REGOLAMENTO ASSOCIATIVO. (approvato dal Consiglio Generale il 23 novembre 2007; modificato dal Consiglio Generale l 11 dicembre 2012)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO ASSOCIATIVO. (approvato dal Consiglio Generale il 23 novembre 2007; modificato dal Consiglio Generale l 11 dicembre 2012)"

Transcript

1 REGOLAMENTO ASSOCIATIVO (approvato dal Consiglio Generale il 23 novembre 2007; modificato dal Consiglio Generale l 11 dicembre 2012) FINALITA DEL REGOLAMENTO Il Regolamento associativo ha la finalità di dettare le regole operative di dettaglio, laddove necessario, alle disposizioni statutarie per consentire la massima trasparenza e certezza alla vita interna dell Associazione, nonchè una corretta gestione dell Associazione da parte degli organi direttivi in modo da offrire la massima garanzia agli associati. TITOLO I Rapporto associativo Art. 1 Domande di adesione Possono aderire all Associazione le imprese che hanno i requisiti previsti dall art. 3 dello statuto. L azienda che intende aderire all Associazione deve presentare domanda di ammissione redatta su apposito modulo corredata dai seguenti documenti - certificato di iscrizione alla Camera di Commercio di Bari di data non anteriore a sei mesi; - copia del Modello 1031 Denunzia retribuzioni INAIL; - dichiarazione attestante l ammontare del fatturato; - scheda anagrafica. Ai sensi dell art. 4 dello statuto la domanda deve contenere la dichiarazione esplicita di accettare tutte le norme dello statuto sociale, del Codice Etico e della Carta dei Valori nonchè del Regolamento associativo e di impegnarsi al pagamento dei contributi dovuti. Ai sensi dell art. 6 dello Statuto, l iscrizione impegna l azienda per almeno due anni solari successivi e consecutivi dalla data di ammissione. Il primo anno associativo scade il 31 dicembre dell anno successivo a quello di ammissione. Successivamente l adesione ha cadenza annuale. Art. 2 Cessazione del rapporto associativo L art. 10 dello Statuto regolamenta le situazioni che producono la perdita della qualità di socio. Con riferimento al punto b) del richiamato art.10, per perdita dei requisiti in base ai quali è avvenuta l ammissione è da intendersi altresì l ammissione alla procedura di concordato preventivo e di liquidazione coatta fallimentare Con la risoluzione del rapporto associativo il socio perde automaticamente tutti i diritti sociali e gli incarichi di rappresentanza esterna nonché la titolarità delle cariche sociali all interno dell Associazione e del sistema confindustriale. Con riguardo agli incarichi di rappresentanza esterna, nei quali l associato sia stato nominato da un ente terzo su designazione dell Associazione, la perdita della qualità di socio produce anche effetto di dimissioni volontarie dell associato dal suddetto incarico di rappresentanza esterna. A questo fine il Comitato di Presidenza è autorizzato a comunicare la perdita della qualità di socio all ente in cui lo stesso riveste il detto incarico di rappresentanza esterna. Art. 3 - Procedura di dimissione

2 I soci che intendono dimettersi dall Associazione devono presentare apposita istanza sottoscritta dal titolare o legale rappresentante dell azienda, contenente la chiara volontà di interrompere il rapporto associativo. In applicazione dell art. 6 dello statuto le dimissioni hanno efficacia alla scadenza del medesimo anno associativo nel quale l istanza viene presentata soltanto se ricevuta dall Associazione prima del termine di tre mesi dalla scadenza dell anno. Se l istanza è ricevuta dall Associazione oltre tale termine le dimissioni acquistano efficacia alla scadenza dell anno associativo successivo. Art. 4 Contributi associativi Con l adesione all Associazione, le aziende associate si impegnano a corrispondere il contributo associativo nella misura e secondo i criteri e le modalità stabilite dalla delibera contributiva approvata dall Assemblea Generale su proposta del Consiglio Generale.. Art. 5 Diritti sociali Ai sensi dell art. 7,c. 4 dello statuto, gli associati hanno diritto di ricevere tutte le prestazioni istituzionali, di rappresentanza e di servizio poste in essere dall Associazione e quelle derivanti dall appartenenza al sistema confindustriale. Le prestazioni di servizio distinte in gratuite e a pagamento - sono definite dalla Carta dei Servizi dell Associazione. Art. 6 Regolarità contributiva e Attribuzione dei voti I diritti sociali spettano agli associati in regola con il versamento dei contributi. Si considerano in regola con il versamento dei contributi le aziende che al 31 dicembre hanno provveduto a corrispondere l ammontare del contributo dovuto nell anno. Nel caso di omissione superiore ad un anno nel versamento dei contributi, il Comitato di Presidenza, dopo invito formale alle aziende interessate a voler regolarizzare la loro posizione, può deliberare la sospensione temporanea dalla fruizione dei servizi associativi e/o la sospensione dalle eventuali cariche associative ricoperte dai rappresentanti delle aziende in questione. Ai fini dell attribuzione dei voti in Assemblea si considerano in regola le aziende che abbiano provveduto a regolarizzare la loro posizione contributiva entro il giorno precedente a quello dell Assemblea. Sono considerate morose e pertanto soggette, ai sensi dell art. 10 ultimo comma, alla perdita della qualità di socio le aziende che per due anni consecutivi omettano di versare i contributi dovuti nel biennio. Art. 6 bis Utilizzo del logo confederale I soci hanno la facoltà di chiedere all Associazione l autorizzazione all utilizzo del logo confederale. L uso del logo confederale, da apporre sulla carta intestata dell azienda associata ovvero su altri supporti, su siti intenet, è consentito esclusivamente per esplicitare l appartenenza al sistema confederale. L utilizzo del logo confederale non è consentito per fini commerciali e/o di business, sia direttamente che indirettamente. L utilizzo del logo confederale deve avvenire con le seguenti modalità: - soci effettivi: logo Aquila affiancato al nome dell Associazione e con l indicazione aderente a o associato a : - soci aggregati: nome dell Associazione senza il logo Aquila, abbinato alla dizione socio aggregato L Associazione può revocare l autorizzazione all utilizzo del logo confederale in caso di accertata inosservanza delle disposizioni di cui sopra.

3 Titolo II Inquadramento nel sistema confindustriale Art. 7 Completo inquadramento L Associazione persegue l obiettivo del completo inquadramento delle imprese aderenti attraverso la stipula di convenzioni di inquadramento, in conformità alle indicazioni del Regolamento di attuazione dello Statuto Confederale approvato con Delibera di Giunta di Confindustria del 24 marzo 2011 ed eventuali modifiche successive.. Art. 8 Imprese multilocalizzate Sono considerate imprese multilocalizzate quelle che hanno sede e/o unità locali a carattere non temporaneo sul territorio di altre Associazioni territoriali. Il contributo associativo delle imprese multilocalizzate viene calcolato in conformità alla Regolamento di attuazione dello Statuto Confederale.. Titolo III Rappresentanza Art. 9 Modalità della rappresentanza Presidente La rappresentanza dell Associazione nei rapporti con le Istituzioni, la Pubblica Amministrazione e i mass media spetta al Presidente dell Associazione. Tutti i soggetti ai quali sono attribuite specifiche deleghe per espresso disposto statutario o da parte del Presidente nonché i rappresentanti esterni sono tenuti a coordinarsi con il Presidente e possono comunicare all esterno solo attraverso l Associazione. Art. 10 Rappresentanti esterni Per perseguire i suoi scopi l Associazione promuove e provvede alla designazione o nomina di propri rappresentanti presso enti, amministrazioni, istituzioni, commissioni ed organizzazioni in genere in cui tale rappresentanza sia richiesta, utile o opportuna. Ai sensi dell art. 19 dello statuto i rappresentanti esterni sono nominati e/o designati dal Comitato di Presidenza. Spetta sempre al Comitato di presidenza la revoca delle nomine o designazioni. I rappresentanti designati, nella consapevolezza della natura di servizio dell incarico, si impegnano al rispetto della normativa statutaria e regolamentare dell Associazione; ad uniformarsi alle norme comportamentali previste dal Codice Etico e dalla Carta dei valori di Confindustria; ad esprimere la posizione dell Associazione in modo coordinato con essa, riconoscendo in tale modalità di esercizio del mandato l elemento determinante dello stesso. In particolare i rappresentanti esterni devono impegnarsi con apposita dichiarazione scritta, all atto dell accettazione della nomina o della designazione, secondo quanto dettato dal Paragrafo 3 del Codice Etico, a: - svolgere il loro mandato nell interesse dell ente designato e degli imprenditori associati nel rispetto delle linee di indirizzo fornite dal Comitato di Presidenza; - informare costantemente il Comitato di Presidenza sullo svolgimento del loro mandato, che provvederà a riferire e ad aggiornare periodicamente il Consiglio Generale; - assumere gli incarichi non con intenti remunerativi; - rimettere il loro mandato ogni qualvolta si presentino cause di incompatibilità o impossibilità di una partecipazione continuativa o comunque su richiesta motivata del Comitato di Presidenza. In questo caso, qualora il rappresentante non provveda a rimettere il mandato, il Comitato di Presidenza dispone, ai sensi dell art. 24, c. 14, la

4 decadenza dalla carica. E ammesso ricorso ai Proboviri nel termine di trenta giorni decorrenti dalla data di notifica del provvedimento. Titolo IV Funzionamento degli organi e delle strutture collegiali Art. 11 Disposizioni sulle cariche sociali Possono accedere alle cariche di componenti di un organo associativo previsto dallo Statuto i rappresentanti di imprese associate, come individuati dall art. 6 ultimo comma dello statuto, che siano in regola con il versamento dei contributi associativi e che abbiano una responsabilità aziendale di grado rilevante. A metà durata del mandato di tutte le cariche associative, il Comitato di Presidenza dispone la verifica della regolarità contributiva ed ai titolari di cariche associative le cui aziende non risultino in regola con il versamento dei contributi successivamente all elezione è applicata la sanzione della sospensione dalla carica coperta, ai sensi dell art. 6, c. 3 del presente Regolamento. Le cariche associative sono gratuite. Ai fini del rinnovo delle cariche associative, si intendono rivestite per l intera durata del mandato le cariche che siano ricoperte per un periodo superiore alla metà del mandato stesso. Per i candidati a ricoprire cariche direttive nell ambio degli organi elencati nell art. 11 dello Statuto è richiesto il parere obbligatorio, ma non vincolante, del Collegio dei Probiviri. Tale parere deve essere basato su: - profilo personale e professionale di assoluta integrità sotto l aspetto legale e morale - posizione di responsabilità aziendale di grado rilevante (non richiesta per i candidati al Collegio dei revisori e al Collegio dei Probiviri) - regolarità dell inquadramento (solo per i candidati a componenti del Comitato di Presidenza) - assenza di cariche politiche - partecipazione fattiva alla vita associativa e rispetto di tutti gli obblighi statutari (non richiesta per i candidati al Collegio dei revisori e al Collegio dei Probiviri). Deve essere fatta menzione dei contenuti del parere dei Probiviri: nella relazione della Commissione per la designazione del Presidente, nella proposta al Consiglio generale dei Vice Presidenti, prima del voto per le altre cariche. Art. 11 bis Svolgimento delle riunioni e sistemi di votazione E ammessa una sola delega per ciascun socio in Assemblea; la pluralità di deleghe in Assemblea è ammessa solo all interno di uno stesso gruppo societario. Negli organi direttivi, la partecipazione non è mai delegabile. E ammessa la possibilità di collegamenti in videoconferenza o di altri strumenti similari, previo accertamento dell identità dei soggetti, per la partecipazione agli organi direttivi e di controllo. Nelle riunioni, il sistema di votazione è discrezionalmente adottato dal Presidente tra: alzata di mano, appello nominale, scrutinio segreto. Lo scrutinio segreto è inderogabile nei casi di nomine e/o deliberazioni su persone. Lo scrutinio segreto può essere richiesto anche in casi diversi purché sia richiesto da ¼ dei voti assembleari o dei componenti degli organi direttivi Nella modalità per alzata di mano, il computo dei voti deve essere effettuato con la seguente sequenza: favorevoli, contrari ed astenuti. Nella modalità per appello nominale, va effettuata la chiamata in ordine alfabetico ed il voto va espresso a voce.

5 Nella modalità a scrutinio segreto, si procede al computo delle schede valide, nulle e bianche. A garanzia delle segretezza, si deve procedere al frazionamento dei voti disponibili in più schede: Le schede bianche sono equiparate alle astensioni. Nelle votazioni a scrutinio segreto, in caso di parità si procede alla ripetizione per lamento altre due volte. Si considera rigettata la deliberazione in caso di parità alla quarta votazione. Nelle votazioni su persone, si procede al ballottaggio in caso di parità di preferenze nelle votazioni su persone si procede al ballottaggio. Nelle votazioni palesi, in caso di parità, il voto del Presidente ha valore doppio. Nei verbali delle riunioni vanno riportate le seguenti indicazioni: a) nelle votazioni palesi: numero totale dei votanti, astenuti, voti favorevoli e contrari; b) nelle votazioni a scrutinio segreto: numero totale dei presenti, voti espressi (distinti in schede nulle e schede valide)astenuti (distinti in schede bianche e numero di coloro che non hanno partecipato alla votazione), voti favorevoli, voti contrari, preferenze riportate. Art. 12 Commissione di Designazione La Commissione di Designazione prevista dall art. 14 dello statuto ha il compito di indicare al Consiglio Generale il nominativo del candidato o dei candidati alla Presidenza dell Associazione. Nella procedura di elezione della Commissione, i componenti del Consiglio Generale possono esprimere un numero di preferenze non superiore ai 2/3 del numero dei componenti della Commissione. Nello svolgimento del suo incarico la Commissione è assistita, con compiti di Segretario, dal Presidente dei Giovani Imprenditori. Nello svolgimento dell incarico la Commissione è tenuta a sentire una larga rappresentanza degli imprenditori associati in regola con i contributi associativi; hanno diritto di essere sentiti i Presidenti di Sezione e gli imprenditori che hanno rivestito in precedenza cariche sociali. La Commissione è tenuta a predisporre un calendario di audizioni che deve essere comunicato a tutti gli associati, con eventuale proroga solo se non si perviene a disporre di elementi sufficienti e significativi. Le audizioni, di regola, sono possibili solo presso la sede associativa. Sono amesse videoconferenze, audioconferenze e strumenti similari. Gli associati possono esprimere il loro orientamento anche per iscritto. Le preferenze date per iscritto, debitamente motivate,devono essere espresse su carta intestata dell azienda con relativo timbro e firmate in modo leggibile dal responsabile dell azienda quale risulta dai quadri associativi e devono pervenire alla Commissione esclusivamente tramite mezzo postale in busta chiusa intestata, indirizzata alla Commissione di Designazione presso la sede dell Associazione. Non è ammessa la modalità di invio a mezzo fax. E possibile indicare più nominativi in ordine di preferenza.. La Commissione deve portare a termine il proprio incarico entro 60 giorni dalla nomina. E tenuta a predisporre una relazione finale di cui deve essere data lettura al Consiglio Generale. Nell espletamento del proprio incarico, la Commissione dispone di discrezionalità piena dnell individuazione delle proposte da sottoporre al voto del Consiglio Generale. La Commissione è tenuta a sottoporre al Consiglio Generale le candidature appoggiate per iscritto da almeno il 15% dei voti assembleari. Spetta al Consiglio Generale, ai sensi dell art. 16, n. 14), designare il candidato unico alla Presidenza da sottoporre all approvazione dell Assemblea generale. Art. 13 Designazione ed elezione del Presidente

