARIFFE UTENZE NON DOMESTICHE - PARTE VARIABILE Comunròltre*;( (CVUnD) - Costi Variabili Utenze non domestiche.7.7,8 QTnd - Rifiuti Totali Ut. Non domestiche , (CU) - Costo Unitario Ut. Non Domestiche 0,7 % aumento utenze giornaliere 0% Attività Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Cinematografi e teatri Autorimesse e magazzini senza alcuna vendita diretta Campeggi, distributori carburanti, impianti sportivi Stabilimenti balneari Esposizioni, autosaloni Alberghi con ristorante Alberghi senza ristorante Case di cura e riposo Ospedale Uffici, agenzie, studi professionali Banche ed istituti di eredito Negozi abbigliamento, calzature, libreria, cartoleria, ferramenta, e altri beni durevoli edicola, farmacia, tabaccaio, plurilicenze Negozi particolari quali filatelia, tende e tessuti, tappeti, cappelli e ombrelli, antiquariato Banchi di mercato beni durevoli Attività artigianali tipo botteghe: Parrucchiere, barbiere, estetista Attività artigianali tipo botteghe: falegname, idraulico, fabbro, elettricista Carrozzeria, autofficina, elettrauto Attività industriali con capannoni di produzione Attività artigianali di produzione beni specifici Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, mense, pub, birrerie Mense, birrerie, amburgherie Bar, caffè, pasticceria Supermercato, pane e pasta, macelleria, salumi e formaggi, generi alimentari Plurilicenze alimentari e/o miste Ortofrutta, pescherie, fiori e piante, pizza al taglio Ipermercati di generi misti Banchi di mercato genere alimentari Discoteche, night-club Kd,00,0,900 6,0,00,00 8,90 7,00 7,900,600 0,00 6,90 9,900,0 8,000,70,0 9,0,00 8,0 6,0 9,90,00,00,700,770 8,90,980 9,0 6,80 Inserire Stolfap).9 7' 06.8.SE , ~ Qnd , TARIFFE,0,7,,,90,880,8,798,97,70,8,86,69,9,98,690,99,99,,078,9,67 8, 8,9,,8, 8,9,00 6,6

17 La Giunta M.. Esaminata la proposta dei deliberazione di cui sopra;. Considerato che sulla suddetta proposta sono stati resi i pareri in ordine alla regolarità tecnica e contabile, ai sensi dell'ari. della L.R. n. 0/000;. Considerato che la quota di accantonamento per svalutazione crediti pari ad ,00, determina un costo complessivo ed un conseguente carico tributario da ripartire tra i contribuenti eccessivamente oneroso, con un sensibile incremento delle tariffe rispetto a quelle vigenti, già elevate rispetto alla media delle altre città;. Ritenuto che la percentuale di misurazione dell'effettivo rischio di insoluto possa essere contenuta entro la percentuale del % dei costi complessivi per un importo pari ad ,00 circa, anche in considerazione dei margini di recupero per l'accertamento di nuova base imponibile;, Considerato che per tutto il resto del contenuto della proposta se ne condividono tutti i presupposti di fatto e di diritto; Delibera i sottoporre al Consiglio Comunale la proposta di: Approvare il Piano finanziario per la gestione del servizio rifiuti, trasmesso con nota prot. n. 76 del cosi come modificato con nota prot. n del dalla GB,SA. AG SPA, e con la maggiorazione dei costi pari ali' accantonamento per rischio insoluto calcolato nell'importo di ,00 quale media annua delle operazioni di sgravio e rettifiche sulle bollettazioni del perìodo 00-0; Autorizzare la bollettazione del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi - Tares anno 0 per un importo complessivo pari ad.9 i.8,, con la ripartizione del suddetto costo tra la platea degli attuali contribuenti delle utenze domestìche e non domestiche attribuendo alle stesse, rispettivamente, una misura percentuale dei costì pari al 6% e pari al %; Di applicare per la suddetta bollettazione l'articolazione tariffaria della Tares così come risultante dalle tabelle allegate contrassegnate con le lettere A - Coefficienti Ka e Kb Utenze Domestiche, B - Coefficienti Kc utenze non domestiche, C - Coefficienti Kd utenze non domestiche, DI - Prospetto riassuntivo costi fissi e variabili utenze domestiche e non domestiche, El - Tariffe utenze domestìche parte fissa e parte variabile, FI Tariffe utenze non domestiche parte fìssa e parte variabile, facenti parte integrante del presente provvedimento; Di dare atto che le tariffe approvate con il presente atto deliberativo hanno effetto dal 0 Gennaio 0, data di istituzione del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi "TARES"; Di dare atto che in aggiunta all'importo complessivo del tributo, il contribuente sarà tenuto al versamento, in unica soluzione, della maggiorazione standard pari a 0,0 mq. a favore dello Stato, secondo le disposizioni di legge; Di dare atto che sull'importo del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi, esclusa la maggiorazione di cui al punto ), si applica il tributo provinciale per l'esercizio delle funzioni ambientali di cui all'art 9 del D.Lgs. 0 dicembre 99 n. 0, nella misura deliberata dalla provincia. Con separata unanime votazione favorevole Delibera Di dichiarare il presente provvedimento immediatamente eseguibili.

