IL RISCHIO ELETTRICO NEI LOCALI AD USO MEDICO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL RISCHIO ELETTRICO NEI LOCALI AD USO MEDICO"

Transcript

1 IL RISCHIO ELETTRICO NEI LOCALI AD USO MEDICO IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI

2 Individuazione del rischio L individuazione del rischio per il paziente deve essere fatta seguendo degli indirizzi precisi. Tra questi, si raccomanda una conoscenza specifica degli impianti elettrici e degli apparecchi elettromedicali, specie quando i pazienti vengono sottoposti a cure intensive di importanza critica. E indispensabile che i rischi connessi ai locali ad uso medico vengano sempre stabiliti dopo attente valutazioni con il responsabile clinico o medico, che dovrà valutare: l entità del rischio; il pericolo di macro e microshock; il tipo di intervento da effettuare; gli apparecchi elettromedicali da utilizzare; l eventuale tipo di anestesia praticata; se la mancanza di qualsiasi tipo di energia possa mettere in pericolo la vita del paziente. La valutazione del rischio in particolare terrà conto della eventuale presenza di apparecchi elettromedicali con parti applicate e se le parti applicate vengono utilizzate in modo invasivo interessando o meno la zona cardiaca (macro e microshock).

3 Macroshock e Microshock a) Nella persona in condizioni normali, solo una parte della corrente che fluisce nel corpo interessa la regione cardiaca; b) Nel paziente cateterizzato tutta la corrente che entra nel corpo attraversa il cuore. In particolari situazioni cliniche il paziente ha il cuore in collegamento elettrico con l esterno (i fili isolati, quali gli elettrodi di un pacemaker quando il pacemaker è alimentato provvisoriamente dall esterno, gli elettrodi di un E.C.G. intracardiaco, i cateteri riempiti di fluidi conduttori applicati in zona cardiaca) e diventa estremamente sensibile alle correnti elettriche. Correnti dell ordine della decina di microampere possono innescare la fibrillazione ventricolare, donde il nome di microshock. Per fronteggiare il pericolo di microshock occorrono misure di protezione eccezionali sull impianto e negli apparecchi.

4 LOCALI MEDICI Si intendono i locali destinati ad attività diagnostiche, terapeutiche, chirurgiche, di riabilitazione. I locali di una struttura sanitaria dove si svolgono attività diverse da quelle mediche non sono da ritenere locali medici, ma ordinari come ad esempio le sale di attesa, corridoi, spogliatoi del personale, locali da bagno (anche se annessi alle camere di degenza).

5 CLASSIFICAZIONE I locali medici, sono classificati, secondo un criterio di pericolosità crescente, in tre gruppi: - Locali medici di gruppo 0 - Locali medici di gruppo 1 - Locali medici di gruppo 2

6 Locali medici di gruppo 0 Sono i locali dove non si utilizzano apparecchi elettromedicali con parti applicate. Per parte applicata si intende una parte dell apparecchio destinata ad entrare in contatto col paziente per motivi funzionali

7 Locali medici di gruppo 1 Sono locali dove si fa uso di apparecchi elettromedicali con parti applicate, anche all interno del corpo ma non in zona cardiaca Sono ad esempio di gruppo 1 le camere di degenza, le sale per emodialisi, per endoscopie, per idroterapia,per urologia, per radiologia, ecc.

8 Locali medici di gruppo 2 Sono i locali dove si eseguono operazioni chirurgiche, interventi intracardiaci oppure sorveglianza o terapia intensiva. Sono ad esempio di gruppo 2 le sale operatorie, la sala per esami angiografici, per anestesia, per cure intensive ecc.

9 Chi classifica i locali? La classificazione dei locali medici è compito del Responsabile Sanitario, il quale conosce le attività mediche svolte nei vari locali della struttura. Un ambulatorio medico è di gruppo 0, se il medico non porta a contatto del paziente apparecchi elettromedicali. Un ambulatorio dentistico (gabinetto odontoiatrico) è un locale di gruppo 1, diventa di gruppo 2 se vengono compiuti interventi chirurgici in analgesia generale (ambulatorio chirurgica). I locali estetici sono assimilati a locali medici. Se l estetista utilizza apparecchi elettrici da applicare alla persona il locale è di gruppo 1; se, viceversa, nessun apparecchio elettrico utilizzato dall estetista ha parti destinate ad entrare in contatto con la persona il locale estetico è di gruppo 0.

10

11 Prescrizioni Nei locali medici di gruppo 0 è sufficiente un impianto elettrico di tipo ordinario. Nei locali medici di gruppo1 e di gruppo 2 si applicano le misure di protezione indicate nella norma CEI 64-8, sez. 710 le quali tengono conto della zona paziente.

12 Zona paziente Per zona paziente si intende qualsiasi volume in cui un paziente con parti applicate può venire in contatto intenzionale, o non intenzionale, con altri apparecchi elettromedicali o con masse estranee, direttamente o per mezzo di altre persone in contatto con tali elementi.

13 Se il paziente con le parti applicate può assumere diverse posizioni, la zona paziente diventa l inviluppo delle zone paziente relative a ogni posizione del lettino. In caso di dubbio, o di posizioni non determinate, si assume tutto il locale come zona paziente.

14 Prescrizioni per gli impianti nei locali di gruppo 1 Nei locali medici di gruppo 1 la tensione di contatto limite UL è uguale a 25 V. Nei sistemi TT la resistenza di terra deve essere pertanto la metà di quella ammessa nei locali ordinari. Nei sistemi TN dove U0 = 230 V le protezioni sui circuiti terminali devono intervenire per un guasto franco a terra entro 0,2 sec. (e non 0,4 sec. come nei locali ordinari). Sui circuiti di distribuzione (circuiti che alimentano i quadri) è ammesso un tempo fino a 5 sec. Non sono ammessi i sistemi TN-C. I circuiti prese (fino a 32 A) devono essere protetti con interruttori differenziali tipo A o B*.

15 Nodo equipotenziale nei locali di gruppo 1 Le masse e le masse estranee situate o che possono entrare nella zona paziente, devono essere collegate direttamente al nodo equipotenziale. E ammesso un solo sub-nodo tra una qualsiasi massa o massa estranea e il nodo equipotenziale. Il polo di terra di tutte le prese del locale deve essere collegato al nodo equipotenziale, anche se sono poste al di fuori della zona paziente (perché l apparecchio alimentato dalla prese può entrera nella zona paziente).

16 massa: parte conduttrice di un componente elettrico che può essere toccata e che non è in tensione in condizioni ordinarie ma che può andare in tensione in condizioni di guasto all isolamento principale. massa estranea : parte conduttrice non facente parte dell impianto elettrico in grado di introdurre un potenziale, generalmente il potenziale di terra.

17 I collegamenti entra-esci su più di due prese non sono ammessi poiché costituiscono altrettanti sub-nodi

18 Nei locali di gruppo 1 sono da considerare masse estranee le parti metalliche non facenti parte dell impianto elettrico, che presentano verso terra una resistenza minore di 200 Ohm. I conduttori che collegano le masse al nodo equipotenziale sono gli stessi conduttori di protezione (PE). I conduttori che collegano le masse estranee al nodo equipotenziale prendono il nome di conduttori equipotenziali (supplementari) e devono avere una sezione di almeno 6 mmq. (rame).

19 I conduttori devono essere singolarmente scollegabili e chiaramente identificabili per funzione e provenienza, in modo da facilitare l effettuazione delle verifiche. Il nodo equipotenziale deve essere facilmente accessibile ed ispezionabile, ad esempio può essere posto entro una cassetta di derivazione; deve essere posto entro, o vicino, al locale medico ed essere collegato a terra con un conduttore di sezione almeno uguale a quella del conduttore di sezione più elevata connesso al nodo. Nei locali di gruppo 1, è richiesto che almeno un apparecchio d illuminazione sia alimentato anche dal gruppo elettrogeno, oppure sia presente un apparecchio di emergenza autonomo.

20 Prescrizioni per gli impianti nei locali di gruppo 2 Si applica quanto già detto per i locali di gruppo 1 ai sistemi TT e TN. Inoltre: le prese del locale e gli apparecchi che sono situati o che possono entrare nella zona paziente, devono essere alimentati da un trasformatore d isolamento ad uso medicale dotato di un dispositivo di controllo dell isolamento (sistema IT-M), ad eccezione degli apparecchi radiologici o di potenza superiore a 5 KVA (e le relative prese).

21 Protezione per separazione elettrica (trasformatore d isolamento) Chi si trovasse a toccare una parte in tensione di un sistema elettrico completamente isolato da terra, e tanto poco esteso da poter trascurare le correnti capacitive, non subirebbe conseguenza alcuna perché non vi sarebbe possibilità di chiusura del circuito verso terra Un guasto a terra nell apparecchio alimentato dal trasformatore d isolamento non determina una corrente attraverso la persona. Il circuito verso terra è infatti interrotto dal trasformatore d isolamento

22 Equalizzazione del potenziale nei locali di gruppo 2 Tutte le masse e le masse estranee che sono o che possono trovarsi nella zona paziente, nonché il polo di terra di tutte le prese a spina del locale, devono essere collegate direttamente al nodo equipotenziale. [Nei locali medici di gruppo 2, con pericolo di microshock, si considera massa estranea le parti metalliche che non fanno parte dell impianto elettrico e che presentano verso terra una resistenza inferiore a 0,5 MΩ]. Devono inoltre essere collegate al nodo: - l eventuale schermo metallico tra gli avvolgimenti del trasformatore d isolamento ad uso medicale *; - Gli eventuali schermi per la riduzione dei disturbi e griglie conduttrici sotto il pavimento; - Per quanto possibile, i ferri di armatura del cemento armato del locale.

23 NODO EQUIPOTENZIALE E TRASFORMATORE D ISOLAMENTO Nei locali dove vi è pericolo di microshock deve essere conseguita la massima equipotenzialità tra le masse e le masse estranee. Se consideriamo pericolose correnti di µa e si assume come resistenza del corpo umano Ω, ne consegue una tensione limite di sicurezza di circa 10 mv. a) Un guasto d isolamento in un apparecchio esterno all insieme equipotenziale non ha conseguenza alcuna. b) Un guasto a terra in uno degli apparecchi connessi al nodo equipotenziale, determinerebbe però una differenza di potenziale, nei confronti degli altri apparecchi, pari al prodotto della corrente di guasto per la resistenza del tratto di conduttore di protezione, compreso l apparecchio e il nodo equipotenziale. Es. Una corrente di guasto di 10 A su una resistenza di 0,1 Ω darebbe origine a condizioni di pericolo mortale per il paziente. Per ovviare all inconveniente gli apparecchi vanno alimentati tramite il trasformatore d isolamento che riducendo la corrente di guasto a terra, migliora la sicurezza del paziente contro il microshock e garantisce la sicurezza del servizio in caso di guasto a terra

24 Ulteriori prescrizioni per gli impianti nei locali di gruppo 2 La resistenza del collegamento equipotenziale, incluse le resistenze di contatto delle connessioni, non deve superare 0,2 Ω. Al nodo equipotenziale e ai relativi conduttori di protezione equipotenziali si applicano le stesse prescrizioni indicate per i locali di gruppo 1. Le prese alimentate dal sistema IT-M non devono essere intercambiabili con le altre prese a spina installate nel locale (destinate ad alimentare apparecchi radiologici o di potenza superiore a 5 KVA). Le prese a spina alimentate dal sistema IT-M, destinate ad un posto paziente, devono essere alimentate da due circuiti distinti, oppure essere protette singolarmente o a gruppi (almeno due) contro le sovracorrenti. Nei locali di gruppo 2 è richiesto che almeno metà degli apparechi d illuminazione siano alimentati anche dal gruppo elettrogeno, oppure siano sostituiti da apparecchi di emergenza autonomi.

25 Tabelle riassuntive sulle principali prescrizioni della norma CEI 64-8 sez. 710

26 Microshock: particolari situazioni cliniche in cui il paziente ha il cuore in collegamento elettrico con l esterno e diventa estremamente sensibile alle correnti elettriche. Correnti dell ordine della decina di microampere possono innescare la fibrillazione ventricolare. Alcuni apparecchi elettromedicali utilizzano elettrodi e cateteri che mettono il cuore del paziente in collegamento elettrico con l esterno.

27

28

29

30 Classificazione dell alimentazione di sicurezza nei locali ad uso medico Classe 0 (di continuità): alimentazione automatica disponibile senza interruzioni Classe 0,15 (ad interruzione brevissima): alimentazione automatica disponibile in un tempo inferiore o uguale a 0,15 s Classe 0,5 (ad interruzione breve): alimentazione automatica disponibile in un tempo superiore a 0,15 s ma non superiore a 0,5 s Classe 15 (ad interruzione media): alimentazione automatica disponibile in un tempo superiore a 0,5 s ma non superiore a 15 s Classe > 15 (ad interruzione lunga): alimentazione automatica disponibile in più di 15 s (1) Generalmente non è necessario prevedere una alimentazione senza interruzione per apparecchi elettromedicali. Certi apparecchi comandati da microprocessori tuttavia possono richiedere tale alimentazione. (2) Si raccomanda che l alimentazione di sicurezza prevista per locali richiedenti classificazioni differenti siano della classe che dà la più elevata garanzia di alimentazione. Fare riferimento all Appendice 5 per avere una guida nell associare la classe delle sorgenti di sicurezza ai locali ad uso medico.

31 (int. breve) (int. media) 1) Apparecchi di illuminazione ed apparecchi elettromedicali con funzioni di supporto vitale che richiedono una alimentazione entro 0,5 s. o meno. 5) Solo per i locali di gruppo 1.

32

Impianto elettrico in locale ad uso medico

Impianto elettrico in locale ad uso medico Impianto elettrico in locale ad uso medico Studio di Ingegneria Magrini Polloni Marco Tel. 0382-21902 Fax 0382-21902 Via San Carlo 5 27100 Pavia www.mpm1962.altervista.org Alessia94@libero.it Sommario

Dettagli

Impianti elettrici in edifici adibiti ad uso medico

Impianti elettrici in edifici adibiti ad uso medico V.I.T.E.S.A. Impianti elettrici in edifici adibiti ad uso medico Dott. Ing. Pietro Antonio SCARPINO Professore a contratto Università di Firenze e Libero Professionista Un po di storia Decreto del Duce

Dettagli

Impianti elettrici negli ambienti medici

Impianti elettrici negli ambienti medici Impianti elettrici negli ambienti medici Un po di storia Panorama Legislativo per la realizzazione degli impianti Decreto del Duce e del Fascismo 29/07/1939 Approvazione per le costruzioni ospedaliere

Dettagli

710 Locali ad uso medico

710 Locali ad uso medico 710 Locali ad uso medico Nei locali ad uso medico è necessario garantire la sicurezza dei pazienti che potrebbero essere soggetti all applicazione di apparecchi elettromedicali. Per qualsiasi attività

Dettagli

Locali ad uso medico

Locali ad uso medico 1 Locali ad uso medico 1.1 Generalità 1. Locali di gruppo 0 e gruppo 1 (ex tipo B e A) Fra i locali considerati a maggior rischio elettrico, e quindi soggetti a specifiche prescrizioni (nuova sezione 710

Dettagli

La sicurezza degli impianti elettrici nei locali ad uso medico. 1. Generalità

La sicurezza degli impianti elettrici nei locali ad uso medico. 1. Generalità La sicurezza degli impianti elettrici nei locali ad uso medico. Generalità Il paziente all'interno di un locale ad uso medico è sottoposto ad una serie di pericoli di natura elettrica sicuramente maggiori

Dettagli

NOTA TECNICA n 1 / 2001

NOTA TECNICA n 1 / 2001 Ω di per. ind. Marco Ianes Iscrizione albo dei periti industriali n 1891 via 4 Novembre, 38 38014 GARDOLO (TN) TELEFONO 0461/990995 CELLULARE: 0349/8778198 e-mail: studioomega@marcoianes.it NOTA TECNICA

Dettagli

VERIFICA E CONTROLLO DEGLI IMPIANTI NEI LOCALI AD USO MEDICO. RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI

VERIFICA E CONTROLLO DEGLI IMPIANTI NEI LOCALI AD USO MEDICO. RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI VERIFICA E CONTROLLO DEGLI IMPIANTI NEI LOCALI AD USO MEDICO RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI OGGETTO E SCOPO DELLE VERIFICHE Per verifica si intende l insieme delle operazioni

Dettagli

Protezione dai contatti diretti. Sistemi a bassissima tensione

Protezione dai contatti diretti. Sistemi a bassissima tensione Elettrotecnica, Impianti e Rischio Elettrico A.A. 2013-2014 Università dell Insubria - Varese Protezione dai contatti diretti. Sistemi a bassissima tensione dott. ing. Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica (Seconda parte) Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Concluso l esame a vista, secondo quanto

Dettagli

L'impianto elettrico nei locali ad uso estetico

L'impianto elettrico nei locali ad uso estetico L'impianto elettrico nei locali ad uso estetico 1. Generalità Un centro estetico può essere un locale a se stante (fig. 1), oppure essere inserito all'interno di una struttura più grande, come un albergo,

Dettagli

Electrical installation of buildings Section 710: Medical locations IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO NORMA TECNICA VARIANTE 64-8/7;V2 5903

Electrical installation of buildings Section 710: Medical locations IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO NORMA TECNICA VARIANTE 64-8/7;V2 5903 N O R M A I T A L I A N A C E I Norma Italiana CEI 64-8/7;V2 Data Pubblicazione 2001-01 Classificazione Titolo Title Fascicolo 64-8/7;V2 5903 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore

Dettagli

LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE

LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE La norma CEI 64 8 per impianti elettrici utilizzatori prevede che prima di

Dettagli

VERIFICHE ELETTRICHE ED APPARECCHI ELETTROMEDICALI NEGLI STUDI ODONTOIATRICI

VERIFICHE ELETTRICHE ED APPARECCHI ELETTROMEDICALI NEGLI STUDI ODONTOIATRICI VERIFICHE ELETTRICHE ED APPARECCHI ELETTROMEDICALI NEGLI STUDI ODONTOIATRICI Attività soggette Per luoghi ad uso medico la Norma CEI 64/8 intende qualsiasi locale destinato a scopi diagnostici, terapeutici,

Dettagli

VERIFICA E COLLAUDO DELLE PROTEZIONI CONTRO I CONTATTI INDIRETTI NEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEI SISTEMI TT BT

VERIFICA E COLLAUDO DELLE PROTEZIONI CONTRO I CONTATTI INDIRETTI NEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEI SISTEMI TT BT Fonti: VERIFICHE E COLLAUDI DEGLI IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI AUTORE: LUCA LUSSORIO - EDITORE: GRAFILL- 2011 MANUALE D USO COMBITEST 2019 HT ITALIA 2004 VERIFICA E COLLAUDO DELLE PROTEZIONI CONTRO I

Dettagli

H+Line Guida pratica per ambienti ospedalieri di gruppo 2

H+Line Guida pratica per ambienti ospedalieri di gruppo 2 H+Line Guida pratica per ambienti ospedalieri di gruppo 2 indice Guida pratica per ambienti ospedalieri di gruppo 2 1 Introduzione 1.1 Premessa e scopo del documento... 2 1.2 ABB al servizio dell efficienza

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

Appunti Corso di Sistemi Elettrici

Appunti Corso di Sistemi Elettrici UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MESSINA Dipartimento di Ingegneria Contrada Di Dio I, 98166 Villaggio S. Agata Messina Appunti Corso di Sistemi Elettrici Capitolo 13 La separazione elettrica Anno Accademico

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI - LOCALI BAGNI E DOCCE

IMPIANTI ELETTRICI - LOCALI BAGNI E DOCCE IMPIANTI ELETTRICI - LOCALI BAGNI E DOCCE Sommario 1. Definizione 2. Fonti normative 3. Questioni interpretative 4. Caratteristiche e modalità di installazione 5. Adempimenti amministrativi 6. Voci di

Dettagli

La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali

La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali Seminario di Ingegneria Clinica 2013 La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali Con il Patrocinio di Cagliari, Facoltà di Ingegneria Aula V 14 Giugno 2013 ore

Dettagli

Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000V in corrente alternata e a 1500V in corrente continua

Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000V in corrente alternata e a 1500V in corrente continua Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000V in corrente alternata e a 1500V in corrente continua Norma CEI 64-8 Parte 6 Verifiche Definizioni Generalità Esame

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI

GUIDA OPERATIVA PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME COORDINAMENTO TECNICO INTERREGIONALE DELLA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO ISTITUTO PER L'INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA NELL AZIENDA SANITARIA LOCALE Applicazione del D.Lgs. 81/08 IL RISCHIO ELETTRICO. Dr. Nicola Carriero

SALUTE E SICUREZZA NELL AZIENDA SANITARIA LOCALE Applicazione del D.Lgs. 81/08 IL RISCHIO ELETTRICO. Dr. Nicola Carriero SALUTE E SICUREZZA NELL AZIENDA SANITARIA LOCALE Applicazione del D.Lgs. 81/08 IL RISCHIO ELETTRICO Dr. Nicola Carriero IL RISCHIO ELETTRICO Per rischio elettrico si intende la probabilità che si verifichi

Dettagli

Sistemi Elettrici }BT }AT

Sistemi Elettrici }BT }AT Sistemi Elettrici DEFINIZIONE (CEI 11-1) Si definisce SISTEMA ELETTRICO la parte di impianto elettrico costituita dai componenti elettrici aventi una determinata TENSIONE NOMINALE (d esercizio). Un sistema

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com 1 INTRODUZIONE La Norma CEI 64-8/6 tratta delle verifiche per gli impianti elettrici in BT. Le prove eseguibili sono in ordine sequenziale dirette a verificare e/o misurare: continuità dei conduttori di

Dettagli

CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE

CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE Scelta delle misure di protezione contro i contatti diretti Le misure di protezione mediante isolamento

Dettagli

I locali da bagno e doccia

I locali da bagno e doccia I locali da bagno e doccia 1. Classificazione delle Zone In funzione della pericolosità, nei locali bagno e doccia (Norma 64-8 sez. 701) si possono individuare quattro zone (fig. 1) che influenzano i criteri

Dettagli

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia Pubblicato il: 11/12/2003 Aggiornato al: 11/12/2003 di Gianluigi Saveri Secondo la Norma 64-8 sez. 701, in funzione della pericolosità, nei locali bagno

Dettagli

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI Oggetto e scopo VERIFICA: insieme delle operazioni necessarie per accertare la rispondenza di un impianto elettrico a requisiti stabiliti (rispondenza alle prescrizioni

Dettagli

/HJJLSULQFLSDOLLQWHPDGL VLFXUH]]DGHJOLLPSLDQWLHOHWWULFL

/HJJLSULQFLSDOLLQWHPDGL VLFXUH]]DGHJOLLPSLDQWLHOHWWULFL /HJJLSULQFLSDOLLQWHPDGL VLFXUH]]DGHJOLLPSLDQWLHOHWWULFL DPR n 547/55 1RUPHSHUODSUHYHQ]LRQHGHJOLLQIRUWXQLVXO ODYRUR Legge n 186/68 'LVSRVL]LRQLFRQFHUQHQWLODSURGX]LRQHGL PDWHULDOLDSSDUHFFKLDWXUHPDFFKLQDULLQVWDOOD]LRQLHLPSLDQWL

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista In genere si ricorre a forniture monofase nei cantieri di limitata potenza e gli scaglioni sono 1,5; 3; 4,5; 6 KW, mentre per cantieri più grandi si usano delle forniture trifase con potenze pari a 6;

Dettagli

DIFFERENZE TRA LE NORME CEI 64-4(1997) E 64-8 Sez.710 (2007) VERIFICA E CONTROLLO DEGLI IMPIANTI NEI LOCALI MEDICI DI GRUPPO 2

DIFFERENZE TRA LE NORME CEI 64-4(1997) E 64-8 Sez.710 (2007) VERIFICA E CONTROLLO DEGLI IMPIANTI NEI LOCALI MEDICI DI GRUPPO 2 DIFFERENZE TRA LE NORME CEI 64-4(1997) E 64-8 Sez.710 (2007) VERIFICA E CONTROLLO DEGLI IMPIANTI NEI LOCALI MEDICI DI GRUPPO 2 Modena 22-11-2011 Gli ispettori Pettenati & Savigni PRIMA NORMA PRIMA EDIZIONE

Dettagli

Impianti elettrici nelle strutture sanitarie

Impianti elettrici nelle strutture sanitarie Armando Ferraioli Impianti elettrici nelle strutture sanitarie Nozioni fondamentali ed esempi progettuali Dario Flaccovio Editore Armando Ferraioli Impianti elettrici nelle strutture sanitarie ISBN 9788857903651

Dettagli

Protezione contro gli infortuni elettrici

Protezione contro gli infortuni elettrici IMPIANTI ELETTRICI: Protezione contro gli infortuni elettrici 1 Pericolosità della corrente elettrica (CEI fascicolo 1335 P). Il passaggio della corrente elettrica attraverso il corpo umano può provocare

Dettagli

Il neutro, un conduttore molto "attivo" (3)

Il neutro, un conduttore molto attivo (3) 1 Il neutro, un conduttore molto "attivo" (3) 3. I sistemi elettrici in relazione al modo di collegamento a terra del neutro e delle masse In funzione della messa a terra del neutro e delle masse, un sistema

Dettagli

INDICE Manuale Volume 2

INDICE Manuale Volume 2 INDICE Manuale Volume 2 Pag. NOTA DEGLI EDITORI PREFAZIONE 1. INTRODUZIONE 1 2. DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2.1 Principali disposizioni legislative 3 2.2 Principali norme tecniche

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI ENERGIA ELETTRICA

IMPIANTI ELETTRICI ENERGIA ELETTRICA IMPIANTI ELETTRICI ENERGIA ELETTRICA forma di energia più conosciuta ed utilizzata facilmente trasportabile facilmente trasformabile in energia meccanica, termica, chimica, luce pericolosa in caso di guasti,

Dettagli

CEI 64-8/7 Piscine e fontane. CEI 64-8/7 Piscine e fontane

CEI 64-8/7 Piscine e fontane. CEI 64-8/7 Piscine e fontane www.impiantitalia.it R-08 23 23 La Norma 64-8, sezione 7, trattando degli impianti elettrici particolari definisce anche i requisiti degli impianti elettrici delle piscine e delle fontane. Il campo di

Dettagli

CEI EN 60204-1. Prove di verifica dell equipaggiamento elettrico T.R. 000 XX/YY/ZZZZ

CEI EN 60204-1. Prove di verifica dell equipaggiamento elettrico T.R. 000 XX/YY/ZZZZ Azienda TEST REPORT T.R. 000 XX/YY/ZZZZ Prove di verifica dell equipaggiamento elettrico :2006 Sicurezza del macchinario Equipaggiamento elettrico delle macchine Parte 1: Regole generali Il Verificatore:

Dettagli

Si intende una parte conduttrice, che non fa parte dell'impianto. grado di introdurre nell'impianto un potenziale, generalmente quello di terra

Si intende una parte conduttrice, che non fa parte dell'impianto. grado di introdurre nell'impianto un potenziale, generalmente quello di terra MASSA Parte conduttrice, facente parte dell'impianto elettrico o di un apparecchio utilizzatore, che non è in tensione in condizioni ordinarie di isolamento, ma che può andare in tensione in caso di cedimento

Dettagli

Elettrotecnica, Impianti e Rischio Elettrico A.A. 2013-2014 Università dell Insubria - Varese

Elettrotecnica, Impianti e Rischio Elettrico A.A. 2013-2014 Università dell Insubria - Varese Elettrotecnica, Impianti e Rischio Elettrico A.A. 2013-2014 Università dell Insubria - Varese Esecuzione dell impianto di terra. Protezione dai contatti indiretti nei sistemi IT. Protezione dai contatti

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

LOCALI AD USO MEDICO

LOCALI AD USO MEDICO DOCUMENTO TECNICO OPERATIVO N. 06/2011 GLI IMPIANTI ELETTRICI NEI LOCALI AD USO MEDICO SOMMARIO Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Questo documento ha lo scopo di illustrare i requisiti

Dettagli

LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI ELETTROMEDICALI: NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PROVE ELETTRICHE PREVISTE

LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI ELETTROMEDICALI: NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PROVE ELETTRICHE PREVISTE ARMANDO FERRAIOLI Bioingegnere LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI ELETTROMEDICALI: NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PROVE ELETTRICHE PREVISTE (Parte Prima) La sicurezza degli apparecchi

Dettagli

Gruppo di miglioramento prevenzione rischio elettrico

Gruppo di miglioramento prevenzione rischio elettrico Gruppo di miglioramento prevenzione rischio elettrico Vademecum 2011 Sommario: 1) Gruppi elettrogeni nei cantieri edili 2) Locali ad uso medico 3) Zone ricarica batterie per autotrazione 4) Promemoria

Dettagli

Classificazione dei Sistemi Elettrici

Classificazione dei Sistemi Elettrici Classificazione dei Sistemi Elettrici Classificazione dei Sistemi Elettrici in base alla tensione Sistema elettrico: complesso delle macchine, delle apparecchiature, delle sbarre e delle linee aventi una

Dettagli

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 Rischio elettrico in edilizia DIVO PIOLI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Attuazione art. 1 L. 123/2007 ELETTRICITA CONTATTI DIRETTI CONTATTI INDIRETTI

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

GUIDA PROGETTUALE DELL IMPIANTO CIVILE

GUIDA PROGETTUALE DELL IMPIANTO CIVILE GUIDA PROGETTUALE DELL IMPIANTO CIVILE 1) CONFORMITA ALLE NORME Tutti i componenti elettrici utilizzati devono essere a regola d arte ed idonei all ambiente di installazione. Il materiale elettrico soggetto

Dettagli

CAPITOLO VII COMPONENTI DELL IMPIANTO: IMPIANTI DI TERRA

CAPITOLO VII COMPONENTI DELL IMPIANTO: IMPIANTI DI TERRA CAPITOLO VII COMPONENTI DELL IMPIANTO: IMPIANTI DI TERRA 1. Premessa Le definizioni sono riportate nell Appendice A. 1.1 Tipi di messa a terra I tipi di messa a terra sono: messa a terra di protezione,

Dettagli

L'impianto elettrico per il bagno

L'impianto elettrico per il bagno OBIETTIVO PROFESSIONE L'impianto elettrico per il bagno Nella progettazione degli impianti elettrici per le nuove abitazioni, da tempo si sono affermate due linee guida: una attenzione alle soluzioni che

Dettagli

Zona 0 (corrisponde al volume interno alla vasca o al piatto doccia occupato dall acqua): è vietato qualsiasi componente elettrico, ad eccezione di:

Zona 0 (corrisponde al volume interno alla vasca o al piatto doccia occupato dall acqua): è vietato qualsiasi componente elettrico, ad eccezione di: I bagni e le docce sono ambienti pericolosi i nei riguardi della sicurezza elettrica. Le norme CEI hanno prescritto per tali ambienti una suddivisione in quattro zone, nelle quali vigono particolari divieti

Dettagli

L' IMPIANTO DI MESSA A TERRA

L' IMPIANTO DI MESSA A TERRA L' IMPIANTO DI MESSA A TERRA SCELTA E DIMENSIONAMENTO DEI COMPONENTI ELETTRICI Nella sesta edizione della norma, il capitolo 54 "Messa a terra e condutture di protezione" ha subito poche modifiche, che

Dettagli

Protezione Differenziale

Protezione Differenziale Protezione Differenziale dai contatti indiretti PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI CORRENTE DI GUASTO A TERRA SISTEMI ELETTRICI DI DISTRIBUZIONE GUASTO A TERRA NEI SISTEMI TT INTERRUTTORE DIFFERENZIALE:

Dettagli

METODOLOGIA OPERATIVA PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE STRUMENTALI

METODOLOGIA OPERATIVA PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE STRUMENTALI METODOLOGIA OPERATIVA PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE STRUMENTALI INDICE MOEV-1 Verifica impianti di terra per sistemi elettrici TT Protezione mediante interruzione automatica dell alimentazione MOEV-2

Dettagli

DM 37/08 - Applicazione.

DM 37/08 - Applicazione. DM 37/08 - Applicazione. In sintesi: Il DM 37/08 si applica agli impianti di cantiere e similari. Non è necessario il progetto (1). È obbligatoria la dichiarazione di conformità (DICO). Il DM 37/08 non

Dettagli

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG ARI LOANO (SV) Utilizzare un Generatore Elettrico in Sicurezza ovvero "come proteggersi dai contatti diretti ed indiretti quando si usa un generatore di corrente elettrica con motore a scoppio". 20.05.2011

Dettagli

LO SHOCK ELETTRICO PARTE 2 MISURE DI PROTEZIONE

LO SHOCK ELETTRICO PARTE 2 MISURE DI PROTEZIONE LO SHOCK ELETTRICO PARTE 2 MISURE DI PROTEZIONE Premessa Nella prima parte della trattazione (documento Lo shock elettrico - parte 1 - modalità di accadimento ed effetti allegato alla pagina Eventi dannosi

Dettagli

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6CFU) a.a. 20I2/2013 Stefano Bifaretti 2/31 3/31 4/31 In questa fase vengono effettuate le

Dettagli

PROCEDURA N 11 UTILIZZO DELLE PRESE ELETTRICHE IN SALA OPERATORIA - Ospedale di Vaio -

PROCEDURA N 11 UTILIZZO DELLE PRESE ELETTRICHE IN SALA OPERATORIA - Ospedale di Vaio - Dipartimento Tecnico e delle Tecnologie Procedura n. 11 per l utilizzo delle prese elettriche in sala operatoria ospedale Vaio Versione:01 PROCEDURA N 11 UTILIZZO DELLE PRESE ELETTRICHE IN SALA OPERATORIA

Dettagli

IL PROGETTISTA IL COMMITTENTE L IMPRESA. 10.10.2014 A02 Relazione tecnica specialistica G.L.G. G.L.G. DATA DESCRIZIONE REDATTO CONTROLLATO

IL PROGETTISTA IL COMMITTENTE L IMPRESA. 10.10.2014 A02 Relazione tecnica specialistica G.L.G. G.L.G. DATA DESCRIZIONE REDATTO CONTROLLATO IL PROGETTISTA IL COMMITTENTE L IMPRESA 10.10.2014 A02 Relazione tecnica specialistica G.L.G. G.L.G. DATA DESCRIZIONE REDATTO CONTROLLATO committente Comune di Sorico Piazza Cesare Battisti, 2 22010 SORICO

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica Sicurezza elettrica: Effetti fisiopatologici della corrente elettrica Effetti della corrente sul corpo umano folgorazione ed arco elettrico - Protezione dai contatti elettrici - Aspetti costruttivi degli

Dettagli

Premessa. Centri estetici

Premessa. Centri estetici Premessa La presente guida informativa non è aggiornata (risale all ottobre 2003), ma dà un indicazione di massima della complessità normativa che circonda i luoghi soggetti a normativa specifica (centri

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO (Decreto n. 37 del 22 Gennaio 2008) Pagina 1 di 9 INDICE 1. OGGETTO...3 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO...3 3. DESCRIZIONE LAVORO....4 3.1.ALIMENTAZIONE IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE

Dettagli

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti;

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti; Impianto di terra Generalità L impianto di terra costituisce fondamentalmente un mezzo per disperdere correnti elettriche nel terreno e per proteggere, unitamente ai dispositivi d interruzione automatica

Dettagli

Norma CEI 11-1 Campo di applicazione e definizioni

Norma CEI 11-1 Campo di applicazione e definizioni Norma CEI 11-1 Campo di applicazione e definizioni di Gianluigi Saveri 1. Campo di applicazione La nona edizione della Norma CEI 11-1, derivata dal documento di armonizzazione europeo HD 637, è entrata

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA collegamento a terra degli impianti elettrici

SICUREZZA ELETTRICA collegamento a terra degli impianti elettrici SICUREA ELERICA collegamento a terra degli impianti elettrici classificazione dei sistemi elettrici in basa al collegamento a terra sistemi, -C,-S,I corrente di impiego collegamenti equipotenziali guasto

Dettagli

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli

IMPIANTI DI TERRA Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A.

IMPIANTI DI TERRA Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. IMPIANTI DI TERRA Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università degli Studi di Cagliari

Dettagli

8. Protezione dai contatti indiretti senza interruzione automatica

8. Protezione dai contatti indiretti senza interruzione automatica 8.1 Generalità 8. Protezione dai contatti indiretti senza interruzione automatica Sono questi dei metodi di protezione che, a differenza dei sistemi di protezione attiva trattati fino ad ora (protezione

Dettagli

ASL 1 2 TORINO 2008 LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DOMESTICI. Dipartimento di Prevenzione Struttura Semplice EPIDEMIOLOGIA ED EDUCAZIONE SANITARIA CORSO

ASL 1 2 TORINO 2008 LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DOMESTICI. Dipartimento di Prevenzione Struttura Semplice EPIDEMIOLOGIA ED EDUCAZIONE SANITARIA CORSO Dipartimento di Prevenzione Struttura Semplice EPIDEMIOLOGIA ED EDUCAZIONE SANITARIA CORSO LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DOMESTICI 1 Edizione: 9 e 11 giugno 2008 2 Edizione: 29 settembre e 1 ottobre 2008

Dettagli

Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI

Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI Ing. Claudio Noro libero professionista - Vicenza 1

Dettagli

La sicurezza elettrica nel condominio

La sicurezza elettrica nel condominio La sicurezza elettrica nel condominio Relatore Francesco Mirabile Federazione Nazionale Amministratori Immobiliari 16/11/2014 EN Measure s.r.l 1 Indice del corso 1. Leggi di riferimento 2. Norme tecniche

Dettagli

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv 1 L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv La Norma CEI EN 50107 ( entrata in vigore nel settembre del 1999 e classificata come 34-86) fornisce i criteri

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT POTEZONE DA CONTATT NDETT NE SSTEM TT Appunti a cura dell ng. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d ngegneria dell Università degli

Dettagli

Impianti di Messa a Terra

Impianti di Messa a Terra FACOLTÁ DI INGEGNERIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Impianti di Messa a Terra Prof. Roberto Mugavero tel/fax 06-72597320 e-mail mugavero@ing.uniroma2.it Normativa L'impianto di terra può essere

Dettagli

Impianti sportivi (Norme di Installazione)

Impianti sportivi (Norme di Installazione) Norme di installazione (le disposizioni indicate si riferiscono ad un impianto sportivo classificato come locale di pubblico spettacolo; se così non fosse, seguire le indicazioni per un impianto ordinario)

Dettagli

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia 1. PREMESSA Nella presente relazione sono illustrati i criteri di scelta delle soluzioni progettuali adottate, in relazione alla classificazione dei luoghi ed in ottemperanza alle norme tecniche di riferimento.

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN LOCALI AD USO MEDICO

SICUREZZA ELETTRICA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN LOCALI AD USO MEDICO SICUREZZA ELETTRICA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN LOCALI AD USO MEDICO Garbagnate Milanese, 26-27 Marzo 2013 1 Agenda INTRODUZIONE EFFETTI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO CENNI ALLE TIPOLOGIE DEGLI

Dettagli

L equipaggiamento elettrico delle macchine

L equipaggiamento elettrico delle macchine L equipaggiamento elettrico delle macchine Convegno La normativa macchine: obblighi e responsabilità 4 giugno 05 Ing. Emilio Giovannini Per. Ind. Franco Ricci U.F. Prevenzione e Sicurezza Verifiche Periodiche

Dettagli

Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento (seconda parte)

Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento (seconda parte) Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento (seconda parte) Pubblicato il: 17/05/2004 Aggiornato al: 25/05/2004 di Gianluigi Saveri 1. L impianto elettrico L appartamento che si prende come

Dettagli

titolo e contenuto della tavola: ELETTRICO CDZ STUDIO ING. MICHELE DESIATI

titolo e contenuto della tavola: ELETTRICO CDZ STUDIO ING. MICHELE DESIATI sezione: ELETTRICO CDZ titolo e contenuto della tavola: VERBALE DI REGOLARE ESECUZIONE IMPIANTO CLIMATIZZAZIONE IMPIANTO ELETTRICO STUDIO ING. MICHELE DESIATI - Energia - Sicurezza luoghi lavoro - Acustica

Dettagli

Sezionamento e comando

Sezionamento e comando Sezionamento e comando Da CEI 64-8/2 28.1 Sezionamento Funzione che contribuisce a garantire la sicurezza del personale incaricato di eseguire lavori, riparazioni, localizzazione di guasti o sostituzione

Dettagli

Ing. Giancarlo Musto via Levante, 5 Pomezia (Roma)

Ing. Giancarlo Musto via Levante, 5 Pomezia (Roma) RELAZIONE TECNICA e PROGETTO DI UN IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE PER LUCE E FORZA MOTRICE DA REALIZZARE PRESSO L AMBULATORIO DENTISTICO **************** SITO IN ****************, 24 04012 ****************

Dettagli

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa DESCRIZIONE DELL OPERA La presente relazione si riferisce alla realizzazione di

Dettagli

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA Oggetto della presente relazione è la progettazione relativa all illuminazione di servizio e di emergenza della zona tecnica della piscina

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione)

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive; o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IP2X o IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori

Dettagli

M.D.SERVICE IMPIANTI INDUSTRIALI SERVIZI TECNICI SANITARI TECHNICAL CONSULTING

M.D.SERVICE IMPIANTI INDUSTRIALI SERVIZI TECNICI SANITARI TECHNICAL CONSULTING Spett.le Nominativo/ragione sociale indirizzo CAP, località e provincia Cernusco sul Naviglio, 22 ottobre 2015 Alla cortese attenzione del Dottor Oggetto: Proposta per i seguenti servizi: - esecuzione

Dettagli

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili Gli impianti elettrici nei cantieri edili Agli impianti elettrici nei cantieri si applicano la Sezione 704 della norma CEI 64-8 (VI Ediz.) (cantieri di costruzione e di demolizione) e la guida CEI 64-17

Dettagli

Materiale didattico validato da: Impianti elettrici

Materiale didattico validato da: Impianti elettrici Impianti elettrici 1. Legislazione Applicabile 2. Valutazione del rischio elettrico 3. Contatti diretti e indiretti 4. Misure di protezione 5. Verifiche periodiche 6. Scariche atmosferiche 7. Centrali

Dettagli

Verifiche su impianti di Terra. Apparecchiature per la verifica degli impianti di messa a terra e modalità d uso

Verifiche su impianti di Terra. Apparecchiature per la verifica degli impianti di messa a terra e modalità d uso Apparecchiature per la verifica degli impianti di messa a terra e modalità d uso 1 Principale normativa inerente impianti di messa a terra Impianti elettrici CEI 99-2 (IEC EN 61936-1) CEI 99-3 (EN 50522)

Dettagli

NORME EN 61936-1 (CEI 99-2) EN 50522 (CEI 99-3)

NORME EN 61936-1 (CEI 99-2) EN 50522 (CEI 99-3) NORME EN 61936-1 (CEI 99-2) EN 50522 (CEI 99-3) Le nuove norme CEI 99-2 e CEI 99-3 Dal 1 aprile 2011 sono in vigore in parallelo alla norma CEI 11-1: EN 61936-1 (CEI 99-2): Impianti elettrici a tensione

Dettagli

ASPETTI DI SICUREZZA ELETTRICA IN IMPIANTI FOTOVOLTAICI

ASPETTI DI SICUREZZA ELETTRICA IN IMPIANTI FOTOVOLTAICI ASPETTI DI SICUREZZA ELETTRICA IN IMPIANTI FOTOVOLTAICI Ing. Domenico Corbo Siena, 24 ottobre 2014 SICUREZZA ELETTRICA IN IMPIANTI FOTOVOLTAICI perche' e' necessario parlarne? per i seguenti motivi : sempre

Dettagli

Collegamento a terra degli impianti elettrici

Collegamento a terra degli impianti elettrici Collegamento a terra degli impianti elettrici E noto che il passaggio di corrente nel corpo umano provoca dei danni che possono essere irreversibili se il contatto dura troppo a lungo. Studi medici approfonditi

Dettagli

Il finto TT. di Luigi Longari

Il finto TT. di Luigi Longari Il finto TT Pubblicato il: 07/07/200 Aggiornato al: 07/07/200 di Luigi Longari Il finto TT, qualora non sia rilevato dall intervento del dispositivo differenziale, non desta particolari preoccupazioni

Dettagli

Modulo 2. Locali uso medico

Modulo 2. Locali uso medico Modulo 2 Locali uso medico Locali uso medico Norma CEI 64-8/7 V2 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000V in c.a. e 1500 V in c.c. Parte 7: Ambienti ed applicazioni particolari

Dettagli

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO Ing. Fabio Gramagna Via V. Emanuele, 131-18012 Bordighera (IM) - Tel./Fax. 0184/26.32.01 fgramagna@gmail.com - fabio.gramagna@ingpec.eu Comune di Bordighera Provincia di Imperia Interventi di manutenzione

Dettagli