6 La designazione del Presidente è deliberata dal Consiglio Generale a maggioranza, senza tener conto degli astenuti. Qualora nella prima votazione non si raggiungesse la maggioranza, si dovranno ripetere le consultazioni in caso ci sia un unico candidato. In presenza di due o più candidati, si dovrà ripetere la votazione nella stessa riunione entro il termine fissato dal Presidente per la chiusura dei lavori, con possibilità di convocare in via d urgenza un altra riunione. In caso di parità di voto, si procede al ballottaggio nella stessa riunione o, se necessario, per tre volte in altre riunioni con le regole di cui sopra. L elezione del Presidente dell Associazione da parte dell Assemblea avviene inderogabilmente mediante scrutinio segreto, su un unico candidato. Nel caso in cui il candidato alla Presidenza non ottenga la maggioranza dei voti espressi dall Assemblea, la procedura di designazione viene ripetuta. Art. 14 Comitato Piccola Industria Per le modalità e validità delle riunioni del Comitato si fa riferimento all art. 17 dello Statuto. Il Comitato provvede a darsi un proprio Regolamento. L approvazione del regolamento ed eventuali modifiche e/o modificazioni, spetta al Consiglio Generale dell Associazione. Art. 15 Gruppo Giovani Imprenditori L attività e l organizzazione del Gruppo Giovani Imprenditori sono regolate da apposito Regolamento approvato, ai sensi dell art. 31, c.3 dello Statuto, dal Consiglio Generale dell Associazione. Titolo V - Organi di tutela e controllo Art. 16 Tesoriere I compiti del Tesoriere, stabiliti dal Consiglio Generale, consistono, nel controllo periodico, possibilmente con cadenze mensili, dell operato dell Ufficio Amministrazione verificando, attraverso i giustificativi di uscita, la esattezza e la regolarità contabile-amministrativa e fiscale delle spese per la gestione ordinaria, accertando inoltre che tutte le spese di carattere straordinario siano state preventivamente deliberate dagli Organi Sociali (Comitato di Presidenza, Consiglio Generale) o ratificate per quelle aventi carattere di urgenza. Il Tesoriere controlla periodicamente la rispondenza dei depositi presso gli Istituti di Credito mediante verifica degli estratti conti con le scritture contabili o con la verifica reale presso gli stessi Istituti accompagnato dal responsabile dell Ufficio Amministrazione. Il Tesoriere è tenuto a riferire al Presidente le eventuali anomalie e suggerire azioni o comportamenti al fine di rendere sempre più rispondente ai principi contabili la gestione amministrativa. In occasione dell annuale Assemblea ordinaria degli associati il Tesoriere dà lettura delle voci del bilancio presentato per l approvazione. Art. 16 bis Probiviri Per l esame dei ricorsi, i Probiviri sono assistiti,da una Segreteria tecnica, costituito da personale dell Associazione per ogni attività necessaria relativa a: - comunicazione del ricorso alla controparte (entro 10 giorni successivi alla ricezione) - richiesta nomina Proboviro di fiducia e relativo sostituto (entro 10 giorni successivi alla comunicazione del ricorso) - informazione ai Probiviri della nomina ricevuta - richiesta della nomina del Presidente del Collegio, con successiva comunicazione

7 - fissazione della riunione per la formale costituzione del Collegio arbitrale ed apertura della fase istruttoria (entro 10 giorni successivi alla comunicazione della nomina del Presidente del Collegio) Nel ricorso, il ricorrente dovrà provvedere a nominare il Proboviro di propria fiducia e del sostituto. Qualora vi siano più ricorrenti che propongono un ricorso unico, si deve procedere a nominare un solo Proboviro di fiducia ed il sostituto. Il rifiuto o l immotivato ritardo nella nomina del proprio Proboviro di fiducia costituisce grave inadempienza agli obblighi associativi. Il rifiuto dell incarico a Proboviro è ammesso solo per gravi motivi personali o nei casi previsti dal Codice di procedura civile. Sono sospesi tutti i termini dal 1 al 31 agosto e dal 24 dicembre al 6 gennaio. Titolo VI Sanzioni Art. 17 Sanzioni nei confronti di soci. Il Comitato di Presidenza dell Associazione può comminare le seguenti sanzioni, previste dall art. 38 dello Statuto, nei confronti di soci che si rendano inadempienti agli obblighi previsti dallo Statuto: - sospensione dal diritto a partecipare all Assemblea dell Associazione; - censura del Presidente dell Associazione, comunicata per iscritto e motivata; - sospensione da ogni servizio e da ogni attività sociale, per un periodo non superiore a sei mesi; - decadenza dei rappresentanti dell impresa che ricoprono cariche direttive nell Associazione; - sospensione dall elettorato attivo e/o passivo. Contro la delibera del Comitato di Presidenza di irrogazione del provvedimento disciplinare è ammesso ricorso, in primo grado, al Consiglio Generale ai sensi dell art. 16,c.1,n.7 dello Statuto e in secondo grado ai Probiviri dell Associazione nei termini di 30 giorni decorrenti dalla notifica del provvedimento. Il provvedimento di espulsione - per gravi e ripetute inosservanze degli obblighi assunti verso l Associazione in forza dei patti sociali, del Codice Etico o delle deliberazioni degli Organi Direttivi dell Associazione o per manifesta indegnità - viene deliberato, ai sensi dell art. 10, c. 2 dello Statuto, dal Consiglio Generale dell Associazione, sentito il Presidente della Sezione cui appartiene l azienda. Contro la decisione del Consiglio Generale è ammesso ricorso ai Probiviri dell Associazione entro trenta giorni dalla notifica del provvedimento. Contro la decisione dei Probiviri dell Associazione è ammessa, entro trenta giorni dalla notifica del provvedimento, ai sensi dell art. 38, c.3, la possibilità di appello ai Probiviri di Confindustria da parte di chi sia rimasto soccombente. Titolo VI Direttore e personale Art. 18 Direttore Il Direttore dell Associazione - coadiuva il Presidente nella gestione dell Associazione e propone quelle soluzioni e quei provvedimenti che ritenga utili al migliore conseguimento degli scopi associativi; - cura l attuazione delle deliberazioni degli organi direttivi; - partecipa di diritto a tutte le riunioni degli organi statutari e ne assume la segreteria;

8 - provvede ai collegamenti, ai corrispondenti livelli, con le diverse componenti del sistema confederale; - compie gli atti di competenza ordinaria dei servizi associativi e ogni altra funzione gli sia delegata dagli organi direttivi dell Associazione; - propone, d intesa con il Presidente, le assunzioni e i passaggi di livello del personale; - propone al Presidente i provvedimenti disciplinari nei confronti del personale, oltre il richiamo scritto; - è munito delle necessarie attribuzioni per organizzare e sovrintendere alla struttura interna e ai servizi dell Associazione, del cui andamento è responsabile. Art Personale L inquadramento del personale dipendente dell Associazione è regolato dal C.C.L. per il personale dipendente dell Associazione Industriali della Provincia di Bari in vigore dal 1 ottobre 1979, che disciplina anche gli aspetti economici e normativi. Spetta al Comitato di Presidenza, su proposta del Direttore, fissare l inquadramento del personale. Titolo VII - Gestione e patrimonio Art Bilancio L esercizio finanziario decorre dal 1 gennaio al 31 dicembre di ogni anno. Il Consiglio Generale predispone, entro il 30 giugno, il bilancio consuntivo e, entro il 30 ottobre dell anno precedente, il bilancio preventivo da sottoporre alla approvazione dell Assemblea Generale insieme alle relazioni del Consiglio Generale e dei Revisori contabili. Il bilancio consuntivo è sottoposto a certificazione di primaria società abilitata e la relativa relazione è presentata all Assemblea Generale convocata per l approvazione del bilancio Art. 21 Amministrazione La gestione contabile amministrativa sarà tenuta secondo i principi della prudenza, correttezza, chiarezza e veridicità, in modo da poter procedere, in un qualunque momento, alla ricostruzione dei saldi delle voci di bilancio nel rispetto generale dei corretti principi contabili stabiliti dal Consiglio Nazionale dei dottori commercialisti e ragionieri. Le disposizioni di pagamento devono essere autorizzate dal Direttore, dal Presidente o da chi ne fa le veci. Il patrimonio dell Associazione risulta dalle registrazioni trascritte nell apposito libro. I resoconti e le deliberazioni prese nelle riunioni degli Organi direttivi dell Associazione devono essere riportati in apposito Libro verbali. Le aziende associate sono registrate in apposito Registro imprese. Titolo VIII Norme generali Art. 22 Effetti del Regolamento Il Regolamento è parte integrante dello Statuto dell Associazione ed è pertanto vincolante per gli associati. Eventuali modifiche sono deliberate, a norma dell art. 16, n. 17), dal Consiglio Generale. Art. 23 Norma di rinvio Per quanto non espressamente disciplinato si fa rinvio al regolamento confederale ed alla direttiva sui principi organizzativi e sui meccanismi di funzionamento del sistema confederale approvata dalla Giunta confederale il 24 marzo

9 Appendice Regolamento Delegazioni Regolamento Gruppo Giovani Imprenditori Regolamento Comitato Piccola Industria

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE STATUTO ANDISU ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione Nazionale degli Organismi per il Diritto allo Studio Universitario (A.N.DI.S.U.). Di essa possono far parte tutti gli organismi

Dettagli

ASSONIDI Associazione Nazionale Asili Nido privati e Scuole dell Infanzia

ASSONIDI Associazione Nazionale Asili Nido privati e Scuole dell Infanzia ASSONIDI Associazione Nazionale Asili Nido privati e Scuole dell Infanzia STATUTO ART.1 DENOMINAZIONE E AMBITI DI RAPPRESENTANZA 1. L Associazione Nazionale Asili Nido privati e Scuole dell Infanzia -

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NAZIONALE

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NAZIONALE REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NAZIONALE TELECOMUNICAZIONI, INFORMATICA ED ELETTRONICA DI CONSUMO Il presente Regolamento è stato approvato dall Assemblea dei Soci il 16 dicembre

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE Indice generale Art.1 Costituzione e sede...1 Art.2 Durata dell Organizzazione...1 Art.3 Carattere dell Organizzazione...1 Art.4 Scopi dell Organizzazione...1 Art.5 Requisiti dei soci...2 Art.6 Ammissione

Dettagli

REGOLAMENTO. (Presentato all Assemblea del 30/04/2013)

REGOLAMENTO. (Presentato all Assemblea del 30/04/2013) REGOLAMENTO (Presentato all Assemblea del 30/04/2013) Articolo 1 Funzionamento del Fondo 1. Il presente Regolamento disciplina il funzionamento: degli organi del Fondo paritetico interprofessionale nazionale

Dettagli

STATUTO DEL GRUPPO AZIENDALE AGENTI DELLA COMPAGNIA ITALIANA DI ASSICURAZIONI

STATUTO DEL GRUPPO AZIENDALE AGENTI DELLA COMPAGNIA ITALIANA DI ASSICURAZIONI TITOLO I STATUTO DEL GRUPPO AZIENDALE AGENTI DELLA COMPAGNIA ITALIANA DI ASSICURAZIONI COSTITUZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI Articolo 1- Costituzione, Sede e Durata E costituito il Gruppo Aziendale Agenti

Dettagli

Statuto del Coordinamento delle Associazioni di Volontariato della provincia di Treviso

Statuto del Coordinamento delle Associazioni di Volontariato della provincia di Treviso Statuto del Coordinamento delle Associazioni di Volontariato della provincia di Treviso Art. 1 - Costituzione e Scopi E costituito, con sede legale nel comune di Treviso, ai sensi della Legge 266/91 e

Dettagli

Statuto CRAL INFN BARI INDICE

Statuto CRAL INFN BARI INDICE Statuto CRAL INFN BARI INDICE Titolo I - Costituzione Art. 1 - Denominazione Art. 2 - Sede Art. 3 - Tipologia Art. 4 - Durata Art. 5 - Scopi e Finalità Titolo II - Membri dell Associazione Art. 6 - Soci

Dettagli

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO Art. 1 Denominazione E costituita, anche ai sensi dell art. 13 della L.R. 7/98, una associazione, senza scopo di lucro, denominata

Dettagli

Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato. Il giorno, alle ore, nel Comune di

Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato. Il giorno, alle ore, nel Comune di Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato Il giorno, alle ore, nel Comune di Via n. con la presente scrittura privata si sono riuniti i sig.ri (1): per costituire l organizzazione

Dettagli

OMBUDSMAN-GIURI BANCARIO Regolamento per la trattazione dei reclami e dei ricorsi in materia di servizi e attività di investimento 1

OMBUDSMAN-GIURI BANCARIO Regolamento per la trattazione dei reclami e dei ricorsi in materia di servizi e attività di investimento 1 Associazione per la soluzione delle controversie bancarie, finanziarie e societarie - ADR OMBUDSMAN-GIURI BANCARIO Regolamento per la trattazione dei reclami e dei ricorsi in materia di servizi e attività

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE

REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE - Approvato dal Consiglio Direttivo dell ANCE il 28 aprile 1992 - Modificato dal Consiglio Direttivo dell ANCE il 29 aprile 1993 - Modificato dal Comitato

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

REGOLAMENTO AGI NAZIONALE APPROVATO NELL ASSEMBLEA NAZIONALE 18 MAGGIO 2014

REGOLAMENTO AGI NAZIONALE APPROVATO NELL ASSEMBLEA NAZIONALE 18 MAGGIO 2014 REGOLAMENTO AGI NAZIONALE APPROVATO NELL ASSEMBLEA NAZIONALE 18 MAGGIO 2014 Art. 1 Sede (Art. 1 dello Statuto) La Sede può essere trasferita su delibera dell Assemblea Straordinaria. Quando ricorra motivo

Dettagli

Regolamento gruppo giovani

Regolamento gruppo giovani Regolamento gruppo giovani Art.1 Costituzione E costituito presso l Associazione Costruttori Salernitani, con sede presso la stessa, il Gruppo Giovani Imprenditori Edili della Provincia di Salerno. Art.2

Dettagli

FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO

FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO Avvertenze: Il presente testo contiene alternativamente gli articoli dello Statuto della Federazione e del Regolamento.

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

Assonautica Provinciale di Imperia. S t a t u t o

Assonautica Provinciale di Imperia. S t a t u t o Assonautica Provinciale di Imperia S t a t u t o Art. 1 Denominazione e natura giuridica L Associazione provinciale per la nautica da diporto di Imperia, denominata Assonautica provinciale di Imperia,

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI Art. 1 DENOMINAZIONE 1. E costituita la fondazione denominata Fondazione Ascolta e Vivi, in seguito chiamata per brevità fondazione, con sede legale a Milano via Foppa

Dettagli

STATUTO. g) assumere iniziative promozionali della grafologia e della professione nei confronti di soggetti pubblici e privati;

STATUTO. g) assumere iniziative promozionali della grafologia e della professione nei confronti di soggetti pubblici e privati; STATUTO COSTITUZIONE SEDE DURATA -SCOPI Art. 1. Costituzione, sede e durata È costituita, con durata illimitata, l Associazione Grafologica Italiana, con sigla AGI e sede in Ancona. La sede può essere

Dettagli

Statuto Associazione Amici Animali Osimo - ONLUS. ARTICOLO 1 Costituzione e Sede

Statuto Associazione Amici Animali Osimo - ONLUS. ARTICOLO 1 Costituzione e Sede Statuto Associazione Amici Animali Osimo - ONLUS ARTICOLO 1 Costituzione e Sede E costituita l Associazione di volontariato denominata Associazione "AMICI ANIMALI" con sede ad Osimo in Via Aldo Moro, 12,

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ Via Contea, 1 31055 QUINTO DI TREVISO Cod. Fisc. 94020520261 Iscritta al registro regionale delle Associazioni di Volontariato al n. TV/0130 ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE

Dettagli

STATUTO. Art. 1 - Denominazione - Sede - Durata. 1. È costituita l «UNIONE COMMERCIALISTI ED ESPERTI

STATUTO. Art. 1 - Denominazione - Sede - Durata. 1. È costituita l «UNIONE COMMERCIALISTI ED ESPERTI STATUTO Art. 1 - Denominazione - Sede - Durata 1. È costituita l «UNIONE COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI di CASERTA», enunciabile in sigla UNAGRACO CASERTA, con sede sociale in Aversa (CE) alla via

Dettagli

M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA

M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA REGOLAMENTO REGIONALE Articolo 1 Finalità Il presente Regolamento Regionale del M.A.S.C.I. della Regione Campania, redatto in attuazione dell'art. 9 dello Statuto Nazionale

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O 1 ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita l associazione di volontariato, denominata: che assume la forma giuridica

Dettagli

Associazione Sportiva Dilettantistica STATUTO DEL CIRCOLO NAUTICO RIVA DI TRAIANO

Associazione Sportiva Dilettantistica STATUTO DEL CIRCOLO NAUTICO RIVA DI TRAIANO Associazione Sportiva Dilettantistica STATUTO DEL CIRCOLO NAUTICO RIVA DI TRAIANO STATUTO SOCIALE Art. 1 - Costituzione e sede Ai sensi delle disposizioni di Legge, è costituita l Associazione Sportiva

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ANIMALCORTILE ATTO COSTITUTIVO E STATUTO. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Finalità e attività

ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ANIMALCORTILE ATTO COSTITUTIVO E STATUTO. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Finalità e attività ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ANIMALCORTILE ATTO COSTITUTIVO E STATUTO Art. 1 Costituzione E costituita tra i sottoscriventi una libera associazione di volontariato avente la seguente denominazione: Associazione

Dettagli

Statuto della Fondazione della Comunità di Monza e Brianza Onlus

Statuto della Fondazione della Comunità di Monza e Brianza Onlus Statuto della Fondazione della Comunità di Monza e Brianza Onlus 1 STATUTO DELLA FONDAZIONE DELLA COMUNITA DI MONZA E BRIANZA ONLUS ART.1 DENOMINAZIONE E SEDE E costituita una fondazione, con le caratteristiche

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI NEFROPATICI, TRAPIANTATI D ORGANO E DI VOLONTARIATO

STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI NEFROPATICI, TRAPIANTATI D ORGANO E DI VOLONTARIATO STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE delle ASSOCIAZIONI di NEFROPATICI, TRAPIANTATI d ORGANO e di (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale ONLUS) Articolo 1 DENOMINAZIONE E SEDE E costituita

Dettagli

STATUTO FEDERAZIONE COORDINAMENTI DI VOLONTARIATO SICILIANO (VOL.SI.)

STATUTO FEDERAZIONE COORDINAMENTI DI VOLONTARIATO SICILIANO (VOL.SI.) STATUTO FEDERAZIONE COORDINAMENTI DI VOLONTARIATO SICILIANO (VOL.SI.) Articolo 1 (Costituzione Denominazione Sede) 1. È costituita la Federazione Coordinamenti di Volontariato Siciliano, in breve VOL.SI.,

Dettagli

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci STATUTO DEL FONDO FONDITALIA Articolo 1 Denominazione Soci A seguito dell accordo interconfederale del 30 giugno 2008 sottoscritto tra le sottoindicate Confederazioni Nazionali: - FEDERTERZIARIO - CLAAI

Dettagli

Federazione Sindacale Italiana Osteopati

Federazione Sindacale Italiana Osteopati Fe.S.I.Os. FEDERAZIONE SINDACALE ITALIANA OSTEOPATI Associazione no profit STATUTO ART.1- DENOMINAZIONE È costituita una Associazione denominata Federazione Sindacale - con la sigla Fe.S.I.Os.. Essa è

Dettagli

STATUTO (Aggiornato alle modifiche dell Assemblea del 15 maggio 2014)

STATUTO (Aggiornato alle modifiche dell Assemblea del 15 maggio 2014) STATUTO (Aggiornato alle modifiche dell Assemblea del 15 maggio 2014) Preambolo L attività di recupero dei crediti per conto terzi e quella delle informazioni commerciali, durante la loro evoluzione nel

Dettagli

Fondo Attività Servizi Sociali per i Lavoratori delle Aziende del Settore Energia ENI STATUTO

Fondo Attività Servizi Sociali per i Lavoratori delle Aziende del Settore Energia ENI STATUTO Fondo Attività Servizi Sociali per i Lavoratori delle Aziende del Settore Energia ENI STATUTO 2004 STATUTO DEL FONDO Art. 1 COSTITUZIONE In attuazione degli accordi sindacali del 9-3-1970 e successivi,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MUSICALE «ARMONIA CORDIS»

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MUSICALE «ARMONIA CORDIS» STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MUSICALE «ARMONIA CORDIS» COSTITUZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI 1) Costituzione: E costituita l Associazione Culturale Musicale denominata ARMONIA CORDIS. L Associazione

Dettagli

BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove

BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove STATUTO SOCIALE Art. 1 - Costituzione e sede Ai sensi delle disposizioni del Codice Civile in tema di Associazioni, e delle leggi

Dettagli

TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - DURATA

TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - DURATA STATUTO Allegato all Atto costitutivo dell Associazione denominata Cantalupo Volontari Protezione Civile Mandela redatto in data undici di febbraio anno duemilasei. Art. 1 TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO

Dettagli

STATUTO TIPO PROMOZIONE SOCIALE. Articolo 1 (Denominazione e sede)

STATUTO TIPO PROMOZIONE SOCIALE. Articolo 1 (Denominazione e sede) STATUTO TIPO PROMOZIONE SOCIALE Articolo 1 (Denominazione e sede) E costituita, ai sensi della legge 7 dicembre 2000, n.383 e della legge regionale 6 dicembre 2012, n.42, l Associazione di Promozione Sociale

Dettagli

Statuto dell associazione nazionale di promozione sociale. Art. 1 Costituzione

Statuto dell associazione nazionale di promozione sociale. Art. 1 Costituzione Statuto dell associazione nazionale di promozione sociale Art. 1 Costituzione 1. E costituita l associazione di promozione sociale a carattere nazionale denominata ANTEAS Servizi (Associazione nazionale

Dettagli

ANZIANO & QUARTIERE ONLUS.

ANZIANO & QUARTIERE ONLUS. STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ANZIANO & QUARTIERE ONLUS. ART. 1 (Denominazione e sede) 1. L organizzazione di volontariato, denominata: ANZIANO & QUARTIERE - Onlus, assume la forma giuridica

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO

ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO REGOLAMENTO DELLE COMMISSIONI DI STUDIO SULLE MATERIE OGGETTO DELLA PROFESSIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Servizio Protezione Civile REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI

Dettagli

In esenzione di imposta di bollo e di registro ai sensi del articolo 8 della legge 266/91

In esenzione di imposta di bollo e di registro ai sensi del articolo 8 della legge 266/91 STATUTO In esenzione di imposta di bollo e di registro ai sensi del articolo 8 della legge 266/91 Art. 1. Denominazione, sede e durata a) E costituita un Associazione di volontariato - ai sensi degli artt.

Dettagli

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Art.1 - Costituzione e sede E costituita, con sede legale a Lodi, l Associazione denominata: LAUS Volontariato della Provincia

Dettagli

Regolamento dell Associazione Noi del Tosi

Regolamento dell Associazione Noi del Tosi Regolamento dell Associazione Noi del Tosi Disposizioni preliminari Art. I Con questo regolamento interno l Associazione Noi dell Enrico Tosi intende darsi un insieme di norme pratiche atte a favorire

Dettagli

ASSOCIAZIONE NEXTO. Sede in Torino (TO) Via Ottavio Assarotti, 10. Codice fiscale n. 97798460016 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

ASSOCIAZIONE NEXTO. Sede in Torino (TO) Via Ottavio Assarotti, 10. Codice fiscale n. 97798460016 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE NEXTO Sede in Torino (TO) Via Ottavio Assarotti, 10 Codice fiscale n. 97798460016 * * * * * * * * * * * * * * * * STATUTO DELL ASSOCIAZIONE come modificato dall Assemblea Straordinaria dei

Dettagli

STATUTO. Associazione Il Larice Club

STATUTO. Associazione Il Larice Club STATUTO Associazione Il Larice Club Art. 1 - L associazione non riconosciuta denominata Associazione IL LARICE CLUB con sede in Carezzate (VA), Via al Lago n.449, è retta dal seguente statuto. La denominazione

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DIRETTIVE DI SERVIZIO E NORME COMPORTAMENTALI

REGOLAMENTO INTERNO DIRETTIVE DI SERVIZIO E NORME COMPORTAMENTALI CROCE AZZURRA SABAUDIA -ONLUS Associazione Volontaria di Primo Soccorso ed Assistenza Via Conte Verde 10/A 04016 SABAUDIA (LT) Tel.: 0773/518507 Fax: 0773/512513 E-mail: croceazzurrasab@libero.it Web:

Dettagli

STATUTO (in vigore dal 2013)

STATUTO (in vigore dal 2013) STATUTO (in vigore dal 2013) 1 Costituzione Ai sensi del Codice Civile italiano ed in armonia con i disposti delle norme europee è costituita l Unione Europea Assicuratori di seguito detta Unione. L Unione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RINNOVO DELLE CARICHE APAM

REGOLAMENTO PER IL RINNOVO DELLE CARICHE APAM REGOLAMENTO PER IL RINNOVO DELLE CARICHE APAM 1. Premesse 1.1 Il presente documento, regolamento interno di A.P.A.M., ha la finalità di coordinare le operazioni preparatorie ed elettorali relative alle

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA Articolo 1 Si costituisce il Circolo Dipendenti della Federazione Trentina della Cooperazione con sede sociale presso la Federazione

Dettagli

STATUTO INTERNO. UILDM - UNIONE ITALIANA LOTTA ALLA DISTROFIA MUSCOLARE - SEZIONE DI Modena onlus - Associazione di Volontariato L.

STATUTO INTERNO. UILDM - UNIONE ITALIANA LOTTA ALLA DISTROFIA MUSCOLARE - SEZIONE DI Modena onlus - Associazione di Volontariato L. STATUTO INTERNO UILDM - UNIONE ITALIANA LOTTA ALLA DISTROFIA MUSCOLARE - SEZIONE DI Modena onlus - Associazione di Volontariato L. 266/1991 ART. 1. COSTITUZIONE. E' costituita l'associazione denominata

Dettagli

STATUTO. Art. 1 Costituzione e scopi

STATUTO. Art. 1 Costituzione e scopi STATUTO Art. 1 Costituzione e scopi Il CLUB FORZA SILVIO..., costituito in data... ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile, è una associazione di cittadini che si propongono di sviluppare

Dettagli

INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale

INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale Statuto INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale 1 E costituita una Associazione denominata GAS INSIEME PER LIMANA L Associazione è costituita in conformità al dettato della L. 383/2000, pertanto

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ESPRIT GRESSAEN GRESSAN NEL CUORE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ESPRIT GRESSAEN GRESSAN NEL CUORE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ESPRIT GRESSAEN GRESSAN NEL CUORE Articolo 1 Denominazione, sede E costituita, ai sensi dell articolo 36 e seguenti del Codice Civile, l Associazione politico culturale non riconosciuta

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS

STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS Art. 1 - DENOMINAZIONE SEDE DURATA E costituita una associazione di volontariato ai sensi della legge 11 agosto 1991 n. 266. L Associazione è denominata Casa

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE FOTOGRAFICA "FURIO DEL FURIA"

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE FOTOGRAFICA FURIO DEL FURIA STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE FOTOGRAFICA "FURIO DEL FURIA" DENOMINAZIONE - SEDE - AFFILIAZIONE - AZIONE -SCOPI Art. 1 Il 01 Gennaio 1977 si costituisce l Associazione Fotografica "Furio Del Furia" con sede

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE ANMIL SOSTENIAMOLI SUBITO ONLUS

STATUTO DELLA FONDAZIONE ANMIL SOSTENIAMOLI SUBITO ONLUS STATUTO DELLA FONDAZIONE ANMIL SOSTENIAMOLI SUBITO ONLUS Art. 1 Denominazione e sede E costituita una fondazione avente le caratteristiche di organizzazione non lucrativa di utilità sociale (Onlus) sotto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI (approvato dal C.D.A. con Delibera n 139 in seduta del 25/6/1998, modificato con Delibera n 87 in

Dettagli

ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8

ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 STATUTO 1 ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita l associazione denominata Amicizia 2. L associazione ha sede in via C. Marchesi 7/D nel comune di Silea (TV). ART. 2 (Statuto) 1. L associazione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO Art. 1 Origine e sede Su iniziativa del Parco Regionale del Delta del Po Emilia Romagna, con la collaborazione della

Dettagli

Lo Sporting Club Monza è un Associazione privata, senza fini di lucro, con sede in Monza, Viale Brianza n.39.

Lo Sporting Club Monza è un Associazione privata, senza fini di lucro, con sede in Monza, Viale Brianza n.39. STATUTO STATUTO ARTICOLO 1 Lo Sporting Club Monza è un Associazione privata, senza fini di lucro, con sede in Monza, Viale Brianza n.39. ARTICOLO 2 E scopo del club offrire agli associati amichevole ritrovo

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede STATUTO DELLA FONDAZIONE Articolo 1 Denominazione e Sede La Fondazione di interesse collettivo denominata Fondazione San Bortolo O.N.L.U.S. è costituita ai sensi dell art. 14 e seguenti del Codice Civile

Dettagli

Approvato dalla Prefettura di Roma Iscritto nel registro delle persone giuridiche ai sensi dell art.2 del D.P.R. 10 febbraio 2000 n 361

Approvato dalla Prefettura di Roma Iscritto nel registro delle persone giuridiche ai sensi dell art.2 del D.P.R. 10 febbraio 2000 n 361 LO STATUTO DI ITALIA NOSTRA onlus Approvato dalla Prefettura di Roma Iscritto nel registro delle persone giuridiche ai sensi dell art.2 del D.P.R. 10 febbraio 2000 n 361 Art. 1 L Associazione Italia Nostra,

Dettagli

Statuto e Regolamento dell Associazione Culturale VIOLA VIVE

Statuto e Regolamento dell Associazione Culturale VIOLA VIVE Statuto e Regolamento dell Associazione Culturale VIOLA VIVE Art. 1 Costituzione, denominazione e sede E costituita l Associazione Culturale VIOLA VIVE con sede legale nel Comune di Viola in via Martini

Dettagli

STATUTO. Articolo 2 Sede L Associazione ha sede in Milano - via Costantino Baroni n. 228.

STATUTO. Articolo 2 Sede L Associazione ha sede in Milano - via Costantino Baroni n. 228. STATUTO Articolo 1 Denominazione E costituita una Associazione denominata: COMUNITA OKLAHOMA ONLUS Articolo 2 Sede L Associazione ha sede in Milano - via Costantino Baroni n. 228. Articolo 3 Scopo L Associazione

Dettagli

A.C.S.A. Onlus - STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE (v.2010)

A.C.S.A. Onlus - STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE (v.2010) A.C.S.A. Onlus - STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE (v.2010) Art. 1 - DENOMINAZIONE È costituita una Associazione denominata Associazione Interregionale Cardiologi e Specialisti Medici Ambulatoriali - ONLUS, siglabile

Dettagli

STATUTO DEL CIRCOLO RICREATIVO TRA GLI ISCRITTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DI ROMA E PROVINCIA.

STATUTO DEL CIRCOLO RICREATIVO TRA GLI ISCRITTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DI ROMA E PROVINCIA. STATUTO DEL CIRCOLO RICREATIVO TRA GLI ISCRITTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DI ROMA E PROVINCIA. DENOMINATO ALOA Associazione Ludica Ordine Architetti Costituzione

Dettagli

Regolamento per le Associazioni studentesche e per le Attività formative autogestite dagli studenti IL RETTORE

Regolamento per le Associazioni studentesche e per le Attività formative autogestite dagli studenti IL RETTORE D. R. Regolamento per le Associazioni studentesche e per le Attività formative autogestite dagli studenti IL RETTORE VISTO lo Statuto di Autonomia dell Università Ca Foscari Venezia; VISTO il Regolamento

Dettagli

ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA. E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia

ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA. E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia STATUTO ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA ITALIA NEL CUORE Articolo 1 Denominazione E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia l associazione non riconosciuta denominata: Italia

Dettagli

Statuto dell Associazione di Promozione Sociale denominata AL CENTRO DELLA VITA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. ART. 1 ( Denominazione e sede )

Statuto dell Associazione di Promozione Sociale denominata AL CENTRO DELLA VITA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. ART. 1 ( Denominazione e sede ) Statuto dell Associazione di Promozione Sociale denominata AL CENTRO DELLA VITA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 ( Denominazione e sede ) 1. E costituita Associazione denominata Al Centro della Vita.

Dettagli

AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI

AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI Aprile 2006 Premessa L Assemblea Regionale delegata è attualmente disciplinata dall art.39 dello Statuto AGESCI e a livello regionale

Dettagli

SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE

SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE La formulazione del testo del presente statuto-tipo è puramente esemplificativa. Nell ambito dell esercizio del proprio potere di autonomia privata, i costituenti

Dettagli

Gli strumenti per il funzionamento dei comportamenti associativi

Gli strumenti per il funzionamento dei comportamenti associativi Statuto CODICE ETICO CARTA DEI VALORI ASSOGRAFICI CONFINDUSTRIA Associazione Nazionale Italiana Industrie Grafiche Cartotecniche e Trasformatrici Gli strumenti per il funzionamento dei comportamenti associativi

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DONATORI VOLONTARI DI SANGUE DELL OSPEDALE PEDIATRICO BAMBINO GESU -IRCCS

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DONATORI VOLONTARI DI SANGUE DELL OSPEDALE PEDIATRICO BAMBINO GESU -IRCCS STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DONATORI VOLONTARI DI SANGUE DELL OSPEDALE PEDIATRICO BAMBINO GESU -IRCCS SOMMARIO Articolo 1 - Costituzione...1 Articolo 2 Disciplina applicabile...1 Articolo 3 - Sede...1 Articolo

Dettagli

ASSOCIAZIONE MOLISANA PER LA CREMAZIONE

ASSOCIAZIONE MOLISANA PER LA CREMAZIONE ASSOCIAZIONE MOLISANA PER LA CREMAZIONE Associazione di Promozione Sociale STATUTO 1 Associazione Molisana per la Cremazione Associazione di promozione Sociale Statuto Art. 1: Ai sensi della L. 7/12/2000,

Dettagli

SCHEMA STATUTO PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

SCHEMA STATUTO PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. 3117 del 21/10/2008 pag. 1/7 SCHEMA STATUTO PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO ALLEGATO B Dgr n. 3117 del 21/10/2008 pag. 2/7 ART. 1* (Denominazione

Dettagli

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione)

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione) Il presente schema di Statuto viene proposto, a mero titolo indicativo, non potendo, né volendo, limitare la libertà delle Organizzazioni di darsi autonomamente le norme disciplinanti il proprio ordinamento.

Dettagli

STATUTO. Testo approvato dall Assemblea Straordinaria del 4 giugno 1999

STATUTO. Testo approvato dall Assemblea Straordinaria del 4 giugno 1999 STATUTO Testo approvato dall Assemblea Straordinaria del 4 giugno 1999 Atto registrato dal Notaio Cavandoli in Mantova in data 11.06.1999 con il n.2209 Art.1 È costituito in Mantova il COLLEGIO COSTRUTTORI

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PESCHIERA BENE COMUNE

STATUTO ASSOCIAZIONE PESCHIERA BENE COMUNE STATUTO ASSOCIAZIONE PESCHIERA BENE COMUNE ARTICOLO 1 - DENOMINAZIONE E costituita l associazione culturale apartitica denominata PESCHIERA BENE COMUNE, associazione di fatto, libera, non riconosciuta

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIAITO DENOMINATA "S H A L O M''

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIAITO DENOMINATA S H A L O M'' STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIAITO DENOMINATA "S H A L O M'' Generalita Art. 1 à Denominazione E' costituita l'associazione di Volontariato denominata» Shalom è, di seguito detta Organizzazione.

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SGUARDI DI LUCE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SGUARDI DI LUCE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SGUARDI DI LUCE ART. 1 (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: SGUARDI DI LUCE Associazione di genitori, familiari di bambini e ragazzi

Dettagli

TITOLO III. - LA STRUTTURA. 1. L Assemblea della Federazione si compone dei delegati delle società ed associazioni ad

TITOLO III. - LA STRUTTURA. 1. L Assemblea della Federazione si compone dei delegati delle società ed associazioni ad TITOLO III. - LA STRUTTURA a) L Assemblea Art. 14 Composizione 1. L Assemblea della Federazione si compone dei delegati delle società ed associazioni ad essa affi liate, che vi partecipano, con eguali

Dettagli

STATUTO G.F. IL CUPOLONE DLF-BFI. Approvato Dall Assemblea dei soci in data

STATUTO G.F. IL CUPOLONE DLF-BFI. Approvato Dall Assemblea dei soci in data STATUTO G.F. IL CUPOLONE DLF-BFI Approvato Dall Assemblea dei soci in data 29-05 - 2008 Art. 1 Costituzione e denominazione 1. E costituita in Firenze nel 1961, una associazione denominata Gruppo Fotografico

Dettagli

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense Art. 1 Disposizioni generali E costituita in Roma, con sede legale presso il Tribunale Civile,

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO IL CONSIGLIO D ISTITUTO

REGOLAMENTO DI ISTITUTO IL CONSIGLIO D ISTITUTO REGOLAMENTO DI ISTITUTO IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO l art. 10, comma 3, lettera a) del T.U. 16/4/94, n. 297; VISTI gli artt. 8 e 9 del DPR 8/3/99, n. 275; VISTO il D.I. 01/02/2001, n.44; VALUTATA l opportunità

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE CIRCOLO DEI DIPENDENTI BANCA POPOLARE DI RAVENNA

STATUTO ASSOCIAZIONE CIRCOLO DEI DIPENDENTI BANCA POPOLARE DI RAVENNA Allegato A al verbale del 20/11/2007 STATUTO ASSOCIAZIONE CIRCOLO DEI DIPENDENTI BANCA POPOLARE DI RAVENNA TITOLO I DENOMINAZIONE E FINALITÁ Art.1 E costituita l Associazione non commerciale denominata

Dettagli

Associazione di Volontariato ARCI 690.

Associazione di Volontariato ARCI 690. STATUTO Art 1 E costituita con sede in Cascina, presso i locali della Pubblica Assistenza, Via Comaschi, 46 un Associazione di Volontariato che assume la denominazione di Associazione di Volontariato ARCI

Dettagli

TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE TITOLO SECONDO: FINALITA

TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE TITOLO SECONDO: FINALITA STATUTO Coordinamento Nazionale per la tutela dai campi elettromagnetici CO.NA.CEM. ONLUS TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE Art. 1 - Costituzione e denominazione. 1 E costituita l Associazione denominata «Coordinamento

Dettagli

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 ASSOCIAZIONE CULTURALE GLI ABRUZZESI A FIRENZE STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 Articolo 1 Costituzione E costituita, con sede in Firenze, l Associazione culturale denominata GLI ABRUZZESI A FIRENZE

Dettagli

STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO DALMINE

STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO DALMINE STATUTO DEL ART. 1 COSTITUZIONE ******* 1.1. E costituita un associazione senza scopo di lucro denominata. 1.2. L associazione è apartitica ed apolitica. 1.3. L associazione ha sede in DALMINE (BG), via

Dettagli

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze)

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze) STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) É costituita una Federazione tra l Associazione bancaria italiana (ABI), l Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (ANIA) e le Associazioni rappresentative

Dettagli

La Casa di Margherita

La Casa di Margherita La Casa di Margherita Associazione di Solidarietà Familiare Via Trento Trieste 1-20043 Arcore (MI) www.lacasadimargherita.org Statuto dell Associazione Art. 1 Costituzione 2.1. É costituita l Associazione

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICO PARCO. E costituita a Valdieri (CN) l Associazione di volontariato

STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICO PARCO. E costituita a Valdieri (CN) l Associazione di volontariato STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICO PARCO Art. 1 - Costituzione, denominazione, sede e durata E costituita a Valdieri (CN) l Associazione di volontariato denominata AMICO PARCO, con sede legale

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE VILLAVERLA. Statuto Associazione Volontari Protezione Civile VILLAVERLA Pagina 1 di 9

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE VILLAVERLA. Statuto Associazione Volontari Protezione Civile VILLAVERLA Pagina 1 di 9 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DI VILLAVERLA Statuto Associazione Volontari Protezione Civile VILLAVERLA Pagina 1 di 9 DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Denominazione e sede

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE PREAMBOLO Il presente Regolamento disciplina l attività del Consiglio dell Ordine Forense di Frosinone nell osservanza delle disposizioni legislative in materia

Dettagli

STATUTO C.O.C.I.S. ARTICOLO 1 (denominazione e finalità)

STATUTO C.O.C.I.S. ARTICOLO 1 (denominazione e finalità) STATUTO C.O.C.I.S. ARTICOLO 1 (denominazione e finalità) E costituita la federazione di organismi di solidarietà e cooperazione internazionale denominata C.O.C.I.S.- Coordinamento delle Organizzazioni

Dettagli