18 TABELLA A - COEFFICIENTI KA E KB UTENZE DOMESTICHE Ka non va modificato ma è definito dal DPR 8/999

19 TABELLA B - COEFFICIENTI KC UTENZE NON DOMESTICHE Cat *0, !«!-* /< ' «* Descrizione Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Cinematografi e teatri Autorimesse e magazzini senza alcuna vendita diretta Campeggi, distributori carburanti, impiantì sportivi Stabilimenti balneari Esposizioni, autosaloni Alberghi con ristorante Alberghi senza ristorante Case di cura e riposo Ospedale Uffici, agenzie, studi professionali Banche ed istituti di eredito Negozi abbigliamento, calzature, libreria, cartoleria, ferra menta, e altri beni durevoli edicola, farmacia, tabaccaio, plurilicenze Negozi particolari quali filatelia, tende e tessuti, tappeti, cappelli e ombrelli, antiquariato Banchi di mercato beni durevoli Attività artigianali tipo botteghe: Parrucchiere, barbiere, estetista Attività artigianali tipo botteghe: falegname, idraulico, fabbro, elettricista Carrozzeria, autofficina, elettrauto Attività industriali con capannoni di produzione Attività artigianali di produzione beni specifici Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, mense, pub, birrerie Mense, birrerie, amburgherie Bar, caffè, pasticceria Supermercato, pane e pasta, macelleria; salumi e formaggi, generi alimentari Plurilicenze alimentari e/o miste Ortofrutta, pescherie, fiori e piante, pizza al taglio Ipermercati di generi misti Banchi di mercato genere alimentari Discoteche, night-club kc 0,6 0,7 0, 0,7 0,9 0,7,0 0,8 0,90,,7 0,79,,0 0,9,,0,0,8 0,9 0,68,0,,6,6,6,,7,80,9 Kc min. 0, 0, 0,6 0,6 0, 0,,0 0,8 0,90 0,86 0,90 0,8 0,8,0 0,6,9,9 0,77 0,9 0, 0,,0,,6,6,6,,6, 0,77 Kcmax. IH n fi il U,O 0,7 0, 0,7 i 0,9 i 0.7 H, il,08 mm,,7 079 il, H,0 i Issili i aiibasis (B m IH 0,9 Ìlin $ H^^HH i i Bili,67 ^H (,9 i ir UEUtlfi iilbe! liibi,0 HI HB^H l'0 BB Ifjo Q O m UBI n H jabtlba ^ MHHI HHIIll Buttili 0,9 ^BMSB 0,9 Bj ihfffitòl 0,8 i 6, I I 7,6 I II ' i H I H, I [ Selli,7 i Bi obmh mami 8, i B i mm n se\i

20 TABELLA C - COEFFICIENTI KD UTENZE NON DO MESTI CHE 6 7 Cat Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Cinematografi e teatri Autorimesse e mdgazzini senza alcuna vendita diretta Campeggi, distributori carburanti, impianti sportivi Stabilimenti balneari Esposizioni, autosaloni Alberghi con ristorante Descrizione kd,0,,90 6,,0,0 8,9 Kd min.,00,uu,0,,0,0 8,9 Kd max.,0,,90 6,,0,0, H9K9HK'p«SÌj!F**fl ilaipfagbtté J"ij^'iifjBi OÉBÌ ^Ssafcj/ HsH ih^^ Alberghi senza ristorante Case di cura e riposo 7,0 7,90 7,0 7,90 9,0 9,6 0 0 Ospedale Uffici, agenzie, studi professionali Banche ed istituti di eredito Negozi abbigliamento, calzature, libreria, cartoleria, ferramenta, e altri beni durevoli,60 0,0 6,9 9,90 7, 7,90,0 7,0,60 0,0 6,9 9,90 edicola, farmacìa, tabaccaio, plurilicenze, 8,88, >-: ' :. : Negozi particolari quali filatelia, tende e tessuti, tappeti, cappelli e ombrelli, antiquariato Banchi di mercato beni durevoli Attività artigianali tipo botteghe: Parrucchiere, barbiere, estetista Attività artigianali tipo botteghe: falegname, idraulico, fabbro, elettricista Carrozzeria, autofficina, elettrauto Attività industriali con capannoni di produzione Attività artigianali di produzione beni specifici Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, mense, pub, birrerie Mense, birrerie, amburgherie 8,00,7, 9,,0 8, 6,06 9,9,0,90 0, 0,,80 8,0,90,00 9,9,0 8,00,69,,,0 8, /H 90,0,70 8 issili wssssiiq Bar, caffè, pasticceria,0,0 6, Supermercato, pane e pasta, macelleria, salumi e formaggi, generi alimentari Plurilicenze alimentari e/o miste Ortofrutta, pescherie, fiori e piante, pizza al taglio,70,77 8,9,70,77 8,9,0, 98,90 H il!jtfjvi>i Ipermercati di generi misti Banchi di mercato genere alimentari Discoteche, night-club,98 9,0 6,80, 9,0 6,80,98 7, 6,80 BRli

C O M U N E DI L I M B A D I (Provincia di Vibo Valentia) *************

C O M U N E DI L I M B A D I (Provincia di Vibo Valentia) ************* C O M U N E DI L I M B A D I (Provincia di Vibo Valentia) ************* COPIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO nell esercizio delle competenze e dei poteri del Consiglio comunale N. 4 del Reg.

Dettagli

Gestione Rifiuti - BILANCIO ANNO 2014 IN EURO (I.V.A. inclusa)

Gestione Rifiuti - BILANCIO ANNO 2014 IN EURO (I.V.A. inclusa) CO STI Gestione Rifiuti BILANCIO ANNO 2014 IN EURO (I.V.A. inclusa) PARTE FISSA PARTE VARIABILE 0% 100% TO TALE Costi vari (sia fissi che variabili) 0,00 0,00 0,0 CSL Costi di spazzam ento e lavaggio delle

Dettagli

COMUNE DI LONGARE. TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno 2013

COMUNE DI LONGARE. TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno 2013 COMUNE DI LONGARE TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno 2013 1.1 Utenze domestiche Il territorio comunale è stato diviso in 5 zone in funzione dei caratteri del servizio fornito, come descritto nella tabella che

Dettagli

COMUNE DI GARBAGNATE MONASTERO PROVINCIA DI LECCO SCHEDA TECNICA PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER L APPLICAZIONE DELLA TARI (TASSA SUI RIFIUTI) PER L ANNO 2015 [SCHEDA TECNICA] Pagina 1 1.PREMESSA

Dettagli

La tassa sui rifiuti (TARI)

La tassa sui rifiuti (TARI) COMUNE DI COMO La tassa sui rifiuti (TARI) Anno 2014 DISCIPLINA L articolo 1, comma 639, della legge n. 147/2013, ha istituito l imposta unica comunale (IUC) che, per la sua componente riferita ai servizi,

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE 49 07/07/2015

CONSIGLIO COMUNALE 49 07/07/2015 COPIA CITTA DI MELEGNANO Provincia di Milano CONSIGLIO COMUNALE 49 07/07/2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO ECONOMICO FINANZIARIO PER IL SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE E TARIFFE TARI PER L ESERCIZIO 2015.

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA 1 DATI ANAGRAFICI. Risposta a quesito 2. Nr. Abitanti 13.504 (al 31.12.2008)

SCHEDA INFORMATIVA 1 DATI ANAGRAFICI. Risposta a quesito 2. Nr. Abitanti 13.504 (al 31.12.2008) Risposta a quesito 2 SCHEDA INFORMATIVA 1 DATI ANAGRAFICI COMUNE di: LAURIA Nr. Abitanti 13.504 (al 31.12.2008) Indirizzo Via Roma,104 C.A.P. / Provincia 85044 - PZ Tel: 0973 627111 Fax: 0973 823793 E

Dettagli

Comune di Gallipoli. Provincia di Lecce. Piano GESTIONALE FINANZIARIO TARIFFA PER GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI T.A.R.E.S. 2013

Comune di Gallipoli. Provincia di Lecce. Piano GESTIONALE FINANZIARIO TARIFFA PER GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI T.A.R.E.S. 2013 Comune di Gallipoli Provincia di Lecce Piano GESTIONALE FINANZIARIO PER GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI T.A.R.E.S. 2013 ex art 24 Legge 22 dicembre 2011 n. 214 redatto ai sensi dell art. 8 del DPR 158/99 1

Dettagli

COMUNE DI PORTOSCUSO (Provincia di Carbonia Iglesias)

COMUNE DI PORTOSCUSO (Provincia di Carbonia Iglesias) Comune di Portoscuso Relazione al Piano Finanziario per I applicazione della TARI anno (Allegato n 2) COMUNE DI PORTOSCUSO (Provincia di Carbonia Iglesias) RELAZIONE ALLEGATA AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI BONITO PROVINCIA DI AVELLINO

COMUNE DI BONITO PROVINCIA DI AVELLINO Tel. e Fax 0825 828665 COMUNE DI BONITO PROVINCIA DI AVELLINO Relazione esplicativa circa la compilazione del PEF relativamente ai costi di gestione dei rifiuti solidi urbani e la determinazione delle

Dettagli

C O M U N E D I S A N P I E T R O A L N A T I S O N E P r o v i n c i a d i U d i n e SEDUTA DEL 01.08.2013 CONSIGLIERI P. A. P. A. TOTALE N.

C O M U N E D I S A N P I E T R O A L N A T I S O N E P r o v i n c i a d i U d i n e SEDUTA DEL 01.08.2013 CONSIGLIERI P. A. P. A. TOTALE N. C O P I A N. 2 0 del Reg.Delibere C O M U N E D I S A N P I E T R O A L N A T I S O N E P r o v i n c i a d i U d i n e V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L C O N S I G L I O C O M U N A L

Dettagli

PIANO FINANZIARIO E TARIFFE ANNO 2015

PIANO FINANZIARIO E TARIFFE ANNO 2015 Allegato 2 delibera CC-CP n. 7 del 18/05/ IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC COMPONENTE TARI PIANO FINANZIARIO E TARIFFE ANNO PREMESSA La Legge di Stabilità, n. 147 del 27.12.2013, ha istituito con decorrenza

Dettagli

COMUNE DI SAN GEMINI PROVINCIA DI TERNI COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI SAN GEMINI PROVINCIA DI TERNI COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI SAN GEMINI PROVINCIA DI TERNI COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 29 Data 29/07/2015 OGGETTO: Approvazione tariffe TARI. L anno 2015 il giorno 29 del mese di LUGLIO alle ore 17:30, nella

Dettagli

Comune di Oria. Provincia di Brindisi. Piano GESTIONALE FINANZIARIO TARIFFA PER GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI T.A.R.E.S. 2013

Comune di Oria. Provincia di Brindisi. Piano GESTIONALE FINANZIARIO TARIFFA PER GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI T.A.R.E.S. 2013 Comune di Oria Provincia di Brindisi Piano GESTIONALE FINANZIARIO TARIFFA PER GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI T.A.R.E.S. 2013 ex art 24 Legge 22 dicembre 2011 n. 214 redatto ai sensi dell art. 8 del DPR 158/99

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE 18/05/2013 N. 166

COPIA DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE 18/05/2013 N. 166 Comune di Avellino COPIA DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE 18/05/2013 N. 166 OGGETTO: TARES (TASSA RIFIUTI E SERVIZI) :APPROVAZIONE REGOLAMENTO, PIANO FINANZIARIO,TARIFFE. ANNO 2013. L anno duemilatredici

Dettagli

COMUNE DI SAUZE D OULX

COMUNE DI SAUZE D OULX COMUNE DI SAUZE D OULX RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA METODOLOGIA UTILIZZATA PER LA DEFINIZIONE DELLA TARES DI CUI ALL ART.14 DELLA LEGGE N.214/2011 e s.m.i. 1 PREMESSA L'articolo 14 della Legge n.214/11

