Le linee seriali. Nomenclatura. Linee Seriali. M. Parvis 1

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le linee seriali. Nomenclatura. Linee Seriali. M. Parvis 1"

Transcript

1 Le linee seriali Marco Parvis Politecnico di Torino Dipartimento di Elettronica Corso Duca degli Abruzzi, Torino Tel Fax Nomenclatura Interfaccia seriale: usa un solo segnale (filo) per trasmettere dati, quindi trasmette un bit alla volta. La velocità si misura in bit al secondo detti baud da cui baud rate I bit vengono raggruppati in entità più grosse Carattere: entità di 5-8 bit Pacchetto o frame: insieme di caratteri raggruppati secondo uno schema accettato da entrambi i dispositivi 2 1

2 Nomenclatura Si possono concepire tre modalità di trasmissione Simplex: unidirezionale Half duplex (HD): bidirezionale, ma senza possibilità di trasmissione contemporanea, cioè impiegando un canale solo per trasmettere e ricevere Full duplex (FD): bidirezionale, senza limitazioni, cioè impiegando due canali separati per trasmettere e ricevere 3 Nomenclatura In una trasmissione in un certo istante si identificano Un MASTER (Talker, parlatore,.) che invia i dati Uno (o più) SLAVE (Listener ascoltatore, ) che riceve (ricevono) i dati Se esistono più dispositivi uno solo può fare da master in un dato istante Per avere trasmissione bidirezionale è necessario che il master segnali di aver finito di parlare e ceda il ruolo ad un altro dispositivo che diventa master 4 2

3 Nomenclatura La trasmissione può essere: Libera, ovvero alla velocità e nella quantità stabilite dal master Vincolata, ovvero a velocità e/o quantità limitata dallo slave. In questo caso si distinguono ancora:» Vincoli di tipo Hardware, legati a particolari segnali (fili) comandati dall elemento slave» Vincoli legati ad un preciso protocollo cui master a slave aderiscono 5 Nomenclatura La trasmissione può essere: Sincrona, cioè legata ad un orologio comune a tutti gli attori. Sono necessari uno o più fili per distribuire il clock, ma può essere più veloce. Asincrona, cioè costruita in modo che chi riceve sappia agganciarsi automaticamente alla velocità di chi trasmette. Richiede che di tanto in tanto venga trasmesso un marcatore per risincronizzarsi. Il marcatore occupa tempo e riduce la velocità 6 3

4 Motivazione dell RS232 Serviva un modo semplice per trasmettere dati in modo bidirezionale su linea telefonica Si doveva pensare ad un sistema in grado di iniziare la connessione (telefonare ) e trasmettere i dati su un doppino telefonico in modo bidirezionale La velocità di trasmissione era bassa, limitata dalle linee telefoniche con banda passante 2-3 khz 7 RS232 Pensata negli anni 60 dalla Electronic Industry Association (EIA) e chiamata EIA232, poi diventata RS232 (RS: Recommended Standard) RS232 è simile alla norma V24 emanata dal CCITT Queste norme definiscono: Caratteristiche elettriche e meccaniche Un certo numero di circuiti ed i nomi da usare per indicarli Un modo di usare questi circuiti al fine di ottenere un determinato funzionamento 8 4

5 RS232 RS232 è pensata per connettere un DTE (data terminal equipment computer) ad un DCE (data communication equipment modem) 9 Piedinatura Connettore a 25 pin (DB25) maschio per DTE e femmina per DCE Connettore a 9 pin (DB9) maschio per DTE e femmina per DCE. La riduzione di fili è ottenuta rinunciando ad alcune funzionalità e mantenendo i segnali fondamentali per il MODEM Connettori tipo telefonico RJ45 ad 8 piedini in cui un singolo piedino assolve a due funzioni 10 5

6 Livelli elettrici RS232 definisce due livelli digitali (o stati) MARK (OFF,1) tensione tra 25V e 3V SPACE (ON,0) tensione tra +3V e +25V La zona 3V 3V è considerata di transizione L impedenza di sorgente deve essere minore di 50 W (teoricamente Icc=0.5A), quella di ricezione superiore a 3kW 11 Livelli elettrici Con le seguenti regole A riposo (IDLE) la linea è in condizione MARK Una volta entrato nella zona di transizione il segnale DEVE uscire dalla parte opposta Nella zona di transizione il segnale deve muoversi monotonamente I segnali di controllo devono attraversare la zona di transizione in meno di 1ms I segnali di dato devono attraversare la zona di transizione in meno del 4% del periodo ed in meno di 1ms I fronti non devono superare 30V/ms 12 6

7 Formato carattere Un carattere è formato da: 1 bit di START 7-8 bit di dato 0-1 bit di parità 1,1.5,2 bit di STOP In certi apparecchi il carattere ha durata fissa, esempio: 1 bit START + 7 bit dato + bit parità +1 bit STOP = 10 bit oppure 1 bit START + 8 bit dato + 1 bit STOP =10 bit 13 Parità e velocità La parità è un codice di ridondanza che è in grado di riconoscere (ma non correggere!) UN errore Si ha parità: 0 fisso (SPACE) falsa parità 1 fisso (MARK) falsa parità EVEN: valore 1 se la somma dei bit di dato è dispari ODD: calore 1 se la somma dei bit di dato è pari I baud rate sono normalizzati da 150 bps a raddoppiare (300,600,1200,2400,4800,9600,19200, ). Il ricevitore deve essere impostato sulla giusta velocità 14 7

8 Errori di comunicazione Si definiscono tre tipi di errore di comunicazione Parità: si è rilevata mancata corrispondenza tra bit di parità ricevuto e calcolato Framing: il ricevitore non è riuscito a decodificare il carattere (cioè non ha identificato i bit di start e stop). Indica in genere una errata impostazione della velocità attesa Overrun: un nuovo carattere è arrivato sulla linea, ma il precedente carattere non era stato ancora prelevato dall interfaccia. Indica un problema di protocollo (esempio in comunicazione libera) 15 Scenari di uso di RS232 Ci sono tre possibilità: Collegamento tramite MODEM e linea commutata (normale linea per cui si compone un numero telefonico) Collegamento tramite MODEM e linea dedicata (collegamento esclusivo punto-punto) Collegamento diretto senza MODEM I protocolli di comunicazione dell RS232 sono stati definiti solo per una comunicazione DTE-DCE, ma oggi spesso l interfaccia si usa senza l interposizione di un modem E necessario definire come usare i segnali previsti per i modem in modo da regolare il flusso di dati. Dato che ci sono molti segnali (richiesti dal modem), la cosa non è univoca 16 8

9 Principali segnali RS232 PG SG TD RD RTS CTS DSR DCD RI DTR Protective ground: connessione equipotenziale Signal ground: potenziale di riferiemento per dati e controlli Transmit data Receive data Request To Send: DTE vuole trasmettere dati Clear To Send: DCE indica che la trasmissione è possibile Data-Set Ready: DTE operativo Data Carrier Detect: presente portante sulla linea telefonica Ring Indicator: segnale di chiamata al telefono Data Terminal Ready:il DTE è pronto a trasmettere 17 Collegamento e scambio dati Una sessione di collegamento tra due dispositivi si compone sempre di due passi: Stabilirsi della connessione: i due dispositivi prendono coscienza dell esistenza l uno dell altro Scambio dati: i due dispositivi si scambiano dati accordandosi su quantità e velocità. Lo svolgimento di questa fase dipende dalla disponibilità o meno di una connessione full-duplex 18 9

10 Collegamento con MODEM e linea comm. 1. Il primo DTE viene acceso e DTR indica al MODEM la cosa 2. Il DTE compone il numero dell interlocutore, il MODEM esegue provocando 3. L attivazione di RI all altro capo 4. Se il DTE remoto è acceso (cioè ha DTR attivo) il MODEM remoto risponde, diversamente il processo termina per mancanza di risposta 5. I due MODEM negoziano la connessione e si accordano su una velocità. Ad accordo avvenuto entrambi attivano DSR segnalando l avvenuta connessione L indicatore di connessione è DSR, se la linea cade, i MODEM tolgono DSR Per cessare la comunicazione un DTE toglie DTR 19 Scambio dati in HD 1. Il DTE A che vuole trasmettere attiva RTS 2. Il MODEM A verifica che la linea sia libera controllando DCD, se DCD è attivo si torna al punto 1 altrimenti 3. MODEM A attiva la portante e segnala al DTE A che può trasmettere con il segnale CTS 4. Il DTE A inizia a trasmettere ed il MODEM A modula la portante, il MODEM B demodula i dati e li invia al DTE B 5. Al termine della trasmissione, DTE A toglie RTS, MODEM A stacca la portante e toglie CTS, il MODEM B sente DCD libero 6. La linea è libera e ogni DTE può iniziare una nuova trasmissione Durante una trasmissione chi riceve NON ha modo di fermare la trasmissione 20 10

11 Scambio dati in HD canali secondari RS232 prevede un canale secondario con fili dedicati (SRD, SRD, SRTS, SRTS, SDCD) che usa un altra portante a bassa frequenza e bassa velocità. Il canale secondario (che in una trasmissione A -> B non è usato da A ) può essere usato da B per inviare dati (di controllo) verso A, ad esempio per interrompere la trasmissione Sovente si usa solo la portante come segnalazione (cioè i segnali SRTS e SDSC) Il procedimento prende il nome di Hardware XON-XOFF 21 Full Duplex e linee dedicate In Full Duplex il canale è sempre disponibile quindi RTS e CTS sono sempre attivi. I canali secondari non servono In caso di linea dedicata la connessione è sempre attiva, RI non serve e all attivazione di entrambi i DTR segue immediatamente l attivazione del DSR 22 11

12 Connessioni senza MODEM RS232 viene anche usata in connessioni dirette tra due DTE senza interposizione dei DCE La situazione non è stata normata in modo univoco Esistono fili di controllo ridondanti e quindi si deve decidere come impiegarli Tipi di cavi: Estensione/Conversione: per connettere DTE-DCE DB9- DB25 Loopback: per test dell RS232 su una sola macchina Null modem: per connettere due DTE direttamente (f-f)» Senza handshake (senza controllo di flusso)» Con handshake (con controllo di flusso) usando DSR o CTS 23 Handshake software Se non si usa un cavo che consenta l handshake hardware si deve impiegare un handshake software. E richiesta una connessione full-duplex Il ricevitore quando desidera interrompere la ricezione invia un carattere denominato XOFF (DC2 CTRL-Q) che il trasmettitore interpreta come STOP La trasmissione riprende quando il ricevitore invia il carattere XON (DC3 CTRL-S) Per evitare che la trasmissione non riparta se XON viene perso, a volte il ricevitore invia periodicamente XON (robust XON) 24 12

13 Limitazioni RS232 ed evoluzioni Massima distanza senza amplificatori 15m Connessione tra due soli oggetti Massima velocità 20kbit/s (nella versione originaria) Evoluzioni delle interfacce seriali RS232 bidirezionale segnali sbilanciati RS449 bidirezionale segnali bilanciati RS423 unidirezionale uno a molti RS422 unidirezionale uno a molti segnali bilanciati RS485 bidirezionale con driver three-state fino a 32 dispositivi 25 RS449 Rumore e capacità verso terra limitano la velocità. Per incrementare distanza e velocità si può ricorrere a segnali trasmessi in modo bilanciato 26 13

14 RS449 Velocità fino a 2Mbyte/s (su piccole distanze fino a 60m) Distanza fino a 1.2km (a velocità ridotta) Si usano circuiti bilanciati per le linee importanti (TX,RX,RST,CTS,DTR,DSR) e circuiti sbilanciati per le altre E necessario un connettore a 37 pin (più un connettore a 9 pin per i canali secondari) I cavi di ogni coppia sono intrecciati (twisted-pair) Dispositivi RS232 possono essere convertiti in RS449 con adattatore: la velocità rimane quella dell RS232, ma la distanza diventa quella dell RS RS423-RS422 Rimane il problema della connessione di due soli oggetti RS423 e RS422 consentono la connessione UNIDIREZIONALE di un MASTER con fino a 10 SLAVE RS423 usa circuiti non differenziali Tensione ridotta MARK tra 6V e 3.6V; SPACE tra +3.6V e +6V Velocità massima fino a 100kbit/s fino a 15m Lunghezza fino a 1200m con velocità 1 kbit/s Due fili (A e B) per ogni segnale; filo B connesso a massa 28 14

15 RS422 Versione differenziale di RS423 consente la connessione: UNIDIREZIONALE di un MASTER con fino a 10 SLAVE BIDIREZIONALE tra due oggetti (con 4 fili) RS422 usa circuiti differenziali Tensione ridotta MARK 5V ; SPACE 0V Velocità massima fino a 10Mbit/s fino a 15m Lunghezza fino a 1200m con velocità 1 kbit/s Due fili (A e B) per ogni segnale entrambi pilotati 29 RS422 Dispositivi RS232 possono essere convertiti in RS422 con adattatore: la velocità rimane quella dell RS232, ma la distanza diventa quella dell RS

16 RS485 RS485 è una interfaccia seriale Con trasmissione differenziale In grado di connettere fino a 32 dispositivi in modalità half-duplex con trasmissione uno-a-molti In grado di operare fino a 1200m RS485 realizza una trasmissione bidirezionale e usa driver three-state Esistono due versioni di connessione a 2 e a 4 fili di dato RS485 è la base di bus di campo come profibus 31 RS485 Versione 2 fili Nella versione a due fili si realizza una connessione bidirezionale in cui tutti i dispositivi possono parlare a tutti 32 16

17 RS485 Versione 4 fili Nella versione a quattro fili un solo master può parlare a tutti i dispositivi e ricevere dati dai dispositivi slave, che non possono parlare tra di loro 33 RS485 - Polarizzazione Dato che tutti i parlatori possono essere disabilitati, è necessario un sistema di polarizzazione per evitare segnali spuri. Si tende ad avere tra A-B una tensione di oltre 200mV Considerando 32 ricevitori con impedenza 12kW, e due terminatori da 120W, l impedenza equivalente è circa 50W. Per avere una tensione di polarizzazione di 200mV i resistori di bias devono essere circa 560Ω Alcuni ricevitori hanno già resistenze integrate da 10-20kΩ in modo da essere polarizzati anche se sconnessi 34 17

18 RS485 - Terminazione RS485 combina elevata velocità, elevata lunghezza e molti dispositivi cosicché le impedenze non sono adattate e si possono avere riflessioni Le riflessioni si evitano terminando la linea con la propria impedenza caratteristica (un centinaio di ohm), ma questo porta ad un forte incremento dei consumi I ricevitori campionano il segnale a metà periodo per cui è necessario che esso sia stabile (che le riflessioni si siano estinte) a quel punto Si può fare il calcolo con due-tre riflessioni e velocità m/s» Esempio cavo 1000m, round-trip 10ms, con tre riflessioni 30ms, se il bit dura 150ms (baud rate 7000 bps) non è necessaria la terminazione» Esempio: a 2Mbit/s durata bit 500ns, riflessione accettata 30ns, lunghezza massima 1m 35 RS232->RS485 La conversione da RS232 a RS485 richiede la variazione dei livelli e anche la gestione dell abilitazione del trasmettitore. Si può utilizzare DTR per abilitare il trasmettitore Il ricevitore in genere è lasciato sempre attivo Rimane il problema di liberare la linea a termine trasmissione nel più breve tempo possibile 36 18

19 Protocolli RS485 La presenza di più parlatori richiede tecniche per evitare (o gestire) le collisioni diverse in base alla configurazione: MASTER-SLAVE a 4 fili: la collisione può avvenire solo tra slave, ogni slave deve avere un indirizzo unico ed è responsabilità del master indirizzare correttamente gli slave MASTER-SLAVE a 2 fili: la collisione può avvenire tra slave, e con il master: il problema è sapere dopo quanto tempo il parlatore attivo disabilita i propri driver. MULTI-MASTER (a 2 fili): ogni master può iniziare la trasmissione in qualsiasi momento e le collisioni sono inevitabili:» Si devono usare tecniche di acknowledge e ritrasmissione simili a ethernet» Chi trasmette può usare il proprio ricevitore per verificare che i dati siano effettivamente presenti (non garantisce che i dati arrivino davvero se la linea è molto lunga) 37 Protezione dai transitori Problema comune a tutti i sistemi di trasmissione Problema di sicurezza Problema di immunità ai disturbi Le verifiche si fanno con segnali di disturbo normalizzati 1.2/50ms, 8/20ms e risonanze 100kHz e con tensioni 6kV 38 19

20 Protezione dai transitori Si possono usare due tipi di protezioni con limitatori Con isolatori Gli isolatori funzionano per disturbi di modo comune e non per disturbi differenziali Non richiedono un riferimento di massa Richiedono un alimentazione isolata 39 Protezione dai transitori Gli scaricatori o limitatori funzionano per disturbi di modo comune e differenziali richiedono un riferimento di massa Aggiungono capacità alle linee Possono danneggiarsi in caso di sovraccarichi prolungati 40 20

21 Piedinature RS232 Originariamente RS232 usava un connettore a 25 pin (DB25) maschio per DTE e femmina per DCE ed un cavo con 25 fili uno-a-uno. 41 Piedinature RS232 In seguito si sono sviluppati altri connettori con numero di pin inferiore ad esempio DB9. Anche in questo caso si usa connettore maschio per DTE e femmina per DCE ed un cavo con 9 fili uno-a-uno. La riduzione di fili è ottenuta rinunciando ad alcune funzionalità e mantenendo i segnali fondamentali per il MODEM 42 21

22 Piedinature RS DSR/RI DCD DTR Ring indicator Data carrier detect Data Terminal Ready 4 SG Signal Ground 5 RxD Received Data 6 TxD Transmitted Data 7 8 CTS RTS Clear to Send Request to Send Si usano anche connettori tipo telefonico RJ45 ad 8 piedini in cui un singolo piedino assolve a due funzioni 43 Piedinatura RS423 DB25 DB37 1 Shield (A) 1 2 Transmit Data (A) 4 14 Transmit Data (B) 22 3 Receive Data (A) 6 16 Receive Data (B) 24 4 Request to Send (A) 7 19 Request to Send (B) 25 5 Clear to Send (A) 9 13 Clear to Send (B) 27 6 Dataset Ready (A) Dataset Ready (B) 29 7 Signal Ground 19 8 Receive Line Signal Detect (A) Receive Line Signal Detect (B) Data Terminal Ready (A) Data Terminal Ready (B)

23 Piedinatura RS423 DB25 DB37 17 Receive Timing (A) 8 9 Receive Timing (B) External Timing (A) External Timing (B) Transmit Timing (A) 5 12 Transmit Timing (B) Local Loopback Remote Loopback Test Mode Indicator 18 DB25 Unbalanced DB37 Signal Rate Indicator 2 Incoming Call 15 Select Frequency 16 Receive Common 20 Terminal In Service 28 Select Standby 32 Signal Quality 33 New Signal 34 Standby/Indicator 36 Send Common Cavi per connessioni senza MODEM Cavo di estensione semplice PS: la lunghezza non deve superare la decina di metri 46 23

24 Cavi per connessioni senza MODEM Cavo di adattamento DB9-DB25 47 Cavi per connessioni senza MODEM Cavo di loopback con Incrocio TX-RX Incrocio DTR-DCD-DSR: quando si attiva il DTE si ottiene sempre indicazione di connessione stabilita Incrocio RTS-CTS: quando si richiede una trasmissione si ottiene sempre canale libero 48 24

25 Cavi per connessioni senza MODEM Cavo null-modem senza handshake: Incrocio TX-RX Incrocio DTR-A DCD- A DSR-A: l attivazione del DTE implica connessione attiva Incrocio RTS-A CTS- A: la richiesta di trasmissione genera il segnale trasmissione libera 49 Cavi per connessioni senza MODEM Cavo di null-modem con handshake standard : Incrocio TX-RX Incrocio RTS-A CTS-B: la richiesta di trasmissione viene interpretata all altro capo come canale libero Incrocio DTR-A DSR-B DCD-B: dtr viene usato per controllare il flusso dati su DSR 50 25

26 Cavi per connessioni senza MODEM Cavo di null-modem con handshake: Incrocio TX-RX Incrocio RTS-A DCD- A CTS-B: la richiesta di trasmissione segnala canale libero all altro capo Incrocio DTR-A DSR- B: dtr viene usato per controllare il flusso dati su DSR 51 Cavi per connessioni senza MODEM Cavo di null-modem con handshake: Incrocio TX-RX Incrocio DTR-A CTS-B DSR-B DCD-B: dtr viene usato per controllare il flusso dati su DSR e CTS 52 26

27 Cavi per connessioni senza MODEM Cavo di null-modem con handshake: Incrocio TX-RX Incrocio RTS-A CTS-A DCD-B Incrocio DTR-A DSR-B: dtr viene usato per controllare il flusso dati su DSR 53 Cavi per connessioni senza MODEM Cavo di null-modem con handshake: Incrocio TX-RX Incrocio RTS-A DCD-B Incrocio DTR-A CTS-B DSR-B: dtr viene usato per controllare il flusso dati su DSR e CTS 54 27

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Corso di Strumentazione e Misure per l Automazione (Studenti Ingegneria Meccanica II anno Laurea Magistrale curr. Automazione e Produzione) I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Andrea Bernieri bernieri@unicas.it

Dettagli

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Corso di Misure per la Automazione e la Produzione Industriale (Studenti Ingegneria Elettrica e Meccanica V anno Vecchio Ordinamento) Misure per la Automazione e la Qualità (Studenti Ingegneria Elettrica

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Bus RS-232. Ing. Gianfranco Miele April 28, 2011

Bus RS-232. Ing. Gianfranco Miele  April 28, 2011 Ing. Gianfranco Miele (g.miele@unicas.it) http://www.docente.unicas.it/gianfranco_miele April 28, 2011 Alcune definizioni Comunicazione seriale Bit trasmessi in sequenza Basta una sola linea Più lenta

Dettagli

Interfaccia Seriale RS232-C. prof. Cleto Azzani IPSIA Moretto Brescia

Interfaccia Seriale RS232-C. prof. Cleto Azzani IPSIA Moretto Brescia Interfaccia Seriale RS232-C prof. Cleto Azzani IPSIA Moretto Brescia Interfacce Seriali Interfacce Seriali Semplici RS-232 Utilizzate nelle comunicazioni punto-punto comunicazioni seriali più semplici

Dettagli

ISOLATORE FOTOELETTRICO DI INTERFACCIA SERIALE RS-232

ISOLATORE FOTOELETTRICO DI INTERFACCIA SERIALE RS-232 ISOLATORE FOTOELETTRICO DI INTERFACCIA SERIALE RS-232 Manuale dell'utente DA-70163 I. Indice Grazie all adozione della tecnologia di isolamento fotoelettrico avanzato, l isolatore fotoelettrico di interfaccia

Dettagli

COMUNICAZIONE SERIALE

COMUNICAZIONE SERIALE LA COMUNICAZIONE SERIALE Cod. 80034-02/2000 1 INDICE GENERALE Capitolo 1 Introduzione alla comunicazione seriale Pag. 3 Capitolo 2 Protocollo CENCAL Pag. 19 Capitolo 3 Protocollo MODBUS Pag. 83 2 CAPITOLO

Dettagli

L interfaccia più comune fra il computer (DTE) ed il modem (DCE) è la RS232,

L interfaccia più comune fra il computer (DTE) ed il modem (DCE) è la RS232, Interfaccia RS232 L interfaccia più comune fra il computer (DTE) ed il modem (DCE) è la RS232, questo standard è stato sviluppato dall ente americano EIA (Electronic Industries Associations) e ripreso

Dettagli

PXG80-W. Siemens Building Technologies Building Automation. DESIGO PX Controllore Web. con porta modem

PXG80-W. Siemens Building Technologies Building Automation. DESIGO PX Controllore Web. con porta modem 9 232 DESIGO PX Controllore Web con porta modem PXG80-W Per remotizzare le operazioni e la visualizzazione di uno o più DESIGO PX tramite un Internet browser standard.? Operazioni e visualizzazione delle

Dettagli

ACCESSO A DRIVE REMOTO TRAMITE MODEM

ACCESSO A DRIVE REMOTO TRAMITE MODEM ACCESSO A DRIVE REMOTO TRAMITE MODEM Autore: Giulio Sassetti Indice revisione Data Descrizione modifica V01.0000 14/6/2006 Emissione V01.1000 29/6/2006 Aggiunti link sommario e ingrandite immagini V01.2000

Dettagli

1. INTRODUZIONE ETH-BOX

1. INTRODUZIONE ETH-BOX Software ETH-LINK 10/100 Manuale d uso ver. 1.0 1. INTRODUZIONE Il Convertitore Ethernet/seriale ETH-BOX, dedicato alla connessione Ethernet tra PC (TCP/IP e UDP) e dispositivi di campo (RS-232, RS-485),

Dettagli

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Comunicazione Seriale Prof. Antonino Mazzeo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica UART/USART Intel 8251A Standard Universal Synchronous/Asynchronous Receiver/Trasmitter (USART) Progettata

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

ELETTRONICA II. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino. Gruppo H: Sistemi Elettronici Lezione n H - 5: Collegamenti seriali Conclusione

ELETTRONICA II. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino. Gruppo H: Sistemi Elettronici Lezione n H - 5: Collegamenti seriali Conclusione ELETTRONICA II Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino Gruppo H: Sistemi Elettronici Lezione n. 40 - H - 5: Collegamenti seriali Conclusione Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo H - 4 n. 1-15/11/97

Dettagli

Trasmissione dati e reti telematiche

Trasmissione dati e reti telematiche Trasmissione dati e reti telematiche Per trasmissione dati s'intende un sistema di comunicazione che permette di trasferire l'informazione, in forma binaria, tra due terminali, uno trasmittente (Tx) e

Dettagli

Page 1. ElapC8 04/11/2013 2013 DDC 1 ELETTRONICA APPLICATA E MISURE. C8: Esempi di collegamenti seriali. Ingegneria dell Informazione

Page 1. ElapC8 04/11/2013 2013 DDC 1 ELETTRONICA APPLICATA E MISURE. C8: Esempi di collegamenti seriali. Ingegneria dell Informazione Ingegneria dell Informazione C8: Esempi di collegamenti seriali ELETTRONICA APPLICATA E MISURE Dante DEL CORSO C8 Esempi di collegamenti seriali»spi» RS232»I2C» PCI Express»Esercizi Parametri di una interfaccia

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

INTERFACCIA SERIALE RS232PC

INTERFACCIA SERIALE RS232PC PREVENZIONE FURTO INCENDIO GAS BPT Spa Centro direzionale e Sede legale Via Cornia, 1/b 33079 Sesto al Reghena (PN) - Italia http://www.bpt.it mailto:info@bpt.it STARLIGHT INTERFACCIA SERIALE RS232PC STARLIGHT

Dettagli

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Fino a qualche anno fa, per poter gestire e trasmettere a distanza i dati elaborati si utilizzava il mainframe, in cui tutta la potenza di calcolo era concentrata

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Guida all hardware di rete

Guida all hardware di rete !"##$% Guida all hardware di rete ad uso degli Studenti del Corso di RETI DI CALCOLATORI CdL I livello in Ingegneria Informatica Versione 0.5 Autore: Davide Mazza Mantova, li 16/03/2004 GUIDA ALL HARDWARE

Dettagli

Ing. Gabriele MONTI 1996-2005 Seriali www.ingmonti.it

Ing. Gabriele MONTI 1996-2005 Seriali www.ingmonti.it Ing. Gabriele MONTI 1996-2005 Seriali www.ingmonti.it 1 Interfacce seriali Quando la distanza fra un computer ed il dispositivo che gli si vuole collegare è maggiore di 7-8 m, oppure quando si vuole realizzare

Dettagli

Tecniche di Comunicazione Digitale

Tecniche di Comunicazione Digitale Tecniche di Comunicazione Digitale Sommario Problematiche Generali Comunicazioni Parallele Varianti Trasmissione Isocrona, Asincrona e Sincrona Segnali, codifica e modulazione Gestione degli errori - 2-1

Dettagli

Cavo VGA (9 Pin / 15 Pin)

Cavo VGA (9 Pin / 15 Pin) Cavo VGA (9 Pin / 15 Pin) Questo cavo serve per la connessione della scheda video con uscita tramite connettore a 9 Pin al monitor VGA. Connettore 9 Pin D-Sub Maschio (Connessione alla VGA) Connettore

Dettagli

Controllori di Sistema

Controllori di Sistema 9 771 DESIGO PX-OPEN Controllori di Sistema PXE-CRS Il controllore di sistema PXE-CRS è usato per integrare dispositivi e sistemi di terze parti nei controllori e nel sistema DESIGO Funzioni Integrazione

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

PXG80-WN. Siemens Building Technologies Building Automation. DESIGO PX Controllore Web. con porta Ethernet

PXG80-WN. Siemens Building Technologies Building Automation. DESIGO PX Controllore Web. con porta Ethernet 9 233 DESIGO PX Controllore Web con porta Ethernet PXG80-WN Per remotizzare le operazioni e la visualizzazione di uno o più DESIGO PX tramite un Internet browser standard.? Operazioni e visualizzazione

Dettagli

Queste raccomandazioni definiscono le specifiche dei modem, delle interfacce, delle apparecchiature di test e la qualità delle linee.

Queste raccomandazioni definiscono le specifiche dei modem, delle interfacce, delle apparecchiature di test e la qualità delle linee. Pagina 1 di 10 Collegamenti telefonici analogici via modem Modem per collegamenti telefonici analogici La modulazione consiste nel modificare lo spettro di frequenze del segnale informativo digitale (codifica

Dettagli

Fondamenti sugli standard di interfaccia RS-232 e IEEE-488

Fondamenti sugli standard di interfaccia RS-232 e IEEE-488 Fondamenti sugli standard di interfaccia RS-232 e IEEE-488 1 1 Introduzione Come noto, un dispositivo di interfaccia permette il colloquio tra la struttura hardware di un calcolatore e uno o più dispositivi

Dettagli

Ascon Tecnologic S.r.l.

Ascon Tecnologic S.r.l. Concentratore di traffico e adattatore seriale serie APALS istruzioni PER L USO M.I.U. - APALS - 2 / 96.1 Cod. J30-154 - 1AAS APALS Qo X Q X Qi F.I.C. Y W Y L.I.C. W W P.I.C. X Tx Y Ascon Tecnologic S.r.l.

Dettagli

Resuscitare un router DLink-604+

Resuscitare un router DLink-604+ Resuscitare un router DLink-604+ Vincenzo La Spesa 2006 Copyright (c) 2006 by Vincenzolaspesa@gmail.com.This material may be distributed only subject to the terms and conditions set forth in the Open Publication

Dettagli

IL LIVELLO FISICO NELL'ACCESSO ALLE RETI PUBBLICHE

IL LIVELLO FISICO NELL'ACCESSO ALLE RETI PUBBLICHE 364 RETI LOCALI: DAL CABLAGGIO ALL'INTERNETWORKING 12 IL LIVELLO FISICO NELL'ACCESSO ALLE RETI PUBBLICHE 12.1 INTRODUZIONE I servizi di trasmissione dati tra sedi separate da suolo pubblico sono in generale

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 1 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Intro: 1 Con il termine rete si indica in modo generico un collegamento fra 2 apparecchiature (sorgente - destinazione)

Dettagli

MODULO 5.4 RETI PER L AUTOMAZIONE

MODULO 5.4 RETI PER L AUTOMAZIONE MODULO 5.4 RETI PER L AUTOMAZIONE 1 RETI PER L AUTOMAZIONE Docente Federico Tramarin, PhD Consiglio Nazionale delle Ricerche CNR-IEIIT via Gradenigo 6/b, Padova email: tramarin@dei.unipd.it tel: 049 827

Dettagli

CPU 32 bits. Specifiche Tecniche. Rif : MS-CPU32. Generale. Alimentazione. Batteria Interna al Litio. Memory

CPU 32 bits. Specifiche Tecniche. Rif : MS-CPU32. Generale. Alimentazione. Batteria Interna al Litio. Memory CPU 32 bits Rif : MS-CPU32 Scheda industriale con processore a 32bits IT Embedded (Web Server, email, FTP, IP forwarding, ) Supporto PLC completo (IEC1131-3, Basic, Linguaggio C, ) Hardware modulare rimovibile

Dettagli

PAK1.1... Impiego. Luglio 1996. UNIGYR Set di comunicazione per i controllori di processo universali PRU1...

PAK1.1... Impiego. Luglio 1996. UNIGYR Set di comunicazione per i controllori di processo universali PRU1... s Luglio 1996 8 271 UNIGYR Set di comunicazione per i controllori di processo universali PRU1... PAK1.1... Scala 1 : 2 Set di comunicazione, completo di zoccolo/morsettiera e sottomodulo per consentire

Dettagli

Comunicazione codifica dei dati. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni

Comunicazione codifica dei dati. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Comunicazione codifica dei dati Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Trasmissione dati La trasmissione dati,permette di trasmettere a distanza informazioni di tipo digitale

Dettagli

21-Mar-03-2 ETLCE - B6-2003 DDC. 21-Mar-03-4 ETLCE - B6-2003 DDC. segnale modulato. transiszioni. finestra per trans fisse.

21-Mar-03-2 ETLCE - B6-2003 DDC. 21-Mar-03-4 ETLCE - B6-2003 DDC. segnale modulato. transiszioni. finestra per trans fisse. Modulo Politecnico di Torino Facoltà dell Informazione Elettronica delle telecomunicazioni Anelli ad aggancio di fase (PLL) B6 - Demodulatori e sincronizzatori» FSK, PSK, PAM» recupero dati/clock (CDR)»

Dettagli

Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza

Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza Obiettivo e specifiche del progetto 1. Monitoraggio in tempo reale della temperatura in una stanza (Tacq= 4 sec, Input range=

Dettagli

COMUNICAZIONE SERIALE a cura dell' Ing. Buttolo Marco

COMUNICAZIONE SERIALE a cura dell' Ing. Buttolo Marco COMUNICAZIONE SERIALE a cura dell' Ing. Buttolo Marco Un PC può comunicare in vari modi con le periferiche. Fondamentalmente esistono due tipi di comunicazione molto comuni: 1. La comunicazione seriale

Dettagli

Relazione di elettronica

Relazione di elettronica ANTINORO ANGELO 5IA 16/04/2007 Relazione di elettronica I MODEM INDICE Premessa Le telecomunicazione Il significato di modem Tipi di modem Modem in banda base I modem fonici La modulazione La modulazione

Dettagli

Internet e il World Wide Web. Informatica Generale -- Rossano Gaeta 30

Internet e il World Wide Web. Informatica Generale -- Rossano Gaeta 30 Internet e il World Wide Web 30 Tecnologia delle Telecomunicazioni Uso di dispositivi e sistemi elettromagnetici per effettuare la comunicazione a lunghe distanze (telefoni, televisione, radio, etc) Comunicazione

Dettagli

Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC. Manuale Utente

Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC. Manuale Utente Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC Manuale Utente Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC Manuale Utente Sielco Elettronica S.r.l. via Edison 209 20019 Settimo Milanese (MI ) Italia

Dettagli

Analogico: rappresentano grandezze fisiche che variano

Analogico: rappresentano grandezze fisiche che variano condizionamento e conversione dei segnali Introduzione I segnali forniti dagli elementi sensibili di misura richiedono specifici trattamenti (condizionamento) prima del campionamento e della conversione

Dettagli

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione --------------- RX-AUDIO-2.4 Caratteristiche Nessuna compressione per alta qualità del suono, latenza di 0.5 ms. Audio digitale con frequenza di campionamento a 44.1 KHz e 16-bit di risoluzione. Demodulazione

Dettagli

Le comunicazioni seriali RS232

Le comunicazioni seriali RS232 Le comunicazioni seriali Le comunicazioni seriali richiedono un minimo di due connessioni elettriche per comunicare dati in una direzione. Una linea dati (generalmente o di trasmissione o di ricezione)

Dettagli

Serial To Ethernet Converter STE02 Manuale Utente. Ver. 1.1

Serial To Ethernet Converter STE02 Manuale Utente. Ver. 1.1 Serial To Ethernet Converter STE02 Manuale Utente Ver. 1.1 1 Indice 1 Introduzione 4 1.1 Dichiarazione di Conformità.............................. 4 1.2 Contenuto della Confezione..............................

Dettagli

RETI TELEMATICHE / RETI DI CALCOLO Capitolo II Servizi di comunicazione geografici

RETI TELEMATICHE / RETI DI CALCOLO Capitolo II Servizi di comunicazione geografici Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Ingegneria - Sede distaccata di Mantova MASTER DI 1 LIVELLO

Dettagli

CENNI SULLA TRASMISSIONE DIGITALE

CENNI SULLA TRASMISSIONE DIGITALE ENNI SULLA TRASMISSIONE DIGITALE Pietro Nicoletti www.studioreti.it DATAOM - opyright: si veda nota a pag. 2 Nota di opyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle leggi

Dettagli

EMI1 CONVERTITORE SERIALE MULTIFUNZIONE EIA RS-232 / RS 422-485

EMI1 CONVERTITORE SERIALE MULTIFUNZIONE EIA RS-232 / RS 422-485 MANUALE ISTUZIONI IM60-I v. EMI CONVETITOE SEIALE MULTIFUNZIONE EIA S- / S -85 GENEALITA Il convertitore seriale multifunzione EMI trova applicazione in tutti i casi in cui necessita convertire o gestire

Dettagli

Sistema domotico MassaBus. Marco Massari

Sistema domotico MassaBus. Marco Massari Istituto Tecnico Industriale per l Elettronica e le Telecomunicazioni Istituto Salesiano "Beata Vergine di San Luca - Via Jacopo della Quercia, 1 - Bologna Sistema domotico MassaBus Di Marco Massari Anno

Dettagli

Protocolli di accesso multiplo

Protocolli di accesso multiplo Protocolli di accesso multiplo Quando l accesso ad una risorsa può avvenire da parte di più utenti indipendenti, si parla di risorsa condivisa ed è necessaria l implementazione di particolari protocolli

Dettagli

USART PIC 16F876. R/W-0 R/W-0 R/W-0 R/W-0 U-0 R/W-0 R-1 R/W-0 CSRC TX9 TXEN SYNC _ BRGH TRMT TX9D Bit 7 Bit 6 Bit 5 Bit 4 Bit 3 Bit 2 Bit 1 Bit 0

USART PIC 16F876. R/W-0 R/W-0 R/W-0 R/W-0 U-0 R/W-0 R-1 R/W-0 CSRC TX9 TXEN SYNC _ BRGH TRMT TX9D Bit 7 Bit 6 Bit 5 Bit 4 Bit 3 Bit 2 Bit 1 Bit 0 USART PIC 16F876 L USART (Universal Synchronous Asynchronous Receiver Trasmitter) è uno dei due moduli di I/O seriali, esso è conosciuto anche come Serial Comunications Interface (SCI). L USART può essere

Dettagli

BARRIERA DI MISURA METRON GESTIONE LINEA SERIALE RS-485 www.reer.it

BARRIERA DI MISURA METRON GESTIONE LINEA SERIALE RS-485 www.reer.it BARRIERA DI MISURA METRON GESTIONE LINEA SERIALE RS-485 www.reer.it 2 8540641 Rev.1-11 Aprile 2008 BARRIERA DI MISURA METRON GESTIONE LINEA SERIALE RS-485 SOMMARIO Gestione linea seriale...5 Modalità linea

Dettagli

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Lettere e Filosofia La telematica Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica Marco Lazzari A.A. 2005-2006 Telematica: telecomunicazioni

Dettagli

Un semplice programmatore per microcontrollori PIC per porta seriale

Un semplice programmatore per microcontrollori PIC per porta seriale TECNICHE DIGITALI di Stefano Barbanti IV3LZQ Un semplice programmatore per microcontrollori PIC per porta seriale Programma tutti i PIC esistenti 1ª parte Introduzione I microcontrollori PIC della Microchip,

Dettagli

informatica distribuita

informatica distribuita Reti di computer Negli anni settanta, si è affermato il modello time-sharing multi-utente che prevede il collegamento di molti utenti ad un unico elaboratore potente attraverso terminali Gli anni ottanta

Dettagli

Stampante termica Quasar QRP-806. Manuale utente. www.quasarcode.it

Stampante termica Quasar QRP-806. Manuale utente. www.quasarcode.it Stampante termica Quasar QRP-806 Manuale utente www.quasarcode.it Napoli marzo 2015 Indice 1. Istruzioni pag. 3 1.1 Avvisi di sicurezza 3 1.2 Informazioni 3 2. Sommario 4 2.1 Caratteristiche principali

Dettagli

ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA

ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA INTRODUZIONE È denominata Architettura di rete un insieme di livelli e protocolli. Le reti sono organizzate gerarchicamente in livelli, ciascuno dei quali interagisce

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24 Martedì 27-05-2014 1 Una volta che una

Dettagli

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza Modulazioni Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 06 Modulazioni 1/29 Comunicazione a lunga distanza I segnali elettrici si indeboliscono quando viaggiano su un

Dettagli

Strumentazione tradizionale vs. strumentazione virtuale

Strumentazione tradizionale vs. strumentazione virtuale Strumentazione tradizionale vs. strumentazione virtuale Strumento tradizionale: OPERATORE STRUMENTO interazione diretta tramite pannello di controllo e sistema di visualizzazione Strumento virtuale: OPERATORE

Dettagli

Da RS232/RS485 a LAN 10/100BaseT Ethernet

Da RS232/RS485 a LAN 10/100BaseT Ethernet Da RS232/RS485 a LAN 10/100BaseT Ethernet APICE S.r.l. Via G.B. Vico, 45/b - 50053 Empoli (FI) Italy www.apice.org support@apice.org BUILDING AUTOMATION CONTROLLO ACCESSI RILEVAZIONE PRESENZE - SISTEMI

Dettagli

LE RETI: LIVELLO FISICO

LE RETI: LIVELLO FISICO LE RETI: LIVELLO FISICO Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Definizioni La telematica è la disciplina che nasce dalla combinazione delle telecomunicazioni (telefono, radio, tv) con l informatica. L oggetto

Dettagli

GENERALITÀ. Unità: Canali di comunicazione:

GENERALITÀ. Unità: Canali di comunicazione: GENERALITÀ L'apparecchiatura CON232E è una unità a microprocessore equipaggiata di un canale ethernet e due canali seriali rs232c. Il dispositivo trasmette i dati ricevuti dal canale Ethernet con protocollo

Dettagli

MTU155 Manuale di Attivazione MTU155 Modem per telettura convertitore EK220/230 Istruzioni per l attivazione

MTU155 Manuale di Attivazione MTU155 Modem per telettura convertitore EK220/230 Istruzioni per l attivazione MTU155 Manuale di Attivazione MTU155 Modem per telettura convertitore EK220/230 Istruzioni per l attivazione Istruzioni per l uso: 2010 Edizione 24.06.2010 (1.0) MTU155_it_attivazione_02.doc 2 Elster S.r.l.

Dettagli

Introduzione alle reti LE RETI INFORMATICHE. A cosa serve una rete. Perché... TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE

Introduzione alle reti LE RETI INFORMATICHE. A cosa serve una rete. Perché... TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE Introduzione alle reti 1 2 Perché... All inizio degli anni 80 sono nati i PC, in contrapposizione ai grossi sistemi presenti allora nelle aziende che collegavano terminali

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Internet e il World Wide Web. Informatica di Base A -- Rossano Gaeta 1

Internet e il World Wide Web. Informatica di Base A -- Rossano Gaeta 1 Internet e il World Wide Web 1 Domande chiave 2.1 Quali sono i mezzi di connessione a Internet e qual è la loro velocità? 2.2 Quali sono i tre tipi di provider Internet e quali tipi di servizi offrono?

Dettagli

ENCODER SERIE Pxx EQUIPAGGIATO CON INTERFACCIA PROFIBUS-DP

ENCODER SERIE Pxx EQUIPAGGIATO CON INTERFACCIA PROFIBUS-DP Documentazione Profibus-DP ENCODER SERIE Pxx EQUIPAGGIATO CON INTERFACCIA PROFIBUS-DP PxxDocSTD R4/0/701 1 SOMMARIO DEGLI ARGOMENTI: 1. Procedura di installazione meccanica:...3 2. Procedura d installazione

Dettagli

Controllo comunicazioni

Controllo comunicazioni Controllo comunicazioni Il controllo comunicazioni consente di aggiungere nell'applicazione funzioni semplici per comunicazioni attraverso porte seriali nonché funzioni avanzate per la creazione di uno

Dettagli

Evoluzione dei sistemi informatici

Evoluzione dei sistemi informatici Evoluzione dei sistemi informatici Cos è una rete? Insieme di calcolatori autonomi tra loro collegati mediante una rete di comunicazione Gli utenti sono in grado di interagire in modo esplicito con la

Dettagli

MANUALE D USO. EPSON FP90, FP81 e compatibili

MANUALE D USO. EPSON FP90, FP81 e compatibili MANUALE D USO EPSON FP90, FP81 e compatibili COMPATIBILE WINDOWS VISTA Versione 1.0.0.0 Manuale RTS WPOS1 INDICE INDICE... 2 LEGENDA... 2 PREMESSA... 3 VERSIONI DEL PROGRAMMA... 3 COMPATIBILITA CON WINDOWS

Dettagli

VIW TRE CANALI LC50A RS232 - RACK

VIW TRE CANALI LC50A RS232 - RACK VIW 3 CANALI LC-50A RS232 RACK 1 PROFESSIONAL ELECTRONIC INSTRUMENTS VIW TRE CANALI LC50A RS232 - RACK VIW 3 CANALI LC-50A RS232 RACK 2 SOMMARIO 1. Descrizione dello strumento 1.1 Frontale 1.2 Retro 2.

Dettagli

Sieger System 57 Kit modulo interfaccia Modbus RS422/485 (05701-a-0312) Kit modulo interfaccia Modbus RS232 (05701-a-0313)

Sieger System 57 Kit modulo interfaccia Modbus RS422/485 (05701-a-0312) Kit modulo interfaccia Modbus RS232 (05701-a-0313) Istruzioni per l'uso Sieger System 57 Kit modulo interfaccia Modbus RS422/485 (05701-a-0312) Kit modulo interfaccia Modbus RS232 (05701-a-0313) ITA0502.PM6 Edizione 03 ottobre 97 Per un mondo più sicuro

Dettagli

Introduzione al collegamento telematico su linea commutata

Introduzione al collegamento telematico su linea commutata Introduzione al collegamento telematico su linea commutata Prof. Luca Salvini L.S. 2L97 Prof. Luca Salvini E-mail: salvini@hesp.it 1 Introduzione al collegamento telematico su linea commutata Perché il

Dettagli

Modulo 8 Ethernet Switching

Modulo 8 Ethernet Switching Modulo 8 Ethernet Switching 8.1 Ethernet Switching 8.1.1 Bridging a livello 2 Aumentando il numero di nodi su un singolo segmento aumenta la probabilità di avere collisioni e quindi ritrasmissioni. Una

Dettagli

Controllori di Sistema

Controllori di Sistema 9 23 DESIGO PX Controllori di Sistema PXR11 PXR12? Integrazione dei regolatori ambienti della gamma DESIGO RXC nel sistema di Building Automation DESIGO? Creazione di gruppi per la gestione ambienti? Implementazione

Dettagli

INTERFACCIA STANDARD EIA RS232

INTERFACCIA STANDARD EIA RS232 INTERFACCIA STANDARD EIA RS232 La comunicazione su lunghe distanze (> 100m) viene espletata attraverso l uso dello standard RS232 il quale è stato sviluppato per poter proficuamente utilizzare le linee

Dettagli

Tratto dal Testo Ettore Panella - Giuseppe Spalierno Corso di Telecomunicazioni 2 Edizioni Cupido TRASMISSIONE DATI CON MODEM

Tratto dal Testo Ettore Panella - Giuseppe Spalierno Corso di Telecomunicazioni 2 Edizioni Cupido TRASMISSIONE DATI CON MODEM Trasmissione dati 1 Tratto dal Testo Ettore Panella - Giuseppe Spalierno Corso di Telecomunicazioni 2 Edizioni Cupido CAPITOLO QUARTO TRASMISSIONE DATI CON MODEM 1. Generalità Si definisce trasmissione

Dettagli

Catalogo dispositivi per Telecontrollo della serie SRCS Teleletture della serie STxx

Catalogo dispositivi per Telecontrollo della serie SRCS Teleletture della serie STxx Catalogo dispositivi per Telecontrollo della serie SRCS Teleletture della serie STxx Indice Dispositivi di telecontrollo SRCS 2.0 - telecontrollo per centraline «Controlli serie 500».. pag. 3 SRCS-EMU-2T

Dettagli

Reti di accesso e mezzi trasmissivi

Reti di accesso e mezzi trasmissivi Reti di accesso e mezzi trasmissivi Domanda: come si connettono gli host agli edge router? Reti di accesso residenziale (da casa) Reti di accesso istituzionali (scuole, università, aziende) Reti di accesso

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati IEEE802.3 (Ethernet) Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali Entità

Dettagli

TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI LBR 2746/48

TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI LBR 2746/48 TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI LBR 2746/48 Il controllo accessi rappresenta un metodo importante per la risoluzione dei problemi legati al controllo e alla verifica della presenza e del passaggio delle

Dettagli

La Core Network. Domanda fondamentale: come vengono trasferiti i dati attraverso la rete? Maglia di router interconnessi

La Core Network. Domanda fondamentale: come vengono trasferiti i dati attraverso la rete? Maglia di router interconnessi La Core Network Maglia di router interconnessi Domanda fondamentale: come vengono trasferiti i dati attraverso la rete? o Commutazione di pacchetto: i dati sono spediti attraverso la rete in quantità discrete

Dettagli

Fast Ethernet Switch 5/8 Porte 10/100Mbps

Fast Ethernet Switch 5/8 Porte 10/100Mbps Fast Ethernet Switch 5/8 Porte 10/100Mbps Manuale Utente HN05S/HN08S www.hamletcom.com Gentile Cliente, La ringraziamo per la fiducia riposta nei nostri prodotti. La preghiamo di seguire le norme d'uso

Dettagli

Conversione analogico digitale

Conversione analogico digitale Conversione analogico digitale L elettronica moderna ha spostato la maggior parte delle applicazioni nel mondo digitale in quanto i sistemi a microprocessore sono diventati più veloci ed economici rispetto

Dettagli

Mezzi trasmissivi e livello fisico. Reti di Accesso. Reti di accesso

Mezzi trasmissivi e livello fisico. Reti di Accesso. Reti di accesso Reti di Accesso Reti di accesso Per arrivare all utenza residenziale ( ultimo miglio ), l ultima tratta di rete viene detta rete d accesso ( local loop in inglese) Tecnologie nelle reti di accesso: Plain

Dettagli

Moduli per linee seriali e connessioni a linee ETHERNET

Moduli per linee seriali e connessioni a linee ETHERNET Moduli per linee seriali e connessioni a linee ETHERNET Moduli per linee seriali Moduli ETHERNET DESCRIZIONE La serie comprende moduli per linee seriali con sistema "Autopro" e moduli con porta ETHERNET

Dettagli

Da RS232/RS485 a LAN 10/100BaseT Ethernet. (Foto) Manuale d installazione e d uso V1.00

Da RS232/RS485 a LAN 10/100BaseT Ethernet. (Foto) Manuale d installazione e d uso V1.00 Da RS232/RS485 a LAN 10/100BaseT Ethernet (Foto) Manuale d installazione e d uso V1.00 Le informazioni incluse in questo manuale sono di proprietà APICE s.r.l. e possono essere cambiate senza preavviso.

Dettagli

Le reti di calcolatori

Le reti di calcolatori Le reti di calcolatori 1 La storia Computer grandi e costosi Gli utenti potevano accerdervi tramite telescriventi per i telex o i telegrammi usando le normali linee telefoniche Successivamente le macchine

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

Interfaccia di controllo QSE-CI-NWK-E

Interfaccia di controllo QSE-CI-NWK-E qse-ci-nwk-e 1 10.4.07 Interfaccia di controllo QSE-CI-NWK-E Descrizione Consente l'integrazione del sistema di controllo dell'illuminazione e della luce naturale GRAFIK Eye QS con touch-screen, PC o altri

Dettagli

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE INDICE 1. Introduzione...3 2. Lista delle abbreviazioni...3 3. Requisiti e architettura del test jig COMMS...4 3.1 I compiti

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Sistemi operativi di rete (locale) In una LAN si vogliono condividere

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Laboratorio di metodi di acquisizione dati. Giorgio Maggi

Laboratorio di metodi di acquisizione dati. Giorgio Maggi Laboratorio di metodi di acquisizione dati Giorgio Maggi Possibili esperienze Lettura di un oscilloscopio attraverso il Bus GPIB Realizzazione di un plot tensione corrente per un dispositivo a semiconduttore

Dettagli

Resuscitare un router DLink-604+

Resuscitare un router DLink-604+ Resuscitare un router DLink-604+ v1.1.0 Copyright (c) 2006 by Ahasvero@users.sourceforge.net.This material may be distributed only subject to the terms and conditions set forth in the Open Publication

Dettagli

Introduzione: uso della rete telefonica pubblica

Introduzione: uso della rete telefonica pubblica Il livello fisico Parte VI TRASMISSIONE DATI... 1 Introduzione: uso della rete telefonica pubblica... 1 Rete ISDN (cenni)... 5 Disturbi di trasmissione e necessità della ridondanza... 6 Rete commutata

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli