Servizi indispensabili per le province. Indicatore di tempestività dei pagamenti. Nota informativa dei crediti/debiti delle Soc.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Servizi indispensabili per le province. Indicatore di tempestività dei pagamenti. Nota informativa dei crediti/debiti delle Soc."

Transcript

1 PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA CONTO CONSUNTIVO 2012 Quadro riassuntivo della gestione di competenza Quadro riassuntivo della gestione finanziaria Quadro riassuntivo della gestione di cassa Quadro generale riassuntivo dei risultati differenziali Tabella dei parametri di deficitarietà strutturale Indicatori finanziari ed economici generali Elenco delle Spese di rappresentanza Nota informativa dei crediti/debiti delle Soc. Partecipate Indicatore di tempestività dei pagamenti Servizi indispensabili per le province Prospetto patto di stabilità Prospetti SIOPE

2 QUADRO RIASSUNTIVO DELLA GESTIONE DI COMPETENZA RISCOSSIONI ( + ) ,69 PAGAMENTI ( - ) ,58 DIFFERENZA ,11 RESIDUI ATTIVI ( + ) ,22 RESIDUI PASSIVI ( - ) ,43 DIFFERENZA ,79 AVANZO (+) o DISAVANZO (-) al ,90 -Fondi vincolati RISULTATO -Fondi per finanziamento spese in conto capitale , ,06 DI -Fondi di ammortamento GESTIONE -Fondi non vincolati ,75

3 QUADRO RIASSUNTIVO DELLA GESTIONE FINANZIARIA G E S T I O N E Residui Competenza TOTALE Fondo di cassa al 1 gennaio ,22 RISCOSSIONI , , ,25 PAGAMENTI , , ,53 FONDO DI CASSA AL 31 DICEMBRE ,94 PAGAMENTI per azioni esecutive non regolarizzate al 31 Die. DIFFERENZA ,94 RESIDUI ATTIVI , , ,57 RESIDUI PASSIVI , , ,93 DIFFERENZA ,64 AVANZO (+) o DISAVANZO (-) ,58 RISULTATO DI AMMINISTR. -Fondi vincolati -Fondi per finanziamento spese in conto capitale -Fondi di ammortamento -Fondi non vincolati , , ,71 PRO' MESSINA,li Dr :-.. II Rappresentante legale ckponetti On. Aw. <f, Ajni C. /Ricevuto II respon servizio Aw. Antoni, bile del lanziario co '

4 QUADRO RIASSUNTIVO DELLA GESTIONE DI CASSA c o :; T o : TOTALE Residui Comoetenza ,22 RISCOSSIONI (colonne del rie : pilogo gen.dell1 Entrata) (» -) ,56; , , ,94 Fondo di cassa al 31 dicembre ,94! CONCORDANZA CON LA TESORERIA CENTRALE Fondo di cassa al 31 dicembre , ,94 fl ^Tesori avre

5 QUADRO GEHERALE RIASSUNTIVO ENTRATA al ENTRATE Prev. Iniziali Prev. Definitive % di Defìnizion L V 1i r n i LJ H L n - Accertamenti Riscossioni $ di Realizz.ne Res.da Compet. I\ l3 1 U Conservati Riscossioni \ì Realizz.ne j i Rimasti TITOLO I ENTRATE TRIBUTARIE , , ,12 73, , , ,85 9, ,09 TITOLO II ENTRATE DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRA= SPERIMENTI CORRENTI DELLO STATO, DELLA REGIONE E DI ALTRI ENTI PUBBLICI ANCHE IN RAPPORTO ALL'ESERCIZIO DI FUNZIONI DELEGATE DALLA REGIONE , ,21 104, , ,06 64, , , ,20 37, ,71 TITOLO III ENTRATE EXTRATRIBUTARIE , ,25 109, , ,55 77, , , ,29 16, ,89 TITOLO IV ENTRATE DERIVANTI DA ALIENAZIONI, DA TRASFERIMENTI DI CAPITALE E DA RISCOS= SIONE DI CREDITI , ,62 111, , ,43 13, , , ,15 35, ,64 TOTALE ENTRATE FINALI , ,08 104, , ,16 67, , , ,49 31, ,33 TITOLO V ENTRATE DERIVANTI DA ACCENSIONE DI PRE= STITI , ,07 13, ,59 TITOLO VI ENTRATE DA SERVIZI PER CONTO DI TERZI , , ,53 99, , , ,00 1, ,43 TOTALE , ,08 103, , ,69 70, , , ,56 25, ,35 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE , , FONDO DI CASSA AL l'gennaio ,22 TOTALE COMPLESSIVO ENTRATE , ,87 103, , ,69 70, , , ,56 25, ,35