Dettagli

COMUNE DI TORRE D'ARESE PROVINCIA DI PAVIA ----------------------

COMUNE DI TORRE D'ARESE PROVINCIA DI PAVIA ---------------------- COMUNE DI TORRE D'ARESE PROVINCIA DI PAVIA ---------------------- Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria Seduta pubblica di prima Convocazione NR. 23 DEL 29-07-2014 ORIGINALE

Dettagli

COMUNE DI LAURIANO Provincia di Torino

COMUNE DI LAURIANO Provincia di Torino COMUNE DI LAURIANO Provincia di Torino Via Mazzini, 22 10020 LAURIANO (TO) Tel. 011 9187801 Fax 011 9187482 P.IVA 01734040015 C.F. 82500430010 WWW.COMUNE.LAURIANO.TO.IT info@comune.lauriano.to.it mail

Dettagli

D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE

D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la D.C.C. n. 43 in data 06/10/1995 avente per oggetto:

Dettagli

Comune di Sindia Provincia di Nuoro

Comune di Sindia Provincia di Nuoro Comune di Sindia Provincia di Nuoro DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n 11 del 30.07.2015 Oggetto: Tributo sui rifiuti (TARI): approvazione tariffe per l anno 2015. Il giorno trenta del mese di luglio

Dettagli

Città di NARDO (Lecce)

Città di NARDO (Lecce) Città di NARDO (Lecce) PIANO GESTIONALE FINANZIARIO - TARIFFA ANNO 2011 RELAZIONE PIANO TARIFFA CICLO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI GESTORE BIANCO IGIENE AMBIENTALE S.r.l. Via Bernardini 73048 Nardò (Lecce)

Dettagli

GUIDA AL PAGAMENTO DELL ACCONTO TARI 2014 (TASSA SUI RIFIUTI) SCADENZA 16 SETTEMBRE 2014

GUIDA AL PAGAMENTO DELL ACCONTO TARI 2014 (TASSA SUI RIFIUTI) SCADENZA 16 SETTEMBRE 2014 GUIDA AL PAGAMENTO DELL ACCONTO TARI 2014 (TASSA SUI RIFIUTI) SCADENZA 16 SETTEMBRE 2014 L articolo 1 comma 640 e seguenti della legge n. 147/2013 - e successive modificazioni e integrazioni - ha istituito,

Dettagli

COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA COPIA DELIBERAZIONE N. 16 in data: 21.06.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA ORDINARIA DI PRIMA CONVOCAZIONE - SEDUTA PUBBLICA OGGETTO:

Dettagli

Elaborazione del Piano Tecnico Finanziario ai fini della determinazione della TARI (tassa comunale sui rifiuti) per l anno 2014. Comune di Piobbico

Elaborazione del Piano Tecnico Finanziario ai fini della determinazione della TARI (tassa comunale sui rifiuti) per l anno 2014. Comune di Piobbico Elaborazione del Piano Tecnico Finanziario ai fini della determinazione della TARI (tassa comunale sui rifiuti) per l anno 2014 Comune di Piobbico Legge 27 dicembre 2013 n. 147 e D.P.R. 158/99 Pesaro,

Dettagli

Città di NARDO (Lecce)

Città di NARDO (Lecce) Città di NARDO (Lecce) PIANO GESTIONALE FINANZIARIO - TARIFFA ANNO 2015 RELAZIONE PIANO TARIFFA CICLO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI GESTORE BIANCO IGIENE AMBIENTALE S.r.l. Via Bernardini 73048 Nardò (Lecce)

Dettagli

Elaborazione del Piano Tecnico Finanziario ai fini della determinazione della TARI (tributo comunale sui rifiuti) per l anno 2015

Elaborazione del Piano Tecnico Finanziario ai fini della determinazione della TARI (tributo comunale sui rifiuti) per l anno 2015 Elaborazione del Piano Tecnico Finanziario ai fini della determinazione della TARI (tributo comunale sui rifiuti) per l anno 2015 Comune di Pesaro Legge 27 dicembre 2013 n. 147 e D.P.R. 158/99 Pesaro,

Dettagli

OGGETTO: I.U.C. ANNO 2014: Aliquote Tributi Servizi Indivisibili TASI; Aliquote IMU TARIFFE TARI.

OGGETTO: I.U.C. ANNO 2014: Aliquote Tributi Servizi Indivisibili TASI; Aliquote IMU TARIFFE TARI. DELIBERA N. 11 DEL 20.05.2014 OGGETTO: I.U.C. ANNO 2014: Aliquote Tributi Servizi Indivisibili TASI; Aliquote IMU TARIFFE TARI. VISTA la legge 27 dicembre 2013 n. 147 (legge di stabilità 2014) che ha stabilito,

Dettagli

COMUNE DI VAIE PROVINCIA DI TO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E DEL CONSIGLIO COMUNALE N.17

COMUNE DI VAIE PROVINCIA DI TO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E DEL CONSIGLIO COMUNALE N.17 C o p i a A l b o COMUNE DI VAIE PROVINCIA DI TO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E DEL CONSIGLIO COMUNALE N.17 OGGETTO: Imposta Unica Comunale (IUC) anno 2014. Approvazione Piano Finanziario

Dettagli

COMUNE DI DEIVA MARINA PROVINCIA DELLA SPEZIA ---------ooooooooooooo---------

COMUNE DI DEIVA MARINA PROVINCIA DELLA SPEZIA ---------ooooooooooooo--------- COMUNE DI DEIVA MARINA PROVINCIA DELLA SPEZIA ---------ooooooooooooo--------- COPIA DELLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.25 DEL 28-03-14 Oggetto: TASSA SUI RIFIUTI (TARI) DETERMINAZIONE TARIFFE

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE N. 46 OGGETTO: Modifica tariffe Tares DEL 18-10-2013 SESSIONE Straordinaria SEDUTA Pubblica DI Prima CONVOCAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CASATISMA PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI CASATISMA PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI CASATISMA PROVINCIA DI PAVIA DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N. 6 OGGETTO DETERMINAZIONE TARIFFE PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO TARI ANNO 2015. L'anno duemilaquindici addi trenta del mese di

Dettagli

COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza

COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza Approvato con delibera di C.C. n. 18 del 7.07.2015 COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza PIANO FINANZIARIO RELATIVO ALLA GESTIONE DEI SERVIZI DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI

Dettagli

Dpr 27 aprile 1999, n. 158 (elaborazione del metodo normalizzato per la definizione della tariffa rifiuti - Testo vigente)

Dpr 27 aprile 1999, n. 158 (elaborazione del metodo normalizzato per la definizione della tariffa rifiuti - Testo vigente) Dpr 27 aprile 1999, n. 158 (elaborazione del metodo normalizzato per la definizione della tariffa rifiuti - Testo vigente) N.d.R.: testo aggiornato con le modifiche apportate da: - Legge 23 dicembre 1999,

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale COPIA Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: Tariffa Igiene Ambientale anno 2012. Delibera n 71 in data 29/05/2012 La presente viene pubblicata in data odierna all Albo Pretorio on line

Dettagli

Preambolo. Preambolo. Note:

Preambolo. Preambolo. Note: D.P.R. 27-04-1999, n. 158 [1] Regolamento recante norme per la elaborazione del metodo normalizzato per definire la tariffa del servizio di gestione del ciclo dei rifiuti urbani. (G.U. 04-06-1999, n. 129,

Dettagli

CITTA DI CAVALLINO PROVINCIA DI LECCE COPIA DELLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

CITTA DI CAVALLINO PROVINCIA DI LECCE COPIA DELLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE CITTA DI CAVALLINO PROVINCIA DI LECCE COPIA DELLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 14 Data 05/09/2014 SEDUTA: Pubblica Non Pubblica SESSIONE: Ordinaria Straordinaria Urgente CONVOCAZIONE: 1 2 OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI TORRE DE BUSI PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI TORRE DE BUSI PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI TORRE DE BUSI PROVINCIA DI LECCO Codice ente 10219 DELIBERAZIONE N.7 DATA 27-04-2015 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. 2015

Dettagli

originale COMUNE DI SUNI Provincia di Oristano DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n 17 del 02.09.2013

originale COMUNE DI SUNI Provincia di Oristano DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n 17 del 02.09.2013 originale COMUNE DI SUNI Provincia di Oristano DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n 17 del 02.09.2013 Oggetto: Approvazione tariffe. Tributo comunale sui rifiuti e servizi. TARES 2013. L'anno duemilatredici,

Dettagli

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO E ALLA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE TARES 2013

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO E ALLA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE TARES 2013 ALLEGATO N.4 ALLA DELIBERAZIONE DI C.C. N DEL 1 - Premessa RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO E ALLA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE TARES 2013 Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 41 del Reg. Data 30/09/2014 OGGETTO: IMPOSTA UNICA COMUNALE. TASSA SUI RIFIUTI. (TARI). APPROVAZIONE TARIFFE PER

Dettagli

Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi ANNO 2013

Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi ANNO 2013 Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi Art.14 del Decreto Legge 6 dicembre 2011, n. 201 (convertito con Legge 22 dicembre 2011, n. 214) ANNO 2013 1 PREMESSA Dal 1 gennaio 2013 la normativa statale

Dettagli

ALIQUOTE I.M.U. ANNO 2015

ALIQUOTE I.M.U. ANNO 2015 I.U.C.- IMPOSTA UNICA COMUNALE L imposta Unica Comunale, di seguito denominata IUC, istituita con legge n. 147 del 27.12.2013, si basa su due presupposti impositivi, uno costituito dal possesso di immobili

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ALIQUOTE E TARIFFE DELIBERATE IN MATERIA DI TASI - IMU - TARI PER L'ANNO 2014

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ALIQUOTE E TARIFFE DELIBERATE IN MATERIA DI TASI - IMU - TARI PER L'ANNO 2014 IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ALIQUOTE E TARIFFE DELIBERATE IN MATERIA DI TASI - IMU - TARI PER L'ANNO 2014 pagina 1 TASI (TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI) ALIQUOTE ANNO 2014 (Approvate con delibera di Consiglio

Dettagli

COMUNE DI ROSASCO Provincia di Pavia

COMUNE DI ROSASCO Provincia di Pavia COMUNE DI ROSASCO Provincia di Pavia PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2015 Allegato A alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 28/04/2015 PREMESSA Il

Dettagli

Deliberazione di Consiglio Comunale

Deliberazione di Consiglio Comunale Comune di CANNERO RIVIERA Provincia del V.C.O. Numero 32 Data 05/08/2013 Deliberazione di Consiglio Comunale Oggetto: APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E TARIFFE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI

Dettagli

Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi 2013

Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi 2013 Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi 2013 cosa c è da sapere come leggere l avviso di pagamento Via G. D Annunzio, 75 16121 Genova Via di Francia, 3 16149 Genova 2 tributo comunale sui rifiuti e

Dettagli

Comune di Binasco. Provincia di Milano Codice 10912. N. deliberazione Data 019 17/07/2014

Comune di Binasco. Provincia di Milano Codice 10912. N. deliberazione Data 019 17/07/2014 Comune di Binasco Provincia di Milano Codice 10912 CC N. deliberazione Data 019 17/07/2014 OGGETTO: IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) APPROVAZIONE ALIQUOTE E TARIFFE IMU / TASI / TARI PER L'ANNO 2014. DICHIARAZIONE

Dettagli

La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione della sotto riportata deliberazione. Il Consiglio Comunale

La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione della sotto riportata deliberazione. Il Consiglio Comunale Delib. n. 60-20.4.2015 OGGETTO: Servizio relativo alla raccolta e al trasporto dei rifiuti urbani. Tassa sui rifiuti (TARI). Tariffe per le utenze domestiche e per le utenze non domestiche per l anno 2015.

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE TARI 2015

OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE TARI 2015 Città metropolitana di Bologna COPIA n. 24 del 10.06.2015 OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE TARI 2015 Il giorno 10 giugno 2015 alle ore 20.45 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC COMPONENTE TARI

IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC COMPONENTE TARI COMUNE DI SAN STINO DI LIVENZA Provincia di Venezia IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC COMPONENTE TARI PIANO FINANZIARIO E TARIFFE ANNO 2014 PREMESSA La Legge di Stabilità 2014, n. 147 del 27.12.2013, ha istituito

Dettagli

Comune di Santa Maria La Fossa Provincia di Caserta

Comune di Santa Maria La Fossa Provincia di Caserta Comune di Santa Maria La Fossa Provincia di Caserta Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del INDICE Art. 1 - Oggetto del

Dettagli

Epigrafe. Premessa. 1. Metodo normalizzato. 2. Tariffa di riferimento. 3. Determinazione della tariffa. 4. Articolazione della tariffa.

Epigrafe. Premessa. 1. Metodo normalizzato. 2. Tariffa di riferimento. 3. Determinazione della tariffa. 4. Articolazione della tariffa. 1 di 24 13/02/2014 14:18 Leggi d'italia D.P.R. 27-4-1999 n. 158 Regolamento recante norme per la elaborazione del metodo normalizzato per definire la tariffa del servizio di gestione del ciclo dei rifiuti

Dettagli

COMUNE DI BARGE. PROVINCIA DI CUNEO Piazza Garibaldi n. 11 PIANO FINANZIARIO TARI 2014

COMUNE DI BARGE. PROVINCIA DI CUNEO Piazza Garibaldi n. 11 PIANO FINANZIARIO TARI 2014 COMUNE DI BARGE PROVINCIA DI CUNEO Piazza Garibaldi n. 11 PIANO FINANZIARIO TARI 2014 1 - Premessa Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario della componente TARI

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale

Deliberazione del Consiglio Comunale Comune di Bonorva - Provincia di Sassari Deliberazione del Consiglio Comunale Originale N. 15 del 23/03/2015 OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE T.A.R.I. ANNO 2015 DETERMINAZIONE RATE SCADENZA L anno duemilaquindici,

Dettagli

COMUNE DI ALBIANO. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 06 del Consiglio Comunale

COMUNE DI ALBIANO. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 06 del Consiglio Comunale COPIA COMUNE DI ALBIANO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 06 del Consiglio Comunale Oggetto: APPROVAZIONE TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PER L ANNO 2015. L anno duemilaquindici, il giorno

Dettagli

COMUNE DI TORCHIARA. Provincia di Salerno PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2014

COMUNE DI TORCHIARA. Provincia di Salerno PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2014 COMUNE DI TORCHIARA Provincia di Salerno PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2014 INDICE 1. Gestione ed organizzazione dei servizi 1.1 Premessa 1.2 Riferimenti normativi

Dettagli

COMUNE DI CERIGNOLA. Piano Finanziario Economico. PEF 2014 Comune di CERIGNOLA Pagina 1

COMUNE DI CERIGNOLA. Piano Finanziario Economico. PEF 2014 Comune di CERIGNOLA Pagina 1 COMUNE DI CERIGNOLA Piano Finanziario Economico 2014 PEF 2014 Comune di CERIGNOLA Pagina 1 1. L evoluzione normativa Dopo la problematica fase di passaggio dal sistema TARSU alla TARES avvenuta nel corso

Dettagli

COMUNE DI PIANICO PROVINCIA DI BERGAMO PIANO FINANZIARO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI (TARI)

COMUNE DI PIANICO PROVINCIA DI BERGAMO PIANO FINANZIARO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI (TARI) Allegato A COMUNE DI PIANICO PROVINCIA DI BERGAMO PIANO FINANZIARO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI (TARI) A. Premessa A partire dal 1 gennaio 2014 è istituita, nell ambito dell Imposta Unica Comunale

Dettagli

COMUNE DI CARSOLI. Provincia dell Aquila Piazza della Libertà, 1 Tel.: 0863908300 Fax: 0863995412 DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO

COMUNE DI CARSOLI. Provincia dell Aquila Piazza della Libertà, 1 Tel.: 0863908300 Fax: 0863995412 DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO COMUNE DI CARSOLI Provincia dell Aquila Piazza della Libertà, 1 Tel.: 0863908300 Fax: 0863995412 DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO (con i poteri del Consiglio Comunale) N. 7 del Reg. Data 28.04.2015

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 27 aprile 1999, n.158

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 27 aprile 1999, n.158 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 27 aprile 1999, n.158 Regolamento recante norme per la elaborazione del metodo normalizzato per definire la tariffa del servizio di gestione del ciclo dei rifiuti

Dettagli

COMUNE DI MASSA COPIA (582/2013) ATTO di CONSIGLIO del 14/10/2013 n. 52. Oggetto:

COMUNE DI MASSA COPIA (582/2013) ATTO di CONSIGLIO del 14/10/2013 n. 52. Oggetto: COMUNE DI MASSA COPIA (582/2013) ATTO di CONSIGLIO del 14/10/2013 n. 52 Oggetto: PIANO FINANZIARIO DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI E RELATIVA ARTICOLAZIONE TARIFFARIA PER L' ANNO 2013 -

Dettagli

COMUNE DI AVELLINO. COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Consiglieri assegnati n. 32 Consiglieri in carica n. 32

COMUNE DI AVELLINO. COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Consiglieri assegnati n. 32 Consiglieri in carica n. 32 COMUNE DI AVELLINO COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Consiglieri assegnati n. 32 Consiglieri in carica n. 32 ANNO 2014 DELIBERAZIONE N. 274 OGGETTO: Approvazione tariffe TARI e piano economico

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI BERBENNO DI VALTELLINA PROVINCIA DI SONDRIO ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 18 Reg. Delib. OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE E SCADENZE TARI (TRIBUTO SERVIZIO RIFIUTI) ANO 2014

Dettagli

TARI L'istituzione, gli aspetti gestionali e i sistemi informativi.

TARI L'istituzione, gli aspetti gestionali e i sistemi informativi. SEMINARIO IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) TARI L'istituzione, gli aspetti gestionali e i sistemi informativi. Giovedì 6 Marzo 2014 ore: 9:00-14:00 Sala Conferenze - Biblioteca Comunale P. Guidotti di Vergato

Dettagli

PRONTUARIO TARIFFE E ALIQUOTE IMPOSTE, TASSE E SERVIZI COMUNALI ANNO 2015 CODICE CATASTALE COMUNE - F 5 3 3

PRONTUARIO TARIFFE E ALIQUOTE IMPOSTE, TASSE E SERVIZI COMUNALI ANNO 2015 CODICE CATASTALE COMUNE - F 5 3 3 PRONTUARIO TARIFFE E ALIQUOTE IMPOSTE, TASSE E SERVIZI COMUNALI ANNO 2015 CODICE CATASTALE COMUNE - F 5 3 3 ADDIZIONALE COMUNALE ALL IRPEF FATTISPECIE ALIQUOTE ESENZIONE Reddito complessivo imponibile

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE 1) Musei, Biblioteche, Scuole, Associazioni, Luoghi di culto Musei e gallerie pubbliche e private Biblioteche Scuole pubbliche di ogni ordine e grado Scuole parificate

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Numero 25 Del 30-09-2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Numero 25 Del 30-09-2014 ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 25 Del 30-09-2014 Oggetto: APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO TARI 2014 L'anno duemilaquattordici il giorno trenta del mese di settembre alle

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti (fonte comune di Venezia 09.11.2012)

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti (fonte comune di Venezia 09.11.2012) Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti (fonte comune di Venezia 09.11.2012) Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto (classe 1

Dettagli

Provincia di Modena. Deliberazione della Giunta Comunale

Provincia di Modena. Deliberazione della Giunta Comunale COMUE DI SAVIGAO SUL PAARO Provincia di Modena Deliberazione della Giunta Comunale. 77 del 19/05/2014 OGGETTO: APPROVAZIOE DELLE TARIFFE RELATIVE ALLA IUC TARI TASSA SUI RIFIUTI PER L AO 2014. Pubblicata

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES COMUNE DI SERRENTI Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Approvato con delibera di C.C. n. 188 del 29/12/1995, modificato con deliberazioni di C.C. n. 6/2005, n.

Dettagli

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO E AL PIANO TARIFFARIO TARI 2014

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO E AL PIANO TARIFFARIO TARI 2014 RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO E AL PIANO TARIFFARIO TARI 2014 A - Premessa Nell anno 2013 è stato introdotto in tutti i Comuni italiani il tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES) di cui all

Dettagli

OGGETTO: TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI. ANNO 2014.

OGGETTO: TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI. ANNO 2014. OGGETTO: TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI. ANNO 2014. PREMESSO: Si richiamano: la deliberazione della Giunta Provinciale n. 2972/2005 avente per oggetto Servizio pubblico di gestione dei rifiuti,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI CASTELLETTO D ORBA (Provincia di Alessandria) COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 4 OGGETTO : APPROVAZIONE TARIFFE TASSA SUI RIFIUTI (TARI). L anno duemilaquindici, addì

Dettagli

COMUNE DI CUPRA MONTANA Provincia di Ancona CCD42016 COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N. 22 del Reg. Data 31-07-14

COMUNE DI CUPRA MONTANA Provincia di Ancona CCD42016 COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N. 22 del Reg. Data 31-07-14 COMUNE DI CUPRA MONTANA Provincia di Ancona CCD42016 COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 22 del Reg. Data 31-07-14 ---------------------------------------------------------------------- OGGETTO:APPROVAZIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Numero 15 del 25-06-2014

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Numero 15 del 25-06-2014 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 15 del 25-06-2014 COPIA Oggetto: Approvazione tariffe del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi per l'anno 2014 e termini per il pagamento. L'anno duemilaquattordici,

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI Classe 1 -Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali Associazioni o istituzioni

Dettagli

COMUNE DI MOTTA VISCONTI (Provincia di Milano)

COMUNE DI MOTTA VISCONTI (Provincia di Milano) COMUNE DI MOTTA VISCONTI (Provincia di Milano) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI TARES Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del 1

Dettagli

COMUNE DI MAGLIE Provincia di Lecce

COMUNE DI MAGLIE Provincia di Lecce COMUNE DI MAGLIE Provincia di Lecce PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI (PROVINCIA DI ROMA)

COMUNE DI TIVOLI (PROVINCIA DI ROMA) COMUNE DI TIVOLI (PROVINCIA DI ROMA) DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE N 11 OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara

COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Reg. delib. N. 42 Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza straordinaria Seduta di prima convocazione In data 11/06/2015 alle ore 19:00 Ai sensi

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 20-05-2014. Oggetto : APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E TARIFFE TARI 2014

Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 20-05-2014. Oggetto : APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E TARIFFE TARI 2014 COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 20-05-2014 in seduta di Prima convocazione Oggetto : APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E TARIFFE TARI 2014 Dato atto: che l anno duemilaquattordici il

Dettagli

COMUNE DI GRANA Provincia di Asti

COMUNE DI GRANA Provincia di Asti COMUNE DI GRANA Provincia di Asti DELIBERAZIONE N.32 COPIA ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE SEDUTA ORDINARIA OGGETTO : DETERMINAZIONE DELLA TARIFFE PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca

COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2014 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA DI IGIENE AMBIENTALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA DI IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA DI IGIENE AMBIENTALE TITOLO 1 ISTITUZIONE DELLA TARIFFA, SISTEMI DI CALCOLO E SOGGETTI RESPONSABILI DELLA TARIFFA Articolo 1-Istituzione della tariffa

Dettagli

COMUNE DI LONGOBARDI

COMUNE DI LONGOBARDI COMUNE DI LONGOBARDI 87030 (Cosenza) DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 19 del 29/9/2014 OGGETTO: Determinazioni Piano Finanziario e Tariffe Componente TARI (tassa rifiuti) anno 2014 L anno

Dettagli

ALLEGATO A) alla Deliberazione di Consiglio Comunale n. 55 del 20.05.2014. Relazione Tecnica

ALLEGATO A) alla Deliberazione di Consiglio Comunale n. 55 del 20.05.2014. Relazione Tecnica ALLEGATO A) alla Deliberazione di Consiglio Comunale n. 55 del 20.05.2014 Relazione Tecnica OGGETTO: Approvazione delle tariffe relative alla Tassa sui rifiuti (TARI) per l anno 2014. A conclusione del

Dettagli

COMUNE DI PRIOLO GARGALLO Provincia di Siracusa

COMUNE DI PRIOLO GARGALLO Provincia di Siracusa COMUNE DI PRIOLO GARGALLO Provincia di Siracusa PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 2013 Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del 1 IL PIANO FINANZIARIO L

Dettagli

COMUNE DI CORTE BRUGNATELLA

COMUNE DI CORTE BRUGNATELLA COMUNE DI CORTE BRUGNATELLA PROVINCIA DI PIACENZA Piazza S. Balletti 2 29020 Marsaglia (PC) Tel 0523/969011 Fax 0523/969012 - Ragioneria.cortebrugnatella@sintranet.it C.F. 80004220333 P.I. 00777240334

Dettagli

COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese)

COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) COPIA COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Delibera N. 51 del 28/05/2012 OGGETTO: EAME ED APPROVAZIONE DELLE TARIFFE PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER

Dettagli

ALLEGATO B Categorie di utenze non domestiche. Le utenze non domestiche sono suddivise nelle seguenti categorie:

ALLEGATO B Categorie di utenze non domestiche. Le utenze non domestiche sono suddivise nelle seguenti categorie: ALLEGATO B Categorie di utenze non domestiche Le utenze non domestiche sono suddivise nelle seguenti categorie: Categoria 1 Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO GESTIONE DEI RIFIUTI E TARIFFE TARI ( TRIBUTO SERVIZI RIFIUTI) anno 014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza

Dettagli

COMUNE DI TREVI NEL LAZIO Provincia di FROSINONE

COMUNE DI TREVI NEL LAZIO Provincia di FROSINONE COMUNE DI TREVI NEL LAZIO Provincia di FROSINONE PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti

Dettagli

COMUNE DI CAIRANO PROVINCIA DI AVELLINO

COMUNE DI CAIRANO PROVINCIA DI AVELLINO COMUNE DI CAIRANO PROVINCIA DI AVELLINO COPIA Deliberazione del consiglio comunale N. 12 Data 30/09/2014 Tassa sui rifiuti (TARI): Approvazione delle tariffe per l anno 2014. L'anno duemilaquattordici,

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO Provincia di Lecce

COMUNE DI RUFFANO Provincia di Lecce COMUNE DI RUFFANO Provincia di Lecce PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARES

PIANO FINANZIARIO TARES PIANO FINANZIARIO TARES Anno 2013 Comune di RODENGO SAIANO Provincia di Brescia Piano Finanziario Tares Pagina 1 di 28 Sommario Premessa... 3 Il/La Tares... 3 2. GLI OBIETTIVI DI FONDO... 5 Caratteristiche

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DEI PEPOLI

COMUNE DI CASTIGLIONE DEI PEPOLI COMUNE DI CASTIGLIONE DEI PEPOLI DELIBERAZIONE N. 23 C O P I A VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: Tassa Raccolta Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani (TARSU): determinazione tariffe anno

Dettagli

Piano Finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani

Piano Finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani Comune di Stezzano ECOSVILUPPO COOP. SOC. ONLUS (Provincia di Bergamo) Via Circonvallazione Ovest n. 50 24040 - Stezzano (BG) Piano Finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani Anno 2014 Indice

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VERGATO PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A. Cognome e Nome Carica Presente SINDACO DEGLI ESPOSTI GIULIANA

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VERGATO PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A. Cognome e Nome Carica Presente SINDACO DEGLI ESPOSTI GIULIANA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VERGATO PROVINCIA DI BOLOGNA Comunicata ai Capigruppo C O P I A il Nr. Prot. TASSA RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI. DETERMINAZIONE TARIFFE ANNO

Dettagli