BARRIERA DI MISURA METRON GESTIONE LINEA SERIALE RS-485

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BARRIERA DI MISURA METRON GESTIONE LINEA SERIALE RS-485 www.reer.it"

Transcript

1 BARRIERA DI MISURA METRON GESTIONE LINEA SERIALE RS-485

2 Rev.1-11 Aprile 2008

3 BARRIERA DI MISURA METRON GESTIONE LINEA SERIALE RS-485 SOMMARIO Gestione linea seriale...5 Modalità linea STANDARD... 5 Senza checksum di controllo... 5 Con checksum di controllo... 6 Rapporto continuo... 7 Rapporto periodico... 8 Rapporto su richiesta... 8 Rapporto sul cambio stato... 8 Rapporto dipendente da ingresso... 8 Modalità linea MULTINODO... 8 Senza... 9 di Reset software...11 Funzionamento corretto...11 Gestione errori...11 di Abilitazione OUT Funzionamento corretto...12 Gestione errori...13 di Disabilitazione OUT...13 Funzionamento corretto...14 Gestione errori...14 di Stand-by OUT...15 Funzionamento corretto...15 Gestione errori...16 di Start misura OUT...17 Funzionamento corretto...17 Gestione errori...17 di Stop misura OUT...18 Funzionamento corretto...19 Gestione errori...19 di Start misura...20 Funzionamento corretto...20 Gestione errori...21 di Stop misura...22 Funzionamento corretto...22 Gestione errori...22 di richiesta stato raggi attivi...24 Funzionamento corretto...24 Gestione errori...25 di richiesta misure istantanee...26 Funzionamento corretto...26 Gestione errori...27 di richiesta configurazione...27 Funzionamento corretto...28 Gestione errori...28 di richiesta stato OUT...29 Funzionamento corretto...29 Gestione errori Rev.1-11 Aprile

4 di richiesta stato barriera Funzionamento corretto Gestione errori Con di Reset software Funzionamento corretto Gestione errori di Abilitazione OUT Funzionamento corretto Gestione errori di Disabilitazione OUT Funzionamento corretto Gestione errori di Stand-by OUT Funzionamento corretto Gestione errori di Start misura OUT Funzionamento corretto Gestione errori di Stop misura OUT Funzionamento corretto Gestione errori di Start misura Funzionamento corretto Gestione errori di Stop misura Funzionamento corretto Gestione errori di richiesta stato raggi attivi Funzionamento corretto Gestione errori di richiesta misure istantanee Funzionamento corretto Gestione errori di richiesta configurazione Funzionamento corretto Gestione errori di richiesta stato OUT Funzionamento corretto Gestione errori di richiesta stato barriera Funzionamento corretto Gestione errori Rev.1-11 Aprile 2008

5 GESTIONE LINEA SERIALE Nel presente manuale è descritto il protocollo di comunicazione che si deve rispettare per garantire il corretto scambio di informazioni tra METRON (Ricevitore) ed un server di linea deciso dal cliente. Il Ricevitore gestirà la linea seriale RS-485 in modalità STANDARD o MULTINODO in accordo alla configurazione di sistema. Modalità linea STANDARD In questa modalità la linea di campo viene utilizzata per trasmettere il report delle misure in accordo alle modalità decise durante la configurazione. In questo caso, la linea viene programmata, per quanto riguarda la velocità e la parità, in accordo ai parametri scelti dal configuratore. La modalità di trasmissione configurata, la presenza o meno del carattere di separazione e le misure scelte nella generazione del rapporto produrranno messaggi diversamente formattati come visibile nelle figure successive. Senza checksum di controllo In questo caso, il campo di checksum dati è falso. _char dato 1 dato 2 dato 3 dato 4 dato 5 dato n end_char Figura 1: modo binario senza separatore _char dato 1 separator dato separator 2 dato separator char char 3 char dato n Figura 2: modo binario con separatore end_char _char High_dato 1 Low_dato 1 High_dato 2 Low_dato 2 High_dato 3 Low_dato n end_char Figura 3: modo esadecimale senza separatore _char High_dato Low_dato separator 1 1 High_dato 2 Low_dato separator 2 Low_dato char char n Figura 4: modo esadecimale con separatore Centinaia Centinaia Decine Decine Unità Unità end_char _char dato 1 dato 1 dato 1 dato 2 dato 2 dato 2 dato n end_char Figura 5: modo decimale senza separatore Rev.1-11 Aprile

6 Centinaia Decine Unità Centinaia Decine Unità _char dato 1 dato 1 dato separator 1 dato 2 dato 2 dato 2 dato char n end_char Con checksum di controllo Figura 6: modo decimale con separatore In questo caso, il campo di checksum dati è vero: viene aggiunto un carattere comprendente la checksum dei campi dati nel messaggio di trasmissione. Tale checksum viene calcolata come complemento ad 1 della somma dei byte dei soli campi dati. _char dato 1 dato 2 dato 3 dato 4 dato 5 dato n checksum end_char Figura 7: modo binario con checksum senza separatore _char dato separator 1 dato separator 2 dato separator 3 dato char char char n checksum end_char Figura 8: modo binario con checksum e separatore _char High_dato 1 Low_dato 1 High_dato 2 Low_dato 2 High_dato 3 Low_dato n checksum end_char Figura 9: modo esadecimale con checksum senza separatore _char High_dato Low_dato separator 1 1 High_dato 2 Low_dato separator 2 Low_dato char char n checksum end_char Figura 10: modo esadecimale con checksum e separatore Centinaia Decine Unità Centinaia Decine Unità _char dato 1 dato 1 dato 1 dato 2 dato 2 dato 2 dato n checksum end_char Figura 11: modo decimale con checksum senza separatore Rev.1-11 Aprile 2008

7 Centinaia Decine Unità Centinaia Decine Unità _char dato 1 dato 1 dato separator 1 dato 2 dato 2 dato 2 dato char n checksum end_char Figura 12: modo decimale con checksum e separatore Il Ricevitore procede alla trasmissione di tutto il messaggio previsto utilizzando la modalità configurata. Il tempo totale richiesto per l invio del messaggio è riportata in Equazione 1se la parità è abilitata, altrimenti in Equazione 2 se la parità è disabilitata, dove la lunghezza del messaggio, espressa in numero di byte, è riportata in Tabella 1. t invio Lunghezza 11 Baud 10 = + 3 1ms t invio Lunghezza 10 Baud 10 = + 3 1ms Equazione 1 Equazione 2 Lunghezza messaggio 1 Carattere di separazione Modalità numero _ dati + 2 Senza separatore 2 numero _ dati + 1 Con separatore binaria 2 numero _ dati + 2 Senza separatore 3 numero _ dati + 1 Con separatore esadecimale 3 numero _ dati + 2 Senza separatore 4 numero _ dati + 1 Con separatore decimale Tabella 1: lunghezza messaggio Il numero_dati dipende da quali e quanti dati sono stati scelti dal configuratore per la generazione del rapporto. L Equazione 1 introduce un ritardo fisso di 1ms: il Ricevitore inserisce sempre, al termine dell invio di un messaggio completo, un ritardo fisso di 1 ms per permettere al computer Host il trasferimento del messaggio per la sua interpretazione. La linea di campo ha diverse modalità per effettuare il rapporto delle misure: tale modalità è scelta dal configuratore col campo reporting_mode. Fare riferimento al manuale di uso e manutenzione di METRON (cod , par. "Configurazione METRON con linea seriale RS-485 standard") Rapporto continuo In questa modalità, il Ricevitore prepara un messaggio di rapporto ad ogni ciclo di scansione e verifica se la trasmissione del messaggio precedente è terminata. In caso affermativo inizia la trasmissione del nuovo messaggio, altrimenti lo elimina. 1 La lunghezza del messaggio così calcolata va incrementata di 1 nel caso in cui sia presente la checksum di controllo Rev.1-11 Aprile

8 Rapporto periodico In questa modalità, il Ricevitore prepara un messaggio di rapporto allo scadere del periodo di trasmissione fissato dal configuratore. I possibili periodi sono riportati di seguito. - 50ms - 100ms - 250ms - 500ms - 750ms - 1s s - 1.5s - 2s - 3s Rapporto su richiesta In questa modalità, il Ricevitore prepara un messaggio di rapporto quando il computer Host invia un carattere di richiesta uguale a quello definito dal configuratore. Rapporto sul cambio stato In questa modalità, il Ricevitore verifica, ad ogni ciclo di scansione, se la trasmissione del messaggio precedente è terminata. In caso affermativo, verifica se, nel frattempo, c è stata una variazione nello stato raggi: se la variazione è presente, prepara un messaggio di rapporto e ne inizia la trasmissione. Se non ci sono state variazioni, nulla viene inviato. Rapporto dipendente da ingresso In questa modalità, il Ricevitore utilizza il segnale di ingresso come configurato col campo Input_type. L utilizzo del segnale di ingresso avviene come riportato di seguito. Configurazione ingresso Nessuna funzione Abilitazione linea Abilitazione totale Start/Stop linea Start/Stop totale Stand-by linea Stand-by totale operazione L ingresso viene ignorato e la linea di campo si comporterà esattamente come nel caso di rapporto continuo. Quando l ingresso è 24VDC, la linea di campo si comporterà esattamente come nel caso di rapporto continuo; quando l ingresso è 0VDC, la linea di campo sarà disabilitata. Sul fronte di salita del segnale esterno inizia il monitoraggio dell unico campo abilitato di reporting_measure, memorizzando sempre il valore massimo ottenuto. Sul fronte di discesa del segnale di ingresso la funzione di misura cessa e la linea di campo invierà, per tre volte consecutive, un messaggio contenente il valore massimo misurato. Quando l ingresso è 0VDC, la linea di campo si comporterà esattamente come nel caso di rapporto continuo. Quando l ingresso è 24VDC, la linea di campo si comporterà sempre come nel caso di rapporto continuo, ma il messaggio inviato non verrà composto di volta in volta, ma verrà mantenuto, sempre, l ultimo messaggio inviato. Modalità linea MULTINODO In questa modalità, la linea di campo viene utilizzata per interrogare il Ricevitore che sarà sempre MULTINODO della linea seriale RS485. La modalità di linea MULTINODO ha una configurazione fissa: Velocità: Parità: Modalità: baud pari binaria Rev.1-11 Aprile 2008

9 La linea RS485 funziona come MULTINODO e il Ricevitore risponde solo a messaggi inviati da un computer che costituisce l'host della linea seriale bidirezionale. Il Ricevitore elabora il messaggio ricevuto, se disponibile, ad ogni ciclo di scansione della barriera. Come risultato dell elaborazione, inizia la trasmissione del messaggio di risposta. Come conseguenza, il tempo di ritardo che intercorre tra l inizio trasmissione di un messaggio da parte dell Host e l inizio trasmissione della risposta da parte del Ricevitore è visibile in Equazione 3. t t = n ms + ritardo byte risposta Equazione 3 Vedere il manuale di uso e manutenzione di METRON (cod , par. "Caratteristiche tecniche") per il t risposta. Le sezioni seguenti riportano i protocolli desiderati. 2 Senza La Figura 13 successiva mostra la connessione del Ricevitore ad un Host nel caso in cui la selezione di è disattiva. La barriera di misura ha la propria resistenza di terminazione della linea RS485; una resistenza analoga dovrà essere predisposta sul terminale host stesso ovvero in un punto a lui vicino. In questo caso, il messaggio che l Host dovrà inviare al Ricevitore ha la struttura di Figura 14. Lo scambio di informazioni è sempre nella modalità domanda-risposta: l Host invia un pacchetto dati al Ricevitore (lo MULTINODO) che risponde con un altro pacchetto dati all'host. TX RX R terminazione Linea seriale RS 485 Figura 13: connessione Ricevitore ad un Host Rev.1-11 Aprile

10 Lunghezza Campo dati Figura 14: struttura messaggio da Host verso Ricevitore Lunghezza eseguito Campo dati Figura 15: risposta del Ricevitore verso Host Nel messaggio di Figura 14 sono visibili i seguenti campi: : è il carattere di del messaggio Lunghezza: un byte che definisce la lunghezza, comprendendo il comando ed il campo dati. Per quanto riguarda i messaggi attualmente definiti, il campo lunghezza può avere il valore massimo di 6. : un byte che contiene il comando inviato da Host a Ricevitore Campo dati: campo, non necessariamente presente, che contiene dati ausiliari correlati al comando in esecuzione : un byte complemento ad 1 della somma dei byte dei campi e Dati Come già detto, il Ricevitore risponde a messaggi provenienti dal computer Host. Essendo la linea configurata con il bit di parità attivo, alla ricezione di ciascun byte se ne verifica la parità stessa e, in caso di errore, si scarta il messaggio considerandolo errato: in questo caso, non si ha risposta da parte del Ricevitore. Di seguito l elenco dei comandi disponibili ed i dettagli di funzionamento. Reset software Abilitazione OUT Disabilitazione OUT Stand-by OUT Start misura OUT Utilizzo L Host può usare questo comando per generare un Reset software del Ricevitore. L Host può usare questo comando per abilitare le funzioni OUT precedentemente disabilitate. L Host può usare questo comando per disabilitare tutte le funzioni OUT precedentemente abilitate L Host può usare questo comando per mettere in Stand-by tutte le funzioni OUT precedentemente abilitate L Host può usare questo comando per far partire una fase di misura del tipo Start/Stop su tutte le funzioni OUT abilitate Rev.1-11 Aprile 2008

11 Stop misura OUT Start misura Stop misura richiesta stato raggi attivi Richiesta misure istantanee Richiesta configurazione Richiesta stato OUT L Host può usare questo comando per far terminare una fase di misura del tipo Start/Stop su tutte le funzioni OUT abilitate L Host può usare questo comando per far partire una fase di misura del tipo Start/Stop specificando un campo di misura a suo piacimento L Host può usare questo comando per far terminare una fase di misura del tipo Start/Stop precedentemente avviata L Host può usare questo comando per chiedere lo stato di un raggio singolo o di tutti i raggi attivi della barriera L Host può usare questo comando per chiedere il valore attuale di una o più misure disponibili L Host può usare questo comando per chiedere la configurazione della barriera di misura L Host può usare questo comando per chiedere lo stato attuale dei due OUT Richiesta stato barriera L Host può usare questo comando per chiedere lo stato attuale della barriera COMANDO DI RESET SOFTWARE L Host può usare questo comando per generare un Reset software del Ricevitore. L Host invia il messaggio: SW_Reset 0xDF 0x20 0x33 FUNZIONAMENTO CORRETTO GESTIONE ERRORI Il Ricevitore non invia messaggio di risposta ed esegue un reset di sistema visualizzando un carattere sul Display. Fare riferimento al manuale di uso e manutenzione di METRON (cod , par. "Segnalazioni"). 1. Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto ed il reset software non viene eseguito. 0x83 0x7C Rev.1-11 Aprile

12 2. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma la lunghezza non è quella prevista, il Ricevitore risponde con: abortito ed il reset software non viene eseguito. 0x81 0x7E COMANDO DI ABILITAZIONE OUT. L Host può usare questo comando per abilitare le funzioni OUT precedentemente disabilitate. L Host deve inviare il messaggio: Abilita OSSD 0xDE 0x21 0x33 FUNZIONAMENTO CORRETTO Il Ricevitore risponde col seguente messaggio: OSSD abilitato ed esegue l abilitazione OUT. 0x9E 0x Rev.1-11 Aprile 2008

13 GESTIONE ERRORI 1. Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto e l abilitazione OUT non viene eseguita. 0x83 0x7C 2. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma il parametro input_type ha una configurazione diversa da No_function ovvero la lunghezza non è quella prevista, il Ricevitore risponde con: abortito e l abilitazione OUT non viene eseguita. 0x81 0x7E COMANDO DI DISABILITAZIONE OUT L Host può usare questo comando per disabilitare tutte le funzioni OUT precedentemente abilitate. L Host deve inviare il messaggio: Disabilita OSSD 0xDD 0x22 0x Rev.1-11 Aprile

14 FUNZIONAMENTO CORRETTO Il Ricevitore risponde col seguente messaggio: OSSD disabilitato ed esegue la disabilitazione OUT. 0x9D 0x62 GESTIONE ERRORI 1. Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto e la disabilitazione OUT non viene eseguita. 0x83 0x7C 2. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma il parametro input_type ha una configurazione diversa da No_function ovvero la lunghezza non è quella prevista, il Ricevitore risponde con: abortito e la disabilitazione OUT non viene eseguita. 0x81 0x7E Rev.1-11 Aprile 2008

15 3. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma lo stato degli OUT non era abilitato, il Ricevitore risponde con: non possibile e la disabilitazione OUT non viene eseguita. 0x80 0x7F COMANDO DI STAND-BY OUT L Host può usare questo comando per mettere in Stand-by tutte le funzioni OUT precedentemente abilitate. L Host invia il messaggio: Stand-by OSSD 0xDC 0x23 0x33 FUNZIONAMENTO CORRETTO Il Ricevitore risponde col seguente messaggio: OSSD in stand-by ed esegue la messa in stand-by di tutti gli OUT. 0x9C 0x Rev.1-11 Aprile

16 GESTIONE ERRORI 1. Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto e lo stand-by OUT non viene eseguito. 0x83 0x7C 2. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma il parametro input_type ha una configurazione diversa da No_function ovvero la lunghezza non è quella prevista, il Ricevitore risponde con: abortito e lo stand-by OUT non viene eseguito. 0x81 0x7E 3. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma lo stato degli OUT non era abilitato, il Ricevitore risponde con: non possibile e lo stand-by OUT non viene eseguito. 0x80 0x7F Rev.1-11 Aprile 2008

17 COMANDO DI START MISURA OUT L Host può usare questo comando per far partire una fase di misura del tipo Start/Stop su tutte le funzioni OUT abilitate. L Host invia il messaggio: Start OSSD 0xDB 0x24 0x33 FUNZIONAMENTO CORRETTO Il Ricevitore risponde col seguente messaggio: Start OSSD eseguito GESTIONE ERRORI 0x9B 0x64 ed inizia la procedura di misura Start/stop su tutte le funzioni OUT abilitate. 1. Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto e lo Start OUT non viene eseguito. 0x83 0x7C Rev.1-11 Aprile

18 2. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma il parametro input_type ha una configurazione diversa da No_function ovvero la lunghezza non è quella prevista, il Ricevitore risponde con: abortito e lo Start OUT non viene eseguito. 0x81 0x7E 3. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma lo stato degli OUT non era abilitato, il Ricevitore risponde con: non possibile e lo Start OUT non viene eseguito. 0x80 0x7F COMANDO DI STOP MISURA OUT L Host può usare questo comando per far terminare una fase di misura del tipo Start/Stop su tutte le funzioni OUT abilitate. L Host invia il messaggio: Stop OSSD 0xDA 0x25 0x Rev.1-11 Aprile 2008

19 FUNZIONAMENTO CORRETTO Il Ricevitore risponde col seguente messaggio: Stop OSSD eseguito GESTIONE ERRORI 0x9A 0x65 e termina la procedura di misura Start/stop su tutte le funzioni OUT abilitate, generando gli OUT. 1. Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto e lo Stop OUT non viene eseguito. 0x83 0x7C 2. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma il parametro input_type ha una configurazione diversa da No_function ovvero la lunghezza non è quella prevista, il Ricevitore risponde con: abortito e lo Stop OUT non viene eseguito. 0x81 0x7E Rev.1-11 Aprile

20 3. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma il messaggio precedente non era quello di Start, il Ricevitore risponde con: non possibile e lo Stop OUT non viene eseguito. 0x80 0x7F COMANDO DI START MISURA L Host può usare questo comando per far partire una fase di misura del tipo Start/Stop specificando un campo di misura a suo piacimento. L Host invia il messaggio: Start misura misura 0x26 0x02 0x33 Selezione misura LBB LBO 0x02 0x02 CBB CBO 0x03 NBB NBO 0x04 NCBB NCBO FUNZIONAMENTO CORRETTO Il Ricevitore risponde col seguente messaggio: Misura iniziata 0x99 0x66 ed inizia la procedura di misura Start/stop sulla campo richiesto Rev.1-11 Aprile 2008

21 GESTIONE ERRORI 1. Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto e lo Start misura non viene eseguito. 0x83 0x7C 2. Se il messaggio ricevuto ha lunghezza diversa da 2 (non viene specificata la misura o ce ne sono più di una) ovvero il campo misura non è uno di quelli previsti, il Ricevitore risponde con: abortito e lo Start misura non viene eseguito. 0x81 0x7E 3. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma il sincronismo è mancante, il Ricevitore risponde con: Misura non possibile e lo Start misura non viene eseguito. 0x84 0x7B Rev.1-11 Aprile

22 COMANDO DI STOP MISURA L Host può usare questo comando per far terminare una fase di misura del tipo Start/Stop precedentemente avviata. L Host invia il messaggio: Stop misura 0xD8 0x27 0x33 FUNZIONAMENTO CORRETTO Il Ricevitore risponde col seguente messaggio: Misura terminata misura GESTIONE ERRORI Misura calcolata 0x67 0x02 e termina la procedura di misura Start/stop sul campo richiesto. 1. Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto e lo Stop misura non viene eseguito. 0x83 0x7C Rev.1-11 Aprile 2008

23 2. Se il messaggio ricevuto ha lunghezza diversa da 1, il Ricevitore risponde con: abortito e lo Stop misura non viene eseguito. 0x81 0x7E 3. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma il sincronismo è mancante, il Ricevitore risponde con: Misura non possibile e lo Stop misura non viene eseguito. 0x84 0x7B 4. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma il messaggio precedente non era quello di Start misura, il Ricevitore risponde con: non possibile e lo Stop misura non viene eseguito. 0x80 0x7F Rev.1-11 Aprile

24 COMANDO DI RICHIESTA STATO RAGGI ATTIVI L Host può usare questo comando per chiedere lo stato di un raggio singolo o di tutti i raggi attivi della barriera. L Host invia uno dei seguenti messaggi: Richiesta stato raggi Raggio singolo Raggio richiesto raggio richiesto 0x28 0x03 0x33 oppure Richiesta stato raggi Tutti i raggi 0xD5 0x02 0x28 0x02 0x33 FUNZIONAMENTO CORRETTO Il Ricevitore risponde col seguente messaggio: Stato raggi Raggio singolo Stato Raggio richiesto 0 -> raggio occupato 1 -> raggio libero 0x68 0x03 ed invia lo stato del raggio richiesto Rev.1-11 Aprile 2008

25 Oppure: Stato raggi Tutti i raggi raggi 1-8 raggi GESTIONE ERRORI stato tutti i raggi 0x02 0x68 0x0n n ed invia lo stato di tutti i raggi. Lo stato di ogni raggio occuperà un bit di ciascun byte trasmesso: ad esempio, una barriera con 24 raggi invierà 3 byte dove ogni bit rappresenta lo stato di ogni raggio a partire dal primo; una barriera con 30 raggi invierà 4 byte, con gli ultimi due bit dell ultimo byte a X. 1. Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto e lo stato raggi richiesto non viene inviato. 0x83 0x7C 2. Se il messaggio ricevuto ha lunghezza errata ovvero il raggio singolo richiesto non esiste oppure la richiesta è diversa da raggio singolo o tutti i raggi, il Ricevitore risponde con: abortito e lo stato raggi richiesto non viene inviato. 0x81 0x7E Rev.1-11 Aprile

26 COMANDO DI RICHIESTA MISURE ISTANTANEE L Host può usare questo comando per chiedere il valore attuale di una o più misure disponibili. L Host invia il messaggio: Richiesta misura istantanea misura 1... misura n Selezione misure 0x00 0x00 0x02 0x02 0x03 0x03 0x04 0x04 FBO FBB LBO LBB CBO CBB NBO NBB NCBO NCBB 0x29 n 0x33 FUNZIONAMENTO CORRETTO Il Ricevitore risponde col seguente messaggio: Invio misure istantanee misura 1... misura n Misure ottenute ed invia le misure richieste. 0x69 n Rev.1-11 Aprile 2008

27 GESTIONE ERRORI 1. Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto e la misura richiesta non viene inviata. 0x83 0x7C 2. Se il messaggio ricevuto ha lunghezza errata ovvero il campo misura non è uno di quelli previsti, il Ricevitore risponde con: abortito e la misura richiesta non viene inviata. 0x81 0x7E 3. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma il sincronismo è mancante, il Ricevitore risponde con: Misura non possibile e la misura richiesta non viene inviata. 0x84 0x7B COMANDO DI RICHIESTA CONFIGURAZIONE L Host può usare questo comando per chiedere la configurazione del Ricevitore. L Host invia il messaggio: Rev.1-11 Aprile

28 Richiesta configurazione 0xD5 0x2A 0x33 FUNZIONAMENTO CORRETTO Il Ricevitore risponde col seguente messaggio: Invio numero configurazione raggi Passo Sincronismo Orientamento Ingresso 0 -> Nessuna funzione 1 -> Abilita OSSD 4 -> Start/Stop OSSD 7 -> Stand_by OSSD 0 -> Normale 1 -> Rovesciato 0 -> Ottico 1 -> Cavo ed invia la configurazione richiesta. * valore in decimale 10D -> 10 mm 25D -> 25 mm 50D -> 50 mm 75D -> 75 mm numero raggi 0x6A 0x06 } * GESTIONE ERRORI 1. Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto 0x83 0x7C e la configurazione richiesta non viene inviata Rev.1-11 Aprile 2008

29 2. Se il messaggio ricevuto ha lunghezza errata, il Ricevitore risponde con: abortito 0x81 0x7E e la configurazione richiesta non viene inviata. COMANDO DI RICHIESTA STATO OUT L Host può usare questo comando per chiedere lo stato attuale dei due OUT. L Host invia il messaggio: Richiesta stato OSSD 0xD4 0x2B 0x33 FUNZIONAMENTO CORRETTO Il Ricevitore risponde col seguente messaggio: Invio stato OSSD Stato OSSD ed invia lo stato OUT richiesto. * dove 0 indica uscita in OFF dove 1 indica uscita in ON 0xD4 Stato OSSD 1,2 0x6B 0x02 * Rev.1-11 Aprile

30 GESTIONE ERRORI Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto e lo stato OUT richiesto non viene inviato. 0x83 0x7C Se il messaggio ricevuto ha lunghezza errata, il Ricevitore risponde con: abortito e lo stato OUT richiesto non viene inviato. 0x81 0x7E COMANDO DI RICHIESTA STATO BARRIERA L Host può usare questo comando per chiedere lo stato attuale del Ricevitore. L Host invia il messaggio: Richiesta stato barriera 0xD3 0x2C 0x Rev.1-11 Aprile 2008

31 FUNZIONAMENTO CORRETTO Il Ricevitore risponde col seguente messaggio: Invio stato barriera Stato sincronismo Stato barriera 0 -> Barriera occupata 1 -> Barriera libera 0 -> Sincronismo occupato 1 -> Sincronismo libero 0x6C 0x03 GESTIONE ERRORI ed invia lo stato barriera richiesto. 1. Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto e lo stato barriera richiesto non viene inviato. 0x83 0x7C 2. Se il messaggio ricevuto ha lunghezza errata, il Ricevitore risponde con: abortito e lo stato barriera richiesto non viene inviato. 0x81 0x7E Con La Figura 16 successiva mostra la connessione di più Ricevitore ad un Host nel caso in cui la selezione di è attiva. La barriera di misura non ha la propria resistenza di terminazione della linea RS485; due resistenze di terminazione dovranno essere predisposte ai due estremi della linea Rev.1-11 Aprile

32 In questo caso, il messaggio che l Host dovrà inviare al Ricevitore ha la struttura di Figura 17. Lo scambio di informazioni è sempre nella modalità domanda-risposta: l Host invia un pacchetto dati ad uno dei Ricevitori che, riconoscendo il proprio indirizzo, risponde con un altro pacchetto dati all'host. L Host ha la possibilità di inviare dei comandi Broadcast a tutti i Ricevitori connessi: il messaggio Broadcast non prevede risposta. RX RX RX RX RX R terminazione TX TX TX TX TX R terminazione Figura 16: connessione di più Ricevitore ad un Host Rev.1-11 Aprile 2008

33 Indirizzo Lunghezza Campo dati Figura 17: struttura messaggio da Host verso un Lunghezza eseguito Campo dati Figura 18: risposta di un Ricevitore verso Host Nel messaggio di Figura 17 sono visibili i seguenti campi: 1) : è il carattere di del messaggio 2) Indirizzo: è l indirizzo della barriera interrogata 3) Lunghezza: un byte che definisce la lunghezza, comprendendo il comando ed il campo dati. Per quanto riguarda i messaggi attualmente definiti, il campo lunghezza può avere il valore massimo di 6. 4) : un byte che contiene il comando inviato da Host a Ricevitore 5) Campo dati: campo, non necessariamente presente, che contiene dati ausiliari correlati al comando in esecuzione 6) : un byte complemento ad 1 della somma dei byte dei campi e Dati Come già detto, il Ricevitore risponde a messaggi provenienti dal computer Host. Essendo la linea configurata con il bit di parità attivo, alla ricezione di ciascun byte se ne verifica la parità e, in caso di errore, si scarta il messaggio considerandolo errato: in questo caso, non si ha risposta da parte del Ricevitore. Essendo la gestione a nodi, il messaggio ricevuto viene preso in carico solo nei seguenti due casi: Il messaggio ha l indirizzo uguale al numero di configurato nella memoria EEROM interna. In questo caso, il messaggio viene riconosciuto come proprio e gestito. Nel messaggio di risposta si avrà sempre il numero di della barriera che risponde Il messaggio ha l indirizzo di Broadcast 255: in questo caso, viene preso in carico senza mai generare un messaggio di risposta. Va da sé che un comando di richiesta dati e/o informazioni che ha l indirizzo di Broadcast viene rigettato senza generare risposta Rev.1-11 Aprile

34 Di seguito l elenco dei comandi disponibili. COMANDO DI RESET SOFTWARE L Host può usare questo comando per generare un Reset software del Ricevitore. L Host invia il messaggio: indirizzo SW_Reset 0xDF 0x20 o broadcast 0x33 FUNZIONAMENTO CORRETTO GESTIONE ERRORI Il Ricevitore non invia messaggio di risposta (anche se il numero di non è quello di Broadcast) ed esegue un reset di sistema visualizzando un carattere sul Display. Fare riferimento al manuale di uso e manutenzione di METRON (cod , par. "Segnalazioni"). 1. Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito e l indirizzo non è Broadcast, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto 0x83 0x7C e il reset software non viene eseguito Rev.1-11 Aprile 2008

35 2. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma la lunghezza non è quella prevista, il Ricevitore risponde con: abortito 0x81 0x7E e il reset software non viene eseguito. COMANDO DI ABILITAZIONE OUT L Host può usare questo comando per abilitare le funzioni OUT precedentemente disabilitate. L Host deve inviare il messaggio: indirizzo Abilita OSSD 0xDE 0x21 o broadcast 0x33 FUNZIONAMENTO CORRETTO Il Ricevitore risponde col seguente messaggio: OSSD abilitato 0x9E 0x61 ed esegue l abilitazione OUT. Se l indirizzo è quello di Broadcast, il comando viene eseguito senza la risposta Rev.1-11 Aprile

36 GESTIONE ERRORI 1. Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto 0x83 0x7C e l abilitazione OUT non viene eseguita. 2. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma il parametro input_type ha una configurazione diversa da No_function ovvero la lunghezza non è quella prevista, il Ricevitore risponde con: abortito 0x81 0x7E e l abilitazione OUT non viene eseguita. COMANDO DI DISABILITAZIONE OUT L Host può usare questo comando per disabilitare tutte le funzioni OUT precedentemente abilitate. L Host deve inviare il messaggio: indirizzo Disabilita OSSD 0xDD 0x22 o broadcast 0x Rev.1-11 Aprile 2008

37 FUNZIONAMENTO CORRETTO Il Ricevitore risponde col seguente messaggio: OSSD disabilitato GESTIONE ERRORI 0x9D 0x62 ed esegue la disabilitazione OUT. Se l indirizzo è quello di Broadcast, il comando viene eseguito senza inviare risposta. 1. Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto 0x83 0x7C e la disabilitazione OUT non viene eseguita. 2. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma il parametro input_type ha una configurazione diversa da No_function ovvero la lunghezza non è quella prevista, il Ricevitore risponde con: abortito 0x81 0x7E e la disabilitazione OUT non viene eseguita Rev.1-11 Aprile

38 3. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma lo stato degli OUT non era abilitato, il Ricevitore risponde con: non possibile e la disabilitazione OUT non viene eseguita. 0x80 0x7F COMANDO DI STAND-BY OUT L Host può usare questo comando per mettere in Stand-by tutte le funzioni OUT precedentemente abilitate. L Host invia il messaggio: indirizzo Stand-by OSSD 0xDC 0x23 o broadcast 0x33 FUNZIONAMENTO CORRETTO Il Ricevitore risponde col seguente messaggio: Stand-by OSSD 0x9C 0x63 ed esegue la messa in stand-by di tutti gli OUT. Se l indirizzo è quello di Broadcast, il comando viene eseguito senza inviare risposta Rev.1-11 Aprile 2008

39 GESTIONE ERRORI 1. Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto 0x83 0x7C e lo stand-by OUT non viene eseguito. 2. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma il parametro input_type ha una configurazione diversa da No_function ovvero la lunghezza non è quella prevista, il Ricevitore risponde con: abortito 0x81 0x7E e lo stand-by OUT non viene eseguito. 3. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma lo stato degli OUT non era abilitato, il Ricevitore risponde con: non possibile e lo stand-by OUT non viene eseguito. 0x80 0x7F Rev.1-11 Aprile

40 COMANDO DI START MISURA OUT L Host può usare questo comando per far partire una fase di misura del tipo Start/Stop su tutte le funzioni OUT abilitate. L Host invia il messaggio: indirizzo Start OSSD 0xDB 0x24 o broadcast 0x33 FUNZIONAMENTO CORRETTO Il Ricevitore risponde col seguente messaggio: Start OSSD eseguito GESTIONE ERRORI 0x9B 0x64 ed inizia la procedura di misura Start/stop su tutte le funzioni OUT abilitate. Se l indirizzo è quello di Broadcast, il comando viene eseguito senza inviare risposta. 1. Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto 0x83 0x7C e lo Start OUT non viene eseguito Rev.1-11 Aprile 2008

41 2. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma il parametro input_type ha una configurazione diversa da No_function ovvero la lunghezza non è quella prevista, il Ricevitore risponde con: abortito 0x81 0x7E e lo Start OUT non viene eseguito. 3. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma lo stato degli OUT non era abilitato, il Ricevitore risponde con: non possibile e lo Start OUT non viene eseguito. 0x80 0x7F COMANDO DI STOP MISURA OUT L Host può usare questo comando per far terminare una fase di misura del tipo Start/Stop su tutte le funzioni OUT abilitate. L Host invia il messaggio: indirizzo Stop OSSD 0xDA 0x25 o broadcast 0x Rev.1-11 Aprile

42 FUNZIONAMENTO CORRETTO Il Ricevitore risponde col seguente messaggio: Stop OSSD eseguito GESTIONE ERRORI 0x9A 0x65 e termina la procedura di misura Start/stop su tutte le funzioni OUT abilitate, generando gli OUT. Se l indirizzo è quello di Broadcast, il comando viene eseguito senza inviare risposta. 1. Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto 0x83 0x7C e lo Stop OUT non viene eseguito. 2. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma il parametro input_type ha una configurazione diversa da No_function ovvero la lunghezza non è quella prevista, il Ricevitore risponde con: abortito 0x81 0x7E e lo Stop OUT non viene eseguito Rev.1-11 Aprile 2008

43 3. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma il messaggio precedente non era quello di Start, il Ricevitore risponde con: non possibile e lo Stop OUT non viene eseguito. 0x80 0x7F COMANDO DI START MISURA L Host può usare questo comando per far partire una fase di misura del tipo Start/Stop specificando un campo di misura a suo piacimento. L Host invia il messaggio: indirizzo Start misura misura 0x26 0x02 o broadcast 0x33 Selezione misura LBB LBO 0x02 0x02 CBB CBO 0x03 NBB NBO 0x04 NCBB NCBO FUNZIONAMENTO CORRETTO Il Ricevitore risponde col seguente messaggio: Misura iniziata 0x99 0x66 ed inizia la procedura di misura Start/stop sulla campo richiesto. Se l indirizzo è quello di Broadcast, il comando viene eseguito senza inviare risposta Rev.1-11 Aprile

44 GESTIONE ERRORI 1. Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto 0x83 0x7C e lo Start misura non viene eseguito. 2. Se il messaggio ricevuto ha lunghezza diversa da 2 (non viene specificata la misura o ce ne sono più di una) ovvero il campo misura non è uno di quelli previsti, il Ricevitore risponde con: abortito 0x81 0x7E e lo Start misura non viene eseguito. 3. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma il sincronismo è mancante, il Ricevitore risponde con: Misura non possibile e lo Start misura non viene eseguito. 0x84 0x7B Rev.1-11 Aprile 2008

45 COMANDO DI STOP MISURA L Host può usare questo comando per far terminare una fase di misura del tipo Start/Stop precedentemente avviata. L Host invia il messaggio: indirizzo Stop misura 0xD8 0x27 0x33 FUNZIONAMENTO CORRETTO Il Ricevitore risponde col seguente messaggio: Misura terminata misura GESTIONE ERRORI Misura calcolata 0x67 0x02 e termina la procedura di misura Start/stop sul campo richiesto. Se l indirizzo è quello di Broadcast, il comando viene ignorato e la fase di misura continua. 1. Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto 0x83 0x7C e lo Stop misura non viene eseguito Rev.1-11 Aprile

46 2. Se il messaggio ricevuto ha lunghezza diversa da 1, il Ricevitore risponde con: abortito 0x81 0x7E e lo Stop misura non viene eseguito. 3. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma il sincronismo è mancante, il Ricevitore risponde con: Misura non possibile e lo Stop misura non viene eseguito. 0x84 0x7B 4. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma il messaggio precedente non era quello di Start misura, il Ricevitore risponde con: non possibile e lo Stop misura non viene eseguito. 0x80 0x7F Rev.1-11 Aprile 2008

47 COMANDO DI RICHIESTA STATO RAGGI ATTIVI L Host può usare questo comando per chiedere lo stato di un raggio singolo o di tutti i raggi attivi della barriera. L Host invia uno dei seguenti messaggi: indirizzo Richiesta stato raggi Raggio singolo Raggio richiesto raggio richiesto 0x28 0x03 0x33 oppure indirizzo Richiesta stato raggi Tutti i raggi 0xD5 0x02 0x28 0x02 0x33 FUNZIONAMENTO CORRETTO Il Ricevitore risponde col seguente messaggio: Stato raggi Raggio singolo Stato Raggio richiesto 0 -> raggio occupato 1 -> raggio libero 0x68 0x03 ed invia lo stato del raggio richiesto. Se l indirizzo è quello di Broadcast, il comando viene ignorato Rev.1-11 Aprile

48 Oppure: Stato raggi Tutti i raggi raggi 1-8 raggi stato tutti i raggi 0x02 0x68 0x0n n GESTIONE ERRORI ed invia lo stato di tutti i raggi. Se l indirizzo è quello di Broadcast, il comando viene ignorato. Lo stato di ogni raggio occuperà un bit di ciascun byte trasmesso: ad esempio, una barriera con 24 raggi invierà 3 byte dove ogni bit rappresenta lo stato di ogni raggio a partire dal primo; una barriera con 30 raggi invierà 4 byte, con gli ultimi due bit dell ultimo byte a X. 1. Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto 0x83 0x7C e lo stato raggi richiesto non viene inviato. 2. Se il messaggio ricevuto ha lunghezza errata ovvero il raggio singolo richiesto non esiste oppure la richiesta è diversa da raggio singolo o tutti i raggi, il Ricevitore risponde con: abortito 0x81 0x7E e lo stato raggi richiesto non viene inviato Rev.1-11 Aprile 2008

49 COMANDO DI RICHIESTA MISURE ISTANTANEE L Host può usare questo comando per chiedere il valore attuale di una o più misure disponibili. L Host invia il messaggio: indirizzo Richiesta misura istantanea misura 1... misura n Selezione misure 0x00 FBB LBB 0x02 CBB 0x03 NBB 0x04 NCBB 0x29 n 0x33 FUNZIONAMENTO CORRETTO Il Ricevitore risponde col seguente messaggio: Invio misure istantanee misura 1... misura n Misure ottenute 0x69 n ed invia le misure richieste. Se l indirizzo è quello di Broadcast, il comando viene ignorato Rev.1-11 Aprile

50 GESTIONE ERRORI 1. Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto 0x83 0x7C e la misura richiesta non viene inviata. 2. Se il messaggio ricevuto ha lunghezza errata ovvero il campo misura non è uno di quelli previsti, il Ricevitore risponde con: abortito 0x81 0x7E e la misura richiesta non viene inviata. 3. Se il messaggio ricevuto è corretto, ma il sincronismo è mancante, il Ricevitore risponde con: Misura non possibile e la misura richiesta non viene inviata. 0x84 0x7B Rev.1-11 Aprile 2008

51 COMANDO DI RICHIESTA CONFIGURAZIONE L Host può usare questo comando per chiedere la configurazione del Ricevitore. L Host invia il messaggio: indirizzo Richiesta configurazione 0xD5 0x2A 0x33 FUNZIONAMENTO CORRETTO Il Ricevitore risponde col seguente messaggio: Invio numero configurazione raggi Passo Sincronismo Orientamento Ingresso 0 -> Nessuna funzione 1 -> Abilita OSSD 4 -> Start/Stop OSSD 7 -> Stand_by OSSD 0 -> Normale 1 -> Rovesciato 0 -> Ottico 1 -> Cavo 10D -> 10 mm 25D -> 25 mm 50D -> 50 mm 75D -> 75 mm numero raggi 0x06 ed invia la configurazione richiesta. Se l indirizzo è quello di Broadcast, il comando viene ignorato. * valore in decimale 0x6A } * Rev.1-11 Aprile

52 GESTIONE ERRORI 1. Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto 0x83 0x7C e la configurazione richiesta non viene inviata. 2. Se il messaggio ricevuto ha lunghezza errata, il Ricevitore risponde con: abortito 0x81 0x7E e la configurazione richiesta non viene inviata. COMANDO DI RICHIESTA STATO OUT L Host può usare questo comando per chiedere lo stato attuale dei due OUT. L Host invia il messaggio: Richiesta stato OSSD 0xD4 0x2B 0x Rev.1-11 Aprile 2008

53 FUNZIONAMENTO CORRETTO Il Ricevitore risponde col seguente messaggio: Invio stato OSSD Stato OSSD GESTIONE ERRORI 0xD4 Stato OSSD 1,2 0x6B 0x02 ed invia lo stato OUT richiesto. Se l indirizzo è quello di Broadcast, il comando viene ignorato. * dove 0 indica uscita in OFF dove 1 indica uscita in ON * 1. Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto 0x83 0x7C e lo stato OUT richiesto non viene inviato. 2. Se il messaggio ricevuto ha lunghezza errata, il Ricevitore risponde con: abortito 0x81 0x7E e lo stato OUT richiesto non viene inviato Rev.1-11 Aprile

54 COMANDO DI RICHIESTA STATO BARRIERA L Host può usare questo comando per chiedere lo stato attuale del Ricevitore. L Host invia il messaggio: Richiesta stato barriera 0xD3 0x2C 0x33 FUNZIONAMENTO CORRETTO Il Ricevitore risponde col seguente messaggio: Invio stato barriera Stato sincronismo Stato barriera 0 -> Barriera occupata 1 -> Barriera libera 0 -> Sincronismo occupato 1 -> Sincronismo libero 0x6C 0x03 GESTIONE ERRORI ed invia lo stato barriera richiesto. Se l indirizzo è quello di Broadcast, il comando viene ignorato. 1. Se il messaggio ricevuto ha il checksum corrotto oppure il campo lunghezza ha un valore che eccede il massimo consentito, il Ricevitore risponde con: Messaggio corrotto 0x83 0x7C e lo stato barriera richiesto non viene inviato Rev.1-11 Aprile 2008

55 2. Se il messaggio ricevuto ha lunghezza errata, il Ricevitore risponde con: abortito 0x81 0x7E e lo stato barriera richiesto non viene inviato Rev.1-11 Aprile

56 METRON REER S.p.A. 32 via Carcano Torino Italia Tel. +39/ r.a. Fax +39/ Internet: Rev.1-11 Aprile 2008

BARRIERE FOTOELETTRICHE PER MISURA AUTOMAZIONE CONTROLLO

BARRIERE FOTOELETTRICHE PER MISURA AUTOMAZIONE CONTROLLO BARRIERE FOTOELETTRICHE PER MISURA AUTOMAZIONE CONTROLLO Documentazione Marketing Febb. 2015 Rev.0 Micron la nuova barriera compatta per le applicazioni industriali e civili dove è necessario rilevare,

Dettagli

Comunicazione codifica dei dati. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni

Comunicazione codifica dei dati. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Comunicazione codifica dei dati Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Trasmissione dati La trasmissione dati,permette di trasmettere a distanza informazioni di tipo digitale

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Comunicazione Seriale Prof. Antonino Mazzeo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica UART/USART Intel 8251A Standard Universal Synchronous/Asynchronous Receiver/Trasmitter (USART) Progettata

Dettagli

ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO DEL PROTOCOLLO MODBUS

ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO DEL PROTOCOLLO MODBUS ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO DEL PROTOCOLLO MODBUS INDICE 1. Introduzione... 2 1.1 Abbreviazioni... 2 1.2 Specifiche Modbus... 2 1.3 Tipologia rete Modbus... 2 2. Configurazione MODBUs... 3 2.1 Cablaggio...

Dettagli

VIW TRE CANALI LC50A RS232 - RACK

VIW TRE CANALI LC50A RS232 - RACK VIW 3 CANALI LC-50A RS232 RACK 1 PROFESSIONAL ELECTRONIC INSTRUMENTS VIW TRE CANALI LC50A RS232 - RACK VIW 3 CANALI LC-50A RS232 RACK 2 SOMMARIO 1. Descrizione dello strumento 1.1 Frontale 1.2 Retro 2.

Dettagli

Datalogger. Protocolli di comunicazione. Aggiornamento 09/06/2014. INSTUM_00727_it

Datalogger. Protocolli di comunicazione. Aggiornamento 09/06/2014. INSTUM_00727_it Datalogger Protocolli di comunicazione Aggiornamento 09/06/24 INSTUM_727_it Copyright 20-24 LSI LASTEM. Tutti i diritti riservati. Le informazioni contenute nel presente manuale sono soggette a modifiche

Dettagli

MANUALE FIRMWARE PRESENZE TERMINALE TEMPO CDV-137

MANUALE FIRMWARE PRESENZE TERMINALE TEMPO CDV-137 C.D.V.ITALIA S.r.l. MANUALE FIRMWARE PRESENZE TERMINALE TEMPO CDV-137 ver. CDV-137 007 rev. 1.9 \\Z8xdm2vfarmupsa\shareddocs\documentazione tecnica\doko\cdv italiano\cdv 137 007_19_utente_A5.doc CDV-137

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

SureCross DX80 Modbus RTU, Modbus/TCP, EtherNet/IP Guida di riferimento Host e configurazione

SureCross DX80 Modbus RTU, Modbus/TCP, EtherNet/IP Guida di riferimento Host e configurazione SureCross DX80 Modbus RTU, Modbus/TCP, EtherNet/IP Guida di riferimento Host e configurazione 08/08 Cod. 141759 rev. D Banner Engineering Corp. 9714 Tenth Ave. No. Minneapolis, MN USA 55441 Tel.: 763.544.3164

Dettagli

Part. Y1792A - 06/06-01 PC. Protocollo di comunicazione seriale Modbus

Part. Y1792A - 06/06-01 PC. Protocollo di comunicazione seriale Modbus Part. Y1792A - 06/06-01 PC Protocollo di comunicazione seriale Modbus 3 INDICE 1. Protocollo Modbus Pag. 4 1.1 Impostazione parametri di comunicazione Pag. 4 2. Protocollo Modbus RTU Pag. 5 2.1 Funzioni

Dettagli

MANUALE INSTALLATORE CAR WASH SENTINEL

MANUALE INSTALLATORE CAR WASH SENTINEL MANUALE INSTALLATORE CAR WASH SENTINEL MANUALE INSTALLATORE CAR WASH GENIO ITALIA si riserva il diritto di apportare modifiche o miglioramenti ai propri prodotti in qualsiasi momento senza alcun preavviso.

Dettagli

Un metodo per il rilevamento degli errori: la tecnica del Bit di Parità

Un metodo per il rilevamento degli errori: la tecnica del Bit di Parità Appunti: Tecniche di rilevazione e correzione degli errori 1 Tecniche di correzione degli errori Le tecniche di correzione degli errori sono catalogabili in: metodi per il rilevamento degli errori; metodi

Dettagli

IL LIVELLO DI LINEA O LIVELLO DI DATA LINK 1. Servizi offerti 2. Struttura dei pacchetti 3 CAMPO DATI 3. Character stuffing 4.

IL LIVELLO DI LINEA O LIVELLO DI DATA LINK 1. Servizi offerti 2. Struttura dei pacchetti 3 CAMPO DATI 3. Character stuffing 4. IL LIVELLO DI LINEA O LIVELLO DI DATA LINK 1 Servizi offerti 2 Struttura dei pacchetti 3 CAMPO DATI 3 Character stuffing 4 Bit stuffing 6 Protocolli di comunicazione 7 Protocolli di tipo simplex 8 Simplex

Dettagli

INFORMATICA. Automa TRATTAMENTO AUTOMATICO DELLE INFORMAZIONI

INFORMATICA. Automa TRATTAMENTO AUTOMATICO DELLE INFORMAZIONI Automa L automa è un sistema, che imita il comportamento umano, in grado di ricevere informazioni dall'esterno (input), reagire alle stesse elaborandole (processing), e inviare informazioni di nuovo all'esterno

Dettagli

MANUALE D USO SWEDA MASTER

MANUALE D USO SWEDA MASTER MANUALE D USO SWEDA MASTER COMPATIBILE WINDOWS VISTA Versione 1.2.0.3 Manuale RTS WPOS1 INDICE INDICE... 2 LEGENDA... 2 PREMESSA... 3 VERSIONI DEL PROGRAMMA... 3 COMPATIBILITA CON WINDOWS VISTA... 3 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Giovedì 15-05-2014 1 Protocolli a turno

Dettagli

Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET

Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET ValveConnectionSystem Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET P20.IT.R0a IL SISTEMA V.C.S Il VCS è un sistema che assicura

Dettagli

GENERALITÀ. Unità: Canali di comunicazione:

GENERALITÀ. Unità: Canali di comunicazione: GENERALITÀ L'apparecchiatura CON232E è una unità a microprocessore equipaggiata di un canale ethernet e due canali seriali rs232c. Il dispositivo trasmette i dati ricevuti dal canale Ethernet con protocollo

Dettagli

Manuale Terminal Manager 2.0

Manuale Terminal Manager 2.0 Manuale Terminal Manager 2.0 CREAZIONE / MODIFICA / CANCELLAZIONE TERMINALI Tramite il pulsante NUOVO possiamo aggiungere un terminale alla lista del nostro impianto. Comparirà una finestra che permette

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE CE1_AD/P2 Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione Versione 01.10/12 CE1_AD/P2: dispositivo elettronico programmabile

Dettagli

ESERCIZIO NUMERO 1 ESERCIZIO NUM. 2

ESERCIZIO NUMERO 1 ESERCIZIO NUM. 2 ESERCIZIO NUMERO 1 Alcuni errori di segnale possono provocare la sostituzione di interi gruppi di bit di un pacchetto mediante una sequenza di valori 0 oppure una sequenza di valori 1. Supponete che vengano

Dettagli

Manuale di installazione ed utilizzo del software di Controllo MatrixCTLR

Manuale di installazione ed utilizzo del software di Controllo MatrixCTLR Manuale di installazione ed utilizzo del software di Controllo MatrixCTLR Vi preghiamo di leggere attentamente queste istruzioni prima di installare il software e di lavorare con esso. Ver.3.0.0 1 rev.

Dettagli

Capitolo 3 Operazioni di ingresso e uscita

Capitolo 3 Operazioni di ingresso e uscita Capitolo 3 Operazioni di ingresso e uscita 3.1. Per assicurare che i dati siano letti solo una volta. 3.2. Assumendo i registri dell interfaccia dello schermo in Figura 3.3, si può usare il seguente programma:

Dettagli

Combinatore telefonico per invio messaggi vocali e digitali

Combinatore telefonico per invio messaggi vocali e digitali Sommario Combinatore telefonico per invio messaggi vocali e digitali Pagina 1.0. Descrizione generale... 2 2.0. Programmazione... 3 3.0. Registrazione messaggi... 3 4.0. Ascolto messaggi... 3 5.0. Inserimento

Dettagli

M1600 Ingresso/Uscita parallelo

M1600 Ingresso/Uscita parallelo M1600 Ingresso / uscita parallelo M1600 Ingresso/Uscita parallelo Descrizione tecnica Eiserstraße 5 Telefon 05246/963-0 33415 Verl Telefax 05246/963-149 Data : 12.7.95 Versione : 2.0 Pagina 1 di 14 M1600

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete IP Analizziamo con sufficiente dettaglio il sistema denominato IP, usato per consentire a due computer mobili di spostarsi liberamente in altre reti pur mantenendo lo stesso indirizzo IP. In particolare,

Dettagli

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 In questo documento vengono illustrate brevemente le operazioni aritmetiche salienti e quelle logiche ad esse strettamente collegate.

Dettagli

MANUALE D USO. EPSON FP90, FP81 e compatibili

MANUALE D USO. EPSON FP90, FP81 e compatibili MANUALE D USO EPSON FP90, FP81 e compatibili COMPATIBILE WINDOWS VISTA Versione 1.0.0.0 Manuale RTS WPOS1 INDICE INDICE... 2 LEGENDA... 2 PREMESSA... 3 VERSIONI DEL PROGRAMMA... 3 COMPATIBILITA CON WINDOWS

Dettagli

Istruzioni di messa in servizio rapida per. Flying shear Taglio al volo lineare

Istruzioni di messa in servizio rapida per. Flying shear Taglio al volo lineare Istruzioni di messa in servizio rapida per Flying shear Taglio al volo lineare FLYING SHEAR Programmare la scheda UD7x con l applicazione Per poter caricare l applicatione Flying Shear nella scheda ud70

Dettagli

FRERVIEW2: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DELLE MISURE ELETTRICHE Vers. 3.0

FRERVIEW2: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DELLE MISURE ELETTRICHE Vers. 3.0 FRERVIEW2: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DELLE MISURE ELETTRICHE Vers. 3.0 Descrizione Generale E un programma di monitoraggio e supervisione in grado di leggere, memorizzare, preparare reports, visualizzare

Dettagli

DATAPROCESS INDUSTRIA S.p.A. INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2

DATAPROCESS INDUSTRIA S.p.A. INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2 Indice INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2 3.1. PESATURA SEMPLICE 2 3.2. TARA SEMIAUTOMATICA 2 3.3. BLOCCO DELLA TARA 3 4. TASTIERA 3 5. INTERFACCIA

Dettagli

Note di release per l utente Fiery Network Server per Xerox WorkCentre 7830/7835/7845/7855, versione 1.1

Note di release per l utente Fiery Network Server per Xerox WorkCentre 7830/7835/7845/7855, versione 1.1 Note di release per l utente Fiery Network Server per Xerox WorkCentre 7830/7835/7845/7855, versione 1.1 Questo documento contiene importanti informazioni su questo release. Distribuire una copia di questo

Dettagli

Il livello Data-Link e i suoi protocolli

Il livello Data-Link e i suoi protocolli Il livello Data-Link e i suoi protocolli Modulo 5 (Integrazione) Livello Data-Link Abbiamo visto che il Livello Data link provvede a: o offrire servizi al livello network con un'interfaccia ben definita;

Dettagli

Il protocollo TCP. Obiettivo. Procedura

Il protocollo TCP. Obiettivo. Procedura Il protocollo TCP Obiettivo In questo esercizio studieremo il funzionamento del protocollo TCP. In particolare analizzeremo la traccia di segmenti TCP scambiati tra il vostro calcolatore ed un server remoto.

Dettagli

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 Applicazione Integrazione di tutta la gamma di Centrali Techno (Technodin, Techno32, Techno88 e Techno200)

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 5 Giovedì 19-03-2015 1 Intensità del traffico e perdita dei pacchetti La componente

Dettagli

Collegamento dei Sistemi SLC come I/O remoti ai Processori PLC 5

Collegamento dei Sistemi SLC come I/O remoti ai Processori PLC 5 Guida di Riferimento Collegamento dei Sistemi SLC come I/O remoti ai Processori PLC 5 Questo documento utilizza la documentazione disponibile sui PLC e SLC per mostrare come è possibile comunicare tra

Dettagli

Descrizione del protocollo

Descrizione del protocollo EFA Automazione S.r.l.Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Atlas Copco Power MACS (01 ITA).doc pag. 1 / 8 Descrizione del protocollo Sulla porta seriale collegata ad ATLAS COPCO vengono intercettate le

Dettagli

Capitolo 8 - Protocollo Modbus RTU per Drive SIRCO

Capitolo 8 - Protocollo Modbus RTU per Drive SIRCO Capitolo 8 - Protocollo Modbus RTU per Drive SIRCO 8.1 Introduzione I parametri Drive vengono riferiti nel capitolo come registri Modbus di 16 bit; un parametro Drive di 32 bit occupa quindi 2 registri

Dettagli

41126 Cognento (MODENA) Italy Via Bottego 33/A Tel: +39-(0)59 346441 Internet: http://www.aep.it E-mail: aep@aep.it Fax: +39-(0)59-346437

41126 Cognento (MODENA) Italy Via Bottego 33/A Tel: +39-(0)59 346441 Internet: http://www.aep.it E-mail: aep@aep.it Fax: +39-(0)59-346437 QUICK ANALYZER Manuale Operativo Versione 5.3 Sommario 1.0 Generalità... 2 CONTRATTO DI LICENZA... 3 2.0 Configurazione dei Canali... 4 2.1 Gestione DataLogger IdroScan... 7 3.0 Risultati di Prova... 9

Dettagli

Capitolo 1 Installazione del programma

Capitolo 1 Installazione del programma Capitolo 1 Installazione del programma Requisiti Hardware e Software Per effettuare l installazione del software Linea Qualità ISO, il computer deve presentare una configurazione minima così composta:

Dettagli

Misura di livello e di pressione. Istruzioni d uso. Uscita segnale Modbus VEGASCAN 850. Modbus. out

Misura di livello e di pressione. Istruzioni d uso. Uscita segnale Modbus VEGASCAN 850. Modbus. out Misura livello e pressione Istruzioni d uso Uscita segnale Modbus VEGASCAN 850 0100110010100 Modbus in out Ince Ince Informazioni per la sicurezza... 2 Attenzione Zona pericolosa... 2 1 Configurazione

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

FrerEnergy: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA

FrerEnergy: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA FrerEnergy: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA Descrizione Generale E un programma di supervisione in grado di comunicare, visualizzare, memorizzare e stampare i consumi dell

Dettagli

Kit A72 MANUALE DEL SOFTWARE TWIDO PER IL DISTACCO UTENZE (CEI 0-16 ALLEGATO M)

Kit A72 MANUALE DEL SOFTWARE TWIDO PER IL DISTACCO UTENZE (CEI 0-16 ALLEGATO M) Kit A72 MANUALE DEL SOFTWARE TWIDO PER IL DISTACCO UTENZE (CEI 0-16 ALLEGATO M) INDICE 1 OBIETTIVO...2 2 CONFIGURAZIONE DEL PROGRAMMA...2 2.1 Configurazione oggetti di memoria...2 3 FUNZIONAMENTO...5 3.1

Dettagli

Mitho PL KNX Pannello combinato KNX/videocitofonia. Mitho HA KNX Pannello di comando e visualizzazione KNX. Manuale Tecnico

Mitho PL KNX Pannello combinato KNX/videocitofonia. Mitho HA KNX Pannello di comando e visualizzazione KNX. Manuale Tecnico Mitho PL KNX Pannello combinato KNX/videocitofonia Mitho HA KNX Pannello di comando e visualizzazione KNX Mitho PL KNX Mitho HA KNX Manuale Tecnico 1 Sommario 1 2 3 4 5 6 7 Introduzione... 3 Applicazione...

Dettagli

ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA

ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA INTRODUZIONE È denominata Architettura di rete un insieme di livelli e protocolli. Le reti sono organizzate gerarchicamente in livelli, ciascuno dei quali interagisce

Dettagli

Real Time Control (RTC): modalità di invio dei dati

Real Time Control (RTC): modalità di invio dei dati C EQAS - CNR External Quality Assessment Schemes CNR - Istituto di Fisiologia Clinica Real Time Control (RTC): modalità di invio dei dati R. Conte, A. Renieri v.1.1-15/11/2012 Introduzione Il programma

Dettagli

KIT SUPERVISORE INSTALLAZIONE ED USO

KIT SUPERVISORE INSTALLAZIONE ED USO KIT SUPERVISORE INSTALLAZIONE ED USO Indice 1 DESCRIZIONE GENERALE 1.1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE 1.2 COLLEGAMENTO AL PC 2 INSTALLAZIONE 2.1 INSTALLAZIONE DEI CAVI DI COLLEGAMENTO 2.2 SCELTA DEL SOFTWARE

Dettagli

Interfaccia BL232 con uscite RS232/422/485 MODBUS e 0-10V. Interfaccia BL232

Interfaccia BL232 con uscite RS232/422/485 MODBUS e 0-10V. Interfaccia BL232 BIT LINE STRUMENTAZIONE PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE Interfaccia BL232 con uscite RS232/422/485 MODBUS e 0-10V Facile e rapida installazione Ideale domotica e building automation Alimentazione estesa

Dettagli

Note applicative AN001: Driver ModBus

Note applicative AN001: Driver ModBus WebCommander e WebLog Note applicative AN001: Driver ModBus Generalita Questo documento descrive la configurazione dei parametri ModBus nei dispositivi WebLog e WebCommander, al fine di definire le variabili

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 1 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Intro: 1 Con il termine rete si indica in modo generico un collegamento fra 2 apparecchiature (sorgente - destinazione)

Dettagli

Reti e Sistemi per l Automazione MODBUS. Stefano Panzieri Modbus - 1

Reti e Sistemi per l Automazione MODBUS. Stefano Panzieri Modbus - 1 MODBUS Stefano Panzieri Modbus - 1 La Storia Diventa uno STANDARD nel 1979 Nato come protocollo di comunicazione SERIALE si è successivamente adattato alle specifiche TCP/IP Permette una comunicazione

Dettagli

Ricevitore radio DCMP2000FL INDICE

Ricevitore radio DCMP2000FL INDICE Ricevitore radio DCMP2000FL INDICE Generalità pag. 2 Caratteristiche pag. 2 Modo di funzionamento pag. 3 Collegamenti pag. 3 Visualizzazioni pag. 4 Eventi pag. 4 Allarme pag. 4 Tamper pag. 4 Batteria scarica

Dettagli

RETI E SOTTORETI. Copyright 2010 Marco Salatin Pagina 1

RETI E SOTTORETI. Copyright 2010 Marco Salatin Pagina 1 RETI E SOTTORETI Copyright 2010 Marco Salatin Pagina 1 COME CREARE UNA RETE DI COMPUTER Le maschere di rete Una maschera è uno schema usato per filtrare precisi caratteri o numeri da stringhe di caratteri

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

LaurTec. RS232-CAN Protocol Converter. Versione N 1.0. Autore : Mauro Laurenti. email: info.laurtec@gmail.com ID: PJ2003-IT

LaurTec. RS232-CAN Protocol Converter. Versione N 1.0. Autore : Mauro Laurenti. email: info.laurtec@gmail.com ID: PJ2003-IT Versione N 1.0 RS232-CAN Protocol Converter Autore : Mauro Laurenti email: info.laurtec@gmail.com ID: PJ2003-IT Copyright 2008 Mauro Laurenti 1/9 INFORMATIVA Come prescritto dall'art. 1, comma 1, della

Dettagli

Flip-flop Macchine sequenziali

Flip-flop Macchine sequenziali Flip-flop Macchine sequenziali Introduzione I circuiti digitali possono essere così classificati Circuiti combinatori Il valore delle uscite ad un determinato istante dipende unicamente dal valore degli

Dettagli

Introduzione alle Reti Telematiche

Introduzione alle Reti Telematiche Introduzione alle Reti Telematiche Esercizi Copyright Gruppo Reti Politecnico di Torino INTROUZIONE ALLE RETI TELEMATICHE - 1 Copyright Quest opera è protetta dalla licenza Creative Commons Noerivs-NonCommercial.

Dettagli

RIPARTIZIONE SPESE CONTECA MBUS

RIPARTIZIONE SPESE CONTECA MBUS RIPARTIZIONE SPESE CONTECA MBUS COD. 755830 Win Rel. TSP.04706 Il software di ripartizione spese per sistema CONTECA centralizzato permette, una volta reperiti i dati di consumo individuale d'utenza (tramite

Dettagli

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione.

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Compito fondamentale di un S.O. è infatti la gestione dell

Dettagli

Modulo plug&play MKMB-3-e-3. Interfaccia Modbus/RTU per contatori Iskraemeco MT831 / MT860

Modulo plug&play MKMB-3-e-3. Interfaccia Modbus/RTU per contatori Iskraemeco MT831 / MT860 Modulo plug&play MKMB-3-e-3 Interfaccia Modbus/RTU per contatori Iskraemeco MT831 / MT860 Informazioni generali Il modulo MKMB-3-e-3 realizza un interfaccia seriale RS485 con protocollo Modbus/RTU. Limitazioni

Dettagli

Uno dei metodi più utilizzati e

Uno dei metodi più utilizzati e TEORIA MHZ RISORSE SPECIALE PRATICA Quinta parte n 257 - Novembre 2006 Realizzazione di un timer digitale programmabile Sesta parte n 258 - Dicembre 2006 Uso delle interfacce seriali Settima parte n 259

Dettagli

I N T E G R A S. R. L. Via Lecco, 5/E - 22036 Erba (CO) - ITALY Tel/Fax: +39-031 3338884 P.I. 02608090136 N CCIAA 269444 MANUALE UTENTE T-MOD

I N T E G R A S. R. L. Via Lecco, 5/E - 22036 Erba (CO) - ITALY Tel/Fax: +39-031 3338884 P.I. 02608090136 N CCIAA 269444 MANUALE UTENTE T-MOD Via Lecco, 5/E - 22036 Erba (CO) - ITALY Tel/Fax: +39-031 3338884 P.I. 02608090136 N CCIAA 269444 UNI EN ISO 9001:2008 CERT. N. 50 100 6048 Controllo ambientale integrato MANUALE UTENTE T-MOD Rev. Data

Dettagli

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps SOFTWARE PER LA GESTIONE DEI TELECONTROLLI SMS-GPS MANAGER Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps Rev.0911 Pag.1 di 8 www.carrideo.it INDICE 1. DESCRIZIONE

Dettagli

Guida Rapida di Syncronize Backup

Guida Rapida di Syncronize Backup Guida Rapida di Syncronize Backup 1) SOMMARIO 2) OPZIONI GENERALI 3) SINCRONIZZAZIONE 4) BACKUP 1) - SOMMARIO Syncronize Backup è un software progettato per la tutela dei dati, ed integra due soluzioni

Dettagli

104server104 INAF-OAA Gruppo Strumentazione Infrarossa. C.Baffa, E.Giani

104server104 INAF-OAA Gruppo Strumentazione Infrarossa. C.Baffa, E.Giani 104server104 INAF-OAA Gruppo Strumentazione Infrarossa Progetto Giano Protocollo per la comunicazione tra gbridge e Giano GUI C.Baffa, E.Giani Versione 1.08, Firenze 19 Giugno 2007 Sommario Nel presente

Dettagli

CANUSB. Programmable CAN bus-pc interface

CANUSB. Programmable CAN bus-pc interface CANUSB-Man-Ita_revd.doc - 05/04/05 SP04002 Pagina 1 di 12 Specifica tecnica CANUSB Programmable CAN bus-pc interface Specifica tecnica n SP04002 Versione Autore Data Note Rev. 0 M. BIANCHI 10/09/04 Prima

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

Manuale Utente. Area Conservazione a norma. Fatturazione Elettronica

Manuale Utente. Area Conservazione a norma. Fatturazione Elettronica TINN s.r.l. TERAMO sede legale e amministrativa Via G. De Vincentiis, snc 64100 TE Tel. 0861 4451 Fax 0861 210085 BARI Via F. Campione, 43 70124 BA Tel. 080 5574465 Fax 080 5508790 Partita Iva 00984390674

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

ALLEGATO 15 Lettura ed identificazione con transponders

ALLEGATO 15 Lettura ed identificazione con transponders RACCOLTA E GESTIONE DEI RIFIUTI E SERVIZI DI IGIENE URBANA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Maggio 2009 ALLEGATO 15 Lettura ed identificazione con transponders Allegato 15 Lettura ed identificazione con transponders

Dettagli

LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI

LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI ISTITUTO TECNICO E LICEO SCIENTIFICO TECNOLOGICO ANGIOY LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI Prof. G. Ciaschetti DATI E INFORMAZIONI Sappiamo che il computer è una macchina stupida, capace di eseguire

Dettagli

Hi-Pro 832 Hotel GUIDA RAPIDA

Hi-Pro 832 Hotel GUIDA RAPIDA Hi-Pro 832 Hotel GUIDA RAPIDA 7IS-80376 29/06/2015 SOMMARIO FUNZIONI ALBERGHIERE... 3 Richiamo funzioni tramite menu... 3 Check-in... 3 Costi... 4 Cabine... 4 Stampe... 5 Sveglia... 6 Credito... 6 Stato

Dettagli

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI Confronto tra ISO-OSI e TCP/IP, con approfondimento di quest ultimo e del livello di trasporto in cui agiscono i SOCKET. TCP/IP

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

R.T.S. Engineering s.n.c. MANUALE D USO. Valido per:

R.T.S. Engineering s.n.c. MANUALE D USO. Valido per: MANUALE D USO Valido per: Stampante fiscale 3I FTP-FAST e per tutti i modelli 3I dotati di protocollo XonXoff, tramite RS-232, USB o Rete Ethernet COMPATIBILE WINDOWS VISTA / 7 / 8 (1): Protocollo XonXoff

Dettagli

SAFETY SERIE SG-BWS APPLICAZIONI. www.automation.datalogic.com

SAFETY SERIE SG-BWS APPLICAZIONI. www.automation.datalogic.com SAFETY centraline di sicurezza SERIE SG-BWS La serie SG-BWS si compone di due modelli: SG-BWS-T4: centralina di sicurezza in contenitore plastico per montaggio su guida DIN/OMEGA dotata di 48 morsetti

Dettagli

DIAGNOSTICA DEI MATERIALI IN SITU ULTRASONIC SYSTEM CMS V.3.1 APPLICAZIONE

DIAGNOSTICA DEI MATERIALI IN SITU ULTRASONIC SYSTEM CMS V.3.1 APPLICAZIONE DIAGNOSTICA DEI MATERIALI IN SITU ULTRASONIC SYSTEM CMS V.3.1 APPLICAZIONE Le indagini ultrasoniche e soniche consentono la determinazione delle caratteristiche elastico-dinamiche dei materiali. In particolare

Dettagli

Dispositivo Modbus. Manuale di installazione e uso. Doc-0074756 Rev.1 (03/15)

Dispositivo Modbus. Manuale di installazione e uso. Doc-0074756 Rev.1 (03/15) Dispositivo Modbus Manuale di installazione e uso Doc-0074756 Rev.1 (03/15) INDICE 1 Generalità... 3 2 Interfaccia Modbus... 3 2.1 Configurazione Modbus... 3 3 Collegamento... 4 3.1 Schema di collegamento...

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

MANUALE D USO SAREMA SF1000

MANUALE D USO SAREMA SF1000 MANUALE D USO SAREMA SF1000 COMPATIBILE WINDOWS VISTA Versione 1.2.0.0 Manuale RTS WPOS1 INDICE INDICE... 2 LEGENDA... 2 PREMESSA... 3 VERSIONI DEL PROGRAMMA... 3 COMPATIBILITA CON WINDOWS VISTA... 3 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Manuale di Prodotto. Mylos KNX Modulo 2 ingressi binari con interruttori a bilanciere 2CSYK1002C/S 2CSYK1003C/S

Manuale di Prodotto. Mylos KNX Modulo 2 ingressi binari con interruttori a bilanciere 2CSYK1002C/S 2CSYK1003C/S Manuale di Prodotto Mylos KNX Modulo 2 ingressi binari con interruttori a bilanciere 2CSYK1002C/S 2CSYK1003C/S Sommario Sommario 1 Caratteristiche tecniche... 4 1.1 Modulo 2 ingressi binario 1 interruttore...

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

ZFIDELITY - ZSE Software & Engineering Pag.1 / 11

ZFIDELITY - ZSE Software & Engineering Pag.1 / 11 ZFIDELITY - ZSE Software & Engineering Pag.1 / 11 Indice Presentazione ZFidelity... 3 Menù Principale... 4 La Gestione delle Card... 5 I tasti funzione... 5 La configurazione... 6 Lettore Con Connessione

Dettagli

Fax Connection Unit Type D Istruzioni per l'uso

Fax Connection Unit Type D Istruzioni per l'uso Fax Connection Unit Type D Istruzioni per l'uso Per un uso corretto e sicuro, leggere le Informazioni sulla sicurezza riportate nel manuale "Leggere prima di iniziare" prima di utilizzare la macchina.

Dettagli

SUITE BY11250. GSM Direct Monitor

SUITE BY11250. GSM Direct Monitor Via Como, 55 21050 Cairate (VA) Pagina 1 di 10 SUITE BY11250 (1.0.0.1) GSM Direct Monitor (1.0.0.1) IMPORTANTE Pagina 2 di 10 Le immagini riportate nel presente manuale fanno riferimento alla versione

Dettagli

Reti di calcolatori ed indirizzi IP

Reti di calcolatori ed indirizzi IP ITIS TASSINARI, 1D Reti di calcolatori ed indirizzi IP Prof. Pasquale De Michele 5 aprile 2014 1 INTRODUZIONE ALLE RETI DI CALCOLATORI Cosa è una rete di calcolatori? Il modo migliore per capire di cosa

Dettagli

Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8

Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8 Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8 Livelli di rete e architettura Client-Server Lez 12 architettura client-server 1 Scorsa lezione: comunicazione Gli utenti chiedono comunicazione

Dettagli

BILANCE ZENITH con Zenith System Ultimo Aggiornamento: 19 dicembre 2007

BILANCE ZENITH con Zenith System Ultimo Aggiornamento: 19 dicembre 2007 BILANCE ZENITH con Zenith System Ultimo Aggiornamento: 19 dicembre 2007 INDICE INSTALLAZIONE DEL PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE...1 CONFIGURAZIONE AREA51...2 IMPOSTAZIONE ANAGRAFICA...2 CONFIGURAZIONE BILANCIA...2

Dettagli

Universal Serial Bus (USB)

Universal Serial Bus (USB) Universal Serial Bus (USB) Standard per la connessione di periferiche al personal computer (proposto verso la metà degli anni 90 da un pool di società tra cui Intel, IBM, Microsoft,..) Obiettivi principali:

Dettagli

Manuale di installazione del software di Controllo Surv-Controller Ver.3.0

Manuale di installazione del software di Controllo Surv-Controller Ver.3.0 Manuale di installazione del software di Controllo Surv-Controller Ver.3.0 1 Indice Indice... 2 Introduzione... 3 Specifiche tecniche... 3 Installazione del software... 4 Collegamenti della porta seriale

Dettagli

IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico

IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico IP e subnetting Ip IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico come nel caso del MAC Address) una

Dettagli

Esercizi su: Ritardi di trasferimento Commutazione Sorgenti di Traffico

Esercizi su: Ritardi di trasferimento Commutazione Sorgenti di Traffico Esercizi su: Ritardi di trasferimento ommutazione Sorgenti di raffico Esercizio 1 Un sistema trasmissivo della velocità di 100 kb/s presenta una lunghezza di 500 km. Si calcoli il tempo che intercorre

Dettagli

SMS-Bulk Gateway interfaccia HTTP

SMS-Bulk Gateway interfaccia HTTP SMS-Bulk Gateway interfaccia HTTP Versione 2.3.1 2001-2014 SmsItaly.Com 1 1 Introduzione 1.1 Sommario Solo gli utenti autorizzati hanno accesso al nostro SMS Gateway e possono trasmettere messaggi SMS

Dettagli

SMARTDIAL VOX COMUNICATORE VOCALE E DIGITALE DI ALLARME I S T R U Z I O N I P E R L I N S T A L L A Z I O N E

SMARTDIAL VOX COMUNICATORE VOCALE E DIGITALE DI ALLARME I S T R U Z I O N I P E R L I N S T A L L A Z I O N E SMARTDIAL VOX COMUNICATORE VOCALE E DIGITALE DI ALLARME ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE SmartDial Vox è un comunicatore di allarme che supporta diversi formati di trasmissione quali Ademco Fast, Ademco

Dettagli

Guida Rapida all installazione iais Ricevitore AIS Wireless & Server NMEA

Guida Rapida all installazione iais Ricevitore AIS Wireless & Server NMEA Guida Rapida all installazione iais Ricevitore AIS Wireless & Server NMEA MANUALE iais VR1.00 1. Introduzione Complimenti per aver effettuato l acquisto del Ricevitore iais. Raccomandiamo che il ricevitore

Dettagli

CGLMS. Sistema di controllo e allarme per edifici. Caccialanza & C., SpA Via Pacinotti 10 I-20090 Segrate / Milano (Italy)

CGLMS. Sistema di controllo e allarme per edifici. Caccialanza & C., SpA Via Pacinotti 10 I-20090 Segrate / Milano (Italy) CGLMS Sistema di controllo e allarme per edifici Caccialanza & C., SpA Via Pacinotti 10 I-20090 Segrate / Milano (Italy) CGLMS-presentazione sh/05.02.2009/16:57 I_CGLMS.doc, 1 CGLMS il sistema Il sistema

Dettagli