6 QUADRO GENERALE RIASSUNTIVO SPESA al SPESE Prev. Iniziali Impegni Prev. Definitive Pagamenti % di Definizion % di Realizz.ne Res.da Compet. Conservati Sp. correi. Entr Pagamenti % di Realizz.ne Rimasti SPESE CORRENTI TITOLO I , ,63 101, , ,93 83, , , ,29 37, ,42 TITOLO II SPESE IN CONTO CAPITALE , ,94 108, , ,23 1, , , ,69 26, ,48 TOTALE SPESE FINALI , ,57 103, , ,16 74, , , ,98 29, ,90 TITOLO III SPESE PER RIMBORSO DI PRESTITI , , , , TITOLO IV SPESE PER SERVIZI PER CONTO DI TERZI , , ,12 99, , , ,97 1, ,60 TOTALE , ,87 103, , ,58 78, , , ,95 28, ,50 DISAVANZO DI AMMINISTRAZIONE TOTALE COMPLESSIVO SPESE , ,87 103, , ,58 78, , , ,95 28, ,50 *" ''-' \. ;- *

7 QUADRO GENERALE RIASSUNTIVO al RISULTATI DIFFERENZIALI ^ u 1 r u i E, in u n Prev. Iniziali Accer.o Impeg. Prev. Definitive Riscoss.o Pag. % di Definizion \i Realizz.ne Res.Att./Pass. 1\j O 1 LI j i Conservati Riscoss.o Pag. % di Realizz.ne Rimasti A) EQUILIBRIO ECONOMICO-FINANZIARIO Entrate Titoli I - II - III (+) , ,46 101, , ,73 71, , , ,34 29, ,69 Quote oneri di urbanizzazione (+) Avanzo di Amministrazione destinato a Spese correnti (+) , , Mutui per debiti fuori bilancio (+) Spese Correnti (-) , ,63 101, , ,93 83, , , ,29 37, ,42 Differenza , ,30 100, , ,80 23, , , ,05 12, ,27 Quote di capitale mutui in estinz.(-) , , , , Differenza , ,50 5, , , ,05 12, ,27 B) EQUILIBRIO FINALE Entrate Finali(Tit.I+II+III+IV) (+) , ,08 104, , ,16 67, , , ,49 31, ,33 Spese Finali (Tit.I+II) (-) , ,57 103, , ,16 74, , , ,98 29, ,90. Finanziare (-) , , , , ,49 25, ,57 Saldo Netto da --! 1 Impiegare (+) , ,00 32,696

8 ALLEGATO A CERTIFICAZIONE DEI PARAMETRI OBIETTIVI PER LE PROVINCE AI FINI DELL'ACCERTAMENTO DELLA CONDIZIONE DI ENTE STRUTTURALMENTE DEFICITARIO (di cui al decreto ministeriale del 24 settembre 2009 e successive circolari F.L. 4/10 del 3 marzo 2010, F.L. 9/10 del 7 maggio 2010 e F.L. 14/10 del 2 luglio 2010) CODICE ENTE PROVINCIA DI PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA Approvazione rendiconto dell'esercizio 2012 delibera n O del X No 1) Valore negativo del risultato contabile di gestione superiore in termini di valore assoluto al 2,5 per cento rispetto alle entrate correnti (a tali fini al risultato contabile si aggiunge Favanzo di amministrazione utilizzato per le spese di investimento); Codice Parametri da considerare per l'individuazione delle condizioni strutturalmente deficitarie (1) Usi x [NO 2) Volume dei residui passivi complessivi provenienti dal titolo I superiore al 50 per cento degli impegni della medesima spesa corrente (al netto del valore pari ai residui attivi da contributi e trasferimenti correnti dalla regione nonché da contributi e trasferimenti della regione per funzioni delegate); Usi [XjNo 3) Volume complessivo delle spese di personale a vario titolo rapportato al volume complessivo delle entrate correnti desumibili dai titoli I, II e III superiore al 38 per cento (al netto dei contributi regionali nonché di altri enti pubblici finalizzati a finanziare spese di personale); 4) Consistenza dei debiti di finanziamento non assistiti da contribuzioni superiore al 160 per cento per gli enti che presentano un risultato contabile di gestione positivo e superiore al 140 per cento per gli enti che presentano un risultato contabile di gestione negativo rispetto alle entrate correnti desumibili dai titoli I, II e HI (fermo restando il rispetto del limite di indebitamento di cui all'articolo 204 del tuoel); 5) Consistenza dei debiti fuori bilancio formatisi nel corso dell'esercizio superiore airi per cento rispetto ai valori di accertamento delle entrate correnti (r indice si considera negativo ove tale soglia venga superata in tutti gli ultimi tre anni); 6) Eventuale esistenza al 31 dicembre di anticipazioni di tesoreria non rimborsate superiori al 5 per cento rispetto alle entrate correnti; 7) Esistenza di procedimenti di esecuzione forzata superiore allo 0,5 per cento delle spese correnti; 8) Ripiano squilibri in sede di provvedimento di salvaguardia di cui airart.193 del tuoel riferito allo stesso esercizio con misure di alienazione di beni patrimoniali e/o avanzo di amministrazione superiore al 5% dei valori della spesa corrente LXJSÌ Usi Usi Usi Usi LXJSi UNO ix [NO X No X No LXjNo UNO (1 ) Indicare SI se il valore del parametro supera la soglia e NO se si rientra nella soglia Gli enti che presentano almeno la metà dei parametri deficitari ( la voce "SI" identifica il parametro deficitario ) si trovano in condizione di deficitarietà strutturale, secondo quanto previsto dell'articolo 242 del tuoel

9 Si attesta che i parametri suindicati sono stati determinati in base alle risultanze amministrativo-contabili dell'ente e determinano la condizione di ente: DEFICITARIO SI LUI codice MESSINA IL RESPOjfSABILE DEL SERVIZIO/FINANZIARIO LUOGO!,- DATA ORGANO DI REVISIONE ECONOMICO-FINANZIARIA(*) Dr. Francesco Cannavo' Dr. Gabriella Lo Presti Dr. Diego (*) E' prevista la sottoscrizione di tutti e tre i componenti del Collegio dei Revisori o di almeno due componenti, semprechè il regolamento di contabilità non preveda comunque la presenza di tutti i componenti per il funzionamento.

10 PROVINCIA DI MESSINA INDICATORI FINANZIARI ED ECONOMICI GENERALI (PROVINCE) Autonomia finanziaria Autonomia impositiva Pressione finanziaria Pressione tributaria Intervento erariale Intervento regionale Incidenza residui attivi Incidenza residui passivi Indebitamento locale prò capite Velocita" riscossione entrate proprie Rigidità" spesa corrente Velocita" gestione spese correnti Redditività" del patrimonio Patrimonio prò capite Patrimonio prò capite Patrimonio prò capite Rapporto dipendenti / popolazione Titolo 1 + Titolo III inn Titolo I + II + III Tit0l ' - x100 Titolo I + II + NI Titolo I + Titolo III Popolazione Titolo I Popolazione Trasferimenti statali Popolazione Trasferimenti regionali Popolazione Totale residui attivi _ 10- Totale accertamenti di competenza x Totale residui passivi _ 10_ Totale impegni di competenza Residui debiti mutui Popolazione Riscossione Titolo I + III inn Accertamenti Titolo I + III Spese personale + Quote ammor.nto mutui lnn Totale entrate Tit. I Pagamenti Tit. I competenza,- Impegni Tit. I competenza Entrate patrimoniali _ x 1 00 Valore patrimoniale disponibile Valori beni patrimoniali indisponibili Popolazione Valori beni patrimoniali disponibili Popolazione Valori beni demaniali Popolazione Dipendenti Popolazione x luu ,758 48,280 68,45 58,23 44,00 8,15 119, , ,66 85,782 55,202 77,981 0, ,55 35,41 22,22 0, ,713 61,894 79,10 72,30 33,82 3,86 144, , ,06 86,747 57,218 83,216 0, ,44 44,70 22,25 0, ,251 70,479 88,73 85,37 19,15 13,15 122, , ,20 73,616 54,986 83,373 2, ,15 40,28 22,36 0, Pagina 1 di 1

11 PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA CONTO CONSUNTIVO 2012 ELENCO DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Sostenute dagli Organi di Governo dell'ente nell'anno 2012 (art.16, comma 26, D.L. 13 agosto 2011 n 138)

12 Esercizio 2012 Capitolo 173 Descrizione Acqua e bicchieri Spese per finalità istituzionali del Consiglio, Presidenza del Consiglio, Vice-presidenza Consiglio, Gruppi Consiliari Occasione/Evento Lavori del Consiglio Provinciale Lavori del Consiglio Provinciale Lavori del Consiglio Provinciale Importo 273,34 357,68 282,31 C o-organi zzazi one eventi Manifestazioni a carattere natalizio V Settimana della Cultura Emozioni in... Musica Concerto di musica strumentale e vocale Torneo di Tennis Convegno "Lo sport attraverso il turismo" Fornitura beni Elezioni Amministrative Elezioni Amministrative Acquisti vari 22, ,66 Necrologi Branca ,37

13 Esercizio 2012 Capitolo 1972 Descrizione Fornitura beni Acquisto di beni per interventi diversi relativi alle attività istituzionali di rappresentanza Occasione/Evento Rinnovo R.S.U. anno 2012 Coppe e trofei per eventi vari Funzionamento Gabinetto Presidenza Importo , ,59 Fornitura piante Progetto "La mia aula verde" (Ist. Compr. St. G. Marconi) 1.000,60 Stampa pubblicitaria Manifestazione teatrale "La Casa degli Inutili" (Ass. Naz. Genitori Soggetti Autistici) 500,60 Fornitura servizi Noleggio Sala Savio per inaugurazione celebrazioni S. Antonio 424,10 Servizi catering Convegno Nazionale Tecnici Enti Locali Festa del Patrono S. Agata Militello 1.000,60 500,60 Pedaggi "Caronte Tourist" - Auto di rappresentanza 61, ,49

14 Esercizio 2012 Capitolo 2709 Descrizione Servizi Catering Prestazione di servizi per interventi diversi inerenti alle attività istituzionali di rappresentanza Occasione/Evento Convegno "Laboratori della Cittadinanza Partecipata" Incontro Liceo Artistico Basile "II Liceo Artistico della città" Convegno "Paesi e territori a rischio..." Visite istituzionali Incontro "Progetto Giovani e Volontariato" Incontro Comitato "Taormina Arte" Importo , ,53 115,54 80,53 60,53 Necrologi Caporal Maggiore Capo Scelto Francesco Curro (Afghanistan) Fornitura beni/servizi "Settimana Arte, Cultura, Turismo..." "Notte della Cultura" Funzionamento Gabinetto Presidenza Coppe e trofei per eventi vari 500,53 20,53 855,31 605,53 Stampa pubblicitaria T Ediz. "European Cross Country Ch. 2012" 599,48 Corona di fiori Caporal Maggiore Capo Scelto Francesco Curro (caduto in Afghanistan) 30 Pedaggi "Caronte Tourist" - Auto di rappresentanza 23, ,17

15 Esercizio Capitolo 2710 Descrizione Forniture beni/servizi Corone di alloro Stampa pubblicitaria Necrologi Catering Pedaggi Prestazione di servizi per Congressi, Convegni di interesse nazionale o internazionale, Onoranze e Ricevimenti Occasione/Evento Funzionamento Gabinetto Presidenza Settimana Cultura - Addobbo Salone Specchi Corona di fiori celebrazione Patrona Coppe e targhe - scorta Fiori campione italiano allievi Tiro con TArco - A. Ruggeri Servizio fotografico torneo rappresentative calcio Province italiane (Barcelona-Spagna) 25 Aprile - Anniversario Liberazione Commemorazione Defunti 4 Novembre - Monumento Messina 4 Novembre - Monumento Grotte (Messina) Inviti incontro Liceo Basile: "II Liceo Artistico della Città" Convegno "II ruolo della Società Civile nei nuovi modelli di Governance" Vincenzo Spoto - Daniela Zappala Danzino Santa Cannavo Garofalo Cesare Fulci Salvatore Latella Aldino Sardo Infirri Gaetana Lembo Carbonaro Angelino De Salvo Brindisi di fine anno con la Stampa "Progetto Legalità", dolci per scolaresche "Stati Generali della Cultura" Seminario "II supporto a scuola fornito al ragazzo sordo..." Pranzi di lavoro Console Generale russo Caronte - Auto rappresentanza Importo 548,72 300,60 200,60 600, ,60 350, ,60 300,60 110, , ,60 173, ,00 16,60 330, , ,82

16 Esercizio 2012 Capitolo 2730 Descrizione Co-organizzazione eventi Prestazioni di servizi per interventi diversi relativi a fìni istituzionali dell'ente Occasione/Evento Cerimonia S. Eustochia, Patrona secondaria della città di Messina Posa Monumento ai Marinai russi Apertura spazi espositivi Fiera Campionaria di Messina Importo , ,00

17 Esercizio 2012 Capitolo 2732 Descrizione Fornitura beni e servizi eventi vari Fornitura servizi Iniziative promozionali del territorio Occasione/Evento - Noleggio strutture per Cerimonia accensione lampada votiva ricorrenza S. Eustochia, Patrona secondaria della città di Messina - Fornitura legnami per allestimento mostre (Duomo Milazzo e Monte di Pietà Messina) - Coroncine di alloro premiazione studenti con 100 e lode A.S. 2011/12 - Materiale pubblicitario per "Marefestival Salina" - Degustazione manifestazione "Bauso Wine" in Villafranca Tirrena - Utilizzo spazi espositivi Fiera Campionaria di Messina - Fornitura coppe "Trofeo annuale Atletica Leggera" - Sostegno rimborso spese Atleta Miraglia per partecipazione campionati mondiali in U.S.A. - Noleggio impianto luci per "Salina Festival 2012" - Materiale tipografico "2 Torneo Città di Lipari" Conferimento onorificenza in Mosca al Presidente (spese viaggio) Importo ,98 /:> ,98 / IL SEGREfAR IL DIRIGENTE per i Servizi Finanziari L'ORGANO fol REVISIONE A

18 PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA 8 UD AREA METROPOLITANA PIANIFICAZIONE STRATEGICA E TURISMO Unità Operativa - PROGRAMMAZIONE NEGOZIATA E PARTECIPAZIONI AZIONARIE Prospetto redatto sulla nota informativa ai sensi dell'arto, comma 4, del Decreto Legge 95/2012 convcrtito dalla Legge 135/2012 SOCIETÀ' AIO ME 1 S.p.A in liquidazione AIO ME 2 S.p.A in liquidazione i dati sono relativi all'ultimo bilancio presentato anno 2009 AIO ME 3 S.p.A. In liquidazione! DEBITI PROVINCIA i CREDITI DEBITI! i PROVINCIA PARTECIPATA \0, li credito viene ' calcolato come quota! parte degli utili. Relativi al bilancio : La società non ha comunicato l'ammontare deile spese di gestione L'utile viene utilizzato per l'abbattimento delle perdite pregresse e per ii fondo di i riserva 7.299,54(quota parte Vedi nota allegata : delle perdite d'esercizio per l'anno i 2009). La società non ha comunicato l'ammontare delle spese di gestione ,02 Quota parte per spese di gestione anno 2012 AIO ME 4 S.p.A. In! ,60 ( Quota liquidazione! parte per spese di ; gestione anno 2012) ATOME 5 s.r.l. In Hquidazione MULJISERVIZI srl i ; dati sono relativi al ' bilancio 2010 \n è stato comunicato l'ammontare delle spese di gestione Non è stato specificato l'ammontare della Tia Provinciale Non è stato specificato l'ammontare della Tia Provinciale 6.484,50 I! credito viene calcolato come quota parte degli utili, che l'assemblea dei soci : ha stabilito di destinare al fondo di riserva 98,62 II credito viene calcolato come ciuota CREDITI PARTECIPATA

19 PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA 8 UD AREA METROPOLITANA PIANIFICAZIONE STRATEGICA E TURISMO Unità Operativa - PROGRAMMAZIONE NEGOZIATA E PARTECIPAZIONI AZIONARIE Prospetto redatto sulla nota informativa ai sensi convcrtito dalla Legge 135/2012 dell'art.6, comma 4, del Decreto Legge 95/ PROGETA S.p.A. isogepats.r.l. Bilancio 2011 CENTRO MERCANTILE {Bilancio 2011 i FELUCA S.p.A in liquidazione Bilancio 2011 SOGAS S.p.A. Bilancio 2011 SVILUPPO TAORMINA ETNA : ; parte dei Non si hanno dati su ; questa società I 64,19 ; j Quota parte della! perdita d'esercizio, che viene portata a nuovo ; 2.956,1. 87 ; ; L'assemb ea stabilisce ] di destini re l'utile a riserva le gale fino a ; un quinte del capitale i i e destinai e la rstante parte a rii erva di utili : i Quota ; parte della perdita d'esercizio, che viene \a a nuovo ; Quota parte delle i utili i j ' j ; Decreto ingiuntivo n. 118,63/ /12 per la li cr ;dito viene! somma di calcolato come quota ,42 oltre parte deg i utili interessi e spese liquidate in i oltre C:A al: 4% ed IVA al 21%; emesso dal Tribunale : di Reggio Calabria. Infatti il verbale di 1 Assemblea ordinaria e straordinaria delia Società SOGAS del , con il ' quale il Presidente ideila Provincia ; Regionale di Messina si impegna al versamento della ' i somma dovuta di. 389,697,42 per ia ricapitalizzazione! della società relativa j all'esercizio 2010 \ " "" " \ " : draswt1* \\

20 PROVINCIA REGK 8 UD AREA METROPOLITANA PIANI Unità Operativa - PROGRAMMAZIONE NF NALE DI MESSINA ICAZIONE STRATEGICA E TURISMO ÌOZIATA E PARTECIPAZIONI AZIONARIE Prospetto redatto sulla nota informativa ai sensi e convcrtito dalla Legge 135/2012 ll'art.6, comma 4, del Decreto Legge 95/2012 i srl Bilancio 2011 i INNOVABIC S.p.A. i Bilancio 2011 i NETTUNO S.p.A. \n liquidazione- i i dati sono relativi al! bilancio 2010 Consorzio Ceramiche S. Stefano Consorzio Ripopolamento i Ittico i Centro Siciliano i per le Ricerche! Atmosferiche i AREM i Bilancio Bilancio 2010 GAL VALLE ì dell'alcantara! perdite d'esercizio 753,948 di destinar ripiano de del 2010! (anno 2007); 4.859,! 2 J 49.! 52 (anno 2008); :! (anno 2009); ; 23.ì77(anno20lO); i (anno 2011) per perdite d'esercizio ] e aumento di capitale } sociale ì 5.165,00 (Quota i associativa 2012) j 5.95 (quota i associativa anno \) 5.95 i (quota associativa S2012) 3.714,00 (quota :2010); ! (quota 2011); 3.714, i 00 (quota 2012) ; GAL Castell' 3.00 (quota Umberto NEBRODI i 2011)! Stazione Sperimentale ' Granicoltura SUPS Ente Autonomo Fiera i 2.814,69 (quota ; 2010)62.814,69 j (quota 2011) j 2.814,69 (quota 2012) I 7.55 (quota 12011); 7.55 j (quota 2012) j ,69 (quota 2012) U stabilisce l'utile a a perdita e anno

21 PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA 8 UD AREA METROPOLITANA PIANIFICAZIONE STRATEGICA E TURISMO Unità Operativa - PROGRAMMAZIONE NEGOZIATA E PARTECIPAZIONI AZIONARIE Prospetto redatto sulla nota informativa ai sensi d^h'art.6, comma 4, del Decreto Legge 95/2012 convcrtito dalla Legge 135/2012 i dati relativi al! bilancio 2008! WORLD TRADE icenters 5.00 (quota 12009)65.00! (quota 20! 0) I 5.00 (quota 2011) I 5.00 (quota 12012)! STRADE E ROTTE! 3.00 (quota DEL VINO J2011) Consorzio A.S.I. Dati fino al 2011 Consorzio Ricerca '" Filiera Carni Consorzio Tutela Limone INTERDONATO : Consorzio Quarit in liquidazione 'Associazione! Nazionale PATTI \I (ANPACA) I Associazione i Unesco Province , i 3 (arretrati! anni i 0) Ì ,88 (quota ;2011) i ,88 (quota anno 2012), 7.747,00 (quota 2011);.4.50 anno 2007(protocollo d'intesa firmato dal Presidente Leonardi per Simposio su Suino nero e mai pagati dal I dip. Agricoltura) 932,40 (residuo {anno 2007) ; (quota 2009); ! (quota 2011); 6.00 (quota 2012) ; 5.00 (quota i anno 2009) 5.00 (quota anno 2010)! 5.00 (quota anno 2011) (quota anno 2012) , ,92.j i Vigilanza Venataria srl F 2.428,88 Tale I credito è derivato

22 PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA 8 UD AREA METROPOLITANA PIANIFICAZIONE STRATEGICA E TURISMO Unità Operativa - PROGRAMMAZIONE NEC OZIATA E PARTECIPAZIONI AZIONARIE Prospetto redatto sulla nota informativa ai sensi dell'arto, comma 4, del Decreto Legge 95/2012 convertito dalla Legge 135/2012 Bilancio 2011 UNIONE : REGIONALE PROVINCE SICILIANE GALNEBRODI! Consorzio FEDERICO II Bilancio 2011 i Istituto Nazionale! di Architettura i Teda Lega Autonomie Locali Associazione i Internazionale Congressi della strada Coordinamento ] Enti Nazionali per la Pace A.I.C.C.R.E. e Federazione Siciliana AICCRE Società Consortile Taormina Etna Bilancio 2011 UNCEM Arco Latino! INTERCENTER dagli utili d'esercizio relativi la Bilancio L'assemblea ha così stabilito di destinare l'intera cifra: una parte alla riserva legale e la rimanente parte alle riserve straordinarie quota Provincia per perdite d'esercizio; contributo consortile , (quota 2011) (quota 20i 2) 3.098,74 (quota 2012)

23 PROVINCIA RE DONALE DI MESSINA INDICATORE DI TEM ESTIVITA' DEI PAGAMENTI La L. 69/2009, all'art. 23, comma 5, prevede eh! al fine di aumentare la trasparenza dei rapporti tra le amministrazioni pubbliche e gli utenti, a decorrere d 11 gennaio 2009 ogni amministrazione pubblica determina e pubblica, con cadenza annuale, sul proprio sito nternet un indicatore dei propri tempi medi di pagamento relativi ad acquisti di beni, servizi e forniture, denomi ato "indicatore di tempestività dei pagamenti". no 2012 Indicatore 1 (data fattura / data emissione mandato) = giorni 110,57 Tempo medio di pagamento determinato tra la d ta della fattura e la data di emissione del mandato o di avvenuto pagamento Indicatore 2 (data registraz. interna fattura /data emissione mandato) = giorni 24,05 Tempo medio di pagamento determinato tra la data di registrazione interna della fattura e la data di emissione del mandato o di avvenuto pagamento Indicatore 5 (data scadenza fattura / data emis sione mandato) = giorni Tempo medio di pagamento tardivo determinato t a la data di scadenza della fattura e la data di emissione del mandato o di avvenuto pagamento Indicatore 6 (data atto liquidazione / data emissione mandato) = giorni 16,20 Tempo medio di pagamento determinato tra la ala dell'atto di liquidazione e la data di emissione del mandato o di avvenuto pagamento Indicatore 7 (data atto impegno / data emissio le mandato) = giorni 889,00 Tempo medio di pagamento determinato tra la da a dell'atto di impegno la data di emissione del mandato o di avvenuto pagamento

24 PROVINCIA DI MESSINA SERVIZI INDISPENSABILI per province SERVIZIO PARAMETRO DI ANNO ANNO ANNO PARAMETRO DI EFFICACIA EFFICIENZA 1. Servizi connessi agli organi numero addetti costo totale istituzionali popolazione popolazione 2. Amministrazione generale numero addetti costo totale popolazione popolazione 3. Servizi connessi ali'ufficio domande evase costo totale :ecnico provinciale domande presentate popolazione 4. Servizi connessi all'istruzione numero aule 0, , ,04834 costo totale :ecnica e scientifica studenti frequentanti nr. studenti frequentanti 5. Servizi connessi al costo totale provveditorato agli studi popolazione 6. Servizi di tutela ambientale numero addetti 0, , ,03606 costo totale superficie ente superficie ente 7. Servizi di assistenza all'infanzia abbandonata, ai domande soddisfatte 1, , ,07143 costo totale ciechi ed ai sordomuti domande presentate totale assistiti 8. Servizi di viabilità' provinciale numero addetti 0, , ,10629 costo totale km strade km strade 9. Servizi connessi agli interve -costo totale nell'agricoltura popolazione ANNO 2010 ANNO 2011 ANNO ,99 9,74 9,54 41,62 33,10 15,69 2,82 2,75 2,74 244,19 176,30 191,71 0,43 0,44 0, , , , ,44 341, , , , ,70-676* Pagina 1 di 1

25 del Patto Tipologia Ente: Provincia Ente: MESSINA Esercizio: 2012 Periodicità: Semestrale Periodo: II Semestre Modello: Monitoraggio Semestrale - Province Data Operazione: 31/01/201317:05 Stato corrente del modello: Acquisito del2 Doti Antonino Calabrò

26 Monitoraggio del Fattoi di Stabilità Interno Homepage Sei in Gestione Modello / Utente: MARIA GRAZIA NULLI Ruolo Utente Disconnetti Interrogazione/Cancellazione Modello Finale MONIT/12 PATTO DI STABILITA1 INTERNO 2012 (Legge n. 183/2011, Decreti-legge n. 16/2012, n. 74/2012 en 95/2012) PROVINCE MONITORAGGIO SEMESTRALE DELLE RISULTANZE DEL PATTO PER L'ANNO 2012 Provincia d MESSINA SALDO FINANZIARIO in termini di competenza mista (migliaia di euro, ENTRATE FINALI a tutto il II Semestre El E2 E3 TOTALE TITOLO 1 TOTALE TITOLO 2 TOTALE TITOLO 3 Accertamenti Accertamenti * » * a Entrate correnti provenienti dallo Stato desti ate all'attuazione delle detrarre: -A ordinanze emanate dal Presidente del Consiglio dei Ministri a seguito di dichiarazione dello stato di emergenza (art. 1il, comma 7, legge n. Accertamenti ~ ~"~ "o 183/2011) -(rif. par. B.l.l) Entrate correnti provenienti dallo Stato a set uito di dichiarazione di grande evento (art. 31, comma 9, legge n. ] 83/2011) -(rif. par. B.1.2) Accertamenti, _..._ Entrate correnti provenienti direttamente o indirettamente dall'unione Europea (art. 31, comma 10, legge n. 183/2011) - (rif. par. B.1.3) Accertamenti _. Entrate provenienti dall'istat connesse alla progettazione ed esecuzione 57 dei censimenti di cui all'articolo 31, comma 2, legge n. 183/2011 (rif. Accertamenti 0 par. B.1.5) Contributo a favore dei Comuni che partecipano al Patto di stabilità E8 interno "orizzontale nazionale" da destinare alla riduzione del debito (art. Accertamenti 0 4-ter del decreto-legge 2 marzo 2012, n. 16) - (rif. par. B.1.9) E9 Contributo a favore delle Province di cui ali a decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, da desunare alla riduzione del debito Accertamenti 575 Erogazioni destinate ai comuni non ridotte ai sensi delll'art. 16, comma 6- E10 bis del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, da destinare alla estinzione Accertamenti. - anticipata del debito Eli 2012, n. 74, trasferite dalle Regioni Lombarelia, Veneto ed Emilia Accertamenti 0k \ì Entrate correnti, di cui all'art. 2, comma 6 dt;l decreto-legge 6 giugno Romagna e destinate agli interventi di ricostruzione delle aree colpite dal uei L v»r- u/w-^, Dott Antohinb Calabro

27 sisma del maggio 2012, di cui al decreto comma 6, terzo periodo del decreto-legge 6 gì J<)no 2012, n. 74) a sommare: Fondo pluriennale di parte corrente (previsioni cefìnitive di entrata) (1) - (rif. par. B.2.2) a detrarre: SO Fondo pluriennale di parte corrente (previsioni cefinitive di spesa) ECorr N Totale entrate correnti nette (E1+E2+E3-E4 E5-E6-E7-E8-E9-E10- E11+E12-SO) Accertamenti Impegni Accertamenti 0 _ E13 a detrarre: TOTALE TITOLO 4 Entrate derivanti dalla riscossione di crediti (art E14 183/2011).31, comma 3, legge n. Riscossioni (2) Riscossioni (2) ~ "12J38 Entrate in conto capitale provenienti dallo State destinate all'attuazione delle ordinanze emanate dal Presidente del Cor siglio dei Ministri a seguito E15 di dichiarazione dello stato di emergenza (art. : 1, comma 7, legge n. Riscossioni (2) /2011)- (rif. par. B.l.l) Entrate in conto capitale provenienti dallo State a seguito di dichiarazione E16 di grande evento (art. 31, comma 9, legge n. ] 33/2011)- (rif. par. B.l. 2) Riscossioni (2) - - Entrate in conto capitale provenienti direttame te o indirettamente E17 dall'unione Europea (art. 31, comma 10, leggen. 183/2011)- (rif. par. Riscossioni (2) """o" B.l. 3) Entrate in conto capitale provenienti dallo State a favore del comune dì Parma per la realizzazione degli interventi di cu i al comma 1 dell'articolo 1 E 18 del decreto-legge, n. 113/2004 e per la realizzazione della Scuola per Riscossioni (2) o l'europa di Parma di cui alla legge n. 115/2009 (art. 31, comma 14, legge n. 183/2011) -(rif. par. B.1.7) Entrate in conto capitale di cui all'art. 2, comm a 6,del decreto-legge 6 giugno 2012, n. 74, trasferite dalle Regioni Lor nbardia, Veneto ed Emilia E 19 Romagna e destinate agli interventi di ricostru: ione delle aree colpite dal Riscossioni (2) 0 sisma del maggio 2012, di cui al decretc -legge n. 74/2012 (art. 2, comma 6, terzo periodo del decreto-legge 6 gi jgno 2012, n. 74) ECapN Totale entrate in conto capitale nette (E: 3-E14-E1S-E16-E17- E18-E19) Riscossioni (2) EFN ENTRATE FIN; LI NETTE (ECorr N+ E :apn) MONIT/12 SI TOTALE TITOLO 1 SPESE FINALI Impegni a tutto il II Semestre» a detrarre: S2 Spese correnti sostenute per l'attuazione delle ordinanze emanate dal Presidente del Consiglio dei ministri a seguito e li dichiarazione dello stato Impegni "437 di emergenza (art. 31, comma 7, legge n. 18: i 2011) -(rif. par. B.l.l) Spese correnti sostenute a seguito di dichiara? one di grande evento (art. 31, comma 9, legge n. 183/2011) - (rif. par. lì 1.2) Spese correnti relative all'utilizzo di entrate cc rrenti provenienti Impegni 54 direttamente o indirettamente dall'unione Eu e pea (art. 31, comma 10, lancia n ICn/Tm-M fr'tf r\^r O 1 T\e n. 74/2012 (art. 2, Impegni Jffio '! *fòu '

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE IL DIRETTORE CENTRALE Visto l articolo 47 comma 1, del decreto legge 24 aprile 2014, n.

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

ENTE: APOF-IL PROVINCIA: POTENZA ALTRI ALLEGATI

ENTE: APOF-IL PROVINCIA: POTENZA ALTRI ALLEGATI ALTRI ALLEGATI Anno 2014 Procedura realizzata da Publisys S.p.A. C.da Santa Loja - Tito (PZ) Pagina 2 di 15 CAPACITA' DI INDEBITAMENTO Anno 2014 Procedura realizzata da Publisys S.p.A. C.da Santa Loja

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

COMUNE DI FORIO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI CONTABILITA

COMUNE DI FORIO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI CONTABILITA COMUNE DI FORIO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI CONTABILITA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.82 del 03.04.2013 INDICE CAPO I: FINALITÀ E CONTENUTI Art. 1 Finalità e contenuti del Regolamento

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 398 DEL 17/05/2011 PROPOSTA N. 93 Centro di Responsabilità: Servizio Economato,patrimonio,servizi Informatici, Ambiente Servizio: Patrimonio

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

Relazione del collegio

Relazione del collegio Relazione del collegio revisori i dei conti RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI SUL RENDICONTO DELL'ESERCIZIO 2013 DEL PARTITO "IL POPOLO DELLA L1BERTA'" Il Collegio dei revisori composto dai

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 Comune di Villafranca Padovana Provincia di Padova RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 a cura della Giunta Comunale art. 151, comma 6 e art. 231 D.Lgs.267/2000 Pag. 1 1. IL CONTESTO PREMESSA Il

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli